LA SOCIETA DEL VIVERE INSIEME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SOCIETA DEL VIVERE INSIEME"

Transcript

1 1 LA SOCIETA DEL VIVERE INSIEME Relazione del prof. Andrea Riccardi al convegno Educazione e multiculturalità: l impegno della scuola cattolica Milano 18 febbraio 2011 Un Italia bianca e impreparata L Italia è molto cambiata. Il mondo è cambiato. Mi ricordo che, nel 1961, quando l Italia festeggiava cent anni d Unità, mio padre mi portò in viaggio. Prima tappa fu Torino dove si celebrava la festa dell Unità in piena memoria del Risorgimento: il simbolo era un treno una meraviglia della tecnica- che correva su una monorotaia. Sembrava che l Italia corresse rapida e sicura verso il futuro di benessere. C era il senso di un identità e una sicurezza del futuro. Da Torino andammo in Germania meridionale e lì vidi un gruppo di africani, che mi colpì molto perché da noi non ce n erano. Avevo visto, poco tempo prima, un film sui Mau mau, il movimento terroristico in Kenya, che uccidevano i farmer inglesi: neri cattivi contro coloni con figli bianchi e biondi era il messaggio. Mi chiesi se c era da aver paura che quegli africani arrivassero tra noi. Nel 1963 il Kenya avrebbe avuto la sua indipendenza in quegli anni sessanta che sono la stagione delle indipendenze africane. Il nostro orizzonte italiano è stato per secoli tutto bianco e omogeneo. Non esistevano i non europei, se non qualche gruppo di seminaristi a Roma. Così è stato l orizzonte della mia generazione. I diversi erano di altre regioni o province. Dopo la seconda guerra mondiale c è l emigrazione meridionale nel Nord. In Romagna, dove vivevo, il meridionale era talvolta chiamato in modo spregiativo maruchen. Differente è stata la storia della Gran Bretagna e della Francia, imperi coloniali con una cultura che guardava a genti diverse. Non pochi francesi e inglesi, a motivo delle colonie, erano vissuti o nati oltremare. I soldati africani si erano battuti per la Francia, tanto che vediamo ancora sulle tombe in Italia, i loro nomi arabi o africani, la mezzaluna per rappresentare l islam, e la scritta: mort pour la France. Inevitabile che Parigi divenisse un punto di attrazione per i sudditi coloniali, tanto che la grande moschea vi venne inaugurata dopo la prima guerra mondiale (quella di Roma, la più grande d Europa, è stata inaugurata nel 1995, dopo che Paolo VI dette il via libera al progetto). Nella metropoli imperiale affluiva gente dai paesi coloniali, in particolare musulmani del Maghreb. Oggi la Francia conta immigrati, cifra relativamente

2 2 bassa, perché molti hanno ricevuto la cittadinanza in tempi abbastanza rapidi e non sono più immigrati. I musulmani in Francia sono più di quattro milioni, di cui tre di origine magrebina, e rappresentano il 7% dei francesi. La figlia primogenita della Chiesa è divenuta in un secolo multireligiosa. L impronta del colonialismo francese (anche dell accoglienza agli emigrati) era assimilare alla civiltà, all identità e alla lingua nazionale, oltre che alla laicità. Molto differente è quella britannica e lo si vede a Londra. L impero era britannico e multinazionale; favoriva l indirect rule, anche perché meno impegnativo e costoso. Dopo una prima apertura ai sudditi dell impero dopo la guerra (anche con la concessione della cittadinanza), l accoglienza agli emigrati fu praticata dagli inglesi favorendo lo sviluppo separato: un multiculturalismo largo. I musulmani sono nel Regno Unito quasi , in larga parte provenienti da India, Pakistan e Bangladesh. Sia il sistema identitario della Francia che quello multiculturale della Gran Bretagna presentano ora molti problemi. Oggi il primo ministro britannico, Cameron, dichiara che il multiculturalismo è fallito e che si rischiano comunità separate. Il presidente Sarkozy, già da ministro dell interno, ha espresso molte preoccupazioni nello stesso senso: gli immigrati non diventano francesi in senso identitario. La rivolta dei giovani immigrati nella periferia di Parigi è l espressione di questa difficile integrazione. A queste critiche al multiculturalismo, fa eco la cancelliera Merkel in una Germania che, per decenni, ha favorito per motivi economici- un immigrazione omogenea dalla Turchia e oggi è alle prese con una grossa (e separata) comunità turca e curda. Del resto gli indici di integrazione in Germania sono in genere bassi: anche per gli immigrati italiani e i loro figli, da più tempo nel paese rispetto ai turchi. Pochi conoscono mi sia permesso ricordarlo- una pagina oscura della storia tedesca: la campagna nazista contro gli afro-tedeschi, cittadini germanici con passaporto tedesco, che Hitler equiparò agli ebrei e condusse alla sterilizzazione e in parte al lager. Ce lo spiega Sergio Bilè in un piccolo libro pubblicato dalla EMI, Neri nei campi nazisti. Nell Italia tutta bianca degli anni sessanta non esisteva la storia imperiale e coloniale. Il paese non era nemmeno multireligioso, ma compattamente cattolico. Piccole comunità ebraiche ed evangeliche hanno occupato per secoli il posto dell altro in una società omogenea. Anzi l Italia era fino al secondo dopoguerra un paese di emigrati, che ha conosciuto il dolore dell abbandono e la fatica dell integrazione. Lo ricordiamo in molti, ma Gian Antonio Stella con il suo volume L orda, quando gli albanesi eravamo noi, ce lo mostra in modo efficace. E un libro che aiuta ad essere meno smemorati. Siamo figli e nipoti di emigrati. Del resto, per ex emigrati è difficile accettare nuovi immigrati. Spesso si dà luogo alle guerre tra i poveri.

3 3 Italia a rischio Nel 2011 l Italia vive la festa dei suoi 150 anni, Stato giovane tra quelli europei, ma nazione antica come pensava Alessandro Manzoni che, con I Promessi Sposi, scrisse la bibbia dell unificazione linguistica del nostro paese, immerso 150 anni fa, nel mondo dei dialetti. Oggi l Italia ha cittadini e (Istat nel 2008) di immigrati, con uno dei più bassi tassi di natalità al mondo e con una speranza di vita di 78,8 per gli uomini e di 84,1 per le donne. L Italia festeggia in modo triste e incerto il suo giubileo. C è il dibattito storico sul Risorgimento, che viene rivisto. Dopo tanto parlare per decenni di questione meridionale, ci si è accorti che esiste una questione settentrionale. Pesa la crisi economica. Infine c è una radicale mancanza di visione del futuro. Molti, più che parlare d Italia, preferiscono discutere di territorio o regione, che hanno confini più certi, più che di un paese incerto. Che differenza dal 1961, quando si festeggiavano i cent anni! Allora il futuro sembrava a portata di mano. Oggi il futuro sembra invaderci senza che possiamo guidarlo. Assume l aspetto degli stranieri che sbarcano sulle nostre coste o in aree delle nostre città. Talvolta ed è paradossale- assume il volto dei rom. Davvero paradossale, perché questi sono solo , di cui la metà italiani e, per metà, bambini. Eppure diventano un catalizzatore di insicurezza. L immigrazione non è un invasione che minaccia l identità tradizionale dell Italia? Siamo tutti insicuri, ma per questo e altri motivi. Da qui la crescente domanda di sicurezza in questo tempo di giubileo triste. In verità sono convinto che non si tratta di sicurezza a livello di criminalità, ma di qualcosa di più profondo: è domanda di sicurezza sul futuro: con chi vivremo domani e come vivremo? Le misure di sicurezza non placano la paura, perché spesso è timore verso un futuro incerto. E anche la paura lasciatemelo dire- di una società di anziani, perché un quinto degli italiani ha più di 65 anni. Ed agli anziani non si prepara un bel futuro, anche se lungo: le famiglie sono piccole, non ce la fanno, non riescono a tenerli. Ma che vita è, per un anziano, vivere in un istituto? Per anziani, adulti, giovani, giovanissimi perché le sensazioni e le paure si trasmettono di generazione in generazione- il paese cambia colore: muta il panorama umano. La nostra cultura nazionale non era preparata all impatto, avvenuto in tempi rapidissimi. Non abbiamo una storia imperiale e coloniale che ci ha messo a contatto con mondi extraeuropei e in qualche modo ci ha preparato all incontro con altri mondi, come francesi e inglesi. Gli immigrati provenienti dalle ex colonie italiane sono meno dell 1%. La più parte degli immigrati che arriva in Italia non sa la lingua e non conosce il paese. Anche se la televisione italiana ha esercitato una capacità di attrazione su albanesi e tunisini.

4 4 Con quale cultura abbiamo affrontato una svolta epocale nel nostro paese? Alla paura diffusa, si è risposto con una visione che proponeva l integrazione nell affiancamento di culture, lingue, religioni altre all Italia di sempre. La spiegazione di questo cambiamento è stata in linea con una cultura che potremmo definire cosmopolita, che con spirito di tolleranza- accosta tradizioni, religioni, lingue, culture, abitudini, le une accanto alle altre. Così la cultura democratica (uso impropriamente questa parola per definire quella non conservatrice) ha guardato al multiculturalismo come obiettivo, magari mettendo da parte le idee di uguaglianza e riforma sociale, professate nei decenni precedenti. Ci si è divisi spesso nei dibattiti tra un partito della paura e uno dell apertura. Sono stati poi anni (quelli della crescita degli immigrati tra noi) di crisi dell identità italiana con il porsi del problema del rapporto Nord/Sud, ma anche con la questione della credibilità delle istituzioni. Anni di crisi della cultura nazionale. Infatti dopo il 68, con la contestazione del classico canone letterario ed educativo (rappresentato dal Liceo Classico), si sono diffuse culture maggiormente legate alla politica, corrose poi dalla crisi della politica e dello Stato. La società è divenuta meno gerarchica e la cultura si è più allargata. La nostra identità infragilita si è confrontata con una radicale trasformazione da società pluralista politicamente e eticamente in una società più al plurale religiosamente ed etnicamente. Gli anni della maggior crescita dell immigrazione sono quelli della globalizzazione con l apertura di nuovi orizzonti, che rendono l Italia più piccola e fragile in un mondo fattosi molto grande: l Europa diminuisce e crescono i giganti asiatici. Incremento degli immigrati e fragilità dell identità nazionale si sviluppano nello stesso periodo. Per questo il problema di una società a diverse componenti etniche e religiose è stato affrontato spesso in modo sentimentale, emotivo e non realistico e culturale. I 150 anni non sono oggi un occasione in cui rinsaldare l identità, ridire il senso di una comunità nazionale, ma anche porsi a confronto con un mondo nuovo, con culture, lingue e religioni degli immigrati? Il grande rischio è lasciar crescere, nel tessuto di una nazione spaventata, un insieme di comunità ai margini. Un multiculturalismo di fatto. Il discorso vale, in particolare per un fatto assolutamente nuovo: una popolazione musulmana di circa persone, mentre cinquant anni fa erano solo poche unità. Per Giovanni Sartori è la balcanizzazione della società e la fine del pluralismo vero in cui contano i diritti dell individuo. Quello italiano non è un multiculturalismo di fatto, scarico di idee? Del resto la storia degli ultimi decenni ha visto sciogliersi, proprio nel Mediterraneo, tante convivenze tra comunità diverse. Si pensi a quella tra turchi e greci a Cipro, finita nel 1974, ma soprattutto alla vicenda dei Balcani, a Sarajevo, dove musulmani (poco praticanti al

5 5 tempo di Tito), cattolici e ortodossi vivevano insieme. La giustapposizione di comunità non ha in sé il germe della disgregazione? Vivere insieme tra diversi può apparire un rischio per la sicurezza, l identità, il futuro. Come crescere con una solida identità umana in una società che ha trasformato il pluralismo etico e politico degli anni settanta in pluralità di culture? Siamo in un Italia spaesata per la sua crisi, la globalizzazione, la paura e l incertezza del futuro. E mancata una meditazione seria sulla rapida trasformazione di una società omogenea in società plurale. Sono stato da sempre convinto che l immigrazione (che ci trasforma in società plurale) pone un problema analogo a quello che ieri era la questione dei confini di uno Stato. Le frontiere richiedono allo stesso tempo un impegno bipartisan e una dose di patriottismo. Non richiedono di utilizzare l argomento per combattersi. Purtroppo la trasformazione italiana in società plurale è avvenuta in un periodo delicato, quando lo Stato veniva investito dalla crisi della Prima Repubblica o negli anni successivi della cosiddetta Seconda Repubblica, mai veramente nata. Sono stati anni di introversione del paese; ma anche una stagione in cui la politica si è vieppiù dissociata dalla cultura, quindi dalla riflessione sui problemi, per allearsi in modo crescente ai media. Il che ha portato ad alzare i toni in modo emotivo e aggressivo. La trasformazione multiculturale del paese invece richiede meditazione, progettualità, non toni alti ed emotivi. Esperti di umanità I vescovi italiani scrivono nel documento per l educazione nel decennio che viene: Oggi la formazione dell identità personale dice il documento della CEI- avviene in un contesto plurale, caratterizzato da diversi soggetti di riferimento La molteplicità dei riferimenti valoriali, la globalizzazione delle proposte e degli stili di vita, la mobilità dei popoli, gli scenari resi possibili dallo sviluppo tecnologico costituiscono elementi nuovi e rilevanti, che segnano il venir meno di un modo quasi automatico di prospettare modelli di identità e inaugurano dinamiche inedite. La cultura globale, mentre sembra annullare le distanze, finisce con il polarizzare le differenze, producendo nuove solitudini e nuove forme di esclusione sociale. La società al plurale non è solo quella di diverse comunità, ma anche di nuove presenze religiose di italiani i convertiti all islam o al buddismo o all induismo-, e di messaggi che vengono dalla comunicazione globale e dagli incroci tipici di un mondo mondializzato. Continuano i vescovi: Anche i rapporti con culture ed esperienze religiose diverse, resi più intensi dall aumento dei flussi migratori e dalla facilità delle comunicazioni, possono

6 6 costituire una risorsa feconda, da valorizzare senza indulgere a irenismi e semplificazioni o cedere a timori e diffidenze. Sono parole che vengono da un esperienza di umanità per dirla con Paolo VI-, maturata negli ultimi decenni dalla Chiesa, mentre cresceva il paese plurale. Il mondo della Chiesa ha incontrato gli immigrati (portatori spesso di un senso identitario non sempre forte) con il volto dell accoglienza, vedendo in essi uomini e donne bisognosi. Qui c è stato un lavoro importante di cui bisognerebbe scrivere la storia. In larga parte il volto umano dell Italia, che ha accolto gli stranieri quanto è importante il primo impatto!- viene dai cattolici. Per questo, quando si parla di buonismo in modo ironico, mi ricordo che il primo elementare insegnamento che ebbi da una suora-maestra era quello di essere buoni e penso che, in una società così antagonistica e senza legami come la nostra, l essere buoni è una lezione di umanesimo. Nel 1986, la Comunità di Sant Egidio elaborò un documento dal significativo titolo, Stranieri nostri fratelli, così concluso: crediamo che si imponga una seria e meditata riflessione. Come cristiani intendiamo offrire una testimonianza della nostra sensibilità e del legame che ci unisce a quelli che sono arrivati per ultimi. Anche Raab, la meretrice, di cui parla il libro di Giosuè, fu giustificata per aver dato ospitalità. Nel 1989, il card. Martini scriveva: Anche Roma e Milano sono chiamate ad avviarsi per questa strada per diventare luoghi di convivenza pacifica tra gente diversa per razza, lingua e religione. Sfida che, come sappiamo, è terribile per Gerusalemme e però è drammatica per Roma e per Milano. In quel periodo e dopo, la Chiesa non ha parlato solo di ospitalità; si è anche rivolta agli italiani e all Italia. Giovanni Paolo II, primo papa non italiano dal Cinquecento, ha insistito sull identità italiana. Nel 1994, quando esplosero i conflitti etnici nei Balcani e in Ruanda, guardò preoccupato la crisi italiana, la fine della prima Repubblica e la questione settentrionale. Chiese una grande preghiera per l Italia ed espresse la sua visione del paese con una robusta identità e una teologia della nazione. Il papa segnalò tre eredità da non disperdere, la fede, la cultura e l unità nazionale: l eredità dell unità, che, anche al di là della specifica configurazione politica, maturata nel corso del secolo XIX, è profondamente radicata nella coscienza degli italiani. Il senso della nazione wojtyliano non sfocia in un nazional-cattolicesimo, ma in una tensione alla comunità dei popoli. Per papa Wojtyla, talvolta giudicato quasi un nazionalista polacco, la stagione felice di una nazione consiste nel convivere tra diverse componenti etniche e religiose. La Polonia da lui ammirata è il Commonwealth polacco-lituano dell epoca jagellonica: Stato multinazionale di ebrei, polacchi, lituani, ucraini, cattolici e ortodossi, dove

7 7 si praticava e si viveva l amalgama di varie culture e religioni. Lo spirito polacco è, in fondo, - afferma Wojtyla- la molteplicità e il pluralismo, e non la ristrettezza e la chiusura. Sembra tuttavia che la dimensione jagellonica dello spirito polacco, ora ricordata, abbia purtroppo cessato di essere qualcosa di ovvio nel nostro tempo. Giovanni Paolo II ama citare l espressione del re Sigismondo Augusto ( non sarò il re delle vostre coscienze ) per ricordare il tradizionale rispetto polacco della libertà di coscienza. Per vivere insieme è necessario dice Wojtyla ai libanesi- il dialogo: promuovere il vivereinsieme tra cristiani e musulmani, nello spirito di apertura e collaborazione..., perché diventi un atteggiamento di popolo nella vita quotidiana, nel lavoro e nella vita della città, cosicché le persone e le famiglie apprendono ad apprezzarsi e le esperienze concrete di solidarietà sono una ricchezza per tutto il popolo. In quest opera, i cristiani hanno una forza di amore: La storia religiosa ci presenta numerosi santi che sono stati sorgente di riconciliazione attraverso il loro atteggiamento pacifico fondato sulla preghiera e l imitazione di Gesù. Ai cristiani in Medio Oriente, a quelli nel quadro del pluralismo etnico o religioso, il papa prospetta la convivenza, come condizione migliore, non facile, ma arricchente. Si rende conto che i mondi tradizionalmente omogenei sono erosi dagli spostamenti delle popolazioni e dai fenomeni migratori. I cristiani possono lavorare per un arte del convivere, che diventa loro missione. Dopo il viaggio in Brasile, nel 1980, il papa ricorda la storia complessa del paese, attraverso tante stagioni difficili, tra cui l espropriazione delle terre degli indigeni e la tratta degli schiavi. Ammira nel Brasile la multietnicità e il senso di fratellanza tra le componenti etniche, sino a giungere al meticciato di culture: I neri si sono uniti con gli antichi indigeni e con i bianchi, creando, anche nel senso antropologico, il tipo contemporaneo del brasiliano. Per lui la grande sfida della costruzione di una civiltà del vivere insieme è una cultura condivisa e aperta. In questa prospettiva si colloca la proposta di Assisi nel 1986, quando Giovanni Paolo II chiamò i leader delle Chiese e comunità ecclesiali nonché delle grandi religioni cristiane a pregare insieme ad Assisi per la pace: non più gli uni contro gli altri, ma gli uni accanto agli altri, senza confusione ma senza opposizione. L immagine dei leader religiosi ad Assisi, con Giovanni Paolo II in mezzo, è forse l icona religiosa più popolare del XX secolo. Non si è trattato di un espressione isolata del genio wojtyliano, ma di una proposta che ne sono testimone- il papa volle continuasse negli anni successivi. E l abbiamo realizzata qui a Milano, nel Papa Wojtyla parlò di spirito di Assisi, cioè di un vivere insieme in pace, fondato sulla spiritualità. Nel 2011 Benedetto XVI ritorna ad Assisi e ripropone la via del suo predecessore. Assisi mostra come l identità cristiana, rappresentata dalla fede rocciosa di

8 8 papa Wojtyla, possa promuovere quella che chiamo la civiltà del convivere. Lo spirito di Assisi indica nelle ragioni profonde e spirituali la via della civiltà del convivere. Una casa o un albergo? Guardiamo in faccia i nostri simili. In un quarto di secolo gli abitanti della terra sono cambiati: nel 2006 la popolazione delle città ha superato quella delle campagne; tra il 1980 e il 2000 è avvenuta una rivoluzione culturale con un avanzamento del tasso di alfabetizzazione. Gli uomini e le donne alfabetizzati contano, perché sono soggetti di una rivoluzione mentale. Guardate quanto è avvenuto al Cairo, dove una marea umana e di giovani ha fatto cadere un regime. Gli uomini e le donne contano. Cercano spiegazioni e si interrogano sul futuro. Hanno bisogno di motivazioni e di cultura. Uno degli squilibri delle nostre società è proprio la carenza di cultura e di educazione. Avere e potere senza sapere genera gravi squilibri. Le società senza una cultura condivisa diventano violente e antagonistiche. In questo tempo di triste giubileo dell Unità, molti restano meravigliati che dalla Chiesa venga proposto un senso dell identità nazionale. Sono convinto che dal nostro vissuto, dalle nostre istituzioni, dal mondo dell educazione, dobbiamo far lievitare nell Italia di oggi una cultura del vivere insieme. Abbiamo una cultura del vivere insieme, che non ha paura dell altro, perché ha salde radici. Quando il card. Scola parla di meticciato, vediamo una proposta di essere insieme, di incontro tra culture, che viene da un vissuto cristiano. La grande domanda è: quest Italia dev essere un albergo o una casa? Gli alberghi, anche di lusso, si degradano con il tempo. Molti avrebbero sognato un albergo, che possiamo chiamare Cosmopolitan. Ma la società cosmopolita, quella di Davos, riguarda solo qualche decina di milioni di persone nel mondo. Nel mondo globalizzato invece si sono sviluppati tanti conflitti di identità, di religione e di civiltà. La globalizzazione fa spirare un vento freddo, per cui tutti sentono la necessità di ricoprirsi con la propria identità, anche se l avevano trascurata. Albergo Cosmopolitan o casa? Il rabbino britannico Jonathan Sacks ha recentemente pubblicato un libro che mostra la sfida che sentiamo: The Home We Build Together. C è una casa da costruire insieme. Si deve cominciare dalle nuove generazioni, che vivranno in una società plurale. Ma una casa ha bisogno di un aria di famiglia, che è una cultura nazionale capace di essere un intercultura. Qui c è una grande sfida per l educazione. Scrive Milena Santerini quando parla dell insegnante e della scuola: Il pensiero critico permetterà di riconoscere il proprio etnocentrismo, ma ciò non sarà sufficiente se non verranno sviluppati anche sentimenti di simpatia e coinvolgimento. Non basta, infatti, conoscere le culture per

9 9 costruire una convivenza. La casa, la sua cultura, ha bisogna della simpatia che fa cadere i muri, arricchisce e non distrugge le identità, anzi le apre e le sviluppa senza sradicarle. Per ricostruire una casa, bisogna partire da quel che siamo e che siamo stati. Non basta dire come ci si sente. C è bisogno di storia. Proiettarsi verso il futuro vuol dire educare uomini e donne liberi, perché radicati in una storia. Il futuro non è un nuovismo, ma una storia che cresce. Questo non vuol dire chiusura, ma è apertura consapevole agli altri. L Italia non può essere motivata solo da ragioni economiche o di convenienza: è una comunità che ha alle spalle una storia di sacrifici e sofferenze; ha anche un futuro e una missione nel mondo. L Italia è un Europa sul Mediterraneo, aperta ai Sud del mondo, ma ancorata e lo dico a Milano- nel cuore dell Europa. Chi, come me, viaggia molto fuori dall Europa si rende conto del significato per gli altri dell essere italiani o anche del nome di Roma, come un suono dolce per molti cattolici. L antiromanesimo è un fatto europeo, nordeuropeo, non mondiale. Italia è una parola evocativa sotto tante latitudini. L identità italiana non antagonistica con altre identità, è qualcosa di serenamente radicato nel vissuto del paese e della gente. Esiste un umanesimo italiano, non solo un fatto letterario, ma un sentire diffuso. C è una tradizione di umanesimo italiano che va ritrovata. L incapacità di fare i conti con la tradizione fa tutt uno con l incapacità di un progetto plausibile per il futuro afferma Francesco Bruni, la cui storia letteraria dell Italia é un testo di valore per cogliere un fatto di vita e letteratura. Non abbiate paura! Tutte le profezie di catastrofi imminenti, tutte le predicazioni del disprezzo verso gruppi, etnie, come con i rom, seminano e innescano processi che vanno al di là della volontà di chi causa. Facciamo attenzione alla predicazione del disprezzo e della paura. Il futuro è nelle mani nostre e dei nostri figli. Il problema è che queste mani siano esperte e sensibili. Diamo uno sguardo realistico all Italia di oggi. L Italia non è destinata a divenire un paese invaso dai musulmani, come profetizzato negli anni ottanta. Le comunità musulmane se si sommano i loro aderenti- non fanno un corpo compatto. I musulmani marocchini restano altra realtà dai bangla, dai confraternali muridi senegalesi, dagli albanesi secolarizzati (tra cui c è un alto tasso di conversioni al cattolicesimo). E interessante notare come avvenga invece lo spostamento della millenaria frontiera che divise, nei Balcani, il cristianesimo d Occidente da quello ortodosso, ferma per secoli. Più di un terzo degli immigrati (romeni, ucraini, moldavi, serbi) sono ortodossi. L ortodossia diventerà la seconda comunità religiosa in Italia. Cominciano ad affacciarsi

10 10 istituzioni legate alle comunità non di origine italiana, come le moschee, ma anche un università polacca a Roma. Le comunità straniere presentano caratteri diversi: alcune quasi si dissolvono nel tessuto nazionale, eccetto alcuni elementi, mentre altre sono più identitarie. C è diversità tra marocchini e romeni. Ma c è un meticciato della vita quotidiana che tutti unisce. Scrive Todorov: Oggi dunque ognuno di noi ha già vissuto dentro di sé, sia pure in diversa misura, questo incontro di culture: siamo tutti meticci. C è un meticciato del quotidiano. Proprio per questo, per una vita al crocevia di diverse esperienze, è importante un identità consapevole, colta, sensibile, capace di aprirsi. Due milioni di conti correnti bancari degli immigrati ci dicono la storia dell inizio di un radicamento. Gli imprenditori stranieri, iscritti alla Unioncamere, sono raddoppiati in cinque anni e risultano (i più rappresentati sono romeni e cinesi). Gli studenti stranieri a scuola sono il 7% (ma in Veneto il 17% dei nuovi nati ha origini non italiane). Nel 2007 i figli di immigrati sono l 11,2% dei nati in Italia. Aumenta dell 1% ogni anno. Il mondo dell Italia si allarga e si interseca con altri mondi. Grandi e piccoli problemi si presentano alla nostra vita. Sono diversi dai problemi di ieri. Eppure anche ieri si pensi al 18 aprile l Italia sembrava drammaticamente dividersi tra gli italiani. Il vero problema è avere un ideale ed avere idee. Senza questo non si educa. Mi permetto di dire che non si governa nemmeno. L idea è un umanesimo italiano, che ha radici nella nostra storia e nel vissuto cristiano, che sia solida base ad una società del convivere. Un uomo, un armeno di Istanbul, figlio di un popolo che ha conosciuto i massacri turchi (tanto che gli armeni sono ancora chiamati quelli che sono sfuggiti alla spada ), ha scritto: convivere non era una grazia che avrebbe concesso qualcuno dall alto, era una civiltà che popoli che convivono debbono produrre insieme. Identità e convivenza sono nelle nostre mani, si formano nelle nostre scuole, si nutrono nel sapere, ma soprattutto lo ribadisco- si preparano in una vita illuminata dal credere. Ma lasciatemelo dire- anche capace di amare e sperare. Perché tanta paura nasce da una speranza illanguidita, che ha dimenticato la forza costruttiva, anzi creativa, dell amore.

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE

ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ALLEGATO SISTEMA DI RELAZIONI TRA CODICI, PER CIASCUN CODICE ACQUISIZIONE/POSSESSO GIURIDICO DELLA CITTADINANZA benessere cittadinanza prestazionale civiltà con valenza inclusiva

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato

Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Il Vangelo della famiglia in un mondo globalizzato Mons. Vincenzo Paglia Presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia Tra pochi mesi si riunirà a Roma il Sinodo Ordinario dei Vescovi su La Vocazione

Dettagli

un FUTURO possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7

un FUTURO possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7 un FUTURO possibile un futuro possibile INDICE Prefazione p. 2 Introduzione p. 4 L integrazione dei cittadini stranieri Caritas Italiana p. 7 Integrazione: un processo che coinvolge tutti. Documento sull

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli