Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen"

Transcript

1 Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen Gestione dei Progetti Multilaterali nel Programma di Apprendimento Permanente

2 Coordinatori del progetto: die Berater Vienna, Austria CIMO Helsinki, Finlandia Humap Ltd Jyvaskyla, Finlandia University of Hull Hull, Regno Unito Institutul Intercultural Timisoara Timisoara, Romania Survival Kit sito web: Questa pubblicazione è stata sviluppata nel contesto del progetto Survival Kit for Lifelong Learning Projects ( LLP AT-GRUNDTVIG-GAM) Il progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute.

3 Survival Kit Holger Bienzle Eerika Hedman Ray Kirtley Vesa Purokuro Calin Rus Silvia Wiesinger Eija Wilen Gestione dei Progetti Multilaterali nel Programma di Apprendimento Permanente

4 Survival Kit. Gestione dei Progetti Multilaterali nel Programma di Apprendimento Permanente Autori: Holger Bienzle, Eerika Hedman, Ray Kirtley, Vesa Purokuro, Calin Rus, Silvia Wiesinger, Eija Wilen Produzione: word up Werbeagentur Editore: die Berater Unternehmensberatungsgesellschaft mbh Wipplingerstraße 32/23 26 A-1010 Wien die Berater Unternehmensberatungsgesellschaft mbh ISBN: Traduzione italiana di: Survival Kit. Managing Multilateral Projects in the Lifelong Learning Programme ISBN: die Berater Unternehmensberatungsgesellschaft mbh

5 Indice Prefazione... 4 Capitolo 1: Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente 1. Cos è un progetto? Caratteristiche dei Progetti Multilaterali Sfide che si presentano nei Progetti Multilaterali Capitolo 2: Coordinamento di progetto: gestione e conduzione 1. Coordinamento di progetto come compito multiplo Princìpi della gestione di progetto Recenti sviluppi nella gestione di progetto Attitudine al comando in un Progetto Multilaterale Competenze degli efficaci coordinatori dei Progetti Multilaterali Capitolo 3: Pianificazione di un Progetto Multilaterale 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione di progetto Analisi delle necessità e definizione del progetto Verifica di fattibilità L impegno dell istituzione d origine e la costruzione di un consorzio La pianificazione dettagliata Strumenti di base per la pianificazione Redigere una proposta di progetto Capitolo 4: Ottenere la partenza del progetto 1. Compiti nella fase di partenza del progetto Revisione del piano di progetto Analisi dell ambiente del progetto Definizione dei ruoli del progetto Organizzazione del lavoro in sottogruppi Impostazione del sistema di gestione e delle procedure Stabilire un sistema di comunicazione Organizzare la riunione del calcio d inizio Capitolo 5: Direzione del progetto 1. Panoramica dei compiti direttivi Gestione dei contratti Documentazione del progetto Gestione finanziaria Monitoraggio e resoconti Capitolo 6: Efficace collaborazione 1. Il cambiamento come caratteristica della cooperazione europea Da un gruppo di diverse persone a un effettivo team di progetto Fattori di costruzione del team Buone riunioni di progetto Sistemare i conflitti Capitolo 7: Elementi interculturali nella gestione di progetti Europei 1. Il retroterra culturale della diversità nel team di progetto Capire le differenze culturali nei team di progetto Sfide e scontri interculturali Verso un efficace comunicazione interculturale nel team di progetto Capitolo 8: TIC strumenti di lavoro per progetti Europei 1. TIC per specifiche attività di progetto TIC per comunicazione e collaborazione Como scegliere gli strumenti per un Progetto Multilaterale TIC per uso interno da parte della squadra Incontri virtuali nei Progetti Multilaterali Tenere il passo con l evoluzione della tecnologia Capitolo 9: Qualità e valutazione 1. Definire il ruolo della valutazione in un Progetto Multilaterale Pianificazione della valutazione un esercizio di apprendimento Metodologie di valutazione Strumenti di valutazione raccogliere le evidenze Utilizzare le evidenze per perfezionare i cambiamenti Incorporare i dati di valutazione nel rapporto di progetto. 116 Capitolo 10: Divulgazione e utilizzo dei risultati 1. Concetti di base e terminologia chiave Sviluppare un piano di divulgazione Domande sulla divulgazione: cosa, a chi, come e quando divulgare Strumenti per pianificare la divulgazione Il ruolo dei protagonisti del programma dell UE nella divulgazione Utilizzo: fare il miglior uso possibile dei risultati del progetto Sentieri di sostenibilità Osservazioni conclusive Glossario dei termini Termini chiave relativi al Programma di apprendimento permanente (PAAP) Termini chiave relativi alle Tecnologie di Informazione e Comunicazione (TIC) Links e riferimenti La gestione di progetto e la leadership nei progetti (generale) Gestione di progetti con finanziamenti U.E Collaborazione efficiente Elementi interculturali nella gestione dei progetti europei. 142 Strumenti TIC per il lavoro dei progetti europei Qualità e valutazione Divulgazione e utilizzo dei risultati Ringraziamenti Autori Indice 3

6 Prefazione Prefazione Questo Survival Kit pubblicato è il secondo del suo genere. Nel 1999/2000 un team di coordinatori di progetto e di manager di programma nelle Agenzie nazionali creò un Kit di Sopravvivenza per la Gestione di Progetti Europei (A Survival Kit for European Project Management) per supportare i coordinatori nell impegnativo compito di dirigere con successo un progetto centralizzato nel programma Socrates. Sebbene il progetto a suo tempo fosse abbastanza limitato in termini di scopi e risorse, il Survival Kit fu accolto molto favorevolmente da diversi protagonisti del progetto e fu ampiamente utilizzato nel corso degli anni. Negli anni dopo la stesura del Survival Kit per Socrates, comunque, il contesto, in cui prese posto la cooperazione transnazionale per l istruzione, è significativamente cambiato a causa de: L aumentata complessità dell ambiente di lavoro L emergere di nuove tecnologie che hanno incentivato il potenziale per la co-operazione al di là delle distanze Il rapido incremento quantitativo delle attività di cooperazione europea per l istruzione La modifica del meccanismo di finanziamento per la nuova generazione di programmi UE, cioè il Programma di apprendimento permanente ( ) questa istituzione che sottoscrive l accordo di sovvenzione col finanziatore, l Agenzia esecutiva per l educazione, gli audiovisivi e la cultura (Agenzia esecutiva). Sebbene il Survival Kit sia fatto su misura per le necessità specifiche e il contesto dei Progetti Multilaterali, gran parte del suo contenuto è pertinente ad altri tipi di progetto nell ambito del Programma di apprendimento permanente, compresi: Reti di diffusione, che hanno lo stesso meccanismo di finanziamento, ma per le quali esistono due pubblicazioni separate: l Arte di Mettere in Rete (The Art of Networking) e il Pacchetto di Risorse per Networkers (Resource Pack for Networkers), scaricabili dal sito Associazioni e Trasferimento di Progetti per l Innovazione, gestiti dalle Agenzie Nazionali nei paesi partecipanti Progetti transnazionali in altri programmi finanziati dall UE per l istruzione, la formazione e campi correlati Il nuovo Survival Kit ha lo scopo di fornire ai professionisti dell istruzione una guida su come pianificare, organizzare, perfezionare, monitorare e valutare, diffondere e sostenere i Progetti Multilaterali in Grundtvig e altre iniziative del Programma di apprendimento permanente. A questo fine, il precedente Survival Kit per Socrates è stato riveduto, corretto e per la maggior parte completamente riscritto. Questi cambiamenti non erano rispecchiati adeguatamente dal vecchio Survival Kit. Pertanto nel 2009 prese il via un altro studio per sviluppare una nuova pubblicazione-guida sulla gestione del progetto per i protagonisti di Progetti Multilaterali all interno del Programma di apprendimento permanente, finanziato dalla Grundtvig Accompanying Measures. I Progetti Multilaterali sono un tipo particolare di progetto co-operativo del Programma di apprendimento permanente, il principale meccanismo finanziato dall UE nel campo dell istruzione e della formazione. Le loro caratteristiche sono descritte in dettaglio nel Capitolo 1. Parecchie istituzioni da altrettanti Paesi lavorano insieme per sviluppare congiuntamente o trasferire, testare e diffondere prodotti innovativi relativi all istruzione, per esempio curricula, corsi e materiali di studio. Questa associazione temporanea viene finanziata sulla base del programma di lavoro, e ha una figura centrale chiara: il coordinatore di progetto, che guida il progetto ed è responsabile del suo successo nell interesse dell istituzione contraente. E La pubblicazione si rivolge, soprattutto, a coordinatori di progetto con poca o nulla esperienza precedente nella cooperazione Europea. Allo stesso tempo, il team degli autori spera anche di offrire alcune nuove idee e strumenti pratici ai manager esperti di progetti europei. Rispetto al precedente Survival Kit per Socrates, la nuova pubblicazione copre parecchi aspetti analoghi della gestione di progetti europei: Pianificazione di un Progetto Multilaterale (Capitolo 3) Direzione del Progetto (Capitolo 5) Efficace Collaborazione (Capitolo 6) Qualità e Valutazione (Capitolo 9) Mentre questi aspetti sono stati sostanzialmente ampliati e aggiornati, altri capitoli sono stati o aggiunti o completamente riorganizzati: Il tema del coordinamento di progetto (Capitolo 2) viene presentato ora da due prospettive: in primo luogo come 4

7 Box 1: Fasi della gestione di un Progetto Multilaterale Pre-progetto Apertura Capitoli 1, 3 Periodo di finanziamento Post-progetto-up Prefazione Analisi Definizione Costruzione del consorzio Pianificazione Capitolo 3 Programma di progetto Scrivere proposte Revisione, correzione e rifinitura del programma di progetto Pianificazione post-progetto Partenza Capitoli 2, 4, 5, 6, 7, 8 Nomina del coordinatore Definizione dei ruoli Stabilire l organizzazione del progetto Impostare il sistema di comunicazione Organizzare il calcio d inizio Perfezionamento Capitoli 2, 6, 7, 8, 10 Gestione del prodotto Gestione della squadra Gestione dei rischi Divulgazione Controllo Capitoli 5, 9 Documentazione Rapporti Monitoraggio Valutazione Riunione finale / avvenimento Rapporto interno Lezioni imparate Chiusura Capitoli 5, 10 Rapporto finale Saldo dei pagamenti Chiusura di contratto Divulgazione continua Utilizzo e restare nella corrente il compito più tecnico della gestione di progetto, tenendo conto dei recenti sviluppi come Agile Gestione del Progetto, e secondariamente come il tema della direzione più orientato alle persone in un Progetto Multilaterale Gli Elementi Interculturali nella Gestione di Progetti Europei (Capitolo 7) erano trattati solo implicitamente nel vecchio Survival Kit, mentre ora sono inclusi completamente in un capitolo a parte Allo stesso modo, gli Strumenti TIC di Lavoro per Progetti Europei (Capitolo 8) vengono discussi molto più in dettaglio, il che è più che giustificato alla luce della rivoluzione tecnologica che ha accompagnato il passato decennio La Divulgazione (Capitolo 10) ha nel nuovo Kit una visibilità molto più elevata, che rispecchia la sua maggiore importanza nel nuovo programma, integrata dal concetto di utilizzo dei risultati che è emerso in seguito al Programma Socrates Questi capitoli affrontano aspetti trasversali della gestione del progetto in un Progetto Multilaterale. Tuttavia, è stato aggiunto un capitolo cronologico. Questo è il Capitolo 4: Ottenere la partenza del Progetto. Gli autori sentivano che i primi mesi di un Progetto Multilaterale meritano particolare attenzione. E la fase in cui i nuovi arrivati nella co-ordinazione di un Progetto Multilaterale all interno del Programma di apprendimento permanente hanno bisogno di comunicare a se stessi una quantità di importanti ruoli di gestione e perciò hanno estrememente bisogno di supporto. Allo stesso tempo le misure gestionali prese in questa fase di inizio determinano in alto grado il successivo corso del progetto. La pubblicazione non è destinata a essere letta dalla prima all ultima pagina. Le diverse parti possono essere consultate in circostanze specifiche. Ci sono alcune sovrapposizioni intenzionali. Alcuni aspetti, per esempio costruire la squadra, sono trattati in più di un capitolo. In Efficace Collaborazione (Capitolo 6) è presentato sistematicamente come un compito chiave di gestione, il Capitolo 7: Elementi Interculturali nella Gestione di Progetti Europei affronta le differenze culturali nei team multinazionali, mentre i suggerimenti del Capitolo 4: Ottenere la Partenza del Progetto sono formulati su come il processo di costruzione del team possa essere cominciato con successo all inizio del progetto. 5

8 Prefazione Il grafico nel Box 1, presentato anche nel Capitolo 4, può aiutare i lettori, insieme all indice dei contenuti, a trovare nel Kit le informazioni necessarie per uno scopo specifico. Il Survival Kit offre diversi tipi di informazione: Input teorici per la gestione del progetto e relative esercitazioni Consigli degli autori sulla base del lavoro di progetto europeo Miglior prassi raccolta in molte conversazioni con altri protagonisti di progetto, manager di programma e valutatori Una serie di modelli pratici, risorse ed esempi Questi ultimi sono inoltre disponibili separatamente e scaricabili dal sito web del Survival Kit che integra la pubblicazione. Da questo sito è possibile inoltre scaricare il Survival Kit in inglese, tedesco, francese, rumeno e italiano. Per evitare un equivoco fin dall inizio: il Survival Kit non va confuso con il Manuale di Progetto: Linee guida per la Gestione Amministrativa e Finanziaria e per i Rapporti. Mentre quest ultimo è un documento ufficiale emanato dal finanziatore, l Agenzia esecutiva per l educazione, gli audiovisivi e la cultura, il Survival Kit è una pubblicazione da-pari-a-pari prodotta da partner di progetto. Sebbene i funzionari dell agenzia abbiano approvato il suo orientamento generale, le raccomandazioni formulate nelle pagine seguenti non hanno in alcun modo carattere autoritario. 6

9 Capitolo 1: Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Questo capitolo introduce il contesto della pubblicazione. Il termine chiave progetto viene definito brevemente in termini generali e, più in particolare, in termini di struttura di co-operazione transnazionale conosciuta come Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente dell Unione Europea. Dopo aver delineato lo scenario, vengono messi in risalto i tipici cambiamenti che derivano dal compito e dalla struttura di un Progetto Multilaterale. 1. Cos è un progetto? I progetti sono vecchi quanto l umanità. Daniel Defoe cita il primo progetto in assoluto: La costruzione dell Arca da parte di Noè, per quanto si possa concederlo al lavoro umano, è stato il primo progetto di cui ho letto, e non sembra esserci discussione su questo, e se non fosse stato fatto mettere al lavoro da una direttiva Celeste molto particolare, il Buon Vecchio ne avrebbe sicuramente riso, come del più ridicolo progetto senza senso. Defoe, Daniel (1697), An Essay upon Projects Più recentemente, la Guida PMBOK, ampiamente riconosciuta come testo standard di riferimento sulla gestione di progetto, definisce un progetto come segue: Un progetto è uno sforzo temporaneo intrapreso per creare un unico prodotto, servizio o risultato. (PMBOK Guide (2008), p.5) L edizione del 1996 dello stesso testo aggiunge: E effettuato da persone, vincolato da risorse limitate, pianificato, eseguito e controllato. Temporaneo: Al contrario delle attività di routine, la durata di un progetto è definita. Ha una chiara data d inizio e una fine stabilita. Unico risultato: Un progetto è orientato al prodotto, avviato per la realizzazione di un risultato inedito che non sia esistito prima. Effettuato da persone: Un progetto è portato a termine da un team di progetto, che è stato costituito per questo specifico scopo e che normalmente si scioglie al termine del progetto. Vincolato: Ci sono molti fattori stabiliti che prevengono l espansione senza limiti di un progetto. Risorse Limitate: Tempo, denaro, come le risorse umane e le attrezzature tecniche, disponibili per un progetto sono limitati. Pianificato: Un progetto è un impresa molto organizzata, una serie di attività accuratamente strutturate prima della partenza e costantemente perfezionate. Eseguito: Deve accadere qualcosa in un progetto, è un esercizio orientato all effetto. Controllato: Sono necessari meccanismi di monitoraggio e valutazione per assicurare la realizzazione del risultato previsto. Un progetto può definire imprese molto diverse, per esempio organizzare una festa di compleanno, costruire una piramide, spedire il primo uomo sulla luna o, nel nostro caso, sviluppare concetti e materiali didattici innovativi. 2. Caratteristiche dei Progetti Multilaterali Questa pubblicazione punta l attenzione su uno specifico tipo di progetto: i Progetti Multilaterali (MP) nel principale meccanismo di finanziamento dell Unione Europea in materia di istruzione, il Programma di apprendimento permanente (Lifelong Learning Programme, ). Il Programma di apprendimento permanente (LLP) è lo strumento principale di finanziamento dell Unione Europea nel campo dell istruzione e della formazione. Il LLP ha quattro sotto-programmi settoriali e quattro programmi cosiddetti trasversali. In più, il programma Jean Monnet fa parte del LLP. Stimola l insegnamento, la riflessione e il dibattito sul processo di integrazione europea nelle istituzioni di istruzione superiore. L obiettivo generale del Programma di apprendimento permanente è contribuire attraverso l apprendimento permanente alla crescita della Comunità come società evoluta basata sulla conoscenza, con sviluppo economico sostenibile, maggiore e Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 7

10 Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 migliore occupazione e più grande coesione sociale, garantendo contemporaneamente una valida protezione dell ambiente per le future generazioni. In particolare, mira a promuovere all interno della Comunità gli interscambi, la co-operazione e la mobilità tra i sistemi di istruzione e formazione in modo che diventino un riferimento mondiale di qualità. Il programma ha questi precisi obiettivi: (a) Contribuire allo sviluppo di un apprendimento permanente di qualità,di prestazioni elevate, di innovazione e di una dimensione europea nei sistemi e nelle pratiche del settore. (b) Supportare la realizzazione di un area europea per l apprendimento permanente. (c) Contribuire a incrementare la qualità, l attrattiva e l accessibilità alle opportunità per l apprendimento permanente disponibili fra Stati Membri. (d) Rafforzare il contributo dell apprendimento permanente alla coesione sociale, alla cittadinanza attiva, al dialogo interculturale, alla parità di sesso e alla realizzazione personale. (e) Contribuire a promuovere la creatività, la competitività, l occupazione e lo sviluppo di uno spirito imprenditoriale. (f) Contribuire a una maggiore partecipazione all apprendimento permanente da parte di persone di tutte le età, incluse quelle con particolari esigenze e le categorie Box 1: Categorie d attività nel Programma di apprendimento permanente (LLP) Progetto Unilterale Progetto Nazionale Rete Web Multilaterale Attestato Indagine Ricerca Comparativa Progetto Multilaterale svantaggiate, indipendentemente dal loro retroterra socioeconomico. (g) Promuovere l apprendimento delle lingue e la diversità linguistica. (h) Sostenere lo sviluppo di contenuti innovativi basati sulle TIC,di servizi, pedagogie e pratiche per l apprendimento permanente. (i) Rinforzare il ruolo dell apprendimento permanente creando una sensazione di cittadinanza europea fondata sulla comprensione e sul rispetto dei diritti umani e della democrazia, e incoraggiando il rispetto per altri popoli e culture. (j) Promuovere la cooperazione in materia di garanzia di qualità in tutti i settori dell istruzione e formazione in Europa. (k) Incoraggiare il miglior utilizzo di risultati, prodotti e processi innovativi e scambiare le buone pratiche nei settori coperti dal Programma di apprendimento permanente, al fine di migliorare la qualità dell istruzione e della formazione. (Delibera No 1720/2006/EC del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 Novembre 2006 che stabilisce un Programma di apprendimento permanente). Al fine di promuovere gli interscambi, la cooperazione e la mobilità fra sistemi di istruzione e formazione, sono finanziati da questo programma una serie di tipi diversi di cooperazione e attività di mobilità per le istituzioni didattiche, il loro personale e gli studenti, come mostrato nel Box 1. Mobilità Costituzione Misure di Accom pagnamento Associazione Bilaterale o Multilaterale Sovvenzione di Esercizio 8

11 I Progetti Multilaterali sono una forma particolare di cooperazione transnazionale fra istituzioni che devono essere differenziati da altri tipi di progetti, soprattutto da Associazioni e Reti: Le Reti sono destinate principalmente a mettere insieme competenze e a riunire i protagonisti chiave di un area tematica specifica con lo scopo di mettere in rete, riflettere sulle necessità e pratiche correnti ed emergenti, divulgare la pratica migliore e dare come risultato raccomandazioni strategiche ai responsabili delle decisioni. Le Associazioni, d altra parte, sono un attività in scala ridotta di cooperazione europea tra istituzioni operanti in un settore educativo (istruzione scolastica, istruzione e formazione professionale, apprendimento da parte degli adulti). Nelle Associazioni ci si concentra sulla condivisione di esperienze e sull imparare gli uni dagli altri per il bene delle istituzioni, del personale e degli studenti. A differenza di Reti e Associazioni i Progetti Multilaterali hanno un compito ben distinto: Si definisce un Progetto Multilaterale come un attività di cooperazione Europea con un risultato definito e utilizzabile sviluppato congiuntamente da un gruppo formale o informale di organizzazioni o istituzioni (Lifelong Learning Programme (LLP) Guide Part I: General provisions, p. 8: eu/education/llp/doc848_en.htm) I Progetti Multilaterali si possono trovare in quasi tutti i filoni del Programma di apprendimento permanente (cfr. Box 2). La loro focalizzazione varia a seconda dei sotto-programmi coinvolti: I Progetti Multilaterali di Comenius sono destinati a migliorare la formazione, iniziale o durante l incarico, di insegnanti e altre categorie di personale impiegato nel settore educativo scolastico con lo scopo finale di perfezionare la qualità dell insegnamento e dell apprendimento nella classe. I Progetti Multilaterali di Grundtvig sviluppano risultati/prodotti concreti e innovativi, con lo scopo ultimo di perfezionare: Il contenuto e la distribuzione dell istruzione per adulti L struzione per adulti a un livello di sistema o politica La possibilità per adulti di accedere a opportunità di apprendimento La gestione dell istruzione per adulti Le Attività Chiave per le Lingue favoriscono l apprendimento delle lingue e l accesso alle risorse di apprendimento linguistico o migliorano e divulgano materiali di apprendimento linguistico, inclusi corsi online e strumenti per la verifica delle competenze linguistiche. Supportano e incoraggiano l apprendimento delle lingue ufficiali europee come lingue straniere e come pre-requisito per lavorare o studiare in un altro stato Membro. Viene prestata particolare attenzione alle lingue meno diffuse e insegnate (LWULT). I Progetti Multilaterali in Attività Chiave per le TIC potenziano contenuti innovativi, servizi, soluzioni pedagogiche e pratiche per l apprendimento permanente incentrati sulle TIC. Completano progetti di apprendimento intensivo delle TIC nei programmi di settore indirizzando le necessità di insegnamento e apprendimento attraverso due o più settori dell istruzione. Box 2: Sotto-programmi del Programma di apprendimento permanente (LLP) che possono dare origine a Progetti Multilaterali Comenius Istruzione scolastica Programmi di settore Erasmus Istruzione superiore Leonardo da Vinci Istruzione e Formazione Professionale Programmi trasversali Grundtvig Istruzione per adulti Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 In Erasmus i Progetti di Ampliamento del Curriculum favoriscono il processo di innovazione e aggiornamento in ogni disciplina accademica di istruzione superiore. Attività chiave 1: Cooperazione e innovazione del metodo Attività Chiave 2: Tecnologie di Informazione e Comunicazione I Progetti Multilaterali di Leonardo da Vinci sono detti Progetti di Sviluppo dell Innovazione. Hanno lo scopo di aumentare la qualità dei sistemi per l Istruzione e Formazione Professionale (Vocational Education and Training, VET) attraverso lo sviluppo di contenuti, metodi e procedure innovativi. Attività Chiave 3: Lingue Attività Chiave 4: Divulgazione e utilizzo dei risultati 9

12 In Attività Chiave per la Divulgazione e l Utilizzo dei Risultati i Progetti Multilaterali creano un quadro per lo sfruttamento efficace dei risultati del Programma di apprendimento permanente e dei precedenti programmi correlati, a livello settoriale, regionale, nazionale ed Europeo. Nel 2010 i Progetti Multilaterali sono stati aperti alle istituzioni dei paesi terzi, a patto che la loro partecipazione creasse un netto valore aggiunto e che potessero dimostrare di avere importanti competenze da condividere con le loro controparti Europee. Progetti Multilaterali nel Programma di apprendimento permanente Capitolo 1 (Descrizioni basate su: (Lifelong Learning Programme (LLP) Guide Part IIb: Explanations by action: eu/education/llp/doc1943_en.htm). Malgrado gli scopi specifici definiti nei diversi sotto-programmi, tutti hanno in comune alcune caratteristiche fondamentali di struttura e funzione: I Progetti Multilaterali sono progetti pilota orientati al prodotto. Come caratteristica, sviluppano o trasmettono concetti innovativi o prodotti didattici, li testano e diffondono nella relativa comunità educativa e garantiscono che siano utilizzati dai gruppi previsti come obiettivo Questi progetti sono portati avanti da associazioni temporanee di istituzioni che offrono l istruzione o contribuiscono all istruzione in altri modi Un associazione per un Progetto Multilaterale è composta da enti partner di differenti paesi partecipanti al Programma di apprendimento permanente (LLP). Il numero di partner e paesi richiesto varia a seconda delle differenti azioni Un solo partner, il beneficiario o contraente, ha il ruolo principale in questo concetto di progetto centralizzato. Questo ente agisce per conto dell intera associazione e stipula l Accordo di Sovvenzione (spesso denominato il contratto) con l Agenzia Esecutiva. Il contraente è responsabile del raggiungimento dei risultati previsti dal progetto e della garanzia che il bilancio preventivo venga speso secondo le norme del finanziamento Il co-ordinatore di progetto, che normalmente, ma non necessariamente, è un membro dello staff dell ente contraente, è responsabile dell attuazione del progetto da parte dell associazione multilaterale Il grado di finanziamento dei Progetti Multilaterali può variare a seconda dell attività e dell anno ma è fisso per tutti i progetti selezionati nell ambito dello stesso bando La durata del progetto va normalmente da uno a tre anni. Anche questa può variare a seconda dell attività e dell anno 3. Sfide che si presentano nei Progetti Multilaterali I benefici che derivano dalla partecipazione a un Progetto Multilaterale sono in genere accompagnati da una serie di sfide per il co-ordinatore del progetto: La sfida nel coordinamento e nel comando: Il coordinatore di un Progetto Multilaterale deve ricoprire due ruoli: egli (o ella) dovrebbe avere le competenze tecniche per essere un efficiente dirigente di progetto e le qualità personali di un capo progetto stimolante e assertivo. Esistono approcci differenti a questi ruoli fondamentali tra cui scegliere per entrambi. La sfida nella programmazione: I Progetti Multilaterali nell ambito del Programma di apprendimento permanente sono imprese complesse che richiedono una notevole pianificazione. E impegnativo preparare una proposta dettagliata di progetto con un consorzio eterogeneo di partner con diverse esperienze istituzionali, provenienti da diversi settori educativi e in diversi paesi. In più, la pianificazione non si limita alla fase di richiesta, ma è necessaria durante tutto il ciclo di vita del progetto. Box 3: Sfide nella gestione di progetto nei Progetti Multilaterali La sfida nel coordinamento & il comando Capitolo 2 La sfida nella programmazione Capitolo 3 La sfida amministrativa Capitolo 5 Sfide nella gestione di progetto La sfida nella cooperazione Capitolo 6 I requisiti precisi dei Progetti Multilaterali nei diversi filoni del programma di finanziamento sono pubblicati in schede di spiegazione specifiche per azione (http://ec.europa.eu/education/ llp/doc1943_en.htm) e nella documentazione relativa al Bando per Proposte: La sfida interculturale Capitolo 7 La sfida virtuale Capitolo 8 La sfida per la qualità Capitolo 9 La sfida per l impatto Capitolo 10 10

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti?

Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? 4 Perché un altra pubblicazione sulla gestione di progetti? Nell agosto 2000, facendo una ricerca in Internet sulla gestione di progetti uno dei principali motori di ricerca ha individuato 579.232 siti

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Programma di apprendimento permanente 2007-2013

Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Invito a presentare candidature in vista della predisposizione di un elenco di esperti per le attività di valutazione nel contesto del Programma di apprendimento

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE

Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Piano Formativo 2011 PROGRAMMA DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE manageriali f o r m a z i o n e IL CONTESTO Le trasformazioni organizzative e culturali che stanno avvenendo nelle amministrazioni comunali,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA

PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA PROMUOVERE L ACCESSIBILITA DELLE INFORMAZIONI PER UN APPRENDIMENTO PER TUTTO L ARCO DELLA VITA L accesso all informazione è un diritto fondamentale di ogni studente, con o senza disabilità e/o specifiche

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

Pietro Michelacci Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme Italia Faenza, 20 marzo 2012

Pietro Michelacci Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme Italia Faenza, 20 marzo 2012 Il programma Lifelong Learning: un ventaglio di opportunità per una scuola in dimensione europea Pietro Michelacci Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme Italia Faenza, 20 marzo 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

Incontro per Assistenti Comenius

Incontro per Assistenti Comenius Incontro per Assistenti Comenius anno scolastico 2011/2012 Firenze, 9 settembre 2011 Lifelong Learning Programme Il Lifelong Learning Programme è il programma di azione comunitaria di apprendimento permanente

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria

Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms. Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Formative Assessment: Improving Learning in Secondary Classrooms Summary in Italian Valutazione formativa: migliorare l apprendimento nella scuola secondaria Riassunto La valutazione fa parte integrante

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione 2 ERASMUS + Programma dell UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Come nasce? Erasmus+ è il

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA. I PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2000 2006 Istruzione, formazione e gioventù

ORIZZONTI SCUOLA. I PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2000 2006 Istruzione, formazione e gioventù I PROGRAMMI DELL UNIONE EUROPEA PER IL PERIODO 2000 2006 Istruzione, formazione e gioventù Una nuova generazione di programmi e azioni in seguito all impulso impartito dalla direzione generale dell istruzione

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015

Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015 Seminario interprovinciale Siracusa - Ragusa Cambiare il punto di vista Nuove candidature Erasmus + Siracusa 10 Febbraio 2015 Come migliorare le proposte progettuali Da un lavoro individuale ad un lavoro

Dettagli

Pensieri sussurrati: sintesi

Pensieri sussurrati: sintesi 1 Pensieri sussurrati: sintesi Nuclei tematici Identità delle SUP Rapporto tra formazione e ricerca Didattica - insegnamento Modalità di lavoro attorno alla didattica La figura e il ruolo del docente Rapporto

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

DIOCESI di REGGIO EMILIA GUASTALLA UFFICIO SCUOLA Aggiornamento docenti di IRC 3 Incontro Reggio Emilia 21 novembre 2011 PROFESSIONALITÀ IDR e AUTONOMIA DELLA FUNZIONE DOCENTE Da diversi anni la strategia

Dettagli

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12

LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 Project Number LLP-LDV/TOI/2007/PT/12 WP3 Curriculum formatori Partner responsabile: Business and Development Center, ul. Wieniawskiego 56b/5 35-603 Rzeszow - PL Contatto: Magdalena Malinowska tel +48

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 Archivio Antico 21 Gennaio 2014 Erasmus+ (2014-2020): Azioni di supporto alla collaborazione internazionale (Key Action 2); progetti di sostegno alla riforma

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE?

PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE? PROGRAMMA DAPHNE (2000-2003) COME CONCEPIRE E PREPARARE UN PROGETTO DAPHNE? Nel presente capitolo sono illustrate alcune esperienze del passato che possono fornire un aiuto per organizzare il progetto

Dettagli

COMPETENZE TRASVERSALI

COMPETENZE TRASVERSALI GESTIRE IL CAMBIAMENTO STILI DI LEADERSHIP FACILITARE LA COMUNICAZIONE GESTIRE LE SITUAZIONI DI CRISI CREATIVITÀ E PROBLEM SOLVING GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO PROJECT MANAGEMENT IN PRATICA FORMARE IL PROPRIO

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

S T R U M E N T I. Carlo Flamment Presidente Formez

S T R U M E N T I. Carlo Flamment Presidente Formez STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez - Centro di Formazione Studi, ha da sempre avuto una particolare attenzione per le iniziative editoriali; fin dai suoi primissimi anni di attività si è impegnato

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DIPROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DIPROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DIPROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I fondi europei FONDI DIRETTI Sono gestiti

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA?

LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? LEAN LEADERSHIP COSA SIGNIFICA? VISIONE UMILTA LEAN LEADERSHIP? INCORAGGIAMENTO CORAGGIO VISIONE Il Compito di un Leader è portare il proprio popolo da dove si trova a dove non è mai stato - Henry Kissinger

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini

La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini La Posizione di Save the Children sulla Partecipazione dei Bambini Scopo di questo documento Questo documento delinea la posizione di Save the Children sulla partecipazione dei bambini. Spiega perché la

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I fondi europei FONDI DIRETTI Sono

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Anno scolastico 2012/2013

Anno scolastico 2012/2013 Incontro per Assistenti Comenius Anno scolastico 2012/2013 Martina Blasi Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme - Italia Firenze, 10 settembre 2012 Lifelong Learning Programme Il Lifelong Learning

Dettagli

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione.

Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione. Alfabetismo attivo: Competenza e Comprensione, naturalizzate interiormente dalla decodifica alla comprensione. Resoconto in Itinere Parte Pubblica 1 Informazioni sul progetto Acronimo del progetto Titolo

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO.

Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

Dettagli

Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva

Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva Percorso Executive Leadership Situazionale e Riflessiva Gestire e motivare i gruppi di lavoro INTERAMENTE FINANZIATO DA: Nell ambito delle opportunità formative messe a disposizione da Fondirigenti, La

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

La qualità nella gestione dei partenariati scolastici Comenius 2012-2014

La qualità nella gestione dei partenariati scolastici Comenius 2012-2014 La qualità nella gestione dei partenariati scolastici Comenius 2012-2014 Ufficio Partenariati Comenius Agenzia LLP, Firenze novembre-dicembre 2012 Valutazione finale Ciclo di vita del progetto VALUTAZIONE

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 INVESTIMENTO TERRITORIALE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il modello di competenza SPACIT

Il modello di competenza SPACIT Il modello di competenza SPACIT Al fine di documentare i saperi, le abilità ed i comportamenti che si prevede che gli apprendisti acquisiscano nel campo dell istruzione sulla cittadinanza spaziale, è stato

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli