Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale"

Transcript

1 Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi Scatta l alleanza tra Milano ed Expo Antalya 2016 Presidente dell ISPAT: Opportunità per i produttori di turbine eoliche in Turchia 3 miliardi di dollari dalle privatizzazioni nel 2015 BERS interviene in Turchia con 1,8 miliardi di dollari di investimenti nel 2016 Gli imprenditori al nuovo Parlamento: ridurre la tensione e riavviare le riforme Banca Mondiale: facilità di fare impresa in Turchia migliora solo nel settore costruzioni Il settore automobilistico turco risplende in Europa FIAT-Tofaş: utili +24% nel 3 trimestre del 2015 Profitti su del 54% per Turkish Airlines La Turchia è il secondo esportatore mondiale di uova Economia e Politica Economica N.22 05/11 12/11/2015 Prot. Nr L interscambio commerciale della Turchia a settembre 2015 Il conto delle partite correnti in attivo nel mese di settembre Turchia, produzione industriale invariata a settembre BERS: previsione di crescita per la Turchia al 3% OCSE taglia le prospettive di crescita per la Turchia Gare e Annunci Indicatori Macroeconomici Ambasciata d Italia in Ankara, Ufficio Commerciale, Atatürk Bulvarı 118, 06680, Ankara, ; ; ; tel ; Responsabile: Dott. Francesco Varriale

2 Ultimi sviluppi Scatta l alleanza tra Milano ed Expo Antalya 2016 L Expo Milano 2015 chiuderà i battenti tra pochi giorni e già si lavora ai prossimi appuntamenti. Per promuovere l evento, Expo Antalya come sottolinea una nota - ha scelto di collaborare con il World Expo Commissioners Club (Wecc) che si occuperà tra l altro di cercare adesioni tra i Paesi nel mondo interessati a partecipare all Esposizione di Antalya - dedicata prevalentemente al settore agricolo - con un loro padiglione e di affidare la distribuzione dei biglietti ad Alessandro Rosso Group, già primo rivenditore autorizzato al mondo di Expo Milano Expo Antalya 2016 si svolgerà tra il 23 aprile e il 30 ottobre Partendo dal motto «vita verde per le generazioni future», il tema dell Expo di Antalya è «fiori e bambini». L area (1.121 ettari) sarà dunque dedicata alla esposizione di iniziative e progetti su biodiversità, sviluppo sostenibile e promozione del business verde. L Expo Antalya costituirà una piattaforma internazionale di confronto sui problemi ambientali su scala mondiale come il riscaldamento globale, l agricoltura ecologica, la conservazione della biodiversità, la sostenibilità e la sicurezza alimentare. Offrirà inoltre la possibilità ai Paesi partecipanti di promuovere se stessi attraverso un giardino internazionale visitato da milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo; giardini internazionali che saranno un investimento promozionale permanente per la città di Antalya, in Turchia. La World Expo Commissioners Club Association (Wecc), è un associazione senza scopo di lucro, che si propone di essere un network tra commissari, direttori di padiglione, delegati Bie, rappresentanti del corpo diplomatico, istituzioni e tutti quei soggetti pubblici e privati coinvolti a vario titolo nel mondo dell Esposizione universale e delle Esposizioni internazionali. La sede è a Milano in Piazza Duomo. Intanto, la Alessandro Rosso Group festeggia oggi, con la direzione di Expo Milano 2015, il ventimilionesimo biglietto di Expo venduto proprio dal primo Global Re seller per Expo Milano 2015, che ha contribuito con oltre 3 milioni di biglietti. (fonte: Il Sole 24 Ore, Vincenzo Chierchia, ) TOP Presidente dell ISPAT: Opportunità per i produttori di turbine eoliche in Turchia Il potenziale della Turchia nel settore dell energia eolica non si limita alla produzione di energia, secondo il Presidente dell Agenzia per la promozione degli investimenti (ISPAT), Arda Ermut. Parlando al 4 Turkish Wind Energy Congress tenutosi ad Ankara, Ermut ha detto che la Turchia potrebbe diventare un hub per la produzione di turbine eoliche. I meccanismi di sostegno per la produzione locale di apparecchiature di generazione di energia e un forte base industriale significano un grande vantaggio per la Turchia per diventare un polo energetico regionale. ha dichiarato Ermut. La Turchia mira a ridurre la sua dipendenza dai combustibili fossili importati installando una capacità di MW generata da turbine eoliche entro il Oltre al sistema di tariffe di alimentazioni, la generazione di energia eolica con apparecchiature prodotte localmente è particolarmente incentivata nel Paese. TOP 3 miliardi di dollari dalle privatizzazioni nel 2015 Il Vice Presidente dell Amministrazione per le privatizzazioni, Ahmet Aksu, ha dichiarato che la Turchia prevede un introito di circa 3 miliardi di dollari dalle privatizzazioni nel 2015 e 3,4 miliardi nel Durante l evento Infrastructure Financing Meeting organizzato dal gruppo finanziario Unicredit, Aksu ha rivelato che la privatizzazione della licenza della lotteria nazionale Milli Piyango sarà conclusa entro la fine del Dopo la prima gara lanciata nel 2009, per la quale gli offerenti non sono stati in grado di raggiungere il prezzo minimo richiesto di 1,6 miliardi di dollari, la seconda gara è stata indetta nel 2014 con scadenza al 10 dicembre. Aksu ha aggiunto

3 che un altro obiettivo è quello di privatizzare la maggior parte degli impianti di produzione di energia elettrica nei prossimi quattro anni e i vari porti, come quelli di Izmir e Tekirdağ, per i quali è prevista una gara nel Il valore totale delle privatizzazioni in Turchia aveva raggiunto un livello record nel 2013 con 12,5 miliardi di dollari. TOP BERS interviene in Turchia con 1,8 miliardi di dollari di investimenti nel 2016 La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) prevede di investire in Turchia 1,8 miliardi di dollari nel Il Consiglio di amministrazione della BERS ha approvato una nuova strategia per la Turchia, che guiderà gli investimenti della Banca nel paese per i prossimi quattro anni. La strategia definisce cinque priorità per gli investimenti: sostenere le riforme del settore energetico, l efficienza energetica e le energie rinnovabili; migliorare la qualità delle infrastrutture con la partecipazione del settore privato; promuovere competitività del settore privato attraverso l innovazione; promuovere l inclusione regionale e della gioventù nonché la parità di genere per sostenere il potenziale di crescita a lungo termine; approfondire il mercato dei capitali. Jean-Patrick Marquet, direttore della BERS in Turchia, ha detto che la BERS è pronta a svolgere il proprio ruolo nell aiutare il Paese a costruire un economia forte, competitiva, sostenibile e inclusiva che porterà prosperità a tutti. Continueremo a lavorare principalmente con il settore privato che è la chiave per garantire una crescita continua. La Banca ha investito oltre 6 miliardi di euro in Turchia dal 2009 attraverso più di 160 progetti in infrastrutture, energia, agroalimentare, dell industria e della finanza. TOP Gli imprenditori al nuovo Parlamento: ridurre la tensione e riavviare le riforme Dopo le elezioni generali, le associazioni di imprenditori turche hanno chiesto a tutti i partiti politici in Parlamento di ridurre la tensione nella società e di attuare un nuovo programma di riforme economiche. Secondo quanto dichiarato dall associazione degli industriali ed imprenditori turchi (TUSIAD), il mondo degli affari turco si aspetta che il nuovo governo ponga rimedio alla polarizzazione sociale che ha per mesi dominato il Paese e garantisca business environment aperto alla concorrenza e allo sviluppo. L Associazione degli investitori internazionali (YASED) ha sottolineato la necessità della cooperazione tra tutti i partiti per prevenire attacchi terroristici e garantire la pace sociale, aggiungendo che il governo dovrebbe adottare misure urgenti per riavviare le riforme economiche. Analogamente, l Unione delle camere di commercio e delle borse (TOBB) ha evidenziato la necessità di riforme. TOP Banca Mondiale: facilità di fare impresa in Turchia migliora solo nel settore costruzioni Secondo il rapporto 2016 della Banca Mondiale Doing Business Report pubblicato in ottobre, la facilità di fare impresa in Turchia nel 2015 è migliorata solamente sul piano dell acquisizione di permessi per costruzioni, mentre è peggiorata sotto ogni altro aspetto, su un ventaglio di 10 indicatori presi in considerazione. Nella valutazione totale, la Turchia ha perso 4 punti rispetto al rapporto dell anno scorso, posizionandosi al 55esimo posto. La Turchia ha perso 6 punti nella facilità di avviare un impresa, di un punto nella generazione elettrica, di un punto nella registrazione della proprietà, di otto punti nell ottenimento di un prestito, di 5 punti nel pagamento delle tasse, di un punto nel commercio internazionale, di 19 punti nel far rispettare i contratti e 22 punti nella soluzione delle insolvenze. Sul fronte della protezione degli azionisti di minoranza, non si registrano invece cambiamenti, sempre secondo il rapporto appena pubblicato. TOP 3

4 Il settore automobilistico turco risplende in Europa I dati riguardanti il mercato automobilistico europeo dei primi nove mesi dell anno mostrano che la Turchia è salita al sesto posto per vendite complessive e al quarto per vendite di veicoli commerciali leggeri, grazie alle nuove norme annunciate dall Automotive Distributors Association (ADA), entrate in vigore l anno scorso. Il mercato automobilistico nei paesi dell UE e dell Associazione europea di libero scambio (AELS) è cresciuto del 9,2% nel periodo gennaiosettembre, e il numero totale delle vendite è stato di circa 12 milioni, contro gli 11,3 milioni del medesimo periodo del La diminuzione più consistente tra i paesi dell UE e dell EFTA è stata in Lussemburgo, mentre i tre mercati che hanno registrato la maggiore crescita nelle vendite nei primi nove mesi del 2015 sono stati l Islanda con un aumento del 44,2%, l Irlanda con il 32,2% e il Portogallo con 27,9%. Il mercato automobilistico totale dei paesi dell UE e dell EFTA è cresciuto del 10,4% a settembre rispetto a settembre La Turchia ha aumentato la propria quota nel mercato automobilistico europeo del 38,54%, divenendo il sesto esportatore di automobili più grande tra i paesi dell UE e dell EFTA. Durante i primi nove mesi dell anno il mercato totale dei veicoli commerciali leggeri nei paesi dell UE e dell EFTA è cresciuto dell 11,1% e le vendite della Turchia sul mercato commerciale leggero europeo tra gennaio e settembre sono cresciute del 51,9%. TOP FIAT-Tofaş: utili +24% nel 3 trimestre del 2015 La casa automobilistica Tofaş, ha registrato un utile netto di 157,9 milioni di lire turche (55 milioni di dollari) nel terzo trimestre del 2015 con un aumento del 24% rispetto ai 127,1 milioni di lire (44,3 milioni di dollari) nello stesso periodo dello scorso anno. La Tofaş, una joint venture tra la turca Koç Holding e la FIAT, ha registrato un aumento delle vendite arrivando a 2,27 miliardi di lire (793 milioni di $) nel terzo trimestre del 2015 rispetto agli 1,68 miliardi di lire (587 milioni di dollari) dello stesso periodo del Le vendite sono aumentate del 34,2%, raggiungendo quasi 7 miliardi di lire (2,44 miliardi di dollari) nel periodo gennaio-settembre La Tofaş impiega più di dipendenti e ha prodotto automobili nei primi nove mesi dell anno in Turchia, di cui destinati alle esportazioni. TOP Profitti su del 54% per Turkish Airlines Turkish Airlines ha annunciato un utile netto di 2,37 miliardi di lire turche (810 milioni di dollari) tra gennaio e settembre, registrando un aumento del 54% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I ricavi derivati dalle vendite sono aumentati del 17%, raggiungendo 21,6 miliardi di lire turche (7,37 miliardi di dollari). La società ha comunicato che nonostante l ambiente fortemente concorrenziale tra quelli che sono i competitor più importanti del mondo, la stabilità politica ed economica della regione e le severe condizioni operative causate dalle fluttuazioni valutarie, Turkish Airlines continua il suo cammino di crescita profittevole e sostenibile per il paese. Nel corso dei primi nove mesi del 2015 il numero di destinazioni è aumentato, raggiungendo 283 mete, mentre il numero di passeggeri che viaggiano con Turkish Airlines è cresciuto del 12,32%, da 41,4 a 46,5 milioni. TOP La Turchia è il secondo esportatore mondiale di uova Stando ai dati dell Istituto di statistica turco (TurkStat), la Turchia ha prodotto nel miliardi di uova, registrando un valore record per il paese, e le esportazioni turche di uova sono state il 9% delle esportazioni mondiali, rendendo la Turchia il secondo principale esportatore di uova al mondo. Inoltre, le imprese integrate hanno realizzato il 95% della produzione della carne di pollo. Attualmente una società turca possiede l impianto di allevamento con la più elevata capacità d Europa. Il settore dell allevamento ha prodotto nel 2014 più di 1 milione di tonnellate 4

5 di carne rossa, 18,6 milioni di tonnellate di latte, 1,9 milioni di tonnellate di carne bianca, 17,1 milioni di uova e tonnellate di miele. TOP Economia e Politica Economica L interscambio commerciale della Turchia a settembre 2015 Nei primi nove mesi del 2015, rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, l interscambio della Turchia con il mondo è diminuito dell 11,6% (da 298,2 a 263,6 miliardi di dollari). In particolare, le esportazioni turche sono calate del 9,4% (da 118,3 a 107,2 miliardi) e le importazioni del 13,1% (da 179,8 a 156,3 miliardi), con un saldo della bilancia commerciale in diminuzione del 20,2% (da 61,4 a 49 miliardi). Nello stesso periodo, l interscambio della Turchia con l UE, primo partner commerciale del Paese con il 40% dell interscambio totale del paese, si è ridotto del 10,43% e vale oggi 105,4 miliardi (contro i 117,7 miliardi di dollari del 2014). Le esportazioni turche verso l UE sono calate del 9,64% (da 51,7 a 46,7 miliardi di dollari) e le importazioni dell 11,5% (da 65,9 a 58,6 miliardi). Il deficit turco verso l UE è pertanto diminuito del 16,2% (da 14,2 a 11,8 miliardi). La graduatoria dei principali partner commerciali mostra ai primi posti la Germania con 25,5 miliardi di interscambio (-8,6% rispetto allo stesso periodo del 2014), la Cina con 18,4 miliardi di interscambio (-0,3%), la Russia con un interscambio complessivo pari a 18,5 miliardi di dollari (-18,3%). L Italia si conferma 5 paese partner con 12,8 miliardi di interscambio totale, -11% rispetto allo stesso periodo del 2014, di cui 7,8 miliardi di import (-12,8%) e 4,9 miliardi di export (-8,1%) ed un saldo negativo per la Turchia di 2,9 miliardi di dollari. L Italia si conferma quinto fornitore, dietro Cina, Russia, Germania e Stati Uniti, e quarto cliente dopo Germania, Regno Unito e Iraq. I prodotti più esportati della Turchia sono stati autoveicoli, trattori e parti di ricambio per un valore che ha raggiunto i 12,5 miliardi di dollari (-7,8% rispetto ai primi 9 mesi dell anno 2014); pietre preziose e semi-preziose, metalli preziosi, perle, bigiotteria, per un valore di 9,5 miliardi (+55,6%), macchinari e apparecchiature meccaniche per un valore di 9,1 miliardi (-11,3%), abbigliamento ed accessori per un valore di 6,5 miliardi (-14,2%) e macchinari di precisione ed attrezzature elettriche ed elettroniche con 5,9 miliardi (-15,6%). I prodotti più importati sono stati combustibili minerali, oli minerali per un valore di 29,3 miliardi di dollari (-29,6%); macchinari ed apparecchiature meccaniche per un valore di 18,7 miliardi (-8,8%); autoveicoli, trattori e parti di ricambio per un valore di 12,8 miliardi di dollari (+18,3%); macchinari di precisione ed attrezzature elettriche ed elettroniche per un valore di 12,8 miliardi di dollari (-1,9%); ferro ed acciaio per un valore 11,4 miliardi di dollari (-13,5.%). TOP Il conto delle partite correnti in attivo nel mese di settembre Secondo i dati della Banca centrale turca, a settembre il surplus di conto corrente della Turchia si è attestato a 95 milioni di dollari. Nel medesimo mese dell anno precedente il disavanzo conto corrente si era attestato a 2,365 miliardi di dollari. E la seconda volta che la Turchia ha registrato un surplus di conto corrente dal Il disavanzo delle partite correnti su dati rolling 12 mesi si è attestato a 40,569 miliardi di dollari, circa il 5% del PIL. TOP Turchia, produzione industriale invariata a settembre La produzione industriale turca è rimasta invariata nel mese di settembre rispetto al mese precedente, mentre ha registrato un aumento del 2,8% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente, secondo i dati dell Istituto di statistica turco. Tra i raggruppamenti principali, i beni di consumo durevoli hanno registrato un calo del 6,3% rispetto al mese precedente, mentre i 5

6 beni non durevoli un aumento del 2,2%. Il comparto che ha registrato il calo più forte è la fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica (-13,1%), mentre quello che ha registrato la maggiore crescita è la fabbricazione di mezzi di trasporto (+15,1%). TOP BERS: previsione di crescita per la Turchia al 3% Secondo le previsioni della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), la crescita della Turchia sarà del 3% nel 2015 e del 2,8% nel 2016, che sono al di sotto del potenziale a lungo termine del paese. Il rapporto indica che gli effetti dell indebolimento della domanda interna nel 2016, l aumento dei costi di finanziamento e la moderata diminuzione della liquidità globale, potrebbero essere in parte compensate da un miglioramento delle esportazioni turche. Anche la ripresa della zona euro dovrebbe sostenere le esportazioni turche, mentre la domanda interna più debole e il livello più basso dei prezzi delle materie prime taglierebbe la spesa per le importazioni. Il peggioramento delle aspettative degli investitori nei confronti dei mercati emergenti potrebbe anche esso influenzare l economia turca. C é da dire che il settore bancario rimane ben capitalizzato, con tassi di interesse bassi e che le finanze pubbliche rimangono stabili. Hans Peter Lankes, economista della BERS, sostiene che potrebbe esserci una ripresa nei mercati emergenti nel 2016, dopo cinque anni consecutivi di rallentamento, pur segnalando che ad ogni modo permangono rischi significativi. Il rapporto ha segnalato inoltre che la crisi dei profughi siriani nel 2015 sta interessando le economie di numerosi paesi e si stima che la Turchia ne ospiterà più di due milioni. Questo massiccio afflusso, secondo la BERS, avrà effetti sui servizi pubblici, le finanze pubbliche e il mercato del lavoro. TOP OCSE taglia le prospettive di crescita per la Turchia L Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha dichiarato nell ultimo rapporto sulle prospettive globali di aver riconsiderato le sue stime per la crescita economica turca del 2016 al 3,4% rispetto al precedente 3,9%, tuttavia mantenendo la proiezione per il 2015 invariata al 3,1%. Sul sito dell OCSE una stima per la Turchia rimarca che la crisi geopolitica al confine meridionale e il conseguente afflusso di profughi causano problemi. Secondo l organizzazione, sarà cruciale per riequilibrare la domanda e rafforzare la crescita turca fare progressi nell attuazione delle riforme strutturali che sono state programmate. L OCSE ha predetto che l economia mondiale crescerà quest anno del 2,9% e del 3,3% l anno prossimo. Angel Gurria, segretario generale dell OCSE, in vista della riunione della prossima settimana del G-20 fra i leader delle maggiori economie del mondo, ha invitato i governi a ridurre il protezionismo, rafforzare gli investimenti pubblici efficienti e portare a termine le riforme strutturali come gli interventi nel campo dell istruzione, delle tasse e del mercato del lavoro. TOP Gare e Annunci AYGM, Grand Istanbul Tunnel Project General Directorate of Infrastructure Investments (AYGM) is getting prepared to announce a tender for the survey-design works for the Grand Istanbul Tunnel Project. AYGM is about to complete the specifications for the design-survey tender and will soon ask to receive prequalification applications. Indicatori Macroeconomici PIL Nel secondo trimestre del 2015 il tasso di crescita del PIL è stato pari al 3,8%. Nel 2014, il tasso di crescita del PIL è stato pari al 2,9%. 6

7 Inflazione Nel mese di ottobre 2015, l inflazione relativa ai beni al consumo in Turchia è stata del 7,58% su base annua. Nel 2014, l inflazione relativa ai beni al consumo in Turchia è stata pari all 8,17%. Interscambio con l Italia Nel mese di settembre 2015, l Italia si colloca al quinto posto fra i partner turchi con 12,8 miliardi di interscambio totale. Nel periodo considerato, l Italia si conferma quinto fornitore (dietro Cina, Russia, Germania e Stati Uniti) e quarto cliente dopo Germania, Regno Unito e Iraq. Borsa di Istanbul Borsa di Istanbul (BIST-100) al 12 novembre 2015 Cambio al 12 novembre Euro = 3,0805 TL 1 Dollaro = 2,8715 TL Cronache Economiche A cura di: Redazione: In collaborazione con: Filippo Manara Duygu Toprak Edoardo Genova Per info: ICE Agenzia Ufficio Istanbul 7

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi La Turchia partecipa a Expo 2015 Aumentano gli investimenti nell energia eolica in Turchia Vendite in calo nel settore immobiliare,

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania

Il mercato tedesco dell odontoiatria. e la congiuntura economica in Germania Il mercato tedesco dell odontoiatria e la congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania L economia tedesca verso il ristagno Molti ritengono ormai che l economia tedesca

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi Il tasso di disoccupazione in Turchia ancora a doppia cifra In aumento l export delle auto dalla Turchia verso l Europa La

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca

UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca UniCredit Banca a sostegno del fotovoltaico Stefano Rossetti Direttore Regionale Emilia Est e Romagna UniCredit Banca 30 settembre 2007 Agenda La situazione della produzione di energia rinnovabile in Italia

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY

REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY REPUBLIC OF TURKEY PRIME MINISTRY Investment Support and Promotion Agency of Turkey ISPAT Raffaella Iaselli Italy Representative 22 settembre 2009 L Agenzia L Agenzia ISPAT La Turchia considera gli Investimenti

Dettagli

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA

A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA A NATALE LE VENDITE ONLINE CONTRIBUIRANNO AD INCREMENTARE LA CRESCITA DEL COMPARTO RETAIL IN EUROPA Per le vendite al dettaglio complessive in Europa durante il periodo natalizio si prevede un aumento

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%)

BILANCIO ANNO 2014. MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) 01/2015 Mercato Mercati nazionali 5.1.11 di Cosmino Giovanni Basile BILANCIO ANNO 2014 MERCATO DI MODENA Prezzo medio categoria 156/176 kg: 1,469 /kg (-2,1%) Nel 2014, il prezzo medio dei suini da industria

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013

NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 NOTA CONGIUNTURALE ROMANIA Gennaio-dicembre 2013 Biroul de la Bucuresti Str. A.D.Xenopol, nr.15, sector 1-010472 Bucuresti T +40 21 2114240 F +40 21 2100613 bucarest@ice.it www.italtrade.com/romania 11

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA

S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA S.E. MIGUEL RUIZ-CABAÑAS AMBASCIATORE DEL MESSICO IN ITALIA APRILE 2012 15º paese più grande del mondo per estensione (1.973 milioni di km2 (kilometri quadrati) 11 paese più popolato del mondo e 1 tra

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Commercio Estero Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 4 COMMERCIO ESTERO La Russia svolge un ruolo importantissimo nel commercio mondiale. Da un lato, esporta materie

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Approfondimenti statistici

Approfondimenti statistici QUADERNO N 143 NOVEMBRE 2014 EXPO 2015: UN ASSAGGIO DEL BEL PAESE PER IL SUO RILANCIO TURISTICO NEL MONDO Figura 1 - Pernottamenti di turisti extra-ue in Italia, Spagna e Francia Approfondimenti statistici

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato Vicenza 06/05/2015 Le esportazioni di Vicenza e la dinamica del cambio nei mercati del made in Vicenza Tra i primi 20 mercati di destinazione dei prodotti

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti

Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti. Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Operare con l estero: opportunità di business negli Emirati Arabi Uniti Torino, 14 ottobre 2005 Centro Congressi Torino Incontra Sala Giolitti Opportunita di Business negli Emirati Arabi Uniti Visione

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella

Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Le bioenergie come strumento di multifunzionalità dell azienda vitivinicola: un esempio di applicazione in Valpolicella Temi La struttura del mercato energetico La questione ambientale come vincolo al

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

CUBA Congiuntura Economica

CUBA Congiuntura Economica CUBA Congiuntura Economica Durante il 2011 l economia cubana ha avviato graduali riforme del sistema economico. Il tasso annuale di crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi al 2.7% nel 2011.

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Il mercato spagnolo del riciclaggio

Il mercato spagnolo del riciclaggio Nota settoriale Il mercato spagnolo del riciclaggio Agenzia ICE Ufficio di Madrid Data di realizzazione: aprile 2013 Agenzia ICE ufficio di Madrid Il settore del riciclaggio 1 CENNI SUL MERCATO SPAGNOLO

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001

Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: il CdA approva i risultati dell esercizio 2001 PROPOSTO DIVIDENDO DI 0,10 EURO, + 15% RISPETTO AL 2000 UTILE NETTO: +12,7% A 21,4 MILIONI DI EURO RICAVI NETTI: +3,5%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA GRUPPO DANIELI RESOCONTO INTERMEDIO AL 30.09.2013. redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.p.A. Buttrio (UD) via Nazionale n. 41 Capitale sociale Euro 81.304.566 i.v. Numero iscrizione al Registro Imprese di Udine, codice fiscale e P.IVA: 00167460302 www.danieli.com

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

Rapporto dei presidenti

Rapporto dei presidenti Rapporto dei presidenti Nonostante le difficili condizioni quadro economiche, nel 2015 il Gruppo Migros ha ottenuto un fatturato pari a CHF 27.4 miliardi, con una crescita dello 0.1 %. Inoltre è riuscita

Dettagli

Lo scenario energetico in Italia

Lo scenario energetico in Italia Lo scenario energetico in Italia Il Bilancio Energetico Nazionale Il Ministero dello Sviluppo Economico pubblica annualmente il Bilancio Energetico Nazionale (BEN) del nostro Paese. Questo ci dà l opportunità

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dati principali sul paese Cos è SIEPA? Motivi per investire in Serbia Accordi di libero scambio Fondi disponibili per gli investimenti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4.

COMUNICATO STAMPA GRUPPO CATTOLICA ASSICURAZIONI: RADDOPPIA L UTILE NETTO (125 MILIONI +98%) FORTE CRESCITA DEI PREMI: +12,89% A 4. Società Cattolica di Assicurazione - Società Cooperativa Sede in Verona, Lungadige Cangrande n.16 C.F. 00320160237 Iscritta al Registro delle Imprese di Verona al n. 00320160237 COMUNICATO STAMPA GRUPPO

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane

Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Evoluzione dei principali mercati: quali sviluppi si prospettano nell internazionalizzazione delle PMI italiane Paolo Di Benedetto Responsabile Dipartimento Valutazione Investimenti e Finanziamenti 21

Dettagli

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale

Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ambasciata d Italia ad Ankara Ufficio Economico e Commerciale Ultimi Sviluppi Iniziativa Invest in Italy : prima tappa del Road Show in Turchia Bottero cresce in Turchia con un operazione da 46,5 milioni

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive

Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Turchia paese emergente dalle grandi prospettive Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Antonio

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014

Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 Forum Economico Italia-Romania Bucarest 2014 R.S.V.P. entro il 23 setembre 2014 Segreteria Organizzativa Telefono: +39 06 64 760 943 Email: office@cciro.it Forum Economico Italia-Romania Bucarest, 26-27

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 1. Reverse-Flow 2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 3. Rapporto consumi/investimenti 4. Allineamento prezzi gas Italia all Europa 5. Stoccaggio Imprese 6. Servizio Maggior tutela (differenze

Dettagli

Turkmenistan: Situazione e Prospettive

Turkmenistan: Situazione e Prospettive Turkmenistan: Situazione e Prospettive Milano, 19 gennaio 2015 Auditorium Techint Via Monte Rosa, 93 PierMarco Romagnoli Presidente CCIT Associazione Camera di Commercio Italia-Turkmenistan Milano - Ashgabat:

Dettagli

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud

Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Utili consigli per chi è interessato a conoscere e ad investire in Corea del Sud Un leader nella CRESCITA SOSTENIBILE UN RUOLO INTERNAZIONALE Seoul ha ospitato a novembre 2010 il Summit G20 dei Capi di

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

AMBITO LEGALE DEI PROGETTI LEGATI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI IN POLONIA

AMBITO LEGALE DEI PROGETTI LEGATI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI IN POLONIA AMBITO LEGALE DEI PROGETTI LEGATI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI IN POLONIA 1. ENERGIA RINNOVABILE IN POLONIA 2. BASE LEGISLATIVA 3. CHE COS È L ENERGIA RINNOVABILE? 4. CERTIFICATI DI ORIGINE 5. CONCESSIONI

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli