Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene"

Transcript

1 Depurazione acque reflue Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

2

3 : sistemi prefabbricati in polietilene per la depurazione delle acque reflue ISEA è stata la prima azienda in Italia a progettare e produrre una vasta gamma di prodotti in PE destinati al trattamento delle acque reflue. Da sempre mette al primo posto la ricerca e l innovazione, sviluppando prodotti in linea con i bisogni del mercato e le aspettative del cliente. L eccellenza ISEA si manifesta nella qualità dei materiali, dall utilizzo di sole materie prime vergini, senza ricorrere all utilizzo anche parziale di polietilene rigenerato, e dall impiego di componenti elettromeccaniche di elevate prestazioni. La grande attenzione al bisogno del cliente, la disponibilità e la competenza tecnica sono alla base del rapporto di partnership che ISEA ha saputo costruire nel tempo e che oggi gli viene riconosciuto dagli operatori di settore. Dal 1992 ad oggi ISEA ha realizzato oltre.000 manufatti installati al servizio di oltre di persone. L azienda vanta più di 0 clienti attivi in Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Svizzera, Grecia, Romania, Croazia, Montenegro, Slovenia, Marocco, Algeria, Emirati Arabi, Arabia Saudita, Bahrain, Iran, Seychelles, Maldive. ISEA detiene sui propri prodotti 16 brevetti depositati. Ricerca ed innovazione Alto livello di specializzazione Da 20 anni marchio leader nel settore

4 Prodotti ISEA: innovativi, veloci e facili da installare, a tenuta idraulica nel tempo I manufatti ISEA sono dei prefabbricati monoblocco realizzati in Polietilene lineare rotostampato, materiale interamente riciclabile. L assenza di saldature o sigillature rende il prodotto a perfetta tenuta idraulica, eliminando dispersioni di reflui nel terreno, determinando quindi una maggiore protezione dell ambiente. Facili e veloci da posare, i manufatti ISEA, grazie alla loro leggerezza, sono utilizzabili e trasportabili anche nelle situazioni di lavoro più difficili, riducendo i costi di movimentazione e posa in opera. Tutti i prodotti ISEA sono progettati in conformità a quanto stabilito dalla normativa nazionale (D.L.vo n. 152/06) e dai conseguenti regolamenti regionali attuativi. Inoltre ISEA è in grado di soddisfare anche specifiche esigenze determinate da particolari disposizioni e regolamenti locali. Alta qualità dei materiali Conformi alle normative Gamma completa per ogni necessità

5 ISEA: l azienda al servizio dei clienti ISEA mette a disposizione del cliente un servizio di assistenza pre-vendita. La propria struttura di ingegneri segue il cliente in modo personalizzato fin dalla richiesta iniziale e lo accompagna in tutte le fasi del progetto. Il cliente viene seguito nella preparazione di tutto il materiale tecnico, nella verifica di tutti gli aspetti normativi fino alla posa dell impianto e al suo avviamento direttamente con sopraluoghi in cantiere. ISEA ha costituito al proprio interno una struttura dedicata a tutte le fasi del post-vendita, per garantire al cliente un valido e costante supporto nel tempo. ISEA assicura assistenza durante le fasi di posa dell impianto, interviene nella manutenzione ordinaria o straordinaria e predispone contratti di manutenzione o gestione programmata nel tempo con analisi certificate dei reflui. I processi sono condotti e controllati con sistema di qualità aziendale certificato. Assistenza ingegneristica personalizzata Struttura dedicata al post-vendita A fianco del cliente in ogni fase del progetto ISEA dedica importanti risorse ad iniziative di promozione in partnership con le principali organizzazioni del settore edilizia e con gli ordini professionali. ISEA sviluppa programmi di formazione del personale della rivendita con corsi sia presso la sede sia presso il punto vendita del cliente. La grande attenzione alla velocità di produzione e consegna, consente a ISEA di far fronte alle richieste del cliente con assoluta tempestività (dato certificato dal Lloyd, anno 8: tempo medio di consegna su tutto il territorio nazionale 6 giorni).

6 DEPURATORI, MANUFATTI E CONTENITORI IN POLIETILENE In questo catalogo ISEA presenta una gamma completa di prodotti prefabbricati in polietilene, risultato di 20 anni di ricerca, innovazione e presenza sul mercato nel settore del trattamento delle acque reflue. La qualità dei materiali e delle tecnologie e il supporto costante, durante tutte le fasi del ciclo del prodotto, sono da sempre i punti di forza che fanno di ISEA il partner ideale per i migliori rivenditori di materiali da costruzione DEPURATORI 72 PRE-TRATTAMENTI IMPIANTI A FANGI ATTIVI IMPIANTI A FILTRO PERCOLATORE IMPIANTI DI SUB-IRRIGAZIONE A VASSOI ASSORBENTI BIOLOGICE IMOFF VASCE DI DECANTAZIONE DEGRASSATORI 108 DEOLIATORI E SEPARATORI 118 STAZIONI DI SOLLEVAMENTO 128 ACCESSORI 134 CONTENITORI 142 MODALITA D INTERRO

7 DEPURATORI IMPIANTI A FANGI ATTIVI Gli impianti a fanghi attivi o ad ossidazione totale vengono utilizzati per scarichi di origine civile che non recapitano in pubblica fognatura. Il processo depurativo è di tipo biologico e si basa sull azione di batteri aerobici, che si nutrono della sostanza organica contenuta nei liquami in ingresso. Gli impianti a fanghi attivi sono divisi in una zona di ossidazione, all interno della quale viene diffusa l aria necessaria alla sopravvivenza dei batteri, e in una zona di sedimentazione, dove gli aggregati di fango più grandi si separano dal flusso idrico in uscita. Questi impianti possono essere corredati da pre o post-trattamenti che consentono di migliorare l efficienza depurativa complessiva, in funzione delle caratteristiche dello scarico e del tipo di recapito finale. Gli impianti a fanghi attivi sono particolarmente adatti per piccole e medie comunità, in quanto offrono i seguenti vantaggi: semplificazione del tipo di trattamento, con conseguente riduzione del numero di elementi costitutivi dell impianto e quindi dell investimento necessario ottenimento di uno standard depurativo molto elevato e buona costanza delle caratteristiche dell effluente produzione di fanghi di supero di elevata stabilità biologica e di modesta quantità semplicità di gestione e di manutenzione consumi elettrici contenuti SUPER PLUS Impianto a Fanghi Attivi per scarichi civili da 5 a 28 a.e. SUPER QUATTRO Impianto a Fanghi Attivi per scarichi civili da 4 a 40 a.e. SUPER PLUS MIX Impianto a Fanghi Attivi per scarichi misti civili da 5 a 30 a.e. SUPER PLUS PUBLIC Impianto a Fanghi Attivi per scarichi di locali pubblici da 5 a 30 a.e. SUPER PLUS K Impianto a Fanghi Attivi a portata costante da 5 a 28 a.e. COMPACT Impianto a Fanghi Attivi per scarichi civili da 32 a 70 a.e

8 SUPER PLUS IMPIANTO A FANGI ATTIVI Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene monoblocco, adatto a trattare i reflui provenienti da scarichi domestici per il successivo recapito in corpo idrico superficiale. tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FANGI ATTIVI SUPER PLUS Trattamento scarichi domestici per recapito in corpo idrico UTENZA Da 5 a 28 abitanti equivalenti Coperchio in PE con guarnizione per isolare il compressore dall entrata di acqua e/o inerti ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Consumi contenuti Alta resa depurativa Ingresso acque nere Uscita Investimento ridotto Semplicità di gestione Facile manutenzione Ingresso acque grigie (lavatrici, lavabi, docce, cucine) Impianto a Fanghi Attivi SUPER PLUS Pozzetto di ispezione Degrassatore Sedimentatore interno con apposito tappo a vite di chiusura per evitare il contatto del compressore con il refluo sottostante Raccorderia in PVC a marchio IIP con idonee guarnizioni Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 12 13

9 SUPER PLUS IMPIANTO A FANGI ATTIVI IMPIANTI A FANGI ATTIVI SUPER PLUS Utenti (A.E.) D E U S sed (m 2 ) V sed (m 3 ) V ox (m 3 ) Potenza (W) 9220 SUPER PLUS S Abitanti Equivalenti A.E Dotazione idrica pro-capite Portata giornaliera Coefficiente di punta Portata oraria di punta Carico organico pro-capite Carico organico giornaliero Concentrazione carico organico Carico del fango Concentrazione della biomassa Carico volumetrico SUPER PLUS S.2 SUPER PLUS S.3 SUPER PLUS S.4 SUPER PLUS S l / (A.E. * d) m 3 / d - m 3 / h g BOD5 / (A.E. * d) kg BOD5 / d mg BOD5 / l kg BOD5 / (kg SSMA * d) kg SSMA / m kg BOD5 / (m 3 * d) E DATI DI PROGETTO 1,0 3 0,1 60 0, ,1 5 0,5 0,28 0,28 0,34 0,50 0,60 0,17 0,25 0,30 0,50 0,60 2,4 3 0,3 60 0, ,1 5 0,5 0,73 1,14 1,44 2,47 3,47 3,0 3 0,4 60 0, ,1 5 0, Alloggio pastiglia di cloro ,0 3 0,5 60 1, ,1 5 0,5 U ,6 3 0,7 60 1, ,1 5 0,5 Impianto a Fanghi Attivi Super Plus in polietilene monoblocco, adatto a trattare i reflui provenienti da civili abitazioni; composto da una fase di ossidazione dei liquami tramite diffusione di aria a bolle fini ad opera di un compressore a membrana, una fase di sedimentazione in un apposita zona di quiete, una fase di digestione dei fanghi prodotti e una fase di clorazione tramite pastiglia di cloro. OSSIDAZIONE dei liquami in ingresso mediante erogazione di aria inviata da un compressore a membrana, assolutamente silenzioso, posizionato nell apposito alloggiamento ricavato all interno del manufatto; l aria a bolle fini è distribuita mediante diffusori inintasabili in EPDM. SEDIMENTAZIONE dei solidi presenti nei reflui provenienti dalla zona di ossidazione che avviene con opportuni tempi di residenza in una apposita zona di quiete ricavata all interno del manufatto. DIGESTIONE dei fanghi ottenuti nella fase di sedimentazione, che vengono ad accumularsi sul fondo del bacino di ossidazione. CLORAZIONE dei reflui ossigenati e chiarificati, che lambiscono una pastiglia di cloro attivo alloggiata in un apposita nicchia posta sulla tubazione di uscita. SCAVO: Realizzate lo scavo di dimensioni adeguate. Stendete sul fondo dello scavo uno strato di sabbia o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm, dello spessore di 10 cm. Inumidite la sabbia e livellate il piano di appoggio prima di posizionare il manufatto. RACCORDI: Raccordate l uscita del Super Plus ad una cameretta di ispezione con un tubo in PVC diametro... Raccordate le colonne di scarico all entrata del Super Plus con tubo in Polipropilene diametro... RIEMPIMENTO: Riempite Super Plus di acqua pulita al fine di avviare correttamente il processo biologico. RINFIANCO E RIFINITURA: Procedete al rinfianco con sabbia umida o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm. Rifinite la sommità del manufatto con una calotta in CLS alleggerito spessore 5 cm, o con una soletta in calcestruzzo armato con spessore minimo di 25 cm in caso di carrabilità veicolare. Qualora non sia prevista una colonna di ventilazione nei bagni, installate un pozzetto sifonato a monte dell impianto. Per evitare eventuali ritorni di odore nei bagni, posizionare sempre un pozzetto sifonato a monte dell impianto. Qualora negli scarichi dei bagni non fosse presente una canna di ventilazione è necessario collegare un tubo di PVC Ø 2 allo sfiato di sicurezza dell impianto ed inviarlo al livello del tetto dell abitazione. COLLEGAMENTO ELETTRICO: Effettuate il collegamento elettrico predisponendo una linea a 220 Volt che alimenti il compressore e che garantisca la tenuta stagna delle connessioni. AVVIAMENTO: Dopo aver effettuato l installazione, controllate che il compressore e il diffusore d aria funzionino correttamente. Al fine di accelerare l avviamento dell impianto immettete il kit di batteri liofilizzati all interno della zona di ossidazione. Inserite la pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento situato sulla tubazione di uscita. CONTROLLO E MANUTENZIONE: Verificate che nel sedimentatore non vi siano zone di ristagno del fango che puó dare origine a processi anaerobici. Inserite una nuova pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento ogni tre mesi e ogni sei mesi circa provvedete all asportazione dei fanghi di supero contattando aziende specializzate. Verificate che i bagni siano dotati di colonne di ventilazione; in alterntiva realizzate a monte dell impianto un pozzetto sifonato o una nuova colonna di sfiato. RENDIMENTI E GARANZIE ISEA garantisce gli standard qualitativi dell effluente indicati dal D. L.vo n 152/06, Allegato 5, Tabella 3. ISEA garantisce tutte le apparecchiature elettromeccaniche per un periodo di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna. ISEA garantisce la conformità delle apparecchiature installate alla Direttiva Europea Macchine 6/42/CE. DEPURATORI 14 15

10 SUPER QUATTRO IMPIANTO A FANGI ATTIVI Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene, adatto a trattare i reflui provenienti da scarichi domestici per il successivo recapito in terreno. tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FANGI ATTIVI SUPER QUATTRO Trattamento scarichi domestici per recapito in terreno UTENZA Da 4 a 40 abitanti equivalenti ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Impianto a fanghi attivi con compressore a membrana per l ossidazione / nitrificazione dei liquami tramite diffusione di aria a bolle fini Ingresso acque nere Consumi contenuti Alta resa depurativa Impianto a Fanghi Attivi SUPER QUATTRO Pozzetto di ispezione Uscita Investimento ridotto Degrassatore Semplicità di gestione Facile manutenzione Ingresso acque grigie (lavatrici, lavabi, docce, cucine) Ideale per lo scarico in terreno Filtro percolatore anaerobico che completa il trattamento ed aumenta la resa depurativa Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 16 17

11 SUPERQUATTRO IMPIANTO A FANGI ATTIVI CON FILTRO PERCOLATORE ANAEROBICO IMPIANTI A FANGI ATTIVI SUPER QUATTRO Utenti (A.E.) Volume Totale (m 3 ) Super Diametro Altezza Potenza (W) Filtro Percolatore Anaerobico Diametro Altezza 9300 S.Q.1 4 2,2 S.A TIPO S.Q.2 7 3,0 S.A TIPO S.Q ,8 S.A TIPO S.Q ,7 S.A TIPO S.Q ,7 S.A TIPO S.Q ,0 F.A TIPO S.Q ,0 F.A TIPO S.Q ,0 F.A TIPO impianto a fanghi attivi membrana ossigenazione Abitanti Equivalenti Dotazione idrica pro-capite Portata giornaliera Coefficiente di punta Portata oraria di punta Carico organico pro-capite Carico organico giornaliero Concentrazione carico organico Carico del fango Concentrazione della biomassa Carico volumetrico filtro percolatore anaerobico A. E. l / (A.E. * d) m 3 / d - m 3 / h g BOD5 / (A.E. * d) kg BOD5 / d mg BOD5 / l kg BOD5 / (kg SSMA * d) kg SSMA / m 3 kg BOD5 / (m 3 / d) DATI DI PROGETTO 4 0,8 3 0,1 60 0, ,1 5 0,5 7 1,4 3 0,2 60 0, ,1 5 0,5 10 2,0 3 0,3 60 0, ,1 5 0,5 compressore tubo alimentazione aria 14 2,8 3 0,4 60 0, ,1 5 0,5 18 3,6 3 0,5 60 1, ,1 5 0,5 26 5,2 3 0,7 60 1, ,1 5 0,5 32 6,4 3 0,8 60 1, ,1 5 0,5 40 8,0 3 1,0 60 2, ,1 5 0,5 Impianto di trattamento degli scarichi domestici tipo SUPERquattro prefabbricato in polietilene; formato da una fase di ossidazione/nitrificazione dei liquami tramite diffusione di aria a bolle fini ad opera di un compressore a membrana posto esternamente al manufatto, una fase di denitrificazione in condizioni anossiche, una fase di sedimentazione in un apposita zona di quiete e una fase di affinamento finale su massa filtrante in ambiente anaerobico. Il sistema è composto da: Impianto a Fanghi Attivi Super e Filtro Percolatore Anaerobico Anapackage, che effettuano la depurazione dei liquami per il successivo scarico in terreno. FASI DEL TRATTAMENTO: OSSIDAZIONE/NITRIFICAZIONE dei liquami in ingresso al Super, mediante erogazione di aria inviata da un compressore a membrana assolutamente silenzioso; l aria a bolle fini è distribuita mediante diffusori inintasabili in EPDM. DENITRIFICAZIONE dei reflui ossidati e nitrificati, ottenuta nello stesso comparto ma in condizioni anossiche, senza insufflazione di aria dal compressore, al fine di ridurre la concentrazione di azoto nell effluente. SEDIMENTAZIONE dei fanghi prodotti nella zona di ossidazione del Super, che avviene con opportuni tempi di residenza in una apposita zona di quiete ricavata all interno del manufatto. AFFINAMENTO finale effettuato in un Filtro Percolatore Anaerobico Anapackage, opportunamente riempito con supporti in polipropilene ad elevata superficie specifica, per facilitare la formazione in condizioni anossiche della flora batterica adesa, che completa il trattamento ed aumenta la resa depurativa, consentendo di ottenere una rimozione spinta dell azoto per il successivo scarico delle acque in uscita in terreno. N.B.: Prima di installare l impianto è necessario ottenere il parere positivo dell ente competente, al quale deve essere presentata la domanda di autorizzazione allo scarico. SCAVO: Realizzate lo scavo di dimensioni adeguate. Stendete sul fondo dello scavo uno strato di sabbia o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm, dello spessore di 10 cm. Inumidite la sabbia e livellate il piano di appoggio prima di posizionare i manufatti. RACCORDI: Collegate il compressore alla tubazione dell aria all interno del manufatto. Il compressore andrà posizionato in un idoneo pozzetto areato al riparo dagli agenti atmosferici, ad una distanza dall impianto inferiore a 10 m. Raccordate l uscita del Filtro Percolatore Anaerobico ad una cameretta di ispezione con un tubo in PVC diametro.... Raccordate l uscita del Super all entrata del Filtro Percolatore Anaerobico con un tubo in PVC diametro.... Raccordate lo scarico all entrata del Super con un tubo in polipropilene o PVC diametro... RIEMPIMENTO: Riempite i manufatti di acqua pulita al fine di avviare correttamente il processo biologico. RINFIANCO E RIFINITURA: Procedete al rinfianco con sabbia umida o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm. Rifinite la sommità del manufatto con del rinfianco con uno strato di terreno vegetale spessore max 40 cm, avendo cura di realizzare prima una calotta in CLS alleggerito spessore 5 cm o una soletta in calcestruzzo armato con spessore minimo di 25 cm per ottenere la carrabilità veicolare, posizionando dei pozzetti di ispezione in prossimità dei coperchi a vite. Per evitare eventuali ritorni di odore dei bagni, posizionare un pozzetto sifonato a monte dell impianto. Qualora negli scarichi dei bagni non fosse presente una canna di ventilazione è necessario collegare un tubo di PVC Ø 2 allo sfiato di sicurezza del Super ed inviarlo al livello del tetto dell abitazione. COLLEGAMENTO ELETTRICO: Effettuate il collegamento elettrico predisponendo una linea a 220 Volt che alimenti il compressore del Super e che garantisca la tenuta stagna delle connessioni. AVVIAMENTO ED USO: Dopo aver effettuato l installazione come prescritto ed a regola d arte, controllate che il compressore e il diffusore d aria del Super funzionino correttamente. Al fine di accelerare l avviamento dell impianto immettete il kit di batteri liofilizzati all interno della zona di ossidazione. Il processo biologico necessita di circa 40/60 giorni per entrare a regime, durante il quale la soffiante deve essere fatta funzionare in continuo; passato questo intervallo di tempo, la flora batterica può considerarsi sviluppata in quantità sufficiente ad effettuare la corretta azione depurativa, e la soffiante dovrà essere regolata secondo un funzionamento di due ore e una pausa di un ora, utilizzando il temporizzatore fornito in dotazione. CONTROLLO E MANUTENZIONE: Verificate che nel sedimentatore del Super non vi siano zone di ristagno del fango che puó dare origine a processi anaerobici. Verificate periodicamente che nessun corpo grossolano ostruisca l ingresso dei liquami o l uscita delle acque dai manufatti e che il livello del fango non raggiunga la quota del fondo dei tronchetti di uscita. Per il Filtro Percolatore Anaerobico è buona norma effettuare un operazione di pulizia del filtro almeno una volta all anno, lavando il materiale accumulatosi all interno con acqua in pressione, alla presenza di un autospurgo. Ogni sei mesi circa provvedete all asportazione dei fanghi di supero del Super e del Filtro Percolatore Anaerobico contattando aziende specializzate. RENDIMENTI E GARANZIE ISEA garantisce gli standard qualitativi dell effluente indicati dal D.L.vo. n 152/06, Allegato 5, Tabella 4. ISEA garantisce tutte le apparecchiature elettromeccaniche per un periodo di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna. ISEA garantisce la conformità delle apparecchiature installate alla Direttiva Europea Macchine 6/42/CE. DEPURATORI 18 19

12 SUPER PLUS MIX IMPIANTO A FANGI ATTIVI Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene, adatto a trattare i reflui provenienti da abitazioni civili con scarichi misti. tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FANGI ATTIVI SUPER PLUS MIX Trattamento scarichi domestici misti per recapito in corpo idrico UTENZA Da 5 a 30 abitanti equivalenti ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Impianto a Fanghi Attivi SUPER PLUS MIX Consumi contenuti Alta resa depurativa Investimento ridotto Semplicità di gestione Fossa settica bicamerale che trattiene il materiale flottante ed esercita una parziale riduzione del carico organico Zona di quiete per la sedimentazione dei solidi presenti nei reflui Ingresso acque miste (lavatrici, lavabi, docce, cucine, wc) Fossa settica bicamerale Pozzetto di ispezione Uscita Facile manutenzione Ideale per scarichi misti Impianto a fanghi attivi che completa la depurazione dei liquami mediante processo di ossidazione Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 20 21

13 SUPER PLUS MIX IMPIANTO A FANGI ATTIVI PER SCARICI MISTI IMPIANTI A FANGI ATTIVI SUPER PLUS MIX Utenti (A.E.) Fossa Settica Bicamerale Impianto a fanghi attivi l L 9400 S.M.1 5 Tipo 400 Super Plus S S.M.2 10 Tipo 800 Super Plus S S.M.3 15 Tipo 0 Super Plus S S.M.4 20 Tipo 1500 Super Plus S S.M.5 25 Tipo 0 Super Plus S S.M.6 30 Tipo 3000 Super Plus S DATI DI PROGETTO Abitanti Equivalenti A.E Dotazione idrica pro-capite l / (A.E. * d) Portata giornaliera m 3 / d 1,0 2,0 3,0 4,0 Coefficiente di punta Portata oraria di punta m 3 / h 0,1 0,3 0,4 0,5 Carico organico pro-capite g BOD5 / (A.E. * d) Carico organico giornaliero kg BOD5 / d 0,3 0,6 0,9 1,2 Concentrazione carico organico mg BOD5 / l Carico del fango kg BOD5 / (kg SSMA * d) 0,1 0,1 0,1 0,1 Concentrazione della biomassa kg SSMA / m Carico volumetrico kg BOD5 / (m 3 * d) 0,5 0,5 0,5 0,5 25 5,0 3 0,6 60 1, ,1 5 0,5 30 6,0 3 0,8 60 1, ,1 5 0,5 Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene Super Plus Mix, adatto a trattare i reflui provenienti da utenze civili con scarichi misti (acque nere di W.C. non separate dalle acque grigie di cucine, docce, lavabi e lavatrici). Il sistema è composto da: Fossa Settica Bicamerale per il pre-trattamento dei reflui misti; Impianto a Fanghi Attivi Super Plus che completa la depurazione dei liquami. PRE-TRATTAMENTO effettuato da una Fossa Settica Bicamerale che consente sia di trattenere il materiale flottante, sia di esercitare una parziale riduzione del carico organico. OSSIDAZIONE dei liquami in ingresso al Super Plus, mediante erogazione di aria inviata da un compressore a membrana assolutamente silenzioso, posizionato nell apposito alloggiamento ricavato all interno del manufatto; l aria a bolle fini è distribuita mediante diffusori inintasabili in EPDM. SEDIMENTAZIONE dei solidi presenti nei reflui provenienti dalla zona di ossidazione del Super Plus, che avviene con opportuni tempi di residenza in una apposita zona di quiete ricavata all interno del manufatto. DIGESTIONE dei fanghi ottenuti nella fase di sedimentazione, che vengono ad accumularsi sul fondo del bacino di ossidazione del Super Plus. CLORAZIONE dei reflui ossigenati e chiarificati che lambiscono una pastiglia di cloro attivo alloggiata in un apposita nicchia posta sulla tubazione di uscita. SCAVO: Realizzate lo scavo di dimensioni adeguate. Stendete sul fondo dello scavo uno strato di sabbia o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm, dello spessore di 10 cm. Inumidite la sabbia e livellate il piano di appoggio prima di posizionare i manufatti. RACCORDI: Raccordate l uscita del Super Plus ad una cameretta di ispezione con un tubo in PVC diametro... Raccordate l uscita della Fossa Settica Bicamerale all entrata del Super Plus con un tubo in PVC diametro... Raccordate lo scarico all entrata della Fossa Settica Bicamerale con un tubo in polipropilene o PVC diametro... RIEMPIMENTO: Riempite i manufatti di acqua pulita al fine di avviare correttamente il processo biologico. RINFIANCO E RIFINITURA: Procedete al rinfianco con sabbia umida o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm. Rifinite la sommità del manufatto con una calotta in CLS alleggerito spessore 5 cm o con una soletta in calcestruzzo armato con spessore minimo di 25 cm per ottenere la carrabilità veicolare. Per evitare eventuali ritorni di odore dei bagni, posizionare un pozzetto sifonato a monte dell impianto. Qualora negli scarichi dei bagni non fosse presente una canna di ventilazione è necessario collegare un tubo di PVC Ø 2 allo sfiato di sicurezza del Super Plus ed inviarlo al livello del tetto dell abitazione. COLLEGAMENTO ELETTRICO: Effettuate il collegamento elettrico predisponendo una linea a 220 Volt che alimenti il compressore del Super Plus e che garantisca la tenuta stagna delle connessioni. AVVIAMENTO: Dopo aver effettuato l installazione come prescritto ed a regola d arte, controllate che il compressore e il diffusore d aria del Super Plus funzionino correttamente. Al fine di accelerare l avviamento dell impianto immettete il kit di batteri liofilizzati all interno della zona di ossidazione. Inserite la pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento situato sulla tubazione di uscita. CONTROLLO E MANUTENZIONE: Verificate periodicamente che nessun corpo grossolano ostruisca l ingresso dei liquami o l uscita delle acque dalla Fossa Settica Bicamerale e che il livello del fango e dei grassi non raggiunga la quota del fondo del tronchetto di uscita. Verificate che nel sedimentatore del Super Plus non vi siano zone di ristagno del fango che puó dare origine a processi anaerobici; inserite una nuova pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento del Super Plus ogni tre mesi circa. Ogni sei mesi circa provvedete all asportazione dei fanghi e dei grassi della Fossa Settica Bicamerale e dei fanghi di supero del Super Plus contattando aziende specializzate. RENDIMENTI E GARANZIE ISEA garantisce gli standard qualitativi dell effluente indicati dal D. L.vo n 152/06, Allegato 5, Tabella 3. ISEA garantisce tutte le apparecchiature elettromeccaniche per un periodo di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna. ISEA garantisce la conformità delle apparecchiature installate alla Direttiva Europea Macchine 6/42/CE. DEPURATORI 22 23

14 SUPER PLUS PUBLIC IMPIANTO A FANGI ATTIVI Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene, adatto a trattare i reflui provenienti da piccoli locali pubblici (ristoranti, alberghi, agriturismi, ecc.). tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FANGI ATTIVI SUPER PLUS PUBLIC Trattamento scarichi di piccoli locali pubblici per recapito in corpo idrico UTENZA Da 5 a 30 abitanti equivalenti ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Impianto a Fanghi Attivi SUPER PLUS PUBLIC Consumi contenuti Alta resa depurativa Investimento ridotto Semplicità di gestione Sistema per il pre-trattamento tricamerale per il pre-trattamento delle acque nere e grigie e per l equalizzazione delle portate Impianto a fanghi attivi che completa la depurazione dei liquami mediante processo di ossidazione Ingresso acque miste (lavatrici, lavabi, docce, cucine, wc) Sistema di pre-trattamento tricamerale Pozzetto di calma Pozzetto di ispezione Uscita Facile manutenzione Ideale per locali pubblici Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 24 25

15 SUPER PLUS PUBLIC IMPIANTO A FANGI ATTIVI PER SCARICI DI PICCOLI LOCALI PUBBLICI Utenti (A.E.) Coperti Sistema di pre-trattamento Impianto a fanghi attivi l L IMPIANTI A FANGI ATTIVI SUPER PLUS PUBLIC 9600 S.P Tipo 400 Super Plus S S.P Tipo 800 Super Plus S S.P Tipo 0 Super Plus S S.P Tipo 1500 Super Plus S S.P.5 25 Tipo 0 Super Plus S S.P Tipo 3000 Super Plus S DATI DI PROGETTO Abitanti Equivalenti A.E Dotazione idrica pro-capite l / (A.E. * d) Portata giornaliera m 3 / d 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 Coefficiente di punta Portata oraria di punta m 3 / h 0,1 0,3 0,4 0,5 0,6 Carico organico pro-capite g BOD5 / (A.E. * d) Carico organico giornaliero kg BOD5 / d 0,3 0,6 0,9 1,2 1,5 Concentrazione carico organico mg BOD5 / l Carico del fango kg BOD5 / (kg SSMA * d) 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Concentrazione della biomassa Carico volumetrico kg SSMA / m 3 kg BOD5 / (m 3 * d) 5 0,5 5 0,5 5 0,5 5 0,5 5 0,5 30 6,0 3 0,8 60 1, ,1 5 0,5 Impianti a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene Super Plus Public, adatto a trattare i reflui provenienti da piccoli locali pubblici (ristoranti, alberghi, agriturismi, ecc.). Il sistema è composto da: Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale in polietilene monoblocco, per il pre-trattamento delle acque nere e grigie e per l equalizzazione delle portate; Impianto a Fanghi Attivi Super Plus in polietilene monoblocco, che completa la depurazione dei liquami. Compreso nella fornitura è previsto un quadro elettrico di comando con scheda elettronica. PRE-TRATTAMENTO ED EQUALIZZAZIONE effettuate da un Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale, costituito da una camera di raccolta grassi, una camera di pre-trattamento acque nere e una camera con elettropompa per l equalizzazione delle portate, dotata di regolatore di livello, valvola di ritegno, saracinesca e quadro elettrico temporizzato. OSSIDAZIONE dei liquami in ingresso al Super Plus, mediante l erogazione di aria inviata da un compressore a membrana assolutamente silenzioso, posizionato nell apposito alloggiamento ricavato all interno del manufatto; l aria a bolle fini è distribuita mediante diffusori inintasabili in EPDM. SEDIMENTAZIONE dei solidi presenti nei reflui provenienti dalla zona di ossidazione del Super Plus, che avviene con opportuni tempi di residenza in un apposita zona di quiete ricavata all interno del manufatto. DIGESTIONE dei fanghi ottenuti nella fase di sedimentazione, che vengono ad accumularsi sul fondo del bacino di ossidazione del Super Plus. CLORAZIONE dei reflui ossigenati e chiarificati, che lambiscono una pastiglia di cloro attivo alloggiata in un apposita nicchia posta sulla tubazione di uscita. SCAVO: Realizzate lo scavo di dimensioni adeguate. Stendete sul fondo dello scavo uno strato di sabbia o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm, dello spessore di 10 cm. Inumidite la sabbia e livellate il piano di appoggio prima di posizionare i manufatti. RACCORDI: Raccordate l uscita del Super Plus ad una cameretta di ispezione con un tubo in PVC diametro... Raccordate l uscita del Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale all entrata del Super Plus con un tubo in PVC diametro... Raccordate lo scarico all entrata del Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale con tubo in polipropilene o PVC diametro... RIEMPIMENTO: Riempite i manufatti di acqua pulita al fine di avviare correttamente il processo biologico. RINFIANCO E RIFINITURA: Procedete al rinfianco con sabbia umida o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm. Rifinite la sommità dei manufatti con una calotta in CLS alleggerito spessore 5 cm, o con una soletta in calcestruzzo armato con spessore minimo di 25 cm per ottenere la carrabilità veicolare. Per evitare eventuali ritorni di odore nei bagni posizionare sempre un pozzetto sifonato a monte dell impianto. Qualora negli scarichi dei bagni non fosse presente una canna di ventilazione è necessario collegare un tubo di PVC Ø 2 allo sfiato di sicurezza del Super Plus ed inviarlo al livello del tetto dell abitazione. COLLEGAMENTO ELETTRICO: Effettuate il collegamento elettrico predisponendo una linea a 220 Volt che alimenti il compressore del Super Plus e l elettropompa della stazione di equalizzazione e che garantisca la tenuta stagna delle connessioni. AVVIAMENTO: Dopo aver effettuato l installazione come prescritto ed a regola d arte, controllate che il compressore e il diffusore d aria del Super Plus, l elettropompa ed il quadro elettrico del Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale funzionino correttamente. Al fine di accelerare l avviamento dell impianto immettete il kit di batteri liofilizzati all interno della zona di ossidazione. Inserite la pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento situato nella tubazione di uscita. CONTROLLO E MANUTENZIONE: Verificate periodicamente che nessun corpo grossolano ostruisca l ingresso dei liquami del Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale e che il livello del fango e dei grassi non raggiunga la quota del fondo dei tronchetti di uscita delle camere; almeno una volta all anno verificate il funzionamento dell elettropompa e controllate le componenti elettriche del quadro. Verificate che nel sedimentatore del Super Plus non vi siano zone di ristagno del fango che può dare origine a processi anaerobici; inserite una nuova pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento del Super Plus ogni tre mesi circa. Ogni sei mesi circa provvedete all asportazione dei fanghi e dei grassi del Sistema di Pre-Trattamento Tricamerale e dei fanghi di supero del Super Plus contattando aziende specializzate. RENDIMENTI E GARANZIE ISEA garantisce gli standard qualitativi dell effluente indicati dal D. L.vo n 152/06, Allegato 5, Tabella 3. ISEA garantisce tutte le apparecchiature elettromeccaniche per un periodo di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna. ISEA garantisce la conformità delle apparecchiature installate alla Direttiva Europea Macchine 6/42/CE. DEPURATORI 26 27

16 SUPER PLUS K IMPIANTO A FANGI ATTIVI Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene, adatto a trattare i reflui provenienti da utenze civili con variazione di portata (strutture turistiche, agriturismi, piccole attività produttive, ecc.). tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FANGI ATTIVI SUPER PLUS K Trattamento scarichi civili con variazioni di portata per recapito in corpo idrico UTENZA Da 5 a 28 abitanti equivalenti Degrassatore per il pre-trattamento delle acque grigie Stazione di equalizzazione per la regolazione della portata tramite elettropompa ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Ingresso acque grigie (lavatrici, docce, lavabi, cucine) Degrassatore Impianto a Fanghi Attivi SUPER PLUS K Consumi contenuti Alta resa depurativa Investimento ridotto Semplicità di gestione Facile manutenzione Ideale per utenze con variazioni di portata Impianto a fanghi attivi che completa la depurazione dei liquami mediante processo di ossidazione Ingresso acque nere Stazione di equalizzazione Pozzetto di calma Pozzetto di ispezione Uscita Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 28 29

17 SUPER PLUS K IMPIANTO A FANGI ATTIVI A PORTATA COSTANTE IMPIANTI A FANGI ATTIVI SUPER PLUS K Utenti (A.E.) Degrassatore Stazione di equalizzazione Impianto a fanghi attivi l L 9800 S.K.1 5 Tipo 400 Tipo 500 B1 Super Plus S S.K.2 12 Tipo 800 Tipo 500 B1 Super Plus S S.K.3 15 Tipo 1 Tipo 0K B1 Super Plus S S.K.4 20 Tipo 1 Tipo 0K B1 Super Plus S S.K.5 28 Tipo 0 Tipo 0K B1 Super Plus S E DATI DI PROGETTO Abitanti Equivalenti A.E Dotazione idrica pro-capite l / (A.E. * d) Portata giornaliera m 3 / d 1,0 2,4 3,0 4,0 5,6 Coefficiente di punta Portata oraria di punta m 3 / h 0,1 0,3 0,4 0,5 0,7 Carico organico pro-capite g BOD5 / (A.E. * d) Carico organico giornaliero kg BOD5 / d 0,3 0,7 0,9 1,2 1,7 Concentrazione carico organico mg BOD5 / l Carico del fango kg BOD5 / (kg SSMA * d) 0,1 0,1 0,1 0,1 0,1 Concentrazione della biomassa kg SSMA / m Carico volumetrico kg BOD5 / (m 3 * d) 0,5 0,5 0,5 0,5 0,5 Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene Super Plus K a portata costante, adatto a trattare i reflui provenienti da utenze civili con variazioni di portata (strutture turistiche, agriturismi, piccole attività produttive, ecc.). Il sistema è composto da: Degrassatore in polietilene monoblocco, per il pre-trattamento delle acque grigie, Stazione di Equalizzazione in polietilene monoblocco per la regolazione della portata tramite elettropompa; Impianto a Fanghi Attivi Super Plus in polietilene monoblocco, che completa la depurazione dei liquami. Compreso nella fornitura è previsto un quadro elettrico di comando con scheda elettronica. PRE-TRATTAMENTO effettuato da un Degrassatore da installarsi sulla linea delle acque grigie, per la rimozione di grassi, oli e altro materiale flottante. EQUALIZZAZIONE della portata in arrivo all impianto, tramite Stazione di Equalizzazione con elettropompa, dotata di regolatore di livello, valvola di ritegno, saracinesca e quadro elettrico temporizzato. OSSIDAZIONE dei liquami in ingresso al Super Plus, mediante l erogazione di aria inviata da un compressore a membrana assolutamente silenzioso, posizionato nell apposito alloggiamento ricavato all interno del manufatto; l aria a bolle fini è distribuita mediante diffusori inintasabili in EPDM. SEDIMENTAZIONE dei solidi presenti nei reflui provenienti dalla zona di ossidazione del Super Plus, che avviene con opportuni tempi di residenza in un apposita zona di quiete ricavata all interno del manufatto. DIGESTIONE dei fanghi ottenuti nella fase di sedimentazione, che vengono ad accumularsi sul fondo del bacino di ossidazione del Super Plus. CLORAZIONE dei reflui ossigenati e chiarificati, che lambiscono una pastiglia di cloro attivo alloggiata in un apposita nicchia posta sulla tubazione di uscita. SCAVO: Realizzate lo scavo di dimensioni adeguate. Stendete sul fondo dello scavo uno strato di sabbia o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm, dello spessore di 10 cm. Inumidite la sabbia e livellate il piano di appoggio prima di posizionare i manufatti. RACCORDI: Raccordate l uscita del Super Plus ad una cameretta di ispezione con un tubo in PVC diametro... Raccordate l uscita della Stazione di Equalizzazione all entrata del Super Plus con un tubo in PVC diametro... Raccordate lo scarico delle acque grigie all entrata del Degrassatore con tubo in polipropilene o PVC diametro... Raccordate l uscita del Degrassatore e lo scarico delle acque nere all entrata della Stazione di Equalizzazione con tubo in polipropilene o PVC diametro... RIEMPIMENTO: Riempite i manufatti di acqua pulita al fine di avviare correttamente il processo biologico. RINFIANCO E RIFINITURA: Procedete al rinfianco con sabbia umida o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm. Per il rinfianco della Stazione di Equalizzazione usate sempre CLS alleggerito. Rifinite la sommità dei manufatti con una calotta in CLS alleggerito spessore 5 cm, o con una soletta in calcestruzzo armato con spessore minimo di 25 cm per ottenere la carrabilità veicolare. In presenza di acqua di falda è indispensabile realizzare l involucro esterno della Stazione di Equalizzazione in CLS, avendo cura di ottenere la perfetta tenuta idraulica. Per evitare eventuali ritorni di odore nei bagni posizionare sempre un pozzetto sifonato a monte dell impianto. Qualora negli scarichi dei bagni non fosse presente una canna di ventilazione è necessario collegare un tubo di PVC Ø 2 allo sfiato di sicurezza del Super Plus ed inviarlo al livello del tetto dell abitazione. COLLEGAMENTO ELETTRICO: Effettuate il collegamento elettrico predisponendo una linea a 220 Volt che alimenti il compressore del Super Plus e l elettropompa della Stazione di Equalizzazione e che garantisca la tenuta stagna delle connessioni. AVVIAMENTO: Dopo aver effettuato l installazione come prescritto ed a regola d arte, controllate che il compressore e il diffusore d aria del Super Plus, e l elettropompa ed il quadro elettrico della Stazione di Equalizzazione, funzionino correttamente. Al fine di accelerare l avviamento dell impianto immettete il kit di batteri liofilizzati all interno della zona di ossidazione. Inserite la pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento situato nella tubazione di uscita. CONTROLLO E MANUTENZIONE: Verificate periodicamente che nessun corpo grossolano ostruisca l ingresso dei liquami del Degrassatore e che il livello del fango e dei grassi non raggiunga la quota del fondo del tronchetto di uscita. Almeno una volta all anno verificate il funzionamento dell elettropompa della Stazione di Equalizzazione e controllate le componenti elettriche del quadro. Verificate che nel sedimentatore del Super Plus non vi siano zone di ristagno del fango che possono dare origine a processi anaerobici; inserite una nuova pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento del Super Plus ogni tre mesi circa. Ogni sei mesi circa provvedete all asportazione dei fanghi e dei grassi del Degrassatore e dei fanghi di supero del Super Plus contattando aziende specializzate. RENDIMENTI E GARANZIE ISEA garantisce gli standard qualitativi dell effluente indicati dal D. L.vo n 152/06, Allegato 5, Tabella 3. ISEA garantisce tutte le apparecchiature elettromeccaniche per un periodo di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna. ISEA garantisce la conformità delle apparecchiature installate alla Direttiva Europea Macchine 6/42/CE. DEPURATORI 30 31

18 COMPACT IMPIANTO A FANGI ATTIVI Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene monoblocco, adatto a trattare i reflui provenienti da scarichi domestici per il successivo recapito in corpo idrico superficiale. tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FANGI ATTIVI COMPACT Trattamento scarichi domestici per recapito in corpo idrico UTENZA Da 32 a 70 abitanti equivalenti Coperchio a vite per ispezione ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Consumi contenuti Ingresso acque nere Uscita Alta resa depurativa Investimento ridotto Semplicità di gestione Ingresso acque grigie (lavatrici, lavabi, docce, cucine) Impianto a Fanghi Attivi COMPACT Pozzetto di ispezione Facile manutenzione Degrassatore Diffusore ad aria a bolle fini per il processo di ossidazione dei liquami Zona di quiete per la sedimentazione dei solidi presenti nei reflui Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 32 33

19 COMPACT IMPIANTO A FANGI ATTIVI IMPIANTI A FANGI ATTIVI COMPACT Utenti (A.E.) D E U S sed (m 2 ) V sed (m 3 ) V ox (m 3 ) Potenza (W) 8015 F.A E Alloggio pastiglia di cloro Abitanti Equivalenti A.E Dotazione idrica pro-capite Portata giornaliera Coefficiente di punta Portata oraria di punta Carico organico pro-capite Carico organico giornaliero Concentrazione carico organico Carico del fango Concentrazione della biomassa Carico volumetrico F.A.7 F.A.8 F.A l / (A.E. * d) m 3 / d - m 3 / h g BOD5 / (A.E. * d) kg BOD5 / d mg BOD5 / l kg BOD5 / (kg SSMA * d) kg SSMA / m kg BOD5 / (m 3 * d) DATI DI PROGETTO 1,1 1,1 1,1 1,1 6,4 3 0,8 60 1, ,1 5 0,5 1,3 1,7 1,7 1,7 9,0 3 1,1 60 2, ,1 5 0,5 4,7 6,7 6,7 8, ,0 3 1,5 60 3, ,1 5 0,5 140 U ,0 3 1,8 60 4, ,1 5 0,5 Impianto a Fanghi Attivi prefabbricato in polietilene Compact, adatto a trattare i reflui provenienti da civili abitazioni, effettua la depurazione dei liquami per la successiva adduzione in corpo idrico superficiale; composto da una fase di ossidazione dei liquami tramite diffusione di aria a bolle fini ad opera di un compressore, una fase di sedimentazione in un apposita zona di quiete, una fase di digestione dei fanghi prodotti e una fase di clorazione tramite pastiglia di cloro. OSSIDAZIONE dei liquami in ingresso, mediante l erogazione di aria inviata da un compressore soffiante, da posizionarsi in un idoneo alloggiamento in prossimità della vasca; l aria a bolle fini è distribuita mediante diffusori inintasabili in EPDM. SEDIMENTAZIONE dei solidi presenti nei reflui provenienti dalla zona di ossidazione, che avviene con opportuni tempi di residenza in un apposita zona di quiete ricavata all interno del manufatto. DIGESTIONE dei fanghi ottenuti nella fase di sedimentazione, che vengono ad accumularsi sul fondo del bacino di ossidazione. CLORAZIONE dei reflui ossigenati e chiarificati, che lambiscono una pastiglia di cloro attivo alloggiata in un apposita nicchia posta sulla tubazione di uscita. SCAVO: Realizzate lo scavo di dimensioni adeguate. Stendete sul fondo dello scavo uno strato di sabbia o altro inerte pezzatura da 0 a 5 mm, dello spessore di 10 cm. Inumidite la sabbia e livellate il piano di appoggio del Compact. RACCORDI: Raccordate l uscita dal Compact ad una cameretta di ispezione con un tubo in PVC diametro... Raccordate le colonne di scarico all entrata del Compact con tubo in Polipropilene o in PVC diametro... RIEMPIMENTO: Riempite il Compact di acqua al fine di avviare correttamente il processo biologico. RINFIANCO E RIFINITURA: Procedete al rinfianco con sabbia umida o altro inerte da 0 a 5 mm. Collegate il compressore al manufatto utilizzando il tubo in polipropilene da inserire negli appositi raccordi ed avendo l avvertenza di localizzarlo in un luogo asciutto ed a quota superiore rispetto al livello d uscita dei reflui. Rifinite la sommità del rinfianco con uno strato di terreno vegetale max 40 cm avendo cura di realizzare prima una soletta di CLS alleggerito spessore 5 cm, posizionando dei pozzetti di ispezione in prossimità dei coperchi a vite. Nel caso vi sia carrabilità realizzate una soletta in conglomerato cementizio armato. Raccordate lo sfiato ad una colonna di ventilazione. COLLEGAMENTO ELETTRICO: Avviate l aerazione inserendo la spina a 220 Volt del compressore in una presa, il funzionamento può essere regolato da un timer. AVVIAMENTO: Dopo aver effettuato l installazione, controllate che il compressore e il diffusore d aria funzionino correttamente. Al fine di accelerare l avviamento dell impianto immettete il kit di batteri liofilizzati all interno della zona di ossidazione. Inserite la pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento situato sulla tubazione di uscita. CONTROLLO E MANUTENZIONE: Verificate che nel sedimentatore non vi siano zone di ristagno del fango che puó dare origine a processi anaerobici. Inserite una nuova pastiglia di cloro nell apposito alloggiamento ogni tre mesi ed ogni sei mesi circa provvedete all asportazione dei fanghi di supero contattando aziende specializzate. Verificate che i bagni siano dotati di colonne di ventilazione; in alternativa realizzate a monte dell impianto un pozzetto sifonato o una nuova colonna di sfiato. RENDIMENTI E GARANZIE ISEA garantisce gli standard qualitativi dell effluente indicati dal D. L.vo n 152/06, Allegato 5, Tabella 3. ISEA garantisce tutte le apparecchiature elettromeccaniche per un periodo di 12 mesi decorrenti dalla data di consegna. ISEA garantisce la conformità delle apparecchiature installate alla Direttiva Europea Macchine 6/42/CE. DEPURATORI 34 35

20 DEPURATORI IMPIANTI A FILTRO PERCOLATORE Gli impianti a filtro percolatore vengono utilizzati per scarichi di origine civile che non recapitano in pubblica fognatura. Il processo depurativo è di tipo biologico e si basa sull azione depurativa esercitata dalla flora batterica che si sviluppa su opportuni corpi di riempimento ad elevata superficie specifica di cui sono riempiti i manufatti. I microrganismi che si nutrono della sostanza organica contenuta nei liquami in ingresso possono essere di tipo anaerobico (ovvero non necessitano di ossigeno libero) o aerobico (ovvero richiedono la presenza di ossigeno libero); di conseguenza esistono due tipi di impianto a filtro percolatore, anaerobico o aerobico. Questi impianti possono essere corredati da pre-trattamenti che consentono di migliorare l efficienza depurativa complessiva, in funzione delle caratteristiche dello scarico e del tipo di recapito finale. Gli impianti a filtro percolatore sono particolarmente adatti per piccole e medie comunità in quanto offrono i seguenti vantaggi: semplificazione del tipo di trattamento, con conseguente riduzione del numero di elementi costitutivi dell impianto e quindi dell investimento necessario ottenimento di uno standard depurativo elevato e buona costanza delle caratteristiche dell effluente produzione di fanghi di supero di buona stabilità biologica in modesta quantità semplicità di gestione e di manutenzione nessun consumo elettrico ANAPACKAGE Filtro Percolatore Anaerobico da 5 a a.e. PACKAGE Filtro Percolatore Aerobico da 5 a a.e. ANAPACKAGE PLUS Filtro Percolatore Anaerobico per Emilia Romagna e Umbria da 3 a 48 a.e. PACKAGE PLUS Filtro Percolatore Aerobico per Emilia Romagna e Umbria da 3 a 48 a.e

21 ANAPACKAGE FILTRO PERCOLATORE ANAEROBICO Filtro Percolatore Anaerobico prefabbricato in polietilene monoblocco, adatto a trattare i reflui provenienti da utenze civili per il successivo scarico in idoneo recapito finale. tipologia scarico possibili recapiti allacciamento elettrico IMPIANTO A FILTRO PERCOLATORE ANAPACKAGE Trattamento scarichi di utenze civili UTENZA Da 5 a abitanti equivalenti ESEMPIO DI INSTALLAZIONE Ingresso acque nere Biologica Imhoff Pozzetto di raccordo Uscita Semplicità di gestione Nessun consumo di elettricità Pozzetto di ispezione Semplificazione del trattamento Standard depurativo elevato Ingresso acque grigie (lavatrici, lavabi, docce, cucine) Degrassatore Filtro Percolatore Anaerobico ANAPACKAGE Elementi in polipropilene ad elevata superficie, per facilitare la formazione della flora batterica che effettua la depurazione dei liquami Modalità d interro vedi da pag. 144 a 147. DEPURATORI 38 39

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori oario 41 Caratteristiche tecniche Il filtro percolatore è un reattore biologico all interno del quale i microrganismi, che svolgono la depurazione del refluo, si sviluppano sulla superficie di appositi

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASC SETTIC SETTIC BICAMERALI TRICAMERALI A FANGI ATTIVI VASC SETTIC VASC BIOLOGIC TIPO IMOFF VASC SETTIC Divisione Depurazione 33 Degrassatore Tricamerali 1. SETTIC 2. BICAMERALI 3. TRICAMERALI 34 Divisione

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione 44 Divisione Depurazione FILTRI PERCOLATORI ACCEORI DEOLIATORI TRATTAMENTI ECONDARI PINTI INDICAZIONI UB-IRRIGAZIONE VAOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA TAZIONI DI OLLEVAMENTO POZZETTI filtri

Dettagli

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF

SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF SCHEDA TECNICA TRATTAMENTO SECONDARIO SPINTO CON RICIRCOLO DEI FANGHI mod. DEP-RF Materiale: vasche in monoblocco di polietilene lineare ad alta densità (LLDPE) collegate in serie. Tronchetti di entrata

Dettagli

Listino Prezzi. Cod. Art. A.E. D H He Hu øe øu W (utenti) (cm) (cm) (cm.) (cm.) (cm.) (mm.) ( impegnati)

Listino Prezzi. Cod. Art. A.E. D H He Hu øe øu W (utenti) (cm) (cm) (cm.) (cm.) (cm.) (mm.) ( impegnati) SUPER PLUS IMPIANTO DI A FANGHI ATTIVI Impianto a fanghi attivi interamente realizzato in polietilene, in versione monoblocco, composto dalle seguenti fasi: ingresso liquami, ossidazione, distribuzione

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

DEGRASSATORI E DISSABBIATORI

DEGRASSATORI E DISSABBIATORI 12 Divisione Depurazione DEGRASSATORI ACCESSORI POZZETTI DEOLIATORI TRATTAMENTI SECONDARI SPINTI INDICAZIONI SUB-IRRIGAZIONE VASSOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA STAZIONI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE

TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DOMESTICHE TRATTAMENTO PRIMARIO Nei TRATTAMENTI PRIMARI sono predominanti le forze fisiche. Essi hanno lo scopo di pre-trattare il refluo e di rimuovere gli elementi grossolani

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE PER AUTOLAVAGGI FANGI ATTIVI VASCE SETTICE VASCE BIOLOGICE TIPO IMOFF 81 1. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA 2. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN CORSO D ACQUA SUPERFICIALE

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

N Impianto Specifiche Tecniche

N Impianto Specifiche Tecniche N Impianto Specifiche Tecniche 1 DEGRASSATORE Il volume interno utile espresso in metri cubi risulta individuato dal prodotto del numero degli abitanti equivalenti moltiplicato per il fattore 0,07, Volume

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

3. Gestione acque meteoriche di dilavamento

3. Gestione acque meteoriche di dilavamento 3. Gestione acque meteoriche di dilavamento Deoliatori e separatori Impianti di prima pioggia 1. PRETRATTAMENTI I deoliatori vengono utilizzati come trattamento delle acque contenenti oli, provenienti

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

Sommario. Degrassatori e dissabbiatori. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01

Sommario. Degrassatori e dissabbiatori. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01 Soario Degrassatori e dissabbiatori Degrassatori e dissabbiatori 11 Degrassatori e dissabbiatori Caratteristiche tecniche La degrassatura è un pretrattamento fisico di rimozione degli oli, delle schiume,

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. fanghi attivi. Impianti a. Impianti a fanghi attivi

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. fanghi attivi. Impianti a. Impianti a fanghi attivi Soario 33 Caratteristiche tecniche Gli impianti a sono sistemi di trattamento secondario che sfruttano l azione di colonie batteriche che rimanendo in sospensione nel liquame consumano il materiale organico

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

DEGRASSATORI E DISSABBIATORI

DEGRASSATORI E DISSABBIATORI A FANGI ATTIVI VASCE SETTICE VASCE BIOLOGICE TIPO IMOFF Divisione Depurazione 13 Imhoff Degrassatore 1. USO DOMESTICO 2. ATTIVITÀ PRODUTTIVE 14 Divisione Depurazione CARATTERISTICE TECNICE La degrassatura

Dettagli

FOSSE BIOLOGICHE SCHEDA TECNICA FOSSE BIOLOGICHE

FOSSE BIOLOGICHE SCHEDA TECNICA FOSSE BIOLOGICHE 47-07 cmc catalogo 22-01-2007 11:39 Pagina 24 SCHEDA TECNICA L'articolo 2, lettere b), d) ed e) della Legge N.319 del 10 Maggio 1976, recante norme per la tutela delle acque dall'inquinamento, seguito

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

LINEA POLIETILENE IMPIANTI PREFABBRICATI DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE E DI PRIMA PIOGGIA. italian made

LINEA POLIETILENE IMPIANTI PREFABBRICATI DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE E DI PRIMA PIOGGIA. italian made LINEA POLIETILENE Azienda con sistemi di qualità certifi cati UNI EN ISO 9001:2008 ISO 14001:2004 BS OHSAS 18001:2007 IMPIANTI PREFABBRICATI DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE E DI PRIMA PIOGGIA italian made

Dettagli

LINEE GUIDA ACQUE REFLUE DOMESTICHE

LINEE GUIDA ACQUE REFLUE DOMESTICHE LINEE GUIDA ACQUE REFLUE DOMESTICHE Al fine di dimensionare correttamente i sistemi di trattamento dei reflui, occorre determinare innanzitutto il numero di abitanti equivalenti (a.e.), che per convenzione

Dettagli

RACCOLTA E TRATTAMENTO ACQUA

RACCOLTA E TRATTAMENTO ACQUA www.nicoll.it RACCOLTA E SERBATOI, FOSSE IMHOFF E DEGRASSATORI COLLEGAMENTI MULTIMEDIALI Materiale Video Documentazione tecnica 183 Sistemi di raccolta e trattamento acqua TRATTAMENTO PRIMARIO DELLE ACQUE

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

DIVISIONE DEPURAZIONE ACQUE

DIVISIONE DEPURAZIONE ACQUE SISTEMI PER IL TRATTAMENTO E RECUPERO DELLE ACQUE DIVISIONE DEPURAZIONE ACQUE Eco-Sistemi 11 SEPARATORE DI GRASSI - UNI EN 1825-1. Impiego: Trattamento primario delle acque grigie provenienti da civili

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA OGGETTO OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Proprietà ANCONAMBIENTE S.p.A. Via Del Commercio 27, 60127 ANCONA RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

Alcune normative regionali per gli impianti igienico-sanitari con pozzetto autopulente. Segnaletica

Alcune normative regionali per gli impianti igienico-sanitari con pozzetto autopulente. Segnaletica QUADERNO TECNICO Indicazioni funzionali e geometriche per la progettazione dell area di pertinenza destinata in modo permanente al servizio dotato di impianto igienico-sanitario per ricevere le acque reflue

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

Case history VILLA LA CASARINA - RIELLO

Case history VILLA LA CASARINA - RIELLO Case history VILLA LA CASARINA - RIELLO SMALTIMENTO DELLE ACQUE REFLUE: INTERVENTO con IDROSAC IMHOFF Figura 1. Panoramica del giardino di Villa Casarina PROBLEMA: Trattamento e depurazione delle acque

Dettagli

*********************************

********************************* FOSSA IMHOFF MODULARE (IMF M. DA) SCARICO FANGHI ANNUALE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura di fossa Imhoff in polietilene

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO La funzione dell impianto in oggetto

Dettagli

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA ISO 9001:2008 COMUNE DI CAMPELLO SUL CLITUNNO PROVINCIA DI PERUGIA D.G.R. 1136/2012 - PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA CON CAMBIO DI DESTINAZIONE D'USO E DI RIQUALIFICAZIONE DELL'AREA EX CENTRALE

Dettagli

Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna. Relatore: Geol. Fabio Bussetti

Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna. Relatore: Geol. Fabio Bussetti Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna Relatore: Geol. Fabio Bussetti Riferimen6 Norma6vi Testo Unico 152/06 Delibera 1053/03 della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana

Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana RELAZIONE TECNICA PER RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

Marca da bollo Al Sindaco del Comune di CADELBOSCO DI SOPRA

Marca da bollo Al Sindaco del Comune di CADELBOSCO DI SOPRA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IP/1( insediamenti di produzione beni e servizi con scarichi derivanti ESCLUSIVAMENTE da servizi igienici, cucine e mense,non RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA) Marca

Dettagli

Catalogo tecnico Maggio 2013

Catalogo tecnico Maggio 2013 Catalogo tecnico Maggio 2013 p.13 DEGRASSATORI E DISSABBIATORI - Per uso domestico - Per attività produttive - Degrassatori elipse - Degrassatori con setti trappola p.73 - Gravitazionali per piazzali coperti

Dettagli

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE

ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE INTERRATA DEI SERBATOI IN POLIETILENE (rev. 20140217) 1. Prima dell installazione deve essere verificata l idoneità tecnica del suolo dal punto di vista strutturale, eventuali

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE danielemanni architetto COMMITTENZA: DOMUS VIVENS SRL RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE OGGETTO: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E RICONVERSIONE DI ATTIVITA (D.P.R.

Dettagli

SISTEMA AMBIENTE DG / DG-PRO (TRATTAMENTO PRIMARIO) DISSABBIATORI/DEGRASSATORI IN POLIETILENE PER TRATTAMENTO ACQUE REFLUE

SISTEMA AMBIENTE DG / DG-PRO (TRATTAMENTO PRIMARIO) DISSABBIATORI/DEGRASSATORI IN POLIETILENE PER TRATTAMENTO ACQUE REFLUE DG / DG-PRO (TRATTAMENTO PRIMARIO) DISSABBIATORI/DEGRASSATORI IN POLIETILENE PER TRATTAMENTO ACQUE REFLUE IMPIEGO Trattamento primario delle acque grigie civili. Il Dissabbiatore/Degrassatore viene installato

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE Scheda 1 Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE A B C 4 D 1 - degrassatore - sedimentatore 2 -

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE

OPERE DI URBANIZZAZIONE OPERE DI URBANIZZAZIONE REALIZZAZIONE DELLE RETI E/O IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE IDRICA E FOGNARIA 8 Piano stradale 7 3 4 2 6 5 4 3 2 SERVIZIO TECNICO Ing. Giovanni Sala DIRETTORE TECNICO Ing. Luca Comitti

Dettagli

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza

Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza Al Sig. Sindaco del Comune di Faenza bollo Protocollo numero (viene apposto dall Archivio comunale) Faenza, / / (data di compilazione) Oggetto: domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

L'ACQUA GRANDE ALLEATO: IL POLIETILENE

L'ACQUA GRANDE ALLEATO: IL POLIETILENE L'ACQUA HA UN GRANDE ALLEATO: IL POLIETILENE L acqua costituisce il bene più prezioso dell Umanità ma oggi la sua disponibilità è minacciata da molteplici fattori che ne compromettono la quantità e la

Dettagli

Riferimenti Normativi

Riferimenti Normativi Riferimenti Normativi Testo Unico 152/06 Delibera 1053/03 della Regione Emilia-Romagna Delibera 285/05 della Regione Emilia-Romagna Delibera 1860/06 della Regione Emilia-Romagna Testo Unico 152/06 Art.100

Dettagli

CATALOGO IN VIGORE DAL 01/03/2012

CATALOGO IN VIGORE DAL 01/03/2012 CATALOGO IN VIGORE DAL 01/03/2012 PAGINA CATALOGO DESCRIZIONE ARTICOLI 1 BLOCCHI IN CEMENTO 2 POZZETTI 3 PROLUNGHE PER POZZETTI 4 POZZETTI RINFORZATI 5 PROLUNGHE RINFORZATE COPERCHI PER POZZETTI 6 CON

Dettagli

SCHEDA TECNICA ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA

SCHEDA TECNICA ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA Trattamento secondario per acque reflue domestiche ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA BS-082 Rev.1 del 29 /07/2013 Pagina 1 di 17 1 DESCRIZIONE E FUNZIONAMENTO I filtri

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

SCHEDA TECNICA ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA

SCHEDA TECNICA ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA FILTRI PERCOLATORI AEROBICI CON SOFFIANTE Trattamento secondario per acque reflue domestiche ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA BS-083 Rev.1 del 30/07/2013 Pagina 1

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ...

PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA COMUNE DI FERRARA, VIA BOLOGNA IN AREA CLASSIFICATA DAL PRG SOTTOZONA D 2.2 ... ... 1 INTRODUZIONE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 PRESCRIZIONI TECNICHE... 3 4 CALCOLO PORTATE DI PROGETTO... 3 5 VERIFICA IDRAULICA DEL COLLETTORE... 5 Pagina 1 di 6 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione Divisione Depurazione Revisione Ottobre 2011

Manuale d uso e manutenzione Divisione Depurazione Revisione Ottobre 2011 Manuale d uso e manutenzione Divisione Depurazione Revisione Ottobre 2011 Uso e manutenzione Divisione Depurazione Rev. Ott. 2011 Rototec 1 2 Rototec Uso e manutenzione Divisione Depurazione Rev. Ott.

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO

24 Divisione acqua SERBATOI DA INTERRO 24 Divisione acqua STAZIONI DI IRRIGAZIONE SERBATOI DA ESTERNO SERBATOI DA INTERRO ACCESSORI Divisione acqua 25 MODALITÀ D INTERRO Condotta recupero acque piovane Pozzetto filtro foglie Condotta di troppo

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

STAZIONI DI SOLLEVAMENTO

STAZIONI DI SOLLEVAMENTO 86 Divisione Depurazione STAZIONI ACCESSORI DEOLIATORI TRATTAMENTI SECONDARI SPINTI INDICAZIONI SUB-IRRIGAZIONE VASSOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA STAZIONI POZZETTI firi percolatori IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI

POZZETTI - CAMERETTE IN CALCESTRUZZO ARMATO E VIBRATO EDILIZIA PEZZI SPECIALI Un sistema innovativo di camerette a tenuta idraulica in calcestruzzo per condotte acque bianche e nere a norma uni en 1917 realizzate individualmente in eccellente qualità monolitica secondo i requisiti

Dettagli

TELCOM - Tecnologie per l uomo

TELCOM - Tecnologie per l uomo TELCOM - Tecnologie per l uomo S.P.A. pone le più moderne tecnologie di produzione al servizio dei bisogni dell uomo. Il marchio Telcom - Tecnologie per l uomo contraddistingue prodotti innovativi che

Dettagli

SCHEDA TECNICA ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA

SCHEDA TECNICA ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA Trattamento primario per acque reflue domestiche ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE MANUALE D USO ATTESTAZIONE DI CONFORMITA BS-077 Rev.0 del 12/08/2011 Pagina 1 di 16 1 DESCRIZIONE E FUNZIONAMENTO Le vasche

Dettagli

DEG DIS DEP IDE BIO IMH AMPP ICH. Degrassatori. Disoleatori. Depuratori. Impianti di Depurazione. Fosse. Biologiche. Fosse. Imhoff.

DEG DIS DEP IDE BIO IMH AMPP ICH. Degrassatori. Disoleatori. Depuratori. Impianti di Depurazione. Fosse. Biologiche. Fosse. Imhoff. DEG Degrassatori DIS Disoleatori DEP Depuratori IDE Impianti di Depurazione BIO Fosse Biologiche IMH Fosse Imhoff AMPP Impianti Prima Pioggia ICH Impianti Chiarificatori IMPIANTI PER IL TRATTAMENTO DELLE

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

IMPIANTI DI DEPURAZIONE

IMPIANTI DI DEPURAZIONE VASCHE SETTICHE TIPO IMHOFF CARATTERISTICHE TECNICHE Le acque di rifiuto grezze vengono sottoposte a pretrattamenti di natura meccanica per l eliminazione di materiale che, per le sue dimensioni e le sue

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

FITODEPURAZIONE. Elenco delle piante più comunemente utilizzate nella Fitodepurazione

FITODEPURAZIONE. Elenco delle piante più comunemente utilizzate nella Fitodepurazione Impianti trattamento acque reflue Lavorazione industriale vetroresina Serbatoi per alimenti o sostanze chimiche Stazioni di sollevamento liquami prefabbricate in PRFV Telefono: (091) 6731932 Fax (091)

Dettagli

Recupero e riutilizzo acque. Sistemi per il recupero e il riutilizzo delle acque piovane, grigie e nere

Recupero e riutilizzo acque. Sistemi per il recupero e il riutilizzo delle acque piovane, grigie e nere Recupero e riutilizzo acque Sistemi per il recupero e il riutilizzo delle acque piovane, grigie e nere : la soluzione di ISEA per il recupero ed il riutilizzo delle acque A livello mondiale è ormai consolidato

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845

GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845 GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI ANTINCENDIO UNI EN 12845 Gruppi di pressurizzazione UNI EN 12845 INTRODUZIONE ALLA NORMA EN 12845 La nuova norma d impianto UNI EN 12845, che sostituisce le UNI 9490 e la UNI

Dettagli

CATALOGO ACQUE PIOVANE

CATALOGO ACQUE PIOVANE CATALOGO ACQUE PIOVANE TUBI per DRENAGGIO o CORRUGATI o IN CEMENTO FORATI TUBI in PLASTICA per CONVOGLIAMENTO ACQUE PIOVANE o PVC o PVC per acque nere o CORRUGATI o RACCORDERIE FOSSI e CANALI in CLS o

Dettagli

Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana

Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana PROTOCOLLO Comune di Paesana Sportello per l edilizia Via Barge n. 6 12034 Paesana e-mail: servizitecnici.comune@legalmail.it MARCA DA BOLLO DOMANDA PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE

Dettagli

stazioni di sollevamento CATALOGO PRODOTTI 2012 3.0 stazioni di sollevamento

stazioni di sollevamento CATALOGO PRODOTTI 2012 3.0 stazioni di sollevamento CATALOGO PRODOTTI 2012 stazioni di sollevamento 3.0 stazioni di sollevamento 385 stazioni di sollevamento CATALOGO PRODOTTI 2012 3.1 Stazioni di sollevamento Le stazioni di sollevamento prefabbricate costituiscono

Dettagli

Leader del drenaggio. I PICCOLI DEPURATORI INNO-CLEAN +, chiaro, no?

Leader del drenaggio. I PICCOLI DEPURATORI INNO-CLEAN +, chiaro, no? KESSEL presenta I PICCOLI DEPURATORI INNOCLEAN, chiaro, no? Piccoli depuratori Piccolo depuratore SBR completamente biologico conf. DIN 4261 e normativa EN 12566 parte 3 Estremamente solido e permanentemente

Dettagli

COMUNE DI CHIESINA UZZANESE Provincia di Pistoia SETTORE URBANISTICA e AMBIENTE

COMUNE DI CHIESINA UZZANESE Provincia di Pistoia SETTORE URBANISTICA e AMBIENTE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA (Ai sensi della L.R. n 20/2006 e relativo Regolamento Regionale ) Registrazione di arrivo al Protocollo:

Dettagli

Schemi di installazione - introduzione. Tabelle di calcolo degli abitanti equivalenti. Impianti di depurazione serie BC

Schemi di installazione - introduzione. Tabelle di calcolo degli abitanti equivalenti. Impianti di depurazione serie BC EDIZIONE 2009 INDICE Schemi di installazione - introduzione Tabelle di calcolo degli abitanti equivalenti Impianti di depurazione serie BC Impianti di depurazione serie FB Impianti con vassoi assorbenti

Dettagli

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA Appalto per: OPERE DI SEPARAZIONE DELLA FOGNATURA MISTA E REALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA DOCUMENTI

Dettagli

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

SCHEDA TECNICA E MANUALE DI USO E MANUTENZIONE IMPIANTI A FANGHI ATTIVI AD OSSIDAZIONE TOTALE

SCHEDA TECNICA E MANUALE DI USO E MANUTENZIONE IMPIANTI A FANGHI ATTIVI AD OSSIDAZIONE TOTALE SCHEDA TECNICA E MANUALE DI USO E MANUTENZIONE IMPIANTI A FANGHI ATTIVI AD OSSIDAZIONE TOTALE Funzionamento Gli impianti a fanghi attivi ad ossidazione totale sono sistemi primari che sfruttano l azione

Dettagli