Gli investimenti delle mafie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli investimenti delle mafie"

Transcript

1

2 . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Milano, 16 gennaio 2013

3 Da dove partiamo Background Alcuni studi hanno stimato i ricavi delle organizzazioni criminali, la dimensione del riciclaggio di denaro, i costi della criminalità (vedi Walker, Unger, Schneider) Altri hanno studiato le infiltrazioni nell economia legale (vedi Jacobs, Reuter, Gambetta) Si sono pubblicate molte notizie spesso aneddotiche e poco circostanziate sulle ricchezze mafiose Problema Numero molto limitato di ricerche su chi, come, dove le mafie investono nei mercati legali

4

5 Le domande della ricerca Gli investimenti delle mafie italiane nell economia legale I temi discussi nel rapporto 1. Dove sono le mafie in Italia 2. Quanto ricavano le mafie dalle loro attività illegali in Italia 3. Come e dove le mafie investono i propri ricavi in Italia 4. Dove sono le mafie italiane all estero 5. Come è possibile identificare in modo sistematico i settori più vulnerabili agli investimenti mafiosi 5

6 Tema 1 Dove sono le mafie in Italia

7 TEMA 1 Dove sono le mafie in Italia? Precedenti ricerche sulla presenza delle mafie in Italia (Mafia index, Calderoni 2011) Indice di presenza mafiosa Aggiornamento del Mafia index secondo 5 variabili: 1. Violenza: omicidi e tentati omicidi di stampo mafioso 2. Organizzazione: persone denunciate per 416bis 3. Organizzazione: gruppi attivi riportati nelle relazioni DIA e DNA Economia: Beni confiscati alla criminalità organizzata 5. Politica: Comuni e pubbliche amministrazioni sciolti per infiltrazione mafiosa Periodo di tempo: Livello comunale

8 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1

9 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 IPM (comuni) IPM (regione) Milano Roma Camorra Cosa Nostra Ndrangheta 9

10 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 Presenza di gruppi mafiosi divisi per tipologia

11 DOVE SONO LE MAFIE IN ITALIA TEMA 1 Presenza di gruppi mafiosi divisi per tipologia. Tutti i gruppi

12 Tema 2 Quanto ricavano le mafie dalle loro attività illegali in Italia

13 Step 1. Stimare le attività illecite Stima, a livello regionale, di 9 attività/mercati 1. Sfruttamento sessuale 2. Traffico di armi 3. Droga (cocaina, eroina, marijuana, ecstasy e AMT) 4. Contraffazione (indumenti, occhiali da sole, cd/dvd, giochi, materiale elettronico, orologi e gioielli, software, profumi) 5. Gioco d azzardo illegale (video poker e slot machines) 6. Traffico illecito di rifiuti 7. Traffico illecito di tabacco 8. Usura 9. Estorsione I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2

14 Step 1. Stimare le attività illecite I RICAVI DELLE ATTIVITÀ ILLEGALI TEMA 2 Guadagni totali (miliardi di euro): in media 25,7 (min 17,7; max 33,7) Attività illegali = 1,7% del PIL italiano o 427 euro/per abitante Entrate provenienti da attività illegali in Italia (Min/Max)

15 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane Due livelli I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2 Stima del livello di controllo delle mafie per ciascuna attività (con un minimo e un massimo, in base alla letteratura) Opinione comune: le mafie controllano interamente i mercati illegali Letteratura: il crimine organizzato non monopolizza il mercato illegale Stima dell attuale livello di controllo delle mafie per ciascuna regione e ciascuna attività illegale (attraverso l Indice di Presenza Mafiosa)

16 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane I RICAVI DELLE MAFIE TEMA 2 Min 7,1 Max 15,6 miliardi (40-46% dei ricavi delle attività illecite) Valore medio = 10,6 miliardi (0,7% del PIL; 178 euro per abitante) Ricavi delle mafie provenienti da attività illegali in Italia Fonte principale di ricavi sono le estorsioni e le droghe

17 Step 2 Stimare la quota delle mafie italiane I RICAVI DELLE MAFIE IN ITALIA TEMA 2 Quota dei ricavi delle attività illegali distinti tra gruppi mafiosi italiani e altra criminalità Le mafie italiane al Nord hanno una quota di minoranza dei ricavi illeciti. La maggioranza è nelle mani di altre forme di criminalità Pesano per il 2,4% del PIL della Campania e della Calabria. Meno in Sicilia (1,5%)

18 Step 3 Stimare le entrate per tipo di organizzazione mafiosa Entrate economiche per tipo di organizzazione mafiosa (in milioni di euro). TEMA 2 Sul totale dei ricavi mafiosi, la Camorra (35%) e la Ndrangheta (32%) hanno le quote maggioritarie

19 Step 3 Stimare le entrate per tipo di mafia LA NDRANGHETA TEMA 2 A differenza delle altre mafie, la Ndrangheta ricava poco più del 20% della sua ricchezza dalla terra d origine (le altre mafie superano il 60%) Entrate della Ndrangheta per regione (% del totale) 25,0% 20,0% 15,0% 10,0% 5,0% 0,0%

20 20 Tema 3 Come e dove le mafie investono i propri ricavi in Italia

21 TEMA 3 Perché le mafie investono nell economia legale? 1. Nascondere proventi illeciti (riciclaggio di denaro) 2. Aumentare il proprio capitale (ad esempio investendo in compagnie vantaggiose) 3. Ottenere consenso sociale (ad esempio con la creazione di nuovi posti di lavoro) 4. Mantenere il controllo territoriale (ad esempio attraverso la corruzione) 5. Motivazioni culturali/personali (ad es. investire sui beni immobili è considerato un investimento sicuro nella cultura italiana) Gli investimenti mafiosi sono il risultato di più motivi

22 TEMA 3 Principale fonte dei dati Database sui beni confiscati ( ). Perchè? Migliore indicatore per gli investimenti delle mafie Informazioni disponibili dal 1983 È una proxy anche per i beni sequestrati Divisione coerente tra le diverse tipologie di bene (beni immobili, aziende ed altri beni variabili) e subcategorie Indirizzi dei beni immobili confiscati disponibili Informazioni sulle aziende confiscate disponibili Ma sono stati usati molti altri database. Ad esempio il database sui valori immobiliari e il registro delle imprese per le analisi sugli immobili e le società

23 TEMA 3 LA DISTRIBUZIONE DEI BENI CONFISCATI ( ) Altri Beni Barche e veicoli 18,4% 20,6% 52,3% Beni Immobili 8,7% Aziende N=19.987

24 TEMA 3 I BENI IMMOBILI Perchè focalizzarsi sugli investimenti della mafia sui beni immobili? Ci sono alcune informazioni disponibili Analisi spaziale a livello di quartiere nelle città italiane

25 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Due problemi Non ci sono informazioni sulla funzione dei beni prima della confisca una parte rilevante è usata per scopi personali? Poca letteratura sugli investimenti mafiosi in beni immobili 25 Marco Dugato - Transcrime

26 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI 3 ipotesi 1. Motivi economici massimizzare i profitti 2. Motivi territoriali prestigio/ importanza simbolica/ controllo 3. Differenti tipi di mafia = diversi comportamenti?

27 Il caso di Napoli Il profitto non è la motivazione di investimento principale TEMA 3

28 TEMA 3 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Le mafie investono di più dove controllano il territorio INTENSITÀ DI PRESENZA MAFIOSA

29 LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Esistono differenze tra le mafie? TEMA 3 Camorra e Ndrangheta si dimostrano più attive in aree a non tradizionale presenza mafiosa. Il 10% dei loro beni immobili confiscati sta in regioni diverse da quella di origine

30 TEMA 3 IN SINTESI LE MAFIE NEGLI IMMOBILI Il profitto economico sembra essere un fattore secondario per gli investimenti mafiosi in immobili Il prestigio e lo status sociale sono un fattore importante nella scelta dell immobile da acquistare Si sceglie di investire soprattutto nelle aree in cui si esercita un controllo diretto del territorio Poche differenze tra le diverse mafie

31 TEMA 3 LE AZIENDE MAFIOSE Perchè concentrarsi sugli investimenti nelle aziende? È l esempio più moderno di investimento in un economia Non sono mai state effettuate ricerche in merito

32 TEMA 3 DOMANDE DELLA RICERCA Perché le mafie investono nelle aziende? Dove operano le aziende mafiose? In quali territori? In quali settori? Come sono amministrate le aziende mafiose? Sono più o meno redditizie di quelle legali? Come sono finanziate? Come sono controllate?

33 TEMA 3 DATI E FONTE DEI DATI Due database: 1742 aziende confiscate alla mafia ( ) un sottoinsieme di 100 società di cui sono stati analizzati i bilanci Altri dati: Statistiche della criminalità e della delittuosità Struttura e competitività delle imprese Altri dati demografici e socio economici Segnalazioni di operazioni sospette e dati sull evasione fiscale Estratti conti e prospetti di quote azionarie (Registro delle imprese) Informazioni qualitative (documenti, interviste, giornali)

34 TEMA 3 LE AZIENDE MAFIOSE Le aziende mafiose preferiscono operare in: territori ad alta presenza mafiosa territori a bassa competitività straniera settori ad alta intensità di manodopera settori a bassa tecnologia settori collegati alla pubblica amministrazione non c è correlazione con la redditività del settore Negli investimenti mafiosi nelle aziende il controllo del territorio e il consenso sociale sembrano dunque più determinanti del profitto E quali sono i territori o i settori in cui operano le mafie?

35 TEMA 3 LE MAFIE NELLE AZIENDE Tasso più alto al sud (tradizionale presenza di organizzazioni mafiose) Anche alcune province del nord (Milano, Lecco, Brescia, Como, Bologna) mostrano un alta presenza di aziende mafiose

36 TEMA 3 MAFIE DIFFERENTI, DIVERSI SETTORI SU CUI INVESTIRE? Costruzioni, Estrazioni ed Alberghi e Ristoranti sono i settori con il più alto tasso di infiltrazione mafiosa. Cosa Nostra più di altre ha investito nelle imprese di costruzioni ed estrazioni che sono centrali per il controllo del ciclo del cemento

37 TEMA 3 I SETTORI A PIÙ ALTA CONCENTRAZIONE DI AZIENDE MAFIOSE Costruzioni Attività estrattiva Alberghi & Ristoranti

38 TEMA 3 QUALI MAFIE, QUALI AZIENDE E DOVE Cosa Nostra Camorra Ndrangheta

39 TEMA 3 ANALISI DELLA SITUAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA Bassa profittabilità rispetto alle imprese legali dello stesso settore, anche per cattiva gestione Basso indebitamento bancario e finanziario Alti livelli di debiti commerciali per: - nascondere risorse illecite - mancato pagamento dei fornitori Alti livelli di liquidità e crediti commerciali per: - avere risorse subito disponibili - nascondere trasferimenti di denaro a favore degli affiliati

40 TEMA 3 FORME GIURIDICHE DELLE AZIENDE MAFIOSE Forme giuridiche di 1667 imprese confiscate alle mafie in Italia ( )

41 TEMA 3 PROPRIETÀ DELLE AZIENDE MAFIOSE - CONCLUSIONI Preferite le società a responsabilità limitata: facili da costituire e da gestire, utili per occultare la proprietà Ampio uso di parenti come prestanome Ampio uso di partecipazioni incrociate e «scatole cinesi» Pochi professionisti e manager esterni Necessità di un controllo diretto sull impresa, in particolare per la Ndrangheta Uso ridotto di imprese registrate all estero

42 Tema 4 Le mafie italiane all estero: presenza e casi di investimento 42

43 TEMA 4 MANCANO INFORMAZIONI SISTEMATICHE SULLE MAFIE ALL ESTERO Metodologia sperimentale: analisi delle relazioni e dei rapporti DIA, DNA, altre autorità italiane e estere identificando i riferimenti esteri per Cosa Nostra, Camorra, Ndrangheta e Criminalità Organizzata pugliese Ipotesi di fondo: quanto più intensa è la presenza delle mafie in un paese estero, tanto maggiori sono i riferimenti allo stesso paese nelle relazioni

44 TEMA 4

45 TEMA 4

46 DAI CASI ANALIZZATI EMERGONO POCHE DIFFERENZE TRA ITALIA E ESTERO NELLA GESTIONE DELLE IMPRESE Le imprese mafiose estere hanno caratteristiche simili alle italiane: bassa profittabilità patrimonio impiegato in attività correnti e capitale circolante assenza di indebitamento finanziario utilizzo di parenti come intestatari TEMA 4 SONO POCHE LE INFORMAZIONI SUGLI INVESTIMENTI MAFIOSI ALL ESTERO

47 Tema 5 Come si possono identificare in modo sistematico i settori più vulnerabili agli investimenti mafiosi

48 IL MODELLO MOVUS COME STRUMENTO DI VAUTAZIONE DEL RISCHIO TEMA 5 Il progetto ha sviluppato il MO.Vu.S., un modello di valutazione del rischio di infiltrazione delle organizzazioni mafiose nei settori economici che combina il rischio territoriale con il rischio del settore economico RISCHI DI INFILTRAZIONE MAFIOSA NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Mo.Vu.S. fornisce una valutazione da 0 (rischio minimo) a 100 (rischio massimo) per dodici settori economici caratterizzati da almeno un precedente caso d infiltrazione

49 Conclusioni

50 CONCLUSIONI A cosa è servito questo studio A creare strumenti per la misurazione sistematica della presenza e della ricchezza mafiosa A comprendere le strategie di investimento delle organizzazioni mafiose, in aziende e immobili Cosa si può fare in Italia Per migliorare ulteriormente l'integrazione delle banche dati il PON Sicurezza ha finanziato lo sviluppo della banca dati gestita da ANBSC per un'azione preventiva e di contrasto ancora più efficace

51 CONCLUSIONI Cosa si può fare in Europa Domani, 17 gennaio 2013, partirà in Università Cattolica il progetto Organized Crime Portfolio che, con la partecipazione di 6 partner (Francia, Finlandia, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Olanda) svilupperà la metodologia adottata dallo studio italiano applicandola, quando possibile, in ciascuno dei sei paesi coinvolti e approfondendo la situazione italiana. Il risultato dovrà essere la costruzione di un sistema dati che permetterà in futuro di conoscere sempre di più le tipologie di investimento delle organizzazioni criminali e i luoghi dove queste si sviluppano. Tutto questo potrà migliorare l efficacia delle leggi sulla confisca e l intelligence finanziaria. La Scuola Internazionale contro il crimine organizzato che è stata programmata a Caserta e finanziata con fondi PON costituisce la continuità logica di questo studio.

52

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

L espansione ed il peso dell economia criminale

L espansione ed il peso dell economia criminale L espansione ed il peso dell economia criminale Materiali dalla ricerca PON-sicurezza 2011-2013 sugli investimenti delle mafie Ernesto U. Savona Professore di Criminologia Università Cattolica del Sacro

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN EUROPA: RICAVI, INVESTIMENTI E INFILTRAZIONI NELL ECONOMIA LEGITTIMA

LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN EUROPA: RICAVI, INVESTIMENTI E INFILTRAZIONI NELL ECONOMIA LEGITTIMA La Criminalità Organizzata in Europa: ricerca e politiche Milano, 3 marzo 2014 LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI IN EUROPA: RICAVI, INVESTIMENTI E INFILTRAZIONI NELL ECONOMIA LEGITTIMA Ernesto U. Savona ernesto.savona@unicatt.it

Dettagli

RISULTATI È possibile individuare diversi motivi per cui il crimine organizzato investe nei mercati

RISULTATI È possibile individuare diversi motivi per cui il crimine organizzato investe nei mercati CAPITOLO 3 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo individua nella letteratura scientifica le motivazioni che portano le organizzazioni criminali ad inserirsi nell economia legale e i fattori che sono emersi

Dettagli

Gli investimenti mafiosi in Lombardia e nella provincia di Lecco

Gli investimenti mafiosi in Lombardia e nella provincia di Lecco Gli investimenti mafiosi in Lombardia e nella provincia di Lecco Quanti sono, dove sono e come si possono prevenire Lecco, 10 aprile 2013 Stefano Caneppele Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore

Dettagli

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013

ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA. Reggio Calabria, 2 aprile 2013 ASPETTI DELL ECONOMIA MAFIOSA Reggio Calabria, 2 aprile 2013 DOVE OPERANO LE MAFIE IN ITALIA L INDICE DI PRESENZA MAFIOSA Per conoscere come le organizzazioni mafiose si distribuiscono sul territorio italiano

Dettagli

Analizzare le strategie d investimento delle organizzazioni criminali per sviluppare più efficaci strategie di confisca

Analizzare le strategie d investimento delle organizzazioni criminali per sviluppare più efficaci strategie di confisca Analizzare le strategie d investimento delle organizzazioni criminali per sviluppare più efficaci strategie di confisca Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008

NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 NDRANGHETA HOLDING DOSSIER 2008 Il fatturato della Ndrangheta Holding: 2,9% del Pil nel 2007 Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d affari della Ndrangheta stimato dall Eurispes per il 200 7. Un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE.

PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. COMUNICATO STAMPA Crotone, 14 aprile 2015 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO OPERATIVO ANNUALE 2014 DELLA GUARDIA DI FINANZA DI CROTONE. 1. Contrasto alle frodi fiscali e all economia sommersa. Il contrasto alle

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER I LIVELLO in Prevenzione e contrasto dei fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso e della corruzione politico-amministrativa N. Modulo. DEFINIZIONE, Obiettivi formativi

Dettagli

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL CAPO CENTRO OPERATIVO D.I.A. DI PALERMO COL. GIUSEPPE D AGATA PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO

Dettagli

LA MISURAZIONE DELL ECONOMIA ILLEGALE. - Sintesi delle principali esperienze sul tema -

LA MISURAZIONE DELL ECONOMIA ILLEGALE. - Sintesi delle principali esperienze sul tema - LA MISURAZIONE DELL ECONOMIA ILLEGALE - Sintesi delle principali esperienze sul tema - Sommario PREMESSA... 3 COSA MISURARE... 4 LE FONTI STATISTICHE ED INFORMATIVE... 8 LE PUBBLICAZIONI... 9 L ESPERIENZA

Dettagli

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009

Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità. Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 Tavola rotonda: Gioco, intrattenimenti e Criminalità Vice Questore Aggiunto MARTINO Marco Centro Congressi Torino Incontra 21 maggio 2009 UNICO FINE: PROFITTO Situazione attuale: Il contrasto al crimine

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

Workshop Economia e Legalità

Workshop Economia e Legalità Workshop Economia e Legalità 31 maggio 2013 Direttore Generale Giuliano Palagi L usura è un problema in costante crescita, favorito dall attuale crisi economica sul quale occorre agire con velocità e comprensione.

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. TECNOLOGIE DIESEL E SISTEMI FRENANTI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE C: REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO ED IMPIEGO

Dettagli

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA.

DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA. CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze 31 Corso di Cooperazione Civile Militare (COCIM) DAI CONFINI ALLA GLOBALIZZAZIONE: LA GUARDIA DI FINANZA A TUTELA DELLA SICUREZZA

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI

La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI La droga controlla la tua vita? Nella tua vita e nella tua comunità. Nessuno spazio alla droga. Sandro Calvani Direttore UNICRI Roma, 26 Giugno 2008 Nel 2007 la coltivazione di papavero da oppio a livello

Dettagli

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino

Caso Studio: Criminalità e Sicurezza. Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Caso Studio: Criminalità e Sicurezza Corso di Statistica Sociale Anno Accademico 2012-2013 Anna Freni Sterrantino Sommario Dimensioni dello studio della criminalità Omicidi volontari Rapine Furti Persone

Dettagli

L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA

L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA FONDAZIONE LIBERA INFORMAZIONE OSSERVATORIO SULL INFORMAZIONE PER LA LEGALITÀ E CONTRO LE MAFIE MOSAICO DI MAFIE E ANTIMAFIA L ALTRA NDRANGHETA IN EMILIA-ROMAGNA La

Dettagli

SINTESI DEL RAPPORTO I CINQUE DRIVERS COSA SI PUÒ TROVARE IN QUESTO REPORT?

SINTESI DEL RAPPORTO I CINQUE DRIVERS COSA SI PUÒ TROVARE IN QUESTO REPORT? SINTESI DEL RAPPORTO Questo rapporto è parte del progetto The Factbook on the Illicit Trade in Tobacco Products. Si concentra sull Italia, dove il traffico illecito di tabacco sembra essere cresciuto molto

Dettagli

2. Tutela Uscite Lotta agli sprechi nella spesa pubblica

2. Tutela Uscite Lotta agli sprechi nella spesa pubblica Guardia di Finanza Comando Regionale Abruzzo RENDICONTAZIONE DELL ATTIVITÀ OPERATIVA COMANDO REGIONALE ABRUZZO - ANNO 2012 2. Tutela Uscite Lotta agli sprechi nella spesa pubblica Accanto alla lotta all'evasione

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

A CHE COSA POSSONO SERVIRE QUESTE STIME

A CHE COSA POSSONO SERVIRE QUESTE STIME CAPITOLO 2 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo presenta una stima dei ricavi a disposizione delle organizzazioni criminali mafiose e della loro ripartizione tra reimpiego e reinvestimento mediante metodologie

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA

CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA Tirana 5-16 Marzo 2007 Ministria e Drejtësisë Cooperazione Italiana Shkolla e Magjistraturës 1 2 PRIMA SETTIMANA 5-9

Dettagli

IL MERCATO DELLA DROGA

IL MERCATO DELLA DROGA PARTE 10 IL MERCATO DELLA DROGA 10.1 Produzione, offerta e traffico di droga 10.2. Sequestri di sostanze psicoattive illegali 10.3. Prezzo e purezza 10.3.1. Prezzo della droga a livello di strada 10.3.2.

Dettagli

Rassegna Stampa Pon Sicurezza 27 maggio 2 giugno 2013

Rassegna Stampa Pon Sicurezza 27 maggio 2 giugno 2013 Rassegna Stampa Pon Sicurezza 27 maggio 2 giugno 2013 Agenzie Stampa ADNKRONOS Data 29-05-2013 SICUREZZA: PON PARTECIPA AL FORUM PA = WORKSHOP 'BUONE PRATICHE PER LA DIFFUSIONE DELLA LEGALITA' Roma, 29

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

Il fenomeno riciclaggio e la casistica più ricorrente

Il fenomeno riciclaggio e la casistica più ricorrente Il fenomeno riciclaggio e la casistica più ricorrente 1 GAFI Le 9 raccomandazioni speciali per il contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale (2001) Racc. n. 8: «Le organizzazioni non -profit

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013 CONSUNTIVO DELL ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2013

Dettagli

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Legalità e credito. Contrastare i costi del crimine organizzato Bologna, 5 novembre 2013 Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Giovanni Maria Mazzanti Università

Dettagli

Le mafie a Milano e nel Nord: aspetti sociali ed economici

Le mafie a Milano e nel Nord: aspetti sociali ed economici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO AULA MAGNA Le mafie a Milano e nel Nord: aspetti sociali ed economici Intervento del Governatore della Banca d Italia Mario Draghi Milano, 11 marzo 2011 La criminalità

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Il radicamento Liguria terra di confine: meta dei soggiorni obbligati (anni 70),

Dettagli

Guardia di Finanza SERVIZIO CENTRALE INVESTIGAZIONE CRIMINALITÀ ORGANIZZATA - Ufficio Raccordo Informativo - Sezione Operazioni -

Guardia di Finanza SERVIZIO CENTRALE INVESTIGAZIONE CRIMINALITÀ ORGANIZZATA - Ufficio Raccordo Informativo - Sezione Operazioni - Guardia di Finanza SERVIZIO CENTRALE INVESTIGAZIONE CRIMINALITÀ ORGANIZZATA - Ufficio Raccordo Informativo - Sezione Operazioni - COMMISSIONE SPECIALE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA,

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 25 novembre 2015 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis le

Dettagli

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA ANALISI

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA ANALISI CAPITOLO 4 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo ha l obiettivo di fornire un quadro generale sugli investimenti delle organizzazioni mafiose nell economia legale in Italia. Il quadro è stato ricostruito

Dettagli

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Indice. Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Indice Introduzione... Pag. 5 CAPITOLO PRIMO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Premessa... «17 La criminalità organizzata nel mondo...» 20 Stati Uniti Cosa Nostra...» 22 Cina - Le Triadi...» 24 Cina - I Tong...»

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

PON Sicurezza & PON Legalità

PON Sicurezza & PON Legalità PON Sicurezza & PON Legalità Confronto tra i programmi per la legalità nella precedente e nell attuale programmazione dei Fondi Comunitari Parte I Il PON "Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo Convergenza"2007-2013

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

Dettagli

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21

I cinesi in Veneto. Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 . Una stima dei costi economici tra contraffazione e criminalità. a cura del Centro Studi Unioncamere Veneto 1/21 I cinesi fuori dalla Cina 9,3 milioni sono i cinesi emigrati nel mondo oggi, pari allo

Dettagli

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti

967 scippi ogni 100 mila abitanti nel 1985 a 138 nel 2006), ma di considerevoli proporzioni anche nella Capitale (da 269 reati ogni 100 mila abitanti 17. Criminalità L analisi dei dati sulla criminalità relativi al 2006 evidenzia una diffusione di reati nella provincia di Roma significativamente più elevata di quella rilevata complessivamente nel territorio

Dettagli

IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE».

IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE». IL RITORNO ALLA LEGALITÀ. ANALISI DI TRE AZIENDE «RICONVERTITE». CALCESTRUZZI ERICINA LIBERA SOCIETÀ COOPERATIVA GRAND HOTEL GIANICOLO SPIAGGIA LIBERA S.P.Q.R. PREMESSA METODOLOGICA. IMPOSTAZIONE DELLA

Dettagli

METRiC Monitoraggio dell Economia Trentina contro il Rischio Criminalità. A cura di Francesco Calderoni

METRiC Monitoraggio dell Economia Trentina contro il Rischio Criminalità. A cura di Francesco Calderoni Monitoraggio dell Economia Trentina contro il Rischio Criminalità A cura di Francesco Calderoni Marzo 2013 Metric Monitoraggio dell Economia Trentina contro il Rischio Criminalità A cura di Francesco

Dettagli

LA CONTRAFFAZIONE IN CIFRE. La lotta alla Contraffazione in Italia nel quadriennio 2008 2011

LA CONTRAFFAZIONE IN CIFRE. La lotta alla Contraffazione in Italia nel quadriennio 2008 2011 DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UIBM PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PR LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

Dettagli

Dati principali - Corso ID: 6596 - MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER ESPERTI NELLA PORGETTAZIONE E GESTIONE DI POLITICHE DELLA SICUREZZA URBANA

Dati principali - Corso ID: 6596 - MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER ESPERTI NELLA PORGETTAZIONE E GESTIONE DI POLITICHE DELLA SICUREZZA URBANA CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6596 - MASTER DI ALTA SPECIALIZZAZIONE PER ESPERTI NELLA PORGETTAZIONE E GESTIONE DI POLITICHE DELLA SICUREZZA URBANA Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di

Dettagli

Scheda 3. Riciclaggio dei proventi del narcotraffico

Scheda 3. Riciclaggio dei proventi del narcotraffico Scheda 3 Riciclaggio dei proventi del narcotraffico (tratto dal Rapporto Narcotraffico 2012 edito dalla Fondazione ICSA, presentato a Roma il 29 novembre 2012 presso la Camera dei Deputati) Riciclaggio

Dettagli

A COSA POSSONO SERVIRE QUESTE ANALISI

A COSA POSSONO SERVIRE QUESTE ANALISI CAPITOLO 6 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo presenta i risultati delle analisi degli investimenti delle mafie in aziende. Obiettivo dell analisi è individuare i motivi per cui le mafie investono in

Dettagli

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA ANALISI

A COSA PUÒ SERVIRE QUESTA ANALISI CAPITOLO 7 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo riguarda le attività delle mafie italiane all estero. In particolare, analizza dove sono, quanto guadagnano e dove investono. Data la scarsità e la poca omogeneità

Dettagli

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010

Piano straordinario contro le mafie. Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie Reggio Calabria, 28 gennaio 2010 Piano straordinario contro le mafie 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Agenzia per la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

Dettagli

Cybercrime e Forensics Datamatic Sistemi & Servizi DFA OPEN DAY 2015

Cybercrime e Forensics Datamatic Sistemi & Servizi DFA OPEN DAY 2015 Cybercrime e Forensics Datamatic Sistemi & Servizi DFA OPEN DAY 2015 08/07/2015 1 Agenda Cybersecurity Market Chi siamo Cosa facciamo Nuovi trend del Cybersecurity: Moblile, Cloud, Social Demo 08/07/2015

Dettagli

Corso di Laurea in Comunicazione e Società LE IMPRESE ANTIMAFIA. LA COOPERATIVA TERRE DI PUGLIA LIBERA TERRA DI MESAGNE (BRINDISI)

Corso di Laurea in Comunicazione e Società LE IMPRESE ANTIMAFIA. LA COOPERATIVA TERRE DI PUGLIA LIBERA TERRA DI MESAGNE (BRINDISI) Corso di Laurea in Comunicazione e Società LE IMPRESE ANTIMAFIA. LA COOPERATIVA TERRE DI PUGLIA LIBERA TERRA DI MESAGNE (BRINDISI) Elaborato finale di: Greta La Gioiosa Matr. N. 759642 Relatore: Prof.

Dettagli

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili

Sicurezza. Per non sentirsi vulnerabili CAPITOLO 7 Sicurezza Per non sentirsi vulnerabili Una percezione soggettiva di serenità e un vissuto di sicurezza oggettiva nella propria vita quotidiana sono dimensioni cardine nella costruzione del benessere

Dettagli

prestare ascolto. È necessario capire, però, da dove proviene questa eco: notizia sorgono da dinamiche rapide, veloci e impercettibili con cui si

prestare ascolto. È necessario capire, però, da dove proviene questa eco: notizia sorgono da dinamiche rapide, veloci e impercettibili con cui si Conclusioni Comprendere cosa significa l atroce, non negarne l esistenza, affrontare spregiudicatamente la realtà (Hannah Arendt). Gli spari di Secondigliano, i morti ammazzati, la guerra, non sono tutta

Dettagli

A COSA POSSONO SERVIRE QUESTE ANALISI

A COSA POSSONO SERVIRE QUESTE ANALISI CAPITOLO 5 - SINTESI OBIETTIVO Questo Capitolo ha cercato di individuare i fattori in grado di orientare o condizionare le scelte di investimento delle organizzazioni mafiose e dei loro membri in beni

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Ufficio Operazioni Sezione Stampa e Relazioni Esterne Milano, 5 febbraio 2014 LA GUARDIA DI FINANZA IN LOMBARDIA BILANCIO 2013 Nel 2013 la Guardia di Finanza

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI..

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. P.P. n. / R.G.N.R. D.D.A. N. Rog. Est. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI.. DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA Ufficio del P.M. - tel. uff. +39 ALLA COMPETENTE AUTORITA GIUDIZIARIA CANADESE

Dettagli

Domanda di concessione di mutuo. Al Prefetto di. Il sottoscritto... nato a... in data... residente a... in via...

Domanda di concessione di mutuo. Al Prefetto di. Il sottoscritto... nato a... in data... residente a... in via... ALLEGATO. 1 Raccomandata con avviso di ricevimento fac-simile Domanda di concessione di mutuo Al Prefetto di... Il sottoscritto... nato a... in data... residente a... in via... CHIEDE la concessione di

Dettagli

I beni confiscati riutilizzati nel territorio: punti di forza e criticità

I beni confiscati riutilizzati nel territorio: punti di forza e criticità Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo

Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo nell Area del Mediterraneo Università degli Studi di Palermo Centro interdipartimentale di Studi Europei e Comparatistici G. Martino G.Criscuoli C.I.S.E.COM Progetto formativo in Esperto in Politiche per la Legalità e lo Sviluppo

Dettagli

Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11. Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17

Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11. Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17 Prefazione, di Giovanni Chinnici p. 11 Introduzione. Gli obiettivi e i risultati della ricerca, di Giacomo Di Gennaro e Antonio La Spina 17 1. Le ragioni di un programma di ricerca 17 2. Le differenti

Dettagli

Sistema informativo di Sogei a supporto del federalismo Milioni di miliardi di dati al servizio del decentramento fiscale

Sistema informativo di Sogei a supporto del federalismo Milioni di miliardi di dati al servizio del decentramento fiscale Sistema informativo di Sogei a supporto del federalismo Milioni di miliardi di dati al servizio del decentramento fiscale RELATORE: VALERIO ZAPPALA Amministratore delegato e Direttore generale della Sogei

Dettagli

Forme di criminalità

Forme di criminalità La criminalità dei colletti bianchi nel MONDO PUBBLICO A Napoli re Ferdinando II, che amava mescolarsi alla folla, percorre sulla sua carrozza scoperta via Caracciolo. E un giorno di primavera luminoso

Dettagli

Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale

Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale Anomalie nell utilizzo del contante e riciclaggio: Un analisi econometrica a livello comunale ESTRATTO NON TECNICO DELLO STUDIO CASH PAYMENT ANOMALIES AND MONEY LAUNDERING: AN ECONOMETRIC ANALYSIS OF ITALIAN

Dettagli

Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana.

Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana. Criminalità organizzata, contesto di legalità e sicurezza urbana. Un indagine tra gli operatori economici di Torino di Rocco Sciarrone, Joselle Dagnes, Luca Storti Dipartimento di Culture, Politica e Società

Dettagli

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE

Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Relazione 2015 sullo stato attuale della contraffazione nell UE Aprile 2015 Premessa I diritti di proprietà intellettuale (DPI) contribuiscono a garantire che gli innovatori e i creatori ottengano una

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 26 novembre 2014 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis,

Dettagli

Le imprese vittime di criminalità in Italia

Le imprese vittime di criminalità in Italia Le imprese vittime di criminalità in Italia A cura di Giulia Mugellini Scritto da Giulia Mugellini e Stefano Caneppele Con il coordinamento scientifico di Ernesto U. Savona Report n. 16 UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

Possible struttura del Digesto dei Casi di Criminalità Organizzata

Possible struttura del Digesto dei Casi di Criminalità Organizzata Possible struttura del Digesto dei Casi di Criminalità Organizzata NOTA La seguente struttura viene proposta dopo aver ricevuto novanta casi ed aver preso atto delle osservazioni, compresi i suggerimenti

Dettagli

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale

Riciclaggio e Reimpiego dei capitali illeciti nell Impresa Criminale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Corso di Economia e Gestione delle Imprese (Prof. Roberto Vona) CENTRO CULTURALE GESU NUOVO Gruppo Legalità Laboratorio sulla Impresa Criminale Riciclaggio

Dettagli

La corruzione in Italia

La corruzione in Italia Palermo, 23 gennaio 2013 La corruzione in Italia Alberto Vannucci Università di Pisa vannucci@sp.unipi.it Lorenzetti Allegoria del Cattivo Governo, 1338-1339, Sala della Pace, Palazzo Pubblico, Siena Allegoria

Dettagli

Bando per la Valorizzazione e l Autosostenibilità dei Beni Confiscati alle Mafie 2013

Bando per la Valorizzazione e l Autosostenibilità dei Beni Confiscati alle Mafie 2013 Bando per la Valorizzazione e l Autosostenibilità dei Beni Confiscati alle Mafie 2013 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare proposte di Progetti Esemplari nelle Regioni del Sud Italia che rientrano

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

Proposta di legge n. 56/9^ RELAZIONE

Proposta di legge n. 56/9^ RELAZIONE Proposta di legge n. 56/9^ RELAZIONE L istituzione di una Agenzia regionale per i beni confiscati è postulata dall esigenza di dotare la Regione Calabria di un soggetto giuridico che collabori con l Agenzia

Dettagli

IL RICICLAGGIO L IMPRESA CRIMINALE

IL RICICLAGGIO L IMPRESA CRIMINALE IL RICICLAGGIO L IMPRESA CRIMINALE L imprenditore criminale, al pari di qualsiasi operatore economico, persegue un obiettivo di efficienza allocativa delle risorse, nell intento di massimizzare l utilità

Dettagli

QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA

QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA 1 QUESTURA DI LATINA UFFICIO STAMPA 160^ ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CONSUNTIVO RISULTATI APRILE 2011- APRILE 2012 ARRESTI : 552 DENUNCIE A P.L.: 1883 PERQUISIZIONI: 869 PERSONE

Dettagli

Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia. Dr. Michele Carofiglio

Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia. Dr. Michele Carofiglio Le società di servizi e l azione di contrasto del riciclaggio in Italia Dr. Michele Carofiglio BANCA D ITALIA - ROMA 27 NOVEMBRE 2014 L attività di controllo della Banca d Italia in materia di contrasto

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con MEDAGLIA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA in collaborazione con VII Edizione 2015\2016 Allo scopo di: - incoraggiare la riflessione sulla figura di Pio La Torre e in particolare sul suo ruolo di uomo politico

Dettagli

INTERVENTO DEL DIRETTORE DELLA D.I.A. DIR. GEN. PS ARTURO DE FELICE ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A.

INTERVENTO DEL DIRETTORE DELLA D.I.A. DIR. GEN. PS ARTURO DE FELICE ULTIMI SVILUPPI NELLA LOTTA CONTRO LA MAFIA E CORRELATE ATTIVITA DELLA D.I.A. INTERVENTO DEL DIRETTORE DELLA D.I.A. DIR. GEN. PS ARTURO DE FELICE PRESSO LA COMMISSIONE SPECIALE SULLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LA CORRUZIONE E IL RICICLAGGIO DI DENARO - (CRIM) DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Caro vita, al Sud come al Nord Sintesi analisi dei prezzi per capoluogo di provincia Iper Ugl

Caro vita, al Sud come al Nord Sintesi analisi dei prezzi per capoluogo di provincia Iper Ugl Caro vita, al Sud come al Nord Sintesi analisi dei prezzi per capoluogo di provincia Iper Ugl L indagine vuole dimostrare come sia ormai superato l assunto in base al quale al nord la vita costi di più

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

PER UNA LIGURIA SENZA MAFIA

PER UNA LIGURIA SENZA MAFIA PER UNA LIGURIA SENZA MAFIA RAPPORTO 2011/2012 A cura della Fondazione Antonino Caponnetto LA LIGURIA NON E' TERRA DI MAFIA MA LA MAFIA C'E' E RISCHIA DI COLONIZZARE LA REGIONE E SI PRESUME CHE IL SUO

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

Il "cyber crime", visto da vicino. Federico Maggi, PhD Ricercatore, Politecnico di Milano

Il cyber crime, visto da vicino. Federico Maggi, PhD Ricercatore, Politecnico di Milano Il "cyber crime", visto da vicino, PhD Ricercatore, Politecnico di Milano TRENT ANNI DI STORIA Sofisticazione "prove generali" attacchi dimostrativi auto-celebrazione Attacchi di massa orientati al profitto

Dettagli

ESPERIENZA PROFESSIONALE E SCIENTIFICA

ESPERIENZA PROFESSIONALE E SCIENTIFICA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Aggiornato al 24/07/2013 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ANGELO JANNONE MILANO Telefono Mobile E-mail Nazionalità jannone@jdpsolutions.it

Dettagli