Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :"

Transcript

1 Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP

2 Premessa: La prevenzione e il trattamento delle LdP rappresenta un problema rilevante che richiede un notevole impegno in termini di risorse umane,materiali e tecnologiche Dal 2005 la regione toscana al fine di garantire standard assistenziali in linea con le evidenze scientifiche disponibili, ha avviato un percorso di miglioramento della qualità dell assistenza nelle Aziende Sanitarie Locali della Toscana Obiettivo: Implementazione e sviluppo di abilità,conoscenze e atteggiamento generale degli operatori sanitari sul trattamento e prevenzione delle lesioni da pressione in modo che questi possono influire positivamente sul decorso e guarigione delle ferite.

3 A)Prevenzione Come? B)Valutazione e classificazione C)Trattamento D) Wound Bed Preparation e TIME E) Presidi antidecubito F) Prevenzione Ldp nel Blocco Operatorio

4 Prevenzione 1) Individuazione dei soggetti a rischio attraverso l utilizzo di scale di valutazione ( Compilazione ASGO e BRADEN) Approccio olistico del pz allettato che tiene conto di questi fattori Autonomia di movimento Autonomia di movimento Macerazione cutanea e incontinenza Nutrizione Livello di coscienza Dolore Condizioni generali del soggetto Patologie croniche pregresse Fattori psicosociali Meccanismi di coping

5 2)Gestione dei soggetti a rischio attraverso l utilizzo di un adeguato piano di prevenzione La prevenzione delle LdP deve essere centrata su quei fattori locali( pressione,stiramento,attrito,ecc) e quei fattori sistemici ( condizioni patologiche che sostengono l insorgenza) che concorrono al loro sviluppo Controllo dei fattori Nutrizione Dolore meccanici Movimento Malnutrizione Medicazione

6 Condizioni generali del soggetto età, obesità, Patologie croniche pregresse diabete,vasculopatie, neoplasie,ecc Fattori psicosociali isolamento sociale,sesso, condizioni economiche, background culturale Meccanismi di coping meccanismi adottati per far fronte ad uno stress (pessimismo o ottimismo)

7 Valutazione La valutazione delle LdP deve essere effettuata con frequenza almeno settimanale e tutte quelle volte che le condizioni iniziali si modificano In ospedale deve essere garantita almeno una valutazione all ingresso e una alla dimissione La valutazione documentata rappresenta lo strumento di comunicazione all interno del team e fornisce l appropriatezza della pianificazione assistenziale

8 Classificazione delle LdP La classificazione delle LdP si basa sulle condizioni degli strati del tessuto interessato e fornisce una descrizione anatomica della sua profondità Sistema attualmente più accreditato Classificazione NPUAP-EPUAP I II III IV Eritema non Spessore Perdita di Perdita Lesione Area Sbiancante Parziale cute a tutto tissutale Necrotica Livida spessore a tutto spessore

9 Trattamento Il trattamento tiene conto di tutte le variabili descritte e del tipo di lesione presente La cura comprende : La pulizia della ferita Lo sbrigliamento L applicazione di medicazioni Eventuale toilette chirurgica La medicazione ideale è quella in grado di creare l ambiente favorevole al fisiologico processo di guarigione della lesione

10 Prevenzione/ Eritema Crema ossido di zinco: per arrossamenti da irritazione o sfregamento Film di poliuretano :riduce l attrito e isola da liquidi organici Argento metallico: per cute umida e micosi Max 7 gg Placca sottile di idrocolloide: per cute fragile Max 7 gg Flittena Forare la vescicola in modo asettico senza rimuovere il tetto,poi Garze sterili,idrocolloide o schiuma poliuretano Erosione Superficiale Idrocolloide: per lesioni non essudanti Max 7 gg Schiuma di poliuretano: per lesioni con moderato essudato Max 7 gg Alginato: per lesioni essudate Max 3-4 gg segue>>>>>

11 Lesione cavitaria Riempire con pasta Idrocolloide e coprire con idrocolloide: per lesioni con scarso essudato Max 7 gg Cuscinetti in schiuma di poliuretano: per lesioni con moderato essudato Max 7 gg Alginato: per lesioni con abbondante essudato Max 3-4 gg Lesione eccessivamente asciutta Idrocolloide Idrogel : coprire con medicazione occlusiva Lesione con abbondante Essudato Alginati e idrofibre: non coprire con medicazione occlusiva, ma con garze e cerotto

12 Algoritmo della wound bed preparation Valutazione del paziente Trattamento Diagnosi Rassicurazione del Delle cause della lesione Paziente Preparazione del letto della ferita Valutazione Gestione Gestione Correzione Correzione Carica batterica della necrosi dell essudato disfunzione Squilibrio cellulare biochimico Terapia Antimicrobica Debridement Medicazioni Assorbenti Topica,Antisettici Chirurgico Schiume,Alginati,Films Antibiotici Autolitico,Enzimatico Idrogel,Idrocolloidi Meccanico,Biologico Ferita Preparata Guarigione in Innesti Cutanei Fattori di Crescita Prodotti di Ambiente umido bioingegneria Ferita Guarita

13 Wound Bed Preparation e l importanza del TIME Per Wound Bed Preparation si intende la preparazione del letto della lesione attraverso la rimozione di barriere locali come la necrosi,la fibrina,la carica batterica,il controllo e la riduzione degli essudati, la correzione cellulare e biochimica. In questa fase si inserisce il concetto di TIME che rappresenta un passaggio fondamentale nel processo di cura delle LDP Per TIME si intende una valutazione delle 4 aree cliniche T ( tessuto non vitale- necrosi ) -----Debridement I - ( Infiammazione-Infezione) -----Antisettici/Atb/Antimicrobici M (macerazione squilibrio idrico)-controllo umidità ferita e dren.liquidi E ( Margine dell epidermide) cheratinociti che non migrano e le cellule della ferita che non rispondono agli stimoli impediscono la riparazione quindi attivare terapie come debridement, trapianti cutanei,prodotti biologici ecc

14 Presidi antidecubito I presidi antidecubito possono essere prescritti a carico del SSN, con il codice ISO dallo specialista dell ASL Fra questi si ricorda: -Il cuscino antidecubito a bolle d aria a micro interscambio: ideale per prevenire il decubito durante le ore in cui il pz è seduto in carrozzina o su una sedia -Il materassino antidecubito ad aria con compressore : permette una continua decompressione delle zone soggette a decubito Possono essere statici o dinamici dove quest ultimi hanno maggior potere di diminuire la pressione su i punti di appoggio svolgendo una intensa attività antidecubito

15 Norme di prevenzione delle LdP da attuare in Sala Operatoria Premessa: Tutti i pazienti già valutati a rischio alto e altissimo di Ldp sono da considerare a rischio anche in sala operatoria e inoltre a prescindere dal valore della BRADEN tutte le persone sottoposte a procedure chirurgiche > di 4h sono a rischio di LdP.Tale rischio aumenta dalle condizioni cliniche del paziente. Fattori non modificabili da considerare in sala operatoria: Condizioni generali preoperatorie Durata dell intervento Posizione durante l intervento Dispositivi di posizionamento e riscaldamento Anestetici,sedazione,farmaci vasoattivi

16 Rischi specifici intraoperatori : Medicazioni preoperatorie Frizioni di taglio e attrito durante il posizionamento La posizione del paziente e l utilizzo di presidi di posizionamento Il materiale oppositivo (materiale applicato fra pz e dispositivi) L ipotensione intraoperatoria Alterazioni emodinamiche e stato circolatorio legato alla posizione Perdite Ematiche Fuoriuscita liquidi/fluidi corporei o di lavaggio che non possono essere prontamente rimossi e causano umidità/macerazione. Interventi da poter attuare in sede intraoperatoria: I pz sottoposti ad intervento chirurgico presentano alcuni fattori non modificabili e altri su cui poter intervenire. Fra questi ricordiamo: Materiali oppositivi ( dispositivi trugel) su le zone a maggior pressione Controllo delle forze di taglio e frizione,lenzuola riscaldate Utilizzo di materassi antidek quando possibile

17 Casi Clinici

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I II Soluzione fisiologica o Ringer lattato pellicola semipermeabile

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD Modulo 2 lezione 2 Le indicazioni al trattamento che seguono sono state tratte da: Indicazioni fornite da esperti nella gestione delle lesioni croniche (organizzazione

Dettagli

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP]

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] Gestione del rischio clinico guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria, politiche

Dettagli

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione Medicazioni avanzate Clinica Dermatologica Università di Pisa Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia Direttore : Prof. G.Cervadoro Medicazioni avanzate: definizione Materiale di copertura

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT

APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT n. 2 Marzo 2013 1 TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO A cura di: Inf Barbara Boin Inf Lucia Campullu Inf Melissa Mazzetti Inf Elena Piccinelli Inf Angela Tenace 2 LESIONI

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO. Casa di Cura VILLA PIA. Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau. Dott..

LESIONI DA DECUBITO. Casa di Cura VILLA PIA. Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau. Dott.. Casa di Cura VILLA PIA Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau LESIONI DA DECUBITO Dott.. Sergio Barberini 1 Definizione Una piaga da decubito è una lesione tessutale con evoluzione

Dettagli

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care

Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care Le lesioni da pressione: ruolo dell infermiere nella gestione wound care 1 Sessione: Prevenzione e valutazione delle L.D.D: studi ed esperienze a confronto 8.30-8.45 Introduzione: Maddalena Galizio (B)

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali ********** Capitolato Tecnico I prodotti oggetto della presente procedura devono essere conformi alle normative

Dettagli

Responsabilità: Direttore U.O. e Caposala U.O.

Responsabilità: Direttore U.O. e Caposala U.O. Prevenzione le Lesioni da Pressione Tipo di Documento Procedura assistenziale Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: S. Salvati, E. Fenicia, A. ispo, V. Crivaro Contenuti: Compiti e esponsabilità Definizione

Dettagli

Definizione di piaga da decubito

Definizione di piaga da decubito Definizione di piaga da decubito lesione tessutale con evoluzione necrotica, che interessa la cute, il derma, e gli strati sottocutanei, fino a raggiungere negli stadi più gravi i muscoli e le ossa Non

Dettagli

E.O. Ospedali Galliera di Genova

E.O. Ospedali Galliera di Genova E.O. Ospedali Galliera di Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. Farmacia/S.C.Chirurgia Vascolare/S.C.Malattie

Dettagli

Cuscino antidecubito in fibra cava siliconata

Cuscino antidecubito in fibra cava siliconata in fibra cava siliconata Sacca in tessuto traspirante contenente fibre cave; il silicone presente serve a mantenere l elasticità indispensabile per il modellamento sulla forma del paziente Prevenire le

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE

IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DELLE ULCERE CUTANEE ACUTE E CRONICHE IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE ULCERE DA PRESSIONE Angelo Iannace Nelle

Dettagli

LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO

LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO GIORNATA GERIATRICA REGIONALE CASERTA 16.10.2014 LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO Dott. ANTONIO MAZZEI Specialista Chirurgo del Territorio Asl Na 2 Nord Vacuum Assisted Closure

Dettagli

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato

Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Il Supporto Respiratorio non Invasivo nel neonato Ruolo del trattamento infermieristico Mirjana Petojevic Infermiera Professionale SC Neonatologia e TIN Ospedale dei Bambini «V.Buzzi», ICP Milano Direttore:

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI MEDICAZIONI SPECIALI

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI MEDICAZIONI SPECIALI ALLEGATO 1 DESCRIZIONE DELLA FORNITURA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI MEDICAZIONI SPECIALI GARZE IN TNT M0202010102 1A 1 compresse in tnt prepiegate, minimo 4 strati, non sterili, in confezioni da

Dettagli

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE O VEGA Gel 3 Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE Dopo l applicazione di O3 VEGA Gel vengono liberati dal Dispositivo Medico perossidi oleosi in modo graduale e continuo per un periodo prolungato

Dettagli

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC DEEP OSCILLATION Il principio d azione Attrazione elettrostatica tra mano/applicatore e il tessuto del paziente Movimento = impulsi di attrazione

Dettagli

APPROPRIATEZZA DEGLI INTERVENTI SANITARI IN WOUND-CARE: SUPERFICI ANTIDECUBITO. IL MIGLIOR RAPPORTO TRA COSTO ED EFFICACIA CLINICA

APPROPRIATEZZA DEGLI INTERVENTI SANITARI IN WOUND-CARE: SUPERFICI ANTIDECUBITO. IL MIGLIOR RAPPORTO TRA COSTO ED EFFICACIA CLINICA APPROPRIATEZZA DEGLI INTERVENTI SANITARI IN WOUND-CARE: SUPERFICI ANTIDECUBITO. IL MIGLIOR RAPPORTO TRA COSTO ED EFFICACIA CLINICA Sig.ra Laura Rosa Infermiera Bed Manager Esperta in wound care S.C. PCPS

Dettagli

Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento

Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento U.O.S.D. di Chirurgia Vascolare A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico Milano Responsabile: dr. MP Viani Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento Dott. Paolo Insalaco Dirigente

Dettagli

Eziopatogenesi. Definizione di piaga da decubito

Eziopatogenesi. Definizione di piaga da decubito Definizione di piaga da decubito Lesione tessutale con evoluzione necrotica, che interessa la cute, il derma, e gli strati sottocutanei, fino a raggiungere negli stadi più gravi i muscoli e le ossa Eziopatogenesi

Dettagli

ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL RAGGIUNGERE NEI CASI PIU GRAVI LA MUSCOLATURA E LE OSSA

ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL RAGGIUNGERE NEI CASI PIU GRAVI LA MUSCOLATURA E LE OSSA OSSERVAZIONE E TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE A cura di FASSIO ELISA PERONO MININO LAURA LESIONE DA PRESSIONE ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL DERMA E GLI

Dettagli

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione OBIETTIVI Garantire l integrità

Dettagli

LESIONI DA PRESSIONE

LESIONI DA PRESSIONE PROTOCOLLO PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE PROCEDURE OGGETTO: la presente procedura viene redatta per uniformare le modalità di trattamento delle LdP. SCOPO: fornire modalità

Dettagli

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C NOCICETTIVO NEUROPATICO MISTO DOLORE NOCICETTIVO È solitamente ben localizzato, acuto

Dettagli

Nell umidità c è vita. LESIONI DA PRESSIONE: Lo stato dell arte ad un anno di distanza dall introduzione della procedura aziendale

Nell umidità c è vita. LESIONI DA PRESSIONE: Lo stato dell arte ad un anno di distanza dall introduzione della procedura aziendale Nell umidità c è vita LESIONI DA PRESSIONE: Lo stato dell arte ad un anno di distanza dall introduzione della procedura aziendale Corso Aziendale ottobre-dicembre 2012 Numero Crediti Formativi ECM 3 Premessa:

Dettagli

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE

DIAGNOSI INFERMIERISTICHE Pagina 1 di 3 DIAGNOSI INFERMIERISTICHE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE ANSIA CORRELATA A MINACCIA ALL INTEGRITA BIOLOGICA DOVUTA A TRAUMA DA CADUTA E DOLORE (che si manifesta con aumento della F.C., PAOS, sudorazione,

Dettagli

2. Scopo Garantire omogeneità alle modalità operative relative a prevenzione, trattamento e monitoraggio delle LdP.

2. Scopo Garantire omogeneità alle modalità operative relative a prevenzione, trattamento e monitoraggio delle LdP. Direzione Sanitaria Aziendale Protocollo Prevenzione, trattamento e monitoraggio delle Lesioni da Pressione negli utenti dei Servizi aziendali Redazione Cognome/Nome Prof. Martini Mauro Dott. Romagnoni

Dettagli

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO

USTIONI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO SHOCK IPOVOLEMICO USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI USTIONI SHOCK IPOVOLEMICO OBIETTIVI Sapere cos è l USTIONE Sapere riconoscere la gravità di un USTIONE Conoscere le tipologie di USTIONE

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

Tabella 1 - Confronto fra medicazioni tradizionali e avanzate

Tabella 1 - Confronto fra medicazioni tradizionali e avanzate Approfondimenti L uomo da sempre ha cercato di migliorare il naturale processo di guarigione delle lesioni ulcerative. Infatti fin dai tempi degli antichi greci e degli egizi, soluzioni di acqua e sale,

Dettagli

Lesioni Da Pressione se le conosci le eviti!

Lesioni Da Pressione se le conosci le eviti! Lesioni Da Pressione se le conosci le eviti! Cosa sono le L.D.P.? Una LPD è una lesione localizzata alla cute e/o agli strati sottostanti, generalmente in corrispondenza di una prominenza ossea, quale

Dettagli

Pocket guide. Linea guida Ulcere da pressione: prevenzione e trattamento

Pocket guide. Linea guida Ulcere da pressione: prevenzione e trattamento Pocket guide Linea guida Ulcere da pressione: prevenzione e trattamento Prima pubblicazione: dicembre 2014 1 Presentazione Da tempo i cosiddetti reminder sono uno strumento internazionalmente utilizzato

Dettagli

Riccardo Baci Gilberto Gentili Massimiliano Paolinelli

Riccardo Baci Gilberto Gentili Massimiliano Paolinelli Implementazione sul territorio del trattamento delle ferite difficili con medicazioni avanzate: percorsi di reclutamento valutazione gestionale e costo opportunita rispetto al trattamento con prodotti

Dettagli

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Lo scopo di questo documento è di fornire ai pazienti informazioni sul trattamento laser e riguardo ai possibili effetti indesiderati o complicanze. PRIMA

Dettagli

GESTIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

GESTIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO Emissione Revisione n. Data Realizzato da Autorizzato da Firme Cucchi Augusta CdL Infermieristica Direttore Dipartimento Silvano Troiani CdL Infermieristica Mercuri Maurizio CdL Infermieristica Dirigente

Dettagli

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej

S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej S.C. Servizio Infermieristico Aziendale Direttore dr.ssa Maila Mislej Commissione per la prevenzione, sorveglianza e trattamento delle lesioni da pressione Presidente dr. Rosolino Trabona S.C. Servizio

Dettagli

CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO

CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO A cura di: Cristinelli Carolina Moscatelli Annalisa Viola Annalisa Anno Accademico 2005/06 INDICE

Dettagli

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni

CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni CPSE Cinzia Petazzoni CPS Eliana Paglia CPS Monica Pedroni Il bambino non èun piccolo adulto Il diritto del bambino ad essere riconosciuto come persona permane anche nello stato di malattia. Questo si

Dettagli

Lesioni da decubito WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Lesioni da decubito WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Lesioni da decubito WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Langhorne et al., 2000 Langhorne et al., 2000 Langhorne et al., 2000 Definizione di piaga da decubito Una piaga da decubito è una lesione tessutale con evoluzione

Dettagli

Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine

Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine Riduzione dei costi e versatilità di utilizzo, a cui si aggiunge

Dettagli

LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA. Criteri di utilizzo Casi Clinici

LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA. Criteri di utilizzo Casi Clinici LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA Criteri di utilizzo Casi Clinici Cristian Nicoletti Responsabile Servizio Piede Diabetico e Vulnologia ( Vr ) Casa di Cura Dr Pederzoli Spa - Peschiera del Garda www.piede-diabetico.com

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE

COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Al COMUNICARE IL RISCHIO DI LESIONI DA PRESSIONE Dott.ssa Marisa Prezza DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA Area servizi assistenza ospedaliera Background(1)

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Grande così Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Sistema monouso per la terapia a pressione negativa Smith & Nephew è al tuo fianco per ridurre

Dettagli

PROCEDURA. Procedura di indirizzo per la gestione delle lesioni da decubito: dalla prevenzione al trattamento

PROCEDURA. Procedura di indirizzo per la gestione delle lesioni da decubito: dalla prevenzione al trattamento SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE BASILICATA Asl 4 - Matera SERVIZIO ASSISTENZA Pagina 2/19 SOMMARIO 1. SCOPO/OBIETTIVO...3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTALI...3 4.

Dettagli

PELLICOLE TRASPARENTI (films)

PELLICOLE TRASPARENTI (films) PRESSIONE 1/11 PELLICOLE TRASPARENTI (films) NOMI COMMERCIALI Sono sottili membrane trasparenti di poliuretano con uno strato adesivo acrilico ipoallergico. Sono medicazioni non assorbenti, permeabili

Dettagli

PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE

PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE Agenda Obiettivi e metodologia Sezione Medici di Medicina Generale Sezione pazienti Obiettivi della ricerca Approfondire

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

CUTE PORCINA medicazione biosintetica derivata dalla cute porcina. misura cm8x30 8x61 8x30

CUTE PORCINA medicazione biosintetica derivata dalla cute porcina. misura cm8x30 8x61 8x30 Innesto Eterologo 98 derma sostitutivo CUTE PORCINA medicazione biosintetica derivata dalla cute porcina. misura cm8x30 8x61 8x30 misura cm 8x10 8x120 è indicata per il trattamento di lesioni cutanee di

Dettagli

WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE

WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE 1 PRIMARY WOUND DRESSING 1PWD WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE PHYTOCEUTICALS AG OVERVIEW E una compagnia svizzera fondata nel 2007 che si occupa di: Sviluppo di medicine basate su estratti naturali Applicazioni

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

La valutazione del rischio: Giudizio clinico e Scala di Braden

La valutazione del rischio: Giudizio clinico e Scala di Braden La valutazione del rischio: Giudizio clinico e Scala di Braden Tutte le Linee Guida Internazionali raccomandano l utilizzo di scale apposite associato al giudizio del clinico per la valutazione del paziente

Dettagli

Advancis Medical, one of the world leading names in wound care

Advancis Medical, one of the world leading names in wound care Advancis Medical, one of the world leading names in wound care Advancis Medical è una società inglese che produce medicazioni avanzate e gode di una ampia reputazione in Inghilterra e nel mondo. La mission

Dettagli

l unica applicazione che aiuta pazienti, medici e operatori sanitari nella gestione e cura delle piaghe da decubito

l unica applicazione che aiuta pazienti, medici e operatori sanitari nella gestione e cura delle piaghe da decubito scarica la versione per ios l unica applicazione che aiuta pazienti, medici e operatori sanitari nella gestione e cura delle piaghe da decubito scarica la versione per android Woumed è un nuovo rivoluzionario

Dettagli

LE ULCERE DA PRESSIONE E LE INFEZIONI CORRELATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI

LE ULCERE DA PRESSIONE E LE INFEZIONI CORRELATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI Centro di Riabilitazione Motoria Volterra Giugno 2013 LE ULCERE DA PRESSIONE E LE INFEZIONI CORRELATE ALLE PRATICHE ASSISTENZIALI Antonio Miceli e Riccardo Moretti LESIONI DA PRESSIONE - PREVENZIONE E

Dettagli

www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive.

www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive. www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive. Approccio terapeutico alle lesioni cutanee croniche deve seguire due direttive principali: Terapia locale

Dettagli

Sheet1. circa cm 5 x cm 5 3.000 similari per ferite con essudato medioabbondante. circa cm 10 x cm 10 4.000 similari per ferite con

Sheet1. circa cm 5 x cm 5 3.000 similari per ferite con essudato medioabbondante. circa cm 10 x cm 10 4.000 similari per ferite con RIF. DESCRIZIONE MISUR FBBISOGNO NNUO Medicazioni assorbenti sterili contenenti alginati di calcio o circa cm 5 x cm 5 3.000 similari per ferite con essudato medioabbondante LOTTO 1 CIG 621638425C BSE

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

FERITE APERTE DA MORSO

FERITE APERTE DA MORSO FERITE APERTE DA MORSO dal primo soccorso alla chirurgia ricostruttiva Dott. Roberto Pedrale Dott. Igor Valtorta - Dott. Filippo Boriani Istituto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Università degli Studi

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

LE MEDICAZIONI AVANZATE. Ester Renzi U.O. Farmaceutica Ospedaliera

LE MEDICAZIONI AVANZATE. Ester Renzi U.O. Farmaceutica Ospedaliera LE MEDICAZIONI AVANZATE Ester Renzi U.O. Farmaceutica Ospedaliera Il dito nella piaga? Dal punto di vista dell'evidence Based Medicine, esistono ancora oggi aree d'incertezza in merito all'efficacia sia

Dettagli

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi

ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA. Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi ORTOPEDIA E TRUMATOLOGIA Tutor: Davide Levi A cura di : Elisa Gallinatti e Giulia Soldi SEDE Ospedale di Ivrea (Asl TO 4) Piazza della Credenza Primo piano Blocco B ORGANICO PER TURNO Mattino(6-14): 4

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MEDICAZIONI DELLE LESIONI DA DECUBITO ALLEGATO 11 ALLE LINEE GUIDA 2001 1 INTEGRAZIONE 24 FEBBRAIO 2003

PROTOCOLLO SULLE MEDICAZIONI DELLE LESIONI DA DECUBITO ALLEGATO 11 ALLE LINEE GUIDA 2001 1 INTEGRAZIONE 24 FEBBRAIO 2003 PROTOCOLLO SULLE MEDICAZIONI DELLE LESIONI DA DECUBITO ALLEGATO 11 ALLE LINEE GUIDA 2001 1 INTEGRAZIONE 24 FEBBRAIO 2003 TRATTAMENTO Stadio Detersione Medicazione Cadenza Area circostante I con soluzione

Dettagli

La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate

La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate La mobilizzazione del paziente anziano Fondazione Madre Cabrini ONLUS Sant Angelo Lodigiano 24 ottobre 2014 La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento

LESIONI DA DECUBITO Prevenzione e trattamento LESINI DA DECUBIT Prevenzione e trattamento Modulo1 Lezione 3 LE SCALE DI VALUTAZINE DEL RISCHI Lo scopo di uno strumento di valutazione del rischio è quello di identificare gli individui a rischio di

Dettagli

latrelinee guida La prevenzione e il trattamento delle LESIONI DA PRESSIONE Azienda Sanitaria Regionale dell Umbria Unità Sanitaria Locale n.

latrelinee guida La prevenzione e il trattamento delle LESIONI DA PRESSIONE Azienda Sanitaria Regionale dell Umbria Unità Sanitaria Locale n. Umbria latrelinee guida Azienda Sanitaria Regionale dell Umbria Unità Sanitaria Locale n.3 La prevenzione e il trattamento delle LESIONI DA PRESSIONE 1 2 Il presente documento è stato elaborato dal gruppo

Dettagli

Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico

Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali tra loro eppure ogni ferita necessita

Dettagli

UOSD ASSISTENZA DOMICILIARE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE LESIONI DA DA PRESSIONE 1. OGGETTO

UOSD ASSISTENZA DOMICILIARE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE LESIONI DA DA PRESSIONE 1. OGGETTO UOSD ASSISTENZA DOMICILIARE PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE LESIONI DA DA PRESSIONE PO_UOSDAD_LDP Pagina 1 di 30 1. OGGETTO La seguente procedura descrive le modalità previste per il trattamento locale

Dettagli

Diretto tramite il servizio 118

Diretto tramite il servizio 118 ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE GRANDE USTIONATO (in regime di ricovero e ambulatoriale) Angela Giovanelli «I martedì dell Ordine» Parma, 15 ottobre 2013 Servizio attivo 24h su 24h Accesso: Dal

Dettagli

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE La cute (pelle) è il tessuto che è posto a delimitare i confini del nostro corpo e a mediare gli scambi con l'ambiente esterno; è un tessuto estremamente vitale e in

Dettagli

Linee guida per la prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione nelle cure primarie e in ospedale

Linee guida per la prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione nelle cure primarie e in ospedale Linee guida per la prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione nelle cure primarie e in ospedale Antonino Cartabellotta 1*, Angela Peghetti 2 1 Presidente Fondazione GIMBE, 2 Ufficio Governo Clinico,

Dettagli

PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO IVANO RODOLFI 1 Introduzione Questo documento ha lo scopo di uniformare e definire linee comuni di approccio e prevenzione delle lesioni da decubito

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2008 PER INFERMIERI DIPENDENTI ASL CN2 L INFERMIERE NELLA PREVENZIONE E NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO

PROGETTO FORMATIVO 2008 PER INFERMIERI DIPENDENTI ASL CN2 L INFERMIERE NELLA PREVENZIONE E NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO PROGETTO FORMATIVO 2008 PER INFERMIERI DIPENDENTI ASL CN2 L INFERMIERE NELLA PREVENZIONE E NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO PROTOCOLLO ASSISTENZIALE PER LA PREVENZIONE E IL TRATTAMENTO DELLE LESIONI

Dettagli

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Associazione italiana ulcere cutanee A.I.U.C. Napoli 8/11 Novembre 2006 Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Giuseppe Nebbioso DISTRETTO SANITARIO di BASE 53 Unità

Dettagli

Trattamento delle lesioni da decubito

Trattamento delle lesioni da decubito Dossier http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad Informazioni dalla letteratura scientifica per una buona pratica infermieristica Trattamento delle lesioni da decubito Nonostante il trattamento delle

Dettagli

LE ULCERE DA DECUBITO. A.Bruttocao

LE ULCERE DA DECUBITO. A.Bruttocao LE ULCERE DA DECUBITO A.Bruttocao Premessa Le ulcere da decubito (UDD) nei pazienti anziani, sono causa di modificazioni strutturali cui vanno incontro la cute ed il tessuto sottocutaneo con conseguenti

Dettagli

LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE

LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE VIII CORSO DI AGGIORNAMENTO LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CENTRO CONGRESSI HOTEL DELLE TERME DI AGNANO NAPOLI 4 6 MARZO 2010 RESPONSABILI SCIENTIFICI G. NEBBIOSO F. COMITATO SCIENTIFICO

Dettagli

DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI

DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI UN METODO DI ASSEGNAZIONE DEGLI AUSILI AD ASSORBENZA PER L INCONTINENZA: L ESPERIENZA DELL ASL DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA 1 Anna Ballan Referente Protesica Minore - Integrativa, Servizio Assistenza

Dettagli

La lesione cutanea da allettamento

La lesione cutanea da allettamento Direzione Infermieristica e Tecnica Dipartimenti Cure Primarie di Ravenna, Faenza, Lugo Servizio Infermieristico Domiciliare La lesione cutanea da allettamento L'A B C per la famiglia Informazioni utili

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski.

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Autori: Amato G., Madeyski P. Babbo G.A., Bartelloni A. Casa di cura Sileno e Anna Rizzola. S. Donà di Piave

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PREVENZIONE DELL INSORGENZA REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PREVENZIONE DELL INSORGENZA REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO PROTOCOLLO OPERATIVO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 1 2 3 4 Anno 2003 13/12/2007 10/05/2010 1/03/2013 *Gruppo di Lavoro GRAP Direttore UOCSPP Alessandro Selbmann Medico Competente Raffaela

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO LINEE GUIDA SULLA PREVENZINE E TRATTAMENT DELLE LDD - 1 ottobre 2001 - Pagina 14 di 66 pagine LINEE GUIDA PER LA PREVENZINE DELLE LESINI DA DECUBIT Che cosa sono le lesioni da decubito (LDD)? Le LDD sono

Dettagli

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA

SICUREZZA IN SALA OPERATORIA 1 di 8 A cura di: Dott.ssa Elisa Cammarata Dott. Antonio Iacono Dott.ssa Piera Lo Cascio Dott.ssa Caterina Lo Presti Dott. Tommaso Mannone Infermiere complesso operatorio Polichirurgico, P.O. Villa Sofia

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Università degli Studi di Milano-Bicocca FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Università degli Studi di Milano-Bicocca FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Università degli Studi di Milano-Bicocca FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Azienda Ospedaliera Della Valtellina e della Valchiavenna Sezione CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio

Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il ruolo del colloquio informativo e del disegno pre-operatorio Il colloquio informativo e la fase pre-operatoria L esordio di una malattia, è un momento difficile, caratterizzato inizialmente dallo stress

Dettagli

Azienda Ospedaliera-Università di Padova

Azienda Ospedaliera-Università di Padova Azienda Ospedaliera-Università di Padova Dipartimento Interaziendale ad Assistenza Integrata dell Anziano Sezione di Clinica Chirurgica Geriatrica Direttore: Prof.Oreste Terranova U.O.S. Trattamento Chirurgico

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTLICA DEL SACR CURE FACLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- RMA CRS DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Prevenzione delle Ulcere da Pressione Definizione: lesione tessutale,

Dettagli

Indice XVI. PRESENTAZIONE di Annalisa Silvestro PREFAZIONE XVII RINGRAZIAMENTI XVIII AUTORI XIX

Indice XVI. PRESENTAZIONE di Annalisa Silvestro PREFAZIONE XVII RINGRAZIAMENTI XVIII AUTORI XIX PRESENTAZIONE di Annalisa Silvestro PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI AUTORI XVI XVII XVIII XIX CAPITOLO 1 LA PELLE COME UNA TRAMA 1 Gianluca Favero Il corpo e la pelle 1 Marchiare 2 La pelle tra metafora e linguaggio

Dettagli