L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria"

Transcript

1 L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria

2 ASL DI ALESSANDRIA IL CONTESTO POPOLAZIONE n COMUNI n. 195 FARMACIE DI COMUNITA n. 186 OSPEDALI n. 6 PL n. 954 SOMMINISTRAZIONI n / ANNO RICOVERI n /anno MEDICI n. 612 INFERMIERI n FARMACISTI DIPENDENTI SSN n. 21 DISTRETTI SANITARI n.7 MAGAZZINI FARMACEUTICI n. 5 E inoltre presente AZIENDA OSPEDALIERA NAZIONALE SS. ANTONIO E BIAGIO E CESARE ARRIGO DI ALESSANDRIA

3 MODELLI DI GESTIONE FARMACI IN OSPEDALE Margherita Rinaldi, Massa Carrara, Il Futuro della Logistica, Giugno 2012

4 LA TEMPISTICA Implementazione graduale - Durata complessiva 9 anni FASE 1- AVVIO E VERIFICA RISULTATI 9 mesi (marzo-novembre 2011) Medicina-Neurologia-Cardiologia PO Tortona 65 PL FASE 2- SVILUPPO dal 10 mese alla fine del 3 anno (dicembre marzo 2014) completamento Tortona entro maggio 2012 portare a regime la totalità dei PL PO Acqui e PO Novi ligure (giugno marzo 2013) PO Casale, PO Ovada e PO Valenza (marzo 2014) PL

5 DATI DI ATTIVITA Novembre 2012 Personale attivo: 167 medici - 13 farmacisti infermieri Terapie: più di 9800 Ricoveri con terapia sul SW 396 Posti letto (21 Reparti) Formazione: in aula: 47 edizioni di corso in reparto: 75 settimane di affiancamento in reparto A regime fine 2013 Personale attivo: 2000 operatori tra medici, farmacisti e infermieri Terapie: > Ricoveri annui > 900 Posti letto Formazione: in aula: > 150 edizioni in reparto: 280 settimane di affiancamento

6 LEGGE NOVEMBRE 2012 Art. 11 comma 5 Le Regioni e le Province autonome sono autorizzate a sperimentare, nei limiti delle loro disponibilità di bilancio, sistemi di riconfezionamento, anche personalizzato, e di distribuzione dei medicinali agli assistiti in trattamento presso strutture ospedaliere e residenziali, al fine di eliminare sprechi di prodotti e rischi di errori e di consumi impropri. Le operazioni di sconfezionamento e riconfezionamento dei medicinalisono effettuate nel rispetto delle norme di buona fabbricazione con indicazione del numero di lotto di origine e della data di scadenza. L AIFA, su richiesta della Regione, autorizza l allestimento e la fornitura alle strutture sanitarie che partecipano alla sperimentazione, macroconfezioni di medicinali, in modo da agevolare le operazioni predette.

7 LE COMPONENTI A.O. Ospedali Riuniti Bergamo A.O. San Camillo Forlanini Procedure GMP, utilizzo di identificazione in radiofrequenza nel percorso di singolarizzazione, punti multipli con doppio controllo: confezionamento in bustina certificato dal fornitore A.O. Provincia di Cremona A.O. Provincia di Pavia A.O. Vimercate ASL di Alessandria AUSL Piacenza ASL Valle D'Aosta

8 LE COMPONENTI

9 LE COMPONENTI

10 L ARMADIO AUTOMATIZZATO IN U.P.

11 IDENTIFICAZIONE UTENTE

12 LE FUNZIONI

13 GESTIONE LOGISTICA

14 CARICO

15 STOCCAGGIO Specialità, Principio Attivo, Forma Farmaceutica, Lotto, Scadenza

16 FEFO Procedura dei ritiri: inibizione scarico bustine per lotto

17 PRELIEVO «singolo»

18 PRELIEVO PRESCRIZIONI

19 GESTIONE CASSETTI E CARRELLI PER EV

20 AGGANCIO CARRELLO

21 ASSOCIAZIONE DEI CASSETTI Strumento di agevolazione logistica, non di sicurezza

22 COMPLETAMENTO TERAPIA

23 ELENCO MULTIDOSE A COMPLETAMENTO

24 DATI TECNICI E PRODUTTIVITA Ingombro: 350x100 cm, altezza 205 cm, peso 800 kg Capacità di gestione: 40 PL di medicina, 60 PL chirurgia (2 carichi settimanali, fino a 200 codici gestiti) Gestione di più reparti (fino a limite organizzativo, non tecnologico)

25 «COPERTURA» CON ARMADIO AUTOMATIZZATO Ad oggi 10 armadi servono 15 reparti; 3 reparti hanno monodose manuale; 3 reparti hanno le confezioni (ginecologia/ostetricia- pediatria/nido). Posti letto: 308 con armadio, 41 con monodose manuale (in/out tramite barcode reader), 47 con confezioni. Consumi in quantità: 85% dei consumi è nei reparti dove c è AA Sul totale del progetto: 27 armadi, prevista copertura di circa 750 PL su 950 totali.

26 CONFRONTO CON MONODOSE «TRADIZIONALE» (Terapia allestita centralmente) Vantaggi AA reparto: Disaccoppiamento con Produzione UP Preparazione tempestiva (modifiche terapia, nuovi ricoveri, ) Scorta monodose di reparto gestita automaticamente Tecnologia distribuita con superamento limite PL gestiti centralmente Tecnologia modulare Svantaggi AA reparto: Disponibilità in reparto solo di una porzione del prontuario monodose Tecnologia in più da utilizzare in reparto

27 INDICATORI DI VERIFICA Risultati attesi Riduzione errori di somministrazione Tracciabilità farmaci, operatori, paziente Facilitazione del lavoro infermieristico. Riduzione delle scorte di reparto Riduzione dei consumi Disponibilità flussi regionali, ministeriali e AIFA Disponibilità dei dati per il governo del processo da parte della Farmacia

28 RIDUZIONE DEI CONSUMI Giugno Settembre 2010 Giugno Settembre 2011 Quantità Importo Quantità Importo Differenza Quantità Differenza Importo Cardiologia , ,44 2% -30% Medicina , ,81-13% -28% Neurologia , ,84-5% -34% Med c/o Neuro , ,55-75% -76% TOTALE , ,64-15% -36% Il risultato ottenuto sui consumi è stato rapportato all attività e l analisi sul numero e peso medio dei DRG ha evidenziato una riduzione della spesa farmaci per singolo DRG pari al 31%. Predominante fattore logistico. Breve intervallo temporale. Risultato probabilmente sovrastimato, anche per effetto della particolare attenzione in fase di avvio.

29 AGGIORNAMENTO DATI Maggio 2012: l insieme di tutti i reparti dell Ospedale di Tortona coinvolti nel progetto (172 PL) conferma riduzione a quantità, su base annua, del 15%. Focus sui tre reparti pilota, questa volta considerando una base temporale di 12 mesi:

30 CONSOLIDAMENTO DATI

31 RIDUZIONE SCORTE DI REPARTO GIUGNO OTTOBRE Pezzi Codici Pezzi Codici Diff. Pezzi Diff. Codici MEDICINA ,8% 4,4% NEUROLOGIA ,3% 29,8% CARDIOLOGIA ,7% 29,5% Totale ,8% (M e P) La riduzione delle scorte realizzata è quasi il 21% dei pezzi e riguarda tutti i farmaci (monodose e multidose), la riduzione della sola monodose supererebbe il 50%.

32 I COSTI IN RAPPORTO AI BENEFICI COSTI BENEFICI Produzione Unità Posologica, Automazione Presidi, Informatica, Assistenza e Manutenzione Abbattimento errore Ottimizz. lavoro infermieristico Ottimizz. logistica (scaduti,urgenze ) Riduzione stock, riduzione consumi

33 IL RUOLO DELL ARMADIO AUTOMATICO MONODOSE DI REPARTO Gestore di parte del magazzino di reparto Preparazione automatica terapia monodose Popolazione = Prontuario di Reparto e programmazione e standardizzazione Facilitatore adozione software Co-agente nel raggiungimento dei benefici complessivi del sistema

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE La metodica di distribuzione di farmaci in dose unitaria

Dettagli

Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo

Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo La distribuzione territoriale nell assistenza farmaceutica prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo 1 La filiera farmaceutica: gli attori Industria

Dettagli

Progetto per l informatizzazione e l automazione della gestione dei farmaci in reparto.

Progetto per l informatizzazione e l automazione della gestione dei farmaci in reparto. ULSS n. 5 Ovest Vicentino Progetto per l informatizzazione e l automazione della gestione dei farmaci in reparto. (Progetto segnalato dal Forum PA Sanità 2005) Problematiche cliniche Errori umani in: Prescrizione

Dettagli

AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale

AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale Cesena, 22 Marzo 2013 Dott. Alessandro Pacelli Presidente Commissione Sanità Assologistica Partner Opta AUTOMAZIONI

Dettagli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli

Relatore: Ing. Luca Scaramelli Convegno A.R.E. Rimini 2009 L acquisto e la gestione del farmaco Governare il post-gara: magazzini farmaceutici interaziendali e problematiche relative alla gestione logistica efficiente del contratto

Dettagli

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria.

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Stefano Villa Responsabile Area Gestione delle Operations e Logistica CERGAS (Centro di Ricerche Sulla Gestione dell Assistenza

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione

Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione Identificazione automatica nella logistica sanitaria: leva di miglioramento organizzativo e riduzione dei rischi derivanti da errata somministrazione Milano, 23 Febbraio 2012 Dott. Alessandro Pacelli Partner

Dettagli

Il farmacista ospedaliero:

Il farmacista ospedaliero: Il farmacista ospedaliero: il coordinatore dell intero processo logistico, dal fornitore al letto del paziente Marina Tommasi Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona 1 Le attività della Farmacia

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

SUB-OBIETTIVO 1.3: REALIZZAZIONE CONTABILITA ANALITICA (CO.AN.)

SUB-OBIETTIVO 1.3: REALIZZAZIONE CONTABILITA ANALITICA (CO.AN.) SUB-OBIETTIVO 1.3: REALIZZAZIONE CONTABILITA ANALITICA (CO.AN.) INDICATORE VALORE OBIETTIVO Relazione annuale e completezza della Contabilità Analitica al 30/11/2013; valutazione finale al 31.12.2013 Implementazione

Dettagli

I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio. Isabella Giusepi

I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio. Isabella Giusepi I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio Isabella Giusepi Obiettivo Comprendere l impatto di un innovazione del sistema logistico sull organizzazione Indagare

Dettagli

La razionalizzazione dei flussi logistici in A.V.E.N.

La razionalizzazione dei flussi logistici in A.V.E.N. La razionalizzazione dei flussi logistici in COME CAMBIA LA SANITA' ITALIANA Proposte per una logistica della salute. Processi di outsourcing ed innovazioni tecnologiche Roma, 5 dicembre 2006 Sala delle

Dettagli

IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO

IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO IL SISTEMA DELLA GESTIONE INFORMATICA DELLA LOGISTICA DEL FARMACO Logistica del Farmaco Riconoscimento Paziente Piano Terapeutico Individuale Integrazione con Cartella Clinica Informatica Somministrazione

Dettagli

Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio

Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio Distribuzione dei farmaci in dose unitaria: quale ruolo del farmacista territoriale per migliorare l'assistenza sanitaria Franchin Giulia Servizio Farmaceutico Territoriale Az. ULSS 9 (TV) Padova, 27/09/2013

Dettagli

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto

Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto Innovazione e performance nella gestione della Supply Chain in sanità: esempi nazionali ed internazionali a confronto di Paola Boscolo * Isabella Giusepi*, Marta Marsilio** e Stefano Villa*** * Ricercatrice,

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

LA DOSE UNITARIA ASL ALESSANDRIA

LA DOSE UNITARIA ASL ALESSANDRIA LA DOSE UNITARIA ASL ALESSANDRIA Marialuisa D Orsi Referente di progetto PROCESSO DELLA LOGISTICA FARMACEUTICA, PROSPETTIVE E SFIDE PER IL FARMACISTA SSN Torino 13 e 14 Marzo 2014 Agenda 1- Inquadramento

Dettagli

SMACK un sistema a salvaguardia del paziente

SMACK un sistema a salvaguardia del paziente SMACK un sistema a salvaguardia del paziente Roma, 17/05/2012 Riccardo Ceccarelli Direttore Generale Organizzativo del GVM A.D. GVM Ideando Bruno Biagi Vice-presidente del GVM A.D. Maria Cecilia Hospital

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@ OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione FarmaSafe@ Esperienza degli Ospedali Riuniti di Bergamo sulla farmacoterapia informatizzata Forum PA Roma,

Dettagli

Lo sviluppo inizia qui: assistenza, ricerca, didattica nelle professioni sanitarie. Reggio Emilia 11 e 12-12-2008 1

Lo sviluppo inizia qui: assistenza, ricerca, didattica nelle professioni sanitarie. Reggio Emilia 11 e 12-12-2008 1 Azienda Ospedaliera S.Maria Nuova di Reggio Emilia Azienda Ospedaliera S.Maria Nuova di Reggio Emilia Azienda USL di Reggio Emilia Azienda USL di Reggio Emilia Reggio Emilia 11 e 12-12-2008 1 à Reggio

Dettagli

Sicurezza e farmaci: la nostra esperienza nell impiego

Sicurezza e farmaci: la nostra esperienza nell impiego Sicurezza e farmaci: la nostra esperienza nell impiego degli armadi farmaceutici AUGUSTO TRICERRI Dirigente Medico UOC Medicina d'urgenza e Pronto Soccorso Direttore Prof. L. Zulli A.C.O. S. Filippo Neri

Dettagli

Telefarmacia :Sistemi, Applicazioni e Soluzioni per l'ospedale e l'area Vasta

Telefarmacia :Sistemi, Applicazioni e Soluzioni per l'ospedale e l'area Vasta XXXVI CONGRESSO NAZIONALE SIFO APPLICAZIONI DELLA TELEMEDICINA E DELLA TELEFARMACIA PER L INTEGRAZIONE DELLE CURE: IL COINVOLGIMENTO DEL FARMACISTA IN RETE. Telefarmacia :Sistemi, Applicazioni e Soluzioni

Dettagli

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie

Il Direttore della Direzione Regionale Programmazione Sanitaria -Risorse Umane e Sanitarie Oggetto: Aggiornamento della determinazione 1875 del Modalità di erogazione dei farmaci classificati in regime di rimborsabilità in fascia H e in regime di fornitura OSP2, così come modificata dalla determinazione

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Governo del Farmaco E eme m nt n i or o ga g ni n zzativi e t ecno n l o og o i g e: E pe p rienz n e a con o f n ron o t n o

Governo del Farmaco E eme m nt n i or o ga g ni n zzativi e t ecno n l o og o i g e: E pe p rienz n e a con o f n ron o t n o Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Tavola Rotonda 1 Sessione: Produttori Zanardo Logistica Srl Spid SpA Utilizzatori Azienda Socio Sanitaria Locale n.

Dettagli

Case Studies e processi di miglioramento della logistica in ambito sanitario

Case Studies e processi di miglioramento della logistica in ambito sanitario 1 Case Studies e processi di miglioramento della logistica in ambito sanitario Nicola Ghittoni Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica Bologna, 10 giungo 2011 Indice La Fondazione ITL Riorganizzazione

Dettagli

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000

Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Procedura operativa PROCEDURE DISTRIBUZIONE OSPEDALIERA DEI FARMACI DISCIPLINATI DAL DECRETO 22 DICEMBRE 2000 Scopo Assicurare la corretta gestione e distribuzione di farmaci disciplinati dal D.L. 22 dicembre

Dettagli

Presentazione. Ricerche. Facts and figures. The Educational Organization. Carlo Rafele - Aosta, 10 maggio 2006 1. The Faculties

Presentazione. Ricerche. Facts and figures. The Educational Organization. Carlo Rafele - Aosta, 10 maggio 2006 1. The Faculties Presentazione La gestione e la tracciabilità dei Farmaci e dei dispositivi medici in un ambito ospedaliero Carlo Rafele Dipartimento di Sistemi di Produzione ed Economia dell Azienda Politecnico di Torino

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA

HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA 2 TransCar GENERATION 3 SWISSLOG È AZIENDA LEADER NELLA FORNITURA DI SOLUZIONI INNOVATIVE E INTEGRATE PER LA LOGISTICA OSPEDALIERA

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO

CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO CURRICULUM VITÆ DI CARLA REPETTO INFORMAZIONI PERSONALI Nome Carla Repetto Data di nascita 23 luglio 1957 Qualifica CPSE Amministrazione ASL AL Incarico attuale Responsabile SITRO Formazione Numero telefonico

Dettagli

Gli attori. Paziente Struttura sanitaria Distribuzione intermedia Industria farmaceutica

Gli attori. Paziente Struttura sanitaria Distribuzione intermedia Industria farmaceutica Prescrizione informatizzata e somministrazione La tracciabilità della terapia per la sicurezzasicura del della terapia farmacologica al letto del paziente paziente e l'ottimizzazione della logistica di

Dettagli

Tracciabilità strumentario e teleria chirurgica in sala operatoria e nelle centrali di sterilizzazione. Riccione, 13 ottobre 2012

Tracciabilità strumentario e teleria chirurgica in sala operatoria e nelle centrali di sterilizzazione. Riccione, 13 ottobre 2012 Tracciabilità strumentario e teleria chirurgica in sala operatoria e nelle centrali di sterilizzazione Riccione, 13 ottobre 2012 1 INTRODUZIONE La tracciabilità e rintracciabilità dello strumentario chirurgico

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Decreto Ministeriale: Disposizioni in materia di medicinali per terapie avanzate preparati su base non ripetitiva IL MINISTRO Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219,

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. Le innovazioni nella logistica in sanità EXECUTIVE SUMMARY

SDA Bocconi School of Management. Le innovazioni nella logistica in sanità EXECUTIVE SUMMARY SDA Bocconi School of Management Le innovazioni nella logistica in sanità EXECUTIVE SUMMARY 1 Trend nel settore sanitario: innovazione nella logistica Crescente attenzione nei SSR a soluzioni istituzionali

Dettagli

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo *

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo * ALLEGATO A UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI REQUISITI ASSISTENZIALI DELLA RETE FORMATIVA DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA Ente: ASL Como Struttura

Dettagli

Castellanza, 28 novembre 2014

Castellanza, 28 novembre 2014 prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica LIUC Università Cattaneo 1 La filiera farmaceutica: gli attori Industria Farmaceutica Concessionario Depositario Trasportatore e operatore

Dettagli

L attività Logistica afferente alla Farmacia Ospedaliera: il modello dell AOU Città della Salute e della Scienza di Torino

L attività Logistica afferente alla Farmacia Ospedaliera: il modello dell AOU Città della Salute e della Scienza di Torino Corso base: il processo della Logistica Farmaceutica,prospettive e sfide per il Farmacista SSN Torino,13-14 marzo 2014 L attività Logistica afferente alla Farmacia Ospedaliera: il modello dell AOU Città

Dettagli

La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti

La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti Milano 14 novembre 2012 L EFFICIENZA DELLA SUPPLY CHAIN SANITARIA La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti Gianemilio Giuliani SERVIZIO DI FARMACIA L evoluzione dei processi logistici

Dettagli

PROGETTI DI SEMPLIFICAZIONE ED INNOVAZIONE IN SANITA TERRITORIO EMPOLESE VALDELSA 2008-2010

PROGETTI DI SEMPLIFICAZIONE ED INNOVAZIONE IN SANITA TERRITORIO EMPOLESE VALDELSA 2008-2010 Innovazione Tecnologica e Semplificazione 29 Marzo 2009 Ing. Giada Mennuti PROGETTI DI SEMPLIFICAZIONE ED INNOVAZIONE IN SANITA TERRITORIO EMPOLESE VALDELSA 2008-2010 RCT Referti e Certificati Telematici

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona Dr.Moretti Vincenzo Progetto Ministeriale

Dettagli

Nota illustrativa dell articolo

Nota illustrativa dell articolo Art.2 1. Con regolamento adottato dal Ministro della salute ai sensi dell articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400 sono stabilite, nel rispetto della normativa dell Unione europea, disposizioni

Dettagli

QUESTIONARIO: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES DI LOGISTICA FARMACEUTICA PER I SERVIZI DI FARMACEUTICA OSPEDALIERA E TERRITORIALE.

QUESTIONARIO: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES DI LOGISTICA FARMACEUTICA PER I SERVIZI DI FARMACEUTICA OSPEDALIERA E TERRITORIALE. QUESTIONARIO: VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCES DI LOGISTICA FARMACEUTICA PER I SERVIZI DI FARMACEUTICA OSPEDALIERA E TERRITORIALE. Informazioni Generali me e Cognome E-mail Telefono Qualifica (Farmacista

Dettagli

Curriculum Professionale. Dirigente Farmacista Azienda Ospedaliera di Cosenza Responsabile Unità Operativa Semplice

Curriculum Professionale. Dirigente Farmacista Azienda Ospedaliera di Cosenza Responsabile Unità Operativa Semplice Dr. Rossana Ritacca Curriculum Professionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSSANA RITACCA Data di nascita 20.06.1960 Indirizzo Via Cagliari 9 Montalto Uffugo scalo 87040 Qualifica Amministrazione Incarico

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE QUINTA SOLUZIONI PER LA GESTIONE OPERATIVA DEI GAS MEDICINALI IL RUOLO DEL FARMACISTA

Dettagli

Art. 100 istituzione e natura giuridica

Art. 100 istituzione e natura giuridica Art. 100 istituzione e natura giuridica 1. Per l esercizio delle funzioni tecniche, amministrative e di supporto delle aziende sanitarie sono istituiti gli Enti per i servizi tecnico-amministrativi di

Dettagli

USO SICURO DEI FARMACI NEL TERRITORIO

USO SICURO DEI FARMACI NEL TERRITORIO Al servizio di gente unica USO SICURO DEI FARMACI NEL TERRITORIO GRUPPO DI LAVORO REGIONALE SULLA SICUREZZA DELLA GESTIONE DEL FARMACO NELLE STRUTTURE TERRITORIALI UDINE 9 ottobre 2014 Premesse metodologiche

Dettagli

2 Forum Risk Management - Special Focus "Filiera tecnologica del Farmaco Arezzo, 30 Novembre 2007

2 Forum Risk Management - Special Focus Filiera tecnologica del Farmaco Arezzo, 30 Novembre 2007 Arezzo, 30 Novembre 2007 1 Realizzazione 1927-1930 Tipologia: a padiglioni Posti letto: 897 Abitanti Provincia di Bergamo: 940.000 Attività 2006 Ricoveri Ordinari: 37.921 Ricoveri in Day Hospital: 17.934

Dettagli

Assistenza protesica e integrativa

Assistenza protesica e integrativa Assistenza protesica e integrativa Il servizio di assistenza protesica della AUSL di Bologna: contesto, aspettative, esperienze, prospettive Bologna, 21 settembre 2012 Oratorio Santa Maria della Vita Roberta

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2311 del 09 dicembre 2014 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 2311 del 09 dicembre 2014 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2311 del 09 dicembre 2014 pag. 1/7 Linee Guida della Regione Veneto per il corretto svolgimento delle attività di restituzione, donazione e recupero

Dettagli

Dematerializzazione delle Ricette e Tracciabilità del Farmaco

Dematerializzazione delle Ricette e Tracciabilità del Farmaco Dematerializzazione delle Ricette e Tracciabilità del Farmaco Autenticazione e tracciabilità dei Farmaci Il contesto di riferimento La Direttiva 2001/83/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, art.

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI Elaborato con il contributo di: - U.O. Prof. Assistenza - Coordinatrice U.O. Rianimazione Giardi Silvana - Coordinatrice UFSM Sforzi Chiara -

Dettagli

L'azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP)

L'azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) La logistica del farmaco tra efficienza e sicurezza per i pazienti L'azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezionamento (ICP) di Milano ha attuato una riorganizzazione delle attività delle farmacie,

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

U.O. FARMACIA LFA.P 13

U.O. FARMACIA LFA.P 13 . Pag. 1 / 5 Viene definito File F il tracciato record per la gestione, attivazione e rendicontazione dei farmaci somministrati e forniti dalle strutture ospedaliere, per l utilizzo ambulatoriale e domiciliare,

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA ALL.1 PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA Questo protocollo nasce dall esigenza di rivedere ed uniformare sul territorio dell intera Regione

Dettagli

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS

Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Focus su epatite C e terapie di nuova generazione Place in Therapy: documento ARS Genova, 9 aprile 2014 Dott.ssa M.S. Rivetti Normativa Determinazioni AIFA 26.11.2012 (G.U. n. 287 del 10.12.2012) Regime

Dettagli

Progetto Tessera Sanitaria

Progetto Tessera Sanitaria Articolo 50 del D.L. 30 settembre 2003 n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 e successive modificazioni DM 2 Novembre 2011 Dematerializzazione della ricetta medica

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Sistema Edotto. Area Applicativa Assistenza Farmaceutica

Sistema Edotto. Area Applicativa Assistenza Farmaceutica Sistema Edotto Area Applicativa Assistenza Farmaceutica Istruzioni operative relative agli obblighi informativi (D.M. 31/7/2007, D.M. 4/2/2009, somministrazione di farmaci, mobilità sanitaria). Versione

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326. giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Modalità operative per le attività di informazione scientifica sul farmaco. Art. 48 commi 21, 22, 23, 24 la L. 24.11.2003 n. 326. PUBBLICITÀ PRESSO I MEDICI,

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris

Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità. A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris Gestione informatizzata dei dispositivi medici dei pazienti domiciliarizzati. Processi e criticità A cura di Ing. Tommaso Sabbatini Massimo Ferraris DISPOSITIVO MEDICO qualunque strumento, apparecchio,

Dettagli

Regione Umbria. Consiglio Regionale RELAZIONE

Regione Umbria. Consiglio Regionale RELAZIONE 3DOD]]R&HVDURQL 3LD]]D,WDOLD3(58*,$ KWWSZZZFRQVLJOLRUHJLRQHXPEULDLW HPDLODWWL#FUXPEULDLW $7721 02=,21( GHL&RQVLJOLHUL1(9,02'(1$0211,/,*1$1,0$5&+(6$1,0$1729$1, 526,'(6,2H9$/(17,12 ³277,0,==$=,21('(//$/2*,67,&$)$50$&(87,&$263('$/,(5$

Dettagli

La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. ottimizzazione dei processi

La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. ottimizzazione dei processi La logistica del Farmaco nelle strutture ospedaliere. La tracciabilità come garanzia di sicurezza e ottimizzazione dei processi Costi Standard e misurazione delle performance nei processi di approvvigionamento.

Dettagli

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO

QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO Azienda Ospedaliera Santa Croce e Carle Cuneo QUALE ORGANIZZAZIONE IN UN BLOCCO OPERATORIO COORDINATORE INFERMIERISTICO SIG.RA VIGLIONE FRANCA Settembre 2009 Inaugurazione del nuovo Blocco Operatorio ubicato

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Dott.ssa SONIA CARLA RICCIU Indirizzo 128 INT 23, Via Piacenza, I-16138, Genova Telefono +39 3396068166 Fax

Dettagli

Il rivoluzionario sistema per la gestione della distribuzione dei farmaci nelle strutture socio-sanitarie

Il rivoluzionario sistema per la gestione della distribuzione dei farmaci nelle strutture socio-sanitarie Il rivoluzionario sistema per la gestione della distribuzione dei farmaci nelle strutture socio-sanitarie Nelle strutture socio-sanitarie organizzate in gruppi di pazienti, reparti o nuclei, le terapie

Dettagli

Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico

Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico Sicurezza delle cure: ICT per la prevenzione dell errore clinico La cartella clinica informatizzata mobile, direttamente al letto del paziente PA Forum 24 maggio 2007 Romeo Quartiero Romeo.quartiero@dsgroup.it

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 28 DEL 26 GIUGNO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 6 giugno 2006 - Deliberazione N. 737 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria - Regolamentazione farmaci di fascia H: modalita di prescrizione

Dettagli

La Rete Nazionale Trapianti

La Rete Nazionale Trapianti La Rete Nazionale Trapianti Dott.ssa Anna Guermani LEGGE n 91 del 1 aprile 1999 Disposizioni in materia di prelievi e di trapianti di organi e di tessuti DGR n. 39-9947 del 14.7.2003 Individuazione della

Dettagli

ULTERIORI QUESITI ALL 1.8.2011

ULTERIORI QUESITI ALL 1.8.2011 ULTERIORI QUESITI ALL 1.8.2011 QUESITO N. 1 Si chiedono precisazioni in ordine alla formulazione dell offerta economica, poichè, peraltro, richiesto uno sconto su listino e non indicato prezzo a base d

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI

PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI PIANO ATTUATIVO DELLA CERTIFICABILITÀ: PROCEDURE DI COMPETENZA DELLA S.S. SISTEMI INFORMATIVI ED INFORMATICI Obiettivo A3) Disporre di sistemi informativi che consentano la gestione ottimale dei dati contabili

Dettagli

Condizioni e limitazioni per la prescrivibilità dei farmaci a carico del SSN

Condizioni e limitazioni per la prescrivibilità dei farmaci a carico del SSN REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE 1. Ricettari S.S.N. Condizioni e limitazioni per la prescrivibilità dei farmaci a carico del SSN ALLEGATO A bis 1.1. Ogni Medico prescrittore del SSN, convenzionato o dipendente

Dettagli

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl

Wireless. Logistics. Aton Group Logistica. Orange mobility srl Wireless Logistics Aton Group Logistica Automatizzare il magazzino Perché? Per ottimizzare Ottimizzare le scorte, gli spazi, i percorsi di prelievo Per garantire il proprio cliente Per aumentare l efficienza

Dettagli

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale

Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Gestione informatizzata della distribuzione e della tracciabilità dei prodotti sterilizzati Un sistema semplice ed efficace Per la tracciabilità dei dispositivi medici sterilizzati in ospedale Il programma

Dettagli

Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani

Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani La gestione dei Dispositivi Medici deve: garantire le necessità degli utilizzatori; assicurare la continuità nella fornitura del materiale secondo la programmazione

Dettagli

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. N. 1210 IN 04/10/2013 VISTI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA la legge 24 dicembre 1993 n. 537 concernente

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

PRINCIPI ATTIVI SOGGETTI A NOTA AIFA PRESCRIVIBILI CON PIANO TERAPEUTICO

PRINCIPI ATTIVI SOGGETTI A NOTA AIFA PRESCRIVIBILI CON PIANO TERAPEUTICO NOTA 65 PRINCIPI ATTIVI SOGGETTI A NOTA AIFA PRESCRIVIBILI CON PIANO TERAPEUTICO Principi attivi Glatiramer (L03AX13) Interferone Beta 1A (L03AB07) Interferone Beta 1B (L03AB08) Peginterferone beta-1a

Dettagli

I VANTAGGI SUPERFICIE EFFICIENZA SICUREZZA

I VANTAGGI SUPERFICIE EFFICIENZA SICUREZZA I VANTAGGI SUPERFICIE Recupero fino all 80% degli spazi occupati dalle strutture tradizionali: maggiore disponibilità di spazi per i reparti produttivi; ottimizzazione della distribuzione spaziale dei

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

logistica per la moda Ricondizionamento capi abbigliamento Gestione e-commerce e carico prodotti Picking in radiofrequenza il nostro outlet

logistica per la moda Ricondizionamento capi abbigliamento Gestione e-commerce e carico prodotti Picking in radiofrequenza il nostro outlet logistica per la moda Ricondizionamento capi abbigliamento Gestione carico ordini,fatturazione,ritiro pagamenti via Quintiliano 33 20138 Milano TELEFONO / FAX tel 02/55400811 fax 0250611151 EMAIL info@ldtlogistica.com

Dettagli

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno.

nominativo del responsabile scientifico da cui dipende l ISF; attività svolta sulla base di un rapporto di lavoro univoco e a tempo pieno. Allegato alla Delib.G.R. n. 37/34 DEL 30.7.2009 Indirizzi e direttive sull attività di informazione medico - scientifica sul farmaco ai sensi dell art. 48 commi 21, 22, 23, 24 della L. 24.11.2003 n. 326.

Dettagli

Il Processo logistico dei beni sanitari: centralizzazione ed efficacia. Realtà Aziendali: il magazzino dell ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna

Il Processo logistico dei beni sanitari: centralizzazione ed efficacia. Realtà Aziendali: il magazzino dell ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna Il Processo logistico dei beni sanitari: centralizzazione ed efficacia Realtà Aziendali: il magazzino dell ospedale S.Orsola - Malpighi di Bologna Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara 25 febbraio

Dettagli

Anti-frammischiamento nel settore Farmaceutico

Anti-frammischiamento nel settore Farmaceutico Anti-frammischiamento nel settore Farmaceutico Premessa L industria ha la necessità di identificare e rintracciare i prodotti finiti ed i propri componenti. Questa esigenza è in continua crescita ed è

Dettagli

Metodi e tecnologie per la gestione dei materiali nel Reparto

Metodi e tecnologie per la gestione dei materiali nel Reparto Corso base: il processo della logistica farmaceutica, prospettive e sfide per il farmacista SSN Torino, 14 marzo 2014 Metodi e tecnologie per la gestione dei materiali nel Reparto Carlo Rafele Anna Corinna

Dettagli

Aggiornamenti Wingesfar Versione 2009.06c 28 agosto 2009

Aggiornamenti Wingesfar Versione 2009.06c 28 agosto 2009 Aggiornamenti Wingesfar Versione 2009.06c 28 agosto 2009 Siamo lieti di comunicarle le novità introdotte dalla versione di Wingesfar 2009.06c. 1. Comunicazione riassuntiva medicinali stupefacenti prescritti

Dettagli

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Azienda

Dettagli