Comune di Comacchio. Settore II AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Comacchio. Settore II AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale"

Transcript

1 Comune di Comacchio Settore II AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale SERVIZIO DI SOSTEGNO AGLI ALUNNI CON DISABILITA FREQUENTANTI I SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LE SCUOLE DELL INFANZIA - LA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1^ E 2^ GRADO A.S. 2013/2014 I SERVIZI EDUCATIVI EXTRA-SCOLASTICI PER GLI ADOLESCENTI PREMESSA CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO L Amministrazione Comunale di Comacchio intende assicurare, ad integrazione del personale statale, nominato dall Ufficio Scolastico Regionale - Ufficio per Ambito Territoriale per la Provincia di Ferrara il servizio di sostegno agli alunni con disabilità frequentanti i servizi educativi per l infanzia, le scuole dell infanzia, la scuola primaria, la scuola secondaria di 1^ e 2^ grado residenti nel territorio comunale nell a.s. 2013/2014mediante ricorso ad impresa esterna specializzata, al fine di assicurare un processo di reale integrazione ed assicurare il diritto allo studio dei minori disabili. Il servizio di sostegno all handicap, da svolgersi presso gli ordini e gradi di scuola sopra descritti consiste nel complesso di prestazioni di natura didattica, di socializzazione ed assistenziale integrata con quella svolta dall insegnante curriculare e nel rispetto della normale attività didattica; tale progetto deve tendere a favorire ove possibile l integrazione con i compagni e le loro quotidiane attività nonché attuare interventi mirati al fine del recupero delle capacità dei singoli allievi. Intende altresì garantire il servizio di sostegno ai minori che frequentano i servizi e le attivita extra-scolastiche rivolte ai minori (servizio non solo compiti, ecc.) Scopo del servizio più volte menzionato è quello di favorire e consentire agli alunni portatori di handicap il pieno rispetto dei loro diritti di allievi, e la partecipazione nei limiti delle loro possibilità ed abilità ad ogni esperienza educativa e formativa messa in atto dalla scuola. ART. 1 - OGGETTO E TIPOLOGIA DELL APPALTO Oggetto dell appalto consiste nella fornitura del servizio di assistenza educativa rivolto ai minori residenti nel Comune di Comacchio e frequentanti i servizi educativi per l infanzia, le scuole dell infanzia, la scuola primaria, la scuola secondaria di primo e secondo grado, i servizi extrascolastici per minori portatori di disabilità di tipo fisico e psichico, ad integrazione del programma educativo-didattico individualizzato formulato dal competente servizio dell A.U.S.L. e dall istituzione scolastica. Tali prestazioni dovranno essere garantite mediante la disponibilità di personale idoneo ad assicurare: attività di assistenza personale, prestazioni di natura didattica e relazionale, aiuto per il consumo dei pasti e nei bisogni fisiologici. Servizio Pubblica Istruzione Tel. 0533/

2 ART. 2 DURATA DELL APPALTO Il servizio di cui al presente capitolato d appalto è da effettuarsi nell anno scolastico 2013/2014 con possibilità di proroga fino alla data del La data di inizio del servizio è fissato dall Amministrazione Comunale. Ad aggiudicazione perfezionata Il Comune può richiedere l'avvio del servizio nelle more della stipula del contratto. La ditta aggiudicataria, al termine della durata del contratto, ed in relazione all'esigenza di dar corso alle procedure per la selezione di un nuovo contraente, al fine di garantire la continuità del servizio, s'impegna ad accettare la proroga tecnica del contratto, alle stesse condizioni contrattuali, a seguito di richiesta espressa dall'amministrazione Comunale, fino alla individuazione del nuovo appaltatore e comunque per un periodo massimo di 3 mesi. ART. 3 VARIAZIONI NELL ESECUZIONE CONTRATTUALE Eventuali variazioni conseguenti all ampliamento o alla riduzione degli interventi, che dovessero rendersi necessarie durante il periodo di validità dell appalto, potranno essere richieste in qualsiasi momento dall Amministrazione appaltante con ordine scritto, fino ad 1/5 in più o in meno, anche per ogni singola prestazione dedotta in appalto, con proporzionale variazione dell importo, senza che per ciò l appaltatore possa pretendere compensi, risarcimenti o indennizzi di sorta. ART. 4 OBIETTIVO DEL SERVIZIO Il servizio d integrazione scolastica alunni disabili è rivolto ad alunni con disabilità, individuati ai sensi dell art. 3 (soggetti aventi diritto) della legge 104 del 5/2/1992 Legge quadro per l assistenza e l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate, frequentanti gli asili nido, le scuole dell infanzia, le scuole primarie, le scuole secondarie di primo e secondo grado così come indicato nell Accordo di Programma Provinciale per l integrazione scolastica e formativa dei bambini e alunni disabili aa.ss. 2011/ /2016 approvato con delibera di C.C. n. 54 del Il Comune quale attore firmatario del suddetto Accordo di Programma e per quanto di competenza intende contribuire alla piena integrazione educativa, scolastica, formativa e sociale dei bambini e degli alunni disabili. Si impegna pertanto, attraverso il presente appalto, ad assegnare alle Scuole un servizio con assistenti, educatori, operatori specializzati adeguatamente preparati per l assistenza, l autonomia personale e la comunicazione dei bambini e degli alunni disabili, tenendo conto dei bisogni e dei progetti personalizzati valutati congiuntamente, e delle risorse professionali assegnate dall Amministrazione scolastica. La finalità del servizio è l integrazione dell alunno nel gruppo classe. E importante che le attività vengano svolte in pieno accordo con il personale docente e in momenti collegati e distinti all interno dell orario scolastico evitando una gestione separata che si connoti come assistenziale di pura badanza ART 5 PREZZO A BASE D ASTA Il prezzo a base d'asta dell'appalto è pari ad ,00 (centocinquantatremilaottocentocinquantaeuro) al netto dell'iva per 8316 ore complessive, soggetto ad eventuale ribasso. L importo s intende comprensivo di qualunque costo sostenuto dalla ditta per l erogazione del servizio (segreteria, coordinamento, formazione, ecc.).

3 ART. 6 AREE DI INTERVENTO Il personale educativo assistenziale orienterà il suo intervento individuando aree, già oggetto di attività didattica di classe/sezione, privilegiando, però gli aspetti più strettamente educativi ed assistenziali fondamentali per una positiva integrazione scolastica: SCUOLE PER LA PRIMA E SECONDA INFANZIA: Autonomia di base legata a bisogni fisici (capacità di alimentarsi autonomamente, controllo sfinterico e cura di sé); Autonomia relativa al riconoscimento e controllo spazio/temporale (capacità di muoversi nell ambito dello spazio strutturale con lo sviluppo di movimenti in forma autonoma e autocontrollata), Autonomia nel campo della comunicazione e relazione (comprendente in specifico il lavoro d inserimento ed accoglienza, i comportamenti relazionali tra adulto/bambino e bambino/bambino; Adozione di metodologie specifiche per aumentare la capacità comunicativa interpersonale e relazionale SCUOLA PRIMARIA Favorire l autonomia e la capacità comunicativa attraverso la realizzazione di attività integrate; Favorire l integrazione di bambini portatori di disabilità all interno del gruppo-classe, specie di quelli con handicap di tipo fisico; Stimolare gli interessi e le potenzialità dei minori con disagio determinato da problemi affettivi ed emotivi che spesso sfociano in difficoltà comportamentali, relazionali e talora cognitivi; Attivare azioni ed interventi di sostegno e supporto all operato degli insegnanti curriculari per favorire una più efficace integrazione dei bambini/e con disagio all interno del gruppoclasse, nonché di quelli con ritardi nell apprendimento. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO Favorire l accesso e l integrazione scolastica di studenti pre-adolescenti e adolescenti con disabilità persistenti di tipo psico-fisico, con interventi mirati di sostegno e di cura; Favorire l integrazione scolastica di studenti adolescenti che presentano problemi legati al disagio socio-ambinetale, che si traducono in comportamenti e relazioni interpersonali disturbati, talvolta al limite della devianza; Supportare e sostenere il lavoro degli insegnanti curriculari che operano all interno della classe in cui è inserito il minore disabile, attraverso obiettivi ed azioni congiunte e condivise tra il corpo docente statale e gli insegnanti di sostegno messi a disposizione dalla ditta/cooperativa, affinché lo studente in difficoltà si senta inserito a pieno titolo nella classe; Progettare e programmare in modo integrato con il corpo docente l attività educativodidattica ricollegandosi ad ogni tipo di deficit e tenendo conto delle potenzialità di ciascun alunno disabile affinché si favorisca la motivazione e l apprendimento nello studente stesso;

4 Favorire una continuità di percorsi scolastici ed extra-scolastici, attraverso i quali i ragazzi/e con disagio comportamentale e relazionale possano fruire di proposte educative, formative e ricreative anche in un tempo non scolastico, per una più efficace prevenzione di comportamenti. Il servizio è rivolto agli allievi disabili la cui necessità di assistenza è segnalata dai documenti concernenti la Diagnosi Funzionale e dal Piano Educativo Individuale. Inoltre il servizio è rivolto ad allievi per i quali il tempo scuola come tempo didatticamente spendibile risulta essere difficilmente sostenibile per le caratteristiche proprie dell handicap. Il servizio previsto richiede l organizzazione di una scansione temporale delle attività che preveda momenti di rottura, di specifico ascolto del bisogno individuale e di canalizzazione delle difficoltà apprese. L organizzazione di questi momenti, oltre a creare rotture spaziali e temporali all interno del tempo scuola ordinariamente trascorso, privilegerà il formarsi di spazi d intervento individualizzato e socializzato con alcuni componenti del gruppo classe attraverso i quali poter perseguire il potenziamento e consolidamento dell apprendimento attraverso situazioni di gioco. E anche possibile che per particolari situazioni venga richiesto lo svolgimento d interventi in orario extra-scolastico, presso il domicilio dell alunno o presso altra sede individuata, pur sempre con la finalità di sostegno scolastico dell alunno. ART. 7- PERSONALE. Per lo svolgimento del servizio oggetto del presente capitolato la ditta si deve avvalere di personale in possesso dei requisiti indicati al punto A) e al punto B: A) diploma di scuola secondaria di secondo grado (per i servizi educativi per l infanzia 0-6 anni è richiesto uno dei diplomi previsti dalla normativa vigente per le scuole d infanzia e i nidi) B) uno dei seguenti titoli aggiuntivi; 1) diploma di educatore professionale, o laurea breve o specialistica in Scienze dell Educazione, Scienze della Formazione Primaria, Pedagogia, Psicologia, titolo equipollenti, equiparati o riconosciuti; nonché corsi biennali di specializzazione monovalenti (psicofisico, vista, udito)per insegnanti di sostegno (cfr D.M pubblicato sulla G.U. n. 192 del e DPR n. 970 del ). oppure 2) documentata esperienza lavorativa per almeno 180 giorni, in qualità d insegnante di sostegno, insegnante/educatore per l integrazione disabili presso scuola pubbliche o paritarie o servizi educativi pubblici/autorizzati/convenzionati. L impresa aggiudicataria dovrà inoltre prevedere: N. 1 coordinatore responsabile dell intero servizio, che funga da referente degli uffici comunali per ogni questione relativa alla gestione amministrativa, alla buona conduzione della propaganda e degli interventi concordati per ciascun disabile: Il coordinatore ha altresì funzioni attive di raccordo con le famiglie, con le Dirigenze Scolastiche ed i loro referenti, gli insegnanti e i gruppi H. Il coordinatore deve essere in possesso dei seguenti requisiti: - Laurea in Pedagogia o Scienze dell Educazione, Psicologia, o titoli equipollenti equiparati o riconosciuti - esperienza almeno triennale di attività di coordinamento di attività educativoassistenziali per minori disabili. Gli operatori incaricati in qualità di supplenti dovranno essere in possesso degli stessi requisiti.

5 Tutto il personale impiegato dovrà essere munito di libretto sanitario valido. L affidatario s impegna altresì ad assicurare la necessaria continuità dei singoli operatori rispetto agli utenti del servizio, provvedendo anche ad effettuare tempestivamente la sostituzione del personale assente o del personale per cui si dovessero rilevare situazioni di incompatibilità ambientale con altro in possesso dei medesimi requisiti professionali. Il personale assegnato al servizio dovrà essere munito di cartellino di identificazione portato bene in vista sul petto. L appaltatore s impegna a garantire al proprio personale una formazione e un aggiornamento adeguati stimati in 20 ore nel corso dell anno scolastico i cui costi sono a carico della ditta. Il personale durante lo svolgimento del servizio, deve tenere un comportamento irreprensibile ed agire nel rispetto degli atteggiamenti specifici richiesti nei servizi di cui trattasi, assicurandoli rispetto della normativa sulla privacy oltre a rispettare tutte le norme igienico sanitarie richieste. Il personale inoltre dovrà svolgere la propria attività con professionalità, scrupolosità, correttezza e disponibilità nei confronti dell utenza, mantenere un corretto comportamento verso i minori e le loro famiglie e collaborare con tutti i soggetti impegnati nel progetto educativo sul minore (in particolare con di dirigenti scolastici, con i docenti, con l AUSL, con l Amministrazione Comunale). L Amministrazione Comunale si riserva inoltre il diritto di richiedere all Appaltatore la sostituzione del personale ritenuto non idoneo al servizio o inadatto anche sotto gli aspetti di un corretto rapporto e della disponibilità psicologica con gli utenti del servizio e delle loro famiglie. L appaltatore si obbliga ad applicare, nei confronti dei propri dipendenti occupati, o se costituito sotto forma di società cooperativa anche nei confronti dei soci lavoratori,le condizioni normative e retributive non inferiori a quelli risultanti dai contratti collettivi ed integrativi di lavoro applicabili alla data di stipula del contratto, nonché le condizioni risultanti da successive modifiche ed integrazioni. ART. 8 - ARTICOLAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Il servizio viene reso in regime di appalto, con assunzione di rischio d'impresa e dell'esatta, completa esecuzione dell'obbligazione da parte dell'appaltatore, senza alcun vincolo di subordinazione nei confronti del Comune committente, mediante l'impiego di personale e mezzi tecnici nella esclusiva disponibilità e secondo l'organizzazione dell'appaltatore. Il servizio è da realizzarsi durante l anno scolastico 2013/2014 secondo il calendario scolastico e gli orari delle singole scuole ed eventualmente nel periodo di funzionamento delle attività extrascolastiche sia estive comunali CRE) che invernali (es. servizio non solo compiti, ecc.)) privilegiando un discorso di continuità d intervento, limitatamente alle giornate di presenza dei bambini interessati; è prevista e richiesta la presenza degli educatori durante le uscite connesse con la programmazione didattica, nonché per l accesso degli alunni disabili ai servizi dell A.U.S.L. in particolari occasioni pianificate, se comprese nell orario di servizio predeterminato. Il servizio non dovrà essere erogato durante i periodi di chiusura delle scuole e di sospensione dell attività didattica (es. festività natalizie e pasquali), nonché per eventuali interruzioni dovute ad elezioni, calamità naturali, caso fortuito o di forza maggiore. Ad ogni operatore addetto all assistenza educativa del minore con handicap, potranno essere assegnati uno o più minori ai quali dovranno essere assicurate le ore di assistenza pianificate ad inizio del servizio e nel corso delle verifiche lungo l anno. L educatore, se richiesto, fornirà aiuto:

6 nella somministrazione dei pasti; nel cambio e/o accompagnamento ai servizi nei trasferimento del minore nella scuola e all esterno durante la sorveglianza finalizzata alla salvaguardia della sua incolumità Gli educatori cureranno altresì, in accordo con gli insegnanti, le modalità di rapporto con le famiglie dei minori, per assicurare loro la massima informazione sugli interventi attuati e sulla qualità del servizio reso. Gli educatori/operatori inseriti saranno assegnati funzionalmente al Dirigente Scolastico, al responsabile scolastico nel caso delle scuole dell infanzia private paritarie, e al Dirigente dell Ufficio Scuola per quanto riguarda i servizi educativi comunali. Il coordinatore dovrà concordare l orario di servizio settimanale degli operatori con i suddetti referenti. E a carico dell A.C. il costo del pranzo consumato dagli educatori, qualora ciò sia reso indispensabile dalle necessità di consumare il pasto insieme all alunno assegnato, allo scopo di facilitare il raggiungimento degli obiettivi definiti dal PEI. ART. 9 - METODOLOGIE DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE Il Comune attraverso il Servizio Istruzione, mantiene la Direzione dei Servizi, cui la ditta aggiudicataria e tenuta a rapportarsi ed a seguire le direttive. Alla ditta aggiudicataria, in stretto raccordo con la Direzione del Servizio, vengono assegnate le seguenti competenze, da esercitarsi attraverso l azione del coordinatore (di cui all art. 7): 1) predisposizione di un programma annuale d intervento. Tale attività di programmazione deve coinvolgere la Direzione Scolastica, i relativi referenti dell area handicap, gli eventuali gruppi H presenti in ogni plesso, gli insegnanti di sostegno e curriculari, le famiglie, nonché i competenti servizi dell A.U.S.L.; 2) il coordinatore provvede alla verifica ed al controllo dell attuazione del progetto e degli interventi, tenendo conto in particolare: delle informazioni derivanti dai referenti scolastici sull area handicap dei riscontri con il proprio personale educativo/assistenziale. Riscontri da mantenersi in forma continuativa Dei risultati delle verifiche e dei controlli, va dato comunicazione al Servizio Comunale Pubblica Istruzione con cadenza quadrimestrale, la seconda delle quali coinciderà in termini temporali con una verifica finale congiunta tra tutti i soggetti istituzionali coinvolti nel progetto (Comune, Scuola, A.U.S.L., rappresentanti delle famiglie, responsabile del soggetto gestore) fatta salva ogni altra disposizione della Direzione del Servizio stesso. Altresì il coordinatore, sulla base delle verifiche suddette, è tenuto ad applicare i correttivi ed a modulare l intervento, d intesa con il Servizio Comunale. 2) da ultimo il coordinatore è tenuto a monitorare e coordinare gli interventi del personale educativo/assistenziale della cooperativa/ditta, con il personale assistenziale presente nei plessi (es. ATA, volontari del servizio civile, ecc. ) d intesa con la Direzione del Servizio. ART. 10 OBBLIGHI DELLA DITTA AGGIUDICATARIA Con riferimento al Personale la ditta aggiudicataria è obbligata a:

7 1. fornire, prima dell inizio dell a.s., gli elenchi nominativi delle unità di personale con curriculum, e di altro personale del medesimo livello per le eventuali sostituzioni e a comunicare tempestivamente all ufficio scuola del Comune l aggiornamento di tutti gli elenchi in caso di sostituzioni degli operatori utilizzati; 2. utilizzare per il servizio oggetto dell appalto il personale indicato in sede dell offerta, o in alternativa dichiarare i motivi di forza maggiore per i quali non è possibile adempiere a tale obbligo; 3. assicurare che il proprio personale partecipi agli incontri formativi e di aggiornamento; 4. assicurare un rapporto individualizzato tra l allievo e l educatore avente competenze adeguate al caso, garantendo di norma la continuità dell intervento per l intero anno scolastico ed eventualmente anche oltre, seguendo il percorso scolastico (scuole dell infanzia, primaria e secondari di 1^ grado); 5. garantire per tutta la durata del contratto la continuità del personale, assegnato; 6. assicurare che tutto il personale mantenga un comportamento professionale rispettoso e corretto nei confronti degli utenti, dei loro famigliari e del personale delle istituzioni scolastiche con cui si trovano a collaborare; 7. sostituire il personale ritenuto non idoneo entro 5 giorni dalla richiesta scritta del Dirigente dell Ufficio Scuola del Comune o immediatamente quando sussista l urgenza; 8. informare tempestivamente l ufficio scuola del Comune di goni eventuale problema o difficoltà riguardante l esecuzione dei servizi rispetto alla scuola e alla famiglia; Con riferimento all organizzazione del servizio la ditta è obbligata a: a. dare, in caso di sciopero dei propri educatori, preavviso di almeno 5 giorni mediante fax all ufficio scuola del Comune e all istituzione scolastica; b. garantire la continuità del coordinatore per la durata del contratto, salvo richiesta di sostituzione dell ufficio scuola del Comune, dimissioni dell interessato o interruzioni legittimate; c. redigere una relazione annuale di monitoraggio sulle attività evidenziando i punti di forza, criticità ed eventuali proposte migliorative; d. estendere il servizio, durante la durata dell appalto, a nuovi utenti, alle stesse condizioni e prezzi del presente appalto, dietro richiesta formale dell ufficio scuola del Comune; e. impiegare esclusivamente personale regolarmente assunto e per il quale si assume tutti gli obblighi e le responsabilità previsti dalle vigenti disposizioni legislative e regolamenti in materia di lavoro e di assicurazioni sociali; in particolare s impegna ad applicare condizioni normative e retributive non inferiori a quelle previste dal CCNL di categoria e dall integrativo provinciale; f. osservare tutte l enorme antinfortunistiche in conformità alle prescrizioni di legge compresa la formazione del personale ai sensi del D.lgs 81/2008; g. esibire in qualsiasi momento, su richiesta dell ufficio scuola del Comune, la documentazione, al fine di consentire la verifica della corretta applicazione delle norme relative alle assicurazioni obbligatorie ed infortunistiche, previdenziali ed assistenziali e sulla sicurezza sul luogo di lavoro; h. rispettare le disposizioni che regolano il segreto professionale, il segreto d ufficio nonché della privacy, nel rispetto del D.lgs 196/2003;

8 i. dotare a proprie spese e sotto la propria responsabilità il personale impiegato di un cartellino visibile d riconoscimento con le generalità personali e il nome della Ditta. Restano comunque a carico della Ditta tutte le responsabilità ed incombenze inerenti la gestione del servizio. ART. 11 ONERI A CARICO DEL COMUNE DI COMACCHIO L'Amministrazione Comunale, tramite l'ufficio Scuola, prima dell'inizio dell'anno scolastico, sulla base delle richieste inviate dalle singole scuole, sentito il parere professionale degli operatori del servizio di neuropsichiatria infantile dell'ausl, comunicherà il fabbisogno di personale di sostegno, in termini di quantità e di orario, alla ditta aggiudicataria, per permetterle una programmazione adeguata degli interventi. La ditta aggiudicataria indicherà all'ufficio Scuola il nominativo e recapito del proprio Responsabile, addetto al coordinamento dei servizi oggetto di gara, al quale rivolgersi per definire e coordinare gli aspetti organizzativi, comuni linee d'intervento e le linee di progettualità educativa. ART ORARIO Il servizio di ciascun operatore sarà stabilito dal Dirigente Scolastico (dal Responsabile scolastico in caso di scuola dell infanzia privata paritaria) in funzione delle necessità di ciascun minore affidato, e potrà svolgersi dal lunedì al sabato, di norma dalle ore 8.00 alle ore 16,30, da un minimo di 1 a un massimo di 8 ore, anche con orario spezzato. In caso di assenza prolungata a scuola del minore il servizio dell educatore per l autonomia è sospeso. In caso di dimissioni di minori, comunicate dal Dirigente Scolastico, il servizio è interrotto, con diminuzione proporzionale delle ore di compenso alla cooperativa/ditta. Le ore di programmazione collegiale e di verifica sono intese come ore di servizio, secondo un monte che sarà stabilito preventivamente in concerto con l ufficio scuola del Comune e con le Istituzioni scolastiche In caso di assenza dell alunno: a) assenza preventivamente comunicata dalla famiglia alla scuola almeno 2 giorni prima, l appaltatore sospende il servizio per tutta la durata dell assenza senza che sia dovuto alcun compenso; b) assenza dell alunno non preventivamente comunicata all Appaltatore sospende il servizio a decorrere dal terzo giorno; per il primo e secondo giorno il servizio sarà riconosciuto e svolto in accordo con il Dirigente Scolastico, a supporto di altri interventi di sostegno o in attività in collaborazione con i docenti in servizio. Per i giorni successivi, l attività sarà sospesa senza che sia dovuto alcun compenso all Appaltatore, c) assenza prolungata (almeno sette giorni) del minore disabile potranno essere attivati progetti ponte con intervento dell educatore presso il domicilio dell utente; d) assenza prolungata del minore disabile ove all interno della medesima classe risultino presenti altri alunni in situazione di handicap e/o disagio, l educatore non interrompe il proprio servizio e svolge un ruolo di supporto a tutta la classe. La durata e le modalità del progetto integrato al gruppo classe viene stabilita in base ad una procedura concordata tra Scuola, Comune ed Impresa.

9 ART. 13- AFFIDAMENTO INCARICO Una volta esperita la gara, l Amministrazione Comunale procederà all affidamento dell incarico; contestualmente sarà data comunicazione della tipologia delle disabilità dei minori, di cui al presente servizio, per un ulteriore individuazione da parte della cooperativa degli educatori /operatori abbinabili, tenuto conto del curriculum e delle competenze personali. ART CONDIZIONI NORMATIVE La ditta aggiudicataria si obbliga ad applicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo di categoria pertinente, nonché a provvedere ad ogni adempimento previdenziale ed assicurativo connesso con la prestazione lavorativa. In caso di inottemperanza, l Amministrazione Comunale procederà alla sospensione dei pagamenti. La ditta è tenuta a presentare all Amministrazione Comunale i propri dipendenti consegnando compilato un elenco, indicante i curricula, i titoli di studio e professionali nonché i requisiti degli educatori/operatori incaricati prima dell inizio del servizio. ART. 15- SISTEMA E CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE La selezione della migliore offerta avverrà applicando il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell'art. 83 del D.lgs n. 163/2006 e s.m.i. La valutazione della migliore offerta e quindi scelta del soggetto affidatario del contratto viene effettuata da apposita Commissione giudicatrice nominata ai sensi dell'art. 84 del D.lgs. n. 163/2006 e s.m.i. L'Amministrazione aggiudicatrice per la determinazione della migliore offerta prende in considerazione i seguenti elementi: a) progetto tecnico b) elemento prezzo. Il calcolo dell'offerta economicamente più vantaggiosa è effettuato con la seguente formula: Punteggio attribuito all'elemento tecnico + Punteggio attribuito all'elemento prezzo = Punteggio complessivo attribuito all'offerta presentata. Ogni condizione tra quelle dichiarate dal concorrente e a cui sia stato attribuito un punteggio sia relative all'elemento progetto tecnico che relative all'elemento prezzo, costituisce obbligazione contrattuale del concorrente stesso nel caso risulti aggiudicatario dell'appalto. A) PROGETTO TECNICO QUALITA' DEL SERVIZIO: da un minimo di punti 0 ad un massimo di punti 70 Il progetto tecnico verrà valutato sulla base dei criteri di seguito specificati: 1) PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO PUNTI 28 Obiettivi e modalità di realizzazione del servizio fino ad un max di 8 punti Metodologie per l integrazione dell alunno disabile orientate al processo di promozione dell autonomia e comunicazione fino ad un max di 5 punti

10 Modalità di monitoraggio e documentazione dei percorsi fino ad un max di 5 punti Valorizzazione dell esperienza maturata dal personale educativo: numero di persone che la ditta s impegna ad impiegare nel servizio in oggetto, aventi i requisiti di cui all art. 7 del capitolato speciale di appalto con relativi curricula fino ad un max di 10 punti 2) PROGETTO ORGANIZZATIVO DEL SERVIZIO PUNTI 20 Struttura organizzativa, funzioni e numero del personale dedicato alla gestione del servizio oggetto dell appalto fino ad un max di 3 punti Curriculum del coordinatore (percorsi formativi, specializzazioni, coerenti con i servizio oggetto dell appalto) e modalità di collegamento con l ufficio scuola del Comune fino ad un max di 4 punti Per la ditta che presenta il maggior numero di ore dedicate settimanalmente dal coordinatore al servizio oggetto dell appalto fino ad un max di 3 punti Modalità organizzative (riferimenti e tempi di risposta) in caso di richiesta d interventi urgenti ed imprevedibili (es. nuovi alunni e/o sostituzioni urgenti del personale assente) fino ad un max di 5 punti Elementi migliorativi per l organizzazione e la funzionalità del servizio (es. modalità per garantire la continuità educativa e la valorizzazione delle competenze specifiche del personale in relazione alle diverse disabilità fino ad un max di 5 punti 3) CURRICULUM DELLA DITTA PUNTI 12 con specificazione di: esperienza dei servizi svolti nel periodo 2010/2011/2012 aventi caratteristiche similari al presente (saranno valutate favorevolmente esperienze che dimostrino il possesso di una metodologia di progettazione integrata e la conoscenza delle risorse del territorio) fino ad un max di punti 10 certificazione di qualità aziendale UNI ES ISO o successive fino ad un max di punti 2 4) FORMAZIONE PUNTI 10 Quantità e qualità della formazione dell ultimo triennio prodotta direttamente o partecipata e prodotta esternamente alla ditta sui temi relativi all integrazione scolastica ed extra-scolastica: numero di ore complessive impiegate nella formazione fino ad un max di 5 punti Proposta di attività formative specifiche sui temi della disabilità e dell integrazione scolastica utili alla qualificazione e all aggiornamento professionale del personale educativo: a) numero di ore per la formazione previste per ciascun operatore b) consistenza e coerenza dei contenuti con le finalità del servizio fino ad un max di 5 punti B) PREZZO (massimo punti 30) L elemento prezzo sarà valutato esclusivamente al ribasso rispetto alla base d appalto, con esclusione di ogni altro tipo di offerta.

11 Alla ditta che avrà offerto il prezzo più basso saranno assegnati 30 punti, alle restanti ditte sarà attribuito il punteggio nel modo seguente: X= Pi x C PO Ove: X = coefficiente totale attribuito al concorrente Pi = prezzo inferiore (più basso) C = coefficiente (30) PO = Prezzo offerto L aggiudicazione avverrà in favore del soggetto che avrà ottenuto il punteggio più alto. IL PUNTEGGIO TOTALE, per un massimo di 100 punti, sarà costituito dalla somma aritmetica del PUNTEGGIO QUALITA' DEL SERVIZIO + PUNTEGGIO TOTALE DELL'OFFERTA ECONOMICA. ART. 16 ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA SICUREZZA La ditta aggiudicataria s'impegna a rispettare le norme di sicurezza nei luoghi di lavoro relativamente agli adempimenti di legge previsti nei confronti dei lavoratori o soci. La ditta aggiudicataria, nell'assumere gli obblighi e le responsabilità connesse all'applicazione del D.lgs 81/2008, dovrà provvedere alla informazione e formazione del personale (in materia di sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro, pronto soccorso, antincendio, ecc.). Il personale incaricato dalla ditta ha l'obbligo di rispettare tutte le vigenti norme inerenti la sicurezza in applicazione del Decreto Legislativo n. 81/2008 e s.m.i. ART. 17 PREZZI FATTURAZIONE PAGAMENTI TRACCIABILITA DEI FLUSSI FINANZIARI Il prezzo orario è quello risultante dalla gara. Nel prezzo orario s intendono interamente compensati dall A.C. all Appaltatore tutti i servizi del presente appalto, compresi il coordinamento pedagogico, tutte le prestazioni connesse all organizzazione del servizio, eventuali interventi a domicilio, eventuali trasferte e viaggi inerenti il servizio ed ogni altro onere espresso o no dal presente Capitolato, inerente e conseguente ai servizi di cui trattasi. Il prezzo indicato in sede di gara resterà invariato per tutta la durata del contratto. L A.C. di Comacchio, in relazione alle prestazioni oggetto del presente appalto, s impegna a corrispondere i compensi dovuti sulla base di fatture mensili emesse dalla ditta. Le fatture intestate al Comune di Comacchio, ai sensi del D.lgs 267 del 18/08/2000 Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali dovranno riportare il numero dell atto di spesa, il codice CIG e il c/c dedicato. Le fatture, saranno emesse dall Appaltatore entro il mese successivo a quello di servizio, indicando il totale delle ore prestate per ciascuna scuola Il pagamento delle fatture sarà liquidato entro i termini stabiliti dalla legge vigente. L affidatario dovrà assicurare la tracciabilità dei movimenti finanziari, comunicando al Comune di Comacchio, prima della sottoscrizione del contratto, gli estremi identificativi dei conti correnti bancari o postali, accesi presso banche o presso la Società Poste Italiane SpS, dedicati, anche

12 in via non esclusiva (vale a dire che lo stesso conto corrente può essere utilizzato per i movimenti contabili relativi a più appalti), alla presente commessa pubblica, nonché le generalità ed il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. Condizione necessaria per l ottenimento dei pagamenti dei corrispettivi previsti dal presente appalto è l assolvimento da parte dell Appaltatore, degli obblighi fiscali e previdenziali verso i propri dipendenti e del personale di cui, a qualunque titolo, si avvalga nella diretta gestione del presente appalto (acquisizione Documento Unico di Regolarità Contributiva DURC). Le ore di servizio svolte dovranno essere giornalmente registrate su apposito modulo predisposto dall Ufficio Scuola riportante: nominativo dell operatore, data e orario di servizio giornaliero, firma dell operatore, visto del Dirigente Scolastico o responsabile scolastico in caso di scuola dell infanzia pubblica paritaria. A fine anno scolastico la cooperativa aggiudicataria del servizio dovrà trasmettere all Ufficio Scuola del Comune una relazione finale dalla quale si evinca l andamento del progetto, le difficoltà incontrate, eventuali proposte per il miglioramento dello stesso e eventuali notizie utili a far conoscere all Amministrazione Comunale aspetti utili dell esperienza attuata. ART CONTROLLI E PENALITA La ditta che si aggiudicherà l appalto del servizio dovrà impegnarsi a garantire tutte le condizioni del presente Capitolato, pena la rescissione del contratto. Le modifiche ad una o più clausole del presente capitolato dovranno essere oggetto di accordo scritto. Sul servizio oggetto del presente appalto il Comune si riserva la facoltà di effettuare periodici incontri di verifica fra l ufficio scuola del Comune, la ditta e gli operatori. Alla Ditta è riconosciuto il diritto di richiedere ulteriori specifici momenti di verifica su temi o problemi autonomamente individuati. La ditta dovrà prevedere modi e forme di controllo sull attività del proprio personale e dei servizi svolti ogni mese e dovrà dotare la struttura di appositi meccanismi di registrazione (es. registri o fogli presenza) delle presenze in servizio, per consentire la verifica delle presenze da parte dell ufficio scuola del Comune al termine di ogni mese. La Ditta aggiudicataria è responsabile verso l Amministrazione del buon andamento del servizio assunto. Per eventuali ritardi o deficienze di servizio, imputabili a negligenza o colpa della Ditta verranno applicate penalità da un minimo di 52,00 ad un massimo di 517,00 a seconda della gravità dell inadempienza. Tali penalità verranno moltiplicate per 2,3,4.ad ogni ripetersi di inadempienza. L applicazione della penalità dovrà essere preceduta da regolare contestazione scritta dell inadempienza, alla quale la Ditta aggiudicataria avrà la facoltà di presentare le controdeduzioni entro e non oltre 10 giorni dal ricevimento della stessa. La penalità potrà essere detratta dalla prima fattura emessa a seguito della definizione della contestazione. L applicazione della penalità di cui sopra è indipendente dal risarcimento del danno spettante al Comune per le eventuali violazioni contrattuali verificatesi. Per l'accertamento dell'inadempienza l'amministrazione potrà tenere conto anche delle segnalazioni provenienti dalle Istituzioni Scolastiche e dai famigliari degli alunni.

13 ART CLAUSOLA RISOLUTIVA DEL CONTRATTO La Ditta aggiudicataria incorre nella decadenza del contratto nei seguenti casi: mancata assunzione del servizio alla data stabilita; cessione parziale o totale del contratto o sub-appalto ad altri; abituale deficienza e negligenza nel servizio quando la gravità e la frequenza delle infrazioni, debitamente accertate e contestate, compromettano il servizio stesso a giudizio insindacabile dell Amministrazione; quanto la Ditta si renda colpevole di frodi o versi in stato di insolvenza; mancato adempimento delle prestazioni contrattuali a perfetta regola d arte, nel rispetto delle norme vigenti e secondo le condizioni, le modalità, i termini e le prescrizioni contenute nel presente capitolato, nonchè sospensione, abbandono o mancata effettuazione dei servizi; per interruzione non motivata del servizio; per cessazione anticipata del servizio per mancato rispetto di tutti gli oneri prescritti dalla legge 136/2010 In questi casi si darà luogo, a giudizio insindacabile dell Amministrazione Comunale, alla risoluzione del contratto, ai sensi dell art del Codice Civile, così come per le ragioni di forza maggiore anche conseguenti al mutare degli attuali presupposti giuridici e legislativi. In tale ipotesi la Ditta aggiudicataria non potrà pretendere eventuali risarcimenti di danni o compensi di sorta, ai quali essa dichiara già fin d ora di rinunciare. ART. 20 SCIOPERI Il corrispettivo delle ore non effettuate a seguito di scioperi dei dipendenti dell impresa appaltatrice non sarà corrisposto dall Amministrazione Comunale. L impresa è tenuta a dare preventive e tempestiva comunicazione dello sciopero dei propri dipendenti al Servizio Scuola del Comune, nonché a garantire, almeno la copertura d emergenza del servizio con le unità necessarie. ART. 21 CAUZIONI Cauzione provvisoria La presentazione dell offerta per l affidamento del servizio in oggetto dovrà essere corredata da una cauzione pari al 2% del prezzo indicato nel bando, da presentare ai sensi e nei modi di cui all art. 75 del D.lgs 163/2006 Si precisa che l importo della cauzione o fideiussione provvisoria, è pari all 1% per le Ditte concorrenti in possesso di certificazioni del sistema di qualità ai sensi delle norme europee, come meglio specificate all art. 75, comma 7, D. Lgs. n.163/2006 e successive modifiche. La suddetta cauzione copre la mancata sottoscrizione del contratto per cause imputabili all aggiudicatario ed è svincolata automaticamente, al momento della sottoscrizione del contratto medesimo. Ai non aggiudicatari la cauzione è restituita non appena è avvenuta l aggiudicazione.

14 Cauzione definitiva All atto della stipulazione del contratto, l impresa appaltatrice dovrà presentare una cauzione definitiva in ragione del 10% del valore dell appalto a garanzia dell osservanza delle obbligazioni assunte. La cauzione potrà essere sostituita da polizza fidejussoria bancaria o assicurativa o tramite deposito cauzionale presso la Tesoreria Comunale. La cauzione o fideiussione è costituita secondo le specifiche norme vigenti ed a garanzia dell esatto adempimento di tutti gli obblighi nei confronti dei lavoratori derivanti dal contratto, per il risarcimento di eventuali danni, nonché per la copertura delle eventuali spese che l Amministrazione dovesse sostenere durante l appalto per l inadempimento totale o parziale degli obblighi dell appaltatore. ART. 22 INFORTUNI E DANNI L appaltatore risponderà direttamente dei danni alle persone e alle cose comunque provocati nell esecuzione delle attività oggetto dell appalto, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa o di compensi da parte del Comune, salvi gli interventi in favore dell impresa da parte di società assicuratrici. ART. 23 COPERTURA ASSICURATIVA E RESPONSABILITA E A CARICO DELLA Ditta ogni responsabilità, sia civile che penale, derivante alla stessa ai sensi di legge nell espletamento dell attività richiesta dal presente capitolato. La Ditta sarà ritenuta responsabile dell operato dei propri dipendenti e, pertanto, assumerà in proprio ogni responsabilità in caso di danni eventualmente arrecati a persone (terzi, compresi i bambini e i prestatori di lavoro) o cose tanto di proprietà del Comune, che di terzi. La ditta s impegna di conseguenza al totale risarcimento dei danni, esonerando il Comune e le Istituzioni scolastiche da ogni responsabilità. A tale scopo, inoltre, la ditta ha l obbligo di stipulare con una primaria compagnia di assicurazione polizza RCT/RCO nella quale venga esplicitamente indicato che il Comune e le Istituzioni Scolastiche vengono considerati terzi a tutti gli effetti. Il predetto contratto assicurativo dovrà prevedere la copertura dei danni alle cose di terzi in consegna e custodia all assicurato a qualsiasi titolo o destinazione. Dovranno altresì essere compresi in garanzia tutti i danni riconducibili ai servizi richiesti dal presente capitolato. Dovranno essere pure inseriti in garanzia tutti i danni derivanti da comportamenti anche omissivi del proprio personale, per tutte le attività ed i servizi in gestione. L assicurazione deve essere prestata sino alla concorrenza di massimali non inferiori ad ,00 per sinistro con limiti di ,00 per persona lesa e di ,00 per danni a cose. L Amministrazione Comunale è esonerata da ogni responsabilità per danni, infortuni od altro dovessero accadere al personale dipendente del soggetto gestore durante l esecuzione del servizio. Il Comune è esonerato da ogni responsabilità per danni, infortuni o altro che dovessero accadere al personale dipendente della Ditta durante l esecuzione del servizio, convenendosi a tale riguardo che qualsiasi eventuale onere è da intendersi già compreso o compensato nel corrispettivo dell appalto.

15 Restano ad esclusivo carico della Ditta gli importi dei danni rientranti nei limiti di eventuali scoperti e/o franchigie previste dalla suddetta polizza. Copia della polizza dovrà essere consegnata all Ufficio Scuola del Comune prima della data d inizio del servizio. ART 24 - OSSERVANZA NORME DI LEGGE La Ditta aggiudicataria è altresì tenuta all osservanza di tutte le norme e prescrizioni emanate dai pubblici poteri ed è esclusiva responsabile dell osservanza di tutte le disposizioni relative alla tutela previdenziale, infortunistica e sociale del personale impiegato per le prestazioni di cui trattasi. ART. 25 DIVIETO DI SUBAPPALTO E DI CESSIONE DEL CONTRATTO E fatto assoluto divieto di subappaltare e/o cedere il contratto dei servizi di cui trattasi. Nel caso di contravvenzione a tale divieto, la cessione s intenderà come nulla e di nessun effetto per l A.C., salvo la facoltà per la stessa di ritenere senz altro risolto il contratto medesimo, con diritto alla rifusione di ogni eventuale danno, e con la conseguente perdita della cauzione, previo semplice accertamento del fatto. In caso d infrazione alle norme del presente capitolato commessa dall eventuale subappaltatore,unico responsabile verso il Comune s intenderà la Ditta. ART. 26 RISERVATEZZA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il Comune di Comacchio e la ditta aggiudicataria s'impegnano ad osservare reciprocamente le disposizioni del Codice in materia di protezione dei dati personali di cui al D.lgs 196/2003 sulla tutela delle persone e di altri soggetti, rispetto al trattamento dei dati personali. I ART 27 DUVRI Per quanto riguarda la valutazione dei rischi di interferenza, di cui al comma 3-ter, art 26 del D.lgs 81/2008, conseguenti allo svolgimento delle attività previste nelle diverse sedi scolastiche, si ritiene che per la natura delle prestazioni e le caratteristiche dei luoghi, gli eventuali rischi presenti siano superabili con misure di carattere organizzativo, che non comportano nuovi costi per la gestione della sicurezza. ART. 28 CONTROVERSIE Per quanto non contemplato nel presente Capitolato, le parti si riporteranno alle disposizioni del Codice Civile in materia. Per controversie giudiziarie viene eletto il Foro di Ferrara. ART. 29 SPESE CONTRATTUALI Tutte le spese occorrenti, preliminari e consequenziali alla stipula del contratto (bolli, carta bollata, tassa di registrazione, ecc.) nessuna esclusa, sono a carico dell impresa aggiudicataria

16 ART. 30 RINVIO Per quanto non contemplato nel presente capitolato si fa espressamente riferimento alle vigenti disposizione di leggi e regolamenti. IL DIRIGENTE DEL SETTORE II Dott.ssa Fernanda Vallario

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli