Collaudo del software. Processo, metodi e tecniche, metriche e strumenti, guida all applicazione in azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaudo del software. Processo, metodi e tecniche, metriche e strumenti, guida all applicazione in azienda"

Transcript

1 Collaudo del software Processo, metodi e tecniche, metriche e strumenti, guida all applicazione in azienda

2 ! & ) ) * +, -. / / /! &

3 ) 34 5 ) : + ; 6, < - :0=>,. : > 5 5? : ;:: A *!!!! 0 ; 89 : 0

4

5 = => 7 ; B: B: ;:: A 77 4 : B:4:: - A C > A C > A ) 8 7 ; A ) > A > A ) 7! C 7, A 4 A A ; A A 4 A7 A7 3 AA A 4 AA A ; AA A 4 A+! + 4 A. + 4 A>

6 + D4CE A> + D* 5E B A 4 6 B !4 + +7, 4 0 B4 + +A 4 + &!!, 4 +,, 4 +-, 4 +.,7 4 +>,A 4,,+ 4,,, 4,,- 4,7, 4,A, 4 *F6B,+, 4,,,7 4,-,A 4 0, )! , >.7 4 -> A >.A 8 >7.A ) >7.A7 ; >A

7 .AA 8 >+.A+ 1 >,.A, ) * + > : 0=!3;>, + > 1 + > ) + >7 5 + >A 3, >+ :, >, 8, > 4 - > ; - > 4. >7 4. >A C 4. >+ > >7 4 > >7 6 D86E > >7 4 D? *GE >77 4 D*F*GE >7A 4 >A 4 7 >A 4 D4CE 7 >A 4 D* 5E 7 >A7 ; A >+ 4 + >+ 8 + >+ ;. >+7 ;,! 8, 8 < B8, 8 > 7 8 : A C , /) C 7,

8 6 C;6 7, 7-7 ; 4 ; 7. A : 4 : G A 7 6 A7 7 6! 6 A A A, 0 A> A , 0 +A ) +, +! : +> 3 +> C +> 7 ;, A 3, + 3, :, ;, ;, 7,7 A,7 + 5,A, 3,+ - 6,+. 6,, > :,, - & )

9 16 7 1: 7+ 17; 7-1A A 1,0 D/E: A C D E A> 1.0 * 5 DE + 1>4 >7 18 >+ 11 >. 16 >> A; B 4 1,0 A> > , 47; = C ; H H H > 4A/ 4+8 > *

10 2 2 8: = 2 DE C 2 2 2

11 2 2 ;I C I ; D E ) D E / 3 < 0=>;:: 0=>2 ;::J; B: B: 2/ /4 5 2 ;:: 4 : B:4::

12 . * 0=> / 5 =I 0 KK KK = ; L M)) M 2 2. *1. *6 M. 0=>. ). *&. : 0=>

13 D / E / )! 0 C & 0 C C + 4 < 0=>

14 1 1 ;::2 ; D E ) JN8) 2 3 4& / 2 3 6& 4 A 0 0 ; / ) ) C In realtà il modello definisce due rappresentazioni diverse dello stesso modello: una basata su 6 Capability Levels 0 5) ed una basata su 5 Maturity Levels 1 5). Le due rappresentazioni sono equivalenti, anche se formalmente distinte. La seconda, forse più diffusa è quella descritta in questo capitolo.

15 2!3.& ) 8 D E 4 ) / / 5, C 55 5, / D02 E 5, , / ; 087) 5 0

16 ) 0 08 D02 2 E , 5, ) 8 @8+1 2 La numerazione degli obiettivi e delle pratiche non è sequenziale in quanto essa si riferisce ad una notazione in cui sono presenti anche elementi che si riferiscono ad un altra rappresentazione del modello, detta continuous, diversa da quella presentata qui, detta staged. Ma ciò ha poca importanza ai fini della discussione fatta nel nostro contesto.

17 @87; & ;:: 7 4:: 4::2 ;:: )4:: 3 3 & ; Qui si fa riferimento al modello elaborato da Ilene Burnstein, Ariya Homyen, Tartip Suwanassart, Gary Safena e Rob Grom.

18 !3.96, :1 = ) ) )

19 6 6 J 3 C DE DE I 6 / I *

20 8 AQ CCM CMM CMMI CT DCR IEC ISO IT JCL ODC PM PMBOK PMI QA SAL SCM SEI SMART ST SWEBOK TMM TR UAT UT Assicurazione Qualità Change and Configuration Management Capability Maturity Model Capability Maturity Model Integration Caso di test Design Change Request International Electrical Commission International Organization of Standardization Integration Test test d integrazione) Job Control Language Orthogonal Defect Classification Project Manager Project Management Body Of Knowledge Piccole e Medie Imprese Project Management Institute Quality Assurance Assicurazione qualità) Stato Avanzamento Lavori Software Configuration Management Software Engineering Institute Specifico, Misurabile, Attendibile, Realistico, Tempistico System Test test di sistema) Software Engineering Body Of Knowledge Testing Maturity Model Technical Report User Acceptance Test test di accettazione dell utente) Unit Test test unitario)

21 , O ;< 89 : P 2 2 ; + + P 2 4,! = 6 2 < I 2 P 2 + > A D E2 2D E D E 2 D4) 0 4 E * +D; E2 CD4 E2 DE

22 < < 2 + > 2 = 2 2 ) & D E 2 &D: E2 D; E <2 = 2 2 2I

23 / +, P < P2 2 ) DE D E3 D 4) 0 4 Q? B 0&RF>->&

24 EDED ED E : 8 C ; S ; S 7 Q0FBD EJDQ0 E)+ O 1. I bug sono conseguenza del lavoro di programmatori disattenti; 2. Il mio software è sul Web. Posso eliminare gli errori in un secondo; 3. I miei clienti faranno il test del prodotto al posto mio; 4. Chiunque sia qualificato come tester non intende lavorare come tale; 5. Non mi posso permettere un tester!

25 ; S ;S ; S ; S ; S /> 2 & C / : ) F ; =!8 89 : :

26 2 T 8 8 ) 0 ) / 6 ) )

27 ; 3 = = ; ) 5 5 I I I C 2 P D E 8 2

28 2 3 D E < 4 I D E D E 8P D EP 8 3 D E D E0 ;. ; ; D E.& 0:)64 0U0 :U: )U) 6U6 4U4 )

29 8 I P = 2 ;:: 4 ) 7 C A + 4, 5 *

30 8 C C 0 I )) I > + 7> > > ) ) ) ) 5 > +V +V D1 9 Si tratta della stessa regola menzionata in altra parte del manuale ed enunciata da 1F8*F D )?B6:).

31 2)+VC+V;V 4 ;AVE > 2 > + < 7 ) : P ) 0 > + + > V ) 2 L 8!,

32 ) 7V ) ) ; & 8 8 :2 :8 0 ) ) / C - D8 E

33 - C 8 5 F ;:: ; > ;PO ; < /

34

35 ! , 3, 5, - -,

36 6 ), , : ) / 6 2 D E D E ) 8 : 4 8

37 & -. / & ) 2 D6 E 4 D4 E )DE, 3, 3,, + 2 D E 3

38 43 > <> > J J2 2 D E0) ,, & 3,8 & &9-1 -, +-, - + ) 0 )

39 5 ; 2! 0;: )2! = ;;: 5 ; 2 2 J) < B) 2 2 D E O 0=> ;:: *

40

41 0 DED EDF EDE 2 ; D E 6 0 D E ) 2 2 J2 D EJ0 D E2

42 ;:: 0=>/! O )! ANALISI DISEGNO CODIFICA E TEST UNITARIO TEST E COLLAUDO UTENTE RILASCIO R2 = Revisione del disegno R0 = Revisione dei requisiti R1 = Revisione delle specifiche R3 = Ispezione del codice R4 = Ispezione dei casi di test R5 = Ispezione degli scenari di testi R6 = Revisione della documentazione utente R7 =Revisione delle procedure di installazione ed operative R8 = Revisione delle liste di rilascio )+ DEDE2

43 ?F 2 DE D E I ) D6 E ) I &2

44 & D E ) / / /

45 / / / / 0I D E 0 < D; E 0 2 D; E 2

46 3 D; + E 2 3 D;,4 E 5 6 D; -4 E

47 ! & ) & +4 5, , *6-.:;/ C 5 : 2 0

48 2 3! < F C C D GE D DE )

49 8 ; 6 2! < & D E 2 4C* 5! A6B D4CE2 8 D E DBE -&9 -&< -&, -&0 -./01 +6-,&7,,: 1; DE DBE 2 P < DE= P IO *

50 &) 2 2 D E 4C )*;H &! A-;B &D* 5E 0 P 2 8 5DE2 DED E < 2 2 &) 2 2 D E * 5 )*H & 26-,<-&=,,:; 8 ; &9 -&<,, -&0 6 6

51 ! 0 I!!!! / F D E 2 / / / 2. TA!-G : 4* 1: 4*1

52 !!!& / I 8 ; 6 6 6! < 2 O 2 D6 E

53 ) 2 2 I I 2 8 ; ; / 0 0 )) * * +

54

55 & DE 4 DEJ D E 4 D EJ D E F B & *F & &

56 4 4 4 ; ) ! 2 ) I J DE2? 2 4 C 2,-, - )) +. ) /, -0 1 ) ) 0 ) 0 1 ) 1) + & 0 2 4? 2 D4 E W

57 & 2 6 O & 2. = F F2

58 & & )/ / = 2 C 4 5 )

59 & DE ). = 2 Q; 4 I 3 0 Q; *

60 & < 6 = DE 2 : < 2. 4 ) / F F ;

61 &! =I 0 3 =. 4 ) 3 8DE

62 && 6 D EDE. 4 ) 5 0

63 & 2 6 : 2. = 2 D LE 4 I F

64 & /2 2 & 2 4 D*F6BE 4 4 D8E 4 D0 E

65 & /1 6 DBE2 DEDFE 2 2 ) DFBE F FB FB 4 ) FB 0 8 B

66 & 6 D ED E D E. = 2 4 ) 4 /! 4 4

67 & 6 2 DE 4 E E F

68 & 6 2 3!= I &2 2 2!= F. = 2 4 ) 4 DE )

69 4 5 *

70

71 2 6 D F E3I 27, 3G I 4 & D E A - D E D E J,V & 2.O D.E 11 Il termine e*2 6? ; B B

72 C 2 A!- ) B8. 0 B5 B0 B 2 / C ; ; B B!??* 1?

73 0) 0*) 0 T C C I ; 8 4 * D E ; 4 ) = 8 7? F DE

74 F D0 NE0 28 F4 2 D3 TFE ) ; / / / / 12 Quando non sia possibile assicurare personale interno qualificato nei tempi richiesti dal progetto occorre avvalersi della collaborazione esterna di consulenti qualificati, competenti ed affidabili.

75 ) 6 < 2 A-! D E

76 8 28 : ) 2 2 Esempio: a fronte di uno sviluppo che preveda il rilascio periodico di componenti autoconsistenti in termini di funzionalità, la relativa strategia di testing deve prevedere il collaudo completo di ciascun rilascio e la successiva integrazione dei diversi rilasci. Analogamente, una strategia di sviluppo di tipo iterativo-evolutivo, in cui il prodotto si realizzi in modo ciclico aggiungendo di vota in volta funzionalità ad un corpo base, la corrispondente strategia di test dovrà prevedere un integrazione continua di nuovi moduli e di moduli esistenti modificati man mano che lo sviluppo procede. Acquista notevole importanza, in questo caso, una strategia che preveda un test continuativo d integrazione e di regressione. 2 Esempio: al termine della progettazione, il piano di test è aggiornato con la lista dettagliata dei casi di test e con la matrice di test non ancora disponibili al momento della pianificazione del progetto! & F8*FD )? B6:)

77 +V +V 4G LIVELLO DI RISCHIO Rischio alto Rischio medio Rischio basso IMPEGNO PER IL TEST Pianificare un impegno complessivo per le attività relative a tutti i livelli di test previsti pari a circa il dell impegno totale previsto per l intero progetto. I fattori che maggiormente impattano i rischi ed i costi del progetto sono: dimensioni del progetto, complessità, date dei rilasci previsti, tecnologie adoperate ed altri fattori di minore importanza. Pianificare un impegno complessivo per le attività relative a tutti i livelli di test previsti pari a circa il dell impegno totale previsto per l intero progetto. Pianificare un impegno complessivo per le attività relative a tutti i livelli di test previsti pari a circa il dell impegno totale previsto per l intero progetto., 0 ; 4 C 2 F

78 7 8 ; F2 3 La matrice di test permette di individuare eventuali scoperture o duplicazioni nell esercitare le funzioni. Permette anche di ottimizzare i test in termini economici. Ha quindi un duplice effetto positivo: sulla qualità e sull economicità dei test. Offre garanzia di qualità assicurando che tutti i requisiti siano indirizzati e permette di ridurre i costi eliminando i casi di test duplicati. ;I2 I 2 D E! D E 0=> A 4I X La validazione dell ambiente, ed inclusi gli eventuali strumenti adoperati tool), è richiesto per garantire che i risultati ottenuti dai test non siano in nessun modo influenzati/alterati dall ambiente stesso. )

79 8 2 ) ; A 4 ; ; 2 C ; 8 ) ; 6 4 : *

80 2 DE D 5 I 8 ; ;! ) I 4! 4 3 V 6 : ; )

81 8 + / 6 / ; ; /. 2 )* : G V )

82 & C NN18 2 C < 6 2 ;I I D* ED4E DEDED E DE < I 8 )

83 4 : ; ) I : 6 82 ) ; : 6 / 8 ) / 8 ; + )

84 2 6 ; ; / /!. )* *FG 4 *!4 6?F 0C0 8 ; 8 ;4 : 4 6 )

85 O D0ED8 E< 2 4 DE 4 D2E? 4 D 2E AA--. 4 DE 4 DE!! 4 D2E )

86 5 2 4 DE DE? 2, -+ / *) 4 ) 7/ 2 ) 1 3+1* ) + 3 I 8 4 : ; I )

87 : ) P ; / ; / + 6 ; ; ; 8 /!. + 3 )

88 4 *FG 6 8 ; ; ! 4 ) 6 6 ))

89 6 < 2 D E O 2 D/E ) 2 2 ) 2 2 I 2 8 ; ; 6 C 2 0 )*

90 : )) * * 6 )) ) + < I 8 ; ) ; 8 I I 3 6 I 2 8 / *

91 P ) ; / 3/ + 6 ; ; / /! * *

92 + 4 *F*G ; / + 2 & )8 / = 3 *

93 , 2 >. &:; &: & 2 0 O I +-C ! !40.:.4;72 7, D E 2 8 C -+V 8 8 *

94 < 5 2 Y 8 < 3 D E M 4 : 3 D E 5 52 C ) ID EDEDE D ED ED E 6, <= < > ,- 641, --&, 64- *

95 , C 2 >3 = + -,- 3-- A--- 1B.,, ---C-/ 9,,-,-2.,? 9-, ,- &. /C5 2, 5-, -B D--2 A,- 2,&.1 / - 4, A , 4 4 C -,-& A -- A -,- &,, 2 0 D E 2 )2 *

96 ! ) ) 2 )2 0 ) ; D) E & ) I ) 02 DE < D6 E 6 *

97 02 DE D E I ; D;E2 D E ) A C D6 E) + / ) I ) 0 2 D/ E D;E) D6 E D) E ) < 70 DE2 D.4 EP DE ; 2 *

98 :31-B; :+; :9 &,& ; :A &,; : ; :A ; 5- : & ; & : 8 )4 : *)

99 ) ): 8 4: 8 Y YY ) 2 D E 9 1-.:9;/ 0 1-.:9 ;/ 9, 1- +, 1-.:+ ;/, 1-.:;/ 1-.: ;/ , 1- -, , ) 2 **

100 )! 2 D E5 3 5 ) ) C;8 C!! 2 )! )

101 &D: E & 5 3 )8 ; / 3 )8 / 6! / )

102 2 2 8! 6 5 8P 2 DE =2 D E D E = D, E D E 3! 0 I 0 16 Come già detto in altra parte del manuale, la norma ISO 9001:2000 come d altronde anche le versioni precedenti della norma) richiede che l ambiente di collaudo sia validato prima di iniziare le prove per assicurare che esso non influenzi i risultati dei test.

103 8 DE = ) 2!! 3 C;6 9! 5* 2 4 D EC;6! = I L C;6 2! C! G ; 8 8 )! & )2 C;6

104 * + 0 = =!3;>, + ; 4 4 C + < = :> 4 : 7:> 4? + < : ; 9: + ; A 9! ;95!

105 * *& 0=>, - * )2 C D E ; ) ) 0 * 82 C D E : 4 6 * ;2 C D E ; -: 0=!3; >,!

106 ) = * 4 C 02 DED E 6 6 *! 2 C 2 D E ) D E : 0 8 *&,2 C I D E ) ; 0

107 * + C 0 DE D0 E ; 4 4 C * 0 8& )! )! ) ) ) )! 8! ) ; D BE 6 ;

108 ) 5 * 8 DE 4 * + 8 C !! 3 3 DE * 6 2 I 4 8! / / DE )

109 8 F F 8 8 D EZS[\3=1 *! C / 4 J Y 2 > 8 / / / * + < Le tecniche presentate per l esecuzione dei test prevedono: 6 D86E 4 D? *GE 4 D*F*GD4 4 * / A, /B, *

110 0! /! 4 D86E 2 = 2D E 2D E 2 2, 6 0 / 2 2 / < 3

111 0 + 2 * A?+-CB D? *GE2 8 G P2 8 3 < 2!C 8 I 0 3 / / /! 3

112 & & & 8 * * D*F*GE2 2D E2 22 M & M 8P *F*G < P 2 *F*G2 A4 5B D) E D; E 8;

113 * + Le tecniche di integrazione presentate sono quelle più importanti: 4 D4CE 4 D* 5E ; * < A6B D4CE 2 4C! D E 0! * < A-;B D* 5E 1! : 0 2

114 : 2 * * + 4C* 5I 4C * 5 3 I

115 *! + 8 ; =C; ; *!, 72 : L 5 2 L 5 5 2D E /

116 5 2)3 DE 8P 2 3 < 2 = 2 D8 E2, N , VALORI REQUISITI ANALISI - DISEGNO CODIFICA TEST UNI- TARIO TEST D INTEGRAZIONE TEST DI SI- STEMA Valori attesi Valori effettivi = 4

117 2 N5 816 L D E < / & & )) /* *! L B 6! 2 0

118 Difettosità = Errori rilevati/kloc o FP) REQ SPEC DES CUT IT ST ESERCIZIO 6, 12, 18 mesi) 3 2 / J *! Si tratta di costruire una tabella con i difetti rilevati durante le varie fasi del A 9! )

119 6,.E7 / IMMISSIONE DEGLI ERRORI NELLE FASI DI SVILUPPO RIMOZIONE DEGLI ERRORI NELLE FASI DISVILUPPO Analisi Disegno Codifica Test Totale Analisi Disegno Codifica Test Totale ) C> 8 C 7 ), 8 A. 2 ) 7 5 DE 2)AV 78 7V7;AAV-V 4 5 DE 2 )-VCV;AV4,-V = *

120 8. > Numero di errori IES = Specifiche incomplete o errate MCC = Fraintendimento delle comunicazioni con il cliente EDR = Errore nella rappresentazione dei dati IET = Collaudo incompleto o errato IDS = Deviazione intenzionale dalle specifiche PLT = Errore nella codifica di una specifica di disegno EDL = Errore logico nella progettazione MIS = Altro IES MCC EDR IET IDS PLT EDL MIS Tipologia di errore Figura 14. Classificazione dei difetti e rappresentazione secondo Pareto. +7V.) 8 2 < 7V -V 8 2 D-!7E.! > 2

121 Tabella 4. Valori percentuali delle tipologie di errori rilevati. TIPOLOGIA DI ERRORE Specifiche incomplete o errate IES) 22 Fraintendimento delle comunicazioni del cliente MCC) 17 Errore nella rappresentazione dei dati EDR) 14 Collaudo incompleto o errato IET) 10 Errore di codifica della progettazione PLT) 6 Inconsistenza dell interfaccia tra i componenti ICI) 6 Errore logico nella progettazione EDL) 5 Deviazione intenzionale dalle specifiche IDS) 5 Documentazione imprecisa o incompleta IID) 4 Violazione di standard di programmazione VPS) 3 Interfaccia uomo-macchina ambigua o inconsistente HCI) 3 Altro MIS) 5 Totale 100,7V *! ) +V -+V 2 DE

122 Valore atteso ERRORI RILEVATI Tempogg) ) / DED E Nota: la curva rossa indica che il software ha una difettosità superiore a quella prevista. Occorrerà quindi prolungare la fase di test fino a vedere la curva appiattirsi verso un nuovo asintoto di valore superiore a quello atteso). P! 5 2 : 2 I D E2 2

123 L Nota: l uso più efficace di tale tecnica è quella permette di valutare, al termine di una fase di test, se essa sia stata efficace oppure no. Generalmente una fase di test termina, nel migliore dei casi, quando tutti i casi di prova pianificati sono stati completati. La curva mostra, invece, se i casi di prova eseguiti abbiano rilevato tutti gli errori previsti!

124

125 , < =, / ; : 0 / 6 6 6

126 ,, 72 :1, D8 E2 32 P 0=>;::31<: ) 0=!3; >,!7 8P 2 2 F 2 2 6

127 4, 72 C 2 ) 80=> &46=C5]=&3 C 0 7C = =1=C3)<5)4) 76 7 < 7 < A;;=C/4) A8 A8 A78 AA

128 A+8 A,8 + 04)&C)6C30465: 3& A0 ++ 0, 630):/361;T33/)C)]=&,=,: - 3&4= )

129 , O! 6 )342., ,, 9,,, / F, 4 F, -&, 4 0- &,- F 4 6. / F & ,-.<& / & 12 --, 0-& - --, <& / -, F F 61 & - F F GH GHB3 12 > & IF -.,2& / Le caratteristiche e sottocaratteristiche sono prese dal modello per la qualità del software definito dalle norme ISO/IEC E evidente dall esempio riportato sopra la connessione tra il profilo della qualità e la strategia di testing. *

130 ,, 2 DE 3DE PDE DE I

131 4, C. / , /

132 , +, D8 E2 2 8I 6 J ) J 6 8 8I + 4 & B--B -B7 & 0-./ 0-6, 7 7 7< 7-3.-/

133 !, 6, 2 1 ; S ; S < S ; S ; S ; S ; 8 2 F F J J ; *F6 8

134 , 4. ) ) /+ C

135 & 0 8 / 2 I CI &

136 6 /+ 6/ C; 6 C;6 C C; / ,/8 & &A , B--B/83./ , >.9< /8 +-,8 8! 8.0-B+/8 7,8

137 4 4?6 ) * ) * A - -,, -./,, -./,, -,-,,./,, -./,, -./ 6,, 6,, +,, -,, - A - -? -? 6,, = 12

138 D;; E 2 C 8 C 6 M 2 / C M & C M C 5D E2 2 O )

139 4 0-9E+7 A &3 5, A -5 3, &,/ A<11?C /37.42/37.42/, >5 - A -5 >5 A & - - >5-- 5 >5-- 5 >5-5 - ) A -5 -C - * >5- A. / 8<11? 78BB D D D28 + >5C --,,1 J,, - 8:A - 5 <11?C --,,-5; >< 7, )BB 9-.K/ 7.- / *- 6B+ 7 BA,B- + 1 >< 7 *BB Z2 D6 )ED6 E D84 E *

140 C D: 0! 2 2 < P 0

141 4 =A & 3 &31 &3 &3 ) * &3 &31 &3 &3 &3 ) * A - 6-E,,,,,,,,,, , +E E A 6,, 3- L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L = 12 L L 6 L DGE DE D E D E ACB 9 E )

142 + 4 A!! / ,-, , & /8 7,8 7,,8 8 8 &8 8,8 7-8

143 / / 9 / 3 8I & F 36!

144 / < 4!??3454.4?5 3!!! 3! A4!! 4A!! 3.!!6AB0E! 2 63<6 083;0C0C;=C;C=; 04C0

145 / / 3 8I & / < > < > -U*

146 / 4 / / 3 2 & ; C 4!C 0 C / )BB 05 < )BB )BB 0--,, 7< )BB *BB > *BB *BB --1 BB *BB & > *BB - BB 7 - > BB M M M BB MM BB

147

148 @ D E D E D E D E D E DE D E J 0 )

149 5 ) &8! )!2 2 ) )! 8 <8 &A - &9- &+ <9 8 & & 8 &+, &.N/ &3, *6-2 *

150 3 6 ),-/ 1 ), -/ ) 6*+ B )* )/ + + ),-/ 1 ), ) )?273.) < < 8 &A -- < & &9,- & &9-- &6 - &+ 8 &+,- &.N/ &3,

151 0 4 : ) 9). ) ) )! 2.) ).) 8 I D E! C )

152 .= / <8 &A - &7, &3, &9- &3, <9 8 &+, &9- &3, & & 26-, 4 D E 3 DE < 0 7 5G!? ;;YYQQ0 /*C 8 D GE DFGE2 8 ) D E 4 DE! DE

153 ! DE0 BF O 0 D E ,,- ) 2

154 & ) 0 ) 5 2 ) 0< ) 0 ) 5 ) =0 2 B? 0) 0C 08 ) :

155 < 0 D ED ED ED E = ; 8 D EDE 8 D E!!!!! 8;!;YYQ2 7 ) 3

156 8 0 ) 8 DEDEDGE0 ) ) ) D :

157

158 + C C 7 ; A 3 + 3, ; 7 5 A 3 + 6, ) - 6. : )

159 C 2 2 E U&!C N=; ) I 2 N18 62 U&!C *

160 V8I I V< U&!& U&!&

161 I 8 DE DE U&!& 4 U&!& 4 7U&!C! = 4 U&!C 4 U&!&

162 I ; :; C 2 2 DE2 : 4: ; A

163 6!! D E 3,O A 8 + 8, 8 6! 2 = D E 3 - ; ) 7 4 A 8 + ;, 0-1

164 ! ; UU 7U U U 7U 0 ;2U/. ) /C * C +, 46=4-64&! +

165 & DE 3,U4,U&,7UV / 6 AA /, U4, U&, UV

166 /2 6 = 2 /2U) 0 :) * 2 6 & I 4 & 2 2U4!4 2U)!4

167

168 - C 2 ^: =03R7_ CQ: B*)8B7! 2 ; 3 ^N)&367_ ;N** 8 J7 B B!>9?B & * 6 0A= B>>7 &)? B ^;)*3>,_ : ;4Q? )6>>,!!> C6? 3!!!`` ^*3]36>_ 4 ; 8 ^: R360->_ : Q? Ba0&RF :2 ^3=&)6C3F! * 6&A* 0A= ^*)6*)6&=>._1;*3F>>. 6! )0A= )

169 ^8&C36>,_ : F8a0 : )>>, B ) QF ^: 5&6=>A_ B: 1: : 6 )QF B * 6+.D 1) ^*)&;>7_ B * 6 1) ^&=;3&4&>7_0 & >>7 & * 6 34)0*6 ^? T3336>7_CQ? >>7 E! 08;8 ^]34T): >_/)] )8*B>> * 6 & QB*8 ^;6=0*R.,_ 8*;B>., B * 6 + ^&)4)3>,_ C& 6* 6 ) 1)! ^851=6C>,_ N8)N 0 0>>, * &F 472&.5&3)? B ;2 ^5;CA_ 5; C *:!!!! *

170 ^;)&4=&7_ ; & C*C*7! )* 6 46) ^;=60=7_ ; J7 B1 2 9! 9 3 : ^&=6:)&_ C)& &4) ^/0;=)_: / 46=4) ^&303&_ QF& =4 46) ^0N)6_ Q0F.=492.=493) ^R&;T>>_ 8 FQB0T J>>> =4? 2 =4?: 9.! =43) & ;53& ^:)006=&>._: : >>. < ) : ) >>+ B1 ) : ).* 5* < 4

171 ^0=>7A_0=!3;>7A? > G& & ^0=->+_ 0=!3;->>+ & B. ^0=-_0=!3;->>+!) & B. ^0=+->._ 0=!3;46+->>. &? &A8&! I B. 3 ^0=,7,>>_ 0=!3;46,7,>>>? &A8&!I.J 1 1 ^03;::_ ;::bc / J;::8 4 ), ^0308: _ 0 89 : 03;:03;: QB>.>C 186

172

173 B ) ) * 6 + * 6 1 ) ) )+ & 1 ) * )) 1 )+& 1 ) *K * 62*) ** 31 )) ) )+ & )) 2 ) B ) ) ) ) 41) +& * ) 2 ) 3+1 ) =42& ) 4/ 3+ 6 ) +& C24>4 74> 4 ) ) A ,& & -42>,C-- - 1,A<,,,96& -,O,,- & -42,A6E* -, 11 O ---,.D-<7D/O &,,, O A&A , 2 &-8P

Collaudo e qualità del software Il testing nel ciclo di vita del software

Collaudo e qualità del software Il testing nel ciclo di vita del software Il testing nel ciclo di vita del software Relatore Ercole Colonese Roma, Il test nel ciclo di vita del software Temi trattati nel libro Il test nello sviluppo del software Strategia e pianificazione dei

Dettagli

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza

Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Collaudo e qualità del software Organizzazione, psicologia e competenza Relatore Ercole Colonese Roma, 29 novembre 2010 Organizzazione del test Temi trattati nel libro Il gruppo di test Competenze e specializzazione

Dettagli

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard

Quality gate. Sono eventi programmati regolarmente e condotti seguendo una procedura standard Quality gate Nei punti chiave del processo di sviluppo del software, viene integrato un insieme di quality gate per monitorare la qualità del prodotto intermedio prima che quest ultimo possa passare al

Dettagli

Qualità del software

Qualità del software Qualità del software Linee guida per pianificare, realizzare e controllare la qualità del software utilizzando le migliori pratiche disponibili Ercole Colonese Versione 2.0 - Dicembre 2005 Qualità del

Dettagli

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software

Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele. Qualità del Software Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l'eccellenza non è un'azione, ma un'abitudine. Aristotele Qualità del Software Quality Assurance per tutte le esigenze Web Site Testing Mobile Application

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI

PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI PIANIFICAZIONE DI PROGETTO DI SISTEMI INFORMATIVI OBIETTIVI 1. Descrivere approcci e attività tipiche per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare problemi chiave 3. Illustrare alcuni

Dettagli

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management

Osservatorio P 3 MO. Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management 10-dic-2008 Osservatorio P 3 MO Il PMO come strumento di diffusione ed enforcement della cultura di Project Management Oscar Pepino Consigliere Esecutivo Reply S.p.A. 2 Sommario Gruppo Reply - scenario

Dettagli

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire

Collaudo e qualità del software Quali test eseguire Collaudo e qualità del software Relatore Ercole Colonese Roma, Tipologie di test Temi trattati nel libro Modello a V Livelli di testing Tipi di test Test funzionali Test delle funzionalità Test di gestione

Dettagli

Responsabilidade Civil do Médico no Tocante à Culpa Médica e à Liquidação dos Danos

Responsabilidade Civil do Médico no Tocante à Culpa Médica e à Liquidação dos Danos ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 13/10/2011 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/32396-responsabilidade-civil-do-m-dico-no-tocanteculpa-m-dica-e-liquida-o-dos-danos Autore: Aldo Aranha de Castro Responsabilidade

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management IT Project Management Lezione 1 Introduzione al Project Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Rapporto CHAOS 2009 Progetti completati in tempo, all interno del budget, rispettando i requisiti RAPPORTO

Dettagli

Piano di gestione della qualità

Piano di gestione della qualità Piano di gestione della qualità Pianificazione della qualità Politica ed obiettivi della qualità Riferimento ad un eventuale modello di qualità adottato Controllo della qualità Procedure di controllo.

Dettagli

Gestione di progetti (software)

Gestione di progetti (software) Gestione di progetti (software) Tecniche di Programmazione Lez. 03 Università di Firenze a.a. 2009/10, I semestre 1/25 Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Stima

Dettagli

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it

ESI International. Project Management & Business Analysis Solutions. www.esi-italy.it ESI International Project Management & Business Analysis Solutions www.esi-italy.it Chi siamo Leader globali nei servizi di PERFORMANCE IMPROVEMENT in: Project Management Business Analysis Agile Project

Dettagli

!" #$%$&'(& )*('+,+ *(-. /(0+12'2). 3+#4%.,'56+' /(0+12'(& #2'9 :. ;. /(0+12'9

! #$%$&'(& )*('+,+ *(-. /(0+12'2). 3+#4%.,'56+' /(0+12'(& #2'9 :. ;. /(0+12'9 !" #$%$&'(& )*('+,+ *(-. /(0+12'2). 3+#4%.,'56+'+ 7. 8. /(0+12'(& #2'9 :. ;. /(0+12'9!"#$%&'() *. +.,- #&.&/')/ 0%)'"(" %)1$ 2)3"45'50 // 6)##"/#("/ +%0"7:,#8)%"9 :8&;W$ 7 #7"1&8&3

Dettagli

7. La Qualità del Software

7. La Qualità del Software Cosa è la qualità 7. La del Software Diversi enti di standardizzazione (es. ISO) hanno cercato di integrare vari approcci alla definizione della qualita, partendo dalla consapevolezza che la qualità è

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

Ing Omar Morales Qualità del Software

Ing Omar Morales Qualità del Software Ing Omar Morales Qualità del Software Soluzioni Professionali Integrate Viale F.Petrarca, 96-50124 Firenze LinkedIn it.linkedin.com/in/omarmoralescv TEL (+39) 335 52.10.589 FAX (+39) 055 39.06.93.26 info@omarmorales.net

Dettagli

RANDY RICE ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

RANDY RICE ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA RANDY RICE STRUCTURED USER ACCEPTANCE TESTING APPROCCI INNOVATIVI AL SOFTWARE TESTING ROMA 15-17 GIUGNO 2009 ROMA 18-19 GIUGNO 2009 ARESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Generale: Documento PKCS#7: Status documento: Nome file p7m: Impronta SHA1 (hex): Impronta SHA256 (hex): Contenuto: Tipo documento: Dimensioni: Impronta SHA1 (hex): Impronta SHA256 (hex): Firmato digitalmente

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software. 02- Il sistema assicurazione qualità (SQAS: Sofware Quality Assurance System)

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software. 02- Il sistema assicurazione qualità (SQAS: Sofware Quality Assurance System) Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 02- Il sistema assicurazione qualità (SQAS: Sofware Quality Assurance System) 02SQAS.1 Peculiarità del SW XXX warrants that the media (!) on which

Dettagli

Il diritto penitenziario in canton Berna

Il diritto penitenziario in canton Berna ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 21/05/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/35064-il-diritto-penitenziario-in-canton-berna Autore: Baiguera Altieri Andrea Il diritto penitenziario in canton Berna

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software.

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Test Giulio Destri Ing. del Software: Test - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

Psicologia ed economicità del test

Psicologia ed economicità del test Psicologia ed economicità del test Ercole Colonese Comitato direttivo Qualità del e dei Servizi IT. 2010 Pubblicato da AICQ su Qualità, N. 3 2010 L attività di software testing rappresenta il processo

Dettagli

Qualità del software. www.vincenzocalabro.it

Qualità del software. www.vincenzocalabro.it Qualità del software Il concetto di qualità Qualità Il complesso delle caratteristiche di una entità che si riferiscono alla sua capacità di soddisfare esigenze esplicite ed implicite. Qualità e prodotto

Dettagli

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione

Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione Il software nel settore aerospaziale: indicazioni per la certificazione 1 AGENDA Criticità del software nel settore aerospaziale Standard di riferimento esistenti e loro similitudini/differenze (panoramica

Dettagli

Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia

Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia Facoltà di Scienze MM, FF, NN. Corso di laurea : Informatica e T. P. S. Tesi di laurea in Ingegneria del Software Reingegnerizzazione del processo di test nel contesto Exprivia Relatore : Prof. Giuseppe

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli

Il Capability Maturity Model CMM. Il Capability Maturity Model. Il concetto di maturità (2) Il concetto di capability. Rapporti tra i livelli Il Capability Maturity Model Il Capability Maturity Model CMM Il SW-CMM (SW - Capability Maturity Model) definisce un modello dei processi di sviluppo del software e un insieme di regole per il loro miglioramento.

Dettagli

Tar Campania, Napoli, n. 873 ISSN Pubblicato dal 11/03/2010

Tar Campania, Napoli, n. 873 ISSN Pubblicato dal 11/03/2010 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 11/03/2010 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/29047-poich-il-provvedimento-prefettizio-impugnatosi-palesa-viziato-per-difetto-di-istruttoria-e-di-motivazione-ne-deriva-l-illegittimit-dellarevoca-dell-affidamento-con-relativa-escussione-della-cau

Dettagli

03/07/2012. Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT

03/07/2012. Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT Alfredo Avellone Roma, 3 luglio 2012 1 Nasce nel novembre 1987 come Comitato Qualità del Software. Missione Promuovere, coordinare, favorire l analisi,

Dettagli

La Certificazione AS/EN 9100. Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori

La Certificazione AS/EN 9100. Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori La Certificazione AS/EN 9100 Schema di Certificazione Aerospaziale Europeo del Sistema Qualità dei Fornitori 1 UNAVIAcert ha adottato lo schema di certificazione AS/EN 9100 per incrementare la fiducia

Dettagli

In legenda sono riportate le fasi R, P, C/T e I/SA come specificato nella norma ISO/IEC 12207.

In legenda sono riportate le fasi R, P, C/T e I/SA come specificato nella norma ISO/IEC 12207. Durante le attività di sviluppo del software applicativo è spesso utilizzato un ciclo di vita incrementale il cui schema di processo è sintetizzato nella figura seguente. In legenda sono riportate le fasi

Dettagli

Metriche del software

Metriche del software Sviluppo di Software Applicativo Metriche del software Come misurare le diverse caratteristiche del software: dimensioni, qualità, impegno richiesto per lo sviluppo, ecc. Ercole Colonese IBM Global Services

Dettagli

PMP, LA PRIMA CERTIFICAZIONE DI PROJECT MANAGEMENT AL MONDO CERTIFICATA!

PMP, LA PRIMA CERTIFICAZIONE DI PROJECT MANAGEMENT AL MONDO CERTIFICATA! PMP, LA PRIMA CERTIFICAZIONE DI PROJECT MANAGEMENT AL MONDO CERTIFICATA! Il PMI consegue la certificazione ISO/IEC 17024 a cura di Antonella Tantalo, PMP giugno 2007 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3

Dettagli

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011

Software Embedded Integration Testing. Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Software Embedded Integration Testing Ing. Matteo Maglio Milano, 17 Febbraio 2011 Chi siamo Skytechnology è una società di ingegneria che opera nell area dei sistemi embedded aiutando i propri Clienti

Dettagli

IL PERFORMANCE MANAGEMENT

IL PERFORMANCE MANAGEMENT IT PROFESSIONAL SERVICES UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT for Enterprise Gestire il portfolio applicativo monitorando qualità, produttività e costi dello sviluppo applicativo Overview ARGOMENTI:

Dettagli

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance

Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance Valorizzazione della professionalità di SW Quality Assurance 17 Esther BEVERE Miriam MERENDA ALTEN Italia Agenda Rilevanza della Professionalità del Software Tester Professionalità nel Testing Percorsi

Dettagli

Gestione delle configurazioni software

Gestione delle configurazioni software Gestione delle configurazioni software Attività ausiliaria che abbraccia tutto il processo software. Un cambiamento può avvenire in qualunque momento. Le attività di SCM hanno lo scopo di: 1. Riconoscere

Dettagli

Valutazione sperimentale di tecniche di testing per software in relazione ai tipi di guasti

Valutazione sperimentale di tecniche di testing per software in relazione ai tipi di guasti tesi di laurea Valutazione sperimentale di tecniche di testing per software Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Roberto Pietrantuono candidato Giuseppe Scafuti

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 12: Metodologie: controllo qualità P.M. Fase 3-4: tracking di progetto, introduzione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it

Dettagli

La gestione dei progetti software

La gestione dei progetti software La gestione dei progetti software L applicazione della metodologia di Project Management nella gestione dei progetti di sviluppo software nelle piccole e medie imprese Ercole F. Colonese Versione 1.0 -

Dettagli

Direito do Turismo: Legislação específica aplicada

Direito do Turismo: Legislação específica aplicada ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 08/01/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34465-direito-do-turismo-legisla-o-espec-ficaaplicada Autore: Sola Fernanda Direito do Turismo: Legislação específica aplicada

Dettagli

Mutui e conti correnti in corso e tassi di interesse usurari. Torna in auge la vexata questio dellўїusurarietё sopravvenuta!

Mutui e conti correnti in corso e tassi di interesse usurari. Torna in auge la vexata questio dellўїusurarietё sopravvenuta! 1 3ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 27/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34690-mutui-e-conti-correnti-in-corso-e-tassi-diinteresse-usurari-torna-in-auge-la-vexata-questio-dell-usurariet-sopravvenuta

Dettagli

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DI UNA PROFESSIO- NE? 2 P. Starr, The Social Transformation of American Medicine,

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DI UNA PROFESSIO- NE? 2 P. Starr, The Social Transformation of American Medicine, CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLA GUIDA AL SOFTWARE ENGINEERING BODY OF KNOWLEDGE (SWEBOK, 2004) Ercole Colonese, Consulente di management e servizi IT, 2011 Questo capitolo, insieme ad altri che seguiranno

Dettagli

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN)

NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 1 di 11 NORME PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI ASSICURAZIONE DEL PRODOTTO (PRODUCT ASSURANCE PLAN) Pagina: 2 di 11 Indice 1.0 PREMESSA... 3 2.0 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3.0 DEFINIZIONI... 3 4.0 DOCUMENTI

Dettagli

B021 Corso di Qualificazione per Mystery Auditor:la norma UNI/TS 11312:2008 (in corso di riconoscimento Aicq Sicev)

B021 Corso di Qualificazione per Mystery Auditor:la norma UNI/TS 11312:2008 (in corso di riconoscimento Aicq Sicev) Q U A L I T A A010 La norma UNI EN ISO 9001:2008 e i Sistemi di Gestione per la Qualità 625,00 + iva 741,66 + iva 23-25 20-22 10-12 5-7 30 1-2 762,50 904,82 B043 Redazione e gestione della documentazione

Dettagli

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita

SCD IS. Processi software. Processi Software. UniPD - 2009 - Ingegneria del Software mod. A 1. Definizioni. Modelli di ciclo di vita Processi software Anno accademico 2009/10 Ingegneria del mod. A Tullio Vardanega, tullio.vardanega@math.unipd.it SCD IS Definizioni Ciclo di vita Copre l evoluzione di un prodotto dal concepimento al ritiro

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

Recurso especial: Análise do Erro na Valoração das Provas

Recurso especial: Análise do Erro na Valoração das Provas ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 24/09/2012 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/33952-recurso-especial-an-lise-do-erro-na-valora-odas-provas Autori: Gabriela Póvoas, Jessica Fernanda Dias, Onísia Carmen

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale La Sicurezza Funzionale del Software Prof. Riccardo Sisto Ordinario di Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Dipartimento di Automatica e Informatica Sicurezza Funzionale del Vari Aspetti Sicurezza

Dettagli

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Enterprise e Orgware NOTE

I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI. Baan IV IV - Enterprise e Orgware NOTE I I SISTEMI INFORMATIVI INTEGRATI Baan IV IV - Enterprise e Orgware Strumento Enterprise (Azienda) Sistema Informativo Aziendale (EIS Enterprise Information System) Indicatori di Rendimento (PI - Performance

Dettagli

Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT. Mario Cislaghi & Alfredo Avellone Roma, 2 marzo 2012

Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT. Mario Cislaghi & Alfredo Avellone Roma, 2 marzo 2012 Il Comitato AICQ Qualità del SW e dei Servizi IT Mario Cislaghi & Alfredo Avellone Nasce nel novembre 1987 come Comitato Qualità del Software. Nel 2004-2006 estende la sua attività all area dei servizi

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

Adeguatezza dei test alla criticità del software

Adeguatezza dei test alla criticità del software Articolo Adeguatezza dei test alla criticità del software Prevenire è meglio che curare. Ercole Colonese, 2009 Introduzione L'attività di test, confinata per sua natura come ultima fase del ciclo di vita,

Dettagli

Come pianificare un opera in c.a.

Come pianificare un opera in c.a. Come pianificare un opera in c.a. Ing. Colombo Zampighi, Leader Auditor ICMQ Qualsiasi attività relativamente complessa richiede di essere adeguatamente pianificata al fine di raggiungere lo scopo previsto

Dettagli

La Convalida Slide 1

La Convalida Slide 1 La Convalida Slide 1 Definizione La Convalida viene definita come la prova documentata che assicura che uno specifico Sistema è conforme alle specifiche approvate e che la produzione del prodotto è conforme

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 18-20 GIUGNO 2012 ROMA 21-22 GIUGNO 2012 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 18-20 GIUGNO 2012 ROMA 21-22 GIUGNO 2012 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA RANDY RICE TESTING DI SISTEMI LEGACY COMPLESSI E NON DOCUMENTATI PRACTICAL SOFTWARE TEST AUTOMATION ROMA 18-20 GIUGNO 2012 ROMA 21-22 GIUGNO 2012 VISCONTI PALACE HOTEL -

Dettagli

Processi di Gestione dei Sistemi ICT

Processi di Gestione dei Sistemi ICT Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A3_1 V1.1 Processi di Gestione dei Sistemi ICT Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI

ALLEGATO 8.1 DESCRIZIONE PROFILI PROFESSIONALI PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, ANALISI, SVILUPPO, MANUTENZIONE ADEGUATIVA, CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DI SISTEMI INFORMATIVI SU PIATTAFORMA IBM WEBSPHERE BPM (EX LOMBARDI)

Dettagli

ALTEN ITALIA ACADEMY

ALTEN ITALIA ACADEMY Catalogo Corsi ALTEN ITALIA ACADEMY 1/17 ALTEN Italia S.p.A. Società Unipersonale Sistema Qualità Certificato UNI EN ISO 9001 Sede Legale e Amm.va: Via G. Crespi, 12-20134 Milano - Altre sedi: Bologna,

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate

Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Societa di Scienze Farmacologiche Applicate Principali Processi Applicativi per lo Sviluppo e Commercializzazione di Dispositivi Medici - Seminario Gruppo di Lavoro Dispositivi Medici Auditorium Bayer

Dettagli

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia

Security Summit 2011. itsmf Italia. Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia Security Summit 2011 itsmf Italia Chiara Mainolfi Consigliere itsmf Italia è un Associazione senza fini di lucro, costituita per promuovere lo scambio di esperienze ed informazioni sulla gestione dei Servizi

Dettagli

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009

REALIZZARE IL PMO. Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 Il PMO come soluzione di business Linee guida per la realizzazione e il miglioramento continuo di un PMO aziendale REALIZZARE IL PMO Anna Maria Caccia - Matteo Coscia Milano, 15 Ottobre 2009 PMI-NIC -

Dettagli

Gli strumenti dell ICT

Gli strumenti dell ICT Gli strumenti dell ICT 1 CREARE, GESTIRE E FAR CRESCERE IL PROPRIO SITO La rete è sempre più affollata e, per distinguersi, è necessario che le aziende personalizzino il proprio sito sulla base dei prodotti/servizi

Dettagli

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Nuove frontiere per le attività formative E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Fiera Milano, 26 Ottobre 2012 Obiettivo Il Project Management può rappresentare per gli organismi formativi un ambito di business

Dettagli

! '"##)+*%#,%% '"##,%,**&-

! '##)+*%#,%% '##,%,**&- ! "##$%&""%#% '"##(($!()*! '"##)+*%#,%% %**, '"##,%,**&- &&*(%&.//01.//2 0 3 **(4%%*,,*),4%* *%*#!,,**(4%%!*5&!#!##%& 6 #-%,!77*,,**(4%% *'!4%%*,,**(4%% #7*##%*%&#&%(**&(7*#%**,,**(4%% #&%,%444%**,,**(4%%

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 14-15 GIUGNO 2010 ROMA 16-17 GIUGNO 2010 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 14-15 GIUGNO 2010 ROMA 16-17 GIUGNO 2010 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA RANDY RICE APPROCCI INNOVATIVI AL SOFTWARE TESTING SOFTWARE TEST AUTOMATION ROMA 14-15 GIUGNO 2010 ROMA 16-17 GIUGNO 2010 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO CESI, 37 info@technologytransfer.it

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software

Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software Gestione e Miglioramento dei Processi di Produzione del Software Ingegneria del Software 2 Processo Software 1 Riferimenti Sommerville, Capitolo 28 Dennis M. Ahern, Aaron Clouse, and Richard Turner, CMMI

Dettagli

Ferdinando Gorga Rational Europe Tiger Team Twitter: @fergor. Come la tecnologia Rational induce consistenti risparmi economici nei progetti software

Ferdinando Gorga Rational Europe Tiger Team Twitter: @fergor. Come la tecnologia Rational induce consistenti risparmi economici nei progetti software Ferdinando Gorga Rational Europe Tiger Team Twitter: @fergor Come la tecnologia Rational induce consistenti risparmi economici nei progetti software Come risparmiare 10.000 euro all'anno a sviluppatore

Dettagli

11. Misura e Management della Qualità

11. Misura e Management della Qualità 11. Misura e Management della Qualità LIUC - Facoltà di Economia Aziendale Corso di gestione della produzione e della logistica Anno accademico 2009-2010 Prof. Claudio Sella Punti di discussione Definizione

Dettagli

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering

Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Fasi del ciclo di vita overview Finalità del ciclo di vita nel System Engineering Modularità Individuazione più agevole delle componenti riutilizzabili Ciclo di vita Esaustività Certezza di coprire tutte

Dettagli

Ciclo di vita del software

Ciclo di vita del software Ciclo di vita del software Nel corso degli anni, nel passaggio dalla visione artigianale alla visione industriale del software, si è compreso che il processo andava formalizzato attraverso: un insieme

Dettagli

Qualità del software. Tecniche di Programmazione 2009/10. Giovanni A. Cignoni - http://www.di.unipi.it/~giovanni/ 1. contenuti. definizione di qualità

Qualità del software. Tecniche di Programmazione 2009/10. Giovanni A. Cignoni - http://www.di.unipi.it/~giovanni/ 1. contenuti. definizione di qualità Qualità del software Tecniche di Programmazione Lez. 05 Università di Firenze a.a. 2009/10, I semestre 1/33 contenuti Qualità? Definizioni Il prodotto software Modelli della qualità per il sw: ISO/IEC

Dettagli

Reply Business Intelligence Overview

Reply Business Intelligence Overview Reply Business Intelligence Overview 2 Coverage B.I. Competency Center Analytical Systems Development Process Analisi di dettaglio Definizione dell Ambito Assessment Aree di Business Interessate Business

Dettagli

Sistemi Qualità e normativa

Sistemi Qualità e normativa Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi B2_1 V2.1 Sistemi Qualità e normativa Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it

IS Governance. Francesco Clabot Consulenza di processo. francesco.clabot@netcom-srl.it IS Governance Francesco Clabot Consulenza di processo francesco.clabot@netcom-srl.it 1 Fondamenti di ISO 20000 per la Gestione dei Servizi Informatici - La Norma - 2 Introduzione Che cosa è una norma?

Dettagli

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi

Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Linee guida per la gestione del rischio nei progetti di sviluppo e manutenzione dei sistemi Quaderno N. 25 Ercole Colonese ercole@colonese.it Roma, 17 dicembre 2007 Argomenti trattati Valutazione del rischio

Dettagli

Servizio ISEE Invio comandi alla carta

Servizio ISEE Invio comandi alla carta Servizio ISEE Invio comandi alla carta Versione 1.1 04/12/2012 RTI Funzione Nome Redazione Approvazione Capo progetto RTI (Aruba) Esperto di dominio (Actalis) Capo progetto CMS (Engineering) Esperto architetture

Dettagli

Massimo Como. Profilo Professionale

Massimo Como. Profilo Professionale Profilo Professionale Massimo Como, 56 anni, opera nel settore dell Information & Communication Technology da oltre 30 anni. Ha avuto responsabilità, in primarie aziende e gruppi del settore: Sogei, Cap

Dettagli

SOMMARIO. Preciso, affidabile e focalizzato sugli obiettivi, sono in grado di lavorare autonomamente o all interno di gruppi di lavoro.

SOMMARIO. Preciso, affidabile e focalizzato sugli obiettivi, sono in grado di lavorare autonomamente o all interno di gruppi di lavoro. STEFANO SACCOMANI Data di nascita: 07/04/1966 Residenza: via cà la Prada, 23 54028, Villafranca in Lunigiana (MS), Italia mobile: +39 3476825152 mail: ssaccomani@alice.it linkedin: http:// it.linkedin.com/in/sstefano

Dettagli

IT Quality e Circolare 263

IT Quality e Circolare 263 IT Quality e Circolare 263 Trasformarsi per tempo puntando su Controllo dei Processi e Test Strutturato «Voi Siete Qui»: continuità ed elementi di novità Crisi 2008-09: nuovi modelli regolatori e normative

Dettagli

La produzione di un prodotto software certificato Medical Device. Dalla analisi dei rischi alla validazione

La produzione di un prodotto software certificato Medical Device. Dalla analisi dei rischi alla validazione Ingegneria Clinica e prodotti di Information Technology Vicenza - 5 ottobre 2007 La produzione di un prodotto software certificato Medical Device Dalla analisi dei rischi alla validazione Ing. Massimo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE MECCANICA;PRODUZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE;IMPIANTISTICA Processo Lavorazioni aeronautiche

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti

Poca documentazione: uso di Story Card e CRC (Class Responsibility Collabor) Collaborazione con il cliente rispetto alla negoziazione dei contratti Sviluppo Agile [Cockburn 2002] Extreme Programming (XP) [Beck 2000] Sono più importanti auto-organizzazione, collaborazione, comunicazione tra membri del team e adattabilità del prodotto rispetto ad ordine

Dettagli

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance

Il controllo di progetto come strumento di IT Governance Il controllo di progetto come strumento di IT Governance ing. Giorgio Beghini 20 febbraio 2003 - Vicenza OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax:049-88

Dettagli

A disposizione del. Vostro Business

A disposizione del. Vostro Business A disposizione del Vostro Business Tecnol ogi a Rel azion i Impeg no expertise Avanguardia Trixa snc - via Magatti 2, 21100 Varese - relazioni@trixa.it - www.trixa.it Un po di noi Trixa nasce dalla pluriennale

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Il modello CMMI Engineering nelle organizzazioni software Agenda Focalizzazione sul processo CMMI come modello per il miglioramento dei processi Struttura del modello CMMI Aree di processo Riferimenti

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS)

ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS) Pagina: 1 di 12 ISTRUZIONE PER LA PREPARAZIONE DELLA WORK BREAKDOWN Pagina: 2 di 12 INDICE 1. Scopo del documento... 3 2. Introduzione... 3 3. Definizioni e Acronimi... 3 4. Documenti Applicabili e di

Dettagli