Gli investimenti delle mafie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli investimenti delle mafie"

Transcript

1

2 . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Milano, 16 gennaio 2013

3 Da dove partiamo Background Alcuni studi hanno stimato i ricavi delle organizzazioni criminali, la dimensione del riciclaggio di denaro, i costi della criminalità (vedi Walker, Unger, Schneider) Altri hanno studiato le infiltrazioni nell economia legale (vedi Jacobs, Reuter, Gambetta) Si sono pubblicate molte notizie spesso aneddotiche e poco circostanziate sulle ricchezze mafiose Problema Numero molto limitato di ricerche su chi, come, dove le mafie investono nei mercati legali

4

5 Le domande della ricerca Gli investimenti delle mafie italiane nell economia legale I temi discussi nel rapporto 1. Dove sono le mafie in Italia 2. Quanto ricavano le mafie dalle loro attività illegali in Italia 3. Come e dove le mafie investono i propri ricavi in Italia 4. Dove sono le mafie italiane all estero 5. Come è possibile identificare in modo sistematico i settori più vulnerabili agli investimenti mafiosi 5

6 Tema 1 Dove sono le mafie in Italia

7 TEMA 1 Dove sono le mafie in Italia? Precedenti ricerche sulla presenza delle mafie in Italia (Mafia index, Calderoni 2011) Indice di presenza mafiosa Aggiornamento del Mafia index secondo 5 variabili: 1. Violenza: omicidi e tentati omicidi di stampo mafioso 2. Organizzazione: persone denunciate per 416bis 3. Organizzazione: gruppi attivi riportati nelle relazioni DIA e DNA Economia: Beni confiscati alla criminalità organizzata 5. Politica: Comuni e pubbliche amministrazioni sciolti per infiltrazione mafiosa Periodo di tempo: Livello comunale

8 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1

9 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 IPM (comuni) IPM (regione) Milano Roma Camorra Cosa Nostra Ndrangheta 9

10 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 Presenza di gruppi mafiosi divisi per tipologia

11 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 Presenza di gruppi mafiosi divisi per tipologia. Tutti i gruppi

12 Tema 2 Quanto ricavano le mafie dalle loro attività illegali in Italia

13 Step 1. Stimare le attività illecite Stima, a livello regionale, di 9 attività/mercati 1. Sfruttamento sessuale 2. Traffico di armi 3. Droga (cocaina, eroina, marijuana, ecstasy e AMT) 4. Contraffazione (indumenti, occhiali da sole, cd/dvd, giochi, materiale elettronico, orologi e gioielli, software, profumi) 5. Gioco d azzardo illegale (video poker e slot machines) 6. Traffico illecito di rifiuti 7. Traffico illecito di tabacco 8. Usura 9. Estorsione I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2

14 Step 1. Stimare le attività illecite I RICAVI DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI TEMA 2 Guadagni totali (miliardi di euro): in media 25,7 (min 17,7; max 33,7) Attività illegali = 1,7% del PIL italiano o 427 euro/per abitante Entrate provenienti da attività illegali in Italia (Min/Max)

15 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane Due livelli I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2 Stima del livello di controllo delle mafie per ciascuna attività (con un minimo e un massimo, in base alla letteratura) Opinione comune: le mafie controllano interamente i mercati illegali Letteratura: il crimine organizzato non monopolizza il mercato illegale Stima dell attuale livello di controllo delle mafie per ciascuna regione e ciascuna attività illegale (attraverso l Indice di Presenza Mafiosa)

16 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2 Min 7,1 Max 15,6 miliardi (40-46% dei ricavi delle attività illecite) Valore medio = 10,6 miliardi (0,7% del PIL; 178 euro per abitante) Ricavi delle mafie provenienti da attività illegali in Italia Fonte principale di ricavi sono le estorsioni e le droghe

17 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane I RICAVI DELLE MAFIE IN ITALIA TEMA 2 Quota dei ricavi delle attività illegali distinti tra gruppi mafiosi italiani e altra criminalità Le mafie italiane al Nord hanno una quota di minoranza dei ricavi illeciti. La maggioranza è nelle mani di altre forme di criminalità Pesano per il 2,4% del PIL della Campania e della Calabria. Meno in Sicilia (1,5%)

18 Step 3 Stimare le entrate per tipo di organizzazione mafiosa Entrate economiche per tipo di organizzazione mafiosa (in milioni di euro). TEMA 2 Sul totale dei ricavi mafiosi, la Camorra (35%) e la Ndrangheta (32%) hanno le quote maggioritarie

19 Step 3 Stimare le entrate per tipo di mafia LA NDRANGHETA TEMA 2 A differenza delle altre mafie, la Ndrangheta ricava poco più del 20% della sua ricchezza dalla terra d origine (le altre mafie superano il 60%) Entrate della Ndrangheta per regione (% del totale) 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 0,0%

20 20 Tema 3 Come e dove le mafie investono i propri ricavi in Italia

21 TEMA 3 Perché le mafie investono nell economia legale? 1. Nascondere proventi illeciti (riciclaggio di denaro) 2. Aumentare il proprio capitale (ad esempio investendo in compagnie vantaggiose) 3. Ottenere consenso sociale (ad esempio con la creazione di nuovi posti di lavoro) 4. Mantenere il controllo territoriale (ad esempio attraverso la corruzione) 5. Motivazioni culturali/personali (ad es. investire sui beni immobili è considerato un investimento sicuro nella cultura italiana) Gli investimenti mafiosi sono il risultato di più motivi

22 TEMA 3 Principale fonte dei dati Database sui beni confiscati ( ). Perchè? Migliore indicatore per gli investimenti delle mafie Informazioni disponibili dal 1983 È una proxy anche per i beni sequestrati Divisione coerente tra le diverse tipologie di bene (beni immobili, aziende ed altri beni variabili) e subcategorie Indirizzi dei beni immobili confiscati disponibili Informazioni sulle aziende confiscate disponibili Ma sono stati usati molti altri database. Ad esempio il database sui valori immobiliari e il registro delle imprese per le analisi sugli immobili e le società

23 TEMA 3 LA DISTRIBUZIONE DEI BENI CONFISCATI ( ) Altri Beni Barche e veicoli 18,4% 20,6% 52,3% Beni Immobili 8,7% Aziende N=19.987

24 TEMA 3 I BENI IMMOBILI Perchè focalizzarsi sugli investimenti della mafia sui beni immobili? Ci sono alcune informazioni disponibili Analisi spaziale a livello di quartiere nelle città italiane

25 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Due problemi Non ci sono informazioni sulla funzione dei beni prima della confisca una parte rilevante è usata per scopi personali? Poca letteratura sugli investimenti mafiosi in beni immobili 25 Marco Dugato - Transcrime

26 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI 3 ipotesi 1. Motivi economici massimizzare i profitti 2. Motivi territoriali prestigio/ importanza simbolica/ controllo 3. Differenti tipi di mafia = diversi comportamenti?

27 Il caso di Napoli Il profitto non è la motivazione di investimento principale TEMA 3

28 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Le mafie investono di più dove controllano il territorio INTENSITÀ DI PRESENZA MAFIOSA

29 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Esistono differenze tra le mafie? TEMA 3 Camorra e Ndrangheta si dimostrano più attive in aree a non tradizionale presenza mafiosa. Il 10% dei loro beni immobili confiscati sta in regioni diverse da quella di origine

30 TEMA 3 IN SINTESI LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Il profitto economico sembra essere un fattore secondario per gli investimenti mafiosi in immobili Il prestigio e lo status sociale sono un fattore importante nella scelta dell immobile da acquistare Si sceglie di investire soprattutto nelle aree in cui si esercita un controllo diretto del territorio Poche differenze tra le diverse mafie

31 TEMA 3 LE AZIENDE MAFIOSE Perchè concentrarsi sugli investimenti nelle aziende? È l esempio più moderno di investimento in un economia Non sono mai state effettuate ricerche in merito

32 TEMA 3 DOMANDE DELLA RICERCA Perché le mafie investono nelle aziende? Dove operano le aziende mafiose? In quali territori? In quali settori? Come sono amministrate le aziende mafiose? Sono più o meno redditizie di quelle legali? Come sono finanziate? Come sono controllate?

33 TEMA 3 DATI E FONTE DEI DATI Due database: 1742 aziende confiscate alla mafia ( ) un sottoinsieme di 100 società di cui sono stati analizzati i bilanci Altri dati: Statistiche della criminalità e della delittuosità Struttura e competitività delle imprese Altri dati demografici e socio economici Segnalazioni di operazioni sospette e dati sull evasione fiscale Estratti conti e prospetti di quote azionarie (Registro delle imprese) Informazioni qualitative (documenti, interviste, giornali)

34 TEMA 3 LE AZIENDE MAFIOSE Le aziende mafiose preferiscono operare in: territori ad alta presenza mafiosa territori a bassa competitività straniera settori ad alta intensità di manodopera settori a bassa tecnologia settori collegati alla pubblica amministrazione non c è correlazione con la redditività del settore Negli investimenti mafiosi nelle aziende il controllo del territorio e il consenso sociale sembrano dunque più determinanti del profitto E quali sono i territori o i settori in cui operano le mafie?

35 TEMA 3 LE MAFIE NELLE AZIENDE Tasso più alto al sud (tradizionale presenza di organizzazioni mafiose) Anche alcune province del nord (Milano, Lecco, Brescia, Como, Bologna) mostrano un alta presenza di aziende mafiose

36 TEMA 3 MAFIE DIFFERENTI, DIVERSI SETTORI SU CUI INVESTIRE? Costruzioni, Estrazioni ed Alberghi e Ristoranti sono i settori con il più alto tasso di infiltrazione mafiosa. Cosa Nostra più di altre ha investito nelle imprese di costruzioni ed estrazioni che sono centrali per il controllo del ciclo del cemento

37 TEMA 3 I SETTORI A PIÙ ALTA CONCENTRAZIONE DI AZIENDE MAFIOSE Costruzioni Attività estrattiva Alberghi & Ristoranti

38 TEMA 3 QUALI MAFIE, QUALI AZIENDE E DOVE Cosa Nostra Camorra Ndrangheta

39 TEMA 3 ANALISI DELLA SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Bassa profittabilità rispetto alle imprese legali dello stesso settore, anche per cattiva gestione Basso indebitamento bancario e finanziario Alti livelli di debiti commerciali per: - nascondere risorse illecite - mancato pagamento dei fornitori Alti livelli di liquidità e crediti commerciali per: - avere risorse subito disponibili - nascondere trasferimenti di denaro a favore degli affiliati

40 TEMA 3 FORME GIURIDICHE DELLE AZIENDE MAFIOSE Forme giuridiche di 1667 imprese confiscate alle mafie in Italia ( )

41 TEMA 3 PROPRIETÀ DELLE AZIENDE MAFIOSE - CONCLUSIONI Preferite le società a responsabilità limitata: facili da costituire e da gestire, utili per occultare la proprietà Ampio uso di parenti come prestanome Ampio uso di partecipazioni incrociate e «scatole cinesi» Pochi professionisti e manager esterni Necessità di un controllo diretto sull impresa, in particolare per la Ndrangheta Uso ridotto di imprese registrate all estero

42 Tema 4 Le mafie italiane all estero: presenza e casi di investimento 42

43 TEMA 4 MANCANO INFORMAZIONI SISTEMATICHE SULLE MAFIE ALL ESTERO Metodologia sperimentale: analisi delle relazioni e dei rapporti DIA, DNA, altre autorità italiane e estere identificando i riferimenti esteri per Cosa Nostra, Camorra, Ndrangheta e Criminalità Organizzata pugliese Ipotesi di fondo: quanto più intensa è la presenza delle mafie in un paese estero, tanto maggiori sono i riferimenti allo stesso paese nelle relazioni

44 TEMA 4

45 TEMA 4

46 DAI CASI ANALIZZATI EMERGONO POCHE DIFFERENZE TRA ITALIA E ESTERO NELLA GESTIONE DELLE IMPRESE Le imprese mafiose estere hanno caratteristiche simili alle italiane: bassa profittabilità patrimonio impiegato in attività correnti e capitale circolante assenza di indebitamento finanziario utilizzo di parenti come intestatari TEMA 4 SONO POCHE LE INFORMAZIONI SUGLI INVESTIMENTI MAFIOSI ALL ESTERO

47 Tema 5 Come si possono identificare in modo sistematico i settori più vulnerabili agli investimenti mafiosi

48 IL MODELLO MOVUS COME STRUMENTO DI VAUTAZIONE DEL RISCHIO TEMA 5 Il progetto ha sviluppato il MO.Vu.S., un modello di valutazione del rischio di infiltrazione delle organizzazioni mafiose nei settori economici che combina il rischio territoriale con il rischio del settore economico RISCHI DI INFILTRAZIONE MAFIOSA NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Mo.Vu.S. fornisce una valutazione da 0 (rischio minimo) a 100 (rischio massimo) per dodici settori economici caratterizzati da almeno un precedente caso d infiltrazione

49 Conclusioni

50 CONCLUSIONI A cosa è servito questo studio A creare strumenti per la misurazione sistematica della presenza e della ricchezza mafiosa A comprendere le strategie di investimento delle organizzazioni mafiose, in aziende e immobili Cosa si può fare in Italia Per migliorare ulteriormente l'integrazione delle banche dati il PON Sicurezza ha finanziato lo sviluppo della banca dati gestita da ANBSC per un'azione preventiva e di contrasto ancora più efficace

51 CONCLUSIONI Cosa si può fare in Europa Domani, 17 gennaio 2013, partirà in Università Cattolica il progetto Organized Crime Portfolio che, con la partecipazione di 6 partner (Francia, Finlandia, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Olanda) svilupperà la metodologia adottata dallo studio italiano applicandola, quando possibile, in ciascuno dei sei paesi coinvolti e approfondendo la situazione italiana. Il risultato dovrà essere la costruzione di un sistema dati che permetterà in futuro di conoscere sempre di più le tipologie di investimento delle organizzazioni criminali e i luoghi dove queste si sviluppano. Tutto questo potrà migliorare l efficacia delle leggi sulla confisca e l intelligence finanziaria. La Scuola Internazionale contro il crimine organizzato che è stata programmata a Caserta e finanziata con fondi PON costituisce la continuità logica di questo studio.

52

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - DOCUMENTI 17 tipo mafioso, ai sensi dell articolo 416-bis del codice penale, rispetto ad altre fattispecie di associazione per delinquere, che ricadono sotto l articolo 416. Al di là della forte correlazione esistente

Dettagli

in data 18 settembre 2013, il dott. Franco Roberti, Procuratore nazionale antimafia.

in data 18 settembre 2013, il dott. Franco Roberti, Procuratore nazionale antimafia. PER UNA MODERNA POLITICA ANTIMAFIA Con decreto del 7 giugno 2013 il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta ha istituito la Commissione per l elaborazione di proposte per la lotta, anche patrimoniale,

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

CONTRATTO CON GLI ITALIANI

CONTRATTO CON GLI ITALIANI CONTRATTO CON GLI ITALIANI tra Silvio Berlusconi, nato a Milano il 29 settembre 1936, leader di Forza Italia e della Casa delle Libertà, che agisce in pieno accordo con tutti gli alleati della coalizione,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Dal bene confiscato al bene comune

Dal bene confiscato al bene comune copertina bene comune_ copertina def 30/09/13 17.32 Pagina 1 SE Dal bene confiscato al bene comune CO Dal bene confiscato al bene comune Quaderni della Fondazione Fondazione Tertio Millennio ND AE Introduzione

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

------ Francesco Menditto Magistrato del Tribunale di Napoli - sezione per l applicazione delle misure di prevenzione- ------ Sommario

------ Francesco Menditto Magistrato del Tribunale di Napoli - sezione per l applicazione delle misure di prevenzione- ------ Sommario Gli strumenti di aggressione ai patrimoni illecitamente accumulati dalle organizzazioni di tipo mafioso : normativa, prassi e criticità dei procedimenti giudiziari -sequestro e confisca, penale e di prevenzione-

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI

MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI CENTRE FOR TAX POLICY AND ADMINISTRATION ORGANISATION FOR ECONOMIC CO-OPERATION AND DEVELOPMENT MANUALE DELL OCSE SULLA SENSIBILIZZAZIONE ALLA CORRUZIONE AD USO DEI VERIFICATORI OECD Bribery Awareness

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Iniziative regionali per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità

Iniziative regionali per la prevenzione del crimine organizzato e mafioso e per la promozione della cultura della legalità CASA DELLA LEGALITA' E DELLA CULTURA Onlus Osservatorio sulla criminalità e le mafie Osservatorio sui reati ambientali Osservatorio sulla trasparenza e correttezza della P.A. www.casadellalegalita.org

Dettagli

PARTE PRIMA: L ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA 1. L ANALISI DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1.1. GENERALITÀ

PARTE PRIMA: L ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA 1. L ANALISI DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1.1. GENERALITÀ PARTE PRIMA: L ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA 1. L ANALISI DEL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1.1. GENERALITÀ La sicurezza attiene a quell ordine di fattori sociali destinati, per loro intrinseca natura,

Dettagli

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Aperto nel Mondo Intero! Supporto in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo. Ovunque tu sia, approfitta di questa eccezionale opportunità! copyright Support

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Il costo fiscale del proibizionismo: una simulazione contabile.

Il costo fiscale del proibizionismo: una simulazione contabile. Università degli Studi di Roma La Sapienza Settembre 2009. Il costo fiscale del proibizionismo: una simulazione contabile. Versione IT.05 Marco Rossi Abstract Recenti contributi teorici sostengono la superiorità

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA

di Avviso Pubblico arta Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC www.avvisopubblico.it CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA La arta di Avviso Pubblico La Carta di Avviso Pubblico CODICE ETICO PER LA BUONA POLITIC CODICE ETICO PER LA BUONA POLITICA www.avvisopubblico.it Avviso Pubblico SEDE OPERATIVA: Viale Cadorna, 21-50129

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PER UNA EMILIA ROMAGNA SENZA MAFIA. RAPPORTO SULLE PRESENZE DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA 2014 Primo aggiornamento

PER UNA EMILIA ROMAGNA SENZA MAFIA. RAPPORTO SULLE PRESENZE DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA 2014 Primo aggiornamento PER UNA EMILIA ROMAGNA SENZA MAFIA RAPPORTO SULLE PRESENZE DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA 2014 Primo aggiornamento A cura di Renato Scalia Consigliere della Fondazione Antonino Caponnetto L EMILIA ROMAGNA

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014

RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 2014 Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia Dati relativi all anno 2013 e primo semestre 2014 - elaborazioni 2014 INDICE 1. CONSUMO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

La confisca dei beni alle mafie

La confisca dei beni alle mafie 38 Fatti e commenti AS 01 [2009] 38-48 Lorenzo Frigerio * La confisca dei beni alle mafie Luci e ombre di un percorso civile essere incriminati per il 416-bis e automaticamente scatta il sequestro dei

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI. Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo

ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI. Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo IV Edizione Saverio Capolupo Michele Carbone Sergio Maria Battaglia Gaspare Sturzo ANTIRICICLAGGIO OBBLIGHI PER PROFESSIONISTI, INTERMEDIARI E ALTRI SOGGETTI IV Edizione Saverio Capolupo Michele Carbone

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

XVII LEGISLATURA RELAZIONE SULLE PROSPETTIVE DI RIFORMA DEL SISTEMA DI GESTIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA INDICE

XVII LEGISLATURA RELAZIONE SULLE PROSPETTIVE DI RIFORMA DEL SISTEMA DI GESTIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA INDICE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI CRIMINALI ANCHE STRANIERE XVII LEGISLATURA RELAZIONE SULLE PROSPETTIVE DI RIFORMA DEL SISTEMA DI GESTIONE DEI BENI

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L.

GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. GENERAL MOTORS ITALIA S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex art. 6, 3 comma, Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Il presente rapporto è stato curato dall Osservatorio Tecnico Scientifico per la sicurezza e la legalità, in collaborazione con la Fondazione Libera

Il presente rapporto è stato curato dall Osservatorio Tecnico Scientifico per la sicurezza e la legalità, in collaborazione con la Fondazione Libera RAPPORTO Il presente rapporto è stato curato dall Osservatorio Tecnico Scientifico per la sicurezza e la legalità, in collaborazione con la Fondazione Libera Informazione, Osservatorio sull informazione

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL

STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL STATISTICHE DOCUMENTI PMV IN SOL INTRODUZIONE A cura del Coordinamento del Polo regionale del Veneto Vicenza, 12 ottobre 2011 PREMESSA Le istruzioni fornite nel 2010 per la compilazione del PMV riferito

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE GENERALE... 3 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 DEFINIZIONI... 4 1.2 IL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Riciclaggio nell import/export: casistica svizzera

Riciclaggio nell import/export: casistica svizzera Riciclaggio nell import/export: casistica svizzera di Paolo Bernasconi (*) L approfondimento Sbaglia chi ritiene che le frodi ed i reati in genere siano concentrati specialmente presso le banche e nel

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement.

La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. La Real Solving Group nasce dall esperienza internazionale nel settore del problem solving con particolare propensione al facility menagement. Alla base del progetto vi è l offerta alla necessità delle

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO GIOCA CON GEMMA

REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO GIOCA CON GEMMA REGOLAMENTO DEL CONCORSO A PREMI DENOMINATO GIOCA CON GEMMA SOCIETA PROMOTRICE: SOCIETA DELEGATA: COMPAGNIA ITALIANA SALI CIS SPA VIA VITTOR PISANI 16 MILANO CODICE FISCALE E PARTITA IVA 00098030299 PROMO

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA

LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA 1 LE ORIGINI DELLA MAFIA E LA SUA STORIA Non prima degli anni Settanta sappiamo di più delle strutture interne della mafia, dei complicati rapporti socali e del clima psicologico nei clan della mafia.

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO

1. AGROALIMENTARE, PROMOZIONE TERRITORIALE E TURISMO CHI SIAMO Sagitter One é la compagnia specializzata nel fornire soluzioni all avanguardia nel mercato dell ospitalità, della promozione agroalimentare, del marketing territoriale e dell organizzazione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI DOCUMENTO DI SINTESI relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WYETH LEDERLE S.r.l. aggiornato il 1 Dicembre 2014 INDICE PARTE GENERALE 1. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO: IL DECRETO

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI MR & MISS ETCIU PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 AREA:

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli