Collaudo del software. Processo, metodi e tecniche, metriche e strumenti, guida all applicazione in azienda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaudo del software. Processo, metodi e tecniche, metriche e strumenti, guida all applicazione in azienda"

Transcript

1 Collaudo del software Processo, metodi e tecniche, metriche e strumenti, guida all applicazione in azienda

2 ! & ) ) * +, -. / / /! &

3 ) 34 5 ) : + ; 6, < - :0=>,. : > 5 5? : ;:: A *!!!! 0 ; 89 : 0

4

5 = => 7 ; B: B: ;:: A 77 4 : B:4:: - A C > A C > A ) 8 7 ; A ) > A > A ) 7! C 7, A 4 A A ; A A 4 A7 A7 3 AA A 4 AA A ; AA A 4 A+! + 4 A. + 4 A>

6 + D4CE A> + D* 5E B A 4 6 B !4 + +7, 4 0 B4 + +A 4 + &!!, 4 +,, 4 +-, 4 +.,7 4 +>,A 4,,+ 4,,, 4,,- 4,7, 4,A, 4 *F6B,+, 4,,,7 4,-,A 4 0, )! , >.7 4 -> A >.A 8 >7.A ) >7.A7 ; >A

7 .AA 8 >+.A+ 1 >,.A, ) * + > : 0=!3;>, + > 1 + > ) + >7 5 + >A 3, >+ :, >, 8, > 4 - > ; - > 4. >7 4. >A C 4. >+ > >7 4 > >7 6 D86E > >7 4 D? *GE >77 4 D*F*GE >7A 4 >A 4 7 >A 4 D4CE 7 >A 4 D* 5E 7 >A7 ; A >+ 4 + >+ 8 + >+ ;. >+7 ;,! 8, 8 < B8, 8 > 7 8 : A C , /) C 7,

8 6 C;6 7, 7-7 ; 4 ; 7. A : 4 : G A 7 6 A7 7 6! 6 A A A, 0 A> A , 0 +A ) +, +! : +> 3 +> C +> 7 ;, A 3, + 3, :, ;, ;, 7,7 A,7 + 5,A, 3,+ - 6,+. 6,, > :,, - & )

9 16 7 1: 7+ 17; 7-1A A 1,0 D/E: A C D E A> 1.0 * 5 DE + 1>4 >7 18 >+ 11 >. 16 >> A; B 4 1,0 A> > , 47; = C ; H H H > 4A/ 4+8 > *

10 2 2 8: = 2 DE C 2 2 2

11 2 2 ;I C I ; D E ) D E / 3 < 0=>;:: 0=>2 ;::J; B: B: 2/ /4 5 2 ;:: 4 : B:4::

12 . * 0=> / 5 =I 0 KK KK = ; L M)) M 2 2. *1. *6 M. 0=>. ). *&. : 0=>

13 D / E / )! 0 C & 0 C C + 4 < 0=>

14 1 1 ;::2 ; D E ) JN8) 2 3 4& / 2 3 6& 4 A 0 0 ; / ) ) C In realtà il modello definisce due rappresentazioni diverse dello stesso modello: una basata su 6 Capability Levels 0 5) ed una basata su 5 Maturity Levels 1 5). Le due rappresentazioni sono equivalenti, anche se formalmente distinte. La seconda, forse più diffusa è quella descritta in questo capitolo.

15 2!3.& ) 8 D E 4 ) / / 5, C 55 5, / D02 E 5, , / ; 087) 5 0

16 ) 0 08 D02 2 E , 5, ) 8 @8+1 2 La numerazione degli obiettivi e delle pratiche non è sequenziale in quanto essa si riferisce ad una notazione in cui sono presenti anche elementi che si riferiscono ad un altra rappresentazione del modello, detta continuous, diversa da quella presentata qui, detta staged. Ma ciò ha poca importanza ai fini della discussione fatta nel nostro contesto.

17 @87; & ;:: 7 4:: 4::2 ;:: )4:: 3 3 & ; Qui si fa riferimento al modello elaborato da Ilene Burnstein, Ariya Homyen, Tartip Suwanassart, Gary Safena e Rob Grom.

18 !3.96, :1 = ) ) )

19 6 6 J 3 C DE DE I 6 / I *

20 8 AQ CCM CMM CMMI CT DCR IEC ISO IT JCL ODC PM PMBOK PMI QA SAL SCM SEI SMART ST SWEBOK TMM TR UAT UT Assicurazione Qualità Change and Configuration Management Capability Maturity Model Capability Maturity Model Integration Caso di test Design Change Request International Electrical Commission International Organization of Standardization Integration Test test d integrazione) Job Control Language Orthogonal Defect Classification Project Manager Project Management Body Of Knowledge Piccole e Medie Imprese Project Management Institute Quality Assurance Assicurazione qualità) Stato Avanzamento Lavori Software Configuration Management Software Engineering Institute Specifico, Misurabile, Attendibile, Realistico, Tempistico System Test test di sistema) Software Engineering Body Of Knowledge Testing Maturity Model Technical Report User Acceptance Test test di accettazione dell utente) Unit Test test unitario)

21 , O ;< 89 : P 2 2 ; + + P 2 4,! = 6 2 < I 2 P 2 + > A D E2 2D E D E 2 D4) 0 4 E * +D; E2 CD4 E2 DE

22 < < 2 + > 2 = 2 2 ) & D E 2 &D: E2 D; E <2 = 2 2 2I

23 / +, P < P2 2 ) DE D E3 D 4) 0 4 Q? B 0&RF>->&

24 EDED ED E : 8 C ; S ; S 7 Q0FBD EJDQ0 E)+ O 1. I bug sono conseguenza del lavoro di programmatori disattenti; 2. Il mio software è sul Web. Posso eliminare gli errori in un secondo; 3. I miei clienti faranno il test del prodotto al posto mio; 4. Chiunque sia qualificato come tester non intende lavorare come tale; 5. Non mi posso permettere un tester!

25 ; S ;S ; S ; S ; S /> 2 & C / : ) F ; =!8 89 : :

26 2 T 8 8 ) 0 ) / 6 ) )

27 ; 3 = = ; ) 5 5 I I I C 2 P D E 8 2

28 2 3 D E < 4 I D E D E 8P D EP 8 3 D E D E0 ;. ; ; D E.& 0:)64 0U0 :U: )U) 6U6 4U4 )

29 8 I P = 2 ;:: 4 ) 7 C A + 4, 5 *

30 8 C C 0 I )) I > + 7> > > ) ) ) ) 5 > +V +V D1 9 Si tratta della stessa regola menzionata in altra parte del manuale ed enunciata da 1F8*F D )?B6:).

31 2)+VC+V;V 4 ;AVE > 2 > + < 7 ) : P ) 0 > + + > V ) 2 L 8!,

32 ) 7V ) ) ; & 8 8 :2 :8 0 ) ) / C - D8 E

33 - C 8 5 F ;:: ; > ;PO ; < /

34

35 ! , 3, 5, - -,

36 6 ), , : ) / 6 2 D E D E ) 8 : 4 8

37 & -. / & ) 2 D6 E 4 D4 E )DE, 3, 3,, + 2 D E 3

38 43 > <> > J J2 2 D E0) ,, & 3,8 & &9-1 -, +-, - + ) 0 )

39 5 ; 2! 0;: )2! = ;;: 5 ; 2 2 J) < B) 2 2 D E O 0=> ;:: *

40

41 0 DED EDF EDE 2 ; D E 6 0 D E ) 2 2 J2 D EJ0 D E2

42 ;:: 0=>/! O )! ANALISI DISEGNO CODIFICA E TEST UNITARIO TEST E COLLAUDO UTENTE RILASCIO R2 = Revisione del disegno R0 = Revisione dei requisiti R1 = Revisione delle specifiche R3 = Ispezione del codice R4 = Ispezione dei casi di test R5 = Ispezione degli scenari di testi R6 = Revisione della documentazione utente R7 =Revisione delle procedure di installazione ed operative R8 = Revisione delle liste di rilascio )+ DEDE2

43 ?F 2 DE D E I ) D6 E ) I &2

44 & D E ) / / /

45 / / / / 0I D E 0 < D; E 0 2 D; E 2

46 3 D; + E 2 3 D;,4 E 5 6 D; -4 E

47 ! & ) & +4 5, , *6-.:;/ C 5 : 2 0

48 2 3! < F C C D GE D DE )

49 8 ; 6 2! < & D E 2 4C* 5! A6B D4CE2 8 D E DBE -&9 -&< -&, -&0 -./01 +6-,&7,,: 1; DE DBE 2 P < DE= P IO *

50 &) 2 2 D E 4C )*;H &! A-;B &D* 5E 0 P 2 8 5DE2 DED E < 2 2 &) 2 2 D E * 5 )*H & 26-,<-&=,,:; 8 ; &9 -&<,, -&0 6 6

51 ! 0 I!!!! / F D E 2 / / / 2. TA!-G : 4* 1: 4*1

52 !!!& / I 8 ; 6 6 6! < 2 O 2 D6 E

53 ) 2 2 I I 2 8 ; ; / 0 0 )) * * +

54

55 & DE 4 DEJ D E 4 D EJ D E F B & *F & &

56 4 4 4 ; ) ! 2 ) I J DE2? 2 4 C 2,-, - )) +. ) /, -0 1 ) ) 0 ) 0 1 ) 1) + & 0 2 4? 2 D4 E W

57 & 2 6 O & 2. = F F2

58 & & )/ / = 2 C 4 5 )

59 & DE ). = 2 Q; 4 I 3 0 Q; *

60 & < 6 = DE 2 : < 2. 4 ) / F F ;

61 &! =I 0 3 =. 4 ) 3 8DE

62 && 6 D EDE. 4 ) 5 0

63 & 2 6 : 2. = 2 D LE 4 I F

64 & /2 2 & 2 4 D*F6BE 4 4 D8E 4 D0 E

65 & /1 6 DBE2 DEDFE 2 2 ) DFBE F FB FB 4 ) FB 0 8 B

66 & 6 D ED E D E. = 2 4 ) 4 /! 4 4

67 & 6 2 DE 4 E E F

68 & 6 2 3!= I &2 2 2!= F. = 2 4 ) 4 DE )

69 4 5 *

70

71 2 6 D F E3I 27, 3G I 4 & D E A - D E D E J,V & 2.O D.E 11 Il termine e*2 6? ; B B

72 C 2 A!- ) B8. 0 B5 B0 B 2 / C ; ; B B!??* 1?

73 0) 0*) 0 T C C I ; 8 4 * D E ; 4 ) = 8 7? F DE

74 F D0 NE0 28 F4 2 D3 TFE ) ; / / / / 12 Quando non sia possibile assicurare personale interno qualificato nei tempi richiesti dal progetto occorre avvalersi della collaborazione esterna di consulenti qualificati, competenti ed affidabili.

75 ) 6 < 2 A-! D E

76 8 28 : ) 2 2 Esempio: a fronte di uno sviluppo che preveda il rilascio periodico di componenti autoconsistenti in termini di funzionalità, la relativa strategia di testing deve prevedere il collaudo completo di ciascun rilascio e la successiva integrazione dei diversi rilasci. Analogamente, una strategia di sviluppo di tipo iterativo-evolutivo, in cui il prodotto si realizzi in modo ciclico aggiungendo di vota in volta funzionalità ad un corpo base, la corrispondente strategia di test dovrà prevedere un integrazione continua di nuovi moduli e di moduli esistenti modificati man mano che lo sviluppo procede. Acquista notevole importanza, in questo caso, una strategia che preveda un test continuativo d integrazione e di regressione. 2 Esempio: al termine della progettazione, il piano di test è aggiornato con la lista dettagliata dei casi di test e con la matrice di test non ancora disponibili al momento della pianificazione del progetto! & F8*FD )? B6:)

77 +V +V 4G LIVELLO DI RISCHIO Rischio alto Rischio medio Rischio basso IMPEGNO PER IL TEST Pianificare un impegno complessivo per le attività relative a tutti i livelli di test previsti pari a circa il dell impegno totale previsto per l intero progetto. I fattori che maggiormente impattano i rischi ed i costi del progetto sono: dimensioni del progetto, complessità, date dei rilasci previsti, tecnologie adoperate ed altri fattori di minore importanza. Pianificare un impegno complessivo per le attività relative a tutti i livelli di test previsti pari a circa il dell impegno totale previsto per l intero progetto. Pianificare un impegno complessivo per le attività relative a tutti i livelli di test previsti pari a circa il dell impegno totale previsto per l intero progetto., 0 ; 4 C 2 F

78 7 8 ; F2 3 La matrice di test permette di individuare eventuali scoperture o duplicazioni nell esercitare le funzioni. Permette anche di ottimizzare i test in termini economici. Ha quindi un duplice effetto positivo: sulla qualità e sull economicità dei test. Offre garanzia di qualità assicurando che tutti i requisiti siano indirizzati e permette di ridurre i costi eliminando i casi di test duplicati. ;I2 I 2 D E! D E 0=> A 4I X La validazione dell ambiente, ed inclusi gli eventuali strumenti adoperati tool), è richiesto per garantire che i risultati ottenuti dai test non siano in nessun modo influenzati/alterati dall ambiente stesso. )

79 8 2 ) ; A 4 ; ; 2 C ; 8 ) ; 6 4 : *

80 2 DE D 5 I 8 ; ;! ) I 4! 4 3 V 6 : ; )

81 8 + / 6 / ; ; /. 2 )* : G V )

82 & C NN18 2 C < 6 2 ;I I D* ED4E DEDED E DE < I 8 )

83 4 : ; ) I : 6 82 ) ; : 6 / 8 ) / 8 ; + )

84 2 6 ; ; / /!. )* *FG 4 *!4 6?F 0C0 8 ; 8 ;4 : 4 6 )

85 O D0ED8 E< 2 4 DE 4 D2E? 4 D 2E AA--. 4 DE 4 DE!! 4 D2E )

86 5 2 4 DE DE? 2, -+ / *) 4 ) 7/ 2 ) 1 3+1* ) + 3 I 8 4 : ; I )

87 : ) P ; / ; / + 6 ; ; ; 8 /!. + 3 )

88 4 *FG 6 8 ; ; ! 4 ) 6 6 ))

89 6 < 2 D E O 2 D/E ) 2 2 ) 2 2 I 2 8 ; ; 6 C 2 0 )*

90 : )) * * 6 )) ) + < I 8 ; ) ; 8 I I 3 6 I 2 8 / *

91 P ) ; / 3/ + 6 ; ; / /! * *

92 + 4 *F*G ; / + 2 & )8 / = 3 *

93 , 2 >. &:; &: & 2 0 O I +-C ! !40.:.4;72 7, D E 2 8 C -+V 8 8 *

94 < 5 2 Y 8 < 3 D E M 4 : 3 D E 5 52 C ) ID EDEDE D ED ED E 6, <= < > ,- 641, --&, 64- *

95 , C 2 >3 = + -,- 3-- A--- 1B.,, ---C-/ 9,,-,-2.,? 9-, ,- &. /C5 2, 5-, -B D--2 A,- 2,&.1 / - 4, A , 4 4 C -,-& A -- A -,- &,, 2 0 D E 2 )2 *

96 ! ) ) 2 )2 0 ) ; D) E & ) I ) 02 DE < D6 E 6 *

97 02 DE D E I ; D;E2 D E ) A C D6 E) + / ) I ) 0 2 D/ E D;E) D6 E D) E ) < 70 DE2 D.4 EP DE ; 2 *

98 :31-B; :+; :9 &,& ; :A &,; : ; :A ; 5- : & ; & : 8 )4 : *)

99 ) ): 8 4: 8 Y YY ) 2 D E 9 1-.:9;/ 0 1-.:9 ;/ 9, 1- +, 1-.:+ ;/, 1-.:;/ 1-.: ;/ , 1- -, , ) 2 **

100 )! 2 D E5 3 5 ) ) C;8 C!! 2 )! )

101 &D: E & 5 3 )8 ; / 3 )8 / 6! / )

102 2 2 8! 6 5 8P 2 DE =2 D E D E = D, E D E 3! 0 I 0 16 Come già detto in altra parte del manuale, la norma ISO 9001:2000 come d altronde anche le versioni precedenti della norma) richiede che l ambiente di collaudo sia validato prima di iniziare le prove per assicurare che esso non influenzi i risultati dei test.

103 8 DE = ) 2!! 3 C;6 9! 5* 2 4 D EC;6! = I L C;6 2! C! G ; 8 8 )! & )2 C;6

104 * + 0 = =!3;>, + ; 4 4 C + < = :> 4 : 7:> 4? + < : ; 9: + ; A 9! ;95!

105 * *& 0=>, - * )2 C D E ; ) ) 0 * 82 C D E : 4 6 * ;2 C D E ; -: 0=!3; >,!

106 ) = * 4 C 02 DED E 6 6 *! 2 C 2 D E ) D E : 0 8 *&,2 C I D E ) ; 0

107 * + C 0 DE D0 E ; 4 4 C * 0 8& )! )! ) ) ) )! 8! ) ; D BE 6 ;

108 ) 5 * 8 DE 4 * + 8 C !! 3 3 DE * 6 2 I 4 8! / / DE )

109 8 F F 8 8 D EZS[\3=1 *! C / 4 J Y 2 > 8 / / / * + < Le tecniche presentate per l esecuzione dei test prevedono: 6 D86E 4 D? *GE 4 D*F*GD4 4 * / A, /B, *

110 0! /! 4 D86E 2 = 2D E 2D E 2 2, 6 0 / 2 2 / < 3

111 0 + 2 * A?+-CB D? *GE2 8 G P2 8 3 < 2!C 8 I 0 3 / / /! 3

112 & & & 8 * * D*F*GE2 2D E2 22 M & M 8P *F*G < P 2 *F*G2 A4 5B D) E D; E 8;

113 * + Le tecniche di integrazione presentate sono quelle più importanti: 4 D4CE 4 D* 5E ; * < A6B D4CE 2 4C! D E 0! * < A-;B D* 5E 1! : 0 2

114 : 2 * * + 4C* 5I 4C * 5 3 I

115 *! + 8 ; =C; ; *!, 72 : L 5 2 L 5 5 2D E /

116 5 2)3 DE 8P 2 3 < 2 = 2 D8 E2, N , VALORI REQUISITI ANALISI - DISEGNO CODIFICA TEST UNI- TARIO TEST D INTEGRAZIONE TEST DI SI- STEMA Valori attesi Valori effettivi = 4

117 2 N5 816 L D E < / & & )) /* *! L B 6! 2 0

118 Difettosità = Errori rilevati/kloc o FP) REQ SPEC DES CUT IT ST ESERCIZIO 6, 12, 18 mesi) 3 2 / J *! Si tratta di costruire una tabella con i difetti rilevati durante le varie fasi del A 9! )

119 6,.E7 / IMMISSIONE DEGLI ERRORI NELLE FASI DI SVILUPPO RIMOZIONE DEGLI ERRORI NELLE FASI DISVILUPPO Analisi Disegno Codifica Test Totale Analisi Disegno Codifica Test Totale ) C> 8 C 7 ), 8 A. 2 ) 7 5 DE 2)AV 78 7V7;AAV-V 4 5 DE 2 )-VCV;AV4,-V = *

120 8. > Numero di errori IES = Specifiche incomplete o errate MCC = Fraintendimento delle comunicazioni con il cliente EDR = Errore nella rappresentazione dei dati IET = Collaudo incompleto o errato IDS = Deviazione intenzionale dalle specifiche PLT = Errore nella codifica di una specifica di disegno EDL = Errore logico nella progettazione MIS = Altro IES MCC EDR IET IDS PLT EDL MIS Tipologia di errore Figura 14. Classificazione dei difetti e rappresentazione secondo Pareto. +7V.) 8 2 < 7V -V 8 2 D-!7E.! > 2

121 Tabella 4. Valori percentuali delle tipologie di errori rilevati. TIPOLOGIA DI ERRORE Specifiche incomplete o errate IES) 22 Fraintendimento delle comunicazioni del cliente MCC) 17 Errore nella rappresentazione dei dati EDR) 14 Collaudo incompleto o errato IET) 10 Errore di codifica della progettazione PLT) 6 Inconsistenza dell interfaccia tra i componenti ICI) 6 Errore logico nella progettazione EDL) 5 Deviazione intenzionale dalle specifiche IDS) 5 Documentazione imprecisa o incompleta IID) 4 Violazione di standard di programmazione VPS) 3 Interfaccia uomo-macchina ambigua o inconsistente HCI) 3 Altro MIS) 5 Totale 100,7V *! ) +V -+V 2 DE

122 Valore atteso ERRORI RILEVATI Tempogg) ) / DED E Nota: la curva rossa indica che il software ha una difettosità superiore a quella prevista. Occorrerà quindi prolungare la fase di test fino a vedere la curva appiattirsi verso un nuovo asintoto di valore superiore a quello atteso). P! 5 2 : 2 I D E2 2

123 L Nota: l uso più efficace di tale tecnica è quella permette di valutare, al termine di una fase di test, se essa sia stata efficace oppure no. Generalmente una fase di test termina, nel migliore dei casi, quando tutti i casi di prova pianificati sono stati completati. La curva mostra, invece, se i casi di prova eseguiti abbiano rilevato tutti gli errori previsti!

124

125 , < =, / ; : 0 / 6 6 6

126 ,, 72 :1, D8 E2 32 P 0=>;::31<: ) 0=!3; >,!7 8P 2 2 F 2 2 6

127 4, 72 C 2 ) 80=> &46=C5]=&3 C 0 7C = =1=C3)<5)4) 76 7 < 7 < A;;=C/4) A8 A8 A78 AA

128 A+8 A,8 + 04)&C)6C30465: 3& A0 ++ 0, 630):/361;T33/)C)]=&,=,: - 3&4= )

129 , O! 6 )342., ,, 9,,, / F, 4 F, -&, 4 0- &,- F 4 6. / F & ,-.<& / & 12 --, 0-& - --, <& / -, F F 61 & - F F GH GHB3 12 > & IF -.,2& / Le caratteristiche e sottocaratteristiche sono prese dal modello per la qualità del software definito dalle norme ISO/IEC E evidente dall esempio riportato sopra la connessione tra il profilo della qualità e la strategia di testing. *

130 ,, 2 DE 3DE PDE DE I

131 4, C. / , /

132 , +, D8 E2 2 8I 6 J ) J 6 8 8I + 4 & B--B -B7 & 0-./ 0-6, 7 7 7< 7-3.-/

133 !, 6, 2 1 ; S ; S < S ; S ; S ; S ; 8 2 F F J J ; *F6 8

134 , 4. ) ) /+ C

135 & 0 8 / 2 I CI &

136 6 /+ 6/ C; 6 C;6 C C; / ,/8 & &A , B--B/83./ , >.9< /8 +-,8 8! 8.0-B+/8 7,8

137 4 4?6 ) * ) * A - -,, -./,, -./,, -,-,,./,, -./,, -./ 6,, 6,, +,, -,, - A - -? -? 6,, = 12

138 D;; E 2 C 8 C 6 M 2 / C M & C M C 5D E2 2 O )

139 4 0-9E+7 A &3 5, A -5 3, &,/ A<11?C /37.42/37.42/, >5 - A -5 >5 A & - - >5-- 5 >5-- 5 >5-5 - ) A -5 -C - * >5- A. / 8<11? 78BB D D D28 + >5C --,,1 J,, - 8:A - 5 <11?C --,,-5; >< 7, )BB 9-.K/ 7.- / *- 6B+ 7 BA,B- + 1 >< 7 *BB Z2 D6 )ED6 E D84 E *

140 C D: 0! 2 2 < P 0

141 4 =A & 3 &31 &3 &3 ) * &3 &31 &3 &3 &3 ) * A - 6-E,,,,,,,,,, , +E E A 6,, 3- L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L L = 12 L L 6 L DGE DE D E D E ACB 9 E )

142 + 4 A!! / ,-, , & /8 7,8 7,,8 8 8 &8 8,8 7-8

143 / / 9 / 3 8I & F 36!

144 / < 4!??3454.4?5 3!!! 3! A4!! 4A!! 3.!!6AB0E! 2 63<6 083;0C0C;=C;C=; 04C0

145 / / 3 8I & / < > < > -U*

146 / 4 / / 3 2 & ; C 4!C 0 C / )BB 05 < )BB )BB 0--,, 7< )BB *BB > *BB *BB --1 BB *BB & > *BB - BB 7 - > BB M M M BB MM BB

147

148 @ D E D E D E D E D E DE D E J 0 )

149 5 ) &8! )!2 2 ) )! 8 <8 &A - &9- &+ <9 8 & & 8 &+, &.N/ &3, *6-2 *

150 3 6 ),-/ 1 ), -/ ) 6*+ B )* )/ + + ),-/ 1 ), ) )?273.) < < 8 &A -- < & &9,- & &9-- &6 - &+ 8 &+,- &.N/ &3,

151 0 4 : ) 9). ) ) )! 2.) ).) 8 I D E! C )

152 .= / <8 &A - &7, &3, &9- &3, <9 8 &+, &9- &3, & & 26-, 4 D E 3 DE < 0 7 5G!? ;;YYQQ0 /*C 8 D GE DFGE2 8 ) D E 4 DE! DE

153 ! DE0 BF O 0 D E ,,- ) 2

154 & ) 0 ) 5 2 ) 0< ) 0 ) 5 ) =0 2 B? 0) 0C 08 ) :

155 < 0 D ED ED ED E = ; 8 D EDE 8 D E!!!!! 8;!;YYQ2 7 ) 3

156 8 0 ) 8 DEDEDGE0 ) ) ) D :

157

158 + C C 7 ; A 3 + 3, ; 7 5 A 3 + 6, ) - 6. : )

159 C 2 2 E U&!C N=; ) I 2 N18 62 U&!C *

160 V8I I V< U&!& U&!&

161 I 8 DE DE U&!& 4 U&!& 4 7U&!C! = 4 U&!C 4 U&!&

162 I ; :; C 2 2 DE2 : 4: ; A

163 6!! D E 3,O A 8 + 8, 8 6! 2 = D E 3 - ; ) 7 4 A 8 + ;, 0-1

164 ! ; UU 7U U U 7U 0 ;2U/. ) /C * C +, 46=4-64&! +

165 & DE 3,U4,U&,7UV / 6 AA /, U4, U&, UV

166 /2 6 = 2 /2U) 0 :) * 2 6 & I 4 & 2 2U4!4 2U)!4

167

168 - C 2 ^: =03R7_ CQ: B*)8B7! 2 ; 3 ^N)&367_ ;N** 8 J7 B B!>9?B & * 6 0A= B>>7 &)? B ^;)*3>,_ : ;4Q? )6>>,!!> C6? 3!!!`` ^*3]36>_ 4 ; 8 ^: R360->_ : Q? Ba0&RF :2 ^3=&)6C3F! * 6&A* 0A= ^*)6*)6&=>._1;*3F>>. 6! )0A= )

169 ^8&C36>,_ : F8a0 : )>>, B ) QF ^: 5&6=>A_ B: 1: : 6 )QF B * 6+.D 1) ^*)&;>7_ B * 6 1) ^&=;3&4&>7_0 & >>7 & * 6 34)0*6 ^? T3336>7_CQ? >>7 E! 08;8 ^]34T): >_/)] )8*B>> * 6 & QB*8 ^;6=0*R.,_ 8*;B>., B * 6 + ^&)4)3>,_ C& 6* 6 ) 1)! ^851=6C>,_ N8)N 0 0>>, * &F 472&.5&3)? B ;2 ^5;CA_ 5; C *:!!!! *

170 ^;)&4=&7_ ; & C*C*7! )* 6 46) ^;=60=7_ ; J7 B1 2 9! 9 3 : ^&=6:)&_ C)& &4) ^/0;=)_: / 46=4) ^&303&_ QF& =4 46) ^0N)6_ Q0F.=492.=493) ^R&;T>>_ 8 FQB0T J>>> =4? 2 =4?: 9.! =43) & ;53& ^:)006=&>._: : >>. < ) : ) >>+ B1 ) : ).* 5* < 4

171 ^0=>7A_0=!3;>7A? > G& & ^0=->+_ 0=!3;->>+ & B. ^0=-_0=!3;->>+!) & B. ^0=+->._ 0=!3;46+->>. &? &A8&! I B. 3 ^0=,7,>>_ 0=!3;46,7,>>>? &A8&!I.J 1 1 ^03;::_ ;::bc / J;::8 4 ), ^0308: _ 0 89 : 03;:03;: QB>.>C 186

172

173 B ) ) * 6 + * 6 1 ) ) )+ & 1 ) * )) 1 )+& 1 ) *K * 62*) ** 31 )) ) )+ & )) 2 ) B ) ) ) ) 41) +& * ) 2 ) 3+1 ) =42& ) 4/ 3+ 6 ) +& C24>4 74> 4 ) ) A ,& & -42>,C-- - 1,A<,,,96& -,O,,- & -42,A6E* -, 11 O ---,.D-<7D/O &,,, O A&A , 2 &-8P

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA

ATTREZZATURE A TEMPERATURA POSITIVA ANUGA COLONIA 05-09 OTTOBRE 2013 Ragione Sociale Inviare a : all'attenzione di : Padiglione Koelnmesse Srl Giulia Falchetti/Alessandra Cola Viale Sarca 336 F tel. 02/86961336 Stand 20126 Milano fax 02/89095134

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@?"?$3J I?@?@?@'@J I")&?@%@?J I?"!@?"!"J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO

CAMPIONE DELL URSS MKKKKKKKKN I/@?@7@?0J I@#@?,#@?J I#@+$#@?$J I@?@??$3J I?@?@?@'@J I)&?@%@?J I?!@?!J I@?@-2-6?J PLLLLLLLLO CAMPIONE DELL URSS Alla fine di novembre del 1956 cominciò a Tbilisi la semifinale del 24 campionato dell Urss. Tal vi prese parte. Aspiravano al diritto di giocare il torneo di campionato, tra gli altri,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

C URR I C U L U M V I T A E

C URR I C U L U M V I T A E C URR I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Ercole Colonese Indirizzo Via Carlo Cattaneo 15, 00185 Roma Telefono (+39) 338 7248417 E-mail ercole@colonese.it (personale) Sito web www.colonese.it

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione -

Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Capire gli ECM/EMM - Seconda Edizione - Questo documento è un tentativo di raccolta e riorganizzazione dei vari post & thread esistenti sull'argomento SEKA 2, senza la pretesa di essere un trattato esaustivo.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Crema 14 dicembre 2010 Sergio Oltolina Senior Technical Manager Architetture e Consulenza Direzione Centrale Ricerca

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)).

La curva grafico della funzione, partendo dal punto A(a,f(a)), si snoda con continuità, senza interruzioni, fino ad approdare nel punto B(b,f(b)). Calcolo differenziale Il teorema di Rolle TEOREMA DI ROLLE Ipotesi f continua su [a, b] f derivabile per lo meno su (a,b) f(a) = f(b) Tesi Esiste almeno un punto c in (a, b) tale che Giustificazione con

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

AUTOMATION AND PROCESS CONTROL

AUTOMATION AND PROCESS CONTROL AUTOMATION AND PROCESS CONTROL THE CONTROL TECHNOLOGY GROUP FAST GROUP Dal 1982, anno di fondazione, FAST rappresenta nel panorama internazionale un punto di riferimento costante per forniture di sistemi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15

PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 PIANO ANNUALE A.S.2014/15 agg. 5/9/2014 1 lunedì collegio docenti 8.15 10.15 adempimenti di inizio anno 15 lunedì C.di C. 3AG 13.30 14.15 programmazione - visite studio - varie solo docenti 15 lunedì C.di

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori

CONNESSIONI IN MORSETTIERA. Caratteristiche generali. Morsettiere a 6 pioli per motori CONNESSIONI IN MORSETTIERA Morsettiere a 6 pioli per motori -monofase -monofase con condensatore di spunto -bifase -trifase a singola velocità -trifase dahlander -trifase bipolari -trifase tripolari forniti

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Gestire l innovazione nelle PMI. Il Project Management come competenza manageriale

Gestire l innovazione nelle PMI. Il Project Management come competenza manageriale Gestire l innovazione nelle PMI Il Project Management come competenza manageriale Indice Presentazione Pag. Gli autori» Introduzione» 1. Il contesto di riferimento del Project Management nei progetti di

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE Roma, dicembre 1999 Analisi dei rischi in un progetto di sviluppo sw RISCHIO = potenziale difetto il cui verificarsi comporta dei danni Danno Non

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti

Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Mappa degli standard: stato dell arte ed orientamenti Domenico Natale AB Medica Versione 1 Riunione della Commissione UNINFO Informatica Medica Milano, 30 Settembre 2013 Introduzione La presente nota intende

Dettagli

Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software

Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software Gennaio 2014 Allegato 1.3 Modalità di messa in produzione software DigiCamere 2013 1 1. Obiettivi 2013 Nel corso del 2013 si è proceduto alla ridefinizione del processo di passaggio in produzione degli

Dettagli