Eccomi Ordinati otto Diaconi Permanenti. Il cambiamento Demografico. Il Doposcuola. In questo numero, fra l altro:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Eccomi Ordinati otto Diaconi Permanenti. Il cambiamento Demografico. Il Doposcuola. In questo numero, fra l altro:"

Transcript

1 Foglio Notizie del Diaconato della Diocesi di Roma vicariatusurbis.org/diaconatus dicembre e n.57 In questo numero, fra l altro: Eccomi Ordinati otto Diaconi Permanenti Il cambiamento Demografico Il Doposcuola formazione informazione corresponsabilità

2 editoriale Mons. Nicola Filippi Con il Battesimo il cristiano, reso figlio nel Figlio, diventa anch'egli sacerdote, re e profeta. A maggior ragione il diacono, che riceve un particolare dono di grazia che lo conforma maggiormente a Cristo donandogli di essere come lui "il servo", è chiamato ad esercitare in forma specifica il sacerdozio comune, la regalità e la profezia. Ma chi è il profeta? Papa Benedetto XVI nella prima parte del suo libro su Gesù di Nazaret riferendosi a Gesù, il Profeta, scrive: "il profeta non è la variante ebraica dell'indovino non ha lo scopo di comunicare gli avvenimenti di domani o dopodomani Egli ci mostra il volto di Dio e in questo modo ci indica la via che dobbiamo prendere" (p.24). Dunque, due sono le caratteristiche principali: rivelare e insegnare. Con la sua vita e la sua predicazione il Signore ci ha rivelato il volto di Dio, che è amore (cfr 1Gv 4,8) e allo stesso tempo egli ci ha insegnato che la via per vivere la vita stessa di Dio è quella del dono di se stessi nell'umile servizio da rendere ai fratelli. Il diacono, come ministro della carità, è chiamato, dunque, in modo del tutto speciale ad essere profeta nel nostro tempo. Infatti, la nostra cultura è segnata da un lato dalla domanda che i greci fecero a Filippo "Vogliamo vedere Gesù" (cfr Gv 12,21) e dall'altro da quel desiderio insopprimibile del cuore dell'uomo che il salmista esprime con le parole "Il tuo volto, Signore, io cerco, non nascondermi il tuo volto". La testimonianza della carità che il diacono offre quotidianamente, ma in particolare verso tutte le situazioni di fragilità - si pensi ai malati negli ospedali, ai poveri e agli emarginati - è preziosa per rivelare il volto del Dio amore che con amore di Padre si prende cura delle necessità dei suoi figli, consentendo loro di scoprire l'identità di figli amati. Allo stesso tempo, inserito nella comunità cristiana, il diacono è chiamato ad educare tutti alla carità perché essa diventi il permanente stile di vita di ogni discepolo e non semplicemente un'emozione che solo saltuariamente spinge a venire in aiuto al povero che bussa alla nostra porta. Il diacono vivrà dunque la profezia, o meglio egli sarà autenticamente profeta come Cristo, se sarà contemporaneamente testimone ed educatore di carità. Portando i poveri di Roma davanti all'imperatore il diacono Lorenzo testimoniò il volto di Dio che predilige gli ultimi considerandoli come un tesoro e allo stesso tempo fu educatore per quanti assistevano a quella scena. Possa egli dal cielo intercedere per tutti i diaconi di Roma e le loro famiglie perché vivano la profezia alla quale sono stati chiamati

3 comunità Saluti di S.E. il Card. Vallini al termine della liturgia di Ordinazione (non rivisto dall autore) Al termine di questa singolare e commovente celebrazione abbiamo bisogno tutti di ringraziare il Signore per quanto è avvenuto. Il mistero dell'amore di Dio, che si effonde con la forza dello Spirito Santo e riempie e rende la vita bella felice ancora una volta in questo luogo così significativo: la Cattedrale di Roma, la sede del vescovo di Roma, il Papa, quindi il cuore dell'unità della Chiesa, si è compiuto ancora una volta e noi ne siamo felici e grati al Signore ma permettete che io esprima la gratitudine della chiesa di Roma innanzitutto a voi cari fratelli diaconi novelli e con voi stasera a tutti i diaconi che siete presenti. Voi ci ricordate il servizio. Voi nella vostra, nel vostro entusiasmo, nel vostro donarvi vi siete impegnati e siete stati consacrati per il servizio di carità nella fede. Ce lo ricordate a tutti, a noi sacerdoti, vescovi, a tutti i fratelli. Siate ringraziati e benedetti, il vostro dono particolare che avete ricevuto vi dia la gioia di un coraggio nella fedeltà e nella certezza che il Signore ha avuto per voi, uno sguardo particolare d'amore chiamandovi ad un sacramento che insieme a quello grande del matrimonio, della paternità è un segno davvero che il Signore vi vuole bene. Permette però che io rivolga anche un saluto alle spose di questi otto diaconi. Sono consapevole che il dono del diaconato è un dono grande anche per voi, ma sono anche consapevole che questo inevitabilmente comporta nella pluralità degli impegni dei vostri sposi, anche un supplemento di amore da parte vostra. Siate però certe che il Signore mentre vi chiede amore e generosità allargando la vostra famiglia al campo del loro ministero, non si tira indietro, arricchisce la vostra famiglia di un dono, di una presenza, di una grazia ancora più grande e questo vorrei dirlo anche ai figlioli di questi diaconi, i vostri papà non sono diventati preti, restano vostri papà, sposi delle vostre mamme, appartengono soprattutto a voi, sono il segno della paternità e dell'amore di Dio per la vostra famiglia ma hanno ricevuto un dono in più cioè quello di un cuore che si allarga insieme con voi al bene di tante persone e loro doneranno questo bene innanzitutto a voi. Non dovranno mai sacrificare la vostra famiglia che viene prima di tutto e poi insieme con voi questo amore si allarga alla parrocchia, all'ambiente di lavoro in questa testimonianza semplice umile, ma tanto forte significativa e bella per cui io sono sicuro che voi sentirete una maggiore bontà S.E. Cardinal Agostino Vallini da parte dei vostri papà, una maggiore tenerezza. Saranno il segno della tenerezza della paternità di Dio. Siate anche voi ringraziati e accompagnateli mentre anche essi vi accompagnano in un cammino di santità e di gioia. Grazie ai presbiteri, in particolare ai parroci. Il primo passo del cammino vocazionale è partito da voi. Vi sono dati stasera come collaboratori, voi conoscete benne quello che potete chiedere sosteneteli ma siano essi anche di conforto, di aiuto, un braccio valente nel vostro lavoro pastorale nelle comunità insomma anche la parrocchia si è arricchita di una grazia speciale stasera. E grazie anche voi fratelli e sorelle che avete partecipato a questa liturgia grande. Ma mi dovete consentire ancora che io un grazie davvero sentito lo esprima ai miei collaboratori nella formazione di questi giovani innanzitutto sua ecc. mons. Schiavon, vescovo incaricato per il diaconato e poi a mons. Peracchi, lo storico nostro maestro di formazione che insieme a s.e. Brandolini cominciarono il diaconato a Roma tanti anni fa e anche al nostro caro don Nicola che adesso si occupa più direttamente di questo. Ecco questa sera è tutto un inno di grazie e di benedizione che noi vogliamo esprimere con il canto finale perché la Chiesa di Roma stasera è diventata più ricca di santità. Che attraverso di noi questo amore e questa pace, questa grazia possa penetrare in tutte le vie, le case dove gli uomini e le donne di Roma vivono. Cristo è con noi, guida la nostra Chiesa attraverso il Papa Benedetto e noi lo seguiamo sulle vie della testimonianza e dell'impegno missionario

4 comunità E Cori, affreschi, meraviglia e suggestione. Questo lo scenario della solenne celebrazione liturgica di sabato 19 novembre nella Basilica di San Giovanni in Laterano per l'ordinazione di otto candidati diaconi. Attesa, bisbiglii, occhi incollati ai monitor, occhi lucidi. Parenti, amici, fedeli. Una folla appena contenuta dall'enorme navata centrale sovrastata dal preziosissimo soffitto ligneo. Preceduta dal crocifero, incede composta la processione introitale verso l'altare. Otto vesti bianche, otto paia di mani giunte avanzano, cantando ECCOMI ORDINATI OTTO DIACONI PERMANENTI i versi del canto d'ingresso. Sui loro volti emozione e serenità, fede e consapevolezza. Dietro di loro il libro dei Vangeli, i diaconi, e, a chiudere, i sacerdoti con il Cardinal Vicario. Al suo arrivo, il corteo si scoglie in una precisa geometria di ruoli. Alla destra dell'altare, gli ordinandi. Alle loro spalle, noi familiari partecipi di questa vocazione. Coinvolgimento e pathos. Il segretario del diaconato invita gli aspiranti a presentarsi chiamandoli per nome, uno ad uno. La loro risposta breve, concisa, sicura, non lascia adito ad incertezze: "Eccomi". Ci siamo. Omelie, letture, canti, testimonianze. La liturgia verte tutta sulla figura del diacono, sul suo ruolo nell'ambito della Chiesa, sugli obblighi assunti di fronte a Dio, alla comunità, alla famiglia ed al mondo. Un sospiro gioioso proviene da mia madre al mio fianco, un fruscio dei movimenti nervosi da mio fratello dietro di me. Un groppo alla gola e una lacrima di gioia nel vedere mio padre prostrarsi a terra pronto a servire. I rispettivi parroci si avvicinano, come di rito, per vestire coloro che si sono rialzati, ora finalmente Diaconi. Una pioggia di applausi manifesta l'incontenibile gioia di tutti. Mio padre Diacono. Mi guarda, lo vedo, trovo in lui un nuovo volto. Questa è la storia che il Signore vuole fare con coloro che con coraggio e l'aiuto dello Spirito Santo donano la propria vita. Soffio di Dio in (noi) è l'etimologia della parola entusiasmo, ed è proprio questo il sentimento di tutti alla conclusione della cerimonia, che è allo stesso tempo fine di un percorso ed inizio di un altro. Auguri ai neo-ordinati e a tutti i Diaconi che in questa circostanza, molto probabilmente, hanno rinnovato le promesse fatte con la loro ordinazione. Federica Pennone - 4 -

5 comunità [...] Ma in questa "battaglia", Eminenza, sono stati affiancati e sostenuti dalle loro spose, i cui ornamenti non sono, come dice San Paolo, "complicate pettinature, gioielli d'oro, perle e vestiti lussuosi". Queste spose sono invece "ornate di opere buone, adatte a donne che amano Dio" D ALLA (1Tm 2,9-10). DI P. G Sì, perché sappiamo bene PALMISANI che lo spazio per la formazione, per il servizio e per lo studio, se non venisse supportato dalle spose non potrebbe essere posto in essere. E anche i figli, giovani virgulti in questi bei giardini del Signore, hanno nel tempo dato il loro consenso - pur sempre vigile e critico come si conviene a figli - alla strada intrapresa dai loro padri. Padri che lavorano, Eminenza. Che conoscono le difficoltà e le speranze della vita quotidiana, dei sacrifici che sono necessari per tenere insieme la famiglia e farla crescere. Che conoscono le tensioni che ai nostri giorni animano il mondo del lavoro, dove non sembra più contare l'impegno serio e il merito della persona umana, ma le logiche - sempre più spesso antiumane - del mercato senza regole. Qui sono e saranno chiamati ad annunciare il Vangelo. Hanno colleghi anche non credenti, indifferenti, sofferenti, disperati, in mezzo ai quali saranno "segno sacramentale di Cristo servo". Nel nome di Dio dovranno portare speranza, serenità gioia, animare il rispetto per ogni persona, indirizzare i dubbiosi, confortare chi soffre. Chi guarderà loro potrà sperimentare la maternità della Chiesa, la vicinanza a ogni umanità [...]. "[...] E questa vicinanza a ogni umanità la stanno già esercitando e continueranno a farlo come custodi della comunione ecclesiale nelle comunità parrocchiali di appartenenza, perché come insegna Papa Benedetto "la diaconia della carità, che non deve mai mancare nelle nostre Chiese, deve essere sempre legata all'annuncio della Parola e alla celebrazione dei santi misteri" (DCE, n. 25). Non voglio dilungarmi troppo. A nome però di tutti Parroci e delle comunità di appartenenza mentre ringraziamo il Signore per questo dono del ministero, vorrei ringraziare anche tutti quelli che hanno formato i candidati nei lunghi anni di preparazione, donando tempo, energie e risorse in uno sforzo comune che ha il buon profumo di Cristo (2Cor 2,15). Per tutte queste ragioni che ho brevemente sintetizzato, e per le molte altre che conosce solo la misericordia del Signore, noi Parroci chiediamo che questi nostri otto fratelli, figli della Chiesa di Roma, siano ordinati Diaconi". ALLA TESTIMONIANZA. GIANFRANCOIANFRANCO ALMISANI A NOME DEI PARROCI - 5 -

6 comunità A Sua Eccellenza Mons. Paolino Schiavon Incaricato per il Diaconato Permanente della Diocesi di Roma Piazza San Giovanni in Laterano, 6A Città del Vaticano In occasione della celebrazione del venticinquesimo anniversario di ordinazione di diaconi permanenti della Diocesi di Roma il Sommo Pontefice Benedetto XVI rivolge il suo cordiale e beneaugurante pensiero esprimendo viva gratitudine per il generoso esercizio del ministero diaconale e, mentre invoca una abbondante effusione dei doni del divino spirito per un sempre più fruttuoso servizio al popolo di Dio, in costante comunione con i vescovi e i presbiteri, invoca la celeste protezione della Vergine Maria Salus Populi Romani e imparte di cuore a Vostra Eccellenza, ai festeggiati e a quanti prendono parte alla liturgia l'implorata Benedizione Apostolica propiziatrice di pace e di spirituale fervore, estendendola ai familiari e alle persone care. Dal Vaticano, 23 Novembre 2011 Cardinale Tarcisio Bertone Segretario di Stato di Sua Santità 25 DID ORDINAZIONE DIACONALE A Sua Eccellenza Reverendissima Mons. LUCA BRANDOLINI Vicario Capitolare Capitolo Lateranense Città del Vaticano Roma, 17 novembre 2011 Eccellenza Reverendissima, ho appreso con gioia che mercoledì 23 novembre Ella presiederà una Celebrazione Eucaristica in occasione del 25 anniversario dell'ordinazione di alcuni diaconi permanenti. In questa lieta ricorrenza desidero unirmi al loro rendimento di grazie al Signore per i tanti doni ricevuti in questi anni e per il bene che, sostenuti dalla grazia sacramentale, hanno potuto compiere nelle diverse comunità parrocchiali in cui hanno esercitato il ministero. Confido che ancora per lunghi anni essi possano testimoniare la carità, il grande segno che induce a credere il Vangelo, e così offrire il loro peculiare contributo all'impegno che la nostra Chiesa di Roma profonde in questi anni nell'annunciare nuovamente la Buona Novella agli abitanti della nostra città. Mentre affido i diaconi e le loro famiglie alla materna intercessione della Vergine Maria, Salus populi romani, di cuore invoco la benedizione del Signore su quanti partecipano alla Santa Messa giubilare. Agostino Card. Vallini - 6 -

7 comunità I dieci diaconi ordinati il 23/11/1976 da S.E. cardinal Poletti TI SERVIRÒ CON GIOIA SIGNORE NELLA TUA CASA (Estratto dall'omelia di mons L. Brandolini non rivisto dall'autore) Dobbiamo essere grati al Concilio Vaticano II di aver rimesso come centro gravitazionale di tutto il Magistero Conciliare l'ecclesiologia di comunione. La comunione è prima di tutto un dono e, nell'ottica della comunione, soltanto pienamente nell'ottica della comunione, noi scopriamo e viviamo il mistero della Chiesa.Lo Spirito che deve stupirci come vi stupì 25 anni fa voi diaconi e come dovrebbe stupirci ogni volta che la sua effusione rinnova e rinvigorisce, ringiovanisce e rende feconda la Chiesa nel mistero dell' Eucaristia che stiamo celebrando. Un dono di fronte al quale noi dobbiamo soltanto adorare, piegare le ginocchia. Nessuno può dirsi degno di una partecipazione ai doni dello Spirito come quella che è stata fatta, anche se in modi diversi a ciascuno di noi. A voi fedeli nel battesimo a noi per la partecipazione così singolare alla diaconia di Cristo, al ministero di Cristo. Al dono deve corrispondere l'impegno, alla coinonia risponde la diaconia ed è sulla diaconia, particolarmente quella che, nel terzo grado del sacramento del ministero, è stata partecipata a voi diaconi che voglio attirare l'attenzione perché è per questo singolare dono che noi siamo qui a rendere grazie. La diaconia alla comunione, il servizio alla comunione, questa è la chiave che spiega la partecipazione al ministero diaconale finalizzata ad edificare il Corpo di Cristo finché arriviamo tutti all'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, allo stato di uomo perfetto nella misura che conviene alla piena maturità di Cristo. Ecco il senso della diaconia sacramentale. Mi ha commosso quanto ha detto il Cardiale Vicario quando ha chiesto ai diaconi, lui, il Vescovo, che rende presente in mezzo a noi il Vescovo Benedetto XVI: "ci dovete educare, sensibilizzare voi alla diaconia". Voi siete la bocca del Vescovo, lui non lo ha detto ma, implicitamente, questo era il senso, voi siete l'occhio del Vescovo, voi siete la mano del Vescovo.Noi dobbiamo compiere il ministero per rendere idonei i fratelli, tutti i fratelli, dal vescovo ai presbiteri, ai fedeli laici a diventare servi e servi della comunione. E secondo quello stile che san Paolo ci ha ricordato, in maniera degna della vocazione particolare che avete ricevuto con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza e cercando di conservare l'unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace Voi dovete essere non solo testimoni ma maestri di umiltà perché attraverso la testimonianza che voi date nella Chiesa e per la Chiesa voi possiate fare innamorare del servizio, coinvolgere nel servizio, orientare nel servizio tutta la chiesa che non può non essere serva. Serva di Dio nella dimensione dossologica, nella dimensione della lode, nella dimensione eucaristica e serva degli uomini nell'individuazione concreta dei bisogni delle attese delle aspirazioni degli uomini specialmente dei poveri educando la Chiesa a riconoscere il bisogno e nello stesso tempo a chinarsi sui bisogni per dare risposte evangelicamente ispirate. Nelle prossime settimane di avvento risuonerà continuamente l'invito alla vigilanza. Vegliate! Tenere gli occhi aperti, vegliare perché il nemico, il disgregatore, non si insinui nella casa del Signore, ma soprattutto vegliare per annunciare il Giorno del Signore ormai vicino, la redenzione, la salvezza, l'aurora, il futuro di Dio. Questo atteggiamento è importantissimo per chi nella Chiesa vuole essere servo. E' l'atteggiamento del profeta. Il profeta è l'uomo dello Spirito che dalla contemplazione di Dio Acquista la sapienza che gli consente di guardare in profondità, anche nel buio della notte, i bagliori di luce di un futuro che è il futuro di Dio. Questo dovete essere cari diaconi nella città. Mentre facciamo memoria siamo chiamati a fare un po' di revisione di vita discernere se veramente abbiamo speso la vita nell'ottica di comunione in un servizio vigile. Nello stesso tempo dobbiamo ravvivare gli impegni diaconali perché attingendo alle acque della salvezza che sono la Parola di Dio, l'eucaristia celebrata e vissuta, la preghiera, la forza per continuare con più entusiasmo, con rinnovata convinzione e soprattutto con grande gioia il servizio che abbiamo avuto in dono e del quale dobbiamo solo dire grazie al Signore per la bontà che ha avuto verso di noi. Grazie a Lui con rinnovato impegno di fedeltà perché possiamo ridire con il salmo: "Ti servirò con gioia, Signore, nella tua casa"

8 società Il volume "Il cambiamento demografico. Rapporto-proposta sul futuro dell'italia" (AAVV, Editori Laterza), è un autorevole punto di riferimento redatto a più mani, a cura del Comitato per il progetto culturale della Cei, presieduto dal card. Camillo Ruini. Suddiviso in tre parti, il Rapporto prende il via dalla convinzione che "l'incuria italiana degli ultimi quarant'anni nei confronti del problema demografico" abbia "prodotto gravissimi danni sociali, economici e politici". La prima sezione, corredata da tabelle e grafici redatti con criteri scientifici, ripercorre il cammino demografico nel nostro Paese, dove da molti anni nascono meno di 600 mila bambini l'anno ( nel 2010, secondo l'istat, dato in progressivo calo dagli anni Settanta quando toccava i 900 mila), 150 mila in meno di quanto sarebbe necessario "solo per garantire" nel tempo "l'attuale dimensione demografica", mentre la fecondità "si è S.E. Cardinal Camillo Ruini attestata attorno alla media di 1,4 figli per donna". La seconda parte offre una riflessione sui cambiamenti e i principali nodi critici, tra cui l'allungamento della vita, la convivenza con gli oltre 5 milioni di immigrati, le difficoltà dei giovani adulti a raggiungere l'autonomia e il disagio per dover rimanere ancora in famiglia, le conseguenze della Legge 194 e l'influenza dei media sulla società. L'ultima è dedicata alle proposte e alle azioni e IL CAMBIAMENTO DEMOGRAFICO politiche sociali per governare questi mutamenti. Gli autori della ricerca ritengono che nonostante la diffusa concezione antropologica che privilegia "un'idea individualistica della persona umana" e "relega nell'ambito del privato tutto ciò che appartiene agli affetti, alla sessualità, alla filiazione e alla famiglia", dietro "alle grandi trasformazioni demografiche" ci sia "una vera grande protagonista: la famiglia" nella quale "si concretizza il risultato dei comportamenti riproduttivi della popolazione italiana". Proprio "nelle difficoltà familiari" trova "normalmente ragione il divario" di cui il rapporto dà conto "tra la fecondità voluta - gli oltre due figli che le madri vorrebbero - e quella di fatto realizzata, i circa 1,3-1,4 figli per donna". Quanto al "rallentamento dei processi di formazione di nuove coppie - dagli oltre 400 mila matrimoni degli anni Settanta agli attuali poco più di 200 mila", esso "va di pari passo" con il "diffuso prolungamento della permanenza dei giovani adulti nella casa dei genitori", l'innalzamento "oltre i 30 anni dell'età media al primo matrimonio, sino al rinvio delle scelte procreative sempre più verso la soglia dei 40 anni". Tuttavia, secondo gli studiosi, "il grande fenomeno che fa da sfondo al panorama del cambiamento demografico nell'italia del XXI secolo" resta quello dell'invecchiamento della popolazione: "la transizione dal sorpasso (già realizzato) tra nonni e nipoti a quello (in un futuro non così lontano) tra bisnonni e pronipoti". Un aspetto che "suscita molto allarme" per la tenuta del sistema di welfare, la salvaguardia del sistema produttivo e "la capacità di garantire una segue a pag

9 società pacifica convivenza sociale". Definendo "selettive e frammentate" le misure fino ad oggi adottate in Italia per sostenere la natalità, il Rapporto afferma che "la misura più significativa in tal senso" è "l'equità fiscale", intesa come "modalità strutturale di trattamento equo della famiglia sotto il profilo del reddito effettivamente spendibile dai suoi membri". Di qui la proposta di adottare il quoziente familiare, oppure il "fattore famiglia" con la determinazione di una "no tax area". Si devono inoltre "potenziare i servizi di qualità per la primissima infanzia", in particolare i nidi, e valorizzare il ruolo dei consultori. Ma occorre soprattutto "un piano nazionale per la famiglia" con "carattere sussidiario", oltre ad "una strategia dinamica e di lunga durata che la collochi al centro della società" come "una dimensione di tutte le politiche sociali, economiche, educative". Una sorta di family mainstreaming, per il quale gli autori della ricerca invitano inoltre a conciliare famiglia e lavoro e a elaborare adeguate politiche abitative. AL DI LÀ DELLA SOGLIA C 'è un altro modo di prendersi cura del prossimo, in particolare di chi è in difficoltà, anche senza avere un rapporto diretto con lui: è di fare attenzione a ciò che succede nella società, non solo per comprendere la dinamica degli avvenimenti, ma anche per contribuire, come cittadini, ad una loro più favorevole evoluzione. Senza lasciarsi vincere da un senso di impotenza di fronte a inerzie, sperequazioni, squilibri, discriminazioni e inquinamenti (ambientali e morali) che vediamo intorno a noi e che finiscono per colpire le persone più deboli, ma anzi cercando di reagire in difesa della dignità dell'uomo e del bene comune. Noi abbiamo a nostra disposizione due formidabili strumenti: da un lato l'insegnamento sociale della Chiesa, che è un sapiente patrimonio, assai arricchito negli ultimi anni (e chi altro può vantare punti di riferimento così nitidi e lungimiranti in questi tempi di confusione e insicurezza?); dall'altro l'associazionismo cattolico, che sta riprendendo vigore e vuole incidere su una ampia gamma di aspetti della società: non solo il volontariato, ma anche la famiglia, la vita, il lavoro, la scuola, i media. E poi abbiamo dalla nostra la speranza cristiana, in una situazione di "oscuramento della speranza collettiva", come ebbe a dire il Cardinal Bagnasco nella sua memorabile prolusione al Consiglio permanente della CEI a fine settembre L'invito all'impegno nel sociale, che sempre più frequentemente ascoltiamo, è risuonato con particolare forza nel convegno CEI di pastorale sociale (Rimini, ottobre). È stata presentata una carrellata di iniziative diocesane di animazione e incoraggiamento dei laici, in particolare dei giovani, a essere protagonisti di un cambiamento spirituale e culturale. Pensate che ben 77 Diocesi in Italia hanno promosso una scuola di formazione all'impegno socio - politico e parecchie altre iniziative formative sono sostenute, anche a Roma, dall'associazionismo cattolico. Sembra proprio che stia finalmente entrando nella coscienza comune il pressante invito che anni fa ci veniva rivolto dall'esortazione apostolica Sacramentum caritatis: "Il cristiano laico è chiamato ad assumere direttamente la propria responsabilità politica e sociale È necessario che nelle Diocesi e nelle comunità cristiane venga fatta conoscere e promossa la dottrina sociale della Chiesa nella quale troviamo gli elementi che orientano con profonda sapienza il comportamento dei cristiani di fronte alle questioni sociali scottanti" (n 91). E di questi tempi le questioni scottanti certo non mancano. Diac. Giuseppe Colona - 9 -

10 società Gratta e vinci, slot machine, lotto, scommesse, poker on line: sono alcune delle voci di una massa enorme di denaro mossa dagli italiani. Nel 2004 i consumi di "alea" erano di 27,5 miliardi, nel ,4. Per l'anno in corso la stima è di 80. Il Nel 201 consumo tra il 2004 e il 2010 è aumentato del 220%, mentre l'incremento fiscale solo del 20%. Così si deprimono i consumi necessari, crollano le spese per le cure odontoiatriche al -54% delle prime visite e al -32% per l'insieme delle cure (dal 2009 a oggi). Il consumo dei giochi d'azzardo è un moltiplicatore negativo dell'economia. Un settore che "estrae valore" e non "crea valore" (Luciano Gallino, La civiltà del denaro in crisi, Einaudi, Torino, 2011). Oltre il miraggio della grande vincita, il gioco d'azzardo di massa si basa sulle minivincite, premi irrisori che inducono il giocatore a reimmettere il cosiddetto pay out nel meccanismo, con una continua progressione di spesa. Fino al 2003 nonostante l'ampliamento delle modalità di gioco, il criterio della regolazione statale dei giochi era finalizzato a contenere una condotta pur sempre rappresentata come disvalore. L'obiettivo di incrementare le entrate tributarie era fissato nel prelievo netto dello Stato del 32% VIVERE D AZZARDOZZARDO Nel si stima che il 10% della spesa dei consumi in Italia verrà impegnato in giochi del totale giocato. Dal 2003 la svolta: l'obiettivo divenne non più accrescere le entrate tributarie, ma incrementare l'intera "economia dei giochi". Si riformano i Monopoli (Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato) e il nuovo ente gode di autonomia gestionale e strategica amplissima, sottraendo competenze al Parlamento nel campo dei contenuti e dei valori di una politica pubblica del settore. Si passa dal "valore pubblico" per la fiscalità al "valore aziendale" a vantaggio di tutta le filiera degli "investitori" nel campo. Il prelievo erariale unico raggiunge così un massimo del 15% (dati reali del 2010). L'Italia è diventato così il Paese che assorbe il 18% del totale (stimato in 335 miliardi di euro) dei consumi mondiali dell'azzardo, valore che sale di altri 10 punti contabilizzando la zona grigia (illegale) di slot machine, scommesse e lotterie. Le decisioni del 2003 ormai hanno dato i loro frutti avvelenati. Qualche parola di più su queste fragilità andrebbe detta, mentre in silenzio questa idrovora erode e impoverisce famiglie e persone. Fonte dei dati: Italia Caritas, settembre 2011 a cura della Redazione

11 condivisione IL DOPOSCUOLA Ibambini della periferia di Lima, specialmente i più poveri, incontrano serie difficoltà nell'applicarsi allo studio: a scuola ci vanno, ma fare i compiti è per loro problematico per la precarietà delle baracche in cui vivono o per la mancanza dei libri di testo. Inoltre in casa certo non hanno chi possa aiutarli e la tentazione di ritrovarsi in strada con i loro amici è tropo forte. Ma alla lunga questa disabitudine allo studio finisce per compromettere il loro futuro scolastico e, in prospettiva, anche quello lavorativo. "Ci vorrebbe un doposcuola!" ci siamo detti più volte e ora abbiamo trovato una combinazione che ci dà buone garanzie di continuità ed efficacia. L'Università Sedes Sapientiae (della Diocesi di Carabayllo) mette a disposizione alcuni dei suoi migliori studenti per seguire di pomeriggio i bambini nel fare i compiti, cercando di trasmettere loro metodo di studio e curiosità intellettuale, e noi contribuiamo a pagare per gli studenti la retta universitaria. Insomma gli studenti si mantengono all'università insegnando ai più piccoli a studiare: due cose buone in un colpo solo. E così il 12 settembre la "casita blanca", presso la cappella Virgen de Loreto, ha visto l'inaugurazione del doposcuola, con la benedizione del nostro Vescovo-missionario mons. Enzo Dieci. Le famiglie hanno subito apprezzato questa opportunità data ai loro figli e il numero dei bambini (36 dopo tre settimane) è in graduale crescita. Promettente è anche la sinergia con la catechesi di prima comunione. Il contributo per le borse di studio è di soles al mese, pari a circa 700. Chi S.E. mons. Enzo Dieci all inaugurazione del doposcuola alla casita Blanca. voglia parteciupare potrà dare liberamente la propria offerta (o quella dei propri amici) al nostro segretario e saprà di star facendo qualcosa di utile per un bambino che vive presso la cappella Virgen de Loreto. Diac. Giuseppe Colona

12 Il Credo del popolo di Dio Il testo della Professione di Fede che Paolo VI pronunciò il 30 giugno 1968, al termine dell'anno Anno della fede indetto per il XIX centenario del martirio degli apostoli Pietro e Paolo a Roma Professione di Fede Noi crediamo in un solo Dio, Padre, Figlio e Spirito Santo, creatore delle cose visibili, come questo mondo ove trascorre la nostra vita fuggevole, delle cose invisibili quali sono i puri spiriti, chiamati altresì angeli (1), e Creatore in ciascun uomo dell'anima spirituale e immortale. Noi crediamo che questo unico Dio è assolutamente uno nella sua essenza infinitamente santa come in tutte le sue perfezioni, nella sua onnipotenza, nella sua scienza infinita, nella sua provvidenza, nella sua volontà e nel suo amore. Egli è Colui che è, come Egli stesso lo ha rivelato a Mosè (2); ed Egli è Amore, come ce lo insegna l'apostolo Giovanni (3): cosicché questi due nomi, Essere e Amore, esprimono ineffabilmente la stessa realtà divina di Colui che ha voluto darsi a conoscere a noi, e che "abitando in una luce inaccessibile" (4) è in Se stesso al di sopra di ogni nome, di tutte le cose e di ogni intelligenza creata. Dio solo può darci la conoscenza giusta e piena di Se stesso, rivelandosi come Padre, Figlio e Spirito Santo, alla cui eterna vita noi siamo chiamati per grazia di Lui a partecipare, quaggiù nell'oscurità della fede e, oltre la morte, nella luce perpetua, l'eterna vita. I mutui vincoli, che costituiscono eternamente le tre Persone, le quali sono ciascuna l'unico e identico Essere divino, sono la beata vita intima di Dio tre volte santo, infinitamente al di là di tutto ciò che noi possiamo concepire secondo l'umana misura (5). Intanto rendiamo grazie alla Bontà divina per il fatto che moltissimi credenti possono attestare con noi, davanti agli uomini, l'unità di Dio, pur non conoscendo il mistero della Santissima Trinità.

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti

1. Una comunità con la gioia di crescere e di operare con entusiasmo a vantaggio di tutti Il Vescovo di Crema Alla Comunità Cristiana che è in Casaletto Vaprio, al parroco, don Achille Viviani, ai membri del consiglio pastorale, alle catechiste, ai diversi gruppi impegnati. Sono passate alcune

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

Provincia Italiana dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù. ORDINAZIONE DIACONALE Andrea Ruiu e Matteo Zinna MSC

Provincia Italiana dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù. ORDINAZIONE DIACONALE Andrea Ruiu e Matteo Zinna MSC 1 Provincia Italiana dei Missionari del Sacro Cuore di Gesù ORDINAZIONE DIACONALE Andrea Ruiu e Matteo Zinna MSC ORDINAZIONE PRESBITERALE Roberto Ante MSC per l imposizione delle mani e la preghiera consacratoria

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

camilliani martiri della carità», da celebrarsi ogni anno in

camilliani martiri della carità», da celebrarsi ogni anno in Lettera del Cardinale Angelo Sodano Segretario di Sua Santità al Superiore Generale dei Camilliani in occasione dell istituzione della «Giornata dei Religiosi Camilliani Martiri della Carità» 25 maggio

Dettagli

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE

TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE TERZA CATECHESI: LA VOCAZIONE CONIUGALE Oggi dobbiamo riflettere su una dimensione profonda della vita coniugale. Prima però di cominciare dobbiamo fare un piccolo sforzo di memoria nel ricordare ciò che

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

31 dicembre PREGHIERA NELL ULTIMO GIORNO DELL ANNO CIVILE

31 dicembre PREGHIERA NELL ULTIMO GIORNO DELL ANNO CIVILE 31 dicembre PREGHIERA NELL ULTIMO GIORNO DELL ANNO CIVILE Il Direttorio su Pietà popolare e liturgia Benedici, Signore, il tuo popolo che attende i doni della tua misericordia; porta a compimento i desideri

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989

La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I. Domenica, 17 dicembre 1989 La Santa Sede DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II DURANTE LA VISITA ALLA PARROCCHIA DI SAN LEONE I Domenica, 17 dicembre 1989 Alla popolazione del quartiere Una visita ad un quartiere difficile quella che compie

Dettagli

Carissimi fratelli e sorelle,

Carissimi fratelli e sorelle, Carissimi fratelli e sorelle, Vi saluto cordialmente e Vi scrivo con affetto cercando di condividere e comprendere le Vostre gioie, le Vostre fatiche, i Vostri problemi, i Vostri propositi e impegni. Oggi,

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

MADONNA DELLA SALUTE

MADONNA DELLA SALUTE 1 MADONNA DELLA SALUTE SI FESTEGGIA IL 21 NOVEMBRE 1- Vergine santissima, che sei venerata con il dolce titolo di Madonna della salute, perché in ogni tempo hai lenito le umane infermità: ti prego di ottenere

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Settimana della Comunità Prima assemblea parrocchiale LA COMUNITA. Pagine di vita A C C O G L I E N Z A

Settimana della Comunità Prima assemblea parrocchiale LA COMUNITA. Pagine di vita A C C O G L I E N Z A Settimana della Comunità Prima assemblea parrocchiale LA COMUNITA Pagine di vita A C C O G L I E N Z A Quando l'assemblea si è riunita si apre la catechesi con un intervento che crei, secondo l'opportunità,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

Apertura dell anno pastorale 2015-2016

Apertura dell anno pastorale 2015-2016 Apertura dell anno pastorale 2015-2016 Tempio di S. Nicolò, 18 settembre 2015 Fratelli e sorelle carissimi, vi saluto tutti con affetto e con gioia, lieto di poter ancora una volta vivere con voi, presbiteri,

Dettagli

A G E N D A PASTORALE

A G E N D A PASTORALE AGENDA PASTORALE 2014 SETTEMBRE 2013 Domenica 1 Lunedì 2 Martedì 3 Sabato 7 Sabato 7 Domenica 8 Lunedì 9 Martedì 10 Venerdì 13 Sabato 14 Sabato 14 Domenica 15 Martedì 17 Sabato 21 Domenica 22 Martedì 24

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Il sacramento del Matrimonio

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Il sacramento del Matrimonio ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Il sacramento del Matrimonio 4 IL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO "Vivere il matrimonio come sacramento richiede alcuni impegni che voglio mantenere: la fedeltà,

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

ORDINAZIONE EPISCOPALE DI MONS. CORRADO LOREFICE OMELIA DEL CARD. PAOLO ROMEO. Palermo, 5 dicembre 2015

ORDINAZIONE EPISCOPALE DI MONS. CORRADO LOREFICE OMELIA DEL CARD. PAOLO ROMEO. Palermo, 5 dicembre 2015 ORDINAZIONE EPISCOPALE DI MONS. CORRADO LOREFICE OMELIA DEL CARD. PAOLO ROMEO Palermo, 5 dicembre 2015 Bar 5,1-9; Sal 125; Fil 1,4-6.8-11; Lc 3,1-6 1. L invocazione dello Spirito Santo e la lettura della

Dettagli

CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA

CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA CONVEGNO DELLA DIOCESI DI ROMA CAMILLO CARD. RUINI Famiglia e comunità cristiana: formazione della persona e trasmissione della fede Relazione conclusiva del Cardinale Vicario Basilica di San Giovanni

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

RITUALE DEL MATRIMONIO CATTOLICO CAPITOLO TERZO

RITUALE DEL MATRIMONIO CATTOLICO CAPITOLO TERZO RITUALE DEL MATRIMONIO CATTOLICO CAPITOLO TERZO RITO DEL MATRIMONIO TRA UNA PARTE CATTOLICA E UNA PARTE CATECUMENO O NON CRISTIANO 147. Quando contraggono Matrimonio una parte cattolica con una parte catecumeno

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Convegno Cantare la Fede. Introduzione del Card. Vicario Agostino Vallini Il ruolo del Coro Diocesano e del Coro Parrocchiale

Convegno Cantare la Fede. Introduzione del Card. Vicario Agostino Vallini Il ruolo del Coro Diocesano e del Coro Parrocchiale Cari Amici! Convegno Cantare la Fede Introduzione del Card. Vicario Agostino Vallini Il ruolo del Coro Diocesano e del Coro Parrocchiale Università San Tommaso d Aquino, 26 settembre 2014 1. Sono lieto

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ

IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ IL FUOCO E LE FONDAMENTA, LA VIA PER VEDERE GESÙ Il fuoco che scalda 57. Celebrare insieme l Eucaristia come festa di tutta la comunità e nutrimento per il cammino, imparare a vivere la comunione e la

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento

RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO. 13 dicembre 2015. Terza domenica di Avvento RITO DI APERTURA DEL GIUBILEO 13 dicembre 2015 Terza domenica di Avvento Premesse Di seguito si suggerisce uno schema di celebrazione per l inizio dell anno giubilare. Il presente testo può essere utilizzati

Dettagli

Anno della Misericordia

Anno della Misericordia Parrocchia San Giuseppe Calasanzio Padri Scolopi Via Don Gnocchi 16 - Milano Tel 02-4075933 www.parrocchiacalasanzio.it e-mail: info@parrocchiacalasanzio.it Progetto pastorale 2015-2016 Anno della Misericordia

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Il Rito del Battesimo Il santo Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana, il vestibolo d'ingresso alla vita nello Spirito e la porta che

Dettagli

Settimana della Comunità Seconda assemblea parrocchiale LA COMUNITA. Compaginati dallo Spirito A C C O G L I E N Z A

Settimana della Comunità Seconda assemblea parrocchiale LA COMUNITA. Compaginati dallo Spirito A C C O G L I E N Z A Settimana della Comunità Seconda assemblea parrocchiale LA COMUNITA Compaginati dallo Spirito A C C O G L I E N Z A Quando l'assemblea si è riunita si apre la catechesi con un intervento che crei, secondo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli