DEVISAPERECHE LA FENDAC VARA UNA PROPOSTA DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER L AREA QUADRI. Visita il sito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEVISAPERECHE LA FENDAC VARA UNA PROPOSTA DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER L AREA QUADRI. Visita il sito www.fendac.it"

Transcript

1 DEVISAPERECHE ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI Visita il sito 30 Fendac quadri Le sanzioni disciplinari LA FENDAC VARA UNA PROPOSTA DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER L AREA QUADRI Già concluso un primo importante accordo per i quadri del Gruppo Danzas Associazione Antonio Pastore Estratto conto 2001: come leggerlo 40 Conoscere il contratto Le ferie non godute 41 Fasdac Le nuove convenzioni 42 Assidir Servizi on line La Fendac ha varato un nuovo strumento di assistenza sanitaria integrativa per i quadri del terziario, in particolare per i quadri del settore dei trasporti, che non hanno nessuna copertura sanitaria di tipo integrativo. La Cassa interaziendale di assistenza sanitaria Carlo De Lellis, voluta dalla Fendac, è un ente senza fini di lucro, il cui scopo è quello di fornire e di promuovere per i dipendenti (salvo i dirigenti), mediante un apposito accordo aziendale, entro massimali stabiliti, il rimborso delle spese mediche sostenute a seguito di malattia e/o infortunio per ricoveri ospedalieri, visite specialistiche e prestazioni odontoiatriche. In altre parole, per aderire alla Cassa De Lellis è necessario un accordo tra azienda e dipendenti che sancisca l adesione alla Cassa, stabilendo la parte economica, la durata e le categorie di dipendenti che usufruiranno delle prestazioni. Questo ente è stato intitolato alla memoria di Carlo De Lellis, figura storica del sindacalismo dirigenziale della Fendac, per anni capo delegazione per i rinnovi contrattuali e tra i promotori, in grande anticipo sui tempi, di forme di previdenza integrativa individuale per i dirigenti del terziario. Va sottolineato che la possibilità di usufruire delle prestazioni della Cassa è esteso anche al nucleo familiare del dipendente, qualora quest ultimo intendesse includerlo. 27

2 DEVISAPERECHE Fendac Fendac Il broker assicurativo della Cassa De Lellis è Assidir, lo stesso della Fendac, il cui compito è quello di gestire tutti i rapporti relativi alle convenzioni assicurative. Un risultato concreto ottenuto dalla Cassa De Lellis è stata l adesione della Danzas che ha concluso un accordo aziendale per i propri quadri, che non usufruiscono di alcuna assistenza sanitaria. GRUPPO DANZAS: UN PASSO AVANTI VERSO IL RICONOSCIMENTO DEI MANAGER D AZIENDA Che in Italia il ruolo, le competenze e le responsabilità rispettive dei dirigenti e dei quadri direttivi nelle aziende si siano di fatto avvicinati negli ultimi anni è una realtà di fatto, anche se non sempre ancora diffusamente riconosciuta e accettata. Non in Europa però, dove da sempre si parla di manager e non esiste una distinzione fra quadri direttivi e dirigenti. E non in Fendac, dove, come ormai è noto, i quadri possono entrare, fruire di una serie di servizi e partecipare alla vita associativa in una vision che li vedrà, una volta raggiunta una numerosità significativa, premiati da una rappresentatività sindacale adeguata al loro essere manager. In questo processo, il Gruppo Danzas Italia (il mag- giore Gruppo del settore trasporti e logistica al mondo) può essere considerato decisamente avanti avendo dato vita, primo fra tutti, a un importante iniziativa mirata al riconoscimento del ruolo dei suoi quadri. Ha infatti provveduto ad offrire, a tutti i quadri, una copertura sanitaria integrativa aderendo alla Cassa sanitaria interaziendale Carlo De Lellis e sostenendone per intero le spese relative. È opportuno sottolineare che i quadri operanti nel settore trasporti non hanno alcuna copertura sanitaria integrativa a differenza dei quadri degli altri settori, che invece fruiscono della copertura contrattuale QuAS. L iniziativa del Gruppo Danzas è sicuramente significativa e conferma quelli che sono i principi informatori della filosofia del Gruppo verso le risorse umane mirati a creare un atmosfera di professionalità, motivazione, fiducia e spirito di gruppo. Nello specifico l iniziativa del Gruppo Danzas Italia indica quale sia l attenzione particolare che il Gruppo stesso ha verso quei professionisti che, svolgendo funzioni direttive, con il loro impegno, professionalità ed esperienza, perseguono gli obiettivi strategici del Gruppo in un ambito di forte autonomia, assumendosi quindi ampie responsabilità. I quadri direttivi del Gruppo Danzas Italia sono 90 e, grazie all iscrizione alla sezione quadri della Fendac, fruiscono di tutti i servizi e opportunità riservati e messi a disposizione, ad oggi, da parte della Federazione. Nel prossimo numero troverete tutte le più ampie informazioni sull ente, sulle prestazioni e le modalità di adesione. Per ulteriori informazioni telefonare allo (centralino), dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 13: rif. sigg. A. Grieco e R. Pessina. 28

3 PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO, DELLA PERSONA, DELLA SALUTE E DEL FUTURO DEGLI ASSOCIATI. LINEA FAMIGLIA Linea Famiglia è il nuovo servizio per gli associati Fendac e i loro familiari, voluto dalla Fendac e costruito e gestito da Assidir in stretta collaborazione con la BPB Assicurazioni. Linea Famiglia offre prodotti assicurativi pensati per il nucleo familiare degli associati. I principi che hanno ispirato la loro costruzione sono stati tre: Garantire una sicurezza globale agli associati e ai loro familiari Integrare le coperture già in essere contrattualmente Dare valore aggiunto in termini di servizio La Linea Famiglia si divide in due aree: TUTELA DEI DANNI: comprende Colonna, il programma di sicurezza del patrimonio (abitazione e beni contenuti) e La Ruota, il programma di sicurezza dei veicoli di famiglia (RC auto). TUTELA DELLA PERSONA: comprende Pilastro, per un programma di sicurezza contro gli infortuni e rimborso spese mediche. La tutela della persona comprende anche Portale, articolato in una serie di garanzie legate alla previdenza e al futuro dei coniugi e dei figli. Sottoscrivendo una qualsiasi delle garanzie collegate a Colonna, La Ruota, Pilastro Infortuni e Pilastro Salute è possibile usufruire di programmi di assistenza legati alla casa, ai viaggi e alla salute. Desidero informazioni sui prodotti della Linea Famiglia Per acquisire maggiori informazioni o richiedere un preventivo personalizzato compila questo modulo e consegnalo o spediscilo a Assidir Brokeraggio Assicurativo - Via Stoppani, Milano oppure trasmettilo via Fax al n Sono interessato a: AREA DANNI Colonna Incendio abitazione Furto Responsabilità civile La Ruota Autovetture Barca Motocicli Ciclomotori AREA PERSONA Pilastro Infortuni coniuge/figli Polizza sanitaria Invalidità permanente da malattia Portale Previdenza Futuro dei figli Garanzia famiglia in caso di premorienza Capitello (Versamenti Facoltativi Aggiuntivi) Nome Cognome Indirizzo Città Tel. casa Tel. uff. Cellulare Cap Prov. Orario preferito Orario preferito Se preferisci, puoi anche chiedere un appuntamento con un consulente Assidir fiduciario Fendac, telefonando al Call Center di Assidir Numero Verde

4 Fendac Quadri Fen LE SANZIONI DISCIPLINARI L art del codice civile concede al datore di lavoro il potere di adottare sanzioni disciplinari nei confronti del quadro che abbia violato i doveri di diligenza o di fedeltà. Tale potere, però, incontra i limiti posti dall art. 7 dello statuto dei lavoratori e dai contratti collettivi Mariella Colavito Il potere disciplinare del datore di lavoro ha fondamento negli artt e 2105 del codice civile. Con tali articoli il legislatore ha posto, a carico del prestatore, un obbligo di diligenza e osservanza delle direttive impartite e un obbligo di fedeltà, diretto ad evitare che il lavoratore tratti affari in concorrenza con l imprenditore o divulghi notizie riservate che possano danneggiarlo. L art del codice civile concede al datore di lavoro il potere di adottare sanzioni disciplinari nei confronti del quadro che abbia violato i doveri di diligenza o di fedeltà. Tale potere, però, incontra i limiti posti dall art. 7 dello statuto dei lavoratori 1 e dai contratti collettivi. Come da statuto, le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni, in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata, e alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo pubblico. Tale obbligo da un lato è finalizzato a garantire la conoscenza, da parte del quadro, delle possibili condotte illecite e delle relative sanzioni, dall altro impedisce un uso illecito e arbitrario del AGGIORNAMENTI CONVENZIONI COMMERCIALI E ALBERGHIERE FENDAC Pierre&Vacance Nuovo indirizzo Corso Zanardelli GARDONE RIVIERA (BS) Centro prenotazioni tel Accor Hotel Modifica sconto Sconti fino al 20% su tutti gli alberghi della catena (escluso gruppo Ibis) potere disciplinare. La mancata affissione del codice disciplinare comporta la nullità della sanzione irrogata. I singoli contratti collettivi prevedono una serie di infrazioni, cui corrispondono le sanzioni del rimprovero verbale, del richiamo scritto, della multa (il cui importo non può mai superare quattro ore di retribuzione), della sospensione (per massimo 10 giorni) e del licenziamento. Sono vietati i provvedimenti che portino a un cambiamento definitivo del rapporto di lavoro, come il trasferimento o il demansionamento. La sanzione deve essere proporzionata alla gravità dell infrazione. Il giudizio di adeguatezza è riservato al giudice, che sarà comunque vincolato alle previsioni del contratto collettivo o del codice disciplinare applicato. Ai sensi dell art. 7 dello statuto dei lavoratori, il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore, senza avergli preventivamente contestato l addebito e senza averlo sentito a sua difesa. La contestazione dell infrazione deve essere fatta per iscritto, eccetto il rimprovero verbale, e si presume conosciuta nel momento in cui giunge all indirizzo del destinatario, a meno che questi dimostri di non essere stato, senza sua colpa, in grado di averne notizia. L addebito deve essere contestato con immediatezza, con riferimento al momento della commissione o della conoscenza del fatto: un intervallo troppo ampio renderebbe difficile la difesa del lavoratore. La tempestività va valutata in concreto, in considerazione del tempo necessario al datore di lavoro per l accertamento dell infrazione. La contestazione deve essere puntuale e specifica, ossia contenere 30

5 dac Quadri un indicazione chiara dei fatti, con riferimento ai tempi e alle circostanze, e la manifestazione dell intenzione del datore di lavoro di considerare i fatti esposti come infrazione. I fatti posti a base della contestazione dovranno coincidere con quelli che sorreggono il provvedimento disciplinare. Lo statuto dei lavoratori vieta al datore di lavoro di adottare provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale prima che siano trascorsi 5 giorni dalla contestazione del fatto. I 5 giorni vanno intesi come giorni di calendario, comprensivi, quindi, anche delle festività. Il quadro, entro questo termine, può presentare le proprie difese e controdeduzioni con le modalità che ritiene più opportune, in forma scritta od orale. Nel caso in cui il lavoratore abbia chiesto di essere sentito oralmente, eventualmente facendosi assistere dall Associazione sindacale cui aderisce, la mancata adesione del datore di lavoro alla richiesta di incontro rende nullo il provvedimento disciplinare adottato successivamente. Nella determinazione della sanzione costituisce una circostanza aggravante il fatto che la stessa infrazione sia stata già commessa dal quadro nel corso del biennio precedente (c.d. recidiva). Secondo la Cassazione 2, però, è possibile tener conto solo delle sanzioni disciplinari effettivamente applicate negli ultimi due anni e non delle violazioni commesse che non siano state contestate o per le quali non sia stata applicata alcuna sanzione. Inoltre, la Suprema Corte 3 ha ritenuto illegittimo il comportamento del datore di lavoro che, di fronte ad una condotta progressiva unitaria del dipendente, scomponga tale condotta in più fatti illeciti, per contestare due infrazioni distinte e così avvalersi della recidiva. DEVISAPERECHE Esaurita la fase della contestazione e trascorsi i 5 giorni, il datore di lavoro può procedere all erogazione della sanzione. La legge non fissa alcun termine massimo per l adozione del provvedimento disciplinare, vale in genere il principio della tempestività. Molti contratti collettivi, però, impongono al datore di lavoro un margine di tempo perentorio, trascorso il quale la sanzione deve considerarsi nulla 4. In questi casi si presume che le giustificazioni del quadro siano state tacitamente accolte. Una volta irrogata la sanzione, il quadro che intenda opporsi ha due possibilità: rivolgersi entro 20 giorni al Collegio di conciliazione e arbitrato oppure impugnare il provvedimento davanti all autorità giudiziaria. La procedura descritta dallo statuto dei lavoratori deve essere applicata anche nell ipotesi del licenziamento disciplinare, ossia del recesso determinato da una condotta colposa o manchevole del quadro che integri gli estremi della giusta causa o del giustificato motivo e per la quale ogni altra sanzione risulti insufficiente. Avendo natura disciplinare, tale forma di licenziamento, anche se non incluso nelle sanzioni irrogabili, è sottoposto alle garanzie dello statuto dei lavoratori e dovrà, quindi, essere preceduto dalle stesse fasi necessarie all applicazione di ogni altra misura disciplinare. Il recesso intimato senza il rispetto della procedura e delle garanzie sopra descritte va considerato ingiustificato. 1 Art. 7, legge 20 maggio 1970, n Corte di cassazione 7/12/1982, n Corte di cassazione 7/9/2000, n Art. 153, ccnl 3/11/94 dipendenti terziario; art. 32, ccnl 12/4/95 dipendenti trasporti; art. 88, ccnl 10/2/99 dipendenti catene alberghiere (Aica); art. 118, ccnl 22/1/99 dipendenti aziende turistiche (Federalberghi) IMPORTANTE Ricordatevi di aggiornare i vostri dati Per essere in grado di fornire agli iscritti alla Fendac validi ed efficienti servizi, è importante che il nostro archivio sia il più possibile aggiornato. Ricordatevi, dunque, quando cambiate: indirizzo e numero di telefono di casa o dell azienda numero di cellulare azienda ruolo professionale indirizzo e altri dati importanti, di comunicarli subito alla vostra Associazione di appartenenza. Questo ci permetterà di essere sempre meglio e in maniera più tempestiva al vostro servizio 31

6 Associazione ESTRATTO CONTO 2001 ECCO COME LEGGERLO Nell ambito del mese di maggio tutti gli associati Fendac hanno ricevuto l estratto conto relativo alle due convenzioni di previdenza integrativa individuale Antonio Pastore e Previr 95. In queste pagine è riprodotta una guida alla lettura dell estratto conto e anche la descrizione della documentazione, di grande importanza, che è stata inviata unitamente al medesimo. La guida alla lettura dell estratto conto è stata pubblicata anche sul sito di Assidir (www.assidir.it) e vi si può accedere direttamente dalla home page. Ricordiamo che per qualsiasi ulteriore chiarimento è sempre a disposizione degli associati Fendac il call center Servizio Convenzioni di Assidir al n (vedi alla pagina a fianco Insieme all estratto conto... ). Prima di passare alla guida alla lettura è opportuno ricordare che sono state inviate tre differenti tipologie di estratto conto SITUAZIONE DEL DIRIGENTE Posizione contributiva aperta e chiusa prima del 30/9/1997 Posizione contributiva aperta prima del 30/9/1997 e chiusa dopo il 30/9/1997 Posizione contributiva aperta prima del 30/9/1997 e non ancora chiusa Posizione contributiva aperta dopo il 30/9/1997 TIPOLOGIA DI ESTRATTO CONTO A Estratto conto riassuntivo solo posizione Previr B Estratto conto unificato riassuntivo posizioni Previr e Antonio Pastore C Estratto conto riassuntivo solo posizione Antonio Pastore INDICAZIONI PER LA LETTURA DELL ESTRATTO CONTO Come si può vedere esistono tre tipologie di estratto conto in relazione alla situazione in cui si trova il dirigente. Nella tabella qui sopra individuate nella colonna di sinistra il tipo di estratto conto da voi ricevuto e nella colonna di destra la lettera corrispondente alle relative istruzioni (A, B o C) che trovate nelle pagine seguenti. 32

7 Antonio Pastore DEVISAPERECHE INSIEME ALL ESTRATTO CONTO Insieme all estratto conto quest anno sono stati inviati documenti molto importanti sui quali desideriamo richiamare la tua attenzione. Eccoli in dettaglio CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE È questo il documento con il quale le compagnie assicuratrici si assumono formalmente l obbligo di corrispondere le prestazioni dovute a fronte della posizione assicurativa individuale accesa a favore di ogni singolo dirigente assicurato. Quest anno il documento è nuovo in quanto contiene l aggiornamento relativo alla garanzia Long Term Care operante dal 1 gennaio Il Certificato di assicurazione non viene inviato agli assicurati con la sola convenzione Previr. MODULO DD (designazione del delegato) È il modulo che deve essere utilizzato per indicare il soggetto delegato alla riscossione della rendita mensile prevista dalla polizza Long Term Care della Convenzione Antonio Pastore. È fondamentale che il dirigente/assicurato lo compili, lo sottoscriva e lo spedisca ad Assidir per raccomandata con ricevuta di ritorno (è stata allegata una busta già predisposta per facilitare questo compito), trattenendo la copia di propria competenza. Il Modulo DD è stato inviato solo agli assicurati per i quali risulta attiva la garanzia. ESTRATTO CONDIZIONI DI POLIZZA CONVENZIONE ANTONIO PASTORE È stata inviata la nuova edizione aggiornata. Il nuovo estratto comprende le condizioni di polizza della nuova garanzia di rendita collegata a problemi di non autosufficienza (Long Term Care). Questa edizione sostituisce integralmente quella fatta avere in precedenza. SCHEDA DI AGGIORNAMENTO ANAGRAFICO È di fondamentale importanza che Assidir, nel suo ruolo di Broker assicurativo degli associati Fendac, abbia il database anagrafico costantemente aggiornato per migliorare sempre più l efficienza dei servizi, la puntualità e la precisione del recapito delle informazioni relative alla gestione delle Convenzioni previste dal ccnl di categoria, fra le quali rientra evidentemente anche l invio dell estratto conto. La collaborazione di tutti gli associati nel comunicare le variazioni dei propri dati anagrafici è quindi di reciproco interesse. La scheda anagrafica che è stata inviata ha lo scopo di recepire nuovi ed eventuali variazioni ai dati in possesso di Assidir. 33

8 TIPOLOGIA DI ESTRATTO CONTO A Associazione Ecco come leggere l estratto conto della CONVENZIONE PREVIR 95 1A - Compagnia delegataria contrattuale della convenzione Previr 95 1B - Compagnia delegataria gestionale della convenzione Previr Contraente della convenzione Previr Data di aggiornamento dei dati riportati sull estratto conto e relativi alla posizione assicurativa del singolo dirigente/assicurato 4 - Numero della posizione assicurativa individuale dell assicurato 5 - Annualità di versamento dei premi 6 - Totale al 31/12/2000 dei premi versati alla convenzione Previr 7 - Ammontare complessivo dei premi assicurativi lordi, cioè comprensivi dell imposta del 2,50%, versati per la convenzione Previr 95 e pervenuti alle compagnie di assicurazione. L importo corrisponde al totale dei contributi versati. 8 - Dettaglio dei premi destinati alle singole garanzie assicurative previste dalla convenzione Previr Cumulo dei premi destinati alla garanzia Capitale differito rivalutabile 10 - Cumulo dei premi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte al 31/12/ Cumulo dei premi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi 12 - Premi destinati alla garanzia Long Term Care (non compresa nella convenzione Previr 95) 13 - Tasso di rendimento riconosciuto dalle compagnie a ogni singolo assicurato nell esercizio 2001 e utilizzato per rivalutare i contributi destinati alla garanzia di Capitale differito rivalutabile 14 - Importo del capitale riscattabile in caso di vita e premorienza per la prestazione di Capitale differito rivalutabile al 31/12/2001, al lordo delle imposte previste per legge. L importo comprende il cumulo dei capitali versati a favore della predetta garanzia già comprensivi degli intereressi annualmente maturati 15 - Garanzie assicurative attive per l anno 2002 valide solo se contrassegnate. Attenzione: la convenzione Previr 95 è cessata il 31/12/ Compagnie coassicuratrici che garantiscono le prestazioni della convenzione Previr ASSIDIR Brokeraggio Assicurativo srl, il broker della Fendac 34

9 DEVISAPERECHE Antonio Pastore 1A 1B AGGIORNAMENTO al 31/12/2001 matricola n FAC SIMILE Totale al 31/12/ , , , ,00 Anno Totali , , , ,

10 TIPOLOGIA DI ESTRATTO CONTO B Associazione Ecco come leggere l estratto conto unificato delle convenzioni PREVIR 95 e ANTONIO PASTORE N A - Compagnia delegataria contrattuale della convenzione Previr 95 e delegataria della convenzione Antonio Pastore n B - Compagnia delegataria gestionale della convenzione Previr 95 e coassicuratrice della convenzione Antonio Pastore n Contraente della convenzione Previr 95 e Antonio Pastore n Data di aggiornamento dei dati riportati sull estratto conto e relativi alla posizione assicurativa del singolo dirigente/assicurato 4 - Numero della posizione assicurativa individuale dell assicurato 5 - Annualità di versamento dei premi 6 - Totale al 31/12/2000 dei premi versati alle convenzioni Previr 95 e Antonio Pastore n Premi versati nell anno 2001 alla convenzione Antonio Pastore 8 - Ammontare complessivo dei premi assicurativi lordi, cioè comprensivi dell imposta del 2,50%, versati per la convenzione Previr 95 e Antonio Pastore n pervenuti alle compagnie di assicurazione al 31/12/2000. L importo corrisponde al totale dei contributi versati 9 - Importo dei premi versati nell anno 2001 alla convenzione Antonio Pastore n Importo complessivo dei premi assicurativi versati alle convenzioni Previr 95 e Antonio Pastore n al 31/12/ Dettaglio dei premi destinati alle singole garanzie assicurative previste dalle convenzioni Previr 95 e Antonio Pastore n Cumulo dei premi destinati alla garanzia di Capitale differito rivalutabile al 31/12/ Importo dei premi destinati alla garanzia di Capitale differito rivalutabile per l anno 2001 comprensivi della quota di Bonus 14 - Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alla garanzia Capitale differito rivalutabile 15 - Cumulo dei premi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte al 31/12/ Importo premi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte per l anno Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte 18 - Cumulo dei premi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi al 31/12/ Importo dei premi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi per l anno Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi 21 - Importo dei premi destinati alla garanzia Long Term Care per l anno Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alla garanzia Long Term Care 23 - Abbuono di premio concesso nell anno 2001 a favore della garanzia di Capitale differito rivalutabile derivante dal buon andamento dal rapporto sinistri/premi delle garanzie di rischio 24 - Tasso di rendimento riconosciuto dalle compagnie a ogni singolo assicurato nell esercizio 2001 e utilizzato per rivalutare i contributi destinati alla garanzia di Capitale differito rivalutabile 25 - Importo del capitale riscattabile in caso di vita e premorienza per la prestazione di Capitale differito rivalutabile al 31/12/2001, al lordo delle imposte previste per legge. L importo comprende il cumulo dei capitali versati a favore della predetta garanzia gia comprensivi degli interessi annualmente maturati sia per la convenzione Previr 95 sia per la convenzione Antonio Pastore n Garanzie assicurative previste dalla convenzione Antonio Pastore n per l anno Importo del capitale liquidabile agli eredi del dirigente/assicurato in caso di sua prematura scomparsa prestato dalla garanzia Temporanea caso morte. L importo è variabile in funzione dell età del dirigente/assicurato 28 - Importo del capitale liquidabile al dirigente/assicurato in caso di sua invalidità permanente conseguente a malattia prestato dalla garanzia Invalidità permanente da malattia 29 - Esprime l operatività della garanzia di Assicurazione per la Previdenza in esonero pagamento premi (APE) per la prosecuzione delle prestazioni delle garanzie Temporanea di gruppo per il caso di morte e Capitale differito a premio unico con controassicurazione e con rivalutazione annua del capitale in caso di invalidità totale e permanente del dirigente/assicurato conseguente a malattia e/o infortunio 30 - Importo di rendita mensile iniziale liquidabile al dirigente/assicurato in caso di sua non autosufficienza prestata dalla garanzia di rendita collegata a problemi di non autosufficienza (Long Term Care) 31 - Compagnie coassicuratrici che garantiscono le prestazioni delle convenzioni Previr 95 e Antonio Pastore n ASSIDIR Brokeraggio Assicurativo srl, il broker della Fendac 36

11 Antonio Pastore DEVISAPERECHE 1A 1B AGGIORNAMENTO al 31/12/2001 matricola n FAC SIMILE Totale al 31/12/ , , , ,00 18 Anno , , , , ,00 Totali , , , , ,

12 TIPOLOGIA DI ESTRATTO CONTO C Associazione Ecco come leggere l estratto conto della convenzione ANTONIO PASTORE N A - Compagnia delegataria della convenzione Antonio Pastore n B - Compagnia coassicuratrice della convenzione Antonio Pastore n Contraente della convenzione Antonio Pastore n Data di aggiornamento dei dati riportati sull estratto conto e relativi alla posizione assicurativa del singolo dirigente/assicurato 4 - Numero della posizione assicurativa individuale dell assicurato 5 - Annualità di versamento dei premi 6 - Premi versati alla convenzione Antonio Pastore n a - Ammontare complessivo dei premi assicurativi lordi, cioè comprensivi dell imposta del 2,50%, versati per la convenzione Antonio Pastore n pervenuti alle compagnie di assicurazione al 31/12/2000 7b - Ammontare complessivo dei premi assicurativi lordi, cioè comprensivi dell imposta del 2,50%, versati alla convenzione Antonio Pastore n pervenuti alle compagnie di 7c assicurazione nell anno Importo complessivo dei premi assicurativi versati alla convenzione Antonio Pastore n Dettaglio dei premi destinati alle singole garanzie assicurative previste dalla convenzione Antonio Pastore n a 9b 9c - Cumulo dei premi destinati alla garanzia Capitale differito rivalutabile al 31/12/ Importo dei premi destinati alla garanzia Capitale differito rivalutabile nell anno Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alla garanzia Capitale differito rivalutabile 10a - Cumulo dei premi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte al 31/12/ b - Importo dei premi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte nell anno c - Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alla garanzia Temporanea di gruppo per il caso di morte 11a - Cumulo dei premi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi al 31/12/ b - Importo dei premi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi nell anno c - Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alle garanzie Invalidità permanente conseguente a malattia e Previdenza in esonero pagamento premi 12a - Importo dei premi destinati alla garanzia Long Term Care per l anno b - Importo complessivo dei premi assicurativi destinati alla garanzia Long Term Care 13 - Abbuono di premio concesso nell anno 2001 a favore della garanzia di Capitale differito rivalutabile derivante dal buon andamento del rapporto sinistri/premi delle garanzie di rischio 14 - Tasso di rendimento riconosciuto dalle compagnie ad ogni singolo assicurato nell esercizio 2001 e utilizzato per rivalutare i contributi destinati alla garanzia di Capitale differito rivalutabile 15 - Importo del capitale riscattabile in caso di vita e premorienza per la prestazione di Capitale differito rivalutabile al 31/12/2001 al lordo delle imposte previste per legge 16 - Garanzie assicurative previste dalla convenzione Antonio Pastore n per l anno Importo del capitale liquidabile agli eredi del dirigente/assicurato in caso di sua prematura scomparsa prestato dalla garanzia Temporanea caso morte. L importo è variabile in funzione dell età del dirigente/assicurato 18 - Importo del capitale liquidabile al dirigente/assicurato in caso di sua invalidità permanente conseguente a malattia prestato dalla garanzia Invalidità permanente da malattia 19 - Esprime l operatività della garanzia di Assicurazione per la Previdenza in esonero pagamento premi (APE) per la prosecuzione delle prestazioni delle garanzie Temporanea di gruppo per il caso di morte e Capitale differito a premio unico con controassicurazione e con rivalutazione annua del capitale in caso di invalidità totale e permanente del dirigente/assicurato conseguente a malattia e/o infortunio 20 - Importo di rendita mensile iniziale liquidabile al dirigente/assicurato in caso di sua non autosufficienza prestata dalla garanzia di rendita collegata a problemi di non autosufficienza (Long Term Care) 21 - Compagnie coassicuratrici che garantiscono le prestazioni della convenzione Antonio Pastore n ASSIDIR Brokeraggio Assicurativo srl, il broker della Fendac 38

13 Antonio Pastore DEVISAPERECHE 1A 1B AGGIORNAMENTO al 31/12/2001 matricola n FAC SIMILE 8 5 Totale al 31/12/ ,00 7a ,00 9a ,00 10a ,00 11a Anno ,00 7b ,00 9b ,00 10b ,00 11b 0.000,00 12a Totali ,00 7c ,00 9c ,00 10c ,00 11c 0.000,00 12b

14 DEVISAPERECHE Conoscere il contratto LE FERIE NON GODUTE Quando il rapporto di lavoro termina, può capitare che il datore di lavoro rifiuti di pagare l indennità sostitutiva delle ferie non godute. L argomento merita che si faccia un po di chiarezza anche perché la contrattazione collettiva prevede e disciplina il trattamento da applicare Maria Laura Rebora Le ferie sono un argomento che interessa tutti i lavoratori, dirigenti compresi, anche se qualche volta questi ultimi si lamentano di non riuscire ad utilizzare tutte le ferie maturate, a causa di pressanti impegni di lavoro, accumulando così giorni di ferie non goduti, che aumentano di anno in anno sino a diventare, in alcuni casi, decine o centinaia di giorni. E quando il rapporto di lavoro termina, può capitare anche che il datore di lavoro rifiuti di pagare l indennità sostitutiva delle ferie non godute - lievitata a valori consistenti - sostenendo che il dirigente, per la sua posizione apicale e la sua autonomia e responsabilità, avrebbe ben potuto utilizzare le ferie arretrate nel corso del rapporto di lavoro, determinando da solo il periodo più idoneo per il loro godimento. L argomento merita che si faccia un po di chiarezza, anche perché la nostra contrattazione collettiva 1 prevede e disciplina il trattamento da applicare in caso di ferie non fruite. Innanzitutto, la norma contrattuale sottolinea che le ferie sono irrinunciabili e che solo eccezionalmente possono risultare in tutto o in parte non fruite. L enfasi della terminologia contrattuale serve a ricordare e a sottolineare la fondamentale funzione sociale delle ferie, a tutela della persona del lavoratore, della sua salute e della sua vita di relazione, così rilevante che il nostro legislatore ha elevato le ferie al rango di diritto riconosciuto e protetto dalla Costituzione (art. 36, ultimo comma). Ma la funzione sociale delle ferie è riconosciuta da tutti gli ordinamenti giuridici ed è disciplinata anche dalla normativa comunitaria. Già nel 1970 la Convenzione Oil n. 132 (ratificata in Italia dalla legge n. 157/1981) stabilisce che il lavoratore ha il diritto (minimo) di fruire di almeno due settimane continuative di ferie retribuite entro 12 mesi dalla fine dell anno di maturazione delle stesse e le ferie residue devono essere concesse e fruite entro i successivi 6 mesi. E la direttiva Cee n. 93/104 del Consiglio dell unione europea dispone tassativamente che il periodo minimo di due settimane continuative di ferie retribuite deve essere effettivamente fruito dal lavoratore ogni anno e non può essere indennizzato, salvo il caso di risoluzione del rapporto. Ciò detto, la contrattazione collettiva dispone espressamente che, salvo diversa richiesta del dirigente interessato, il datore di lavoro deve pagare come indennità sostitutiva risarcitoria gli eventuali giorni di ferie maturati l anno precedente e che l interessato non abbia potuto godere. Le ferie sono date nell interesse del lavoratore e, pertanto, in caso di impossibilità di utilizzo di parte delle ferie nei tempi disposti dal contratto collettivo o dalla legge, il datore di lavoro non può pretendere che il lavoratore utilizzi concretamente ferie relative ad anni precedenti: non potrebbero più ottemperare alla loro funzione sociale a causa della loro tardività rispetto alle esigenze di vita e di salute del lavoratore e avrebbero l effetto deleterio di allontanarlo per un periodo di tempo eccessivo dalla sua attività lavorativa, danneggiandolo professionalmente. Causa legittima di non utilizzo delle ferie può essere una delle seguenti ipotesi: - il periodo di preavviso prestato in servizio, durante il quale il datore di lavoro non può fare utilizzare le ferie maturate, dovendo indennizzarle al termine del rapporto; - il periodo di assenza per malattia o per infortunio; - i periodi di assenza per congedi parentali, formativi e per altre ipotesi previste dalla legge. Quando, invece, le ferie sono interrotte o rinviate per necessità aziendali, il datore di lavoro deve sempre rispettare il diritto, costituzionalmente tutelato, al godimento delle ferie e consentire al dirigente l effettivo utilizzo delle stesse, tenendo conto che le esigenze dell impresa devono armonizzarsi con gli interessi del lavoratore, nel rispetto dei principi di diritto che disciplinano il rapporto di lavoro. 1 art. 15 ccnl 26/04/1995 dirigenti terziario; art. 15 ccnl 23/12/1999 dirigenti trasporti; art. 13 ccnl 27/01/2000 dirigenti alberghieri Federalberghi; art. 13 ccnl 18/10/1995 dirigenti alberghieri Aica; art. 14 ccnl 15/10/1999 dirigenti agenzie marittime; art. 9 ccnl 21/07/1995 dirigenti magazzini generali 40

15 DEVISAPERECHE Fasdac LE NUOVE CONVENZIONI Struttura Indirizzo Cap Città Telefono CHIRURGIA Casa di cura Morgagni Via Cavazzana 63/ Padova PD DIAGNOSTICA Centro diagnostico Comense Viale Varese Como CO Casa di cura Morgagni Via Cavazzana 63/ Padova PD Casa di cura Paideia Via V. Tiberio Roma RM FISIOTERAPIA Centro terapia fisica Via Porta D Archi 10/ Genova GE Fisiocenter Brugherio Via Enrico Fermi Brugherio MI Arconati Centro fisioterapico Piazza Gramsci Cinisello Balsamo MI Poliambulatorio Fisio 1 Via Italia Gorla Maggiore MI Casa di cura Morgagni Via Cavazzana 63/ Padova PD Poliambulatorio Sarmeola Via Ticino Sarmeola di Rubano PD Centro fisio-terapico Lido di Ostia Corso Duca degli Abruzzi Ostia Lido RM Riabilitazione motoria e terapie fisiche Activa Via Milani Verona VR ODONTOIATRIA Vasconi Dr. Vincenzo Via P. Giuria Torino TO Semeraro Dr. Angelo Via Verdi Bergamo BG Poliambulatorio Medi Dental Via Barazze Cossato BI Pagani Dr. Antonello Via del Seprio Lomazzo CO Farina Dr.ssa Elisabetta Via Boccadasse 33/ Genova GE Cozzani Dr.ssa Marina Via Assarotti 8/ Genova GE Pegazzano Dr. Emanuele Via Cavour Santa Margherita L. GE Marella Dr. Giulio Via Roma Gaeta LT Pagani Dr. Antonello Foro Buonaparte Milano MI Studio Pentadent Via Osculati Monza MI Dolce Dr. Giampiero Via Sicilia Palermo PA Urbani Dr. Antonio Via S. Francesco da Paola Reggio Calabria RC Turco Dr. Marco Via Po Roma RM Marano Dr. Giuseppe Viale Liegi 48/B Roma RM Turco Dr. Marco Via Castagnevizza Torino TO Semperboni Dr. Claudio Corso Laghi Buttigliera Alta TO SDA Dr. Recchia - Dr. Chiaramonte Via dei Mille Verona VR Patti Dr. Antonio Via A. M. Lorgna Verona VR Colonna Dr. Giampiero Via Gen. Cantore Caprino Veronese VR AGOSTO: PROROGA DEI TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE SANITARIE Tutti sanno che la pratica sanitaria deve essere presentata all Associazione territoriale entro 60 giorni dalla data dell ultimo documento di spesa. Ma cosa fare se i 60 giorni scadono nel mese di agosto, quando le Associazioni territoriali sono chiuse per le ferie estive? È molto semplice: il termine slitterà esattamente allo stesso giorno del mese di settembre. Per meglio comprendere facciamo alcuni esempi: - se i 60 giorni scadono il 5 agosto, la pratica potrà essere presentata entro il 5 settembre; - se il termine per la presentazione all Associazione scade il 23 agosto, il dirigente avrà tempo fino al 23 settembre per presentare la pratica sanitaria. 41

16 ASSIDIR BROKER DEGLI ASSOCIATI FENDAC LA VOLTA DI ZAFFIRO A tutti gli associati sono stati inviati, direttamente a casa, la card personale e l opuscolo con le condizioni ASSIDIR di assicurazione Brokeraggio e le Assicurativo procedure da seguire in caso Via Stoppani, 6 di sinistro. Milano tel fax Chi non li avesse ricevuti, può chiamare il call center di Assidir orario 9-13/ DEVISAPERECHE NOTIZIE Il mondo assicurativo degli associati Fendac on line dallo scorso 10 aprile all indirizzo Tra i numerosi servizi offerti puoi trovare la guida interattiva alla lettura dell estratto conto relativo alle garanzie della Convenzione Antonio Pastore, informazioni su cosa fare in caso di sinistro, come diventare contributore volontario e tutto ci che ti pu essere utile SERVIZI ON LINE sapere su Assidir: dove, come, quando e per cosa chiedere spiegazioni e/o fissare appuntamenti con i consulenti Assidir, anche presso le Associazioni territoriali della Fendac. Inoltre hai la possibilit di scaricare direttamente la modulistica e la documentazione a cui sei interessato. Questi sono soltanto alcuni dei servizi offerti di cui puoi usufruire comodamente da casa o dall ufficio con un semplice click. Per tutte le altre opportunit ti invitiamo a visitare il nostro sito che viene continuamente aggiornato a partire dalla rubrica News direttamente in home page. Tutti gli associati Fendac possono ottenere consulenza, informazioni e assistenza attraverso il call center di Assidir a questi numeri: Servizio convenzioni contrattuali Numero Verde Linea Famiglia e altre soluzioni assicurative

convenzione antonio pastore

convenzione antonio pastore Associazioni Servizi sanità contratto Previdenza Formazione convenzione antonio pastore Segno più per la polizza di Capitale differito 3,61% il rendimento riconosciuto agli assicurati per l anno 2014.

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Vittorio De Luca avvocato e dottore commercialista Studio De Luca Avvocati Giuslavoristi Galleria Passarella, 2 Milano Milano - 17 Settembre

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari

STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI. I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari STUDIO ASSOCIATO DE AMBROGIO GHIRARDINI I principali aspetti : della risoluzione del rapporto di lavoro subordinato delle procedure disciplinari Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il licenziamento

Dettagli

LA SCADENZA ANNUALE per la presentazione della

LA SCADENZA ANNUALE per la presentazione della Fisco POLIZZE ASSICURATIVE COSA SI PUÒ DETRARRE Un utile guida per compilare correttamente la dichiarazione dei redditi con un occhio di riguardo alle coperture assicurative previste per gli associati

Dettagli

DEVISAPERECHE. Fendac per i quadri direttivi. Visita il sito www.fendac.it

DEVISAPERECHE. Fendac per i quadri direttivi. Visita il sito www.fendac.it DEVISAPERECHE ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI Visita il sito www.fendac.it 32-33 Fendac quadri Le riduzioni d orario, i permessi, i congedi 34-36 Assidir Assidir e la soddisfazione

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro

Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro C 14 a p i t o l o Forme di estinzione individuale del rapporto di lavoro 1 I principi generali dei licenziamenti individuali Il licenziamento è considerato legittimo soltanto quando sussistono alcune

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 18/05/2015 Oggetto: Informativa n. 2. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: JOBS ACT: come cambierà

Dettagli

DEVISAPERECHE LONG TERM CARE : ORA PER TUTTI GLI ASSOCIATI E I LORO FAMILIARI ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI

DEVISAPERECHE LONG TERM CARE : ORA PER TUTTI GLI ASSOCIATI E I LORO FAMILIARI ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI DEVISAPERECHE ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI 27-29 ASSIDIR Long term care: ora per tutti gli associati e i loro familiari 30-32 MANAGERITALIA QUADRI Dimissioni e indennità

Dettagli

I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI Sei stato vittima di un provvedimento disciplinare ingiusto? Le informazioni qui di seguito riportate ti permetteranno di conoscere i limiti all esercizio del potere disciplinare

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COME OGNI ANNO, nel mese di marzo si inizia a

COME OGNI ANNO, nel mese di marzo si inizia a POLIZZE ASSICURATIVE COSA SI PUÒ DETRARRE? Una guida per compilare correttamente la dichiarazione dei redditi con un occhio di riguardo alle coperture assicurative previste per gli associati a cura di

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA Se nel corso del rapporto un lavoratore compie un atto tanto grave da non consentire anche solo in via provvisoria la prosecuzione del rapporto,

Dettagli

Il licenziamento individuale: intimazione

Il licenziamento individuale: intimazione Il licenziamento individuale: intimazione Novembre 2013 Albini 1 Licenziamento individuale: nozione Atto con il quale il datore di lavoro manifesta unilateralmente la volontà di recedere dal contratto

Dettagli

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal comitato direttivo nella seduta del 15 Marzo 2012 1 Il presente regolamento

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di responsabilità: RESPONSABILITÀ CIVILE regolata dall art. 2043

Dettagli

Ci sono cose che è meglio tenere lontano...

Ci sono cose che è meglio tenere lontano... INSERTO SPECIALE A CURA DI ASSIDIR Ci sono cose che è meglio tenere lontano... ma parlarne può essere utile! I INSERTO SPECIALE Caro collega, ognuno di noi, più o meno inconsciamente, tende ad allontanare

Dettagli

ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Corso propedeutico all'esame di Stato per Consulenti del Lavoro Organizzato da Ordine CDL AP Relatore e coordinatore Dott.ssa Roberta Sgattoni Lezione n. 11 23 settembre

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

SANITÀ CONTRATTO PREVIDENZAFORMAZIONE ASSOCIAZIONI SERVIZI LE 4 REGOLE PER UNA PRATICA CORRETTA PRATICHE DI SOLI MEDICINALI

SANITÀ CONTRATTO PREVIDENZAFORMAZIONE ASSOCIAZIONI SERVIZI LE 4 REGOLE PER UNA PRATICA CORRETTA PRATICHE DI SOLI MEDICINALI ASSOCIAZIONI SERVIZI SANITÀ CONTRATTO PREVIDENZAFORMAZIONE FASDAC LE 4 REGOLE PER UNA PRATICA CORRETTA Nel 2013 sono state semplificate alcune regole per la presentazione di una pratica in forma indiretta.

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE SETTORI SOCIOASSISTENZIALE, SOCIO-SANITARIO ED EDUCATIVO UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Iniziative di Assistenza Sociale ESTRATTO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Ad Personam/Mod. X0403.0 Edizione 2/2009 Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema

Dettagli

http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php

http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php Il licenziamento disciplinare non prevede rientro http://www.espertorisponde.ilsole24ore.com/problema-settimana/licenziamento-disciplinare-nonprevede-rientro:20130128.php Per «licenziamento disciplinare»

Dettagli

Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131.

Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131. L. 20 maggio 1970, n. 300 Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 maggio 1970, n. 131. Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell'attività sindacale nei luoghi di

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora

VADEMECUM FERIE. di Anna Maria Ermacora Ferie: il vademecum che riepiloga le complesse regole Tutto sull irrinunciabilità, l indennità sostitutiva, il differimento per ferie collettive e i contributi sulle ferie non godute. VADEMECUM FERIE di

Dettagli

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali

Articolo 18. La riforma dei licenziamenti individuali Articolo 18 La riforma dei licenziamenti individuali Torino, 11 ottobre 2012 Corso in materia giuslavoristica Dr. Giuseppe Goffi Studio Goffi Commercialisti Associati Riferimenti normativi di base Art.

Dettagli

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza

Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza Regolamento interno del personale dell OMCeO di Monza e Brianza 1. Applicabilità. Il presente regolamento interno viene predisposto dall OMCeO di Monza e Brianza al fine di regolarizzare lo svolgimento

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario 2014 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario Federazione Autonoma Bancari Italiani Dipartimento Nazionale Formazione 1 DOVERI DEL LAVORATORE DIPENDENTE

Dettagli

Tel. 030/99.66.685 Fax 030/99.66.695. Tel. 02/62.69.07.43 Fax 02/89.07.25.23. A tutti i clienti loro sedi

Tel. 030/99.66.685 Fax 030/99.66.695. Tel. 02/62.69.07.43 Fax 02/89.07.25.23. A tutti i clienti loro sedi Studio Dott. Massimo Brisciani Consulente del Lavoro Via Gramsci,11 25013 Carpenedolo (BS) Via della Moscova, 15 20121 Milano Tel. 030/99.66.685 Fax 030/99.66.695 Tel. 02/62.69.07.43 Fax 02/89.07.25.23

Dettagli

REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE

REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE Art. 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente Regolamento reca le disposizioni di funzionamento del Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Postevita (nel prosieguo, per

Dettagli

Modulo di Adesione ad uso proposta irrevocabile di contratto ex. art.1329 del Codice Civile INDIRIZZO C.A.P. LOCALITA PROV.

Modulo di Adesione ad uso proposta irrevocabile di contratto ex. art.1329 del Codice Civile INDIRIZZO C.A.P. LOCALITA PROV. POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE degli Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici d Infanzia Convenzione tra Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI e Carige Assicurazioni

Dettagli

Modulo adesione per Polizza tutela legale individuale

Modulo adesione per Polizza tutela legale individuale Modulo adesione per Polizza tutela legale individuale DATI DEL CONTRAENTE/ASSICURATO Cognome e Nome Codice Fiscale Nato in Prov. Data di Nascita Sesso Indirizzo Residenza Comune Provincia Cap Indirizzo

Dettagli

POLIZZE AMMANCHI DI CASSA E R. C. PATRIMONIALE BANCARI SARDEGNA

POLIZZE AMMANCHI DI CASSA E R. C. PATRIMONIALE BANCARI SARDEGNA POLIZZE AMMANCHI DI CASSA POLIZZE AMMANCHI DI CASSA E R. C. PATRIMONIALE ANNO 2016 Gentili bancari, la Golinucci Srl, broker di assicurazione, specializzata in polizze di RC Professionale per bancari,

Dettagli

TITOLO XXVIII Risoluzione del rapporto di lavoro. A) Recesso

TITOLO XXVIII Risoluzione del rapporto di lavoro. A) Recesso CCNL Dipendenti da Agenti Immobiliari Professionali 113 se della media delle provvigioni o delle percentuali maturate nell anno corrente o comunque nel periodo di minore servizio prestato presso l azienda.

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 INDICE Introduzione 9 Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 Capitolo 2 IL CODICE DISCIPLINARE 17 2.1 Contenuti e caratteri del Codice Disciplinare 17 2.2 L obbligo di

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Verbale di accordo. tra

Verbale di accordo. tra Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl

Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2018 Dirigenti Industria: le novità del Ccnl Daniele Colombo - Avvocato Revisione del trattamento economico complessivo di garanzia, rafforzamento del ruolo della contrattazione

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO 1. Premessa 2. Violazioni 3. Soggetti destinatari 4. Misure disciplinari nei confronti dei lavoratori dipendenti 5. Misure disciplinari nei confronti

Dettagli

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009

DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 DIRIGENZA Sanitaria Tecnica Professionale - Amministrativa CCNL 1994/1997 CCNL 1998/2001 CCNL 2002/2005 CCNL 2006/2009 ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO CCNL 94 97 ART. 33 Cause di cessazione del rapporto

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS)

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) SISTEMA DISCIPLINARE SANZIONATORIO Rev 0 SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) MODELLO ORGANIZZATIVO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Disciplina e Compiti dell Organismo

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

Guida alle Sanzioni disciplinari

Guida alle Sanzioni disciplinari Guida alle Sanzioni disciplinari La materia dei provvedimenti disciplinari è regolata dalla legge (artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. ed art. 7 Statuto dei lavoratori) e dai singoli CCNL. Pur non essendoci da

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 5 Avvertenze...» 6 INDICE SOMMARIO Presentazione..................................................... pag. 5 Avvertenze........................................................» 6 Parte I La costituzione del rapporto e la

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI 1 responsabilità e diligenza del dipendente il lavoratore dipendente può incorrere in: responsabilità

Dettagli

GUIDA ALL ASSISTITO PER LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA

GUIDA ALL ASSISTITO PER LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA GUIDA ALL ASSISTITO PER LE PRESTAZIONI IN REGIME DI ASSISTENZA SANITARIA IN FORMA RIMBORSUALE E DIRETTA PRESTAZIONI EROGATE DIRETTAMENTE DAL FONDO E PREVISTE NEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI Il Fondo

Dettagli

Sommario generale. Capitolo primo

Sommario generale. Capitolo primo Sommario generale Capitolo primo 1/1 Introduzione all opera 1/2 Note di presentazione degli autori 1/3 Sommario generale 1/4 Indice formule su CD-Rom 1/5 Elenco delle abbreviazioni utilizzate negli indici

Dettagli

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati

Studio di Consulenza del Lavoro Pini & Associati Oggetto: JOB ACT Contratto a tutele crescenti. Borgo San Lorenzo, lì 03/04/2015 Alla Clientela in indirizzo Il Governo ha approvato definitivamente il D.Lgs. 23/2015 che introduce nel nostro ordinamento

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 Numero Approvazione Data EDIZIONE 01 Consiglio di Amministrazione 19/12/2013 EDIZIONE 02 Consiglio di Amministrazione 03/09/2015 Pag. 2/8 INDICE 1. Obiettivo

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI MODELLO DI ORGANIZZAZ IONE GESTIONE E CONT ROLLO REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

Convenzione Carabinieri 2012

Convenzione Carabinieri 2012 Convenzione Carabinieri 2012 Target Dipendenti in servizio; Dipendenti in quiescenza; Familiari di primo grado conviventi (coniuge, genitori e figli) risultanti dallo stato di famiglia. Condizioni prodotti

Dettagli

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione

1. INDICAZIONI RELATIVE ALLA NORMA TRANSITORIA: iscrizione e contribuzione Milano, febbraio 2008 Circolare n. 2/08 ALLE IMPRESE INTERESSATE Loro Sedi Alla c.a. Amministrazione del Personale Alla c.a. RSU p.c.: Organizzazioni sindacali Associazioni industriali territoriali Oggetto:

Dettagli

Aziende. Tutela Legale

Aziende. Tutela Legale Tutela Legale Aziende La polizza di Tutela Legale che proponiamo alle Aziende, copre i costi sostenuti, oltre che per i procedimenti penali colposi e dolosi (in caso di assoluzione), anche quelli che si

Dettagli

In seguito all emissione annuale dell estratto

In seguito all emissione annuale dell estratto CONVENZIONE ANTONIO PASTORE LA RIVALUTAZIONE DELLA POLIZZA DI CAPITALE DIFFERITO PER L ANNO 2012: 3,74% SITUAZIONE DEL DIRIGENTE Posizione contributiva aperta e chiusa prima del 30/9/1997 Posizione contributiva

Dettagli

INABILITÀ TEMPORANEA E INVALIDITÀ PERMANENTE

INABILITÀ TEMPORANEA E INVALIDITÀ PERMANENTE 1 INABILITÀ TEMPORANEA E INVALIDITÀ PERMANENTE Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Lo spieghiamo in questo primo fascicolo di approfondimento del Vademecum 2012 Apriamo la serie di approfondimenti

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE CCNL TURISMO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in tutti

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2013. L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro

Circolare Informativa n 1/2013. L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro Circolare Informativa n 1/2013 L Istituto del Licenziamento e la Riforma del lavoro e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 11 INDICE Premessa pag. 3 1) Destinatari della norma

Dettagli

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015 Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza Bergamo, 11 giugno 2015 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Confronto tra Riforma Fornero e Jobs Act IL JOBS

Dettagli

Guida alla lettura dell estratto conto 2009

Guida alla lettura dell estratto conto 2009 Guida alla lettura dell estratto conto 2009 Rendimento polizza Capitale differito 3,94% netto L anno scorso, proprio in questo stesso periodo, si faceva un bilancio dell instabilità finanziaria dovuta

Dettagli

Rif. LS/ls Roma, 16 gennaio 2014

Rif. LS/ls Roma, 16 gennaio 2014 DIPARTIMENTO NAZIONALE FORMAZIONE Rif. LS/ls Roma, 16 gennaio 2014 CORSI DI FORMAZIONE RESIDENZIALE 2014 Il Dipartimento Formazione organizza per il periodo primaverile del corrente anno; 1 (una) settimana

Dettagli

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE

CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI NORME CHE REGOLANO L ASSICURAZIONE IN GENERALE CAPITOLATO DI ASSICURAZIONE PER LE SPESE LEGALI E PERITALI DEFINIZIONI Nel testo che segue si intendono: per "assicurazione": il contratto di assicurazione; per "polizza": il documento che prova l'assicurazione;

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14)

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.9 del 18.04.2012. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.9 del 18.04.2012 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI (artt. 13 e 14) ART. 13 Modifiche alla legge 15 luglio 1966, n. 604 Forma e procedure del licenziamento

Dettagli

DEVISAPERECHE. magazine ANTONIO PASTORE: LA NUOVA CONVENZIONE. Magazine ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI

DEVISAPERECHE. magazine ANTONIO PASTORE: LA NUOVA CONVENZIONE. Magazine ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI IL GIORNALE DEL FONDO MARIO NEGRI Le risposte ai quesiti sulla riforma OBIETTIVO FORMAZIONE Perché iscriversi a Fondir MENSILE DI INFORMAZIONE E CULTURA MANAGERIALE DELLA FENDAC N. 3 / MARZO 2003 FENDAC

Dettagli

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva

Essenziale. Nota Informativa. Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva Essenziale Nota Informativa Aviva Italia S.p.A. Gruppo Aviva NOTA INFORMATIVA La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva

Dettagli

FIDO PROTETTO (Tariffa CP12) CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A PREMIO MENSILE IN FORMA COLLETTIVA AD ADESIONE FACOLTATIVA

FIDO PROTETTO (Tariffa CP12) CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A PREMIO MENSILE IN FORMA COLLETTIVA AD ADESIONE FACOLTATIVA FIDO PROTETTO (Tariffa CP12) CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A PREMIO MENSILE IN FORMA COLLETTIVA AD ADESIONE FACOLTATIVA per i casi di Decesso e Invalidità Totale Permanente da Infortunio o Malattia Polizza

Dettagli

CREDIT PROTECTION A PREMIO MENSILE ABBINATA ALLA LINEA DI CREDITO REVOLVING (DI SEGUITO CONTO REVOLVING) E/O CARTA DI CREDITO

CREDIT PROTECTION A PREMIO MENSILE ABBINATA ALLA LINEA DI CREDITO REVOLVING (DI SEGUITO CONTO REVOLVING) E/O CARTA DI CREDITO CREDIT PROTECTION A PREMIO MENSILE ABBINATA ALLA LINEA DI CREDITO REVOLVING (DI SEGUITO CONTO REVOLVING) E/O CARTA DI CREDITO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE IN FORMA COLLETTIVA E FACOLTATIVA per i casi di

Dettagli

INDICE. Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione

INDICE. Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione INDICE Introduzione del Dr. Giuseppe IANNIRUBERTO... Pag. Presidente di sezione della Corte Suprema di Cassazione I COSTITUZIONE E TIPOLOGIA DEL RAPPORTO DI LAVORO... " 1 (Relazione del Dr. Fabrizio MIANI

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

Il fondo pensione delle cooperative

Il fondo pensione delle cooperative E COOPERLAVORO È PROMOSSO DA: MO il ION e n ES e i nt I AD o c D O L DU (1) Da rete fissa il costo è di 0,024 euro al minuto e di 0,06 euro alla risposta. Da rete mobile dipende dal proprio gestore di

Dettagli

Rif. LS/gd Roma, 22 gennaio 2015

Rif. LS/gd Roma, 22 gennaio 2015 DIPARTIMENTO NAZIONALE FORMAZIONE Rif. LS/gd Roma, 22 gennaio 2015 CORSI DI FORMAZIONE RESIDENZIALE 2015 Il Dipartimento Formazione organizza per il periodo primaverile del corrente anno; 2 (due) settimane

Dettagli

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio

Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Jobs Act Licenziamenti individuali e collettivi Nuovo sistema sanzionatorio Illecito assunti fino al 6 marzo 2015 assunti dal 7 marzo 2015 discriminatorio Per avere licenziato il prestatore di lavoro per

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Disciplina e gestione delle ferie

Disciplina e gestione delle ferie Circolare N. 125/UCP Disciplina e gestione delle ferie Roma, 28 marzo 2012 PREMESSA A seguito dell adesione dell ENEA al CCNL del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione (di

Dettagli

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente

Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il contratto di somministrazione e il lavoro intermittente Il titolo XIII (artt. 55-56) del Ccnl degli studi professionali è dedicato alla disciplina del lavoro somministrato e del lavoro intermittente

Dettagli

CONVENZIONE CNA - UNIPOL. Il salto di qualità con CNA!

CONVENZIONE CNA - UNIPOL. Il salto di qualità con CNA! CONVENZIONE CNA - UNIPOL Il salto di qualità con CNA! IL SALTO DI QUALITÀ CHE MIGLIORA LA VITA! Proteggere l impresa, le persone amate, tutelare le cose importanti, fare il salto di qualità e migliorare

Dettagli

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA NOTA INFORMATIVA PER I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE INFORTUNI E MALATTIA Nota Informativa Mod. 5002002140/S ed. 2011-03 Ultimo aggiornamento 01/03/2011 Ai sensi dell

Dettagli

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro;

Premessa. di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; Premessa Non mutano i concetti di giusta causa (vale a dire un fatto talmente grave da non consentire la prosecuzione neppure temporanea del rapporto di lavoro; di giustificato motivo soggettivo (cioè

Dettagli

Coperture Assicurative per i Dipendenti del Gruppo Banco Popolare

Coperture Assicurative per i Dipendenti del Gruppo Banco Popolare Pag 1/6 Coperture Assicurative per i Dipendenti del Gruppo Banco Popolare Sotto la voce coperture assicurative sono comprese una serie di garanzie di natura diversa: alcune sono applicazione del Contratto

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

SCHEMA DI NOTA INFORMATIVA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE

SCHEMA DI NOTA INFORMATIVA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE SCHEMA DI NOTA INFORMATIVA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E DI CAPITALIZZAZIONE Inserire la seguente frase: La presente Nota informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP, ma il

Dettagli

Il licenziamento disciplinare

Il licenziamento disciplinare Capitolo 4 Il licenziamento disciplinare Caso 4.1 Quali sono stati gli effetti della sentenza della Corte Costituzionale n. 204 del 1982? Con più ordinanze del 1976 furono impugnati innanzi alla Corte

Dettagli

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA

LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA LA SALUTE E VALORE PER L IMPRESA La salute dell impresa è legata indissolubilmente con quella di chi ne fa parte. La coscienza di questo legame porta alla coesione, alla condivisione di valori comuni:

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

contratto a tutele crescenti e licenziamenti

contratto a tutele crescenti e licenziamenti 16/02/15 contratto a tutele crescenti e licenziamenti 13 febbraio 2015 relatore: sarah barutti s.barutti@spolverato.com www.spolverato.com CONTRATTO A TUTELE CRESCENTI Il 24 dicembre 2014 il Consiglio

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli