Raffaella Brighi, a.a. 2005/06. Eventi e listener. Corso di Laboratorio II. A.A

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raffaella Brighi, a.a. 2005/06. Eventi e listener. Corso di Laboratorio II. A.A. 2005-06"

Transcript

1 Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Eventi e listener Corso di Laboratorio II. A.A

2 Eventi e listener Un evento è un oggetto che rappresenta il verificarsi di un azione dell utente o del sistema(es click del mouse o click su un tasto della tastiera oppure eventi temporizzati ecc.). La libreria standard di Java contengono delle classi che rappresentano gli eventi che più spesso occorre gestire. Un listener (ascoltatore=ricevitore di eventi) è un oggetto che riceve una notifica quando si verifica un evento. Eventi e listener (ascoltatori) sono elementi fondamentali per la GUI perché consentono di intercettare l interazione con l utente.

3 Eventi del mouse mouse pressed mouse released mouse clicked mouse entered mouse exited mouse moved mouse dragged

4 Classe MouseEvent Point getpoint(): restituisce la posizione dell evento del mouse int getx(): restituisce la coord x dell evento del mouse int gety(): restituisce la coord y dell evento del mouse int getclickcount(): restituisce il numero dei click consecutivi associati all evento

5 Oggetti listener Un listener è un oggetto che aspetta che si verifichi un evento e quando ciò accade compie un azione in risposta. Per gestire un evento occorre: 1. creare un oggetto listener per l evento che interessa 2. aggiungere il listener al componente che può generare l evento

6 L interfaccia Listener Gli oggetti listener sono istanze di classi che implementano interfacce listener della libreria standard di Java. La libreria standard di Java contiene una serie di interfacce per ogni categoria di eventi: MouseListener, MouseMotionListener, KeyListener, ActionListener, ecc. Quando si verifica un evento il metodo l oggetto che rappresenta l evento invoca il metodo opportuno dell interfaccia listener. Perché vengano eseguite istruzioni al verificarsi dell evento occorre dunque creare un oggetto ricevitore che implementa l interfaccia listener.

7 Interfaccia ActionListener public interface ActionListener { void actionperformed (ActionEvent event)

8 Esempio Eventi di temporizzazione La classe Timer (javax.swing) genera una sequenza di eventi ad intervalli di tempo regolari (eventi di temporizzazione). Quando accade un evento di temporizzazione la classe Timer richiama il metodo actionperformed dell interfaccia ActionListener. Per gestire l evento E di temporizzazione, cioè perché vengano eseguite istruzioni al verificarsi dell evento, è necessario definire una classe che implementa l interfaccia actionlistener e scrivere il codice nel metodo actionperfomed. import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; public class MioRicevitore implements ActionListener{ public MioRicevitore() { public void actionperformed (ActionEvent event){ // codice da eseguire al verificarsi dell evento Il costruttore di Timer prende in input l intervallo di tempo e l oggetto ascoltatore.

9 Codice per creare ed eseguire il timer ActionListener mylistener = new MioRicevitore(); Timer mytime = new Timer (1000, mylistener); mytime.start(); La classe MioRicevitore può essere impostata come classe interna.

10 import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import javax.swing.timer; import javax.swing.joptionpane; public class tempotest { public static void main(string[] args) { // TODO code application logic here class MioRicevitore implements ActionListener{ public MioRicevitore() { public void actionperformed (ActionEvent event){ System.out.println ("Tempo!"); ActionListener mylistener = new MioRicevitore(); Timer mytime = new Timer (1000, mylistener); mytime.start(); JOptionPane.showMessageDialog(null, "Quit?"); System.exit (0);

11 L interfaccia MouseListener void mousepressed (MouseEvent evento): invocato quando viene premuto il pulsante del mouse void mousereleased (MouseEvent evento): invocato quando il pulsante del mouse viene rilasciato void mouseclicked (MouseEvent evento): invocato quando il pulsante del mouse viene premuto e rilasciato nella stessa posizione void mouseentered (MouseEvent evento): invocato quando il mouse passa sopra ad un componente grafico void mouseexited(mouseevent evento): invocato quando il mouse esce da un componente grafico

Interfacce. Un interfaccia Java è una collezione di metodi astratti (e di costanti) Un metodo astratto è un metodo non implementato

Interfacce. Un interfaccia Java è una collezione di metodi astratti (e di costanti) Un metodo astratto è un metodo non implementato Interfacce 1 Interfacce Un interfaccia Java è una collezione di metodi astratti (e di costanti) Un metodo astratto è un metodo non implementato costituito dall intestazione senza il corpo della definizione

Dettagli

Interazioni col mondo: eventi

Interazioni col mondo: eventi Interazioni col mondo: eventi Le interazioni di una GUI con il mondo esterno sono segnalate tramite eventi: click del mouse, inserimento di testo, selezione/attivazione... Gli eventi che memorizzano queste

Dettagli

INTERFACCE GRAFICHE IN JAVA CON SWING DISPENSE

INTERFACCE GRAFICHE IN JAVA CON SWING DISPENSE INTERFACCE GRAFICHE IN JAVA CON SWING DISPENSE La Gestione degli Eventi Ogni oggetto grafico è predisposto ad essere sollecitato in qualche modo dall utente (per esempio un pulsante può essere premuto).

Dettagli

interfacce ed eventi intercettare il mouse ed altri eventi

interfacce ed eventi intercettare il mouse ed altri eventi interfacce ed eventi intercettare il mouse ed altri eventi interfacce: premessa il termine "interfaccia" occorre in Java con due significati, collegati ma distinti 1. interface, parola chiave di Java e

Dettagli

Gestione dell interattività: gli eventi

Gestione dell interattività: gli eventi Gestione dell interattività: gli eventi Gli eventi sono una modalità di comunicazione tra l utente (sistema) e il programma in esecuzione. Tipi di eventi: Input da parte dell utente: pressione del(i) bottone(i)

Dettagli

Gestione degli eventi in Java

Gestione degli eventi in Java Gestione degli eventi in Java package java.awt.event.* Il modello degli eventi I componenti dell awt generano eventi in seguito alle azioni dell utente movimento del mouse click pressione di un tasto etc.

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA5 B1 Gestione eventi 1 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti AWT o Swing Programmazione ad eventi 2 1 Introduzione Le interfacce create

Dettagli

Gestione di eventi ed interfacce utente grafiche

Gestione di eventi ed interfacce utente grafiche Gestione di eventi ed interfacce utente grafiche Eventi Ogni volta che l utente esegue un azione un clic del mouse la pressione di un tasto sulla tastiera la modifica di una finestra la selezione di un

Dettagli

Eventi di azione. // con interfaccia per eventi di azione

Eventi di azione. // con interfaccia per eventi di azione Eventi di azione (Interfaces ActionListener, Classes ActionEvent) Sono generati quando si premono bottoni, si selezionano voci di menù, si preme invio mentre si scrive in un campo di testo. In awt sono

Dettagli

Sviluppo di Interfacce Grafiche in Java

Sviluppo di Interfacce Grafiche in Java Sviluppo di Interfacce Grafiche in Java Massimiliano de Leoni (con la supervisione del docente Massimo Mecella) Università di Roma La Sapienza - Sede di Latina Corso di Progettazione del Software A.A.

Dettagli

L interfaccia grafica con Java

L interfaccia grafica con Java L interfaccia grafica con Java 1/24 L interfaccia utente serve per la comunicazione tra utente e programma Distinguiamo le interfacce tra quelle a caratteri e quelle grafiche Le GUI (Graphical user interface)

Dettagli

Programmazione in Java e gestione della grafica. Lezione 21

Programmazione in Java e gestione della grafica. Lezione 21 Programmazione in Java e gestione della grafica Lezione 21 2 Parliamo ( ancora ) di Eventi della GUI (Eventi del mouse e della tastiera) 3 Gestione degli eventi del mouse Eventi del Mouse Creo un oggetto

Dettagli

! Programmazione strutturata. ! OO: TDA, scambio messaggi, eredità, polimorfismo, OO in Java. ! Rassegna API. ! Documentazione Javadoc delle API

! Programmazione strutturata. ! OO: TDA, scambio messaggi, eredità, polimorfismo, OO in Java. ! Rassegna API. ! Documentazione Javadoc delle API Riassunto Applet (e altro dell AWT ) Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 22 19 maggio

Dettagli

Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Polistena (RC)

Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS M. M. Milano Polistena (RC) In questa lezione introduciamo alcuni strumenti che Java rende disponibili per la creazione di interfacce utente a manipolazione diretta, dette anche WYSISYG (what you see is what you get), con un elevato

Dettagli

Laboratorio di IUM. Lezione 3. La gestione degli eventi. Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania

Laboratorio di IUM. Lezione 3. La gestione degli eventi. Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Di Blasi Gianpiero - D.M.I. - Università di Catania Laboratorio di IUM Lezione 3 La gestione degli eventi Cosa impareremo oggi? La filosofia della gestione gli eventi La gerarchia di eventi AWT Eventi

Dettagli

L interfaccia grafica in Java

L interfaccia grafica in Java L interfaccia grafica in Java Java possiede due package per la creazione di interfacce grafiche java.awt javax.swing AWT (Abstract Widget Toolkit) presente già in Java 1.0, migliorato in Java 1.1. Invariato

Dettagli

Alessandro De Luca. Lezione, 13 maggio 2015

Alessandro De Luca. Lezione, 13 maggio 2015 Basi Basi di di dati dati ee sistemi sistemi informativi informativi II mod.laboratorio mod.laboratorio Alessandro De Luca Università degli Studi di Napoli Federico II Lezione, Introduzione a Java Swing

Dettagli

Esercitazione sui Design Pattern

Esercitazione sui Design Pattern Esercitazione sui Design Pattern Pattern Creazionali Singleton Permette la creazione di una sola istanza della classe all interno dell applicazione Fornisce un metodo con cui ottenere l istanza Il costruttore

Dettagli

Le basi della grafica in Java. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto san Giovanni

Le basi della grafica in Java. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto san Giovanni Le basi della grafica in Java Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli via Leopardi 132 Sesto san Giovanni Elaborazione classica o imperativa L elaborazione è concentrata nel momento centrale, durante

Dettagli

8. GUI : Graphics User Interface

8. GUI : Graphics User Interface pag.82 8. GUI : Graphics User Interface Un linguaggio ad oggetti ha come obiettivo principale quello di fornire al programmatore classi per la gestione di ambienti grafici a finestre. Se fino a questo

Dettagli

Scope e visibilità per classi

Scope e visibilità per classi Scope e visibilità per classi Packages Classi interne nelle loro diverse forme Interne / statiche / locali Utilizzo congiunto con interfacce Implementazione di iteratori Gestione di eventi Packages Package:

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA5 C2.1 Animazioni 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Utilizzo di elementi grafici ed eventi Utilizzo classe Canvas 2 1 Introduzione

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Interfacce e polimorfismo

Interfacce e polimorfismo Interfacce e polimorfismo La classe DataSet Serve a computare la media di un insieme di valori numerici public class DataSet Costruisce un insiemevuoto public DataSet() sum = 0; count = 0; minimum = 0;

Dettagli

maggio 2004 Stefano Sanna - gerda@crs4.it

maggio 2004 Stefano Sanna - gerda@crs4.it java.awt awt.* Abstract Window Toolkit maggio 2004 Agenda Java e interfacce grafiche Caratteristiche di AWT Design e implementazione di interfacce grafiche Panoramica dei componenti disponibili Primitive

Dettagli

L applicazione di MVC alla simulazione di ascensore I COMPONENTI DELLE INTERFACCE UTENTE GRAFICHE: PARTE II 1

L applicazione di MVC alla simulazione di ascensore I COMPONENTI DELLE INTERFACCE UTENTE GRAFICHE: PARTE II 1 I COMPONENTI DELLE INTERFACCE UTENTE GRAFICHE: PARTE II 1 3.13 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: Modello-Vista-Controllore I design pattern descrivono strategie efficaci per costruire sistemi

Dettagli

I Canvas. import java.awt.*; import javax.swing.*; public class Graf{ public Graf () { JFrame f = new JFrame("Finestra"); // crea frame invisibile

I Canvas. import java.awt.*; import javax.swing.*; public class Graf{ public Graf () { JFrame f = new JFrame(Finestra); // crea frame invisibile I Canvas Tra i vari contenitori Java il Canvas (area di disegno o tela) è una semplice superficie di disegno particolarmente utile per visualizzare immagini o per effettuare altre operazioni grafiche.

Dettagli

Programmazione ad Eventi

Programmazione ad Eventi Programmazione ad Eventi Eventi, Sorgenti, e Listeners Una interfaccia utente deve gestire una moltitudine di eventi eventi da tastiera, del mouse, click su pulsanti, Opportuno poter discriminare diversi

Dettagli

LPR 2005/ 2006 Lezione n.9. Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi

LPR 2005/ 2006 Lezione n.9. Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi LPR 2005/ 2006 Lezione n.9 Elementi di grafica per lo svolgimento del progetto Double Buffering Caricamento delle immagini Gestione degli eventi JAVA 2D PROGRAMMING Schermo : Matrice rettangolare composta

Dettagli

Esercitazione n 6. Capacità di analisi e di estensione di progetti Componenti grafici e gestione di eventi Linguaggio Java:

Esercitazione n 6. Capacità di analisi e di estensione di progetti Componenti grafici e gestione di eventi Linguaggio Java: Esercitazione n 6 Capacità di analisi e di estensione di progetti Componenti grafici e gestione di eventi Linguaggio Java: il package javax.swing (JFrame, JPanel, JButton, ) java.util.eventobject e sue

Dettagli

Programmazione Java: Interfacce grafiche (GUI)

Programmazione Java: Interfacce grafiche (GUI) Programmazione Java: Interfacce grafiche (GUI) romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp ( 1 ) (GUI) Interfacce grafiche Rendere facili le cose semplici e possibili le cose difficili

Dettagli

Java Interfaccia Grafica

Java Interfaccia Grafica Java Interfaccia Grafica Testi di consultazione: a) core Java 1.1 (Volume I Fundamentals) Cay S. Horstmann, Gary Cornell, Prentice Hall, 1997. b) Java 1.2 Unleashed, Jamie Jaworski, Sams Publishing, 1998.

Dettagli

Interfacce e Polimorfismo

Interfacce e Polimorfismo Interfacce e Polimorfismo Interfacce Dichiarazioni di tipi riferimento che descrivono oggetti in modo astratto Specificano solo le firme dei metodi tralasciando tutti gli aspetti di implementazione Interfacce

Dettagli

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni server

appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni server Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture /: applicazioni 1 La logica dei Abbiamo visto che un applicazione si connette e comunica con un applicazione mediante

Dettagli

Progettazione e Sviluppo di Interfacce Grafiche con Java Swing

Progettazione e Sviluppo di Interfacce Grafiche con Java Swing Progettazione e Sviluppo di Interfacce Grafiche con Java Swing Esercitazioni di Progettazione del Software A.A. 2012 2013 Alessandro Russo e Massimo Mecella Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo.

Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo. Prototype 28 4. Prototype (GoF pag. 117) 4.1. Descrizione 4.2. Esempio Specifica i tipi di oggetti a creare, utilizzando un istanza prototipo, e crea nuove istanze tramite la copia di questo prototipo.

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE (Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica ed Ingegneria

Dettagli

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca)

LAVORI ESTIVI DI INFORMATICA PER LA CLASSE IV Sez. Ainf (Prof. Tessore Luca) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico Industriale Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it

Dettagli

Introduzione al package grafico Swing

Introduzione al package grafico Swing Introduzione al package grafico Swing Architettura di javax.swing Java supporta direttamente nella propria architettura il concetto di applicazione grafica, tramite il package javax.swing, in cui i componenti

Dettagli

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD

La prima applicazione Java con NetBeans IDE. Dott. Ing. M. Banci, PhD La prima applicazione Java con NetBeans IDE Dott. Ing. M. Banci, PhD Creare la prima applicazione 1. Creare un progetto: Quando si crea un progetto IDE occorre creare un ambiente nel quale costruire e

Dettagli

Java Applet. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010

Java Applet. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Java Applet 1 Application VS Applet Una

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Introduzione (Swing vs AWT)

Introduzione (Swing vs AWT) Swing Introduzione (Swing vs AWT) Swing Swing sono delle librerie introdotte a partire dalla versione 1.2 del JDK come evoluzione concettuale delle librerie precedenti (Abstract Window Toolkit (AWT)) AWT

Dettagli

Classi astratte. Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000. Interfacce

Classi astratte. Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000. Interfacce Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000 JAVA Alberto Martelli Parte III Programmazione grafica Classi astratte Vogliamo implementare un algoritmo di ordinamento di un array che sia

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

public class Hello { public static void main(string[] args){ // visualizza un messaggio sulla finestra di // console System.out.

public class Hello { public static void main(string[] args){ // visualizza un messaggio sulla finestra di // console System.out. javac Hello.java javac.exe javac.exe java Hello Hello, World! java.exe java.exe console public HelloWorld InsiemeDiCaratteri ContoPersonalizzato HelloworldHelloWorld HelloWorld class classpublic public

Dettagli

Esercizi classi e array

Esercizi classi e array Esercizi classi e array Raffaella Brighi, a.a. 2006/07 Corso di Algoritmi e programmazione. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Progetto DataSet Realizzare una classe DataSet per la gestione

Dettagli

23 - Graphical User Interface GUI (Cenni)

23 - Graphical User Interface GUI (Cenni) 23 - Graphical User Interface GUI (Cenni) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Ereditarietà e classi astratte

Ereditarietà e classi astratte Ereditarietà e classi astratte 6 Temi del capitolo 1. Il concetto di ereditarietà 2. Programmazione grafica con ereditarietà 3. Classi astratte 4. Il pattern TEMPLATE METHOD 5. Interfacce protected 6.

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Interfacce vs Inner Classes

Interfacce vs Inner Classes Interfacce vs Inner Classes Classi interne nelle loro diverse forme locali Interne statiche Utilizzo congiunto con interfacce Gestione di eventi Implementazione di iteratori Classi locali Classi che hanno

Dettagli

Scope e visibilità per classi

Scope e visibilità per classi Packages Scope e visibilità per classi Classi interne nelle loro diverse forme Interne / statiche / locali Utilizzo congiunto con interfacce Implementazione di iteratori Gestione di eventi Packages Package:

Dettagli

Unità B3 Strutture di controllo

Unità B3 Strutture di controllo (A) CONOSCENZA TERMINOLOGICA Dare una breve descrizione dei termini introdotti: I/O su console Package Blocco di controllo Oggetto System.out Oggetto System.in Oggetto Tastiera Metodo readline() Strutture

Dettagli

Thread e Concorrenza in Java Swing

Thread e Concorrenza in Java Swing Thread e Concorrenza in Java Swing Esercitazioni di Progettazione del Software A.A. 2013 2014 Alessandro Russo Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica

Dettagli

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità:

7 Esercitazione (svolta): Callback. Polling. Java RMI: callback. Server. Server. Client. Client. due possibilità: 7 Esercitazione (svolta): due possibilità: Java RMI: callback Molte applicazioni richiedono un meccanismo publish/subscribe I partecipanti (client) necessitano di notifiche da parte del coordinatore (server)

Dettagli

Corso Eclipse. Prerequisiti. 3 Window Builder

Corso Eclipse. Prerequisiti. 3 Window Builder Corso Eclipse 3 Window Builder 1 Prerequisiti Conoscenza elementare ambiente Eclipse Conoscere la nomenclatura dei componenti delle interfacce grafiche Conoscere attributi e metodi dei principali componenti

Dettagli

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1

Prossime lezioni. Dai TDA agli oggetti. Riassunto. Riassunto TDA. Oggi. Stefano Mizzaro 1 Prossime lezioni Dai TDA agli oggetti Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione, lezione 18 19 gennaio

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Installazione SOFTWARE JDK ECLIPSE 03/03/2011 2 ALGORITMI E PROGRAMMI PROBLEMA ALGORITMO PROGRAMMA metodo risolutivo linguaggio di

Dettagli

15 - Packages. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

15 - Packages. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 15 - Packages Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

L Abstract Windowing Toolkit. Le GUI in Java. Il Frame. Cenni sull ereditarietà. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete

L Abstract Windowing Toolkit. Le GUI in Java. Il Frame. Cenni sull ereditarietà. Gianpaolo Cugola - Sistemi Informativi in Rete Le GUI in Java L Abstract Windowing Toolkit Fino ad ora abbiamo usato le classi del pacchetto JavaBook per realizzare semplici interfacce grafiche (GUI) Si tratta di classi facili da usare...... ma che

Dettagli

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Programmazione a oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Programmazione a oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Variabili statiche Ereditarietà multipla Le interfacce Binding Esercizi Esercizio ContoCorrente Creare una classe ContoCorrente

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Threads e Concorrenza in Java Swing

Threads e Concorrenza in Java Swing SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso di Laurea in Ingegneria dei Sistemi Informatici

Dettagli

Compute engine generici in RMI

Compute engine generici in RMI Compute engine generici in RMI Esempio: Calcolo del prodotto scalare Un unico server offre il servizio di calcolo del prodotto scalare tra vettori di interi Un client richiede al server il calcolo del

Dettagli

Programmazione in Java e gestione della grafica. Lezione 19

Programmazione in Java e gestione della grafica. Lezione 19 Programmazione in Java e gestione della grafica Lezione 19 2 Parliamo di Componenti della GUI (Graphics User Interface) OBIETTIVI 3 Imparare i principi su cui sono basate le GUI Costruire dellegui e gestire

Dettagli

Design Pattern in Java

Design Pattern in Java Design Pattern in Java Claudio Di Ciccio, Massimiliano de Leoni (con la supervisione del docente Massimo Mecella) Università di Roma La Sapienza - Sede di Latina Corso di Progettazione del Software A.A.

Dettagli

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it

RMI. Java RMI RMI. G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Java Remote Method Invocation -- RMI G. Prencipe prencipe@di.unipi.it RMI RMI è una tecnologia JAVA che permette a una JVM di comunicare con un altra JVM per farle eseguire metodi È possibile che oggetti

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind()

Organizzazione della lezione. Lezione 18 Remote Method Invocation - 6. (con callback) L accesso al registry per il rebind() Organizzazione della lezione Lezione 18 Remote Method Invocation - 6 Vittorio Scarano Corso di Programmazione Distribuita (2003-2004) Laurea di I livello in Informatica Università degli Studi di Salerno

Dettagli

14 - Packages. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

14 - Packages. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 14 - Packages Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di

Dettagli

Tale attività non è descritta in questa dispensa

Tale attività non è descritta in questa dispensa Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2014 1 Nota preliminare L installazione e l uso di Eclipse richiede di aver preliminarmente installato Java SE SDK Tale attività non è descritta in questa

Dettagli

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6

Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking e Multithreading Telematica II 17. Esercitazione/Laboratorio 6 Multitasking si riferisce all abilità di un computer di eseguire processi (jobs) multipli in maniera concorrente si ricorda che

Dettagli

APPLICAZIONI & APPLET

APPLICAZIONI & APPLET APPLICAZIONI & APPLET Java è un ottimo linguaggio per costruire applicazioni anche non per Internet anche non grafiche ma si è diffuso storicamente, e trae forza, dal concetto di applet come piccola (?)

Dettagli

TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet

TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento

Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009. Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Parcheggio.rtf 1/8 6 gennaio 2009 Prova di programmazione: parcheggio a pagamento Si sviluppi il codice per la gestione di un parcheggio a pagamento mediante la classe Parcheggio, che ospita le auto rappresentate

Dettagli

Il linguaggio C# Eventi ed eccezioni

Il linguaggio C# Eventi ed eccezioni Tecniche di Programmazione avanzata Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Telematica Università Kore Enna A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A

Prova d Esame 07.04.2006 Compito A DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "Ciao"; protected int n; public General() { n = 1; public

Dettagli

Uso di JUnit. Fondamenti di informatica Oggetti e Java. JUnit. Luca Cabibbo. ottobre 2012

Uso di JUnit. Fondamenti di informatica Oggetti e Java. JUnit. Luca Cabibbo. ottobre 2012 Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 JUnit JUnit è uno strumento per assistere il programmatore Java nel testing JUnit consente di scrivere test di oggetti e classi Java i test sono

Dettagli

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio

Concetti Base Eccezioni Eccezioni e Metodi Gerarchia di Eccezioni. Java: Eccezioni. Damiano Macedonio Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 30 maggio 2014 Introduzione Un programma diviso in sezioni distinte Un approccio alla

Dettagli

ESERCITAZIONI SU Java

ESERCITAZIONI SU Java ESERCITAZIONI SU Java PER IL CORSO DI SISTEMI PER L ELABORAZIONE DELL INFORMAZIONE Claudia Picardi Dipartimento di Informatica - C.so Svizzera 185-10149 - Torino Tel. 0116706818 - e-mail: picardi@di.unito.it

Dettagli

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1

Appunti di Informatica www.mimmocorrado.it 1 Installare Java Il programma può essere scaricato dal seguente indirizzo: http://www.java.com/it/download/windows_ie.jsp?locale=it&host=www.java.com Per installare la JDK è necessario: 1. scaricare il

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Esercitazione del Corso di Informatica Grafica. Strumenti per scrivere applicazioni in JAVA

Esercitazione del Corso di Informatica Grafica. Strumenti per scrivere applicazioni in JAVA Esercitazione del Corso di Informatica Grafica Strumenti per scrivere applicazioni in JAVA Perché Java Indipendenza dalla piattaforma Un applicazione scritta in Java può essere facilmente spostato da un

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA1 1.3 - Le strutture di controllo 1 Prerequisiti Istruzioni semplici Strutture di controllo Scittura di semplici applicazioni Java 2 1 Introduzione In molti casi le

Dettagli

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading in Java Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading La programmazione concorrente consente di eseguire più processi o thread nello stesso momento. Nel secondo caso si parla

Dettagli

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione

Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Gli EJB offrono vari vantaggi allo sviluppatore di una applicazione Un ambiente di esecuzione che gestisce o naming di oggetti, sicurezza, concorrenza, transazioni, persistenza, distribuzione oggetti (location

Dettagli

Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008)

Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008) Corso di Informatica (Programmazione) Lezione 6 (31 ottobre 2008) Introduzione a Java: primo programma, installazione dell ambiente di sviluppo, compilazione ed esecuzione 1 Introduzione Java è un linguaggio

Dettagli

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software Java java beans e programmazione visuale G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Cos è un JavaBean Un JavaBean (o semplicemente Bean) è un componente software riusabile Analogia con i componenti elettronici I

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Sviluppo di Interfacce Grafiche in Java. Concetti di Base ed Esempi.

Sviluppo di Interfacce Grafiche in Java. Concetti di Base ed Esempi. SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Dispensa didattica Sviluppo di Interfacce Grafiche in Java. Concetti di Base ed Esempi. M. de Leoni, M. Mecella,

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B

Prova d Esame 07.04.2006 Compito B DOMANDA 1 (6 punti) Si analizzi il codice seguente e si scriva l output prodotto dai metodi main public class General { public static String s1 = "ciao"; protected int n; public General() { n = 3; public

Dettagli

Le tre operazioni sono identiche; il programmatore può scegliere il costruttore di volta in volta più comodo.

Le tre operazioni sono identiche; il programmatore può scegliere il costruttore di volta in volta più comodo. Complementi di Java Massimiliano de Leoni (con la supervisione del docente Massimo Mecella) L intento di questo documento è di descrivere alcune classi che forniscono funzionalità non descritte sul testo.

Dettagli

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un

Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un Esempio: Tombola! Vogliamo progettare una applicazione che realizza il gioco della tombola Versione semplificata: un banco, un giocatore, ogni giocatore una scheda Ci vengono già fornite le classi necessarie

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli