REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA. nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA. nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELL ASSISTENZA NON SANITARIA nelle unità operative dei presidi ospedalieri di Castelfranco Veneto e Montebelluna approvato con deliberazione n. 419 del 10 aprile 2014 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12 Art. 13 Oggetto e definizioni Responsabilità Orari di accesso alle unità operative Esclusioni dell A.N.S. Domanda di inserimento nell elenco aziendale dei soggetti che svolgono A.N.S. Termini e obblighi Elenco aziendale dei soggetti che svolgono A.N.S. Richiesta di A.N.S. Modalità per lo svolgimento di A.N.S. Verifiche sull attività di A.N.S. Oggetto dell A.N.S. Prescrizioni per l A.N.S. Prescrizioni per il personale dipendente Azienda UL.SS. n. 8 - via Forestuzzo, Asolo (TV) - tel. 0423/ fax 0423/ c.f. e p. i.v.a u.o. affari generali e legali - via Forestuzzo, Asolo (TV) - tel. 0423/ fax 0423/ e mail: Z : \ 2 0 _A FF ARI G E N ER ALI \ regolam enti a z ie n da li\direz ione m e dica\ass ist enza n o n sanita ria\tes t i de f init iv i \A N S_0_REGOLA M EN T O_ da approv a re. d ocx

2 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DI ASSISTENZA NON SANITARIA NELLE UNITÀ OPERATIVE DEI PRESIDI OSPEDALIERI DI CASTELFRANCO VENETO E MONTEBELLUNA ART. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI Il presente regolamento disciplina la presenza di familiari o di persone delegate, a titolo gratuito od oneroso, per lo svolgimento dell Assistenza Non Sanitaria (A.N.S.) a favore delle persone ricoverate nelle Unità Operative (UU.OO.) dei Presidi Ospedalieri (PP.OO.) dell azienda ULSS 8 al di fuori dell orario di visita. Per assistenza non sanitaria si intende ogni attività di sorveglianza e di supporto personale, relazionale e affettivo prestata alla persona ricoverata. L assistenza sanitaria alle persone ricoverate è garantita ed erogata esclusivamente dal personale sanitario e tecnico dipendente della struttura ospedaliera. Sono idonei a prestare A.N.S. alle persone ricoverate i seguenti soggetti: 1) a titolo gratuito: a) familiari; b) parenti; c) persone di fiducia; d) associazioni di volontariato; 2) a titolo oneroso: a) persone fisiche con età compresa tra i 18 e i 65 anni; b) assistenti familiari / badanti; c) cooperative; d) agenzie; e) imprese anche individuali. ART. 2 RESPONSABILITÀ Ogni rapporto giuridico per lo svolgimento di A.N.S. si instaura direttamente ed esclusivamente tra la persona ricoverata o suo rappresentante legale ed i soggetti idonei a rendere le prestazioni di A.N.S.. All azienda ULSS non può essere attribuita alcuna responsabilità derivante da contratto, da fatto illecito o da ogni altro atto o fatto, anche a carattere penale, idoneo a produrla in conformità dell ordinamento giuridico per danni a persone o cose, diretti o indiretti, morali materiali (furti, danneggiamenti e simili) e patrimoniali, posti in essere nello svolgimento delle attività di A.N.S.. L azienda ULSS declina altresì ogni responsabilità per colpa dei soggetti che erogano le prestazioni di A.N.S.. Per i danni derivanti all azienda ULSS o ai propri dipendenti a seguito di prestazioni connesse o collegate con l A.N.S. l ente sanitario ha facoltà di agire secondo le vigenti disposizioni di legge per il risarcimento del danno. 2

3 ART. 3 ORARI DI ACCESSO ALLE UNITÀ OPERATIVE L orario di visita nelle UU.OO. varia a seconda delle UU.OO. L orario di chiusura notturna delle UU.OO. si effettua dalle ore 22 alle ore 7. Eventuali deroghe temporanee agli orari indicati saranno stabilite dalla Direzione medica di ospedale. Il personale delegato all attività di A.N.S. può accedere ai reparti liberamente tra le ore 7 e le ore 21, salvo restrizioni contingenti stabilite dal Coordinatore infermieristico dell U.O., mentre per le assistenze in orario notturno deve presentarsi in reparto entro le ore 22 per consentire la propria identificazione. ART. 4 ESCLUSIONI DELL A.N.S. In considerazione delle particolari esigenze igienico-sanitarie ed organizzative, l A.N.S. è esclusa, di norma, nelle UU.OO. di: - Terapie Intensive; - Dialisi; - Unità Coronarica. Eventuali deroghe saranno motivate e preventivamente autorizzate dal Coordinatore infermieristico di dipartimento o di U.O.. ART. 5 DOMANDA DI INSERIMENTO NELL ELENCO AZIENDALE DEI SOGGETTI CHE SVOLGONO A.N.S. Coloro che intendono effettuare A.N.S. a titolo oneroso a favore di terzi, nonché le associazioni di volontariato, devono presentare all Ufficio Protocollo dell azienda ULSS in via Forestuzzo n Asolo (TV) un apposita domanda di inserimento nell elenco aziendale dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S.. L inserimento nell elenco dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S. nei PP.OO. dell azienda ULSS ha validità biennale. Pertanto, la domanda di inserimento deve essere ripresentata nei termini previsti per il biennio successivo a pena di cancellazione dal predetto elenco. Nella domanda di inserimento i soggetti interessati devono dichiarare, sotto la propria responsabilità, ai sensi dell art. 76 del DPR , n. 445, i seguenti dati e allegare i documenti indicati: A) requisiti di ordine generale (ove pertinenti alla tipologia e forma giuridica): - cognome e nome; - codice fiscale; - denominazione e forma giuridica; - residenza; - sede legale; - legale rappresentante; - recapito postale e telefonico; - partita IVA; B) requisiti tecnico organizzativi (ove pertinenti alla tipologia e forma giuridica): - (da allegare) copia della polizza assicurativa per responsabilità civile verso terzi; - (da allegare) copia della polizza assicurativa per infortuni dei propri operatori a qualunque titolo durante l esercizio di A.N.S. e per tutta la durata della permanenza nei PP.OO.; - (da allegare) elenco su carta intestata per uso interno degli operatori a qualunque titolo aventi un età compresa tra 18 e 65 anni, con indicazione per ciascuno del cognome, nome, data e luogo 3

4 di nascita, residenza, recapito telefonico, partita IVA; - (da allegare) elenco su carta intestata per uso pubblicazione dei medesimi operatori a qualunque titolo con indicazione per ciascuno del cognome, nome, data e luogo di nascita, partita IVA; - (da allegare) statuto o altro atto da cui risulti che l attività di A.N.S. è ricompresa nelle finalità perseguite dal soggetto istante; - tariffe orarie o giornaliere, diurne e notturne, comprensive di IVA se dovuta, applicate per l intera durata del biennio; C) requisiti di idoneità (ove pertinenti alla tipologia e forma giuridica): - iscrizione alla CCIAA con descrizione dell oggetto sociale; - iscrizione in appositi registri / albi nazionali, regionali e provinciali; D) altre dichiarazioni: - dichiarazione di presa visione e di impegno a dare piena ed integrale applicazione senza riserve al presente Regolamento per l A.N.S. nelle UU.OO. dell azienda ULSS, nonché alla normativa vigente in materia di privacy, sicurezza e norme comportamentali; - dichiarazione di esonerare l'azienda ULSS da qualsiasi responsabilità derivante da contratto, da fatto illecito o da ogni altro atto o fatto, anche a carattere penale, idoneo a produrla in conformità dell ordinamento giuridico per danni a persone o cose, diretti o indiretti, morali materiali (furti, danneggiamenti e simili) e patrimoniali, posti in essere nello svolgimento delle attività di A.N.S., nonché da ogni responsabilità per colpa di chi eroga le prestazioni di A.N.S.. Per i soggetti con idoneità plurisoggettiva (società, cooperative, associazioni di volontariato, altro) l attività di A.N.S. deve risultare espressamente nella descrizione del proprio oggetto sociale, statuto o altro atto comprovante la corrispondenza tra le finalità perseguite dai predetti soggetti e l A.N.S.. Verificata la correttezza e completezza della domanda di inserimento, l U.O. Affari Generali e Legali comunica all istante l avvenuto inserimento nell elenco aziendale dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S.. La verifica della domanda ha carattere meramente formale per il solo fine di identificare i soggetti che direttamente o indirettamente hanno accesso alle UU.OO. al di fuori degli orari di visita. Pertanto, la verifica non ha alcuna funzione di accertamento dei requisiti morali e non di chi esercita l A.N.S. e non può essere fonte di responsabilità a carico dell azienda ULSS nei confronti di chicchessia per affidamento fatto da terzi, per negligenza o malafede nell'esecuzione delle prestazioni affidate o per altro danno che ne sia derivato. ART. 6 TERMINI E OBBLIGHI Le domande di inserimento nell elenco aziendale dei soggetti autorizzati a svolgere A.N.S. devono essere presentate entro il 30 novembre di ciascun anno per il successivo biennio. In sede di prima applicazione del presente regolamento le domande del precedente comma devono essere presentate entro il 31 maggio 2014 per il biennio con inizio dell attività al 1 luglio 2014, a seguito di apposita comunicazione da parte dell U.O. Affari Generali e Legali. L U.O. Affari Generali e Legali comunica l avvenuto rilascio dell autorizzazione per l inserimento nell elenco aziendale entro il 31 dicembre di ciascun anno. Gli effetti dell inserimento nell elenco decorrono dal 1 gennaio di ciascun anno e decadono automaticamente al termine del biennio di riferimento. I soggetti inseriti nell elenco aziendale possono richiedere l aggiornamento dei propri operatori a qualsiasi titolo con periodicità semestrale entro il termine del: - 31 maggio per le modifiche / integrazioni aventi effetto dal 1 luglio; 4

5 - 30 novembre per le modifiche / integrazioni aventi effetto dal 1 gennaio. È onere specifico del soggetto inserito nell elenco aziendale garantire nei confronti dei propri operatori a qualunque titolo: - le coperture assicurative per i rischi di responsabilità civile verso terzi nonché per infortuni; - il rispetto di eventuali ulteriori oneri assicurativi e previdenziali di legge; - il rispetto delle norme in materia di contributi previdenziali ed assistenziali, secondo la vigente legislazione italiana; - l applicazione delle condizioni retributive previste dalla normativa vigente in materia di contratti di lavoro; - il possesso delle prescritte certificazioni di regolare soggiorno sul territorio italiano da parte degli operatori stranieri. La violazione dei precedenti obblighi comporta la revoca automatica dell autorizzazione per l inserimento nell elenco dei soggetti che svolgono A.N.S. e l interdizione temporanea allo svolgimento dell attività nei PP.OO. dell azienda ULSS per il periodo di due anni. In caso di recidiva l interdizione in esame è definitiva. In ogni caso si procede alla segnalazione dei fatti alle Autorità competenti. ART. 7 ELENCO AZIENDALE DEI SOGGETTI CHE SVOLGONO A.N.S. L elenco dei soggetti che svolgono A.N.S., distinto per tipologia, è pubblicato nel sito istituzionale dell azienda ULSS nella sezione Amministrazione Trasparente link Altri contenuti link Dati ulteriori link pagina Assistenza non sanitaria. Il ricorso agli spazi pubblicitari multimediali e affissionali all interno dell azienda ULSS è consentito nel rispetto del vigente regolamento in materia. È vietata ogni altra forma di pubblicità. L accertata violazione del divieto comporta la revoca automatica dell autorizzazione per l inserimento nell elenco dei soggetti che svolgono A.N.S. e l interdizione temporanea allo svolgimento dell attività nei PP.OO. dell azienda ULSS per il periodo di due anni. In caso di recidiva l interdizione in esame è definitiva. Nelle UU.OO. sarà data opportuna informazione in riferimento al citato elenco e alle modalità di reperimento mediante affissione di avviso (Allegato n. 5). ART. 8 RICHIESTA DI A.N.S. La richiesta di A.N.S. può pervenire dalla persona ricoverata o suo rappresentante legale e dai familiari quando il paziente si trovi in uno stato di temporanea necessità di sostegno continuativo in base alle proprie condizioni psico-fisiche. Il personale sanitario valuterà l opportunità di richiedere l A.N.S. in relazione alle condizioni psico-fisiche del paziente. ART. 9 MODALITÀ PER LO SVOLGIMENTO DI A.N.S. La richiesta e l autorizzazione di A.N.S prestata a titolo oneroso a favore di terzi, nonché dalle associazioni di volontariato, sono formalizzate mediante la compilazione di apposito modulo, come da Allegato n. 1, che deve riportare: - cognome e nome della persona ricoverata; - relazione con il soggetto che presta l A.N.S.; 5

6 - fasce orarie, diurne e/o notturne, di A.N.S.; - numero del posto letto riferito al cartellino identificativo consegnato alla persona che presta l A.N.S.; - avvenuta consegna della note informativa, come da Allegato n. 2; - data di richiesta; - sottoscrizione del richiedente; - data di rilascio; - sottoscrizione del personale sanitario. Il modulo di richiesta / autorizzazione (Allegato n. 1) è: - conservato in originale dal personale sanitario della U.O.; - consegnato in copia al richiedente per essere esibito in caso di controllo durante l attività di A.N.S.. Per il periodo di ricovero l originale della richiesta / autorizzazione di A.N.S. è conservato nella documentazione infermieristica. Al termine del ricovero la persona autorizzata a prestare A.N.S. deve riconsegnare il cartellino identificativo al personale sanitario della U.O.. È ammesso l uso di camici di colore diverso dal bianco e riportante se del caso solamente il logo del soggetto organizzato. ART. 10 VERIFICHE SULL ATTIVITÀ DI A.N.S. È facoltà dell azienda ULSS procedere alla verifica dell attività di A.N.S. prestata dalle persone all uopo autorizzate. La competenza è demandata ai Coordinatori infermieristici e in caso di assenza ai loro delegati. La Direzione del servizio infermieristico provvede a verificare il rispetto del presente regolamento. I controlli sull attività possono essere svolti presso le UU.OO. anche su specifica richiesta del personale sanitario dell U.O. ovvero di esposti. È facoltà del personale sanitario della U.O. procedere al riconoscimento diretto di coloro che prestano A.N.S. mediante richiesta di esibizione di documento di riconoscimento personale (carta di identità, patente di guida, passaporto, tessera rilasciata da una pubblica amministrazione, altro) per garantire il corretto adempimento delle prescrizioni del presente regolamento. ART. 11 OGGETTO DELL A.N.S. Le attività oggetto di A.N.S. sono, a titolo esemplificativo e non esaustivo: - igiene personale e cambio della biancheria; - aiuto nell espletamento delle funzioni fisiologiche; - aiuto nella deambulazione (corretto utilizzo di presidi, ausili, attrezzature); - apprendimento e mantenimento di posture corrette; - aiuto nell assunzione dei pasti e delle diete; - igiene della bocca e del viso; - aiuto nella corretta assunzione della terapia orale consegnata dal personale sanitario. Coloro che svolgono A.N.S. sono tenuti ad osservare un comportamento decoroso ed evitare ogni atto che possa recare danno diretto o indiretto alla persona assistita e agli altri degenti, nonché all azienda ULSS e al personale dipendente, o risultare comunque lesivo dell attività istituzionale, degli interessi e del prestigio dell azienda ULSS. ART. 12 PRESCRIZIONI PER L A.N.S. 6

7 Gli operatori a qualunque titolo che svolgono A.N.S. devono: - rispettare le norme e le disposizioni interne che regolamentano la permanenza nell ambito delle UU.OO.; - esporre in maniera visibile il cartellino identificativo da restituire al temine del ricovero; - garantire il cambio delle assistenze rispettando gli orari indicati dalla struttura; - non ostacolare con la propria presenza il regolare andamento delle attività sanitarie; - mantenere un comportamento improntato al massimo rispetto verso il paziente, gli altri degenti ed il personale dell U.O.; - rispettare le norme igienico-sanitarie, organizzative e di sicurezza dell U.O.; - non assistere contemporaneamente più persone ricoverate, fatto salve particolari situazioni che saranno valutate dal personale sanitario; - permanere nella sola stanza della persona assistita e nella sala d attesa dell U.O. allorché invitato ad allontanarsi dal personale dell U.O. in occasione degli orari riservati alle visite mediche o per eseguire interventi di carattere sanitario o quando viene loro richiesto per il buon andamento generale; - non somministrare farmaci, alimenti e/o bevande non preventivamente autorizzate dal personale sanitario dell U.O.; - non prelevare personalmente la biancheria o altro materiale della struttura e non lasciare propri materiali/oggetti nell U.O.; - non utilizzare sedie reclinabili o poltrone durante il giorno; - non utilizzare letti liberi dei degenti durante l attività; - non utilizzare la cucinetta di reparto; - non sostare nei locali di servizio del personale dell U.O.; - non fare opera di propaganda verso altri degenti, familiari o personale sanitario; - non introdurre nella stanza di degenza oggetti che possano ostacolare il regolare funzionamento del servizio ospedaliero o creare rischio di pericolo per sé e per terzi; - attenersi alla massima riservatezza sulle condizioni di salute della persona assistita e degli altri degenti nonché di ogni altra informazione di cui si sia avuta conoscenza in ragione dello svolgimento di A.N.S., ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. n. 196/2003 codice privacy e dell art. 622 codice penale. La violazione delle presenti prescrizioni comporta per l operatore a qualunque titolo che svolge A.N.S. l immediato allontanamento dall U.O. da parte del Coordinatore infermieristico o suo delegato nonché l impossibilità di svolgere A.N.S., anche a favore di altri pazienti per un periodo di un mese. In caso di prima recidiva la sospensione è di tre mesi. In caso di seconda recidiva la sospensione è di due anni a cui si aggiunge se del caso l interdizione temporanea allo svolgimento dell attività nei PP.OO. dell azienda ULSS per il periodo di due anni da parte del soggetto iscritto nell elenco aziendale. ART. 13 PRESCRIZIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE Al personale del ruolo sanitario e tecnico dipendente dall azienda ULSS, oltre a quanto già previsto dalla normativa vigente, è fatto divieto di prestare A.N.S. a tiolo oneroso sia durante l orario di servizio sia al di fuori dello stesso. Il personale dipendente non può fornire nominativi di soggetti che svolgono A.N.S. a titolo oneroso a chicchessia, anche qualora ne sia fatta richiesta. Il personale dipendente non può richiedere a coloro che svolgono A.N.S. di assolvere alle attività di propria competenza. L inosservanza dei suddetti obblighi comporta l assoggettamento del personale dipendente a quanto previsto dal Codice disciplinare. 7

8 ALLEGATI n. 1 Modulo n. 1 ANS richiesta / autorizzazione per assistenza non sanitaria n. 2 Modulo n. 2 ANS nota informativa per assistenza non sanitaria n. 3 Modulo n. 3 ANS cartellino identificativo n. 4 Modulo n. 4 ANS domanda di inserimento nell elenco dei soggetti che svolgono ANS n. 5 Modulo n. 5 ANS avviso per U.O. 8

IO-DS- 06 CASA DI CURA VILLA GEMMA PROCEDURE REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) 24/04/2015. Dr. L. Bonandi 24/04/2015

IO-DS- 06 CASA DI CURA VILLA GEMMA PROCEDURE REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) 24/04/2015. Dr. L. Bonandi 24/04/2015 REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) Preparato da: Verificato da: Approvato da: Direttore Sanitario Dr. L. Bonandi Caposala Sig.ra Z. Bertelli Sig.ra A. Briarava Risk Manager Direttore di Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSISTENZA NON SANITARIA (A.N.S.) NELL'AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA

REGOLAMENTO PER L'ASSISTENZA NON SANITARIA (A.N.S.) NELL'AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA Ospedale S. Carlo di Potenza Ospedale S. Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-61 11 11 Codice Fiscale e Partita

Dettagli

E-MAIL: urponline@sanita.padova.it

E-MAIL: urponline@sanita.padova.it Ufficio Relazioni con il Pubblico Interaziendale Offre informazioni, indicazioni sull organizzazione dell Azienda, riceve richieste o segnalazioni. Fornisce indicazioni sull accoglienza dei parenti dei

Dettagli

Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1

Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1 Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1 Delibera del Direttore Generale n. 529 del 19/06/2014 Oggetto: Regolamento per lassistenza Integrativa non Sanitaria nelle UUOO di degenza Proponente:

Dettagli

1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Allegato n. 1 AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Ospedale S. Carlo di Potenza Ospedale S. Francesco di Paola di Pescopagano Via Potito Petrone 85100 Potenza - Tel. 0971-613705 /612545 fax 0971-612667

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO REGOLAMENTO DELLE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI VOLONTARIE PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Approvato con deliberazione n. 8 del 18.01.2013 Regolamento delle collaborazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA VOLONTARIA PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S.

REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA VOLONTARIA PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S. REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA VOLONTARIA PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA POLICLINICO S.ORSOLA- MALPIGHI delibera n. 89 DEL 18.3.2013 PREMESSA Scopo del presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE RICREATIVE E CULTURALI COMUNE DI BASTIDA PANCARANA (Provincia di Pavia) C.F. 86001910180 Partita IVA 00488500182 Telefono 0383 85002 fax 0383 895700 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LOCALI COMUNALI DESTINATI AD ATTIVITA SPORTIVE

Dettagli

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO

Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO Regione del Veneto - AZIENDA U.L.SS. N. 8 ASOLO dipartimento risorse economiche e organizzative unità operativa affari generali e legali - direttore: dott. Carlo Frattin Asolo, 30 aprile 2014 Protocollo

Dettagli

Regolamento in materia di videosorveglianza

Regolamento in materia di videosorveglianza Regolamento in materia di videosorveglianza 1 Art. 1 Finalità L Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (di seguito denominata Azienda) attua un sistema di videosorveglianza esclusivamente per lo svolgimento

Dettagli

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO

AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO AZIENDA USL N. 6 LIVORNO Unità Operativa FORMAZIONE Viale Alfieri, 36-57125 Livorno AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER SOLI TITOLI PER L AMMISSIONE AL TIROCINIO POST LAUREAM RISERVATO AI LAUREATI IN PSICOLOGIA

Dettagli

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag.

Indice. Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria... pag.3. Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria... pag. frequenze volontarie presso le strutture aziendali Revisione n. 3 1 Indice Art. 1 Oggetto e natura giuridica della frequenza volontaria.... pag.3 Art. 2 Requisiti per l ammissione alla frequenza volontaria....

Dettagli

Comune di Gudo Visconti

Comune di Gudo Visconti Il Comune di Gudo Visconti, al fine di pervenire alla stipula delle convenzioni per il periodo settembre 2013 agosto 2016 per l attività di trasporto sociale in favore di soggetti anziani e diversamente

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013

DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 DETERMINA DEL DIRETTORE GENERALE N. 32/DGEN DEL 18/01/2013 Oggetto: AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA PRESENZA DI FAMILIARI E PERSONE DELEGATE ALL ASSISTENZA NON SANITARIA INTEGRATIVA NELLE

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

C O M U N E D I V I L L A D A L M E

C O M U N E D I V I L L A D A L M E C O M U N E D I V I L L A D A L M E (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER I RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA SOLIDARISTICHE Pagina 1 di 7 Art. 1 1. Il Comune,

Dettagli

ALBO ASSISTENTI DOMICILIARI ACCREDITATI

ALBO ASSISTENTI DOMICILIARI ACCREDITATI ALBO ASSISTENTI DOMICILIARI ACCREDITATI Definizione del progetto Albo assistenti domiciliari accreditati L Amministrazione Comunale di Malnate per soddisfare i bisogni di assistenza delle famiglie per

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di:

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di: ALLEGATO 2 dichiarazione sostitutiva Al Comune di CORSICO Via Roma n. 18 20094 CORSICO (MI) OGGETTO: Avviso pubblico per l accreditamento della fornitura di prestazioni domiciliari assistenziali e socio-educative

Dettagli

1.1 DENOMINAZIONE E INDIRIZZO UFFICIALE DELL AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

1.1 DENOMINAZIONE E INDIRIZZO UFFICIALE DELL AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE AVVISO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO PER IL 2011 DEGLI OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA SOTTO SOGLIA (ex artt. 125 e 122, comma 7-bis D. Lgs. 163/2006 e s.m.i) 1.1 DENOMINAZIONE

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

CONTRATTO LIBERO PROFESSIONALE PER IL SERVICE INFERMIERISTICO PRESSO LE U.T.A.P. DI MIRA E NOALE

CONTRATTO LIBERO PROFESSIONALE PER IL SERVICE INFERMIERISTICO PRESSO LE U.T.A.P. DI MIRA E NOALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione Veneto AZIENDA UNITA` LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Sede Legale: MIRANO (VE) Viale Mariutto, 76 Dipartimento Risorse Umane e Materiali ---------------------------------

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA L'Azienda Sanitaria Locale di Nuoro (di seguito Azienda ) adotta il presente Regolamento per

Dettagli

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE INTERVENTI SULLA RETE STRADALE

MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE INTERVENTI SULLA RETE STRADALE MANUTENZIONE STRAORDINARIA STRADE INTERVENTI SULLA RETE STRADALE PRINCIPALE. Modello di autocertificazione / dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà da compilare e sottoscrivere da parte dell offerente

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA PROVINCIA DELL AQUILA BANDO PROVINCIA MEDIANTE PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RIGUARDANTE GLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DEL RISCHIO RC AUTO,

Dettagli

A.R.N.A.S. GARIBALDI CATANIA SETTORE TECNICO PATRIMONIALE AVVISO PUBBLICO

A.R.N.A.S. GARIBALDI CATANIA SETTORE TECNICO PATRIMONIALE AVVISO PUBBLICO AVVISO PUBBLICO per la costituzione dell albo dei collaudatori per l affidamento degli incarichi di collaudo, il cui importo stimato sia inferiore ad 100.000,00 (I.V.A. esclusa), degli interventi aventi

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO (Adottato con DEC. n. 470/2010 - Modificato ed integrato con DEC. n. 24/2011) INDICE Art. n. 1 Oggetto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ESPERTO SPOT PUBBLICITARIO PRODUZIONE MATERIALI

AVVISO PUBBLICO ESPERTO SPOT PUBBLICITARIO PRODUZIONE MATERIALI 1 CIRCOLO DIDATTICO San Giovanni Bosco 70024 Gravina in Puglia - Corso Vittorio Emanuele, 32/34 Tel. - Fax 080-322-1229 www.scuolasgboscogravina.it Prot. n. 3388/B39 Gravina in Puglia, 14.12.2011 AVVISO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI M.I.U.R. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ambito Territoriale per la Provincia di Roma ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ORAZIO POMEZIA (ROMA)

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGOLAMENTO DELLE FREQUENZE VOLONTARIE E DEI TIROCINI PRESSO LE STRUTTURE DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA 1 PREMESSA Ai sensi della Legge 24 giugno 1997, n. 196, del Decreto Ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI O ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI O ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI CITTIGLIO - PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI O ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 18 DEL 14/04/2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Allegato A alla deliberazione n. del DISCIPLINARE D INCARICO LIBERO PROFESSIONALE PER L EFFETTUAZIONE DI PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESSO L U.O. CURE PALLIATIVE HOSPICE DI ORZINUOVI. Tra l AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

I N D I C E. 1 Oggetto e finalità del regolamento Principi generali. 2 Criteri generali di utilizzo ed ambito di applicazione

I N D I C E. 1 Oggetto e finalità del regolamento Principi generali. 2 Criteri generali di utilizzo ed ambito di applicazione COMUNE DI VEZZI PORTIO (PROVINCIA DI SAVONA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA ADOTTATO CON DELIBERAZIONE C.C. n 34 DEL 27/11/2014 I N D I C E Articolo 1 Oggetto

Dettagli

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorpapardopiemonte.it REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE Ctr. Papardo 98158 Messina - tel.090-3991 Codice Fiscale e Partita IVA 03051880833 Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email:

Dettagli

IO 06.01.01 ALLEGATO - REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE

IO 06.01.01 ALLEGATO - REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE VOLSCA AMBIENTE E SERVIZI S.p.A. Sede: Corso della Repubblica, 125 00049 Velletri (RM) Tel. (06)96154012-14; Fax (06)96154021 Indirizzo e-mail: info@volscambiente.it Posta Certificata:volscaservizispa@legalmail.it

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI GUDO VISCONTI

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA DI TRASPORTO SOCIALE IN FAVORE DI CITTADINI ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI GUDO VISCONTI Il Comune di Gudo Visconti, al fine di pervenire alla stipula delle convenzioni per il periodo luglio 2010 giugno 2013 per l attività di trasporto sociale in favore di soggetti anziani e diversamente abili

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorapapardopiemonte.it

Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email: @aorapapardopiemonte.it REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO-PIEMONTE Ctr. Papardo 98158 Messina - tel.090-3991 Codice Fiscale e Partita IVA 03051880833 Affari Generali www.aorpapardopiemonte.it email:

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 198 DEL 28.08.2015 OGGETTO: Approvazione Modalità per l utilizzo dei locali dell ESU di Verona adibiti ad uso palestra. RICHIAMATO l art. 14 comma 5 della Legge Regionale del 07

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITÀ. Approvato con Deliberazione C.C. nr. 14 del 26 giugno 2012

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITÀ. Approvato con Deliberazione C.C. nr. 14 del 26 giugno 2012 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITÀ Approvato con Deliberazione C.C. nr. 14 del 26 giugno 2012 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il Comune di Lozza volendo garantire nell

Dettagli

TRA LE PARTI PREMESSO

TRA LE PARTI PREMESSO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALLA COOPERATIVA SOCIALE CASA BIANCA DELLA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO-REINSERIMENTO LAVORATIVO, DI AFFIANCAMENTO E SUPPORTO EDUCATIVO A FAVORE DI UTENTI SEGUITI

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI. C:\Users\rodania\AppData\Local\Temp\Avviso pubblico incarichi professionisti.

COMUNE DI POGGIBONSI SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI. C:\Users\rodania\AppData\Local\Temp\Avviso pubblico incarichi professionisti. COMUNE DI POGGIBONSI Piazza Cavour, n. 2 Tel. 0577 / 9861 53036 POGGIBONSI Fax 0577/ 986361 codice fiscale 00097460521 Fax 0577/986329 Email operepubbliche@comune.poggibonsi.si.it SETTORE LAVORI PUBBLICI

Dettagli

N. REP. 719095 Pag. 1/5

N. REP. 719095 Pag. 1/5 N. REP. 719095 Pag. 1/5 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA, PER SOLI TITOLI, PER SOSTITUZIONI BREVI, FINO A GG. 15, IN QUALITA DI AIUTO CUOCO PRESSO LE MENSE SCOLASTICHE COMUNALI. IL

Dettagli

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento

Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Prot. n. 2012/95607 Direzione Centrale del Personale Ufficio Selezione e inserimento Selezione pubblica, ai sensi della legge 12 marzo 1999, n. 68, per l assunzione a tempo indeterminato di 8 unità per

Dettagli

COMUNE DI LONATE CEPPINO Prov. di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI VOLONTARI ANZIANI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI LONATE CEPPINO Prov. di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI VOLONTARI ANZIANI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI LONATE CEPPINO Prov. di Varese REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DI VOLONTARI ANZIANI PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA 1 Indice dei contenuti PREMESSE Pag. 03 Oggetto e Finalità del Regolamento

Dettagli

Manuale operativo. per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO

Manuale operativo. per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Manuale operativo per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 264 del 18.12.2014 E integrato dgc n. 2 del 13.1.2015

Dettagli

SELEZIONE POSIZIONE C SCADENZA: 29 LUGLIO 2011

SELEZIONE POSIZIONE C SCADENZA: 29 LUGLIO 2011 SELEZIONE POSIZIONE C SCADENZA: 29 LUGLIO 2011 AVVISO DI SELEZIONE, PER ESAMI, PER ASSUNZIONE CON CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DI N 04 OPERAI DISTRIBUZIONE (LIVELLO 2 CCNL GAS ACQUA)

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Pubblicato su GURS n. 3 del 27/02/2015 - scadenza 19/03/2015

Pubblicato su GURS n. 3 del 27/02/2015 - scadenza 19/03/2015 AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE AVVISO PUBBLICO Pubblicato su GURS n. 3 del 27/02/2015 - scadenza 19/03/2015 D.A. 2536 del 02.12.2011. Riordino e riorganizzazione della rete nei punti nascita. Si rende noto

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di:

Il sottoscritto nato a il residente in Via n. nella sua qualità di: ALLEGATO 2 modello dichiarazione Al Comune di CORSICO Via Roma n. 18 20094 CORSICO (MI) OGGETTO: procedura di cottimo fiduciario per l organizzazione e la gestione dei Centri Estivi 2013. Dichiarazione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 14 del 4 marzo 2002 AZIENDA OSPEDALIERA - OSPEDALE CIVILE - Via Tescione 81100 Caserta - Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 posto

Dettagli

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città

Allegato B. Spett. le. Via Cap - Città Prot. n. Cagliari, Spett. le Via Cap - Città OGGETTO: Procedura di affidamento diretto del servizio in economia inerente all imputazione sul SIL Sardegna dei dati relativi allo stato di attuazione degli

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE Approvato con deliberazione n. 5 del 15.06.2011 INDICE Art. 1 ) Oggetto del Regolamento Art. 2 ) Istituzione e finalità dell Albo on line Art. 3 ) Finalità

Dettagli

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII

CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII CONTRATTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI CONNESSI ALLA BALNEAZIONE SU SPIAGGE LIBERE IN CONCESSIONE AL MUNICIPIO XIII Il giorno 2006, presso la sede della Direzione Unità Organizzativa Ambiente e Litorale

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO H) BANDO PER LA SELEZIONE DI 530 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 530 giovani, da avviare al servizio civile

Dettagli

CONTRATTO D INGRESSO IN R.S.A DGR 3540/2012

CONTRATTO D INGRESSO IN R.S.A DGR 3540/2012 CONTRATTO D INGRESSO IN R.S.A DGR 3540/2012 OGG: Presa in carico utente RSA Vista la richiesta relativa all inserimento del Sig./Sig. ra nato/ a il residente a in via n. CAP C.F. tessera sanitaria TRA

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO DEL VOLONTARIATO PER SCOPI DI PUBBLICA UTILITA Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento. Principi generali 1. Il Comune di Cerro al Lambro riconosce

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON LINE ENTE PARCO DEL BEIGUA parco naturale regionale Sede amministrativa: Via G. Marconi 165 16011 Arenzano (GE) tel. 010 8590300 fax 010 8590064 e-mail e-mail: info@parcobeigua.it www.parcobeigua.it European

Dettagli

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE DEI DATI NEL SITO WEB ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE DEI DATI NEL SITO WEB ISTITUZIONALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Istituto Comprensivo Statale "Don Lorenzo Milani" 37066 Sommacampagna (Verona) - Via Bassa n. 6 Tel.

Dettagli

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX - DIREZIONE Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO RISERVATO AI CENTRI ANZIANI DI ROMA E PROVINCIA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE Articolo 1:Contesto normativo 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di pubblicazione sul sito informatico dell'istituto Comprensivo di Castellucchio di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNE DI CORDOVADO Provincia di Pordenone Area Segreteria Area Segreteria/Istruzione/Cultura/Sport Tel 0434/68075 Fax 0434/68319 P.zza Cecchini 24 33073 Cordovado C.F. 80005330933 P. IVA 00410680938 www.comune.cordovado.pn.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE COMUNITÀ MONTANA DEL PINEROLESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE Approvato con deliberazione di Giunta Esecutiva n. 144 del 28 novembre 2011 Articolo 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

GARA D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E

GARA D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E GARA D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E MESSA A NORMA DELL EDIFICIO SCUOLA MEDIA PIERO CIRONI (GARA N. 411). Modello di autocertificazione / dichiarazione sostitutiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO Allegato 1 d.d.g. n. 259/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO 1 di 6 ARTICOLO 1 Oggetto e definizioni 1. Il Regolamento ha lo scopo di disciplinare i rapporti fra l Azienda

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

L' I N I Z I O A T T I V I T A'

L' I N I Z I O A T T I V I T A' COMUNE DI RICCIONE Attività Produttive Polizia Amministrativa AL COMUNE DI RICCIONE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE

Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE Ordine dei Giornalisti Lombardia MODALITA DI ISCRIZIONE ALL ELENCO PUBBLICISTI DEI COLLABORATORI DI EMITTENTI RADIOTELEVISIVE Sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ED VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ED VANTAGGI ECONOMICI ALLEGATO A) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO E PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI ED VANTAGGI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI E ENTI AI SENSI DELL ART.12 L.241/1990. Sommario Sommario...2 TITOLO I

Dettagli

COMUNE DI SARROCH. Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH. Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari S E T T O R E S E R V I Z I S O C I A L I AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

Dettagli

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online

Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Raccolta Regolamenti ARPAV n. 35 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per la gestione delle procedure di pubblicazione all albo online Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

Impegnativa di Cura Domiciliare

Impegnativa di Cura Domiciliare AZIENDA ULSS N. - DISTRETTO S.S. N. COMUNE DI Impegnativa di Cura Domiciliare MODULO DI DOMANDA PER L ACCESSO ALL IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI - DGR 1338 DEL 30.07.2013

Dettagli

residente nel Comune di ( ) in via n. - frazione domiciliato nel Comune di ( ) in via n. - frazione Medico di Medicina Generale, dr.

residente nel Comune di ( ) in via n. - frazione domiciliato nel Comune di ( ) in via n. - frazione Medico di Medicina Generale, dr. AZIENDA ULSS N. 18 - DISTRETTO S.S. N. COMUNE DI Impegnativa di Cura Domiciliare MODULO DI DOMANDA PER L ACCESSO ALL IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI - DGR 1338 DEL 30.07.2013

Dettagli

DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI MELZO E SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI PUBBLICO INTERESSE

DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI MELZO E SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI PUBBLICO INTERESSE Allegato A DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA IL COMUNE DI MELZO E SINGOLI VOLONTARI PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI PUBBLICO INTERESSE Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il Comune, volendo garantire

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA COMUNE DI SILEA Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI VOLONTARI PER ATTIVITA DI PUBBLICA UTILITA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 27/06/2013 Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI TERMINI IMERESE ( Provincia di Palermo)

COMUNE DI TERMINI IMERESE ( Provincia di Palermo) COMUNE DI TERMINI IMERESE ( Provincia di Palermo) Concorso Pubblico per titoli ed esami al Ragioniere Generale Cat. D3. posto di Funzionario Contabile Vice Il Dirigente del Settore Affari Generali e Personale

Dettagli

COMUNE DI ATRANI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON - LINE

COMUNE DI ATRANI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON - LINE COMUNE DI ATRANI PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON - LINE Approvato con D.G. N.54 DEL 01/07/2013 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile

COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile COMUNE DI SASSARI Sistemi informativi, Statistica e Protezione Civile A V V I S O P U B B L I C O Affidamento incarico di Responsabile esterno del Servizio di Prevenzione e Protezione di cui al D.Lgs.vo.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA AOU Sassari REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA AOU Sassari Sommario Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione... 3 Art. 2 Finalità dell attività di videosorveglianza...

Dettagli

E FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO

E FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO AVVISO DI SELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI N 1 POSTO A TEMPO INDETERMINATO E PARZIALE (25 H) NEL PROFILO DI EDUCATORE-EDUCATRICE IN AMBITO SCOLASTICO ED EXTRA-SCOLASTICO E FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER

Dettagli