Il distacco di lavoratori all estero

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il distacco di lavoratori all estero"

Transcript

1 Videocomunicazione Il distacco di lavoratori all estero A cura di Area Internazionalizzazione Area Lavoro e contrattualistica Modena, 17 Luglio 2013

2 Programma 1.Scelta della struttura contrattuale 2.Invio in Stato comunitario o extracomunitario 3.Distacco in Stato comunitario Disciplina interna 4.Distacco in Stato extraue Disciplina interna 5.Distacco in Stato UE o extraue Disciplina estera 6.Focus su alcuni Paesi comunitari (Svizzera, Francia, Germania)

3 Scelta della struttura contrattuale

4 Scelta della struttura contrattuale Individuazione della struttura contrattuale più idonea per gestire l assegnazione all estero del dipendente. Le principali variabili connesse alla scelta sono: durata dell assegnazione; soggetto beneficiario della prestazione Trasferta Assunzione locale Distacco Trasferimento

5 Trasferta e trasferimento (1) Trasferta mutamento temporaneo del luogo di esecuzione della prestazione, nell interesse del datore di lavoro che la dispone. Permanenza di un legame funzionale del dipendente con il normale luogo di lavoro da cui egli proviene rispetto al diverso luogo della sua contingente prestazione. Trasferimento si differenzia per la più ampia durata nel tempo. Caratteristiche simili a quelle della trasferta.

6 Trasferta e trasferimento (2) Il rapporto di lavoro non si interrompe o sospende a fronte dell invio all estero. Il datore di lavoro rimane responsabile del trattamento economico e normativo, nonché titolare di tutti i poteri direttivi e gerarchici. Il dipendente continua a prestare la propria attività ad esclusivo beneficio dell azienda cui appartiene. Scelta dell istituto principalmente legata alla durata dell assegnazione e alle ragioni che giustificano l invio all estero del dipendente.

7 Distacco Distacco L azienda italiana datrice di lavoro presta un proprio dipendente ad un soggetto terzo che si avvantaggia delle prestazioni del lavoratore. Non comporta novazione del rapporto di lavoro ma solo modifica nell esecuzione del rapporto. A differenza di trasferta e trasferimento l obbligazione del lavoratore viene adempiuta in favore del datore di lavoro distaccatario e non del datore di lavoro distaccante. Attribuzione al datore di lavoro distaccatario dei poteri direttivi.

8 Assunzione diretta locale Assunzione locale 1. instaurazione di rapporto di lavoro subordinato con la società estera (solitamente appartenente al medesimo gruppo di quella italiana). 2. assunzione diretta di personale locale da parte di datore di lavoro italiano che non dispone di alcuna presenza nello stato estero (no filiale, ufficio di rappresentanza, società di diritto locale). Può essere richiesta la nomina di un rappresentante nel territorio. In altri casi è possibile l assunzione diretta dall Italia, con onere a carico del lavoratore di adempiere agli obblighi assicurativi e contributivi a carico del datore di lavoro.

9 Invio in Stato comunitario o extracomunitario

10 Stati UE ed extraue L invio di personale dipendente all estero è regolamentato da differenti discipline a seconda che avvenga in: Stati membri dell UE e Stati ad essi assimilati (es. spazio SEE; Svizzera) Dal 1 luglio 2013 ingresso nella UE della Repubblica di Croazia. L UE conta ora 28 Stati membri. Stati extra Ue: tutti gli altri Stati che non fanno parte dell Unione.

11 Disciplina interna (1) Dal punto di vista previdenziale, le regole per l assicurazione sociale dei lavoratori sono dettate: da regolamenti comunitari, se lo spostamento avviene nell ambito di Paesi membri dell UE o aderenti all area SEE e alla Svizzera; da convenzioni bilaterali stipulate tra gli enti previdenziali dei Paesi interessati; dal D.L. n. 317/1987, per i Paesi con i quali non sono state stipulate convenzioni bilaterali o sono in vigore convenzioni parziali. Dal punto di vista fiscale occorre riferirsi, qualora esistenti, alle convenzioni contro le doppie imposizioni stipulate tra Paesi.

12 Disciplina interna (2) Comunicazione al lavoratore: nel caso di invio all estero per un periodo superiore a 30 giorni, il datore di lavoro deve fornire al lavoratore alcune informazioni in merito alla prestazione da svolgere (durata del lavoro, valuta, eventuali benefit, condizioni di rimpatrio). Registrazione dei dati di viaggio: si tratta di adempimento facoltativo, consigliabile soprattutto nel caso di invio in Stati particolarmente a rischio (es. guerre civili, calamità naturali ecc.). E possibile registrare i dati accedendo al sito

13 Disciplina estera Occorre verificare eventuali adempimenti previsti dalla disciplina in vigore nello Stato estero in cui viene inviato il lavoratore Sono diversi per ogni Stato, occorre quindi verificare di volta in volta Verifica richiesta visti e/o permessi di lavoro; Comunicazioni/notifiche o autorizzazioni preventive.

14 Distacco

15 Accordo e lettera di distacco E consigliabile redigere preliminarmente un accordo tra società distaccante e società distaccataria che indichi : motivi del distacco; interesse al distacco; temporaneità del distacco. Non si tratta di presupposto formale richiesto dalla legge ma utile per la gestione amministrativa delle operazioni di distacco (es. richiesta INPS formulario A1; richiesta di autorizzazione al Ministero del lavoro). E consigliabile inoltre consegnare al lavoratore una lettera individuale di distacco ad integrazione del contratto di lavoro in essere

16 Distacco in Stato comunitario Disciplina interna

17 Principi generali Tra gli Stati dell UE vige il principio di libera circolazione dei lavoratori. Tale principio implica l abolizione di qualsiasi discriminazione fondata sulla nazionalità, sull impiego, sulla retribuzione e sulle altre condizioni di lavoro (art. 45 TFUE). Non sono previste particolari formalità salvo il rispetto delle norme di pubblica sicurezza. Sono previsti minori adempimenti in capo al datore di lavoro. Per il distacco di lavoratori italiani in Stati UE non è richiesta alcuna autorizzazione.

18 Regolamenti comunitari di sicurezza sociale

19 Entrata in vigore Il 1 maggio 2010 è entrata in vigore una nuova disciplina comunitaria in materia di sicurezza sociale (Reg. CE n. 883/2004, Reg. CE n. 988/2009, Reg. CE n. 987/2009). Dal 1 aprile 2012 si applica anche alla Svizzera Dal 1 giugno 2012 si applica anche ai Paesi aderenti all Accordo SEE (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) Attenzione!!! Le norme sul coordinamento disciplinano esclusivamente le questioni in materia di sicurezza sociale e non anche in materia fiscale.

20 Principi generali (1) 1. Unicità della legislazione applicabile: per una più efficace tutela dei cittadini che si spostano all interno dell UE, è stato previsto che in linea di principio, una sola legislazione trovi applicazione. Deroga all applicazione del principio di territorialità: ai lavoratori subordinati/autonomi in distacco non viene applicata la legislazione dello Stato membro in cui viene svolta l attività. Possono rimanere soggetti alla legislazione dello Stato membro in cui abitualmente svolgono la propria attività per un periodo massimo di 24 mesi.

21 Principi generali (2) Accordi ex art. 16, reg. CE n. 883/2004 Proroga del distacco per periodi superiori ai 24 mesi: gli organismi competenti degli Stati membri possono stipulare accordi in deroga al limite massimo. Le richieste di accordo devono essere: inoltrate alle Direzioni regionali INPS; motivate adeguatamente. 2. Scambio di informazioni in via telematica: viene costituito un sistema europeo di scambi telematici delle informazioni (EESSI). Sono stati istituiti alcuni formulari denominati Documenti Portatili che devono essere rilasciati al lavoratore e che deve portare con sé durante la permanenza in altro Stato membro (es. A1, DA1, S1).

22 Documento Portatile A1 Il Documento Portatile A1 è opportuno venga richiesto prima dell invio all estero del dipendente viene rilasciato dall INPS; sostituisce il formulario E101 e può avere durata di 24 mesi; ha determinato l abolizione del formulario E102; non ha natura autorizzatoria; la procedura semplificata per il rilascio di modelli di durata limitata (distacco fino a 3 mesi) non è più prevista.!!! Nonostante lo scambio telematico è opportuno che il lavoratore porti con sé durante il soggiorno all estero il documento cartaceo.

23 Documento Portatile DA1 Il Documento Portatile DA1 deve essere richiesto solo in caso di infortunio sul lavoro e malattia professionale precedenti l invio all estero del dipendente viene rilasciato dall INAIL; sostituisce il formulario E123; deve essere presentato all Istituto per gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali del paese di temporaneo soggiorno per ricevere le prestazioni necessarie!!! Sebbene venga rilasciato dall INAIL su richiesta dell Istituzione estera è opportuno che il lavoratore porti con sé durante il soggiorno all estero il documento cartaceo.

24 Documento Portatile S1 - TEAM La Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM): permette di usufruire dell assistenza medica pubblica necessaria durante un soggiorno temporaneo in uno Stato UE, SEE e Svizzera. Dà diritto a ricevere le prestazioni necessarie e non solo urgenti. L assistenza è in forma diretta, nulla è dovuto eccetto il pagamento di eventuale ticket (alcune eccezioni: Francia e Svizzera prevedono assistenza in forma indiretta). Il Documento Portatile S1: permette di iscriversi all assistenza sanitaria del paese estero e di ricevere non solo le cure necessarie. Va richiesto alla ASL prima dell invio all estero presentando il mod. A1 o l autorizzazione del Paese estero in caso di distacco superiore a 24 mesi. Ha validità annuale. Sostituisce il precedente mod. E106. Assistenza in forma diretta salvo eventuale ticket.

25 Distacco in Stato extra UE Disciplina interna

26 Premessa I datori di lavoro che assumono/trasferiscono/distaccano lavoratori italiani in Paesi extracomunitari devono rispettare le tutele previste dalle norme del D.L. n. 317/87 (convertito in L. n. 398/87) Sono previsti ulteriori adempimenti in capo al datore di lavoro rispetto all invio di lavoratori in Paesi membri dell UE o ad essi assimilati E prevista preventiva autorizzazione ministeriale indipendentemente dal fatto che siano stati stipulati accordi bilaterali di sicurezza sociale

27 Autorizzazione ministeriale

28 Autorizzazione ministeriale Il datore di lavoro che invia un dipendente italiano o comunitario in Paese extra Ue deve chiedere preventiva autorizzazione al Ministero del Lavoro. L impiego di lavoratori italiani o comunitari fuori del territorio nazionale senza autorizzazione è sanzionato. Dal 1 febbraio 2013 richieste gestite esclusivamente in modalità telematica, nuovo sistema informatico (LIE) accessibile dal portale Cliclavoro (). La normativa di riferimento rimane invariata.

29 Nuova procedura LIE Campo di applicazione La procedura deve essere utilizzata: dalle aziende, italiane e straniere, per richiedere l autorizzazione all invio di lavoratori in Paesi extra UE; dai cittadini, italiani e comunitari residenti in Italia, che intendono lavorare all estero Non si applica ai seguenti lavoratori: autonomi; dipendenti della PA; marittimi; personale di volo; dipendenti inviati in trasferta.

30 Nuova procedura LIE Lavoratori extracomunitari Lavoratori extracomunitari legalmente soggiornanti: la procedura dell autorizzazione ministeriale si applica esclusivamente ai lavoratori extracomunitari legalmente soggiornanti in Italia già dipendenti dell azienda Si applica quindi ai casi di distacco e trasferimento MA non ai casi di assunzione. Tali lavoratori non sono interessati dalla richiesta di nulla osta regionale e non devono quindi iscriversi nella lista LIE. In tali casi occorre produrre in allegato il permesso di soggiorno e il contratto di lavoro. Si tratta di chiarimenti forniti in via ufficiosa dal Ministero del lavoro

31 Ulteriori adempimenti Comunicazioni obbligatorie: il datore di lavoro autorizzato all assunzione deve effettuare la comunicazione preventiva di instaurazione tramite mod. UNILAV. Nel caso di distacco/trasferimento di lavoratore dipendente la comunicazione al Centro per l impiego deve essere trasmessa entro 5 giorni. Attenzione!!! La comunicazione deve essere effettuata anche nel caso in cui l assunzione avvenga direttamente nei Paesi extra UE.

32 Disciplina previdenziale

33 Trattamento previdenziale Per determinare il trattamento previdenziale occorre distinguere tra: Paesi non convenzionati con Italia ai lavoratori devono essere garantite in Italia le tutele minime previste dalla Legge n. 398/87; il datore di lavoro deve assolvere integralmente gli obblighi contributivi imposti nel Paese extracomunitario. Paesi convenzionati con Italia (anche parzialmente) contribuzione dovuta in base alle regole definite nella convenzione bilaterale; ai lavoratori devono essere garantite in Italia le tutele minime previste dalla Legge n. 398/87 per le assicurazioni non previste nella convenzione.

34 Trattamento previdenziale Stati non convenzionati (1) Il datore di lavoro è obbligato a garantire una tutela previdenziale minima in Italia (Legge n. 398/87) I lavoratori sono obbligatoriamente iscritti alle seguenti forme assicurative: IVS DS Malattia e maternità Fondo garanzia TFR Mobilità INAIL I contributi CIG e Gescal non sono dovuti. Anche il contributo CUAF è escluso (contributo dovuto solo se espressamente previsto in convenzione).

35 Trattamento previdenziale Stati non convenzionati (2) Il datore di lavoro distaccante deve aprire specifica posizione assicurativa presso l INPS (codice autorizzazione 4C) che consente il versamento della contribuzione: con aliquota contributiva a carico del datore di lavoro ridotta di 10 punti percentuali a valere sulle contribuzioni IVS e DS; su valori di retribuzione convenzionale stabiliti annualmente con Decreto ministeriale

36 Trattamento previdenziale Stati parzialmente convenzionati Il datore di lavoro deve versare le seguenti contribuzioni: in via principale, contributi compresi in convenzione sulla base delle retribuzioni effettive; in via residuale, eventuali contributi rientranti nella tutela minima della Legge n. 398/87 ma non compresi nella convenzione sulla base delle retribuzioni convenzionali. Per i Paesi legati all Italia da accordi parziali di sicurezza sociale le retribuzioni convenzionali trovano applicazione limitatamente alle assicurazioni non contemplate dalle convenzioni in vigore. Il datore di lavoro distaccante deve aprire specifica posizione assicurativa presso l INPS (codice autorizzazione 4Z).

37 In sintesi

38 In sintesi (1) Trasferta e Distacco in Paese UE (es. Francia, Svizzera, ecc.) Trasferta in Paese extra UE (es. Brasile, Cina, Russia, ecc.) Da non dimenticare in Italia: Richiesta formulario all INPS (mod. A1 nella UE o formulario in convenzione nei Paesi extra UE convenzionati) Assolvimento degli obblighi contributivi sulla posizione contributiva aziendale già in essere Retribuzioni effettive Comunicazione all INAIL se cambia rischio assicurato Comunicazione al lavoratore se l invio supera 30 giorni Accordo e lettera al lavoratore in caso di distacco Assistenza sanitaria (TEAM/S1 nella UE o attestato art. 15 DPR n. 618 del 1980/formulario in convenzione nei Paesi extra UE) Polizze assicurative

39 In sintesi (2) Distacco in Paese extra UE (es. Brasile, Cina, Russia, ecc.) Da non dimenticare in Italia: Autorizzazione ministeriale preventiva (LIE) Richiesta formulario all INPS se previsto in convenzione Assolvimento degli obblighi contributivi sulla posizione aziendale aperta per i lavoratori all estero (c.a. 4C o 4Z) Retribuzioni effettive per assicurazioni in convenzione Retribuzioni convenzionali per assicurazioni non in convenzione (L. 398/87) Comunicazione all INAIL se cambia rischio assicurato Comunicazione al lavoratore se l invio supera 30 giorni Accordo e lettera di distacco Comunicazione Unilav Assistenza sanitaria (attestato art. 15 DPR n. 618 del 1980 oppure formulario in convenzione nei Paesi extra UE) Polizze assicurative

40 Distacco in Stato UE o extraue Disciplina estera

41 Direttiva n. 96/71/CE

42 Trattamento economico e normativo Il datore di lavoro italiano che distacca lavoratori in altro Stato comunitario deve garantire le condizioni di lavoro e di occupazione previste nello Stato di destinazione. Trattamento economico e normativo coerente con il trattamento riservato ai lavoratori dipendenti della società straniera distaccataria previsto dalla disciplina legislativa, amministrativa, regolamentare e contrattuale (art. 3). Diventa quindi importante verificare ove possibile le tabelle salariali applicate nel Paese di destinazione. Nel caso di distacco in Stati extraue l accertamento della correttezza del trattamento economico e normativo è assicurata mediante la procedura di autorizzazione da richiedere al Ministero del lavoro.

43 Comunicazione preventiva di distacco (1) Almeno 16 Stati membri dell UE richiedono obbligatoriamente l invio di una comunicazione preventiva di distacco. Elenco dei paesi: Austria, Belgio, Cipro, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia, Slovacchia, Spagna e Ungheria. In genere deve essere trasmessa dal datore di lavoro italiano distaccante alla direzione del lavoro del luogo dove si effettua la prestazione. Solo la Repubblica Ceca prevede l obbligo di comunicazione preventiva a carico dell impresa distaccataria.

44 Comunicazione preventiva di distacco (2) La dichiarazione in genere deve contenere una serie di elementi relativi a: impresa distaccante (ragione sociale, forma giuridica, ecc.); prestazione di servizi; impresa distaccataria (luogo in cui si svolgerà la prestazione lavorativa, datore di lavoro distaccatario, data di inizio della prestazione e durata prevedibile, natura della prestazione); lavoratori distaccati (identità degli stessi, durata dei contratti individuali di lavoro, qualifiche professionali, retribuzione lorda durante il distacco); orario di lavoro previsto (orario di lavoro giornaliero, riposo giornaliero e settimanale).

45 Comunicazione preventiva di distacco (3) Di norma la comunicazione va inviata almeno otto giorni prima dell invio dei lavoratori. In alcuni casi è prevista solo qualora il periodo di permanenza superi una determinata durata (es. Spagna). Le sanzioni pecuniarie previste per il mancato rispetto di tale obbligo sono di norma particolarmente pesanti. In soli tre Paesi, Lussemburgo (e solo per i cittadini di Paesi terzi), Danimarca e Malta è richiesta una vera e propria autorizzazione/registrazione specifica preventiva al distacco. Differente disciplina per ogni Stato. E quindi importante verificare di volta in volta.

46 Ulteriori adempimenti

47 Documenti da tenere a disposizione delle autorità locali In buona parte degli Stati membri vi sono prescrizioni circa il mantenimento e la conservazione di taluni documenti. Di norma vengono richieste le buste paga di ogni lavoratore distaccato o idonea documentazione che attesta il rispetto del salario minimo. E buona regola mantenere a disposizione il mod. A1 per dimostrare la regolarità della posizione contributiva del lavoratore. In alcuni casi è anche richiesta l esibizione di certificati medici che attestino la buona salute del lavoratore (es. Francia). Differente disciplina per ogni Stato. E quindi importante verificare di volta in volta.

48 Verifica di richiesta visti e/o permessi di lavoro (1) Ambito comunitario: di norma nel territorio comunitario i cittadini comunitari o i cittadini extra-comunitari in possesso di un regolare permesso di soggiorno, possono circolare liberamente senza necessità di visti. In alcuni Paesi può peraltro essere richiesto un obbligo di notifica per i cittadini extra-comunitari presso le autorità competenti nel luogo di lavoro (es. l obbligo di notifica per i cittadini extra-comunitari pur titolari di permesso in altro Paese Ue è richiesto in Svizzera che pur aderisce all area Schengen).

49 Verifica di richiesta visti e/o permessi di lavoro (2) A seconda del Paese di invio ed anche della durata dei lavori, può invece essere richiesto un permesso di lavoro (di norma la durata oltre alla quale viene richiesto il permesso è di 90 giorni). In settori specifici, quale ad esempio quello edilizio, in alcuni Paesi viene spesso richiesto un obbligo di notifica dei lavori ed anche il rilascio di permesso di lavoro anche per periodi di pochi giorni Ad es. in Svizzera è richiesto l obbligo di notifica anche per periodi inferiori a otto giorni. Nei Paesi extra-ue è quasi sempre richiesto il rilascio di visto per affari e/o un permesso di lavoro. Ad es. in Cina è richiesto un permesso di lavoro oltre al visto per l ingresso.

50 Focus su alcuni Paesi comunitari

51 Svizzera

52 Notifica preventiva (1) Nel caso di permanenza in territorio svizzero fino a 90 giorni, il datore di lavoro è tenuto ad inviare una notifica preventiva. La notifica deve essere inviata all Ufficio di Sorveglianza del Mercato del lavoro del Cantone nel quale si va ad operare. Va eseguita utilizzando la rete informatica (non è ammesso invio tramite fax o posta). L azienda che compie per la prima volta una notifica deve registrarsi e procurarsi una password accedendo al sito

53 Notifica preventiva (2) Di norma va effettuata almeno 8 giorni prima dell inizio dei lavori. Nel settore edilizio la notifica è sempre obbligatoria anche se la permanenza in territorio svizzero non supera gli 8 giorni. Nella notifica vanno indicati: dati dell impresa/datore di lavoro che opererà il distacco in Svizzera; tipologia di lavoro da eseguire; durata del distacco, precisando la data d inizio dei lavori e la presumibile durata dei lavori; luogo esatto in cui sono occupati i lavoratori (indicare il numero civico del luogo dove si andrà ad operare o, in assenza, il numero di mappale);

54 Notifica preventiva (3) nome e l indirizzo del committente svizzero (non necessariamente il luogo dove operano i lavoratori coincide con l indirizzo del committente. Devono essere indicati entrambi); indicazioni dei lavoratori distaccati: cognome, nome e data di nascita, nonché il numero di registrazione all INPS di ciascun lavoratore. Devono essere comunicate all'ufficio cantonale competente eventuali variazioni rispetto a quanto già notificato (es. variazioni dei lavoratori inviati; giorni di permanenza). Tale comunicazione deve avvenire in anticipo e in via telematica.

55 Autorizzazione preventiva Nel caso di permanenza superiore a 90 giorni effettivi (anche periodi frazionati) per anno civile è necessario richiedere preventiva autorizzazione. E richiesto un permesso di lavoro temporaneo, rilasciato dalle competenti autorità svizzere. L autorizzazione viene rilasciata previa verifica della situazione del mercato del lavoro locale. Tale problematica può essere ovviata nel caso in cui: siano state crete reti o alleanze con imprese svizzere, intese come collaborazioni stabili sui rispettivi mercati tra aziende italiane e svizzere; l azienda possieda in Svizzera una propria succursale/filiale.

56 Deposito della cauzione (1) Limitatamente ad alcuni settori, è previsto l obbligo di versamento di una cauzione prima dell inizio dei lavori. La cauzione deve essere costituita una sola volta per ogni azienda e la sua validità è estesa a tutto il territorio svizzero. Può essere costituita in contanti o mediante garanzia irrevocabile di un istituto bancario sottoposto all autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) oppure un assicurazione sottoposta alla FINMA.

57 Deposito della cauzione (2) Al momento l obbligo è previsto per tutte le aziende che forniscono servizi in Svizzera nei seguenti rami professionali.

58 Condizioni lavorative e salariali minime Il datore di lavoro deve garantire ai lavoratori almeno le condizioni lavorative e salariali prescritte nelle leggi federali, nelle ordinanze del Consiglio federale, in contratti collettivi di obbligatorietà generale e in contratti normali di lavoro nei seguenti ambiti: retribuzione minima; periodi di lavoro e riposo; durata minima delle ferie; sicurezza e protezione della salute sul posto di lavoro; tutela di gestanti, puerpere, bambini e giovani; non discriminazione, segnatamente parità di trattamento fra donna e uomo.

59 Controlli Nel caso di visita ispettiva, il datore di lavoro deve: accordare agli organi di controllo il libero accesso al posto di lavoro e ai locali amministrativi; mettere a disposizione degli organi di controllo i documenti, redatti in una lingua ufficiale della Confederazione Elvetica, che provano l'osservanza delle condizioni lavorative e salariali dei lavoratori inviati (esempio: buste paga, copia bonifico bancario retribuzione); qualora richiesto, fornire prova del versamento effettivo dei contributi sociali (versamento all'inps). Nel caso di mancato rispetto delle condizioni di lavoro e degli adempimenti richiamati sono previste pesanti sanzioni in capo al datore di lavoro nonché l interdizione a svolgere attività in territorio svizzero.

60 Documenti da tenere a disposizione delle autorità L'azienda deve tenere a disposizione delle autorità svizzere i seguenti documenti: copia dell autorizzazione/notifica; copia del mod. A1 per ciascuna persona che si reca in Svizzera; Carnet Ata. Nel caso di esportazione temporanea dei normali strumenti di lavoro (es. trapani, scale, viti) è sufficiente fare un elenco di queste attrezzature su carta intestata dell'azienda da far timbrare ai doganieri italiani al momento del passaggio della frontiera; tabella ore lavorative giornaliere per i dipendenti inviati; documenti che provano l osservanza delle condizioni lavorative e salariali dei lavoratori (es. buste paga); questionario aic su status indipendente, compilato dal titolare/lavoratore autonomo.

61 Tabella ore lavorative giornaliere dipendenti ORARIO LAVORO REGISTRO GIORNALIERO ORE PRESENZA SUL CANTIERE Nome dipendente: data: Nome cantiere: Arrivo in dogana Arrivo in Cantiere Sospensione lavoro pausa pranzo Ripresa lavoro dopo pranzo Termine lavoro in cantiere Arrivo in dogana ore ore ore ore ore ore firma dipendente: 21

62 Francia

63 Comunicazione preventiva di distacco (1) Il Codice del lavoro francese prevede l obbligo in capo al datore di lavoro italiano di trasmettere prima dell'inizio della prestazione lavorativa una dichiarazione preliminare di distacco (déclaration préalable de détachement Modèle 1). La comunicazione deve essere trasmessa in carta libera e in lingua francese, al DDTEFP (Direction départamental du travail, de l'emploi et de la formation professionnelle) competente del luogo in cui verrà effettuata la prestazione lavorativa. Deve essere inviata mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento o trasmessa elettronicamente.

64 Comunicazione preventiva di distacco (2) Deve contenere una serie di informazioni, tra le quali: dati dell impresa italiana distaccante; identità del rappresentante legale dell'impresa e del rappresentante in Francia; indirizzo del luogo in cui verrà erogata la prestazione lavorativa e durata prevedibile della stessa; nominativi, nazionalità e data di assunzione dei dipendenti distaccati. La mancata comunicazione preventiva può comportare il pagamento di un'ammenda anche particolarmente consistente (prevista dal "Code du travail" per le contravvenzioni di quarta classe).

65 Condizioni lavorative e salariali minime (1) Il datore di lavoro deve rispettare le regole inderogabili previste dalla legge francese con particolare riferimento alle seguenti materie: salario minimo orario o mensile; diritto di sciopero; diritto alla non discriminazione e parità di trattamento tra uomini e donne; diritti in materia di protezione della maternità, dell età minima consentita per il lavoro; orari di durata del lavoro ed orario notturno degli apprenditi e giovani lavoratori.

66 Documenti da tenere a disposizione delle autorità Su richiesta dell ispettorato del lavoro francese, il datore di lavoro dovrà esibire i seguenti documenti tradotti in lingua in francese: documentazione attestante un esame medico effettuato nel Paese di origine ed equivalente a quello previsto dalle disposizioni contenute nel codice del lavoro francese (in Francia è previsto ogni 24 mesi); buste paga di ogni lavoratore distaccato o equivalente documentazione attestante il rispetto del salario minimo. In caso di mancata presentazione della documentazione, il datore di lavoro è punito con un ammenda prevista dal Codice del lavoro francese (contravvenzioni di terza classe) che può raggiungere anche il migliaio di euro.

67 Germania

68 Comunicazione preventiva di distacco (1) Il datore di lavoro italiano è tenuto ad effettuare una comunicazione preventiva (art. 18 AEntG). è prevista nei casi di invio di lavoratori in Germania in settori di attività coperti da accordi economici collettivi con validità erga omnes. Tra questi settori rientrano: attività di formazione; gestione rifiuti, inclusa la pulizia e manutenzione delle strade; attività edilizia nei cantieri; attività in miniera; pulizia industriale; servizi di lavanderia per usi commerciali; servizi di sicurezza; servizi di assistenza a persone.

69 Comunicazione preventiva di distacco (2) Deve essere utilizzato il Formulario Per le modalità operative e per registrare la comunicazione preventiva di distacco l ufficio di riferimento è l Ufficio Finanziario Federale (Abteilung Zentrale Facheinheit) presso la Dogana Tedesca. E richiesta una notifica separata per ciascun luogo di lavoro in cui vengono inviati i lavoratori distaccati. Se i lavoratori vengono impiegati: con orari di lavoro al di fuori di quelli regolari o in turni di lavoro; o in più di un posto di lavoro nello stesso giorno; o in una attività esclusivamente itinerante deve essere compilata una scheda operativa secondo un apposito formulario (form ).

70 Comunicazione preventiva di distacco (3) La comunicazione preventiva e/o la scheda operativa, devono includere le seguenti informazioni: dati dei lavoratori inviati in trasferta/distacco; luogo di impiego (in caso di costruzioni in edificio corrisponde al cantiere); luogo in Germania dove sono conservati i documenti obbligatori (art.19 AEntG); nome e indirizzo del rappresentante locale nominato dal datore di lavoro distaccante; settore di attività in cui i lavoratori distaccati sono impiegati Eventuali modifiche che riguardino gli elementi essenziali dell attività lavorativa distaccata devono essere ugualmente notificati e comunicati.

MOBILITÀ ALL ESTERO Dott. Mila Nenova-Tsoneva

MOBILITÀ ALL ESTERO Dott. Mila Nenova-Tsoneva MOBILITÀ ALL ESTERO Dott. Mila Nenova-Tsoneva Seminario Confindustria Bulgaria Sofia, 18 marzo 2015 PRINCIPALI TIPI DI MOBILITÀ ALL ESTERO 1. TRASFERTA 2. TRASFERIMENTO 3. DISTACCO 4. ASSUNZIONE LOCALE

Dettagli

03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI

03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI 03 PAESI EXTRACEE CONVENZIONATI 3.1 PAESI CONVENZIONATI Sono i paesi con i quali sono stati stipulati accordi di sicurezza sociale che si richiamano essenzialmente ai principi della reciprocità di trattamento,

Dettagli

02 PAESI CEE. Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro.

02 PAESI CEE. Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro. 02 PAESI CEE 2.1 DISTACCO 2.1.1 Adempimenti Le aziende che distaccano lavoratori nei Paesi CEE non necessitano di alcuna specifica autorizzazione da parte del Ministero del lavoro. E sufficiente richiedere

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Accredited - Agréé U.O.C. SERVIZIO CONVENZIONI Via G. Murari

Dettagli

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013

Speciale. Lavoro all estero. &3 Adempimenti contrattuali. Caso. Pacchetto di assegnazione. Guida alle Paghe 9/2013 Distacco in Brasile: adempimenti e procedure Maurizio Cicciù - Consulente del lavoro in Roma Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Caso &3 contrattuali Pacchetto di assegnazione

Dettagli

Modernised EU Social Security Coordination

Modernised EU Social Security Coordination Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria PARTE GENERALE DISPOSIZIONI COMUNI 1 Campo di applicazione soggettivo o ratione personae I nuovi regolamenti si applicano

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della Prevenzione e della Comunicazione Direzione Generale Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali - Ufficio II - Protocollo DG RUERI/ 3998 /I.3.b

Dettagli

Luca Valdameri Pirola Pennuto Zei & Associati

Luca Valdameri Pirola Pennuto Zei & Associati 21éme Colloque Franco Italien ANDRH - AIDP Luca Valdameri Pirola Pennuto Zei & Associati 16 Ottobre 2010 Agenda La residenza fiscale italiana le differenze con la Francia e le problematiche relative Il

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali

Le Convenzioni Internazionali. Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali Le Convenzioni Internazionali Sede Regionale Piemonte Team Convenzioni Internazionali La normativa internazionale in materia di sicurezza sociale Regolamenti comunitari Accordi e Convenzioni Bilaterali

Dettagli

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria

LA PREFETTURA. Slides a cura della Prefettura di Alessandria. Prefettura di Alessandria LA PREFETTURA Prefettura di Alessandria Organo periferico del Ministero dell'interno e sede di rappresentanza del governo in ogni provincia Nel 1999, con la riforma dell'organizzazione del governo è stata

Dettagli

DOMANDA LIQUIDAZIONE MISSIONE

DOMANDA LIQUIDAZIONE MISSIONE DOMANDA LIQUIDAZIONE MISSIONE N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO Al Responsabile del Centro Gestionale Il sottoscritto qualifica/categoria in servizio presso

Dettagli

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri

Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri LucaTavani Residenza, ospitalità e permesso di soggiorno: questioni e casistiche sull'iscrizione anagrafica dei cittadini stranieri Associazione Nazionale Ufficiali di Stato Civile e d Anagrafe SOGGETTI

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Accredited - Agréé U.O.C. SERVIZIO CONVENZIONI Via G. Murari

Dettagli

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio,

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio, Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio per motivi di lavoro studio o vacanza è diventato più semplice grazie alla tessera sanitaria europea

Dettagli

REGIONE VENETO HANNO DIRITTO ALL' ASSISTENZA SANITARIA:

REGIONE VENETO HANNO DIRITTO ALL' ASSISTENZA SANITARIA: REGIONE VENETO U.O.C. SERVIZIO AMMINISTRATIVO DISTRETTUALE: DIRETTORE RAG. LUIGI FERRARINI Tel. 0442.632341 Fax 0442.632710 e-mail: conv.med.leg.@aulsslegnago.it ASSISTENZA SANITARIA A PERSONE CHE SI RECANO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO PROCEDURA PER LA MOBILITÀ ERASMUS TRAINEESHIP A.A. 2014/2015 Versione 01 del 21/01/2015 Di seguito sono descritte la procedura e le indicazioni utili per espletare le pratiche didattiche e amministrative

Dettagli

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA (e altri compensi soggetti solo ad INPS)

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA (e altri compensi soggetti solo ad INPS) RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA (e altri compensi soggetti solo ad INPS) N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO Marca da bollo Euro 1,81 Al Responsabile del Centro Gestionale Il sottoscritto:

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

CLUB PREVIDENZA. Il distacco del lavoratore italiano all estero. Paolo Torazza

CLUB PREVIDENZA. Il distacco del lavoratore italiano all estero. Paolo Torazza CLUB PREVIDENZA Il distacco del lavoratore italiano all estero Paolo Torazza Il distacco del lavoratore italiano all estero principi Trasferta:provvisoria assegnazione ad una diversa unità produttiva (business

Dettagli

CONTRATTO ERASMUS+STUDIO A.A.2015/2016

CONTRATTO ERASMUS+STUDIO A.A.2015/2016 1 CONTRATTO ERASMUS+STUDIO A.A.2015/2016 DATI ANAGRAFICI IMPORTANTI 2 CODICE FISCALE: Data di nascita: Sesso: M F Nazionalità: Indirizzo per esteso: Indirizzo di posta elettronica: Telefono: Telefono cellulare

Dettagli

3000 Bern 14. Geschäftsstelle. Sicherheitsfonds BVG. Postfach 1023

3000 Bern 14. Geschäftsstelle. Sicherheitsfonds BVG. Postfach 1023 Sicherheitsfonds BVG Geschäftsstelle Postfach 1023 3000 Bern 14 Tel. +41 31 380 79 71 Fax +41 31 380 79 76 Fonds de garantie LPP Organe de direction Case postale 1023 3000 Berne 14 Tél. +41 31 380 79 71

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

Come gestire Espatriati e Personale straniero

Come gestire Espatriati e Personale straniero Come gestire Espatriati e Personale straniero GLI ASPETTI GIURIDICI Milano, 29 gennaio 2014 A cura dell Avvocato Sergio Barozzi KEY ISSUES I principi generali in materia di Legge e Giurisdizione applicabile

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

OGGETTO. Regolamentazione comunitaria: quesiti sulla legislazione applicabile e i distacchi. Guida pratica ai distacchi nell Unione europea.

OGGETTO. Regolamentazione comunitaria: quesiti sulla legislazione applicabile e i distacchi. Guida pratica ai distacchi nell Unione europea. INPS Ufficio Direzione Messaggio N. 016085 del 14/07/2008 18.31.11 Oggetto: Regolamentazione comunitaria: quesiti sulla legislazione applicabile e i distacchi. Guida pratica ai distacchi nell Unione europea.

Dettagli

IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE

IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE IL CITTADINO COMUNITARIO IN ANAGRAFE D.Lgs. 30/2007 1 PAESI MEMBRI DELL UNIONE EUROPEA 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria 4. Cipro 5. Danimarca 6. Estonia 7. Finlandia 8. Francia 9. Germania 10. Grecia 11.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI Bando di Concorso per l assegnazione di n. 22 borse finanziate nel quadro del Programma LLP/ERASMUS per attività di mobilità ai fini di studio da svolgere all estero durante l a.a. 2013/2014, e rivolte

Dettagli

Procedure del personale. Distacco all estero: aspetti previdenziali Beniamino Gallo - Funzionario Inps - Direzione metropolitana di Torino

Procedure del personale. Distacco all estero: aspetti previdenziali Beniamino Gallo - Funzionario Inps - Direzione metropolitana di Torino Distacco all estero: aspetti previdenziali Beniamino Gallo - Funzionario Inps - Direzione metropolitana di Torino Quali sono gli adempimenti necessari per il distacco dei lavoratori nella Ue? Qual è la

Dettagli

Tutela del lavoro estero in Italia

Tutela del lavoro estero in Italia Tutela del lavoro estero in Italia La globalizzazione e la crisi economica cambiano continuamente i rapporti nel mondo del lavoro. Una parte consistente di imprenditori si sono trasferiti all estero, per

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

IL PASSAPORTO. Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche IL PASSAPORTO Dal 1 ottobre 2004 è entrata in vigore la nuova normativa sanitaria dell Unione Europea che disciplina il trasporto, anche senza scopo commerciale, di cani, gatti e furetti accompagnati dal

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIRZION GNRAL PR IL MRCATO DL LAVORO Prot. n. 16/SGR/1044 del 16.02.2009 A Tutti gli indirizzi in allegato LORO SDI OGGTTO: Nota di chiarimento sugli adempimenti connessi alla comunicazione riguardante

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DI CITTADINI COMUNITARI ED EXTRACOMUNITARI Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA ULSS N. 6 VICENZA Viale F. Rodolfi n. 37 36100 VICENZA COD. REGIONE 050 COD. U.L.SS. 006 COD.FISC. E P.IVA 02441500242 ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO

Dettagli

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Ufficio Legislativo. Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Ufficio Legislativo Entrate Organizzazione Sistemi Informativi e Tecnologici Bilanci e Servizi fiscali Roma, 24 Marzo 2009 Circolare n. 44 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

142.203 Ordinanza. Sezione 1: Oggetto e campo d applicazione

142.203 Ordinanza. Sezione 1: Oggetto e campo d applicazione Ordinanza concernente l introduzione graduale della libera circolazione delle persone tra la Confederazione Svizzera e l Unione europea 1 e i suoi Stati membri nonché gli Stati membri dell Associazione

Dettagli

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati Traduzione dei testi originali francese e inglese 1 Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati 0.142.38 Conchiuso a Strasburgo il 20 aprile 1959 Approvato dall Assemblea federale il 27 settembre

Dettagli

MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012

MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012 MESSAGGIO INPS n. 016771 del 16/10/2012 Oggetto: Indennità di mobilità ordinaria per i lavoratori del Gruppo Alitalia spa art. 1-bis del D.L. 5 ottobre 2004, n. 249 convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

VADEMECUM: LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1

VADEMECUM: LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 VADEMECUM: LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 a cura del Tavolo Permanente della Camera di Commercio di Como: Euro Info Centre, Confartigianato

Dettagli

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni

TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni TRASPORTO INTERNAZIONALE DI MERCI - TIPOLOGIE DI AUTORIZZAZIONI RICHIESTE - Con i fac-simile delle varie autorizzazioni di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO Premesso che per effettuare qualsiasi autotrasporto

Dettagli

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI

Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI Studio Carlin e Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 olga.circolari@studiocla.it Circolare nr. 16 del 24 marzo 2012 I nuovi

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Lavoratori italiani all estero: procedura e trattamento contributivo

Lavoratori italiani all estero: procedura e trattamento contributivo DOSSIER on line LAVORO Lavoratori italiani all estero: procedura e trattamento contributivo A Cura Di Gabriele Bonati Consulente Aziendale MG Consulting Dossier on line in esclusiva per il Centro di Formazione

Dettagli

Circolare N.127 del 14 Settembre 2012. Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012

Circolare N.127 del 14 Settembre 2012. Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 Circolare N.127 del 14 Settembre 2012 Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 (nota Min. Lavoro n. 11377

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 26/07/2013 Circolare n. 114 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA

IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA IL SOGGIORNO DI CITTADINE E CITTADINI COMUNITARI IN ITALIA La normativa di riferimento per il soggiorno dei comunitari in Italia è costituita dal D. Lgs. n. 30 del 6 febbraio 2007 (Attuazione della direttiva

Dettagli

Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi

Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi Ingresso di cittadini extracomunitari ai fini di ricerca scientifica per periodi superiori ai tre mesi Redatto dall Ufficio Ricerca Scientifica e Relazioni Internazionali (aggiornato al 29/02/2012) (art.27

Dettagli

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di REGOLAMENT art. 1 ISCRIZIONE AL FONDO art. 2 PRESTAZIONI art. 3 FUNZIONAMENTO DEL FONDO art. 4 EROGAZIONE PRESTAZIONI art. 5 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI art. 6 DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 7 QUOTE DI

Dettagli

1. Cittadino europeo soggiornante per motivi di lavoro (artt.7, 9 e 19) :

1. Cittadino europeo soggiornante per motivi di lavoro (artt.7, 9 e 19) : Documenti necessari per la domanda di residenza dei cittadini dell Unione Europea (Decreto Legislativo del 6 febbraio 2007, n.30 pubb. sulla G.U. n. 72 del 27/3/ 07 in vigore dall 11.4. 07) L iscrizione

Dettagli

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto.

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Bergamo, settembre 2015 CIRCOLARE N. 21/Consulenza aziendale OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Con l uscita di scena (a partire dal 2015) della responsabilità

Dettagli

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici

Istruzioni per le immatricolazioni e riconoscimento titoli di studio accademici - MODALITA IMMATRICOLAZIONE Per conoscere le modalità per l'immatricolazione ai corsi di laurea di cittadini stranieri collegati al sito: http://www.miur.it/0002univer/0023studen/0059studen/0619docume/4794dispos.htm

Dettagli

e, per conoscenza, DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 7 giugno 1999 Circolare n. 125

e, per conoscenza, DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 7 giugno 1999 Circolare n. 125 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI Roma, 7 giugno 1999 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore generale

Dettagli

04 PAESI NON CONVENZIONATI

04 PAESI NON CONVENZIONATI 04 PAESI NON CONVENZIONATI 4.1 ASSUNZIONI/TRASFERIMENTI/DISTACCHI Adempimenti I datori di lavoro che intendono assumere lavoratori italiani da occupare all estero in Paesi extracomunitari, o che intendono

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

COMPITI E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE:

COMPITI E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE: COMPITI E RUOLO DEL MEDICO COMPETENTE: MODIFICHE INTRODOTTE DAL D.Lgs. 3 Agosto 2009, n n 106 Disposizioni integrative e correttive del Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 in materia di tutela della

Dettagli

2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno. 3. Lavoratori all estero: stabilite le retribuzioni convenzionali 2007

2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno. 3. Lavoratori all estero: stabilite le retribuzioni convenzionali 2007 Notiziario n. 2/2007 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI 8 marzo 2007 1. Ingresso stranieri: nuove procedure 2. Stranieri: permanenza fino a tre mesi senza permesso di soggiorno 3. Lavoratori all estero: stabilite

Dettagli

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI

REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI REGOLARIZZAZIONE COLF E BADANTI EX ART. 1 TER Legge 102/2009 DI COSA SI TRATTA? La procedura prevista dall art. 1ter della L. 102/2009 è finalizzata all emersione del lavoro in nero svolto nei seguenti

Dettagli

Percorsi per l'assistenza sanitaria a cittadini stranieri

Percorsi per l'assistenza sanitaria a cittadini stranieri Percorsi per l'assistenza sanitaria a cittadini stranieri FLUSSO A per Cure ambulatoriali in ambito ospedaliero e/o territoriale FLUSSO B per Accessi al Pronto soccorso e ricoveri ospedalieri Percorsi

Dettagli

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO

Conservatorio di Musica G. Verdi di Como BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO Prot. n. 291c23b del 27.01.2015 Conservatorio di Musica G. Verdi di Como ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI MOBILITA DEL PERSONALE DOCENTE E AMMINISTRATIVO premessa PROGRAMMA

Dettagli

Dipendenti e collaboratori

Dipendenti e collaboratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dipendenti e collaboratori Dipendenti e collaboratori Nella gestione della società

Dettagli

Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani

Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani Timbro di entrata Domanda di ammissione nella Residenza per Anziani Per motivi di semplicità questo documento è tenuto in mascolino. Si avverte espressamente che nella Fondazione Sarentino donne e maschi

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 VENEZUELA ACCORDO AMMINISTRATIVO PER L APPLICAZIONE DELLA CONVENZIONE DI SICUREZZA SOCIALE TRA LA REPUBBLICIA ITALIANA E LA REPUBBLICA DEL VENEZUELA (Firmata a Roma il 7 giugno 1988) Per l applicazione

Dettagli

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA ed altri compensi soggetti solo ad INPS Gestione Separata

RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA ed altri compensi soggetti solo ad INPS Gestione Separata RICHIESTA DI PAGAMENTO ATTIVITA DI TUTORATO ASSEGNI DI RICERCA ed altri compensi soggetti solo ad INPS Gestione Separata N. DOCUMENTO TIPO ESERCIZIO Al Responsabile del Centro Gestionale Il sottoscritto

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI

F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI F.I.M.I.A.V. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ART. 1 - LE PRESTAZIONI In base a quanto previsto dall art. 30 e dagli allegati 3 e 4 del CPL operai agricoli e florovivaisti della provincia

Dettagli

LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1

LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 a cura del Tavolo Permanente della Comunità di Lavoro Regio Insubric, della Camera di Commercio

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA L'Università degli Studi di Macerata, di seguito denominato «soggetto promotore», con sede in Macerata, Piaggia

Dettagli

DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE IN ANAGRAFE DEI CITTADINI DELL UNIONE EUROPEA:

DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE IN ANAGRAFE DEI CITTADINI DELL UNIONE EUROPEA: CITTA di Provincia di Torino Ufficio Anagrafe IVREA DOCUMENTI OCCORRENTI PER L ISCRIZIONE IN ANAGRAFE DEI CITTADINI DELL UNIONE EUROPEA: L iscrizione in anagrafe dei cittadini U.E. è obbligatoria per periodi

Dettagli

Trovare lavoro nell Europa allargata

Trovare lavoro nell Europa allargata Trovare lavoro nell Europa allargata Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali CMI/Digital Vision Commissione europea 1 Dove posso cercare lavoro? La libera circolazione delle persone

Dettagli

Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012. (nota Min. Lavoro n. 11377 del 03.08.2012)

Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012. (nota Min. Lavoro n. 11377 del 03.08.2012) CIRCOLARE A.F. N. 127 del 14 Settembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 (nota Min. Lavoro n. 11377 del 03.08.2012) Premessa Il Ministero

Dettagli

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici IL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA (DURC) Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici Ordine degli Ingegneri di Bergamo Ing. Filippo Scopazzo

Dettagli

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati

Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati Traduzione dei testi originali francese e inglese 1 Accordo sulla soppressione dei visti per i rifugiati 0.142.38 Conchiuso a Strasburgo il 20 aprile 1959 Approvato dall Assemblea federale il 27 settembre

Dettagli

(Sezione da compilare solo in caso di ricorso all istituto dell avvalimento) - Impresa ausiliaria - ovvero

(Sezione da compilare solo in caso di ricorso all istituto dell avvalimento) - Impresa ausiliaria - ovvero ALLEGATO 1 Spett.le Comune di San Mango d Aquino Piazza municipio 88040 San Mango d Aquinoa OGGETTO:PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI NUMERO DUE SCUOLABUS NUOVO DI FABBRICA PER LE SCUOLE

Dettagli

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ

I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA CIRCOLAZIONE NEL TERRITORIO DELLA COMUNITÀ Rosa Maria Morrone Coordinatore regionale Convenzioni Internazionali Direzione regionale Piemonte rosamaria.morrone@inps.it I DIRITTI DI SICUREZZA SOCIALE DELLE PERSONE CHE ESERCITANO IL DIRITTO DI LIBERA

Dettagli

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto

IL PERMESSO DI SOGGIORNO. a cura di Gianluca Cassuto IL PERMESSO DI SOGGIORNO CHE COSA È IL PERMESSO DI SOGGIORNO È l autorizzazione a soggiornare in Italia Viene rilasciato dalla Questura (Ministero dell Interno) Si differenziano in base alla durata tra

Dettagli

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione...

SOMMARIO. Nota sull Autore... Introduzione... SOMMARIO Nota sull Autore... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 Il rapporto di lavoro domestico 1.1 Fonti normative... 3 1.2 Nozione e caratteristiche... 5 1.3 Ambito della prestazione lavorativa... 7

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER TIROCINI POR UMBRIA FSE 2007-2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DI TERNI N. 101 DEL 31/05/2011 - PIANIFICAZIONE DELLE AZIONI DELL ASSE INCLUSIONE SOCIALE

Dettagli

(ORPMCE) del 3 luglio 2001 (Stato 1 gennaio 2012)

(ORPMCE) del 3 luglio 2001 (Stato 1 gennaio 2012) Ordinanza sulla riduzione dei premi nell assicurazione malattie per beneficiari di rendite residenti in uno Stato membro della Comunità europea, in Islanda o in Norvegia 1 (ORPMCE) del 3 luglio 2001 (Stato

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

Per quanto riguarda i CITTADINI COMUNITARI, il dlgs. 6 febbraio 2007, n.30, richiede ai fini dell iscrizione anagrafica:

Per quanto riguarda i CITTADINI COMUNITARI, il dlgs. 6 febbraio 2007, n.30, richiede ai fini dell iscrizione anagrafica: Documentazione necessaria per l iscrizione anagrafica di cittadini di Stati appartenenti all Unione Europea e cittadini di Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera, Repubblica di San Marino, Principato

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

Sintesi statistiche sul turismo

Sintesi statistiche sul turismo Sintesi statistiche sul turismo Estratto di Sardegna in cifre 2014 Sommario Le fonti dei dati e degli indicatori... 3 Capacità degli esercizi ricettivi... 3 Movimento dei clienti negli esercizi ricettivi...

Dettagli

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA

DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Strumenti di impiego temporaneo dei lavoratori stranieri negli eventi Expo DISCIPLINA FISCALE E PREVIDENZIALE DEI LAVORATORI STRANIERI IN ITALIA Relatore:

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE NELLA RESIDENZA PER ANZIANI APSP CENTRO PER ANZIANI FIÈ ALLO SCILIAR

DOMANDA DI AMMISSIONE NELLA RESIDENZA PER ANZIANI APSP CENTRO PER ANZIANI FIÈ ALLO SCILIAR DOMANDA DI AMMISSIONE NELLA RESIDENZA PER ANZIANI APSP CENTRO PER ANZIANI FIÈ ALLO SCILIAR Indirizzo: Via Kartatscher n 2 39050 Fiè allo Sciliar Telefono: 0471/725033 Indirizzo e-mail: altersheim@gemeinde.voels.bz.it

Dettagli

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali (Legge federale sui lavoratori distaccati in Svizzera) dell 8 ottobre 1999

Dettagli

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento della legge di applicazione alla legislazione federale in materia di persone straniere dell 8 giugno 1998 concernente i cittadini CE-AELS e i cittadini di stati terzi beneficiari dell accordo

Dettagli

Al Signor Segretario generale. Oggetto: assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici. Modalità di imputazione.

Al Signor Segretario generale. Oggetto: assenze per visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici. Modalità di imputazione. Direzione generale - Servizio Risorse Umane Circolare prot. n. 10126 Venezia, 7 febbraio 2014 Alle Signore e ai Signori Dirigenti Alle Signore e ai Signori incaricati di Posizione Organizzativa e Alta

Dettagli

DONNE STRANIERE IMMIGRATE

DONNE STRANIERE IMMIGRATE DONNE STRANIERE IMMIGRATE Informazioni di base sui diritti e le opportunità per la donna immigrata in Italia Indice Tutela della maternità Pag. 4 Famiglia Pag. 6 Minori Pag. 6 Assistenza sanitaria Pag.

Dettagli