NUMERO 6 ANNO 2012 PAGINE DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER INFERMIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NUMERO 6 ANNO 2012 PAGINE DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER INFERMIERI"

Transcript

1 NUMERO 6 ANNO 2012 PAGINE DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE PROFESSIONALE PER INFERMIERI 1

2 INDICE EDITORIALE PAG 4 IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) PAG 5 RUBRICA DI INFERMIERISTICA GE- RIATRICA - le terapie non famacologiche PAG 9 LA CRISI IPERTENSIVA PAG 16 FORUM : Ospedali, via ai tagli per reparti e servizi PICCOLO VADEMECUM DEI DIRITTI INFERMIERISTICI PAG 23 PAG 27 2

3 3

4 EDITORIALE Di Giorgio De Feo Bentrovati al sesto numero di INFER- MIERIZZANDO THE NURSING WORLD. Questo è l ultimo numero di quest anno. Ci fa molto piacere sapere che molti reparti di diversi ospedali italiani hanno stampato tutti i numeri di infermierizzando e li tengo nel reparto a disposizione dei colleghi. Da questo mese si uscirà il giorno 1 di mese alterni e non più il giorno 15 come da molti di voi richiesto. Speriamo in una sempre maggiore divulgazione della rivista. Vi auguro buona lettura e scrivete sul nostro forum sul sito : Buona lettura 4

5 IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dot.ssa Katia Marilungo Parola alla psicologa I giochi d azzardo sono quei giochi in cui c è una posta in palio e soprattutto in cui l esito dipende da fattori al di fuori della portata del giocatore. È evidente come nel nostro paese l offerta di giochi d azzardo sia in continuo aumento e sempre più diversificata, tanto che quello che poteva essere un abitudine per una ristretta fascia di persone, è di fatto alla portata di tutti. Scommesse legalizzate su ogni tipo di evento, sale Bingo, concorsi promossi dallo Stato, casinò on-line, Videopoker sono una nuova realtà solidificata. Di conseguenza le abitudini di vita della gente sono sottoposte a questo tipo di stimoli pressanti che alimentano un mercato in espansione. I giochi d azzardo possono essere divisi in 2 categorie: quelli dentro il casinò (roulette, baccarà, chemin de fer, video-poker e slot-machine) e quelli fuori dai casinò (scommesse sulle corse di cavalli e cani, scommesse sportive, lotto, totocalcio, superenalotto, lotteria, giochi di carte e dadi). A questo punto chi è il giocatore d azzardo? Cesare Guerreschi, uno dei più importanti studiosi in Italia circa il Gioco D azzardo Patologico (GAP), in base alla sua esperienza ha differenziato 6 categorie di giocatori d azzardo: 1. giocatori d azione con sindrome da dipendenza, sono quei giocatori che hanno perso il controllo sul modo di giocare, per loro il gioco è la cosa più importante della vita, ciò che li tiene in azione; la famiglia, le relazioni sociali, e l attività lavorativa vengono influenzate in modo fortemente negativo dall attività di gioco. Sono soggetti con personalità dominanti, tendenti al controllo e per la maggior parte sono uomini. 2. giocatori per fuga con sindrome da dipendenza, sono coloro che trovano nell attività di gioco sollievo da sensazioni di ansia, solitudine, rabbia o depressione; usano il gioco per sfuggire da crisi o da difficoltà e quindi il gioco ha un effetto analgesico e non una risposta euforica. Sono personalità passive, con grossi sensi di colpa e di vergogna, diventano dipendenti più facilmente e in questa categorie si ritrovano più facilmente le donne. 3. giocatori sociali costanti, per i quali il gioco è la principale forma di relax e di divertimento, sebbene sia in secondo piano rispetto alla famiglia e al lavoro. 4. giocatori sociali adeguati, i quali giocano per passatempo, per socializzare e per divertimento; a 5

6 questa categoria appartiene la maggioranza della popolazione adulta. 5. giocatori antisociali, coloro che si servono del gioco al fin di ottenere guadagni illegali. giocatori professionisti, coloro che giocano per lavoro e, considerandolo una professione, si mantengono con esso. Alle prime due categorie appartengono le persone bisognose di aiuto psicologico le cosiddette vittime del gioco ; il loro è un mondo di sofferenza, menzogne, debiti e disperazione. La scienza ufficiale ha riconosciuto il gioco d azzardo patologico come disturbo mentale nel 1980 inserendolo nel Manuale Statistico Diagnostico Dei Disturbi Mentali edito dall A- PA, considerandolo un impulso irresistibile e incontrollabile, che poteva progredire in intensità e urgenza, consumando sempre più risorse di tempo, energia, pensiero e emozioni. Alcune caratteristiche dei giocatori possono essere: negazione, superstizione, eccessiva fiducia in se stessi, forte senso di potere e di autocontrollo, credere che il denaro sia causa e soluzione di tutti i problemi, sono persone altamente competitive, energiche, irrequiete e facili ad annoiarsi; inoltre possono essere eccessivamente preoccupati dell approvazione altrui e generosi fino alla stravaganza. Sono anche persone che lavorano senza tregua, ma che aspettano di essere con l acqua alla gola prima di lavorare davvero sul serio. Nei soggetti con Gioco d Azzardo Patologico si sono osservati aumentati tassi di Disturbi dell Umore, Disturbo da Deficit dell Attenzione, Abuso o Dipendenza da Sostanze e Disturbi di Personalità. Tra i soggetti in trattamento per Gioco d Azzardo Patologico, il 20% è stato segnalato per tentato suicidio. I giocatori tendono ad assumere comportamenti disinibiti e manifestano una avversione per le esperienze ripetitive di ogni tipo. La vita quotidiana, in genere, offre loro un livello di stimolazione inadeguato. Il gioco d azzardo è dettato dall impulsività che si caratterizza nella necessità di agire, nel minor uso di calcoli probabilistici e di considerazioni sugli effetti che l azione potrà avere in futuro. È possibile individuare, all interno della popolazione, degli individui che sono maggiormente a rischio per lo sviluppo di questa patologia. Sono quegli individui che già da adolescenti manifestano tratti di personalità legati alla ricerca di sensazioni, in particolare non sopportano la noia. Infine un dato degno di nota è che la percentuale di prevalenza del GAP, ottenuta attraverso i limitati dati a disposizione, può essere dell 1-3% tra la popolazione adulta. 6

7 7

8 8

9 RUBRICA DI INFERMIERISTICA GERIATRICA Interventi non farmacologici sulla malattia e sul malato con problemi di demenza Le terapie non farmacologiche Alessandro Adduci Coordinatore Infermieristico Nucleo Alzheimer Istituto Geriatrico e Riabilitativo G.eC. FRISIA Merate -PAT MILANO Studente Corso organizzato dalla Provincia di Bergamo Settore Politiche sociali e Salute «La cura centrata sulla persona. Approcci relazionali e terapie non farmacologiche», rivolto appositamente ai direttori e ai responsabili del personale Coordinatori Infermieristici di residenze sanitarie assistenziali (Rsa) e Centri diurni integrati (Cdi). Il Corso è diretto dal Dott. Ivo cilesi esperto nazionale di terapie non farmacologiche, è anche responsabile di queste terapie alla Casa di ricovero Fondazione Santa Maria Ausiliatrice, dove da tempo si attivano cure con musica, bambole speciali, treni virtuali, arredi pensati appositamente, per pazienti con problemi di demenza e disturbi del c o m p o r t a m e n t o. Il corso di formazione, dura un anno intero , è volto ad aumentare le competenze su come comunicare e avere relazioni con persone anziane affette da demenza e psicosi e ad approfondire la conoscenza in merito all'ambiente terapeutico e agli approcci non farmacologici di cura centrati sulla persona. Si vuole inoltre, con il corso, favorire lo sviluppo 9

10 di capacità osservative, di valutazione e di progettazione delle attività terapeutiche non farmacologiche in un'ottica relazionale e che vengano sperimentate con progetti sul campo le competenze acquisite effettuando un monitoraggio dei risultati. «Condividere con chi opera in strutture quali Nuclei protetti Alzheimer, percorsi formativi che portino ad approfondire la competenza in merito all'ambiente terapeutico e agli approcci non farmacologici di cura centrati sulla persona affetta da demenza le lezioni teoriche sono rafforzate dall'aspetto sperimentale che caratterizza la seconda parte del corso. È proprio concependo la formazione come risorsa per progettare e sperimentare sul campo che possiamo accrescere l'interesse verso la molteplicità e la complessità degli aspetti insiti nel concetto di qualità della cura»( D.Belolli assessore provinciale alla Salute). ESEMPI DI TERAPIE NON FARMACOLOGICHE : LA TERAPIA DELLA BAMBOLA ( Autorizzato Dal dott Ivo Cilesi ) 10

11 Premessa Questa terapia è utilizzata in differenti situazioni problematiche, utilizzata con persone che presentano gravi problemi comportamentali, o in situazioni che evidenziano stati depressivi, ansia. Una componente fondamentale della terapia è la bambola che presenta delle caratteristiche particolari, (peso, materiali, posizione degli arti, componenti fisionomiche) che facilitano l'attivazione di relazioni, o in altre situazioni facilitano la diminuzione di tensioni e stati di agitazione. Negli ultimi anni, stiamo assistendo da parte dei servizi a richieste sempre più numerose di interventi che impieghino le terapie espressive, le terapie non farmacologiche, nelle loro diverse modalità, in progetti preventivi, riabilitativi e terapeutici. Dato l'accento su modalità di relazione prevalentemente preverbali e non-verbali, tali terapie sono fortemente indicate per la prevenzione e la cura delle problematiche e dei disturbi che insorgono in età avanzata collegate a demenze senili, alzheimer, disturbi del comportamento, patologie psichiatriche ed altre dove un intervento mirato favorisce quei processi terapeutici atti a riabilitare a livello cognitivo la persona e a migliorarne la qualità di vita. Allo stesso tempo le terapie non farmacologiche, come dice la parola stessa favoriscono sensibili diminuzioni del carico farmacologico che viene somministrato al paziente. L'attenzione rivolta alla lettura dei parametri non-verbali dell'interazione, consente alle terapie non farmacologiche la messa a fuoco di elementi correlati agli stati mentali più arcaici e ai relativi meccanismi di difesa; tutto ciò può costituire un punto di osservazione ulteriore, che si è spesso rivelato utile ad altre figure professionali, anche ai fini della formulazione diagnostica. Le terapie non farmacologiche sono approcci che necessitano una dinamica combinazione di discipline diverse attinenti a varie aree con una effettiva ricaduta sulle potenzialità occupazionali e relazionali del paziente. Questo terapie sono rivolte a persone che presentano decadimento cognitivo e disturbi del comportamento (depressione, 11

12 ansia, agitazione, etc ) Le terapie non farmacologiche, in sinergia con le terapie che prevedono l'utilizzo di farmaci migliorano in modo concreto la qualità di vita dei pazienti. Spesso si parla a livello teorico di migliore qualità di vita, di migliorare lo stato psicofisico delle persone, senza collegamenti concreti con gli aspetti sociali e relazionali dell'accudimento La cura inizia dal saper ascoltare e il saper ascoltare è la base di partenza delle terapie non farmacologiche e della relazione d'aiuto. Le terapie non farmacologiche sono applicate in diversi ambiti con efficacia riconosciuta a livello scientifico e sicuramente con risultati concreti. E' importante considerare che l'utilizzo delle terapie non farmacologiche in situazioni di deficit cognitivo e importanti problematiche comportamentali deve essere di supporto e non sostituire le terapie farmacologiche. Le TNF (terapie non farmacologiche) sono utili se tutte le componenti operative (area socio assistenziale, area sanitaria) collaborano in modo sinergico, inoltre le terapie non farmacologiche assumono una forte valenza di intervento preventivo. LA TERAPIA. L a t e r a p i a d e l l a b a m b o l a. Bisogna considerare il ruolo che occuperà l'oggetto bambola all'interno di una relazione affettiva con la paziente. Le prospettive possono riguardare 3 possibilità: 1. La paziente riconosce solo come oggetto inanimato la bambola e quindi lo manipola inizialmente per poi dimenticarlo non considerandolo come elemento relazionale. 2. La paziente accudisce l'oggetto bambola riconoscendolo come bambino a tutti gli effetti e accudendolo più o meno intensamente duranti i vari momenti della giornata La paziente può alternare momenti di forte accudimento nei confronti dell'oggetto bambola e momenti di disattenzione o indifferenza o rifiuto. Quando si parla di affettività si deve prendere in considerazione in quale modo una persona si mette in relazione con l'altro. Con grave deterioramento cognitivo si ha una non riconoscibilità effettiva dell'evento reale dall'evento immaginario. Una incapacità di comprendere il vero dal falso, ma con una propensione a ricordare ed a emozionarsi per situazioni e/o oggetti fissati nella memoria remota. 12

13 In questi termini l'oggetto è costituito dalla persona (bambola) sulla quale la paziente riversa la prima forma d'affetto. La bambola terapia è una terapia che tramite una bambola con caratteristiche particolari( peso posizione delle braccia e delle gambe dimensioni, e tratti somatici favorisce la diminuzione di alcuni disturbi comportamentali. Tramite l'accudimento la persona attiva relazioni tattili e di maternage che favoriscono la gestione e in alcuni la diminuzione di disturbi del comportamento quali agitazione, aggressività, apatia, comportamento motorio non adeguato. La bambola (alcune considerazioni) Le diverse sperimentazioni della terapia della bambola attivate presso alcuni nuclei alzheimer hanno evidenziato alcuni parametri a mio parere interessanti. Sicuramente le bambole terapeutiche hanno dimostrato di essere maggiormente efficaci con pazienti che evidenziavano disturbi del comportamento quali l'agitazione, l'ansia, wandering, disturbi del sonno. E questo miglioramento si presenta con modalità differenti a seconda del disturbo e dell'obbiettivo da perseguire. Ad esempio nei disturbi d'ansia l'intervento con la bambola, anche al bisogno, agisce come una qualunque terapia farmacologia interessa varie dinamiche emozionali. La bambola abbiamo verificato nei disturbi d'ansia favorisce il rilassamento e questo è collegato più all'aspetto non verbale che all'aspetto verbale e si attiva soprattutto con il contatto stretto con la bambola - bambino (abbraccio). Nel disturbo del wandering si è evidenziato un sensibile incremento dei momenti di pausa. Per accudire e curare il bambino - bambola è necessario fermarsi per cambiarla è necessario fermarsi, per abbrac- 13

14 ciarla e coccolarla è necessario fermarsi. Quindi nelle sperimentazione collegate al disturbo wandering abbiamo verificato un sensibile aumento dei momenti di pausa collegate ad una diminuzione dei metri-chilometri percorsi da paziente nella giornata. Per quanto riguarda lo stato di agitazione l'intervento riguarda una continuata sommistrazione della bambola nei momenti indicati dal protocollo, con la possibilità di intervenire al bisogno se il momento collegato all'intensità del disturbo lo consiglia. Inoltre è dimostrata l'efficacia nella stimolazione della memoria procedurale, grazie alla vestizione della bambola che il paziente collega alle sue capacità, riattivando le sue capacità procedurali di vestizione. Devo rilevare che è molto importante che la consegna della bambola al paziente segua una codificata metodologia di approccio, questo per rafforzare l'impatto emozionale con l'oggetto-bambola. Inoltre è fondamentale come è accaduto che il progetto di inserimento della terapia della bambola sia condiviso da tutto lo staff operativo. Nei disturbi del sonno la terapia della bambola è utile per il ripristino del ritmo sonno-veglia. Quindi favorisce il rilassamento in vari momenti e situazioni. E' interessante rilevare come la somministrazione della bambola terapeutica ha portato ad una diminuzione della terapia farmacologia nei pazienti trattati, con una significativa diminuzione anche delle terapie al bisogno. 14

15 15

16 LA CRISI IPERTENSIVA di Ivan Pierotti L ANGOLO DELLO STREGONE Una medicina è Una sostanza che iniettata in un ratto produce un articolo Arthur Bloch Cari lettori, benvenuti all ultimo appuntamento dell anno con la rivista infermierizzando. Ne abbiamo fatta di strada in questi mesi e, grazie al vostro supporto ed al continuo aumento dei colleghi interessati al nostro impegno, stiamo crescendo insieme. Come spesso avviene, alla fine di un anno, si tirano le somme. Io lo faccio un po in anticipo per necessità di cronaca e voglio ringraziare tutte le persone che continuano, giorno dopo giorno, a rendere la categoria infermieristica più professionale, più importante e più rispettata. Questi obiettivi si raggiungono solo con l impegno, la passione e la dedizione. Per questo i ringraziamenti più sentiti vanno a tutti gli infermieri ma, oggi, in particolar modo a tutti i collaboratori di questa rivista, a chi scrive articoli, a chi ci sostiene con la propria sponsorizzazione e, un ringraz i a m e n t o p a r t i c o l a r e a l megadirettoregenerale... l ideatore ed editore Giorgio De Feo: instancabile sognatore, lavoratore ed innovatore. Con questo articolo auguro a tutti un buon fine 2012 e che l anno nuovo porti tantissime novità, curiosità e fantastiche sorprese da poter condividere. La definizione più semplice di crisi 16

17 ipertensiva è: un aumento consistente della pressione arteriosa, caratterizzato costantemente da valori pressori diastolici superiori a 120/130 mmhg. Possiamo poi dividere questa patologia con la seguente classificazione: Urgenza ipertensiva: rappresenta la clinica in cui il marcato aumento della pressione diastolica avviene senza una pronta compromissione nei confronti di un organo bersaglio (danno acuto d organo). Questa condizione richiede che la pressione arteriosa venga ridotta in modo graduale nelle 24/48 ore seguenti. Emergenza ipertensiva: condizione clinica in cui l elevata pressione diastolica (sempre >120/130 mmhg) è associata alla manifestazione di un danno acuto rivolto ad uno o più organi bersaglio (danno acuto d organo). In questo caso l intervento dev essere immediato e la pressione arteriosa deve essere ridotta in modo istantaneo per poter, in questo modo, prevenire ulteriori peggioramenti ai danni degli organi colpiti o nei confronti di tutto il sistema organico. La gravita del quadro clinico dipende, non solo dal livello assoluto di aumento della pressione ma anche dalla rapidità dell aumento: condizione che impedisce ai meccanismi autoregolatori di avere il tempo sufficiente per adattarsi. I danni a livello organico più rivelativi che rappresentano l espressione di gravità dell emergenza ipertensiva sono: SNC: emorragie a livello del parenchima o subaracnoidea; Ictus trombotico; Encefalopatia ipertensiva; Retinopa- 17

18 tia severa. Apparato cardiovascolare: Insufficienza acuta ventricolare sinistra; Sindrome da insufficienza coronarica acuta (in cui rientrano angina instabile ed IMA); Dissezione aortica. Apparato urinario: IRA (insufficienza renale acuta) Eclampsia: ipertensione in gravidanza con edema associata a convulsioni, coma, insufficienza renale (in alcuni casi). Crisi adrenergica: consumo voluttuario di farmaci (cocaina, amfetamine e metamfetamine); brusca interruzione di terapie anti-ipertensive Nella maggior parte dei casi citati, l ipertensione è la conseguenza e non la causa della patologia acuta a carico di uno specifico distretto. Una conseguenza che può, a sua volta, trasformarsi in causa di danno acuto d organo. In ogni situazione in cui si valuta la possibilità di un danno a livello organico, il controllo della PA e quindi la sua diminuzione, deve essere esercitata attraverso una terapia parenterale che abbia effetto in massimo 60 minuti. Questo al fine di limitarne la disfunzione e le conseguenze potenziali tra cui va considerata anche la morte del soggetto. Per fare una corretta diagnosi è necessario valutare: Fattori precipitanti: patologie del SNC; sospensione della terapia anti-ipertensiva; assunzione di droghe/vasocostrittori/ anoressizzanti; terapia con inibitori delle MAO. Sintomi di danno acuto ad un organo bersaglio: SNC: cefalea, disturbi visivi, acufeni, nausea, vomito, vertigini, obnubilamento del sensorio, deficit motori, midriasi; Sistema cardiovascolare: dolore acuto retro sternale o retro scapolare, dispnea in fase di sforzo o riposo, dolori lombari, sudorazione profusa, rush cutanei, crampi muscolari; Sistema renale: oliguria, poliuria, ematuria, dolori addominali o lombari, edemi. Un aspetto molto importante da considerare durante l esame obiettivo è quel- 18

19 lo di monitorare la PA effettuando misurazioni ripetute su entrambe le braccia. A livello extraospedaliero si procede con un monitoraggi completo attraverso una valutazione elettrocardiografica continua e la misurazione non invasiva della PA. Nelle fasi del soccorso dobbiamo assicurarci: Pervietà delle vie aeree; Somministrazione di ossigeno con oc- - Se è presente insufficienza ventricolare sinistra (dispnea, rantoli) non necessariamente associata a dolore toracico, somministriamo: Nitroglicerina sl e, in aggiunta Furosemide: mg ev in bolo. - In tutti i casi in cui l attività dominante è l agitazione psicomotoria, somministriamo: Diazepam: 5 10 mg im!! Una valutazione importante da fare è legata alla durata del trasporto per arrivare al Dipartimento di Emergenza: se i tempi sono lunghi ed i valori pressori rimangono troppo elevati, somministrare: Clonidina: 1 2 fiale da 0,15 mg im Considerazioni sui farmaci impiegati Nitroglicerina: nitrati e nitriti organici sono polialcoli esterificati con acido nitrico e nitroso che liberano, grazia all enzima gluchialini nasali o maschera (2 4 lt/ min) Assicurazione di un accesso vascolare venoso (meglio se due accessi su distretti differenti). Una volta raggiunto il Pronto Soccorso e fatta una diagnosi più accurata, è possibile procedere con terapie mirate. Farmaci molto comuni sono il Atenololo, Labetololo, Nimodipina, ecc. Sempre in associazione a farmaci che lavorano sulla sintomatologia quali la Morfina e il Furosemide. - Se ci troviamo in presenza di dolore toracico di tipo ischemico somministriamo: Nitroglicerina sl (sub linguale): 1 cp da 0,4 mg ogni 5 minuti fino a 3 volte. 19

20 tatione-transferasi, il Nitrossido che causa vasodilatazione ( GMPc) sulla muscolatura liscia di vene e arterie con conseguente diminuzione di ritorno di sangue al cuore, minore pressione diastolica e quindi anche minor consumo di ossigeno. Oltre a questo, i nitrati, sono impiegati nella calcolosi biliare poiché dilatano i dotti biliari ed anche come antidoto per il Cianuro poiché convertono il Fe +2 in Fe +3 (quest ultimo lega lo ione cianuro). Si somministrano spesso per via sub linguale per diminuire il metabolismo di primo passaggio e gli effetti epatici ed hanno breve durata (15 minuti circa). Durante la somministrazione monitorare sempre la pressione (rischi di ipotensione ortostatica), alla metaematoglobinemia (conversione da Fe +2 a Fe +3 ) e, nei trattamenti a lungo termine, possono essere cancerogeni. Furosemide: famosissimo diuretico dell ansa di Henle che inibiscono una pompa di contro trasporto di ioni sodio,potassio e cloro del nefrone. In questo modo inibiscono il riassorbimento di ioni promuovendo la diuresi. Molto usati nelle crisi ipertensive oltre a iperkaliemie, insufficienze renali e overdosi di anioni come fluoro, bromo, iodio (gli alogenati). Sono farmaci che hanno effetto molto veloce e durano circa 4 ore. Attenzione ai livelli di potassio 20 poiché tendono a diminuirne drasticamente i valori basali. Mai utilizzarla in pazienti gottosi. Diazepam: appartenente alla famiglia dei sedativi-ipnotici che agiscono sui recettori GABA presenti a livello centrale rendendoli più sensibili all effetto del neurotrasmettitore. Questo permette l ingresso di cloro che ha un effetto iperpolarizzante sulla membrana con effetto finale di inibire la liberazione di ulteriori neurotrasmettitori. Sono utilizzati per il trattamento dell ansia, dell insonnia ma anche per mantenere sotto controllo una iper-eccitazione del SN come nei

21 casi di epilessia ed agitazione psicomotoria. L utilizzo di questi farmaci rallenta i tempi di reazione, aumenta la sonnolenza e non predispone ai lavori fini. Oltre al fattore legato alla dipendenza e all accumulo lisosomiale si deve considerarne la teratogenicità sul feto. L uso concomitante ad alcolici ne aumenta gli effetti oltre che aumentare l epatotossicità. Clonidina: i farmaci α bloccanti inibiscono i recettori alpha adrenergici del letto vascolare con conseguente inibizione del rilascio di noradrenalina ed effetto antiipertensivo. In realtà, la Clonidina, è un agonista dei recettori alpha ma stimola i recettori adrenergici centrali che sono inibitori del sistema simpatico e che quindi, di riflesso, inducono vasodilatazione. Inoltre, riduce la soglia di attivazione dei barocettori centrali (controllo della pressione) e riduce anche la sensibilità dei muscoli lisci alla noradrenalina. Gli effetti collaterali immediati possono essere dovuto da ipotensione, miosi, ostruzione nasale, aumento della contrazione miocardica e leggeri disturbi gastrointestinali. Guida illustrata delle emergenze Piccin Manuale di Medicina di Emergenza e di Pronto Soccorso CIC Edizioni internazionali Farmacologia medica P.Lechat & E.Coll Medicina d emergenza Minerva Principi di Farmacologia generale Ruth R. Levine Bibliografia Farmacologia generale e clinica Katzung 21

22 22

23 FORUM.. DISCUTIAMO SUL FORUM SUL SITO Ospedali, via ai tagli per reparti e servizi DAL CORRIERE DELLA SERA DEL 16 nevembre 2012 Si è scritto un altro capitolo della rivoluzione che sta cambiando la fisionomia della sanità pubblica bresciana. I tagli decisi a livello centrale hanno imposto una «rivisitazione» sotto diversi punti di vista della gestione delle tre azien- 23

24 de ospedaliere presenti sul territorio (Vallecamonica esclusa) e dell'azienda sanitaria locale. Ai dati precisi sul taglio dei posti letto non si è ancora arrivati (in Lombardia ne saranno eliminati oltre 2300, a Brescia toccheranno dalle 250 alle 300 unità). Così pure verranno rivisti nei primi mesi del prossimo anno i Lea, i livelli essenziali di assistenza. In moto già da qualche anno invece la trasformazione dei ricoveri ordinari in day hospital e ancora in prestazioni ambulatoriali. A oggi, invece, di nero su bianco, ci sono i nuovi Poa, i piani di organizzazione aziendale nei quali le strutture ospedaliere hanno fatto proprie le linee guida imposte da Regione Lombardia in fatto, soprattutto, di semplificazione organizzativa. Il che coincide con un risparmio delle risorse (ad esempio, meno primari). Le aziende hanno così dato una sforbiciata alle proprie strutture complesse e a quelle semplici. Un ospedale è composto da vari Dipartimenti (per esempio quello di Chirurgia) dai quali dipendono alcune strutture complesse con a capo un primario (per esempio Chirurgia 1 o Chirurgia 2) e a seguire poi le strutture più semplici dirette da un responsabile. Un sovraccarico di gestioni e incarichi che, secondo Regione Lombardia, doveva essere razionalizzato. Il Civile ha proceduto all'abbattimento di 11 strutture complesse e di 105 semplici e l'asl di Brescia ha ridotto il proprio organigramma di una sola struttura complessa, il 24 servizio epidemiologico (che viene acquisito in staff alla direzione generale) e di alcune strutture semplici. Per quanto riguarda le aziende ospedaliere di provincia, il Mellino Mellini di Chiari con il nuovo Poa ha 34 strutture complesse e 56 semplici mentre Desenzano ha tagliato 7 strutture complesse e 9 semplici. Una trasformazione che nell'immediato in verità non porterà a grandi risparmi visto che ai primari a capo delle diverse strutture verrà corrisposta l'alta professionalità. In poche parole lo stipendio rimane quello di prima, ma in questi termini il vero risparmio potrebbe presentarsi con il prossimo contratto della dirigenza medica. L'ultima data disponibile per la consegna dei piani di organizzazione aziendale alla Regione era ieri, ora tocca al governo regionale approvarli o correggerli. La loro validità è fino al 31 dicembre Ma cosa cambia per il cittadino in questo sfoltimento di strutture in reparti e servizi? Per le aziende nulla di determinante, ma sul punto le organizzazioni sindacali hanno già da tempo sollevato l'attenzione. «Nel complesso i Poa soddisfano le richieste regionali però intravediamo - spiega Franco Berardi, segretario Fp Cisl Brescia - il limite di una progettualità autonoma e interna invece di mettere l'accento sulla

25 sinergia tra le strutture presenti sul territorio». Va bene l'ospedale sempre più riservato ai malati acuti ma «al paziente Si è scritto un altro capitolo della rivoluzione che sta cambiando la fisionomia della sanità pubblica bresciana. I tagli decisi a livello centrale hanno imposto una «rivisitazione» sotto diversi punti di vista della gestione delle tre aziende ospedaliere presenti sul territorio (Vallecamonica esclusa) e dell'azienda sanitaria locale. Ai dati precisi sul taglio dei posti letto non si è ancora arrivati (in Lombardia ne saranno eliminati oltre 2300, a Brescia toccheranno dalle 250 alle 300 unità). Così pure verranno rivisti nei primi mesi del prossimo anno i Lea, i livelli essenziali di assistenza. In moto già da qualche anno invece la trasformazione dei ricoveri ordinari in day hospital e ancora in prestazioni ambulatoriali. A oggi, invece, di nero su bianco, ci sono i nuovi Poa, i piani di organizzazione aziendale nei quali le strutture ospedaliere hanno fatto proprie le linee guida imposte da Regione Lombardia in fatto, soprattutto, di semplificazione organizzativa. Il che coincide con un risparmio delle risorse (ad esempio, meno primari). Le aziende hanno così dato una sforbiciata alle proprie strutture complesse e a quelle semplici. Un ospedale è composto da vari Dipartimenti (per esempio quello di Chirurgia) dai quali dipendono alcune strutture complesse con a capo un primario (per esempio Chirurgia 1 o Chirurgia 2) e a seguire poi le strutture più semplici dirette da un responsabile. Un sovraccarico di gestioni e incarichi che, secondo Regione Lombardia, doveva essere razionalizzato. Il Civile ha proceduto all'abbattimento di 11 strutture complesse e di 105 semplici e l'asl di Brescia ha ridotto il proprio organigramma di una sola struttura complessa, il servizio epidemiologico (che viene ac- 25

A cura della Segreteria Aziendale UIL FPL e delegati RSU tel. 01056362555 pagina 1

A cura della Segreteria Aziendale UIL FPL e delegati RSU tel. 01056362555 pagina 1 A cura della Segreteria Aziendale UIL FPL e delegati RSU tel. 01056362555 pagina 1 PICCOLO VADEMECUM DEI DIRITTI DEI LAVORATORI Orario di lavoro: L'orario di lavoro non può superare le 8 ore giornaliere

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche

La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La Malattia di Alzheimer: sviluppi scientifici, servizi e terapie non farmacologiche La gestione dei disturbi comportamentali tramite interventi di Musicoterapia e Terapia della Bambola con pazienti affetti

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE

CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE IX Legislatura Proposta di legge "Interventi regionali in favore di soggetti affetti da malattia di Alzheimer e sindromi dementigene ad essa correlate" Proponente Michelangelo

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO

Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO 23 Congresso Nazionale Aniarti Jesolo, 03 05 novembre 2004 Italia @ Europa Analisi comparata dell infermieristica di area critica. QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO (La risposta corretta è

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA

RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA RUOLO E PROBLEMATICHE DEL CAREGIVER NELLA DEMENZA Ricordare che l 80% dei malati vive in famiglia! (indagine Censis 2006) Chi è il caregiver? (letteralmente: colui che presta assistenza) Un familiare Un

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca:

Si riportano di seguito in forma grafica gli esiti della ricerca: UN PROGETTO DI RICERCA IN MATERIA DI TERAPIA E ATTIVITA ASSISTITA DAGLI ANIMALI NEL CENTRO SERVIZI ALZHEIMER DELLA VILLA GIOVANNI XXIII DI BITONTO IN COLLABOTRAZIONE CON L ASSOCIAZIONE WILLIE.IT * Nicola

Dettagli

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza

L ipertensione arteriosa. Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza L ipertensione arteriosa Vittorio Caimi Medico di Medicina Generale, Monza Che cosa faremo 1. Brainstorming: che cosa sapete sull ipertensione arteriosa? 2. Presentazione: prove disponibili ( che cosa

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

L assistenza al malato e all anziano in casa

L assistenza al malato e all anziano in casa L assistenza al malato e all anziano in casa Prima edizione 2014 PRENDIAMOCENE CURA CON CROCE ROSSA ITALIANA DESIO e NUCLEO BRIANTEO - ASSOCIAZIONE REGIONALE LOMBARDIA INFERMIERE/I L AMORE PER I PROPRI

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 6 Al Pronto Soccorso CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Terapie non farmacologiche per i malati di Alzheimer

Terapie non farmacologiche per i malati di Alzheimer WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione Terapie non farmacologiche per i malati di Alzheimer Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di Vigato Federico Alla luce degli

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile

L ALCOLISMO. Un problema risolvibile L ALCOLISMO Un problema risolvibile MAPPA INTRODUZIONE DIPENDENZA PERCHÈ SI ABUSA? ASPETTI SOCIALI 1. GIOVANILE 2. VIOLENZA TERAPIE ASSOCIAZIONI UTILI L ALCOLISMO INTRODUZIONE È LA PIÙ ANTICA E DIFFUSA

Dettagli

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA

Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA Allegato 1 PROTOCOLLO PER LA SPERIMENTAZIONE DEL MODELLO TOSCANO DI ASSISTENZA ALLA PERSONA CON DEMENZA PREMESSA La Malattia di Alzheimer (MA) rappresenta un problema sanitario e sociale di primaria importanza

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE

OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE OGGETTO TRASPORTO ASSISTITO PER IL TRASFERIMENTO AD ALTRO OSPEDALE QUESITO (posto in data 2 giugno 2010) A quale medico spetta, per legge, l accompagnamento di un malato durante il trasporto da un ospedale

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

PSICOLOGIA E DISABILITÀ Confini e ambiti di sviluppo professionali per lo Psicologo

PSICOLOGIA E DISABILITÀ Confini e ambiti di sviluppo professionali per lo Psicologo 22 maggio 2010 PSICOLOGIA E DISABILITÀ Confini e ambiti di sviluppo professionali per lo Psicologo Valutazione dei vari strumenti alternativi e/o complementari nell approccio alla disabilità intellettiva

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi

U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici di Medicina Generale e Pediatri C.A.D. U.V.D. (Unità Valutativa Distrettuale) Valuta, Organizza e Coordina interventi Stabilisce case manager Verifica interventi Medici Specialisti Servizio Farmaceutico

Dettagli

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO

VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO VALIDITA, IDONEITA E CAPACITA LAVORATIVA DEL MALATO PSICHIATRICO: IL PERCORSO DEL MEDICO DEL LAVORO Dott. Rino Donghi Medicina Occupazionale H San Raffaele Resnati Dott. Terenzio Cassina Pasol titolo Il

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE

IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE IL CONTRIBUTO DEGLI INFERMIERI ALLA IDEAZIONE DEL PSS REGIONALE Il presente documento, presentato in V commissione in occasione dell audizione del 23 settembre, si compone di due parti: Introduzione e

Dettagli

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE

TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE TOSSICODIPENDENZE Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI TOSSICODIPENDENZE Identificare e classificare i diversi tipi di DROGHE e SOSTANZE che provocano TOSSICODIPENDENZA Cosa significa DIPENDENZA,

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA 2012 PREMESSA Il disturbo generalizzato dello sviluppo è una complessa disabilità dello sviluppo che compare tipicamente durante i primi tre anni

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO. Registro Italiano del Metilfenidato

Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO. Registro Italiano del Metilfenidato Istituto Superiore di Sanità Dipartimento del Farmaco Agenzia Italiana del Farmaco Protocollo ADHD-ISS TITOLO DELLO STUDIO Registro Italiano del Metilfenidato Note informative destinate alle persone partecipanti

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. riferimento per il cittadino

CARTA DEI SERVIZI. riferimento per il cittadino IL RUOLO DEI FAMIGLIARI IN MEDICINA INTERNA PER QUALE RAGIONE UNA PERSONA RICOVERATA DEVE VIVERE FUORI DALLA REALTÀ, COME IN UNA SORTA DI "GRANDE FRATELLO"? COME SI SPIEGA CHE I SUOI FAMILIARI NON POSSONO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO

IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS. Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO IL MEDICO DI FAMIGLIA ED I CAS Andrea PIZZINI Medico di Famiglia - TORINO Centro Accoglienza e Servizi CAS Il CAS è responsabile del percorso di presa in carico del paziente oncologico attraverso figure

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso,

Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, Il termine inglese per indicare la tossicomania, addiction, deriva dal latino addicere cioè condannare. Un tossicomane è, in un certo senso, condannato ad una schiavitù involontaria, essendo obbligato

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi

Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi Cari genitori, Secondo quanto previsto dall Accordo Collettivo Nazionale per la Pediatria di Libera Scelta, i pediatri dott.ssa Isetta

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO

OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO 1 OGGETTO GUARDIA, PRONTA DISPONIBILITÀ E TRASPORTO ASSISTITO DI UN PAZIENTE CRITICO QUESITO (posto in data 21 gennaio 2010) Presso il nostro presidio ospedaliero è in funzione una guardia h 24 di rianimazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

! "# $% $ A. Gorel i!!!

! # $% $ A. Gorel i!!! !"# $%!! ! " # $ && %!&!%&!%'( &!%&!%'( %&!%&!%'( ) $ * +,-./ ) $ 1 + -./ 0 $ + -../! + -../ -./1+ -../ ' ( 3 ' & 2! )) 2 $ )!!$*!! #!!* 2!%% &)! 2 *!% ) *!!! 2!! ) 2 #$ $*)! +%!$ 2! )) * #!! )*%!!%*)!,#-&)

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Il gruppo: un esperienza da condividere

Il gruppo: un esperienza da condividere Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa SerT Sede Ser.T. di Ferrara Centro Psicosociale e Unità mobile di strada Il Direttore Prot. N. Ferrara, 14/10/2010

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Aspetti relazionali e psicologici in mammografia

Aspetti relazionali e psicologici in mammografia TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA E CARCINOMA MAMMARIO Aspetti relazionali e psicologici in mammografia CATANZARO 3 OTTOBRE 2015 TSRM CARMEN DONATO-NATASCIA RONDINELLI Sia nell esecuzione di una mammografia,

Dettagli

proposta di legge n. 262

proposta di legge n. 262 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 262 a iniziativa del Consigliere Marangoni presentata in data 16 ottobre 2012 DISPOSIZIONI SULLA PET THERAPY pdl 262 REGIONE MARCHE 2 ASSEMBLEA

Dettagli

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE IL DOLORE ONCOLOGICO CARATTERISTICHE E VALUTAZIONE 1 LE CURE CONTINUATIVE Il dolore del paziente oncologico varia nel tempo, anche rapidamente, in relazione all evoluzione della malattia Necessità di frequente

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica

Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Il ruolo dell infermiere specializzato nell educazione educazione terapeutica Satta Hai Anna SDD A.O. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi - Varese Nella legge n, 42 del 26/02/ 99 scompare la parola

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli

CORSO DI BIOETICA QUANDO DIRE NO. SAVIGLIANO 22/11/2013. Inf. Maura Bosio S.C. NEFROLOGIA E DIALISI

CORSO DI BIOETICA QUANDO DIRE NO. SAVIGLIANO 22/11/2013. Inf. Maura Bosio S.C. NEFROLOGIA E DIALISI CORSO DI BIOETICA QUANDO DIRE NO. SAVIGLIANO 22/11/2013 Inf. Maura Bosio S.C. NEFROLOGIA E DIALISI Esperienza di un infermiera di emodialisi: Nel 1999, quando iniziai questo lavoro, non si discuteva la

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18

23/03/06. Padova, 29 e 30 maggio 2006 Euro 250* Crediti ECM: vengono richiesti. Padova, 2006 Euro 250* Crediti ECM: 18 METODI, STRUMENTI E TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ Padova, 2006 IL MOBBING E LE MOLESTIE NEI LUOGHI DI LAVORO Padova, 20 e 21 aprile 2006 Euro 250* Crediti ECM: 20 LA GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica

REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica REGOLAMENTO DI TIROCINIO (DM 270/2004) Corso di Laurea in Infermieristica 1. Finalità Il tirocinio del Corso di

Dettagli

Il Corso di Laurea in Infermieristica

Il Corso di Laurea in Infermieristica Sessione V: Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il Corso di Laurea in Infermieristica Dott.ssa Paola Ferri Corso di Laurea in Infermieristica Università

Dettagli

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini

IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE. Suor Antonella Guarini IL RUOLO DELL'INFERMIERE IN UN OSPEDALE SENZA DOLORE Suor Antonella Guarini O.M.S....definisce il dolore : esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, associata ad un danno tissutale potenziale e reale,

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA

IPERTENSIONE IPERTENSIONE ARTERIOSA UNIVERSITA di FOGGIA C.D.L. in Dietistica AA. 2006-2007 IPERTENSIONE ARTERIOSA IPERTENSIONE L ipertensione è la più comune malattia cardiovascolare. Corso di Medicina Interna Docente: PROF. Gaetano Serviddio

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

CORSO RESIDENZIALE INTERATTIVO TEORICO - PRATICO PAIN MANAGER. 1ª edizione: 19-21 maggio 2014 2ª edizione: 16-18 giugno 2014

CORSO RESIDENZIALE INTERATTIVO TEORICO - PRATICO PAIN MANAGER. 1ª edizione: 19-21 maggio 2014 2ª edizione: 16-18 giugno 2014 CORSO RESIDENZIALE INTERATTIVO TEORICO - PRATICO PAIN MANAGER 1ª edizione: 19-21 maggio 2014 2ª edizione: 16-18 giugno 2014 CASA DI CURA LA MADDALENA, PALERMO E.C.M Premessa Il dolore è una delle cause

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Alcol e disturbi psichiatrici

Alcol e disturbi psichiatrici Alcol e disturbi psichiatrici In tutti i sistemi che si occupano del trattamento dei problemi alcolcorrelati e complessi prima o poi iniziano le difficoltà dovute all inserimento delle famiglie con problemi

Dettagli

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale.

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale. In preanestesia Disturbi d ansia Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia BDZ: uso clinico Come miorilassanti ad azione centrale Due considerazioni relative alla farmacocinetica 1. Quando

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive

Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Medico di medicina generale, Bisceglie (BA) Il ruolo del medico di medicina generale nell applicazione del PDTA sulle patologie bronco-ostruttive Il recente documento della regione Puglia relativo ai percorsi

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli