NEREIDE. Dai forza a questo giornale! Dai forza alle donne! Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEREIDE. Dai forza a questo giornale! Dai forza alle donne! Sommario"

Transcript

1

2

3 il Corriere delle Donne PRIMAVERA 2015 n. 90 Edizioni LARaffaella NEREIDE Mauceri di TRIBUNALE DI SIRACUSA - REGISTRAZIONE N. 16 DEL 07/09/92 - P. IVA MARCHIO DEPOSITATO UFFICIO MINISTERIALE BREVETTI E MARCHI N /11/2007 Dai forza a questo giornale! Dai forza alle donne! Sommario Ehi, gente! Siamo qui: 3 Ci chiamavano Nereidi e continuano La fatica di essere donna Egitto: nozze di sangue Nel femminismo il mio essere donna Incontro Rete antiviolenza e Procura Caro Napolitano ti scrivo anzi: ti scrissi Nasce l ufficio legale del CDS Quello che il nazismo fece alle donne Lezione antiracket alla scuola media Paolo Orsi direttora responsabile Raffaella MAUCERI IN QUESTO NUMERO LE FIRME DI: Giada BARUCCO Giorgia FAUSTI Marida LOMBARDO Elena TEBANO REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE Via Acquaviva Platani, Siracusa Tel Fax Cell Sito: REalizzazione e stampa grafica & stampa SR

4 il Corriere delle Donne Edicole Barreca V.le scala Greca c/o Bar Conchiglia Buccheri Via Siracusa, 146 Belvedere Tel Cacciola Piazza Dolomiti Villaggio Miano Tel Calvo V.le S. Panagia, 4 Tel Cannata Largo Aretusa, 8 Tel Cardì Corso Gelone, 73 Tel Calantropio Via S. Sebastiano, 63 Tel Cassarino Via Piave, 100 Tel Cataldo Largo 2 Giugno Tel Cordieri V.le Tunisi, 61 Tel Di Maria Via Monteforte, 96 Tel Di Mauro Via Tisia, 55 Tel Drago Via Avola c/o Hotel S. Greca Tel Giummo Via N. Grotticelle, 56/A Tel Guglielmino Via dell Olimpiade Tel Latina chiosco Piazza Pancali Tel Lopez V.le S. Panagia, 204 Tel Mancarella V.le Tica, 62 Tel Mirabella V.le Teracati, 68 Tel Moncada Via Tucidide, 6 Tel Non solo fumo Via Agatocle, 37 Tel Orecchia V.le Teocrito, 3 Tel Pisano Via Torino, 99 Tel Regina Via A. Specchi, 71 Tel Romano V.le Algeri pres. n. 71 Rubino V.le S. Panagia, 100 Tel Santini V.le dei Comuni, 141 Tel Salerno Largo Servi di Maria, 1 Tel Sava V.le Zecchino,115 Tel Stazione ferroviaria Tel Steven Largo Servi di Maria Tel Edizioni di Raffaella Mauceri a t t u a l i t à s c i e n z e c u l t u r a o p i n i o n i Prenota la tua copia omaggio presso questi punti di diffusione: Librerie Biblios Cafè Via Consiglio Reginale, 2 Tel Diana Corso Gelone, 57 Tel Domus Via Tisia, 116 Tel Mascali Via Maestranza, 20 Tel Servizi Sociali Comunali (C.D.Q.) Ortigia V. Minerva, 5 Tel Fax S. Lucia Via Caltanissetta Tel Neapolis V. Garigliano, 16/A Tel./Fax Epipoli Via M. Lauro, 2 Tel Fax Grottasanta Via Barresi, 2 Tel./Fax Tiche Via Italia, 30 Tel./Fax Via Italia 105 Tel Fax Cassibile Via Nazionale, 85 Tel./Fax Akradina V.le Zecchino, 118 Tel Belvedere V. Papiro, 56 Tel./Fax Tribunale / Carabinieri Questura / Polizia Municipale Farmacie diurne e notturne Angelo Custode via Custode, 6 Priolo Tel Bongiovanni V.le Teracati, 106 Tel Caruso Salvatore via N. Grotticelle, 25/D Tel Cataldi V.le Teocrito, Tel Centrale via Maestranza, 42 - Tel Ciulla via Algeri, 65 - Tel Dei Comuni V.le dei Comuni, 7 - Tel Del Popolo via Archia, 32 - Tel Di Luca via Indipendenza, 22 Belvedere Tel LA NEREIDE Di Vincenzo via Palestro, 182 Priolo Tel Euripide piazza Euripide, 5 - Tel Favara V.le Scala Greca, Tel Fichera corso Gelone, 91 - Tel Fontane Bianche via dei Lidi, 513/C Tel Formica Magro Città Giardino Tel Gibiino via Roma, 81 - Tel Grottasanta via Grottasanta, 69 Tel La Madonnina corso Gelone, 1 Tel Li Destri via Nazionale, 177 Cassibile Tel Lo Bello corso Regina Margherita, 16 Tel Lupo V.le Teocrito, 31 - Tel /67700 Mangiafico c.so Matteotti, 53 - Tel Nigro V.le Scala Greca, Tel Pappalardo Epipoli, 180/B Belvedere Tel Paravizzini via Piave, 57 - Tel Piazza V.le Tica, 56 - Tel Riggio via Cannizzo, 14 - Tel Rizzo V.le S. Panagia, Tel Santa Panagia V.le S. Panagia, 92 Tel Tisia via Tisia, 56 Tel Turco via Monteforte, 11 - Tel Valvo largo XXV luglio, 6 - Tel Vitale via Mostringiano, 11 Priolo Tel Zecchino V.le Zecchino, Tel Ospedali, cliniche, consultori guardie mediche di Lucia Lena il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera

5 editoriale Ehi, gente! Siamo qui: VISITA IL SITO E METTI Ed il Corriere ecco la Redazione: delle Donne nasce da un insolito, fantastico mix di competenze, fantasia, professionalità, poesia, creatività, bellezza, entusiasmo, cultura, sentimento, sorellanza e tutto quello che da sempre le donne riescono magicamente a coniugare, mescolare, frullare insieme! Nato nel 1992 il Corriere delle Donne è l unica testata siciliana edita da una donna e a conduzione interamente ed esclusivamente femminile, che si mette al passo con i tempi dell informazione d oggi: lanciandosi nell infinito spazio! il quotidiano per te che sei donna il quotidiano che ti fa più donna donna che pensa donna che sa donna che vuole donna che pensa e sa quello che vuole La Direttora responsabile Raffaella Mauceri La Caporedattrice Nadia Germano La Redattrice Silvana Baracchi il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera La Collaboratrice Guendalina Giusto

6 il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera

7 cultura Ci chiamavano Nereidi e continuano DI Giada Barucco Era il mese di giugno del lontano 2002, quando nasceva il Centro antiviolenza Le Nereidi fondato da Raffaella Mauceri (*) la quale, ripetutamente eletta con voto plebiscitario, lo presiede da allora ad oggi senza soluzione di continuità. La frenetica attività che ci ha sempre contraddistinte, ha fatto sì che in capo ai primi tre anni eravamo già capillarmente conosciute in tutta la provincia siracusana. Dovunque, infatti, lasciavamo segni tangibili della nostra presenza e del nostro lavoro. Nel 2009 siamo diventate una realtà di 15 presidi nel territorio provinciale e abbiamo cambiato la nostra denominazione nell attuale Rete Centri antiviolenza. Ma con la precedente denominazione Le Nereidi erano stati già distribuiti più di bigliettini in formato card da mettere dentro il portafoglio, erano state attaccate centinaia di locandine, e consegnati attestati di frequenza (dei nostri corsi e seminari) a centinaia di persone (operatrici di centri antiviolenza, operatori della sanità, delle forze dell ordine, del mondo della scuola, della stampa e così via) che li hanno inseriti nei loro curriculum. Fra radio, giornali e tv, almeno 3000 servizi avevano parlato delle Nereidi, soprattutto ne parlava a iosa questo periodico che la nostra presidente edita da vent anni, dove non meno di 10 pagine erano dedicate all ormai popolarissimo Centro antiviolenza Le Nereidi, per un totale di 28 edizioni diffuse in complessive copie! Insomma per Siracusa e non solo, noi eravamo e continuiamo ad essere e sempre saremo le Nereidi perché il nostro nome di battesimo è ormai incancellabile. Lo prova la posta che riceviamo, tutta regolarmente intestata a Le Nereidi. Lo prova internet dove alla voce Nereidi trovate tante delle nostre migliaia di foto. Lo prova chi ci chiama al telefono: Pronto, parlo con le Nereidi?. Lo provano i messaggi che ci arrivano sui cellulari Brave Nereidi! Complimenti Nereidi! Auguri care Nereidi!. Lo prova il nostro bellissimo logo, piccola opera artistica di una nostra socia che raffigura le Nereidi. Ed è appena il caso di aggiungere che le Nereidi restano la nostra figura di riferimento, perché esprimono il valore fondamentale su cui si incardina il nostro impegno di donne per le donne: la solidarietà femminile. Un valore che come dice la nostra Raffaella: è il nostro distintivo, la sorgente della nostra forza e della nostra reciprocità fra donne. Un valore che si rafforza giorno dopo giorno perché la violenza che cerchiamo di prevenire, contrastare, arginare, non riguarda solo le nostre utenti, riguarda tutte noi e tutte le donne del mondo. Perciò ringraziamo le amiche e gli amici che non hanno mai smesso di chiamarci Nereidi. In particolare ringraziamo tutti coloro che con orgoglio tengono in bella mostra i nostri bellissimi attestati incorniciati nei propri uffici e studi professionali rendendoci così un pochino immortali. Proprio come immortali erano le belle ninfe Nereidi, sirene del mare che ammaliavano i naviganti e hanno ammaliato anche noi volontarie della Rete Centri antiviolenza di Siracusa che Nereidi continueremo ad esserlo nel cuore. Per sempre. (*) Il Corriere delle Donne è una produzione delle Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Marchio depositato Ufficio Ministeriale Brevetti e Marchi n Tribunale di Siracusa registrazione n. 16 del il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera

8 attualità Maschi italiani primi in Europa Primi in Europa nel femminicidio. Primi in Europa per la discriminazione sessuale. Primi in Europa per la pubblicità pornografica. Primi in Europa nel turismo sessuale cioè stupratori di bambine all estero. Nei poverissimi paesi asiatici. Sono così piccole da non raggiungere in altezza l anca dei predatori che se le vanno a comprare nei bordelli, e poi le stuprano, e prima trattano il prezzo parlando quasi sempre lingue occidentali, e volte all anno in media la lingua è l italiano. Sono così leggere che a prenderle in braccio pesano poco più di un bebè. Sono così truccate che sembrano bimbe a Carnevale. Le stuprano, tra gli altri, certi italiani che a casa sembrano uomini a posto, uomini che mai e poi mai potreste riconoscerli dal modo di fare né dalla morfologia. Figli, mariti, padri, lavoratori. E poi un aereo. E poi in vacanza al Sud del mondo. E poi diventano il demonio. Italiani, tra quelli che consumano di più a Santo Domingo, in Colombia, in Brasile. Italiani, i primi pedofili del Kenya. Attivissimi, nell olocausto che travolge creature, il 30 per cento di tutte le bambine che vivono tra Malindi, Bombasa, Kalifi e Diani. Piccole schiave del sesso per turisti. In vendita a orario continuato, per mano, talvolta, dai loro genitori. In genere hanno tra i 14 e i 12 anni. Ma possono averne anche 9, anche 7, anche 5. Minuscoli bottini per turisti. Burattini di carne da manipolare a piacimento. Foto e filmati da portare a casa come souvenir. Costa quanto una buona cena o un escursione. Puoi fare anche un pacchetto all inclusive: alloggio, vitto, viaggio, drink, preservativi e ragazzine per un tot. Puoi cercare nei forum in Rete le occasioni, ci sono i siti apposta. Puoi scegliere tra 20 mixt age prostitutes, dalla prima infanzia in su. Puoi avere anche le vergini, mille euro in più. E poi torni da mamma, dai figli, dalla moglie, in ufficio. E poi bentornato, e quello che è successo chi lo sa? (Marida Lombardo Pijola) il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Inverno

9 attualità La fatica di essere donna DI raffaella mauceri Capita a tutte noi che ci lamentiamo di subire ogni sorta di violenza, di sentire uomini adulti che piagnucolano come poppanti: Anche gli uomini subiscono violenza! E dove sono i centri antiviolenza per noi?. Di fatto, una società patriarcale e sessista fa male anche agli uomini, è ovvio, ma la violenza di cui si lamentano la subiscono da altri uomini e non certo dalla donne come vorrebbero farci credere rendendosi anche un po ridicoli. Perché in ogni società, in ogni luogo, in ogni caso, gli uomini restano quelli che rispetto a noi donne hanno più denaro (il 90% di tutto quello che circola nel pianeta), più proprietà, più opportunità e più potere contrattuale. Quindi più seggi in parlamento, più posti nei governi, nelle alte sfere della magistratura e nei consigli d amministrazione, più cariche pubbliche ecc. ecc. Ma soprattutto un governo domestico prettamente maschile nella misura in cui, a dispetto dell attuale diritto di famiglia del lontano 1975, il capo di famiglia resta Lui e sempre Lui. Donne! Ma, dico io, come fate a non accorgervi che perfino i capi di tutte le religioni del mondo sono maschi? che anche dio è un padre, cioè un maschio? come fate a non vedere che a decidere quello che è o non è giustonormale-legittimo-permesso-consentito-accettabile-desiderabile è una enorme, sproporzionata, assoluta maggioranza maschile. Qualsiasi uomo può essere protagonista e testimone ad un tempo, di una serie di vantaggi di cui gode in prima persona o per interposta persona (maschile) rispetto a qualsiasi donna che, al contrario, non sempre si rende conto di come e quanto viene sistematicamente discriminata e offesa. Tant è che, addirittura, ci sono donne che trasformano la mortificazione e la discriminazione in un vanto. Ad esempio quelle che continuano a chiamarsi avvocato, psicologo, sindaco senza rendersi conto che accettano una sottile e perfida violenza che le oscura come donne e le omologa al genere maschile. Per non parlare di certe ragazze che orgogliosamente dicono alle amiche: Il mio fidanzato è geloso pure dell aria che respiro! E se soltanto mi arrischio a guardare un altro uomo, mi prende a schiaffi! E a me che ascolto, invece, mi si torcono le budella. E che dire delle prospettive di lavoro? Se soltanto hanno un po di voglia di studiare, gli uomini possono diventare fisici nucleari, chimici, ricercatori, ingegneri elettronici, sindaci, deputati, ministri, astronauti e presidenti della repubblica. Le ragazze, invece, anche se hanno una laurea nel cassetto (oggi in Italia sono il 60% dei laureati) possono diventare casalinghe a tempo pieno, parrucchiere, manicure, baby sitter, e qualora mai puntassero più in alto, possono diventare veline, letterine, meteorine, miss di questo e di quello, cover girl e pornodive...insomma tutte opportunità lavorative dove la devono dare. Se tu donna ti presenti ad un colloquio di lavoro, è sicuro come la morte che ti chiedono: Matrimonio in vista?, Figli in programma? e se dici di sì, su quel lavoro ci puoi fare una croce. Se invece dici di no e ti assumono, i tuoi colleghi, e non soltanto loro, pensano subito che a qualcuno se non gliel hai ancora data, di sicuro gliel hai promessa. Del resto nessuno ti salverà dalle molestie sessuali e pure lo stupro è una eventualità il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera che dovrai mettere in conto. Se poi diventi madre, le opportunità di lavoro, belle brutte serie ridicole ben pagate sottopagate, semplicemente crollano. D altra parte se rinunci ad avere figli, ti dicono che sei una carrierista senza scrupoli, una donna mascolina, anzi peggio di un maschio. Se invece hai figli e magistralmente riesci pure a lavorare e fare carriera, allora ti dicono che sei una madre di merda perché pur di realizzarti, li trascuri ed è così che diventeranno dei fannulloni delinquenti e tossicomani. E com è che se sbagli (e sbagli praticamente sempre) a prescindere da quello che sbagli, ti dicono puttana? Se parcheggi male che diavolo c entra la tua vita sessuale? E come mai gli stessi insulti volti al maschile diventano complimenti? Non troio né sgualdrino né puttano ma puttaniere, sciupafemmine, dongiovanni, seduttore, tomber de femmes e via lodando. E pensare che non ha nemmeno l obbligo di essere bello né piacente. Deve soltanto essere maschio. Anzi maschione. Cioè macho. Cioè forte. Cioè rude e prepotente. E poi ci chiedono perché gli uomini picchiano le donne. Maledetti ipocriti.

10 La pedofilia è servita attualità Egitto: nozze di sangue DI raffaella mauceri In casa, sottoposte ai pestaggi dei mariti dice Hassiba Hadj Sahraoui, di Amnesty International fuori sottoposte a continue molestie e aggressioni di gruppo, cui si aggiunge la violenza dei poliziotti che invece di proteggerle ne abusano anch essi. Parliamo dell Egitto, un paese ad altissimo tasso di infibulazione, l antica infibulazione faraonica, la più atroce in assoluto e ci asteniamo dal descriverla. Lo stesso paese in cui è stata avanzata una proposta di legge necrofila, detta rapporto d addio che sta per: abuso sessuale sul cadavere ancora caldo della moglie appena morta. E gli orrori egiziani non finiscono qui. Bambine di pochi anni vengono vendute ai magnati arabi del Golfo Persico che le sposano. Matrimonio-farsa che serve soltanto perché questi uomini abominevoli possano legalmente e ripetutamente violentarle, picchiarle e, dopo pochi giorni, ripudiarle. Matrimoni express, insomma: 500 euro e la sposa di sei-sette anni è tua. A maggior ragione il mercato vale per le ragazze che, nella folle speranza di salvarsi dalla miseria, scelgono l unica via di fuga: vendersi come spose. Bastano sterline egiziane, al cambio 580 euro, somma che viene utilizzata per la messinscena della cerimonia nuziale, ragion per cui alle vittime del mercimonio non resta quasi nulla. Nel 99% dei casi, il destino che le attende è catastrofico: uomini violenti, già sposati, che non tardano a ripudiarle. Con grande fatica e sprezzo del pericolo, il regista egiziano Sokar Barra ha realizzato un documentario su questo scempio, e più volte è stato censurato e minacciato: Abbiamo dovuto cancellare la prima edizione del documentario dice perché temevamo che i compratori si rivalessero sulle ragazze che ci avevano raccontato le loro storie, uccidendole. Ma noi speriamo che un giorno venga proiettato perché tutto il mondo sappia. E di fatto, il documentario che svela uno dei tabù più vergognosi della società egiziana è arrivato nelle sale spagnole. Da lì è emerso anche un aspetto politico della violenza. Nel corso degli anni - spiega Amnesty International nell ultimo rapporto - i vari governi egiziani hanno da un lato esaltato i diritti delle donne in quello che è risultato un mero esercizio di pubbliche relazioni, e dall altro hanno usato la violenza contro le donne per guadagnare vantaggi politici contro i loro avversari. Come una palla da ping pong scagliata contro l opposizione per accrescere il consenso e deposta a carica ottenuta: così, in Egitto, la questione di genere continua ad essere strumentalizzata dal potere. L impegno dell attuale presidente, Abdel Fattah al Sisi, che ha annunciato l introduzione di una legge contro le molestie sessuali, non trova alcun riscontro nella realtà. E, nemmeno la legislazione introdotta nel 2014 tutela le vittime, stante che le condanne sono pochissime e in molte attendono ancora che il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera venga fatta giustizia. Per questo motivo, Amnesty ha lanciato un ultimatum al governo egiziano: Le misure recentemente adottate per proteggere le donne sono assolutamente simboliche. Le autorità devono dimostrare che non si tratta di misure di facciata, facendo tutto il necessario per attuare il cambiamento e contrastare le attitudini dominanti nella società egiziana. E gli italiani? Non sono da meno: vai a pag. 6.

11 Riflessioni di una corsista della Rete Centri Antiviolenza di Raffaella Mauceri Nel femminismo il mio essere donna attualità Ho voluto fortemente frequentare questo corso di formazione, scossa dai sempre più frequenti episodi di violenza contro le donne e che spesso sfociano nel femminicidio. Una vera e propria mattanza del genere femminile che colpisce trasversalmente tutte noi, senza alcuna distinzione di estrazione sociale, cultura e religione, posizione economica e geografica. E avendo intrapreso un percorso formativo e professionale che mi spinge ad occuparmi di chi versa in condizione di disagio e ai margini della società, sentivo di non poter restare indifferente a tutto questo. Ed così ho scoperto che dietro questi eventi di cronaca nera c è molto di più, che il femminicidio inteso come omicidio di una donna, è solo l aspetto più cruento e la soluzione più drastica e senza possibilità di ritorno, all interno di un quadro più ampio che vede da secoli scontrarsi il genere maschile e quello femminile, in una guerra che il primo ha dichiarato al secondo e che da sempre viene combattuta ad armi impari. Sono nata alla fine degli anni 70, anni in cui proprio qui in Italia, il femminismo vinceva alcune delle sue più importanti battaglie e raggiungeva traguardi storici. Sono figlia di quegli anni, cresciuta beneficiando delle vittorie di chi si è battuta anche per me, quando ancora dovevo venire al mondo. Il diritto all aborto, la possibilità di divorziare, l assunto che la violenza sessuale fosse reato alla persona e non alla morale pubblica (tanto per citarne alcune), erano realtà culturali e giuridiche ben consolidate e quindi date per scontate. Non mi ero mai chiesta come fossero cose prima, anzi per me, dovevano essere sempre state così. Ho così appreso e soprattutto compreso, che il femminismo non è stato semplicemente un movimento sociale, collocabile in determinati periodi storici, esso è una cultura ed un modo di essere, è la critica mossa dalle donne che in quanto soggetto sociale si oppongono alla cultura patriarcale dominante e di tipo autoritario che antepone il potere e la forza alla vita e all amore, che preferisce distruggere o ridurre l altro a sé piuttosto che costruire e rispettare la diversità, arricchendosi delle reciproche differenze. È l affermazione intellettuale e spirituale, teorico e giuridica di una nuova concezione del mondo che impone di modificare fatti, relazioni ed istituzioni. Il femminismo introduce nuove forme di legami, affetti, linguaggi e norme, si fa portavoce di un etica che si traduce in comportamenti nuovi tanto per le donne quanto per gli uomini. Esso riassume l esperienza storica ed umana di un genere, quello femminile, nel quale le dimensioni corpo-mente, corpo-sentimento, ragione-sentimento non possono essere disgiunte o viaggiare su binari diversi e/o paralleli. Perché noi donne siamo corpo ma soprattutto anima e cuore. Il femminismo è una rivoluzione che si verifica quotidianamente e nel suo divenire trasforma donne e uomini (?), istituzioni, norme e relazioni; esso sfida le fondamenta dei vecchi tabù, dei riti e dei miti e la loro rappresentazione simbolica. E si fa Verbum che nomina, enuncia, svela, analizza, dubita e mette in discussione. Per questo, il femminismo è stato e DEVE continuare ad essere anche movimento politico, una rivoluzione prima di tutto personale e privata che investe ogni singola donna con una restituzione emotiva del suo vissuto che il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera si riversi nelle piazze attraverso l azione sinergica e congiunta di tante rivoluzioni personali. Infatti il femminismo sorge dai modi diversi di essere donna e poiché, come giustamente dice Simone De Beauvoir: Donne non si nasce, si diventa ad ogni singola rivoluzione personale e presa di coscienza dell essere donna e soprattutto di cosa voglia dire essere donna, bisogna dare una voce comune, organizzare un coro o piuttosto trovare una posizione ottimale per dare un eco a questa voce che ci guidi verso gli stessi principi e valori e la condivisione dei medesimi intenti. Perché questo si possa realizzare, oggi come ieri e più di ieri, è necessario risvegliare dentro e attorno a noi tutte, quel sentimento che fa da collante e da motore al movimento stesso: la sorellanza. Un sentimento che ci spinge ad intraprendere un viaggio dentro noi stesse ma che per tutte ha un unica meta, ossia riscoprire quelle radici storiche, culturali ed emotive che gli uomini e la loro cultura patriarcale hanno violentemente estirpato. Dobbiamo, tutte insieme, riappropriarci di esse, piantarle, curarle, proteggerle, custodirle e fare di tutto affinché crescano ancora più forti e radicate che mai, nel terreno dei nostri cuori e delle nostre coscienze. Ritrovare il mio Io ed il senso del mio essere donna attraverso il senso del Noi un imperativo categorico, un dovere morale, lo spirito guida per tutte noi femministe, sì, ma soprattutto donne e sorelle. Dott.ssa Giorgia Fausti (nella foto)

12 attualità Incontro Rete antiviolenza e Procura Martedì 3 febbraio alle 15,30 negli uffici della Procura ha avuto luogo un incontro di lavoro fra una rappresentanza della Rete Centri Antiviolenza di Raffaella Mauceri e un pool di magistrati che, a vario titolo, e da diverse angolature, si occupano di violenza di genere, violenza domestica e violenza sui minori. Si tratta di un iniziativa personale del Procuratore Capo, dott. Francesco Paolo Giordano, che, a seguito del seminario tenuto lo scorso 12 dicembre dalla Rete per gli avvocati del Foro siracusano, ha voluto questo incontro al fine di tradurre nella pratica quotidiana quella sinergia necessaria a rendere alle vittime un intervento più efficiente, più intelligente e soprattutto più tempestivo per prevenire la piaga del femminicidio annunciato e spesso ripetutamente denunciato. A questo scopo, dunque, il Procuratore Giordano ha ritenuto di coniugare le competenze della magistratura, con i suoi compiti istituzionali, e le competenze delle volontarie della Rete con il loro impegno quotidiano che da tanti anni ormai si occupano delle vittime a rischio di letalità e che, ad oggi hanno accolto oltre 1700 donne con i loro figli minori al seguito. Occorre sapere, infatti, che, in rapporto alla popolazione delle altre A sinistra il Procuratore Capo Dott. Francesco Paolo Giordano province siciliane, Siracusa ha il triste primato dei femminicidi (20 contro i 24 di Palermo) e questo dato la dice lunga sulla necessità di attivarsi mettendo in campo tutti i mezzi possibili e soprattutto mettendoli in sinergia fra di loro. Confermo scriveva il Procuratore alla presidente Raffaella Mauceri - il briefing operativo col sottoscritto e con i sostituti procuratori dottori Bonfiglio, Guarnaccia, Nitti, Grillo e Nicastro, per il giorno 3 Febbraio 2015, alle ore 15,30 nel mio ufficio. Saluti e a presto, Francesco Paolo Giordano. La Rete era rappresentata dalla Presidente Raffaella Mauceri e dalle avvocate Loredana Battaglia, Daniela La Runa, Alessia Lo Tauro ed Ester Malvagna che operano dai 10 ai 18 anni nel settore e sono docenti nei corsi di formazione alle nuove leve e nei circa duecento seminari tenuti agli operatori di tutte le categorie istituzionali. La violenza sulle donne è una realtà antichissima ha detto la Presidente Mauceri - che ha attraversato i millenni proprio perché è stata coperta dal silenzio delle vittime, quel silenzio che si nutre di terrore e riesce così Da destra le avvocate Loredana Battaglia, Alessia Lo Tauro ed Ester Malvagna a trasformare le iniquità più vergognose nella più perfetta e assoluta consuetudine. una rubrica televisiva. Negli anni a seguire, Il bubbone della violenza scoppiò negli anni 70, quando le donne (alcune donne) decisero che poi, insieme alle mie volontarie abbiamo alfabetizzato avevano sopportato troppo e che era giunta l ora di voltare pagina. Si chiamava MLD Movimento questo territorio sulla violenza di Liberazione della Donna e nell arco di pochi anni, si sparse per tutto l Occidente. Fu di genere. Molte donne a rischio le abbiamo un autentico terremoto culturale. E poiché la schiavizzazione delle donne aveva attraversato letteralmente salvate dal femminicidio. tutti i tempi della storia conosciuta, fu definita La più grande rivoluzione culturale di Oggi, la nostra Rete opera su 15 presidi tutti i tempi. La risposta maschile-maschiocentrica fu quella di un ulteriore incremento della nella provincia siracusana e il nostro Coordinamento violenza sulle donne. Ed è così che oggi il femminicidio ha assunto le proporzioni della strage. regionale opera con 527 volon- I centri antiviolenza sono una creazione dell MLD. dice ancora la Mauceri - Io milito tarie su 82 presidi in Sicilia. Tutte attive nell MLD sin dagli anni 70, e ho contribuito in prima persona alla creazione dei centri antiviolenza. 24 H ininterrottamente per 365 giorni Come giornalista ho cominciato a parlare di violenza sulle donne nel lontano 1979 con all anno. il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera

13 il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera

14 il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Estate

15 attualità Caro Napolitano ti scrivo anzi: ti scrissi DI raffaella mauceri Martedì 2 aprile 2013 Ill.mo Signor Presidente Giorgio Napolitano Ormai sta per lasciarci e a noi povere donne italiane tocca elaborare il dolore di avere avuto un ennesimo presidente maschilista che ha dato conferma della nostra cultura italiana/talebana. Per sette lunghi anni, infatti, siamo state particolarmente colpite dalla sua serafica indifferenza davanti alla morte atroce di centinaia di donne assassinate proprio perché donne, e per le quali non ha mai sprecato una parola di indignazione e di dolore. Non si pretendevano i funerali di stato, per carità, perché le donne non sono mai eroine da vive figuriamoci da morte, ma uno straccetto di condoglianze anche pro-forma, no? E di tanto in tanto, una visita in chiesa per l ultimo saluto, a questa o quella vittima, no? Nemmeno quello? Ma dopotutto, la presenza femminile nelle istituzioni italiane è sempre stata ridicola e inconsistente. Dunque a che pro questo spreco di attenzioni? Ci avete già tappato la bocca con l incarico alla Boldrini (classica token) e tanto ci basta. Ma, ci scusi la domanda indiscreta: ogni tanto, per caso, lei se lo ricorda che sua madre era una donna? e si è mai chiesto come sarebbe stata la sua vita senza sua madre? Semplicemente non sarebbe neanche nato, guarda un po! In fin dei conti le donne ci siamo proprio per questo: per sfornare figli e fare gli angeli del focolare. E così, chiude ingloriosamente il suo mandato, con la nomina di un pool di dieci saggi, tutti maschi come lei, ché se soltanto fossero stati dodici, quasi quasi avrebbe potuto nominarli apostoli! Mannaggia, a pensarci prima! Ebbene, adesso che sta per tramontare il suo settennato straordinariamente pieno di insuccessi, violenza, degrado e miseria, adesso che non siamo più tenute a fare le pecorelle belanti e deferenti al suo cospetto, glielo possiamo dire? Ecco qui, Signor Presidente: le donne di questo paese ci vergogniamo di lei. E non per la retorica dei suoi discorsi, con la quale ci ha asfissiate per sette lunghi anni, non per la sua incapacità di far un discorso col cuore senza leggere fogli prestampati. Ma perché lei, Signor Presidente, ha dato un perfetto esempio di misoginia a tutti i maschi italiani confermando nella testa dei più che, ufficialmente e formalmente, in Italia non esistono donne sagge. Perché lei, Signor Presidente, ha trasmesso un pericoloso messaggio subliminale: la sua indiretta (ma ideologica e culturale) complicità con i discriminatori di donne, con i denigratori di donne, con gli stupratori di donne, con gli assassini di donne. Ma soprattutto, Signor Presidente, perché ha fatto quanto di più illogico lei potesse fare. E difatti, dobbiamo forse ringraziare la saggezza maschile se l Italia è ridotta in questo stato di povertà economica, morale e istituzionale? Dobbiamo ringraziare la saggezza maschile se in Italia, mentre affoghiamo nella miseria e nel marasma, ci sono maschi che vogliono comprare i cacciabombardieri, maschi che vogliono fare il ponte sullo stretto, maschi che vogliono metterci i Muos, maschi che rubano, maschi che evadono le tasse, maschi che bivaccano in parlamento e pretendono il rimborso dei caffè e, udite udite, anche dei gratta e vinci!, maschi che dovrebbero stare in carcere per sempre e ci fanno soltanto qualche breve puntatina Maschi che tutto ciò malgrado, costituiscono il 96% della popolazione carceraria! il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera Ripeto: il 96%! Ohibò, saranno forse un tantino più delinquenti delle donne? Più delinquenti ma ugualmente più saggi, Signor Presidente, stando alla sua scelta totalitaria: dieci su dieci, il 100%, cioè TUTTI! Eppure è bastata la trovata di una mattacchiona la quale, fingendosi Margherita Hack, ha fatto dire ad uno dei suoi grandi saggi, che erano inutili tutti e 10! Bingo! Una sola donna, un attrice, ha messo sotto scacco i suoi 10 presunti saggi ma di fatto i suoi 10 babbioni! Per tutto quanto sopra, Signor Presidente, ci consenta di dirle che delle sue grottesche e inaccettabili scuse secondo le quali non ci sarebbero, in Italia, donne esperte nei vari settori, non sappiamo che farcene. Anche perché, se ci fa caso, somigliano tanto alle altre scuse, quelle che tempo addietro ci fece Wojtyla, ricorda? Scuse per l errore della Chiesa cattolica che torturò e bruciò vive due milioni di nostre sorelle sui roghi del Sant Uffizio di tutta Europa. Troppo facile, Signor Presidente, troppo comodo. Per essere quelle che vi mettiamo al mondo, quelle che vi crescono, che vi trasmettono il dono della parola e che vi dedicano la vita, avremmo diritto a qualcosina di più, non le pare? Ma finché l Italia sarà governata dai penati, non ci aspettiamo più niente, Signor Presidente, niente di niente. Perché questo povero e dannato paese non vuole conoscere la saggezza, la bravura, le competenze, l amore delle donne. E non le vuole conoscere perché i suoi maschi, più o meno saggi, più o meno tetragoni, misogini e buffoni, ne rimarrebbero umiliati e annichiliti!

16 attualità Nasce l ufficio legale regionale Coordinamento Donne Siciliane In anteprima sull 8 marzo il C.D.S., il Coordinamento Donne Siciliane contro la violenza fondato nel 2008 per iniziativa della Rete antiviolenza di Siracusa e presieduto da Raffaella Mauceri, mette a segno una prestigiosa iniziativa: la costituzione di un organismo unico nel suo genere: l Ufficio Legale Regionale delle 26 associazioni che compongono il Coordinamento. In tale contesto di svolgeranno i lavori di avvio dell Ufficio medesimo, con la messa a punto di un programma di massima delle attività che si prefigge di realizzare. Dopo l ufficializzazione dell incarico di Capogruppo dell Ufficio Legale che la presidente Raffaella Mauceri ha affidato L avvocata Pilar Castiglia all avvocata Pilar Castiglia (responsabile del centro antiviolenza di Biancavilla di Sicilia) le 19 avvocate provenienti da tutte le province hanno discusso, in primissima battuta, sulle azioni da intraprendere per sollecitare l emanazione dei decreti attuativi della legge regionale n. 3/gennaio 2012 Norme per il contrasto e la prevenzione della violenza di genere per una corretta applicazione della legge medesima affinché l ARS proceda ad un controllo a tappeto dei centri operanti in Sicilia nonché alla chiusura dei centri che presentano anomalie di vario tipo. Si ricorderà infatti che la legge fu concepita da Raffaella Mauceri con il contributo tecnico delle avvocate della Rete siracusana, e lanciata al preciso scopo di arginare il proliferare selvaggio di centri antiviolenza privi di titoli, formazione, competenza, credibilità che arrecano ulteriore violenza alle malcapitate vittime gettando discredito su tutti i Centri antiviolenza siciliani. Accade infatti che, in assoluta e totale inosservanza della citata legge, la Sicilia pulluli di Centri che, laddove dovrebbero essere rigorosamente e assolutamente laici, cioè a-partitici e a-confessionali, sono invece note e lapalissiane emanazioni di questo o quel partito o di questa o quella confessione religiosa. La tardiva emanazione dei decreti delegati relativi ad ogni nuova legge, è un male che affligge ogni ambito della realtà italiana, ma poiché nel caso della legge in questione è in ballo l incolumità e la vita stessa di donne e bambini, il C.D.S. non intende adeguarsi a questo malcostume e restare a guardare con le mani in mano. Si farà dunque il possibile perché l 8 marzo un documento unitario arrivi all ARS che prenda atto della serietà del problema e si impegni a risolverlo in tempi brevi. Un gruppo di avvocate il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera

17 il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Inverno

18 il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Inverno

19 Elena Tebano intervista Antonella Petricone sulla prostituzione forzata nei lager nazisti Quello che il nazismo fece alle donne attualità Anche questa era una forma di controllo. C era un sistema di funzionari tra gli internati: venivano usati per sorvegliare gli altri. Oppure c era chi lavorava per l industria tedesca. Erano due delle categorie che potevano guadagnare l accesso al bordello grazie a buoni premio. Era tutto organizzato e pianificato in Quando si parla dei crimini del nazismo, si pensa al genocidio degli ebrei. Voi mettete in evidenza un ulteriore elemento, poco conosciuto: la prostituzione forzata. Cos è? L 11 giugno 1942, Heinrich Himmler, il capo supremo delle SS, autorizzò i comandanti dei lager a fornire femmine nei bordelli ai detenuti più laboriosi. Le donne erano costrette a fornire servizi di sottomissione sessuale per motivare i militari e i prigionieri dei campi. Erano ridotte in schiavitù? Di fatto. L oppressione delle donne, l esistenza di torture legate al genere, è un aspetto poco conosciuto del nazismo e del fascismo. Questa mostra, creata nel 2005 dal gruppo viennese Die Austeller e dall università delle Arti di Berlino, cerca di documentarne una parte. Perché fino a pochi anni fa non se ne sapeva praticamente niente? Le vittime non ne hanno mai parlato per vergogna di essere considerate prostitute. O per paura che le accusassero di collaborazionismo. Nessuna è stata risarcita per lo sfruttamento sessuale nei lager. Anche i nazisti, all epoca, cercarono di nasconderne il più possibile l esistenza. I bordelli erano in tutti campi? Sappiamo che strutture di questo tipo, chiamate edifici speciali, esistevano in almeno 10 campi. Tra cui Mauthausen, Auschwitz, Buchenwald, Dachau e Sachsenhausen. Le prigioniere fatte prostituire venivano soprattutto dal lager di Ravensbrück (a 80 km da Berlino), che era tutto femminile, e da quello di Auschwitz-Birkenau, anch esso femminile. Quante donne sono state coinvolte? Erano ebree? Almeno duecento. Non erano tutte ebree. La maggior parte di loro era di origine tedesca, imprigionate nei campi con l accusa di essere asociali categoria nella quale rientravano sia le persone con problemi mentali, che quelle considerate immorali. C erano anche molte prigioniere politiche: tedesche, polacche, ucraine, russe o dei Paesi Bassi. Ufficialmente, sotto il nazismo la prostituzione era osteggiata. Perché allora aprire bordelli nei campi? Era un divertimento per rinfrancare i militari tedeschi, soprattutto nella Polonia occupata. Inoltre Himmler lo considerava un incentivo per la produttività dei deportati, che dovevano lavorare nei lager a sostegno dell economia tedesca. Era una sorta di premio di produzione per i più instancabili. Quindi era usato per controllare meglio soldati e internati nei lager? Esatto. Doveva anche servire a prevenire pratiche omosessuali, che il regime considerava peggiori della prostituzione. Ma quali prigionieri potevano usufruirne : anche gli ebrei? Assolutamente no. Era un privilegio riservato ai detenuti di origine tedesca, asociali oppure criminali comuni, e a quelli politici o di guerra con la sola eccezione dei sovietici, che erano considerati quasi al pari degli ebrei. Bisogna dire che molti prigionieri politici protestarono come poterono contro i bordelli. C era un diverso trattamento a seconda dei tipi di prigionieri il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Primavera modo razionale per quanto l insieme fosse un meccanismo assurdo, folle. Sì, è una delle caratteristiche del nazismo. Gli edifici speciali erano confortevoli e ben organizzati. In più avevano ferree regole igieniche. Le donne, prima di essere costrette a prostituirsi, erano visitate, nutrite e tenute in quarantena. Erano obbligate a lavarsi dopo ogni rapporto sessuale e sottoposte a controlli medici. Non per il loro benessere, immagino. Per evitare la diffusione di malattie nei campi. Tutto era organizzato come un sistema produttivo. Non c era niente di umano : le stanze dei bordelli erano dotate di spioncini, perché le sorveglianti potessero controllare che i rapporti sessuali avvenissero a dovere. E, soprattutto, per evitare che prigionieri e prostitute forzate parlassero e solidarizzassero. È incredibile. Sì, avevano previsto tutto, e in modo da evitare qualsiasi forma di ribellione o sabotaggio. Un sistema di burocratizzazione dell orrore e dello sterminio. Ogni giorno dovevano concedersi a un infinità di uomini. Uscirono dai lager distrutte, rovinate per sempre, molte sull orlo della morte.

20 il Corriere delle Donne Edizioni La Nereide di Raffaella Mauceri Inverno

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi

ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi ISOKE RACCONTA LA TRATTA NIGERIANA Isoke Aikpitanyi Sono nigeriana, sono stata migrante, clandestina, vittima della tratta e vedo la violenza in modo diverso dalle donne italiane, europee, occidentali.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Questura di Piacenza

Questura di Piacenza Questura di Piacenza Ufficio Relazioni con il Pubblico Atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica o psicologica commessi da un soggetto "forte" (bullo) nei confronti di uno "debole" (vittima)

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine

Assessorato alla Salute ed Equità Sociale. Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine Assessorato alla Salute ed Equità Sociale Grafica di: Francesca Teot - Comune di Udine violenza sulle donne Riconosci e combatti la violenza di genere La violenza domestica, quella che avviene quotidianamente

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese

Lo sapete che... Alcuni dati sul mio paese Brasile Lo sapete che... Povertà e disuguaglianza provocano fame e malnutrizione. Il cibo ed altri beni e servizi essenziali da cui dipendono la sicurezza alimentare, la salute e la nutrizione - acqua

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Precariato in Italia e Olanda

Precariato in Italia e Olanda Precariato in Italia e Olanda Gentile signora, Mi chiamo Tonnie van Bezouw e sono una studentessa olandese. Mi sono laureata in lingua e cultura italiana presso l Università Utrecht e al momento sto scrivendo

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano

Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Violenza sui minori: i professionisti si interrogano Focus territoriale Modalità di intervento a favore di minori vittime di violenza: come gli psicologi del Servizio Psicologico della Azienda Sanitaria

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La Statistica in Classe. Ing. Ivano Coccorullo

La Statistica in Classe. Ing. Ivano Coccorullo La Statistica in Classe Ing. Ivano Coccorullo Presentazioni Mi chiamo Ivano Coccorullo Ho?? anni Insegno Fisica a Vallo della Lucania e Matematica al Liceo De Filippis di Cava Ho insegnato Matematica al

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole

«IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole «IL PIÙ FORTE SONO IO!» Progetto di prevenzione e di contrasto dello spaccio di droga e del bullismo nelle scuole PERCHÉ UN PROGETTO DI PREVENZIONE? Perché da una delle indagini svolte recentemente in

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA EDUCAZIONE ALLA LEGALITA I bambini hanno letto una nuova storia: Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando Giovanni è un bambino nato e cresciuto a Palermo e frequenta la scuola primaria. Per il

Dettagli

Il risultato dell indagine

Il risultato dell indagine DOMENDEYE Spazio comune di incontro/scambio tra i popoli. Azioni positive dirette ad evitare o compensare situazioni di svantaggio connesse alla razza o all origine etnica. Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA

INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA INTERVENTO DEL MINISTRO DELLE PARI OPPORTUNITA Signor Presidente, Signore e Signori, Cari colleghi, ringrazio innanzitutto il Governo del Brasile per l ospitalità che ha voluto riservare alle delegazioni

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica

Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica Avere coraggio! Dieci buoni motivi a favore del matrimonio Spunti di riflessione della Chiesa cattolica 1. Tutti cercano l amore. Tutti anelano ad essere amati e a donare amore. Ognuno è creato per un

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Intervento del Direttore Operativo di Formez PA, Prof. Marco Villani al Seminario Politiche per la famiglia

Intervento del Direttore Operativo di Formez PA, Prof. Marco Villani al Seminario Politiche per la famiglia Intervento del Direttore Operativo di Formez PA, Prof. Marco Villani al Seminario Politiche per la famiglia tra cooperazione e accessibilità ai servizi: i nuovi progetti della Presidenza del Consiglio

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori

Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Cultura digitale e consapevolezza critica. Riflessioni su potenzialità e rischio della rete tra alunni e genitori Marco Grollo Responsabile Nazionale Progetti, Associazione Media Educazione Comunità www.edumediacom.it

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli