Gli investimenti delle mafie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli investimenti delle mafie"

Transcript

1

2 . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Milano, 16 gennaio 2013

3 Da dove partiamo Background Alcuni studi hanno stimato i ricavi delle organizzazioni criminali, la dimensione del riciclaggio di denaro, i costi della criminalità (vedi Walker, Unger, Schneider) Altri hanno studiato le infiltrazioni nell economia legale (vedi Jacobs, Reuter, Gambetta) Si sono pubblicate molte notizie spesso aneddotiche e poco circostanziate sulle ricchezze mafiose Problema Numero molto limitato di ricerche su chi, come, dove le mafie investono nei mercati legali

4

5 Le domande della ricerca Gli investimenti delle mafie italiane nell economia legale I temi discussi nel rapporto 1. Dove sono le mafie in Italia 2. Quanto ricavano le mafie dalle loro attività illegali in Italia 3. Come e dove le mafie investono i propri ricavi in Italia 4. Dove sono le mafie italiane all estero 5. Come è possibile identificare in modo sistematico i settori più vulnerabili agli investimenti mafiosi 5

6 Tema 1 Dove sono le mafie in Italia

7 TEMA 1 Dove sono le mafie in Italia? Precedenti ricerche sulla presenza delle mafie in Italia (Mafia index, Calderoni 2011) Indice di presenza mafiosa Aggiornamento del Mafia index secondo 5 variabili: 1. Violenza: omicidi e tentati omicidi di stampo mafioso 2. Organizzazione: persone denunciate per 416bis 3. Organizzazione: gruppi attivi riportati nelle relazioni DIA e DNA Economia: Beni confiscati alla criminalità organizzata 5. Politica: Comuni e pubbliche amministrazioni sciolti per infiltrazione mafiosa Periodo di tempo: Livello comunale

8 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1

9 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 IPM (comuni) IPM (regione) Milano Roma Camorra Cosa Nostra Ndrangheta 9

10 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 Presenza di gruppi mafiosi divisi per tipologia

11 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 Presenza di gruppi mafiosi divisi per tipologia. Tutti i gruppi

12 Tema 2 Quanto ricavano le mafie dalle loro attività illegali in Italia

13 Step 1. Stimare le attività illecite Stima, a livello regionale, di 9 attività/mercati 1. Sfruttamento sessuale 2. Traffico di armi 3. Droga (cocaina, eroina, marijuana, ecstasy e AMT) 4. Contraffazione (indumenti, occhiali da sole, cd/dvd, giochi, materiale elettronico, orologi e gioielli, software, profumi) 5. Gioco d azzardo illegale (video poker e slot machines) 6. Traffico illecito di rifiuti 7. Traffico illecito di tabacco 8. Usura 9. Estorsione I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2

14 Step 1. Stimare le attività illecite I RICAVI DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI TEMA 2 Guadagni totali (miliardi di euro): in media 25,7 (min 17,7; max 33,7) Attività illegali = 1,7% del PIL italiano o 427 euro/per abitante Entrate provenienti da attività illegali in Italia (Min/Max)

15 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane Due livelli I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2 Stima del livello di controllo delle mafie per ciascuna attività (con un minimo e un massimo, in base alla letteratura) Opinione comune: le mafie controllano interamente i mercati illegali Letteratura: il crimine organizzato non monopolizza il mercato illegale Stima dell attuale livello di controllo delle mafie per ciascuna regione e ciascuna attività illegale (attraverso l Indice di Presenza Mafiosa)

16 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2 Min 7,1 Max 15,6 miliardi (40-46% dei ricavi delle attività illecite) Valore medio = 10,6 miliardi (0,7% del PIL; 178 euro per abitante) Ricavi delle mafie provenienti da attività illegali in Italia Fonte principale di ricavi sono le estorsioni e le droghe

17 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane I RICAVI DELLE MAFIE IN ITALIA TEMA 2 Quota dei ricavi delle attività illegali distinti tra gruppi mafiosi italiani e altra criminalità Le mafie italiane al Nord hanno una quota di minoranza dei ricavi illeciti. La maggioranza è nelle mani di altre forme di criminalità Pesano per il 2,4% del PIL della Campania e della Calabria. Meno in Sicilia (1,5%)

18 Step 3 Stimare le entrate per tipo di organizzazione mafiosa Entrate economiche per tipo di organizzazione mafiosa (in milioni di euro). TEMA 2 Sul totale dei ricavi mafiosi, la Camorra (35%) e la Ndrangheta (32%) hanno le quote maggioritarie

19 Step 3 Stimare le entrate per tipo di mafia LA NDRANGHETA TEMA 2 A differenza delle altre mafie, la Ndrangheta ricava poco più del 20% della sua ricchezza dalla terra d origine (le altre mafie superano il 60%) Entrate della Ndrangheta per regione (% del totale) 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 0,0%

20 20 Tema 3 Come e dove le mafie investono i propri ricavi in Italia

21 TEMA 3 Perché le mafie investono nell economia legale? 1. Nascondere proventi illeciti (riciclaggio di denaro) 2. Aumentare il proprio capitale (ad esempio investendo in compagnie vantaggiose) 3. Ottenere consenso sociale (ad esempio con la creazione di nuovi posti di lavoro) 4. Mantenere il controllo territoriale (ad esempio attraverso la corruzione) 5. Motivazioni culturali/personali (ad es. investire sui beni immobili è considerato un investimento sicuro nella cultura italiana) Gli investimenti mafiosi sono il risultato di più motivi

22 TEMA 3 Principale fonte dei dati Database sui beni confiscati ( ). Perchè? Migliore indicatore per gli investimenti delle mafie Informazioni disponibili dal 1983 È una proxy anche per i beni sequestrati Divisione coerente tra le diverse tipologie di bene (beni immobili, aziende ed altri beni variabili) e subcategorie Indirizzi dei beni immobili confiscati disponibili Informazioni sulle aziende confiscate disponibili Ma sono stati usati molti altri database. Ad esempio il database sui valori immobiliari e il registro delle imprese per le analisi sugli immobili e le società

23 TEMA 3 LA DISTRIBUZIONE DEI BENI CONFISCATI ( ) Altri Beni Barche e veicoli 18,4% 20,6% 52,3% Beni Immobili 8,7% Aziende N=19.987

24 TEMA 3 I BENI IMMOBILI Perchè focalizzarsi sugli investimenti della mafia sui beni immobili? Ci sono alcune informazioni disponibili Analisi spaziale a livello di quartiere nelle città italiane

25 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Due problemi Non ci sono informazioni sulla funzione dei beni prima della confisca una parte rilevante è usata per scopi personali? Poca letteratura sugli investimenti mafiosi in beni immobili 25 Marco Dugato - Transcrime

26 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI 3 ipotesi 1. Motivi economici massimizzare i profitti 2. Motivi territoriali prestigio/ importanza simbolica/ controllo 3. Differenti tipi di mafia = diversi comportamenti?

27 Il caso di Napoli Il profitto non è la motivazione di investimento principale TEMA 3

28 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Le mafie investono di più dove controllano il territorio INTENSITÀ DI PRESENZA MAFIOSA

29 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Esistono differenze tra le mafie? TEMA 3 Camorra e Ndrangheta si dimostrano più attive in aree a non tradizionale presenza mafiosa. Il 10% dei loro beni immobili confiscati sta in regioni diverse da quella di origine

30 TEMA 3 IN SINTESI LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Il profitto economico sembra essere un fattore secondario per gli investimenti mafiosi in immobili Il prestigio e lo status sociale sono un fattore importante nella scelta dell immobile da acquistare Si sceglie di investire soprattutto nelle aree in cui si esercita un controllo diretto del territorio Poche differenze tra le diverse mafie

31 TEMA 3 LE AZIENDE MAFIOSE Perchè concentrarsi sugli investimenti nelle aziende? È l esempio più moderno di investimento in un economia Non sono mai state effettuate ricerche in merito

32 TEMA 3 DOMANDE DELLA RICERCA Perché le mafie investono nelle aziende? Dove operano le aziende mafiose? In quali territori? In quali settori? Come sono amministrate le aziende mafiose? Sono più o meno redditizie di quelle legali? Come sono finanziate? Come sono controllate?

33 TEMA 3 DATI E FONTE DEI DATI Due database: 1742 aziende confiscate alla mafia ( ) un sottoinsieme di 100 società di cui sono stati analizzati i bilanci Altri dati: Statistiche della criminalità e della delittuosità Struttura e competitività delle imprese Altri dati demografici e socio economici Segnalazioni di operazioni sospette e dati sull evasione fiscale Estratti conti e prospetti di quote azionarie (Registro delle imprese) Informazioni qualitative (documenti, interviste, giornali)

34 TEMA 3 LE AZIENDE MAFIOSE Le aziende mafiose preferiscono operare in: territori ad alta presenza mafiosa territori a bassa competitività straniera settori ad alta intensità di manodopera settori a bassa tecnologia settori collegati alla pubblica amministrazione non c è correlazione con la redditività del settore Negli investimenti mafiosi nelle aziende il controllo del territorio e il consenso sociale sembrano dunque più determinanti del profitto E quali sono i territori o i settori in cui operano le mafie?

35 TEMA 3 LE MAFIE NELLE AZIENDE Tasso più alto al sud (tradizionale presenza di organizzazioni mafiose) Anche alcune province del nord (Milano, Lecco, Brescia, Como, Bologna) mostrano un alta presenza di aziende mafiose

36 TEMA 3 MAFIE DIFFERENTI, DIVERSI SETTORI SU CUI INVESTIRE? Costruzioni, Estrazioni ed Alberghi e Ristoranti sono i settori con il più alto tasso di infiltrazione mafiosa. Cosa Nostra più di altre ha investito nelle imprese di costruzioni ed estrazioni che sono centrali per il controllo del ciclo del cemento

37 TEMA 3 I SETTORI A PIÙ ALTA CONCENTRAZIONE DI AZIENDE MAFIOSE Costruzioni Attività estrattiva Alberghi & Ristoranti

38 TEMA 3 QUALI MAFIE, QUALI AZIENDE E DOVE Cosa Nostra Camorra Ndrangheta

39 TEMA 3 ANALISI DELLA SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Bassa profittabilità rispetto alle imprese legali dello stesso settore, anche per cattiva gestione Basso indebitamento bancario e finanziario Alti livelli di debiti commerciali per: - nascondere risorse illecite - mancato pagamento dei fornitori Alti livelli di liquidità e crediti commerciali per: - avere risorse subito disponibili - nascondere trasferimenti di denaro a favore degli affiliati

40 TEMA 3 FORME GIURIDICHE DELLE AZIENDE MAFIOSE Forme giuridiche di 1667 imprese confiscate alle mafie in Italia ( )

41 TEMA 3 PROPRIETÀ DELLE AZIENDE MAFIOSE - CONCLUSIONI Preferite le società a responsabilità limitata: facili da costituire e da gestire, utili per occultare la proprietà Ampio uso di parenti come prestanome Ampio uso di partecipazioni incrociate e «scatole cinesi» Pochi professionisti e manager esterni Necessità di un controllo diretto sull impresa, in particolare per la Ndrangheta Uso ridotto di imprese registrate all estero

42 Tema 4 Le mafie italiane all estero: presenza e casi di investimento 42

43 TEMA 4 MANCANO INFORMAZIONI SISTEMATICHE SULLE MAFIE ALL ESTERO Metodologia sperimentale: analisi delle relazioni e dei rapporti DIA, DNA, altre autorità italiane e estere identificando i riferimenti esteri per Cosa Nostra, Camorra, Ndrangheta e Criminalità Organizzata pugliese Ipotesi di fondo: quanto più intensa è la presenza delle mafie in un paese estero, tanto maggiori sono i riferimenti allo stesso paese nelle relazioni

44 TEMA 4

45 TEMA 4

46 DAI CASI ANALIZZATI EMERGONO POCHE DIFFERENZE TRA ITALIA E ESTERO NELLA GESTIONE DELLE IMPRESE Le imprese mafiose estere hanno caratteristiche simili alle italiane: bassa profittabilità patrimonio impiegato in attività correnti e capitale circolante assenza di indebitamento finanziario utilizzo di parenti come intestatari TEMA 4 SONO POCHE LE INFORMAZIONI SUGLI INVESTIMENTI MAFIOSI ALL ESTERO

47 Tema 5 Come si possono identificare in modo sistematico i settori più vulnerabili agli investimenti mafiosi

48 IL MODELLO MOVUS COME STRUMENTO DI VAUTAZIONE DEL RISCHIO TEMA 5 Il progetto ha sviluppato il MO.Vu.S., un modello di valutazione del rischio di infiltrazione delle organizzazioni mafiose nei settori economici che combina il rischio territoriale con il rischio del settore economico RISCHI DI INFILTRAZIONE MAFIOSA NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Mo.Vu.S. fornisce una valutazione da 0 (rischio minimo) a 100 (rischio massimo) per dodici settori economici caratterizzati da almeno un precedente caso d infiltrazione

49 Conclusioni

50 CONCLUSIONI A cosa è servito questo studio A creare strumenti per la misurazione sistematica della presenza e della ricchezza mafiosa A comprendere le strategie di investimento delle organizzazioni mafiose, in aziende e immobili Cosa si può fare in Italia Per migliorare ulteriormente l'integrazione delle banche dati il PON Sicurezza ha finanziato lo sviluppo della banca dati gestita da ANBSC per un'azione preventiva e di contrasto ancora più efficace

51 CONCLUSIONI Cosa si può fare in Europa Domani, 17 gennaio 2013, partirà in Università Cattolica il progetto Organized Crime Portfolio che, con la partecipazione di 6 partner (Francia, Finlandia, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Olanda) svilupperà la metodologia adottata dallo studio italiano applicandola, quando possibile, in ciascuno dei sei paesi coinvolti e approfondendo la situazione italiana. Il risultato dovrà essere la costruzione di un sistema dati che permetterà in futuro di conoscere sempre di più le tipologie di investimento delle organizzazioni criminali e i luoghi dove queste si sviluppano. Tutto questo potrà migliorare l efficacia delle leggi sulla confisca e l intelligence finanziaria. La Scuola Internazionale contro il crimine organizzato che è stata programmata a Caserta e finanziata con fondi PON costituisce la continuità logica di questo studio.

52

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

Gli investimenti mafiosi in Lombardia e nella provincia di Lecco

Gli investimenti mafiosi in Lombardia e nella provincia di Lecco Gli investimenti mafiosi in Lombardia e nella provincia di Lecco Quanti sono, dove sono e come si possono prevenire Lecco, 10 aprile 2013 Stefano Caneppele Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

L espansione ed il peso dell economia criminale

L espansione ed il peso dell economia criminale L espansione ed il peso dell economia criminale Materiali dalla ricerca PON-sicurezza 2011-2013 sugli investimenti delle mafie Ernesto U. Savona Professore di Criminologia Università Cattolica del Sacro

Dettagli

LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN EUROPA: RICAVI, INVESTIMENTI E INFILTRAZIONI NELL ECONOMIA LEGITTIMA

LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN EUROPA: RICAVI, INVESTIMENTI E INFILTRAZIONI NELL ECONOMIA LEGITTIMA La Criminalità Organizzata in Europa: ricerca e politiche Milano, 3 marzo 2014 LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN EUROPA: RICAVI, INVESTIMENTI E INFILTRAZIONI NELL ECONOMIA LEGITTIMA Ernesto U. Savona ernesto.savona@unicatt.it

Dettagli

RISULTATI È possibile individuare diversi motivi per cui il crimine organizzato investe nei mercati

RISULTATI È possibile individuare diversi motivi per cui il crimine organizzato investe nei mercati CAPITOLO 3 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo individua nella letteratura scientifica le motivazioni che portano le organizzazioni criminali ad inserirsi nell economia legale e i fattori che sono emersi

Dettagli

Analizzare le strategie d investimento delle organizzazioni criminali per sviluppare più efficaci strategie di confisca

Analizzare le strategie d investimento delle organizzazioni criminali per sviluppare più efficaci strategie di confisca Analizzare le strategie d investimento delle organizzazioni criminali per sviluppare più efficaci strategie di confisca Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013 ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA Reggio Calabria, 2 aprile 2013 DOVE OPERANO LE MAFIE IN ITALIA L INDICE DI PRESENZA MAFIOSA Per conoscere come le organizzazioni mafiose si distribuiscono sul territorio italiano

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 UNICO FINE: PROFITTO Situazione attuale: Il contrasto al crimine

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER I LIVELLO in Prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso e della corruzione politico-amministrativa N. Modulo. DEFINIZIONE, Obiettivi formativi

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

LE RAPINE NEL CONTESTO URBANO

LE RAPINE NEL CONTESTO URBANO LE RAPINE NEL CONTESTO URBANO Convegno ABI Banche e Sicurezza 2011 Roma Palazzo Altieri 26/27 Maggio Ernesto U. Savona & Marco Dugato* Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano - TRANSCRIME ernesto.savona@unicatt.it

Dettagli

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 Il fatturato della Ndrangheta Holding: 2,9% del Pil nel 2007 Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d affari della Ndrangheta stimato dall Eurispes per il 200 7. Un

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

LA MISURAZIONE DELL ECONOMIA ILLEGALE. - Sintesi delle principali esperienze sul tema -

LA MISURAZIONE DELL ECONOMIA ILLEGALE. - Sintesi delle principali esperienze sul tema - LA MISURAZIONE DELL ECONOMIA ILLEGALE - Sintesi delle principali esperienze sul tema - Sommario PREMESSA... 3 COSA MISURARE... 4 LE FONTI STATISTICHE ED INFORMATIVE... 8 LE PUBBLICAZIONI... 9 L ESPERIENZA

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Legalità e credito. Contrastare i costi del crimine organizzato Bologna, 5 novembre 2013 Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Giovanni Maria Mazzanti Università

Dettagli

Registro Pubblico delle Opposizioni. Ing. Maurizio Pellegrini Dott.ssa Ania Maslova

Registro Pubblico delle Opposizioni. Ing. Maurizio Pellegrini Dott.ssa Ania Maslova Registro Pubblico delle Opposizioni Ing. Maurizio Pellegrini Dott.ssa Ania Maslova Le nuove regole del telemarketing L art. 20 bis della legge n.166/2009 e il D.P.R. 178/2010 hanno introdotto incisive

Dettagli

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti 17. Criminalità L analisi dei dati sulla criminalità relativi al 2006 evidenzia una diffusione di reati nella provincia di Roma significativamente più elevata di quella rilevata complessivamente nel territorio

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore. Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore

Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore. Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore Dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore Roberto Felici, Giorgio Gobbi, Raffaella Pico Servizio Studi di Struttura

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE C: REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO

Dettagli

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 . Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 I cinesi fuori dalla Cina 9,3 milioni sono i cinesi emigrati nel mondo oggi, pari allo

Dettagli

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese

credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese credit risk 2015 osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese roma, gennaio 2015 (14287fo-01) agenda 1 scheda tecnica fenomeni osservati aspetti di metodo condizioni

Dettagli

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO - PERCORSO 9. Ci siamo cor-rotti!

SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO - PERCORSO 9. Ci siamo cor-rotti! Ci siamo cor-rotti! In Italia il fenomeno della corruzione nella pubblica amministrazione equivale ad una tassa di 60 miliardi di euro. La stima è stata definita dalla Corte dei Conti. Benchè in aumento,

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 26 novembre 2014 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis,

Dettagli

Documento di sintesi. Report McAfee Labs sulle minacce: terzo trimestre 2013

Documento di sintesi. Report McAfee Labs sulle minacce: terzo trimestre 2013 Documento di sintesi Report McAfee Labs sulle minacce: terzo trimestre Sebbene l'estate possa essere una stagione relativamente calma per l'attività dei criminali informatici (anche i cattivi hanno bisogno

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano

Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano Software contraffatti e concorrenza sleale: il caso italiano CReSV Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore Milano, 23 gennaio 2013 Agenda Introduzione Descrizione del campione e metodologia di analisi

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 25 novembre 2015 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis le

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

L avvio di un attività

L avvio di un attività Le forme societarie e le Condizioni di Equilibrio Economico/Finanziario Le Forme Societarie L avvio di un attività Avviare un attività d impresa è un sogno di tante persone che, per proprie attitudini,

Dettagli

Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana.

Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana. Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana. Un indagine tra gli operatori economici di Torino di Rocco Sciarrone, Joselle Dagnes, Luca Storti Dipartimento di Culture, Politica e Società

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Presentazione del progetto di ricerca

Presentazione del progetto di ricerca Roma, 16/01/2012 Codice ricerca: 2011-203fo 2011203fo1 Osservatorio sugli strumenti per la gestione del credito utilizzati dalle imprese italiane 2012 Presentazione del progetto di ricerca Agenda 1 Scheda

Dettagli

Le rapine in banca: implicazioni di ricerca e di policy

Le rapine in banca: implicazioni di ricerca e di policy Le rapine in banca: implicazioni di ricerca e di policy Convegno ABI su Banche e Sicurezza, Roma Palazzo Altieri 10 Giugno 2010 Ernesto U. Savona Professore di Criminologia nell Università Cattolica del

Dettagli

Registro Pubblico delle Opposizioni

Registro Pubblico delle Opposizioni Registro Pubblico delle Opposizioni Le nuove regole del telemarketing L art. 20 bis della legge n.166/2009 e il D.P.R. 178/2010 hanno introdotto incisive modifiche al trattamento dei dati presenti negli

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA ANALISI

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA ANALISI CAPITOLO 4 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo ha l obiettivo di fornire un quadro generale sugli investimenti delle organizzazioni mafiose nell economia legale in Italia. Il quadro è stato ricostruito

Dettagli

Settore ISTAT Alberghi e Ristoranti

Settore ISTAT Alberghi e Ristoranti Analisi di settore Settore ISTAT Alberghi e Ristoranti Questo documento è un analisi sintetica del settore Alberghi e Ristoranti realizzata da CRIBIS.it con l ausilio di MarketLeader, il servizio di CRIF

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Economia e Gestione delle Imprese (Prof. Roberto Vona) CENTRO CULTURALE GESU NUOVO Gruppo Legalità Laboratorio sulla Impresa Criminale Riciclaggio

Dettagli

La corruzione in Italia

La corruzione in Italia Palermo, 23 gennaio 2013 La corruzione in Italia Alberto Vannucci Università di Pisa vannucci@sp.unipi.it Lorenzetti Allegoria del Cattivo Governo, 1338-1339, Sala della Pace, Palazzo Pubblico, Siena Allegoria

Dettagli

Pale eoliche e valori immobiliari: un analisi con il metodo del Choice Experiment

Pale eoliche e valori immobiliari: un analisi con il metodo del Choice Experiment Università degli Studi di Padova Corso di Laurea in Tutela e Riassetto del Territorio Pale eoliche e valori immobiliari: un analisi con il metodo del Choice Experiment Laureanda: Francesca Pasqualon Anno

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto

altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto altre economie avanzate: composizione geografica e settoriale del debito sovrano a confronto In corrispondenza della crisi finanziaria, confluita nella tumultuosa stagione dei debiti sovrani, la composizione

Dettagli

PON Sicurezza & PON Legalità

PON Sicurezza & PON Legalità PON Sicurezza & PON Legalità Confronto tra i programmi per la legalità nella precedente e nell attuale programmazione dei Fondi Comunitari Parte I Il PON "Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza"2007-2013

Dettagli

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI

PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UN MODELLO MANAGERIALE PER LA GESTIONE DEL FENOMENO DEI BENI CONFISCATI Secondo i dati dell ANBSC (Agenzia Nazionale per l Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati

Dettagli

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano:

All'origine del fenomeno si trovano un insieme di fattori che riguardano: Scheda di sintesi Rapporto di ricerca Il matrimonio forzato in Italia: conoscere, riflettere, proporre Come costruire una stima del numero delle donne e bambine vittime in Italia di matrimoni forzati e

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa

I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA. Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I FINANZIAMENTI PER AVVIARE L IMPRESA Strumenti didattici per l orientamento alla creazione d impresa I finanziamenti per avviare l impresa il sistema bancario L avvio di un attività imprenditoriale richiede

Dettagli

L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico

L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico L e-commerce come strumento per le aziende italiane. Associazione Italiana del Commercio Elettronico AICEL Associazione Italiana del Commercio Elettronico - è un progetto nato dalla necessità degli operatori

Dettagli

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce

La potenza di Ariba per i clienti SAP. I vantaggi del Collaborative Commerce La potenza di Ariba per i clienti SAP I vantaggi del Collaborative Commerce Contenuti 4 9 10 12 14 18 20 22 24 Potenziare il Networked Business Una combinazione efficace Collaborative Commerce con Ariba

Dettagli

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag.

Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1. Il Gruppo e le sue attività pag. 2. L organizzazione del network pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA Un network dinamico e leader nel settore immobiliare pag. 1 Il Gruppo e le sue attività pag. 2 L organizzazione del network pag. 5 Le partnership commerciali pag.

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

SINTESI DEL RAPPORTO I CINQUE DRIVERS COSA SI PUÒ TROVARE IN QUESTO REPORT?

SINTESI DEL RAPPORTO I CINQUE DRIVERS COSA SI PUÒ TROVARE IN QUESTO REPORT? SINTESI DEL RAPPORTO Questo rapporto è parte del progetto The Factbook on the Illicit Trade in Tobacco Products. Si concentra sull Italia, dove il traffico illecito di tabacco sembra essere cresciuto molto

Dettagli

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore

Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Il mondo dei preziosi l andamento del settore secondo l opinione delle imprese del settore Contanti, tracciabilità, fisco, banche, legalità. I risultati di un indagine campionaria realizzata sulle imprese

Dettagli

LA CONTRAFFAZIONE IN CIFRE. La lotta alla Contraffazione in Italia nel quadriennio 2008 2011

LA CONTRAFFAZIONE IN CIFRE. La lotta alla Contraffazione in Italia nel quadriennio 2008 2011 DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UIBM PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PR LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Aprile 2021 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice

Risparmi e debiti delle famiglie italiane: la forbice MERCATO IMMOBILIARE: CRISI FINANZIARIA? L indebitamento delle famiglie italiane Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia 1 Risparmi e debiti delle famiglie

Dettagli

GP Benchmark GP Quantitative

GP Benchmark GP Quantitative Servizio d'investimento commercializzato da: GP Benchmark GP Quantitative Sede legale e direzione generale 38122 Trento - Via Segantini, 5 +39.0461.313111 www.cassacentrale.it Messaggio pubblicitario.

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Distribuzioni degli indici di bilancio delle società di capitale del settore manifatturiero cremonese (bilanci anno 2006)

Distribuzioni degli indici di bilancio delle società di capitale del settore manifatturiero cremonese (bilanci anno 2006) Distribuzioni degli indici di bilancio delle società di capitale del settore manifatturiero cremonese (bilanci anno 2006) Mara Fornaroli Piero Ganugi Marco Marenghi 1 Indice 1. Descrizione della banca

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014 Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO MILANO 30 Gennaio 2014 Temi trattati Il mercato della locazione in Italia: trend recenti di contratti, domanda, offerta, quotazioni

Dettagli

Gli scenari della consulenza finanziaria e

Gli scenari della consulenza finanziaria e Gli scenari della consulenza finanziaria e del risparmio gestito La consulenza finanziaria nella prospettiva della Mfid2 Roma 2 ottobre 2014 Chiara Fornasari agenda 1 lo scenario 2 evoluzione dell offerta

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO

IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO IL SERVIZIO STRABUS EFFICIENTAMENTO DELLE DOTAZIONI INFRASTRUTTURALI URBANE E DEI SISTEMI DI TRASPORTO PUBBLICO STRABUS Aspetti generali (1) Il servizio STRABUS permette di analizzare e valutare lo stato

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio

SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio SISTEMA FINANZIARIO E CONTRASTO AL RICICLAGGIO L evoluzione della normativa internazionale e l adozione di un approccio basato sul rischio Gianluca Esposito* Senior Counsel Fondo Monetario Internazionale

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGLI STRANIERI

I FINANZIAMENTI AGLI STRANIERI I FINANZIAMENTI AGLI STRANIERI Anche gli stranieri hanno capito che è conveniente acquistare un immobile in virtù del costo del denaro sui prestiti ipotecari che nonostante gli aumenti di questi ultimi

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

Il mondo dell Impresa e il fenomeno mafioso. Il ruolo dei dirigenti nell'azione di prevenzione, contrasto e recupero alla legalità.

Il mondo dell Impresa e il fenomeno mafioso. Il ruolo dei dirigenti nell'azione di prevenzione, contrasto e recupero alla legalità. Testimonianza Il mondo dell Impresa e il fenomeno mafioso. Il ruolo dei dirigenti nell'azione di prevenzione, contrasto e recupero alla legalità. Il contributo di un approccio manageriale per lo sviluppo

Dettagli