Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen"

Transcript

1 Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen Gestione dei Progetti Multilaterali nel Programma di Apprendimento Permanente

2 Coordinatori del progetto: die Berater Vienna, Austria CIMO Helsinki, Finlandia Humap Ltd Jyvaskyla, Finlandia University of Hull Hull, Regno Unito Institutul Intercultural Timisoara Timisoara, Romania Survival Kit sito web: Questa pubblicazione è stata sviluppata nel contesto del progetto Survival Kit for Lifelong Learning Projects ( LLP AT-GRUNDTVIG-GAM) Il progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

3 Survival Kit Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen Gestione dei Progetti Multilaterali nel Programma di Apprendimento Permanente

4 Survival Kit. Gestione dei Progetti Multilaterali nel Programma di Apprendimento Permanente Autori: Holger Bienzle, Eerika Hedman, Ray Kirtley, Vesa Purokuro, Calin Rus, Silvia Wiesinger, Eija Wilen Produzione: word up Werbeagentur Editore: die Berater Unternehmensberatungsgesellschaft mbh Wipplingerstraße 32/23 26 A-1010 Wien die Berater Unternehmensberatungsgesellschaft mbh ISBN: Traduzione italiana di: Survival Kit. Managing Multilateral Projects in the Lifelong Learning Programme ISBN: die Berater Unternehmensberatungsgesellschaft mbh

5 Indice Prefazione... 4 Capitolo 1: Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente 1. Cos è un progetto? Caratteristiche dei Progetti Multilaterali Sfide che si presentano nei Progetti Multilaterali Capitolo 2: Coordinamento di progetto: gestione e conduzione 1. Coordinamento di progetto come compito multiplo Princìpi della gestione di progetto Recenti sviluppi nella gestione di progetto Attitudine al comando in un Progetto Multilaterale Competenze degli efficaci coordinatori dei Progetti Multilaterali Capitolo 3: Pianificazione di un Progetto Multilaterale 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione di progetto Analisi delle necessità e definizione del progetto Verifica di fattibilità L impegno dell istituzione d origine e la costruzione di un consorzio La pianificazione dettagliata Strumenti di base per la pianificazione Redigere una proposta di progetto Capitolo 4: Ottenere la partenza del progetto 1. Compiti nella fase di partenza del progetto Revisione del piano di progetto Analisi dell ambiente del progetto Definizione dei ruoli del progetto Organizzazione del lavoro in sottogruppi Impostazione del sistema di gestione e delle procedure Stabilire un sistema di comunicazione Organizzare la riunione del calcio d inizio Capitolo 5: Direzione del progetto 1. Panoramica dei compiti direttivi Gestione dei contratti Documentazione del progetto Gestione finanziaria Monitoraggio e resoconti Capitolo 6: Efficace collaborazione 1. Il cambiamento come caratteristica della cooperazione europea Da un gruppo di diverse persone a un effettivo team di progetto Fattori di costruzione del team Buone riunioni di progetto Sistemare i conflitti Capitolo 7: Elementi interculturali nella gestione di progetti Europei 1. Il retroterra culturale della diversità nel team di progetto Capire le differenze culturali nei team di progetto Sfide e scontri interculturali Verso un efficace comunicazione interculturale nel team di progetto Capitolo 8: TIC strumenti di lavoro per progetti Europei 1. TIC per specifiche attività di progetto TIC per comunicazione e collaborazione Como scegliere gli strumenti per un Progetto Multilaterale TIC per uso interno da parte della squadra Incontri virtuali nei Progetti Multilaterali Tenere il passo con l evoluzione della tecnologia Capitolo 9: Qualità e valutazione 1. Definire il ruolo della valutazione in un Progetto Multilaterale Pianificazione della valutazione un esercizio di apprendimento Metodologie di valutazione Strumenti di valutazione raccogliere le evidenze Utilizzare le evidenze per perfezionare i cambiamenti Incorporare i dati di valutazione nel rapporto di progetto. 116 Capitolo 10: Divulgazione e utilizzo dei risultati 1. Concetti di base e terminologia chiave Sviluppare un piano di divulgazione Domande sulla divulgazione: cosa, a chi, come e quando divulgare Strumenti per pianificare la divulgazione Il ruolo dei protagonisti del programma dell UE nella divulgazione Utilizzo: fare il miglior uso possibile dei risultati del progetto Sentieri di sostenibilità Osservazioni conclusive Glossario dei termini Termini chiave relativi al Programma di apprendimento permanente (PAAP) Termini chiave relativi alle Tecnologie di Informazione e Comunicazione (TIC) Links e riferimenti La gestione di progetto e la leadership nei progetti (generale) Gestione di progetti con finanziamenti U.E Collaborazione efficiente Elementi interculturali nella gestione dei progetti europei. 142 Strumenti TIC per il lavoro dei progetti europei Qualità e valutazione Divulgazione e utilizzo dei risultati Ringraziamenti Autori Indice 3

6 Prefazione Prefazione Questo Survival Kit pubblicato è il secondo del suo genere. Nel 1999/2000 un team di coordinatori di progetto e di manager di programma nelle Agenzie nazionali creò un Kit di Sopravvivenza per la Gestione di Progetti Europei (A Survival Kit for European Project Management) per supportare i coordinatori nell impegnativo compito di dirigere con successo un progetto centralizzato nel programma Socrates. Sebbene il progetto a suo tempo fosse abbastanza limitato in termini di scopi e risorse, il Survival Kit fu accolto molto favorevolmente da diversi protagonisti del progetto e fu ampiamente utilizzato nel corso degli anni. Negli anni dopo la stesura del Survival Kit per Socrates, comunque, il contesto, in cui prese posto la cooperazione transnazionale per l istruzione, è significativamente cambiato a causa de: L aumentata complessità dell ambiente di lavoro L emergere di nuove tecnologie che hanno incentivato il potenziale per la co-operazione al di là delle distanze Il rapido incremento quantitativo delle attività di cooperazione europea per l istruzione La modifica del meccanismo di finanziamento per la nuova generazione di programmi UE, cioè il Programma di apprendimento permanente ( ) questa istituzione che sottoscrive l accordo di sovvenzione col finanziatore, l Agenzia esecutiva per l educazione, gli audiovisivi e la cultura (Agenzia esecutiva). Sebbene il Survival Kit sia fatto su misura per le necessità specifiche e il contesto dei Progetti Multilaterali, gran parte del suo contenuto è pertinente ad altri tipi di progetto nell ambito del Programma di apprendimento permanente, compresi: Reti di diffusione, che hanno lo stesso meccanismo di finanziamento, ma per le quali esistono due pubblicazioni separate: l Arte di Mettere in Rete (The Art of Networking) e il Pacchetto di Risorse per Networkers (Resource Pack for Networkers), scaricabili dal sito Associazioni e Trasferimento di Progetti per l Innovazione, gestiti dalle Agenzie Nazionali nei paesi partecipanti Progetti transnazionali in altri programmi finanziati dall UE per l istruzione, la formazione e campi correlati Il nuovo Survival Kit ha lo scopo di fornire ai professionisti dell istruzione una guida su come pianificare, organizzare, perfezionare, monitorare e valutare, diffondere e sostenere i Progetti Multilaterali in Grundtvig e altre iniziative del Programma di apprendimento permanente. A questo fine, il precedente Survival Kit per Socrates è stato riveduto, corretto e per la maggior parte completamente riscritto. Questi cambiamenti non erano rispecchiati adeguatamente dal vecchio Survival Kit. Pertanto nel 2009 prese il via un altro studio per sviluppare una nuova pubblicazione-guida sulla gestione del progetto per i protagonisti di Progetti Multilaterali all interno del Programma di apprendimento permanente, finanziato dalla Grundtvig Accompanying Measures. I Progetti Multilaterali sono un tipo particolare di progetto co-operativo del Programma di apprendimento permanente, il principale meccanismo finanziato dall UE nel campo dell istruzione e della formazione. Le loro caratteristiche sono descritte in dettaglio nel Capitolo 1. Parecchie istituzioni da altrettanti Paesi lavorano insieme per sviluppare congiuntamente o trasferire, testare e diffondere prodotti innovativi relativi all istruzione, per esempio curricula, corsi e materiali di studio. Questa associazione temporanea viene finanziata sulla base del programma di lavoro, e ha una figura centrale chiara: il coordinatore di progetto, che guida il progetto ed è responsabile del suo successo nell interesse dell istituzione contraente. E La pubblicazione si rivolge, soprattutto, a coordinatori di progetto con poca o nulla esperienza precedente nella cooperazione Europea. Allo stesso tempo, il team degli autori spera anche di offrire alcune nuove idee e strumenti pratici ai manager esperti di progetti europei. Rispetto al precedente Survival Kit per Socrates, la nuova pubblicazione copre parecchi aspetti analoghi della gestione di progetti europei: Pianificazione di un Progetto Multilaterale (Capitolo 3) Direzione del Progetto (Capitolo 5) Efficace Collaborazione (Capitolo 6) Qualità e Valutazione (Capitolo 9) Mentre questi aspetti sono stati sostanzialmente ampliati e aggiornati, altri capitoli sono stati o aggiunti o completamente riorganizzati: Il tema del coordinamento di progetto (Capitolo 2) viene presentato ora da due prospettive: in primo luogo come 4

7 Box 1: Fasi della gestione di un Progetto Multilaterale Pre-progetto Apertura Capitoli 1, 3 Periodo di finanziamento Post-progetto-up Prefazione Analisi Definizione Costruzione del consorzio Pianificazione Capitolo 3 Programma di progetto Scrivere proposte Revisione, correzione e rifinitura del programma di progetto Pianificazione post-progetto Partenza Capitoli 2, 4, 5, 6, 7, 8 Nomina del coordinatore Definizione dei ruoli Stabilire l organizzazione del progetto Impostare il sistema di comunicazione Organizzare il calcio d inizio Perfezionamento Capitoli 2, 6, 7, 8, 10 Gestione del prodotto Gestione della squadra Gestione dei rischi Divulgazione Controllo Capitoli 5, 9 Documentazione Rapporti Monitoraggio Valutazione Riunione finale / avvenimento Rapporto interno Lezioni imparate Chiusura Capitoli 5, 10 Rapporto finale Saldo dei pagamenti Chiusura di contratto Divulgazione continua Utilizzo e restare nella corrente il compito più tecnico della gestione di progetto, tenendo conto dei recenti sviluppi come Agile Gestione del Progetto, e secondariamente come il tema della direzione più orientato alle persone in un Progetto Multilaterale Gli Elementi Interculturali nella Gestione di Progetti Europei (Capitolo 7) erano trattati solo implicitamente nel vecchio Survival Kit, mentre ora sono inclusi completamente in un capitolo a parte Allo stesso modo, gli Strumenti TIC di Lavoro per Progetti Europei (Capitolo 8) vengono discussi molto più in dettaglio, il che è più che giustificato alla luce della rivoluzione tecnologica che ha accompagnato il passato decennio La Divulgazione (Capitolo 10) ha nel nuovo Kit una visibilità molto più elevata, che rispecchia la sua maggiore importanza nel nuovo programma, integrata dal concetto di utilizzo dei risultati che è emerso in seguito al Programma Socrates Questi capitoli affrontano aspetti trasversali della gestione del progetto in un Progetto Multilaterale. Tuttavia, è stato aggiunto un capitolo cronologico. Questo è il Capitolo 4: Ottenere la partenza del Progetto. Gli autori sentivano che i primi mesi di un Progetto Multilaterale meritano particolare attenzione. E la fase in cui i nuovi arrivati nella co-ordinazione di un Progetto Multilaterale all interno del Programma di apprendimento permanente hanno bisogno di comunicare a se stessi una quantità di importanti ruoli di gestione e perciò hanno estrememente bisogno di supporto. Allo stesso tempo le misure gestionali prese in questa fase di inizio determinano in alto grado il successivo corso del progetto. La pubblicazione non è destinata a essere letta dalla prima all ultima pagina. Le diverse parti possono essere consultate in circostanze specifiche. Ci sono alcune sovrapposizioni intenzionali. Alcuni aspetti, per esempio costruire la squadra, sono trattati in più di un capitolo. In Efficace Collaborazione (Capitolo 6) è presentato sistematicamente come un compito chiave di gestione, il Capitolo 7: Elementi Interculturali nella Gestione di Progetti Europei affronta le differenze culturali nei team multinazionali, mentre i suggerimenti del Capitolo 4: Ottenere la Partenza del Progetto sono formulati su come il processo di costruzione del team possa essere cominciato con successo all inizio del progetto. 5

8 Prefazione Il grafico nel Box 1, presentato anche nel Capitolo 4, può aiutare i lettori, insieme all indice dei contenuti, a trovare nel Kit le informazioni necessarie per uno scopo specifico. Il Survival Kit offre diversi tipi di informazione: Input teorici per la gestione del progetto e relative esercitazioni Consigli degli autori sulla base del lavoro di progetto europeo Miglior prassi raccolta in molte conversazioni con altri protagonisti di progetto, manager di programma e valutatori Una serie di modelli pratici, risorse ed esempi Questi ultimi sono inoltre disponibili separatamente e scaricabili dal sito web del Survival Kit che integra la pubblicazione. Da questo sito è possibile inoltre scaricare il Survival Kit in inglese, tedesco, francese, rumeno e italiano. Per evitare un equivoco fin dall inizio: il Survival Kit non va confuso con il Manuale di Progetto: Linee guida per la Gestione Amministrativa e Finanziaria e per i Rapporti. Mentre quest ultimo è un documento ufficiale emanato dal finanziatore, l Agenzia esecutiva per l educazione, gli audiovisivi e la cultura, il Survival Kit è una pubblicazione da-pari-a-pari prodotta da partner di progetto. Sebbene i funzionari dell agenzia abbiano approvato il suo orientamento generale, le raccomandazioni formulate nelle pagine seguenti non hanno in alcun modo carattere autoritario. 6

9 Capitolo 1: Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Questo capitolo introduce il contesto della pubblicazione. Il termine chiave progetto viene definito brevemente in termini generali e, più in particolare, in termini di struttura di co-operazione transnazionale conosciuta come Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente dell Unione Europea. Dopo aver delineato lo scenario, vengono messi in risalto i tipici cambiamenti che derivano dal compito e dalla struttura di un Progetto Multilaterale. 1. Cos è un progetto? I progetti sono vecchi quanto l umanità. Daniel Defoe cita il primo progetto in assoluto: La costruzione dell Arca da parte di Noè, per quanto si possa concederlo al lavoro umano, è stato il primo progetto di cui ho letto, e non sembra esserci discussione su questo, e se non fosse stato fatto mettere al lavoro da una direttiva Celeste molto particolare, il Buon Vecchio ne avrebbe sicuramente riso, come del più ridicolo progetto senza senso. Defoe, Daniel (1697), An Essay upon Projects Più recentemente, la Guida PMBOK, ampiamente riconosciuta come testo standard di riferimento sulla gestione di progetto, definisce un progetto come segue: Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per creare un unico prodotto, servizio o risultato. (PMBOK Guide (2008), p.5) L edizione del 1996 dello stesso testo aggiunge: E effettuato da persone, vincolato da risorse limitate, pianificato, eseguito e controllato. Temporaneo: Al contrario delle attività di routine, la durata di un progetto è definita. Ha una chiara data d inizio e una fine stabilita. Unico risultato: Un progetto è orientato al prodotto, avviato per la realizzazione di un risultato inedito che non sia esistito prima. Effettuato da persone: Un progetto è portato a termine da un team di progetto, che è stato costituito per questo specifico scopo e che normalmente si scioglie al termine del progetto. Vincolato: Ci sono molti fattori stabiliti che prevengono l espansione senza limiti di un progetto. Risorse Limitate: Tempo, denaro, come le risorse umane e le attrezzature tecniche, disponibili per un progetto sono limitati. Pianificato: Un progetto è un impresa molto organizzata, una serie di attività accuratamente strutturate prima della partenza e costantemente perfezionate. Eseguito: Deve accadere qualcosa in un progetto, è un esercizio orientato all effetto. Controllato: Sono necessari meccanismi di monitoraggio e valutazione per assicurare la realizzazione del risultato previsto. Un progetto può definire imprese molto diverse, per esempio organizzare una festa di compleanno, costruire una piramide, spedire il primo uomo sulla luna o, nel nostro caso, sviluppare concetti e materiali didattici innovativi. 2. Caratteristiche dei Progetti Multilaterali Questa pubblicazione punta l attenzione su uno specifico tipo di progetto: i Progetti Multilaterali (MP) nel principale meccanismo di finanziamento dell Unione Europea in materia di istruzione, il Programma di apprendimento permanente (Lifelong Learning Programme, ). Il Programma di apprendimento permanente (LLP) è lo strumento principale di finanziamento dell Unione Europea nel campo dell istruzione e della formazione. Il LLP ha quattro sotto-programmi settoriali e quattro programmi cosiddetti trasversali. In più, il programma Jean Monnet fa parte del LLP. Stimola l insegnamento, la riflessione e il dibattito sul processo di integrazione europea nelle istituzioni di istruzione superiore. L obiettivo generale del Programma di apprendimento permanente è contribuire attraverso l apprendimento permanente alla crescita della Comunità come società evoluta basata sulla conoscenza, con sviluppo economico sostenibile, maggiore e Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 7

10 Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 migliore occupazione e più grande coesione sociale, garantendo contemporaneamente una valida protezione dell ambiente per le future generazioni. In particolare, mira a promuovere all interno della Comunità gli interscambi, la co-operazione e la mobilità tra i sistemi di istruzione e formazione in modo che diventino un riferimento mondiale di qualità. Il programma ha questi precisi obiettivi: (a) Contribuire allo sviluppo di un apprendimento permanente di qualità,di prestazioni elevate, di innovazione e di una dimensione europea nei sistemi e nelle pratiche del settore. (b) Supportare la realizzazione di un area europea per l apprendimento permanente. (c) Contribuire a incrementare la qualità, l attrattiva e l accessibilità alle opportunità per l apprendimento permanente disponibili fra Stati Membri. (d) Rafforzare il contributo dell apprendimento permanente alla coesione sociale, alla cittadinanza attiva, al dialogo interculturale, alla parità di sesso e alla realizzazione personale. (e) Contribuire a promuovere la creatività, la competitività, l occupazione e lo sviluppo di uno spirito imprenditoriale. (f) Contribuire a una maggiore partecipazione all apprendimento permanente da parte di persone di tutte le età, incluse quelle con particolari esigenze e le categorie Box 1: Categorie d attività nel Programma di apprendimento permanente (LLP) Progetto Unilterale Progetto Nazionale Rete Web Multilaterale Attestato Indagine Ricerca Comparativa Progetto Multilaterale svantaggiate, indipendentemente dal loro retroterra socioeconomico. (g) Promuovere l apprendimento delle lingue e la diversità linguistica. (h) Sostenere lo sviluppo di contenuti innovativi basati sulle TIC,di servizi, pedagogie e pratiche per l apprendimento permanente. (i) Rinforzare il ruolo dell apprendimento permanente creando una sensazione di cittadinanza europea fondata sulla comprensione e sul rispetto dei diritti umani e della democrazia, e incoraggiando il rispetto per altri popoli e culture. (j) Promuovere la cooperazione in materia di garanzia di qualità in tutti i settori dell istruzione e formazione in Europa. (k) Incoraggiare il miglior utilizzo di risultati, prodotti e processi innovativi e scambiare le buone pratiche nei settori coperti dal Programma di apprendimento permanente, al fine di migliorare la qualità dell istruzione e della formazione. (Delibera No 1720/2006/EC del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 Novembre 2006 che stabilisce un Programma di apprendimento permanente). Al fine di promuovere gli interscambi, la cooperazione e la mobilità fra sistemi di istruzione e formazione, sono finanziati da questo programma una serie di tipi diversi di cooperazione e attività di mobilità per le istituzioni didattiche, il loro personale e gli studenti, come mostrato nel Box 1. Mobilità Costituzione Misure di Accom pagnamento Associazione Bilaterale o Multilaterale Sovvenzione di Esercizio 8

11 I Progetti Multilaterali sono una forma particolare di cooperazione transnazionale fra istituzioni che devono essere differenziati da altri tipi di progetti, soprattutto da Associazioni e Reti: Le Reti sono destinate principalmente a mettere insieme competenze e a riunire i protagonisti chiave di un area tematica specifica con lo scopo di mettere in rete, riflettere sulle necessità e pratiche correnti ed emergenti, divulgare la pratica migliore e dare come risultato raccomandazioni strategiche ai responsabili delle decisioni. Le Associazioni, d altra parte, sono un attività in scala ridotta di cooperazione europea tra istituzioni operanti in un settore educativo (istruzione scolastica, istruzione e formazione professionale, apprendimento da parte degli adulti). Nelle Associazioni ci si concentra sulla condivisione di esperienze e sull imparare gli uni dagli altri per il bene delle istituzioni, del personale e degli studenti. A differenza di Reti e Associazioni i Progetti Multilaterali hanno un compito ben distinto: Si definisce un Progetto Multilaterale come un attività di cooperazione Europea con un risultato definito e utilizzabile sviluppato congiuntamente da un gruppo formale o informale di organizzazioni o istituzioni (Lifelong Learning Programme (LLP) Guide Part I: General provisions, p. 8: eu/education/llp/doc848_en.htm) I Progetti Multilaterali si possono trovare in quasi tutti i filoni del Programma di apprendimento permanente (cfr. Box 2). La loro focalizzazione varia a seconda dei sotto-programmi coinvolti: I Progetti Multilaterali di Comenius sono destinati a migliorare la formazione, iniziale o durante l incarico, di insegnanti e altre categorie di personale impiegato nel settore educativo scolastico con lo scopo finale di perfezionare la qualità dell insegnamento e dell apprendimento nella classe. I Progetti Multilaterali di Grundtvig sviluppano risultati/prodotti concreti e innovativi, con lo scopo ultimo di perfezionare: Il contenuto e la distribuzione dell istruzione per adulti L struzione per adulti a un livello di sistema o politica La possibilità per adulti di accedere a opportunità di apprendimento La gestione dell istruzione per adulti Le Attività Chiave per le Lingue favoriscono l apprendimento delle lingue e l accesso alle risorse di apprendimento linguistico o migliorano e divulgano materiali di apprendimento linguistico, inclusi corsi online e strumenti per la verifica delle competenze linguistiche. Supportano e incoraggiano l apprendimento delle lingue ufficiali europee come lingue straniere e come pre-requisito per lavorare o studiare in un altro stato Membro. Viene prestata particolare attenzione alle lingue meno diffuse e insegnate (LWULT). I Progetti Multilaterali in Attività Chiave per le TIC potenziano contenuti innovativi, servizi, soluzioni pedagogiche e pratiche per l apprendimento permanente incentrati sulle TIC. Completano progetti di apprendimento intensivo delle TIC nei programmi di settore indirizzando le necessità di insegnamento e apprendimento attraverso due o più settori dell istruzione. Box 2: Sotto-programmi del Programma di apprendimento permanente (LLP) che possono dare origine a Progetti Multilaterali Comenius Istruzione scolastica Programmi di settore Erasmus Istruzione superiore Leonardo da Vinci Istruzione e Formazione Professionale Programmi trasversali Grundtvig Istruzione per adulti Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 In Erasmus i Progetti di Ampliamento del Curriculum favoriscono il processo di innovazione e aggiornamento in ogni disciplina accademica di istruzione superiore. Attività chiave 1: Cooperazione e innovazione del metodo Attività Chiave 2: Tecnologie di Informazione e Comunicazione I Progetti Multilaterali di Leonardo da Vinci sono detti Progetti di Sviluppo dell Innovazione. Hanno lo scopo di aumentare la qualità dei sistemi per l Istruzione e Formazione Professionale (Vocational Education and Training, VET) attraverso lo sviluppo di contenuti, metodi e procedure innovativi. Attività Chiave 3: Lingue Attività Chiave 4: Divulgazione e utilizzo dei risultati 9

12 In Attività Chiave per la Divulgazione e l Utilizzo dei Risultati i Progetti Multilaterali creano un quadro per lo sfruttamento efficace dei risultati del Programma di apprendimento permanente e dei precedenti programmi correlati, a livello settoriale, regionale, nazionale ed Europeo. Nel 2010 i Progetti Multilaterali sono stati aperti alle istituzioni dei paesi terzi, a patto che la loro partecipazione creasse un netto valore aggiunto e che potessero dimostrare di avere importanti competenze da condividere con le loro controparti Europee. Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 (Descrizioni basate su: (Lifelong Learning Programme (LLP) Guide Part IIb: Explanations by action: eu/education/llp/doc1943_en.htm). Malgrado gli scopi specifici definiti nei diversi sotto-programmi, tutti hanno in comune alcune caratteristiche fondamentali di struttura e funzione: I Progetti Multilaterali sono progetti pilota orientati al prodotto. Come caratteristica, sviluppano o trasmettono concetti innovativi o prodotti didattici, li testano e diffondono nella relativa comunità educativa e garantiscono che siano utilizzati dai gruppi previsti come obiettivo Questi progetti sono portati avanti da associazioni temporanee di istituzioni che offrono l istruzione o contribuiscono all istruzione in altri modi Un associazione per un Progetto Multilaterale è composta da enti partner di differenti paesi partecipanti al Programma di apprendimento permanente (LLP). Il numero di partner e paesi richiesto varia a seconda delle differenti azioni Un solo partner, il beneficiario o contraente, ha il ruolo principale in questo concetto di progetto centralizzato. Questo ente agisce per conto dell intera associazione e stipula l Accordo di Sovvenzione (spesso denominato il contratto) con l Agenzia Esecutiva. Il contraente è responsabile del raggiungimento dei risultati previsti dal progetto e della garanzia che il bilancio preventivo venga speso secondo le norme del finanziamento Il co-ordinatore di progetto, che normalmente, ma non necessariamente, è un membro dello staff dell ente contraente, è responsabile dell attuazione del progetto da parte dell associazione multilaterale Il grado di finanziamento dei Progetti Multilaterali può variare a seconda dell attività e dell anno ma è fisso per tutti i progetti selezionati nell ambito dello stesso bando La durata del progetto va normalmente da uno a tre anni. Anche questa può variare a seconda dell attività e dell anno 3. Sfide che si presentano nei Progetti Multilaterali I benefici che derivano dalla partecipazione a un Progetto Multilaterale sono in genere accompagnati da una serie di sfide per il co-ordinatore del progetto: La sfida nel coordinamento e nel comando: Il coordinatore di un Progetto Multilaterale deve ricoprire due ruoli: egli (o ella) dovrebbe avere le competenze tecniche per essere un efficiente dirigente di progetto e le qualità personali di un capo progetto stimolante e assertivo. Esistono approcci differenti a questi ruoli fondamentali tra cui scegliere per entrambi. La sfida nella programmazione: I Progetti Multilaterali nell ambito del Programma di apprendimento permanente sono imprese complesse che richiedono una notevole pianificazione. E impegnativo preparare una proposta dettagliata di progetto con un consorzio eterogeneo di partner con diverse esperienze istituzionali, provenienti da diversi settori educativi e in diversi paesi. In più, la pianificazione non si limita alla fase di richiesta, ma è necessaria durante tutto il ciclo di vita del progetto. Box 3: Sfide nella gestione di progetto nei Progetti Multilaterali La sfida nel coordinamento & il comando Capitolo 2 La sfida nella programmazione Capitolo 3 La sfida amministrativa Capitolo 5 Sfide nella gestione di progetto La sfida nella cooperazione Capitolo 6 I requisiti precisi dei Progetti Multilaterali nei diversi filoni del programma di finanziamento sono pubblicati in schede di spiegazione specifiche per azione (http://ec.europa.eu/education/ llp/doc1943_en.htm) e nella documentazione relativa al Bando per Proposte: La sfida interculturale Capitolo 7 La sfida virtuale Capitolo 8 La sfida per la qualità Capitolo 9 La sfida per l impatto Capitolo 10 10

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente

Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente Dalla Mente Alle Relazioni la Sfida Emergente LA SFIDA EDUCATIVA Kenneth J. Gergen La mia proposta è che la principale sfida del sistema educativo del nostro secolo sia quella di sostituire la tradizionale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI TE I I European Agency for Development in Special Needs Education La formazione docente per l inclusione PROFILO DEI DOCENTI INCLUSIVI

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria

Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-Based Learning dalla pratica alla teoria Il Problem-based learning (apprendimento basato su un problema) è un metodo di insegnamento in cui un problema costituisce il punto di inizio del processo

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli