Guida al PMD Pro Project Management per i Professionisti dei progetti di cooperazione e sviluppo (development sector)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida al PMD Pro Project Management per i Professionisti dei progetti di cooperazione e sviluppo (development sector)"

Transcript

1 Guida al PMD Pro Project Management per i Professionisti dei progetti di cooperazione e sviluppo (development sector) Guida al PMD Pro i

2 EDITORE Questo documento è pubblicato da PM4NGOs. Copyright 2011 PM4NGOs ISBN: PMD Pro e il simbolo PMD Pro sono marchi registrati di PM4NGOs. Informazioni sulla Versione: Questa è la versione in lingua italiana della Guida al PMD Pro. È basata sulla versione 1.7 (aprile 2013) della Guida in lingua inglese Questa versione è stata tradotta in italiano da un gruppo di lavoro dell associazione Social Innovation Teams (SIT) coordinato da Giacomo Rossi. Il lavoro di traduzione e revisione è stato svolto da Giacomo Rossi e da Ruggero Golini, Paolo Landoni, Giacomo Marini, Dario Mozzi, Elena Perondi, Daniele Salvatore, Davide Villano. Guida al PMD Pro ii

3 RICONOSCIMENTI Questo documento è stato realizzato con il supporto di numerosi esperti, che hanno contribuito alla creazione, revisione e modifica della guida. Tra questi, uno speciale ringraziamento va a Chris Cattaway, Roger Steele, Bernie Leadbeater, John Fisher, John Davidson, Alan Harpham, Liz Berryman, Katalin Hanniker, John Cropper, Anna Kondakchyan, Eric Berg, Richard Kondowe, Godfrey Kalibbala, Juan Manuel Palacios, Dario Mozzi, Adonis Sucalit, Jeroen Bollujit, Tracy Steuve, Bernie Leadbeater, Bob Youker, Felipe Chaparro, Lynne Curran, Gretchen Regehr, Rodolfo Siles, Naomi Jones, Geoff Reiss, Guy Sharrock, Amos Doornbos, Robert Sweatman, Marie-Laure Curie, David Palasits, Simon Early, Vadim Usvitsky, Caren Conner, Marian Abernathy, e Terri Ise. Vorremmo inoltre ringraziare lo staff e i volontari associati alla Project Management Institute Educational Foundation, il cui supporto è stato centrale nella realizzazione del materiale didattico associato alla Guida. Siamo anche in debito con le molte organizzazioni i cui documenti sono stati citati e adattati all interno della Guida al PMD Pro1. Vorremmo in special modo citare il Catholic Relief Services, che ha contribuito con la sua eccezionale serie di ProPack., il World Vision International per il Learning for Evaluation and Planning (LEAP), e la Commissione Europea per le sue Aid Delivery Guidelines, i cui casi studio sono stati ampiamente utilizzati in questa Guida. Ringraziamo inoltre il Project Management Institute, l International Institute for Learning, True Solutions Inc. e la Versatile Company per averci generosamente fornito materiali didattici e supporto. Una lista completa delle fonti utilizzate è riportata alla fine di questo documento. Infine, questo risultato non sarebbe stato possibile senza l ispirazione e il supporto di Richard Pharro e del suo team presso l APM Group. Questo risultato è stato raggiunto solo grazie al loro supporto finanziario, organizzativo e tecnico. Michael Culligan, Stephen Marks, Trevor Nelson, Leah Radstone ed Eric Verzuh Guida al PMD Pro iii

4 NOTE Guida al PMD Pro iv

5 INDICE Editore... ii Riconoscimenti... iii Note... iv Indice... v Introduzione... 1 Sezione 1 : I Progetti Nel Development sector Gestire Progetti è Impegnativo! Non Sei Solo! Terminologia Progetti, Programmi e Portfolio Arte e Scienza del Project Management Modello delle Competenze di Project Management nel PMD Pro : Ciclo di vita di un Development project Project Management Bilanciato durante l intera vita del Progetto Il Modello delle Fasi di Progetto Secondo PMD Pro Fase 1: Identificazione e Design del Progetto Raccolta dei dati Identificazione delle esigenze di progetto Tipi di Dati L analisi dei dati Analisi dello stato attuale Analisi dello stato futuro Identificazione della logica di intervento del progetto Varianti del Logical Framework Interpretazione del Logical Framework Gestione dei Momenti Decisionali di Progetto Fase 2: Set-up del Progetto Obiettivo Stabilire la struttura di governance del progetto Autorizzazione ufficiale all inizio del progetto Comunicare il lancio del progetto Fase 3: Pianificazione del Progetto Guida al PMD Pro v

6 Scope Il Piano di Implementazione è Equilibrato Il Piano di Implementazione è Completo Il Piano di Implementazione è Integrato Il Piano di Implementazione è Partecipativo Il Piano di Implementazione è Iterativo Fase 4: Implementazione del Progetto Gestione dei problemi Gestione delle risorse Gestione dei controlli interni Fase 5: Monitoraggio, Valutazione e Controllo Distinguere Monitoraggio, Valutazione e Controllo Il piano di Monitoraggio e Valutazione del progetto Approcci alla valutazione di progetto Controllo Modifiche al progetto: tolleranze ed escalation delle problematiche Fase 6: Transizione di Fine Progetto Gestire la strategia di fine progetto Verifica dello Scope e accettazione dei risultati Chiusura amministrativa, finanziaria e contrattuale Apprendimento Finale Celebrare i risultati : Le Discipline del Project Management Disciplina 1: Scope Management Definire lo Scope di Prodotto e di Progetto Strumenti per Definire lo Scope di Progetto Disciplina 2: Gestione dei Tempi Definizione della Attività e della loro Sequenza Stima delle Risorse per ogni Attività Stima della Durata delle Attività Sviluppo dello Schedule Gestire lo Schedule del Progetto Disciplina 3: Gestione delle Risorse di Progetto Perchè é importante una efficace gestione delle risorse? Guida al PMD Pro vi

7 Gestire le finanze del progetto Lo sviluppo dei budget Budgeting basato sulle attività Stimare i Costi Monitoraggio delle Performance Finanziarie del Progetto Il Monitoraggio dei costi di progetto attraverso l Earned Value Analysis Gestione della supply chain Gestione dell approvvigionamento Pianificazione dell approvvigionamento Identificazione dei Fornitori Selezione, Negoziazione e Decisione Gestione della Logistica Gesione dell Inventario e Magazzino Trasporto Materiali Gestione degli Asset Gestione delle Risorse Umane Disciplina 4: Gestione del Rischio Identificazione del Rischio Definizione delle categorie di rischio Identificare rischi specifici all interno delle categorie individuate Valutazione del Rischio Risposta al Rischio Monitoraggio e Controllo del Rischio Disciplina 5: Gestione della Motivazione del Progetto Identificazione delle necessità con approcci basati sui problemi o sulle risorse Spostarsi dai problemi alla strategia di intervento Disciplina 6: Gestione degli Stakeholder Identificazione Degli Stakeholder Analisi Degli Stakeholder Coinvolgimento Degli Stakeholder Comunicazioni Tra Gli Stakeholder : Adattare il PMD Pro Principi dell Adattamento Fattori da considerare mentre di adatta il PMD Pro Guida al PMD Pro vii

8 5. : APPENDICI Appendice 1: Glossario Appendice 2: Obiettivi di apprendimento del PMD Pro Appendice 3: Riferimenti Indice delle Figure Guida al PMD Pro viii

9 INTRODUZIONE CAMBIARE IL MONDO ATTRAVERSO I PROGETTI Come sogni di cambiare il mondo? Scaveresti pozzi per fornire acqua potabile a dei villaggi? Fonderesti delle banche di microcredito per risollevare le donne dalla povertà? Proteggeresti un ecosistema in pericolo? Ristruttureresti una scuola? Costruiresti delle cliniche per le comunità povere delle zone rurali? Distribuiresti cibo agli affamati? Poche persone risponderebbero Gestirei dei progetti! Eppure, mentre milioni di development workers cambiano il mondo ogni giorno attraverso attività nel campo dell agricoltura, dell assistenza medica, della microfinanza, della conservazione, dell edilizia sostenibile, dell educazione, delle infrastrutture e dei diritti umani, tutti loro condividono un unica cosa: Cambiano il mondo attraverso progetti! Le development organization gestiscono il loro lavoro attraverso progetti. Nei loro uffici lavorano responsabili di progetto che gestiscono team di progetto, che scrivono proposte di progetto, sviluppano piani di progetto, implementano attività di progetto, monitorano progetti attivi e ne valutano l impatto. Inoltre, ed è la cosa più importante, le comunità che beneficiano degli interventi investono tempo, energie e risorse nei progetti. Si affidano ai progetti per costruire sui loro punti di forza, per rinforzare i loro punti deboli, per affrontare sfide che altrimenti sarebbero fuori dal loro controllo. Nonostante però le condizioni di vita di centinaia di milioni di persone dipendano dall abilità delle development organization di raggiungere efficacemente ed efficientemente i risultati dei loro progetti, il project management raramente viene identificato come una priorità strategica per queste organizzazioni. Generalmente le development organization tendono a focalizzarsi sulle aree tecniche dei loro progetti, e ad assumere specialisti (agronomi, professionisti della sanità pubblica, economisti, ecc.), a cui poi è richiesto di gestire i progetti e guidarne i project team. Questi specialisti tendono ad essere molto capaci nell identificare protocolli per il trattamento delle patologie, nello sviluppare programmi didattici per le scuole, nel progettare avanzati sistemi agricoli, e nell individuare le cause più profonde della povertà. Non è però così comune che abbiano ampia esperienza e abilità nel campo del project management. Le stime sul progetto sono accurate? I rischi insiti nel progetto sono stati anticipati e mantenuti costantemente sotto controllo? Il piano di progetto è comprensibile e dettagliato? Il progetto è monitorato a tutti i livelli? Le criticità del progetto sono state identificate, tracciate e affrontate? E inoltre, i vari aspetti del progetto sono stati gestiti in modo proattivo lungo tutta la vita del progetto? I cambiamenti sociali che il progetto vuole generare sono stati raggiunti? Lo scopo della Guida al PMD Pro è quello di migliorare le abilità di project management dei development professional. La Guida costituisce una risorsa contestualizzata, bilanciata, esaustiva e adattabile che ha l obbiettivo di aiutare ad incrementare l efficienza e l efficacia dei development project. La Guida al PMD Pro fornisce quindi un esplorazione introduttiva e indipendente del Project Management all interno del development sector. È pensata per un pubblico che include: Guida al PMD Pro 1

10 Project Manager e membri del project team che si avvicinano per la prima volta al project management;; Project Manager e membri del project team che si avvicinano per la prima volta al development sector;; Development sector professional che intendono ottenere titoli professionali nel campo del project management;; Consulenti/specialisti a contratto che operano nel development sector. COME È ORGANIZZATO IL PMD PRO La Guida al PMD Pro è organizzata in quattro sezioni: Sezione Uno: I Progetti nel Development Sector I progetti pervadono la cultura delle development organization. Per questo le competenze di project management risultano essere critiche per i development professional. La Sezione Uno presenta una panoramica introduttiva dei progetti del settore, dando risposta a domande come: Perché i progetti sono importanti? Qual è la definizione di progetto e di project management? Come si inseriscono i progetti nel più ampio disegno strategico delle development organization? Quali sono i ruoli/responsabilità del Project Manager e del project team? Quali competenze sono richieste per essere un Project Manager di successo? Sezione Due: Le fasi di vita di un Development Project Nel project management, così come in molti aspetti della vita, il segreto per il successo è l equilibrio. La Sezione Due della Guida esplora l importanza di un project management ben bilanciato, lungo l intera vita del progetto. Dopo una breve introduzione, dove sono presentati i concetti base, viene esplorata ciascuna delle sei fasi della vita del progetto: Identificazione e Design del Progetto Set-up del Progetto Pianificazione del Progetto Implementazione del Progetto Monitoraggio, Valutazione e Controllo del Progetto Transizione di Fine Progetto Sezione Tre: Le Discipline del Project Management Per avere successo, i Project Manager del development sector hanno bisogno di sviluppare un insieme di discipline da applicare lungo l intera vita del progetto. La Sezione Tre esplora le sei aree disciplinari del project management per il development sector: Gestione dello Scope Gestione dei Tempi Gestione delle Risorse del progetto Gestione del Rischio Project Justification Management Guida al PMD Pro 2

11 Gestione degli stakeholder Sezione Quattro: Adattare il PMD Pro La Guida al PMD Pro NON è un template da applicare indiscriminatamente a tutti i progetti e a tutte le organizzazioni. È importante ricordare che ogni development organization è unica. Inoltre, all interno di una singola organizzazione, i progetti variano considerevolmente in termini di valore, complessità e rischio. Anche in situazioni in cui due progetti potrebbero apparire simili, gli ambienti in cui tali progetti vengono implementati risultano imprevedibili e la realtà sul campo può differire significativamente dallo scenario preventivato in sede di pianificazione soltanto pochi mesi prima. Riconoscendo l unicità delle development organization e dei loro progetti, la Sezione Quattro esamina gli approcci che i Project Manager possono impiegare per adattare le tecniche di project management del PMD Pro al contesto in cui i loro progetti vengono realizzati. I CINQUE PRINCIPI DEL PROJECT MANAGEMENT PER IL DEVELOPMENT SECTOR Leggendo la Guida al PMD Pro, i lettori troveranno dei riquadri in cui si fa riferimento ai concetti chiave che il PMD Pro identifica come i Cinque Principi del Project Management per il Development Sector. Ogni riquadro contiene un breve aneddoto, un caso studio o un osservazione che mette in risalto l importanza di includere i Cinque Principi nell definizione, nella pianificazione e nell implementazione dei development project. La Figura 1 presenta un breve riassunto di ciascuno dei Cinque Principi del project management inclusi nel PMD Pro. Figura 1: I Cinque Principi del PMD Pro per il Project Management I Cinque Principi del Project Management per il Development Sector Il Project Management è Bilanciato! I progetti dovrebbero essere gestiti in maniera bilanciata, adottando lo stesso rigore in tutte le fasi della vita del progetto. Il Project Management è Inclusivo! - Le discipline del project management dovrebbero essere applicate per gestire in modo coerente e ponderato tutto il lavoro relativo al progetto, lungo il suo intero ciclo di vita. Il Project Management è Integrato! - Tutti gli aspetti del project management dovrebbero essere allineati e coordinati, in modo da garantire un esecuzione regolare di tutte le attività di definizione, pianificazione, monitoraggio e implementazione del progetto. Il Project Management è Partecipativo! Includere una gran varietà di stakeholder nel processo di identificazione, definizione, pianificazione, implementazione e monitoraggio del progetto aiuta a garantire trasparenza, migliorare la qualità, incrementare le capacità del personale e rafforzare il supporto esterno, ad ogni livello. Il Project Management è Iterativo! È necessario rivedere e ripetere i processi di project management, lungo tutta la vita del progetto, per avere conferma che la definizione del progetto, la sua pianificazione e i risultati attesi siano ancora rilevanti. Questa pratica permette anche di migliorare le stime progettuali fatte e di pianificare le fasi successive del progetto. Guida al PMD Pro 3

12 IL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE PMD PRO Figura 2: il PMD Pro è il Programma di Certificazione di PM4NGOs In un settore che fa affidamento sui progetti per portare a termine il proprio lavoro, una certificazione contribuisce a fare in modo che i Project Manager siano effettivamente preparati a gestire i loro progetti in tutto il mondo. PM4NGOs, l editore della Guida al PMD Pro, offre un programma di certificazione su tre livelli per i professionisti dei progetti che lavorano nel development sector. I tre livelli del Programma di Certificazione di PM4NGOs sono: Il Livello 1 della certificazione richiede che il professionista completi con successo l esame PMD Pro1. L esame si compone di 75 domande a risposta multipla, si svolge online e richiede che i candidati dimostrino di conoscere e comprendere i contenuti della Guida al PMD Pro. Gli obiettivi di apprendimento per l esame PMD Pro1 sono disponibili nell Appendice 2 della Guida al PMD Pro. I candidati per il Livello 2 della certificazione devono sostenere l esame PMD Pro2, che si svolge online e richiede di dimostrare l abilità di applicare e analizzare i contenuti della Guida al PMD Pro. Ogni domanda dell esame PMD Pro2 è basata su development project scenario ed è costruita per valutare l acquisizione degli obiettivi di apprendimento riportati nell Appendice 2 della Guida al PMD Pro Il Livello 3 della Certificazione è in corso di definizione e valuterà come i candidati del PMD Pro3 riescono ad applicare ai loro progetti i contenuti della Guida al PMD Pro. Oltre al completamento della Certificazione al PMD Pro3, i candidati del Livello 3 dovranno proseguire nello sviluppo delle loro professionalità tramite il conseguimento di un titolo avanzato presso un organismo di certificazione indipendente, riconosciuto a livello internazionale. Queste includono, in modo non esclusivo, la certificazione PMP del Project Management Institute, la certificazione IPMA Level C, o la certificazione Prince2 Practitioner and Professional. Guida al PMD Pro 4

13 SEZIONE 1: I PROGETTI NEL DEVELOPMENT SECTOR 1.1 G ESTIRE P ROGETTI È I MPEGNATIVO! Gestire progetti nel development sector è tutto fuorché semplice. Il contesto è complesso. Le sfide sono numerose. Le relazioni sono complicate. E il costo di un fallimento è elevato. In breve, ci sono molte cose che possono andare storte! Questa immagine illustra solo alcune delle molte sfide che potrebbero minare il successo del progetto. Ogni riquadro identifica uno dei possibili scenari che potrebbero presentarsi nel caso in cui la progettazione, la pianificazione o l attuazione del progetto fossero concepite o implementate in modo scorretto. Sfortunatamente, la lista di problematiche presentate in Figura 3 non è esaustiva: ci sono molte altre situazioni che possono andare storte nei development project. Ad esempio: I tassi di cambio resteranno stabili?, Le dinamiche del team sono funzionali?, I sistemi di monitoraggio forniscono informazioni utili, accurate e tempestive?, I fornitori sono affidabili?, C'è instabilità politica?, Ci sono stakeholder che stanno minando il progetto?. Figura 3: Rischi dei Progetti nel Development Sector Per avere successo, il Project Manager deve gestire queste problematiche attivamente e con decisione; troppo spesso i progetti che falliscono sono considerati vittime di circostanze fuori dal nostro controllo. Mentre questa spiegazione risulta essere valida a volte, troppo spesso è usata come scusa per non riconosce che i rischi avrebbero potuto essere meglio anticipati, analizzati e attivamente gestiti. Per mantenere il controllo dei loro progetti e quindi promuoverne il successo i Project Manager hanno bisogno di sviluppare le competenze necessarie per identificare e gestire, in modo proattivo, Guida al PMD Pro 5

14 le problematiche che potrebbero avere un impatto sul progetto. Queste sono proprio le competenze che esploreremo nella Guida al PMD Pro NON SEI SOLO! Anche se le sfide cui ci si trova di fronte nei development project sono ampie e complesse, esse non sono esclusive dei progetti di questo settore. Si considerino, ad esempio, le informazioni presentate in questo grafico e nella relativa tabella (Figura 4). Ogni anno lo Standish Group conduce un indagine intitolata Chaos Report, raccogliendo risposte provenienti da oltre progetti del settore informatico (IT). Il report identifica la percentuale di progetti IT che sono stati valutati come Riusciti, Problematici o Falliti. 1 Anno dopo anno, i risultati del Chaos Report indicano che la maggior parte dei progetti IT inclusi nell analisi dello Standish Group vengono valutati come "Problematici" o "Falliti" e solo una Figura 4: Risultati del Chaos Report percentuale relativamente piccola è considerato "Riuscito. Nel 2008, per esempio, la percentuale di progetti completati con successo era il 32%, i fallimenti (definiti come progetti abbandonati durante la realizzazione) erano il 24%, mentre il restante 44% dei progetti è completato ma ha presentato "Problematiche", come aumento dei costi, ritardi nel calendario, e/o mancata consegna di tutti i prodotti o servizi previsti dal progetto. È importante notare che il Chaos Report non riguarda i development project: il sondaggio è stato progettato e implementato da una società di servizi di project management per studiare i risultati dei progetti IT. Tuttavia, i risultati del report sono utili a sottolineare le sfide insite nella realizzazione di progetti di successo e forniscono dati che ci aiutano a rispondere alla domanda chiave: "Quali sono le principali problematiche, che si traducono poi in difficoltà o nel fallimento del progetto?". Secondo l'analisi del Chaos Report 2009, sono tre le problematiche che più frequentemente disturbano l andamento dei progetti. 2 1 Riusciti Progetti terminati con il risultato atteso, in tempo, rispettando il budget. Problematici Progetti completati ma che non sono riusciti a fornire il risultato atteso, a rispettare i tempi o il budget. Falliti Progetti interrotti prematuramente. 2 Al contrario, il Chaos Report indica come più probabili fattori di successo per i progetti: il coinvolgimento degli utenti, il supporto alla gestione esecutiva e una chiara definizione dei requisiti. Guida al PMD Pro 6

15 1. Specifiche e requisiti di progetto incompleti;; 2. Mancanza di pianificazione per la gestione dei rischi;; e 3. Mancato apprendimento dagli errori commessi. Suona familiare? Ciò che colpisce nell'analisi dei progetti problematici nel settore IT è come le difficoltà siano le stesse anche nel development sector. Alla fine, nonostante le molteplici differenze tra i settori che gestiscono il proprio lavoro principalmente attraverso i progetti (ad esempio edilizia, telecomunicazioni, informatica, sviluppo software e altro), essi condividono anche sfide simili, tra cui: 1. Consegnare i prodotti finali del progetto rispettando vincoli di tempo, budget, qualità, obiettivi, rischi e opportunità;; 2. Sviluppare piani di progetto completi e dettagliati e gestirli attraverso l'intera vita del progetto;; 3. Gestire progetti che spesso vengono implementati tramite appalti, subappalti e fornitori;; 4. Identificare potenziali rischi e stabilire processi per evitare e affrontare questi rischi, assicurando che i risultati del progetto siano raggiunti. Tuttavia, nonostante ci siano somiglianze tra questi settori, ci sono alcune caratteristiche che rendono unica e, a volte, particolarmente impegnativa la gestione dei progetti nel development sector. Alcune di queste caratteristiche uniche sono: I development project producono non solo risultati tangibili, ma anche obiettivi meno tangibili, legati alla promozione del cambiamento sociale e/o dei comportamenti. I development project sono meno focalizzati sulla realizzazione di prodotti concreti come obiettivo finale del progetto;; essi, invece, considerano questi prodotti come un mezzo per apportare un miglioramento alle condizioni di vita delle popolazioni destinatarie del progetto. I development project mirano a risolvere complessi problemi di povertà, disuguaglianza e ingiustizia. I development project tendono a operare in contesti eccezionalmente difficili (risorse limitate, rischi elevati, reti complesse di approvvigionamento, ambienti politico-finanziari instabili, condizioni pericolose). La realizzazione del progetto è spesso gestita attraverso una complessa rete di relazioni tra gli stakeholder (agenzie partner, ministeri, organizzazioni locali, imprenditori, consorzi globali). L'approccio al progetto spesso è importante tanto quanto i risultati stessi (alta priorità ad un approccio basato sulla partecipazione e sui diritti). Il trasferimento di conoscenza e l apprendimento per la popolazione interessata sono una priorità durante ogni fase del progetto. Guida al PMD Pro 7

16 1.2. TERMINOLOGIA Ma stiamo correndo troppo. Prima di qualsiasi ulteriore discussione riguardo alle sfide legate alla gestione dei progetti nel development sector, è importante innanzitutto definire alcuni termini chiave. 3 Un progetto è uno sforzo temporaneo, intrapreso per creare un prodotto, servizio o risultato unico. 4 Basandosi su questa definizione, lo scopo del project management è quello di pianificare, organizzare e gestire le risorse per raggiungere con successo gli specifici obiettivi, risultati (outcome) e output del progetto. Sono indispensabili pratiche di project management complete e di alta qualità, per aiutare le organizzazioni nella gestione di progetti focalizzati, efficaci ed efficienti. Nell'ambito del project management, il Project Manager è responsabile del successo globale del progetto. Tuttavia, mentre il Project Manager è responsabile del successo del progetto, ciò non significa che sia anche personalmente responsabile del completamento del lavoro relativo al progetto. Infatti questo accade raramente nel development sector. Invece la responsabilità del Project Manager è quella di lavorare a stretto contatto con la rete di stakeholder per fare in modo che il lavoro relativo al progetto venga completato. Questi stakeholder che includono i membri del team di progetto, le organizzazioni responsabili dell implementazione, gli appaltatori, i gruppi comunitari e altri devono lavorare assieme per pianificare, implementare e controllare tutti gli aspetti del progetto. Come in molti altri settori, ai Project Manager del development sector spesso viene richiesto di gestire stakeholder con i quali non hanno alcuna relazione gerarchica formale;; non è insolito trovare all'interno di un unico progetto stakeholder di diverse etnie, lingue, culture e persino nazionalità: gestire i gruppi all'interno di questo contesto può risultare una sfida particolarmente difficile. In pratica, la sfida per il Project Manager di consegnare con successo i risultati del proprio progetto avrà sempre luogo nell'ambito dei vincoli di progetto. Storicamente, sono stati identificati tre elementi che vincolano un progetto, noti come Triplo Vincolo (Triple Constraint). Per comprendere il Triplo Vincolo, disegnate un triangolo dove ogni lato è etichettato come segue: Scope/Qualità Quali sono i prodotti/servizi che il progetto dovrà realizzare (scope) e qual è il Figura 5: il Triangolo del Triplo Vincolo 3 Fare riferimento al Glossario per una serie di definizioni più completa dei termini utilizzati nella Guida al PMD Pro. 4 A Guide to the Project Management Body of Knowledge (PMBOK Guide), Terza Edizione, Project Management Institute. Guida al PMD Pro 8

17 lavoro necessario per produrre questi deliverable? Costi/Risorse Quanti soldi, materiali e impegno lavorativo sono disponibili per realizzare il prodotto/servizio e per completare l'intera opera prevista dal progetto? Tempi/Schedule Quanto tempo è richiesto per completare il progetto? Il lavoro del Project Manager è quello di garantire che il triangolo del Triplo Vincolo resti bilanciato;; dato che ogni vincolo è connesso agli atri due ogni volta che uno di questi viene ristretto o rilasciato, anche gli altri vincoli dovranno essere rilasciati/allargati o ristretti/ridotti di conseguenza. Il Project Manager deve comprendere le relazioni e i trade-off che esistono tra i vincoli;; di cui esistono tre possibili classificazioni di base: Inflessibile indica un vincolo critico, che non può essere modificato;; Adattabile indica che il vincolo è negoziabile, ma dovrebbe essere ottimizzato il più possibile;; Modificabile indica un vincolo dove possono essere raggiunti dei compromessi, al fine di gestire i vincoli inflessibili o ottimizzare quelli adattabili. Facendo chiarezza sulla classificazione di ciascuno dei vincoli del progetto, il Project Manager può aprire un confronto con gli stakeholder definendo lo spazio di dialogo e guidando la discussione sulla definizione delle priorità. È importante che le priorità siano definite e accettate da tutte le parti interessate nelle fasi iniziali del progetto: cercare di negoziare su queste tematiche dopo aver lanciato il progetto è difficile o impossibile. Una volta che le persone hanno consolidato il loro punto di vista sulle priorità, pianificando le operazioni e assegnando le risorse, cambiare quanto concordato diventa molto più difficile PROGETTI, PROGRAMMI E PORTFOLIO Nel lessico della cooperazione, i termini progetti, programmi e portfolio vengono utilizzati molto spesso, ma non sempre in modo rigoroso e preciso. A volte vengono addirittura scambiati tra di loro. Senza una definizione precisa e coerente di questi termini, i ruoli e le responsabilità del Project Manager, legati ai diversi livelli di gestione, possono essere poco chiari e soggetti a interpretazioni errate. Il Project management è la disciplina che si occupa della pianificazione, organizzazione e gestione delle risorse necessarie per realizzare gli obiettivi specifici, i risultati e gli output del progetto. La principale sfida del project management è il raggiungimento di tutti gli obiettivi, outcome e output, rispettando i vincoli di progetto previsti, legati agli obiettivi, al budget, alla pianificazione e alla qualità del progetto stesso. Il Program management è il processo di gestione, coordinato, di un gruppo di progetti correlati, in modo da ottenere benefici e un livello di controllo altrimenti impossibile attraverso la gestione separata. I Programmi, a differenza dei progetti, spesso vengono gestiti in maniera centralizzata, con lo scopo di coordinare il gruppo di progetti in modo da raggiungere gli obiettivi strategici e i benefici previsti dal programma nel suo complesso. Il Program management è particolarmente importante all'interno del development sector perché i progetti gestiti tramite un programma coordinato hanno il potenziale per realizzare un cambiamento Guida al PMD Pro 9

18 (o ottenere dei benefici) che sarebbe impossibile raggiungere gestendo i progetti separatamente. Alcune potenziali aree su cui allineare un programma sono: Area Geografica Diversi progetti spesso lavorano fianco a fianco nella stessa regione o nello stesso paese: una delle preoccupazioni principali del program manager sarà valutare come le risorse di più progetti che operano nella stessa area geografica possano essere sfruttate perché ogni progetto abbia un impatto maggiore di quello che avrebbe se fosse gestito in modo isolato. Più frequentemente, i programmi si occupano di un singolo paese, anche se è sempre più comune trovare programmi plurinazionali o addirittura globali. Settore d'intervento Mentre i progetti generalmente tendono a lavorare in un singolo settore entro un breve arco di tempo, spesso i programmi comprendono molteplici settori e lavorano su un arco di tempo più lungo. Obiettivi Coordinando gli obiettivi di più progetti attraverso un programma coordinato, un'organizzazione ha maggiore possibilità di raggiungere i suoi obiettivi strategici. Fonti di finanziamento Spesso una singola organizzazione può gestire più progetti con fondi dallo stesso donatore istituzionale. In questo scenario, esiste la possibilità di coordinare tali progetti nell'ambito di un programma, in modo da ottenere delle economie di scala. Popolazioni beneficiarie Le organizzazioni spesso estendono a più popolazioni beneficiarie progetti in diversi settori (sanità, acqua, istruzione, ecc.). Coordinare tali progetti attraverso un programma permette all'organizzazione di collegarli attraverso indicatori comuni, risorse condivise e processi che aiutano le comunità a valutare costantemente se l organizzazione sta conducendo gli interventi "giusti". Management Mentre il personale dei singoli progetti si concentrerà sull'attuazione delle attività che contribuiscono in maniera diretta agli output e ai risultati del loro obiettivo (scope), a livello di programma i manager si concentreranno sulla sfida di coordinare i progetti, sfruttando al meglio le risorse di più progetti e aumentando l'impatto del programma. Il Portfolio management sovrintende le prestazioni dell'insieme dei progetti e dei programmi dell'organizzazione. I Portfolio sono generalmente gestiti da un senior team al più alto livello di un'organizzazione o da un'unità specifica all interno dell'organizzazione (ufficio regionale o sede centrale). La gestione di un portfolio non si occupa delle attività giornaliere di un progetto, ma si focalizza sulla selezione, avvio e gestione di un insieme di progetti, in modo da aderire agli obiettivi strategici dell organizzazione. 5 Il Portfolio management spesso sceglie quali progetti non iniziare, quali iniziare prima o quali interrompere, al fine di ottimizzare l orizzonte strategico dei progetti intrapresi e realizzare così la missione dell'organizzazione. Molto spesso, il portfolio non è responsabilità del Project Manager. Tuttavia, questo non significa che i team di progetto non debbano preoccuparsi di questioni legate alla gestione del portfolio. Le risorse disponibili per finanziare i progetti sono spesso scarse o limitate, e varie parti dell'organizzazione possono essere in competizione tra di loro per ottenerle. Il processo di gestione del portfolio cerca quindi di assegnare priorità e bilanciare le opportunità e i rischi, rispetto alla domanda e alla disponibilità delle risorse, in modo da garantire il raggiungimento degli obiettivi 5 In un portfolio, inoltre, c è la possibilità di includere dei sub-portfolio di iniziative e attività, raggruppati e gestiti insieme. Questi sub-portfolio possono essere aggregati per area programmatica (salute, istruzione, agricoltura, ecc.) o secondo la zona geografica in cui operano. Guida al PMD Pro 10

19 dell organizzazione. Data la competizione per le risorse limitate disponibili, i Project Manager e i loro team dovrebbero essere in grado di dimostrare come i loro progetti: Supportano la strategia della loro organizzazione;; Generano valore per i programmi e/o il portfolio dell organizzazione. Figura 6: Relazioni tra Progetti, Programmi e Portfolio 1.4. ARTE E SCIENZA DEL PROJECT MANAGEMENT Quanti di noi conoscono un Project Manager non troppo in gamba? Spesso si tratta di un manager con ottime competenze tecniche di project management, ma che è impaurito o incapace di collaborare con il team o con gli stakeholder del progetto;; per esempio, questo Project Manager potrebbe essere un mago con i fogli di calcolo, organizzando abilmente il lavoro e pianificando i futuri scenari, ma essere al contempo scarsamente a proprio agio nel comunicare. Il risultato sarà un team di progetto smarrito e degli stakeholder alla disperata ricerca di leadership e comunicazione. Questo scenario fa sorgere naturalmente la domanda Cos è un forte project management? È un arte o una scienza? Richiede delle abilità artistiche intangibili legate al comportamento umano e alle relazioni, o è una collezione di tecniche scientifiche tangibili sulla gestione tecnica di input e output? Non sorprende come la risposta sia entrambe. Nel project management, così come in molti aspetti della vita, il segreto del successo è l equilibrio. L arte del project management si focalizza sugli elementi di un progetto legati alle persone, richiede abilità che permettano ai Project Manager di guidare, supportare, motivare e comunicare. Il Project Manager artistico è in grado di dirigere il team quando le sfide del lavoro si modificano, riallineare le priorità quando cambia la realtà sul campo, risolvere i conflitti quando si presentano e determinare quali informazioni comunicare, quando comunicarle e a chi. Guida al PMD Pro 11

20 La scienza del project management si concentra sulla pianificazione, stima, misurazione e controllo del lavoro, racchiudendo di fatto le domande chi-fa-cosa-quando? Dove siamo con il progetto? Qual è il costo previsto del progetto? Quali risorse devono essere gestite attivamente? Ci sono rischi che minacciano il progetto? Quando sarà completato il progetto? La chiave per un progetto di successo risiede nell identificare un Project Manager equilibrato, a suo agio sia con l'arte che con la scienza del project management MODELLO DELLE COMPETENZE DI PROJECT MANAGEMENT NEL PMD PRO Nonostante la classificazione delle abilità di project management nelle categorie "arte" e "scienza" sia utile, è solo un primo passo verso l'identificazione delle caratteristiche di un Project Manager di successo. Un modello più completo delle competenze richieste per la gestione dei progetti aiuterà a identificare le abilità del Project Manager e, quindi, servire come strumento per valutare il livello di queste abilità, individuare le aree di miglioramento e mappare le aree su cui sviluppare la propria carriera. per i Esistono diversi modelli di competenza per i Project Manager, il modello del PMD Pro organizza le competenze in quattro aree: Tecniche competenze a cui ci si riferisce come alla scienza del project management. Il Project Manager è in grado di identificare, selezionare e impiegare i giusti strumenti e processi per garantire il successo del progetto? Leadership/Interpersonali spesso identificate come l arte del project management. Per esempio, in che modo il Project Manager comunica, ispira e risolve i conflitti? Personali/Self-Management l abilità del Project Manager di gestire sé stesso. Per esempio, il Project Manager è effettivamente in grado di definire le priorità, gestire i tempi e organizzare il lavoro? Specifiche del Development sector la capacità di applicare le competenze tecniche, di leadership/interpersonali e personali/self-management nell'ambito dei development project. Ad esempio, il Project Manager è in grado di identificare, selezionare e impiegare i giusti strumenti e processi tipici del development sector? Oltre a queste quattro aree di competenza generali, il Project Manager dovrebbe possedere anche la capacità di lavorare efficacemente nell'ambito della cultura della propria organizzazione. Il responsabile del progetto è in grado di muoversi secondo il management framework, la cultura organizzativa, i processi/sistemi di business e le reti di risorse umane specifici dell'organizzazione? La cultura di un organizzazione definisce la sua identità (brand) e la distingue da altre organizzazioni che gestiscono progetti simili. Guida al PMD Pro 12

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali

Supply Intelligence. Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Supply Intelligence Informazioni rapide e approfondite sui fornitori potenziali Ancora in alto mare? Le forniture, specialmente se effettuate a livello globale, possono rivelarsi un vero e proprio viaggio

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

"L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA

L'APPROCCIO PER PROCESSI: UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA Vision 2000 I SUPPORTI DELL'ISO PER L'ATTUAZIONE DELLA NUOVA ISO 9001:2000 "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Nuove frontiere per le attività formative E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Fiera Milano, 26 Ottobre 2012 Obiettivo Il Project Management può rappresentare per gli organismi formativi un ambito di business

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management)

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) adozione nazionale in lingua italiana della norma internazionale ISO 21500 A cura di Relatore: Eugenio Rambaldi Presidente Assirep presidente@assirep.it

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione Questo documento guida vuol aiutare gli utilizzatori delle norme serie ISO 9000:2000 a comprendere i concetti e

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

La Certificazione epmq

La Certificazione epmq La Certificazione epmq Pier Paolo Maggi AICA pierpaolomaggi@aicanet.it Saper gestire progetti articolati, correlati con altre funzioni, saper tenere sotto controllo il loro andamento rispetto a tempi,

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

come posso migliorare le prestazioni degli SLA al cliente riducendo i costi?

come posso migliorare le prestazioni degli SLA al cliente riducendo i costi? SOLUTION BRIEF CA Business Service Insight for Service Level Management come posso migliorare le prestazioni degli SLA al cliente riducendo i costi? agility made possible Automatizzando la gestione dei

Dettagli

Progetto di Information Security

Progetto di Information Security Progetto di Information Security Pianificare e gestire la sicurezza dei sistemi informativi adottando uno schema di riferimento manageriale che consenta di affrontare le problematiche connesse alla sicurezza

Dettagli

Approfondimento sulla ISO 29990

Approfondimento sulla ISO 29990 Approfondimento sulla ISO 29990 Lo standard ISO 29990 nasce da un progetto sul principio dell ISO 9001, volto alla creazione di uno standard dei servizi e dell organizzazione ed alla certificazione degli

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (AGGIORNAMENTO DEL 8.6.01)

GUIDA SULL'APPROCCIO PER PROCESSI DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ (AGGIORNAMENTO DEL 8.6.01) "L'APPROCCIO PER PROCESSI": UNA DELLE PRINCIPALI INNOVAZIONI DELLA NORMA I significati di questa impostazione e un aiuto per la sua attuazione nell'ambito dei SGQ L'importanza che l'impostazione "per processi"

Dettagli

"FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00

FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00 Organizzazione scientifica a cura di AIIC in collaborazione con l'ordine degli ingegneri della provincia di Cagliari "FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore

Dettagli

Project Management & Innovazione

Project Management & Innovazione Project Management & Innovazione Milano, 24 ottobre 2006 Antonio Bassi, PMP antonio.bassi@pmi-nic.org www.pmi-nic.org Agenda Il progetto La ricerca L evoluzione Il libro e poi Ambito e missione del progetto

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ GUIDA ALL'APPROCCIO PER PROCESSI NEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1) Introduzione (traduzione del documento ISO/TC176/SC2/N544R) Questo documento guida vuole aiutare gli utilizzatori delle norme

Dettagli

Corso formazione su Sistema di gestione della qualità. Standard ISO 9001:2000/2008 Vision 2000

Corso formazione su Sistema di gestione della qualità. Standard ISO 9001:2000/2008 Vision 2000 Corso formazione su Sistema di gestione della qualità Standard ISO 9001:2000/2008 Vision 2000 Concetto di qualità La parola Qualità sta a significare l'insieme delle caratteristiche di un prodotto/servizio

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE PROJECT PORTFOLIO MANAGEMENT Strumento indispensabile per l efficienza del business SICUREZZA FORMAZION E AMBIENTE ETICA

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 2012 CRITERIO 3: PERSONALE SOTTOCRITERIO 3.1 Pianificare, gestire e potenziare le risorse umane in modo trasparente in linea con le politiche e le strategie a) analizzare regolarmente

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009

Le principali novità della norma UNI EN ISO 9001:2008 - Milano, 30 gennaio 2009 Incontro di aggiornamento SINCERT - UNI riservato agli Organismi accreditati e agli Ispettori SINCERT LA NUOVA UNI EN ISO 9001:2008. SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA REQUISITI Le principali novità della

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario

Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Code of good practice (People In Aid) per una buona pratica nella gestione e nel supporto al personale umanitario Principio guida...1 Le persone sono fondamentali per il raggiungimento della nostra missione...1

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006

Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso. Carlo Notari, PMP. Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa. Martedì 24 Ottobre 2006 Gestire l impresa per progetti: istruzioni per l uso Carlo Notari, PMP Martedì 24 Ottobre 2006 Assolombarda - Percorso per l innovazione innovativa L innovazione E la trasformazione di una nuova idea e

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Nell ambito del Programma Leonardo da Vinci, i partner, provenienti da sei nazioni europee (Austria, Belgio, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna)

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Il nostro Dialogo con I consumatori. Andreina Guaiana, 27 Marzo 2007

Il nostro Dialogo con I consumatori. Andreina Guaiana, 27 Marzo 2007 Il nostro Dialogo con I consumatori Andreina Guaiana, 27 Marzo 2007 Chi Siamo Il mondo di British American Tobacco Opera in 180 Paesi 97.000 dipendenti nel mondo 81/stabilimenti/19 manifatture per la trasformazione

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli