COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale"

Transcript

1 COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Linee di intervento --3. Approvato con delibera di Consiglio Comunale N. 7 del

2 Art. Oggetto DISPOSIZIONI GENERALI Il presente documento disciplina le modalità e i criteri per la realizzazione di interventi di contrasto delle povertà finanziati dalla RAS e finalizzati a supportare singoli e nuclei familiari nelle emergenze di sussistenza contingenti lo stato di povertà, favorire il reinserimento sociale delle persone e dei loro nuclei familiari, il superamento dell emarginazione, la promozione delle capacità residue individuali, l autonomia economica delle famiglie e delle persone in condizioni di accertata povertà. Art. Linee d intervento Il presente regolamento è riferito alle seguenti azioni o linee facenti parte del programma di contrasto delle povertà estreme come di seguito specificate: Linea - concessione di sussidi a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà i cui componenti non sono idonei a svolgere le attività di pubblica utilità previste dalla successiva linea 3. Linea - concessione di contributi per l abbattimento dei costi abitativi e dei servizi essenziali. Linea 3 servizio civico comunale La linea non è compatibile con la linea 3 del medesimo programma. L incompatibilità è valida anche nel caso usufruiscano degli interventi due soggetti diversi ma appartenenti al medesimo nucleo familiare. Art 3 - Requisiti generali di ammissione Possono accedere agli interventi previsti dal presente regolamento coloro che possiedono i seguenti requisiti generali: residenti nel Comune di Seneghe da almeno anno; età non inferiore agli anni 8; in condizione di grave deprivazione economica; certificazione ISEE in corso di validità e riferita ai redditi percepiti nell anno precedente al bando, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al D. Lgs. 09/98. ai fini dell ammissione, l ISEE non dovrà essere superiore ai limiti previsti per ciascuna linea di intervento. Art. 4 - Modalità di presentazione della domanda Le persone che intendono accedere agli interventi previsti dalle presenti linee guida dovranno inoltrare domanda su apposito modulo entro i termini stabiliti nel bando pubblico. Potrà presentare domanda un solo componente per nucleo familiare. L istanza, indirizzata all ufficio servizi sociali, ha valore di autocertificazione; l Amministrazione Comunale procederà alle verifiche sulla veridicità delle dichiarazione rese. Per tutte le linee di intervento, i requisiti dovranno essere posseduti alla data di scadenza del bando e l istanza dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: copia di un documento di identità del richiedente; certificazione ISEE in corso di validità e riferita ai redditi percepiti nell anno precedente al bando, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al D. Lgs. 09/98; eventuale certificazione medica comprovante lo stato di invalidità o di grave malattia; eventuale documentazione idonea o dichiarazione sostitutiva di certificazione qualora si verifichino variazioni significative nella composizione del nucleo familiare o nella situazione reddituale e/o patrimoniale rispetto all ultima dichiarazione dei redditi. Il Servizio sociale comunale, anche su iniziativa di enti e organismi di volontariato e del privato sociale, può provvedere d ufficio alla presentazione della domanda in sostituzione dei soggetti impossibilitati o

3 incapaci a farlo. In tal caso sarà cura del servizio sociale presentare, entro i termini stabiliti dal bando, apposita istanza all ufficio protocollo. Art. 5 Criteri di assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria Scaduti i termini di presentazione delle istanze previsti dal Bando, il comune provvederà all istruttoria delle domande e alla predisposizione della graduatoria provvisoria. Al fine di accertare la condizione di effettivo bisogno, saranno valutate la situazione reddituale, sociale, familiare e sanitaria del richiedente e dei diversi componenti del nucleo familiare. Per ciascuna linea di intervento verrà stilata un autonoma graduatoria sulla base del punteggio ottenuto secondo i criteri definiti per ciascuna Linea di intervento. 5.. Valutazione della situazione reddituale Linea di Intervento ISEE RIDEFINITO PUNTI a.000,00 4 Da 000,0 a 500,00 3 Da 500,0 a 3500,00 Da 3.500,0 a 4500,00 Per accedere alla linea di intervento, il richiedente dovrà essere privo di reddito o possedere un reddito ISEE non superiore ad 4.500,00 annui, comprensivo dei redditi esenti IRPEF. Solo nel caso in cui le risorse siano sufficienti a garantire l erogazione del sussidio a tutti gli aventi diritto, potranno essere valutate le situazioni che presentano un ISEE superiore ad euro sino al limite massimo di Tali domande saranno inserite in una graduatoria separata, rispettando la stessa modalità di attribuzione dei punteggi. Le richieste verranno evase in ordine di graduatoria. Nel computo dei redditi esenti verrà considerata ogni altra provvidenza a carattere continuativo o temporaneo, erogata anche da altre amministrazioni pubbliche, la cui finalità sociale è di assicurare un contributo economico alle persone che non sono in grado di svolgere un attività lavorativa a causa di disabilità o inabilità al lavoro o altri sussidi economici finalizzati a compensare l assenza o l insufficienza di reddito anche in presenza di particolari patologie. A titolo esemplificativo e non esaustivo si citano come risorse che verranno considerate: pensioni di invalidità e indennità di accompagnamento, assegni di maternità e assegni per il nucleo familiare con almeno tre figli minori - L. 448/98, rendite inail, contributi integrativi al pagamento dei canoni di locazione, contributi di integrazione al reddito (es. L.R. 0/97 ecc.), borse di studio universitarie a sostegno del reddito. Non verranno considerati i finanziamenti erogati per l attivazione di servizi di assistenza alle persone disabili e le risorse erogate nell ambito degli interventi delle povertà nelle annualità precedenti. Il reddito ISEE sarà rivalutato nel seguente modo: ISE + redditi esenti IRPEF diviso valore della scala di equivalenza. AMPIEZZA FAMIGLIA Linea di Intervento SOGLIA DI POVERTÀ ISEE Reddito componente 7.45 Fino a PUNTEGGIO 3

4 componenti 7.585,00 Fino a componenti 7.764,00 Fino a componenti 7.89,00 Fino a componenti 7.939,00 Fino a componenti 8.038,00 Fino a o più componenti 8.7,00 Fino a La soglia di ISEE si intenderà automaticamente modificata, senza procedere a variazione del presente Regolamento, sulla base dei calcoli ISTAT recepiti annualmente dagli atti di indirizzo regionali. Di tale aggiornamento si darà atto in sede di approvazione del Bando per la presentazione delle istanze a valere sulle annualità successive. Linea di Intervento 3 Si procederà alla valutazione della situazione reddituale come definito per la Linea 5.. Valutazione della situazione familiare (valido per tutte le linee) descrizione punteggio Nucleo monogenitoriale con figli minori a carico Punti per ciascun minore a carico Nucleo monogenitoriale con figli a carico di età compresa tra Punti per ciascun figlio maggiore a carico 8 e 5 anni privi di occupazione e fiscalmente a carico Persone che vivono sole* Nucleo familiare con figli minori a carico punto per ciascun minore a carico Nucleo familiare con figli a carico di età compresa tra i 8 e 0,50 punto per ciascun figlio a carico 5 anni privi di occupazione e fiscalmente a carico * Nel caso in cui la persona è inserita in un contesto abitativo differente rispetto a quanto risulta dalla situazione familiare, verrà considerata la presenza di familiari in grado di influenzare in positivo o in negativo la situazione economica del richiedente Valutazione della situazione abitativa e sanitaria (valido per tutte le linee) descrizione Abitazione inadeguata alle esigenze del nucleo familiare (es. priva di sistemi di riscaldamento o con sistemi insufficienti, con servizi igienici inadeguati o esterni all abitazione, spazi insufficienti ecc.) Presenza di situazioni sanitarie che compromettono l inserimento nel mercato del lavoro ma non danno comunque diritto all erogazione di trattamenti previdenziali (es. invalidità con percentuale inferiore al 75%) punteggio 4

5 Presenza di soggetti con dipendenze o problematiche alcool correlate o problematiche psichiatriche purché si dichiari la disponibilità a intraprendere un percorso presso l ASL di riferimento. Provvedimenti giudiziari limitativi della libertà personale 5.4. Ulteriori elementi di valutazione dello stato di bisogno (valido per tutte le linee) descrizione PUNTEGGIO Presenza di un autoveicolo di alta cilindrata (dai 600) -4 Presenza di un autoveicolo di media cilindrata ( ) - Presenza di un autoveicolo di cilindrata inferiore a 400 immatricolato da meno di 5 -,5 anni Presenza di più veicoli in regola per la circolazione nell ultimo anno - Presenza di moto di qualsiasi cilindrata -,5 Presenza di natanti e imbarcazioni in regola per la navigazione - 3 Valutazione negativa da parte della ditta appaltatrice del servizio civico nel corso del - 0 Partecipazione del richiedente o altro componente del nucleo a piani occupazione nei - 3 precedenti mesi Nuclei familiari con componenti che negli ultimi due anni hanno perso il lavoro e siano + prive di copertura assicurativa o altre forme di tutela (es. indennità di disoccupazione ecc.) Abbonamenti a pay tv (es. sky o premium) - 3 Presenza di assicurazioni non obbligatorie (es. incendio e furto, vita, danni ecc). - 3 Si fa accezione per quelle legate al mutuo prima casa e alle assicurazioni furto incendio sulla casa di civile abitazione nel caso questa rappresenti l unico bene immobile della famiglia. Presenza di conti correnti postali o libretti di risparmio - per ogni 000 euro di risparmi Presenza di immobili oltre l abitazione principale - 3 Presenza di terreni edificabili di superficie superiore a 400 m - 3 Presenza di terreni agricoli adibiti a coltivazioni produttive - Presenza di terreni agricoli non produttivi - A parità di punteggio verrà data priorità, per tutte le linee, al richiedente che ha ottenuto il maggior punteggio nella composizione del nucleo familiare. A seguito della valutazione si provvederà, per ciascuna linea di intervento, alla pubblicazione di graduatoria provvisoria, contro la quale sarà possibile presentare ricorso entro 7 giorni dalla pubblicazione. Il servizio sociale provvederà alla valutazione di tali ricorsi e alla successiva pubblicazione della graduatoria definitiva. 5

6 Art. 6 Modalità di realizzazione degli interventi Linea di intervento : concessione di sussidi a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà. Tale linea di intervento è riservata ai soggetti che non presentano i requisiti previsti dalla linea 3, che risultano quindi non in grado di lavorare o di impegnarsi in un attività di pubblica utilità a causa di: problemi sanitari; perché impegnati in compiti di cura di minori sotto i 3 anni o di familiari anziani o disabili; minori o maggiorenni che stanno completando il ciclo di studi o un percorso di formazione professionale; anziani di età superiore ai 65 anni. I soggetti aventi diritto possono beneficiare di un contributo economico, nella misura di 50,00 mensili erogabile da a 5 mesi a seconda della situazione di bisogno e delle disponibilità finanziarie dell Ente. In caso di insufficienza di fondi si stabilisce che le mensilità del sussidio decresceranno con lo scorrere della graduatoria. Il sussidio potrà essere vincolato alla sottoscrizione di un progetto personalizzato elaborato sulla base delle caratteristiche personali e/o familiari, che preveda impegni personali volti a favorire l uscita dalla condizione di povertà e percorsi di responsabilizzazione e valorizzazione delle sue capacità. A titolo di esempio si cita l educazione alla cura della persona, assistenza sanitaria, sostegno alle responsabilità familiari, frequenza di corsi o percorsi formativi, miglioramento dell integrazione socio-relazionale, anche attraverso l inserimento in attività di aggregazione sociale e/o di volontariato e ogni altra attività utile al raggiungimento degli obiettivi. 6. Linea di intervento : concessione di contributi per l abbattimento dei costi abitativi e dei servizi essenziali. Questa linea di intervento prevede la concessione di contributi per far fronte all abbattimento dei costi dei servizi essenziali, purché non coperti da altri finanziamenti da parte di altri enti pubblici che perseguono le medesime finalità (es. L. 43/98 - fondo nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione). I soggetti potranno usufruire di contributi per l abbattimento dei costi riferiti a: canone di locazione; energia elettrica; smaltimento dei rifiuti solidi urbani; riscaldamento; gas cucina; consumo dell acqua potabile; servizi ed interventi educativi quali: nidi d infanzia, servizi primavera, servizi educativi in contesto domiciliare, baby sitter. La misura del contributo è di 50,00 per ciascun utente beneficiario ed inserito in graduatoria, fino ad esaurimento fondi. Colui che si colloca in ultima posizione utile, beneficierà delle somme residue. Nell ipotesi di economie, le somme verranno ridistribuite proporzionalmente tra gli utenti aventi diritto fino ad un massimo di 500,00 cadauno. L erogazione del contributo linea avverrà dietro presentazione di documentazione, valida ai fini fiscali, attestante le spese sostenute a partire dal gennaio ed entro il 3 dicembre dell anno specificato nel bando. In mancanza di tale documentazione, le relative risorse non potranno essere liquidate. 6.3 Linea di intervento 3: servizio civico Il servizio civico ha come scopo il reinserimento sociale mediante attività socialmente utili volte a rimuovere condizioni di disagio socio-ambientale dovute a fattori di carattere individuale, sociale e familiare. Costituisce una forma di assistenza alternativa all assegno economico ed è rivolto prioritariamente a coloro che sono privi di un occupazione o che hanno perso il lavoro e sono privi di 6

7 coperture assicurative o di qualsiasi forma di tutela da parte di altri enti pubblici e che risultino abili al lavoro. Possono rientrare anche coloro che comunque siano appartenenti a categorie svantaggiate (ex detenuti, ex tossicodipendenti) purché non diversamente assistiti e coloro che risultano comunque occupati ma percepiscono un reddito inferiore alla soglia del minimo vitale. I beneficiari verranno impegnati nello svolgimento di lavori di pubblica utilità in settori diversi quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo: - servizi di custodia, vigilanza, pulizia e piccole manutenzioni di strutture pubbliche (uffici comunali, biblioteca, scuole, palestre); - salvaguardia, cura e manutenzione del verde pubblico e dell arredo urbano; - attività di accompagnamento a persone disabili e/o anziane; - attività di collaborazione con i servizi comunali; - servizio di vigilanza presso le scuole presenti nel territorio comunale; - attività di collaborazione con gli uffici comunali (ad es. archiviazioni, commissioni, fotocopisteria, ecc.); - servizi di supporto alle iniziative culturali, sportive e di spettacolo organizzate, gestite o patrocinate dall Amministrazione Comunale. Le attività previste dal servizio civico dovranno essere compatibili con età, capacità e/o particolari attitudini della persona in stato di svantaggio. L inserimento nel servizio avverrà a seguito della sottoscrizione di un progetto individuale con l utente, secondo l ordine della graduatoria di inserimento. Parte integrante del progetto individuale è la dichiarazione secondo cui i beneficiari dichiareranno di essere disponibili a prestare la loro opera consapevoli che, in nessun caso detta prestazione potrà instaurare alcun tipo di rapporto di lavoro con l amministrazione comunale e che il predetto servizio, a carattere volontario, persegue una finalità socio assistenziale. La mancata sottoscrizione del progetto individuale o il non rispetto degli obblighi assunti comporteranno la decadenza dal beneficio. Le attività del servizio civico non rientrano nel sistema competitivo di mercato e non possono essere utilizzate in sostituzione di lavoro dipendente o autonomo. Entità del compenso, orario e durata del progetto Il sussidio sarà concesso per un ammontare di 500,00 mensili corrispondente a 50 ore mensili per la durata di max 6 mesi. Il monte ore mensile sarà ripartito settimanalmente sulla base delle attività previste nel progetto individuale che verrà sottoscritto col beneficiario. L orario di servizio giornaliero e settimanale sarà concordato con ogni singolo beneficiario e sarà limitato e flessibile, adeguato alla condizione, alle esigenze e alle potenzialità del medesimo. Il compenso forfetario onnicomprensivo sarà liquidato mensilmente dalla Cooperativa di tipo B affidataria del servizio. Verrà inserito nel progetto un numero di utenti congruo alle risorse economiche disponibili in Bilancio per la realizzazione dell intervento. Il mancato svolgimento delle ore previste, sia esso per malattia e/o altri motivi di carattere personale, comporterà la ridefinizione del sussidio che verrà calcolato in base all effettivo monte ore svolto, salva la possibilità di recupero delle ore non svolte. Modalità e costi di gestione La gestione degli interventi del servizio civico verrà affidata ad una cooperativa di tipo B con la quale il Comune provvederà a stipulare apposito contratto. Quest ultimo disciplinerà, tra l altro, il trasferimento dei costi di gestione, delle risorse necessarie per la copertura assicurativa degli utenti, per la responsabilità civile verso terzi, per il pagamento delle borse in favore degli utenti beneficiari. 7

8 Art.7 - Controlli L amministrazione comunale effettuerà controlli circa la veridicità delle dichiarazioni rese, anche confrontando i dati con quelli in possesso del sistema informativo del Ministero delle finanze. Chiunque renda false dichiarazioni, oltre ad incorrere nelle sanzioni previste ai sensi del DPR 445/000, perderà automaticamente il diritto al beneficio concesso, con la possibilità per l amministrazione di richiedere il reintegro delle somme concesse. Verranno effettuate verifiche periodiche per accertare l effettiva realizzazione dei progetti di aiuto e i risultati conseguiti. L amministrazione ha inoltre la facoltà di sospendere e interrompere in qualsiasi momento il programma qualora: - non vengano rispettati gli obblighi da parte del soggetto; - vengano a mancare e/o decadere le condizioni che ne avevano permesso l avvio; - possa derivare un qualsiasi danno al Comune; - si arrechino danni a cose o persone; - siano accertate violazioni di legge. IN CONSIDERAZIONE DELLE FINALITÀ SOCIALI DEGLI INTERVENTI, DELLA NECESSITÀ DI LAVORARE AD UNA MAGGIORE RESPONSABILIZZAZIONE DEI BENEFICIARI NELLA GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE, DELLA NECESSITÀ DI GARANTIRE CHE LE RISORSE TRASFERITE SIANO UTILIZZATE PER IL CONCRETO SUPERAMENTO DELLE SITUAZIONI DI BISOGNO, SI STABILISCE CHE IL COMUNE SI RISERVA LA POSSIBILITÀ DI SOSPENDERE O REVOCARE GLI INTERVENTI IN CASO DI ACCERTATO USO IMPROPRIO DELLE RISORSE. A TITOLO ESEMPLIFICATIVO SI CITANO: USO DI SLOT MACHINE, VIDEO POKER O GIOCHI SIMILI, SMODATO ACQUISTO E USO DI ALCOLICI, RINNOVO ABBONAMENTI PAY TV, ACQUISTO SERVIZI TURISTICI (CASE VACANZA, BIGLIETTI AEREI, NAVE ECC.), ACQUISTO DI APPARECCHIATURE INFORMATICHE O ELETTRONICHE ECC. Note aggiuntive. La valutazione della composizione del nucleo familiare deve essere riferita alla situazione di fatto al momento della presentazione della domanda.. Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n. 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: morte dell altro genitore; abbandono del figlio; affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore. Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituto un nuovo nucleo genitoriale. Per la determinazione del reddito del nucleo monogenitoriale sarà considerato anche l assegno di mantenimento dei figli. 3. I beneficiari del programma sperimentale per la realizzazione di interventi di contrasto delle povertà estreme sono tenuti a: a) facilitare la verifica, da parte del servizio sociale comunale, della situazione personale, familiare e patrimoniale; b) accettare eventuali proposte di lavoro compatibili con le proprie capacità e rispondenti ai requisiti di legge in materia di tutela del lavoro; c) rispettare gli impegni assunti con l accettazione del programma sottoscritto. Il mancato rispetto degli obblighi di cui alle lettere a), b) e c) del presente articolo comporta la sospensione del contributo. Nel caso in cui il beneficiario non provveda ai suddetti adempimenti entro due mesi dalla sospensione, il contributo sarà interrotto definitivamente. 4. Si provvederà alla revoca del contributo in caso di dichiarazioni autocertificative false: si attiveranno in tal caso le procedure di recupero delle somme eventualmente corrisposte. Sono fatte salve le conseguenze penali. 8

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio PROT. 1542 BANDO PER L ATTIVAZIONE Provincia di Olbia DEL Tempio PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA - ANNO 2014. LA RESPONSABILE DEL SETTORE CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT, SPETTACOLO, POLITICHE

Dettagli

BANDO LINEA D INTERVENTO 3)

BANDO LINEA D INTERVENTO 3) COMUNI DI VALLEDORIA E VIDDALBA Comune di Valledoria C.so Europa 07039 (SS) Tel. 079 582565 Provincia di Sassari Servizio Associato Socio - Culturale Comune di Viddalba Via G.M. Angioy, 5 07030 (SS) Tel.

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Economia e delle Finanze Comune di Catania DOMANDA DI CARTA ACQUISTI SPERIMENTALE Modello di dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà

Dettagli

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO COMUNE DI ZEDDIANI Provincia di Oristano Via Roma, 103 - CAP 09070 AVVISO PUBBLICO LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTE: la deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO Il Servizio Civico disciplinato dal presente Regolamento ha come scopo il reinserimento sociale, mediante assegnazione di un impegno lavorativo ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

Il Responsabile del servizio

Il Responsabile del servizio BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE - ANNO 2015 L. 431/98, art.11 Disciplina delle locazioni e del rilascio degli immobili adibiti ad uso abitativo Il presente

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Deliberazione C.C n 45/2009) Indice CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.. 1 - Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 - Finalità degli

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI REGOLAMENTO DELLA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l entità della quota di compartecipazione degli utenti al costo delle

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

Elenco documenti isee inps e universita

Elenco documenti isee inps e universita M0303_05_01 Rev. 12 del 23/01/2015 Azienda con Sistema Qualità Certificato Iso 9001:2008 Pg. 1 di 8 Elenco documenti isee inps e universita Isee ordinario o standard È valevole per la generalità delle

Dettagli

MUNICIPIO DI MOLFETTA 5 SETTORE SOCIO EDUCATIVO

MUNICIPIO DI MOLFETTA 5 SETTORE SOCIO EDUCATIVO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina le modalità ed i criteri per l erogazione di prestazioni

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. 1 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. FINALITA La Regione Puglia ha inteso finalizzare l erogazione del contributo economico di cui al presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILII FINANZIARI E PER LA ATTRIBUZIONE DEI VANTAGGI ECONOMICI approvato con delibera

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA

COMUNE DI ROCCARAINOLA COMUNE DI ROCCARAINOLA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA 2014 ART. 11 LEGGE 431/1998 Questa Amministrazione, in esecuzione della

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI

CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con Delibera dell Assemblea dei soci della Società della Salute di Firenze n.10 del 30/12/2014) CAPO I PRINCIPI

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

q casa/appartamento in affitto q alloggio ATER

q casa/appartamento in affitto q alloggio ATER Al Signor Sindaco del Comune di 31058 Susegana (TV) RICHIESTA ASSISTENZA ECONOMICA Cognome e nome coniugata nato/a a Data nascita Codice Fiscale CAP residente a Via/Piazza N cittadinanza stato civile professione

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE CULTURALE E SCOLASTICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 41 DEL 01/02/2013 OGGETTO: AZIONI DI CONTRASTO ALLA

Dettagli

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013

In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 In atti deliberazione della Giunta Comunale n. 155 del 03.10.2013 AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI PERSONALE DISPONIBILE A SVOLGERE LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PRESSO I

Dettagli

Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo delle prestazioni socioassistenziali e sociosanitarie.

Regolamento per la compartecipazione degli utenti al costo delle prestazioni socioassistenziali e sociosanitarie. EBOLI CAPOFILA Altavilla Silentina Campagna Contursi Terme Eboli Oliveto Citra Postiglione Serre Sicignano degli Alburni Provincia di Salerno A.S.L. Salerno Regolamento per la compartecipazione degli utenti

Dettagli

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 FOGLIO INFORMATIVO E ISTRUZIONI PER IL CALCOLO DELL ISEE Questa guida vuole agevolare la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), la nuova dichiarazione

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 All. A AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 IL RESPONSABILE AREA SERVIZI ALLA PERSONA In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale n. 6 del 15/07/2015 e della determinazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI DSU MINI ISEE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA per il calcolo dell ISEE modello MINI La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è la dichiarazione necessaria per calcolare l ISEE (Indicatore della Situazione

Dettagli

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA)

COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA (PROVINCIA DI BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE (INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE) AI SERVIZI ED ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE COMUNALI

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E DI PARITA AVVISO PUBBLICO LA PROVINCIA DI LECCE INTENDE SOSTENERE FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO, ANCHE TEMPORANEO, ATTRAVERSO IL FINAZIAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA PER LE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA PER LE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA PER LE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA Art. 1 Campo di intervento. Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015

2 P.S.R P.d.Z. 2013/2015 Regolamento per la compartecipazione utenti al costo delle prestazioni socio-sanitarie Riallineamento al Decreto Commissario ad Acta per la prosecuzione del Piano di Rientro della Regione Campania N.43

Dettagli

Comune di Lama dei Peligni REGOLAMENTO

Comune di Lama dei Peligni REGOLAMENTO Comune di Lama dei Peligni Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI GRANDI INVALIDI DEL LAVORO I.N.A.I.L. Approvato con deliberazione di C.C. n. 48 del 30/11/2006 RIFERIMENTI

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE indetto ai sensi dell art. 11 della 9 dicembre 1998, n. 431, che istituisce

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA

FONDO DI SOLIDARIETA COMUNE DI CASTELPLANIO Provincia di Ancona Prot.n. 6369 Ufficio Servizi Sociali FONDO DI SOLIDARIETA 2009/2010 Interventi a favore delle famiglie per fronteggiare l attuale crisi economica ed occupazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE

REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE REGOLAMENTO DETERMINANTE I CRITERI PER ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTEGRAZIONE RETTA NELLE CASE PROTETTE PUBBLICHE E/O PRIVATE CONVENZIONATE Approvato con deliberazione C.C. 180/04.09.2002 Pagina 1

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 Sistema di qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. 9159.SOVZ SCS 7.5.50 Rev 05 del 19/12/2012 INTERVENTI ECONOMICI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Catania Direzione Famiglia e Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO

Comune di Catania Direzione Famiglia e Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO Comune di Catania Direzione Famiglia e Politiche Sociali AVVISO PUBBLICO Per l'accesso al beneficio della Carta Acquisti Sperimentale ai sensi dell'art.60 del D.L. 9/02/02012, n.5, come modificato dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEGLI UTENTI ALLE PRESTAZIONI E DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità di determinazione della quota

Dettagli

PRIORITA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE

PRIORITA AI FINI DELL ASSEGNAZIONE AVVISO PUBBLICO Premesso che - La delibera della Giunta Comunale n. 32. del 09/10/2013 prevede l istituzione di un fondo per il prestito d onore sociale, anche al fine di contrastare fenomeni di usura,

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli

CITTA DI QUARRATA. Premessa

CITTA DI QUARRATA. Premessa Bando per l'erogazione di contributi a sostegno di progetti individuali per persone fisiche volti allo sviluppo di attività lavorativa Anno 2013 Premessa Il Comune di Quarrata assume la presente iniziativa

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE

CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE 42 CRITERI PER L ACCESSO AI PRESTITI SULL ONORE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 220/I0093427 P.G. NELLA SEDUTA DEL 20/12/2004 A RIFERIMENTI NORMATIVI L. 285/1997, art. 4 La L. 285/1997

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento per l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

CHIEDE L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO DI ASSISTENZA ECONOMICA. A titolo di prestito: SÌ

CHIEDE L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO DI ASSISTENZA ECONOMICA. A titolo di prestito: SÌ Unità operativa di N domanda 1/8 DATI DEL RICHIEDENTE Il sottoscritto Nato a Residente a Telefono Codice fiscale ISEE il Via Scadenza (solo se a titolo di prestito) CHIEDE L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

Allegato C) DISCIPLINARI DI ACCESSO AI SERVIZI E AGLI INTERVENTI SOCIO - ASSITENZIALI AREA POVERTA INCLUSIONE SOCIALE E IMMIGRAZIONE

Allegato C) DISCIPLINARI DI ACCESSO AI SERVIZI E AGLI INTERVENTI SOCIO - ASSITENZIALI AREA POVERTA INCLUSIONE SOCIALE E IMMIGRAZIONE Approvato con Delibera Di Giunta Comunale n.133 del 25/06/2008 e modificato con Delibera di Giunta Comunale N.7 del 27/01/2009 Allegato C) DISCIPLINARI DI ACCESSO AI SERVIZI E AGLI INTERVENTI SOCIO - ASSITENZIALI

Dettagli

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA ANGHIARI BADIA TEDALDA CAPRESE MICHELANGELO MONTERCHI SANSEPOLCRO SESTINO

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA ANGHIARI BADIA TEDALDA CAPRESE MICHELANGELO MONTERCHI SANSEPOLCRO SESTINO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI Bando per la concessione di contributi per l eliminazione di barriere architettoniche in abitazioni civili. Legge regionale n. 47 del 9/9/1991 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PREVISTI DAL REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ANNO 2010

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PREVISTI DAL REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ANNO 2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PREVISTI DAL REGOLAMENTO DEL FONDO DI SOLIDARIETA CONTRO LA CRISI ANNO 2010 Il presente bando di concorso - approvato con determinazione del sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE . COMUNE DI ACQUANEGRA CREMONESE Provincia di CREMONA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONE SOCIALI AGEVOLATE Allegato alla deliberazione di C.C. n.14 del 26/03/2002 INDICE Regolamento Art. 1

Dettagli

Delibera del Consiglio di Amministrazione n.11 del 16 luglio 2014

Delibera del Consiglio di Amministrazione n.11 del 16 luglio 2014 BANDO DI CONCORSO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI STUDIO DI MERITO A.A. 2014/15 Delibera del Consiglio di Amministrazione n.11 del 16 luglio 2014 Determinazione del Direttore del Servizio Assistenziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.)

Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Comune di Cento REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Art. 1 Oggetto del regolamento 1.Il presente regolamento è lo strumento per la disciplina

Dettagli

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA'

AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' 6551 Allegato n. 1 R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE, DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITA' SERVIZIO POLITICHE DI BENESSERE SOCIALE E PARI OPPORTUNITA UFFICIO POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Allegato A COMUNE DI FRONTONE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n... del

Dettagli

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015

NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano NUOVO I.S.E.E. DAL 1^ GENNAIO 2015 Si informa che a seguito del Dpr 5 dicembre 2013, n.159 e del DM 7 novembre 2014 a partire dal 1^ gennaio 2015 entra in vigore

Dettagli

Promozione della cittadinanza solidale.

Promozione della cittadinanza solidale. LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 19-01-2005 REGIONE BASILICATA Promozione della cittadinanza solidale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 5 del 20 gennaio 2005 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO DELL AMBITO TERRITORIALE N. 12 PER LA DETERMINAZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI E L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Articolo 1 Forme di assistenza 1.1. Le forme di assistenza di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto e dell art. 32 del Regolamento

Dettagli

Dipartimento imento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Politiche della Casa Demanio e Urbanizzazioni Servizio E.R.P.

Dipartimento imento Attività Tecniche, Energetiche ed Ambientali Settore Politiche della Casa Demanio e Urbanizzazioni Servizio E.R.P. AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi a favore di conduttori di immobili ad uso abitativo quale sostegno per il pagamento dei canoni di locazione anno 2013 Il Dirigente del Settore Politiche

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU)

ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) ISTRUZIONI Compilazione della Dichiarazione Unica Sostitutiva (DSU) La nuova dichiarazione Ise/Isee cambia sostanzialmente rispetto al passato. Dal 2015 il calcolo del parametro non viene più fatto dal

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE ECONOMICA DEI COMUNI DELL AMBITO ALLE SPESE

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART.

(Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. COMUNE DI BRESCELLO (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ART. 3 DLGS 109/98) - Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente. Articolo 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO ISEE Regolamento per l applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l applicazione dell ISEE (Indicatore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE REGOLAMENTO COMUNALE ISEE INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 108 del 29.11.2001 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. La valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 25 del 9 giugno 2003, modificato con deliberazione del

Dettagli

BANDO DI ISCRIZIONE AI NIDI E AI SERVIZI PER L INFANZIA 0/3 ANNI. ANNO EDUCATIVO 2013/2014

BANDO DI ISCRIZIONE AI NIDI E AI SERVIZI PER L INFANZIA 0/3 ANNI. ANNO EDUCATIVO 2013/2014 Comune di Casalecchio di Reno Via dei Mille, 9 40033 Casalecchio di Reno (BO) BANDO DI ISCRIZIONE AI NIDI E AI SERVIZI PER L INFANZIA 0/3 ANNI. ANNO EDUCATIVO 2013/2014 OGGETTO Ai sensi del Regolamento

Dettagli