LA SOCIETA DEL VIVERE INSIEME

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SOCIETA DEL VIVERE INSIEME"

Transcript

1 1 LA SOCIETA DEL VIVERE INSIEME Relazione del prof. Andrea Riccardi al convegno Educazione e multiculturalità: l impegno della scuola cattolica Milano 18 febbraio 2011 Un Italia bianca e impreparata L Italia è molto cambiata. Il mondo è cambiato. Mi ricordo che, nel 1961, quando l Italia festeggiava cent anni d Unità, mio padre mi portò in viaggio. Prima tappa fu Torino dove si celebrava la festa dell Unità in piena memoria del Risorgimento: il simbolo era un treno una meraviglia della tecnica- che correva su una monorotaia. Sembrava che l Italia corresse rapida e sicura verso il futuro di benessere. C era il senso di un identità e una sicurezza del futuro. Da Torino andammo in Germania meridionale e lì vidi un gruppo di africani, che mi colpì molto perché da noi non ce n erano. Avevo visto, poco tempo prima, un film sui Mau mau, il movimento terroristico in Kenya, che uccidevano i farmer inglesi: neri cattivi contro coloni con figli bianchi e biondi era il messaggio. Mi chiesi se c era da aver paura che quegli africani arrivassero tra noi. Nel 1963 il Kenya avrebbe avuto la sua indipendenza in quegli anni sessanta che sono la stagione delle indipendenze africane. Il nostro orizzonte italiano è stato per secoli tutto bianco e omogeneo. Non esistevano i non europei, se non qualche gruppo di seminaristi a Roma. Così è stato l orizzonte della mia generazione. I diversi erano di altre regioni o province. Dopo la seconda guerra mondiale c è l emigrazione meridionale nel Nord. In Romagna, dove vivevo, il meridionale era talvolta chiamato in modo spregiativo maruchen. Differente è stata la storia della Gran Bretagna e della Francia, imperi coloniali con una cultura che guardava a genti diverse. Non pochi francesi e inglesi, a motivo delle colonie, erano vissuti o nati oltremare. I soldati africani si erano battuti per la Francia, tanto che vediamo ancora sulle tombe in Italia, i loro nomi arabi o africani, la mezzaluna per rappresentare l islam, e la scritta: mort pour la France. Inevitabile che Parigi divenisse un punto di attrazione per i sudditi coloniali, tanto che la grande moschea vi venne inaugurata dopo la prima guerra mondiale (quella di Roma, la più grande d Europa, è stata inaugurata nel 1995, dopo che Paolo VI dette il via libera al progetto). Nella metropoli imperiale affluiva gente dai paesi coloniali, in particolare musulmani del Maghreb. Oggi la Francia conta immigrati, cifra relativamente

2 2 bassa, perché molti hanno ricevuto la cittadinanza in tempi abbastanza rapidi e non sono più immigrati. I musulmani in Francia sono più di quattro milioni, di cui tre di origine magrebina, e rappresentano il 7% dei francesi. La figlia primogenita della Chiesa è divenuta in un secolo multireligiosa. L impronta del colonialismo francese (anche dell accoglienza agli emigrati) era assimilare alla civiltà, all identità e alla lingua nazionale, oltre che alla laicità. Molto differente è quella britannica e lo si vede a Londra. L impero era britannico e multinazionale; favoriva l indirect rule, anche perché meno impegnativo e costoso. Dopo una prima apertura ai sudditi dell impero dopo la guerra (anche con la concessione della cittadinanza), l accoglienza agli emigrati fu praticata dagli inglesi favorendo lo sviluppo separato: un multiculturalismo largo. I musulmani sono nel Regno Unito quasi , in larga parte provenienti da India, Pakistan e Bangladesh. Sia il sistema identitario della Francia che quello multiculturale della Gran Bretagna presentano ora molti problemi. Oggi il primo ministro britannico, Cameron, dichiara che il multiculturalismo è fallito e che si rischiano comunità separate. Il presidente Sarkozy, già da ministro dell interno, ha espresso molte preoccupazioni nello stesso senso: gli immigrati non diventano francesi in senso identitario. La rivolta dei giovani immigrati nella periferia di Parigi è l espressione di questa difficile integrazione. A queste critiche al multiculturalismo, fa eco la cancelliera Merkel in una Germania che, per decenni, ha favorito per motivi economici- un immigrazione omogenea dalla Turchia e oggi è alle prese con una grossa (e separata) comunità turca e curda. Del resto gli indici di integrazione in Germania sono in genere bassi: anche per gli immigrati italiani e i loro figli, da più tempo nel paese rispetto ai turchi. Pochi conoscono mi sia permesso ricordarlo- una pagina oscura della storia tedesca: la campagna nazista contro gli afro-tedeschi, cittadini germanici con passaporto tedesco, che Hitler equiparò agli ebrei e condusse alla sterilizzazione e in parte al lager. Ce lo spiega Sergio Bilè in un piccolo libro pubblicato dalla EMI, Neri nei campi nazisti. Nell Italia tutta bianca degli anni sessanta non esisteva la storia imperiale e coloniale. Il paese non era nemmeno multireligioso, ma compattamente cattolico. Piccole comunità ebraiche ed evangeliche hanno occupato per secoli il posto dell altro in una società omogenea. Anzi l Italia era fino al secondo dopoguerra un paese di emigrati, che ha conosciuto il dolore dell abbandono e la fatica dell integrazione. Lo ricordiamo in molti, ma Gian Antonio Stella con il suo volume L orda, quando gli albanesi eravamo noi, ce lo mostra in modo efficace. E un libro che aiuta ad essere meno smemorati. Siamo figli e nipoti di emigrati. Del resto, per ex emigrati è difficile accettare nuovi immigrati. Spesso si dà luogo alle guerre tra i poveri.

3 3 Italia a rischio Nel 2011 l Italia vive la festa dei suoi 150 anni, Stato giovane tra quelli europei, ma nazione antica come pensava Alessandro Manzoni che, con I Promessi Sposi, scrisse la bibbia dell unificazione linguistica del nostro paese, immerso 150 anni fa, nel mondo dei dialetti. Oggi l Italia ha cittadini e (Istat nel 2008) di immigrati, con uno dei più bassi tassi di natalità al mondo e con una speranza di vita di 78,8 per gli uomini e di 84,1 per le donne. L Italia festeggia in modo triste e incerto il suo giubileo. C è il dibattito storico sul Risorgimento, che viene rivisto. Dopo tanto parlare per decenni di questione meridionale, ci si è accorti che esiste una questione settentrionale. Pesa la crisi economica. Infine c è una radicale mancanza di visione del futuro. Molti, più che parlare d Italia, preferiscono discutere di territorio o regione, che hanno confini più certi, più che di un paese incerto. Che differenza dal 1961, quando si festeggiavano i cent anni! Allora il futuro sembrava a portata di mano. Oggi il futuro sembra invaderci senza che possiamo guidarlo. Assume l aspetto degli stranieri che sbarcano sulle nostre coste o in aree delle nostre città. Talvolta ed è paradossale- assume il volto dei rom. Davvero paradossale, perché questi sono solo , di cui la metà italiani e, per metà, bambini. Eppure diventano un catalizzatore di insicurezza. L immigrazione non è un invasione che minaccia l identità tradizionale dell Italia? Siamo tutti insicuri, ma per questo e altri motivi. Da qui la crescente domanda di sicurezza in questo tempo di giubileo triste. In verità sono convinto che non si tratta di sicurezza a livello di criminalità, ma di qualcosa di più profondo: è domanda di sicurezza sul futuro: con chi vivremo domani e come vivremo? Le misure di sicurezza non placano la paura, perché spesso è timore verso un futuro incerto. E anche la paura lasciatemelo dire- di una società di anziani, perché un quinto degli italiani ha più di 65 anni. Ed agli anziani non si prepara un bel futuro, anche se lungo: le famiglie sono piccole, non ce la fanno, non riescono a tenerli. Ma che vita è, per un anziano, vivere in un istituto? Per anziani, adulti, giovani, giovanissimi perché le sensazioni e le paure si trasmettono di generazione in generazione- il paese cambia colore: muta il panorama umano. La nostra cultura nazionale non era preparata all impatto, avvenuto in tempi rapidissimi. Non abbiamo una storia imperiale e coloniale che ci ha messo a contatto con mondi extraeuropei e in qualche modo ci ha preparato all incontro con altri mondi, come francesi e inglesi. Gli immigrati provenienti dalle ex colonie italiane sono meno dell 1%. La più parte degli immigrati che arriva in Italia non sa la lingua e non conosce il paese. Anche se la televisione italiana ha esercitato una capacità di attrazione su albanesi e tunisini.

4 4 Con quale cultura abbiamo affrontato una svolta epocale nel nostro paese? Alla paura diffusa, si è risposto con una visione che proponeva l integrazione nell affiancamento di culture, lingue, religioni altre all Italia di sempre. La spiegazione di questo cambiamento è stata in linea con una cultura che potremmo definire cosmopolita, che con spirito di tolleranza- accosta tradizioni, religioni, lingue, culture, abitudini, le une accanto alle altre. Così la cultura democratica (uso impropriamente questa parola per definire quella non conservatrice) ha guardato al multiculturalismo come obiettivo, magari mettendo da parte le idee di uguaglianza e riforma sociale, professate nei decenni precedenti. Ci si è divisi spesso nei dibattiti tra un partito della paura e uno dell apertura. Sono stati poi anni (quelli della crescita degli immigrati tra noi) di crisi dell identità italiana con il porsi del problema del rapporto Nord/Sud, ma anche con la questione della credibilità delle istituzioni. Anni di crisi della cultura nazionale. Infatti dopo il 68, con la contestazione del classico canone letterario ed educativo (rappresentato dal Liceo Classico), si sono diffuse culture maggiormente legate alla politica, corrose poi dalla crisi della politica e dello Stato. La società è divenuta meno gerarchica e la cultura si è più allargata. La nostra identità infragilita si è confrontata con una radicale trasformazione da società pluralista politicamente e eticamente in una società più al plurale religiosamente ed etnicamente. Gli anni della maggior crescita dell immigrazione sono quelli della globalizzazione con l apertura di nuovi orizzonti, che rendono l Italia più piccola e fragile in un mondo fattosi molto grande: l Europa diminuisce e crescono i giganti asiatici. Incremento degli immigrati e fragilità dell identità nazionale si sviluppano nello stesso periodo. Per questo il problema di una società a diverse componenti etniche e religiose è stato affrontato spesso in modo sentimentale, emotivo e non realistico e culturale. I 150 anni non sono oggi un occasione in cui rinsaldare l identità, ridire il senso di una comunità nazionale, ma anche porsi a confronto con un mondo nuovo, con culture, lingue e religioni degli immigrati? Il grande rischio è lasciar crescere, nel tessuto di una nazione spaventata, un insieme di comunità ai margini. Un multiculturalismo di fatto. Il discorso vale, in particolare per un fatto assolutamente nuovo: una popolazione musulmana di circa persone, mentre cinquant anni fa erano solo poche unità. Per Giovanni Sartori è la balcanizzazione della società e la fine del pluralismo vero in cui contano i diritti dell individuo. Quello italiano non è un multiculturalismo di fatto, scarico di idee? Del resto la storia degli ultimi decenni ha visto sciogliersi, proprio nel Mediterraneo, tante convivenze tra comunità diverse. Si pensi a quella tra turchi e greci a Cipro, finita nel 1974, ma soprattutto alla vicenda dei Balcani, a Sarajevo, dove musulmani (poco praticanti al

5 5 tempo di Tito), cattolici e ortodossi vivevano insieme. La giustapposizione di comunità non ha in sé il germe della disgregazione? Vivere insieme tra diversi può apparire un rischio per la sicurezza, l identità, il futuro. Come crescere con una solida identità umana in una società che ha trasformato il pluralismo etico e politico degli anni settanta in pluralità di culture? Siamo in un Italia spaesata per la sua crisi, la globalizzazione, la paura e l incertezza del futuro. E mancata una meditazione seria sulla rapida trasformazione di una società omogenea in società plurale. Sono stato da sempre convinto che l immigrazione (che ci trasforma in società plurale) pone un problema analogo a quello che ieri era la questione dei confini di uno Stato. Le frontiere richiedono allo stesso tempo un impegno bipartisan e una dose di patriottismo. Non richiedono di utilizzare l argomento per combattersi. Purtroppo la trasformazione italiana in società plurale è avvenuta in un periodo delicato, quando lo Stato veniva investito dalla crisi della Prima Repubblica o negli anni successivi della cosiddetta Seconda Repubblica, mai veramente nata. Sono stati anni di introversione del paese; ma anche una stagione in cui la politica si è vieppiù dissociata dalla cultura, quindi dalla riflessione sui problemi, per allearsi in modo crescente ai media. Il che ha portato ad alzare i toni in modo emotivo e aggressivo. La trasformazione multiculturale del paese invece richiede meditazione, progettualità, non toni alti ed emotivi. Esperti di umanità I vescovi italiani scrivono nel documento per l educazione nel decennio che viene: Oggi la formazione dell identità personale dice il documento della CEI- avviene in un contesto plurale, caratterizzato da diversi soggetti di riferimento La molteplicità dei riferimenti valoriali, la globalizzazione delle proposte e degli stili di vita, la mobilità dei popoli, gli scenari resi possibili dallo sviluppo tecnologico costituiscono elementi nuovi e rilevanti, che segnano il venir meno di un modo quasi automatico di prospettare modelli di identità e inaugurano dinamiche inedite. La cultura globale, mentre sembra annullare le distanze, finisce con il polarizzare le differenze, producendo nuove solitudini e nuove forme di esclusione sociale. La società al plurale non è solo quella di diverse comunità, ma anche di nuove presenze religiose di italiani i convertiti all islam o al buddismo o all induismo-, e di messaggi che vengono dalla comunicazione globale e dagli incroci tipici di un mondo mondializzato. Continuano i vescovi: Anche i rapporti con culture ed esperienze religiose diverse, resi più intensi dall aumento dei flussi migratori e dalla facilità delle comunicazioni, possono

6 6 costituire una risorsa feconda, da valorizzare senza indulgere a irenismi e semplificazioni o cedere a timori e diffidenze. Sono parole che vengono da un esperienza di umanità per dirla con Paolo VI-, maturata negli ultimi decenni dalla Chiesa, mentre cresceva il paese plurale. Il mondo della Chiesa ha incontrato gli immigrati (portatori spesso di un senso identitario non sempre forte) con il volto dell accoglienza, vedendo in essi uomini e donne bisognosi. Qui c è stato un lavoro importante di cui bisognerebbe scrivere la storia. In larga parte il volto umano dell Italia, che ha accolto gli stranieri quanto è importante il primo impatto!- viene dai cattolici. Per questo, quando si parla di buonismo in modo ironico, mi ricordo che il primo elementare insegnamento che ebbi da una suora-maestra era quello di essere buoni e penso che, in una società così antagonistica e senza legami come la nostra, l essere buoni è una lezione di umanesimo. Nel 1986, la Comunità di Sant Egidio elaborò un documento dal significativo titolo, Stranieri nostri fratelli, così concluso: crediamo che si imponga una seria e meditata riflessione. Come cristiani intendiamo offrire una testimonianza della nostra sensibilità e del legame che ci unisce a quelli che sono arrivati per ultimi. Anche Raab, la meretrice, di cui parla il libro di Giosuè, fu giustificata per aver dato ospitalità. Nel 1989, il card. Martini scriveva: Anche Roma e Milano sono chiamate ad avviarsi per questa strada per diventare luoghi di convivenza pacifica tra gente diversa per razza, lingua e religione. Sfida che, come sappiamo, è terribile per Gerusalemme e però è drammatica per Roma e per Milano. In quel periodo e dopo, la Chiesa non ha parlato solo di ospitalità; si è anche rivolta agli italiani e all Italia. Giovanni Paolo II, primo papa non italiano dal Cinquecento, ha insistito sull identità italiana. Nel 1994, quando esplosero i conflitti etnici nei Balcani e in Ruanda, guardò preoccupato la crisi italiana, la fine della prima Repubblica e la questione settentrionale. Chiese una grande preghiera per l Italia ed espresse la sua visione del paese con una robusta identità e una teologia della nazione. Il papa segnalò tre eredità da non disperdere, la fede, la cultura e l unità nazionale: l eredità dell unità, che, anche al di là della specifica configurazione politica, maturata nel corso del secolo XIX, è profondamente radicata nella coscienza degli italiani. Il senso della nazione wojtyliano non sfocia in un nazional-cattolicesimo, ma in una tensione alla comunità dei popoli. Per papa Wojtyla, talvolta giudicato quasi un nazionalista polacco, la stagione felice di una nazione consiste nel convivere tra diverse componenti etniche e religiose. La Polonia da lui ammirata è il Commonwealth polacco-lituano dell epoca jagellonica: Stato multinazionale di ebrei, polacchi, lituani, ucraini, cattolici e ortodossi, dove

7 7 si praticava e si viveva l amalgama di varie culture e religioni. Lo spirito polacco è, in fondo, - afferma Wojtyla- la molteplicità e il pluralismo, e non la ristrettezza e la chiusura. Sembra tuttavia che la dimensione jagellonica dello spirito polacco, ora ricordata, abbia purtroppo cessato di essere qualcosa di ovvio nel nostro tempo. Giovanni Paolo II ama citare l espressione del re Sigismondo Augusto ( non sarò il re delle vostre coscienze ) per ricordare il tradizionale rispetto polacco della libertà di coscienza. Per vivere insieme è necessario dice Wojtyla ai libanesi- il dialogo: promuovere il vivereinsieme tra cristiani e musulmani, nello spirito di apertura e collaborazione..., perché diventi un atteggiamento di popolo nella vita quotidiana, nel lavoro e nella vita della città, cosicché le persone e le famiglie apprendono ad apprezzarsi e le esperienze concrete di solidarietà sono una ricchezza per tutto il popolo. In quest opera, i cristiani hanno una forza di amore: La storia religiosa ci presenta numerosi santi che sono stati sorgente di riconciliazione attraverso il loro atteggiamento pacifico fondato sulla preghiera e l imitazione di Gesù. Ai cristiani in Medio Oriente, a quelli nel quadro del pluralismo etnico o religioso, il papa prospetta la convivenza, come condizione migliore, non facile, ma arricchente. Si rende conto che i mondi tradizionalmente omogenei sono erosi dagli spostamenti delle popolazioni e dai fenomeni migratori. I cristiani possono lavorare per un arte del convivere, che diventa loro missione. Dopo il viaggio in Brasile, nel 1980, il papa ricorda la storia complessa del paese, attraverso tante stagioni difficili, tra cui l espropriazione delle terre degli indigeni e la tratta degli schiavi. Ammira nel Brasile la multietnicità e il senso di fratellanza tra le componenti etniche, sino a giungere al meticciato di culture: I neri si sono uniti con gli antichi indigeni e con i bianchi, creando, anche nel senso antropologico, il tipo contemporaneo del brasiliano. Per lui la grande sfida della costruzione di una civiltà del vivere insieme è una cultura condivisa e aperta. In questa prospettiva si colloca la proposta di Assisi nel 1986, quando Giovanni Paolo II chiamò i leader delle Chiese e comunità ecclesiali nonché delle grandi religioni cristiane a pregare insieme ad Assisi per la pace: non più gli uni contro gli altri, ma gli uni accanto agli altri, senza confusione ma senza opposizione. L immagine dei leader religiosi ad Assisi, con Giovanni Paolo II in mezzo, è forse l icona religiosa più popolare del XX secolo. Non si è trattato di un espressione isolata del genio wojtyliano, ma di una proposta che ne sono testimone- il papa volle continuasse negli anni successivi. E l abbiamo realizzata qui a Milano, nel Papa Wojtyla parlò di spirito di Assisi, cioè di un vivere insieme in pace, fondato sulla spiritualità. Nel 2011 Benedetto XVI ritorna ad Assisi e ripropone la via del suo predecessore. Assisi mostra come l identità cristiana, rappresentata dalla fede rocciosa di

8 8 papa Wojtyla, possa promuovere quella che chiamo la civiltà del convivere. Lo spirito di Assisi indica nelle ragioni profonde e spirituali la via della civiltà del convivere. Una casa o un albergo? Guardiamo in faccia i nostri simili. In un quarto di secolo gli abitanti della terra sono cambiati: nel 2006 la popolazione delle città ha superato quella delle campagne; tra il 1980 e il 2000 è avvenuta una rivoluzione culturale con un avanzamento del tasso di alfabetizzazione. Gli uomini e le donne alfabetizzati contano, perché sono soggetti di una rivoluzione mentale. Guardate quanto è avvenuto al Cairo, dove una marea umana e di giovani ha fatto cadere un regime. Gli uomini e le donne contano. Cercano spiegazioni e si interrogano sul futuro. Hanno bisogno di motivazioni e di cultura. Uno degli squilibri delle nostre società è proprio la carenza di cultura e di educazione. Avere e potere senza sapere genera gravi squilibri. Le società senza una cultura condivisa diventano violente e antagonistiche. In questo tempo di triste giubileo dell Unità, molti restano meravigliati che dalla Chiesa venga proposto un senso dell identità nazionale. Sono convinto che dal nostro vissuto, dalle nostre istituzioni, dal mondo dell educazione, dobbiamo far lievitare nell Italia di oggi una cultura del vivere insieme. Abbiamo una cultura del vivere insieme, che non ha paura dell altro, perché ha salde radici. Quando il card. Scola parla di meticciato, vediamo una proposta di essere insieme, di incontro tra culture, che viene da un vissuto cristiano. La grande domanda è: quest Italia dev essere un albergo o una casa? Gli alberghi, anche di lusso, si degradano con il tempo. Molti avrebbero sognato un albergo, che possiamo chiamare Cosmopolitan. Ma la società cosmopolita, quella di Davos, riguarda solo qualche decina di milioni di persone nel mondo. Nel mondo globalizzato invece si sono sviluppati tanti conflitti di identità, di religione e di civiltà. La globalizzazione fa spirare un vento freddo, per cui tutti sentono la necessità di ricoprirsi con la propria identità, anche se l avevano trascurata. Albergo Cosmopolitan o casa? Il rabbino britannico Jonathan Sacks ha recentemente pubblicato un libro che mostra la sfida che sentiamo: The Home We Build Together. C è una casa da costruire insieme. Si deve cominciare dalle nuove generazioni, che vivranno in una società plurale. Ma una casa ha bisogno di un aria di famiglia, che è una cultura nazionale capace di essere un intercultura. Qui c è una grande sfida per l educazione. Scrive Milena Santerini quando parla dell insegnante e della scuola: Il pensiero critico permetterà di riconoscere il proprio etnocentrismo, ma ciò non sarà sufficiente se non verranno sviluppati anche sentimenti di simpatia e coinvolgimento. Non basta, infatti, conoscere le culture per

9 9 costruire una convivenza. La casa, la sua cultura, ha bisogna della simpatia che fa cadere i muri, arricchisce e non distrugge le identità, anzi le apre e le sviluppa senza sradicarle. Per ricostruire una casa, bisogna partire da quel che siamo e che siamo stati. Non basta dire come ci si sente. C è bisogno di storia. Proiettarsi verso il futuro vuol dire educare uomini e donne liberi, perché radicati in una storia. Il futuro non è un nuovismo, ma una storia che cresce. Questo non vuol dire chiusura, ma è apertura consapevole agli altri. L Italia non può essere motivata solo da ragioni economiche o di convenienza: è una comunità che ha alle spalle una storia di sacrifici e sofferenze; ha anche un futuro e una missione nel mondo. L Italia è un Europa sul Mediterraneo, aperta ai Sud del mondo, ma ancorata e lo dico a Milano- nel cuore dell Europa. Chi, come me, viaggia molto fuori dall Europa si rende conto del significato per gli altri dell essere italiani o anche del nome di Roma, come un suono dolce per molti cattolici. L antiromanesimo è un fatto europeo, nordeuropeo, non mondiale. Italia è una parola evocativa sotto tante latitudini. L identità italiana non antagonistica con altre identità, è qualcosa di serenamente radicato nel vissuto del paese e della gente. Esiste un umanesimo italiano, non solo un fatto letterario, ma un sentire diffuso. C è una tradizione di umanesimo italiano che va ritrovata. L incapacità di fare i conti con la tradizione fa tutt uno con l incapacità di un progetto plausibile per il futuro afferma Francesco Bruni, la cui storia letteraria dell Italia é un testo di valore per cogliere un fatto di vita e letteratura. Non abbiate paura! Tutte le profezie di catastrofi imminenti, tutte le predicazioni del disprezzo verso gruppi, etnie, come con i rom, seminano e innescano processi che vanno al di là della volontà di chi causa. Facciamo attenzione alla predicazione del disprezzo e della paura. Il futuro è nelle mani nostre e dei nostri figli. Il problema è che queste mani siano esperte e sensibili. Diamo uno sguardo realistico all Italia di oggi. L Italia non è destinata a divenire un paese invaso dai musulmani, come profetizzato negli anni ottanta. Le comunità musulmane se si sommano i loro aderenti- non fanno un corpo compatto. I musulmani marocchini restano altra realtà dai bangla, dai confraternali muridi senegalesi, dagli albanesi secolarizzati (tra cui c è un alto tasso di conversioni al cattolicesimo). E interessante notare come avvenga invece lo spostamento della millenaria frontiera che divise, nei Balcani, il cristianesimo d Occidente da quello ortodosso, ferma per secoli. Più di un terzo degli immigrati (romeni, ucraini, moldavi, serbi) sono ortodossi. L ortodossia diventerà la seconda comunità religiosa in Italia. Cominciano ad affacciarsi

10 10 istituzioni legate alle comunità non di origine italiana, come le moschee, ma anche un università polacca a Roma. Le comunità straniere presentano caratteri diversi: alcune quasi si dissolvono nel tessuto nazionale, eccetto alcuni elementi, mentre altre sono più identitarie. C è diversità tra marocchini e romeni. Ma c è un meticciato della vita quotidiana che tutti unisce. Scrive Todorov: Oggi dunque ognuno di noi ha già vissuto dentro di sé, sia pure in diversa misura, questo incontro di culture: siamo tutti meticci. C è un meticciato del quotidiano. Proprio per questo, per una vita al crocevia di diverse esperienze, è importante un identità consapevole, colta, sensibile, capace di aprirsi. Due milioni di conti correnti bancari degli immigrati ci dicono la storia dell inizio di un radicamento. Gli imprenditori stranieri, iscritti alla Unioncamere, sono raddoppiati in cinque anni e risultano (i più rappresentati sono romeni e cinesi). Gli studenti stranieri a scuola sono il 7% (ma in Veneto il 17% dei nuovi nati ha origini non italiane). Nel 2007 i figli di immigrati sono l 11,2% dei nati in Italia. Aumenta dell 1% ogni anno. Il mondo dell Italia si allarga e si interseca con altri mondi. Grandi e piccoli problemi si presentano alla nostra vita. Sono diversi dai problemi di ieri. Eppure anche ieri si pensi al 18 aprile l Italia sembrava drammaticamente dividersi tra gli italiani. Il vero problema è avere un ideale ed avere idee. Senza questo non si educa. Mi permetto di dire che non si governa nemmeno. L idea è un umanesimo italiano, che ha radici nella nostra storia e nel vissuto cristiano, che sia solida base ad una società del convivere. Un uomo, un armeno di Istanbul, figlio di un popolo che ha conosciuto i massacri turchi (tanto che gli armeni sono ancora chiamati quelli che sono sfuggiti alla spada ), ha scritto: convivere non era una grazia che avrebbe concesso qualcuno dall alto, era una civiltà che popoli che convivono debbono produrre insieme. Identità e convivenza sono nelle nostre mani, si formano nelle nostre scuole, si nutrono nel sapere, ma soprattutto lo ribadisco- si preparano in una vita illuminata dal credere. Ma lasciatemelo dire- anche capace di amare e sperare. Perché tanta paura nasce da una speranza illanguidita, che ha dimenticato la forza costruttiva, anzi creativa, dell amore.

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Obiettivi formativi Verranno valutati: il comportamento, la partecipazione e l interesse, la responsabilità nei confronti dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

FRANCIA Associazione Valdocco: missione socio-educativa in un contesto di laicità

FRANCIA Associazione Valdocco: missione socio-educativa in un contesto di laicità FRANCIA Associazione Valdocco: missione socio-educativa in un contesto di laicità Breve presentazione del contesto sociale in cui si lavora Si tratta di una missione educativa di prevenzione a favore di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA

PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA PROGRAMMAZIONE I.R.C. PREMESSA L IRC fa sì che gli alunni riflettano e si interroghino sul senso della loro esperienza per elaborare ed esprimere un progetto di vita, che si integri nel mondo reale in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino.

Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino. 1 Ciampino, 10 settembre 2013 Verbale della riunione del Dipartimento di Religione Cattolica del Liceo Scientifico Statale Vito Volterra di Ciampino. Si è riunito in data odierna alle ore 9,00 nella sala

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA D INFANZIA E PER IL

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica VISTO VISTA l articolo 87 della Costituzione; la legge 25 marzo 1985, n. 121, recante ratifica ed esecuzione dell Accordo, con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SOLIMENA DE LORENZO NOCERA INFERIORE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROGETTAZIONE CURRICOLARE DI RELIGIONE SEZIONE A COMPETENZA EUROPEA : Competenza sociale e civica ; Imparare

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte

LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte LO STRANIERO NELLA BIBBIA Alla ricerca delle radici delle nostre scelte Di don Fredo OLIVERO Mi è stato richiesto di mettere le basi bibliche per capire la figura dello straniero : senza queste radici

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ?

Inserto. Diocesi. insieme. Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? Inserto insieme Diocesi Pastorale Scolastica e Insegnamento della Religione Cattolica RELIGIONE A SCUOLA. PERCHÉ? INSERTO Il Servizio Diocesano per la Pastorale Scolastica e il Servizio Diocesano per l

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA

DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA 43 ECCLESIA NONNA EUROPA DIALOGO ECUMENICO E LIBERTÀ RELIGIOSA La vista di Francesco a Strasburgo e in Turchia. Implicazioni politiche ed ecumeniche «nonna», una forte denuncia delle persecuzioni dei cristiani,

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria)

Programmazione didattica per l insegnamento della religione cattolica (Scuola Primaria) Premessa L I.R.C. si inserisce nel progetto educativo-didattico della scuola come disciplina cha valorizza l aspetto storico-culturale della religione cattolica e non come una catechesi, pertanto rientra

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno

Programmazione pedagogico-didattica per. l insegnamento della Religione Cattolica. Secondo Biennio e Quinto Anno Programmazione pedagogico-didattica per l insegnamento della Religione Cattolica Secondo Biennio e Quinto Anno Anno scolastico 2012/2013 Docente referente: Prof.ssa A. Graziella Lobina PROGRAMMAZIONE DI

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987) Specifiche e autonome attività d'insegnamento della Religione Cattolica nelle Scuole Pubbliche Elementari (Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S.

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014/2015 Finalità e obiettivi generali del dipartimento per classi: L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C.

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I. C. Via D Avarna RMIC8FY006 - Distretto 24 - Via D Avarna 9/11 00151 Roma - C.F. 97714020589 Tel. /

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

Conversazione con un ex predicatore musulmano convertito all Ortodossia in Gran Bretagna

Conversazione con un ex predicatore musulmano convertito all Ortodossia in Gran Bretagna www.ortodossiatorino.net Conversazione con un ex predicatore musulmano convertito all Ortodossia in Gran Bretagna Fonte: Blog del sacerdote Nikolaj Savchenko, 12 febbraio 2010 Versione francese Versione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli