Vivere Green La CerTiFiCaZiONe energetica diventa OBBLiGO di LeGGe ATTUALITÀ ITALIA SISMICA TRA EDILIZIA E NUCLEARE MERCATO IL CREDITO AL GIRO DI BOA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vivere Green La CerTiFiCaZiONe energetica diventa OBBLiGO di LeGGe ATTUALITÀ ITALIA SISMICA TRA EDILIZIA E NUCLEARE MERCATO IL CREDITO AL GIRO DI BOA"

Transcript

1 NUMERO 3 - GIUGNO 2011 PERIODICO UFFICIALE mediare ITALIA CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA ATTUALITÀ ITALIA SISMICA TRA EDILIZIA E NUCLEARE MERCATO IL CREDITO AL GIRO DI BOA TREND NUOvO LUSSO A MONTE-CARLO E NEI COTSWOLDS SERVIZI IL MARkETING TELEfONICO Trimestrale - Poste Italiane SpA - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% NE/TN - Contiene I.P. Vivere Green La CerTiFiCaZiONe energetica diventa OBBLiGO di LeGGe

2 Avviso a pagamento Divertimento, svago, cultura, relax. Questo e molto di più è Casinò Campione d Italia. Uno splendido spazio, firmato dall architetto di fama mondiale Mario Botta, che si sviluppa su mq, con 9 piani, 3 livelli di parcheggio sotterraneo, 28 ascensori e 4 scale mobili. È una struttura che riflette l anima dinamica, eclettica e innovatrice del Casinò. È la location ideale per vivere, oltre il brivido del gioco, momenti piacevoli all insegna dell alta ristorazione con spettacoli e concerti. Le proposte di qualità e l eccellenza dei servizi non si rivolgono solamente ai giocatori, ma anche alle aziende, agli operatori culturali e dello spettacolo. La vocazione all intrattenimento e lo spirito di accoglienza rendono il Casinò Campione d Italia un luogo speciale, da vivere e rivivere. Da qualsiasi punto la si veda, la sede del Casinò Municipale progettata dal noto architetto Mario Botta, è un bellissimo colpo d occhio. È un edificio moderno e funzionale che s impone senza invadere. La finitura esterna, in lastre di pietra dorata, connette il moderno tessuto novecentesco di Campione d Italia con il nucleo storico. Il complesso, che si articola in tre grandi volumi, si sviluppa internamente in ampi spazi e sale curate nei minimi particolari. Il Casinò risponde alla volontà di accogliere la clientela in un ambiente ancora più grande, efficiente e confortevole. Non solo. Qui, convention, congressi o eventi diventano davvero spettacolari. A 60 km da Milano, sulla riva del lago Ceresio, immerso nel verde e nel blu sorge Campione d Italia, l unica exclave italiana in territorio svizzero. La posizione strategica, il paesaggio suggestivo e le attrazioni del Casinò sono complici di atmosfere magiche. Campione d Italia è natura, arte, accoglienza e soprattutto cultura del gioco e del divertimento, espressione di una tradizione che continua a coinvolgere ed entusiasmare. Oltre 600 Slot Machines, dalle più classiche a rulli a Video Slot, Video Poker e Multigame fino alle macchine di ultima generazione dotate di Jackpot progressivo. Seicento slot che ogni giorno regalano vincite per oltre un milione di euro. In una variegata offerta di giochi, il prestigioso Chemin de Fer, fiore all occhiello del Casinò dove i giocatori si sfidano tra loro in appassionanti tornei, e il Poker Texas Hold em, il gioco delle nuove generazioni. In un area di 300 metri quadrati di superficie la confortevole sala riservata ai fumatori che oltre a roulette elettronica e Slot Machines, per la prima volta propone ai giocatori anche Black Jack elettronico e Punto Banco elettronico: ulteriori chances offerte agli appassionati, quindi, e senza privarli dell abitudine alla sigaretta in un ambiente molto gradevole, nel segno di qualità e signorilità, le doti che contraddistinguono il Casinò Campione d Italia. Per informazioni: Casinò Campione d Italia Piazzale Milano, 2 - Campione d Italia Como T Dott. Carlo Pagan Amministratore Delegato Casinò Campione d Italia

3 mediare Periodico ufficiale f.i.m.a.a. Federazione Italiana Mediatori Agenti d Affari Numero 3 - Giugno 2011 Direttore responsabile Paolo Curcu Consulente editoriale Francesca Negri Proprietà FIMAA Servizi S.r.l. Segreteria di redazione Fimaa Servizi Via Properzio, ROMA Tel Fax Comitato di redazione Giovanni Acampora Valerio ANGELETTI Rossano ASCIOLLA Alessandro GABRIELE Daniele MAMMANI Antonino Nicolosi Piero NINNO Italo Paccoi Giovanni PANTANELLA Paolo PESANDO Severino Rigotti Coordinatore comitato di redazione Piero NINNO Hanno collaborato Guido De Rosa Dario FRANCESCHINI Cleo FUENTES Alessandro GABRIELE Pino LOPERFIDO Flavio MELONI Enrico NICOLI Antonino NICOLOSI Nicola ZENI Impaginazione Gianfranco Rizzoli Progetto grafico Fabio Monauni Federazione fondata nel 1956 Concessionaria esclusiva di pubblicità Curcu & Genovese Associati s.r.l. Trento Via Ghiaie, 15 - Italy tel fax Stampa Tipolitografia Alcione - Lavis (TN) GIUGNOEDITORIALE Un terzo degli italiani ama investire nel mattone i propri risparmi, crollati del 60% dal 1990 al 2010 Il risparmio delle famiglie è crollato negli ultimi vent anni, mentre il mattone si conferma il bene rifugio per eccellenza. Ad affermarlo è la Confcommercio, in un analisi basata su dati Istat secondo cui dal 1990 ad oggi il risparmio complessivo delle famiglie italiane si è ridotto di circa 20 miliardi di euro. Secondo i dati del rapporto di Confcommercio del 2011, la propensione al risparmio delle famiglie italiane dal 1990 al 2010 si è ridotta del 60%: e nei primi anni Novanta, infatti, su 100 euro di reddito se ne riuscivano a risparmiare 23 e in media all anno si accantonavano 4mila euro, nel 2010 se ne sono messi da parte 1.700, risparmiando, ogni 100 euro, poco meno di 10 euro. La contrazione del risparmio registrata in questo rapporto è motivata, secondo Confcommercio, dalla stagnazione dei redditi delle famiglie e dall incidenza del progressivo invecchiamento della popolazione italiana. Il livello di reddito e le sue dinamiche hanno influenzato le scelte di risparmio e anche di consumo delle famiglie italiane, ma per gli operatori del mondo delle costruzioni c è un dato positivo e in controtendenza: gli italiani hanno investito i loro risparmi nel 2010 principalmente in immobili, con una quota attorno al 55%, mentre l investimento nello stesso bene nel 1990 era pari al 25%. Non solo: ben un terzo delle famiglie italiane ritiene l investimento in immobili la principale forma di utilizzo soprattutto a fini cautelativi del surplus monetario. Quindi ancora una volta gli immobili si confermano, nonostante la crisi, il bene rifugio più amato del risparmio delle famiglie italiane. Iscirizione al Tribunale Civile di Roma n. 366/2010 del 17/09/2010 ITALIA Socio effettivo CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA mediare 1

4 ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUSEI LOCALI E ISTITUZIONALI Provincia autonoma di Trento LE GRANDI VIE DELLE CIVILTÀ RELAZIONI E SCAMBI FRA IL MEDITERRANEO E I L C E N T R O E U R O PA D A L L A P R E I S T O R I A ALLA ROMANITÀ Trento Castello del Buonconsiglio 1 luglio - 13 novembre 2011 Monaco di Baviera Archäologische Staatssammlung 15 dicembre maggio 2012 Castello del Buonconsiglio monumenti e collezioni provinciali Info Castello del Buonconsiglio Via Bernardo Clesio, 5 - Trento T buonconsiglio. it www. buonconsiglio. it Statua femminile V Sec. a.c. Pomezia Museo Archeologico Lavinium SPONSOR CON IL SOSTEGNO DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura - Trento SPUMANTE METODO CLASSICO MEDIOCREDITO INVESTITIONSBAK TRENTINO ALTO ADIGE SÜDTIROL FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI TRENTO E ROVERETO ANMLI L ARTE DELLA VACANZA luoghi ed eventi per connettere turismo, cultura e ambiente

5 sommario giugno ITALIA SISMICA TRA EDILIZIA E NUCLEARE pag. 4 IL TERREMOTO DEL GIAPPONE PORTA ALLA RIBALTA IL PROBLEMA DI UN ITALIA SISMICA Monte-carlo un nuovo grattacielo pag. 8 è la Tour Odéon disegnata da Alexandre Giraldi e sarà il più alto del principato di Monaco NUOVE REGOLE PER LA pag. 14 CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il Decreto Legislativo 3 marzo 2011 n. 28 LA LEZIONE DELLA NATUra pag. 18 Solarplus, azienda leader nel solare e nel fotovoltaico, l ha imparata molto bene e ne ha fatto una mission aziendale L ECONOMIA DEL MARE ALLO yacht med festival pag. 20 SUCCESSO PER LA MANIFESTAZIONE SVOLTASI A Gaeta DAL 12 AL 17 aprile TUTTA QUESTIONE DI CIVILTÀ pag. 23 Crisi del nord Africa e immigrazione. Temi cari per OccidenS Cotswolds, campagna di lusso Philippe Starck firma 160 eco-ville ultramoderne per un inghilterra sempre più green pag. 10 IL MARKETING TELEFONICO... pag. 30 Il PUBBLICO MEDIATORE MERCEOLOGICO... pag. 32 FIMAA PUNTA SULLA CRESCITA... pag. 38 FOCUS sicilia... pag. 40 FIMAA NEWS FIMAANETWORK.IT IN TOUR... pag. 26 Contiamo fino a tre... pag. 27 Cedolare secca sulle locazioni: conviene? Il D.LGS 23/2011 sul federalismo fiscale pag. 34 IL CREDITO AL GIRO DI BOA... pag. 28 dario Franceschini Puntiamo sul marchio Casa-Qualità L obiettivo È di un nuovo e sano sviluppo del mercato immobiliare e la capacità di garantire, in un periodo di difficoltà economica, la tenuta complessiva della coesione sociale pag. 12 FOCUS savona... pag. 50 LE PROPOSTE EDITORIALI... pag. 56 Convegni FIMAA... pag. 57 mediare 3

6 TRA EDILIZIA E NUCLEARE 4 mediare

7 IL TERREMOTO DEL GIAPPONE PORTA ALLA RIBALTA IL PROBLEMA DI UN ITALIA SISMICA, DOVE GLI EDIFICI dovrebbero ESSERE MESSI IN SICUREZZA E DOVE LA COSTRUZIONE DI CENTRALI NUCLEARI SEMBRA RISCHIOSA di Cleo Fuentes Il Giappone, dopo la sciagura del terremoto e il collasso di una struttura della centrale nucleare di Fukushima, ha aperto un dibattito mondiale: quello dell energia nucleare in zone sismiche. In Italia le riflessioni sul fatto di essere un territorio ad alte potenzialità di eventi sismici si erano già accese con il terremoto de L Aquila, evento che aveva fatto salire alla ribalta, tra le altre cose, l inadeguatezza degli edifici italiani. A questo oggi si aggiunge anche il dibattito sul nucleare, che per il momento ha visto congelare da parte del Governo la decisione di costruire centrali nucleari sul territorio italiano. Sono infatti circa 80mila gli edifici pubblici in Italia considerati vulnerabili tra scuole, ospedali e uffici in quanto costruiti in zone ad alto rischio sismico. Tutti edifici che andrebbero adeguati e che, in molti casi, non sono stati pianificati secondo criteri antisismici. Ma la stima delle strutture vulnerabili è in realtà, secondo gli esperti, ben più ampia, dal momento che andrebbero considerate anche le abitazioni civili, sulle mediare 5

8 ENEA BREVETTA L ANTISISMICA In questo contesto, c è chi si dà da fare. È il caso di Enea e del Politecnico di Torino che, assieme, hanno brevettato un innovativo sistema di isolamento sismico, particolarmente idoneo per gli edifici di interesse storico-artistico in quanto non modifica le caratteristiche architettoniche degli edifici. Il sistema, che si basa sulla realizzazione di una piattaforma isolata sotto al piano di posa delle fondazioni, in modo da non richiedere alcun intervento sull edificio sovrastante, è stato sperimentato su Palazzo Margherita, sede del Comune de L Aquila in Abruzzo, gravemente danneggiato in seguito al terremoto del 6 aprile Su tale edificio l Enea aveva già eseguito le prove di caratterizzazione dinamica: tramite alcuni sensori posti sulla struttura erano state registrate le vibrazioni ambientali sul palazzo per valutarne così il comportamento dinamico. Mediante l inserimento a spinta di tubi orizzontali e Il palazzo Margherita de L Aquila la collocazione di dispositivi d isolamento sismico in corrispondenza del piano orizzontale diametrale degli stessi tubi, viene creata una discontinuità tra la fondazione e il sottosuolo. L edificio viene quindi separato dal terreno circostante mediante trincee verticali di ampiezza sufficiente per consentire gli spostamenti relativi richiesti dal sistema di isolamento sismico. In questo modo la struttura viene protetta sismicamente con interventi che non alterano le caratteristiche architettoniche originali. Con questa tecnica, gli eventuali locali sotterranei non vengono modificati, ma fanno parte della sovrastruttura isolata e l edificio viene collegato rigidamente alle pareti laterali o anche alle calotte superiori dei tubi. «La tecnica di intervento per l adeguamento sismico per gli edifici storici da noi proposta spiega Paolo Clemente dell Enea consiste innanzitutto nello scavare una trincea di una dimensione sufficiente per poter inserire una macchina spingi-tubo e poi appunto inserire dei tubi a conci, di almeno 2 metri ciascuno al di sotto dell edificio e poi lungo il piano diametrale. Questi tubi vengono sezionati in modo da inserire dei dispositivi di isolamento sismico. Questi creano una sconnessione tale che si crei il cosiddetto disaccoppiamento tra il movimento dell edificio e quello del terreno». In pratica, l edificio viene separato dal terreno e poggia su questa piattaforma fatta di tubi e isolatori sismici, che è stata inserita al di sotto delle fondazioni; in questo modo non vengono modificate le caratteristiche architettoniche dell edificio o del complesso monumentale sovrastante su cui è stato fatto l intervento. «Una volta realizzato questo sistema di isolamento sismico aggiunge Clemente in occasione di un terremoto, mentre il terreno si muove con oscillazioni molto veloci e anche con accelerazioni molto forti al di sotto dell edificio, l edificio al di sopra dell isolamento sismico oscillerebbe molto lentamente senza deformarsi comportandosi come una scatola rigida e quindi preservando la struttura ma anche il contenuto stesso». quali un monitoraggio generale sul territorio è al momento parziale. A puntare i riflettori sulla preoccupante situazione degli edifici non a norma è stato, tra gli altri, Gian Michele Calvi, presidente della Fondazione Eucentre di Pavia Centro europeo di ricerca e formazione in ingegneria sismica e membro della Commissione grandi rischi. Secondo stime disponibili, sia pure parziali, ha sottolineato l esperto, ci sarebbero dunque almeno 75-80mila edifici pubblici in Italia da consolidare. Molti di questi hanno un ruolo strategico, trattandosi di ospedali, municipi, prefetture, caserme e scuole. Proprio le scuole rappresentano un emergenza: sulla base degli ultimi dati della Protezione civile, infatti, sono 22mila gli edifici scolastici che si trovano in zona sismica. «Se non investiamo nella messa in sicurezza degli edifici preesistenti, dal momento che solo quelli nuovi sono costruiti a norma ha affermato Calvi continueremo ad avere morti, crolli, danni ingenti all economia». La mappa delle zone sismiche individua proprio nella dorsale appenninica, che va dall Umbria fino alla Calabria e alla Sicilia, passando appunto per l Abruzzo, le zone di maggiore criticità. 6 mediare

9 Ecco un quadro della classificazione dell Italia aggiornato al 31 dicembre 2007 e sulla base di numero di terremoti e intensità raggiunta nelle aree, secondo quanto riporta l Annuario statistico italiano 2008 (i dati riguardano la popolazione che vive nelle zone ad alta, media, bassa e minima sismicità) ZONE SISMICHE REGIONI ALTA MEDIA BASSA MINIMA PIEMONTE VALLE D AOSTA LOMBARDIA T.A. ADIGE VENETO F.V. GIULIA LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA NORD CENTRO MEZZOGIORNO Fonte: LE REGIONI ITALIANE Più A RISCHIO SISMICO La regione maggiormente esposta è la Calabria: il 63,8% dei comuni rientra nel livello di alta sismicità. A seguire, si posizionano Basilicata e Molise. Osservando la quantità di cittadini esposti al rischio, a registrare i valori più elevati sono Calabria e Campania, rispettivamente con oltre un milione di abitanti la prima e più di 400mila la seconda. La regione dove tutti i Comuni sono classificati con sismicità molto bassa, invece, è la Sardegna. Considerando l Italia nel suo complesso, sono quasi 3 milioni i cittadini residenti in aree ad alta sismicità (725 Comuni), quasi 21 milioni quelli che abitano in un area a media sismicità (2.334 Comuni), oltre 15 milioni e mezzo sono in una zona a sismicità bassa (1.544 Comuni) e circa 20 milioni in zona a sismicità minima (3.448 Comuni). Insomma, basta scorrere un po di dati per convincersi che l Italia è un Paese ad elevata sismicità, sia per la frequenza degli eventi sia per l intensità che alcuni di essi hanno storicamente raggiunto, determinando un rilevante impatto sociale ed economico. Alcuni numeri consentono di delineare le dimensioni del fenomeno: terremoti con intensità Mercalli maggiore del V grado hanno colpito il nostro territorio nell ultimo millennio, 200 dei quali distruttivi, 120mila vittime nel secolo scorso (85mila delle quali dovute al terremoto di Reggio Calabria e di Messina del 1908), 20 terremoti con intensità superiore od uguale al IX grado Mercalli dal 1900 ad oggi, un terremoto disastroso in media ogni quattro anni, ed un danno economico valutato per gli ultimi venticinque anni in circa 75 miliardi di euro impiegati per il ripristino e la ricostruzione post-evento. A ciò si devono aggiungere le conseguenze sul patrimonio storico, artistico e monumentale importantissimo per un Paese come l Italia. Considerando alcuni dei più recenti e maggiori terremoti avvenuti nel mondo, eventi di energia (magnitudo) equivalente fra di loro hanno determinato vittime e danni molto diversi. La diversità dell impatto sul territorio è dovuta alle differenti caratteristiche del patrimonio abitativo (età, tipologia edilizia, uso), alla diversa distribuzione dei centri abitati e relativa densità di popolazione, alle caratteristiche delle vie di comunicazione, alla capacità di intervenire rapidamente per limitare i danni. Per questa ragione la comparazione di terremoti verificabili in aree diverse deve tenere presente queste variabili ed esistono metodi diversi di misurazione. mediare 7

10 Monte-Carlo un nuovo grattacielo è la Tour Odéon disegnata da Alexandre Giraldi e sarà il più alto del principato di Monaco di Enrico Nicoli Un mercato residenziale esclusivo, con poca offerta e prezzi sempre e comunque alle stelle: questo vuol dire comprar casa a Monte-Carlo, un luogo status symbol in grado di attirare ogni anno super ricchi da tutto il mondo, disposti a sborsare una media di 44mila euro al mq in cambio di un mix di sicurezza, lusso e, per chi ottiene la residenza, vantaggi fiscali. «Chi acquista nel Principato spiega Paul Humphreys dell International residential department di Knight Frank nel 20% dei casi arriva dall Italia, nel 22% dalla Gran Bretagna e nel 45% dal resto d Europa, soprattutto da Paesi dell Est e dalla Svizzera». «Monaco continua Humphreys piace molto ai russi, che rappresentano il 5% della clientela, mentre l Asia assorbe il 3% dei nuovi acquisti, dove per Asia si intende soprattutto indiani con base a Londra. Molto rari invece i cinesi, che qui non rappresentano un trend». L impatto della crisi finanziaria internazionale si è fatto sentire anche a Monte-Carlo, ma con effetti diversi e comunque ritardati rispetto al resto d Europa. «Da qualche mese a questa parte si inizia a respirare un clima di ritrovata fiducia prosegue Humphreys ma per quasi due anni pochi hanno venduto e quasi nessuno ha comprato. Malgrado la stagnazione, con tempi molto lunghi per concludere le rare transazioni, i prezzi non si sono mossi: in altre parole, le quotazioni non hanno subito un brusco ridimensionamento». Una possibile spiegazione è che i 8 mediare

11 Un rendering della Tour Odéon che verrà terminata nel 2014 nel Principato di Monaco. A fianco, Alexandre Giraldi, l architetto che ha progettato l opera. ricchi proprietari monegaschi, non avendo né fretta né necessità di vendere, hanno preferito stare alla finestra piuttosto che far scendere il prezzo delle case. Il segreto dietro la tenuta dei prezzi è anche quello di essere una piazza del tutto particolare, con pochi immobili in vendita, di cui gran parte semplicemente ristrutturati e in pochi casi nuovi. I prezzi medi del residenziale, come già detto, si assestano attorno ai 44mila euro mq, ma non mancano i picchi record che fanno sensazione anche tra gli agenti immobiliari locali, come gli 80mila euro al metro quadro registrati verso la fine dello scorso anno per un appartamento situato nell area del Carrè d Or, con vista spettacolare sul palazzo del Casinò, ovvero dei suoi giardini sul porto, uno dei panorami più ambiti ed esclusivi di Monte-Carlo. Al momento, lo sviluppo residenziale che sta portando sul mercato il numero più alto di appartamenti nuovi è il progetto in costruzione al numero 23 di Boulevard de Belgique: un intero edificio di 21 appartamenti, di cui otto già venduti, e lavori terminati entro giugno di quest anno. Le pezzature tra i 200 mq e i mq con prezzi da 5,35 a 19,75 milioni di euro sono un po più alte degli standard locali che viaggiano su una media di mq. Completano il quadro dell offerta oggi disponibile sulla piazza monegasca un palazzo ai Jardin exotique di 11 appartamenti e un paio di altri piccoli sviluppi residenziali tra Boulevard Italie e Avenue Princesse Grace. Tolti questi interventi, per vedere un altra massiccia iniezione di realizzazioni residenziali bisognerà attendere il termine dei lavori previsti per il 2014 della Tour Odéon. Quello che è destinato a diventare il più alto grattacielo del Principato (49 piani per 170 metri) sorgerà in Avenue de l Annonciade su disegno di Alexandre Giraldi (architetto molto di moda a Monaco a cui si deve, in collaborazione con Norman Foster, il progetto in costruzione del nuovo Yacht club Monte-Carlo e anche il progetto del 23 di Boulevard de Belgique). La torre sarà a uso misto: previsti infatti spazi commerciali ai primi piani, dieci piani di parcheggi sotterranei, sette piani di uffici. Il resto sarà costituito da abitazioni vendute a un prezzo medio di 50mila euro al mq, a esclusione di una parte destinata all edilizia sociale, ovvero appartamenti a prezzi più contenuti riservati esclusivamente ad acquirenti di cittadinanza monegasca. mediare 9

12 Cotswolds, campagna di lusso Philippe Starck firma 160 eco-ville ultramoderne per un inghilterra sempre più green di Nicola Zeni Dopo Londra, i Cotswolds sono la destinazione turistica più amata di tutta l Inghilterra. A soli 150 chilometri dalla caotica capitale, la zona dei Cotswolds è la quintessenza della campagna inglese: colline ondulate (i wolds, che danno il nome alla zona), dolci vallate, fiumi, laghi e stagni, boschi di faggio e prati verdissimi dove pascolano pecore e trottano cavalli. A rendere speciale la zona, però, è l architettura: paesaggi da cartolina, fattorie con le facciate coperte di edera, cottage che ricordano case di bambole, paesini da fiaba tutti costruiti con la stessa pietra color miele. È come se qui il tempo si fosse fermato a qualche secolo fa. La tutela delle Belle Arti ha limitato la costruzione di edifici moderni a zone nascoste, lasciando intatto il panorama. Per questo, oltre a essere una destinazione turistica, i Cotswolds sono considerati un ambito rifugio: una casa qui è il nonplusultra per chi vive a Londra, ma ama la quiete della campagna e il contatto con la natura durante il fine settimana e le vacanze. Il prezzo medio di una casa indipendente nella zona G7, il Il designer architetto Philippe Starck e, sopra, una casa nella zona dei Cotswolds nella campagna inglese codice postale più prestigioso del Gloucestershire si aggira attorno alle 360mila sterline, con un aumento del 19,5% negli ultimi 12 mesi, ma di fatto le compravendite si concentrano in uno spettro tra le 500mila sterline per un cottage e gli 1,2 milioni per una villa. Sono frequenti le puntate ben oltre quella soglia e non è raro pagare 5, 10 o 15 milioni per 10 mediare

13 fattorie con molta terra o case d epoca particolarmente spaziose o in una posizione appartata. I prezzi lievitano anche a causa del divario tra domanda e offerta. «La richiesta qui è sempre altissima mentre le case in vendita sono poche fanno sapere i mediatori immobiliari della zona. La crisi economica ha peggiorato la situazione, dato che i potenziali venditori preferiscono aspettare». Ora, però, chi ama i Cotswolds, ma è frustrato dalla difficoltà di trovare una casa tradizionale, ha un alternativa: The Lakes, un progetto creato dal Raven Group con la società di design Yoo (fondata da Philippe Starck), un complesso di 160 eco-ville ultramoderne, costruite in legno e vetro, con terrazze affacciate su sei laghi e immerse nella natura in una tenuta di oltre 260 ettari nella zona G7, a un passo dai paesini più pittoreschi dei Cotswolds. Le ville, che vanno dai 250 ai 610 mq, puntano sul lusso sostenibile e hanno interni creati da Jade Jagger (figlia di Mick) o da Kelly Hoppen e che possono essere personalizzati dallo studio Yoo. I prezzi partono da 810mila sterline e salgono fino a 2,5 milioni per le ville più grandi con sei camere da letto e solarium sul tetto. mediare 11

14 L obiettivo È un nuovo e sano sviluppo del mercato immobiliare e la capacità di garantire, in un periodo di difficoltà economica, la tenuta complessiva della coesione sociale Franceschini Puntiamo sul marchio Casa-Qualità di Dario Franceschini Presidente del gruppo del PD alla Camera dei deputati Il settore immobiliare rappresenta un pezzo fondamentale dell economia del nostro Paese; vi operano migliaia di imprese e di lavoratori che ormai da alcuni anni stanno pagando un prezzo altissimo a causa della crisi che ha colpito, sull onda del collasso del mercato dei mutui subprime, anche il mercato italiano. Contrazione delle transazioni, difficoltà di accesso al credito per imprese e famiglie, aumento esponenziale della quota di patrimonio edilizio invenduto, crescita della domanda di locazione da parte di nuove categorie deboli (single, giovani cop- pie, stranieri studenti) sono tra i tratti caratterizzanti della difficile fase che sta attraversando il settore. Eppure la ripresa del settore immobiliare e l attuazione di politiche abitative realmente in grado di far fronte alle nuove esigenze emergenti sarebbero fattori determinanti per il rilancio dello sviluppo economico e territoriale italiano. Purtroppo in questi anni le politiche del centro-destra sembrano non aver colto in alcun modo questa centralità. Molti annunci, ma pochissimi interventi concreti per dare davvero ossigeno al mercato immobiliare. Con il via libera del Cipe, partirà il Piano social-housing, lanciato dal Governo con la prima manovra economica dell estate 2008; un ritardo di tre anni che ha bloccato 550 milioni di euro già stanziati dal Governo Prodi e pronti ad essere assegnati alle Regioni in base ad un accordo già sottoscritto, che avrebbe 12 mediare

15 consentito la rapida immissione sul mercato di 12mila alloggi a canone sociale. Anche il Piano Casa 2, che avrebbe dovuto risollevare il settore delle costruzioni concedendo benefit volumetrici, si è rivelato un flop in quasi tutte le Regioni. Il PD pensa ad una politica alternativa, capace di tenere insieme l obiettivo di un nuovo e sano sviluppo del mercato immobiliare e la capacità di garantire, in un periodo di difficoltà economica, la tenuta complessiva della coesione sociale. Una politica costruita su un chiaro ordine di priorità, che mette al primo posto il tema della riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, privato e pubblico, con benefici economici in grado di ridurre ulteriore consumo di suolo ed incentivare le iniziative di ristrutturazione urbanistica ed edilizia (si stimano in Italia 800mila immobili inutilizzati da rimettere in pristino); la promozione della qualità architettonica e dei livelli di innovazione tecnologica del prodotto edilizio, con incentivi per le iniziative volte a favorire il risparmio energetico e la sostenibilità ambientale. La rivoluzione della Green Economy rappresenta una straordinaria occasione anche per il comparto delle costruzioni: pensiamo al successo della detrazione fiscale del 55% per le eco-ristrutturazioni, utilizzato dal 2007 (anno di introduzione da parte del Governo Prodi) da quasi un milione di famiglie e che ha prodotto 11,1 miliardi di euro di fatturato, attivato oltre 50mila posti di lavoro all anno nell edilizia e nell indotto. Una misura che deve essere stabilizzata ed estesa anche all adeguamento sismico del patrimonio edilizio esistente, per sostenere un processo virtuoso già in atto nel Paese. Occorre spingere l acceleratore sul tema della qualità delle costruzioni: la proposta di legge oggi all esame della Commissione Ambiente della Camera sul cosiddetto marchio casa-qualità va in questa direzione, così come le misure fiscali auspicate a sostegno dell edilizia ecocompatibile, per creare le condizioni affinché crescano domanda ed offerta di abitazioni ad elevate prestazioni energetiche ed ambientali. Sul fronte abitativo il nostro Paese ha bisogno di rilanciare con maggiore forza il settore delle locazioni, dando risposta ad un esigenza di mobilità sociale e territoriale crescente. La cedolare secca così come voluta dal Governo, da sola non basta a far emergere l intollerabile quota di mercato nero che c è nel settore delle locazioni: occorre rimodularla, per rendere conveniente soprattutto ai piccoli proprietari l adesione a questa misura e la regolarizzazione del contratto, affiancandola con detrazioni fiscali a vantaggio degli inquilini. A fianco dell impegno nell edilizia residenziale pubblica, destinata a far fronte ad un disagio abitativo grave ed in molti casi oggi irrisolto, le potenzialità del social-housing, fondato su una compartecipazione pubblicoprivato, possono dare una risposta ad una fascia grigia che oggi fatica ad accedere al mercato abitativo. In questo contesto il ruolo del pubblico può essere reinterpretato come elemento facilitatore nella costruzione di percorsi di autonomia abitativa, utilizzando gli strumenti che possono essere messi a disposizione dal mercato e dai privati a vocazione sociale. Il settore immobiliare ha bisogno di regole certe, soprattutto in questa fase. È necessario uno specifico ed incisivo intervento per risolvere il problema dei ritardi nei pagamenti, specie quelli della PA: migliaia di piccole imprese non reggono più i ritardi dovuti ai vincoli del patto di stabilità a cui sono assoggettate le amministrazioni locali e pagano la progressiva contrazione degli investimenti, specie delle piccole opere. Occorre investire sulla qualificazione delle imprese e dei professionisti che operano nel settore immobiliare; in questo senso la proposta di legge recentemente licenziata dalla Camera e sostenuta fortemente dal PD rappresenta un passo in avanti importante. Parlando di regole nel nostro Paese non si può ignorare l esigenza di semplificazione delle procedure burocratiche che pesano sul settore immobiliare: occorre alleggerire le procedure autorizzative e contestualmente rafforzare i meccanismi di controllo ex-post, come accade in tutti gli altri Paesi europei, così da garantire la regolarità e la sicurezza degli interventi realizzati. La crisi che ha colpito il settore immobiliare può essere letta insomma come un opportunità importante, per ripensare politiche in grado di essere un volano per l economia e di aprire nuovi scenari di sostenibilità ambientale e sociale. mediare 13

16 14 mediare

17 NUOVE REGOLE PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Il Decreto Legislativo 3 marzo 2011 n. 28 sancisce l obbligatorietà di dotazione dell attestazione di certificazione energetica nelle compravendite immobiliari di Guido De Rosa Notaio in Bergamo e Coordinatore Ufficio Studi del Consiglio Nazionale del Notariato Settore civilistico Nel 2008, con il D.L. 112/2008 (art. 35), sono stati eliminati i preesistenti obblighi di allegazione dell attestato di certificazione energetica agli atti traslativi a titolo oneroso (innanzitutto, gli atti di vendita) e di consegna e/o di messa a disposizione dell attestato di certificazione energetica a favore del conduttore in caso di locazione, obblighi che erano previsti a pena di nullità del contratto (da far valere esclusivamente dall acquirente o dal conduttore). Il nuovo comma 2-ter dell art. 6 del D.Lgs. 192/2005 è stato inserito a seguito dell apertura di una procedura di infrazione a carico dello Stato Italiano, che in difformità rispetto alla Direttiva Comunitaria, proprio con il D.L. 112/2008 aveva abrogato l obbligo di allegazione e/o consegna della certificazione energetica. Cosicché, il comma 2-ter, introdotto dal D.Lgs 28/2011, prevede che nei contratti di compravendita e locazione di edifici e singole unità immobiliari è inserita apposita clausola con la quale l acquirente o il conduttore danno atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici. mediare 15

18 Il Paese si muove a velocità diverse, in funzione (anche) dell attività normativa delle Regioni. La materia è regolata da norme statali e regionali. Alcune regioni hanno dato attuazione alla Direttiva 2002/91/CE: Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Valle d Aosta, Puglia, Toscana, Sicilia hanno dato attuazione con varie e differenziate modalità. Alle Regioni (che in base all art. 117, comma 3, Cost. devono legiferare in materia di governo del territorio e di produzione, trasporto e distribuzione di energia) competono le scelte normative sulla dotazione e sulle modalità di formazione della certificazione energetica. Allo Stato (art. 117, comma 2, Cost.) è riservata la materia dell ordinamento civile, e quindi la disciplina dei contratti, della loro forma, del loro contenuto, dei vizi, delle sanzioni (si allude alla disciplina delle nullità e dell annullabilità). La disposizione normativa statale, che oggi commentiamo, si esprime in termini di obbligo di consegna in riferimento ad una documentazione che dev essere predisposta e redatta secondo la disciplina regionale (l esistenza di una normativa regionale dettagliata, sul punto, aiuta indiscutibilmente l applicazione delle regole nei confronti dei cittadini). Il Consiglio Nazionale del Notariato si è espresso affermando che, in quelle fattispecie nelle quali la disciplina regionale esclude l obbligo di dotazione (alcuni esempi significativi sono la vendita di quota al comproprietario e di edifici neutri quanto al consumo energetico, quali i box, le cantine, le autorimesse, i depositi), non può sussistere l obbligo di consegna e quindi la norma non trova applicazione. La nuova norma parla di compravendite, ma si applica anche a contratti analoghi. Il novellato art. 6 del D.Lgs. 192/2005, nel (nuovo) comma 2-ter (per le ricordate ragioni di adeguamento alla normativa comunitaria, in seguito all apertura della procedura di infrazione) prende in considerazione la compravendita e la locazione; il D. Lgs. 192/2005 (e la quasi totalità delle normative regionali) prendevano in considerazione le ipotesi di trasferimento a titolo oneroso. Sono certamente equiparabili alla compravendita le fattispecie ad essa sicuramente assimilabili, come la permuta, la vendita di eredità, di quota di eredita o di azienda (nelle quali siano ricompresi edifici o unità immobiliari per le quali sussiste l obbligo di dotazione). La nuova norma incontra qualche difficoltà d attuazione che richiede l impegno dei mediatori professionali, accanto a quello dei notai. Primo ambito: gli edifici ad alto consumo energetico, la classe G e l autodichiarazione Nelle Regioni che non hanno una disciplina propria, e quindi nelle quali trova applicazione la sola normativa statale, per gli edifici e le unità immobiliari ad alto consumo energetico, l art. 9 dell allegato A al D.M mediare

19 giugno 2009 prevede una Autodichiarazione del proprietario che, secondo l interpretazione del Consiglio Nazionale del Notariato, non è stata abrogata e quindi continua ad essere in vigore, completando il quadro normativo. Non tutti, peraltro, ritengono che questo sia il modo adatto per dare una corretta informazione all acquirente. Non c è dubbio che una certificazione energetica consegnata informa molto meglio ed indica anche i possibili interventi migliorativi ed economicamente convenienti suggeriti dal tecnico (a differenza di quanto avviene con la semplice autodichiarazione di classe G ). L invito che è possibile dare ai mediatori italiani è quello di favorire la migliore possibile applicazione della normativa inducendo, per quanto possibile, il venditore o il proprietario che intende locare a predisporre la certificazione in tutti i casi in cui l immobile non presenti un effettiva, oggettiva scadente qualità energetica. Secondo ambito: la volontà di derogare Non si può escludere che le novità normative che impongono condotte in qualche modo dispendiose, possano essere viste con disfavore, con fastidio, e che si cerchi di aggirarle. La legge però richiede a tutti gli operatori del settore immobiliare un impegno: l attenzione al consumo energetico e la valutazione degli interventi migliorativi sugli immobili sono aspetti che coinvolgono un interesse generale, collettivo, di tutti noi, hanno a che vedere con il tema dell ambiente e della salute, e di un uso intelligente e proporzionato di un bene preziosissimo quale l energia. Chi cerca di fare a meno della certificazione energetica, avendo di mira una semplificazione miope, agisce contro la legge, che va in una direzione opposta. L Europa ci richiama a tutelare questi valori. Sono quindi da respingere le iniziative volte ad aggirare la normativa attraverso una deroga consensuale. Questa prassi non è prevista dalla vigente normativa. Terzo ambito: le conseguenze delle dichiarazioni generiche o non corrispondenti alla verità Altra ipotesi di tentativo di aggiramento è quella di chi (non avendo fatto nulla) vuol dire al notaio (mentendo) che ha ricevuto la documentazione e le informazioni. Ai fini della validità dell atto, è formalmente sufficiente la pura e semplice riproduzione delle parole usate dal legislatore: il notaio può inserire nel contratto di compravendita una clausola nella quale l acquirente dà atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici. Ma quale informazione, quali documenti? Il Consiglio nazionale del notariato ha già richiamato l attenzione dei notai sull importanza di un applicazione della normativa in senso sostanziale. Anche se è valido il trasferimento della proprietà (cioè se non può considerarsi nullo il rogito), esistono profili di contenzioso da prevenire. Può accadere che l acquirente si rivalga contro il venditore per chiedere un risarcimento o una riduzione del prezzo. Non solo, ma il mediatore, così come il notaio, possono essere chiamati a rispondere di una presunta responsabilità per non aver operato diligentemente nella professione, arrecando un danno al loro cliente (e il danno potrebbe derivare dall aver omesso comportamenti doverosi, inducendo l acquirente ad acquistare un bene senza aver ricevuto informazioni importanti sulle caratteristiche del bene stesso). È utile ed apprezzabile l attività del notaio che chiede di poter inserire nella clausola specifici riferimenti alla documentazione consegnata (numeri di identificazione, data, autore dell ACE; riferimenti ricognitivi dell autodichiarazione relativa alla appartenenza alla classe G, se trasmessa all acquirente in un momento anteriore al rogito). Il modo migliore per prevenire un contenzioso è osservare la legge, non cercare di evitarne l applicazione. È bene prepararsi ad affrontare, insieme, con coraggio, alla sfida, che diventerà più stringente ancora tra qualche mese. Le nostre categorie professionali non possono che cooperare, e hanno un reciproco interesse a farlo. Un buon rapporto tra mediatore e notaio, nell esclusivo interesse del venditore e dell acquirente, aiuta tutti. Se il notaio è informato per tempo dei problemi che presenta una trattativa, può aiutare il mediatore nel suo lavoro. Se il mediatore svolge con professionalità il suo compito, in qualche modo, aiuta il notaio, nel senso che la trattativa avrà più possibilità di concludersi favorevolmente con vantaggio per tutti e innanzitutto per i cittadini. Guido De Rosa mediare 17

20 LA LEZIONE DELLA NATURA Solarplus, azienda leader nel solare e nel fotovoltaico, l ha imparata molto bene e ne ha fatto una mission aziendale di Pino Loperfido Quella del Sole e della Natura in genere è una lezione antica: produrre energia senza intaccare le riserve del pianeta, rispettando i delicati equilibri che regolano la vita e la convivenza tra gli esseri umani. Una lezione che Solarplus, azienda di Spini di Gardolo tra le più importanti nel settore del solare e del fotovoltaico, ha fatto propria, inserendola in toto nella propria mission. Oggi Solarplus, con 35 tecnici operai, 10 progettisti e 64 agenti monomanda- Una realtà in continua espansione Solarplus vanta una comprovata esperienza maturata negli anni e si pone come azienda leader nel settore degli impianti solari e fotovoltaici. Solarplus opera sulle importanti piazze di Trento, Bolzano, Verona, Bergamo, Brescia, Rovigo e Ferrara ed è in continua espansione sul mercato grazie a strategie mirate che puntano esclusivamente alla massima soddisfazione del cliente. A Solarplus nel 2008 è stato riconosciuto il blasonato premio ITALIA CHE LAVORA, iscrivendola nel relativo albo d oro. tari, è in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza, fornendo anche consulenze e una vasta gamma di soluzioni alternative, a seconda delle necessità e dei desideri del cliente. Ma soprattutto informando: parola chiave dacché esiste e Omar Melchiori, titolare di Solarplus, lo conferma un problema culturale legato all utilizzo di impianti legati all energia alternativa. «Una delle nostre principali prerogative è quella di spiegare ai potenziali clienti quanto sia vantaggioso il sistema di incentivi messo in campo dallo Stato italiano. Un sistema virtuoso che permette in pratica di avere, in breve tempo, un impianto a costo zero». È vero. Da questo punto di vista, lo Stato ha mostrato di avere una sensibilità particolare per la tematica. Abbattere i costi dell energia appare oramai una scelta obbligata. Così come appare fuori tempo massimo l essere dipendenti dall utilizzo del petrolio che, come possiamo constatare quotidianamente, rimane legato a fragili equilibri geopolitici e quindi è suscettibile di inaspettate impennate. «Scegliere un impianto solare o fotovoltaico aggiunge a tal proposito Melchiori vuol dire soprattutto blindare il prezzo dell energia, ma avere anche un occhio di riguardo per l ambiente e quindi per il futuro proprio e dei propri figli». Tuttavia, una volta deciso di segui- 18 mediare

Il nuovo comma 2 ter dell art. 6 D.Lgs. 192/2005 Le prime indicazioni

Il nuovo comma 2 ter dell art. 6 D.Lgs. 192/2005 Le prime indicazioni Il nuovo comma 2 ter dell art. 6 D.Lgs. 192/2005 Le prime indicazioni Guido De Rosa COORDINATORE DELLA COMMISSIONE STUDI CIVILISTICI Il nuovo comma 2 ter dell art. 6 D.Lgs. 192/2005 Nei contratti di compravendita

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Certificazione energetica: normative nazionali e albi certificatori

Certificazione energetica: normative nazionali e albi certificatori Certificazione energetica: normative nazionali e albi certificatori 1- ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA La Gazzetta Ufficiale dell agosto 2013 ha pubblicato la Legge 90/2013 che ha confermato l obbligo

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Ufficio Ricerca e Studi Asti, 28 novembre 2014 Perché Social housing La questione abitativa in Italia ha acquisito, nel corso degli ultimi

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO TRA ACCONTI E SALDI SI PAGHERANNO 97 EURO MEDI CON PUNTE DI 139

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

Indice dei prezzi delle case in affitto

Indice dei prezzi delle case in affitto Indice delle case in affitto Primo trimestre 2016 Sinossi Tornano a salire i prezzi medi delle locazioni in Italia dopo i mesi invernali, con un incremento dell 1,2% che fissa il valore medio al metro

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

IL VADEMECUM di. La normativa comunitaria nazionale e regionale sulla progettazione di edifici ad alte prestazioni energetiche

IL VADEMECUM di. La normativa comunitaria nazionale e regionale sulla progettazione di edifici ad alte prestazioni energetiche IL VADEMECUM di La normativa comunitaria nazionale e regionale sulla progettazione di edifici ad alte prestazioni energetiche Aggiornato al 10 Ottobre 2012 2000 mq dedicati a Convegni Forum Tematici Incontri

Dettagli

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Indice 1. Le compravendite 2. Le locazioni 3. I mutui 4. Le ristrutturazioni

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO

DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO I DATI DI GREENITALY DI FONDAZIONE SYMBOLA E UNIONCAMERE DALLA GREEN ECONOMY 102 MLD DI VALORE AGGIUNTO (IL 10,3%) E QUASI 3 MLN DI POSTI DI LAVORO 372MILA IMPRESE (24,5% DEL TOTALE) PUNTANO SULLA GREEN

Dettagli

Indice di Green Economy 2013

Indice di Green Economy 2013 Indice di Green Economy 2013 CHI SALE E CHI SCENDE NELLA CLASSIFICA REGIONALE DELLA GREEN ECONOMY info@fondazioneimpresa.it - www.fondazioneimpresa.it 4 edizione Allo scopo di comprendere lo stato della

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Dal primo gennaio 2012 negli annunci immobiliari va inserita la classe energetica

Dal primo gennaio 2012 negli annunci immobiliari va inserita la classe energetica CIRCOLARE A.F. N. 02 del 10 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Dal primo gennaio 2012 negli annunci immobiliari va inserita la classe energetica Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL IL 16 GIUGNO SI VERSA L ACCONTO DELL IMU E DELLA TASI PER GLI IMMOBILI DIVERSI DALL ABITAZIONE PRINCIPALE: QUASI 25

Dettagli

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR Piemonte Torino 201 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte Torino 64 Soprintendenza per i beni archeologici del Piemonte SBA Torino 66 Torino 67 Soprintendenza per i beni

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 13 dicembre 2013 Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Presentazione Rapporto Oltre il Pil 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area

Dettagli

FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana

FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana FIRENZE, 14 marzo 2013 Il dimensionamento del rischio sismico Luciano Pallini Centro Studi ANCE Toscana spazio log ente / associazione 1 1. Pericolositàsismica e classificazione del territorio nazionale

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE

CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE Edizione 2002 in collaborazione con RAPPORTO SUL CREDITO E SULLA RICCHEZZA FINANZIARIA DELLE IMPRESE ARTIGIANE - Edizione 2002 RAPPORTO SUL

Dettagli

CONTRATTAZIONE DI 2 LIVELLO

CONTRATTAZIONE DI 2 LIVELLO UFFICIO STUDI E RICERCHE CONTRATTAZIONE DI 2 LIVELLO Con il rinnovo del CCNL Turismo dello scorso febbraio e le nuove regole previste dal Patto sulla contrattazione sottoscritto il 22 gennaio 2009 con

Dettagli

FEDERALISMO MUNICIPALE

FEDERALISMO MUNICIPALE FEDERALISMO MUNICIPALE DECRETO LEGISLATIVO 292 (STIME E PROIEZIONI SULLA BASE DEL TESTO DEPOSITATO IN COMMISSIONE BICAMERALE PER IL FEDERALISMO) Proiezione degli effetti sui singoli Comuni Capoluoghi di

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015

Le imprese a Bologna nel 2014. Marzo 2015 Le imprese a Bologna nel 2014 Marzo 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni

Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni Pagina 1 di 5 Conferenza delle Regioni: definiti i coordinamenti delle Commissioni giovedì 17 settembre 2015 Chiamparino: soddisfazione per una scelta condivisa, ora accelerazione nei confronti con il

Dettagli

Pretendete efficienza dal vostro edificio

Pretendete efficienza dal vostro edificio Pretendete efficienza dal vostro edificio Soluzioni per il Green Building Efficienza Energetica negli edifici Il contesto normativo Il 40% circa del consumo energetico europeo è imputabile agli immobili.

Dettagli

Pretendete efficienza dal vostro edificio

Pretendete efficienza dal vostro edificio Pretendete efficienza dal vostro edificio Soluzioni per il Green Building Efficienza Energetica negli edifici Il contesto normativo Il 40% circa del consumo energetico europeo è imputabile agli immobili.

Dettagli

IL VADEMECUM di. La normativa comunitaria nazionale e regionale sulla progettazione di edifici ad alte prestazioni energetiche

IL VADEMECUM di. La normativa comunitaria nazionale e regionale sulla progettazione di edifici ad alte prestazioni energetiche IL VADEMECUM di La normativa comunitaria nazionale e regionale sulla progettazione di edifici ad alte prestazioni energetiche /sponsorizzato da involucro finiture impianti cantiere rinnovabili Strutture/coperture/pareti

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA Luglio 2009 A cura del Centro Studi Ance Toscana/Confindustria Toscana (Sara Pucci e Anna Taorchini) I confronti internazionali Negli ultimi anni le fonti

Dettagli

TARIFFE RC AUTO IN CALO IN TUTTA ITALIA, SOPRATTUTTO IN CAMPANIA, CALABRIA E PUGLIA PER SEGUGIO.IT

TARIFFE RC AUTO IN CALO IN TUTTA ITALIA, SOPRATTUTTO IN CAMPANIA, CALABRIA E PUGLIA PER SEGUGIO.IT COMUNICATO STAMPA TARIFFE RC AUTO IN CALO IN TUTTA ITALIA, SOPRATTUTTO IN CAMPANIA, CALABRIA E PUGLIA PER SEGUGIO.IT L Osservatorio Assicurazioni Auto del comparatore online del Gruppo MutuiOnline, registra

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2011

Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2011 Attuazione della certificazione energetica degli edifici in Italia - Rapporto 2011 Giovanni Murano Comitato Termotecnico Italiano Via Scarlatti 29, 20124 Milano Tel. +39 02 266.265.1 Fax +39 02 266.265.50

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

ASSOCIAZIONE CONSULTA NAZIONALE FEMMINILE DONNE GEOMETRA ASSOCIAZIONE GEOMETRI ITALIANI AMMINISTRATORI IMMOBILIARI LORO SEDI

ASSOCIAZIONE CONSULTA NAZIONALE FEMMINILE DONNE GEOMETRA ASSOCIAZIONE GEOMETRI ITALIANI AMMINISTRATORI IMMOBILIARI LORO SEDI Prot. N.12/09 Roma, lì 21 Gennaio 2009 Al Geom. Fausto SAVOLDI Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Ai Consiglieri del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati p.c. Stim.mo

Dettagli

GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NELLE REGIONI D'ITALIA

GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NELLE REGIONI D'ITALIA GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA NELLE REGIONI D'ITALIA In Italia, l'autonomia delle regioni sulla materia della certificazione energetica ha generato una situazione frammentata e a volte confusa.

Dettagli

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays Andrea Mazzanti Agriturismo Villa Tombolina Montemaggiore al Metauro (PU) 19 Novembre 2008 Agriturismo in Italia

Dettagli

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60.

COSTO DEI TERREMOTI ITALIANI DEGLI ULTIMI 40 ANNI (M -2005) 4500 VITTIME + ABRUZZO 2009 (15.000???) IRPINIA-BASILICATA BELICE FRIULI 60. Strumenti di prevenzione a livello nazionale: l art. 11 della L. 77/2009 Mauro Dolce Direttore Generale - Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio sismico e vulcanico Ordinario di Tecnica delle

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

GIOCARESPONSABILE. Un anno di attività. 1 novembre 2009-31 ottobre 2010. Umbertide, 4 dicembre 2010. Progetto sostenuto da

GIOCARESPONSABILE. Un anno di attività. 1 novembre 2009-31 ottobre 2010. Umbertide, 4 dicembre 2010. Progetto sostenuto da GIOCARESPONSABILE Un anno di attività 1 novembre 2009-31 ottobre 2010 Umbertide, 4 dicembre 2010 Progetto sostenuto da Mission Aumentare la consapevolezza del giocatore sui fattori di rischio eventualmente

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi

Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi 9 dicembre 2004 Edifici ed abitazioni Censimento 2001. Dati definitivi L Istat diffonde oggi i dati definitivi relativi agli Edifici e alle Abitazioni rilevati in occasione del 14 Censimento generale della

Dettagli

POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014

POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014 POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014 Ai sensi dell'art. 19, comma 1 bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA

PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA PERCENTUALE DI OCCUPATI NELL INDUSTRIA La percentuale di occupati nell industria in Italia, in base al 14 Censimento della popolazione e delle abitazioni (2001), è pari al 33,48%. Quote particolarmente

Dettagli

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA 13 novembre 2009 CONFERENZA STAMPA SALARIO, DIRITTI, SICUREZZA IL CONTRATTO NAZIONALE PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO E UNIRE I LAVORATORI PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA Il settore

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

L Agenzia di Confindustria per competere in rete

L Agenzia di Confindustria per competere in rete L Agenzia di Confindustria per competere in rete Esigenze espresse dalle Imprese Volontà di: Aggregazione su progetti Superamento del localismo distrettuale Innovazione e Internazionalizzazione Governance:

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli