I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF"

Transcript

1 I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014

2 ll Centro di Ricerca in Tecnologie, Innovazione e Servizi Finanziari (CeTIF) dal 1990 realizza studi e promuove ricerche sulle dinamiche di cambiamento strategico e organizzativo nei settori finanziario, bancario e assicurativo. Ogni anno CeTIF attiva più di 15 Competence Centre e Osservatori, cui possono partecipare gli oltre professionisti che costituiscono il suo network e organizza oltre 10 workshop dedicati a banche e assicurazioni, con l obiettivo di favorire fra i partecipanti lo scambio di esperienze su temi specifici e sull adozione di pratiche innovative. A tutto ciò si aggiungono i progetti di ricerca internazionali realizzati in collaborazione con le principali università e società di analisi e di ricerca presenti nel mercato. Le attività si focalizzano principalmente sugli effetti dello sviluppo di nuove strategie, sull innovazione normativa, sull approfondimento di prassi organizzative e di processo e sugli effetti dell introduzione dell innovazione tecnologica. Tra i partner istituzionali di CeTIF figurano: Banca d Italia, ISVAP, ABI, ANBP, ANIA, AIPB e CONSOB. Dal 2011 in seno a CeTIF è stato costituito il CEFIRS - Centre for European Financial Regulations Studies - un Osservatorio Permanente sulla regolamentazione nel settore finanziario, bancario e assicurativo. Il CeTIF è, inoltre, socio fondatore del FIT: l Associazione europea dei centri di ricerca sulla finanza e l Information Technology. Per ulteriori informazioni GFT Italia è parte del Gruppo GFT Technologies AG, basato in Germania e provider mondiale di soluzioni IT per il settore finanziario, bancario e assicurativo presente in Spagna, Regno Unito, Francia, Svizzera, Brasile e Stati Uniti. GFT Italia si avvale di oltre 500 addetti presso le sedi di Milano, Firenze, Siena, Torino, Parma, Piacenza, Padova, Genova e Palermo e vanta un portafoglio di offerta che comprende Business & IT Consulting, Digital Marketing & Communication, IT Solution&Services e Managed Services. GFT Italia collabora con i propri clienti condividendo esigenze, processi decisionali e opportunità di business coniugando le solide esperienze e la profonda conoscenza dei diversi settori di mercato con le competenze specialistiche di Program Management & Consulting, System Integration e Service Management Per ulteriori informazioni I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 2/18

3 Contenuto 1 Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi Il valore delle informazioni: i Big Data Il valore delle informazioni: i Big Data I Big Data a servizio del fraud management assicurativo I Big Data a servizio del fraud management assicurativo Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 3/18

4 1 Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo 1.1 Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo La peculiarità dei fenomeni fraudolenti che connotano il sistema assicurativo italiano è immediatamente deducibile analizzando la definizione che alcune compagnie nazionali 1 hanno identificato come appropriata per definire il fenomeno fraudolento nel nostro Paese: la frode è identificabile con quei fenomeni del ramo danni riconducibili a reato, che affliggono principalmente il ramo Auto, ma anche rami differenti da quello RC (quali il ramo danni elementari e quello infortuni) seppure in misura meno marcata. Se nella definizione possono certamente essere fatti rientrare la falsa certificazione, la simulazione del fatto e il falso ideologico, da essa devono invece essere esclusi tutti i fenomeni speculativi, quali la sovrastima del danno a cose o persone; questo perché in uno scenario quale quello italiano, nel quale è diffusa la tendenza a ritoccare all insù i danni riscontrati nel verificarsi di un evento sinistroso, una definizione estensiva del fenomeno finirebbe per far rientrare nel perimetro delle frodi assicurative una grande maggioranza dei sinistri denunciati alle compagnie. Il sistema Italia è contraddistinto inoltre da una tendenza a non identificare la frode alle assicurazioni come un evento criminoso, ma come un atto di furbizia o di astuzia; la maggior parte degli assicurati è convinta che l assicurazione «guadagni troppo alle loro spalle» e dunque la frode, poiché idealmente condotta contro l assicurazione stessa, è quasi percepita come uno strumento per veder saldato il credito che l assicurato ritiene di vantare nei confronti della compagnia. Tuttavia, la realtà dei fatti è ben differente: manca la consapevolezza del fatto che il numero e l entità dei danni da risarcire, indipendentemente dal fatto che siano questi reali o fraudolenti, incide direttamente sui premi che ciascun assicurato dovrà corrispondere nel futuro. Le frodi inducono un elevato spreco di risorse che a sua volta determina un aumento nell importo dei premi assicurativi richiesti alla clientela; il circolo vizioso innescato si ripercuote sul consumatore finale, che si ritrova a dover pagare un prezzo superiore per l elevato costo di gestione dei sinistri sopportato dalle compagnie. Date queste premesse, si evince che le frodi rappresentano un fenomeno che necessita di essere gestito in modo ottimale al fine di contenerne gli impatti negativi sul sistema nel suo complesso. Con riferimento al nostro Paese, negli ultimi anni si è assistito ad una contrazione nella raccolta del ramo danni, dovuta principalmente ad una diminuzione del ramo RC Auto. La riduzione dei premi raccolti è andata di pari passo con la diminuzione dei sinistri accaduti e denunciati e che hanno dato o daranno luogo a un risarcimento; infatti, il numero totale degli incidenti nel 2012 è stato pari a 2,3 milioni, con una diminuzione del 15,3% rispetto al Inoltre, i risultati negativi del ramo si accompagnano ad una particolare esposizione dello stesso al rischio frodi. Analizzando i dati IVASS relativi al 2011, i sinistri riconducibili a fenomeni fraudolenti a danno delle imprese assicurative sono stati , con un incidenza del 2,04% sulla globalità dei sinistri del ramo RC Auto. Si registra un importo totale di 281,9 milioni di Euro, pari al 2,42% dell ammontare complessivo dei risarcimenti e all 1,59% dei premi del ramo. È opinione comune che queste statistiche probabilmente non riflettano la reale portata del fenomeno italiano, non riportando alcuna traccia delle frodi sommerse, cioè quelle attuate, ma non accertate dal sistema assicurativo. Tale stato delle cose trova conferma nel momento in cui si procede a confrontare il fenomeno delle frodi italiano con quello europeo; in Europa la media dei 1 Definizione condivisa dal gruppo di lavoro partecipante al Competence Centre CeTIF 2013, dal titolo Fraud Management assicurativo 2013: processi e sistemi alla luce della nuova normativa, svoltosi nel periodo marzo-maggio 2013 con la partecipazione di 12 compagnie e gruppi assicurativi operanti nel mercato italiano. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 4/18

5 sinistri fraudolenti nel ramo RC Auto si attesta infatti intorno al 10%, contro il poco realistico 2,3% in Italia (Figura 1). Figura 1 - I fenomeni fraudolenti in Italia e in Europa Fonte: rielaborazione CeTIF di dati IVASS 2011 La rilevanza del fenomeno e i significativi effetti negativi che le frodi possono generare sul sistema assicurativo italiano hanno indotto l autorità ad affidare ad IVASS - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni l incarico di organismo nazionale unico atto alla prevenzione delle frodi nel settore dell assicurazione e della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. Sebbene nel contesto europeo si siano fatte in alcuni casi scelte differenti - affidando l attività antifrode a enti privati senza scopo di lucro (a titolo esemplificativo, in Francia con Alfa e Agira e nel Regno Unito con CIFAS - Credit Industry Fraud Avoidance System) o a più autorità distinte contemporaneamente, ciascuna con un proprio ambito di operatività - appare in ogni caso evidente che in tutti i paesi dell Unione il problema è ben noto e sono state poste in essere azioni molteplici per tentare di affrontarlo ed arginarlo nel più efficace dei modi. In generale, trattandosi di un fenomeno che ha impatti sul sistema assicurativo nel suo complesso, è opportuno sottolineare come nessuno dei suoi attori possa essere escluso dal porre in essere azioni finalizzate alla prevenzione, all individuazione e alla lotta alle frodi. Le azioni correttive sono dunque attese sia da parte della o delle autorità incaricate dell azione antifrode, sia da parte del legislatore, oltre che ovviamente anche da parte delle compagnie assicurative stesse. In Italia dovranno pertanto rendersi operativi: IVASS, l autorità, che deve strutturarsi al fine di svolgere il proprio ruolo all interno del sistema assicurativo italiano come principale organismo antifrode nel modo più efficace ed efficiente possibile; il legislatore, che deve intervenire con provvedimenti che prendano in considerazione il trade off tra tutela del cliente e possibilità di contrastare opportunamente i fenomeni fraudolenti; I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 5/18

6 le compagnie assicuative, che si devono strutturare sia dal punto di vista organizzativo sia da quello tecnologico al fine di prevenire, individuare e contrastare il maggior numero di frodi possibili. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 6/18

7 2 Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi 2.1 Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi Prevenire e contrastare i fenomeni fraudolenti all interno del contesto assicurativo implica notevoli sforzi da parte delle compagnie le quali hanno dovuto investire significativamente in tre aree essenziali per l efficace funzionamento di un sistema di fraud management: modelli organizzativi modelli operativi sistemi informativi. Infatti, la natura multiforme dei fenomeni fraudolenti e le difficoltà intrinseche alla loro prevenzione ed individuazione inducono le compagnie a porre in essere profondi cambiamenti sia a livello operativo-organizzativo sia a livello di dotazioni informatiche delle quali le aziende sono dotate. In particolare, le persone e la loro organizzazione sono fondamentali ai fini dell istituzione di un efficace sistema di fraud management poiché le risorse umane rappresentano l elemento in grado di rendere effettivamente e correttamente operative le linee guida e le disposizioni che la compagnia ha previsto per la lotta alle frodi. È inoltre opinione comune che anche il più sofisticato dei sistemi di fraud management non potrà mai sostituire integralmente la componente umana che caratterizza i processi di gestione delle frodi. Le procedure manuali rappresentano dunque un necessario complemento all operatività del sistema informativo, soprattutto nelle fasi di detection e di investigation 2, oltre che nell identificazione delle frodi interne, perpetrate all interno della compagnia stessa, spesso con il coinvolgimento diretto di suoi fiduciari. Tali tipi di attività, scarsamente standardizzabili e connotate da elevata variabilità, possono essere gestite in modo ottimale soltanto dagli operatori dedicati alle attività antifrode. La componente umana è essenziale per una corretta comprensione e qualificazione del fenomeno di frode, per la gestione delle eccezioni, oltre che per configurare ed alimentare correttamente le tecnologie adottate dalle imprese assicurative. Le compagnie sono tutte dotate di strutture organizzative ad hoc (unità antifrode aziendale) dedicate all individuazione delle linee guida per lo svolgimento dell attività antifrode e alla loro implementazione all interno dell azienda. Ciascuna impresa assicurativa ha adottato un sistema organizzativo diverso a seconda delle proprie peculiarità e della propria cultura aziendale, ma sono evidenziabili alcune caratteristiche che il comparto assicurativo italiano tende a riconoscere come necessarie per identificare un modello di fraud management adeguato. Innanzitutto, è essenziale il presidio da parte dell unità antifrode dell intero ciclo di gestione della polizza e del sinistro; in questo senso, il fatto che l unità antifrode abbia una visione complessiva di tutte le fasi del processo rappresenta un fattore critico di successo in grado di attuare un migliore contrasto alle frodi. Soltanto se si conosce la totalità del processo e se lo si 2 Il processo di gestione della frode si articola in tre fasi fondamentali: Fase di Prevention: insieme delle attività finalizzate a prevenire il verificarsi di fenomeni fraudolenti e/o l assunzione del rischio di frode da parte della compagnia (ossia prima che essi si traducano in un fenomeno concreto che necessiti di essere gestito da parte dell impresa); Fase di Detection: operazioni volte ad individuare i casi di sospetta frode che debbano essere segnalati all unità antifrode per lo svolgimento delle attività di investigazione, riducendo l incidenza dei casi di falsi positivi segnalati all unità antifrode; Fase di Investigation: attività di analisi dei casi segnalati come possibili frodi al fine di verificarne l effettiva natura fraudolenta I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 7/18

8 monitora integralmente si sarà in grado di individuare con maggiore abilità gli ambiti e le attività più critiche e che possono quindi più facilmente dare adito a tentativi di frode. Inoltre, di primaria rilevanza risulta essere l attività svolta dai fiduciari e, in particolare, il ruolo giocato dal liquidatore nell individuazione di possibili frodi nel corso del processo di liquidazione. Il liquidatore ha la visione complessiva del processo di gestione del sinistro ed è quindi in una condizione favorevole al fine di individuare i sinistri sospetti e di procedere con la segnalazione all unità antifrode preposta; il suo grado di competenza in merito alla capacità di riconoscere se un evento sinistroso ha caratteristiche tali da dover essere effettivamente gestito dall unità antifrode o se si tratta invece di un falso positivo (ossia un sinistro che appare fraudolento ma che in realtà non lo è) è essenziale per garantire l ottimale operatività dell unità. È necessario però sottolineare come ad ostacolare l efficacia dell azione antifrode dei liquidatori si ponga spesso il sovraccarico di attività a cui essi sono sottoposti; le azioni antifrode che gli si richiede di porre in essere vanno a sommarsi alla molteplicità dei task che devono compiere abitualmente nel corso del processo di liquidazione, generando carichi di lavoro che sono spesso di difficile gestione. La complessità e la mole di attività inducono spesso i liquidatori a svolgere controlli limitati in ambito antifrode con una conseguente minore efficacia del fraud management aziendale. Estendendo l analisi a tutti i fiduciari, si evince che la principale criticità riscontrata con riferimento al loro ruolo di lotta ai fenomeni fraudolenti è riconducibile alla costituzione di un ecosistema compagnie-fiduciari-agenti nel quale si dovrebbero realizzare costanti scambi e condivisioni delle informazioni relative ai sinistri e alle frodi sospette, così da garantire un continuo aggiornamento sulle attività antifrode in corso di svolgimento. I processi di comunicazione fra questi attori del sistema assicurativo spesso non vengono svolti oppure risultano essere poco tempestivi e connotati da elevata imprecisione nelle informazioni circolarizzate, con grave nocumento della qualità del processo antifrode. I fiduciari risultano essere generalmente scarsamente predisposti alla collaborazione con gli altri attori del sistema, ragione per la quale molte compagnie hanno istituito dei sistemi di incentivazione, rivolti in particolare ai medici, al fine di sensibilizzarli e incoraggiarli a contribuire fattivamente al contrasto e alla prevenzione dei fenomeni fraudolenti. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 8/18

9 3 Il valore delle informazioni: i Big Data 3.1 Il valore delle informazioni: i Big Data La penetrazione capillare della tecnologia nella nostra società, la diffusione dei social media e l inarrestabile evoluzione dei sistemi informatici genera un ingente ed estremamente variegata quantità di informazioni. Nell ultimo decennio si è assistito alla rapida diffusione di nuove «sorgenti di informazione», quali i Social Media e i Social Network, i dispositivi mobile, reti di sensori e strumenti scientifici sempre più sofisticati. Da questi fenomeni innovativi è possibile ricavare grandissimi volumi di dati, non necessariamente strutturati, la cui validità è spesso legata al momento in cui vengono generati. Le informazioni costituiscono una necessità fondamentale, essendo alla base di qualsiasi processo decisionale; tuttavia il solo fatto che le informazioni esistano non è di per sé sufficiente a costituire un effettivo valore. Sono necessarie almeno 2 condizioni affinché questa moltitudine di dati si trasformi in patrimonio informativo : Completezza: le informazioni devono avere un grado di dettaglio elevato e devono provenire da molteplici fonti per poter valutare un elemento da diversi punti di vista; Tempestività: il valore di un informazione è direttamente proporzionale alla sua freschezza, soprattutto in un contesto come quello attuale dove la velocità di generazione delle informazioni è estremamente elevata; se ne desume che è fondamentale che le informazioni raccolte possano essere consultate rapidamente. Vi è poi un ulteriore aspetto che deve essere considerato: il valore informativo di un insieme di dati non è costituito solo dalla somma delle informazioni di ogni singolo dato ma anche e soprattutto dalle relazioni che sussistono tra i dati stessi. Le relazioni tra i dati danno vita a nuove informazioni, potenzialmente in un numero più elevato rispetto ai dati di partenza; tali nessi costituiscono un notevole valore aggiunto nascosto a cui però non è facile accedere con i sistemi tradizionali (transazionali). L accesso alle informazioni secondo le modalità descritte è una necessità pressante per le tutte le aziende, in particolare per quelle che operano nel settore dei servizi, dove il sempre più elevato livello di competitività del mercato richiede la capacità di effettuare valutazioni complesse in tempi rapidi per intervenire tempestivamente sui fenomeni problematici. Tutte le aziende di dimensioni medio - grandi dispongono di grandi database in cui sono contenute moltitudini di informazioni relative al proprio business. Queste strutture informative, però, pur essendo estremamente ricche di dati, sono poco flessibili e comportano alcuni limiti, non sempre facilmente risolvibili: Mancanza di comunicazione: sono quasi sempre strutture dipartimentali e costituite da sistemi monolitici non in comunicazione tra loro. La diretta conseguenza di questa struttura si sostanzia nel fatto che ogni singola interrogazione non è esaustiva; la mancanza di comunicazione tra le varie basi dati dipartimentali rende necessario fare più interrogazioni per ottenere le informazioni necessarie da tutte le basi dati (a meno di replicare le informazioni nelle varie basi dati); Analisi delle relazioni: con i sistemi tradizionali è estremamente complesso quando non impossibile analizzare le relazioni che sussistono fra dati distinti; Estendibilità della base dati: includere nuove fonti in una base dati tradizionale è un operazione complessa con ricadute non trascurabili sul fronte dei tempi e dei costi; Accesso a fonti esterne all azienda: solitamente sono presenti solamente i dati provenienti dall ambito aziendale, mentre i dati provenienti da fonti esterne richiedono operazioni di normalizzazione, più o meno onerose. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 9/18

10 In altri termini: il problema di oggi non è il reperire l informazione ma la capacità di gestirla, analizzarla, sintetizzarla e di estrarne il «valore aggiunto» in modo efficiente e scalabile. I gruppi di informazioni la cui mole e complessità sono tali da rendere necessari nuovi approcci, architetture e tecnologie che ci consentano di gestirli, sono definiti Big Data. L enorme volume di questi dataset, la loro eterogeneità e quella delle fonti da cui provengono, il bisogno di poter effettuare le analisi in tempi brevissimi per evitare che il valore informativi del dato si deteriori a causa dell obsolescenza e, soprattutto, la necessità estrarre il «valore aggiunto» in esse nascosto in termini di relazioni tra i dati, mettono in campo scenari la cui complessità genera una crisi dei sistemi tradizionali. Comunemente, i sistemi basati su un approccio Big Data vengono descritti mediante la definizione delle 3 V, che permette di individuare facilmente alcuni degli elementi caratterizzanti di questa tecnologia: Volume: i sistemi basati sulla tecnologia Big Data sono in grado di acquisire, memorizzare e consultare enormi quantità di dati che comporterebbero significative difficoltà se approcciate mediante le tecnologie tradizionali; Variety: questa è forse una delle possibilità più interessanti dei sistemi Big Data, ossia la capacità di acquisire dati da molte fonti eterogenee e senza la necessità che gli stessi siano organizzati secondo una struttura predefinita. I sistemi Big Data possono acquisire dati strutturati, semi-strutturati o non strutturati (raw data) provenienti da molte fonti diverse e la base dati può essere estesa con nuove fonti in tempi ridotti rispetto ai sistemi RBDMS; Velocity: l abilità dei sistemi Big Data di poter acquisire dati senza la necessità di memorizzarli secondo un formato predefinito, permette di consultare i dati acquisiti dopo breve tempo dall acquisizione, riducendo sensibilmente il rischio di obsolescenza degli stessi. Questa definizione risulta essere riduttiva, perché non include una delle caratteristiche più interessanti e maggiormente differenzianti dei Big Data, ossia la capacità di individuare ed analizzare le relazioni nascoste tra i dati. Se il valore informativo di un dataset è superiore alla somma delle informazioni legate ai singoli dati, grazie alle relazioni esistenti fra essi, spesso queste relazioni sono nascoste in quanto non sono indagabili con un sistema informativo tradizionale. I sistemi Big Data, invece, sono in grado di individuare queste relazioni in maniera nativa. Questa possibilità aumenta in maniera sensibile il valore del proprio patrimonio informativo permettendo di fare analisi sul tipo e la quantità di relazioni che interconnettono i dati; in questo modo è anche possibile individuare le relazioni tra elementi provenienti da fonti diverse. L approccio Big Data permette non solo di utilizzare una mole più grande di dati e una varietà più ampia di fonti, indipendentemente dalla struttura che esse hanno, ma soprattutto di estrarre molte più informazioni dai dati sfruttandoli in maniera più completa ed efficace. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 10/18

11 4 I Big Data a servizio del fraud management assicurativo 4.1 I Big Data a servizio del fraud management assicurativo Se le azioni organizzative e di processo che le compagnie assicurative hanno intrapreso per migliorare la propria capacità di prevenire e contrastare le frodi rappresentano un elemento essenziale della strategia di fraud management delle imprese, un approccio efficace per la gestione di tali fenomeni non può però prescindere dall adozione di strumenti informativi idonei a contrastare in maniera efficace il rischio di frode. Inoltre deve essere tenuto in debito conto il sempre più incisivo fenomeno delle frodi organizzate che, sebbene numericamente inferiori rispetto alle frodi occasionali (anche definite opportunistiche), generano un aggravio economico maggiore per le compagnie; inoltre, essendo organizzate da professionisti della frode (spesso dalla stessa criminalità organizzata) è estremamente complesso rilevarle, perché vengono prese tutte le contromisure atte a impedire che la frode venga scoperta. I frodatori stessi evolvono le loro tecniche di azione per evitare di venire individuati dalle regole dei motori antifrode e le frodi diventano sempre più complesse e articolate, uscendo dai soli contesti locali per andare a radicarsi nell intero territorio nazionale, rendendo sempre più complesso il lavoro delle unità antifrode. Gli strumenti tecnologici aiutano a superare le difficoltà operative della struttura di controllo adibita alle funzioni di individuazione e gestione delle frodi, facilitando l analisi di quantità di dati massive per individuare eventuali fenomeni occulti e potenziali schemi di frode. Per tale ragione, è proprio l area dei sistemi informativi quella nella quale le imprese di assicurazione desiderano investire con maggior urgenza al fine di migliorare l efficienza e l efficacia dei processi di fraud management. Tuttavia, la mancanza o l incompletezza dei dati relativi ai soggetti frodatori e ai sinistri denunciati rendono complicato il monitoraggio delle situazioni potenzialmente rischiose e riducono significativamente la possibilità di dedurre con sufficiente anticipo l esistenza di schemi fraudolenti ricorrenti, minando alla base l efficacia di qualsiasi tecnologia di fraud management. Allo stesso tempo, risultano essere spesso assenti anche adeguati sistemi integrati di reportistica e tracciatura dei rapporti in essere con i propri contraenti. È dunque evidente quanto sia rilevante disporre di una base di dati completa relativa ai sinistri della compagnia, dalla quale dedurre i comportamenti fraudolenti sulla base di schemi e modelli efficaci nell individuare le frodi potenziali con lo scopo di gestirle nella maniera opportuna. I dati storici relativi ai sinistri denunciati presso la compagnia potrebbero essere integrati anche dall utilizzo di informazioni raccolte presso soggetti terzi (ad esempio, altre compagnie assicurative, del medesimo gruppo o di gruppo differente), al fine di migliorare la quantità dei dati a disposizione e incrementare dunque la possibilità di individuare con successo possibili schemi di frode. Tuttavia, tali logiche di scambio massivo di informazioni risultano essere in contrasto con le previsioni normative attuali ed inoltre richiederebbero un livello di maturità delle dotazioni tecnologiche finalizzate alla gestione dei fenomeni fraudolenti superiore rispetto a quello attualmente riscontrabile nel settore. Lo scambio di informazioni tra compagnie e soggetti terzi potrà probabilmente rappresentare un successivo step nel percorso di adattamento dei supporti informatici delle compagnie alle esigenze di fraud management. Inoltre, i dati detenuti presso i database delle compagnie potrebbero essere integrati con le informazioni presenti nelle banche dati istituzionali (IVASS, ANIA, Casellario Centrale Infortuni INAIL, ecc.) e non istituzionali presenti nel panorama italiano al fine di rendere maggiormente esaustivo il data set utilizzato per l individuazione delle frodi. Con riferimento alle banche dati non istituzionali, oltre ai dati delle black-box eventualmente installate dai clienti e alle informazioni di geolocalizzazione - ricavabili dai sistemi antifurto satellitari, dalle telecamere per il controllo della velocità e dai dispositivi telepass - un ambito di particolare interesse è quello del flusso quotidiano di input proveniente dai social media. Sebbene l incertezza normativa e le regole di visibilità I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 11/18

12 pubblica dei dati non permettano attualmente di utilizzare in maniera puntuale queste informazioni per verificare l esistenza di potenziali fenomeni fraudolenti, i social media rappresentano un canale di raccolta di informazioni di rilevanza crescente e che sta suscitando l attenzione anche delle compagnie assicurative del nostro paese. È tuttavia opportuno specificare che la presenza di database ricchi di dati completi, aggiornati e provenienti da fonti plurime potrebbe non garantire di per sé un efficace funzionamento del sistema di gestione delle frodi. Se è vero che le informazioni rappresentano l unità fondamentale di un sistema di fraud management ottimale, i Big Data rappresentano un patrimonio di grandissimo valore per l azienda che li detiene, ma sono al contempo una ricchezza connotata da una particolare complessità di immagazzinamento, gestione ed elaborazione. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 12/18

13 5 Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT 5.1 Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT I sistemi antifrode tradizionali sono quasi sempre basati su un set di regole, più o meno sofisticate, che permettono di valutare il rischio di frode di un singolo sinistro sulla base di alcuni parametri (ad esempio, il numero di sinistri precedenti dell assicurato, la dinamica anomala di un sinistro, la prossimità alla scedenza di una polizza, ecc.). Tali sistemi hanno dimostrato una discreta efficacia nell individuare alcune delle tipologie più comuni di frode opportunistica, tuttavia non sono in grado - o hanno capacità molto limitate - di individuare gli schemi complessi propri delle frodi organizzate, proprio perché la valutazione viene effettuata sulla base degli elementi legati ai sinistri in corso di analisi. Con questi sistemi, basati sulla sola valutazione delle regole, si riesce a coprire molte aree di indagine relative alle frodi perpetrate, ma risulta molto complicato includere nei parametri di indagine elementi relativi a eventuali relazioni indirette con altri sinistri (ad esempio, se un soggetto ha ricoperto il ruolo di testimone in più sinistri, se gli stessi soggetti sono stati coinvolti in più sinistri magari con ruoli diversi, se lo stesso schema di frode si sta ripetendo in regioni diverse). L elemento distintivo delle frodi organizzate è però proprio la rete di relazioni nascoste che sussiste tra i soggetti che reiterano le frodi; l individuazione tempestiva di queste relazioni e dei soggetti che vi partecipano permette di ottenere il duplice risultato di intercettare la frode prima della fase di liquidazione e di prendere le necessarie contromisure nei confronti dei soggetti che partecipano all organizzazione, evitando il ripetersi del fenomeno illecito da parte degli stessi. Inoltre, i sistemi tradizionali sono spesso basati su database transazionali che sono estremamente validi per individuare le modificazioni di un informazione nel corso del tempo (ad esempio, le variazioni della documentazione allegata alla denuncia, le modifiche al contratto, ecc.) ma quasi sempre accedono alle informazioni di un numero estremamente limitato di sistemi (ad esempio, sistema sinistri, sistema di portafoglio, ecc.); questo accade perché estendere la base dati interrogata è un processo piuttosto complesso e oneroso. Una soluzione basata su un approccio di tipo Big Data permetterebbe di implementare una base dati dedicata al sistema antifrode, con un numero maggiore di dati provenienti da molte fonti eterogenee ed in particolare da fonti esterne alla compagnia; sebbene tali informazioni siano accessibili alle compagnie anche oggi, esse non sono integrate nei sistemi attuali, richiedendo quindi all operatore distinte interrogazioni su sistemi differenti. Tanto più è ingente la quantità di dati a disposizione, quanto più risulta essere fondamentale la qualità dello strumento informativo adottato per leggere, interpretare e comunicare le evidenze ricavate dalla mole di dati interrogata. Le enormi potenzialità connesse al dato possono essere rese effettive solo per mezzo di un adeguata dotazione tecnologica, che permetta di utilizzare questa ingente massa di informazioni in una logica predittiva e non unicamente reattiva, nell ottica di un effettiva azione preventiva contro i fenomeni fraudolenti. Una soluzione tecnologica che possa assolvere tale compito dovrà quindi essere connotata da elementi caratterizzanti quali: la capacità di gestire ed utilizzare in ottica antifrode grandi quantità di dati non strutturati e provenienti da fonti informative multiple e anche significativamente difformi fra loro; la velocità nell individuare e disporre dei dati utili all elaborazione, tendendo il più possibile all elaborazione in tempo reale; I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 13/18

14 la rapidità nell ottenere i risultati dell analisi svolta sui dati interrogati; l adozione ed implementazione di tecniche innovative di analisi dei dati, differenti e maggiormente accurate rispetto a quelle tradizionali e più note; l abilità nell individuare relazioni e nessi fra dati apparentemente non correlati fra loro. A titolo esemplificativo, le relazioni riconosciute potrebbero essere proficuamente utilizzate al fine di implementare meccanismi di alerting finalizzati a segnalare automaticamente e puntualmente alle risorse dell unità sinistri/antifrode la presenza di situazioni sospette; queste potrebbero essere imputabili alla ricorrenza di particolari elementi o somme di elementi (ad esempio, il medesimo soggetto coinvolto in più sinistri differenti in un arco di tempo relativamente ridotto, magari nella medesima città o quartiere) o all individuazione di legami fra eventi, persone, luoghi distinti. In quest ottica una soluzione innovativa per il fraud management, che integri tali nuove caratteristiche e funzionalità perseguendo le tradizionali finalità di prevenzione dai fenomeni fraudolenti, dovrà essere basata su un approccio Big Data. Tale soluzione dovrà poter sfruttare le potenzialità insite nella mole di informazioni ad oggi disponibili per le compagnie assicurative, estraendone il valore aggiunto e fornendo alle strutture antifrode aziendali un arma sofisticata per combattere le frodi già poste in essere, oltre a prevenire i reati fraudolenti che ancora non sono stati realizzati. Inoltre, un sistema di tipo Big Data è in grado di individuare tutte le relazioni tra i dati in maniera nativa permettendo all operatore di avere evidenza delle stesse in maniera immediata. In sintesi, si otterrebbe il duplice vantaggio di avere una base dati più ricca dal punto di vista del numero dei dati e delle fonti, oltre ad includere la fondamentale capacità di individuare ed analizzare le relazioni. In questo modo è possibile non solo affinare le regole di scoring - che potrebbero giovare di una base dati molto più ampia - ma di includere anche regole che si basino sull analisi delle relazioni. Per formulare la propria proposta, GFT non si è posta quale obiettivo la mera costruzione di un sistema antifrode che, seppure con diversi livelli di complessità, è ormai già presente in quasi tutte le compagnie assicurative; piuttosto, si è concentrata su quell area che risulta essere problematica per la maggior parte dei sistemi disponibili e che, al tempo stesso, sta diventando sempre più necessaria per un efficace lotta alle frodi: l analisi delle relazioni nascoste. L intento della soluzione di GFT è quello di arricchire i sistemi anti frode di capacità relative alla scoperta e alla valutazione in real time di legami nascosti tra soggetti e di fornire la possibilità di analizzare questi legami. Il sistema proposto si compone essenzialmente di quattro parti: l interfaccia di acquisizione dei dati; il motore di elaborazione dei dati; il motore di scoring in tempo reale per valutare eventuali relazioni sospette tra i soggetti coinvolti nel sinistro; l interfaccia grafica di visualizzazione e analisi delle relazioni individuate. Il motore di elaborazione può acquisire informazioni da fonti distinte, quali il sistema sinistri, il sistema di portafoglio o il CRM della compagnia, liste interne o esterne (banche dati di settore). L'acquisizione dei dati non comporta la creazione di schemi/database dedicati, come nell'approccio tradizionale: i dati sono semplicemente "salvati come arrivano" e non c è nessuno schema/premodellizzazione dei dati richiesta (l approccio Big Data è infatti definito "schemaless"). I dati sono elaborati dal motore, basato su tecnologia Apache Hadoop, che come risultato produce: I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 14/18

15 una serie di documenti (il volume dei dati acquisiti nella fase di test è nell'ordine dei milioni) relativi ai sinistri ed ai soggetti individuati che vengono indicizzati nel motore di ricerca ElasticSearch 3 ; una rete di relazioni che viene memorizzata in un database specializzato per la gestione dei grafi, creata a partire dai legami che sono stati individuati nei sistemi (ad esempio, dal portafoglio estraiamo i legami tra i beneficiari di una polizza vita ed il contraente, dal CRM le relazioni censite tra i singoli soggetti, dai sinistri si ricava una relazione tra tutti i soggetti che sono stati coinvolti in qualche modo nel medesimo evento sinistroso). La rete risultante è composta da milioni di nodi e milioni di relazioni tra essi; La scelta tecnologica di un database orientato ai grafi è principalmente motivata dalla convinzione che sia la struttura più idonea per individuare eventuali relazioni non di primo livello tra diversi soggetti. Ma cosa succede quando l'utente interroga il nostro sistema? Dapprima sono ricercati tutti i riferimenti associati ai soggetti che sono stati inseriti dall'operatore (la tecnologia ElasticSearch si è rivelata particolarmente idonea allo scopo); quindi, viene scandagliata la rete di relazioni alla ricerca di eventuali nessi nascosti che comprendano i soggetti indicati dall'operatore; i risultati ottenuti vengono quindi processati in tempo reale dal motore di scoring che, sulla base delle regole definite, determina lo score che rappresenta un livello di alert per una successiva indagine: più è alto, più è probabile di essere in presenza di un legame sospetto tra i soggetti coinvolti. L intero processo, sui volumi indicati, viene effettuato in tempi di circa 1 secondo 4. Il semplice click fatto dall operatore nasconde quindi in realtà la ricerca attraverso milioni di documenti e milioni di relazioni che sono state create a partire da dati provenienti da sistemi eterogenei/non comunicanti tra loro e la loro elaborazione in tempo reale. Oltre all alert, l operatore avrà poi a disposizione uno strumento grafico specializzato per visualizzare e analizzare le relazioni che coinvolgono gli elementi correlati al sinistro (network analysis). Quali sono i vantaggi che questa soluzione basata su BigData ha rispetto alle soluzione "tradizionali"? Maggiore semplicità nel processo di acquisizione ed integrazione nel motore di nuove informazioni provenienti dagli stessi sistemi o da nuove sorgenti (arricchimento); maggiore semplicità nell esecuzione di interrogazioni complesse sui dati: realizzare una ricerca "Google-like" o creare un grafo di relazioni non sono operazioni "naturali" per i sistemi tradizionali (transazionali), e sono sicuramente di complessa realizzazione; maggiore semplicità nel modificare o introdurre nuove regole per il calcolo dello scoring: l utilizzo di tecnologie schemaless rende l impianto più flessibile rispetto ad una soluzione standard (tipicamente una sistema relazionale tradizione viene modellato sulla base delle interrogazioni che gli devono essere sottoposte; quindi, modificare le regole può comportare non solo la variazione della logica applicativa ma anche il cambiamento dello schema dei dati, con tutte le conseguenze che ciò comporta). 3 La scelta della tecnologia ElasticSearch è imputabile al fatto che essa consente di recuperare questi documenti in tempo reale, con una modalità di ricerca Google-like 4 Dati rilevati a partire da una fonte di circa 65 milioni di informazioni elaborate su una normale PC I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 15/18

16 Con "semplicità" non si intende affermare che sia più facile utilizzare queste tecnologie rispetto alle attuali; tuttavia, pur includendo nella valutazione le complessità legate all apprendimento di questa tecnologia, è innegabile che le possibilità offerte dal Big Data comportino vantaggi in termini di capacità di analisi dei dati, rendendo tale approccio di sicuro interesse nel contesto della lotta alle frodi assicurative. Quale ulteriore punto di riflessione, è opportuno sottolineare che la soluzione di GFT utilizza esclusivamente software open-source (Apache Hadoop, ElasticSearch, OrientDB) con vantaggi dal punto di vista dei costi di implementazione e relativa facilità di integrazione nei sistemi in essere. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 16/18

17 I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 17/18

18 Contatti: Prof.ssa Chiara Frigerio CeTIF - Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Università Cattolica del Sacro Cuore Via San Vittore, Milano Italia T F Ing. Umberto Zanchi GFT Italia S.r.l. Via A. Campanini, Milano Italia T F I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 18/18

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi

Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi ATTIVITA DI RICERCA 2013 2014 Fraud Management assicurativo: processi e modelli operativi PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Le frodi nel settore assicurativo rappresentano un fenomeno che sta assumendo

Dettagli

Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio RC Auto

Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio RC Auto Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio ISSN 1972 RC - Auto 7216 Executive Summary Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

ISSN 1972-7216 EXECUTIVE SUMMARY

ISSN 1972-7216 EXECUTIVE SUMMARY ISSN 1972-7216 EXECUTIVE SUMMARY L innovazione nei servizi di pagamento dalla SEPA alla PSD2: OBEP, P2P, mobile e Instant Payment DIVISIONE BANCHE 2016 1 Luxury & Finance: strumenti finanziari innovatvi

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY 4 1 INTRODUZIONE ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 1.1 La metodologia descrittiva Errore. Il segnalibro non è definito.

EXECUTIVE SUMMARY 4 1 INTRODUZIONE ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 1.1 La metodologia descrittiva Errore. Il segnalibro non è definito. Convergenza tra sicurezza fisica, logica e antifrode: analisi dei principali scenari di compromissione dei dispositivi ATM e degli strumenti tecnologici in dotazione a Poste Italiane S.p.A Mirella Ricci

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile

ESSERE O APPARIRE. Le assicurazioni nell immaginario giovanile ESSERE O APPARIRE Le assicurazioni nell immaginario giovanile Agenda_ INTRODUZIONE AL SETTORE ASSICURATIVO La Compagnia di Assicurazioni Il ciclo produttivo Chi gestisce tutto questo Le opportunità di

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007)

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) Con questo articolo intendiamo porre a confronto seppure in maniera non esaustiva le tecniche di analisi dei

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI

LE ALTRE ASSICURAZIONI DANNI non varia a seconda del sesso, come detta la direttiva UE) e con l ampiezza della copertura. In questo modo, il pagamento del premio (registrato in busta paga per i dipendenti) permette di accedere serenamente

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

MEDICO DEL LAVORO. Effettua le visite mediche; redige la cartella sanitaria e di rischio; rilascia le idoneità allo svolgimento delle mansioni.

MEDICO DEL LAVORO. Effettua le visite mediche; redige la cartella sanitaria e di rischio; rilascia le idoneità allo svolgimento delle mansioni. SAFETYSOLUTION RSSP Con SAFETY SOLUTION Zucchetti le persone preposte alla sicurezza dispongono di tutte le informazioni necessarie a verificare la corretta gestione dei processi aziendali impostati per

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1

INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 INFORMATIVA AL PUBBLICO AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO BANCA D ITALIA 24 OTTOBRE 2007 TITOLO III CAPITOLO 1 Premessa Il Regolamento della Banca d Italia in materia di vigilanza prudenziale per le SIM (Titolo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS?

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? Le soluzioni INNOVA CRM sono la risposta L ESIGENZA DI UN NUOVO SISTEMA GESTIONALE E tipico e auspicabile per un Azienda, nel corso degli anni, avere un processo di

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

TENDENZE DEL MERCATO SUI PROCESSI E SISTEMI PER LA GESTIONE DEI SINISTRI NEL RAMO AUTO. Milano, 12 Novembre 2014

TENDENZE DEL MERCATO SUI PROCESSI E SISTEMI PER LA GESTIONE DEI SINISTRI NEL RAMO AUTO. Milano, 12 Novembre 2014 TENDENZE DEL MERCATO SUI PROCESSI E SISTEMI PER LA GESTIONE DEI SINISTRI NEL RAMO AUTO Milano, 12 Novembre 2014 IL MERCATO RC AUTO Complice la crisi economica gli italiani hanno ridotto gli spostamenti,

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL)

HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) HUMAN MANAGEMENT SYSTEM PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (HMS-SSL) P. CLERICI*, A. GUERCIO**, L. QUARANTA** RIASSUNTO L organizzazione è costituita dalle persone e dalle loro relazioni reciproche e

Dettagli

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT

DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT DEFINIO REPLY WEALTH MANAGEMENT Definio Reply dà una risposta concreta ed efficiente alle richieste sempre più pressanti provenienti dal mercato del risparmio gestito, in termini di strumenti di analisi

Dettagli

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI

SOLUZIONE DI PROTOCOLLO INFORMATICO E DI GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI Sede amministrativa Via E. Ramarini, 7 00015 Monterotondo Scalo Roma Tel. + 39 06 90.60.181 Fax. + 39 06.90.69.208 info@bucap.it www.bucap.it Sede legale Via Innocenzo XI, 8 00165 Roma Se d SOLUZIONE DI

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano. +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it

BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano. +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it BSI Group Italia Via Fara, 35 20124 Milano +39 02 6679091 marketing.italy@bsigroup.com bsigroup.it The trademarks in this material (for example the BSI logo or the word KITEMARK ) are registered and unregistered

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E

C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E C O N V E N Z I O N E N A Z I O N A L E LEGACOOP UNIPOL Sommario 02 Convenzione Nazionale fra LEGACOOP e Compagnia Assicuratrice Unipol 07 Allegato 1 Prodotti e Condizioni per i Soci e i Dipendenti delle

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide

Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide FORUM BANCASSICURAZIONE 2015 Le polizze auto L andamento della raccolta premi, tra innovazione di prodotto e nuove sfide Umberto Guidoni Servizio Auto Agenda Focus sulla raccolta premi in Italia Il mercato

Dettagli

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre Servizio Gateway Confidi Claudio Mauro Direttore Centrale RA Computer Roma, 29 Novembre 2013 RA Computer In cifre Più di 300

Dettagli

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia

Materiale, dati e informazioni per l applicazione della griglia Appendice A IPI, ISTITUTO PER LA PROMOZIONE INDUSTRIALE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DG Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi Progetto per l implementazione della griglia di

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Quadro Antiriciclaggio Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Quadro Antiriciclaggio Perché scegliere Quadro Gestione Antiriciclaggio? Quadro Antiriciclaggio aiuta a comprendere tutta la normativa e guida nella organizzazione

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP

Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Picture Credit San Polo Lamiere S.p.A. Italy. Used with permission. Smart Business Management nel METAL attraverso SAP Partner Nome dell azienda San Polo Lamiere S.p.A. Settore Metal - Prodotti industriali

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

KLEIS A.I. SECURITY SUITE

KLEIS A.I. SECURITY SUITE KLEIS A.I. SECURITY SUITE Protezione delle applicazioni web Kleis A.I. SecureWeb www.kwaf.it Cos'è Kleis A.I. SecureWeb? Kleis A.I. SecureWeb è un modulo software della Kleis A.I. Security Suite che ha

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

INNOVAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DI POLIZZE VITA E DANNI PER CASSE DI RISPARMIO, BANCHE POPOLARI E BANCHE PICCOLE:

INNOVAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DI POLIZZE VITA E DANNI PER CASSE DI RISPARMIO, BANCHE POPOLARI E BANCHE PICCOLE: 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000, Basso profilo di rischio) 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000, Basso profilo di rischio) 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000,

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Comma 2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti:

Comma 2. Nel corso della riunione il datore di lavoro sottopone all esame dei partecipanti: La riunione periodica D.Lgs. n. 81/2008 Articolo 18 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente. Comma 1. Il datore di lavoro, che esercita le attività di cui all articolo 3, e i dirigenti, che organizzano

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS. www.imytech.it

MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS. www.imytech.it MIGLIORA L EFFICIENZA OPERATIVA LEAN PRODUCTION SOLUTIONS www.imytech.it «NON È VERO CHE ABBIAMO POCO TEMPO, LA VERITÀ È CHE NE PERDIAMO MOLTO» Lucius Annaeus Seneca MIGLIORA LA PRODUZIONE CON WERMA SIGNALTECHNIK

Dettagli

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03

POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 POLICY GENERALE PER LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI REV: 03 FIRMA: RIS DATA DI EMISSIONE: 13/3/2015 INDICE INDICE...2 CHANGELOG...3 RIFERIMENTI...3 SCOPO E OBIETTIVI...4 CAMPO DI APPLICAZIONE...4 POLICY...5

Dettagli

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI Ideale anche per la tua azienda CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI La soluzione CRM semplice e flessibile MarketForce CRM è una soluzione di Customer Relationship Management (CRM) affidabile,

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile Autorità per l Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione infrastrutture, unbundling e certificazione infrastrutture@autorita.energia.it Direzione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM

DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM DEFINIO REPLY FINANCIAL PLATFORM Definio Reply è una piattaforma tecnologica in grado di indirizzare le esigenze di gestione, analisi e reporting su portafogli di strumenti finanziari (gestiti, amministrati,

Dettagli

La gestione e la prevenzione delle frodi esterne

La gestione e la prevenzione delle frodi esterne La gestione e la prevenzione delle frodi esterne Gianluigi Molinari Responsabile Ufficio Prevenzione Frodi Direzione Centrale Organizzazione e Sicurezza Roma 28/29 maggio 2012 Il fenomeno delle frodi è

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo

DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo DETERMINA DELLA CNFC DEL 10 OTTOBRE 2014 Dossier Formativo VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e in particolare, l art. 16-ter che istituisce la Commissione

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

Esperienze di soluzioni per la fraud detection in ambiente assicurativo

Esperienze di soluzioni per la fraud detection in ambiente assicurativo Esperienze di soluzioni per la fraud detection in ambiente assicurativo Nicola Pavanelli, Raffaello Giuliani Convegno AIEA, Orvieto, 20 giugno 2003 n.pavanelli@crifgroup.com r.giuliani@crifgroup.com CACHE

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento. 28 Febbario 20131

Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento. 28 Febbario 20131 Area organizzazione & IT: impatti critici e analisi di posizionamento 28 Febbario 20131 Agenda Gli impatti di Solvency 2 su Org & IT Risultati 2012 versus 2011 Sensitivity e reattività delle imprese alle

Dettagli