REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA. nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA. nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna approvato con deliberazione n. 419 del 10 aprile 2014 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Oggetto e definizioni Responsabilità Orari di accesso alle unità operative Esclusioni dell A.N.S. Domanda di inserimento nell elenco aziendale dei soggetti che svolgono A.N.S. Termini e obblighi Elenco aziendale dei soggetti che svolgono A.N.S. Richiesta di A.N.S. Modalità per lo svolgimento di A.N.S. Verifiche sull attività di A.N.S. Oggetto dell A.N.S. Prescrizioni per l A.N.S. Prescrizioni per il personale dipendente Azienda UL.SS. n. 8 - via Forestuzzo, Asolo (TV) - tel. 0423/ fax 0423/ c.f. e p. i.v.a u.o. affari generali e legali - via Forestuzzo, Asolo (TV) - tel. 0423/ fax 0423/ e mail: Z : \ 2 0 _A FF ARI G E N ER ALI \ regolam enti a z ie n da li\direz ione m e dica\ass ist enza n o n sanita ria\tes t i de f init iv i \A N S_0_REGOLA M EN T O_ da approv a re. d ocx

2 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ASSISTENZA NON SANITARIA NELLE UNITÀ OPERATIVE DEI PRESIDI OSPEDALIERI DI CASTELFRANCO VENETO E MONTEBELLUNA ART. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI Il presente regolamento disciplina la presenza di familiari o di persone delegate, a titolo gratuito od oneroso, per lo svolgimento dell Assistenza Non Sanitaria (A.N.S.) a favore delle persone ricoverate nelle Unità Operative (UU.OO.) dei Presidi Ospedalieri (PP.OO.) dell azienda ULSS 8 al di fuori dell orario di visita. Per assistenza non sanitaria si intende ogni attività di sorveglianza e di supporto personale, relazionale e affettivo prestata alla persona ricoverata. L assistenza sanitaria alle persone ricoverate è garantita ed erogata esclusivamente dal personale sanitario e tecnico dipendente della struttura ospedaliera. Sono idonei a prestare A.N.S. alle persone ricoverate i seguenti soggetti: 1) a titolo gratuito: a) familiari; b) parenti; c) persone di fiducia; d) associazioni di volontariato; 2) a titolo oneroso: a) persone fisiche con età compresa tra i 18 e i 65 anni; b) assistenti familiari / badanti; c) cooperative; d) agenzie; e) imprese anche individuali. ART. 2 RESPONSABILITÀ Ogni rapporto giuridico per lo svolgimento di A.N.S. si instaura direttamente ed esclusivamente tra la persona ricoverata o suo rappresentante legale ed i soggetti idonei a rendere le prestazioni di A.N.S.. All azienda ULSS non può essere attribuita alcuna responsabilità derivante da contratto, da fatto illecito o da ogni altro atto o fatto, anche a carattere penale, idoneo a produrla in conformità dell ordinamento giuridico per danni a persone o cose, diretti o indiretti, morali materiali (furti, danneggiamenti e simili) e patrimoniali, posti in essere nello svolgimento delle attività di A.N.S.. L azienda ULSS declina altresì ogni responsabilità per colpa dei soggetti che erogano le prestazioni di A.N.S.. Per i danni derivanti all azienda ULSS o ai propri dipendenti a seguito di prestazioni connesse o collegate con l A.N.S. l ente sanitario ha facoltà di agire secondo le vigenti disposizioni di legge per il risarcimento del danno. 2

3 ART. 3 ORARI DI ACCESSO ALLE UNITÀ OPERATIVE L orario di visita nelle UU.OO. varia a seconda delle UU.OO. L orario di chiusura notturna delle UU.OO. si effettua dalle ore 22 alle ore 7. Eventuali deroghe temporanee agli orari indicati saranno stabilite dalla Direzione medica di ospedale. Il personale delegato all attività di A.N.S. può accedere ai reparti liberamente tra le ore 7 e le ore 21, salvo restrizioni contingenti stabilite dal Coordinatore infermieristico dell U.O., mentre per le assistenze in orario notturno deve presentarsi in reparto entro le ore 22 per consentire la propria identificazione. ART. 4 ESCLUSIONI DELL A.N.S. In considerazione delle particolari esigenze igienico-sanitarie ed organizzative, l A.N.S. è esclusa, di norma, nelle UU.OO. di: - Terapie Intensive; - Dialisi; - Unità Coronarica. Eventuali deroghe saranno motivate e preventivamente autorizzate dal Coordinatore infermieristico di dipartimento o di U.O.. ART. 5 DOMANDA DI INSERIMENTO NELL ELENCO AZIENDALE DEI SOGGETTI CHE SVOLGONO A.N.S. Coloro che intendono effettuare A.N.S. a titolo oneroso a favore di terzi, nonché le associazioni di volontariato, devono presentare all Ufficio Protocollo dell azienda ULSS in via Forestuzzo n Asolo (TV) un apposita domanda di inserimento nell elenco aziendale dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S.. L inserimento nell elenco dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S. nei PP.OO. dell azienda ULSS ha validità biennale. Pertanto, la domanda di inserimento deve essere ripresentata nei termini previsti per il biennio successivo a pena di cancellazione dal predetto elenco. Nella domanda di inserimento i soggetti interessati devono dichiarare, sotto la propria responsabilità, ai sensi dell art. 76 del DPR , n. 445, i seguenti dati e allegare i documenti indicati: A) requisiti di ordine generale (ove pertinenti alla tipologia e forma giuridica): - cognome e nome; - codice fiscale; - denominazione e forma giuridica; - residenza; - sede legale; - legale rappresentante; - recapito postale e telefonico; - partita IVA; B) requisiti tecnico organizzativi (ove pertinenti alla tipologia e forma giuridica): - (da allegare) copia della polizza assicurativa per responsabilità civile verso terzi; - (da allegare) copia della polizza assicurativa per infortuni dei propri operatori a qualunque titolo durante l esercizio di A.N.S. e per tutta la durata della permanenza nei PP.OO.; - (da allegare) elenco su carta intestata per uso interno degli operatori a qualunque titolo aventi un età compresa tra 18 e 65 anni, con indicazione per ciascuno del cognome, nome, data e luogo 3

4 di nascita, residenza, recapito telefonico, partita IVA; - (da allegare) elenco su carta intestata per uso pubblicazione dei medesimi operatori a qualunque titolo con indicazione per ciascuno del cognome, nome, data e luogo di nascita, partita IVA; - (da allegare) statuto o altro atto da cui risulti che l attività di A.N.S. è ricompresa nelle finalità perseguite dal soggetto istante; - tariffe orarie o giornaliere, diurne e notturne, comprensive di IVA se dovuta, applicate per l intera durata del biennio; C) requisiti di idoneità (ove pertinenti alla tipologia e forma giuridica): - iscrizione alla CCIAA con descrizione dell oggetto sociale; - iscrizione in appositi registri / albi nazionali, regionali e provinciali; D) altre dichiarazioni: - dichiarazione di presa visione e di impegno a dare piena ed integrale applicazione senza riserve al presente Regolamento per l A.N.S. nelle UU.OO. dell azienda ULSS, nonché alla normativa vigente in materia di privacy, sicurezza e norme comportamentali; - dichiarazione di esonerare l'azienda ULSS da qualsiasi responsabilità derivante da contratto, da fatto illecito o da ogni altro atto o fatto, anche a carattere penale, idoneo a produrla in conformità dell ordinamento giuridico per danni a persone o cose, diretti o indiretti, morali materiali (furti, danneggiamenti e simili) e patrimoniali, posti in essere nello svolgimento delle attività di A.N.S., nonché da ogni responsabilità per colpa di chi eroga le prestazioni di A.N.S.. Per i soggetti con idoneità plurisoggettiva (società, cooperative, associazioni di volontariato, altro) l attività di A.N.S. deve risultare espressamente nella descrizione del proprio oggetto sociale, statuto o altro atto comprovante la corrispondenza tra le finalità perseguite dai predetti soggetti e l A.N.S.. Verificata la correttezza e completezza della domanda di inserimento, l U.O. Affari Generali e Legali comunica all istante l avvenuto inserimento nell elenco aziendale dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S.. La verifica della domanda ha carattere meramente formale per il solo fine di identificare i soggetti che direttamente o indirettamente hanno accesso alle UU.OO. al di fuori degli orari di visita. Pertanto, la verifica non ha alcuna funzione di accertamento dei requisiti morali e non di chi esercita l A.N.S. e non può essere fonte di responsabilità a carico dell azienda ULSS nei confronti di chicchessia per affidamento fatto da terzi, per negligenza o malafede nell'esecuzione delle prestazioni affidate o per altro danno che ne sia derivato. ART. 6 TERMINI E OBBLIGHI Le domande di inserimento nell elenco aziendale dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S. devono essere presentate entro il 30 novembre di ciascun anno per il successivo biennio. In sede di prima applicazione del presente regolamento le domande del precedente comma devono essere presentate entro il 31 maggio 2014 per il biennio con inizio dell attività al 1 luglio 2014, a seguito di apposita comunicazione da parte dell U.O. Affari Generali e Legali. L U.O. Affari Generali e Legali comunica l avvenuto rilascio dell autorizzazione per l inserimento nell elenco aziendale entro il 31 dicembre di ciascun anno. Gli effetti dell inserimento nell elenco decorrono dal 1 gennaio di ciascun anno e decadono automaticamente al termine del biennio di riferimento. I soggetti inseriti nell elenco aziendale possono richiedere l aggiornamento dei propri operatori a qualsiasi titolo con periodicità semestrale entro il termine del: - 31 maggio per le modifiche / integrazioni aventi effetto dal 1 luglio; 4

5 - 30 novembre per le modifiche / integrazioni aventi effetto dal 1 gennaio. È onere specifico del soggetto inserito nell elenco aziendale garantire nei confronti dei propri operatori a qualunque titolo: - le coperture assicurative per i rischi di responsabilità civile verso terzi nonché per infortuni; - il rispetto di eventuali ulteriori oneri assicurativi e previdenziali di legge; - il rispetto delle norme in materia di contributi previdenziali ed assistenziali, secondo la vigente legislazione italiana; - l applicazione delle condizioni retributive previste dalla normativa vigente in materia di contratti di lavoro; - il possesso delle prescritte certificazioni di regolare soggiorno sul territorio italiano da parte degli operatori stranieri. La violazione dei precedenti obblighi comporta la revoca automatica dell autorizzazione per l inserimento nell elenco dei soggetti che svolgono A.N.S. e l interdizione temporanea allo svolgimento dell attività nei PP.OO. dell azienda ULSS per il periodo di due anni. In caso di recidiva l interdizione in esame è definitiva. In ogni caso si procede alla segnalazione dei fatti alle Autorità competenti. ART. 7 ELENCO AZIENDALE DEI SOGGETTI CHE SVOLGONO A.N.S. L elenco dei soggetti che svolgono A.N.S., distinto per tipologia, è pubblicato nel sito istituzionale dell azienda ULSS nella sezione Amministrazione Trasparente link Altri contenuti link Dati ulteriori link pagina Assistenza non sanitaria. Il ricorso agli spazi pubblicitari multimediali e affissionali all interno dell azienda ULSS è consentito nel rispetto del vigente regolamento in materia. È vietata ogni altra forma di pubblicità. L accertata violazione del divieto comporta la revoca automatica dell autorizzazione per l inserimento nell elenco dei soggetti che svolgono A.N.S. e l interdizione temporanea allo svolgimento dell attività nei PP.OO. dell azienda ULSS per il periodo di due anni. In caso di recidiva l interdizione in esame è definitiva. Nelle UU.OO. sarà data opportuna informazione in riferimento al citato elenco e alle modalità di reperimento mediante affissione di avviso (Allegato n. 5). ART. 8 RICHIESTA DI A.N.S. La richiesta di A.N.S. può pervenire dalla persona ricoverata o suo rappresentante legale e dai familiari quando il paziente si trovi in uno stato di temporanea necessità di sostegno continuativo in base alle proprie condizioni psico-fisiche. Il personale sanitario valuterà l opportunità di richiedere l A.N.S. in relazione alle condizioni psico-fisiche del paziente. ART. 9 MODALITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI A.N.S. La richiesta e l autorizzazione di A.N.S prestata a titolo oneroso a favore di terzi, nonché dalle associazioni di volontariato, sono formalizzate mediante la compilazione di apposito modulo, come da Allegato n. 1, che deve riportare: - cognome e nome della persona ricoverata; - relazione con il soggetto che presta l A.N.S.; 5

6 - fasce orarie, diurne e/o notturne, di A.N.S.; - numero del posto letto riferito al cartellino identificativo consegnato alla persona che presta l A.N.S.; - avvenuta consegna della note informativa, come da Allegato n. 2; - data di richiesta; - sottoscrizione del richiedente; - data di rilascio; - sottoscrizione del personale sanitario. Il modulo di richiesta / autorizzazione (Allegato n. 1) è: - conservato in originale dal personale sanitario della U.O.; - consegnato in copia al richiedente per essere esibito in caso di controllo durante l attività di A.N.S.. Per il periodo di ricovero l originale della richiesta / autorizzazione di A.N.S. è conservato nella documentazione infermieristica. Al termine del ricovero la persona autorizzata a prestare A.N.S. deve riconsegnare il cartellino identificativo al personale sanitario della U.O.. È ammesso l uso di camici di colore diverso dal bianco e riportante se del caso solamente il logo del soggetto organizzato. ART. 10 VERIFICHE SULL ATTIVITÀ DI A.N.S. È facoltà dell azienda ULSS procedere alla verifica dell attività di A.N.S. prestata dalle persone all uopo autorizzate. La competenza è demandata ai Coordinatori infermieristici e in caso di assenza ai loro delegati. La Direzione del servizio infermieristico provvede a verificare il rispetto del presente regolamento. I controlli sull attività possono essere svolti presso le UU.OO. anche su specifica richiesta del personale sanitario dell U.O. ovvero di esposti. È facoltà del personale sanitario della U.O. procedere al riconoscimento diretto di coloro che prestano A.N.S. mediante richiesta di esibizione di documento di riconoscimento personale (carta di identità, patente di guida, passaporto, tessera rilasciata da una pubblica amministrazione, altro) per garantire il corretto adempimento delle prescrizioni del presente regolamento. ART. 11 OGGETTO DELL A.N.S. Le attività oggetto di A.N.S. sono, a titolo esemplificativo e non esaustivo: - igiene personale e cambio della biancheria; - aiuto nell espletamento delle funzioni fisiologiche; - aiuto nella deambulazione (corretto utilizzo di presidi, ausili, attrezzature); - apprendimento e mantenimento di posture corrette; - aiuto nell assunzione dei pasti e delle diete; - igiene della bocca e del viso; - aiuto nella corretta assunzione della terapia orale consegnata dal personale sanitario. Coloro che svolgono A.N.S. sono tenuti ad osservare un comportamento decoroso ed evitare ogni atto che possa recare danno diretto o indiretto alla persona assistita e agli altri degenti, nonché all azienda ULSS e al personale dipendente, o risultare comunque lesivo dell attività istituzionale, degli interessi e del prestigio dell azienda ULSS. ART. 12 PRESCRIZIONI PER L A.N.S. 6

7 Gli operatori a qualunque titolo che svolgono A.N.S. devono: - rispettare le norme e le disposizioni interne che regolamentano la permanenza nell ambito delle UU.OO.; - esporre in maniera visibile il cartellino identificativo da restituire al temine del ricovero; - garantire il cambio delle assistenze rispettando gli orari indicati dalla struttura; - non ostacolare con la propria presenza il regolare andamento delle attività sanitarie; - mantenere un comportamento improntato al massimo rispetto verso il paziente, gli altri degenti ed il personale dell U.O.; - rispettare le norme igienico-sanitarie, organizzative e di sicurezza dell U.O.; - non assistere contemporaneamente più persone ricoverate, fatto salve particolari situazioni che saranno valutate dal personale sanitario; - permanere nella sola stanza della persona assistita e nella sala d attesa dell U.O. allorché invitato ad allontanarsi dal personale dell U.O. in occasione degli orari riservati alle visite mediche o per eseguire interventi di carattere sanitario o quando viene loro richiesto per il buon andamento generale; - non somministrare farmaci, alimenti e/o bevande non preventivamente autorizzate dal personale sanitario dell U.O.; - non prelevare personalmente la biancheria o altro materiale della struttura e non lasciare propri materiali/oggetti nell U.O.; - non utilizzare sedie reclinabili o poltrone durante il giorno; - non utilizzare letti liberi dei degenti durante l attività; - non utilizzare la cucinetta di reparto; - non sostare nei locali di servizio del personale dell U.O.; - non fare opera di propaganda verso altri degenti, familiari o personale sanitario; - non introdurre nella stanza di degenza oggetti che possano ostacolare il regolare funzionamento del servizio ospedaliero o creare rischio di pericolo per sé e per terzi; - attenersi alla massima riservatezza sulle condizioni di salute della persona assistita e degli altri degenti nonché di ogni altra informazione di cui si sia avuta conoscenza in ragione dello svolgimento di A.N.S., ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. n. 196/2003 codice privacy e dell art. 622 codice penale. La violazione delle presenti prescrizioni comporta per l operatore a qualunque titolo che svolge A.N.S. l immediato allontanamento dall U.O. da parte del Coordinatore infermieristico o suo delegato nonché l impossibilità di svolgere A.N.S., anche a favore di altri pazienti per un periodo di un mese. In caso di prima recidiva la sospensione è di tre mesi. In caso di seconda recidiva la sospensione è di due anni a cui si aggiunge se del caso l interdizione temporanea allo svolgimento dell attività nei PP.OO. dell azienda ULSS per il periodo di due anni da parte del soggetto iscritto nell elenco aziendale. ART. 13 PRESCRIZIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE Al personale del ruolo sanitario e tecnico dipendente dall azienda ULSS, oltre a quanto già previsto dalla normativa vigente, è fatto divieto di prestare A.N.S. a tiolo oneroso sia durante l orario di servizio sia al di fuori dello stesso. Il personale dipendente non può fornire nominativi di soggetti che svolgono A.N.S. a titolo oneroso a chicchessia, anche qualora ne sia fatta richiesta. Il personale dipendente non può richiedere a coloro che svolgono A.N.S. di assolvere alle attività di propria competenza. L inosservanza dei suddetti obblighi comporta l assoggettamento del personale dipendente a quanto previsto dal Codice disciplinare. 7

8 ALLEGATI n. 1 Modulo n. 1 ANS richiesta / autorizzazione per assistenza non sanitaria n. 2 Modulo n. 2 ANS nota informativa per assistenza non sanitaria n. 3 Modulo n. 3 ANS cartellino identificativo n. 4 Modulo n. 4 ANS domanda di inserimento nell elenco dei soggetti che svolgono ANS n. 5 Modulo n. 5 ANS avviso per U.O. 8

Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1

Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1 Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1 Delibera del Direttore Generale n. 529 del 19/06/2014 Oggetto: Regolamento per lassistenza Integrativa non Sanitaria nelle UUOO di degenza Proponente:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 Oggetto: AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PRESENZA DI FAMILIARI E PERSONE DELEGATE ALL ASSISTENZA NON SANITARIA INTEGRATIVA NELLE

Dettagli

Allegato alla delibera intercomunale n. 17 del 12/07/2010

Allegato alla delibera intercomunale n. 17 del 12/07/2010 Allegato alla delibera intercomunale n. 17 del 12/07/2010 CRITERI E MODALITA PER L ACCREDITAMENTO DI SOGGETTI EROGATORI PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO IN FAVORE DI PERSONE ANZIANE E/O DISABILI DEL DESTRETTO

Dettagli

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE

CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE CAPITOLATO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NEL COMUNE DI VILLADOSE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto il SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (d ora in avanti: SAD)

Dettagli

La struttura ospedaliera e i rapporti interpersonali con il Personale Sanitario

La struttura ospedaliera e i rapporti interpersonali con il Personale Sanitario La struttura ospedaliera e i rapporti interpersonali con il Personale Sanitario La struttura ospedaliera Due poli ospedalieri strutturalmente diversi; Unità operative con diverse caratteristiche: Ampiezza;

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE

REGOLAMENTO DI GESTIONE Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pagina 1 di 5 REDAZIONE RQ APPROVAZIONE DG Dott.ssa Gavioli Roberta Dott. Luca Secchi. Idl 3 Edizione n 08 del 01/01/2009 Pag.2 di 5 1. FINALITA DELLA STRUTTURA 1.1.

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Tirocinio di Formazione ed Orientamento dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie

ISTRUZIONE OPERATIVA Tirocinio di Formazione ed Orientamento dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Pagina 1 di 15 ISTRUZIONE OPERATIVA Tirocinio di Formazione ed Orientamento dei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Rev. Natura delle modifiche Redazione Verifica Approvazione Data 1 Seconda stesura

Dettagli

(Approvato con delibera n. 3618 del 2/08/2010)

(Approvato con delibera n. 3618 del 2/08/2010) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 REGOLAMENTO DELLE FREQUENZE VOLONTARIE E DEI TIROCINI

Dettagli

Regolamento della Residenza Santa Rita

Regolamento della Residenza Santa Rita Regolamento della Residenza Santa Rita Art.1 PREMESSA La Residenza Santa Rita è una residenza destinata ad ospitare persone anziane autosufficienti e parzialmente autosufficienti di ambo i sessi, che non

Dettagli

L ASSOCIAZIONE BUONA NASCITA ONLUS CON SEDE A CARPI PER LA COLLABORAZIONE AD INIZIATIVE DI SOLIDARIETA E PER TRA

L ASSOCIAZIONE BUONA NASCITA ONLUS CON SEDE A CARPI PER LA COLLABORAZIONE AD INIZIATIVE DI SOLIDARIETA E PER TRA Allegato alla deliberazione n. del CONVENZIONE TRA L'AZIENDA USL DI MODENA E L ASSOCIAZIONE BUONA NASCITA ONLUS CON SEDE A CARPI PER LA COLLABORAZIONE AD INIZIATIVE DI SOLIDARIETA E PER ATTIVATA DI SOSTEGNO

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.

DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12. N. 660 del Reg. Decreti del 04/11/2014 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Arturo Orsini - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 237 del 29.12.2012 OGGETTO: Regolamento

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di:

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di: ALLEGATO 2 dichiarazione sostitutiva Al Comune di CORSICO Via Roma n. 18 20094 CORSICO (MI) OGGETTO: Avviso pubblico per l accreditamento della fornitura di prestazioni domiciliari assistenziali e socio-educative

Dettagli

PATTO DI ACCOGLIENZA (Delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.10.2012, Nr.10)

PATTO DI ACCOGLIENZA (Delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.10.2012, Nr.10) Azienda pubblica di servizi alla persona APSP Fondazione Martinsheim di Castelrotto Vicolo Vogelweider 10 39040 CASTELROTTO PATTO DI ACCOGLIENZA (Delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.10.2012,

Dettagli

IPAB OASI CRISTO RE ACIREALE. Selezione pubblica per titoli e prova d idoneità per. assunzioni a tempo determinato, pieno e/o parziale, di

IPAB OASI CRISTO RE ACIREALE. Selezione pubblica per titoli e prova d idoneità per. assunzioni a tempo determinato, pieno e/o parziale, di IPAB OASI CRISTO RE ACIREALE Selezione pubblica per titoli e prova d idoneità per assunzioni a tempo determinato, pieno e/o parziale, di Operatore socio-assistenziale Cat. B IL SEGRETARIO DIRETTORE AMMINISTRATIVO

Dettagli

SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE

SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE Art. 1 L Associazione Culturale "Amici di Liberi sulla Carta" (in seguito denominate Gli Organizzatori ) organizza Lib(e)ri sulla Carta Fiera dell editoria indipendente

Dettagli

Requisiti specifici di ammissione, da possedere alla data di scadenza del presente avviso:

Requisiti specifici di ammissione, da possedere alla data di scadenza del presente avviso: Atti n. TR/dd all. In esecuzione della delibera n. 1002 del 25/11/2014 AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO LIBERO PROFESSIONALE, DELLA DURATA DI ANNI TRE, DI

Dettagli

ART. 2 REQUISITI PER L AMMISSIONE

ART. 2 REQUISITI PER L AMMISSIONE Casa di Riposo Mons. BENEDETTO BALSAMO Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza Villa Vittorio Veneto, n. 5 90046 MONREALE Codice Fiscale 97176710826 AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI AI

Dettagli

PUBBLICA ASSISTENZA. FRATELLANZA POPOLARE PERETOLA O.N.L.U.S. Associazione Volontaria Soccorso. Via di Peretola, 68 - FIRENZE REGOLAMENTO INTERNO

PUBBLICA ASSISTENZA. FRATELLANZA POPOLARE PERETOLA O.N.L.U.S. Associazione Volontaria Soccorso. Via di Peretola, 68 - FIRENZE REGOLAMENTO INTERNO PUBBLICA ASSISTENZA FRATELLANZA POPOLARE PERETOLA O.N.L.U.S. Associazione Volontaria Soccorso Via di Peretola, 68 - FIRENZE REGOLAMENTO INTERNO Per la disciplina delle attività svolte dai Soci Volontari

Dettagli

Figure professionali: Infermiere con esperienze nell ambito delle attività di cure palliative e assistenziali.

Figure professionali: Infermiere con esperienze nell ambito delle attività di cure palliative e assistenziali. AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA, PER IL CONFERIMENTO DI n. 2 INCARICHI LIBERO-PROFESSIONALI DI INFERMIERE PER LA DURATA DI UNDICI MESI, DA DESTINARE ALL ATTIVITA DI CURE PALLIATIVE SUL TERRITORIO,

Dettagli

AMAP SPA AVVISO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI. * * * Art. 1 - Oggetto del presente Avviso

AMAP SPA AVVISO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI. * * * Art. 1 - Oggetto del presente Avviso AMAP SPA AVVISO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO DEI FORNITORI DI BENI E SERVIZI * * * Art. 1 - Oggetto del presente Avviso 1.1 L AMAP spa, azienda certificata ISO 9001, che attua e mantiene aggiornato il proprio

Dettagli

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini

CASA DI CURA ULIVELLA E GLICINI Standard di qualità ed impegni verso i cittadini E VERSO I CITTADINI RICONOSCERE IL PERSONALE ASPETTI RELAZIONALI UMANIZZAZIONE Garantire la riconoscibilità del personale che svolge servizio al pubblico Garantire il miglioramento dei rapporti tra gli

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO CARTA DEI SERVIZI: SCHEDA INFORMATIVA DEL SERVIZIO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BIBBIANO Pagina 1 di 10 Rev.0- maggio 2014 Il servizio di assistenza domiciliare del Comune di BIBBIANO

Dettagli

DISCIPLINA DELLA FREQUENZA VOLONTARIA E DEL TIROCINIO PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA S.S.L. N. 10 VENETO ORIENTALE.

DISCIPLINA DELLA FREQUENZA VOLONTARIA E DEL TIROCINIO PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA S.S.L. N. 10 VENETO ORIENTALE. Pagina 1 di 10 DISCIPLINA DELLA FREQUENZA VOLONTARIA E DEL TIROCINIO PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA S.S.L. N. 10 VENETO ORIENTALE. Pagina 2 di 10 TITOLO I INDICE Art 1 FREQUENZE CONSENTITE... Pag. 3

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

chiede La denominazione dell agenzia sarà: (in via principale) (4)... (in via subordinata, in ordine di preferenza)...

chiede La denominazione dell agenzia sarà: (in via principale) (4)... (in via subordinata, in ordine di preferenza)... Marca da bollo 14,62 LEGGE REGIONALE 4 NOVEMBRE 2002, N. 33, ART. 65: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA DI UNA AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO NEL COMUNE DI CAP, VIA/PIAZZA, N. Alla Provincia di Verona

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA PRESSO LA FONDAZIONE CASA DI SOGGIORNO PER ANZIANI ONLUS - BEDIZZOLE

CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA PRESSO LA FONDAZIONE CASA DI SOGGIORNO PER ANZIANI ONLUS - BEDIZZOLE Contratto di Ingresso CDI M.AMM/9 Rev.03 01/15 CONTRATTO DI ASSISTENZA SOCIO-SANITARIA PRESSO LA FONDAZIONE CASA DI SOGGIORNO PER ANZIANI ONLUS - BEDIZZOLE TRA La FONDAZIONE CASA DI SOGGIORNO PER ANZIANI

Dettagli

OSPEDALE SAN BASSIANO Bassano del Grappa

OSPEDALE SAN BASSIANO Bassano del Grappa OSPEDALE SAN BASSIANO Bassano del Grappa REGOLAMENTO Il presente regolamento dell Ospedale San Bassiano è stato redatto nel rispetto e in applicazione della Carta dei diritti e dei doveri dell'ammalato,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI COMUNE DI MOGGIO UDINESE Provincia di Udine P.ZZA UFFICI, 1 C.F. 8400 1550 304 TEL. 0433 / 51177-51877-51888 www.comune.moggioudinese.ud.it medaglia d'oro al valore civile C.A.P. 33015 P. I.V.A. 01 134

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE IL / LA SOTTOSCRITTO/A (compilare a stampatello) COGNOME E NOME DOMANDA DI ISCRIZIONE AL CORSO SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE NATO A PROV IL CODICE FISCALE PARTITA IVA RESIDENTE A CAP VIA N DOMICILIATO

Dettagli

C I T T A D I T A O R M I N A

C I T T A D I T A O R M I N A C I T T A D I T A O R M I N A PROVINCIA DI MESSINA Servizio di Solidarieta Sociale Oggetto: CONTRATTO PER I SERVIZI DI AIUTO DOMESTICO DISABILI GRAVI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO DEL VOLONTARIO Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Milano

REGOLAMENTO DEL VOLONTARIO Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Milano REGOLAMENTO DEL VOLONTARIO Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Sezione Provinciale di Milano Premessa La premessa è parte integrante e sostanziale del presente regolamento. I volontari della Lega

Dettagli

COMUNE DI ZERO BRANCO (Provincia di Treviso)

COMUNE DI ZERO BRANCO (Provincia di Treviso) COMUNE DI ZERO BRANCO (Provincia di Treviso) Prot 9689 lì, 20 luglio 2011 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI RILEVATORE PER IL 15 CENSIMENTO GENERALE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA

AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA AZIENDA OSPEDALIERA - ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA CONVENZIONE PER ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO Rep. n. Verona, L'anno duemilanove il giorno del mese di TRA L'Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE Art. 1 AMMISSIONE ALLA FIERA Possono essere ammessi come espositori: a) Le aziende italiane ed estere

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI FINALIZZATA ALLA FORMAZIONE DI UNAGRADUATORIA DI RILEVATORI

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER SOLI TITOLI FINALIZZATA ALLA FORMAZIONE DI UNAGRADUATORIA DI RILEVATORI ALLEGATO A COMUNE DI CIVATE Via A. Manzoni n. 5-23862 CIVATE (LC) C.F. n. 00505190132 Part. IVA n. 00505190132 Tel. 0341/213111 - Telefax 0341/213350 e-mail: segreteria@comune.civate.lc.it AMBITO ORGANIZZATIVO

Dettagli

COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO. Tel. 0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@ihnet.it

COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO. Tel. 0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@ihnet.it COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO Tel. 0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@ihnet.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI OSASCO

Dettagli

Regolamento della biblioteca del Centro Multilingue Bolzano e della Mediateca Multilingue Merano

Regolamento della biblioteca del Centro Multilingue Bolzano e della Mediateca Multilingue Merano Regolamento della biblioteca del Centro Multilingue Bolzano e della Mediateca Multilingue Merano 1. Finalità ed obiettivi generali La biblioteca del Centro Multilingue di Bolzano (CML) e la Mediateca Multilingue

Dettagli

via S.Donino 30 25128 BRESCIA tel. 030 3061047 tel. 030 3061525 NORME DI QUALIFICAZIONE Avviso pubblicato su GUUE 2014/S 145-261404

via S.Donino 30 25128 BRESCIA tel. 030 3061047 tel. 030 3061525 NORME DI QUALIFICAZIONE Avviso pubblicato su GUUE 2014/S 145-261404 via S.Donino 30 25128 BRESCIA tel. 030 3061047 tel. 030 3061525 NORME DI QUALIFICAZIONE Avviso pubblicato su GUUE 2014/S 145-261404 Sistema di qualificazione imprese per FORNITURA AUTOBUS ALIMENTATI A

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

OGGETTO: AVVISO ESPLORATIVO PER ACQUISIRE MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

OGGETTO: AVVISO ESPLORATIVO PER ACQUISIRE MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA COMUNE DI ISILI PROVINCIA DI CAGLIARI C.A.P.08033 - TEL.0782/802013-802118 - P.I.00159990910 ********************** UNITA' OPERATIVA SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE Tel 0782 80446/67 fax 0782 804469

Dettagli

Facciamo seguito alla Circolare n. 31/2014 del 7 febbraio u.s., per fornire ulteriori istruzioni operative sul tema indicato in oggetto.

Facciamo seguito alla Circolare n. 31/2014 del 7 febbraio u.s., per fornire ulteriori istruzioni operative sul tema indicato in oggetto. A TUTTI GLI ASSOCIATI Novara, 13 marzo 2014 Circolare n 32/2014 Oggetto: ASSISTENZA SANITARIA AGGIUNTIVA (A.S.A.) Facciamo seguito alla Circolare n. 31/2014 del 7 febbraio u.s., per fornire ulteriori istruzioni

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Comune di Gudo Visconti

Comune di Gudo Visconti Il Comune di Gudo Visconti, al fine di pervenire alla stipula delle convenzioni per il periodo settembre 2013 agosto 2016 per l attività di trasporto sociale in favore di soggetti anziani e diversamente

Dettagli

FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 Modello B Gara 3-f-2015 FAC SIMILE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UFFICIO GARE E

Dettagli

CONTRATTO TRA IL COMUNE DI TERNI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI E CULTURALI E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE

CONTRATTO TRA IL COMUNE DI TERNI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI E CULTURALI E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE CONTRATTO TRA IL COMUNE DI TERNI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI E CULTURALI E LA SOCIETA COOPERATIVA SOCIALE EDIT PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA LUDOTECA LA FRECCIA AZZURRA 1 SEMESTRE 2013. L anno duemilatredici,

Dettagli

Disciplinare di gara. Il plico contenente la domanda di partecipazione unitamente alle offerte, pena l esclusione dalla

Disciplinare di gara. Il plico contenente la domanda di partecipazione unitamente alle offerte, pena l esclusione dalla PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI LAVAGGIO E SISTEMAZIONE DELLA VETRERIA E DEI MATERIALI DI LABORATORIO, PULIZIA DELLA STRUMENTAZIONE E DELLE SUPPELLETTILI DI LABORATORIO DELL AGENZIA

Dettagli

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA

L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA REGIONE ABRUZZO L.R. 23.11.2012, N. 57 INTERVENTI REGIONALI PER LA VITA INDIPENDENTE LINEE GUIDA Art. 1 - Obiettivi e finalità 1. Per "vita indipendente", nell'ambito delle presenti linee-guida, si intende

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME ISVAP

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME ISVAP CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME ISVAP PER AGENTI E BROKER Organizzato da Per informazioni: formazione@finanzaediritto.it www.editricelefonti.it Chi siamo Editrice Le Fonti è una primaria casa editrice

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

AZIENDA SPECIALE PER I SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI MONTESILVANO

AZIENDA SPECIALE PER I SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI MONTESILVANO AZIENDA SPECIALE PER I SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI MONTESILVANO AVVISO PUBBLICO AI FINI DELLA FORMULAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER TITOLI E COLLOQUIO, DA CUI ATTINGERE PER EVENTUALI ASSUNZIONI A TEMPO

Dettagli

VADEMECUM DI ORIENTAMENTO ALL APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO ASSISTENZIALE (TIROCINIO CLINICO) ANNO ACCADEMICO 2014/2015

VADEMECUM DI ORIENTAMENTO ALL APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO ASSISTENZIALE (TIROCINIO CLINICO) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo di Ascoli Piceno VADEMECUM DI ORIENTAMENTO ALL APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO ASSISTENZIALE

Dettagli

Regolamento per la Disciplina dei Rapporti tra le Organizzazioni di Volontariato e l Istituto Nazionale Tumori - IRCCS Fondazione Pascale

Regolamento per la Disciplina dei Rapporti tra le Organizzazioni di Volontariato e l Istituto Nazionale Tumori - IRCCS Fondazione Pascale Regolamento per la Disciplina dei Rapporti tra le Organizzazioni di Volontariato e l Istituto Nazionale Tumori - IRCCS Fondazione Pascale ART. 1 (oggetto) 1. Il presente regolamento disciplina i criteri

Dettagli

OGGETTO: REGOLAMENTO Visite guidate, viaggi di istruzione, viaggi di studio, soggiorni-studio.

OGGETTO: REGOLAMENTO Visite guidate, viaggi di istruzione, viaggi di studio, soggiorni-studio. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. MARCONI Via della Costituente, 2 43100 PARMA Tel +39.0521.282.043 - Fax +39.0521.231.353 Sito web: www.lmarconi.pr.it E-mail: marconi@lmarconi.pr.it OGGETTO: REGOLAMENTO Visite

Dettagli

C.A.P.08033 - TEL.0782/802013-802118 - P.I.00159990910 ********************** UNITA' OPERATIVA SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE

C.A.P.08033 - TEL.0782/802013-802118 - P.I.00159990910 ********************** UNITA' OPERATIVA SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE COMUNE DI ISILI PROVINCIA DI CAGLIARI C.A.P.08033 - TEL.0782/802013-802118 - P.I.00159990910 ********************** UNITA' OPERATIVA SERVIZI SOCIALI E PUBBLICA ISTRUZIONE Tel 0782 80446/67 fax 0782 804469

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI 7 COORDINATORI E 35 RILEVATORI PER LO SVOLGIMENTO DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI 7 COORDINATORI E 35 RILEVATORI PER LO SVOLGIMENTO DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI ALLEGATO A AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI 7 COORDINATORI E 35 RILEVATORI PER LO SVOLGIMENTO DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI Art. 1 Finalità L Ufficio Comunale di Censimento,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA Via Laura Bassi Veratti, 20 40137 BOLOGNA - C.F. 91360430374 boic88000g@istruzione.it Prot. n 2437/B15 Bologna, 14 Aprile 2014 BANDO PUBBLICO finalizzato alla fornitura

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO LODIGIANO (Prov. di Lodi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 25 del 26.06.2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZELLA, BRIGUGLIO, GIULIO CONTI, BELLOTTI. Disciplina della professione di investigatore privato

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZELLA, BRIGUGLIO, GIULIO CONTI, BELLOTTI. Disciplina della professione di investigatore privato Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 677 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PEZZELLA, BRIGUGLIO, GIULIO CONTI, BELLOTTI Disciplina della professione di investigatore

Dettagli

Unità Operativa di Chirurgia

Unità Operativa di Chirurgia Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi

Dettagli

COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICIALIARE AGLI ANZIANI (approvato con delibera di G.C. n. 73 del 19/07/05) Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICIALIARE AGLI ANZIANI (approvato con delibera di G.C. n. 73 del 19/07/05) Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICIALIARE AGLI ANZIANI (approvato con delibera di G.C. n. 73 del 19/07/05) Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il servizio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 11,

Dettagli

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA

Il presente regolamento individua e disciplina le procedure per la gestione del personale alle dipendenze del VIVI CISVOL - CSV VIBO VALENTIA CENTRO SERVIZI PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato dal comitato direttivo nella seduta del 15 Marzo 2012 1 Il presente regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO

CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO AMMISSIONE AL SERVIZIO 1. Gli utenti del servizio di trasporto gestito da ATAF&Li-nea, per usufruire del servizio stesso, sono tenuti, ai sensi dell art. 25 della L.R.

Dettagli

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER L AMMISSIONE AL TIROCINIO POST LAUREAM RISERVATO AI LAUREATI IN PSICOLOGIA

Dettagli

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI

Art. 12- Informazioni rese al momento della raccolta INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE DI CINQUEFRONDI (Approvato con Deliberazione di C. C. N 40 del 22 Novembre 2012) INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Cantoria Stagione 2015/16

Cantoria Stagione 2015/16 Stagione 2015/16 Si trasmette: DA CONSEGNARE in occasione della lezione del 31/10/2015 ad un incaricato del Settore Education; gli assenti dovranno concordare un appuntamento per la consegna, che non potrà

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI ALLEGATO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI Azioni di miglioramento a seguito delle criticità riscontrate in: 1. INFORMAZIONE ED ACCOGLIENZA NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL ASP 2. ASPETTI ALBERGHIERI:

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 8 - ASOLO (TV)

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 8 - ASOLO (TV) REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 8 - ASOLO (TV) BANDO DI CONCORSO PUBBLICO riservato agli appartenenti alle categorie protette, di cui all art. 18 2 comma DELLA LEGGE N. 68 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.)

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.) Approvato con deliberazione n. 271 del 29.07.10 del Consiglio Comunale REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA ZONA A TRAFFICO LIMITATO (Z.T.L.) Art. 1 Oggetto e finalità Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA L'Azienda Sanitaria Locale di Nuoro (di seguito Azienda ) adotta il presente Regolamento per

Dettagli

RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI. Il/La Sottoscritto/a (cognome e nome) nato/a a. il,residente a ( prov. ) in Via/Piazza n

RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI. Il/La Sottoscritto/a (cognome e nome) nato/a a. il,residente a ( prov. ) in Via/Piazza n RICHIESTA RISARCIMENTO DANNI Al Sindaco del Comune di Prato Il/La Sottoscritto/a (cognome e nome) nato/a a il,residente a ( prov. ) in Via/Piazza n domiciliato/a in ( prov. ) in Via recapito telefonico

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALLEGATO 2 ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con questo documento si intende offrire: - una precisazione in ordine ai termini ed ai concetti più frequentemente richiamati dalla normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Introduzione Il presente Regolamento definisce criteri e modalità a cui SSM SpA deve attenersi nel processo di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DEI TRASPORTI FUNEBRI CAPO I CLASSIFICAZIONE DEL TRASPORTO FUNEBRE ART. 1 (Definizione di trasporto funebre) Per trasporto funebre si intende il

Dettagli

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PUBBLICA PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI AD OPERATORI ASA / OSS

AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PUBBLICA PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI AD OPERATORI ASA / OSS AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PUBBLICA PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI AD OPERATORI ASA / OSS L AZIENDA PER I SERVIZI ALLA PERSONA G.LUIGI PANZERI S.R.L. INTENDE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO REGOLAMENTO DEL CENTRO GIOVANI AMO Ancilla Marighetto Ora E DEI SEGUENTI SUOI SERVIZI: SPAZIO GIOVANI, SALA PROVE, SALA TEATRO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento stabilisce

Dettagli

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI

DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI DISCIPLINARE DI FORNITURA DEL SERVIZIO DI STAMPA DI LOCANDINE E MANIFESTI PER PROMOZIONE EVENTI FINALI NELL AMBITO DEL PROGETTO ALP CAMPUS GIOVANI FINANZIATO DALL U.P.I. ALL INTERNO DEL PROGRAMMA AZIONE

Dettagli

CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3

CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3 Via Dante 93 28047 OLEGGIO (No) C.F. 80000490039 CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3 In esecuzione alla deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

DISCIPLINARE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

DISCIPLINARE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO DISCIPLINARE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 STAZIONE APPALTANTE Comune di Scandicci (Provincia di Firenze) Piazzale della Resistenza n. 1 50018 SCANDICCI Tel.

Dettagli

Bando per la selezione di n. 10.481 volontari da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all estero.

Bando per la selezione di n. 10.481 volontari da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all estero. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Bando per la selezione di n. 10.481 volontari da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all estero. IL CAPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE. (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con deliberazione di C.C. N 5 del 13.3.2008) CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art. 2 - Definizioni Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VEDANO OLONA (Provincia di Varese) REGOLAMENTO COMUNALE IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA (Approvato con delibera di C.C. n. 14 del 31/03/2008) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

Al Sindaco del Comune di Castiglione del Lago Settore Sviluppo Economico Piazza Gramsci n. 1 06061 Castiglione del Lago

Al Sindaco del Comune di Castiglione del Lago Settore Sviluppo Economico Piazza Gramsci n. 1 06061 Castiglione del Lago Al Sindaco del Comune di Castiglione del Lago Settore Sviluppo Economico Piazza Gramsci n. 1 06061 Castiglione del Lago COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI PER CONTO TERZI (APERTURA TRASFERIMENTO

Dettagli

RESIDENZA PER ANZIANI DI ODERZO

RESIDENZA PER ANZIANI DI ODERZO RESIDENZA PER ANZIANI DI ODERZO Via Luzzatti n. 33-31046 ODERZO (TV) - Tel. 0422/507711, Fax 0422/710950 Prot. n. 1870 SCADENZA 01/06/2015 Oderzo, 30/04/2015 AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA ESTERNA PER LA

Dettagli

Modello di contratto. Collaborazione coordinata e continuativa nella modalità a progetto

Modello di contratto. Collaborazione coordinata e continuativa nella modalità a progetto Modello di contratto Collaborazione coordinata e continuativa nella modalità a progetto MODELLO DI CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITÀ A PROGETTO... [Committente], in persona

Dettagli

Spett.le Direzione ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI Via Baganzani, 11 37124 VERONA

Spett.le Direzione ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI Via Baganzani, 11 37124 VERONA RICHIESTA N. PERVENUTA IL DISTRETTO N. RICOVERATO A ( ) A DOMICILIO ( ) COMUNE Spett.le Direzione ISTITUTO ASSISTENZA ANZIANI Via Baganzani, 11 37124 VERONA I sottoscritti presentano formale D O M A N

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA PROVINCIA DELL AQUILA BANDO PROVINCIA MEDIANTE PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RIGUARDANTE GLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DEL RISCHIO RC AUTO,

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI TRA

ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI TRA ACCORDO QUADRO PER L INSERIMENTO DI MINORI E MADRI CON BAMBINI IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMI-RESIDENZIALI L anno 2015, il mese di., il giorno TRA la struttura residenziale/semiresidenziale denominata....

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO CASA GIADA. Via Piana di Lanna 82026 Pontelandolfo (BN) Tel.fax 0824.859012 coopgiada@libero.

CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO CASA GIADA. Via Piana di Lanna 82026 Pontelandolfo (BN) Tel.fax 0824.859012 coopgiada@libero. CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO CASA GIADA Via Piana di Lanna 82026 Pontelandolfo (BN) Tel.fax 0824.859012 coopgiada@libero.it PRINCIPI E FONDAMENTI La presente Carta dei servizi ha come fonte d ispirazione

Dettagli