ANNUARIO 2010 ( LEONARDO DA VINCI )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNUARIO 2010 ( LEONARDO DA VINCI )"

Transcript

1 ANNUARIO 2010 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO ( LEONARDO DA VINCI )

2

3 ANNUARIO 2010 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO ( LEONARDO DA VINCI )

4 Illustrazione e aforisma di Leonardo Da Vinci SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

5 INDICE 0. PRESENTAZIONE UN PÒ DI STORIA GLI ISCRITTI: l iscrizione, la registrazione, le società di professionisti, la cessazione e ripresa dell attività di libero professionista, la comunicazione del reddito professionale, le variazioni anagrafiche I CONTRIBUTI: i diversi tipi di contributi ed il loro impiego, le scadenze e modi di pagamento, i contributi minimi e massimi, la supercontribuzione, le sanzioni, il montante individuale l estratto conto, la spalmatura LE NUOVE NORME: il contributo soggettivo minimo dei giovani, degli iscritti di età maggiore ai 65 anni, le provvidenze straordinarie, i mutui agevolati ai giovani, la restituzione del montante, la paternità, nuove norme per le elezioni LA PREVIDENZA: il sistema di calcolo della pensione, il simulatore on line di pensione, chiedere la pensione e continuare a svolgere la libera professione LA PREVIDENZA SOLIDALE: l inabilità, l invalidità, la premorienza, la pensione ai superstiti L INDENNITÀ DI MATERNITÀ: la paternità, l adozione o affidamento TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

6 8. L ASSISTENZA: le provvidenze straordinarie ex art. 19 bis L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA EMAPI LE RICONGIUNZIONI E I RISCATTI: ricongiunzione e totalizzazione, il riscatto dei periodi pre epap e/o degli anni di laurea) AGEVOLAZIONI AI GIOVANI PROFESSIONISTI: Riduzione del 70% dei contributi, i mutui agevolati ai giovani professionisti LA COMUNICAZIONE: la comunicazione interattiva tra l Iiscritto e l Ente. Il forum, il numero verde, il call center, la rivista, gli incontri sul territorio, il sito, l sms, l annuario. L abolizione della carta GLI INVESTIMENTI ALL ORIZZONTE SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

7 0. PRESENTAZIONE L Ente vuole essere considerato dagli iscritti per quello che è: un percorso obbligatorio ma necessario per costruirsi la pensione; una sponda di assistenza per i malanni della vita; una opportunità per servizi aggiuntivi gratuiti o a basso costo. L Ente non vuole essere considerato ciò che, di fatto, non è: un leviatano esattore di balzelli. Anche se ha l ingrato compito di far rispettare l iscrizione e la contribuzione che sono obbligatorie per legge. Questo opuscolo che ha la pretesa di essere semplice e ben leggibile, vuole aiutare gli iscritti nella gestione del rapporto con Epap o anche l Epap nella gestione del rapporto con gli iscritti. Leggendolo non si trova tutto, ma di tutto: sono presentate tutte le cose dell Epap rimandando l approfondimento degli argomenti ad altri mezzi (il sito, il telefono, la rivista, le comunicazioni). Tutti gli argomenti sono trattati facendo tesoro di anni di domande, richieste e suggerimenti, cercando di anticipare gli interrogativi che leggendo sorgono spontanei e cercando di rispondere immediatamente. A molti sembreranno notizie scontate, ma non è così, l esperienza quotidiana mi insegna che alcune volte mancano per così dire i fondamentali. In ogni caso è ben difficile incontrare un iscritto che conosca, sia pure superficialmente tutte le cose dell Epap. Quello che voglio dire è che questo opuscolo, è utile che lo leggano tutti. Anch io, naturalmente. L abbiamo chiamato Annuario, l intenzione è di aggiornarlo ed inviarlo ad ogni inizio d anno dopo l uscita delle variazioni dell indice ISTAT, in modo da fornire i nuovi parametri annuali. In appendice all annuario c è un Vademecum che indica praticamente come fare per richiedere, informarsi, essere in regola, tutelare i propri diritti. 5 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

8 Il linguaggio è essenziale e la grafica cerca di essere gradevole. Si è voluto fare un altro mezzo di informazione pratico e veloce da leggere, conservare e consultare. Sempre con spirito positivo e non importa se con ottimismo o con pessimismo. Come diceva Oscar Wild, l ottimista pensa di vivere nei migliori tempi possibili, il pessimista... pure. Arcangelo Pirrello 6 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

9 1. UN PÒ DI STORIA La legge 8 agosto 1995, n. 335 ha delegato il Governo ad emanare le norme per la tutela previdenziale delle categorie dei liberi professionisti sprovvisti di un ente di previdenza e assistenza. Per attuare la delega è stato emanato il d.lgs. n. 103/1996 che, tra l altro, ai sensi dell art. 3, e dell articolo 4, disciplina l EPAP quale ente previdenziale di diritto privato, soggetto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e del Ministero dell Economia. Si tratta di un Ente previdenziale a contribuzione, cioè ognuno costruisce la sua pensione costituendo, con il proprio contributo, un montante personale che è rivalutato ogni anno. La cassa comune per così dire, è limitata all assistenza ed alla solidarietà. Ma per la pensione, ognuno versa per sé. Naturalmente anche gli altri Enti istituiti con il d.lgs. n. 103/1996 sono dello stesso tipo, è il nuovo modo di fare previdenza contribuzione e capitalizzazione rispetto al vecchio modo basato su retribuzione e ripartizione. L Epap inizia ad operare il 3 agosto 1999 ai sensi del decreto ministeriale dello stesso giorno, con decorrenza al 1 gennaio Dall esperienza maturata e in considerazione delle novità legislative intercorse, dopo quasi dieci anni di operatività, si è avvertita la necessità di modificare lo Statuto ed i regolamenti dell Epap per renderli idonei alle esigenze degli Iscritti, ed alle nuove tecnologie. È stato uno dei maggiori impegni degli ultimi quattro anni. 7 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

10 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

11 2. GLI ISCRITTI Si iscrivono all Epap gli Attuari, i Chimici, i dottori Agronomi e dottori Forestali e i Geologi che esercitano la libera professione, anche in forma di prestazione occasionale o collaborazione coordinata e continuativa e anche se svolgono, contemporaneamente, attività di lavoro dipendente (d.lgs. n. 103/96). I professionisti iscritti anche in un altro albo professionale - diverso da quello dei geologi, degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali - e già iscritti in un altro ente di previdenza per liberi professionisti, possono decidere liberamente di versare i contributi presso l uno o l altro ente. Ad esempio un Geologo che è anche Ingegnere ed è iscritto sia all Ordine dei geologi che all Ordine degli ingegneri può decidere liberamente se versare i contributi all Epap o a Inarcassa o ad entrambi gli enti in quota parte. 9 La registrazione e le società di professionisti Chi inizia l attività di libero professionista dopo il compimento dei 65 anni è tenuto al solo versamento del contributo integrativo che deve comunque esporre in fattura. In questo caso, il professionista ha solo l obbligo della registrazione all Epap e non ha diritto ad alcuna prestazione previdenziale ed assistenziale, fatta eccezione per l assicurazione sanitaria integrativa di cui si parlerà dopo. L obbligo di pagamento del solo contributo integrativo, che deve comunque essere esposto in fattura, è un obbligo anche per le società di ingegneria e le società di professionisti le quali, per questo, sono tenute alla registrazione all Epap. Le società di ingegneria e di professionisti che hanno al loro interno anche professionisti di almeno una delle nostre quattro categorie (ad esempio ingegneri, geologi e/o agronomi) dovranno in ogni caso registrarsi all Epap. TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

12 L iscrizione o la registrazione è a carico del professionista o della società di professionisti e deve avvenire entro 60 giorni dal primo incasso di reddito da lavoro professionale o dall emissione della prima fattura o documento contabile. 10 Cessazione (e ripresa) della libera professione Il professionista iscritto che decide di non svolgere più l attività di libero professionista deve dichiarare la cessazione dell attività dandone comunicazione all EPAP. In questo caso, relativamente al periodo di cessazione, non è tenuto al pagamento dei contributi previdenziali. Il professionista può riprendere quando vuole la libera professione dandone comunicazione all Epap; se riprende l attività professionale prima che sia trascorso l anno solare, cioè entro 365 giorni dalla data di cessazione, sono nulli gli effetti della cessazione e sono dovuti in ogni caso tutti i contributi per l intero periodo. Durante il periodo di cessazione, ad esclusione dell anno di cessazione e di ripresa dell attività, viene meno il diritto all indennità di maternità. Restano invece inalterati il diritto alla pensione di vecchiaia, invalidità, inabilità e premorienza. Comunicazione del reddito professionale Tutti gli iscritti hanno l obbligo di comunicare ogni anno all ente l ammontare del reddito professionale e il volume d affari tramite l invio del modello 2 che può essere trasmesso per raccomandata A/R oppure, gratuitamente, per via telematica dal nostro sito o tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) fornita gratuitamente dall Ente. Il reddito e il volume d affari da dichiarare sono quelli relativi alla sola attività di Geologo, Attuario, Chimico, dott. Agronomo o dott. Forestale libero professionista per la quale si è iscritti all EPAP. SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

13 La presentazione del modello 2 è estremamente importante. Se l iscritto non invia per tempo il modello 2 l Ente non può sapere il suo reddito da lavoro autonomo, non può elaborare l estratto conto e non può elaborare bilanci attendibili. Tutto ciò si traduce in inevitabili disservizi nei confronti degli iscritti. Ecco perché la tardiva, mancata o infedele presentazione del modello reddituale (mod. 2), comporta l applicazione di sanzioni. Le società di ingegneria e le società di professionisti devono comunicare all EPAP, il volume d affari, la quota parte derivante da attività professionale, ed anche la quota parte del volume d affari sulla quale non è stato applicato il 2% in quanto fatturata ad altre società di ingegneria o Società di Professionisti o ad attuari, chimici, dottori agronomi e dottori forestali e geologi, anche in quanto partecipanti ad associazioni o società di professionisti. La variazione anagrafica La mancata comunicazione di variazione di recapito postale dell iscritto è un danno sia per l Ente che per lo stesso iscritto. Sarebbe bene comunicare anche la variazione di numero telefonico e di indirizzo mail ordinario. Con il D.L. 29 novembre 2008 n. 185 che rende obbligatorio per i professionisti il possesso e l uso della casella di posta elettronica certificata, diventa obbligatorio anche comunicare all EPAP l indirizzo della P.E.C. (se non è quella fornita da Epap) e l eventuale variazione di esso. Si ricorda che la P.E.C. può sempre essere richiesta ed ottenuta gratuitamente all EPAP Naturalmente - al solo scopo di accedere alle forme di previdenza e/o di assistenza previste - devono essere comunicati nei termini dettati dal regolamento eventi piacevoli (quali lo stato di gravidanza) o spiacevoli (come incidenti o malattie). 11 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

14 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

15 3. I CONTRIBUTI Per legge l Epap applica il metodo contributivo puro. Tipi di contributo Ci sono quattro diversi contributi ognuno dei quali serve per uno scopo preciso. Ecco perché sono mantenuti ben distinti. 1) Il contributo soggettivo (10% del reddito netto) serve solo per formare il montante individuale dell iscritto che lo ha versato e non può essere utilizzato per altro. Il montante individuale di ciascun iscritto costituisce la base per il calcolo della pensione. Contributo soggettivo minimo: per ogni anno di contribuzione è previsto un importo minimo di contributo soggettivo. Per l anno 2010, il contributo soggettivo minimo è di 557,00 euro. Il che vuol dire che se il reddito netto professionale prodotto per l anno 2010 è inferiore a 5.570,00 euro il contributo soggettivo minimo comunque dovuto all Epap è pari a 557,00 euro. Contributo soggettivo massimo: è il contributo soggettivo massimo al di sopra del quale l iscritto non può pagare (a meno che non applichi la supercontribuzione ). L importo del contributo soggettivo massimo per l anno 2010 è pari a 9.215,00 euro. Il che significa che se il reddito netto professionale è superiore a ,00 euro il contributo soggettivo massimo comunque dovuto è pari a 9.215,00 euro. Ciò, naturalmente applicando il tasso minimo obbligatorio del 10%, come vedremo di seguito con la cosiddetta supercontribuzione, si può volontariamente versare di più. Supercontribuzione: nel nostro e negli altri enti a contribuzione (ex d.lg 103/96) la pensione è funzione diretta del montante accumulato che, a sua volta, è alimentato solo dalla contribuzione soggettiva. Per aumentare il montante gli iscritti possono, volonta- 13 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

16 riamente, versare un contributo soggettivo in misura superiore al 10%, scegliendo tra le seguenti aliquote: 12% - 14% - 16% - 18% - 25%. Se sceglie una di queste opzioni, l iscritto deve segnalarlo annualmente all Ente nel modello di dichiarazione del reddito professionale (mod. 2). L opzione vale un anno e in caso di mancata indicazione dell aliquota si intende confermata quella minima del 10%. La supercontribuzione è deducibile dalle tasse. 2) Il contributo di solidarietà (0,2% del reddito netto) serve ai fini assistenziali e per equilibrare eventuali scompensi tra le quattro categorie aderenti all Epap. Contributo di solidarietà Minimo e Massimo: come per il contributo soggettivo anche il contributo di solidarietà prevede un minimale ed un massimale che per l anno 2010 sono rispettivamente pari a 11,00 euro e 184,00 euro. 14 3) Il contributo di maternità che è una cifra fissa determinata annualmente dall Ente, serve solo per l erogazione delle indennità di maternità (adesso anche di paternità come si vedrà in seguito). Tutti gli iscritti sono tenuti a versare il contributo di maternità. 4) Il contributo integrativo (2% del volume di affari) serve per l assistenza, la solidarietà (ad es. le provvidenze straordinarie ex art. 19 bis in caso di accidenti e l assicurazione sanitaria integrativa) e per le spese generali dell Ente. Il contributo integrativo non è a carico dell iscritto ma è a carico dei committenti, infatti è esposto in fattura e su di esso è dovuta l IVA. L iscritto lo versa all Ente come sostituto d imposta. Il mancato versamento del contributo integrativo da parte di un professionista o di una società di ingegneria è, dunque, tanto più grave poiché si tratta di denaro non nostro. Tutto il contributo integrativo esposto in parcella ed incassato deve essere versato, non esiste un tetto massimo. SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

17 Però esiste un tetto minimo, il che vuol dire che se il contributo integrativo calcolato facendo il 2% del volume d affari risulta inferiore al minimale è comunque dovuto il contributo integrativo minimo. Per l anno 2009 il contributo integrativo minimo è pari a 78,00 euro. Questa cifra (78 euro), per la sola parte non fatturata, può essere dedotta dalle tasse. Gli ultra65enni che continuano a svolgere la libera professione dovranno continuare a contribuire? E come? Ci sono due tipi di contribuenti ultra65enni: coloro che, quando hanno iniziato l attività professionale e si sono iscritti all ente, non avevano 65 anni e che quindi li hanno compiuti in corso di iscrizione e coloro che quando hanno iniziato l attività professionale e si sono iscritti all ente già avevano compiuto 65 anni. - I primi, cioè quelli che si sono già iscritti all ente prima di aver compiuto 65 anni, possono scegliere di non pagare più il contributo soggettivo dall anno di compimento del 65 anno di età (devono comunque versare il contributo di solidarietà, integrativo e di maternità). Questa possibilità è applicabile solo dal 2007 in quanto fa parte di una di delle novità introdotte dal nuovo regolamento. Naturalmente si tratta di una opzione, l iscritto che ha superato i 65 anni, se vuole, può continuare a versare il soggettivo e continuare ad alimentare così il proprio montante e, se vuole, può anche versare la supercontribuzione. Gli iscritti che hanno superato i 65 anni, che sono già pensionati Epap e che continuano a versare il contributo soggettivo, poiché continuano ad alimentare il loro montante, ogni due anni si vedranno adeguare in aumento la pensione Epap. 15 Questi iscritti ultrasessantacinquenni mantengono intatto il diritto a tutte le forme di assistenza e solidarietà. TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

18 - I secondi, cioè quelli che si iscrivono all ente quando hanno già compiuto già 65 anni, possono scegliere di versare solo il contributo integrativo. In questo caso il contributo integrativo dovuto è pari al 2% del volume d affari senza tener conto del contributo integrativo minimo. Questi altri iscritti ultrasessantacinquenni non hanno diritto ad alcuna delle forme di previdenza solidale (inabilità, invalidità, premorienza) hanno però diritto alle forme di assistenza complementari (le provvidenze straordinarie ex art. 19 bis e l assicurazione sanitaria integrativa Emapi). 16 Scadenze di pagamento 31 luglio per il saldo dei contributi dell anno precedente e del primo acconto (30%) dei contributi dell anno in corso o dei contributi dell anno precedente. 31 ottobre per il secondo acconto (35%) dei contributi relativi all anno in corso o dei contributi dell anno precedente. N.B. in considerazione del momento particolare di crisi che ha colpito anche i liberi professionisti, il consiglio di indirizzo generale ed il consiglio d amministrazione hanno condiviso un provvedimento che, per il 2009, ha concesso un certo respiro ai colleghi che ne hanno avuto bisogno a causa dei mancati o ritardati introiti. Si tratta della anticipazione dei contributi del 2009 che è stata riferita alla previsione dell anno in corso o all anno passato ma ai minimi annuali. Cioè le rate di anticipazione dovevano essere in misura non inferiore al 30% del contributo minimo (scadenza di fine luglio) e del 35% del contributo minimo (scadenza del 31 ottobre). Fermo restando che ciascuno poteva contribuire in misura maggiore. Infatti poiché i contributi sono deducibili dalle tasse, molti iscritti hanno trovato conveniente pagare di più del limite minimo nelle scadenze di luglio e ottobre per ottimizzare il proprio carico fiscale e/o per alleggerire il saldo del luglio SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

19 Le sanzioni L Epap è tenuto a rivalutare i montanti individuali a decorrere da inizio anno e non per cassa ma per competenza, cioè l Ente rivaluta il contributo soggettivo dovuto e non quello effettivamente versato. Pertanto, un ritardo nei pagamenti dei contributi produce un onere significativo che deve essere compensato. Ecco perché il ritardato o l omesso pagamento dei contributi alle scadenze indicate, comporta l applicazione degli interessi e, alla lunga, delle sanzioni. Prima di ogni scadenza tutti gli iscritti ricevono per posta i moduli per il pagamento che sono comunque sempre disponibili sul sito. Le società di ingegneria e le società di professionisti devono pagare il contributo integrativo in una soluzione unica entro il 31 luglio dell anno successivo a quello di competenza del pagamento. (es. il saldo del contributo soggettivo 2009 deve essere versato entro il 31 luglio dell anno 2010). 17 Le modalità di pagamento sono le seguenti: - con bonifico bancario - con bollettino postale - con la carta di credito EPAP-Card che si richiede all Epap, è completamente gratuita, e si può utilizzare per il pagamento on-line dei contributi mediante bonifico bancario senza nessun costo di commissione. La EPAP-Card è una comune carta di credito e può essere utilizzata anche per gli acquisti. La convenienza a pagare i contributi con Epap-Card è dovuta anche al fatto che la somma pagata viene addebitata il 15 del mese successivo. Ad ogni scadenza contributiva corrisponde una specifica causale di pagamento, che deve essere indicata sia che si faccia il bonifico o che si utilizzi il bollettino postale. Una cau- TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

20 sale errata è il principale motivo della mancata attribuzione del versamento e spesso comporta dei ritardi o delle imprecisioni nell aggiornamento della posizione contributiva. Il montante individuale Il contributo soggettivo versato da ogni iscritto serve soltanto a costituire il montante individuale dello stesso iscritto. Il montante è rivalutato annualmente e in modo composto di un aliquota fissata per legge nella media quinquennale del PIL nominale La pensione di ciascun iscritto dipende solo dall ammontare finale del suo montante che, attualmente, è alimentato solo dal contributo soggettivo versato da ciascuno e dalla rivalutazione composta annuale. 18 L Estratto Conto Ogni anno l Ente invia a tutti gli iscritti un estratto conto riepilogativo della propria posizione previdenziale al massimo entro 30 giorni prima della scadenza del pagamento del saldo e del 1 acconto dei contributi. L estratto conto si può sempre consultare on line nel nostro sito nell area riservata di ciascun iscritto. Dato che occorre un tempo minimo per registrare l ultimo versamento l estratto conto on line potrebbe non essere aggiornato se lo si consulta subito dopo il versamento La spalmatura : Il principio fondamentale sul quale si basa l estratto conto per l attribuzione dei versamenti rispetto alla contribuzione dovuta nei vari anni è la cosiddetta spalmatura, secondo la quale i versamenti effettuati di volta in volta sono attribuiti alle scadenze debitorie più antiche nel tempo. Ciò significa che se, ad esempio, risulta un debito nel contributo soggettivo del 2000, i versamenti effettuati successivamente a tale data saranno utilizzati prima per coprire il debito del 2000 e l eventuale residuo sarà SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

21 destinato a copertura delle scadenze successive al Questo meccanismo è applicato in osservanza all art del Codice Civile che così recita nel II comma. omissis. il pagamento deve essere imputato al debito scaduto; tra più debiti scaduti, a quello meno garantito: tra più debiti ugualmente garantiti, al più oneroso per il debitore; tra più debiti ugualmente onerosi, al più antico. Questo meccanismo è a tutela dell iscritto poiché in questo modo si riduce l applicazione di interessi relativi a debiti più lontani nel tempo che risulterebbero quindi di importo più elevato, a causa dell accumularsi delle sanzioni. 19 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

22 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

23 4. LE NUOVE NORME A garanzia di uguale trattamento per tutti gli iscritti, tutte le attività dell Epap sono scandite da norme e regolamenti. Negli ultimi tre anni l Ente ha compiuto un grande sforzo per rivedere le normative interne. Le novità introdotte nel nuovo regolamento attuativo e nel nuovo statuto rafforzano la tutela previdenziale e la adattano, nei limiti consentiti dalla legge, alle reali esigenze degli Iscritti. Il Regolamento attuativo. Nel regolamento attuativo è stata prevista una maggiore flessibilità nella contribuzione ed è stata introdotta un apposita gestione dedicata alle prestazioni di tipo assistenziale, prima fra tutte le forme di assistenza sanitaria complementare. Particolare attenzione è stata posta nei confronti degli iscritti di età inferiore ai 30 anni e degli iscritti di età maggiore ai 65. Ai primi è stata ulteriormente ridotta l aliquota contributiva minima che adesso è al 30% (nel senso che la riduzione è del 70%), mentre i secondi versano, ora, il contributo soggettivo solo volontariamente. Il nuovo Regolamento attuativo prevede anche agevolazioni in caso di calamità naturali riconosciute. È possibile ritardare e\o rateizzare la contribuzione agli iscritti che, risiedendo o esercitando la professione in un territorio colpito da calamità naturale abbiano subito un danno incidente sull attività professionale. Le nuove norme prevedono la possibilità di organizzare forme pensionistiche complementari, la facoltà di incrementare il proprio montante contribuendo volontariamente oltre il 10%, la ricongiunzione con altri periodi assicurativi (l inps ad esempio od altri enti) ed il riscatto degli anni di laurea. È stato raddoppiato il reddito massimo per accedere all assistenza prevista per i colleghi iscritti colpiti da disgrazie familiari o personali. 21 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

24 Possono essere concessi prestiti agli iscritti di età inferiore o uguale a 40 anni per l acquisto di attrezzature per l esercizio della professione. Sono prestiti per un importo massimo di restituibili a rate e con interessi molto bassi. 22 La restituzione del montante: è sempre stata una legittima richiesta degli iscritti, specialmente gli iscritti che hanno potuto accumulare pochi contributi e dunque un montante basso che da diritto solo ad una pensione molto bassa. Anche da un punto di vista ideologico è opinione diffusa - anche di chi scrive - che trattandosi di denari versati dai colleghi iscritti e contribuenti, debbano ritornare ad essi sotto forma di vitalizio o in un unica soluzione, a scelta esclusiva dell interessato. L obiezione comune e la posizione ufficiale del Ministero del Lavoro - che si è sempre opposto, qualunque ministro abbia retto il dicastero - è che in caso di restituzione del montante in un unica soluzione il cittadino potrebbe trovarsi privo di un vitalizio che lo accompagni fino al decesso e dunque diventare un peso sociale per il Welfare State. Tuttavia, in occasione del rinnovo del regolamento è stata inserita una norma che prevedeva per i professionisti che già godono di altri redditi di pensione non inferiore all assegno sociale di cui all art. 3, comma 6 e 7 della legge 335/95, - su domanda dell interessato, la liquidazione della prestazione pensionistica in un unica soluzione in forma di capitale, a condizione che, al momento del pensionamento, la prestazione annua derivante dalla trasformazione in rendita di almeno il 70% del montante finale risulti inferiore al 59% dell assegno social di cui sopra. Prevenendo, in tal modo, l obiezione dei ministeri di controllo. Ebbene, il Ministero del Lavoro ha respinto la norma adducendo il fatto che non era prevista nel d.lgs 103/96. Naturalmente non siamo d accordo, secondo noi, quando un provvedimento non è previsto dalla legge, non vuol dire necessariamente che sia vietato. Bisognerà dunque tornare alla carica meglio attrezzati con opportuni pareri costituzionali. Dunque, per adesso, la restituzione del montante, qualunque sia l ammontare di esso, spetta solo ai colleghi iscritti che abbiano SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

25 compiuto i 65 anni d età a condizione che non abbiano maturato cinque anni di contribuzione e, nel momento in cui chiedono la restituzione del montante, abbiano cessato l attività professionale o richiedano di non contribuire più con il soggettivo. L Epap cerca di intervenire anche nelle norme di altri Enti e qualche volta ci riesce: dall Agenzia delle Entrate ha ottenuto la deduzione, dal reddito complessivo, del contributo integrativo minimo rimasto a carico dell iscritto. Inoltre, dai Ministeri del Lavoro e dell Economia ha ottenuto che l indennità di maternità venga concepita come indennità di genitorialità e pertanto sia erogata anche ai padri iscritti, ovviamente al ricorrere di alcune condizioni, ad esempio la madre non deve percepire la maternità da altro ente, il caso tipico è quella della casalinga. Nuove norme anche per le elezioni dell Ente. Il nuovo regolamento elettorale consentirà il voto per via informatica e dunque una partecipazione al voto da parte degli iscritti, di gran lunga più facile e più sicura rispetto alle tornate precedenti. 23 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

26 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

27 5. LA PREVIDENZA L EPAP garantisce la tutela previdenziale sotto forma di pensione di vecchiaia a tutti gli iscritti all Ente che al raggiungimento dei 65 anni di età abbiano maturato almeno 5 anni di contribuzione. Hanno diritto alla pensione di vecchiaia anche gli iscritti che al raggiungimento dei 57 anni di età abbiano maturato almeno 40 anni di contribuzione. Agli iscritti che al raggiungimento del 65esimo anno di età non hanno maturato la contribuzione minima di 5 anni spetta la restituzione del montante contributivo maturato, cioè la somma dei contributi soggettivi versati rivalutati di anno in anno in modo composto. Il sistema di calcolo della pensione L EPAP, così come gli altri Enti ex D.lgs 103, applica il sistema contributivo ed il sistema di gestione a capitalizzazione individuale. Nel sistema contributivo l importo della pensione viene determinato sulla base dei contributi soggettivi versati dall iscritto durante l intera vita lavorativa capitalizzati, di anno in anno su base composta fino al momento del pensionamento, ad un tasso annuo pari alla media quinquennale della variazione nominale del PIL. 25 Andamento dei tassi di capitalizzazione (valori in %) Anno Tasso , , ,5386 Anno Tasso , , ,3201 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli