DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE"

Transcript

1 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE Anno LI Fasc Aldo Frignani - Paolo Virano LE CLASS ACTIONS NEL DIRITTO STATUNITENSE: TENTATIVI (NON SEMPRE RIUSCITI) DI TRAPIANTO IN ALTRI ORDINAMENTI Estratto Milano Giuffrè Editore

2 Le class actions nel diritto statunitense: tentativi (non sempre riusciti) di trapianto in altri ordinamenti * di ALDO FRIGNANI ** e PAOLO VIRANO *** Sommario 1. Introduzione. 2. Qualche cenno storico. 3. Le class actions negli Stati Uniti I requisiti per la proposizione della class action e le tre tipologie di azione Il paragrafo (a). Requisiti minimi Il paragrafo (b). La qualificazione della domanda La procedura Certification order Notice Conducting the action Judgment Settlement, voluntary dismissal, or compromise L esecuzione della class action vittoriosa Contingency fee: la chiave del successo (numerico) delle class actions Le Securities class actions I punitive damages. 4. Le class actions nel Regno Unito. 5. Le representative e i group proceedings in Australia (cenni). 6. Le «azioni collettive» in Germania. 7. L «action de groupe»infrancia. 8. La situazione in altri paesi europei. 9. Le azioni collettive di origine comunitaria. I suggerimenti della Commissione europea. 10. Conclusioni. 1. Introduzione. Se è vero che l Italia vuole far propria una nuova tipologia di azione, ad oggi denominata azione collettiva risarcitoria (1), o come (*) Si tratta della relazione introduttiva svolta al XV convegno nazionale di studi organizzato dall Associazione Albese Studi di Diritto Commerciale sul tema «Responsabilita` delle imprese e interessi collettivi: in margine alle class actions» tenutosi ad Alba il 29 novembre Si ringrazia l Associazione per il consenso dato alla pubblicazione di questa relazione che apparirà negli Atti del convegno. (**) Ordinario di diritto privato dell Unione europea all Universita` di Torino. (***) Avvocato, Studio Legale Frignani e Associati. (1) Diciamo se è vero perché le norme introdotte sull azione collettiva risarcitoria 5 Diritto ed economia dell assicurazione

3 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE impropriamente i media l anno denominata, una class action, sarà il caso che il legislatore tenga in debito conto cio` che succede nei paesi che da piu` o meno tempo hanno già introdotto questo tipo di rimedio. L affermazione potra` sembrare una banalità, ma la comparazione in questo caso si rende inevitabile perché questo tipo di azioni non solo non hanno mai trovato applicazione nel diritto processuale interno, ma sembra ad alcuni che la nostra Carta fondamentale ne sconsigli l introduzione (2). Dunque il legislatore, nella ri-formulazione della norma, non potrà semplicemente modificare o adattare un istituto giuridico già noto o applicato in altre esperienze giuridiche, né trasformare per analogia una forma (anche di prassi) esistente, ma dovrà inventarsi un qualche cosa che non trova traccia nella millenaria storia del nostro diritto. Ecco perché riteniamo che la comparazione e lo studio dei modelli (anche molto diversi) degli altri paesi sia ancor piu` importante che in altri casi. Tanto piu` se si considera la delicatezza della materia trattata il cui scopo dovrebbe essere quello di agevolare le azioni di una classe (i consumatori) che, per definizione, e` la parte «debole» del processo e che necessita di aiuti procedurali per poter far valere le proprie ragioni in giudizio. Se la norma dovesse (ri)nascere zoppa, mai come in questo caso, si otterrebbe un effetto esattamente contrario all obiettivo che si vuole perseguire e che è condiviso da tutti. Prima di incominciare pero` è bene chiarire sin da ora che un conto sono le azioni collettive, altro le azioni di classe (3). Ed e` pro- nell ultima finanziaria (L. 244/2007), ed in particolare con l art. 2, commi dal 445 al 449, che a loro volta hanno introdotto un nuovo articolo, il 140-bis, alcodicedelconsumo, sono state il frutto (amaro) di un banale errore di voto al Senato. Dunque, se di un errore si e` trattato, la volontà sino ad oggi e` mancata, tanto che e` toccato all attuale Governo porvi rimedio (art. 36 del d.l. n. 112 del 25 giugno 2008), prorogando sino al 1 o gennaio 2009 il termine dell entrata in vigore originariamente prevista per il 30 giugno Ma il freddo natalizio ha portato ad un nuovo congelamento della normativa fino al 30 giugno (2) Cfr. P. Rescigno, Sulla compatibilita` tra il modello processuale della «class action» ed i principi fondamentali dell ordinamento giuridico italiano, in Giur. it., 2000, pag. 2228; Lener, L introduzione della class action nell ordinamento italiano del mercato finanziario, ingiur. comm., 2005, I, pag (3) Il rimando, quasi obbligato, e` achiarloni, Per la chiarezza di idee in tema di tutele collettive dei consumatori, inriv. dir. proc., 2007, pag. 568 e ss. o in che cosı` definisce le due tipologie di azioni. «Per azioni di classe intendo quelle che vengono instaurate da un singolo individuo nell interesse anche di una pluralita` di soggetti (la classe) che si trovano in una comune situazione giuridica bisognosa di tutela giurisdizionale. Un azione sottoposta ad un vaglio preventivo di ammissibilita`, opportuno, anzi direi necessario perche in caso di ammissione il risultato finale vincola, a certe condizioni, tutti gli appartenenti alla classe. Tanto se si tratti di un provvedimento, sia di accoglimento sia di rigetto, quanto se si tratti una conciliazione. Tanto se si tratti 6

4 SAGGI prio sulla base di questa distinzione che il «nuovo» (4) legislatore dovrebbe innanzitutto chiedersi se ha intenzione di introdurre nel nostro ordinamento una azione collettiva risarcitoria, come ha fatto il legislatore che ha approvato l art. 140-bis, oppure se intende compiere un «passo piu` lungo» investendo il singolo danneggiato della possibilita` di portare avanti un azione a tutela dei diritti di un intera classe. Solo in questo caso si puo` parlare di class action, termine ripreso (non del tutto propriamente nel caso dell art. 140-bis) dall esperienza americana che e` stata portata a conoscenza del grande pubblico da alcuni film che ne ingigantivano gli effetti positivi, uno su tutti, quello in cui Julia Roberts veste i panni di Erin Brockovich. In questo senso cercheremo, pur con i limiti che il presente elaborato ci impone, di offrire un quadro di insieme di cio` che accade in alcuni paesi che prima del nostro hanno gia` adottato un sistema di «azione collettiva» o di «class action». 2. Qualche cenno storico. Prima di approdare sulle coste del nuovo continente le class actions fecero le loro prime comparse in Inghilterra nella forma di «representative suits» (5). Furono infatti le corti di equity (Chan- di una sentenza di puro accertamento quanto se si tratti di una sentenza di condanna (che puo` anche portare alla creazione di un fondo in denaro destinato alla soddisfazione, sotto controllo di un amministratore, di crediti riconosciuti ai singoli membri della classe). Per azioni collettive intendo quelle che vengono instaurate da associazioni nate e affermatesi come centri di imputazione di interessi che fanno capo ad una collettivita` di individui sovente piu` ampia rispetto agli associati e non legati tra loro da alcun rapporto giuridico. L azione, di cui questi c.d. enti esponenziali sono titolari esclusivi, tende ad ottenere la tutela giurisdizionale degli interessi comuni attraverso provvedimenti che accertino l illegittimita` di comportamenti dell impresa convenuta pregiudizievoli a quegli interessi ed eventualmente ne ordinino la cessazione. In ordine all efficacia del giudicato la tendenza culturale e della progettazione legislativa va verso il riconoscimento dell efficacia secundum eventum: a favore, ma non contro i singoli appartenenti alla collettivita` che intendano agire in giudizio per la tutela delle loro posizioni individuali». (4) Il rinvio dell entrata in vigore è stato predisposto per consentire una modifica che si prospetta di non poco conto. A quanto ci risulta sono stati depositati quattro progetti di riforma: due alla Camera (atto C. 410, presentato dall On. Manlio Contento (PdL) in data 24 aprile 2008; atto C. 1824, presentato dall On. Pierluigi Mantini (PD) in data 23 ottobre 2008) e due al Senato (atto S. 454, presentato dal Sen. Stefano Pedica (IdV) in data 9 maggio 2008 e atto S. 131, presentato dalla Sen. Donatella Poretti (PD) e altri, in data 24 aprile 2008, tutti reperibili all indirizzo: (5) Per un quadro piu` ampio sulle origini delle class actions: Giussani, Studi sulle 7

5 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE cery Court) che, anche al fine di ovviare alle difficolta` che si riscontravano nelle corti di common law di portare avanti processi con una pluralità di parti (dato che secondo la regola del Necessary Parties Rule tutti i soggetti potenzialmente coinvolti dovevano necessariamente essere parti del processo), apportarono importanti aperture sul tema del litisconsorzio necessario respingendo con una certa frequenza le eccezioni di improcedibilità della domanda ove non fossero state citate tutte le parti interessate. Le Chancery Court considerarono infatti del tutto irrilevante, al fine di valutare la regolarita` del contraddittorio, che alcune parti, che pur avrebbero potuto prender parte al processo, non fossero (attivamente) presenti nel caso in cui fossero comunque adeguatamente rappresentate dai soggetti che partecipavano al processo. Ove la «rappresentazione» fosse stata giudicata valida e sufficiente gli effetti della decisione, positivi o negativi, si estendevano anche agli assenti (6). Le representative suits vennero utilizzate (7) sino alla riforma dell ordinamento giudiziario che stabilı` l unificazione delle giurisdizioni di common law ediequity. L unificazione comporto` il venir meno della «concorrenza» delle corti e conseguentemente anche dell interesse alle representative suits, anche perche tali azioni, non potendo essere esercitate per far valere pretese risarcitorie (8), persero di importanza. class actions, Padova, Si rimanda anche a Yeazell, Group Litigation and Social Context: Toward A History of the Class Action, incolum. L. Rev., 1977, pag. 866, e, dello stesso Autore, la monografia From Medieval group litigation to the modern class action, NewHaven, Connetticut, 1987, nonche Marcin, Searching for the Origin of the Class Action, incatholic U.L. Rev., 1974, pag (6) Giussani, op. cit., ricorda come le prime azioni fossero state utilizzate dai creditori di tasse sulla produzione per convenire in giudizio, tra i contadini appartenenti ad una medesima comunita`, solo quelli con maggiori disponibilita` economiche. Il giudicato si sarebbe esteso anche ai soggetti appartenenti alla medesima comunita` (classe) pur se assenti, concedendo poi ai soggetti che anticipavano il pagamento del debito di rivalersi sugli assenti. (7) Si possono annoverare tre principali tipologie di decisioni: quelle relative ai bills of peace, alle joint-stock companies, edinfineaicreditor bills, legatee bills e vessel s cases (ci sia consentito il rimando a Giussani, op cit., pagg ). Tra queste sottolineiamo l importanza che, proprio nel periodo dello sviluppo dell economia capitalistica e del settore industriale, ebbero le azioni esercitate nelle liti riguardanti le società commerciali prive di personalità giuridica. Le representive suits trovarono largo consenso proprio perche permettevano di evitare di incorrere nell eccezioni di improcedibilita` della domanda per non aver citato in giudizio tutti i soci di una joint-stock company. (8) Cfr. Markt & Co. Ltd v. Knight Streamship Co. Ltd, 2KB 1021, 1910, caso in cui l Alta Corte di Giustizia inglese dichiarava l improcedibilità delle domande aventi natura 8

6 SAGGI Dall Inghilterra l utilizzo delle representative suits si propago` negli Stati Uniti ove seguı` un percorso del tutto autonomo che porto` gradualmente alle azioni oggi note come class actions. Sembra che sia stato il giudice federale Joseph Story ad interessarsi per primo della materia proprio per studiare un rimedio alle eccezioni presentate sulla Necessary Parties Rule (9). Story riteneva che da una parte era pur vero che tutti i soggetti che avevano un interesse nella causa avrebbero dovuto partecipare al giudizio, ma anche che il giudizio non poteva essere impedito o continuamente ritardato nel caso in cui vi fosse l impossibilita` di chiamare in causa tutti i soggetti potenzialmente interessati o quando il loro numero era troppo elevato. Lo studio influenzo` (10) il riconoscimento delle representative suits ad opera della Equity Rule 48 del 1842 e la decisione della Supreme Court del 1853, Smith v. Swormsted, che affermo` l ammissibilita` di una class action come legittima eccezione della Necessary Parties Rule, dichiarando che gli effetti della sentenza si sarebbero estesi anche agli assenti, purche adeguatamente rappresentati. La citata decisione del 1853 si discosta (ed e` questo l elemento importante e che contraddistinse anche le successive sentenze) perché la Corte, ammettendo che gli effetti si potessero estendere anche agli assenti, si discosto` dalla Equity Rule 48 che non consentiva questo. Solo sessant anni piu` tardi, nel 1912, con la nuova Rule 38, si ricondusse sullo stesso piano giurisprudenza e legge ammettendo definitivamente il vincolo delle decisioni anche per gli assenti. Si arriva al 1937 con la riforma che unifica le procedure delle cause at law e quella per le azioni in equity con l elaborazione da parte della Supreme Court delle Federal Rule of Civil Procedure all interno delle quali si prevedeva la «originaria» Rule 23, conosciuta anche come Moore Rule (11), che creava una nuova classificazione della class action, pur mantenendo sostanzialmente inalte- risarcitoria esercitate in forma rappresentativa tenendo conto che queste sarebbero state sprovviste del requisito della contitolarità della situazione soggettiva azionata. (9) Lo studio e` contenuto nei Commentaries on Equity Pleadings, Boston, (10) Cosı` scrive Fava, L importabilita` delle class actions in Italia, incontratto e Impresa, 2004, pag (11) DalnomediJamesMoorechestudio` una nuova ripartizione, o meglio, tripartizione delle class actions: letrue class actions (joint rights), lehybrid (in rem) elespurius (questioni di fatto o di diritto). In questo modo si poteva mitigare l effetto estensivo delle decisioni sugli assenti rendendolo completo solo per la prima tipologia di azioni, mentre per le altre due, gli effetti si propagavano solo nel caso in cui fossero positivi. 9

7 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE rata la parte sull estensione dell efficacia di giudicato delle decisioni anche verso gli assenti. È di qualche anno piu` tardi il noto precedente, tutt oggi considerato un leading case della materia, Hansberry v. Lee (12), nel quale la Supreme Court ribadì che gli effetti della sentenza si estendono anche agli assenti e tale soluzione poggia, ancora una volta, sull eccezione che la Necessary Parties Rule puo` essere superata. La Rule 23 è stata poi ancora modificata nel 1966 per intervento del Congresso ed è proprio in questo momento che si abbandona il sistema dell opt-in (13) per estendere a tutti sia gli effetti positivi che quelli negativi del giudicato, prevedendo per talune ipotesi il sistema dell opt-out. A grandi linee le origine storiche dell istituto sono quelle che abbiamo tracciato e che si limitano a questi soli due paesi, dato che gli altri che hanno introdotto forme di class actions si sono ispirati a loro, seppure con varianti ed adattamenti imposti dalle tradizioni culturali di ciascun ordinamento, che in materia processuale sono molto radicati. Abbiamo visto che cio` che ha favorito la diffusione delle representative suits è stata la scelta dei giudici di favorire l efficienza dei processi, prediligendo gli aspetti pratici e concreti rispetto a regole quali la Necessary Parties Rule. Nel nostro ordinamento, legato a doppio nodo alla legge, specie a quella costituzionale, ed in particolare all art. 24 che come è noto prevede che «tutti possono agire in giudizio per la tutela dei propri diritti e interessi legittimi» e soprattutto che «la difesa e` diritto inviolabile in ogni stato e grado (12) 311 U.S. Supreme Court, 25 ottobre 1940, «It is a principle of general application in Anglo-American jurisprudence that one is not bound by a judgment in personam in a litigation in which he is not designated as a party or to which he has not been made a party by service of process. A judgment rendered in such circumstances is not entitled to the full faith and credit which the Constitution and statute of the United States, prescribe, and judicial action enforcing it against the person or property of the absent party is not that due process which the Fifth and Fourteenth Amendments requires. To these general rules there is a recognized exception that, to an extent not precisely defined by judicial opinion, the judgment in a class or representative suit, to which some members of the class are parties, may bind members of the class or those represented who were not made parties to it». (13) Opt-in e opt-out identificano le due diverse modalita` per l individuazione dei soggetti coinvolti nell azione: nel primo caso (opt-in) gli effetti (positivi o negativi) dell azione si estenderanno solo verso coloro che hanno espressamente deciso di aderire all azione di classe, nel secondo caso (opt-out), tutti coloro che fanno parte di una medesima classe (che dovrà pertanto essere ben delimitata dal giudice) subiranno o beneficeranno degli effetti dell azione salvo che non abbiano espressamente e preventivamente manifestato la volontà di «uscire» dalla procedura. 10

8 SAGGI del procedimento», cio` non poteva succedere e la stessa cultura giuridica, formatasi anch essa sullo studio e sull esegesi della legge, non ha sicuramente avuto la possibilita` di esprimersi come abbiamo visto fece J. Story. Lo testimonia il fatto che la stragrande maggioranza dei commentatori dell art. 140-bis cod. consumo ha saputo trovare piu` che altro critiche negative alla norma introdotta, ma non ha colto le possibilita` che invece, in un modo o nell altro, un giurista che sappia guardare all orizzonte, potrebbe trarre. 3. Le class actions negli Stati Uniti. La norma che disciplina l istituto delle class actions negli USA è la Federal Rule of Civil Procedure 23 (Rule 23), cosı` come da ultimo novellata nel 1998 e nel 2003, oltre alla piu` recente promulgazione del Class Action Fairness Act del 18 febbraio Queste norme definiscono le condizioni per la proposizione dell azione, le modalita` di conduzione del giudizio e le forme e gli effetti della decisione, stabilendo che uno o piu` membri di una classe possono citare o essere convenuti in giudizio come soggetti rappresentativi di tutti gli altri solo nel caso in cui sussistano determinati requisiti I requisiti per la proposizione della class action e le tre tipologie di azione. Il paragrafo (a) della Rule 23 elenca i quattro requisiti minimi (Prerequisites to Class Action) che non possono mai mancare affinché l azione possa essere promossa, mentre il paragrafo (b) detta le condizioni addizionali per consentire che l azione possa essere portata avanti (maintained). I primi devono essere cumulativamente soddisfatti unitamente ad uno solo dei secondi Il paragrafo (a). Requisiti minimi. In primo luogo si precisa che l azione puo` essere esercitata, come piu` spesso accade nella pratica, da un rappresentante dell intera classe (lead plantiff class action), oppure nei confronti di quest ultimo (defendant class action). Premesso questo, si delineano i 11

9 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE requisiti minimi per la proposizione dell azione, i primi due concernono piu` strettamente la classe, gli altri due il loro rappresentante: (a1) numerosity: la classe deve essere tanto numerosa da rendere impossibile la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti al processo (14); (a2) commonality: i soggetti che compongono la classe devono essere titolari di situazioni di fatto o di diritto comuni a tutta la classe (question of law or fact common to the class). In altri termini, la soluzione della questione giuridica di ciascuno deve scaturire dalla medesima situazione di fatto o di diritto (15); (a3) typicality: il rappresentante della classe deve presentare domande (o eccezioni) che siano omogenee per tutta la classe, la pretesa deve essere la stessa che potrebbe far valere un altro membro della classe. Questo è anche il motivo per il quale, nel caso questo non sia possibile, si possono creare all interno della classe delle «sotto classi»; (a4) adequacy of representation: al giudice spetta il compito di valutare se il rappresentante e il suo avvocato (class counsel) siano effettivamente in grado, per capacita` (tecnica ed economica) e anche correttezza (non devono esserci conflitti di interesse) di patrocinare gli interessi dell intera classe (16) Il paragrafo (b). La qualificazione della domanda. Dopo aver verificato che sussistano tutti e quattro i requisiti di cui al paragrafo (a), si dovrà procedere con la verifica della presenza di almeno uno dei requisiti di cui al paragrafo (b). Cio` permette anche di determinare la qualificazione dell azione in una delle (14) Il numero di soggetti varia di caso in caso, cosı` come piu` elevato dovrà essere, chiaramente, nel caso di azione presentata a livello federale rispetto a quelle di livello statale. Non vi e` dunque un numero minimo prefissato (come vedremo accade in Francia: piu` di due), ma spettera` al giudice valutare che il requisito della numerosity sia soddisfatto. (15) In realtà sembra che questo requisito venga valutato con poca attenzione dalle Corti che così non lo ritengono di particolare importanza. (16) Questo e` un elemento molto importante che si giustifica nell esigenza di dare garanzie affinche i membri della classe, anche se assenti, possano essere adeguatamente rappresentati sia nel momento della proposizione dell azione sia durante le varie fasi del processo. Proprio su questo punto si è escluso che il representative possa essere un soggetto estraneo alla classe, cosı` come, pertanto, non possa essere un associazione che ne tutela gli interessi (cfr. General Telefon v. Falcon, 457 U.S. 146, 156 (1982). Il pensiero corre subito alla nostra legge sull azione collettiva risarcitoria che, invece, individua proprio nelle associazioni dei consumatori i soggetti che dovrebbero esercitare l azione. 12

10 SAGGI tre categorie di class actions che possono essere «certificate». In sintesi: (b) (1): la prima categoria attiene alle ipotesi di litisconsorzio necessario, ipotesi per la quale si ammette di agire in via rappresentativa. Cio` avviene: (b) (1) (A): nel caso in cui le azioni dei singoli componenti della classe potrebbero dar luogo a decisioni contraddittorie e/o comportamenti non omogenei delle controparti; (b) (1) (B): si ammette l esercizio della class action anche nel caso in cui, sempre in ipotesi di litisconsorzio necessario, le azioni individuali potrebbero compromettere l esito delle azioni degli altri appartenenti alla classe (17). (b) (2) injunctive class action: casi nei quali viene richiesto un injunctive oundeclaratory relief. Sono provvedimenti di natura inibitoria, spesso utilizzati per ovviare a discriminazioni in materia di lavoro subordinato. (b) (3) damages class action: in questa ipotesi vengono certificate le azioni nelle quali il giudice accerta che le questioni di fatto o di diritto comuni ai membri della classe prevalgano su quelle dei singoli ed allo stesso tempo che la class action sia lo strumento processuale migliore (superior) di tutti gli altri possibili per garantire una corretta ed efficiente tutela dei soggetti coinvolti La procedura Certification order. Promossa l azione, il tribunale dovra` decidere, una volta raccolte sufficienti informazioni che possano permettere di valutare in modo completo la sussistenza dei requisiti sopra delineati, se ammettere o meno la prosecuzione del giudizio sotto la forma di class action (18). Il provvedimento di certification (19) deve definire cor- (17) L esempio classico e` quello delle azioni di più soggetti contro un debitore che sia insolvente: si evita cosı` che i primi ad agire trovino ristoro a scapito degli altri creditori. (18) Questo il testo della norma dopo le modifiche introdotte con gli emendamenti del dicembre 2007: (C) (1) (A) Time to Issue. At an early practicable time after a person sues or is sued as a class representative, the court must determine by order whether to certify the action as a class action. (19) Nella nostra azione collettiva risarcitoria e` stato previsto un giudizio preliminare di ammissibilita` al comma 3 dell art. 140-bis cod. consumo che pero`, come ricorda 13

11 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE rettamente la classe, individuando con precisione gli elementi distintivi dei suoi membri, le domande avanzate e nominare il «class counsel» (20). Una volta che la corte abbia deciso la certification questa potra` pur sempre essere revocata (decertification) oppure modificata sino al giorno in cui la causa non verrà decisa (21). La Rule 23 si premura di stabilire che la corte puo` anche autorizzare una class action solo per alcune delle questioni presentate revocando le altre che non ritiene ammissibili (22), cosı` come, nel caso in cui vi siano all interno della classe degli interessi diversi o addirittura in possibile conflitto, puo` separare la classe e dividerla in «sottoclassi» (23) Notice. Se la domanda viene accolta e viene concessa la certification, il giudice ha il potere di disporre che la notizia della pendenza del giudizio in forma di class action venga notificata a tutti i class members. La comunicazione, che dovra` essere ordinata nella forma piu` appropriata, dalla pubblicazione sui quotidiani alla notifica, ove possibile e non eccessivamente gravosa, anche ad ogni singolo soggetto, è obbligatoria solo nel caso di damage class actions (b) (3). Essa deve illustrare: la natura dell azione, la definizione della classe, le domande e le argomentazioni difensive, la possibilita` per il destinatario di comparire in giudizio e farsi rappresentare, la possibilita`, i tempi e le modalita` dell esercizio dell opt-out (ove previsto (24)) e la comunicazione che la sentenza farà stato nei con- Chiarloni (Il nuovo art. 140-bis del codice del consumo: azione di classe o azione collettiva?, intervento al XXIII Convegno di Studi «Adolfo Beria di Argentine», Courmayeur novembre 2008) «ha qualche analogia con la certicatione... con ambito assai piu` ristretto». (20) (C) (1) (B) Defining the Class; Appointing Class Counsel. An order that certifies a class action must define the class and the class claims, issues, or defenses, and must appoint class counsel under Rule 23(g). (21) (C) (1) (C) Altering or Amending the Order. An order that grants or denies class certification may be altered or amended before final judgment. (22) (C) (4) Particular Issues. When appropriate, an action may be brought or maintained as a class action with respect to particular issues. Atitolodiesempio,sipuo` considerare il caso in cui venga esercitata una azione da prodotti difettosi. Il giudice potrebbe ammettere la class action solo per cio` che riguarda l accertamento dei difetti dei prodotti e lasciare che i singoli esercitino proprie azioni per ottenere il risarcimento dei danni patiti. (23) (C) (5) Subclasses. When appropriate, a class may be divided into subclasses that are each treated as a class under this rule. (24) L opt-out, che come abbiamo già accennato rappresenta la volontà di distaccarsi dal procedimento collettivo, in modo tale che il soggetto che lo esercita non verrà coin- 14

12 fronti di tutti coloro che non hanno deciso, esercitando l opt-out, di «uscire» dalla causa (25) Conducting the action. SAGGI Il giudice, rilasciata la certificazione dell azione e adempiuto, ove previsto, alla notice, ha il pieno controllo della procedura. In tal senso gli vengono attribuiti ampi poteri (26) che attua con prov- volto dalla sentenza, sia essa ad effetti positivi o negativi, non e` concesso per le tipologie di azione rubricate ai paragrafi (b) (1) e (b) (2), ma solo per le damages class actions (anche se in realtà le corti tendono a concedere l opt-out anche nei casi in cui non sia del tutto predominante una tipologia di azione rispetto ad un altra: cfr. Arnold v. United Artist Theatre Circuit Inc., 158 F.R.D. 439, 450). Il sistema dell opt-out e` stato introdotto con la riforma del 1966 sostituendo il precedente e contrario sistema dell opt-in (entra nella classe solo chi vi aderisce espressamente). Quest ultimo sistema e` quello che è stato scelto per la nostra azione collettiva risarcitoria, scelta che riteniamo sia stata obbligata proprio per evitare contrasti con l art. 24 della Costituzione. (25) Il paragrafo (c) (2) della Rule 23 recita: (2) Notice. (A) For (b) (1) or (b) (2) Classes. For any class certified under Rule 23 (b) (1) or (b) (2), the court may direct appropriate notice to the class. (B) For (b) (3) Classes. For any class certified under Rule 23 (b) (3), the court must direct to class members the best notice that is practicable under the circumstances, including individual notice to all members who can be identified through reasonable effort. The notice must clearly and concisely state in plain, easily understood language: (i) the nature of the action; (ii) the definition of the class certified; (iii) the class claims, issues, or defenses; (iv) that a class member may enter an appearance through an attorney if the member so desires; (v) that the court will exclude from the class any member who requests exclusion; (vi) the time and manner for requesting exclusion; and (vii) the binding effect of a class judgment on members under Rule 23 (c) (3). (26) (d) Conducting the Action. (1) In General. In conducting an action under this rule, the court may issue orders that: (A) determine the course of proceedings or prescribe measures to prevent undue repetition or complication in presenting evidence or argument; (B) require to protect class members and fairly conduct the action giving appropriate notice to some or all class members of: (i) any step in the action; (ii) the proposed extent of the judgment; or (iii) the members opportunity to signify whether they consider the representation fair and adequate, to intervene and present claims or defenses, or to otherwise come into the action; (C) impose conditions on the representative parties or on intervenors; (D) require that the pleadings be amended to eliminate allegations about representation of absent persons and that the action proceed accordingly; or (E) deal with similar procedural matters. 15

13 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE vedimenti con i quali puo` imporre le proprie condizioni affinché la procedura non incorra in ritardi o mancanze, oltre che, ovviamente, decidere su ogni ed eventuale questione procedurale che si presenti nel corso della causa. Puo`, ad esempio, imporre condizioni al rappresentate della classe, eliminare domande o allegazioni che riguardino persone che non appartengono alla classe, impartire prescrizioni su richieste (anche probatorie) che possano complicare l esito della procedura Judgment. Spirato il termine ultimo per esercitare il diritto di esclusione dalla procedura (opt-out), il giudice dovra` emettere il provvedimento che, per quanto concerne le azioni di tipo (b) (1) e (b) (2) dovra` descrivere la classe allo scopo di identificarne gli appartenenti, mentre nelle damage class action, dovra` anche indicare i soggetti ai quali è stata diretta la notice e quelli tra essi che non hanno richiesto l esclusione dalla procedura (27). Questi provvedimenti acquistano efficacia di giudicato nei confronti di tutti i soggetti appartenenti alla classe, salvo appunto coloro i quali hanno invece optato per esserne esclusi Settlement, voluntary dismissal, or compromise. Nella stragrande maggioranza dei casi (28) le class actions terminano con un accordo tra le parti e non con un provvedimento giudiziale. La Rule 23, in particolare dopo le riforme apportate nel 2003 e nel 2005 (che tengono conto dell orientamento delle corti che hanno cercato di restringere i piu` ampi poteri di transazione previsti dalle norme del 1966), prevede che le transazioni debbano 2) Combining and Amending Orders. An order under Rule 23 (d) (1) may be altered or amended from time to time and may be combined with an order under Rule 16. (27) 3) Judgment. Whether or not favorable to the class, the judgment in a class action must: (A) for any class certified under Rule 23 (b) (1) or (b) (2), include and describe those whom the court finds to be class members; and (B) for any class certified under Rule 23 (b) (3), include and specify or describe those to whom the Rule 23 (c) (2) notice was directed, who have not requested exclusion, and whom the court finds to be class members. (28) Cfr. Rubenstein, A Transacional Model of Adjudication, 89Georgia L.J, 371, 419 (2001). 16

14 SAGGI sempre essere approvate dalla corte (che non puo` direttamente modificare il testo dell accordo, ma puo` «suggerire» alle parti come farlo (29)), la quale dovra` altresı` disporre la notice della decisione, con gli strumenti che reputa piu` idonei, a tutti i soggetti membri della classe. Le parti, al fine di permettere che la corte possa approvare la transazione, cosa che e` possibile solo se la reputa fair, reasonable e adequate (30), dovranno fornire al giudice tutti gli elementi ed i contenuti dell accordo, comprendendo anche eventuali accordi paralleli che potrebbero influenzare la decisione. Va da sé che la corte possa pretendere la produzione di documenti o richiedere chiarimenti ed approfondimenti sulla proposta transattiva che deve valutare. Solo nell ipotesi di damage class actions è prevista la facolta` della corte di non approvare quelle transazioni che non concedano la possibilità ai membri della classe che non esercitarono l opt-out di farlo ora (31), dato che si ritiene che solo leggendo la bozza di accordo transattivo possano emergere nuove informazioni sugli elementi che caratterizzano l azione e che in precedenza, al momento della certification, non erano note. In questo modo si offre la possibilita` ai membri della classe di uscire dall azione in modo da evitare eventuali effetti negativi (32). La particolare attenzione alla adeguatezza della decisione e` chiaramente una tutela che viene concessa ai membri della classe visto il pericolo che nella definizione dell accordo si pongano in es- (29) Cfr. Romstad v. Apple Computer, Inc., 948 F Supp. 701, 707. (30) (e) (2) If the proposal would bind class members, the court may approve it only after a hearing and on finding that it is fair, reasonable, and adequate. (31) (e) (4) If the class action was previously certified under Rule 23 (b) (3), the court may refuse to approve a settlement unless it affords a new opportunity to request exclusion to individual class members who had an earlier opportunity to request exclusion but did not do so. (32) Si tenga conto che accade di frequente che gli accordi transattivi prevedano, a vantaggio dei convenuti, una clausola che subordina l efficacia dell accordo transattivo al fatto che solo un numero limitato di soggetti abbia esercitato, o possa ancora esercitare, l opt-out. Il vantaggio della transazione e` infatti valutabile dalle controparti che devono risarcire i soggetti lesi solo nel caso in cui adempiendo agli obblighi imposti dalla transazione si elimini quasi del tutto il rischio di nuove azioni. Anche questo e` uno spunto per una valutazione della nostra normativa che, prevedendo l opt-in, non incentiva i soggetti coinvolti nelle future azioni risarcitorie ad addivenire a transazioni che non potranno definire tutte le posizioni di quei soggetti che non hanno deciso di «entrare» nel giudizio, attendendone l esito per goderne, se del caso, dei soli effetti positivi. 17

15 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE sere, tra il rappresentante della classe e la controparte (ed i loro avvocati), dei comportamenti collusivi (33) L esecuzione della class action vittoriosa. Si è visto che la pronuncia di una class action, favorevole o contraria a chi la propone, fara` stato nei confronti dei soggetti che la corte ha considerato essere membri della classe nei casi di cui ai paragrafi (b) (1) e (b) (2), mentre nel caso di damages class action, nei confronti dei membri della classe ai quali la notice era indirizzata e che non hanno esercito il diritto di uscita. Se l esito dell azione è favorevole, nelle azioni di cui ai paragrafi (b) (1) e (b) (2) ogni singolo membro puo` porre in esecuzione coattiva la decisione, mentre nel secondo caso (damages) si potranno avere tre distinte situazioni. i) Ove la somma sia sufficiente per risarcire tutti i membri della classe ogni singolo soggetto potrà reclamare ed ottenere il pagamento di quanto gli spetta. ii) Selasommae` invece inferiore all ammontare totale delle richieste, si procedera` ad un pagamento parziale e proporzionale. iii) Se superiore, nel senso che una volta pagate tutte le richieste dei class member residua ancora una somma da ripartire (magari per via del fatto che alcuni non hanno reclamato la loro quota), l accordo transattivo (o la sentenza) puo` prevedere la costituzione di un trust fund che ha come scopo quello di favorire indirettamente i membri della classe (ad esempio, istituendo borse studio per i figli dei lavori che avevano ottenuto un risarcimento per cause di lavoro) o da devolvere ad enti senza scopo di lucro Contingency fee: la chiave del successo (numerico) delle class actions. Negli Stati Uniti il compenso professionale degli avvocati e` rimesso alla contrattazione delle parti (34), pur nel rispetto delle (33) Ne rappresentano un esempio le proposte che, con la collusione delle parti coinvolte, prevedano un ristoro dei danni mediante la consegna di coupons di sconto o merce in sostituzione, mentre gli avvocati vengono pagati in denaro; il comportamento del convenuto che va alla ricerca dell avvocato dell attore che gli garantisce il minor esborso per il risarcimento del danno (reverse-auction); l accordo raggiunto che imponga agli attori condizioni troppo gravose (e quindi non convenienti) per il recupero del risarcimento concesso. (34) E` un po cio` che accede da noi dopo il decreto Bersani. Si rimanda a Can- 18

16 SAGGI norme deontologiche dettate dalle Model Rules of Professional Conduct dell American Bar Association (ABA) e seguendo il principio generale secondo il quale le remunerazione deve essere determinata in misura «reasonable». La Rule 1.5 elenca invece una serie di elementi che da soli o separatamente possono determinare l ammontare della remunerazione dell attivita` degli avvocati. Questi sono: il tempo dedicato dall avvocato alla pratica, la difficolta`, il valore, l esperienza dell avvocato ed il risultato ottenuto. In tal modo si individuano diverse tipologie di compenso: tariffa flat, hourly fee, contingengy fee, performance fee. Nelle damages class actions gli onorari degli avvocati vengono direttamente collegati con l esito della causa ed in particolare con il riconoscimento di una percentuale sull ammontare del risarcimento del danno che l avvocato, con la propria attivita`, riesce ad ottenere per il proprio cliente (contingengy fee). Queste percentuali possono variare dal 30-35%, se si arriva ad una conciliazione stragiudiziale, sino al 50% nel caso di una decisione positiva in grado di appello. Sono anche previste delle diminuzioni con l aumentare dell importo recuperato a titolo di risarcimento (35). Nulla e` invece dovuto se l azione non ha un esito favorevole (sempre per l attore, ovviamente). Con questi numeri non e` difficile comprendere perche il successo delle class actions americane e` stato determinato dalle iniziative degli avvocati che, di fatto, sostituiscono il ruolo del class representative (36) andando a scovare di loro iniziativa le possibile azioni da proporre. Dopodiché saranno gli stessi studi legali che finanzieranno i costi per la conduzione della vertenza sino alla fase conciliativa (37) trasformando la professione legale (almeno come giano, Il patto di quota lite negli ordinamenti italiano e statunitense. Brevi riflessioni su potenzialita` competitive e limiti della riforma introdotta dalla legge 248/2006 (di conversione del c.d. decreto Bersani), inmercato, concorrenza, regole, 2007, pag e ss. (35) Cosı` P. Lucantoni, [Class action] Un ruolo «trainante» per gli studi legali?, in Analisi giuridica dell economia, 2008, pag. 97. (36) Per un approfondimento, anche economico, di questi temi, oltre alla dottrina italiana, si veda J.R. Macey eg.p.miller, The plaintiff s attorney role in class action and derivative litigation: economic analysis and recommendations for reform, inuniversity of Chicago Law Review, 58, 1991, pag. 1 e ss. (37) Rimandiamo a Consolo, Classactionsfuori dagli Usa? (un indagine preliminare sul versante della tutela dei diritti di massa: funzione sostanziale e struttura processuale minima), inriv. dir. civ., 1993, I, pag. 653; e a Bronsteen-Fiss, The Class Action Rule, in NotreDameLawRev., 2004, pag

17 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE la intendiamo noi italiani) in una attivita` con carattere imprenditoriale (38). Se per un verso l incentivo rappresentato dai profitti degli studi legali ha comportato una vera e propria esplosione del numero di class actions in America, dall altra parte è sotto gli occhi di tutti che cio` ha generato non solo un abuso di questa procedura, ma anche un proliferare di comportamenti collusivi tra gli avvocati e le controparti (39). Inoltre, gli studi legali, perseguendo gli obiettivi con un ottica imprenditoriale, pongono in secondo piano gli interessi dei singoli membri della classe valutando le opportunita` e le offerte conciliative anche sotto l aspetto della loro convenienza economica a chiudere immediatamente una lite tenendo conto delle risorse (umane e finanziarie) che lo studio legale dovrebbe impiegare per giungere alla sentenza o analizzando la convenienza a chiudere una singola azione al piu` presto (e cosı` prima della discovery) per liberare risorse per altre azioni, magari ancor piu` proficue, che lo studio potrebbe promuovere (40). In questo quadro che delinea interessi contrastanti tra gli studi legali e i class members si inserisce la riforma del 2003 (e sulla stessa scia anche quella del 2005) che e` stata introdotta proprio con l obiettivo di arginare l utilizzo distorto e spregiudicato delle class actions. Abbiamo gia` visto che questa riforma ha imposto l approvazione da parte della corte degli accordi transattivi (v ), ma la riforma ha anche aggiunto due paragrafi, (g) e (h), alla Rule 23 determinando le modalità per la nomina del (o dei) class counsel e stabilendo le direttive per calcolare il compenso di quest ultimo (41). Il Class Action Fairness Act del 2005, sulle orme dello SLUSA (42), ha inoltre modificato il criterio di ripartizione della competenza tra le Corti statali e quelle federali (43), attribuendo (38) Si veda anche J.C. Coffee, The regulation of entrepreneurial litigation: balancing fairness and efficiency in the large class action, inuniversity of Chicago Law Review., 58, 1989, pag (39) Sull argomento Klement, Who guards the guardians? A new approach for monitoring class action lawyers, inreview of litigation, 2002, 21, pag. 25 e ss. (40) Cfr. Kritzer, Seven dogged myths concerning contingency fees, inwashington University Law Quarterly, 2002, 80, pag. 739 e ss. (41) Per un esame piu` approfondito si rimanda a P.F. Giuggioli, Class action e azione di gruppo, Cedam, Padova. 2006, pagg (42) V. infra. (43) L. Paura, Diritti soggettivi e formazioni sociali. Le azioni collettive risarcitorie 20

18 SAGGI a queste ultime una piu` ampia competenza sui casi di rilevanza nazionale al fine di arginare il crescente fenomeno del c.d. forum shopping che si verifica quando, sfruttando la regola secondo la quale l azione puo` essere presentata dinanzi alla Corte statale ove il danno si è verificato, l attore (quindi il suo class counsel) scelga quella Corte che gli potrà garantire un risarcimento di importo piu` elevato. La riforma, per evitare questo problema, ha attribuito alle Corti federali la competenza in materia di class actions ove il valore dell azione superi i cinque milioni di dollari e quando almeno uno dei class member sia cittadino di uno Stato diverso da quello del convenuto. Il sistema americano ha pertanto utilizzato, in un primo momento, un meccanismo di azione piu` libero e aperto che ha consentito un largo utilizzo della class action sulla spinta dell iniziativa «economica» delle grandi o piccole law firm. Come vedremo meglio nel paragrafo seguente, l inversione di tendenza e` iniziata gia` nel 1995 con il PSLRA e poi con gli atti del 2003 e del Le Securities class actions (44). Alcuni recenti avvenimenti a livello sia internazionale che domestico hanno riportato di grande attualita` il tema delle class actions anche nel diritto societario (45). tra sussidiarieta` e solidarieta`, incontratto e impresa, 2008, pag. 1021, ricorda che «datempo il Congresso e l intero sistema politico nordamericano avevano espresso la volonta` di federalizzare le class actions per neutralizzare le pratiche abusive dovute all esercizio del c.d. forum shopping, implicante nella maggior parte dei casi la scelta di Corti c.d. friendly forum». (44) Riprendo qui alcune pagine del mio intervento al XXIII Convegno di Studi «Adolfo Beria di Argentine», Courmayeur novembre (45) Basti pensare al caso Vivendi (http://www.vivendisecsettlement.com) del 22 marzo 2007 (241 F.R.D. 213 (S.D.N.Y 2007), ove sono stati esclusi dalla «classe» gli azionisti tedeschi ed austriaci, mentre sono stati ammessi quelli francesi, inglesi e olandesi, sul presupposto che i giudici interni non avrebbero comunque riconosciuto l efficacia del provvedimento (e quindi sarebbe stato inutile ammetterli a far parte della «classe»). Per non parlare del caso Parmalat (https://www.parmalatsettlement.com) dell agosto scorso, dove il giudice Lewis Kaplan ha ammesso al maxi risarcimento soltanto gli azionisti americani della (vecchia) Parmalat escludendo dalla class action gli azionisti ed obbligazionisti stranieri. Cio` ha dato luogo a violenti polemiche (cfr. Wilson J., Class Action Trends: Foreign Law Impact on Class Actions, inlexisnexis Export Commentaries, aprile 2008) ed anche a ricorsi da parte delle nostre associazioni dei consumatori che, da notizie che non siamo riusciti a verificare, avrebbero ottenuto dal tribunale newyorkese una riapertura dei termini per proporre opposizione contro la decisione che discrimina i soggetti stranieri (oltre ad 21

19 DIRITTO ED ECONOMIA DELL ASSICURAZIONE Molteplici sono gli stakeholders di una società che possono desiderare di agire contro la stessa per un comportamento di questa che li ha danneggiati come categoria (ad es. i consumatori nel private enforcement contro le violazioni antitrust) (46). Una delle possibili azioni puo` essere quella avanzata dai possessori di azioni od obbligazioni (securities holders) della societa`. Le loro azioni di classe sono regolate dalla Sez. 78 u-4 del Securities Exchange Act del 1934 intitolato «Private Securities Litigation» (47) Le esperienze degli Stati Uniti a questo proposito, come abbiamo gia` visto sopra, mostrano che negli ultimi decenni gli interventi del legislatore sono volti piu` che ad allargare l ambito di applicazione delle class actions, ad evitarne gli abusi o le esagerazioni. Molte sono infatti le critiche che l uso delle class actions (o le sue degenerazioni) si era tirate addosso. Gambaro (48) sottolinea l ampia discrezionalita` di cui gode il giudice americano in tema di class actions, mentre quello italiano e` abituato a binari rigidi, come pure «il fatto che l avvocato USA che patrocina ed organizza una class action non lo fa come paladino dei consumatori ma in contemplazione del suo interesse» (49). Nel campo societario, per ovviare a questi problemi, vi e` stata l emanazione, nel 1995, del «Private Securities Litigation Reform Act» (PSLRA) e del successivo «Securities Litigation Uniform Standards Act» (SLUSA) del 1998, che hanno profondamente innovato il 78u-4 del Securities Exchange Act del Il tipo piu` comune di Securities Class Action è dato dalla accusa che la societa` nelle sue comunicazioni rivolte al pubblico abbia fatto dichiarazioni consapevolmente false o ingannevoli che hanno causato un effetto negativo sul prezzo dei titoli di tali societa`. una nuova traduzione in italiano di tutti i documenti della procedura). La notizia e` presa su (46) Sia consentito un rinvio al mio Diritto della concorrenza. L insufficienza dei modelli sanzionatori classici e obiettivi dei nuovi modelli. Public and Private Enforcement, in Dir. comm. int., 2008, pag. 111 e ss. (47) (15 U.S.C. 78u-4) (48) Presentazione al libro di P.F. Giuggioli, dicuiallanota39,pag.xi. (49) Prova di cio` in P.F. Giuggioli, cit., pagg : «la vera funzione delle class actions e` di far arricchire gli avvocati». Preoccupazione che colpisce da tempo la dottrina americana: J.C. Coffee, cit., pag. 877; T. Smith, Th.Lang, US Antitrust Class Actions: Lessons for Europe, relazione alla IBA Conference Chicago settembre 2006, i quali parlano di over deterrence e del rischio per i convenuti di pagare fino a sei volte i danni. 22

20 SAGGI Come è noto la «fraud on the market» era già stata colpita dalla Rule 10 b-5 del Sec. Act del 1934 il quale disponeva che in relazione all acquisto o vendita dei titoli, è proibito con qualsiasi mezzo a) utilizzare schemi o artifici per frodare i risparmiatori, b) manipolare fatti per rendere le dichiarazioni non ingannevoli, c) frodare o ingannare i consumatori nel corso della condotta degli affari. Come fu ribadito dalla Corte Suprema nel caso Basic v. Levinson del 1988 (50) si deve partire dalla presunzione che ogni investitore faccia affidamento sulla correttezza nel prezzo di mercato e che, se questo e` stato influenzato da dichiarazioni false e vi ha fatto affidamento, il risparmiatore ne abbia un danno (o perche ha comprato ad un prezzo troppo alto o perche ha venduto ad un prezzo troppo basso, in relazione al prezzo che si sarebbe formato sul mercato se non ci fosse stata la fraud). Nel corso dei decenni pero` le class actions basate sulla Rule 10 b-5 hanno dato luogo a diversi eccessi, in particolare perche molti avvocati diventavano «attori professionali» acquistando pochissime azioni, iniziavano cause palesemente infondate e, facendo leva sugli enormi costi della discovery a carico della convenute, inducevano le societa` a delle transazioni molto onerose; poi approfittando della liceita` del patto di quota lite si trattenevano un terzo dell importo della transazione lasciando alle moltitudini di shareholders soltanto le briciole (51) I due interventi legislativi del 1995 e del 1998, sopra menzionati, intendevano appunto evitare le estorsioni. Il PSRLA tocca alcuni punti soltanto della disciplina delle class actions ecioè: a) Innanzitutto non e` piu` consentito a chiunque di diventare rappresentante di una classe, ma solo a coloro che fanno una dichiarazione giurata contenente una serie di indicazioni precise (per es. non possono essere lead plaintiff quelli che lo sono stati piu` di tre volte negli ultimi cinque anni). b) Spetta al giudice selezionare l avvocato per la classe (gli avvocati che possiedono azioni raramente potranno essere ammessi come avvocati in una azione di classe contro la societa` ). (50) 485 U.S. 224, 108 S.Ct. 978, 99 L.Ed. 2d 194 (1988). (51) Cosı` per tutti, Hamilton, The Law of Corporations, St. Paul, 2000, pag

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.

Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo. Studio Legale Avv.ti Brandolini & Marcati Via Palestro n. 40 Legnano (MI) Tel. + 39 0331 441050 r.a. Fax + 39 0331 450379 E mail brandolini@nemo.it NOTA INFORMATIVA N. 1/2009 IL RECUPERO CREDITI DI SOCIETA

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova)

Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova) Scheda n. 10 L'azione di classe in antitrust a cura della redazione dell Osservatorio ARC di Giorgio Afferni (Università degli Studi di Genova) 1. A cosa servono le azioni di classe? 2. Quali soggetti

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

LA TUTELA GIURISDIZIONALE COLLETTIVA

LA TUTELA GIURISDIZIONALE COLLETTIVA ANGELO DANILO DE SANTIS LA TUTELA GIURISDIZIONALE COLLETTIVA Contributo allo studio della legittimazione ad agire e delle tecniche inibitorie e risarcitorie JOVENE EDITORE NAPOLI 2013 INDICE Premessa.

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA

SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA EMITTENTE SARAS S.p.A. AZIONISTI VENDITORI Gian Marco Moratti Massimo Moratti SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO RELATIVO ALL OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA E SOTTOSCRIZIONE E ALL AMMISSIONE ALLE NEGOZIAZIONI

Dettagli

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei)

Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) 97.417 Iniziativa parlamentare Diritto del lavoro. Aumento del valore litigioso per le procedure gratuite (Thanei) Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale dell 8 maggio

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

Informazioni sul Diritto di Recesso

Informazioni sul Diritto di Recesso Informazioni sul Diritto di Recesso Il presente comunicato stampa è emesso da Fiat S.p.A. ( Fiat o la Società ) su richiesta di Consob per fornire una informativa unitaria e riepilogativa in merito alle

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI PORTATORI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA A

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI PORTATORI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA A UnipolSai Assicurazioni S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via Stalingrado 45 Capitale sociale Euro 1.996.129.451,62 i.v. Codice Fiscale e Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bologna 00818570012

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?

Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo? PROFESSIONE FORENSE 04 SETTEMBRE 2015 Avvocato specialista: diritto o dovere di conseguire il titolo?». Il Ministro della Giustizia ha firmato, il 14 agosto 2015, il regolamento che disciplina le modalità

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI

CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI CONDIZIONI GENERALI DI MANDATO PER AVVOCATI 1. Campo di applicazione 1.1. Le condizioni generali di mandato si applicano a tutte le attività e gli atti di rappresentanza dinanzi alle autorità giudiziarie

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Ag g i o r na m e n t o n. 4 31 luglio 2012 L editore mette a disposizione sul sito nella sezione download i materiali e le schede di aggiornamento

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA

AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA AL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FOGGIA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 L. 24 febbraio 2005, n. 25...L SOTTOSCRITT NAT A... IL CITTADINANZA....

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia

Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Il decreto del fare: le novità alla legge fallimentare a cura di Nicola Concia Con la Legge 9 agosto 2013 n. 80 (S.O. n. 63 alla Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 194 del 20 agosto 2013) è stato convertito

Dettagli

LE FASI DELLA MEDIAZIONE

LE FASI DELLA MEDIAZIONE LE FASI DELLA MEDIAZIONE Tesista: Rigon Mattia Guigno 2014 Ente Formatore: I.CO.TE.A.C.A.T. Srl 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..Pag. 3 2. MATERIE OBBLIGO DELLA MEDIAZIONE..Pag. 3 3. AGEVOLAZIONI FISCALI. Pag.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto-legge recante misure urgenti in materia di impugnazione delle sentenze contumaciali e dei decreti di condanna. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 77 e 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

LITIGATION BRIEFING n. 4 del 23 aprile 2015. La nuova disciplina dell esecuzione internazionale. di Francesco Alongi e Serena Guglielmo

LITIGATION BRIEFING n. 4 del 23 aprile 2015. La nuova disciplina dell esecuzione internazionale. di Francesco Alongi e Serena Guglielmo La nuova disciplina dell esecuzione internazionale di Francesco Alongi e Serena Guglielmo (I) Le principali novità del Regolamento Bruxelles I-bis... 1 (II) Profili applicativi dell esecuzione internazionale...

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite

Marzo 2013. Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Marzo 2013 Il concordato preventivo dopo la decisione della Cassazione a sezioni unite Rolandino Guidotti, Professore aggregato di diritto commerciale dell Università di Bologna 1. A distanza di pochi

Dettagli

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile

Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il consulente tecnico d ufficio e di parte nel processo civile L attività del Consulente Tecnico di Parte nelle operazioni peritali Dott. Marco Capra 20 maggio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2714 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro delle attività produttive (MARZANO) di concerto col Ministro

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Concordato preventivo

Concordato preventivo Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre CONCORDATO PREVENTIVO 63 CAPITOLO 4 Concordato preventivo SOMMARIO I. Chi può proporlo e a quali condizioni. 324 II. Schema generale della procedura... 330 III. Piano di

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO

NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO NULLITA DEL CONTRATTO PER MANCATA SOTTOSCRIZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE DELL INTERMEDIARIO FINANZIARIO Trib. Rimini 2.2.2012 commento e testo Giovanni FRANCHI P&D.IT Questa volta è stato il Tribunale

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) COMUNE DI MONTESANO SALENTINO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CONTENZIOSO GIUDIZIALE E STRAGIUDIZIALE E MODALITA DI CONFERIMENTO INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione del

Dettagli

Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche

Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche Il principio di sussidiarietà orizzontale ex art. 118 u.c. Cost. e il Partenariato Pubblico Privato nel settore delle opere pubbliche dott. Gaetano Pecoraro. La sussidiarietà nella dimensione orizzontale

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Problemi traduttivi di termini giuridici in relazione al loro sistema di appartenenza

Problemi traduttivi di termini giuridici in relazione al loro sistema di appartenenza Problemi traduttivi di termini giuridici in relazione al loro sistema di appartenenza Ingrid Grüner, laureata in scienze giuridiche presso l Università di Trieste La traduzione in generale, e la traduzione

Dettagli

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo

Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Le novità in materia di finanza interinale e concordato preventivo Autore: Cristian Fischetti Categoria News: Fallimento e procedure concorsuali L ennesima mini riforma del diritto fallimentare ha visto

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 OGGETTO: Imposta di registro - agevolazioni fiscali prima casa - Cass. SS.UU. 6-21 ottobre 2000, n. 1196 - termine di decadenza triennale

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX

INDICE SOMMARIO. Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX Prefazione alla seconda edizione... Pag. VII Prefazione di Guido Alpa...» IX CAPITOLO I LINEAMENTI DI ORDINAMENTO PROFESSIONALE FORENSE 1. Ordinamento professionale forense, pluralità degli ordinamenti

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

CODICE DI PROCEDURA CIVILE. Parte prima DISPOSIZIONI GENERALI. Titolo primo DISPOSIZIONI FONDAMENTALI (Avvertenza: testo emendato dalla redazione; Gazzetta ufficiale no. 148 del 20.12.2012 testo emendato e no. 25 del 28.02.2013, nelle quali è indicato il periodo della loro entrata in vigore) CODICE DI

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI 88 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI L AVVOCATURA COMUNALE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 424 reg./456 Prop.Del. NELLA SEDUTA DEL 04/12/2014 Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI COMUNE DI FAETO (Prov. di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI 1 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto e finalità del regolamento) 1. Il presente Regolamento ha per

Dettagli

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l.

CAMERA DI ARBITRATO E CONCILIAZIONE S.r.l. REGOLAMENTO PER LA MEDIAZIONE APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento si applica alla procedura di mediazione a fini conciliativi (Mediazione ai sensi del DI 180/2010). 2. Il Regolamento

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v

Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Il piano ex Art. 67 3 co. lett. d) legge fallimentare: criticità e punti di attenzione v v Art. 67 comma 3, lettera d) Legge Fallimentare Il contenuto La riforma del diritto fallimentare ha introdotto

Dettagli

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO

LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA IL CONCORDATO PREVENTIVO LE FASI DEL CONCORDATO PREVENTIVO ALLA LUCE DELL ULTIMA RIFORMA LEGISLATIVA STEP 1: presentazione della domanda Presentazione al Tribunale competente dell istanza per accedere alla procedura di concordato

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione

Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine. Documento di consultazione Revisione della comunicazione sull assicurazione del credito all esportazione a breve termine 1. Introduzione Documento di consultazione In alcuni Stati membri esistono agenzie ufficiali di credito all

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Reati penali fiscali: per le fattispecie elusive il contribuente va assolto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Cassazione, con una recente

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli