ANNUARIO 2010 ( LEONARDO DA VINCI )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNUARIO 2010 ( LEONARDO DA VINCI )"

Transcript

1 ANNUARIO 2010 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO ( LEONARDO DA VINCI )

2

3 ANNUARIO 2010 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO ( LEONARDO DA VINCI )

4 Illustrazione e aforisma di Leonardo Da Vinci SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

5 INDICE 0. PRESENTAZIONE UN PÒ DI STORIA GLI ISCRITTI: l iscrizione, la registrazione, le società di professionisti, la cessazione e ripresa dell attività di libero professionista, la comunicazione del reddito professionale, le variazioni anagrafiche I CONTRIBUTI: i diversi tipi di contributi ed il loro impiego, le scadenze e modi di pagamento, i contributi minimi e massimi, la supercontribuzione, le sanzioni, il montante individuale l estratto conto, la spalmatura LE NUOVE NORME: il contributo soggettivo minimo dei giovani, degli iscritti di età maggiore ai 65 anni, le provvidenze straordinarie, i mutui agevolati ai giovani, la restituzione del montante, la paternità, nuove norme per le elezioni LA PREVIDENZA: il sistema di calcolo della pensione, il simulatore on line di pensione, chiedere la pensione e continuare a svolgere la libera professione LA PREVIDENZA SOLIDALE: l inabilità, l invalidità, la premorienza, la pensione ai superstiti L INDENNITÀ DI MATERNITÀ: la paternità, l adozione o affidamento TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

6 8. L ASSISTENZA: le provvidenze straordinarie ex art. 19 bis L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA EMAPI LE RICONGIUNZIONI E I RISCATTI: ricongiunzione e totalizzazione, il riscatto dei periodi pre epap e/o degli anni di laurea) AGEVOLAZIONI AI GIOVANI PROFESSIONISTI: Riduzione del 70% dei contributi, i mutui agevolati ai giovani professionisti LA COMUNICAZIONE: la comunicazione interattiva tra l Iiscritto e l Ente. Il forum, il numero verde, il call center, la rivista, gli incontri sul territorio, il sito, l sms, l annuario. L abolizione della carta GLI INVESTIMENTI ALL ORIZZONTE SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

7 0. PRESENTAZIONE L Ente vuole essere considerato dagli iscritti per quello che è: un percorso obbligatorio ma necessario per costruirsi la pensione; una sponda di assistenza per i malanni della vita; una opportunità per servizi aggiuntivi gratuiti o a basso costo. L Ente non vuole essere considerato ciò che, di fatto, non è: un leviatano esattore di balzelli. Anche se ha l ingrato compito di far rispettare l iscrizione e la contribuzione che sono obbligatorie per legge. Questo opuscolo che ha la pretesa di essere semplice e ben leggibile, vuole aiutare gli iscritti nella gestione del rapporto con Epap o anche l Epap nella gestione del rapporto con gli iscritti. Leggendolo non si trova tutto, ma di tutto: sono presentate tutte le cose dell Epap rimandando l approfondimento degli argomenti ad altri mezzi (il sito, il telefono, la rivista, le comunicazioni). Tutti gli argomenti sono trattati facendo tesoro di anni di domande, richieste e suggerimenti, cercando di anticipare gli interrogativi che leggendo sorgono spontanei e cercando di rispondere immediatamente. A molti sembreranno notizie scontate, ma non è così, l esperienza quotidiana mi insegna che alcune volte mancano per così dire i fondamentali. In ogni caso è ben difficile incontrare un iscritto che conosca, sia pure superficialmente tutte le cose dell Epap. Quello che voglio dire è che questo opuscolo, è utile che lo leggano tutti. Anch io, naturalmente. L abbiamo chiamato Annuario, l intenzione è di aggiornarlo ed inviarlo ad ogni inizio d anno dopo l uscita delle variazioni dell indice ISTAT, in modo da fornire i nuovi parametri annuali. In appendice all annuario c è un Vademecum che indica praticamente come fare per richiedere, informarsi, essere in regola, tutelare i propri diritti. 5 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

8 Il linguaggio è essenziale e la grafica cerca di essere gradevole. Si è voluto fare un altro mezzo di informazione pratico e veloce da leggere, conservare e consultare. Sempre con spirito positivo e non importa se con ottimismo o con pessimismo. Come diceva Oscar Wild, l ottimista pensa di vivere nei migliori tempi possibili, il pessimista... pure. Arcangelo Pirrello 6 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

9 1. UN PÒ DI STORIA La legge 8 agosto 1995, n. 335 ha delegato il Governo ad emanare le norme per la tutela previdenziale delle categorie dei liberi professionisti sprovvisti di un ente di previdenza e assistenza. Per attuare la delega è stato emanato il d.lgs. n. 103/1996 che, tra l altro, ai sensi dell art. 3, e dell articolo 4, disciplina l EPAP quale ente previdenziale di diritto privato, soggetto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e del Ministero dell Economia. Si tratta di un Ente previdenziale a contribuzione, cioè ognuno costruisce la sua pensione costituendo, con il proprio contributo, un montante personale che è rivalutato ogni anno. La cassa comune per così dire, è limitata all assistenza ed alla solidarietà. Ma per la pensione, ognuno versa per sé. Naturalmente anche gli altri Enti istituiti con il d.lgs. n. 103/1996 sono dello stesso tipo, è il nuovo modo di fare previdenza contribuzione e capitalizzazione rispetto al vecchio modo basato su retribuzione e ripartizione. L Epap inizia ad operare il 3 agosto 1999 ai sensi del decreto ministeriale dello stesso giorno, con decorrenza al 1 gennaio Dall esperienza maturata e in considerazione delle novità legislative intercorse, dopo quasi dieci anni di operatività, si è avvertita la necessità di modificare lo Statuto ed i regolamenti dell Epap per renderli idonei alle esigenze degli Iscritti, ed alle nuove tecnologie. È stato uno dei maggiori impegni degli ultimi quattro anni. 7 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

10 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

11 2. GLI ISCRITTI Si iscrivono all Epap gli Attuari, i Chimici, i dottori Agronomi e dottori Forestali e i Geologi che esercitano la libera professione, anche in forma di prestazione occasionale o collaborazione coordinata e continuativa e anche se svolgono, contemporaneamente, attività di lavoro dipendente (d.lgs. n. 103/96). I professionisti iscritti anche in un altro albo professionale - diverso da quello dei geologi, degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dottori forestali - e già iscritti in un altro ente di previdenza per liberi professionisti, possono decidere liberamente di versare i contributi presso l uno o l altro ente. Ad esempio un Geologo che è anche Ingegnere ed è iscritto sia all Ordine dei geologi che all Ordine degli ingegneri può decidere liberamente se versare i contributi all Epap o a Inarcassa o ad entrambi gli enti in quota parte. 9 La registrazione e le società di professionisti Chi inizia l attività di libero professionista dopo il compimento dei 65 anni è tenuto al solo versamento del contributo integrativo che deve comunque esporre in fattura. In questo caso, il professionista ha solo l obbligo della registrazione all Epap e non ha diritto ad alcuna prestazione previdenziale ed assistenziale, fatta eccezione per l assicurazione sanitaria integrativa di cui si parlerà dopo. L obbligo di pagamento del solo contributo integrativo, che deve comunque essere esposto in fattura, è un obbligo anche per le società di ingegneria e le società di professionisti le quali, per questo, sono tenute alla registrazione all Epap. Le società di ingegneria e di professionisti che hanno al loro interno anche professionisti di almeno una delle nostre quattro categorie (ad esempio ingegneri, geologi e/o agronomi) dovranno in ogni caso registrarsi all Epap. TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

12 L iscrizione o la registrazione è a carico del professionista o della società di professionisti e deve avvenire entro 60 giorni dal primo incasso di reddito da lavoro professionale o dall emissione della prima fattura o documento contabile. 10 Cessazione (e ripresa) della libera professione Il professionista iscritto che decide di non svolgere più l attività di libero professionista deve dichiarare la cessazione dell attività dandone comunicazione all EPAP. In questo caso, relativamente al periodo di cessazione, non è tenuto al pagamento dei contributi previdenziali. Il professionista può riprendere quando vuole la libera professione dandone comunicazione all Epap; se riprende l attività professionale prima che sia trascorso l anno solare, cioè entro 365 giorni dalla data di cessazione, sono nulli gli effetti della cessazione e sono dovuti in ogni caso tutti i contributi per l intero periodo. Durante il periodo di cessazione, ad esclusione dell anno di cessazione e di ripresa dell attività, viene meno il diritto all indennità di maternità. Restano invece inalterati il diritto alla pensione di vecchiaia, invalidità, inabilità e premorienza. Comunicazione del reddito professionale Tutti gli iscritti hanno l obbligo di comunicare ogni anno all ente l ammontare del reddito professionale e il volume d affari tramite l invio del modello 2 che può essere trasmesso per raccomandata A/R oppure, gratuitamente, per via telematica dal nostro sito o tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) fornita gratuitamente dall Ente. Il reddito e il volume d affari da dichiarare sono quelli relativi alla sola attività di Geologo, Attuario, Chimico, dott. Agronomo o dott. Forestale libero professionista per la quale si è iscritti all EPAP. SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

13 La presentazione del modello 2 è estremamente importante. Se l iscritto non invia per tempo il modello 2 l Ente non può sapere il suo reddito da lavoro autonomo, non può elaborare l estratto conto e non può elaborare bilanci attendibili. Tutto ciò si traduce in inevitabili disservizi nei confronti degli iscritti. Ecco perché la tardiva, mancata o infedele presentazione del modello reddituale (mod. 2), comporta l applicazione di sanzioni. Le società di ingegneria e le società di professionisti devono comunicare all EPAP, il volume d affari, la quota parte derivante da attività professionale, ed anche la quota parte del volume d affari sulla quale non è stato applicato il 2% in quanto fatturata ad altre società di ingegneria o Società di Professionisti o ad attuari, chimici, dottori agronomi e dottori forestali e geologi, anche in quanto partecipanti ad associazioni o società di professionisti. La variazione anagrafica La mancata comunicazione di variazione di recapito postale dell iscritto è un danno sia per l Ente che per lo stesso iscritto. Sarebbe bene comunicare anche la variazione di numero telefonico e di indirizzo mail ordinario. Con il D.L. 29 novembre 2008 n. 185 che rende obbligatorio per i professionisti il possesso e l uso della casella di posta elettronica certificata, diventa obbligatorio anche comunicare all EPAP l indirizzo della P.E.C. (se non è quella fornita da Epap) e l eventuale variazione di esso. Si ricorda che la P.E.C. può sempre essere richiesta ed ottenuta gratuitamente all EPAP Naturalmente - al solo scopo di accedere alle forme di previdenza e/o di assistenza previste - devono essere comunicati nei termini dettati dal regolamento eventi piacevoli (quali lo stato di gravidanza) o spiacevoli (come incidenti o malattie). 11 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

14 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

15 3. I CONTRIBUTI Per legge l Epap applica il metodo contributivo puro. Tipi di contributo Ci sono quattro diversi contributi ognuno dei quali serve per uno scopo preciso. Ecco perché sono mantenuti ben distinti. 1) Il contributo soggettivo (10% del reddito netto) serve solo per formare il montante individuale dell iscritto che lo ha versato e non può essere utilizzato per altro. Il montante individuale di ciascun iscritto costituisce la base per il calcolo della pensione. Contributo soggettivo minimo: per ogni anno di contribuzione è previsto un importo minimo di contributo soggettivo. Per l anno 2010, il contributo soggettivo minimo è di 557,00 euro. Il che vuol dire che se il reddito netto professionale prodotto per l anno 2010 è inferiore a 5.570,00 euro il contributo soggettivo minimo comunque dovuto all Epap è pari a 557,00 euro. Contributo soggettivo massimo: è il contributo soggettivo massimo al di sopra del quale l iscritto non può pagare (a meno che non applichi la supercontribuzione ). L importo del contributo soggettivo massimo per l anno 2010 è pari a 9.215,00 euro. Il che significa che se il reddito netto professionale è superiore a ,00 euro il contributo soggettivo massimo comunque dovuto è pari a 9.215,00 euro. Ciò, naturalmente applicando il tasso minimo obbligatorio del 10%, come vedremo di seguito con la cosiddetta supercontribuzione, si può volontariamente versare di più. Supercontribuzione: nel nostro e negli altri enti a contribuzione (ex d.lg 103/96) la pensione è funzione diretta del montante accumulato che, a sua volta, è alimentato solo dalla contribuzione soggettiva. Per aumentare il montante gli iscritti possono, volonta- 13 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

16 riamente, versare un contributo soggettivo in misura superiore al 10%, scegliendo tra le seguenti aliquote: 12% - 14% - 16% - 18% - 25%. Se sceglie una di queste opzioni, l iscritto deve segnalarlo annualmente all Ente nel modello di dichiarazione del reddito professionale (mod. 2). L opzione vale un anno e in caso di mancata indicazione dell aliquota si intende confermata quella minima del 10%. La supercontribuzione è deducibile dalle tasse. 2) Il contributo di solidarietà (0,2% del reddito netto) serve ai fini assistenziali e per equilibrare eventuali scompensi tra le quattro categorie aderenti all Epap. Contributo di solidarietà Minimo e Massimo: come per il contributo soggettivo anche il contributo di solidarietà prevede un minimale ed un massimale che per l anno 2010 sono rispettivamente pari a 11,00 euro e 184,00 euro. 14 3) Il contributo di maternità che è una cifra fissa determinata annualmente dall Ente, serve solo per l erogazione delle indennità di maternità (adesso anche di paternità come si vedrà in seguito). Tutti gli iscritti sono tenuti a versare il contributo di maternità. 4) Il contributo integrativo (2% del volume di affari) serve per l assistenza, la solidarietà (ad es. le provvidenze straordinarie ex art. 19 bis in caso di accidenti e l assicurazione sanitaria integrativa) e per le spese generali dell Ente. Il contributo integrativo non è a carico dell iscritto ma è a carico dei committenti, infatti è esposto in fattura e su di esso è dovuta l IVA. L iscritto lo versa all Ente come sostituto d imposta. Il mancato versamento del contributo integrativo da parte di un professionista o di una società di ingegneria è, dunque, tanto più grave poiché si tratta di denaro non nostro. Tutto il contributo integrativo esposto in parcella ed incassato deve essere versato, non esiste un tetto massimo. SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

17 Però esiste un tetto minimo, il che vuol dire che se il contributo integrativo calcolato facendo il 2% del volume d affari risulta inferiore al minimale è comunque dovuto il contributo integrativo minimo. Per l anno 2009 il contributo integrativo minimo è pari a 78,00 euro. Questa cifra (78 euro), per la sola parte non fatturata, può essere dedotta dalle tasse. Gli ultra65enni che continuano a svolgere la libera professione dovranno continuare a contribuire? E come? Ci sono due tipi di contribuenti ultra65enni: coloro che, quando hanno iniziato l attività professionale e si sono iscritti all ente, non avevano 65 anni e che quindi li hanno compiuti in corso di iscrizione e coloro che quando hanno iniziato l attività professionale e si sono iscritti all ente già avevano compiuto 65 anni. - I primi, cioè quelli che si sono già iscritti all ente prima di aver compiuto 65 anni, possono scegliere di non pagare più il contributo soggettivo dall anno di compimento del 65 anno di età (devono comunque versare il contributo di solidarietà, integrativo e di maternità). Questa possibilità è applicabile solo dal 2007 in quanto fa parte di una di delle novità introdotte dal nuovo regolamento. Naturalmente si tratta di una opzione, l iscritto che ha superato i 65 anni, se vuole, può continuare a versare il soggettivo e continuare ad alimentare così il proprio montante e, se vuole, può anche versare la supercontribuzione. Gli iscritti che hanno superato i 65 anni, che sono già pensionati Epap e che continuano a versare il contributo soggettivo, poiché continuano ad alimentare il loro montante, ogni due anni si vedranno adeguare in aumento la pensione Epap. 15 Questi iscritti ultrasessantacinquenni mantengono intatto il diritto a tutte le forme di assistenza e solidarietà. TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

18 - I secondi, cioè quelli che si iscrivono all ente quando hanno già compiuto già 65 anni, possono scegliere di versare solo il contributo integrativo. In questo caso il contributo integrativo dovuto è pari al 2% del volume d affari senza tener conto del contributo integrativo minimo. Questi altri iscritti ultrasessantacinquenni non hanno diritto ad alcuna delle forme di previdenza solidale (inabilità, invalidità, premorienza) hanno però diritto alle forme di assistenza complementari (le provvidenze straordinarie ex art. 19 bis e l assicurazione sanitaria integrativa Emapi). 16 Scadenze di pagamento 31 luglio per il saldo dei contributi dell anno precedente e del primo acconto (30%) dei contributi dell anno in corso o dei contributi dell anno precedente. 31 ottobre per il secondo acconto (35%) dei contributi relativi all anno in corso o dei contributi dell anno precedente. N.B. in considerazione del momento particolare di crisi che ha colpito anche i liberi professionisti, il consiglio di indirizzo generale ed il consiglio d amministrazione hanno condiviso un provvedimento che, per il 2009, ha concesso un certo respiro ai colleghi che ne hanno avuto bisogno a causa dei mancati o ritardati introiti. Si tratta della anticipazione dei contributi del 2009 che è stata riferita alla previsione dell anno in corso o all anno passato ma ai minimi annuali. Cioè le rate di anticipazione dovevano essere in misura non inferiore al 30% del contributo minimo (scadenza di fine luglio) e del 35% del contributo minimo (scadenza del 31 ottobre). Fermo restando che ciascuno poteva contribuire in misura maggiore. Infatti poiché i contributi sono deducibili dalle tasse, molti iscritti hanno trovato conveniente pagare di più del limite minimo nelle scadenze di luglio e ottobre per ottimizzare il proprio carico fiscale e/o per alleggerire il saldo del luglio SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

19 Le sanzioni L Epap è tenuto a rivalutare i montanti individuali a decorrere da inizio anno e non per cassa ma per competenza, cioè l Ente rivaluta il contributo soggettivo dovuto e non quello effettivamente versato. Pertanto, un ritardo nei pagamenti dei contributi produce un onere significativo che deve essere compensato. Ecco perché il ritardato o l omesso pagamento dei contributi alle scadenze indicate, comporta l applicazione degli interessi e, alla lunga, delle sanzioni. Prima di ogni scadenza tutti gli iscritti ricevono per posta i moduli per il pagamento che sono comunque sempre disponibili sul sito. Le società di ingegneria e le società di professionisti devono pagare il contributo integrativo in una soluzione unica entro il 31 luglio dell anno successivo a quello di competenza del pagamento. (es. il saldo del contributo soggettivo 2009 deve essere versato entro il 31 luglio dell anno 2010). 17 Le modalità di pagamento sono le seguenti: - con bonifico bancario - con bollettino postale - con la carta di credito EPAP-Card che si richiede all Epap, è completamente gratuita, e si può utilizzare per il pagamento on-line dei contributi mediante bonifico bancario senza nessun costo di commissione. La EPAP-Card è una comune carta di credito e può essere utilizzata anche per gli acquisti. La convenienza a pagare i contributi con Epap-Card è dovuta anche al fatto che la somma pagata viene addebitata il 15 del mese successivo. Ad ogni scadenza contributiva corrisponde una specifica causale di pagamento, che deve essere indicata sia che si faccia il bonifico o che si utilizzi il bollettino postale. Una cau- TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

20 sale errata è il principale motivo della mancata attribuzione del versamento e spesso comporta dei ritardi o delle imprecisioni nell aggiornamento della posizione contributiva. Il montante individuale Il contributo soggettivo versato da ogni iscritto serve soltanto a costituire il montante individuale dello stesso iscritto. Il montante è rivalutato annualmente e in modo composto di un aliquota fissata per legge nella media quinquennale del PIL nominale La pensione di ciascun iscritto dipende solo dall ammontare finale del suo montante che, attualmente, è alimentato solo dal contributo soggettivo versato da ciascuno e dalla rivalutazione composta annuale. 18 L Estratto Conto Ogni anno l Ente invia a tutti gli iscritti un estratto conto riepilogativo della propria posizione previdenziale al massimo entro 30 giorni prima della scadenza del pagamento del saldo e del 1 acconto dei contributi. L estratto conto si può sempre consultare on line nel nostro sito nell area riservata di ciascun iscritto. Dato che occorre un tempo minimo per registrare l ultimo versamento l estratto conto on line potrebbe non essere aggiornato se lo si consulta subito dopo il versamento La spalmatura : Il principio fondamentale sul quale si basa l estratto conto per l attribuzione dei versamenti rispetto alla contribuzione dovuta nei vari anni è la cosiddetta spalmatura, secondo la quale i versamenti effettuati di volta in volta sono attribuiti alle scadenze debitorie più antiche nel tempo. Ciò significa che se, ad esempio, risulta un debito nel contributo soggettivo del 2000, i versamenti effettuati successivamente a tale data saranno utilizzati prima per coprire il debito del 2000 e l eventuale residuo sarà SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

21 destinato a copertura delle scadenze successive al Questo meccanismo è applicato in osservanza all art del Codice Civile che così recita nel II comma. omissis. il pagamento deve essere imputato al debito scaduto; tra più debiti scaduti, a quello meno garantito: tra più debiti ugualmente garantiti, al più oneroso per il debitore; tra più debiti ugualmente onerosi, al più antico. Questo meccanismo è a tutela dell iscritto poiché in questo modo si riduce l applicazione di interessi relativi a debiti più lontani nel tempo che risulterebbero quindi di importo più elevato, a causa dell accumularsi delle sanzioni. 19 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

22 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

23 4. LE NUOVE NORME A garanzia di uguale trattamento per tutti gli iscritti, tutte le attività dell Epap sono scandite da norme e regolamenti. Negli ultimi tre anni l Ente ha compiuto un grande sforzo per rivedere le normative interne. Le novità introdotte nel nuovo regolamento attuativo e nel nuovo statuto rafforzano la tutela previdenziale e la adattano, nei limiti consentiti dalla legge, alle reali esigenze degli Iscritti. Il Regolamento attuativo. Nel regolamento attuativo è stata prevista una maggiore flessibilità nella contribuzione ed è stata introdotta un apposita gestione dedicata alle prestazioni di tipo assistenziale, prima fra tutte le forme di assistenza sanitaria complementare. Particolare attenzione è stata posta nei confronti degli iscritti di età inferiore ai 30 anni e degli iscritti di età maggiore ai 65. Ai primi è stata ulteriormente ridotta l aliquota contributiva minima che adesso è al 30% (nel senso che la riduzione è del 70%), mentre i secondi versano, ora, il contributo soggettivo solo volontariamente. Il nuovo Regolamento attuativo prevede anche agevolazioni in caso di calamità naturali riconosciute. È possibile ritardare e\o rateizzare la contribuzione agli iscritti che, risiedendo o esercitando la professione in un territorio colpito da calamità naturale abbiano subito un danno incidente sull attività professionale. Le nuove norme prevedono la possibilità di organizzare forme pensionistiche complementari, la facoltà di incrementare il proprio montante contribuendo volontariamente oltre il 10%, la ricongiunzione con altri periodi assicurativi (l inps ad esempio od altri enti) ed il riscatto degli anni di laurea. È stato raddoppiato il reddito massimo per accedere all assistenza prevista per i colleghi iscritti colpiti da disgrazie familiari o personali. 21 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

24 Possono essere concessi prestiti agli iscritti di età inferiore o uguale a 40 anni per l acquisto di attrezzature per l esercizio della professione. Sono prestiti per un importo massimo di restituibili a rate e con interessi molto bassi. 22 La restituzione del montante: è sempre stata una legittima richiesta degli iscritti, specialmente gli iscritti che hanno potuto accumulare pochi contributi e dunque un montante basso che da diritto solo ad una pensione molto bassa. Anche da un punto di vista ideologico è opinione diffusa - anche di chi scrive - che trattandosi di denari versati dai colleghi iscritti e contribuenti, debbano ritornare ad essi sotto forma di vitalizio o in un unica soluzione, a scelta esclusiva dell interessato. L obiezione comune e la posizione ufficiale del Ministero del Lavoro - che si è sempre opposto, qualunque ministro abbia retto il dicastero - è che in caso di restituzione del montante in un unica soluzione il cittadino potrebbe trovarsi privo di un vitalizio che lo accompagni fino al decesso e dunque diventare un peso sociale per il Welfare State. Tuttavia, in occasione del rinnovo del regolamento è stata inserita una norma che prevedeva per i professionisti che già godono di altri redditi di pensione non inferiore all assegno sociale di cui all art. 3, comma 6 e 7 della legge 335/95, - su domanda dell interessato, la liquidazione della prestazione pensionistica in un unica soluzione in forma di capitale, a condizione che, al momento del pensionamento, la prestazione annua derivante dalla trasformazione in rendita di almeno il 70% del montante finale risulti inferiore al 59% dell assegno social di cui sopra. Prevenendo, in tal modo, l obiezione dei ministeri di controllo. Ebbene, il Ministero del Lavoro ha respinto la norma adducendo il fatto che non era prevista nel d.lgs 103/96. Naturalmente non siamo d accordo, secondo noi, quando un provvedimento non è previsto dalla legge, non vuol dire necessariamente che sia vietato. Bisognerà dunque tornare alla carica meglio attrezzati con opportuni pareri costituzionali. Dunque, per adesso, la restituzione del montante, qualunque sia l ammontare di esso, spetta solo ai colleghi iscritti che abbiano SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

25 compiuto i 65 anni d età a condizione che non abbiano maturato cinque anni di contribuzione e, nel momento in cui chiedono la restituzione del montante, abbiano cessato l attività professionale o richiedano di non contribuire più con il soggettivo. L Epap cerca di intervenire anche nelle norme di altri Enti e qualche volta ci riesce: dall Agenzia delle Entrate ha ottenuto la deduzione, dal reddito complessivo, del contributo integrativo minimo rimasto a carico dell iscritto. Inoltre, dai Ministeri del Lavoro e dell Economia ha ottenuto che l indennità di maternità venga concepita come indennità di genitorialità e pertanto sia erogata anche ai padri iscritti, ovviamente al ricorrere di alcune condizioni, ad esempio la madre non deve percepire la maternità da altro ente, il caso tipico è quella della casalinga. Nuove norme anche per le elezioni dell Ente. Il nuovo regolamento elettorale consentirà il voto per via informatica e dunque una partecipazione al voto da parte degli iscritti, di gran lunga più facile e più sicura rispetto alle tornate precedenti. 23 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

26 SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA, ADOPRATI IN

27 5. LA PREVIDENZA L EPAP garantisce la tutela previdenziale sotto forma di pensione di vecchiaia a tutti gli iscritti all Ente che al raggiungimento dei 65 anni di età abbiano maturato almeno 5 anni di contribuzione. Hanno diritto alla pensione di vecchiaia anche gli iscritti che al raggiungimento dei 57 anni di età abbiano maturato almeno 40 anni di contribuzione. Agli iscritti che al raggiungimento del 65esimo anno di età non hanno maturato la contribuzione minima di 5 anni spetta la restituzione del montante contributivo maturato, cioè la somma dei contributi soggettivi versati rivalutati di anno in anno in modo composto. Il sistema di calcolo della pensione L EPAP, così come gli altri Enti ex D.lgs 103, applica il sistema contributivo ed il sistema di gestione a capitalizzazione individuale. Nel sistema contributivo l importo della pensione viene determinato sulla base dei contributi soggettivi versati dall iscritto durante l intera vita lavorativa capitalizzati, di anno in anno su base composta fino al momento del pensionamento, ad un tasso annuo pari alla media quinquennale della variazione nominale del PIL. 25 Andamento dei tassi di capitalizzazione (valori in %) Anno Tasso , , ,5386 Anno Tasso , , ,3201 TAL MODO IN GIOVENTÙ, CHE A TAL VECCHIEZZA NON MANCHI IL NUTRIMENTO

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

EPAP prestazioni, pensioni, rendimenti. Padova 02 aprile 2014

EPAP prestazioni, pensioni, rendimenti. Padova 02 aprile 2014 EPAP prestazioni, pensioni, rendimenti Padova 02 aprile 2014 Alberto Bergianti dottore agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it SE TU INTENDI LA VECCHIEZZA AVER PER SUO CIBO LA SAPIENZA

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013 Dr. Dino Cesare Lafiandra ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV Contributo soggettivo Tutti gli iscritti all Ente sono

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE

NUOVO REGOLAMENTO DELL ENTE BREVE SINTESI DELLE MAGGIORI NOVITÀ INTRODOTTE E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via del Tritone, 169-00187 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 NUOVO

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it

Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it OPPORTUNITA E SERVIZI Alberto BERGIANTI Dottore Agronomo 0522/245091 329/0979981 a.bergianti@studiobergianti.it Padova 02 aprile 2014 ISCRIZIONE PRIMA DEL 30 ANNO DI ETA Per chi si iscrive all Ente prima

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI

Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto LORO SEDI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI PRESIDENZA Protocollo: 350/Pres./2010 Al Dott. Ing./Arch. Professionista iscritto Professionista non iscritto

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI

Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Catania CONTRIBUTI EPPI Cosa significa qualificarsi all EPPI CONTRIBUTI EPPI Ogni perito industriale iscritto all Albo ha l obbligo di qualificarsi con l Ente. Qualificarsi significa comunicare all Eppi la propria posizione nei

Dettagli

INFORMATIVA INARCASSA

INFORMATIVA INARCASSA INFORMATIVA INARCASSA Il 19 novembre i Ministeri di controllo hanno approvato la riforma previdenziale di Inarcassa. Questa riforma entrerà in vigore dall 1 gennaio 2013. Le modifiche introdotte con la

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Osservatorio sull ENPAPI

Osservatorio sull ENPAPI Novembre 2011 www.logicaprevidenziale.it Sommario Osservatorio sull ENPAPI Ente di Previdenza per gli Infermieri (E.N.P.A.P.I)... 3 1.1 Quadro Generale... 3 1.2 L Assetto Contabile... 6 1.3 Dal 2000 al

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA

FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA FAQ FONDO PENSIONE AZIMUT PREVIDENZA MI MANCANO POCHI ANNI DI LAVORO AL PENSIONAMENTO. MI CONVIENE ISCRIVERMI AD UNA FORMA PENSIONSITICA COMPLEMENTARE? Non esistono reali controindicazioni all'adesione

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca per la circoscrizione di Torino, Pinerolo e Ivrea D. COS E LA CASSA DI PREVIDENZA? R. La Cassa

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano

Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Guida al Lavoro PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Ccnl Dirigenti aziende industriali: il Fondo Previndai Potito di Nunzio Consulente del lavoro in Milano e Paola Salazar Avvocato in Milano Previndai è il

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND

Nel TUO. scoprilo adesso. c è un DIRITTO in più: contratto di lavoro FOND FOND PERSEO SIRIO Il Fondo pensione complementare dei lavoratori della P.A. e della Sanità Nel TUO contratto di lavoro c è un DIRITTO in più: scoprilo adesso PERSEO SIRIO è il Fondo pensione complementare

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota

Dettagli

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione

La consapevolezza di. 30giorni LA PREVIDENZA. questo difficile momento economico rende auspicabile una programmazione LA PREVIDENZA CAPITALIZZAZIONE DEI MONTANTI CONTRIBUTIVI Con la modulare capitale e rendimento sono garantiti Con la pensione modulare è garantita la restituzione del capitale, maggiorato di rendimento.

Dettagli

Ufficio Relazioni con gli Iscritti

Ufficio Relazioni con gli Iscritti Istruzioni per la compilazione della riferita al reddito professionale prodotto nel 2013 e per il pagamento dei contributi a saldo (ai sensi degli art. 7, 10 e 11 del Regolamento dell ENPAP) Iscritti titolari

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI ISCRIZIONE ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV COMUNICAZIONE DI ISCRIZIONE ALL ENPAV L ORDINE PUO

Dettagli

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali

I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali I PIANI SANITARI UNISALUTE: Le opportunità, i vantaggi e la convenienza Gli aspetti normativi e fiscali UniSalute per l Azienda: un know-how all avanguardia Soluzioni flessibili e innovative in linea con

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

LA PENSIONE DELLE CASALINGHE

LA PENSIONE DELLE CASALINGHE LA PENSIONE DELLE CASALINGHE Dopo sei anni di attesa l Inps detta le regole per garantire un assegno a chi si occupa della vita domestica. La casalinga marcia verso la pensione. E finalmente operativo,

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

Consulenza previdenziale e patronato. Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro

Consulenza previdenziale e patronato. Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro Consulenza previdenziale e patronato Nuovi strumenti operativi per il Consulente del Lavoro Le funzioni del Patronato e il rapporto con l INPS Come sappiamo il patronato agisce come trait d union tra il

Dettagli

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali.

Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Legge 7 febbraio 1979, n. 29 Ricongiunzione dei periodi assicurativi dei lavoratori ai fini previdenziali. Art. 1. 1. Al lavoratore dipendente, pubblico o privato, che sia o sia stato iscritto a forme

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013

A cura di Claudio Testuzza. aggiornato a Dicembre 2013 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato a Dicembre 2013 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI pag. 6 PARTE II ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI pag. 18 PARTE

Dettagli

INFORMATIVA DICEMBRE 2012

INFORMATIVA DICEMBRE 2012 1 DELEGATO INARCASSA PROV. DELL AQUILA ING. RENATO DI LORETO Via A. Tirabassi, 4 67051 Avezzano (AQ) TEL/FAX 0863.455920-393.9687826-348.0720128 e-mail: diloreto.renato@tiscali.it INFORMATIVA DICEMBRE

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

ENPAV: NON SOLO PENSIONI MA ANCHE SERVIZI ENPAV NUOVE SOLUZIONI DI WELFARE PER LE PROFESSIONI SANITARIE VENERDÌ 17 MAGGIO 2013 GNP

ENPAV: NON SOLO PENSIONI MA ANCHE SERVIZI ENPAV NUOVE SOLUZIONI DI WELFARE PER LE PROFESSIONI SANITARIE VENERDÌ 17 MAGGIO 2013 GNP ENPAV: NON SOLO PENSIONI MA ANCHE SERVIZI NUOVE SOLUZIONI DI WELFARE PER LE PROFESSIONI SANITARIE VENERDÌ 17 MAGGIO 2013 GNP ENPAV Indennità di maternità Borse di studio Prestiti agli iscritti Mutui agevolati

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro

Per l'anno 2007 l importo minimo lordo è 4.308,20 lordi, mentre quello massimo è di 21.541,00 euro E.N.P.A.M. Indennita di maternita, adozione, affidamento e aborto per le iscritte agli albi dei medici chirughi e odontoiatri, libere professioniste o convenzionate La base del calcolo per l indennità

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015

Documento sul regime fiscale. Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 Documento sul regime fiscale Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 26 marzo 2015 aggiornato il 24 settembre 2015 Sommario 1 Regime fiscale dei contributi... 3 2 Regime fiscale della

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione complementare a capitalizzazione per gli operai agricoli e florovivaisti a DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Regime fiscale dei contributi (applicabile anche ai soggetti iscritti alla data del

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli