I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF"

Transcript

1 I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014

2 ll Centro di Ricerca in Tecnologie, Innovazione e Servizi Finanziari (CeTIF) dal 1990 realizza studi e promuove ricerche sulle dinamiche di cambiamento strategico e organizzativo nei settori finanziario, bancario e assicurativo. Ogni anno CeTIF attiva più di 15 Competence Centre e Osservatori, cui possono partecipare gli oltre professionisti che costituiscono il suo network e organizza oltre 10 workshop dedicati a banche e assicurazioni, con l obiettivo di favorire fra i partecipanti lo scambio di esperienze su temi specifici e sull adozione di pratiche innovative. A tutto ciò si aggiungono i progetti di ricerca internazionali realizzati in collaborazione con le principali università e società di analisi e di ricerca presenti nel mercato. Le attività si focalizzano principalmente sugli effetti dello sviluppo di nuove strategie, sull innovazione normativa, sull approfondimento di prassi organizzative e di processo e sugli effetti dell introduzione dell innovazione tecnologica. Tra i partner istituzionali di CeTIF figurano: Banca d Italia, ISVAP, ABI, ANBP, ANIA, AIPB e CONSOB. Dal 2011 in seno a CeTIF è stato costituito il CEFIRS - Centre for European Financial Regulations Studies - un Osservatorio Permanente sulla regolamentazione nel settore finanziario, bancario e assicurativo. Il CeTIF è, inoltre, socio fondatore del FIT: l Associazione europea dei centri di ricerca sulla finanza e l Information Technology. Per ulteriori informazioni GFT Italia è parte del Gruppo GFT Technologies AG, basato in Germania e provider mondiale di soluzioni IT per il settore finanziario, bancario e assicurativo presente in Spagna, Regno Unito, Francia, Svizzera, Brasile e Stati Uniti. GFT Italia si avvale di oltre 500 addetti presso le sedi di Milano, Firenze, Siena, Torino, Parma, Piacenza, Padova, Genova e Palermo e vanta un portafoglio di offerta che comprende Business & IT Consulting, Digital Marketing & Communication, IT Solution&Services e Managed Services. GFT Italia collabora con i propri clienti condividendo esigenze, processi decisionali e opportunità di business coniugando le solide esperienze e la profonda conoscenza dei diversi settori di mercato con le competenze specialistiche di Program Management & Consulting, System Integration e Service Management Per ulteriori informazioni I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 2/18

3 Contenuto 1 Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi Il valore delle informazioni: i Big Data Il valore delle informazioni: i Big Data I Big Data a servizio del fraud management assicurativo I Big Data a servizio del fraud management assicurativo Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 3/18

4 1 Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo 1.1 Le frodi assicurative: lo scenario italiano ed europeo La peculiarità dei fenomeni fraudolenti che connotano il sistema assicurativo italiano è immediatamente deducibile analizzando la definizione che alcune compagnie nazionali 1 hanno identificato come appropriata per definire il fenomeno fraudolento nel nostro Paese: la frode è identificabile con quei fenomeni del ramo danni riconducibili a reato, che affliggono principalmente il ramo Auto, ma anche rami differenti da quello RC (quali il ramo danni elementari e quello infortuni) seppure in misura meno marcata. Se nella definizione possono certamente essere fatti rientrare la falsa certificazione, la simulazione del fatto e il falso ideologico, da essa devono invece essere esclusi tutti i fenomeni speculativi, quali la sovrastima del danno a cose o persone; questo perché in uno scenario quale quello italiano, nel quale è diffusa la tendenza a ritoccare all insù i danni riscontrati nel verificarsi di un evento sinistroso, una definizione estensiva del fenomeno finirebbe per far rientrare nel perimetro delle frodi assicurative una grande maggioranza dei sinistri denunciati alle compagnie. Il sistema Italia è contraddistinto inoltre da una tendenza a non identificare la frode alle assicurazioni come un evento criminoso, ma come un atto di furbizia o di astuzia; la maggior parte degli assicurati è convinta che l assicurazione «guadagni troppo alle loro spalle» e dunque la frode, poiché idealmente condotta contro l assicurazione stessa, è quasi percepita come uno strumento per veder saldato il credito che l assicurato ritiene di vantare nei confronti della compagnia. Tuttavia, la realtà dei fatti è ben differente: manca la consapevolezza del fatto che il numero e l entità dei danni da risarcire, indipendentemente dal fatto che siano questi reali o fraudolenti, incide direttamente sui premi che ciascun assicurato dovrà corrispondere nel futuro. Le frodi inducono un elevato spreco di risorse che a sua volta determina un aumento nell importo dei premi assicurativi richiesti alla clientela; il circolo vizioso innescato si ripercuote sul consumatore finale, che si ritrova a dover pagare un prezzo superiore per l elevato costo di gestione dei sinistri sopportato dalle compagnie. Date queste premesse, si evince che le frodi rappresentano un fenomeno che necessita di essere gestito in modo ottimale al fine di contenerne gli impatti negativi sul sistema nel suo complesso. Con riferimento al nostro Paese, negli ultimi anni si è assistito ad una contrazione nella raccolta del ramo danni, dovuta principalmente ad una diminuzione del ramo RC Auto. La riduzione dei premi raccolti è andata di pari passo con la diminuzione dei sinistri accaduti e denunciati e che hanno dato o daranno luogo a un risarcimento; infatti, il numero totale degli incidenti nel 2012 è stato pari a 2,3 milioni, con una diminuzione del 15,3% rispetto al Inoltre, i risultati negativi del ramo si accompagnano ad una particolare esposizione dello stesso al rischio frodi. Analizzando i dati IVASS relativi al 2011, i sinistri riconducibili a fenomeni fraudolenti a danno delle imprese assicurative sono stati , con un incidenza del 2,04% sulla globalità dei sinistri del ramo RC Auto. Si registra un importo totale di 281,9 milioni di Euro, pari al 2,42% dell ammontare complessivo dei risarcimenti e all 1,59% dei premi del ramo. È opinione comune che queste statistiche probabilmente non riflettano la reale portata del fenomeno italiano, non riportando alcuna traccia delle frodi sommerse, cioè quelle attuate, ma non accertate dal sistema assicurativo. Tale stato delle cose trova conferma nel momento in cui si procede a confrontare il fenomeno delle frodi italiano con quello europeo; in Europa la media dei 1 Definizione condivisa dal gruppo di lavoro partecipante al Competence Centre CeTIF 2013, dal titolo Fraud Management assicurativo 2013: processi e sistemi alla luce della nuova normativa, svoltosi nel periodo marzo-maggio 2013 con la partecipazione di 12 compagnie e gruppi assicurativi operanti nel mercato italiano. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 4/18

5 sinistri fraudolenti nel ramo RC Auto si attesta infatti intorno al 10%, contro il poco realistico 2,3% in Italia (Figura 1). Figura 1 - I fenomeni fraudolenti in Italia e in Europa Fonte: rielaborazione CeTIF di dati IVASS 2011 La rilevanza del fenomeno e i significativi effetti negativi che le frodi possono generare sul sistema assicurativo italiano hanno indotto l autorità ad affidare ad IVASS - Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni l incarico di organismo nazionale unico atto alla prevenzione delle frodi nel settore dell assicurazione e della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore. Sebbene nel contesto europeo si siano fatte in alcuni casi scelte differenti - affidando l attività antifrode a enti privati senza scopo di lucro (a titolo esemplificativo, in Francia con Alfa e Agira e nel Regno Unito con CIFAS - Credit Industry Fraud Avoidance System) o a più autorità distinte contemporaneamente, ciascuna con un proprio ambito di operatività - appare in ogni caso evidente che in tutti i paesi dell Unione il problema è ben noto e sono state poste in essere azioni molteplici per tentare di affrontarlo ed arginarlo nel più efficace dei modi. In generale, trattandosi di un fenomeno che ha impatti sul sistema assicurativo nel suo complesso, è opportuno sottolineare come nessuno dei suoi attori possa essere escluso dal porre in essere azioni finalizzate alla prevenzione, all individuazione e alla lotta alle frodi. Le azioni correttive sono dunque attese sia da parte della o delle autorità incaricate dell azione antifrode, sia da parte del legislatore, oltre che ovviamente anche da parte delle compagnie assicurative stesse. In Italia dovranno pertanto rendersi operativi: IVASS, l autorità, che deve strutturarsi al fine di svolgere il proprio ruolo all interno del sistema assicurativo italiano come principale organismo antifrode nel modo più efficace ed efficiente possibile; il legislatore, che deve intervenire con provvedimenti che prendano in considerazione il trade off tra tutela del cliente e possibilità di contrastare opportunamente i fenomeni fraudolenti; I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 5/18

6 le compagnie assicuative, che si devono strutturare sia dal punto di vista organizzativo sia da quello tecnologico al fine di prevenire, individuare e contrastare il maggior numero di frodi possibili. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 6/18

7 2 Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi 2.1 Compagnie assicurative e lotta alle frodi: modelli organizzativi Prevenire e contrastare i fenomeni fraudolenti all interno del contesto assicurativo implica notevoli sforzi da parte delle compagnie le quali hanno dovuto investire significativamente in tre aree essenziali per l efficace funzionamento di un sistema di fraud management: modelli organizzativi modelli operativi sistemi informativi. Infatti, la natura multiforme dei fenomeni fraudolenti e le difficoltà intrinseche alla loro prevenzione ed individuazione inducono le compagnie a porre in essere profondi cambiamenti sia a livello operativo-organizzativo sia a livello di dotazioni informatiche delle quali le aziende sono dotate. In particolare, le persone e la loro organizzazione sono fondamentali ai fini dell istituzione di un efficace sistema di fraud management poiché le risorse umane rappresentano l elemento in grado di rendere effettivamente e correttamente operative le linee guida e le disposizioni che la compagnia ha previsto per la lotta alle frodi. È inoltre opinione comune che anche il più sofisticato dei sistemi di fraud management non potrà mai sostituire integralmente la componente umana che caratterizza i processi di gestione delle frodi. Le procedure manuali rappresentano dunque un necessario complemento all operatività del sistema informativo, soprattutto nelle fasi di detection e di investigation 2, oltre che nell identificazione delle frodi interne, perpetrate all interno della compagnia stessa, spesso con il coinvolgimento diretto di suoi fiduciari. Tali tipi di attività, scarsamente standardizzabili e connotate da elevata variabilità, possono essere gestite in modo ottimale soltanto dagli operatori dedicati alle attività antifrode. La componente umana è essenziale per una corretta comprensione e qualificazione del fenomeno di frode, per la gestione delle eccezioni, oltre che per configurare ed alimentare correttamente le tecnologie adottate dalle imprese assicurative. Le compagnie sono tutte dotate di strutture organizzative ad hoc (unità antifrode aziendale) dedicate all individuazione delle linee guida per lo svolgimento dell attività antifrode e alla loro implementazione all interno dell azienda. Ciascuna impresa assicurativa ha adottato un sistema organizzativo diverso a seconda delle proprie peculiarità e della propria cultura aziendale, ma sono evidenziabili alcune caratteristiche che il comparto assicurativo italiano tende a riconoscere come necessarie per identificare un modello di fraud management adeguato. Innanzitutto, è essenziale il presidio da parte dell unità antifrode dell intero ciclo di gestione della polizza e del sinistro; in questo senso, il fatto che l unità antifrode abbia una visione complessiva di tutte le fasi del processo rappresenta un fattore critico di successo in grado di attuare un migliore contrasto alle frodi. Soltanto se si conosce la totalità del processo e se lo si 2 Il processo di gestione della frode si articola in tre fasi fondamentali: Fase di Prevention: insieme delle attività finalizzate a prevenire il verificarsi di fenomeni fraudolenti e/o l assunzione del rischio di frode da parte della compagnia (ossia prima che essi si traducano in un fenomeno concreto che necessiti di essere gestito da parte dell impresa); Fase di Detection: operazioni volte ad individuare i casi di sospetta frode che debbano essere segnalati all unità antifrode per lo svolgimento delle attività di investigazione, riducendo l incidenza dei casi di falsi positivi segnalati all unità antifrode; Fase di Investigation: attività di analisi dei casi segnalati come possibili frodi al fine di verificarne l effettiva natura fraudolenta I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 7/18

8 monitora integralmente si sarà in grado di individuare con maggiore abilità gli ambiti e le attività più critiche e che possono quindi più facilmente dare adito a tentativi di frode. Inoltre, di primaria rilevanza risulta essere l attività svolta dai fiduciari e, in particolare, il ruolo giocato dal liquidatore nell individuazione di possibili frodi nel corso del processo di liquidazione. Il liquidatore ha la visione complessiva del processo di gestione del sinistro ed è quindi in una condizione favorevole al fine di individuare i sinistri sospetti e di procedere con la segnalazione all unità antifrode preposta; il suo grado di competenza in merito alla capacità di riconoscere se un evento sinistroso ha caratteristiche tali da dover essere effettivamente gestito dall unità antifrode o se si tratta invece di un falso positivo (ossia un sinistro che appare fraudolento ma che in realtà non lo è) è essenziale per garantire l ottimale operatività dell unità. È necessario però sottolineare come ad ostacolare l efficacia dell azione antifrode dei liquidatori si ponga spesso il sovraccarico di attività a cui essi sono sottoposti; le azioni antifrode che gli si richiede di porre in essere vanno a sommarsi alla molteplicità dei task che devono compiere abitualmente nel corso del processo di liquidazione, generando carichi di lavoro che sono spesso di difficile gestione. La complessità e la mole di attività inducono spesso i liquidatori a svolgere controlli limitati in ambito antifrode con una conseguente minore efficacia del fraud management aziendale. Estendendo l analisi a tutti i fiduciari, si evince che la principale criticità riscontrata con riferimento al loro ruolo di lotta ai fenomeni fraudolenti è riconducibile alla costituzione di un ecosistema compagnie-fiduciari-agenti nel quale si dovrebbero realizzare costanti scambi e condivisioni delle informazioni relative ai sinistri e alle frodi sospette, così da garantire un continuo aggiornamento sulle attività antifrode in corso di svolgimento. I processi di comunicazione fra questi attori del sistema assicurativo spesso non vengono svolti oppure risultano essere poco tempestivi e connotati da elevata imprecisione nelle informazioni circolarizzate, con grave nocumento della qualità del processo antifrode. I fiduciari risultano essere generalmente scarsamente predisposti alla collaborazione con gli altri attori del sistema, ragione per la quale molte compagnie hanno istituito dei sistemi di incentivazione, rivolti in particolare ai medici, al fine di sensibilizzarli e incoraggiarli a contribuire fattivamente al contrasto e alla prevenzione dei fenomeni fraudolenti. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 8/18

9 3 Il valore delle informazioni: i Big Data 3.1 Il valore delle informazioni: i Big Data La penetrazione capillare della tecnologia nella nostra società, la diffusione dei social media e l inarrestabile evoluzione dei sistemi informatici genera un ingente ed estremamente variegata quantità di informazioni. Nell ultimo decennio si è assistito alla rapida diffusione di nuove «sorgenti di informazione», quali i Social Media e i Social Network, i dispositivi mobile, reti di sensori e strumenti scientifici sempre più sofisticati. Da questi fenomeni innovativi è possibile ricavare grandissimi volumi di dati, non necessariamente strutturati, la cui validità è spesso legata al momento in cui vengono generati. Le informazioni costituiscono una necessità fondamentale, essendo alla base di qualsiasi processo decisionale; tuttavia il solo fatto che le informazioni esistano non è di per sé sufficiente a costituire un effettivo valore. Sono necessarie almeno 2 condizioni affinché questa moltitudine di dati si trasformi in patrimonio informativo : Completezza: le informazioni devono avere un grado di dettaglio elevato e devono provenire da molteplici fonti per poter valutare un elemento da diversi punti di vista; Tempestività: il valore di un informazione è direttamente proporzionale alla sua freschezza, soprattutto in un contesto come quello attuale dove la velocità di generazione delle informazioni è estremamente elevata; se ne desume che è fondamentale che le informazioni raccolte possano essere consultate rapidamente. Vi è poi un ulteriore aspetto che deve essere considerato: il valore informativo di un insieme di dati non è costituito solo dalla somma delle informazioni di ogni singolo dato ma anche e soprattutto dalle relazioni che sussistono tra i dati stessi. Le relazioni tra i dati danno vita a nuove informazioni, potenzialmente in un numero più elevato rispetto ai dati di partenza; tali nessi costituiscono un notevole valore aggiunto nascosto a cui però non è facile accedere con i sistemi tradizionali (transazionali). L accesso alle informazioni secondo le modalità descritte è una necessità pressante per le tutte le aziende, in particolare per quelle che operano nel settore dei servizi, dove il sempre più elevato livello di competitività del mercato richiede la capacità di effettuare valutazioni complesse in tempi rapidi per intervenire tempestivamente sui fenomeni problematici. Tutte le aziende di dimensioni medio - grandi dispongono di grandi database in cui sono contenute moltitudini di informazioni relative al proprio business. Queste strutture informative, però, pur essendo estremamente ricche di dati, sono poco flessibili e comportano alcuni limiti, non sempre facilmente risolvibili: Mancanza di comunicazione: sono quasi sempre strutture dipartimentali e costituite da sistemi monolitici non in comunicazione tra loro. La diretta conseguenza di questa struttura si sostanzia nel fatto che ogni singola interrogazione non è esaustiva; la mancanza di comunicazione tra le varie basi dati dipartimentali rende necessario fare più interrogazioni per ottenere le informazioni necessarie da tutte le basi dati (a meno di replicare le informazioni nelle varie basi dati); Analisi delle relazioni: con i sistemi tradizionali è estremamente complesso quando non impossibile analizzare le relazioni che sussistono fra dati distinti; Estendibilità della base dati: includere nuove fonti in una base dati tradizionale è un operazione complessa con ricadute non trascurabili sul fronte dei tempi e dei costi; Accesso a fonti esterne all azienda: solitamente sono presenti solamente i dati provenienti dall ambito aziendale, mentre i dati provenienti da fonti esterne richiedono operazioni di normalizzazione, più o meno onerose. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 9/18

10 In altri termini: il problema di oggi non è il reperire l informazione ma la capacità di gestirla, analizzarla, sintetizzarla e di estrarne il «valore aggiunto» in modo efficiente e scalabile. I gruppi di informazioni la cui mole e complessità sono tali da rendere necessari nuovi approcci, architetture e tecnologie che ci consentano di gestirli, sono definiti Big Data. L enorme volume di questi dataset, la loro eterogeneità e quella delle fonti da cui provengono, il bisogno di poter effettuare le analisi in tempi brevissimi per evitare che il valore informativi del dato si deteriori a causa dell obsolescenza e, soprattutto, la necessità estrarre il «valore aggiunto» in esse nascosto in termini di relazioni tra i dati, mettono in campo scenari la cui complessità genera una crisi dei sistemi tradizionali. Comunemente, i sistemi basati su un approccio Big Data vengono descritti mediante la definizione delle 3 V, che permette di individuare facilmente alcuni degli elementi caratterizzanti di questa tecnologia: Volume: i sistemi basati sulla tecnologia Big Data sono in grado di acquisire, memorizzare e consultare enormi quantità di dati che comporterebbero significative difficoltà se approcciate mediante le tecnologie tradizionali; Variety: questa è forse una delle possibilità più interessanti dei sistemi Big Data, ossia la capacità di acquisire dati da molte fonti eterogenee e senza la necessità che gli stessi siano organizzati secondo una struttura predefinita. I sistemi Big Data possono acquisire dati strutturati, semi-strutturati o non strutturati (raw data) provenienti da molte fonti diverse e la base dati può essere estesa con nuove fonti in tempi ridotti rispetto ai sistemi RBDMS; Velocity: l abilità dei sistemi Big Data di poter acquisire dati senza la necessità di memorizzarli secondo un formato predefinito, permette di consultare i dati acquisiti dopo breve tempo dall acquisizione, riducendo sensibilmente il rischio di obsolescenza degli stessi. Questa definizione risulta essere riduttiva, perché non include una delle caratteristiche più interessanti e maggiormente differenzianti dei Big Data, ossia la capacità di individuare ed analizzare le relazioni nascoste tra i dati. Se il valore informativo di un dataset è superiore alla somma delle informazioni legate ai singoli dati, grazie alle relazioni esistenti fra essi, spesso queste relazioni sono nascoste in quanto non sono indagabili con un sistema informativo tradizionale. I sistemi Big Data, invece, sono in grado di individuare queste relazioni in maniera nativa. Questa possibilità aumenta in maniera sensibile il valore del proprio patrimonio informativo permettendo di fare analisi sul tipo e la quantità di relazioni che interconnettono i dati; in questo modo è anche possibile individuare le relazioni tra elementi provenienti da fonti diverse. L approccio Big Data permette non solo di utilizzare una mole più grande di dati e una varietà più ampia di fonti, indipendentemente dalla struttura che esse hanno, ma soprattutto di estrarre molte più informazioni dai dati sfruttandoli in maniera più completa ed efficace. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 10/18

11 4 I Big Data a servizio del fraud management assicurativo 4.1 I Big Data a servizio del fraud management assicurativo Se le azioni organizzative e di processo che le compagnie assicurative hanno intrapreso per migliorare la propria capacità di prevenire e contrastare le frodi rappresentano un elemento essenziale della strategia di fraud management delle imprese, un approccio efficace per la gestione di tali fenomeni non può però prescindere dall adozione di strumenti informativi idonei a contrastare in maniera efficace il rischio di frode. Inoltre deve essere tenuto in debito conto il sempre più incisivo fenomeno delle frodi organizzate che, sebbene numericamente inferiori rispetto alle frodi occasionali (anche definite opportunistiche), generano un aggravio economico maggiore per le compagnie; inoltre, essendo organizzate da professionisti della frode (spesso dalla stessa criminalità organizzata) è estremamente complesso rilevarle, perché vengono prese tutte le contromisure atte a impedire che la frode venga scoperta. I frodatori stessi evolvono le loro tecniche di azione per evitare di venire individuati dalle regole dei motori antifrode e le frodi diventano sempre più complesse e articolate, uscendo dai soli contesti locali per andare a radicarsi nell intero territorio nazionale, rendendo sempre più complesso il lavoro delle unità antifrode. Gli strumenti tecnologici aiutano a superare le difficoltà operative della struttura di controllo adibita alle funzioni di individuazione e gestione delle frodi, facilitando l analisi di quantità di dati massive per individuare eventuali fenomeni occulti e potenziali schemi di frode. Per tale ragione, è proprio l area dei sistemi informativi quella nella quale le imprese di assicurazione desiderano investire con maggior urgenza al fine di migliorare l efficienza e l efficacia dei processi di fraud management. Tuttavia, la mancanza o l incompletezza dei dati relativi ai soggetti frodatori e ai sinistri denunciati rendono complicato il monitoraggio delle situazioni potenzialmente rischiose e riducono significativamente la possibilità di dedurre con sufficiente anticipo l esistenza di schemi fraudolenti ricorrenti, minando alla base l efficacia di qualsiasi tecnologia di fraud management. Allo stesso tempo, risultano essere spesso assenti anche adeguati sistemi integrati di reportistica e tracciatura dei rapporti in essere con i propri contraenti. È dunque evidente quanto sia rilevante disporre di una base di dati completa relativa ai sinistri della compagnia, dalla quale dedurre i comportamenti fraudolenti sulla base di schemi e modelli efficaci nell individuare le frodi potenziali con lo scopo di gestirle nella maniera opportuna. I dati storici relativi ai sinistri denunciati presso la compagnia potrebbero essere integrati anche dall utilizzo di informazioni raccolte presso soggetti terzi (ad esempio, altre compagnie assicurative, del medesimo gruppo o di gruppo differente), al fine di migliorare la quantità dei dati a disposizione e incrementare dunque la possibilità di individuare con successo possibili schemi di frode. Tuttavia, tali logiche di scambio massivo di informazioni risultano essere in contrasto con le previsioni normative attuali ed inoltre richiederebbero un livello di maturità delle dotazioni tecnologiche finalizzate alla gestione dei fenomeni fraudolenti superiore rispetto a quello attualmente riscontrabile nel settore. Lo scambio di informazioni tra compagnie e soggetti terzi potrà probabilmente rappresentare un successivo step nel percorso di adattamento dei supporti informatici delle compagnie alle esigenze di fraud management. Inoltre, i dati detenuti presso i database delle compagnie potrebbero essere integrati con le informazioni presenti nelle banche dati istituzionali (IVASS, ANIA, Casellario Centrale Infortuni INAIL, ecc.) e non istituzionali presenti nel panorama italiano al fine di rendere maggiormente esaustivo il data set utilizzato per l individuazione delle frodi. Con riferimento alle banche dati non istituzionali, oltre ai dati delle black-box eventualmente installate dai clienti e alle informazioni di geolocalizzazione - ricavabili dai sistemi antifurto satellitari, dalle telecamere per il controllo della velocità e dai dispositivi telepass - un ambito di particolare interesse è quello del flusso quotidiano di input proveniente dai social media. Sebbene l incertezza normativa e le regole di visibilità I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 11/18

12 pubblica dei dati non permettano attualmente di utilizzare in maniera puntuale queste informazioni per verificare l esistenza di potenziali fenomeni fraudolenti, i social media rappresentano un canale di raccolta di informazioni di rilevanza crescente e che sta suscitando l attenzione anche delle compagnie assicurative del nostro paese. È tuttavia opportuno specificare che la presenza di database ricchi di dati completi, aggiornati e provenienti da fonti plurime potrebbe non garantire di per sé un efficace funzionamento del sistema di gestione delle frodi. Se è vero che le informazioni rappresentano l unità fondamentale di un sistema di fraud management ottimale, i Big Data rappresentano un patrimonio di grandissimo valore per l azienda che li detiene, ma sono al contempo una ricchezza connotata da una particolare complessità di immagazzinamento, gestione ed elaborazione. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 12/18

13 5 Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT 5.1 Migliorare le regole antifrode tramite le tecnologie BIG DATA: la proposta GFT I sistemi antifrode tradizionali sono quasi sempre basati su un set di regole, più o meno sofisticate, che permettono di valutare il rischio di frode di un singolo sinistro sulla base di alcuni parametri (ad esempio, il numero di sinistri precedenti dell assicurato, la dinamica anomala di un sinistro, la prossimità alla scedenza di una polizza, ecc.). Tali sistemi hanno dimostrato una discreta efficacia nell individuare alcune delle tipologie più comuni di frode opportunistica, tuttavia non sono in grado - o hanno capacità molto limitate - di individuare gli schemi complessi propri delle frodi organizzate, proprio perché la valutazione viene effettuata sulla base degli elementi legati ai sinistri in corso di analisi. Con questi sistemi, basati sulla sola valutazione delle regole, si riesce a coprire molte aree di indagine relative alle frodi perpetrate, ma risulta molto complicato includere nei parametri di indagine elementi relativi a eventuali relazioni indirette con altri sinistri (ad esempio, se un soggetto ha ricoperto il ruolo di testimone in più sinistri, se gli stessi soggetti sono stati coinvolti in più sinistri magari con ruoli diversi, se lo stesso schema di frode si sta ripetendo in regioni diverse). L elemento distintivo delle frodi organizzate è però proprio la rete di relazioni nascoste che sussiste tra i soggetti che reiterano le frodi; l individuazione tempestiva di queste relazioni e dei soggetti che vi partecipano permette di ottenere il duplice risultato di intercettare la frode prima della fase di liquidazione e di prendere le necessarie contromisure nei confronti dei soggetti che partecipano all organizzazione, evitando il ripetersi del fenomeno illecito da parte degli stessi. Inoltre, i sistemi tradizionali sono spesso basati su database transazionali che sono estremamente validi per individuare le modificazioni di un informazione nel corso del tempo (ad esempio, le variazioni della documentazione allegata alla denuncia, le modifiche al contratto, ecc.) ma quasi sempre accedono alle informazioni di un numero estremamente limitato di sistemi (ad esempio, sistema sinistri, sistema di portafoglio, ecc.); questo accade perché estendere la base dati interrogata è un processo piuttosto complesso e oneroso. Una soluzione basata su un approccio di tipo Big Data permetterebbe di implementare una base dati dedicata al sistema antifrode, con un numero maggiore di dati provenienti da molte fonti eterogenee ed in particolare da fonti esterne alla compagnia; sebbene tali informazioni siano accessibili alle compagnie anche oggi, esse non sono integrate nei sistemi attuali, richiedendo quindi all operatore distinte interrogazioni su sistemi differenti. Tanto più è ingente la quantità di dati a disposizione, quanto più risulta essere fondamentale la qualità dello strumento informativo adottato per leggere, interpretare e comunicare le evidenze ricavate dalla mole di dati interrogata. Le enormi potenzialità connesse al dato possono essere rese effettive solo per mezzo di un adeguata dotazione tecnologica, che permetta di utilizzare questa ingente massa di informazioni in una logica predittiva e non unicamente reattiva, nell ottica di un effettiva azione preventiva contro i fenomeni fraudolenti. Una soluzione tecnologica che possa assolvere tale compito dovrà quindi essere connotata da elementi caratterizzanti quali: la capacità di gestire ed utilizzare in ottica antifrode grandi quantità di dati non strutturati e provenienti da fonti informative multiple e anche significativamente difformi fra loro; la velocità nell individuare e disporre dei dati utili all elaborazione, tendendo il più possibile all elaborazione in tempo reale; I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 13/18

14 la rapidità nell ottenere i risultati dell analisi svolta sui dati interrogati; l adozione ed implementazione di tecniche innovative di analisi dei dati, differenti e maggiormente accurate rispetto a quelle tradizionali e più note; l abilità nell individuare relazioni e nessi fra dati apparentemente non correlati fra loro. A titolo esemplificativo, le relazioni riconosciute potrebbero essere proficuamente utilizzate al fine di implementare meccanismi di alerting finalizzati a segnalare automaticamente e puntualmente alle risorse dell unità sinistri/antifrode la presenza di situazioni sospette; queste potrebbero essere imputabili alla ricorrenza di particolari elementi o somme di elementi (ad esempio, il medesimo soggetto coinvolto in più sinistri differenti in un arco di tempo relativamente ridotto, magari nella medesima città o quartiere) o all individuazione di legami fra eventi, persone, luoghi distinti. In quest ottica una soluzione innovativa per il fraud management, che integri tali nuove caratteristiche e funzionalità perseguendo le tradizionali finalità di prevenzione dai fenomeni fraudolenti, dovrà essere basata su un approccio Big Data. Tale soluzione dovrà poter sfruttare le potenzialità insite nella mole di informazioni ad oggi disponibili per le compagnie assicurative, estraendone il valore aggiunto e fornendo alle strutture antifrode aziendali un arma sofisticata per combattere le frodi già poste in essere, oltre a prevenire i reati fraudolenti che ancora non sono stati realizzati. Inoltre, un sistema di tipo Big Data è in grado di individuare tutte le relazioni tra i dati in maniera nativa permettendo all operatore di avere evidenza delle stesse in maniera immediata. In sintesi, si otterrebbe il duplice vantaggio di avere una base dati più ricca dal punto di vista del numero dei dati e delle fonti, oltre ad includere la fondamentale capacità di individuare ed analizzare le relazioni. In questo modo è possibile non solo affinare le regole di scoring - che potrebbero giovare di una base dati molto più ampia - ma di includere anche regole che si basino sull analisi delle relazioni. Per formulare la propria proposta, GFT non si è posta quale obiettivo la mera costruzione di un sistema antifrode che, seppure con diversi livelli di complessità, è ormai già presente in quasi tutte le compagnie assicurative; piuttosto, si è concentrata su quell area che risulta essere problematica per la maggior parte dei sistemi disponibili e che, al tempo stesso, sta diventando sempre più necessaria per un efficace lotta alle frodi: l analisi delle relazioni nascoste. L intento della soluzione di GFT è quello di arricchire i sistemi anti frode di capacità relative alla scoperta e alla valutazione in real time di legami nascosti tra soggetti e di fornire la possibilità di analizzare questi legami. Il sistema proposto si compone essenzialmente di quattro parti: l interfaccia di acquisizione dei dati; il motore di elaborazione dei dati; il motore di scoring in tempo reale per valutare eventuali relazioni sospette tra i soggetti coinvolti nel sinistro; l interfaccia grafica di visualizzazione e analisi delle relazioni individuate. Il motore di elaborazione può acquisire informazioni da fonti distinte, quali il sistema sinistri, il sistema di portafoglio o il CRM della compagnia, liste interne o esterne (banche dati di settore). L'acquisizione dei dati non comporta la creazione di schemi/database dedicati, come nell'approccio tradizionale: i dati sono semplicemente "salvati come arrivano" e non c è nessuno schema/premodellizzazione dei dati richiesta (l approccio Big Data è infatti definito "schemaless"). I dati sono elaborati dal motore, basato su tecnologia Apache Hadoop, che come risultato produce: I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 14/18

15 una serie di documenti (il volume dei dati acquisiti nella fase di test è nell'ordine dei milioni) relativi ai sinistri ed ai soggetti individuati che vengono indicizzati nel motore di ricerca ElasticSearch 3 ; una rete di relazioni che viene memorizzata in un database specializzato per la gestione dei grafi, creata a partire dai legami che sono stati individuati nei sistemi (ad esempio, dal portafoglio estraiamo i legami tra i beneficiari di una polizza vita ed il contraente, dal CRM le relazioni censite tra i singoli soggetti, dai sinistri si ricava una relazione tra tutti i soggetti che sono stati coinvolti in qualche modo nel medesimo evento sinistroso). La rete risultante è composta da milioni di nodi e milioni di relazioni tra essi; La scelta tecnologica di un database orientato ai grafi è principalmente motivata dalla convinzione che sia la struttura più idonea per individuare eventuali relazioni non di primo livello tra diversi soggetti. Ma cosa succede quando l'utente interroga il nostro sistema? Dapprima sono ricercati tutti i riferimenti associati ai soggetti che sono stati inseriti dall'operatore (la tecnologia ElasticSearch si è rivelata particolarmente idonea allo scopo); quindi, viene scandagliata la rete di relazioni alla ricerca di eventuali nessi nascosti che comprendano i soggetti indicati dall'operatore; i risultati ottenuti vengono quindi processati in tempo reale dal motore di scoring che, sulla base delle regole definite, determina lo score che rappresenta un livello di alert per una successiva indagine: più è alto, più è probabile di essere in presenza di un legame sospetto tra i soggetti coinvolti. L intero processo, sui volumi indicati, viene effettuato in tempi di circa 1 secondo 4. Il semplice click fatto dall operatore nasconde quindi in realtà la ricerca attraverso milioni di documenti e milioni di relazioni che sono state create a partire da dati provenienti da sistemi eterogenei/non comunicanti tra loro e la loro elaborazione in tempo reale. Oltre all alert, l operatore avrà poi a disposizione uno strumento grafico specializzato per visualizzare e analizzare le relazioni che coinvolgono gli elementi correlati al sinistro (network analysis). Quali sono i vantaggi che questa soluzione basata su BigData ha rispetto alle soluzione "tradizionali"? Maggiore semplicità nel processo di acquisizione ed integrazione nel motore di nuove informazioni provenienti dagli stessi sistemi o da nuove sorgenti (arricchimento); maggiore semplicità nell esecuzione di interrogazioni complesse sui dati: realizzare una ricerca "Google-like" o creare un grafo di relazioni non sono operazioni "naturali" per i sistemi tradizionali (transazionali), e sono sicuramente di complessa realizzazione; maggiore semplicità nel modificare o introdurre nuove regole per il calcolo dello scoring: l utilizzo di tecnologie schemaless rende l impianto più flessibile rispetto ad una soluzione standard (tipicamente una sistema relazionale tradizione viene modellato sulla base delle interrogazioni che gli devono essere sottoposte; quindi, modificare le regole può comportare non solo la variazione della logica applicativa ma anche il cambiamento dello schema dei dati, con tutte le conseguenze che ciò comporta). 3 La scelta della tecnologia ElasticSearch è imputabile al fatto che essa consente di recuperare questi documenti in tempo reale, con una modalità di ricerca Google-like 4 Dati rilevati a partire da una fonte di circa 65 milioni di informazioni elaborate su una normale PC I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 15/18

16 Con "semplicità" non si intende affermare che sia più facile utilizzare queste tecnologie rispetto alle attuali; tuttavia, pur includendo nella valutazione le complessità legate all apprendimento di questa tecnologia, è innegabile che le possibilità offerte dal Big Data comportino vantaggi in termini di capacità di analisi dei dati, rendendo tale approccio di sicuro interesse nel contesto della lotta alle frodi assicurative. Quale ulteriore punto di riflessione, è opportuno sottolineare che la soluzione di GFT utilizza esclusivamente software open-source (Apache Hadoop, ElasticSearch, OrientDB) con vantaggi dal punto di vista dei costi di implementazione e relativa facilità di integrazione nei sistemi in essere. I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 16/18

17 I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 17/18

18 Contatti: Prof.ssa Chiara Frigerio CeTIF - Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Università Cattolica del Sacro Cuore Via San Vittore, Milano Italia T F Ing. Umberto Zanchi GFT Italia S.r.l. Via A. Campanini, Milano Italia T F I Big Data a servizio del Fraud Management assicurativo: un analisi a cura di GFT Italia e CeTIF Marzo 2014 Pagina 18/18

Agent Channel R-Evolution: Integrazione e sinergie tra canali innovativi e rete agenziale

Agent Channel R-Evolution: Integrazione e sinergie tra canali innovativi e rete agenziale Agent Channel R-Evolution: Integrazione e sinergie tra canali innovativi e rete agenziale 1 Strategia, innovazione e finanza. Questi i tre elementi fondanti le attività del CeTIF Il Centro di Ricerca su

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PREVENZIONE DELLE FRODI ASSICURATIVE ESIGENZE NORMATIVE E IMPATTI ECONOMICI

PREVENZIONE DELLE FRODI ASSICURATIVE ESIGENZE NORMATIVE E IMPATTI ECONOMICI PREVENZIONE DELLE FRODI ASSICURATIVE ESIGENZE NORMATIVE E IMPATTI ECONOMICI Il 22 Aprile si è tenuto il Convegno SAS Forum Milano con oltre 1900 partecipanti di tutti i settori aziendali. Una delle sessioni

Dettagli

Chiara Frigerio Davide Lotti Luisa Mirabile

Chiara Frigerio Davide Lotti Luisa Mirabile 1 AUTORI: Chiara Frigerio Davide Lotti Luisa Mirabile Pubblicato nel mese di Gennaio 2012, Copyright CeTIF. Tutti i diritti riservati. Ogni utilizzo o riproduzione anche parziale del presente documento

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione della Clientela Corporate per un utilizzo sicuro dei servizi di Internet Banking

Azioni di sensibilizzazione della Clientela Corporate per un utilizzo sicuro dei servizi di Internet Banking Azioni di sensibilizzazione della Clientela Corporate per un utilizzo sicuro dei servizi di Internet Banking Giugno 2013 1/12 Premessa L Internet Banking è a oggi tra i servizi web maggiormente utilizzati

Dettagli

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007)

La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) La risk analisys tra metodologie standard e tecniche proprietarie (ICT Security - giugno 2007) Con questo articolo intendiamo porre a confronto seppure in maniera non esaustiva le tecniche di analisi dei

Dettagli

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione

Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d interesse per i fondi pensione A: Dipartimento del Tesoro dt.direzione4.ufficio2@tesoro.it Da: PROMETEIA Data: 31 gennaio 2008 Oggetto: Commenti al Documento di consultazione Disciplina dei limiti agli investimenti e dei conflitti d

Dettagli

STRATEGIC Management Partners

STRATEGIC Management Partners STRATEGIC Management Partners Strategic Report Creare un vantaggio competitivo nella relazione IT e business Gianluca Quarto Sintesi 2 E un dato di fatto che i sistemi informatici rappresentano uno strumento

Dettagli

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011

Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Oggetto: Commenti dell Associazione Italiana Internal Auditors al documento di consultazione N. 42/2011 Come noto, l Associazione Italiana Internal Auditors, parte dell Institute of Internal Auditors,

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Frodi dei dipendenti Metodi e strategie per affrontarle

Frodi dei dipendenti Metodi e strategie per affrontarle Frodi dei dipendenti Metodi e strategie per affrontarle Bruno Piers de Raveschoot, Managing Director, Head of Actimize Europe and Asia Pacific E un fenomeno in crescita e presenta notevoli rischi per le

Dettagli

Business Case - RES e Banca Popolare di Sondrio BANCA POPOLARE DI SONDRIO, LA QUALITY ASSURANCE DIVENTA FATTORE CULTURALE

Business Case - RES e Banca Popolare di Sondrio BANCA POPOLARE DI SONDRIO, LA QUALITY ASSURANCE DIVENTA FATTORE CULTURALE BANCA POPOLARE DI SONDRIO, LA QUALITY ASSURANCE DIVENTA FATTORE CULTURALE Business Case - RES e Banca Popolare di Sondrio Con l obiettivo duplice di comprimere i costi, ottimizzando l uso delle risorse

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti

LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP. richiesta di commenti LA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP richiesta di commenti Novembre 2013 1 Indice RICHIESTA DI COMMENTI SULLA NUOVA METODOLOGIA DI RATING CERVED GROUP... 3 LE MOTIVAZIONI... 4 I PRINCIPALI ELEMENTI

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese

SAP Business One: la soluzione per la gestione aziendale delle piccole e medie imprese SAP Business One è la soluzione di gestione aziendale completa, accessibile e di facile implementazione. Pensata specificatamente per le piccole e medie imprese, ne assicura la crescita aiutandole a incrementare

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Pagina 2 di 10

PROFILO AZIENDALE. Pagina 2 di 10 PROFILO AZIENDALE BTM Brokers nasce per iniziativa di alcuni professionisti, attivi già da molti anni nel settore dell intermediazione assicurativa e della consulenza nella gestione dei rischi, che, sfruttando

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

L A 1.B 2.C 3. per il governo dell IT in tempi di crisi. Allineamento al business Budget di spesa Compliance e sicurezza

L A 1.B 2.C 3. per il governo dell IT in tempi di crisi. Allineamento al business Budget di spesa Compliance e sicurezza L A 1.B 2.C 3. per il governo dell IT in tempi di crisi Allineamento al business Budget di spesa Compliance e sicurezza Crisi & Investimenti IT Information & Communication Technology Strategico Differenziante

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato LA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORATIVO IN ASS N 1 TRIESTINA 1 La valutazione del rischio stress lavoro-correlato PREMESSA Una delle rilevanti novità del Dlgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni,

Dettagli

MEMENTO. Enterprise Fraud Management systems

MEMENTO. Enterprise Fraud Management systems MEMENTO Enterprise Fraud Management systems Chi è MEMENTO Fondata nel 2003 Sede a Burlington, MA Riconosciuta come leader nel settore in forte espansione di soluzioni di Enterprise Fraud Management Tra

Dettagli

Frodi nel settore assicurativo

Frodi nel settore assicurativo Advisory Frodi nel settore assicurativo Come contrastare il fenomeno: modelli, processi e strumenti kpmg.com/it Indice Premessa 4 La survey e il contesto di riferimento 5 Executive Summary 6 I risultati

Dettagli

Esperienze di soluzioni per la fraud detection in ambiente assicurativo

Esperienze di soluzioni per la fraud detection in ambiente assicurativo Esperienze di soluzioni per la fraud detection in ambiente assicurativo Nicola Pavanelli, Raffaello Giuliani Convegno AIEA, Orvieto, 20 giugno 2003 n.pavanelli@crifgroup.com r.giuliani@crifgroup.com CACHE

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza.

B usiness I ntelligence: L a scintilla che accende. un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno. la conoscenza. B usiness I ntelligence: un investimento che si fa apprezzare giorno dopo giorno.... abbiamo constatato ad esempio come le aziende che hanno investito significativamente in BI (Business Intelligence) abbiano

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA

MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA MICROSOFT DYNAMICS: SOLUZIONI GESTIONALI PER L AZIENDA Microsoft Dynamics: soluzioni gestionali per l azienda Le soluzioni software per il business cercano, sempre più, di offrire funzionalità avanzate

Dettagli

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure

TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia. You cannot Manage What you cannot Measure TiQ Green Energy Management: La soluzione IT per il continuo miglioramento dell utlizzo dell energia You cannot Manage What you cannot Measure 1. Moduli di GEM Energy Monitoring Misurare è il primo passo

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese:

Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: WHITE PAPER SULLE BEST PRACTICE Misurare il successo Guida alla valutazione dei service desk per le medie imprese: Come scegliere la soluzione ottimale per il service desk e migliorare il ROI Sommario

Dettagli

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi

Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi L importanza della comunicazione Coordinamento, sinergie e flussi informativi tra l OdV, gli organi di controllo interno e le funzioni di assurance: uno schema di analisi FAbio ACCARDi se nella ricerca

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

MEDICO DEL LAVORO. Effettua le visite mediche; redige la cartella sanitaria e di rischio; rilascia le idoneità allo svolgimento delle mansioni.

MEDICO DEL LAVORO. Effettua le visite mediche; redige la cartella sanitaria e di rischio; rilascia le idoneità allo svolgimento delle mansioni. SAFETYSOLUTION RSSP Con SAFETY SOLUTION Zucchetti le persone preposte alla sicurezza dispongono di tutte le informazioni necessarie a verificare la corretta gestione dei processi aziendali impostati per

Dettagli

Soluzioni innovative per la protezione delle Agenzie Bancarie

Soluzioni innovative per la protezione delle Agenzie Bancarie Soluzioni innovative per la protezione delle Agenzie Bancarie Pierfrancesco Poce IT Executive Consultant Safety & Security Leader p_poce@it.ibm.com Soluzioni, strumenti e metodologie per una nuova strategia

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda

Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Le esternalizzazioni di alcune funzioni aziendali: l esperienza lombarda Pietro Galbiati Buongiorno a tutti. 1 Il mio compito è quello di presentare in sintesi come stiamo affrontando il tema della esternalizzazione

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti

ll boom del risparmio gestito: distribuzione e nuove regole S. Ambrosetti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Aggiornato al 19/04/2012. Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo

Fondo Pensione Gruppo Intesa Sanpaolo Aggiornato al 19/04/2012. Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo Fondo Pensione per il Personale delle Aziende del Gruppo Bancario Intesa Sanpaolo CODICE ETICO Premessa Scopo esclusivo del Fondo è l erogazione di trattamenti pensionistici complementari del sistema obbligatorio

Dettagli

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI

CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI Ideale anche per la tua azienda CREA VALORE DALLE RELAZIONI CON I TUOI CLIENTI La soluzione CRM semplice e flessibile MarketForce CRM è una soluzione di Customer Relationship Management (CRM) affidabile,

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

I S V A P. 24 ottobre 2002. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

I S V A P. 24 ottobre 2002. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI I S V A P Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo 24 ottobre 2002 227222 Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia Alle Rappresentanze Generali di

Dettagli

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016

Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 Piano triennale anticorruzione annualità 2014 2016 A seguito della entrata in vigore della Legge Anticorruzione n.190/2012, recante Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell

Dettagli

INNOVAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DI POLIZZE VITA E DANNI PER CASSE DI RISPARMIO, BANCHE POPOLARI E BANCHE PICCOLE:

INNOVAZIONE NELLA DISTRIBUZIONE DI POLIZZE VITA E DANNI PER CASSE DI RISPARMIO, BANCHE POPOLARI E BANCHE PICCOLE: 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000, Basso profilo di rischio) 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000, Basso profilo di rischio) 1 - SME - GIARDINO ZEN (Affidamento fino a 30.000,

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

XXVI Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Fronteggiare la crescita dei rischi e della complessità

XXVI Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Fronteggiare la crescita dei rischi e della complessità XXVI Convegno Nazionale di IT Auditing, Security e Governance Fronteggiare la crescita dei rischi e della complessità Il Fraud Audit Manager nelle Financial Institutions: tra frodi interne ed analisi dei

Dettagli

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS

SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS SOLUZIONI DI GOVERNO: HEGOS Il governo della salute è oggi una politica di gestione obbligata per conciliare i vincoli di bilancio, sempre più stringenti, con la domanda di salute dei cittadini. L ICT

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA

SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA SAVA: LA TECNOLOGIA PORTA IL CLIENTE IN AZIENDA Per supportare SAVA nello sviluppo di un offerta finanziaria sempre più multicanale ed in linea con le esigenze del singolo cliente, Blue Reply ha creato

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE

SIGLATA L INTESA PER UNA FORTE PARTNERSHIP INDUSTRIALE CON MAPFRE NEL BUSINESS AUTO AGENZIALE Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 Società iscritta all'albo

Dettagli

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello

Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO SISTEMI DI COMPLIANCE E DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001 Il Ruolo del Dottore Commercialista nell implementazione del modello Dott. Michele Milano 1 29 novembre

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE

PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE un team di professionisti al servizio della tua banca La definizione degli obiettivi strategici e di sviluppo è da sempre un esigenza connaturata nella realtà di Cassa

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013

DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 DARE VALORE alle RISORSE e alla loro PIANIFICAZIONE: il caso SICURITALIA SAP INNOVATION FORUM 2013 Sicuritalia: quadro di una realtà innovativa Sicuritalia è leader in Italia nel settore della sicurezza

Dettagli

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012

Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative. Milano, 8 marzo 2012 Workshop AML L equilibrio fra proporzionalità e avanguardia nella lotta al riciclaggio: soluzioni organizzative e operative Le attività di Internal Auditing sull antiriciclaggio tramite sistemi evoluti:

Dettagli

Fabio Menis Soluzioni di Fraud Detection per la Pubblica Amministrazione

Fabio Menis Soluzioni di Fraud Detection per la Pubblica Amministrazione Fabio Menis Soluzioni di Fraud Detection per la Pubblica Amministrazione La frode può sembrare un reato meno grave di altri, ma rappresenta un comportamento sicuramente deprecabile. Il deterrente è alzare

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

CYBER SECURITY COMMAND CENTER

CYBER SECURITY COMMAND CENTER CYBER COMMAND CENTER Il nuovo Cyber Security Command Center di Reply è una struttura specializzata nell erogazione di servizi di sicurezza di livello Premium, personalizzati in base ai processi del cliente,

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT

PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE PERCHÉ NON POSSIAMO FARE A MENO DI UNA STRATEGIA DI SERVICE LEVEL MANAGEMENT A cura di Alberto Rizzotto, Manager di HSPI Premessa La necessità di adottare best practice internazionali

Dettagli

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica

La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica La ricerca della qualità delle cure in nefrologia L accreditamento di eccellenza di una funzione specialistica Alberto Giangrande, Divisione di Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Ospedale di Circolo

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO QUARTO LA PIANIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO: 1. La gestione delle risorse umane. - 2. La programmazione del personale. - 3. La Human Resource Scorecard. 1. LA GESTIONE DELLE RISORSE

Dettagli

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital

AIFI Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital AUDIZIONE SUL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE 2012, N. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese 10ª Commissione Industria, commercio, turismo Senato della Repubblica Roma, 30 ottobre 2012 AUDIZIONE

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI ORDINE NAZIONALE DEGLI ATTUARI ORDINE DEGLI ATTUARI COMMISSIONE ASSICURAZIONI DANNI CONSIDERAZIONI SU SISTEMA DI RISARCIMENTO DIRETTO Il risarcimento diretto e il contenimento

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI PROCEDURE DELIBERATIVE IN MATERIA DI OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI (Ai sensi delle Disposizioni di vigilanza Banca d Italia in materia di attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti

Dettagli

Smarter Content Summit Roma 4 Aprile

Smarter Content Summit Roma 4 Aprile Smarter Content Summit Roma 4 Aprile Intelligent Investigation Manager: Risparmiare contrastando efficacemente le frodi Massimiliano Carra ECM Solutions Specialist - IBM Negli U.S. le organizzazioni perdono

Dettagli

è laforzadel gruppo www.evolviti.it Evolviti s.r.l. - Via Gian Domenico Romagnosi, 1b - 00196 Roma - tel 0688816711

è laforzadel gruppo www.evolviti.it Evolviti s.r.l. - Via Gian Domenico Romagnosi, 1b - 00196 Roma - tel 0688816711 e ela forzadel singolo è laforzadel gruppo www.evolviti.it Evolviti s.r.l. Via Gian Domenico Romagnosi, 1b 00196 Roma tel 0688816711 ii SOMMARIO CHI SIAMO 1 INFO GENERALI, LA MISSION....................

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1

Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 Linee Guida per l adozione di Insegnamenti Integrativi sulla Proprietà Intellettuale nelle Facoltà Scientifiche delle Università italiane 1 1. Premessa. Contesto e motivazione Nell attuale economia della

Dettagli