Cons. di Stato n del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cons. di Stato n. 5105 del 26.09.2012"

Transcript

1 MASSIMA: In particolare, l appellante si duole anzitutto dell omessa previsione, nella lex specialis cui il seggio di gara si sarebbe dovuto attenere, dei criteri, dei punteggi e dei sub-punteggi, in violazione dell art. 83 del Dlg 12 aprile 2006 n Così non è, e la sentenza ne fornisce seria contezza, laddove essa chiarisce che le legge di gara: A) indica, in coerenza con il citato art. 83, i due maxicriteri (valutazione tecnico-qualitativa; valutazione economica) in cui s articola il giudizio sull offerta economicamente più vantaggiosa; B) circa il criterio valutativo (max. punti 40/100), pone poi due sub-criteri, uno per la qualità del prodotto (max. punti 30) e l altro per la qualità del servizio (max. punti 10). In virtù dell art. 8 del disciplinare tecnico, quindi, ciascuno di questi sub-criteri è a sua volta specificato attraverso sì una griglia di criteri definitori, ma senza che, giustamente, a questi ultimi siano assegnati a priori ulteriori sub sub-punteggi, giacché non v è un obbligo di legge al riguardo. Erra allora l appellante a ritenere che i criteri di massima (qualità del prodotto; qualità del servizio) restino generici, per l evidente ragione che essi in realtà sono i sub-criteri che la legge di gara indica quali articolazioni del criterio qualitativo, assegnando loro i sub-punteggi e con esclusione d ogni discrezionale scelta del seggio di gara in ordine ai metodi per la loro applicazione, all uopo già operando i sub sub-criteri. Questi ultimi, appunto perché costituiscono un indicazione di terzo grado nel governo del giudizio tecnico, si appalesano dal canto loro elementi di giudizio specifici, seri, ragionevoli, comprensibili e ben facilmente inferibili da ciascuno dei sub-criteri. Il seggio di gara non ha modificato, né fissato in modo arbitrario o autonomo alcunché, in quanto il suo giudizio non si sarebbe potuto svolgere che in base alla scansione gerarchica testé delineata ed è rimasto pur sempre instradato all interno della griglia così indicata nel citato art. 8. Il seggio, ferma la sua possibilità di fornire comunque una valutazione sintetica complessiva sull offerta, non ha fatto che redigere, su tale scorta e prima della piena conoscenza del contenuto dei plichi contenenti l offerta stessa, l elenco dei criteri motivazionali per applicare il sistema di valutazione e grazie ai quali formulare il proprio giudizio. È solo da precisare che la fissazione della griglia stessa è sì avvenuta dopo l apertura delle buste B), deputate dalla legge di gara a contenere l offerta tecnica, ma con la precisazione che detta busta B) è un mero contenitore delle buste (B1, B2, ecc.) contenenti l offerta per il lotto o i lotti cui l impresa ha scelto di partecipare e, come si vede, recanti la numerazione del lotto di riferimento. Ciascuna di tali buste a loro volta contiene, a seconda del numero di beni da offrire che la stazione appaltante ha indicato per ogni singolo lotto, tante buste quanti sono i prodotti stessi. In tal modo, la commissione ha aperto la maxi-busta B) per controllare l esistenza delle altre buste, ma non ha statuito la griglia in questione dopo aver preso visione del relativo contenuto concreto e, in particolare, la documentazione tecnica contenente la vera e propria offerta riferita al lotto prescelto. Né vi sono seri elementi per inferire la irregolare tenuta e la conservazione in luogo sicuro delle buste B) così aperte, tali da far concludere per la non genuinità del relativo contenuto e, dunque, per la non trasparenza della fissazione di detta griglia, né dell attività conseguente.

2 MASSIMA Né maggiore pregio ha la doglianza, peraltro alquanto enfatica, sull elevato numero di sedute del seggio di gara, giacché, per un verso, quest ultimo ha proceduto alla disamina di tutti e nove i lotti in gara e, per altro verso, ha dedicato alle offerte per il lotto n. 9) sei sedute con sufficientemente ragionevole continuità, per cui da tale dato numerico è impossibile inferire sospetti circa l irregolarità della valutazione o, peggio, la previa cognizione del contenuto delle singole offerte cui poi adattare una griglia valutativa compiacente. Sicché, nella specie, non è stata violata la lettera, né è stato tradito lo spirito del ripetuto art. 83, appunto perché, in applicazione dei principi di trasparenza e di conoscibilità ex ante del sistema di valutazione delle offerte, la legge di gara ha fissato fin da subito la predetta gerarchia concreta del sistema di valutazione. * * * Cons. di Stato n del N /2012REG.PROV.COLL. N /2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso n /2011 RG, integrato da motivi aggiunti, proposto dalla VIMEC s.r.l., corrente in Luzzara (RE), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Federico Gualandi e Francesca Minotti, con domicilio eletto in Roma, via Cosseria n. 2, presso lo studio dell avv. Placidi, contro - le Aziende sanitarie ASL Torino I ed ASL Torino II, in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, rappresentate e difese dagli avvocati Paolo Scaparone e Cinzia Picco, con domicilio eletto in Roma, via della Consulta n. 50, presso lo studio dell avv. Di Raimondo e

3 - le Aziende sanitarie ASL Torino III, ASL Torino IV ed ASL Torino V, in persona dei legali rappresentanti pro tempore, non costituite nel presente giudizio e nei confronti di T.G.R. s.r.l., corrente in Ozzano nell Emilia (BO), in persona del legale rappresentante pro tempore, controinteressata, rappresentata e difesa dall'avv. Alessandro Armaroli, con domicilio eletto in Roma, via dei Tadolini n. 16, presso lo studio dell avv. Nicolao, per la riforma A) del dispositivo di sentenza del TAR Piemonte, sez. II, n. 1295/2011, resa tra le parti; B) della sentenza di detto TAR n. 15/2012 resa tra le parti e concernente l aggiudicazione della fornitura, di cui al lotto n. 9), di ausili protesici per le ASL associate, disposta dall ASL 101 Torino I con la delibera commissariale del 24 febbraio 2011; Visti il ricorso in appello, i motivi aggiunti e i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio solo delle ASL Torino I e ASL Torino II e della T.G.R. s.r.l.; Visti tutti gli atti della causa; Visti gli artt. 74 e 120, c. 10, c.p.a.; Relatore all'udienza pubblica dell 8 giugno 2012 il Cons. Silvestro Maria Russo e uditi altresì, per le parti costituite, gli avvocati Lentini (per delega dell avv. Gualandi), Scaparone e Di Raimondo (per delega dell avv. Armaroli); Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue: FATTO e DIRITTO 1. Con deliberazione del 31 maggio 2010, il Direttore generale dell ASL 101 Torino I di Torino ha indetto, in qualità di soggetto aggiudicatore capofila per l approvvigionamento di beni e servizi in forma associata secondo un modello a rete delle Aziende sanitarie ASL TO II, TO III, TO IV e TO V, una procedura ristretta, suddivisa in nove lotti e da aggiudicarsi con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, per la fornitura di presidi protesici a favore delle ASL associate. Per quanto attiene al lotto n. 9) (apparecchi di sollevamento), ha inteso partecipare alla relativa gara, tra le altre imprese, la VIMEC s.r.l., corrente in Luzzara (RE), proponendo rituale offerta. In esito a tal procedura, in data 15 marzo 2011 è stata comunicata a detta Società, collocatasi al 2 posto della

4 graduatoria di merito, l avvenuta aggiudicazione del lotto n. 9) alla T.G.R. s.r.l., prima graduata. Dal che l adizione, da parte della VIMEC s.r.l., del TAR Piemonte che, con sentenza n. 15 del 10 gennaio 2012, ne ha respinto il ricorso, dichiarando al contempo improcedibile il gravame incidentale proposto dalla T.G.R. s.r.l. 2. Appella allora la VIMEC s.r.l., impugnando dapprima il dispositivo di sentenza n. 1295/2011 e, con atto per motivi aggiunti notificati il 19 gennaio 2012, pure la sentenza n. 15/2012 e deducendo in punto di diritto l erroneità di questa rispetto ai motivi del ricorso di primo grado proposti. Resistono in giudizio le Aziende sanitarie ASL TO I e TO II, che concludono per l infondatezza del ricorso in epigrafe. Pure la controinteressata T.G.R. s.r.l. s è costituita nel presente giudizio, anche essa concludendo per il rigetto dell appello in esame, ma senza nulla dire circa la declaratoria di improcedibilità del proprio ricorso incidentale di primo grado. Alla pubblica udienza dell 8 giugno 2012, su conforme richiesta dei patroni delle parti costituite, il ricorso in epigrafe è assunto in decisione dal Collegio. 3. Giova anzitutto precisare che, non avendo la controinteressata contestato, nelle forme di rito, la declaratoria d improcedibilità del suo ricorso incidentale in primo grado, l oggetto del presente giudizio resta circoscritto solo a quanto dedotto con il ricorso in epigrafe. Ciò posto, l appello in esame non può esser condiviso e va respinto, per le ragioni di cui appresso. 4. A differenza di ciò che assume la VIMEC s.r.l., per vero l impugnata sentenza non solo ricostruisce esattamente la scansione della gara relativa al lotto n. 9), ma anche ben ne interpreta le regole di svolgimento e l esatto significato di esse. In particolare, l appellante si duole anzitutto dell omessa previsione, nella lex specialis cui il seggio di gara si sarebbe dovuto attenere, dei criteri, dei punteggi e dei sub-punteggi, in violazione dell art. 83 del Dlg 12 aprile 2006 n Così non è, e la sentenza ne fornisce seria contezza, laddove essa chiarisce che le legge di gara: A) indica, in coerenza con il citato art. 83, i due maxi-criteri (valutazione tecnico-qualitativa; valutazione economica) in cui s articola il giudizio sull offerta economicamente più vantaggiosa; B) circa il criterio valutativo (max. punti 40/100), pone poi due sub-criteri, uno per la qualità del prodotto (max. punti 30) e l altro per la qualità del servizio (max. punti 10). In virtù dell art. 8 del disciplinare tecnico, quindi, ciascuno di questi sub-criteri è a sua volta specificato attraverso sì una griglia di criteri definitori, ma senza che, giustamente, a questi ultimi siano assegnati a priori ulteriori sub subpunteggi, giacché non v è un obbligo di legge al riguardo. Erra allora l appellante a ritenere che i criteri di massima (qualità del prodotto; qualità del servizio) restino generici, per l evidente ragione che essi in realtà sono i sub-criteri che la legge di gara indica quali articolazioni del criterio qualitativo, assegnando loro i sub-punteggi e con esclusione d ogni

5 discrezionale scelta del seggio di gara in ordine ai metodi per la loro applicazione, all uopo già operando i sub sub-criteri. Questi ultimi, appunto perché costituiscono un indicazione di terzo grado nel governo del giudizio tecnico, si appalesano dal canto loro elementi di giudizio specifici, seri, ragionevoli, comprensibili e ben facilmente inferibili da ciascuno dei sub-criteri. Il seggio di gara non ha modificato, né fissato in modo arbitrario o autonomo alcunché, in quanto il suo giudizio non si sarebbe potuto svolgere che in base alla scansione gerarchica testé delineata ed è rimasto pur sempre instradato all interno della griglia così indicata nel citato art. 8. Il seggio, ferma la sua possibilità di fornire comunque una valutazione sintetica complessiva sull offerta, non ha fatto che redigere, su tale scorta e prima della piena conoscenza del contenuto dei plichi contenenti l offerta stessa, l elenco dei criteri motivazionali per applicare il sistema di valutazione e grazie ai quali formulare il proprio giudizio. È solo da precisare che la fissazione della griglia stessa è sì avvenuta dopo l apertura delle buste B), deputate dalla legge di gara a contenere l offerta tecnica, ma con la precisazione che detta busta B) è un mero contenitore delle buste (B1, B2, ecc.) contenenti l offerta per il lotto o i lotti cui l impresa ha scelto di partecipare e, come si vede, recanti la numerazione del lotto di riferimento. Ciascuna di tali buste a loro volta contiene, a seconda del numero di beni da offrire che la stazione appaltante ha indicato per ogni singolo lotto, tante buste quanti sono i prodotti stessi. In tal modo, la commissione ha aperto la maxi-busta B) per controllare l esistenza delle altre buste, ma non ha statuito la griglia in questione dopo aver preso visione del relativo contenuto concreto e, in particolare, la documentazione tecnica contenente la vera e propria offerta riferita al lotto prescelto. Né vi sono seri elementi per inferire la irregolare tenuta e la conservazione in luogo sicuro delle buste B) così aperte, tali da far concludere per la non genuinità del relativo contenuto e, dunque, per la non trasparenza della fissazione di detta griglia, né dell attività conseguente. Né maggiore pregio ha la doglianza, peraltro alquanto enfatica, sull elevato numero di sedute del seggio di gara, giacché, per un verso, quest ultimo ha proceduto alla disamina di tutti e nove i lotti in gara e, per altro verso, ha dedicato alle offerte per il lotto n. 9) sei sedute con sufficientemente ragionevole continuità, per cui da tale dato numerico è impossibile inferire sospetti circa l irregolarità della valutazione o, peggio, la previa cognizione del contenuto delle singole offerte cui poi adattare una griglia valutativa compiacente. Sicché, nella specie, non è stata violata la lettera, né è stato tradito lo spirito del ripetuto art. 83, appunto perché, in applicazione dei principi di trasparenza e di conoscibilità ex ante del sistema di valutazione delle offerte, la legge di gara ha fissato fin da subito la predetta gerarchia concreta del sistema di valutazione. 5. Poiché la fornitura dedotta in appalto concerne beni le cui specifiche tecniche sono predefinite e rese obbligatorie da norme inderogabili per l ente aggiudicatore, è razionale ed idoneo il sistema così delineato per ben orientare il giudizio del seggio di gara. La serena lettura di tali sub-criteri e dei criteri motivazionali, infatti, fa concludere per la loro pertinenza all oggetto dell appalto ed alle caratteristiche

6 tecniche dei beni da fornire, come definiti sia dal DM 27 agosto 1999 n. 332 (all. 1, elenco n. 3, apparecchi di sollevamento ISO 18.30), sia dal disciplinare tecnico. Scolora, quindi, la censura (cfr. pag. 17 del gravame introduttivo) secondo cui, a fronte d un apparecchio (montascale) di tecnologia ben nota, la legge di gara non avrebbe certo avuto difficoltà a meglio specificare i parametri di giudizio. Sono appunto tale notorietà e, soprattutto, la necessità che il bene da fornire risponda dapprima alle norme tecniche di funzionamento a rendere, se non superflui, perlomeno pletorici criteri valutativi più minuziosi di quelli in concreto prescelti. Anzi, la sentenza ben rammenta come il criterio interpretativo dei criteri valutativi sia da rivenire nel combinato disposto del ripetuto art. 8 e del precedente art. 2, ove l adeguatezza minima richiesta per garantire standard qualitativi omogenei della fornitura si ha nell obbligatoria conformità dei beni offerti al DM 332/1999 e nel possesso obbligatorio di tutte le certificazioni, attestazioni e marcature CE che li riguardino. Non s avvede allora l appellante che, per restare nell esempio che essa svolge, le caratteristiche di maneggevolezza, piuttosto che quello della qualità dei materiali costituiscono l a priori della fornitura, ossia l essenza di ciascun bene da offrire e, dunque, il contenuto minimo necessario affinché un apparecchio si connoti come montascale, a ruote o a cingoli, anziché altro ai sensi del DM 332/1999. Essi, quindi, non possono al contempo costituire l oggetto della singola valutazione al fine di conseguire un miglior punteggio relativamente al bene con tali caratteristiche. Né la griglia nulla introduce in più o di diverso rispetto alla legge di gara, onde non v è omissione o sostituzione di criteri, quando una miglioria del prodotto offerto non sia valutata, se questa non corrisponda ai requisiti tecnici del DM 332/1999 e del disciplinare tecnico. Al contrario, la griglia non fa che adeguarsi ai criteri di qualità del prodotto discendenti dal disciplinare tecnico, per cui l oggetto della fornitura non è un mero montacarichi per persone, ma concerne due tipi di montascale (a cingoli; a ruote), con le caratteristiche, reputate utili a supporto per la deambulazione dei pazienti, dal citato decreto (requisiti minimi di sistema) e dal citato disciplinare. Non sfugge certo al Collegio che sembrano esser saltate, nella griglia medesima, alcune voci invece presenti nei sub sub-criteri di cui al ripetuto art. 8. In disparte, però, la sintesi operata dalla commissione al fine d adeguare i criteri motivazionale a tutti e nove i lotti in gara, non dimostra l appellante, aldilà di una mera differenza lessicale tra elementi e griglia, se in realtà i «migliori requisiti funzionali» non incorporino in sé anche la valutazione complessiva di quell elemento ex art. 8 sui requisiti funzionali e d efficacia. E ciò in quanto l efficacia va intesa quale parametro dell effettiva funzionalità non solo tecnico-operativa, ma soprattutto terapeutica che il prodotto protesico deve assicurare con riguardo alla situazione personale ed ambientale del paziente. Nemmeno convince la tesi dell appellante sull omessa valutazione delle eventuali omologazioni volontarie da parte di enti certificati, in quanto il TAR correttamente ha chiarito sia come essa non possedesse una vera e propria omologazione per il montascale a ruote, sia la differenza tra certificazione ed omologazione.

7 Del pari, il criterio, in ordine alla qualità del servizio, della disponibilità della consegna del prodotto fornito in tutto l ambito territoriale del Piemonte è un dato chiaramente indicato all art. 5, I c. del disciplinare tecnico come prestazione obbligatoria, onde non può costituire un titolo per un spuntare un giudizio più lusinghiero rispetto all offerta di altri partecipanti. 7. In definitiva, l appello va respinto. Le spese del presente giudizio seguono, come di regola, la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo. P.Q.M. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (sez. III), definitivamente pronunciando sull'appello (ricorso n /2011 RG in epigrafe), lo respinge. Condanna la Società appellante al pagamento, a favore delle parti resistenti e costituite ed in misura uguale tra loro, delle spese del presente giudizio, che sono nel complesso liquidate in 3.000,00 (Euro tremila/00), oltre IVA e CPA come per legge. Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità Amministrativa. Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio dell 8 giugno 2012, con l'intervento dei sigg. Magistrati: Alessandro Botto, Presidente FF Dante D'Alessio, Consigliere Silvestro Maria Russo, Consigliere, Estensore Lydia Ada Orsola Spiezia, Consigliere Alessandro Palanza, Consigliere L'ESTENSORE IL PRESIDENTE DEPOSITATA IN SEGRETERIA Il 26/09/2012 IL SEGRETARIO (Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Consiglio di Stato sez. III 6 febbraio 2014, n. 584 N. 00584/06 febbraio 2014REG.PROV.COLL. N. 03558/2013 REG.RIC. N. 07050/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 8 N. 01690/2014 REG.PROV.COLL. N. 00816/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria (Sezione Seconda)

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3484 del 08/07/2014

Consiglio di Stato n. 3484 del 08/07/2014 MASSIMA 1. Nelle gare pubbliche, la scelta del criterio più idoneo per l'aggiudicazione di un appalto (tra quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa e quello del prezzo più basso) costituisce

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma N. 01723/2015REG.PROV.COLL. N. 03266/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5404 del 22.10.2012. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA

Consiglio di Stato n. 5404 del 22.10.2012. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA MASSIMA: L art. 256 bis del Regolamento di esecuzione del TULPS n. 635 del 1940 impone la vigilanza a mezzo guardie particolari giurate in possesso dell autorizzazione di polizia, solo ed unicamente per

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4398 del 03/09/2013

Consiglio di Stato n. 4398 del 03/09/2013 MASSIMA Anomalia dell offerta. l offerta dell aggiudicataria espone una risorsa aggiuntiva a costo zero per la stazione appaltante perché già remunerata altrove, non un determinato suo lavoratore già impiegato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Si deve, innanzitutto, ricordare che, per la partecipazione alle gare pubbliche, occorre presentare, ai sensi dell art. 38, lett. l, del d.lgs. n. 163 del 2006, anche la certificazione di cui

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 98 del 2010, integrato da motivi aggiunti,

sul ricorso numero di registro generale 98 del 2010, integrato da motivi aggiunti, N. 00041/2011 REG.PROV.COLL. N. 00098/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento (Sezione Unica) ha pronunciato

Dettagli

Sul criterio da utilizzare al fine di individuare la disciplina da applicare nel caso di appalti misti.

Sul criterio da utilizzare al fine di individuare la disciplina da applicare nel caso di appalti misti. Consiglio di Stato, Sez. III, 3/2/2012 n. 630 Sul criterio da utilizzare al fine di individuare la disciplina da applicare nel caso di appalti misti. Negli appalti misti, al fine di individuare la disciplina

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02195/2015REG.PROV.COLL. N. 05534/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 01749/2011REG.PROV.COLL. N. 08891/2009 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 06228/2013REG.PROV.COLL. N. 01551/2008 REG.RIC. N. 01562/2008 REG.RIC. N. 01700/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

N. 00131/2012 REG.RIC. http://www.giustizia-amministrativa.it/documentiga/cagliari/sezione 1/2012/201200131/Provvedime... REPUBBLICA ITALIANA

N. 00131/2012 REG.RIC. http://www.giustizia-amministrativa.it/documentiga/cagliari/sezione 1/2012/201200131/Provvedime... REPUBBLICA ITALIANA 1 di 5 14/03/2012 10.12 N. 00275/2012 REG.PROV.COLL. N. 00131/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 MASSIMA Obbligo di indicazione degli oneri per la sicurezza interferenziali. Offerta con ribasso di quasi 80%, offerta inattendibile. Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 N. 01147/2015 REG.PROV.COLL.

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5754 del 14/11/2012

Consiglio di Stato n. 5754 del 14/11/2012 MASSIMA: Il giudizio operato dalla commissione non è di tipo assoluto, bensì di tipo relativo: se ad un offerta viene assegnato il punteggio massimo, questo non vuol dire che la stessa costituisce la migliore

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00328/2014 REG.PROV.COLL. N. 01295/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

Consiglio di Stato n. 177 del 15.01.2013

Consiglio di Stato n. 177 del 15.01.2013 MASSIMA I motivi d appello terzo e quarto riguardano la questione sostanziale dell ammissibilità di un offerta pari a zero, riproponendosi con essi le censure di primo grado sopra sintetizzate. Al riguardo,

Dettagli

contro per la riforma ha pronunciato la presente

contro per la riforma ha pronunciato la presente N. 06974/2011REG.PROV.COLL. N. 00980/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 6 25/01/2012 13.16 N. 00095/2012REG.PROV.COLL. N. 01694/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA N. 01105/2015REG.PROV.COLL. N. 02829/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

N. 01216/2014 REG.PROV.COLL. N. 00010/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 01216/2014 REG.PROV.COLL. N. 00010/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01216/2014 REG.PROV.COLL. N. 00010/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 7 16/04/2012 11.46 N. 01843/2012REG.PROV.COLL. N. 06711/2008 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 17 N. 03603/2014REG.PROV.COLL. N. 04094/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01262/2014 REG.PROV.COLL. N. 00941/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma N. 03966/2013REG.PROV.COLL. N. 10395/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna Bologna, Sezione Seconda, Sentenza del 2 settembre 2014 n. 834 sull inammissibilità del ricorso nell ipotesi in cui l atto di riassunzione venga

Dettagli

N. 00740/2014 REG.PROV.COLL. N. 00897/2013 REG.RIC.

N. 00740/2014 REG.PROV.COLL. N. 00897/2013 REG.RIC. N. 00740/2014 REG.PROV.COLL. N. 00897/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 04642/2012REG.PROV.COLL. N. 07602/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Consiglio di Stato n. 4964 del 09.10.2013

Consiglio di Stato n. 4964 del 09.10.2013 MASSIMA Vale invece la pena di evidenziare la pronuncia di questa Sezione del 23 luglio 2010, n. 4849, sempre relativa ad appalti di servizi (manutenzione del patrimonio immobiliare), la quale ha posto

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia. sezione staccata di Catania (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia. sezione staccata di Catania (Sezione Terza) SENTENZA Page 1 of 10 N. 02565/2011 REG.PROV.COLL. N. 00573/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5851 del 19/11/2012

Consiglio di Stato n. 5851 del 19/11/2012 MASSIMA Quanto poi alla questione delle legittimità dell esclusione della gara per la mancata presentazione delle giustificazioni preventive delle offerte, non vi è ragione di discostarsi dal consolidato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...L esclusione, disposta per tardività della presentazione dell offerta (pervenuta oltre il termine di capitolato), è stata ritenuta legittima dalla sentenza impugnata,......non ha alcun fondamento

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00452/2015 REG.PROV.COLL. N. 00654/2001 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1250 del 11/03/2015

Consiglio di Stato n. 1250 del 11/03/2015 MASSIMA Concessione di servizi; oneri di sicurezza aziendali 87 co. 4 Codice degli Appalti non rientra nei principi generali a tutela della concorrenza. Consiglio di Stato n. 1250 del 11/03/2015 N. 01250/2015REG.PROV.COLL.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00552/2013 REG.PROV.COLL. N. 03266/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00461/2012 REG.PROV.COLL. N. 00382/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia (Sezione Prima) ha

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA.

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA. N. 00866/2014REG.PROV.COLL. N. 09003/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma N. 01803/2011REG.PROV.COLL. N. 07949/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «In presenza di determinati indici rivelatori anche le fondazioni possono essere qualificate come organismi di diritto pubblico con i relativi poteri di autotutela.» (Consiglio di Stato, sez. VI, 03/06/2014,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente Pagina 1 di 8 N. 01631/2013REG.PROV.COLL. N. 06791/2002 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 01323/2014 REG.PROV.COLL. N. 00453/2014 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N. 01323/2014 REG.PROV.COLL. N. 00453/2014 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01323/2014 REG.PROV.COLL. N. 00453/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

N. 04655/2012REG.PROV.COLL. N. 10337/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

N. 04655/2012REG.PROV.COLL. N. 10337/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato N. 04655/2012REG.PROV.COLL. N. 10337/2001 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma N. 01861/2015REG.PROV.COLL. N. ----/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 2271 del 2014, integrato da motivi aggiunti, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 2271 del 2014, integrato da motivi aggiunti, proposto da: N. 00365/2015 REG.PROV.COLL. N. 02271/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione Seconda) ha

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02106/2013 REG.PROV.COLL. N. 10570/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna Pagina 1 di 5 N. 00377/2014 REG.PROV.COLL. N. 00216/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 1686 del 2015, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 1686 del 2015, proposto da: N. 01486/2015 REG.PROV.CAU. N. 01686/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso numero di registro

Dettagli

contro nei confronti di ha pronunciato la presente

contro nei confronti di ha pronunciato la presente N. 03864/2011REG.PROV.COLL. N. 08851/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Consiglio di Stato sez. V 17/7/2014 n. 3821

Consiglio di Stato sez. V 17/7/2014 n. 3821 MASSIMA 1. La stazione appaltante è titolare di un ampia discrezionalità, nella specie esercitata in modo ragionevole, in ordine all individuazione della documentazione da produrre al fine della comprova

Dettagli

Consiglio di Stato n. 3585 del 11/07/2014 n. 3585

Consiglio di Stato n. 3585 del 11/07/2014 n. 3585 MASSIMA 1. Vanno considerati più propriamente come atti di rinnovo del contratto per brevi periodi, ancorchè venga utilizzato dall amministrazione il termine proroga, i provvedimento con cui, di volta

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 03073/2011REG.PROV.COLL. N. 09177/2007 REG.RIC. N. 09284/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

Consiglio di Stato n. 1743 del 02/04/2015

Consiglio di Stato n. 1743 del 02/04/2015 MASSIMA Dall esame del combinato disposto degli artt. 82, comma 3-bis, 86, comma 3-bis, e 87, comma 3, del codice dei contratti pubblici si può desumere che, se i costi del personale sono indicati come

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5169 del 20/10/2014

Consiglio di Stato n. 5169 del 20/10/2014 MASSIMA Inoltre (ed è considerazione decisiva), la contestazione delle specifiche clausole della gara avrebbe postulato la presentazione della domanda di partecipazione da parte della ricorrente, poiché

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE REPUBBLICA ITALIANA N.2737 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2009 IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE N. 24 Reg.Ric. Sezione Quinta Anno 2005 ha pronunciato la seguente DECISIONE sul

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

www.ildirittoamministrativo.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA N. 00105/2012REG.PROV.COLL. N. 04602/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE Appalti- Appalti pubblici- offerta condizionata Cons. St., sez. VI, 25.01.10 n. 248 ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 00345/2013 REG.PROV.COLL. N. 00366/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...secondo un uniforme giurisprudenza, nelle procedure finalizzate all'affidamento di appalti con la Pubblica amministrazione l'incameramento della cauzione e la segnalazione all'autorità garante

Dettagli

Visto l'atto di costituzione in giudizio del Cnr- Consiglio Nazionale delle Ricerche;

Visto l'atto di costituzione in giudizio del Cnr- Consiglio Nazionale delle Ricerche; N. 00321/2014 REG.PROV.COLL. N. 00544/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione Seconda) ha

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA. contro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) SENTENZA. contro Torna alla pagina precedente HOME N. 05297/2014REG.PROV.COLL. N. 01344/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

della sentenza del T.A.R. LOMBARDIA - MILANO: SEZIONE II n. 02175/1999, resa tra le parti, concernente CONTRIBUTO PER CONCESSIONE EDILIZIA

della sentenza del T.A.R. LOMBARDIA - MILANO: SEZIONE II n. 02175/1999, resa tra le parti, concernente CONTRIBUTO PER CONCESSIONE EDILIZIA N. 06333/2011REG.PROV.COLL. N. 10522/1999 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 8 30/08/2011 12.18 N. 02126/2011 REG.PROV.COLL. N. 01568/2010 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania

Dettagli

N. 04906/2013REG.PROV.COLL. N. 03574/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato

N. 04906/2013REG.PROV.COLL. N. 03574/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato N. 04906/2013REG.PROV.COLL. N. 03574/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio?

TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio? TAR di Torino: un impianto fotovoltaico è un edificio? La conferenza di servizi ha la funzione di sintetizzare plurime espressioni di volontà ugualmente e distintamente necessarie per il corretto espletamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna. (Sezione Prima) N. 00007/2015 REG.PROV.COLL. N. 01072/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente

Dettagli

Merita di essere segnalata la sentenza numero 6669 dell 11 novembre 2009, emessa dal Tar Campania, Salerno ed in particolare il seguente passaggio

Merita di essere segnalata la sentenza numero 6669 dell 11 novembre 2009, emessa dal Tar Campania, Salerno ed in particolare il seguente passaggio I principi di pubblicità e trasparenza delle sedute della commissione di gara non sono assoluti, ma derogabili dalla lex specialis di gara, la quale ben può prevedere la valutazione in seduta riservata

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA N. 02746/2015REG.PROV.COLL. N. 04849/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

contro nei confronti di per la riforma

contro nei confronti di per la riforma Page 1 of 11 N. 02997/2012REG.PROV.COLL. N. 00560/2008 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Nuovo revirement dei Giudici amministrativi sulla vexata quaestio del voto numerico in sede di esame d avvocato» (Tar Campania, sez. VIII, 07 gennaio 2015, n. 43) esame avvocato voto numerico riforma

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 Sindacati ed effettività dell azione di promozione degli interessi dei lavoratori (Cons. Stato Sez. III, 09-04-2014, n. 1689) associazioni e attività sindacali articolazioni locali - grado di rappresentatività

Dettagli

N. 7/LUGLIO 2015. Vai alla pagina HOME N. 08743/2015 REG.PROV.COLL. N. 02992/2015 REG.RIC.

N. 7/LUGLIO 2015. Vai alla pagina HOME N. 08743/2015 REG.PROV.COLL. N. 02992/2015 REG.RIC. Vai alla pagina HOME N. 08743/2015 REG.PROV.COLL. N. 02992/2015 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) SENTENZA N. 05928/2012REG.PROV.COLL. N. 01160/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

Italferr S.p.A., in persona del legale rappresentante in carica, non costituita nel giudizio;

Italferr S.p.A., in persona del legale rappresentante in carica, non costituita nel giudizio; REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO - SEZIONE III TER 2004 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 12152/04 Reg. Gen., proposto

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00852/2014 REG.PROV.COLL. N. 01806/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Terza) ha pronunciato la

Dettagli

T.A.R. Puglia - Lecce, Sez. 3, 07 gennaio 2015, n. 36 - Omessa dichiarazione degli oneri di sicurezza da rischio aziendale

T.A.R. Puglia - Lecce, Sez. 3, 07 gennaio 2015, n. 36 - Omessa dichiarazione degli oneri di sicurezza da rischio aziendale T.A.R. Puglia - Lecce, Sez. 3, 07 gennaio 2015, n. 36 - Omessa dichiarazione degli oneri di sicurezza da ris T.A.R. Puglia - Lecce, Sez. 3, 07 gennaio 2015, n. 36 - Omessa dichiarazione degli oneri di

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA N. 00730/2014 REG.PROV.COLL. N. 00071/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato

Dettagli

Consiglio di Stato n. 6374 del 12.12.2012

Consiglio di Stato n. 6374 del 12.12.2012 MASSIMA: Come già evidenziato dal Consiglio di Stato (per tutte, sez. VI, 18 gennaio 2012, n. 178), l'art. 38 del d.lgs. n. 163 del 2006, nella parte in cui elenca le dichiarazioni di sussistenza dei requisiti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N. 01772/2014 REG.PROV.COLL. N. 00465/2014 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N. 01772/2014 REG.PROV.COLL. N. 00465/2014 REG.RIC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 01772/2014 REG.PROV.COLL. N. 00465/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) SENTENZA N. 10269/2012 REG.PROV.COLL. N. 08214/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni N. 01486/2015 REG.PROV.CAU. N. 01686/2015 REG.RIC.

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01103/2013 REG.PROV.COLL. N. 00417/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania sezione staccata di Salerno (Sezione

Dettagli

Sez. I I I pubblicato in "Gazzetta Amministrativa della Repubblica I taliana" giovedì 26 settembre 2013 09:21 - www.gazzettaamministrativa.

Sez. I I I pubblicato in Gazzetta Amministrativa della Repubblica I taliana giovedì 26 settembre 2013 09:21 - www.gazzettaamministrativa. Pagina 1 di 5 I l documento rilasciato può essere allegato a sostegno di atti della PA, pubblicato nei siti pubblici o privati citando ai fini legali la seguente formula: Sez. I I I pubblicato in "Gazzetta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Prima) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Prima) SENTENZA TAR, Lombardia (MI), Sez. I, n. 2987, del 10 dicembre 2012. Elettrosmog. Illegittimità diniego permesso edilizio per stazione radio-base per incompatibilità NTA del PRG, in assenza di regolamentazione

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 03290/2015REG.PROV.COLL. N. 09093/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 03382/2011 REG.PROV.COLL. N. 00385/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

MASSIMA: Copiosa giurisprudenza ritiene vietata la commistione tra offerta tecnica ed economica, al fine di prevenire il pericolo che gli elementi

MASSIMA: Copiosa giurisprudenza ritiene vietata la commistione tra offerta tecnica ed economica, al fine di prevenire il pericolo che gli elementi MASSIMA: Copiosa giurisprudenza ritiene vietata la commistione tra offerta tecnica ed economica, al fine di prevenire il pericolo che gli elementi economici influiscano sulla previa valutazione dell offerta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPO- LI PRIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPO- LI PRIMA SEZIONE T.A.R. Campania, Napoli, sez. I, 09.07.07, n. 6603 Pres.Guida Appalti e servizi pubblici Appalti pubblici - Principio di necessaria separazione dell'offerta tecnica da quella economica - Gare d'appalto

Dettagli

contro ha pronunciato la presente sul ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 938 del 2011, proposto da:

contro ha pronunciato la presente sul ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 938 del 2011, proposto da: N. 01412/2012 REG.PROV.COLL. N. 00938/2011 REG.RIC. N. 00939/2011 REG.RIC. N. 01008/2011 REG.RIC. N. 02941/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale

Dettagli

Tar Toscana n. 444 del 18/03/2015

Tar Toscana n. 444 del 18/03/2015 MASSIMA Soccorso istruttorio ex art. 38 co. 2-bis Codice Appalti; divieto di assicurazioni aventi ad oggetto trasferimento rischio pagamento sanzioni amministrative ex art. ex art. 12 d.lgs. 209/2005.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01728/2011REG.PROV.COLL. N. 04867/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente N. 07519/2015 REG.PROV.COLL. N. 10759/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

N. 02957/2014 REG.PROV.COLL. N. 04853/1999 REG.RIC.

N. 02957/2014 REG.PROV.COLL. N. 04853/1999 REG.RIC. N. 02957/2014 REG.PROV.COLL. N. 04853/1999 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Quinta) ha pronunciato la presente SENTENZA Massima:...Al riguardo, infatti, non si ravvisa alcun deficit motivazionale a carico della valutazione della Commissione di gara, che ha precisato l impossibilità di tenere conto delle indicazioni fornite

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5806 del 05/12/2013

Consiglio di Stato n. 5806 del 05/12/2013 MASSIMA La comunicazione attraverso il fax, il cui numero è stato, nella fattispecie in esame, espressamente riportato dalla società offerente nell autocertificazione allegata alla documentazione presentata

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA N. 10136/2014 REG.PROV.COLL. N. 10666/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato

Dettagli