RASSEGNA STAMPA di Martedì 24 APRILE 2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA di Martedì 24 APRILE 2012"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA di Martedì 24 APRILE 2012 A cura Ufficio Stampa Atap spa Pierantonio Stella Mail: / Cell.: 328/

2

3 IL METEO Ultimi acquazzoni poi arriva Hannibal: caldo e sole ROMA - Ancora maltempo sull'italia: una nuova perturbazione porterà oggi piogge e venti forti su diverse regioni centrali e settentrionali. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso un'allerta meteo che prevede, a partire dalle prime ore di oggi, piogge e temporali localmente anche molto intensi prima sul Piemonte settentrionale e successivamente su Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Umbria. I fenomeni saranno accompagnati da fulmini e forti raffiche di vento con rinforzi fino a burrasca su Emilia-Romagna, Marche ed Umbria. Possibili anche mareggiate in particolare lungo le coste esposte della Toscana. Il Dipartimento della Protezione civile seguirà l'evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le strutture strutture di protezione civile. A partire da domani però tornerà il bel tempo sulla penisola italiana, con l'instaurarsi pressoché ovunque di tempo stabile e soleggiato, grazie ad Hannibal, alta pressione. Il termometro, in alcune regioni come Val padana, Sardegna, Abruzzo e Puglia, verso la fine del mese salirà fino ai 28 gradi, in linea con le temperature abituali del periodo tra la fine maggio e l'inizio di giugno.

4 TRASPORTI I primi cittadini entro giugno dovranno decidere sul tracciato accanto alla ferrovia esistente La Tav nelle mani dei sindaci Fra Mestre e Portogruaro chiesto l abbattimento di 130 fabbricati nei centri attraversati dall Alta velocità Alberto Francesconi Loris Del Frate MESTRE IL COMMISSARIO L alternativa ora c è. L iter della Tav a Est di Venezia riparte dalla linea esistente, ma soprattutto dal dialogo con i sindaci interessati al progetto di completare l asse della Torino-Trieste. Nel 2010 avevano bocciato a larga maggioranza il tracciato "balneare" che avrebbe attraversato le campagne dopo la fermata (attraverso un tunnel di nove chilometri) all aeroporto di Tessera. Da ieri la "terza via", dopo l ipotesi iniziale di un percorso parallelo alla A4 bocciato dalla Regione Veneto, è nelle mani dei 19 sindaci delle province di Venezia e Treviso che, entro il 30 giugno prossimo, dovranno prendere una decisione. Per il commissario Bortolo Mainardi, che in pochi mesi è riuscito a mettere attorno a un tavolo i tecnici di Italferr e Rfi per rifare il progetto di affiancamento alla linea attuale, l obiettivo è stato raggiunto. Ma il suo invito a scegliere «delle due l una» rappresenta una scommessa dall esito incerto. In due mesi i sindaci, e le rispettive comunità, dovranno esprimersi su un progetto che, fra Mestre e Portogruaro, richiederà l abbattimento di circa 50 case e un ottantina di altri fabbricati nei centri attraversati dall Alta velocità. Il punto di partenza del tracciato alternativo, come illustrato dall ingegner Carlo Comin di Italferr, è il quadro complessivo dei trasporti che, fra Alta velocità e Alta capacità, renderebbe competitivi i porti adriatici - da Ravenna a Fiume - rispetto agli scali del Nord Europa. Per questo sia la Svizzera che l Austria stanno progettando i tunnel per "spianare" le Alpi alle merci dirette ai porti mediterranei. Per questo i progettisti considerano prioritario eliminare le "strozzature" lungo la linea esistente con interventi sulla linea dei Bivi che by-passa Mestre e sul bivio San Polo fra Udine e Cervignano. «Già questo - spiega Comin - farebbe aumentare di 50 convogli al giorno la capacità della linea». Per aumentare la velocità commerciale, che ora sulla Venezia- Trieste non supera gli 80 chilometri orari, è però necessario raddoppiare la linea esistente fino a Portogruaro, da dove la Tav devierebbe verso Nord per Bus con additivi Polveri dimezzate VENEZIA - PM10 abbattute del 60% e CO2 diminuita del 10%. Questi i numeri più rilevanti di Clean Venice, il progetto della Regione Veneto sull'impiego dell'additivo per gasolio Magigas D7 negli autobus Actv, l'azienda del trasporto pubblico locale. Il piano è stato coordinato da Envicon, società veneziana di consulenza ambientale. poi correre in parallelo alla A4, come indicato dal Friuli Venezia Giulia. Semplice? Non proprio, visto che il Comune di Venezia ha ribadito il proprio "no" al tunnel fra Mestre e Tessera, auspicando al suo posto una bretella ferroviaria da Dese all aeroporto. Scelta che ha già spiazzato il vicino Comune di Marcon. L iter, intanto, procede per tappe forzate. Entro 15 giorni i Comuni dovranno presentare le loro osservazioni, poi spetterà alla Provincia coordinare il gruppo di lavoro dei sindaci che dovranno esprimersi sul progetto. Un impegno da rispettare, sottolinea Mainardi: «Il Veneto - ha concluso il commissario - non può permettersi di non decidere sul tracciato». riproduzione riservata PORDENONE «Posti aperti a tutti»: il sindaco lancia la sfida sulle società controllate dal Comune Stop ai partiti, nomine con il "concorso" PORDENONE La sfida ai partiti, arrivati al minimo storico di gradimento, l ha lanciata il sindaco di Pordenone, Claudio Pedrotti. Il suo obiettivo è quello di togliere dalle mani della politica le nomine nelle società controllate e partecipate dal Comune. In questo caso si tratta delle due della Fiera, ma pochi giorni fa aveva fatto la stessa cosa con la Gea, la controllata che si occupa della gestione rifiuti. Basta trombati e sottobosco, ma privilegiare qualità, merito e professionalità, anche a scapito della sua maggioranza di centrosinistra. E così è stata lanciata una selezione "aperta" chiedendo ai cittadini (tutti quelli che hanno i requisiti) di avanzare la propria candidatura. Passaggio fondamentale per evitare di subire le pressioni dei partiti sui nomi. Mainardi: «Il Veneto non può permettersi di non decidere sul percorso» Spresiano Treviso San Trovaso Mogliano Veneto Mestre Villorba A57 Marghera A4 La mappa A27 Progetto di nuova TAV Ferrovia esistente A4 Quarto d Altino Gaggio San Liberale Venezia SS. 14 Meolo A4 CONTRO CORRENTE Il sindaco di Pordenone Claudio Pedrotti al centro di possibili polemiche sulla scelta di lasciar fuori i partiti dalla girandola di nomine sulle società controllate dal Comune Gli interessati devono inviare il curriculum dettagliato entro il 4 maggio. Nell'avviso il Comune ha elencato varie incompatibilità previste per l'incarico. Sia chiaro, non si tratta nè di un bando, nè di un concorso. La decisione finale sulla scelta spetterà comunque al sindaco. L obiettivo è tenere lontani i partiti. Non sarà facile per il sindaco però mandare in cortocircuito un equilibrio oramai consolidato nel tempo anche perchè i due rappresentanti nominati tre anni fa dal Comune in Ceggia San Donà di Piave Santo Stino di Livenza Portogruaro Fiera si aspettano la riconferma. E non si tratta di nomi da poco: Alvaro Cardin, attuale presidente della Spa e Giorgio Zaia, imprenditore legato al Pd. Il problema più complesso da superare è che la riconferma di quei nomi fa parte di un accordo pre elettorale sottoscritto dallo stesso sindaco e disattenderlo oggi potrebbe mettere in fibrillazione la maggioranza che regge il Comune. «Lo avevamo detto in campagna elettorale - spiega Claudio Pedrotti - che avremmo cambiato i criteri della scelta degli amministratori e conto di portare avanti la scelta». Potrebbe aprirsi un duro braccio di ferro anche perchè tutte le nomine in Fiera sono frutto di un compromesso politico, compresa quella di amministratore delegato che spetta al centrodestra. Assemblea della Fiera il 9 maggio. riproduzione riservata No di Venezia al tunnel perplessità anche della Regione MESTRE - «Il Comune di Venezia ribadisce un no irremovibile al tunnel in gronda lagunare». È l assessore alla Mobilità Ugo Bergamo a far capire che l iter della Tav fra Venezia e Trieste rimane tutto in salita. Perché se l alternativa di progetto presentata ieri definisce il tracciato dell opera fra Dese e Portogruaro, il passaggio dell Alta velocità a Mestre - a parte il by-pass per le merci lungo la Linea dei Bivi - rappresenta un rebus. La scelta di Venezia fa già arrabbiare il confinante Comune di Marcon: «Per noi - dice il sindaco Pier Antonio Tomasi - la scelta è improponibile». Anche l assessore regionale alla Mobilità Renato Chisso, che a suo tempo aveva presentato il tracciato "balneare", non nasconde le sue perplessità: «Mi sembra che non sia stato valutato a pieno l impatto sociale dell opera - commenta - Avevo chiesto che i centri abitati fossero attraversati in trincea, ma vedo che non è così». Per la presidente della Provincia Francesca Zaccariotto (Lega Nord), però, avere ottenuto un progetto alternativo è già un successo: «Siamo riusciti ad avere un altra ipotesi progettuale - ha detto Zaccariotto - che ci permetterà di valutare i punti di forza e di debolezza delle diverse ipotesi di tracciato, e di fare una comparazione con le altre soluzioni già condivise con il territorio». La richiesta di procedere secondo un percorso condiviso è apprezzata anche dai consiglieri regionali del Pd Bruno Pigozzo e Lucio Tiozzo e dal deputato Rodolfo Viola. «Il passo fondamentale - rilevano i due - è arrivare all individuazione definitiva e condivisa di un tracciato». Ma un altra esponente del Pd, l on. Simonetta Rubinato, sindaco di Roncade, guarda più avanti, a una «riscrittura della Legge Obiettivo» da parte del Governo che consenta di spendere meno ed evitare le spaccature sociali emerse con il progetto dell Alta velocità. riproduzione riservata

5 BENZINA L annunciata delibera di Ciriani: 27 cent al litro di "verde" in prima fascia Sconto rinforzato fino al 31 maggio UDINE - In virtù di un nuovo sconto regionale approvato ieri pomeriggio in Giunta su proposta del vicepresidente della Regione, Luca Ciriani di concerto con la collega Sandra Savino, il prezzo della benzina verde in Friuli Venezia Giulia torna a diminuire. «Per iniziativa dell'amministrazione regionale torna in vigore, dal 25 aprile al 31 maggio - ha spiegato il vicepresidente Ciriani - lo sconto già attivo nei mesi di febbraio e marzo, pari, in totale, a 27 centesimi per la benzina verde in fascia 1 e 15 centesimi in fascia 2. A tale sconto cumulativo si è giunti aggiungendo con questa delibera 6 centesimi di sconto in fascia 1 e un centesimo di sconto in fascia 2». Il nuovo provvedimento non va a modifcare l'orientamento espresso dall'amministrazione regionale sul tema della contribuzione statale per mitigare il costo dei carburanti nelle zone di confine: «Restiamo in attesa - ha detto ancora Ciriani - che si chiuda con il Governo un accordo in grado di definire uno sconto carburante per il Fvg che non pesi completamente sul bilancio regionale, azione per la quale chiediamo con decisione un ulteriore interessamento da parte del Governo, dopo la disponibilità dimostrata alle Regioni di confine, che così come strutturata risulta insufficiente».

6 ROVEREDO Apre il distributore di benzina senza padroni Acquisterà il carburante più a buon prezzo ROVEREDO - (mm) Entro la metà di maggio a Roveredo aprirà un nuovo distributore di carburanti, esattamente in via XX settembre, a ridosso dell'ingresso del paese. Sarà un impianto, con l'attivazione di quattro pompe, bandiera bianca ovvero non legato a nessuna compagnia petrolifera, consentendole così di acquistare i carburanti ogni volta dal miglior offerente e rivenderli a prezzi concorrenziali. La società titolare è la Termoveneta, che è proprietaria di due aree di servizio nella zona: una a Cordignano, la prima a essere inaugurata, l'altra a Caneva. L'impianto metterà a disposizione anche il servizio di autolavaggio e fornirà il gpl. I lavori nell'area sono praticamente terminati, ora si attendono le ultime carte, relative al collaudo dei vigili del fuoco e degli uffici comunali competenti. Il sito individuato si presenta molto favorevole, in quanto si trova vicino alla Cimolai e più generale alla zona industriale, distante da altre pompe di benzina. riproduzione riservata

7

8 Rifiuti, Snua ricorre al Tar contro la concorrenza Impugnata la delibera che prevede una variante per l impianto Ecosinergie Sullo sfondo lo scontro tra le società pubbliche per smaltire le immondizie di Stefano Polzot Guerra a colpi di carte bollate tra la Snua, la società che gestisce l impianto di smaltimento delle immondizie di Aviano, di cui è presidente l amministratore unico di Gea, Marco Tullio Petrangelo, ed Ecosinergie, l azienda frutto della partnership tra Ambiente Servizi del presidente Isaia Gasparotto e il gruppo Boz. Snua, infatti, ha presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale contro la delibera 12 del 19 gennaio scorso della giunta provinciale che ha approvato una variante non sostanziale sull impianto realizzato e recentemente inaugurato in via Clauzetto da Ecosinergie. La variante riguarda il potenziamento alle linee di selezione dei rifiuti e di produzione del combustibile da rifiuto, oltre al sistema di areazione. «Riteniamo - afferma Petrangelo - che ci sia un problema di compatibilità ambientale dell impianto che è stato autorizzato, per il quale ci sentiamo parte lesa». E evidente che si tratta L impianto di Ecosinergie a San Vito il giorno dell inaugurazione dell ennesimo capitolo del braccio di ferro tra le due società controllate dal pubblico nel campo della selezione dei rifiuti che vengono raccolti. Con l impianto di Ecosinergie, infatti, Ambiente Servizi si è posta in diretta competizione con Snua. La struttura aperta a febbraio è in grado di trattare ogni anno 90 mila tonnellate di rifiuti. In una prospettiva ambientale, si garantisce il riutilizzo e la rivendita a terzi, sotto varie forme, di quasi il 90 per cento del materiale trattato e, quindi, un aumento di raccolta differenziata, con benefici sui costi dello smaltimento e, in definitiva, nei portafogli delle famiglie che vanno però ancora verificati. L area dell impianto è ampia 23 mila metri quadri. Il capannone principale (si sviluppa su una superficie di 5 mila metri quadri) comprende tre linee principali: una riguarda la selezione del multimateriale derivante dalla raccolta differenziata di rifiuti urbani e assimilabili; un altra linea è dedicata alla produzione di combustibile da rifiuto (Cdr) di qualità; una terza linea, infine, è utilizzata per la selezione dei materiali cartacei. In una linea a sè stante vengono lavorate le apparecchiature elettriche ed elettroniche. Per il trasporto in uscita verrà utilizzato lo scalo ferroviario della zona Ponterosso. Elemento non secondario: la quasi totalità dell energia necessaria a far funzionare l impianto è garantita da un sistema autonomo di cogenerazione, funzionante con olio vegetale. RIPRODUZIONERISERVATA

9 Il lavoro a termine sarà più costoso Le imprese potranno assumere tre apprendisti (durata minima 6 mesi) ogni due dipendenti a tempo indeterminato di Andrea Di Stefano Tra le moltissime novità contenute nella riforma del lavoro all'esame del Parlamento ecco le più rilevanti che riguardano l'ingresso: apprendistato, lavoro a termine e contratti a progetto. Apprendistato. L'apprendistato, nelle intenzioni della riforma, dovrebbe diventare il canale privilegiato per l'accesso al mondo del lavoro. Fino ad oggi è un contratto per giovani tra i 16 e i 29 anni che prevede retribuzione e formazione professionale. Viene qualificato come una sorta di contratto a tempo indeterminato dove il datore di lavoro deve fare domanda di disdetta se vuole recedere. Adesso, con la riforma decisa dal governo e all'esame del Parlamento, l'apprendistato avrà una durata minima di sei mesi, ferma restando la possibilità di durate inferiori per attività stagionali. Il datore di lavoro potrà assumere apprendisti purché ne stabilizzi una certa percentuale, il 50% di quelli già in servizio (esclusi i rapporti cessati per recesso durante il periodo di prova, per dimissioni o per licenziamento per giusta causa). Gli apprendisti assunti in violazione del predetto limite saranno considerati lavoratori subordinati a tempo indeterminato, sin dalla data di costituzione del rapporto. La soglia della stabilizzazione è abbassata al 30% nei primi 36 mesi dopo l'entrata in vigore del nuovo provvedimento. Si innalza, invece, il rapporto tra apprendisti e lavoratori qualificati dall' attuale 1/1 a 3/2: il numero complessivo di apprendisti che un'azienda potrà assumere dal primo gennaio 2013 dovrà essere al massimo di 3 ogni 2 lavoratori specializzati e qualificati in servizio. Il datore di lavoro che non abbia alle proprie dipendenze lavoratori qualificati o specializzati, o Flessibilità in entrata Contratti TEMPO INDETERMINATO Costituisce la forma comune di rapporto di lavoro Potenziamento indiretto per l'aggravio di costi per le aziende degli altri tipi di contratto APPRENDISTATO Riservato ai giovani fino ai 29 anni Durata minima: 6 mesi (meno per lavori stagionali) Assunzione di nuovi apprendisti solo dopo averne stabilizzati il 50 per cento (il 30 per cento nei primi 3 anni di applicazione della riforma) Rapporto di 3 assunzioni (dirette o tramite agenzia) ogni 2 dipendenti fissi Certificazione di formazione rilasciata dalle aziende che comunque ne abbia meno di tre, potrà assumere fino a un massimo di tre apprendisti. Contratti a termine. Il Capo II del disegno di legge di riforma del mercato del lavoro è dedicato alla modifica delle tipologie contrattuali esistenti, allo scopo di preservarne gli usi virtuosi e di limitarne quelli impropri, finalizzati essenzialmente ad abbattere il costo del lavoro aggirando gli obblighi previsti per i rapporti di lavoro subordinato. Una delle tipologie contrattuali interessate è il contratto a tempo determinato. In particolare, l'art. 3 del disegno di legge apporta alcune rilevanti modifiche. La prima concerne la "liberalizzazione" del primo contratto a termine di durata non superiore a 6 mesi: in pratica l'impresa non avrà l'obbligo di specificare le TEMPO DETERMINATO Durata massima: 36 mesi in successione Periodo di fermo di 60 o 90 giorni (contratti superiori o inferiori ai 6 mesi), altrimenti il secondo diventa a tempo indeterminato Contratto prolungabile dopo la scadenza fino a un massimo di 30 o 50 giorni (se minore o maggiore di 6 mesi) in via straordinaria Non richiesta la causale per il primo contratto non superiore ai 6 mesi che non verrà prorogato Aumento contributivo per l'azienda: 1,4% recuperabile in caso di stabilizzazione Indennità di conversione e risarcimento tra 2,5 e 12 mesi in caso di contratto illegittimo che deve essere impugnato entro 60/120 giorni DI INSERIMENTO Abrogato ma con clausola di salvaguardia per i contratti in corso e quelli stipulati fino al 31 dicembre 2012 Vantaggio per il lavoratore PART TIME Le regole restano in gran parte invariate Possibilità di ritirare il consenso per i lavoratori studenti e per quelli con patologie oncologiche LAVORO INTERMITTENTE Solo per prestazioni discontinue e lavoratori sotto i 25 e sopra i 45 anni Obbligo di comunicazione amministrativa (sms, fax, pec) per ogni chiamata ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Massimo 3 associati con deroga se legati da rapporto di parentela entro il 3 grado e di affinità entro il 2 Scatta presunzione di lavoro subordinato in caso di mancata partecipazione a utili Più tutele per i precari: diventa inderogabile il termine dei 36 mesi, fissato a giorni il periodo di fermo. Stangata sulle false partite Iva, cambiano stage e tirocini ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo a cui era normalmente vincolato il ricorso al contratto a termine. Questa semplificazione varrà anche per i contratti di somministrazione (lavoro in affitto o interinale) a tempo determinato. Un'ulteriore novità interviene in tema di prosecuzione del rapporto di lavoro a termine, già oggi consentita, entro prefissati limiti temporali, in relazione alle possibili esigenze organizzative delle imprese con riguardo al completamento delle attività per le quali il contratto a termine è stato stipulato. In questa direzione si giustifica la individuazione di un "periodo di tolleranza" entro il quale il rapporto di lavoro può legittimamente continuare dopo la scadenza del termine inizialmente fissato o successivamente prorogato. La modifica legislativa interviene nel senso di un prolungamento del periodo durante il quale il rapporto a termine può proseguire oltre la scadenza per soddisfare esigenze organizzative, da 20 a 30 giorni per contratti di durata inferiore ai 6 mesi, da 30 a 50 giorni per quelli di durata superiore. Viene inoltre previsto A PROGETTO Dal 2013 l'aliquota contributiva per la gestione separata sale al 28% mentre per i pensionati gli iscritti ad altra gestione sale al 19% Dal 2018 co.co.pro al 33% e pensionati o iscritti ad altra gestione al 24% Presunzione di lavoro subordinato se attività del collaboratore è analoga a quella svolta dai dipendenti Abolito programma PARTITE IVA - Applicazione immediata per i nuovi rapporti, tra 12 mesi per quelli già esistenti Indici di presunzione di lavoro subordinato quando si verifica uno solo di questi casi: - collaborazione per più di 6 mesi per anno; - ricavo di più del 75% dei corrispettivi; - disponibilità di una postazione di lavoro presso la sede istituzionale o operativa un vincolo procedurale per la prosecuzione del rapporto di lavoro, ponendosi a carico del datore di lavoro l'onere di comunicare al Centro per l'impiego territorialmente competente, entro la scadenza del termine inizialmente fissato, che il rapporto continuerà oltre tale termine, indicando altresì la durata della prosecuzione. Si allungano i tempi che devono intercorrere tra un contratto e un rinnovo: da 10 a 60 giorni, per i contratti inferiori a 6 mesi, e da 20 a 90 giorni, per i contratti superiori a 6 mesi. Nella stessa ottica di contrasto alla precarietà viene fissato un limite massimo di 36 mesi (comprensivo di proroghe e rinnovi) dei contratti a termine con il medesimo dipendente. Stage e contratti a progetto. Gli stage saranno consentiti solo Vantaggio per l'azienda LAVORO ACCESSORIO Uso limitato a esigenze occasionali di carattere saltuario e compenso attraverso buoni lavoro (voucher) Escluso l'uso per prestazioni a favore di imprenditori commerciali o professionisti TIROCINI O STAGE La materia sarà oggetto di decreto legislativo entro 6 mesi dall'entrata in vigore della legge. La bozza prevede: - durata massima 6 mesi - limite uso entro 12 mesi successivi al diploma - collaborazione con le Regioni per favorire l'inserimento dei giovani - definizione di standard minimi di uniformità per evitare uso distorto e gratuito fino alla laurea e dovranno essere retribuiti mentre per i contratti a progetto le aliquote saranno più alte e scatterà l assunzione se l attività svolta dal collaboratore risulterà analoga a quella dei dipendenti. Partite Iva. Secondo lo schema di riforma messo a punto dal Governo la mannaia sui contratti con partite Iva si preannuncia drastica: il disegno di legge pone un limite di 6 mesi, dopo il quale l'azienda sarà costretta o a considerare queste collaborazioni come rapporto di lavoro a tempo indeterminato oppure sarà obbligata a pagare una sanzione pari ai contributi da versare allo Stato. Ma su questo tema sono in arrivo emendamenti che potrebbero alleggerire la stretta. RIPRODUZIONE RISERVATA

10 Cambia l articolo 18 Così il giudice può decidere il reintegro Modificata in extremis la norma sui licenziamenti economici Possibile il rientro in caso di «manifesta insussistenza» di Denis Artioli 18 è il cuore della riforma del mercato del lavoro. Da subito L articolo l attenzione di imprenditori e sindacati si è concentrata sul nodo cruciale dei licenziamenti individuali e delle relative tutele. Proprio sullo Statuto dei lavoratori il governo ha giocato e sta giocando una partita delicatissima. Nelle linee guida, che sono state approvate il 23 marzo dal Consiglio dei Ministri, era sparita la possibilità del reintegro in relazione ai licenziamenti economici. Nel disegno di legge varato dal governo e firmato dal presidente della Repubblica, dopo l incontro del premier Mario Monti con i leaders della maggioranza che sostengono l esecutivo (il cosiddetto ABC, Alfano - Bersani - Casini), è invece ricomparsa la parola chiave: reintegro. Ma ecco come interviene la tutela del nuovo articolo 18 rispetto alle tre tipologie previste di licenziamento individuale illegittimo. Licenziamenti discriminatori. In questi casi, vale sempre il reintegro (anche per le aziende con meno di 15 dipendenti), perché la discriminazione è una grave violazione dell articolo 3 della Costituzione della Repubblica. Il dipendente reintegrato ottiene anche un risarcimento pari a 5 mensilità. Il lavoratore può scegliere, in alternativa al reintegro, un indennità pari a 15 mensilità dell ultima retribuzione. Prima la conciliazione obbligatoria poi il rito speciale per accelerare la causa Il rito speciale" accelera i tempi delle vertenze. Il nuovo processo del lavoro richiede, innanzi tutto, che le motivazioni per cui l azienda decide di allontanare un lavoratore siano esplicitate nella lettera di licenziamento. La comunicazione «deve contenere la specificazione dei motivi che lo hanno determinato», in caso contrario il licenziamento è inefficace. Nelle aziende con più di 15 dipendenti, il datore di lavoro, prima di licenziare il dipendente, deve comunicarlo alla Direzione territoriale del lavoro. Questo atto dà inizio alla procedura di conciliazione. Se questo passaggio viene violato, il licenziamento è inefficace. Quando riceve la comunicazione, la Direzione del lavoro convoca le parti nel termine perentorio di 7 giorni. Azienda e lavoratore possono farsi assistere dalle associazioni di categoria e dal sindacato. La procedura deve concludersi nell arco 20 giorni. Eventuali slittamenti sono possibili se si prospetta un accordo che porti alla risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Altrimenti, il datore di lavoro può comunicare il licenziamento al dipendente. L impugnazione del licenziamento da parte del lavoratore deve avvenire entro 60 giorni con un ricorso. Il giudice deve fissare l udienza di comparizione entro 30 giorni dal deposito del ricorso. Sentite le parti, il giudice procede all istruttoria e decide con un ordinanza, subito esecutiva, contro cui può essere presentata opposizione entro 30 giorni dalla notifica. Il giudice quindi fissa l udienza di discussione entro i 60 giorni successivi. Restano 30 giorni di tempo per impugnare la sentenza davanti alla Corte d Appello. L udienza di discussione è fissata entro 60 giorni e giudice deve emettere la sentenza entro 10 giorni dall udienza. Ci sono altri 60 giorni per proporre ricorso in Cassazione contro la sentenza d Appello. In questo caso, la nuova udienza viene fissata entro 6 mesi. Licenziamenti disciplinari. Se il fatto non sussiste o poteva essere punito con una sanzione di minor durezza, è previsto il reintegro con un risarcimento fino a 12 mensilità. In alternativa, è prevista l indennità sostitutiva pari a 15 mensilità. In altri casi, salvo che il licenziamento sia manifestamente infondato, il lavoratore non può Flessibilità in uscita Vantaggio per il lavoratore LICENZIAMENTI DISCRIMINATORI Reintegro per tutti con risarcimento di 5 mensilità Possibilità di indennizzo fino a 15 mensilità con risoluzione del rapporto di lavoro Stesso regime in caso di licenziamenti in concomitanza con il periodo di maternità o matrimonio o disposti in modo illecito Rito speciale per ridurre i tempi del processo RITO SPECIALE Il ricorso è presentato dall interessato presso il Tribunale anche con posta elettronica certificata (pec) Il giudice stabilisce i tempi dei procedimenti. Vengono eliminate alcune formalità Il premier Mario Monti DISCIPLINARI Vantaggio per l azienda Nelle aziende oltre 15 dipendenti, se il fatto non sussiste oppure poteva essere punito con una sanzione: reintegro più risarcimento danno retributivo (e pagamento contribuzione) fino a tetto massimo di 12 mesi in alternativa indennità sostitutiva pari a 15 mensilità Altri casi Indennità risarcimento tra le 12 e le 24 mensilità in base all anzianità, numero occupati e dimensione dell azienda Udienza entro 30 giorni da ricorso e accoglimento o rigetto con ordinanza immediata ed esecutiva Udienze in corsia preferenziale con giorni riservati Il testo della riforma ritoccato dopo il vertice tra Monti e i tre segretari della maggioranza. Trovato un difficile punto di equilibrio. Ora la prova del Parlamento far valere un vero e proprio diritto al reintegro, ma è il giudice che ha la facoltà di decidere tra reintegro o indennizzo (compreso tra le 12 e le 24 mensilità). Licenziamenti economici. E prevista ancora la possibilità del reintegro, stabilito dal giudice, nel caso della manifesta insussistenza delle ragioni che stanno alla base dell allontanamento del lavoratore. E la novità principale introdotta tra le modifiche dell articolo 18, rispetto alla prima formulazione contenuta nelle linee guida. Il disegno di legge prevede un percorso che lascia aperte più strade. Il lavoratore licenziato deve presentarsi al tentativo di conciliazione obbligatorio con l azienda, alla Direzione territoriale del lavoro. La convocazione davanti alla Commissione provinciale di conciliazione arriva entro 7 giorni dalla ricezione della comunicazione di licenziamento. Se dipendente e datore di lavoro trovano un accordo, attraverso una transazione economica, la vertenza si conclude con la risoluzione consensuale del rapporto di la- ECONOMICI Nelle aziende oltre 15 dipendenti: Il giudice può stabilire il reintegro solo in caso di manifesta insussistenza dei motivi che hanno portato al licenziamento In tutti gli altri casi l indennità è stabilita dal giudice tra 12 e 24 mensilità in base all anzianità del lavoratore, le dimensioni dell azienda e al comportamento avuto dalle parti in sede di conciliazione Obbligo di comunicazione per l avvio della procedura prima di procedere al licenziamento Conciliazione con il coinvolgimento dei sindacati prima di rivolgersi al giudice Rito speciale abbreviato quando si ricorre al giudice Onere della prova a carico dell azienda. Se il giudice ritiene che i motivi siano discriminatori o disciplinari decide sulla base delle regole stabilite per il tipo di licenziamento accertato voro. Se la conciliazione, invece, fallisce, il lavoratore può scegliere la strada del ricorso al giudice. Il magistrato, nel caso della manifesta insussistenza delle ragioni economiche addotte dall azienda, può decidere il reintegro del dipendente. Il lavoratore licenziato per ragioni economiche può rivolgersi al giudice anche se è convinto che dietro a quelle motivazioni si nascondano elementi discriminatori o disciplinari: nel primo caso è disposto il reintegro, nel secondo il giudice decide tra reintegro o indennizzo. Al dipendente non spetta più l onere della prova, che resta in carico all azienda, ed è il giudice a stabilire a quale tipologia di licenziamento vada ricondotto l allontanamento e quale tutela debba applicarsi. RIPRODUZIONE RISERVATA

11 IL CASO Il Pdl: «Iva sulla Tia: Ambiente servizi non rimborsa» SAN VITO Inoltrare una domanda di rimborso dell Iva versata e non dovuta relativa alla Tariffa di igiene ambientale, al momento, pare non produrre alcun effetto: ne sanno qualcosa gli utenti della multiutility sanvitese Ambiente servizi. La questione è ancora oggetto di dibattito. Il punto fermo è che la sentenza della Cassazione del 9 marzo ha definitivamente stabilito l illegittimità dell Iva al 10 per cento sulla tariffa rifiuti. Su come ottenere, conseguentemente, un rimborso, si è sentito di tutto, ma ancora non c è una risposta univoca. Anche perché la somma da restituire ai cittadini, da parte dello Stato che l ha illegittimamente introitata, non sarebbe certo poca cosa. A San Vito, ieri, il consigliere d opposizione Valerio Delle Fratte (Pdl) si è recato agli sportelli di Ambiente servizi per inoltrare la sua richiesta di rimborso, relativa, come spiega, «all Iva versata dal 2003 al Ma alla consegna della lettera mi hanno a sua volta consegnato una lettera prestampata che, facendo riferimento a sentenze precedenti, diceva che la mia richiesta non poteva essere accolta. Al che continua Delle Fratte ho osservato che non era una risposta che poteva essere accettata. Alla fine hanno provveduto a modificare la lettera che mi è stata consegnata informandomi, in sostanza, che al momento non ci sono direttive per il rimborso e che la mia richiesta verrà vagliata una volta che le relative direttive saranno arrivate». «Ma questo aggiunge è il mio caso particolare: ci sono infatti altre richieste. Dunque, solleverò, io o il mio gruppo, il caso in consiglio comunale per cercare di fare chiarezza. Invito i cittadini, ad ogni modo, a presentare le richieste di rimborso ad Ambiente servizi, almeno perché la questione sia presente a chi di dovere». Il vicedirettore generale di Ambiente servizi, Fabio Mior, premette che la multiutility è «forse tra le pochissime in Italia che da due anni non applicano più l Iva. Per quanto riguarda i rimborsi, abbiamo avuto richieste, ma non abbiamo direttive per procedere in alcun modo: d'altronde, l'iva l'ha incassata lo Stato. La sentenza della Cassazione non ha aggiunto nulla rispetto alle altre: si sa che l Iva non va applicata alla Tia, ma non dice alcunché su eventuali rimborsi». (a.s.) RIPRODUZIONE RISERVATA

12

13 stangata Un nuovo record per la benzina: vola a quota 1,918 ROMA Stangata in arrivo per le famiglie in partenza per i ponti di primavera. La benzina continua a salire e tocca il nuovo record di 1,918 euro al litro, portando il prezzo di un pieno per una macchina di media cilindrata a ben 96 euro, contro i circa 80 dello stesso periodo dello scorso anno: in dodici mesi l incremento è dunque di un 20% tondo tondo. Il record di ieri spetta alla Shell che, secondo le rilevazioni di Staffetta quotidiana, ha portato il prezzo della verde a 1,918 euro al litro, subito seguita dalla Q8, ferma un millesimo prima, a 1,917. A parziale consolazione c è l andamento in controtendenza del diesel, con i ribassi annunciati da Eni, Esso e Shell, che hanno ridotto i prezzi consigliati di 0,5 centesimi al litro: il prezzo massimo si attesta così a 1,788 euro. Contro gli aumenti è subito insorto il Codacons, che dava per scontato un ulteriore rincaro in prossimità dei ponti del 25 aprile e 1 maggio: «Il calo delle quotazioni del petrolio - osserva l associazione dei consumatori -, al quale avrebbe dovuto corrispondere una riduzione dei prezzi della benzina alla pompa che, al contrario, sono saliti, non può non far nascere il sospetto di speculazioni legate ai viaggi degli italiani».

14 Viabilità, 12 milioni alle Province Serviranno agli enti per la progettazione e realizzazione di nuovi collegamenti UDINE L'assegnazione di risorse della Regione pari a 600 mila euro/anno per 20 anni - complessivamente dunque 12 milioni di euro - è stata approvata ieri dalla Giunta del Friuli Venezia Giulia, su proposta dell'assessore alle Infrastrutture, Riccardo Riccardi, a favore delle quattro amministrazioni provinciali della regione. La cifra servirà dichiaratamente «per la progettazione e la realizzazione di opere viarie di rispettiva competenza». Alle quattro Province di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine saranno destinati (come indicato dalla legge finanziaria regionale 2012) fondi straordinari a copertura degli oneri, in linea capitale e interessi, relativi a mutui, o ad altra forma di ricorso al mercato finanziario che questi Enti stipulano per l'avvio di nuovi interventi in ambito viario. Anche in questo caso, come in analoghe occasioni precedenti, per la distribuzione dei fondi verrà usato il criterio della superficie. In pratica il finanziamento sarà suddiviso tra le Province non a seguito di progetti specifici ma in base alla superficie del territorio da loro rappresentato e alla popolazione residente in quell area. Riccardo Riccardi

15 di Luca Perrino RONCHI L Antonov 124 ripreso a Ronchi durante le operazioni di scarico delle eliche (Foto Bonaventura) Arrivate a Ronchi col gigante dei cieli le eliche per la Breeze Il gigantesco Antonov 124 le aveve caricate alle Bahamas Pesano 59 tonnellate e sostituiranno quella avariate Un vero e proprio gigante dei cieli per trasportare due nuove eliche destinate alla Carnival Breeze, giunte dalle Bahamas. È tornato all aeroporto di Ronchi dei Legionari, a un anno di distanza, un mastodontico velivolo di nazionalità ucraina, atterrato ieri mattina e con a bordo due gigantesche eliche, dal peso totale di 59 tonnellate, giunte dalle Bahamas e destinate alla Fincantieri. Sono le eliche di propulsione della Carnival Breeze, che fra qualche settimana uscirà dal bacino per le prove finali pre-consegna (la consegna resta fissata a fine maggio), destinate a sostituire quelle attualmente montate sulla gigantesca passeggeri per motivi tecnici emersi durante la prima fase delle prove in mare. A scendere sulla pista dello scalo ronchese è stato un Antonov An-124 dal peso di 392 tonnellate, dall altezza di 21 metri e dall apertura alare di 73 metri. Dalla sua stiva, con l ausilio di una potentissima grù, sono state scaricate le due grandi eliche, trasferite poi fino allo stabilimento navale di Panzano con un trasporto eccezionale che ha utilizzato speciali mezzi dell Italsped di Udine. Far uscire il mastodontico carico dal recinto dell aeroporto di Ronchi dei Legionari non è stato facile, visto che i cancelli risultavano troppo stretti per far passare le due eliche. Ma il personale aeroportuale e dei tecnici che hanno organizzato la spedizione, ha superato l imprevisto grazie alla potente gru. Tornando all'eccezionale visita allo scalo di Ronchi dei Legionari, la grande sagoma dell' Antonov ha attirato l'attenzione di centinaia di persone che, armate di macchina fotografica, hanno immortalato l'evento, di grande impatto emozionale specie tra i bambini. L An , progettato sulla base del modello militare An-124 Ruslan, è uno dei più capienti aerei cargo al mondo e concepito per trasportare carichi pesanti e sovradimensionati. Nonostante abbia compiuto il suo primo volo nel 1983, l Antonov ha ottenuto le certificazioni per iniziarne la produzione solo nel RIPRODUZIONERISERVATA

16

17 Maternità e paternità Nuove tutele e stop a dimissioni in bianco Per il padre in via sperimentale tre giorni di permesso Diritto a 11 mesi di voucher per pagare la baby-sitter di Annalisa D Aprile Incentivi per le aziende che assumono le donne (specie nelle aree svantaggiate, come il Mezzogiorno), tutela della maternità e della paternità, contrasto delle dimissioni in bianco delle neo mamme: in una parola famiglia. Il quinto capitolo della riforma del lavoro firmata dal ministro Elsa Fornero è dedicato a sostenere, attraverso nuove norme e disposizioni, le mamme ed i papà perché si organizzino al meglio per far fronte meglio al loro ruolo di genitori. Più donne lavoratrici. Per incrementare l aumento dell occupazione femminile, la riforma prevede «la riduzione del 50 per cento dei contributi a carico del datore di lavoro» nel caso di assunzione di donne di qualsiasi età nel Mezzogiorno. Dimissioni in bianco. Tra gli impegni assunti dal ministro c è il contrasto al fenomeno delle dimissioni in bianco delle madri lavoratrici. Ora, l articolo 55 del ddl estende da uno a tre anni di vita del bambino il periodo entro il quale le dimissioni devono essere convalidate dal servizio ispettivo del ministero del Lavoro. Inoltre, affinché le dimissioni siano efficaci, dovrà essere provata la «veridicità e contestualità della manifestazione di volontà risolutoria del rapporto di lavoro» da parte del lavoratore o rivolgendosi agli ispettori del dicastero del Lavoro o sottoscrivendo Donne e famiglia Vantaggio per il lavoratore DIMISSIONI IN BIANCO efficacia dimissioni condizionata da convalida con modalità da individuare sanzioni amministrative da 5 a 30 mila euro per abusi di tale pratica maggiore tutela della maternità rafforzamento (esteso fino ai 3 anni di età del bambino) del regime di convalida delle dimissioni rese dalle lavoratrici madri Vantaggio per l'azienda CONGEDI DI PATERNITÀ solo sperimentale e finanziati dal fondo per l occupazione giovanile e delle donne congedi obbligatori per gli uomini, collegato alla nascita di un figlio 3 giorni consecutivi entro i cinque mesi dalla nascita ANSA-CENTIMETRI un apposita dichiarazione in calce alla ricevuta della comunicazione di cessazione del rapporto. Le stesse regole sono valide anche per i genitori che adottano o hanno in affidamento un minore. Congedo obbligatorio per i neo papà. Introdotta in via sperimentale, per gli anni dal 2013 al 2015, è la norma sui papà lavoratori. L articolo 56 del testo di riforma recita che il «padre dipendente entro i cinque mesi dalla nascita del figlio, ha l obbligo di astenersi dal lavoro per un periodo di tre giorni, anche continuativi». Buoni pagati per la baby-sitter. Lo stesso articolo del ddl, sottotitolato sostegno alla genitorialità, ha l obiettivo di «promuovere una cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all interno della coppia e per favorire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro». Dunque, sperimentale per il prossimo biennio come il congedo obbligatorio, è l introduzione di buoni per il servizio di baby-sitting. Le neo-mamme avranno diritto a richiederli all Inps alla fine della maternità obbligatoria per gli 11 mesi successivi in alternativa al congedo facoltativo. La corresponsione di voucher per l acquisto del servizio andrà richiesta al datore di lavoro, mentre il numero e l importo dei buoni terrà conto anche della situazione economica del nucleo familiare che lo richiede. RIPRODUZIONE RISERVATA

18 Si allarga la tutela per i disoccupati L Assicurazione sociale per l impiego (Aspi) andrà a regime nel Ridotto il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria di Maria Rosa Tomasello ASPI Vantaggio per il lavoratore Assicurazione sociale per l'impiego Vantaggio per l'azienda Il sussidio coprirà anche apprendisti e una parte dei lavoratori con contratto a termine. Sarà istituito uno speciale fondo di mobilità per il sostegno degli over 58 La nuova assicurazione sociale per l impiego, destinata a inglobare ogni forma di tutela per la disoccupazione. La cassa integrazione straordinaria solo per i casi di ristrutturazione aziendale. I fondi di solidarietà. Con una ristrutturazione del sistema per cui il governo ha stanziato 1,7 miliardi nel 2013, spesa che si attesterà a 2,2 miliardi a regime, nel 2021, secondo le stime sarà possibile garantire tutela a 12 milioni di persone rispetto a 4 milioni di oggi. Per l Inps la riforma degli ammortizzatori sociali non potrà che apportare «una semplificazione nella gestione oltre a una maggiore equità». Di segno opposto e negativo alle dichiarazioni rilasciate il 12 aprile in Senato dal presidente dell istituto Antonio Mastrapasqua il giudizio della Cgil: «I meccanismi previsti non raggiungono l obiettivo dell universalità, così come non c è una risposta effettivamente inclusiva per i lavoratori discontinui». Duro il commento del segretario generale Susanna Camusso: «Tradita l idea di universalità che pure il governo aveva sostenuto». Stretto tra interpretazioni contrastanti, il testo sotto esame a palazzo Madama, dunque, potrebbe arrivare alla fine dell iter modificato in un capitolo la cui importanza, secondo Tiziano Treu, uno dei due relatori al ddl, «è confermata dalle ricadute che essi potranno avere sul mercato del lavoro nel suo complesso: un buon funzionamento di questi meccanismi assicurativi, infatti, potrà essere utile a una riduzione degli abusi contrattuali». La nuova Aspi. La riforma è costruita attorno a tre pilastri: l Aspi, le tutele in costanza del rapporto di lavoro e gli strumenti per gestire gli esuberi strutturali. Contrariamente alle previsioni iniziali, i nuovi ammortizzatori andranno a regime nel 2017, in modo da poter fronteggiare la crisi economica con strumenti oggi in vigore come la mobilità. Con la nuova assicurazione il quadro attuale sarà semplificato: l Aspi infatti assorbirà quattro tipi di indennità: mobilità, disoccupazione non agricola ordinaria, disoccupazione con requisiti ridotti e disoccupazione speciale edile. Il sussidio sarà esteso a categorie oggi escluse da forme di protezione: apprendisti, artisti e dipendenti della pubblica amministrazione con contratto a termine. Per averne diritto bisognerà avere un anzianità contributiva di 2 anni e almeno 52 settimane nell ultimo biennio: 1119,32 euro per 12 mesi ai lavoratori con meno di 55 anni, 18 mesi dai 55 anni in avanti. L importo subirà un taglio progressivo del 30% entro i primi 12 mesi. Per finanziare la copertura sarà prevista una contribuzione con un aliquota all 1,3% per i contratti a tempo indeterminato e all 1,4% per quelli a tempo determinato. Prevista anche una mini-aspi in sostituzione dell attuale disoccupazione con requisiti ridotti, mentre per i collaboratori coordinati e continuativi resta in vigore il regime di una tantum, che sarà però rafforzato con maggiori tutele Sostegno anziani. Con la scomparsa dell indennità di mobilità, tuttavia, si affievoliscono le DAL 2017, QUANDO ANDRÀ A REGIME, SOSTITUIRÀ LE VARIE INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE I requisiti Anzianità contributiva di 2 anni e almeno Durata per 12 mesi sotto i 54 anni 18 mesi dai 55 anni in poi 52 settimane nell'ultimo biennio 1.119,32 importo massimo -15% dopo primi 6 mesi e altro -15% nei 6 mesi successivi mini ASPI con requisiti ridotti ma sempre con 2 anni di anzianità assicurativa e almeno 13 settimane di contribuzione nell'ultimo anno con durata pari a metà delle settimane di contribuzione dell'ultimo biennio protezioni per gli over 50, che oggi, nei casi di licenziamenti collettivi, beneficiano di un paracadute di 36 mesi (fino a 48 a Sud), mentre scompaiono gli sgravi per chi assume i lavoratori anziani. Dopo l allarme lanciato dai sindacati, al supporto di chi ha più di 58 anni sarà destinato il Fondo di mobilità da 700 milioni di euro, che sarà usato come sostegno al reddito dei lavoratori anziani che perdono il posto o per integrare la durata dell Aspi, fissata in questa fascia d età in 18 mesi. Con l accordo dei sindacati più rappresentativi sarà possibile per le imprese incentivare l uscita dei dipendenti sopra i 58 anni: il datore di lavoro dovrà versare lo 0,3% di contributi per colmare la penalizzazione. La cassa integrazione. La riforma conserva la cassa integrazione ordinaria e i contratti di solidarietà, ma cambia la cassa integrazione straordinaria, Gli altri ammortizzatori Vantaggio per il lavoratore CASSA INTEGRAZIONE che resta solo nei casi di ristrutturazione e non viene più applicata alle cessazioni di attività in caso di procedura concorsuale, perché non è finalizzata alla conservazione del posto di lavoro. I meccanismi di finanziamento non cambiano. I fondi di solidarietà. La riforma prevede, inoltre, la creazione di speciali fondi per le aziende con più di 15 dipendenti per i settori non coperti dalla cassa integrazione. E prevista una regolamentazione formalizzata da un decreto Vantaggio per l'azienda Cassa integrazione ordinaria e contratti di solidarietà restano invariati Cassa integrazione straordinaria mantenuta solo nei casi di ristrutturazione e crisi aziendale Invariate le forme di finanziamento della cassa Riconversione ai fondi di solidarietà per settori come trasporto aereo e sistema aeroportuale Indennità per giornate di mancato avviamento al lavoro per lavoratori delle compagnie portuali FONDI DI SOLIDARIETÀ Aziende con più di 15 dipendenti Obbligo di costituzione di fondi di solidarietà per le aziende con più di 15 dipendenti che non sono coperte dalla cassa integrazione attraverso la contrattazione collettiva Obbligo di bilancio attivo Possibilità di determinare aliquota contributiva SOSTEGNO ANZIANI In vigore dal 2017 solo per i lavoratori over 58/60 Copertura dai Fondi per la mobilità (che confluiranno nell'aspi), uso anche per integrare la durata dell'aspi (che sarà di 18 mesi anziché i 36 previsti per mobilità) Accordi sindacali per incentivare l'uscita dei lavoratori oltre i 58 anni dal mondo del lavoro con costi a carico del datore di lavoro interministeriale e basata sulla contrattazione collettiva. Il finanziamento potrà essere affidato anche all apporto di fondi interprofessionali. Dovranno avere il bilancio in attivo e dovrà essere possibile determinare o modificare la quota contributiva a carico del datore di lavoro per garantire la copertura. Nel caso in cui non venissero costituiti, un ulteriore decreto ministeriale provvederà alla creazione di un fondo residuale. RIPRODUZIONE RISERVATA

Incentivi alle Aziende

Incentivi alle Aziende Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale STRUMENTI Incentivi alle Aziende Pordenone 19 Marzo 2009 Legge Regionale 18/2005, articoli 30, 31, 32 e 33 D.P.REG. 0342/Pres

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14) Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime fiscale Edizione 11.2014

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI

I NUOVI INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI DI CHE COSA PARLIAMO Principi e regole sugli incentivi (Fornero) Premio assunzioni di giovani (Decreto Lavoro) Sgravio per over50enni e donne (Fornero) Premio assunzione disoccupati (Aspi) Premio a chi

Dettagli

CIRCOLARE DEL 25 OTTOBRE 2011 Ai gentili Clienti. Oggetto: APPRENDISTATO - IN VIGORE IL NUOVO TESTO UNICO

CIRCOLARE DEL 25 OTTOBRE 2011 Ai gentili Clienti. Oggetto: APPRENDISTATO - IN VIGORE IL NUOVO TESTO UNICO CIRCOLARE DEL 25 OTTOBRE 2011 Ai gentili Clienti Oggetto: APPRENDISTATO - IN VIGORE IL NUOVO TESTO UNICO In data 14 settembre 2011 è stato emanato il D.Lgs. n.167 rubricato Testo Unico dell Apprendistato,

Dettagli

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI

PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI PENSIONI MINIME E MAGGIORAZIONI 2013: ATTENZIONE AI REDDITI Già da qualche anno sono stati cambiati i parametri con i quali i pensionati possono ottenere le prestazioni pensionistiche legate al reddito.

Dettagli

I FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA

I FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA I FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA Organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali attraverso specifici Accordi Interconfederali stipulati

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l News per i Clienti dello studio del 16 Gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Iscritti alla Cassa geometri: incremento al 5% del contributo integrativo,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 25/06/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 25/06/2015 Circolare n. 125 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 52 del 4 novembre 2011 Obbligo di comunicazione dell indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) al Registro delle imprese INDICE 1 Premessa... 2 2 Sistema

Dettagli

Le news dell Associazione Giovani Newsletter n. 0

Le news dell Associazione Giovani Newsletter n. 0 AGEVOLAZIONE ASSUNZIONE PERCETTORE ASPI Tabella di paragone con decreto Fornero (Decreto Direttoriale del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali n.264 del 19 aprile 2013) e mobilità (Art.8, commi

Dettagli

La tariffa è aggiornata ogni trimestre ed è composta da:

La tariffa è aggiornata ogni trimestre ed è composta da: Guida alla lettura delle voci di spesa per i clienti serviti nel mercato libero Voce di spesa Descrizione del prezzo Componenti incluse Spesa per la materia gas naturale Il prezzo è aggiornato ogni trimestre

Dettagli

gli esami per l ottenimento del diploma cantonale di agente ausiliario di sicurezza

gli esami per l ottenimento del diploma cantonale di agente ausiliario di sicurezza ESAMI PER L OTTENIMENTO DEL DIPLOMA CANTONALE DI AGENTE AUSILIARIO DI SICUREZZA Divisione della formazione professionale del Cantone Ticino REGOLAMENTO concernente gli esami per l ottenimento del diploma

Dettagli

Manuali per la Gestione dell Orario di Lavoro. Tutela della maternità Misure di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro

Manuali per la Gestione dell Orario di Lavoro. Tutela della maternità Misure di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Tutela della maternità Misure di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro Contesto normativo di riferimento Legge n. 53/2000 Decreto Legislativo n. 151/2001 Decreto legislativo n. 80/2015 in attuazione

Dettagli

Contratto collettivo integrativo di lavoro

Contratto collettivo integrativo di lavoro Contratto collettivo integrativo di lavoro MARZO 2013 CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DI LAVORO PER TUTTI I DIPENDENTI DELL AGENZIA AGRIS SARDEGNA, ESCLUSI QUELLI CON QUALIFICA DIRIGENZIALE. IL GIORNO

Dettagli

Il contributo è finanziato annualmente e le domande devono essere trasmesse entro la data del 31/01 di ogni anno.

Il contributo è finanziato annualmente e le domande devono essere trasmesse entro la data del 31/01 di ogni anno. Veneto: PROCEDURE AMMINISTRATIVE RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI, ALL ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI, ALL UTILIZZO E ALL EROGAZIONE DEI FINANZIAMENTI, NONCHE ALL INDIVIDUAZIONE DELLE INIZIATIVE DIRETTE

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO

PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO Al servizio di gente REGIONE unica FRIULI VENEZIA GIULIA PROGRAMMA REGIONALE DI ACCREDITAMENTO UDINE 13/09/2011 DIREZIONE CENTRALE SALUTE, INTERAZIONE SOCIOSANITARIA E POLITICHE SOCIALI Domanda Richiesta

Dettagli

Il lavoro domestico Informazioni sull occupazione di personale domestico

Il lavoro domestico Informazioni sull occupazione di personale domestico Il lavoro domestico Informazioni sull occupazione di personale domestico La collaborazione domestica consiste nello svolgimento di prestazioni lavorative generiche o specialistiche destinate alla vita

Dettagli

Domanda per la concessione del contributo previsto dall Asse IV del programma 2007-2013 POR-FESR

Domanda per la concessione del contributo previsto dall Asse IV del programma 2007-2013 POR-FESR ALLEGATO 4a - MODULO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA PER PERSONE FISICHE CON PARTITA IVA Numero di protocollo (a cura della Provincia) Bollo 14,62 codice identificativo della marca da bollo (per invio con

Dettagli

Giovani Imprenditori in Agricoltura: Gli strumenti di Invitalia per lo sviluppo e la competitività

Giovani Imprenditori in Agricoltura: Gli strumenti di Invitalia per lo sviluppo e la competitività Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Giovani Imprenditori in Agricoltura: Gli strumenti di Invitalia per lo sviluppo e la competitività Convegno OIGA 2009-10

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/153427 Disposizioni concernenti la competenza alla gestione delle istanze di accesso alla procedura di collaborazione volontaria, disciplinata dall articolo 1 della legge 15 dicembre 2014,

Dettagli

Ammortizzatori Sociali in deroga e Incentivi per il Lavoro

Ammortizzatori Sociali in deroga e Incentivi per il Lavoro Ammortizzatori Sociali in deroga e Incentivi per il Lavoro Strumenti per lavoratori e disoccupati 25/02/2010 a cura di Massimo Di Cesare 1 Strumenti ordinari Gli strumenti ordinari di sostegno al reddito

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 dicembre 2013, n. 1367.

REPUBBLICA ITALIANA DELLA PARTE PRIMA. Sezione II ATTI DELLA REGIONE. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 dicembre 2013, n. 1367. Supplemento ordinario n. 5 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 56 del 18 dicembre 2013 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO DELLA U FFICIALE SERIE GENERALE PERUGIA - 18 dicembre 2013 DIREZIONE REDAZIONE

Dettagli

AA.SS. nn. 2233 e 2229

AA.SS. nn. 2233 e 2229 AA.SS. nn. 2233 e 2229 Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato Audizione ANIA 11a

Dettagli

CONGEDO DAL LAVORO IN CASO DI ADOZIONE INTERNAZIONALE

CONGEDO DAL LAVORO IN CASO DI ADOZIONE INTERNAZIONALE CONGEDO DAL LAVORO IN CASO DI ADOZIONE INTERNAZIONALE 1) È PREVISTA UNA FORMA DI CONGEDO DAL LAVORO PER IL PERIODO DI PERMANENZA ALL'ESTERO PER TUTTA LA DURATA DELLA PRATICA DELL'ADOZIONE? Sì, per i lavoratori

Dettagli

Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica

Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica Regolamento didattico dei Corsi di formazione pre-accademica Generalità Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi vigenti, delle disposizioni ministeriali e delle direttive dello Statuto

Dettagli

Circolare IND n. 178/04 GO/fb. OGGETTO: Settori Lubrificanti e GPL - Assistenza Sanitaria Confluenza in FASCHIM

Circolare IND n. 178/04 GO/fb. OGGETTO: Settori Lubrificanti e GPL - Assistenza Sanitaria Confluenza in FASCHIM Circolare IND n. 178/04 GO/fb OGGETTO: Settori Lubrificanti e GPL - Assistenza Sanitaria Confluenza in FASCHIM Facciamo riferimento alla nostra circolare IND n. 301/03 con la quale abbiamo dato notizia

Dettagli

Bando di gara per i lavori di riqualificazione dell'ex caserma Duca. delle Puglie per il completamento del civico museo di guerra per la

Bando di gara per i lavori di riqualificazione dell'ex caserma Duca. delle Puglie per il completamento del civico museo di guerra per la Bando di gara per i lavori di riqualificazione dell'ex caserma Duca delle Puglie per il completamento del civico museo di guerra per la pace Diego de Henriquez. SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

Dettagli

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE. Determinazione nr. 459 Trieste 14/04/2016 Proposta nr. 178 Del 08/04/2016

AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE. Determinazione nr. 459 Trieste 14/04/2016 Proposta nr. 178 Del 08/04/2016 AREA ORGANIZZAZIONE E SERVIZI AMMINISTRATIVI U.O. RISORSE UMANE Determinazione nr. 459 Trieste 14/04/2016 Proposta nr. 178 Del 08/04/2016 Oggetto: Corso "La previdenza pubblica del 2016 e il fondo PERSEO

Dettagli

SETTORE SERVIZI SOCIALI. DETERMINAZIONE N. 34 del 23/09/2014

SETTORE SERVIZI SOCIALI. DETERMINAZIONE N. 34 del 23/09/2014 ORIGINALE SETTORE SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE N. 34 del 23/09/2014 Oggetto: SERVIZIO SAD EROGATO DALL' AZIENDA SPECIALE CONSORTILE ISOLA BERGAMASCA BASSA VAL SAN MARTINO CON SEDE IN BONATE SOTTO. ASSUNZIONE

Dettagli

Oggetto: Nuove aliquote INPS gestione separata in vigore dal 01/01/2014.

Oggetto: Nuove aliquote INPS gestione separata in vigore dal 01/01/2014. Tavagnacco, 17 febbraio 2014 Gentile Socio Oggetto: Nuove aliquote INPS gestione separata in vigore dal 01/01/2014. Allo scopo di consentirvi di compiere un pronto monitoraggio sulle eventuali notule presentatevi

Dettagli

COMUNE di CREDARO Provincia di Bergamo

COMUNE di CREDARO Provincia di Bergamo COMUNE DI CREDARO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE di CREDARO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL TRASPORTO SCOLASTICO Il presente Regolamento è stato approvato con C.C. n 20 del 28/11/2007 in sostituzione

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 4 SERVIZIO CULTURA E SICUREZZA SOCIALE

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 4 SERVIZIO CULTURA E SICUREZZA SOCIALE COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL 4 SERVIZIO CULTURA E SICUREZZA SOCIALE Determina

Dettagli

La costituzione del rapporto di lavoro dipendente

La costituzione del rapporto di lavoro dipendente Stampa La costituzione del rapporto di lavoro dipendente admin, Bruno Olivieri in Consulenza del lavoro, Corso paghe La costituzione del rapporto di lavoro tra azienda e lavoratore è il momento in cui

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - la legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile ;

LA GIUNTA REGIONALE. - la legge 24 febbraio 1992 n 225 Istituzione del servizio nazionale della Protezione Civile ; O GG E TTO : Eventi emergenziali che hanno colpito il territorio ligure da Ottobre 2008 ad Aprile 2009, Quadro Generale del Danno Occorso. Stanziamento di Euro 4.500.000,00 per le Amministrazioni Provinciali.

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE BORSE DI STUDIO Adottato con, e allegato alla, deliberazione C.C. n 14 del 9 aprile 2014 INDICE Art. 1 => Scopo e finanziamento Art. 2 =>

Dettagli

Le Comunicazioni Obbligatorie

Le Comunicazioni Obbligatorie Progetto Servizi innovativi nel settore dei servizi per il lavoro PON Governance e Azioni di Sistema - Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Le Comunicazioni Obbligatorie Tiziana Lang 26 giugno 2013 Agenda

Dettagli

Dirigente Scolastico: Dott.ssa Antonella Ubaldi Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: Annalisa Grussu

Dirigente Scolastico: Dott.ssa Antonella Ubaldi Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: Annalisa Grussu Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'UMBRIA ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 7 ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 7 STRADA LACUGNANO, S.N. 06132 PERUGIA (PG)

Dettagli

Il sistema previdenziale

Il sistema previdenziale Il sistema previdenziale di Alberto Forti Il sistema previdenziale italiano è oggi distinto nella: previdenza obbligatoria, comunemente detta primo pilastro ; previdenza complementare, comunemente detta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI. Art. 12 Legge 7 agosto 1990 n.241 Approvato con delibera di Consiglio comunale n.44 del

Dettagli

L APPRENDISTATO E I TIROCINI (STAGE)

L APPRENDISTATO E I TIROCINI (STAGE) L APPRENDISTATO E I TIROCINI (STAGE) APPRENDISTATO Normativa di riferimento DLgs. 167/2011 (TU «Sacconi») Successive modifiche L. 92/2012 (riforma Fornero) DL 69/2013 (decreto Fare) DL 76/2013 (decreto

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale SERVIZIO POLITICHE PER IL LAVORO CODICE CIFRA: LAV/DEL/2013/ OGGETTO: PO Puglia FSE 2007-2013 Asse II Occupabilità - Rifinanziamento

Dettagli

Professione, assicurazione e parcelle avvocati: ecco cosa cambia dal 2 febbraio La legge per tutti.it

Professione, assicurazione e parcelle avvocati: ecco cosa cambia dal 2 febbraio La legge per tutti.it Professione, assicurazione e parcelle avvocati: ecco cosa cambia dal 2 febbraio La legge per tutti.it Redazione Ecco come cambia la professione degli avvocati: nuovo regime dei compensi, obbligo di assicurazione,

Dettagli

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO CON PROCEDURA APERTA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI ADIBITI A CASERME ED UFFICI DELLA POLIZIA DI STATO E DELL ARMA

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO CON PROCEDURA APERTA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI ADIBITI A CASERME ED UFFICI DELLA POLIZIA DI STATO E DELL ARMA PREFETTURA DI TORINO BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO CON PROCEDURA APERTA DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI ADIBITI A CASERME ED UFFICI DELLA POLIZIA DI STATO E DELL ARMA DEI CARABINIERI DI TORINO E PROVINCIA.

Dettagli

PROPOSTA REGOLATIVA DEL DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO - SERVIZIO COMMERCIO E COOPERAZIONE

PROPOSTA REGOLATIVA DEL DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO - SERVIZIO COMMERCIO E COOPERAZIONE PROPOSTA REGOLATIVA DEL DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO - SERVIZIO COMMERCIO E COOPERAZIONE REGOLE DI AMMODERNAMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI Il processo di razionalizzazione e di riqualificazione

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO PER LA REGIONE PIEMONTE RELATIVO ALLA DIRIGENZA SCOLASTICA AREA V L anno 2002, il giorno 12 novembre, in Torino, presso il MIUR Ufficio Scolastico Regionale Direzione Regionale

Dettagli

COMUNE DI RIESE PIO X

COMUNE DI RIESE PIO X COMUNE DI RIESE PIO X (PROVINCIA DI TREVISO) Via G. Sarto 31 31039 Riese Pio X (TV) P.I.00840050264 C.F.81002490266 TEL.0423/483842 FAX.0423/454303 REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE

STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE STUDI DI FATTIBILITA E LORO SVILUPPO PROGETTUALE IL CIPE VISTA la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed integrazioni (legge quadro in materia di lavori pubblici) che, all art. 14, dispone

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI RECLUTAMENTO E DI FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

IL NUOVO SISTEMA DI RECLUTAMENTO E DI FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI IL NUOVO SISTEMA DI RECLUTAMENTO E DI FORMAZIONE DEI DIPENDENTI PUBBLICI A cura di Alessandro Grassi Con l entrata in vigore del DPR 16 aprile 2013 n. 70 è stato emanato il regolamento attuativo delle

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA CURA DELLE RIFORME FUNZIONA NEL 2016 MIGLIORA LA GIUSTIZIA CIVILE

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA CURA DELLE RIFORME FUNZIONA NEL 2016 MIGLIORA LA GIUSTIZIA CIVILE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA CURA DELLE RIFORME FUNZIONA NEL 2016 MIGLIORA LA GIUSTIZIA CIVILE GIUGNO 2014 LE RIFORME NON SARANNO A COSTO ZERO PER IL TRIENNIO 2015-2017 STANZIATI 1MILIARDO E 657 MILIONI

Dettagli

Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1

Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1 Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale Lavoro, Formazione, Università e Ricerca Fondo Sociale Europeo Programma Operativo regionale Obiettivo 3 2000/2006 Asse E, misura E.1 Misure per

Dettagli

Semplificazione: al via l impresa in 1 giorno A regime la Comunicazione Unica per l avvio dell attività d impresa

Semplificazione: al via l impresa in 1 giorno A regime la Comunicazione Unica per l avvio dell attività d impresa Semplificazione: al via l impresa in 1 giorno A regime la Comunicazione Unica per l avvio dell attività d impresa Roma, marzo 2010 Si avvicina al termine il conto alla rovescia per semplificare la vita

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO il decreto del Ministro dello sviluppo economico 10 marzo 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 23 aprile 2015, n. 94, recante

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 17 NOVEMBRE 2006 N. 3

REGOLAMENTO REGIONALE 17 NOVEMBRE 2006 N. 3 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte I 6.12.2006 - pag. 701 REGOLAMENTO REGIONALE 17 NOVEMBRE 2006 N. 3 Regolamento per l attuazione della legge regionale 11 maggio 2006 n. 11 (istituzione

Dettagli

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA NIDO FAMILIARE

COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA NIDO FAMILIARE COMUNE DI CAPANNORI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO DOMICILIARE RIVOLTO ALLA PRIMA INFANZIA NIDO FAMILIARE PREMESSO che l Amministrazione Comunale intende promuovere sul proprio territorio iniziative

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli Determinazione n. 65 del 24-01-2012 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 58 del 17-01-2012 Repertorio Segreteria n. 12/SG del 24/01/2012

Dettagli

COMUNE DI FONTANELLATO

COMUNE DI FONTANELLATO DETERMINAZIONE DEL SETTORE FINANZIARIO E DEL PERSONALE N 254 OGGETTO: del 04/07/2013 RIMBORSO SPESE DI TRASFERTA AL PERSONALE DIPENDENTE E AMMINISTRATORI. IMPEGNO DI SPESA PER IL 2013 E LIQUIDAZIONE PRIMO

Dettagli

Circolare N. 152 del 19 Novembre 2014

Circolare N. 152 del 19 Novembre 2014 Circolare N. 152 del 19 Novembre 2014 Per i lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi incentivi riconosciuti solo per le assunzioni entro il 31.12.2014 (Legge di stabilità per il 2015) Gentile cliente,

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI AMMINISTRATORI COMUNALI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO MISSIONI AMMINISTRATORI COMUNALI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI 1 - I N D I C E - Art. 1 - Contenuto del Regolamento; Art. 2 - Missioni di durata inferiore a 48 ore; Art. 3 - Missioni di durata superiore a 48 ore; Art.

Dettagli

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum

Bandi regionali Associazionismo e Volontariato. Vademecum in collaborazione con Bandi regionali Associazionismo e Volontariato Vademecum a cura di Excursus. Spazio di formazione partecipata Indice 1. TITOLO 2. SCADENZA PRESENTAZIONE E TEMPISTICA ITER 3. SOGGETTI

Dettagli

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL Sede di Treviso Dott. Antonio Salvati Gli attori della prevenzione Il modello di sicurezza in forma partecipativa del D Lgs n.

Dettagli

Qual è il sistema previdenziale in vigore in Italia e come si calcola la pensione?

Qual è il sistema previdenziale in vigore in Italia e come si calcola la pensione? In questa pagina potete trovare una raccolta di domande e risposte sui lineamenti generali di un sistema pensionistico. Cos è la previdenza? Chi si occupa della previdenza in Italia? Che cos è la pensione?

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PRESTITI CONTRATTI DAI PENSIONATI ESTINGUIBILI CON CESSIONE FINO AD UN QUINTO DELLE PENSIONI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Con la presente procedura si definiscono le modalità

Dettagli

Gli Approfondimenti della

Gli Approfondimenti della Gli Approfondimenti della APPROFONDIMENTO DEL 15/12/2015 Linee guida per la certificazione dei contratti di collaborazione con organi Istituzionali o politici 1 Le ragioni delle presenti linee guida Il

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale MIUR.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0008266.29-05-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Cagliari, 29.5.2013 IL VICE DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Direttore Generale n.

Dettagli

Prestito Chirografario Privati TASSO FISSO

Prestito Chirografario Privati TASSO FISSO Modulo n.mepp06 Agg. n. 013 Data aggiornamento 27.05.2016 MODULO INFORMAZIONI PUBBLICITARIE Prestito Chirografario Privati TASSO FISSO Il prestito chirografario Privati è venduto da UniCredit S.p.A. tramite

Dettagli

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Via Italia 13 20037 Paderno Dugnano (MI) REGOLAMENTO USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Premessa per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI

PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI E ALLE IMPRESE NELLE SITUAZIONI DI CRISI SOTTOSCRITTO A VARESE IL 24 FEBBRAIO 2009 Premesso che: l attuale momento caratterizzato da una difficile congiuntura

Dettagli

FLC - CGIL Federazione Lavoratori della Conoscenza 30174 Mestre Venezia, Via Peschiera, 5

FLC - CGIL Federazione Lavoratori della Conoscenza 30174 Mestre Venezia, Via Peschiera, 5 FLC - CGIL Federazione Lavoratori della Conoscenza 30174 Mestre Venezia, Via Peschiera, 5 Tel. 041 5497862 Fax 041 5497851 Commento provvisorio al prossimo piano di assunzioni nella scuola pubblica statale

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD. Codice identificativo 884327 COMUNE DI PISA TIPO ATTO PROVVEDIMENTO SENZA IMPEGNO con FD N. atto DN-12 / 204 del 26/03/2013 Codice identificativo 884327 PROPONENTE Comunicazione - Serv. Informativi - Sp. Cittadino APPROVAZIONE DEGLI

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AI CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE E ANTIMAFIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI ROMA

BANDO PER L AMMISSIONE AI CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE E ANTIMAFIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI ROMA BANDO PER L AMMISSIONE AI CORSI DI FORMAZIONE IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE E ANTIMAFIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI ROMA (con esclusione di Roma Capitale), FROSINONE, LATINA, RIETI E VITERBO CODICI

Dettagli

Punti contatto: Funzione Acquisti +39 0681662187 Fax: +39 0681662642

Punti contatto: Funzione Acquisti +39 0681662187 Fax: +39 0681662642 ENAV S.p.A. Bando di gara Settori Speciali Procedura Negoziata con bando Acquisizione ed integrazione di un tool di supporto al sequenziamento degli arrivi sugli aeroporti maggiori (Arrival Manager) SEZIONE

Dettagli

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO

COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO COMUNE DI FROSINONE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E LA TRASPARENZA DELLO STATO PATROMINIALE DEI TITOLARI DI CARICHE PUBBLICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE

REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE REGOLAMENTO DI NEGOZIAZIONE DELLE AZIONI ORDINARIE DELLA BANCA POPOLARE DI CIVIDALE Approvato dall Assemblea dei Soci del 26 aprile 2015 1. Obiettivi e finalità del regolamento Con il presente regolamento

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 842 del 29 giugno 2015 pag. 1/6 PROGRAMMA REGIONALE

ALLEGATOA alla Dgr n. 842 del 29 giugno 2015 pag. 1/6 PROGRAMMA REGIONALE giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 842 del 29 giugno 2015 pag. 1/6 PROGRAMMA REGIONALE per sostenere la realizzazione di diagnosi energetiche o l adozione di sistemi di gestione conformi

Dettagli

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano. Deliberazione della Giunta Comunale n. 96 del 27/08/2015

COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano. Deliberazione della Giunta Comunale n. 96 del 27/08/2015 COMUNE DI PIEVE EMANUELE Provincia di Milano Deliberazione della Giunta Comunale n. 96 del 27/08/2015 Originale OGGETTO: TARI 2015 - TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI RELATIVI ALLA COPERTURA DEI

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi - Fondo Civico di Sostegno Familiare

Regolamento per l assegnazione dei contributi - Fondo Civico di Sostegno Familiare Regolamento per l assegnazione dei contributi - Fondo Civico di Sostegno Familiare Art. 1 Fondo Civico di Sostegno Familiare Il presente Regolamento definisce le procedure di accesso al Fondo Civico di

Dettagli

AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA

AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA AIUTI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO PER LE PMI DELLA BASILICATA Finalità L obiettivo del presente Avviso è sostenere programmi di ricerca afferenti alle seguenti tipologie di progetto: ricerca

Dettagli

Il ruolo di una MAG. Rilanciare gli strumenti. che favoriscono. la coesione sociale. Centro Multiservizi Via Taranto n.

Il ruolo di una MAG. Rilanciare gli strumenti. che favoriscono. la coesione sociale. Centro Multiservizi Via Taranto n. Il ruolo di una MAG Rilanciare gli strumenti che favoriscono la coesione sociale 1 Cos'è una MAG? Una Mutua AutoGestione (MAG) è una società cooperativa, costituita da persone fisiche e persone giuridiche,

Dettagli

Per i lavoratori italiani o di paesi dell Unione Europea

Per i lavoratori italiani o di paesi dell Unione Europea Lavoratori Domestici: COSA FARE PRIMA DELL'ASSUNZIONE A seconda della provenienza e dell età del lavoratore sono richiesti adempimenti diversi sia al datore di lavoro sia al lavoratore. Per i lavoratori

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA

PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROTOCOLLO D'INTESA TRA AGENZIA DELLE ENTRATE e PER IL RINNOVO DELLA GESTIONE, IN MODALITÀ AUTOGESTITA, DELL ATTIVITÀ DELLO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO, GIÀ OPERATIVO NEL COMUNE/COMUNITÀ MONTANA DI,

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 210 Seduta del 31/05/2013

DELIBERAZIONE N X / 210 Seduta del 31/05/2013 DELIBERAZIONE N X / 210 Seduta del 31/05/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Attività di vendita Commercio in forma itinerante

Attività di vendita Commercio in forma itinerante Attività di vendita Commercio in forma itinerante Descrizione In questa tipologia sono comprese tutte le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione di alimenti e bevande effettuate in forma

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 46 del 14 ottobre 2011 La manovra di Ferragosto (DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di IRES INDICE 1 Premessa... 2

Dettagli

Tra PREMESSO CHE. - con Determinazione n. 151 del 25/11/2008 è stato individuato l Ordine degli Avvocati

Tra PREMESSO CHE. - con Determinazione n. 151 del 25/11/2008 è stato individuato l Ordine degli Avvocati CONVENZIONE TRA REGIONE PIEMONTE E CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORINO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE IN MATERIA DI PATROCINIO LEGALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA E

Dettagli

Provvedimento di adozione del Piano di formazione ATA a.s. 2014/2015.

Provvedimento di adozione del Piano di formazione ATA a.s. 2014/2015. Prot. n. 8720 / A3b C12 Provvedimento di adozione del Piano di formazione ATA a.s. 2014/2015. IL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI VISTO il CCNL 29.11.2007, con particolare riferimento al

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA A LIVELLO DI ENTE PER I DIPENDENTI DEI COLLEGI PROVINCIALI IPASVI

LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA A LIVELLO DI ENTE PER I DIPENDENTI DEI COLLEGI PROVINCIALI IPASVI COLLEGIO PROVINCIALE INFERMIERI PROFESSIONALI, ASSISTENTI SANITARI E VIGILATRICI D INFANZIA (IPASVI) DI TRIESTE LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA A LIVELLO DI ENTE PER I DIPENDENTI DEI COLLEGI

Dettagli

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni.

Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e competitività. Prime istruzioni. Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 31-12-2007 Messaggio n. 30923 Allegati 2 OGGETTO: Legge 24 dicembre 2007, n. 247 Norme di attuazione del Protocollo del 23 luglio 2007 su previdenza, lavoro e

Dettagli

Strumenti finanziari e di Microcredito a supporto dell avviamento di autoimpresa

Strumenti finanziari e di Microcredito a supporto dell avviamento di autoimpresa Strumenti finanziari e di Microcredito a supporto dell avviamento di autoimpresa Introduzione e obiettivi strategici: Valorizzazione del capitale umano Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI CAPRANICA PRENESTINA Approvato con deliberazione G.M. n. 79 del 27.10.2010 Articolo 1: Orario di servizio. L orario

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE AI SENSI ART. 5 COMMA 3 DEL CONTRATTO DI

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE AI SENSI ART. 5 COMMA 3 DEL CONTRATTO DI REGOLAMENTO COMUNALE SULLA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE AI SENSI ART. 5 COMMA 3 DEL CONTRATTO DI GESTIONE ART. 1 DEFINIZIONI Gestore: società AMGA Azienda multiservizi S.p.A. con sede a Udine via del

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO 89842 (PROVINCIA DI VIBO VALENTIA) TEL 0963 \ 361501 Telefax 0963\361458

COMUNE DI SAN CALOGERO 89842 (PROVINCIA DI VIBO VALENTIA) TEL 0963 \ 361501 Telefax 0963\361458 COMUNE DI SAN CALOGERO 89842 (PROVINCIA DI VIBO VALENTIA) TEL 0963 \ 361501 Telefax 0963\361458 REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL MEZZO PROPRIO PER LE TRASFERTE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con

Dettagli

COMUNE DI RIESE PIO X Ufficio Servizi Sociali

COMUNE DI RIESE PIO X Ufficio Servizi Sociali COMUNE DI RIESE PIO X Ufficio Servizi Sociali AGEVOLAZIONI E SERVIZI ALLE FAMIGLIE a. Carta acquisti RIVOLTO: ai cittadini italiani ultra65enni e ai nuclei familiari con bimbi fino a 3 anni di età. SCADENZE:

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 19-01-2005 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 19-01-2005 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 19-01-2005 REGIONE BASILICATA Delegificazione dei provvedimenti in materia di prosecuzione e stabilizzazione lavorativa dei soggetti impegnati in attività socialmente utili. Fonte:

Dettagli

Guida Esempi di calcolo del contributo Enasarco

Guida Esempi di calcolo del contributo Enasarco Guida Esempi di calcolo del contributo Enasarco Questa guida riporta alcuni esempi di calcolo del contributo Enasarco. Sono stati utilizzati i criteri di calcolo validi dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre

Dettagli

Regole del Sette e mezzo

Regole del Sette e mezzo Regole del Sette e mezzo Il mazzo di carte Si gioca con un mazzo di 40 carte italiane tradizionali. I giocatori possono selezionare il tipo di carte (napoletane, piacentine etc.). E anche possibile selezionare

Dettagli

Richiesta di CITTADINANZA ELENCO DEI DOCUMENTI DA PORTARE PER LA COMPILAZIONE:

Richiesta di CITTADINANZA ELENCO DEI DOCUMENTI DA PORTARE PER LA COMPILAZIONE: Richiesta di CITTADINANZA Appuntamento il giorno alle ore P.A.S.S. Porta di Accesso ai Servizi Sociali Tel. 035 399 888 ELENCO DEI DOCUMENTI DA PORTARE PER LA COMPILAZIONE: A. CONCESSIONE PER MATRIMONIO

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 28 MARZO 2013 126/2013/R/EEL AGGIORNAMENTO, PER IL TRIMESTRE 1 APRILE 30 GIUGNO 2013, DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI VENDITA DELL ENERGIA ELETTRICA DI MAGGIOR TUTELA L AUTORITÀ

Dettagli

IL LIBRO UNICO DEL LAVORO LE DOMANDE E RISPOSTE PIU FREQUENTI * * * SOGGETTI OBBLIGATI

IL LIBRO UNICO DEL LAVORO LE DOMANDE E RISPOSTE PIU FREQUENTI * * * SOGGETTI OBBLIGATI IL LIBRO UNICO DEL LAVORO LE DOMANDE E RISPOSTE PIU FREQUENTI * * * SOGGETTI OBBLIGATI D. Il datore di lavoro che assume una badante è obbligato ad istituire il libro unico del lavoro? R. No, i datori

Dettagli

X servizi generali delle amministrazioni pubbliche

X servizi generali delle amministrazioni pubbliche COMUNE DI BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER APPALTO DI SERVIZI GARA N. 46/2011 SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: COMUNE

Dettagli