UN ANNO PER LO SVILUPPO DEI POPOLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UN ANNO PER LO SVILUPPO DEI POPOLI"

Transcript

1 Via Germanico, Roma Italia Tel Fax Web Roma, 31 maggio 2014 UN ANNO PER LO SVILUPPO DEI POPOLI LINEE D INTERVENTO, GESTIONE E BILANCIO DEL CISP SVILUPPO DEI POPOLI

2 A cura della Direzione e dell Ufficio Amministrativo del CISP SOMMARIO 1. Nota Introduttiva pag Paesi e settori di intervento nel 2013 Relazione di missione pag La Verifica dell applicazione del Sistema di Gestione... pag Bilancio del 2013 pag Nota Integrativa al Bilancio del 2013 pag Relazione del Collegio dei Revisori dei Conti pag Relazione della Società di Revisione al Bilancio del 2013 pag. 31 2

3 1. Nota Introduttiva UN ANNO PER LO SVILUPPO DEI POPOLI Questa relazione è stata predisposta per la riunione del Consiglio Direttivo del 21 maggio 2014 e successivamente integrata per l Assemblea dei soci del 31 maggio La relazione, oltre a presentare i dati del bilancio consuntivo del 2013, corredati dalla nota integrativa, dalla relazione del Collegio dei Revisori dei Conti e dalla relazione della società di revisione, espone anche le principali attività svolte dal CISP nel corso del In questo modo i soci, i sostenitori e tutti coloro a diverso titolo interessati alle attività della nostra associazione possono disporre al tempo stesso di dati finanziari e di informazioni sull andamento delle nostre attività nel corso dell anno di riferimento. 2. Paesi e settori di intervento nel 2013 Relazione di Missione Nel 2013 il CISP ha continuato il proprio impegno e ha lavorato con e per le comunità di più di 26 paesi di Africa, America Latina, Asia e Medio Oriente. Anche quest anno gli interventi e le attività del CISP sono stati focalizzati alla promozione, al sostegno e al rafforzamento della lotta alla povertà e all esclusione sociale, con una particolare attenzione alla protezione dei diritti di individui e gruppi sociali vulnerabili. Un patrimonio progettuale articolato e mirato a uno sviluppo sostenibile e partecipato delle comunità che serviamo. In Africa i programmi hanno direttamente interessato Algeria (compresi i campi dei rifugiati Sahrawi) nel Maghreb; Somalia, Etiopia e Kenya nell Africa Orientale; Namibia e Malawi nell Africa Meridionale; Repubblica Democratica del Congo e Niger nell Africa Centrale e Occidentale; mentre si sono realizzate attività strutturate nel quadro di programmi plurinazionali o significative attività di promozione in diversi altri paesi come Tunisia, Mali, Burkina Faso, Ghana, Sud Sudan. I temi chiave dall azione del CISP in Africa sono stati la salute, l accesso all acqua e alle cure sanitarie, l educazione, la sicurezza alimentare, lo sviluppo economico e sociale, la protezione e prevenzione della violazione dei diritti di donne e bambini, la valorizzazione delle risorse ambientali e culturali. Sono stati lanciati o rafforzati durante l anno i programmi a tutela della salute materno infantile (Mother and Child Health) in Somalia; le attività di educazione nelle aree pastorali e rafforzamento della resilienza nelle comunità più vulnerabili in Etiopia; progetti di emancipazione economica in Malawi con l esperienza dei Village Savings and Loans Associations e il lavoro di supporto ai piccoli produttori della 'Catena del riso' (Rice Value Chain Development Project) per il miglioramento della produzione e l accesso ai mercati; le attività di sostegno ai migranti congolesi espulsi dall Angola; interventi di protezione ai rifugiati urbani in Kenya. In America Latina e nei Caraibi il CISP ha continuato ad operare in: Guatemala, Honduras e El Salvador in America Centrale; Cuba, Repubblica Dominicana e Haiti nei Caraibi; Argentina, Brasile, Colombia, Ecuador, Paraguay, Perù e Venezuela in America del Sud. I principali ambiti settoriali dei progetti hanno continuato a essere l educazione, l attenzione integrale alle popolazioni sradicate dai propri territori a causa dei conflitti armati, l assistenza alle popolazioni rifugiate, la riabilitazione dei tessuti produttivi, la prevenzione dei disastri, l impulso alla piccola impresa e la tutela dei diritti dei popoli indigeni. Sempre più incisivo è stato l impegno e il sostegno ai processi di sviluppo economico, tecnologico e sociale. In molti dei paesi in cui opera, il CISP è partner delle autorità nazionali per azioni di educazione e sensibilizzazione alla cittadinanza e per costruire una cultura dei diritti. È il caso in Colombia della campagna di sensibilizzazione Abre tus ojos Colombia! (Apri gli occhi Colombia!) lanciata insieme all Agenzia Presidenziale per la Cooperazione Internazionale colombiana (APC) per informare e tenere alta l attenzione sulla prevenzione e la protezione dei bambini e adolescenti contro lo sfruttamento sessuale. Si é ulteriormente sviluppata la partecipazione del CISP al programma EUROsociAl per il dialogo eurolatinoamericano a sostegno di politiche pubbliche per la coesione sociale, inserendosi positivamente in molti processi di riforma e aggiornamento dei servizi sociali e di orientamento al lavoro. 3

4 In Asia il CISP lavora nel settore produttivo in Myanmar a sostegno delle piccole e medie imprese e del sistema cooperativo in partenariato con ONG ed istituzioni locali ed internazionali, partecipando alla realizzazione di un progetto di sostegno e promozione di cooperative produttive, formate principalmente da donne. In Medio Oriente l impegno del CISP si è concentrato principalmente in Libano e in Palestina. Nel perdurare della crisi in Siria e dei conseguenti effetti devastanti sulla popolazione siriana e dei paesi della regione, il CISP ha continuato l assistenza umanitaria ai rifugiati in Libano nel quadro della risposta internazionale coordinata dalle Nazioni Unite. Numerosi sono stati gli interventi di assistenza ai rifugiati siriani e alle comunità libanesi ospitanti, per migliorare le condizioni igienico sanitarie e di approvvigionamento idrico, nonché per migliorare le condizioni abitative dei rifugiati e per garantire il diritto all istruzione. Contemporaneamente il CISP ha continuato il pluriennale programma di potenziamento del sistema nazionale di gestione delle emergenze sanitarie e pronto soccorso gestito dalla Croce Rossa Libanese, in collaborazione con enti specializzati italiani. In Palestina il CISP ha proseguito le attività nel settore della sicurezza alimentare e della risposta all emergenza siccità, soprattutto a sostegno delle comunità beduine dell area di Gerico (Valle del Giordano) e di Gerusalemme (ad es. sostegno a cooperativa di allevatori beduini, promozione di una clinica veterinaria, distribuzione di acqua potabile). In Armenia è continuato il progetto centrato sul diritto alla scolarità di fasce povere di bambini e adolescenti nel nord del paese (Vanadzor) e sono state avviate importanti attività a favore dell empowerment economico delle donne e nel settore Migrazione & Sviluppo. Si è consolidata la partecipazione attiva del CISP in reti composte da ONG e organizzazioni della società civile armena su varie tematiche relative allo sviluppo sostenibile nel paese, e a tavoli di coordinamento promossi da Agenzie Internazionali e dalla delegazione dell Unione Europea a Yerevan. In Bosnia Herzegovina, il CISP ha proseguito la sua azione in favore dei gruppi più vulnerabili della popolazione, partecipando a reti nazionali attive in vari settori tra cui l ambiente ed l educazione. In Italia si è consolidato, anche tramite la firma per il terzo anno di un Accordo Quadro tra il CISP e l Università Roma 3, un progetto centrato sull attivazione e gestione di un servizio di orientamento al lavoro per studenti e giovani laureati con disabilità. E stato reso operativo un programma per le scuole sui temi dell educazione alla cittadinanza mondiale e avviato un progetto finanziato dall Unione Europea volto ad introdurre in 6 Paesi europei l'educazione alla cittadinanza mondiale nei curricula scolastici di storia, geografia, economia ed educazione civica. Nel campo dell alta formazione, nel quadro della partecipazione al Cooperation and Development Network (CDN), è proseguita la partecipazione al Master Universitario Internazionale in Cooperazione e Sviluppo di Pavia, alla Scuola in Cooperazione Internazionale (ELACID) e al relativo Master a Cartagena de Indias in Colombia, al Master di Betlemme (MICAD) in Palestina e di Kathmandu in Nepal. Infine ha avuto ufficialmente inizio il MECOHD - Master of Economics (Cooperation and Human Development) che il CISP, nell'ambito del CDN, sta coordinando a Nairobi in partenariato con la Kenyatta University, il Tangaza College, UNDP, l'università di Pavia e lo IUSS. 4

5 AL CAÍDO CÁELE Avevo un lavoro decente con il quale pagare l'affitto e garantire, da capo famiglia, un futuro ai miei figli. Il carretto, che chiamavo "la mia regina", era il mio lavoro. Un giorno ho pensato che con un prestito avrei potuto migliorare la mia attività, guadagnare di più e fornire ai miei figli condizioni di vita migliori. Ma il giorno in cui ho deciso di prendere il primo prestito paga diario la mia vita é cambiata. Non riuscendo a rimborsarlo ho preso un secondo prestito per tentare di pagare il primo, ma nemmeno così ci sono riuscita. Allora i gruppi armati, las autodefensas, hanno iniziato a importunarmi e aggredirmi. Mi chiedevano Se non paghi, come risolviamo il problema? A causa della pressione e delle continue minacce sono dovuta scappare, disperata, senza nemmeno guardarmi indietro. Quegli uomini mi hanno costretta a lasciarmi alle spalle i miei figli, il mio lavoro, la mia città natale, la mia vita. Sono riuscita a portare con me solo il mio figlio più piccolo, che all epoca aveva meno di un anno. Una conoscente mi ha aiutato a trovare un lavoro in un bar. A quel punto pensavo di essere al sicuro, ma mentre lavoravo lì sono stata obbligata a prostituirmi, lasciando mio figlio nelle mani di un estranea in una condizione di scarsissima sicurezza. Più avanti ho conosciuto un uomo soprannominato "la pulga" che si é offerto di aiutarmi dandomi un posto in una discarica in cui venivano separati il metallo dall immondizia. Chiaramente non mi pagava, ma almeno avevo un luogo sicuro dove vivere in cambio del mio ruolo di sorvegliante notturna. Stare in quel posto mi riempiva di tristezza e dolore, perché pensavo ai miei figli e non averli con me non era affatto facile. In questa disperazione decisi di avere un compagno che mi potesse aiutare, ma anche questa storia finì in tragedia poiché mi mise incinta e subito dopo mi abbandonò, andandosene... al caído cáele. Ringraziando Dio, una mattina arrivò alla discarica il procuratore per i diritti umani che mi presentò una persona del CISP, che ci parlò delle loro attività e mi incluse tra i beneficiari del progetto ECHO a. Da allora ho trovato un sostegno e mi sono sentita protetta, umana. Sono felice che ci siano ancora organizzazioni e persone che scelgono di aiutare gli altri. Il CISP, con il progetto ECHO, ha risvegliato la speranza nella mia vita, facendomi provare un profondo desiderio di miglioramento. Ringrazio Dio di avere incontrato queste persone, che mi hanno aiutata a superare una forte crisi e a sostenere la mia famiglia con il pagamento dell affitto, con il cibo e altri aiuti. Tutti noi siamo molto grati al CISP e al progetto ECHO per tutto quello che hanno fatto per noi. b a European Community Humanitarian Office b I contenuti di questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità del CISP e in nessun modo riflettono il punto di vista dell Unione Europea 5

6 3. La Verifica dell applicazione del Sistema di Gestione Premessa Il 16 marzo del 2009 il Consiglio Direttivo del CISP ha approvato ufficialmente il Sistema di Gestione 1, composto da tre parti: il Manuale Amministrativo, il Codice di Comportamento e il Sistema di Verifica. In particolare, il Sistema di Verifica è finalizzato a monitorare il rispetto del Sistema di Gestione da parte degli uffici paese del CISP e della direzione. Altri obiettivi dell attività di verifica sono: identificare le principali difficoltà esistenti, in ogni paese, per la corretta applicazione del Sistema; identificare eventuali contenuti e parti del Sistema di Gestione che necessitano aggiornamenti e integrazioni, alla luce dell evoluzione del contesto di riferimento del CISP e dei mutamenti del quadro legislativo e dei regolamenti ai quali il CISP è sottoposto. In linea con gli obiettivi richiamati, è stata redatta la presente relazione, che si riferisce al periodo 1 gennaio dicembre 2013 e si compone di due parti: l applicazione del Sistema di Gestione negli uffici dei paesi terzi del CISP, a cura del Direttore. In data 22 giugno 2013 l Assemblea del CISP ha eletto Direttore Luigi Grando, che è succeduto a Paolo Dieci. La relazione è stata congiuntamente curata dal Direttore uscente e dal nuovo Direttore. verifica sull attività del Direttore, a cura del Responsabile dell Ufficio Amministrativo. In questo caso la verifica ha riguardato l operato di Paolo Dieci (fino al 22 giugno 2013) e di Luigi Grando (dal 23 giugno al 31 dicembre 2013). 1 Si riporta in nota l introduzione del Sistema di Gestione del Consiglio Direttivo del CISP. La vita organizzativa del Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli (CISP) è caratterizzata da molteplici livelli di complessità. Difatti, nel quadro di principi ispiratori e orizzonti valoriali unitari e unificanti, riassunti nel Codice di Condotta per i programmi di cooperazione e nella Dichiarazione di Intenti Per i Diritti e contro la Povertà, il CISP svolge interventi di varia natura in paesi diversi, con quadri legislativi e normativi assai differenziati. Al tempo stesso, il CISP deve rispondere a una pluralità di esigenze di natura procedurale e amministrativa ispirate da donatori pubblici e privati con i quali collabora e dai quali riceve finanziamenti e contributi. Infine il CISP, in quanto organizzazione costituita in Italia, deve ispirarsi al rispetto delle normative che governano la vita delle entità senza scopo di lucro in questo paese. E al fine di tenere conto di questa pluralità di esigenze che la nostra Organizzazione non Governativa (ONG) ha deciso di dotarsi di uno strumento aggiornato e unitario: il Sistema di Gestione del CISP. L elaborazione del relativo documento trae origine da una revisione degli strumenti preesistenti e dai risultati di uno studio commissionato nel corso del 2008 sull adeguatezza del nostro modello organizzativo. Lo studio, realizzato da giuristi esperti del settore, è stato condotto attraverso la partecipazione dello staff della Sede di Roma e di diversi uffici nei paesi terzi (Etiopia, Namibia, Somalia, Sudan, Argentina, Colombia, Ecuador) ed ha avuto lo scopo di suggerire adeguamenti al sistema di gestione anche sulla base dello spirito del decreto legislativo 231 del 2001, che riguarda la responsabilità amministrativa delle imprese e si estende anche al settore del non profit. Il risultato di questo processo è il Sistema di Gestione del CISP, che si compone di tre documenti: il Manuale amministrativo; il Codice di comportamento; il Sistema di verifica. La raccomandazione rivolta a tutto il personale, a diversi livelli impegnato nel CISP, è di approfondire la conoscenza di questi testi e di porre alla Sede di Roma quesiti di qualsiasi natura nel caso in cui alcune parti non risultassero del tutto chiare o sorgessero dubbi circa l applicazione pratica del sistema in determinate specifiche circostanze. Ci auguriamo infine che l adozione del presente sistema di gestione possa contribuire a rafforzare l efficacia della nostra azione, nell interesse primario delle popolazioni e comunità con le quali e per le quali il CISP opera, con il fine di estendere diritti, assicurare assistenza umanitaria e ridurre la povertà. Il Consiglio Direttivo del CISP Roma, 16 marzo

7 PARTE PRIMA - L applicazione del Sistema di Gestione negli uffici dei paesi terzi del CISP A inizio 2014, sono state richieste informazioni ai RAG del CISP, al fine di accertare la comprensione e applicazione del Sistema di Gestione nei paesi di riferimento. A seguire si riportano gli uffici paese coinvolti nella consultazione. AFRICA MEDIO ORIENTE EUROPA DELL'EST AMERICA LATINA E CARAIBI Algeria, Somalia, Sud Sudan, Etiopia, Kenya, RDC, Malawi, Niger Palestina, Libano Armenia, Bosnia Erzegovina Colombia, Cuba, Argentina, Ecuador, Guatemala, Venezuela, Haiti, Brasile. Il risultato della verifica, confortato peraltro da diverse missioni dalla Sede di Roma, è senz altro positivo. Il Sistema di Gestione tende infatti a radicarsi nella vita organizzativa del CISP e il suo livello di applicazione è molto alto. Fatta questa premessa si espongono ora i dati acquisiti. 1. La conoscenza e l osservanza del Sistema di Verifica del CISP è esplicitamente menzionata nei contratti di lavoro con il personale locale? In tutti i casi nei quali esistono contratti con personale locale la risposta è affermativa. 2. Si sono verificati casi nei quali l aggiudicazione di appalti per beni, opere civili o servizi sia stata condizionata dalla partecipazione ai comitati di selezione di persone con interessi condivisi con società partecipanti alle gare e/o alle selezioni? Non si sono registrati casi critici nel Hai mai ricevuto pressioni da parte di persone e/o uffici del CISP per la selezione di società alle quali affidare l esecuzione di opere, servizi o di acquisti? Nessun caso registrato. 4. Si sono mai verificati, a tua conoscenza, casi nei quali personale del CISP e/o collaboratori hanno violato diritti sindacali e di altra natura di terze persone nell esercizio delle loro funzioni? Nessun caso registrato. 5. Sono stati ricevuti contributi finanziari non registrati ufficialmente nella contabilità del CISP? Nessun caso registrato. 6. Sono stati ricevuti contributi finanziari dei quali non si conoscesse l origine? Nessun caso registrato. 7. Sono stati stipulati direttamente nel paese contratti di lavoro con collaboratori espatriati (ossia con persone che hanno una nazionalità diversa rispetto al paese dove si svolge la collaborazione) senza avere prima richiesto ed ottenuto un autorizzazione dalla Sede di Roma? Nessun caso registrato. 7

8 PARTE SECONDA - Verifica sull attività del Direttore l applicazione del Sistema di Gestione negli uffici dei paesi terzi del CISP, a cura del Direttore. In data 22 giugno 2013 l Assemblea del CISP ha eletto Direttore Luigi Grando, che è succeduto a Paolo Dieci. La relazione è stata congiuntamente curata dal Direttore uscente e dal nuovo Direttore. verifica sull attività del Direttore, a cura del Responsabile dell Ufficio Amministrativo. In questo caso la verifica ha riguardato l operato di Paolo Dieci (fino al 22 giugno 2013) e di Luigi Grando (dal 23 giugno al 31 dicembre 2013). 1. Periodo di riferimento e Attività svolte Il periodo di riferimento di questa relazione è compreso tra il 1 Gennaio 2013 e il 31 Dicembre Le informazioni sono state acquisite tramite la verifica degli atti sottoscritti dal Direttore nell esercizio delle sue funzioni, tra i quali: firma di mandati di pagamento, lettere inviate agli uffici paese, indicazioni impartite alla Sede di Roma. 2. Conclusioni Analogamente a quanto registrato nell anno precedente, non si sono registrati casi nei quali il Direttore abbia autonomamente deciso ed effettuato spese o movimentazioni finanziarie in assenza di specifiche e motivate richieste vistate dai referenti operativi ed amministrativi interni. Al tempo stesso non risulta alcuna diretta o indiretta partecipazione della Direzione nella gestione di appalti di alcuna natura, in Italia e all estero, al di là della fisiologica funzione di supervisione sulla regolarità dei processi seguiti e successivo avallo delle decisioni assunte da altri organi interni e/o da comitati di selezione stabiliti allo scopo. In nessun caso risulta che il Direttore abbia: avallato o favorito la ricezione di contributi finanziari di origine ignota; cercato di condizionare o interferire nell aggiudicazione di appalti per beni, opere civili o servizi realizzata dal CISP; concorso alla violazione di diritti sindacali e di altra natura di dipendenti e collaboratori del CISP; violato alcuna delle norme contenute nel Sistema di Gestione del CISP. 8

9 4. Bilancio 2013 B Immobilizzazioni UN ANNO PER LO SVILUPPO DEI POPOLI Stato patrimoniale ATTIVO I - Immobilizzazioni immateriali 3.361, ,00 Software 3.361, ,00 II - Immobilizzazioni materiali , ,44 Mobili e attrezzature ufficio , ,08 Immobili , ,00 Automezzi , ,36 III - Immobilizzazioni finanziarie 4.142, ,47 Depositi cauzionali 3.617, ,47 Titoli 525,00 525,00 Totale Immobilizzazioni , ,91 C - Attivo circolante I - Rimanenze 159,60 310,00 Anticipi a fornitori 159,60 310,00 II - Crediti , ,74 Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni , ,00 Crediti diversi , ,74 IV - Disponibilità liquide , ,13 Cassa contanti 5.445, ,00 Banca e posta , ,13 Totale Attivo circolante , ,87 D - Ratei e risconti I - Ratei e risconti 0,00 0,00 Ratei attivi 0,00 0,00 Totale Ratei e risconti 0,00 0,00 TOTALE ATTIVO , ,78 CONTI D'ORDINE Fidejussioni Ricevute ,39 9

10 PASSIVO A - Patrimonio netto I. Fondo di dotazione , ,12 Fondo sociale , ,12 II. Patrimonio vincolato , ,08 Riserva rivalutazione immobile , ,08 III. Patrimonio libero , ,86 Risultato gestionale esercizio in corso 324, ,50 Avanzo esercizi precedenti , ,36 Totale Patrimonio netto , ,06 B - Fondo rischi e oneri Fondo rischi su crediti , ,77 Fondo contributi in contenzioso , ,24 Totale Fondo rischi e oneri , ,01 C - Fondo trattamento fine rapporto Fondo trattamento fine rapporto , ,78 Totale Fondo trattamento fine rapporto , ,78 D - Debiti Debiti diversi , ,48 Fornitori , ,45 Totale Debiti , ,93 TOTALE PASSIVO , ,78 CONTI D'ORDINE Istituti di credito c/fidejussioni ,39 10

11 Rendiconto gestionale a oneri e proventi ONERI 1 - Oneri da attività tipiche Progetti finanziati da MAE , , Progetti finanziati da CE , , Progetti finanziati da privati , , Progetti finanziati Contributi propri , , Progetti finanziati da altri enti governativi , , Progetti finanziati da altri enti non governativi , ,46 Totale Oneri attività tipiche , , Oneri da raccolta fondi Oneri da attività ordinarie di promozione , ,67 Totale Oneri da raccolta fondi , , Oneri da attività accessorie Totale Oneri da attività accessorie 0,00 0, Oneri finanziari e patrimoniali Oneri finanziari , ,73 Totale Oneri finanziari e patrimoniali , , Oneri straordinari Oneri diversi e straordinari , ,56 Totale Oneri straordinari , , Oneri di supporto generale Materie prime , , Servizi , , Personale , , Oneri diversi di gestione , , Ammortamento mobili e attrezzature d'ufficio , ,94 Totale Oneri di supporto generale , ,70 RISULTATO DI GESTIONE 324, ,50 TOTALE , ,93 11

12 PROVENTI 1 - Proventi da attività tipiche A.1 - Proventi da MAE , ,92 A.2 - Proventi da CE , ,16 A.3 - Proventi da privati , ,17 A.4 - Contributi propri , ,76 A.5 - Proventi da altri enti governativi , ,50 A.6 - Proventi da altri enti non governativi , ,63 Totale Proventi da attività tipiche , , Proventi da raccolta fondi Proventi da attività ordinaria di promozione , ,13 Totale Proventi da raccolta fondi , , Proventi da attività accessorie Totale Proventi da attività accessorie 0,00 0, Proventi finanziari e patrimoniali Interessi attivi e proventi attivi , ,63 Totale Proventi finanziari e patrimoniali , , Proventi straordinari Proventi diversi e straordinari , ,03 Totale Proventi straordinari , ,03 TOTALE , ,93 12

13 5. Nota Integrativa UN ANNO PER LO SVILUPPO DEI POPOLI Introduzione Il Bilancio di Esercizio al 31/12/2013 del CISP è stato redatto in conformità a: - la normativa del Codice Civile; - le linee guida contenute nell Atto di indirizzo approvato dal Consiglio dell Agenzia per le Onlus (poi Agenzia per il Terzo Settore) in data 11 febbraio 2009 e denominato "Linee guida e schemi per la redazione dei bilanci di esercizio per gli enti non profit"; - i principi contabili per gli Enti non profit definiti dal Tavolo tecnico costituito dall Agenzia per il Terzo Settore, il CNDCEC (Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili) e l OIC (Organismo Italiano di Contabilità) nel maggio Il Bilancio è costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Rendiconto Proventi e Oneri e dalla presente Nota Integrativa. I dati sono presentati in forma comparativa, le poste dello Stato Patrimoniale e del Rendiconto Proventi e Oneri riportano l indicazione del corrispondente ammontare relativo all esercizio precedente. Il CISP è stato costituito a Roma il 10 gennaio del 1983 ed è Organismo non governativo idoneo per la Legge n. 49 del 26/02/1987 ai sensi del Decreto del Ministero Affari Esteri n. 128/4193/1 del 14/09/1988 e, di conseguenza, è una ONLUS di diritto ai sensi del D. Lgs. N. 460/97. E Associazione riconosciuta (N 752/2010 del Registro delle Persone Giuridiche presso la Prefettura di Roma). E iscritto al Registro degli enti e associazioni che svolgono attività a favore degli immigrati presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (A/138/2001/RM). Il CISP gode delle agevolazioni fiscali previste dalle norme giuridiche a favore delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale e a favore delle Organizzazioni non governative riconosciute dal Ministero degli Affari Esteri. Il CISP opera nel campo della cooperazione internazionale e della lotta all esclusione sociale. La sua filosofia e i suoi obiettivi sono sintetizzati nella Dichiarazione di Intenti, Per i diritti e contro la povertà, e nel Codice di Condotta per i programmi di cooperazione. Osservazioni generali Il bilancio dell anno 2013 chiude con un risultato di gestione positivo di 324,80 euro. Nel 2013 non è stato necessario effettuare accantonamenti a Fondo Rischi e Oneri, a differenza dell anno precedente quando, come si ricorderà, furono accantonati euro in seguito alla difficoltà espressa da Agire di saldare interamente il credito vantato dal CISP (ammontante a Euro ) a causa di una truffa subita da Agire da parte della società Retemanager. Al riguardo va sottolineato il fatto che il CISP, nonostante non abbia ancora ricevuto da Agire l importo complessivo previsto da convenzione e successivi emendamenti, ha deciso, per rispettare gli impegni presi con i beneficiari e le comunità locali, di realizzare il progetto interamente. In data 19 dicembre 2012 il CISP rassegnò le proprie dimissioni da Agire, chiarendo però che questo atto non avrebbe avuto nessuna conseguenza in merito al credito di ,00 Euro. Va peraltro menzionato che nel corso del 2013 il CISP ha ceduto una piccola parte ( euro) del credito vantato nei confronti di AGIRE all ONG COSV, pertanto al 31 dicembre 2013 il debito di AGIRE nei confronti del CISP ammonta a euro (mentre il relativo Fondo Rischi e Oneri rimane pari a euro). Per quanto riguarda l ammontare complessivo del conto economico, va osservato che, dopo due anni (2009 e 2010) in cui si era mantenuto in circa 19 milioni di euro, era sceso poi nel 2011 a circa 17 milioni di euro, risalito nel 2012 a 17,5 milioni di euro, mentre nel 2013 si attesta a 16,4 milioni. 13

14 Citiamo qui di seguito alcuni fattori da tenere presente per valutare tale aspetto: Una ulteriore diminuzione dei fondi della Cooperazione Italiana, scesi dai 3,3 milioni circa del 2010 a 2,25 milioni circa nel 2011, a 1,4 milioni circa nel 2012 e a soli euro nel 2013; Un lieve aumento dei fondi della Commissione Europea (che tornano ai circa 2 milioni del 2010 e 2011); Un ulteriore aumento dei fondi provenienti da altri finanziatori governativi : 8,2 milioni circa, di cui 5,9 milioni da varie Agenzie delle Nazioni Unite, che si confermano il principale ente finanziatore del CISP; in crescita anche gli uffici di cooperazione di altri paesi OCSE (tra cui si segnalano soprattutto il Regno Unito e il Giappone); Una diminuzione rispetto al 2012 dei fondi provenienti da entità non governative o private, che si assestano intorno agli 5,5 milioni circa; Una percentuale che resta significativa di programmi i cui contratti sono conclusi direttamente nei paesi d intervento (circa il 43%). Va osservato infine che la consistenza finale del Patrimonio Netto rimane nel 2013 praticamente costante rispetto all anno precedente. Gestione dell immobile di proprietá Nel corso del 2013 non sono state apportate migliorie di rilievo nell appartamento di proprietà di Via Germanico 198 (sede legale), acquistato nel novembre Il CISP ha concesso una garanzia ipotecaria sull'immobile di proprietà a fronte della possibilità di sconfinamento nel conto corrente ipotecario presso la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza. Alla data del 31 dicembre 2013 tale conto corrente era con saldo 0 ("zero"), mentre la disponibilità autorizzata della linea di credito era di Euro , per effetto del nuovo contratto stipulato in data 25 luglio 2013 presso lo Studio notarile De Rienzi Dragonetti. Nel corso del 2013 il conto ipotecario è stato utilizzato in alcuni momenti di bassa liquidità più spesso che nel passato, pertanto i relativi oneri finanziari sono aumentati rispetto agli anni precedenti. Dalla fine del 2010 il CISP ha a disposizione un magazzino esterno in affitto a poca distanza dalla sede legale, allo scopo di razionalizzare l archiviazione dei documenti contabili che vanno conservati per adempiere gli obblighi di legge. In tale magazzino sono state realizzate delle piccole migliorie nel corso del

15 Criteri di valutazione I criteri applicati nella valutazione delle voci del bilancio e nelle rettifiche di valore sono conformi alle disposizioni del Codice Civile alle quali, pertanto, si rimanda. Con particolare riferimento a quelle voci di bilancio per le quali il legislatore ammette diversi criteri di valutazione e di rettifica o per le quali non sono previsti specifici criteri, si precisa quanto segue. Immobilizzazioni immateriali: Sono valutate al costo, che comprende anche costi di diretta imputazione per la quota ragionevolmente imputabile a ciascuna immobilizzazione. Al costo non sono stati aggiunti oneri relativi al finanziamento. L'ammortamento delle immobilizzazioni immateriali è stato operato in conformità al presente piano prestabilito in relazione alla loro residua possibilità di utilizzo: - Software: 1/5 Immobilizzazioni materiali (diversi da immobili): Sono valutate al costo storico, che comprende anche i costi di indiretta imputazione per la parte ragionevolmente imputabile a ciascuna immobilizzazione. L'ammortamento delle immobilizzazioni materiali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo, è stato operato in conformità al presente piano prestabilito in relazione alla loro residua possibilità di utilizzo: - Automezzi: 25% - Macchine elettroniche: 20% - Mobili e arredi: 12% Immobilizzazioni materiali (immobili): Il valore dell immobile di proprietà del CISP in Via Germanico 198, Roma, è determinato secondo i principi riferibili al fair value così come argomentato dallo IAS 16 (International Accounting Standard N.16 Principio contabile che regola la contabilizzazione delle immobilizzazioni materiali). Lo IAS 16 incoraggia a determinare il valore di un investimento immobiliare sulla base di una stima effettuata da un perito esterno con riconosciuta qualità professionale. Il maggior valore determinato secondo il principio del fair value (valore equo, in sostanza il valore di mercato dell appartamento) ha determinato la creazione di una riserva di rivalutazione, che si ritrova nel Patrimonio netto del CISP (Passivo dello Stato patrimoniale). La Raccomandazione n. 6 del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti - Commissione Aziende Non Profit, dedicato alle "immobilizzazioni, al punto 53, pur affermando che nei sistemi a costi storici, le rivalutazioni generalmente non sono consentite, ha specificato che tale impostazione debba essere rivista tutte quelle volte in cui una valutazione al fair value sia necessaria per fornire una rappresentazione veritiera e corretta della situazione patrimoniale - finanziaria e dell andamento economico... La perizia curata dallo Studio dell Ing. Messina ha preso a riferimento le condizioni di mercato per proprietà immobiliari similari e nella medesima localizzazione e condizione, pur mantenendosi entro limiti e vincoli prudenziali. L art. 2426, punto 2) del codice civile secondo il quale il costo delle immobilizzazioni, materiali e immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione con la loro residua possibilità di utilizzazione ci ha indotto a non prevedere, in futuro, l accantonamento di un fondo di ammortamento. Ciò anche coerentemente alle indicazioni dettate dalla Raccomandazione n.6 del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti - Commissione Aziende Non Profit, dedicato alle "immobilizzazioni secondo cui, al punto 49 Non sono da considerarsi ammortizzabili i beni che hanno una vita utile indeterminata o estremamente lunga e non definibile (ad es. immobili di interesse storico, artistico, parchi naturali, ecc.). ( omissis ). 15

16 Immobilizzazioni finanziarie: Sono costituite da dieci azioni della Banca Popolare Etica per complessivi Euro 525,00 valutati al costo storico di acquisto e depositi cauzionali per Euro 3.617,47 valutati sugli effettivi versamenti effettuati. Rimanenze: Sono costituite interamente da anticipi versati a fornitori. Crediti: Tutti i crediti sono valutati al valore nominale. Disponibilità liquide: Sono valutate al valore nominale e comprendono le disponibilità sui conti correnti (tutti i conti bancari e postali in Italia nelle diverse valute e il conto bancario in dollari presso Banca Intesa Sanpaolo di New York). Fondo trattamento di fine rapporto: L accantonamento rappresenta l effettivo debito maturato verso i dipendenti in conformità alla legge e al contratto di lavoro vigente al netto dell imposta sostitutiva sulla rivalutazione del TFR maturata ai sensi dell art del Codice Civile successivamente all 1 gennaio 2001, così come previsto dall art. 11 comma 4 del D. lgs. N. 47/2000. Debiti: Tutti i debiti sono iscritti al valore nominale. 16

17 Movimenti immobilizzazioni Nei seguenti prospetti, per ciascuna voce delle immobilizzazioni, sono illustrati i movimenti dell'esercizio. Software ACQUISIZIONI 2013 AMMORTAMENTI 2013 CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ , ,64 (2.309,53) 3.361,11 Macchine elettroniche COSTO STORICO PRECEDENTI AMMORTAMENTI ACQUISIZIONI 2013 AMMORTAMENTI 2013 CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ ,38 ( ,96) , ,72 (5.988,13) ,01 Mobili e arredi COSTO STORICO PRECEDENTI AMMORTAMENTI ACQUISIZIONI 2013 AMMORTAMENTI 2013 CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ ,06 ( ) 1.982,65 0,00 (479,28) 1.503,37 Immobili ACQUISIZIONI 2013 AMMORTAMENTI 2013 CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ ,00 0,00 0, ,00 17

18 Impianti telefonici COSTO STORICO PRECEDENTI AMMORTAMENTI ACQUISIZIONI 2013 AMMORTAMENTI 2013 CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ ,81 (11.871,81) 0,00 0,00 0,00 0,00 Automezzi COSTO STORICO PRECEDENTI AMMORTAMENTI ACQUISIZIONI 2013 AMMORTAMENTI 2013 CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ ,08 ( ,72) ,36 0,00 (31.045,14) ,22 18

19 Variazione della consistenza di altre voci Nei seguenti prospetti, per ciascuna voce dell'attivo e del passivo diversa dalle immobilizzazioni, sono illustrati il saldo iniziale, i movimenti dell'esercizio e i movimenti in sede di valutazione di fine esercizio. ATTIVO Crediti diversi Per migliore riclassificazione crediti ,74 350, ,74 LA CONSISTENZA CREDITI AL 31/12/2013 E COSI COMPOSTA: attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni (obbligazioni Cariparma) anticipi a fornitori crediti vs personale all estero crediti vs programmi altri crediti CONSISTENZA FINALE AL 31/12/2013 DECREMENTO DELL ANNO ,00 159, , , , ,39 ( ,35) Cassa CONSISTENZA FINALE AL 31/12/2013 INCREMENTO DELL ANNO 2.281, , ,05 Banche e Posta CONSISTENZA FINALE AL 31/12/2013 DECREMENTO DELL ANNO , ,78 ( ,35) 19

20 PASSIVO Patrimonio netto ,06 LA CONSISTENZA DEL PATRIMONIO NETTO AL 31/12/2013 E COSI COMPOSTA: fondo sociale riserva rivalutazione immobile avanzo esercizi precedenti risultato esercizio in corso CONSISTENZA FINALE AL 31/12/ , , ,86 324, ,86 INCREMENTO DELL ANNO 324,80 Fondo rischi e oneri ,01 LA CONSISTENZA DEL FONDO RISCHI E ONERI AL 31/12/2013 E COSI COMPOSTA: fondo contributi in contenzioso fondo rischi su crediti CONSISTENZA FINALE AL 31/12/2013 DECREMENTO DELL ANNO , , ,01 (60.000,00) Fondo trattamento fine rapporto CONSISTENZA FINALE AL 31/12/2013 INCREMENTO DELL ANNO , , ,53 Fornitori CONSISTENZA FINALE AL 31/12/2013 DECREMENTO DELL ANNO , ,62 (7.556,83) 20

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013

Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per chi ha bisogno: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Catalogo 2013 Per i tuoi regali di Natale scegli di essere al fianco del WFP: in ogni momento e in qualsiasi luogo. Scegli i tuoi regali aziendali

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit

Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Più dai meno versi: le novità nelle erogazione al non profit Una novità nel sostegno del non profit in Italia Dr. Corrado Colombo 1 Situazione precedente Agevolazioni per le ONLUS; Limitate nell importo

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli