PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI SERVIZI AUSILIARI RELATIVI ALLE ATTIVITÀ GENERALI NELLE STRUTTURE EDUCATIVE PER LA PRIMA INFANZIA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI SERVIZI AUSILIARI RELATIVI ALLE ATTIVITÀ GENERALI NELLE STRUTTURE EDUCATIVE PER LA PRIMA INFANZIA."

Transcript

1 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEI SERVIZI AUSILIARI RELATIVI ALLE ATTIVITÀ GENERALI NELLE STRUTTURE EDUCATIVE PER LA PRIMA INFANZIA. - CIG E0B CAPITOLATO SPECIALE Pagina 1 di 12

2 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato disciplina le modalità di gestione dei servizi ausiliari, più specificamente descritti al successivo articolo 6, da effettuarsi nelle strutture educative per la prima infanzia da 0 a 6 anni del Comune di Perugia, di cui all Allegato n.1. I servizi devono essere resi tenendo conto delle caratteristiche tipologiche e dimensionali delle strutture, del numero dei bambini e dell orario di funzionamento. Il servizio oggetto del presente appalto, oltre agli interventi di pulizia sia quotidiani che straordinari, prevede una serie di compiti e mansioni di collaborazione da svolgersi nel rispetto dell attività educativa, secondo modi, tempi e organizzazione propri dei singoli servizi. Oltre le funzioni specifiche, il personale ausiliario opera infatti a contatto con bambini, educatori, genitori e dà alle funzioni connesse la massima attenzione e priorità, pertanto l appaltatore si avvarrà di personale in grado di interagire positivamente con il contesto educativo in un ottica di ampia collaborazione al fine di creare un adeguato clima educativo e un ambiente adatto alle esigenze e ai bisogni dei piccoli ospiti. ARTICOLO 2 DURATA E DECORRENZA DELL APPALTO L appalto avrà durata coincidente con l anno educativo 2015/2016, con decorrenza dalla data della determinazione dirigenziale di aggiudicazione definitiva e termine il Il Amministrazione Comunale si riserva di esercitare l opzione di ripetizione di servizi analoghi, per un periodo non superiore ad un ulteriore anno, ai sensi dell art. 57, comma 5, lett. b) del D.Lgs. n.163/2006 e ss.mm.ii, conformi al capitolato speciale e all offerta tecnica e di valore non superiore a quello indicato al successivo art. 3 del presente Capitolato. ARTICOLO 3 VALORE PRESUNTO DELL APPALTO Il valore complessivo presunto dell appalto ammonta ad ,63 IVA esclusa, di cui: ,63 IVA esclusa, quale importo a base di gara soggetto a ribasso; ,00 IVA esclusa, quali oneri per la sicurezza contro i rischi interferenziali, non riducibili (vds. DUVRI). L importo del servizio è stato stimato tenendo conto dell elenco delle strutture e del calendario educativo di cui, rispettivamente, agli Allegati n.1 e n.2 al presente capitolato. ARTICOLO 4 MODALITÀ DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO Il contratto è stipulato «a corpo» ai sensi dell art.53, comma 4, del D.Lgs.163/2006. ARTICOLO 5 CAUZIONE DEFINITIVA Ai sensi dell articolo 113, comma 1, del D.Lgs. n.163/2006 e ss.mm.ii., è richiesta una garanzia fideiussoria a titolo di cauzione definitiva, pari al 10 per cento dell importo contrattuale. L importo della garanzia fidejussoria di cui al precedente articolo è ridotto al 50 per cento per l appaltatore in possesso della certificazione di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000, così come previsto dall art.113, comma 1, del Codice. La garanzia fidejussoria deve essere conforme allo schema tipo 1.2 del D.M. 12 marzo 2004, n.123, integrato con le seguenti clausole: la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale; la rinuncia all eccezione di cui all articolo 1957, comma 2, c.c.; l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta della stazione appaltante prevista dall art. 113, comma 2, del D.Lgs. n.163/2006. Pagina 2 di 12

3 La garanzia fidejussoria è prestata mediante polizza bancaria o assicurativa, emessa da istituto autorizzato, ovvero rilasciata da intermediario finanziario iscritto nell elenco speciale di cui all art. 107 del D.Lgs. 1 settembre 1993, n. 385, che svolge in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzato dal Ministero dell economia e delle finanze. La cauzione viene prestata a garanzia dell adempimento di tutte le obbligazioni del contratto e del risarcimento dei danni derivanti dall eventuale inadempimento delle obbligazioni stesse, fatta salva comunque la risarcibilità del maggior danno. L Amministrazione ha il diritto di valersi della cauzione per l eventuale maggiore spesa sostenuta per il completamento dell esecuzione nel caso di risoluzione del contratto disposta in danno dell appaltatore. L Amministrazione ha il diritto di valersi della cauzione per provvedere al pagamento di quanto dovuto dall appaltatore per le inadempienze derivanti dalla inosservanza di norme e prescrizioni del contratti collettivi, delle leggi e dei regolamenti sulla tutela, protezione, assicurazione, assistenza e sicurezza fisica dei lavoratori. La garanzia fidejussoria deve essere tempestivamente reintegrata qualora, in corso di esecuzione, sia stata incamerata, parzialmente o totalmente, dall Amministrazione; in caso di inottemperanza la reintegrazione si effettua a valere sui ratei di prezzo da corrispondere all appaltatore, salva la facoltà dell Amministrazione di procedere alla risoluzione del contratto. La mancata costituzione della garanzia determina la revoca dell affidamento e l acquisizione della cauzione provvisoria da parte dell Amministrazione appaltante. ARTICOLO 6 DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI Il servizio richiesto si suddivide in due aree principali: 1. Gestione degli ambienti e degli spazi (operazioni di pulizia e sanificazione quali pulizie quotidiane, periodiche, al bisogno e in particolari periodi dell anno educativo); 2. Assistenza al contesto organizzativo ed educativo (supporto al personale educatore, sorveglianza, lavanderia, stireria, cucito, riordino, sistemazione e allestimento aule/refettori, eccetera). L appaltatore dovrà assicurare la creazione giornaliera di un ambiente idoneo alla permanenza dei bambini dal punto di vista dell areazione, della pulizia e del decoro dei locali attraverso operazioni quotidiane di cura degli ambienti, delle attrezzature e delle suppellettili utilizzate per il funzionamento del servizio, assicurando altresì che gli ambienti siano idonei all accoglienza quotidiana dei bambini. Sono esclusi dal presente appalto i locali della cucina e della dispensa. Di seguito si riporta l elenco delle principali attività da svolgere e la relativa periodicità; tale elenco è comunque da intendersi come indicativo e non esaustivo. 1. Gestione degli ambienti e degli spazi Attività giornaliere Aule Didattiche: riordino e pulizia dei giochi e del materiale usato dai bambini sia durante il giorno che al termine delle attività, con particolare attenzione a quelle laboratoriali (pittura, manipolazione, ); disinfezione dei piani e strumenti didattici; spolveratura e pulitura di tutti gli arredi; pulizia e lavaggio dei pavimenti; Refettorio e/o aule multifunzioni (colazione, pranzo, merenda): sanificazione dei tavoli prima dei pasti, riordino e pulizia del refettorio compresi tavoli, seggiole,seggioloni (pulizia e riordino sono richiesti sia dopo il pasto principale che dopo lo spuntino, la merenda o la colazione); lavaggio e sterilizzazione dei biberon e ciucci (solo strutture nidi); raccolta e lavaggio dei bavaglini e delle tovaglie; Dormitori e/o aule multifunzioni: preparazione e riassetto dei lettini (più volte al giorno); pulizia e detersione dei pavimenti; Bagni: pulizia e sanificazione ogni volta se ne ravvisi la necessità durante l arco della giornata; Spazi comuni scale, corridoi, ecc. ad eccezioni delle cucine: pulizia e riordino compreso lavaggio dei pavimenti interni alla struttura; pulizia vetrate ad altezza bambino. Pagina 3 di 12

4 Attività periodiche Pulizie periodiche: - una volta a settimana: porte, finestre e vetrate; - una volta al mese: parti alte dei soffitti, corpi illuminanti con asportazioni di polvere e ragnatele; - due volte l anno: lavaggio tendaggi; - due volte l anno: operazioni di riapertura dopo le chiusure di natale e pasqua (normalmente, semplice asportazione della polvere da pavimenti e arredi, salvo diverse necessità dovute a cause diverse. - su richiesta: trattamento specifico dei pavimenti; - due volte la settimana da aprile ad ottobre, una volta ogni quindici giorni nel restante periodo, se necessario e su valutazione delle coordinatrici delle strutture: terrazzi, cortili e giardini. Le pulizie periodiche devono essere effettuate in orari da concordare con l U.O. Servizi Educativi e Edilizia Scolastica. Pulizie all apertura dell anno educativo: da svolgersi nei giorni che precedono l apertura dei servizi, comprendono: - pulizia a fondo di tutti i locali, porte, finestre, infissi, tapparelle, arredi, suppellettili, ecc.; - lavatura tappeti, materassini da gioco e relative coperture, cuscini, ecc ; - smontaggio, lavaggio e rimontaggio tende; - pulizia e riordino degli spazi esterni (con lavaggio di giochi e arredi). Pulizia e riordino dopo occasioni particolari e pulizie straordinarie: per occasioni particolari si intendono le feste di Natale e fine anno, aggiornamenti, riunioni dei genitori, ecc ; per pulizia straordinaria s intende una pulizia più estesa ed approfondita che potrà essere effettuata, previo accordo col Amministrazione Comunale, in circostanze straordinarie o imprevedibili quali traslochi, lavori di imbiancatura o muratura, raccolta acqua per allagamenti,...; qualora se ne ravvisi la necessità l appaltatore dovrà anche provvedere ad imballare il materiale. L appaltatore è tenuto ad assicurare fino ad un massimo di n.250 ore per tali tipologie di interventi, il cui corrispettivo è da considerarsi incluso nell importo contrattuale; detto monte ore potrà aumentare in misura pari a quanto eventualmente dichiarato dall appaltatore nella propria offerta tecnica (vds. Disciplinare). 2. Assistenza al contesto organizzativo ed educativo Attività giornaliere Vigilanza, igiene e cura dei bambini: attività svolte a supporto del personale educativo e sotto la supervisione del coordinatore pedagogico della struttura, con particolare attenzione ai momenti di ingresso, uscita, pasti e risveglio; predisposizione della zona pranzo con bavaglini, tovaglie, bicchieri, posate, ; predisposizione e collocazione nei bagni del materiale d uso, come asciugamani, prodotti per l igiene ; sorveglianza, vigilanza e assistenza dei bambini, compresi i bambini disabili, in caso di allontanamento temporaneo e del tutto occasionale dovuto a cause di forza maggiore del personale educativo/insegnante. Nella scuola d infanzia e nella sezione primavera oltre alle attività sopra descritte è previsto anche l accompagnamento al bagno dei bambini. Guardaroba e lavanderia: sistemazione degli effetti di guardaroba (pannolini, creme, ); cambio delle lenzuola (settimanale e al bisogno); gestione della lavanderia (lavaggio, asciugatura e stiratura dei vari capi di biancheria); Si raccomanda che nell effettuazione delle operazioni di pulizia durante l orario di funzionamento dei servizi le stesse vengano svolte con discrezione e nel rispetto delle routine dei bambini; inoltre che i detersivi, anche durante l utilizzo, vengano sempre mantenuti fuori dalla portata dei bambini. ARTICOLO 7 ORARIO E CALENDARIO DEL SERVIZIO Le prestazioni oggetto del servizio appaltato dovranno essere rese in accordo al calendario educativo di cui all Allegato n.2 al presente capitolato. Pagina 4 di 12

5 Il calendario e l orario di apertura ufficiali delle varie strutture per il periodo settembre/giugno verrà comunicato all inizio dell anno educativo, mentre per il mese di luglio verrà comunicato entro il mese di maggio. ARTICOLO 8 RICOGNIZIONE DEI LUOGHI L appaltatore è tenuto a visitare i locali e gli spazi oggetto dei lavori di pulizia e a: - prendere visione della quantità e della qualità delle superfici da pulire, nonché della praticabilità dei locali e d ogni altro elemento necessario, sia per un esatta valutazione dei costi, oneri e spese generali, sia per tutti i problemi relativi alla sicurezza del lavoro; - valutare tutte le circostanze di luogo e di fatto che possano influire sullo svolgimento dei lavori stessi e sulla determinazione dell offerta. Pertanto l appaltatore non potrà pretendere sovrapprezzi o indennità speciali di nessun genere, anche nel caso di riscontrate difficoltà d esecuzione di alcuni servizi. La visita dei locali potrà essere effettuata previo accordo con i Coordinatori dei servizi educativi. ARTICOLO 9 MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PULIZIA E SANIFICAZIONE Le prestazioni di pulizia e sanificazione devono essere eseguite, con materiali e macchinari propri dell appaltatore, garantendo che nel corso della giornata, sulla base delle attività svolte e delle necessità emergenti, siano assicurate le condizioni igieniche e di decoro ottimali all interno di ogni struttura oggetto del servizio. Gli interventi da svolgere sono di carattere giornaliero e periodico e comprendono anche le pulizie a fondo all apertura dell anno scolastico. Qualora l Amministrazione Comunale, nella sua attività di controllo, rilevi un livello insoddisfacente nello stato di pulizia e di decoro della struttura, l appaltatore è tenuto ad apportare al piano delle pulizie, sulla base delle indicazioni fornite, le modifiche ritenute più idonee ad eliminare le criticità. ARTICOLO 10 PRODOTTI DI PULIZIA E MACCHINARI Sono posti a carico dell appaltatore gli oneri relativi all acquisto e alla manutenzione di attrezzature e strumenti per la pulizia, nonché l acquisto di materiali e prodotti occorrenti per l espletamento del servizio. Si riportano i principali prodotti e materiali occorrenti che l appaltatore dovrà fornire: a) prodotti - disinfettante detergente per pulizia pavimenti e superfici varie; - detergente igienizzante per pulizia sanitari; - sanificante sbiancante per biancheria, wc, superfici varie; - disincrostante igienizzante anticalcare per superfici dei bagni; - pulitore specifico per macchie ostinate su superfici dure (inchiostro, pennarello,..); - prodotto per vetri e specchi; - prodotto antipolvere ad azione antistatica per pavimenti; - prodotto antipolvere ad azione antistatica per mobili; - detersivo per bucato; b) materiali - attrezzi (secchi, carrelli, mop, scope,...); - sacchetti per cestini delle aule e per i contenitori della raccolta rifiuti indifferenziata e differenziata dove necessario. c) tutto quanto altro sia necessario allo scopo (panni, spugne, stracci ecc). Si precisa che questo elenco è da intendersi puramente indicativo e non esaustivo. Può infatti presentarsi la necessità di utilizzare diversi e/o ulteriori prodotti, secondo la specifica tipologia di materiale presente nei singoli servizi. Pagina 5 di 12

6 I prodotti utilizzati per le pulizie dovranno essere rispondenti alle vigenti norme in materia e in particolare conformi alle seguenti caratteristiche: 1. Imballaggio Gli imballaggi dovranno essere costituiti da materiali riciclabili, ferma restando l indicazione dell Amministrazione di contenere, laddove possibile, la quantità degli stessi. L imballaggio e l etichettatura dovranno essere conformi a quanto previsto dal Regolamento CE n.1272/2008 e ss.mm.ii., nonché al D.Lgs. 65/2003 e al D.Lgs.145/2008 relativi alla classificazione, all imballaggio e all etichettatura dei preparati pericolosi 2. Prodotti del gruppo detersivi, disinfettanti, detergenti Le componenti chimiche dei detersivi, detergenti e disinfettanti, dovranno essere specificate nell apposita scheda tecnica e di sicurezza aggiornate alle normative vigenti in materia, con particolare riferimento al Regolamento (CE) n.1907/2006 concernente la registrazione, la valutazione, l autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH), compresi modifiche e adeguamenti. 3. Caratteristiche ambientali del prodotto I prodotti offerti dovranno essere conformi ai Criteri minimi ambientali individuati dal Piano di azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione ed adottati con il D.M. 24 maggio I prodotti dovranno possedere, altresì, le seguenti caratteristiche: a) non essere classificati: - molto tossici (T+); - tossici (T); - con le frasi di rischio R42 e/o R43; - pericolosi per l ambiente (N) secondo il Regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle sostanze e delle miscele che modifica e abroga le Direttive 67/548/CEE e 1999/45/CE e che reca modifica al Regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH); b) non devono contenere i seguenti ingredienti: - tensioattivi non rapidamente biodegradabili (test OECD 301 A-F). I tensioattivi devono essere conformi al Regolamento (CE) n. 1336/2008 recante modifica del Regolamento (CE) n. 648/2004; - quelli classificati come cancerogeni di categoria 1 o 2 (R45, R49), mutageni di categoria 1 o 2 (R46) o tossici per la riproduzione di categoria 1 o 2 (R60, R61), nonché ingredienti pericolosi per l ambiente (simbolo N): altamente tossico per gli organismi acquatici (R50), tossico per gli organismi acquatici (R51), può provocare a lungo termine effetti negativi per l'ambiente acquatico (R53); - nichel, cromo, cobalto, neomicina, formaldeide, esaclorofene, reoliti, silicati, EDTA, NTA e APEO; - sbiancanti a base di cloro (composti di cloro attivo); - composti di muschi azotati e muschi policiclici; Per una efficace tutela degli operatori, dovranno presentare entro limiti consentiti dalle attuali conoscenze tecnologiche e di produzione, PH neutro (o più vicino al neutro). Le caratteristiche ambientali di ogni prodotto richiesto, dovranno risultare dalle schede dei dati di sicurezza conformi a quanto previsto dal D.M. 24 maggio 2012 e successive modifiche, che dovranno essere allegate all offerta. Si presumono conformi alle caratteristiche su indicate: - i prodotti che hanno ottenuto il marchio comunitario di qualità ecologica Ecolabel (Regolamento CE n.66/2010) e che rispettano i criteri ecologici stabiliti con la Decisione della Commissione del e del 28 giugno 2011 per l assegnazione del marchio ai Detergenti multiuso e ai detergenti per servizi sanitari e successivi aggiornamenti; - i prodotti che hanno ottenuto il marchio Nordic Swan che rispettano i criteri stabiliti dal Nordic Ecolabelling per i Cleaning products, versione 3.3 ( ), e successivi aggiornamenti; Pagina 6 di 12

7 - i prodotti con marchio detergenza pulita AIAB. Le macchine, le attrezzature e il materiale di pulizia dovranno essere custodite presso le strutture in luoghi non accessibili ai bambini e conformi a quanto stabilito dal D.Lgs.81/08. L appaltatore sarà responsabile della custodia sia dei propri macchinari sia di quelli comunali utilizzati dal proprio personale dipendente, necessari per il servizio oggetto dell appalto e dei prodotti utilizzati, esonerando l Amministrazione da ogni responsabilità sia verso terzi che in caso di danneggiamenti o furti del proprio materiale. ARTICOLO 11 OBBLIGHI DELL APPALTATORE Tutte le spese necessarie al servizio in oggetto sono a totale carico dell appaltatore. Ogni responsabilità civile, penale o amministrativa per danni che dovessero derivare al Amministrazione Comunale o a terzi nell'espletamento del servizio, è a totale carico dell appaltatore, senza riserve od eccezioni. L appaltatore si obbliga a: - effettuare le prestazioni giornaliere durante l orario di apertura delle strutture, con personale in numero sufficiente allo svolgimento del servizio, il quale dovrà risultare in possesso dei requisiti curriculari indicati in sede di offerta; - far tenere ai dipendenti, durante lo svolgimento del servizio, un contegno corretto, irreprensibile, riservato e disponibile alla collaborazione con altri operatori ed in particolare nei riguardi dell utenza, nonché dotare il personale di un visibile segno di riconoscimento (placca, distintivo, o quant altro) onde evitare che persone non autorizzate accedano ai locali; - il personale addetto deve costituire, compatibilmente con l efficienza dell organizzazione del lavoro e nel rispetto delle norme di legge e contrattuali che consentono ai lavoratori periodi di assenza dal servizio, un riferimento il più possibile stabile per gli utenti presenti nelle strutture e comunque nel rispetto del progetto presentato; - entro trenta (30) giorni dall aggiudicazione l appaltatore dovrà trasmettere ai competenti uffici dell Amministrazione l elenco del personale operante con esatte generalità e domicilio e con l indicazione delle ore giornaliere di lavoro assegnate a ciascun dipendente; L appaltatore dovrà provvedere alla sostituzione del personale per qualsiasi motivo assente entro la prima giornata di assenza e comunque sempre nel rispetto di quanto indicato nel progetto. L Amministrazione Comunale è sollevata da qualsiasi obbligo e responsabilità per quanto riguarda le retribuzioni, i contributi assicurativi e previdenziali, l assicurazione contro gli infortuni, la responsabilità verso terzi, fatto salvo quanto disciplinato dall art.4 del D.P.R.207/2010 in caso di inadempienza contributiva. L appaltatore è tenuto ad individuare e comunicare per iscritto all Amministrazione il nominativo di un responsabile del servizio avente i seguenti requisiti: - autonomia operativa adeguata a rendere funzionale il servizio e a risolvere tutti gli eventuali problemi operativi; - reperibilità dalle ore 7:30 del mattino fino alle ore 17:30; - esperienza almeno biennale nella conduzione di servizi analoghi e non inferiori per dimensioni a quelli oggetto dell appalto, che consenta di sovrintendere a tutte le operazioni connesse all erogazione del servizio e di esserne garante. Il responsabile è diretto interlocutore dell'amministrazione; egli è tenuto a partecipare, se appositamente convocato, a eventuali incontri inerenti al servizio con il Amministrazione Comunale. In caso di sua assenza, il gestore deve provvedere alla sua sostituzione con altro in possesso degli stessi requisiti professionali. L appaltatore, prima di iniziare il servizio, dovrà attivare nel territorio del Amministrazione Comunale di Perugia un ufficio ed un utenza telefonica/fax urbana, dotata anche di segreteria, per tutte le comunicazioni inerenti al servizio. L appaltatore si obbliga ad assicurare l erogazione dei servizi minimi essenziali secondo le modalità e i termini di cui alla normativa vigente, anche facendo rispettare ai propri dipendenti le disposizioni di cui alla Pagina 7 di 12

8 Legge 12 Giugno 1990 n.146 e ss.mm.ii. sull esercizio del diritto di sciopero e coerentemente con quanto specificato nella propria offerta. ARTICOLO 12 PERSONALE L appaltatore, qualora applichi il CCNL delle Cooperative del settore socio-sanitario assistenzialeeducativo e di inserimento lavorativo, è tenuto altresì all applicazione dell art.37 in materia di riassorbimento e salvaguardia del personale attualmente impegnato nei servizi. Nel caso in cui l appaltatore applichi un CCNL diverso da quello delle Cooperative del settore socio-sanitario assistenziale-educativo e di inserimento lavorativo, ove non sia contemplata una disposizione analoga al citato art. 37, l appaltatore subentrante si obbliga ad assumere prioritariamente tutti i lavoratori presenti nel precedente appalto, garantendo - compatibilmente con la sua organizzazione e le mutate esigenze tecnico-organizzative - il rispetto degli accordi attualmente in vigore e scaturenti dalla contrattazione collettiva nazionale di settore, nonché quella integrativa aziendale e sottoscritti dagli attuali appaltatori e dalle OO.SS.LL. ARTICOLO 13 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA È fatto obbligo all appaltatore, al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori, di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. n.81/2008 e ss.mm.ii. ed al complesso delle normative vigenti in materia di sicurezza, prevenzione e protezione sui luoghi di lavoro. L Amministrazione Comunale ha ritenuto che nello svolgimento dei servizi oggetto del presente appalto vi siano dei rischi interferenti con le attività svolte, nei medesimi immobili, dal proprio personale e pertanto ha proceduto, ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. n.81/2008, alla predisposizione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali (DUVRI) e alla stima dei relativi costi per la sicurezza. Il DUVRI viene allegato al bando di gara ai fini della formulazione dell offerta; in particolare i costi della sicurezza non risultano soggetti a ribasso. Le procedure di lavoro e di gestione della sicurezza dell appaltatore dovranno uniformarsi ai contenuti del DUVRI. Qualora il gestore ritenga, sulla base della propria esperienza, di poter meglio garantire la sicurezza del lavoro, nella comunicazione dei rischi specifici inerenti alla propria attività, prima dell avvio dell appalto, può presentare proposte di integrazione al DUVRI, senza tuttavia che questo possa comportare modifiche o adeguamenti dei costi della sicurezza stimati dall Amministrazione. Il DUVRI è altresì da considerarsi allegato obbligatorio del contratto di appalto o d opera. ARTICOLO 14 DANNI A PERSONE O COSE L appaltatore assumerà ogni responsabilità per casi di infortunio o di danni arrecati al Amministrazione Comunale di Perugia, ai terzi ed ai fruitori del servizio in dipendenza di dolo o colpa nell adempimento degli obblighi previsti dal presente capitolato. L appaltatore assumerà altresì la responsabilità per i danni a persone e/o a cose, sia per quanto riguarda i dipendenti ed i materiali di sua proprietà, sia per quelli che esso dovesse arrecare a terzi in conseguenza dell espletamento del servizio e delle attività connesse esonerando, dunque, il Amministrazione Comunale di Perugia da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo. ARTICOLO 15 COPERTURE ASSICURATIVE L appaltatore, per i fini di cui al precedente art. 14, è obbligato a stipulare ed a consegnare al responsabile del procedimento polizza assicurativa R.C.T. (Responsabilità Civile verso Terzi) con decorrenza dalla data di inizio del presente appalto e con durata sino al termine dello stesso, per un massimale non inferiore a un milione di euro ( ,00) per sinistro, o, in alternativa, potrà produrre polizza assicurativa R.C.T. generale di cui è gia in possesso, previa visione ed accettazione delle condizioni e delle relative coperture dei rischi da parte del Amministrazione Comunale di Perugia. Pagina 8 di 12

9 ARTICOLO 16 ATTIVITÀ DI CONTROLLO L Amministrazione effettuerà controlli volti a verificare la rispondenza delle attività svolte rispetto a quanto previsto dal capitolato. Quando durante tali controlli emergano difetti o imperfezioni, insufficienze o deficienze che incidano sulla qualità del servizio (sia in termini di tempi e modalità di esecuzione, che di qualità o quantità di prodotti e attrezzature utilizzati), ma anche in seguito a reclami o rilievi pervenuti da personale educativo o da genitori (per esempio sul comportamento degli operatori), l ufficio competente, con lettera raccomandata, procede alla formale contestazione dei fatti rilevati invitando l'appaltatore a formulare eventualmente le proprie giustificazioni e contro deduzioni ovvero a sanare l inadempienza riscontrata, entro il termine assegnato secondo il caso. L Amministrazione Comunale può intimare inoltre, a seguito di specifica e motivata segnalazione delle coordinatrici dei servizi, l'immediata sostituzione del personale che non osservi un adeguato contegno o sia abitualmente trascurato nell'abbigliamento o usi un linguaggio scorretto e riprovevole ovvero non offra sufficienti garanzie di riservatezza, adeguatezza e professionalità nello svolgimento delle proprie mansioni, o che, comunque, dovesse risultare inidoneo allo svolgimento del servizio stesso. ARTICOLO 17 VARIAZIONI DELLE PRESTAZIONI L Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre quelle varianti al contratto che a suo insindacabile giudizio ritiene opportune, con l osservanza delle prescrizioni ed entro i limiti stabiliti dall articolo 311 del D.P.R.207/2010. L appaltatore è obbligato ad assoggettarsi alle variazioni in aumento o diminuzione ordinate dalla stazione appaltante fino alla concorrenza di un quinto del prezzo complessivo del contratto alle stesse condizioni previste da quest ultimo. In caso di aumento o riduzione, il corrispettivo dell'appalto subirà un aumento o una diminuzione proporzionale a decorrere dalla data indicata nella relativa comunicazione. Nessuna indennità o rimborso sono dovuti per qualsiasi titolo a causa della riduzione del corrispettivo. Ai sensi dell art. 311, comma 6, del D.P.R.207/2010, l appaltatore ha l obbligo di eseguire tutte quelle variazioni di carattere non sostanziale ritenute idonee dall Amministrazione. Ai sensi dell art. 310 del D.P.R. 207/2010, non saranno riconosciute come varianti al contratto, prestazioni e attività di qualsiasi genere eseguite dall appaltatore senza l autorizzazione scritta del direttore dell esecuzione preventivamente approvata dal Amministrazione Comunale. Non costituiscono varianti ai sensi del comma 1 del presente articolo, gli interventi in aumento o in diminuzione disposti dal direttore dell esecuzione per assicurare il miglioramento o la migliore funzionalità delle prestazioni oggetto del contratto, sempre che gli stessi siano contenuti entro un importo non superiore al 5% e trovino copertura nella somma stanziata per l esecuzione della prestazione. L Ente, qualora ne ricorrano i presupposti di fatto e di diritto, potrà inoltre richiedere all aggiudicatario servizi complementari, ai sensi dell art. 57, comma 5, lett. a), del D.Lgs.163/2006 ss.mm.ii. ARTICOLO 18 CORRISPETTIVO Il corrispettivo sarà erogato mensilmente dall Amministrazione Comunale dietro emissione di regolari fatture, una relativa ai servizi per la prima infanzia e una relativa alle scuole dell infanzia. Le fatture in modalità elettronica ai sensi della L. 244/2007 e del D.M. n. 55/2013, dovranno essere intestate a Comune di Perugia, - Corso Vannucci, Perugia e dovranno riportare: - l oggetto dell appalto; - il codice CIG E0B ; - il numero di conto corrente postale o bancario dedicato per l'effettuazione del pagamento; - i dati relativi alla copertura finanziaria della spesa, comunicati dall'amministrazione; Non si darà corso al pagamento di fatture che non siano corredate della documentazione richiesta. Pagina 9 di 12

10 Il corrispettivo contrattuale sarà decurtato della ritenuta dello 0,50 per cento ai sensi dell'art. 4, comma 3, del D.P.R. 207/2010, che sarà svincolata dall'ente al termine del contratto, a seguito della verifica di conformità del servizio. Il pagamento delle fatture sarà effettuato entro 30 giorni dal ricevimento al Protocollo dell Ente comunale. L Amministrazione procederà ai pagamenti solo a seguito di apposita verifica della regolarità del documento unico di regolarità contributiva (DURC). In caso di accertata irregolarità del DURC da parte degli organi competenti, il termine di pagamento resterà sospeso sino ad avvenuta regolarizzazione dello stesso, senza che l aggiudicatario abbia nulla a pretendere. In caso di fattura irregolare il termine di pagamento verrà sospeso dalla data di contestazione. ARTICOLO 19 TRACCIABILITÀ DEI PAGAMENTI I pagamenti in conto o a saldo in dipendenza del presente contratto saranno effettuati mediante accredito su apposito conto corrente bancario o postale acceso presso banche o presso la Società Poste Italiane s.p.a. ai sensi dell art. 3 della Legge 13 agosto 2010, n. 136; L appaltatore ha l obbligo di comunicare tempestivamente a questa stazione appaltante gli estremi identificativi dei conti correnti di cui al precedente comma, nonché, nello stesso termine, le generalità ed il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. È fatto obbligo all appaltatore, pena la nullità del contratto, di osservare, in tutte le operazioni ad esso riferite, le norme sulla tracciabilità dei flussi finanziari di cui all art. 3 della Legge 13 agosto 2010, n La clausola risolutiva di cui al comma precedente sarà avviata in tutti i casi in cui le transazioni sono state eseguite senza avvalersi di banche o della Società Poste Italiane s.p.a. ARTICOLO 20 SUBAPPALTO, CESSIONE DEL CONTRATTO E CESSIONE DEI CREDITI È vietato il subappalto. È vietata la cessione del contratto sotto qualsiasi forma; ogni atto contrario è nullo di diritto. È ammessa la cessione dei crediti, ai sensi del combinato disposto dell articolo 117, comma 1, del D.Lgs.163/2006 e della legge 21 febbraio 1991, n. 52, a condizione che il cessionario sia un istituto bancario o un intermediario finanziario iscritto nell apposito Albo presso la Banca d Italia e che il contratto di cessione, in originale o in copia autenticata, sia notificato all Amministrazione e da questa accettato ai sensi dell art. 117, comma 3, del D.Lgs.163/2006. ARTICOLO 21 INADEMPIENZE E PENALITÀ Nel caso in cui, per cause imputabili all'appaltatore, il servizio non venga espletato anche per un solo giorno o non sia conforme a quanto previsto dal capitolato e dal progetto tecnico presentato in sede di offerta, si applica una penale pari all 1 dell ammontare stimato contrattuale, per ogni giorno di ritardo o di non conformità, previa comunicazione effettuata mediante raccomandata A.R. relativa alle inadempienze constatate, con cui si assegnerà un congruo termine per controdedurre, comunque non inferiore a dieci giorni naturali e consecutivi dalla ricezione della comunicazione. Qualora le suddette controdeduzioni non siano accoglibili ovvero non vi sia stata risposta o la stessa non sia giunta nei termini assegnati, verrà applicata la penale sopra indicata. L importo della penale sarà trattenuto in sede di liquidazione delle fatture mensili. L importo complessivo delle penali irrogate non potrà superare il 10% dell importo contrattuale; qualora gli inadempimenti siano tali da comportare il superamento di tale percentuale l Amministrazione dichiarerà risolto il contratto per colpa dell appaltatore, ai sensi del successivo art. 22. L applicazione delle penali di cui al presente articolo non pregiudica il risarcimento di eventuali danni o ulteriori oneri sostenuti dalla stazione appaltante a causa dei ritardi o degli inadempimenti dell appaltatore. Pagina 10 di 12

11 ARTICOLO 22 RISOLUZIONE PER INADEMPIMENTO È fatta salva la facoltà dell Amministrazione Comunale di procedere alla risoluzione del contratto ai sensi degli artt e 1454 del codice civile, a tutto rischio e danno della appaltatore, e ritenere definitivamente la cauzione con riserva del risarcimento dei danni cagionati, qualora il servizio non venga effettuato secondo quanto pattuito e l appaltatore, diffidata per iscritto alla puntuale esecuzione della stessa, non provveda, entro il termine di tre giorni dalla relativa comunicazione (anche via fax), a sanare le inadempienze contrattuali. Nessun indennizzo o risarcimento è dovuto in caso di risoluzione all aggiudicatario. L Amministrazione si riserva di recedere dal contratto qualora accerti la disponibilità di nuove convenzioni Consip che rechino condizioni più vantaggiose rispetto a quelle praticate dall affidatario, nel caso in cui l appaltatore non sia disposta ad una revisione del prezzo in conformità a dette iniziative. Il recesso diverrà operativo previo invio di apposita comunicazione e fissando un preavviso non inferiore a 15 giorni. In caso di recesso verranno pagate al fornitore le prestazioni già eseguite ed il 10% di quelle non ancora eseguite ARTICOLO 23 CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA L Amministrazione Comunale si riserva altresì la facoltà di risolvere immediatamente il contratto, ai sensi e per gli effetti dell art del codice civile, qualora vengano riscontrati i seguenti inadempimenti: a) mancato reintegro del deposito cauzionale entro i termini stabiliti; b) intervenuto provvedimento di revoca dell'iscrizione dell appaltatore, se Cooperativa, nel registro regionale delle cooperative sociali; c) mancata applicazione del C.C.N.L. di riferimento e inosservanza delle norme relative alle assicurazioni obbligatorie ed antinfortunistiche, previdenziali ed assistenziali nei confronti del proprio personale e dei soci lavoratori; d) frode dell appaltatore atto a compromettere il risultato del servizio; e) quando si verifichino per più di tre volte nell arco di un mese le circostanze che danno luogo all applicazione di penale; f) gravi e continue violazioni da parte dell'appaltatore degli obblighi contrattuali, non regolate in seguito a diffida formale da parte dell Amministrazione Comunale di Perugia; g) in caso di cessione totale o parziale del contratto; h) in caso di subappalto i) perdita dei requisiti soggettivi ed oggettivi che consentano il regolare svolgimento del servizio. j) arbitrario abbandono del servizio anche relativo ad una sola struttura e per un solo giorno; k) qualora l'appaltatore o i suoi dipendenti pongano in essere atti che costituiscano direttamente o indirettamente grave violazione di legge o regolamenti, ovvero inosservanza di ordinanze e prescrizioni dell'autorità Comunale; l) nel caso di soppressione del servizio; In tali casi l Amministrazione dovrà comunicare, mediante lettera raccomandata e con preavviso di 30 giorni, che intende avvalersi della presente clausola risolutiva espressa ai sensi del citato art del Codice civile. Nelle predette circostanze l Amministrazione sarà tenuta a corrispondere solo il prezzo contrattuale dell appalto effettivamente espletato fino al giorno della risoluzione, dedotte le eventuali penalità e le spese sostenute nonché gli eventuali danni conseguenti l inadempimento stesso. Nessun indennizzo o risarcimento è dovuto in caso di risoluzione all aggiudicatario. ARTICOLO 24 ESECUZIONE IN DANNO Considerata la particolare natura delle prestazioni, il Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di affidare a terzi l effettuazione del servizio per qualsiasi motivo non reso dall appaltatore, con addebito a quest ultimo dell intero costo sopportato e degli eventuali ulteriori danni. Pagina 11 di 12

12 ARTICOLO 25 SPESE CONTRATTUALI, IMPOSTE, TASSE L appaltatore deve presentarsi alla stipulazione del contratto nel termine fissato dall Amministrazione Comunale. In caso di rifiuto alla stipulazione del contratto entro quindici (15) giorni dall apposito invito, l Amministrazione Comunale ha facoltà di revocare al medesimo, previa messa in mora, l affidamento dell appalto e procedere all escussione della cauzione provvisoria. Nei casi di motivata urgenza la S.A. può dare avvio all esecuzione anticipata del contratto, nelle more della stipula, ai sensi dell art. 11 comma 9 del D.Lgs.163/2006 e ss.mm.ii. L appaltatore è responsabile per i danni derivati all Amministrazione Comunale a seguito della mancata stipulazione del contratto per propria colpa, così come per i maggiori oneri da sostenere a causa delle diverse condizioni di affidamento ad altro soggetto. Sono a carico dell appaltatore: a) le spese contrattuali; b) le spese, le imposte, i diritti di segreteria e le tasse relativi al perfezionamento e alla registrazione del contratto; c) tutte le spese di bollo per gli atti occorrenti per la gestione del servizio. ARTICOLO 26 CONTROVERSIE Per qualsiasi controversia insorga fra le parti è competente, in deroga ad ogni altro Foro, quello di Perugia. Si esclude il ricorso al collegio arbitrale. ARTICOLO 27 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Ai sensi del D.Lgs. n.196 del l appaltatore verrà successivamente designato quale Responsabile del trattamento dei dati personali che saranno dallo stesso raccolti e trattati in relazione all espletamento del servizio. L appaltatore dichiara di conoscere gli obblighi previsti dalla predetta legge a carico del responsabile del trattamento e si obbliga a rispettarli, nonché a vigilare sull operato degli incaricati del trattamento. Le parti prestano il proprio reciproco consenso al trattamento dei propri dati personali all esclusivo fine della gestione amministrativa e contabile del presente contratto con facoltà, solo ove necessario per tali adempimenti, di fornirli anche a terzi. ARTICOLO 28 DOMICILIO LEGALE A tutti gli effetti del contratto, l appaltatore elegge domicilio legale presso la propria sede stabile e strutturata, indicata in sede di gara. L appaltatore garantisce che le comunicazioni e quant'altro, fatte pervenire dal Amministrazione Comunale alla suddetta sede, saranno tempestivamente ritirate e visionate. In caso di mancato ritiro delle raccomandate A/R, esse si intenderanno ricevute e produrranno i relativi effetti dopo 2 (due) giorni dalla data di avviso di giacenza Poste. ARTICOLO 29 NORME DI RINVIO Per quanto non espressamente previsto nel presente Capitolato speciale integrato dall offerta tecnica ed economica presentata in sede di gara, si fa riferimento al D.Lgs. n.163/2006, al D.P.R. n.207/2010, al Regolamento Comunale dei Contratti, alle disposizioni del Codice Civile ed alle altre disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia. Pagina 12 di 12

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari,

Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Contratto pubblico inerente servizio di pulizia della sede di Sardegna IT di Cagliari, Viale dei Giornalisti 6, Edificio E, per una durata di 24 mesi. L anno duemilatredici, il giorno 07 del mese di agosto

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA

CAPITOLATO TECNICO E DISCIPLINARE DI GARA Procedura aperta per l affidamento del servizio di pulizia ordinaria e di attività ausiliarie accessorie per la sede nazionale di Fondimpresa sita in Roma in via della Ferratella in Laterano n. 33 CAPITOLATO

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali.

per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. SERVIZIO SEGRETERIA AA.GG. CAPITOLATO SPECIALE D ONERI per l affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali. Pontecagnano Faiano,lì 28.07.2005 (Aggiornamento 4.08.2005) INDICE ART.1 NORME DI

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti

Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti Direzione Centrale Manutenzione, Contratti e Beni Confiscati Acquisti PROCEDURA DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, IGIENE AMBIENTALE E FACCHINAGGIO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI UFFICI DELL

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

CONTRATTO di prestazione di servizi

CONTRATTO di prestazione di servizi CONTRATTO di prestazione di servizi tra CLENEAR S ROSY di Nappi Maria Rosaria con sede in Via Moncenisio, 27-20031 Cesano Maderno (MI) E Nome Cognome. luogo e data di nascita residenza o domicilio.. codice

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

PROGETTO DEL SERVIZIO

PROGETTO DEL SERVIZIO GISEC S.p.A. a Socio Unico Gestione Impianti e Servizi Ecologici Casertani Società soggetta ad attività di Direzione e Coordinamento da parte della Provincia di Caserta Sede Legale in Corso Trieste, 133

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 1 DISCIPLINARE DI GARA GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli