OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI - SCENARI ECONOMICO-FINANZIARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI - SCENARI ECONOMICO-FINANZIARI"

Transcript

1 OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI - SCENARI ECONOMICO-FINANZIARI

2 Premessa Il mercato del fotovoltaico in Italia conta oggi su una potenza totale installata di circa 18 GWp, di cui quasi 15 GWp entrati in esercizio negli ultimi 3 anni. Tale crescita ha fatto si che il fotovoltaico italiano attragga oggi un numero sempre crescente di investitori, istituti finanziatori ed operatori di settore locali ed esteri. Il settore delle energie rinnovabili (FER) «elettriche» in Italia è, dal 2011, oggetto di grande attenzione a causa dei rilevanti costi di incentivazione (con particolare riferimento al Fotovoltaico) ed è, sovente, oggetto di progetti di misure normative con impatti potenzialmente disastrosi non solo sull appetibilità di nuove iniziative ma - addirittura - sulle performance finanziarie degli impianti già in esercizio. Questi reiterati attacchi al settore, unitamente alla naturale ricerca di un sempre migliore margine, stanno spingendo i proprietari a cercare di ottimizzare le prestazioni dei propri impianti, mediante l attuazione di interventi tecnici, contrattuali e organizzativi. 2

3 Premessa Protos, attraverso la propria Business Unit Energy&Power, nel corso degli anni ha fornito, principalmente agli Istituti Finanziari e agli Investitori, il supporto necessario per la valutazione dei rischi tecnici connessi alle fasi di Sviluppo, Finanziamento, Costruzione, Avviamento, Gestione e Dismissione di circa impianti per una potenza totale di 4 GWp. Il monitoraggio della fase di gestione rientra quindi tra le attività consolidate che Protos fornisce ai propri clienti, monitorando ad oggi un portafoglio di circa 300 impianti (fotovoltaici, eolici e biomassa/biogas) per una potenza installata di circa 1,1 GWp, maturando una significativa esperienza in merito all influenza dei principali parametri tecnico-economici sulle performance degli impianti e quindi sulla loro capacità di garantire, ed eventualmente migliorare, i margini operativi previsti da Business Plan. L esperienza di monitoraggio della gestione maturata negli ultimi anni conferma che l ottimizzazione delle prestazioni degli impianti appare essere una delle principali strategie in mano agli investitori del settore per incrementare il proprio margine operativo. Protos ha quindi deciso di produrre questo breve memorandum. 3

4 Premessa Il presente documento analizza i principali effetti che avrebbero gli interventi di ottimizzazione proposti sui principali parametri economico-finanziari, analizzando anche l azione mitigante di tali interventi, sugli effetti generati dall eventuale introduzione di nuovi provvedimenti e decreti (con particolare riferimento allo Spalma-incentivi ). 4

5 Il parco fotovoltaico italiano 1/2 A fine 2013 il parco fotovoltaico italiano incentivato conta circa impianti per una potenza complessiva di 17.9 GWp. Altri 600 MWp di impianti incentivati entreranno in esercizio entro la prima metà del Nei successivi grafici si riporta l andamento della potenza installata dal 2008 ad oggi, annuale e cumulata, e la ripartizione percentuale della stessa anno per anno, suddividendo gli impianti per classi di potenza. I grafici mostrano come la maggior parte della potenza fotovoltaica installata, circa 10,5 GWp (quasi il 60% del totale), sia dovuta a impianti di potenza maggiore di 200 kw, la cui diffusione ha avuto luogo principalmente nel triennio L importanza di tale dato risiede nel fatto che proprio su questi impianti viene riversata l attenzione di investitori e istituti finanziatori; d altra parte, per la loro taglia, i medesimi impianti sono generalmente quelli interessati da progetti di decreti tipo «Spalma-incentivi» di cui si sta recentemente molto discutendo. 5

6 Il parco fotovoltaico italiano 2/2 Potenza installata dal 2008 ad oggi [Solar Energy Report Politecnico di Milano Energy&Strategy Group] Impianti di potenza maggiore di 200 kwp 6

7 Incentivi, prezzi dell energia e costi [GSE, AEEG, Solar Energy Report -Politecnico di Milano -Energy&Strategy Group] Anno Valore medio tariffa erogata annualmente ( /kwh) Prezzi Minimi Garantiti ( /MWh) Prezzi Medi Zonali ( /MWh) Prezzi medi chiavi in Prezzi medi chiavi in mano per impianti di mano per impianti di potenza maggiore di 1 potenza kwp MWp ( /kwp) ( /kwp) Prezzo medio servizi O&M per impianti di potenza minore di 1 MWp ( /kwp) Prezzo medio servizi O&M per impianti di potenza maggiore di 1 MWp ( /kwp) ,39 87, ,36 88, ,29 78, ,16 80,60 59, Osservazioni: Le tariffe sopra riportate comprendono sia i grandi impianti sia i piccoli impianti. Nelle successive simulazioni è stato preso a riferimento, anno per anno, un valore della tariffa annuale erogata sufficientemente rappresentativo dei grandi impianti (potenza da 200 a kwp); Trend decrescente sia dei PMG sia dei PMZ. Inoltre con la deliberazione 179/2014/R/EFR i PMG vengono equiparati ai PMZ, inficiando in modo significativo i ricavi da vendita dell energia; Il trend di abbattimento delle tariffe è maggiore rispetto al trend di abbattimento dei prezzi chiavi in mano degli impianti; I costi O&M, pur presentando un trend decrescente, sono caratterizzati da un minor decremento percentuale rispetto ai prezzi chiavi in mano degli impianti. 7

8 Ottimizzazione dei margini operativi Interventi di ottimizzazione/miglioramento delle performance: Per ottimizzare la produzione degli impianti FV è possibile individuare alcune linee di intervento che, pur non modificandone l architettura e/o la tecnologia costruttiva (le linee-guida che stabiliscano le modalità di esecuzione e gli interventi di «refurbishing» eseguibili - mantenendo il diritto alle incentivazioni - sono in studio da parte del GSE), possono portare ad un miglioramento del funzionamento ed ad un conseguente incremento della produzione; Gran parte degli impianti FV presentano buoni margini di ottimizzazione, intervenendo su: Installazione/miglioramento dei sistemi di monitoraggio, al fine di permettere il controllo approfondito del funzionamento degli impianti; Ottimizzazione della configurazione degli inverter; Configurazione del software degli inseguitori solari, ove installati; Ottimizzazione dei programmi di manutenzione; Razionalizzazione dei consumi ausiliari. 8

9 Ottimizzazione dei margini operativi Principali step di intervento per il miglioramento delle performance: Analisi DESK: Verifica dei progetti tecnici finalizzata ad intercettare le potenziali aree di miglioramento (effetti della temperatura, configurazione dei dispositivi, ecc.); Analisi On Site: Verifica della corrispondenza tra il progetto e quanto effettivamente realizzato, in modo di intercettare possibili difetti di funzionamento causati dalla mancata osservanza delle prescrizioni di progetto; Analisi in sito dello stato di conservazione e di funzionamento, oltre che delle dotazioni di dispositivi di monitoraggio ed allarme dell impianto FV; Campagne di misura (parametri elettrici, termografie etc. ) finalizzata ad intercettare eventuali malfunzionamenti o difetti dei dispositivi installati. A partire dai dati acquisiti risulta possibile valutare la fattibilità degli interventi di miglioramento, individuandone le priorità sulla base di un rating tecnico-economico. 9

10 Ottimizzazione dei margini operativi Riduzione costi operativi Attività di manutenzione O&M: costi ed attività ottimizzati rispetto alla necessità dell impianto, con conseguente miglioramento della disponibilità tecnica d impianto; Asset Management: ottimizzare le attività gestionali della SPV, affidando l asset management dei propri impianti e dei relativi veicoli societari ad un unico soggetto, con conseguente riduzione dei costi di struttura; Possibilità di stipulare contratti O&M che prevedano bonus per over-performance e che non prevedano costi per l implementazione dei sistemi che le determinano; Previsione Benefici per miglioramento performance e riduzione costi: Incremento performance: +5% Risparmio sui costi O&M: Euro/anno/MWp. 10

11 Ottimizzazione dei margini operativi Si riportano di seguito alcuni Case Study in cui si analizzano gli effetti che i miglioramenti proposti avrebbero sui principali parametri economico-finanziari, relativi agli investimenti effettuati nel settore fotovoltaico dal 2010 a fine I parametri oggetto del Case Study studio sono i seguenti: TIR di Progetto; TIR dell Equity; DSCR. Viene infine simulata l introduzione del Decreto «Spalma-incentivi» cosi come è stato presentato dal Ministero dello Sviluppo Economico, analizzando dapprima gli effetti che avrebbe sui parametri economico-finanziari sopra descritti, e in seguito evidenziando le mitigazioni che un ottimizzazione dell impianto avrebbe sugli effetti generati dal Decreto. 11

12 Ottimizzazione dei margini operativi Assunzioni Tecnico-Economiche Costanti: Potenza impianto fotovoltaico: kwp; Ore Equivalenti (Heq): kwh/kwp; Opex: /MWp (per semplicità assunti costanti e indipendenti dall anno di entrata in esercizio); IMU: /kwp; Durata del Finanziamento: 16 anni; Leva Debito/Equity: 70% 30%; Tasso di interesse del finanziamento: 6%; Variabili: Data di Entrata in esercizio: variabile (4 casi:2010, 2011, 2012, 2013); Capex: variabili (in funzione dell anno di entrata in esercizio); Tariffa incentivante ottenuta: variabile (in funzione dell anno di entrata in esercizio); Sulla base delle assunzioni sopra riportate, sono state effettuate le simulazioni con l obiettivo di evidenziare le differenze tra il caso senza ottimizzazione e con ottimizzazione. 12

13 TIR Ottimizzazione dei margini operativi 80% Effetto dell'ottimizzazione degli impianti sul TIR dell'equity al netto di tasse e debito 70% 60% Capex ( /kwp) 50% % 30% D=6% "Ottimizzazione" 20% 1850 "Ottimizzazione" 1300 "Ottimizzazione" 10% 1100 "Ottimizzazione" 0% -10% 0,300 0,250 0,200 0, , Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio Il grafico evidenzia come gli interventi di ottimizzazione proposti abbiano un impatto positivo sul TIR dell Equity. Come nelle precedenti slide, a titolo di esempio, si riporta il caso di un impianto a cui è stata riconosciuta una tariffa pari a 0,220 /kwh, con Capex pari a /kwp (vedi linea blu continua e tratteggiata). Il miglioramento del TIR dell Equity è pari a circa 6 punti percentuali. 13

14 DSCR Ottimizzazione dei margini operativi 3,40 3,20 3,00 2,80 2,60 2,40 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 Effetto dell'ottimizzazione degli impianti sul DSCR medio al 2014 D=+0,3 0,300 0,250 0,220 0,200 0, Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio Capex ( /kwp) "Ottimizzazione" 1850 "Ottimizzazione" 1300 "Ottimizzazione" 1100 "Ottimizzazione" Il grafico evidenzia come gli interventi di ottimizzazione proposti abbiano un impatto positivo sul DSCR. Come nelle precedenti slide, a titolo di esempio, si riporta il caso di un impianto a cui è stata riconosciuta una tariffa pari a 0,220 /kwh, con Capex pari a /kwp (vedi linea blu continua e tratteggiata). Il miglioramento del DSCR è pari a circa 0,3 punti. 14

15 TIR Ottimizzazione dei margini operativi 45,0% 40,0% 35,0% Effetto dell ottimizzazione degli impianti sul TIR di progetto Esempio: Capex = /kwp Tariffa = 0,220 /kwh Delta TIR= 3% 30,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% D=3% "Ottimizzazione" 1850 "Ottimizzazione" 1300 "Ottimizzazione" 1100 "Ottimizzazione" 0,0% -5,0% 0,300 0,250 0,220 0,200 0, Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio - Capex ( /kwp) 15

16 Sintesi degli effetti dell ottimizzazione Gli effetti positivi che interventi di ottimizzazione delle performance, unitamente ad una razionalizzazione dei costi operativi, porterebbero sui margini operativi dei progetti, sono rappresentati tramite l incremento atteso dei seguenti indicatori: DSCR: Incremento di 0,25-0,40 punti di DSCR (medio) al TIR (valutato dal primo anno di esercizio degli impianti): Si osservano variazioni positive pari a: 2-4 punti percentuali di TIR di progetto 4-7 punti percentuali di TIR dell equity al netto delle tasse e debito. L analisi dei parametri operativi degli impianti conferma i risultati delle simulazioni qui riportati; l incremento degli indici di progetto sarà direttamente proporzionale al margine di intervento per l ottimizzazione delle performance e della disponibilità d impianto. L esperienza acquisita nel monitoraggio di impianti fotovoltaici suggerisce che una grande percentuale degli impianti installati, siano essi di tipo industriale che adibiti ad uso terziario, presenta ampi margini di intervento soprattutto relativamente al fine tuning (regolazione di inverter ed inseguitori solari) e all ottimizzazione delle attività manutentive (ordinarie e preventive). 16

17 Il Decreto Spalma-incentivi È in fase di studio da parte del Ministero dello Sviluppo Economico un provvedimento che prevede una rimodulazione degli incentivi riconosciuti agli impianti fotovoltaici ai sensi dei vari decreti Conto Energia. La rimodulazione avverrebbe attraverso l allungamento del periodo di incentivazione, attualmente fissato a 20 anni, fino a 25 anni, spalmando quindi i ricavi da tariffa incentivante su un periodo di tempo più lungo senza riconoscere al proprietario degli impianti alcun tasso di interesse aggiuntivo (da qui il nome Spalma-incentivi ). Ancorché ancora in discussione, l applicazione del provvedimento sembrerebbe essere ristretta ai soli impianti di potenza maggiore o uguale a 200 kwp, interessando circa il 60% della potenza fotovoltaica installata in Italia. Sulla base delle assunzioni riportate nelle slide precedenti, già oggetto delle prime simulazioni, sono state effettuate le simulazioni con l obiettivo di evidenziare le differenze tra il caso «senza» ( Caso 0 ) e «con» Spalma-incentivi. 17

18 TIR dell Equity Effetti del Decreto Spalma-incentivi 70% Effetto del Decreto Spalma Incentivi sul TIR dell Equity (al netto di tasse e debito) 60% 50% 40% 30% 20% 9,7% 10% Capex ( /kwp) "Caso0" 1850 "Caso0" 1300 "Caso0" 1100 "Caso0" Con Spalma Incentivi Senza Spalma Incentivi 18 0% -10% 0,300 0,250 0,200 0, ,220 Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio Il grafico evidenzia come in corrispondenza di un determinato valore di Capex, di Tariffa Incentivante ottenuta e di entrata in esercizio, si ottengano valori di TIR dell Equity significativamente diversi tra loro, a seconda che si considerino gli effetti del Decreto Spalma-Incentivi (linee continue) o meno (linee tratteggiate). A titolo di esempio, per una migliore chiave di lettura del grafico, si riporta il caso di un impianto a cui è stata riconosciuta una tariffa pari a 0,220 /kwh, con Capex pari a /kwp (vedi linea blu). Il TIR ottenuto, considerando gli effetti dello Spalma-Incentivi, è pari al 9,7%, circa 4 punti percentuali inferiore al corrispondente TIR ottenuto senza considerare gli effetti del Decreto.

19 DSCR Effetti del Decreto Spalma-incentivi 3,40 3,20 3,00 2,80 2,60 2,40 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40,08 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 Effetto del Decreto Spalma Incentivi sul DSCR medio al ,300 0,250 0,220 0,200 0, Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio Capex ( /kwp) "Caso0" 1850 "Caso0" 1300 "Caso0" 1100 "Caso0" Con Spalma Incentivi Senza Spalma Incentivi Come nel grafico relativo al TIR, si evidenziano gli effetti del Decreto Spalma-Incentivi sul DSCR medio calcolato dal 2014 alla fine del periodo di finanziamento. Il DSCR ottenuto per l impianto oggetto dell esempio (tariffa pari a 0,220 /kwh, Capex pari a /kwp), considerando gli effetti dello Spalma- Incentivi, è pari a 1,08, valore generalmente considerato al di sotto della soglia di accettabilità. 19

20 TIR di Progetto Effetti del Decreto Spalma-incentivi 40,0% 35,0% 30,0% Effetto del Decreto Spalma Incentivi sul TIR di progetto (al lordo delle tasse) Esempio: Capex = /kwp Tariffa = 0,270 /kwh TIR = 11,0% 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 11,0% 5,0% "Caso0" 1850 "Caso0" 1300 "Caso0" 1100 "Caso0" 0,0% -5,0% 0,300 0,250 0,200 0, , Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio - Capex ( /kwp) 20

21 TIR di Progetto Effetti del Decreto Spalma-incentivi 25,0% 20,0% Effetto del Decreto Spalma Incentivi sul TIR di progetto (al netto delle tasse) Esempio: Capex = /kwp Tariffa = 0,270 /kwh TIR = 7,0% 15,0% 10,0% 7,0% 5,0% "Caso0" 1850 "Caso0" 1300 "Caso0" 1100 "Caso0" 0,0% 0,270 0,300 0,250 0,200 0, ,0% Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio - Capex ( /kwp) 21

22 DSCR Effetti del Decreto Spalma-incentivi 3,60 3,40 3,20 3,00 2,80 2,60 2,40 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40 1,21,20 1,00 0,80 0,60 0,40 Effetto del Decreto Spalma Incentivi sul DSCR medio 0,220 0,300 0,250 0,200 0, Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio - Capex ( /kwp) Esempio: Capex = /kwp Tariffa = 0,220 /kwh DSCR = 1, "Caso0" 1850 "Caso0" 1300 "Caso0" 1100 "Caso0" 22

23 DSCR annuale Effetti del Decreto Spalma-incentivi 2,50 Andamento DSCR durante il periodo di finanziamento 2,00 1,50 Capex ( /kwp) Tariffa Incentivante ( /kwh) 1, , ,250 0, , ,150 0, Anni di esercizio / finanziamento Nel grafico sopra riportato, in cui si simula l entrata in vigore dello Spalma-Incentivi nel 2014, si evidenzia l andamento del DSCR annuale nei 4 diversi casi esempio che si differenziano per Capex, Tariffa Incentivante riconosciuta e anno di entrata in esercizio. Il «delta» del DSCR dovuto all introduzione del decreto è tanto più evidente quanto più gli impianti sono caratterizzati da un rapporto Ricavi/Capex penalizzante. 23

24 Sintesi degli effetti dello «Spalma-incentivi» DSCR: Riduzione di 0,2-0,4 punti di DSCR (medio) per gli impianti entrati in esercizio nel e Come è plausibile, più gli impianti sono di recente installazione, maggiore è l effetto sul DSCR medio calcolato dal primo anno di esercizio. Tale riduzione risulta meno evidente se si fa riferimento al DSCR medio calcolato a partire dal 2014 fino alla fine del periodo di finanziamento. Il DSCR annuale è soggetto a una variazione negativa, a valle del 2014, di 0,25-0,50 punti per effetto dello Spalma-incentivi. Tale variazione è tanto più accentuata quanto più il rapporto Capex/Ricavi è alto. A conferma di ciò, si evidenzia l andamento al di sotto del valore DSCR =1 per i progetti del 2010, caratterizzati da un rapporto Capex/Ricavi più penalizzante. TIR (valutato dal primo anno di esercizio degli impianti): Si osservano variazioni negative pari a: 2-3 punti percentuali di TIR di progetto; 1-2 punti percentuali di TIR di progetto al netto delle tasse; 3-6 punti percentuali di TIR dell Equity al netto delle tasse e debito. Gli effetti sono tanto più accentuati quanto più recente è la data di entrata in esercizio degli impianti e, conseguentemente, più bassa la tariffa ottenuta, assumendo un decremento annuale dei Capex percentualmente meno significativo rispetto a quello delle tariffe incentivanti. 24

25 Ottimizzazione dei margini operativi e mitigazione degli effetti dello «Spalma-incentivi» Sulla base degli elementi precedentemente illustrati, si è verificata la possibilità di sopperire alle misure di penalizzazione eventualmente introdotte dallo «Spalma-incentivi» attraverso gli interventi di ottimizzazione generalmente praticabili sugli impianti fotovoltaici. 25

26 DSCR Ottimizzazione dei margini operativi e mitigazione degli effetti dello «Spalma-incentivi» 3,00 2,80 2,60 2,40 2,20 2,00 1,80 1,60 1,40 1,20 1,00 0,80 0,60 0,40 Effetto del Decreto Spalma-incentivi sul DSCR medio al 2014 D=+0,2 0,220 0,300 0,250 0,200 0, Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio Capex ( /kwp) "mitigato" 1850 "mitigato" 1300 "mitigato" 1100 "mitigato" Il grafico evidenzia come gli interventi di ottimizzazione proposti abbiano un impatto positivo sul DSCR, anche a valle dell introduzione dello Spalma Incentivi. Come nelle precedenti slide, a titolo di esempio, si riporta il caso di un impianto a cui è stata riconosciuta una tariffa pari a 0,220 /kwh, con Capex pari a /kwp (vedi linea blu continua e tratteggiata). Il miglioramento del DSCR, pari a circa 0,2 punti, consente di riportare il valore del parametro di nuovo su livelli accettabili (1,2-1,3). 26

27 TIR Ottimizzazione dei margini operativi e mitigazione degli effetti dello «Spalma-incentivi» 80% Effetto del Decreto Spalma Incentivi sul TIR dell Equity al netto di tasse e debito 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% -10% D=+4% 0,300 0,250 0,200 0, , Tariffa incentivante ( /kwh) - anno di entrata in esercizio Capex ( /kwp) "mitigato" 1850 "mitigato" 1300 "mitigato" 1100 "mitigato" Il grafico evidenzia come gli interventi di ottimizzazione proposti abbiano un impatto positivo sul TIR, anche a valle dell introduzione dello Spalma-Incentivi. Come nelle precedenti slide, a titolo di esempio, si riporta il caso di un impianto a cui è stata riconosciuta una tariffa pari a 0,220 /kwh, con Capex pari a /kwp (vedi linea blu continua e tratteggiata). Il miglioramento del TIR dell Equity, pari a circa 4 punti percentuali, consente di recuperare quasi interamente il gap perso a causa dell introduzione dello Spalma-Incentivi. 27

28 Conclusioni Lo «Spalma-incentivi» avrebbe effetti negativi su tutti gli indicatori finanziari: DSCR medio: -0,2/-0,4 DSCR annuale: -0,25/-0,50 TIR di Progetto: -2%/-3% TIR di Progetto (netto tasse): -1%/-2% TIR dell Equity (netto tasse e debito): -3%/-6% Gli interventi di ottimizzazione consentirebbero di recuperare parte delle prestazioni finanziarie: DSCR: +0,2 TIR dell Equity (netto tasse e debito): +4% Sia che lo «Spalma-incentivi» trovi effettiva emanazione, sia che il regime incentivante attualmente in vigore non venga modificato, alcuni interventi di ottimizzazione degli attuali impianti potrebbero consentire ai proprietari di conseguire significativi miglioramenti delle prestazioni finanziarie dei propri impianti FV, con particolare riferimento al TIR dell Equity. 28

29 Ottimizzazione dei margini operativi e mitigazione degli effetti dello «Spalma-incentivi» Miglioramento di circa 0,2 punti di DSCR medio calcolato al Nel caso in esame i miglioramenti/ottimizzazioni messi in atto riportano il DSCR da valori «limite» sotto l 1,1 a valori «accettabili» (1,25); si evidenzia, tuttavia, che il «gap» causato dallo «Spalma-incentivi» non viene recuperato integralmente (ad esempio: nel «Caso 0» riferito all esempio delle slide precedenti il DSCR era, infatti, pari a 1,37). TIR Equity: miglioramento, in media, di circa 4 punti percentuali. Nel caso in esame il TIR dell Equity passa infatti da 9,7% a 13,7%. Si evidenzia che, a differenza di quanto riscontrato per il DSCR, attraverso le ottimizzazioni prima descritte, il «gap» causato dallo «Spalmaincentivi» appare essere in gran parte recuperabile (ad esempio: nel «Caso 0» riferito all esempio delle slide precedenti il TIR era pari al 14%). 29

30 A CURA DI: Giorgio Saraceno Emiliano Guerrieri Alessandro Gervasio Via Livenza, Roma Tel Fax Via Vittor Pisani, Milano Tel Fax

LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI DERIVANTI DALLE VARIAZIONI NORMATIVE NEL FOTOVOLTAICO (DECRETO «SPALMA INCENTIVI») OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE

LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI DERIVANTI DALLE VARIAZIONI NORMATIVE NEL FOTOVOLTAICO (DECRETO «SPALMA INCENTIVI») OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE LA MITIGAZIONE DEGLI EFFETTI DERIVANTI DALLE VARIAZIONI NORMATIVE NEL FOTOVOLTAICO (DECRETO «SPALMA INCENTIVI») OTTIMIZZAZIONE DELLE PERFORMANCE TECNICO ECONOMICHE Introduzione Il mercato del fotovoltaico

Dettagli

OGGETTO: SIMULA SCENARI DECRETO SPALMA INCENTIVI

OGGETTO: SIMULA SCENARI DECRETO SPALMA INCENTIVI OGGETTO: SIMULA SCENARI DECRETO SPALMA 1. RIFERIMENTI E PREMESSE L art.26 del DECRETOLEGGE 24 giugno 2014, n. 91 pubblicato in Gazzetta Ufficiale contiene 2 modifiche sostanziali in merito alla modalità

Dettagli

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia

Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia Contenuto del decreto ministeriale 28 luglio 2005 e della delibera n.188/05 dell Autorità per l Energia In sintesi i contenuti del decreto e della delibera dell Autority L incentivazione per la produzione

Dettagli

Obiettivo Grid-Parity: Sensitivity Analysis Fotovoltaico Zonale Industriale & Multimegawatt

Obiettivo Grid-Parity: Sensitivity Analysis Fotovoltaico Zonale Industriale & Multimegawatt Obiettivo Grid-Parity: Sensitivity Analysis Fotovoltaico Zonale Industriale & Multimegawatt Vice President Intellienergia S.r.l. Rimini, 09, novembre 2012 Introduzione - Eelementi di Grid Parity In generale

Dettagli

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti

1. Cenni sul Nuovo Conto Energia. Incentivazione. Premi incentivanti Impianti fotovoltaici su immobili pubblici e risparmio energetico nella pubblica amministrazione: Un opportunità per il riequilibrio dei conti (A cura dell Ing. Gianluca Toso) 1. Cenni sul Nuovo Conto

Dettagli

Fotovoltaico: analisi economica

Fotovoltaico: analisi economica Fotovoltaico: analisi economica ing. Fabio Minchio Ph.D. in energetica Studio 3F engineering f.minchio@3f-engineering.it 349-0713843 1 Impianto fotovoltaico: non solo un impianto Nel momento in cui si

Dettagli

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati

Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Lo sviluppo dell eolico in Italia: incentivi e risultati Matteo Giannì Unità Studi e Statistiche - 1 - GSE: monitoraggio e informazione Attività di monitoraggio previste dalla normativa assegnate al GSE

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

18 Maggio 2011. Energy & Strategy Group. www.energystrategy.it. www.energystrategy.it

18 Maggio 2011. Energy & Strategy Group. www.energystrategy.it. www.energystrategy.it 18 Maggio 2011 Energy & Strategy Group ll decreto si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio in data successiva al 31 maggio 2011 fino al 31 dicembre 2016 L obiettivo indicativo di

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Investire nel fotovoltaico: analisi di convenienza e casi di successo

Investire nel fotovoltaico: analisi di convenienza e casi di successo Investire nel fotovoltaico: analisi di convenienza e casi di successo Roma, 30 Gennaio 2008 Conto Energia Generalità Il Conto Energia (DM 19 febbraio 2007) incentiva l installazione di impianti fotovoltaici

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Analisi economico-finanziaria di un impianto fotovoltaico su tetto nel Nord Italia. Bergamo, 8 Novembre 2007

Analisi economico-finanziaria di un impianto fotovoltaico su tetto nel Nord Italia. Bergamo, 8 Novembre 2007 Analisi economico-finanziaria di un impianto fotovoltaico su tetto nel Nord Italia 1 Bergamo, 8 Novembre 2007 FIN.OPI nel Gruppo Intesa Sanpaolo FIN.OPI è l investment manager & advisory firm del Gruppo

Dettagli

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas

Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del polo di Cremona Le energie rinnovabili nel contesto agro-zootecnico: analisi normativa e d investimento per impianti fotovoltaici e a biomasse/biogas Centro per lo sviluppo del

Dettagli

dott.ing. Alessandro Caffarelli Vice President Intellienergia S.r.l.

dott.ing. Alessandro Caffarelli Vice President Intellienergia S.r.l. Elementi di Grid-Parity: osservabilità e raggiungibilità della parità fotovoltaica Sensitivity Analysis Fotovoltaico Zonale Industriale & Multimegawatt Vice President Intellienergia S.r.l. Rimini, 09,

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: DALLE VERIFICHE IN CAMPO E DA REMOTO ALL INGEGNERIZZAZIONE DEGLI UPGRADES

OTTIMIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: DALLE VERIFICHE IN CAMPO E DA REMOTO ALL INGEGNERIZZAZIONE DEGLI UPGRADES OTTIMIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: DALLE VERIFICHE IN CAMPO E DA REMOTO ALL INGEGNERIZZAZIONE DEGLI UPGRADES Ing. Mauro Moroni CEO Moroni & Partners Milano, 23/10/2014 M&P in breve CHI SIAMO Moroni

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016. ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL

IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016. ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI NEL PERIODO 2012-2016 2016 IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE AZIENDE DI TPL ing. Luciano Tricarico Responsabile Area Commerciale Sala Aulo Vibenna ASSTRA

Dettagli

Mutuo, leasing o project financing?

Mutuo, leasing o project financing? Mutuo, leasing o project financing? Contenuti 1 2 3 4 5 6 Il sistema bancario sostiene l energia pulita Le tipologie di intervento Il Project Financing Il Leasing Il Mutuo La Gestione dei Rischi 1. Il

Dettagli

IL DECRETO SPALMA INCENTIVI E I SUOI EFFETTI SUL MERCATO ITALIANO

IL DECRETO SPALMA INCENTIVI E I SUOI EFFETTI SUL MERCATO ITALIANO IL DECRETO SPALMA INCENTIVI E I SUOI EFFETTI SUL MERCATO ITALIANO Giuseppe Mastropieri CEO REA Srl Reliable Energy Advisors Membro di Giunta assorinnovabili assorinnovabili assorinnovabili (Associazione

Dettagli

L INVESTIMENTO NEL FOTOVOLTAICO ANCHE IN ASSENZA DI INCENTIVI (GRID PARITY) ing. Fabio Minchio, Ph.D. f.minchio@3f-engineering.it

L INVESTIMENTO NEL FOTOVOLTAICO ANCHE IN ASSENZA DI INCENTIVI (GRID PARITY) ing. Fabio Minchio, Ph.D. f.minchio@3f-engineering.it L INVESTIMENTO NEL FOTOVOLTAICO ANCHE IN ASSENZA DI INCENTIVI (GRID PARITY) ing. Fabio Minchio, Ph.D. f.minchio@3f-engineering.it Schio, 14 marzo 2013 Grid Parity? La definizione tradizionale di Grid Parity

Dettagli

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita

Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Le soluzioni del Gruppo Intesa Sanpaolo a sostegno delle imprese che investono in energia pulita Francesco Fioretto, Responsabile Succursale Emilia Romagna Parma, 25 marzo 2010 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Le prospettive di finanziamento nelle energie rinnovabili e nell efficienza energetica

Le prospettive di finanziamento nelle energie rinnovabili e nell efficienza energetica Le prospettive di finanziamento nelle energie rinnovabili e nell efficienza energetica Giuseppe Dasti - Coordinatore Desk Energia Mediocredito Italiano Gruppo Intesa Sanpaolo III Forum ABI GREEN ENERGY

Dettagli

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria

La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria La bancabilità dei progetti a biomasse nel nuovo scenario finanziario: gli strumenti a disposizione dell industria Giuseppe Dasti - Coordinatore Desk Energy Mediocredito Italiano gruppo Intesa Sanpaolo

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

WORKSHOP. Bari, 26 maggio 2008. Intervento del Dott. Massimo Leone Amministratore Delegato Promem Sud Est S.p.A.

WORKSHOP. Bari, 26 maggio 2008. Intervento del Dott. Massimo Leone Amministratore Delegato Promem Sud Est S.p.A. WORKSHOP ENERGIA, PROFITTO E SOSTENIBILITA Incentivi e modalità di finanziamento bancario per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Bari, 26 maggio 2008 Intervento del Dott. Massimo

Dettagli

Finanziamento e aspetti economici degli impianti fotovoltaici

Finanziamento e aspetti economici degli impianti fotovoltaici Finanziamento e aspetti economici degli impianti fotovoltaici Carlo Buonfrate Energethica Congress - Milano, 16 maggio 2008 1 Il Gruppo Intesa Sanpaolo. Intesa Sanpaolo si colloca tra i primi gruppi bancari

Dettagli

AUDITORIUM DELL'ARA PACIS

AUDITORIUM DELL'ARA PACIS L'impatto sulla dinamica finanziaria degli investimenti nel fotovoltaico del Decreto "Spalma incentivi" (Legge 11 agosto 2014, n. 116) Stefano Indigenti Finergy AUDITORIUM DELL'ARA PACIS FINERGY PRESENTAZIONE

Dettagli

Optimize your energy park. www.en-come.com

Optimize your energy park. www.en-come.com Optimize your energy park / Supporto d ACQUISIZIONE / OPERAZIONI TECNICHE / OPERAZIONI COMMERCIALI / MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI / SMALTIMENTO IMPIANTI IT www.en-come.com Supporto d ACQUISIZIONE SMALTIMENTO

Dettagli

La Smart Grid: tecnologie abilitanti e potenziale di mercato in Italia

La Smart Grid: tecnologie abilitanti e potenziale di mercato in Italia La Grid: tecnologie abilitanti e potenziale di mercato in Italia Federico Frattini 26 Febbraio 2014 Sistema elettrico «integrato» ove le azioni di tutti gli utenti connessi alla rete sono fra di loro coordinate

Dettagli

Servizi ed installazioni per l Efficienza Energetica

Servizi ed installazioni per l Efficienza Energetica Eurogroup dal 1966 partner di qualità ESCo certificata UNI CEI 11352:2014 Servizi ed installazioni per l Efficienza Energetica Eurogroup dal 1966 partner di qualità EUROGROUP nasce nel 1966 come azienda

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009

Solar Energy Italia. Building a solar future. Aprile 2009 Solar Energy Italia Building a solar future Aprile 2009 1 La società Investire in un impianto fotovoltaico significa avere la garanzia di un ritorno certo per 20 anni se ci si affida ad un partner di provata

Dettagli

Cosa facciamo: Progettazione impianti a fonti rinnovabili (fotovoltaico, biomassa) Energy Performance Contract (Riscaldamento, Pubblica

Cosa facciamo: Progettazione impianti a fonti rinnovabili (fotovoltaico, biomassa) Energy Performance Contract (Riscaldamento, Pubblica L Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile (AESS) è stata fondata il 30 marzo 1999 su iniziativa del Comune di Modena, nell ambito del Programma SAVE della Commissione Europea; Sono 29 soci dell

Dettagli

Ecco come puoi risparmiare

Ecco come puoi risparmiare Ecco come puoi risparmiare La Melchioni S.p.A. da 50 anni nel settore dell elettronica, ha creato nel 2009 una Divisione con personale specializzato dedicato, che si occupa delle ENERGIE RINNOVABILI Ecco

Dettagli

Soluzioni aeroportuali

Soluzioni aeroportuali Sistemi Energetici Integrati Soluzioni aeroportuali Executive Short Presentation info@businessimprovement.eu Chi siamo Siamo una Energy Service Company (ESCO) che progetta e installa fin dal 2008 Sistemi

Dettagli

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia?

Cosa è il Conto energia? Come funziona il quarto Conto energia? Cosa devo fare per ottenere la tariffa incentivante del Conto energia? FAQ Cosa è il Conto energia? Con il Decreto Ministeriale del 05 Maggio 2011 è stato introdotto il nuovo Quarto Conto Energia per il riconoscimento degli incentivi Statali ai proprietari di impianti fotovoltaici.

Dettagli

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance

FINANZIA ENERGIA. I progetti di investimento con il project finance FINANZIA ENERGIA I progetti di investimento con il project finance Erba, 3 dicembre 2009 2 Brady Italia Mariano Kihlgren, amm. delegato Giuseppe Michelucci, partner 3 Brady Italia Brady Italia opera da

Dettagli

Trasforma l energia del sole in energia produttiva

Trasforma l energia del sole in energia produttiva Trasforma l energia del sole in energia produttiva Un servizio Upgrading Services Upgrading Services progetta, installa e gestisce impianti fotovoltaici per aziende su tutto il territorio nazionale. Fornisce

Dettagli

il mini eolico quanto costa e quanto rende

il mini eolico quanto costa e quanto rende il mini eolico quanto costa e quanto rende quanto costa e quanto rende Il costo di un sistema mini eolico installato chiavi in mano (IVA esclusa) per taglie comprese fra 5 kw e 20 kw è compreso fra 3.000

Dettagli

Modalità e Condizioni Operative

Modalità e Condizioni Operative Grandi Imprese e Pubbliche Amministrazioni Vendita Grandi Clienti Task Force Direct Marketing Poste Commerce Posta Internazionale Modalità e Condizioni Operative 1 luglio - 31 ottobre 2010 2 In relazione

Dettagli

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE

CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI MODALITÀ E CONDIZIONI OPERATIVE CAMPAGNE COMMERCIALE PRODOTTI CORRIERE ESPRESSO NAZIONALE (compreso Home Box) + PACCOCELERE INTERNAZIONALE+ EMS/QPE+ PACCOCELERE IMPRESA (Nazionale) + RACCOMANDATA 1 BUSINESS (1 APRILE 31 MAGGIO 2011)

Dettagli

Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico. Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012

Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico. Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012 Il 5 Conto Energia e il futuro degli incentivi nel settore fotovoltaico Riccardo Frisinghelli Tecno Spot Srl Bolzano, 20 settembre 2012 Contenuti Il 5 Conto Energia I punti principali Genesi Opportunità

Dettagli

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione della Relazione Semestrale Consolidata di Gruppo al 30 giugno 2015

Ecosuntek S.p.A. - Approvazione della Relazione Semestrale Consolidata di Gruppo al 30 giugno 2015 COMUNICATO STAMPA Ecosuntek S.p.A. - Approvazione della Relazione Semestrale Consolidata di Gruppo al 30 giugno 2015 Il Risultato netto torna positivo per 1,6 milioni La Posizione Finanziaria netta, in

Dettagli

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni)

1. L'energia solare. Svantaggi: - Costi di installazione elevati - Ampie superfici - Tempi di ritorno dell investimento (7-10 anni) 1. L'energia solare Produzione di energia elettrica attraverso i pannelli fotovoltaici, che sfruttano le proprietà di particolari materiali, come il silicio, in grado di produrre energia elettrica se irradiati

Dettagli

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende

il fotovoltaico quanto costa e quanto rende il fotovoltaico quanto costa e quanto rende gli incentivi /1 In Italia, da settembre 2005, è attivo un meccanismo di incentivazione, definito Conto Energia, per la produzione di energia elettrica mediante

Dettagli

PROGRAMMA FOTOVOLTAICO 4 IL CONTO ENERGIA

PROGRAMMA FOTOVOLTAICO 4 IL CONTO ENERGIA PROGRAMMA FOTOVOLTAICO 4 IL CONTO ENERGIA GIOVEDI 04 MAGGIO 2006 UMANITARIA ISTITUTO UOMO E AMBIENTE Studio di ingegneria Dott. Ing. Claudio Zucal Via F.lli Bronzetti 12 Milano Tel: 02.70006904 fax: 02.71090267

Dettagli

I servizi ESCo a supporto dell efficienza energetica: esperienze e casi di successo. Portoferraio, 16 maggio 2014

I servizi ESCo a supporto dell efficienza energetica: esperienze e casi di successo. Portoferraio, 16 maggio 2014 I servizi ESCo a supporto dell efficienza energetica: esperienze e casi di successo Portoferraio, 16 maggio 2014 Indice Paes dell Elba Le ESCo Incentivi Case History 2 PAES dell Elba Elba, prima isola

Dettagli

Finanziamento Tramite Terzi nel settore Industriale e nel Terziario: case study. Convegno Efficienz@Energetica oggi e domani 29 Aprile 2014 - Modena

Finanziamento Tramite Terzi nel settore Industriale e nel Terziario: case study. Convegno Efficienz@Energetica oggi e domani 29 Aprile 2014 - Modena Finanziamento Tramite Terzi nel settore Industriale e nel Terziario: case study Convegno Efficienz@Energetica oggi e domani 29 Aprile 2014 - Modena La Mission Samandel Spa è una Energy Saving Company (E.S.Co.)

Dettagli

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili

Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Delibera 281/2012/R/efr Revisione del servizio di dispacciamento per le unità di produzione a fonti rinnovabili non programmabili Direzione Gestione Energia Roma, 25 luglio 2012 Contenuti Normativa di

Dettagli

Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies. Milano, 17 novembre 2010

Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies. Milano, 17 novembre 2010 Locazione finanziaria di impianti fotovoltaici Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Milano, 17 novembre 2010 UniCredit Leasing Competence Center for Renewable

Dettagli

Il costo medio di realizzazione dell impianto varia da ca. 4.000 kwp (P < 50 kwp), a ca. 3.600 /kwp (50kWp<P<200kWp) a ca. 3.100 /kwp (P> 200kWp).

Il costo medio di realizzazione dell impianto varia da ca. 4.000 kwp (P < 50 kwp), a ca. 3.600 /kwp (50kWp<P<200kWp) a ca. 3.100 /kwp (P> 200kWp). Il CETRI-TIRES, Circolo Europeo per la Terza Rivoluzione Industriale ha condotto una simulazione su dati GSE, Terna, ATLASOLE e su dati di contabilità industriale di aziende del settore fotovoltaico aderenti

Dettagli

P I Ù E N E R G I A P U L I T A

P I Ù E N E R G I A P U L I T A PIÙ ENERGIA PULITA Come operiamo PiQuadro Energia è una giovane realtà imprenditoriale che opera a livello nazionale nel settore delle energie rinnovabili. PiQuadro Energia è una società del Gruppo PiQuadro,

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME

COMUNE DI MONSUMMANO TERME COMUNE DI MONSUMMANO TERME PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO PRELIMINARE EC 520 RELAZIONE ECONOMICA RELATIVA ALLA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA COPERTURA DELL IMMOBILE COMUNALE DI VIA TOSCANA

Dettagli

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013

INFORMATIVA 02/2010. Il terzo Conto Energia: 2011-2013 INFORMATIVA 02/2010 Il terzo Conto Energia: 2011-2013 Realizzato da: TIS Area Energia & Ambiente Data: Bolzano, 08/10/2010 TIS AREA ENERGIA & AMBIENTE 2 Indice 1 L attuale Conto Energia... 4 1.1 Introduzione...

Dettagli

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ

V Conto Energia Le principali novità in 15 FAQ 1. Quando entra in vigore il DM 5 Luglio 2012, ovvero il Quinto Conto Energia? Il Quinto Conto Energia (il Decreto ) è entrato in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale,

Dettagli

"La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti"

La valutazione degli investimenti nel settore delle energie rinnovabili: dal business plan alla bancabilità dei progetti In collaborazione con la Commissione Finanza e Controllo di Gestione Ciclo di Incontri Finanza e gestione per le imprese lombarde degli anni 10 Terzo Seminario ENERGIA E SOSTEGNO FINANZIARIO AGLI INVESTIMENTI

Dettagli

Spett.le Hymera Engineering S.r.l. Sede Legale: Via Conservatorio, 22 20122 Milano (MI) Sede Operativa: Via L. Einaudi, 24 93016 Riesi (CL)

Spett.le Hymera Engineering S.r.l. Sede Legale: Via Conservatorio, 22 20122 Milano (MI) Sede Operativa: Via L. Einaudi, 24 93016 Riesi (CL) Spett.le Hymera Engineering S.r.l. SedeLegale: Via Conservatorio, 22 20122 Milano (MI) SedeOperativa: Via L. Einaudi, 24 93016 Riesi (CL) Partita IVA: 06284810964 Catania, lì 24.09.2013 Oggetto: Indagine

Dettagli

Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012

Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 5 Conto Energia: opportunità e criticità introdotte dal nuovo Decreto Averaldo Farri, Consigliere ANIE/GIFI Reggio Emilia, 25 luglio 2012 Obbiettivi raggiunti Il contributo del fotovoltaico in Italia influisce

Dettagli

Costi e benefici dell eolico

Costi e benefici dell eolico Costi e benefici dell eolico Effetti dell incentivazione della generazione eolica sul sistema italiano Uno studio elemens per ANEV Executive summary MW elemens EXECUTIVE SUMMARY Studi e Scenari PREMESSA

Dettagli

Banche e Green Economy. Giorgio Recanati Senior Research Analyst ABI Lab g.recanati@abilab.it

Banche e Green Economy. Giorgio Recanati Senior Research Analyst ABI Lab g.recanati@abilab.it Banche e Green Economy Giorgio Recanati Senior Research Analyst ABI Lab g.recanati@abilab.it Roma, 27 giugno 2013 Gli ambiti di ricerca su energia e ambiente in ABI Lab ABI Energia, Competence Center sull

Dettagli

Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv)

Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi. Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv) Impianti fotovoltaici su tetto Finanziabilità del progetto e struttura dei rischi Via Vittorio Alfieri, 1 31015 Conegliano (Tv) 3 novembre 2011 Le esigenze del mercato Legate all investitore e all importo

Dettagli

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili

Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Recepimento direttiva 28/2009/CE promozione energia da fonti rinnovabili Audizione presso la X Commissione del Senato Roma, 18 Gennaio 2011 Sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia TWh Obiettivo rinnovabili

Dettagli

ENERGIA DAL SOLE. SEAIMPIANTI di Di Giacinto Snc Via V:Alfieri,10-65025 PINETO (TE) Italia Sito internet: www.seaimp.it e-mail: info@seaimp.

ENERGIA DAL SOLE. SEAIMPIANTI di Di Giacinto Snc Via V:Alfieri,10-65025 PINETO (TE) Italia Sito internet: www.seaimp.it e-mail: info@seaimp. ENERGIA DAL SOLE IL TUO CONSULENTE PER L ENERGIA VERDE Operiamo nel settore delle produzione di energia elettrica in collaborazione con la ELTECH Srl Azienda leader nel settore delle energie rinnovabili

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 29 dicembre 2008 - ARG/elt 206/08 Modifiche della deliberazione dell Autorità 29 dicembre 2007, n. 351/07 per la definizione di meccanismi di premi e penalità ad incentivazione della società

Dettagli

CONTO ENERGIA. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici. Envipark

CONTO ENERGIA. Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici. Envipark CONTO ENERGIA Incentivazione della produzione di energia elettrica mediante l istallazione di impianti Fotovoltaici L energia solare La potenza radiante del sole prima di entrare nell atmosfera è in media

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia IMPIANTI FOTOVOLTAICI Conto Energia Bergamo 8 novembre 2007 INCENTIVI E LA CONNESSIONE ALLA RETE a cura di Raul Ruggeri ARGOMENTI FORMA DI INCENTIVAZIONE CONNESSIONE ALLA RETE RICONOSCIMENTO INCENTIVO

Dettagli

Le opportunità del III Conto Energia e Strutturazione finanziaria di progetti fotovoltaici

Le opportunità del III Conto Energia e Strutturazione finanziaria di progetti fotovoltaici Le opportunità del III Conto Energia e Strutturazione finanziaria di progetti fotovoltaici Convegno: MicroKyoto Imprese efficienza energetica e fonti rinnovabili: il fotovoltaico Fabio Callegari Marketing

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati. Flavio Beretta,- 20 Novembre 2013 Convegno Assolombarda-EnergyLab L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dalla diagnosi energetica al monitoraggio dei risultati. Marzo 2011 Slide 1 ABB un

Dettagli

NO ALLO SPALMA INCENTIVI: l impatto delle modifiche regolatorie che hanno interessato il

NO ALLO SPALMA INCENTIVI: l impatto delle modifiche regolatorie che hanno interessato il NO ALLO SPALMA INCENTIVI: l impatto delle modifiche regolatorie che hanno interessato il settore fotovoltaico ELENCO MISURE 1) Scambio sul posto Delibera 614/2013/R/efr Dicembre 2013 Autorità per l Energia

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Strumenti per finanziare un intervento di miglioramento e possibili impatti sugli stakeholder

Strumenti per finanziare un intervento di miglioramento e possibili impatti sugli stakeholder Strumenti per finanziare un intervento di miglioramento e possibili impatti sugli stakeholder Milano, 23 ottobre 2014 Giovanni Giusiano BIT Servizi per l investimento sul territorio, chi è? Società di

Dettagli

Il punto sul fotovoltaico in Italia

Il punto sul fotovoltaico in Italia Il punto sul fotovoltaico in Italia Gerardo Montanino Roma, 27 novembre 2014, Auditorium GSE Agenda I risultati del Conto Energia La tecnologia negli impianti installati I costi degli impianti fotovoltaici

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari

Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari STUDIO BERETTA DOTTTARELLI DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI Sergio Beretta Pianificazione e Controllo Fondi Immobiliari Attività di pianificazione e controllo di un fondo immobiliare L attività di Pianificazione

Dettagli

L esperienza e le prospettive future di Edipower nel Fotovoltaico

L esperienza e le prospettive future di Edipower nel Fotovoltaico L esperienza e le prospettive future di Edipower nel Fotovoltaico Povo di Trento 28 ottobre 2010 Indice: Presentazione Edipower Il fotovoltaico in Italia Il fotovoltaico in Edipower 2 Presentazione Edipower

Dettagli

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili

Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Lo strumento del leasing per il finanziamento delle energie rinnovabili Marco Martorana, Energy Product Specialist Competence Center for Renewable Energies Roma, 23 Settembre 2010 UNICREDIT LEASING E LE

Dettagli

Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici.

Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici. Conto Energia Analisi economica per tre casi tipici. Dopo il successo del primo ciclo del conto il Governo ha deciso di procedere alla liberalizzazione completa. Il cosiddetto Conto Energia arriva in Italia,

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB

COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB COMUNICATO STAMPA PRICE SENSITIVE AI SENSI DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA E DEL REGOLAMENTO CONSOB Assemblea dei soci di Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A.: Approvato il bilancio 2009 Rinnovata la delega

Dettagli

L approccio globale ABB per l efficienza energetica.

L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Luca Zanella - ABB Energy Efficiency Country Team Manager 6a Giornata sull efficienza energetica nelle industrie - 14 Maggio 2013 L approccio globale ABB per l efficienza energetica. Dall audit al supporto

Dettagli

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO

Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Fattori critici per lo sviluppo di interventi di efficienza energetica attraverso ESCO Avv. Emilio Sani, Partner Dipartimento Energia Macchi di Cellere Gangemi studio legale Via Serbelloni 4 20121, Milano

Dettagli

Chiarimenti sulle definizioni di manutenzione

Chiarimenti sulle definizioni di manutenzione O&M&P : OPERATION & MAINTENANCE & PERFORMANCE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Fiera Milano 9 maggio 2014 La corretta manutenzione degli impianti fotovoltaici Massimo Gamba, CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano

Dettagli

Sunny Days 2014. I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) per gli impianti fotovoltaici

Sunny Days 2014. I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) per gli impianti fotovoltaici Sunny Days 2014 I Sistemi Efficienti di Utenza (SEU) per gli impianti fotovoltaici Ing. Alessandro Arena Direzione Mercati Unità Produzione di energia, fonti rinnovabili ed efficienza energetica Autorità

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA

Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Energia: Minor costi maggior efficienza I MERCATI ITALIANI DELL ENERGIA Assoutility srl - Assolombarda Arch. Daniela Colalillo Comune di Settala, 08 novembre 2006 Efficienza energetica e mercato liberalizzato:

Dettagli

Il punto sul Fotovoltaico in Italia

Il punto sul Fotovoltaico in Italia Il punto sul Fotovoltaico in Italia Gerardo Montanino Direttore Operativo GSE, 22 novembre 2012 Il Fotovoltaico in Italia senza incentivi Hfv Agenda I risultati del Conto Energia Il Quinto Conto Energia

Dettagli

IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA GIORNATA ENERGIA PULITA FIERA DEL LEVANTE BARI 18 SETTEMBRE 2008 + 117%! PRIMA.

IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA GIORNATA ENERGIA PULITA FIERA DEL LEVANTE BARI 18 SETTEMBRE 2008 + 117%! PRIMA. IL MERCATO FOTOVOLTAICO IN ITALIA Il mercato fotovoltaico italiano, rimasto per molto tempo al palo rispetto ad altri Paesi (come Germania, Giappone, Stati Uniti e Spagna), sta oggi finalmente emergendo

Dettagli

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Milano, 22 Maggio 2015 Prot. n. 184/2015 Oggetto: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

E n v i r o n m e n t y o u r e n e r g y f u t u r e

E n v i r o n m e n t y o u r e n e r g y f u t u r e E n v i r o n m e n t y o u r e n e r g y f u t u r e SERVIZIO INTEGRATO Zilio Service offre competenze tecniche di altissimo livello e capacità di pronto intervento operativo per garantire un servizio

Dettagli

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile

il Fotovoltaico Eticamente Sensibile il Fotovoltaico Eticamente Sensibile Coopwork è un impresa sociale no-profit che realizza integrazione sociale e lavorativa offrendo servizi alla persona finalizzati all inserimento lavorativo di persone

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Laura Conti Montana SpA Energia pulita a km 0 in Sicilia: un caso di possibile investimento industriale

Laura Conti Montana SpA Energia pulita a km 0 in Sicilia: un caso di possibile investimento industriale Laura Conti Montana SpA Energia pulita a km 0 in Sicilia: un caso di possibile investimento industriale Agenda TEMI L insediamento produttivo: inquadramento, Specificità, Consumi elettrici, Elementi di

Dettagli

Le esperienze di una ESCO nello sviluppo di impianti di bioenergia PRESENTAZIONE AZIENDALE 23.09.2011

Le esperienze di una ESCO nello sviluppo di impianti di bioenergia PRESENTAZIONE AZIENDALE 23.09.2011 Le esperienze di una ESCO nello sviluppo di impianti di bioenergia PRESENTAZIONE AZIENDALE 23.09.2011 Offerta: consulenza - progettazione - servizi Team interdisciplinare CONSULTING Team TECNICO Pianificazione

Dettagli

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza

Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Gruppo di Lavoro Finanza Il solare fotovoltaico: la nascita di una nuova industria per il Mediterraneo Installare il sole: strumenti finanziari e assicurativi Lo sviluppo dei prodotti finanziari in Italia Carlo Maria Magni Zeroemission

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS)

SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) SISTEMI DI ACCUMULO Soluzioni per l autoconsumo Residential Energy Storage Systems (RESS) Presentata da: Ing. Alan Sabia Cesena Venerdì 04 Aprile 2014 NUOVO SCENARIO FOTOVOLTAICO 6/7/13 - Fine Tariffe

Dettagli