Sistemi ad adsorbimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi ad adsorbimento"

Transcript

1 Sistemi ad adsorbimento Il ciclo in oggetto impiega un solido capace di adsorbire su uno strato superficiale il fluido frigorigeno. Sostanze che presentano tali caratteristiche sono ad esempio zeolite o carbone attivo usando come fluidi di lavoro acqua, ammoniaca, metanolo ed etanolo. Viene seguito, in alcuni casi, un processo intermittente che è stato anche il primo proposto. Il sistema è costituito da pochi componenti e perciò presenta il vantaggio di una maggiore semplicità ed affidabilità rispetto ad un sistema ad assorbimento cui fa però riscontro una minore efficienza energetica. Nei cicli ad assorbimento continui è necessario l impiego di un rettificatore per la soluzione assorbente allo scopo di ripristinare opportuni valori di concentrazione. Ciò porta come immediata conseguenza una maggiore complessità del sistema ed una stretta dipendenza delle prestazioni dalla temperatura del generatore. Questo legame si comprende osservando che, riducendo la temperatura del generatore, aumenta la concentrazione della soluzione che ritorna all assorbitore e dunque, a parità di quantitativo di refrigerante proveniente dall evaporatore, è necessario far circolare una quantità maggiore di soluzione per l assorbimento. Di conseguenza aumentano le perdite termiche in quanto la soluzione va prima riscaldata per giungere al valore di concentrazione massimo e successivamente, all atto dell assorbimento, raffreddata. Questo problema viene parzialmente superato nei processi ad adsorbimento su solido in cui il rigeneratore è meno sensibile alle variazioni di temperatura. pag. 1

2 Il funzionamento di una macchina frigorifera ad adsorbimento passa da una fase di rigenerazione-condensazione ad una di adsorbimento-evaporazione. Lo schema del sistema è riportato in figura. Nel primo semiciclo il reattore-generatore è riscaldato da una sorgente termica per rigenerare l assorbente. In tal modo avviene la separazione di fluido frigorigeno che, convogliato verso il condensatore, passa allo stato liquido cedendo all ambiente il calore di condensazione. Nel secondo semiciclo l evaporatore è messo in comunicazione con il reattore mediante l apertura della valvola V 2. Il fluido frigorigeno evapora, producendo l effetto frigorifero, e si porta verso il reattore ove viene adsorbito. I risultati esposti si riferiscono ad un analisi termodinamica condotta da Luo et al. [Luo L., Feidt M., Boussehain R., (1994), Etude thermodynamique de machine à cycle inverse à absorption, Entropie, n. 183]. Gli autori effettuano un confronto fra vari materiali adsorbenti e fluidi di lavoro individuando, per ciascuna coppia, il campo di applicazione più adatto. Per effettuare il confronto essi definiscono un COP, denominato intrinseco, che non dipende dalla configurazione dell impianto e dalle caratteristiche dei vari componenti, ma soltanto dalle caratteristiche termofisiche delle sostanze adsorbenti e dei fluidi di lavoro considerati. Tale COP è dato dal rapporto: COP int. = Q deadsorbimento fluido Q assorbito all' evaporatore + Q sensibile adsorbente + Q sensibile fluido pag. 2

3 Il confronto viene effettuato fra le coppie di lavoro ordinate per valori decrescenti del COPint. riportato in tabella. Dal confronto si desume che la coppia di lavoro a più alta efficienza in termini di caratteristiche termofisiche è costituita da carbone attivo 40/3 metanolo mentre impiegando zeolite 13/X il fluido frigorigeno più idoneo, data la temperatura di rigenerazione, risulta l'acqua. pag. 3

4 COPPIE DI LAVORO carbone attivo 40/3 metanolo carbone attivo 40/3 etanolo zeolite 13X etanolo zeolite 13X acqua zeolite 13X ammoniaca T generatore T cond. T evap. COP intrin. [K] [K] [K] pag. 4

5 Sistemi tritermici aperti ad adsorbimento Sono stati considerati i cicli compiuti da sistemi chiusi nell ottica di ottenere refrigerazione partendo da sorgenti termiche a bassa entalpia. A questo fine si possono utilizzare anche sistemi aperti. Questi ultimi trovano larga applicazione nella climatizzazione degli ambienti e sono caratterizzati dal fatto che il fluido operativo, l aria, può subire direttamente trasformazioni che la portano nelle condizioni richieste dalla climatizzazione. In tal modo si possono limitare le perdite connesse agli scambi di calore e tali impianti risultano adatti a sostituire i sistemi convenzionali di produzione del freddo quando sia possibile sfruttare sorgenti termiche a temperatura non elevata. A questi aspetti positivi corrispondono tuttavia valori del rendimento energetico piuttosto bassi. La climatizzazione richiede il controllo dell umidità dell aria e quindi delle trasformazioni con variazione di calore sensibile e latente per rispondere al carico richiesto dagli ambienti. Il carico sensibile è costituito dall insieme dei flussi termici, interni ed esterni, che interessano l ambiente mentre quello latente è indotto da immissione di vapore d acqua dovuta alla presenza di persone, all attività di cottura etc.. Inoltre l impianto deve assicurare un costante ricambio d aria perché il metabolismo umano, e non solo, altera la composizione dell aria riducendo l ossigeno, aumentando l anidride carbonica e la concentrazione di batteri patogeni. Di qui la necessità di introdurre nell ambiente una certa portata di aria di ventilazione, allo scopo di ripristinare opportune condizioni di purezza, portando gli inquinanti all esterno, oppure provvedendo ad una adeguata rigenerazione. pag. 5

6 Trasformazioni con variazione di umidità dell aria Nebulizzando acqua in una corrente d aria non satura essa evapora e la temperatura dell aria si riduce, tendendo al valore di temperatura di bulbo umido. Il dispositivo che realizza tale processo è detto saturatore adiabatico e può essere realizzato in vario modo, ad esempio da una serie di ugelli che iniettano goccioline d acqua nell aria. Il quantitativo di acqua che evapora dipende dal valore della pressione parziale del vapore d acqua nell aria e quando tale valore uguaglia la pressione di saturazione, si raggiunge l equilibrio. La trasformazione subita dall aria umida avviene senza variazioni sostanziali dell entalpia della miscela, che può esprimersi, riferendosi alla massa unitaria di aria secca e considerando i due gas come perfetti, come: J = h a + xh v = c pa [ ] ( T T ) + x r + c ( T ) 0 0 pv T0 essendo: * h a ed h v i valori di entalpia specifica dell aria secca e del vapore * x l umidità specifica, cioè il rapporto tra la massa di vapore e la massa di aria secca * c pa e c pv i calori specifici a pressione costante dell aria secca e del vapore * r o il calore latente di vaporizzazione acqua a T o =273,15 K, se questa è assunta come temperatura di riferimento pag. 6

7 * T la temperatura dell aria Durante l umidificazione l energia necessaria al cambiamento di fase dell acqua viene fornita dall insieme della miscela e quindi si abbassa la temperatura della corrente d aria. Questo fenomeno può essere sfruttato nei climi caldi e secchi ove è possibile garantire condizioni termoigrometriche favorevoli negli ambienti, semplicemente utilizzando batterie di ugelli spruzzatori. Tuttavia nei climi caratterizzati da elevati valori di umidità relativa il raffreddamento evaporativo risulta inefficace ed è necessario ricorrere a sistemi di deumidificazione-umidificazione; l aria di immissione viene cioè prima deumidificata e poi raffreddata sia con scambiatori sia con trattamenti di umidificazione. Per ridurre il contenuto di acqua è sufficiente raffreddare la corrente d aria ad una temperatura inferiore alla sua temperatura di rugiada; in tal modo, si separa vapor d acqua che passa allo stato liquido, ma le temperature richieste sono in genere basse rispetto a quella ambiente. Alternativamente è possibile impiegare sostanze assorbenti od adsorbenti che sottraggono l acqua dalla corrente d aria umida. Tale processo è consigliabile quando la temperatura di rugiada, a cui inizia la condensazione del vapore, dell aria prelevata dall esterno è molto inferiore alla temperatura richiesta per il condizionamento dell ambiente. In certe condizioni tale differenza può anche superare i 10 C e dunque la macchina frigorifera dovrebbe lavorare ad una temperatura molto inferiore a quanto richiesto dal carico sensibile da soddisfare, peggiorando la sua efficienza. Inoltre sarebbe pag. 7

8 necessario disporre di una batteria di postriscaldamento allo scopo di immettere l aria nell ambiente alla temperatura desiderata. Può risultare più conveniente ricorrere ad assorbenti liquidi o ad adsorbenti solidi dello stesso tipo di quelli impiegati nei sistemi chiusi ad assorbimento o ad adsorbimento. Il processo di deumidificazione avviene grazie alla differenza di pressione parziale tra il vapore d acqua nell aria trattata e la pressione di vapore a livello della sostanza deumidificante. Inoltre, analogamente a quanto avviene in una comune macchina ad assorbimento, impiegando una sostanza deumidificante è necessario prevedere una fase di rigenerazione che avviene semplicemente riscaldando la sostanza utilizzata così che ceda vapore ad una corrente di aria con umidità relativa sufficientemente bassa. La rigenerazione di un adsorbente viene effettuata, analogamente, mediante immissione di aria calda ad una temperatura compresa fra 70 C e 130 C. I valori superiori sono necessari quando pag. 8

9 l'aria di rigenerazione è caratterizzata da elevati valori di umidità specifica. Un possibile sistema di rigenerazione è riportato in figura: sono presenti due assorbitori che alternativamente sono impegnati nelle fasi di deumidificazione e di rigenerazione. Tale sistema presenta un elevato ingombro e non è in grado di garantire un funzionamento costante in quanto, al ridursi della capacità assorbente, cambiano le condizioni dell aria all uscita ed aumenta l umidità specifica. Entrambi i problemi possono essere limitati impiegando un sistema rotante, schematizzato in figura. Esso è costituito da un cilindro riempito di fogli ondulati impregnati di sostanze deumidificanti di cui solo un settore è impegnato nella fase di deumidificazione mentre la parte rimanente viene rigenerata. Il cilindro ruota a velocità ridotta, al massimo 6 giri l ora, garantendo condizioni più uniformi dell aria all uscita. pag. 9

10 A volte si utilizzano anche sistemi con liquidi assorbenti. Occorre comunque sottolineare che l assorbimento di vapore d acqua da parte della sostanza assorbente sviluppa calore e dunque diventa necessario raffreddare l aria deumidificata. Schemi impiantistici Secondo i concetti esposti, la figura riporta un diagramma a blocchi di un sistema di condizionamento basato su un processo di deumidificazione-umidificazione. Le trasformazioni possono essere seguite sul diagramma entalpico dell aria umida. L aria in ingresso è costituita da aria di rinnovo, 0. e da una parte di aria di ricircolo, 1: la corrente 2, subisce un raffreddamento per evaporazione e successivamente entra in uno scambiatore ove sottrae calore all aria deumidificata, trasformazione 3-4, senza variare il proprio contenuto di vapore. Nel deumidificatore ad adsorbimento, trasformazione 4-5, l aria cede vapore d acqua e si riscalda per effetto del calore di adsorbimento. Pertanto, prima di essere convogliata nell ambiente 0 aria di rinnovo umid. acqua di torre 1 aria di ricircolo umid. scamb. scamb. deumid. pag. 10

11 condizionato, viene raffreddata con acqua proveniente da una torre di refrigerazione o da pozzo, trasformazione 5-6, quindi attraversa lo scambiatore aria-aria. Infine dallo stato 7 viene raffreddata per evaporazione portandosi al valore di progetto di 50 umidità specifica. Questo schema di 5 trasformazioni porta a 40 sistemi che si caratterizzano t [ C] 0 per la grande semplicità. 30 Possiamo inoltre osservare 6 4 che l energia spesa è 1 richiesta nella fase di 2 20 rigenerazione e perciò è 7 legata alle condizioni 3 dell aria esterna. climatiche, dipendendo dall umidità specifica x [g/kg a ] pag. 11

12 Ciclo ricircolato Un secondo schema che consideriamo impiega all immissione aria di ricircolo mentre la rigenerazione del deumidificatore viene effettuata tramite l aria prelevata dall esterno. L impianto è molto compatto e prevede due umidificatori, un deumidificatore, uno scambiatore ed una batteria di riscaldamento. Le trasformazioni possono essere seguite sul diagramma; l aria estratta dall ambiente condizionato, stato 1, subisce una deumidificazione passando attraverso un deumidificatore rotante. Successivamente, durante la trasformazione 2-3, cede calore in uno scambiatore alla corrente di rigenerazione prima del suo ingresso nella batteria di riscaldamento. Infine, mediante raffreddamento evaporativo, la portata di immissione si porta nelle condizioni di umidità specifica di progetto. punto T( C) x(g H2O /g a ) h(kj/kg) Ciò permette di sfruttare il riscaldamento subito dall aria estratta dall ambiente climatizzato nel deumidificatore per preriscaldare la portata di rigenerazione riducendo la quantità di calore da fornire. L aria esterna viene prima umidificata, trasformazione 5-6, in modo da abbassarne la temperatura: e raffreddare la portata ricircolata, 6-7. Successivamente viene pag. 12

13 inviata in un riscaldatore, generalmente alimentato a metano, in cui raggiunge una temperatura di circa 130 C, sufficiente ad effettuare la rigenerazione del deumidificatore, ed infine viene espulsa. E opportuno notare che la trasformazione di deumidificazione 1-2 non è isoentalpica perché quando avvengono contemporaneamente le t [ C] fasi di rigenerazione e di deumidificazione mediante due distinte portate è inevitabile uno scambio di calore fra le due correnti. Il COP si ottiene dal rapporto fra la potenza frigorifera e la potenza termica complessivamente ceduta alla corrente di rigenerazione. La potenza frigorifera si ottiene considerando la variazione di entalpia fra le condizioni di immissione ed estrazione dall ambiente climatizzato. La potenza termica spesa è evidentemente quella relativa alla batteria di riscaldamento x [g/kg a ] pag. 13

14 COP m& = m & ricircolo esterna ( h1 h4 ) ( h h ) 8 7 Assumendo uguali le portate di ricircolo e di rigenerazione e con i valori riportati in tabella si ottiene un valore pari a Il deumidificatore è del tipo rotante in quanto riesce a garantire condizioni di temperatura a bulbo secco e umidità specifiche dell aria all uscita abbastanza uniformi. La vita utile delle sostanze adsorbenti di cui sono imbevuti i fogli ondulati che costituiscono il cilindro rotante è variabile da un minimo di ad un massimo di ore a seconda del tipo di inquinanti presenti nell aria trattata. Come adsorbente si può utilizzare gel di silice che ha il vantaggio di richiedere temperature di rigenerazione inferiori a 90 C. Il sistema proposto, come visto, fa uso al 100% di aria di ricircolo e questo non è desiderabile per la necessità di controllare la purezza dell aria. Perciò nella generalità dei casi la corrente d aria trattata contiene una quota di rinnovo, non inferiore al 10% della portata totale pag. 14

15 t [ C] Ciclo ventilato Una diversa modalità di funzionamento è offerta dal ciclo ventilato in cui la rigenerazione è effettuata da aria estratta dall ambiente mentre l aria immessa è tutta aria di rinnovo. I componenti, come si vede dallo schema, sono gli stessi del caso precedente. x [g/kg a ] punto T( C) x(g H2O /g a ) h(kj/kg) pag. 15

16 Il COP risulta uguale a 0.4, più elevato rispetto al caso della ricircolazione grazie al fatto che la temperatura dell aria nello stato 2, all uscita dal deumidificatore, è pari a 72 C consentendo un miglior preriscaldamento della portata di rigenerazione con conseguente riduzione della potenza termica da fornire nel riscaldatore. Confronti Al fine di effettuare un confronto con le macchine a compressione è necessario, anche per i sistemi aperti, determinare il valore del rendimento exergetico. CICLO RICIRCOLATO stati T (K) x (g/kg) e t (kj/kg) fattore di Carnot (T di fiamma)= 0.71 η II = 0.02 fattore di Carnot (150 C) = 0.3 η II = Premettiamo alcune osservazioni: l effetto che si vuole raggiungere con un impianto di condizionamento dell aria è quello di portare l aria umida ad uno stato in cui la temperatura e la composizione differiscono dalle condizioni dell atmosfera. Modificando la composizione del sistema fluido è necessario considerare sia l exergia fisica, legata cioè alle variazioni di temperatura e pressione dell aria rispetto alle condizioni atmosferiche, che l exergia chimica, pag. 16

17 legata invece alle variazioni di composizione dell aria rispetto alle stesse condizioni. Considerando al solito la miscela di aria e vapore come miscela di gas ideali, l exergia totale per chilogrammo di aria secca può essere espressa come: e t R a = T 0 T T ( c + xc ) T 1 ln + ( 1+ χ ) pa ( 1+ χ ) pv ln 0 T 0 T ( 1+ χ 0 ) χ + χ ln ( 1+ χ ) χ 0 0 R a T 0 ln P P 0 + essendo x l umidità specifica, χ la frazione in mole ed avendo indicato con il pedice 0 i valori corrispondenti alle condizioni atmosferiche. In tal modo si determinano i valori di exergia specifica riportati nelle tabelle. Il rendimento exergetico dell impianto è stato quindi ottenuto valutando il rapporto fra la variazione di exergia. fra ingresso ed uscita dall ambiente condizionato e l exergia calore fornita dalla sorgente termica, distinguendo inoltre il caso in cui il calore viene fornito da una caldaia alimentata a metano da quello in cui esso provenga da una sorgente termica di scarto, a temperatura sufficiente solo a rigenerare l adsorbente. Nel primo caso per la determinazione del fattore di Carnot abbiamo considerato la temperatura di fiamma. del metano pari a 800 C mentre nel secondo caso il valore di temperatura della sorgente è stato assunto pari a 150 C, essendo circa 100 C la temperatura di rigenerazione. pag. 17

18 con CICLO VENTILATO stati T (K) x (g/kg) e t (kj/kg) fattore di Carnot (T di fiamma)= 0.71 η II = 0.02 fattore di Carnot (150 C) = 0.3 η II = 0.05 η II = Q g e t 1 T T a g pag. 18

19 I valori che si ottengono variano fra il 4% ed il 5% il che evidentemente dimostra i limiti di questo tipo di impianti la cui valutazione non può prescindere dall estrema semplicità e basso costo d impianto, ma soprattutto dal basso consumo elettrico che è stato trascurato. Questo aspetto assume fondamentale importanza quando si voglia considerare la diffusione di questi impianti in paesi in via di sviluppo ove l installazione di generatori di potenza elettrica appare poco razionale o comunque una soluzione dai costi e tempi di realizzazione e messa a punto assai elevati. E' anche possibile realizzare cicli che forniscono il condizionamento estivo ed invernale, come negli schemi seguenti. pag. 19

20 pag. 20

21 pag. 21

22 Ciclo aperto ad assorbimento per riscaldamento e raffreddamento Tali impianti sono presenti da tempo in letteratura, ma recentemente sono stati proposti per reparti ospedalieri. In questi sistemi si effettua la deumidificazione chimica tramite la soluzione igroscopica H 2 O/LiBr. Funzionano sia come impianto di condizionamento estivo, con refrigerazione, che invernale, operando come pompa di calore; si ottiene un risparmio di energia su base annua di circa il 20%, ma tale energia è fornita da acqua surriscaldata a C. Gli schemi di funzionamento per la configurazione estiva e poi invernale sono riportati nelle figure. L'interesse per gli ospedali è dovuto anche all'azione battericida del BrLi che permette di ridurre le dimensioni ed i ricambi dei filtri per i reparti. pag. 22

23 pag. 23

24 pag. 24

25 11 1 DE S W r HT COND 6 UR frigorifero necessaria per portare l aria alle condizioni volute. 4 r3 r2 EVAP r2 r4 r1 5 W c Un possibile uso delle ruote essiccanti è quello indicato in figura, dove il calore di condensazione di un ciclo frigorifero viene usato per la rigenerazione della ruota DE. La ruota ha la funzione di abbattere il calore dovuto alla condensazione del vapore, riducendo la potenza del ciclo pag. 25

26 pag. 26

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA 1. PROPRIETÀ TERMODINAMICHE DEI GAS PERFETTI Un modello di comportamento interessante per la termodinamica è quello cosiddetto d i gas perfetto. Il gas perfetto è naturalmente

Dettagli

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c% 1 FISICA TECNICA 1 CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%!! Prof. Ing. Sergio Montelpare! Dipartimento INGEO! Università G. d Annunzio Chieti-Pescara" Termodinamica dell aria umida"

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE:

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: VALUTAZIONI TECNICO-ECONOMICHE TRA POMPE DI CALORE E GENERATORI DI CALORE I CICLI Cicli diretti = cicli termodinamici che riguardano i motori forniscono lavoro

Dettagli

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO

CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO CICLO FRIGORIFERO PER RAFFREDDAMENTO REGIONE CALDA Liquido saturo o sottoraffreddato Q out 3 2 Vapore surriscaldato valvola di espansione condensatore compressore P c evaporatore 4 1 Miscela bifase liquidovapore

Dettagli

Corso di Termodinamica Applicata Esercitazione n 2

Corso di Termodinamica Applicata Esercitazione n 2 Corso di Termodinamica Applicata Esercitazione n 2 13 maggio 2013 Indice Consegna 1 1 Dati ed Ipotesi 2 2 Soluzione e Risultati 5 3 Discussione dei Risultati 20 Consegna Si consideri un impianto di condizionamento

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 8 IL DIAGRAMMA PSICROMETRICO E LE SUE APPLICAZIONI

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 8 IL DIAGRAMMA PSICROMETRICO E LE SUE APPLICAZIONI Anno Scolastico 9/1 Corso di Meccanica, Maccine e Impianti Termici CAPITOLO 8 IL DIAGRAMMA PSICROMETRICO E LE SUE APPLICAZIONI 11 1 3 1 3.9.94 8 3 9 6 TEMPERATURA A BULBO UMIDO 8 4 1 7 11 6 VOLUME SPECIFICO

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti)

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) SCOPO DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Gli impianti di condizionamento

Dettagli

Capitolo 18 - Sistemi ad assorbimento

Capitolo 18 - Sistemi ad assorbimento Appunti di Fisica Tecnica Capitolo 18 - Sistemi ad assorbimento Introduzione...1 Funzionamento di una macchina frigorifera ad assorbimento...2 Macchina ad acqua-bromuro di litio...4 Macchina ad acqua-ammoniaca...5

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE NEGLI EDIFICI II Edizione di ANNA MAGRINI LORENZA MAGNANI INDICE GENERALE Premessa...9 CAPITOLO 1 I REQUISITI: IL

Dettagli

Impianti motori termici

Impianti motori termici Impianti motori termici Classificazione: impianto motore termico con turbina a vapore il fluido evolvente nell impianto è acqua in diversi stati di aggregazione impianto motore termico con turbina a gas

Dettagli

Scuola di Ingegneria. Tecnica del freddo G. Grazzini, A. Milazzo

Scuola di Ingegneria. Tecnica del freddo G. Grazzini, A. Milazzo Cicli ad assorbimento Anche in questo caso si ha la sostituzione dell'energia meccanica necessaria al funzionamento del compressore, con energia termica a temperatura non elevata; il compressore viene

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale

Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale Dalla terra l energia ecologica per il comfort ambientale EDILCUSIO s.r.l. da sempre in prima linea nelle soluzioni innovative costruisce ed edifica nel pieno rispetto dell ambiente Gli appartamenti sono

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

POMPE DI CALORE. Introduzione

POMPE DI CALORE. Introduzione POMPE DI CALORE Introduzione In impianto tradizionale di riscaldamento si utilizza il potere calorifico di un combustibile (gasolio, metano, legno, carbone, ecc.) per riscaldare a bassa temperatura dei

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Trasferimento di calore dall ambiente interno a quello esterno L aria del locale da raffrescare cede calore all unità interna del climatizzatore ed in tal modo si raffredda

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA: IMPIANTI TERMOTECNICI A.S. 2012-2013 di dipartimento individuale del/i docente/i...... per la/e classe/i 5^ TSE 1) PREREQUISITI Avere acquisito gli obiettivi dichiarati per il corso della stessa

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Laboratorio di Progettazione 3M prof. Giovanni Longobardi DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE prof. Marco Frascarolo Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Architettura A.A. 2010-2011

Dettagli

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica

Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014. Termodinamica Esercizi di Fisica Tecnica 2013-2014 Termodinamica TD1 In un sistema pistone-cilindro, 1 kg di gas ( = 1,29 ed R * = 190 J/(kg K)) si espande da 5 bar e 90 C ad 1 bar. Nell'ipotesi che la trasformazione

Dettagli

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di

Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di COGENERAZIONE (Ing. Pietro Innocenzi 1 ) Per cogenerazione di energia si intende la generazione di energia elettrica ed energia termica nella stesso processo di generazione: si recupera il calore a valle

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore di Piraccini Davide OBBIETTIVI : Inserire un impianto ORC (Organic Rankine Cycle) nel ciclo di bassa pressione della centrale Enel di Porto Corsini e studiare la convenienza tramite il confronto dei rendimenti

Dettagli

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Soluzioni di sistemi innovativi Perché l aria compressa pulita e asciutta è importante In quasi tutti i settori dell industria l aria compressa è uno strumento

Dettagli

Le pompe di calore 1

Le pompe di calore 1 Le pompe di calore 1 Le macchine termiche Una macchina termica utilizza un fluido in un circuito chiuso per scambiare energia meccanica e termica con l ambiente esterno Il secondo principio della termodinamica

Dettagli

TECNOLOGIE DI ESSICCAZIONE

TECNOLOGIE DI ESSICCAZIONE TECNOLOGIE DI ESSICCAZIONE Il processo di essiccazione consiste nell eliminare progressivamente dal prodotto parte del contenuto di acqua iniziale, a mezzo della somministrazione di calore. Abbassare il

Dettagli

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850

LEZIONE 2. a cura di Simone Laprovitera e-mail: slaprovitera@trevispa.com tel.: 340.46.87.850 LEZIONE 2 Aspetti impiantistici di un sistema geotermico integrato a pompa di calore. Principio di funzionamento delle pompe di calore geotermiche. Esempi di schemi funzionali di centrale. a cura di Simone

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015

Temi per la prova orale di Fisica Tecnica 2014-2015 I temi elencati nel seguito vogliono essere una guida alla preparazione della prova orale dell esame di Fisica Tecnica cosicché gli allievi possano raggiungere una preparazione completa sugli argomenti

Dettagli

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH UNITA DI CLIMATIZZAZIONE DEH Unità di deumidificazione e rinnovo dell aria con recupero di calore in abbinamento con sistemi di raffrescamento radiante Installazione a controsoffitto Configurazione

Dettagli

DIAGRAMMA PSICROMETRICO ELETTRONICO MANUALE D USO

DIAGRAMMA PSICROMETRICO ELETTRONICO MANUALE D USO NOTA DELL AUTORE Quando la Giunta AiCARR ha espresso il desiderio di avere un diagramma psicrometrico tra i tools di ausilio alla progettazione che mi ero offerto di realizzare, mi è sembrato del tutto

Dettagli

SOLUZIONE SECONDA PROVA - TEMA N 2 - TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2015

SOLUZIONE SECONDA PROVA - TEMA N 2 - TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2015 SOLUZIONE SECONDA PROVA - TEMA N 2 - TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2015 Svolgimento : PUNTO 1) La figura soprastante mostra il circuito frigorifero di una macchina per la climatizzazione; si evidenziano

Dettagli

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica

ESERCITAZIONI FISICA TECNICA. Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini. Corso di Ingegneria Meccanica ESERCITAZIONI FISICA TECNICA Prof. Fabio Polonara Prof. Gianni Cesini Corso di Ingegneria Meccanica 2 TERMODINAMICA APPLICATA Termodinamica degli stati 3 ESERCIZIO TA-T8 Utilizzando il piano P-T e le tabelle

Dettagli

speciale energie rinnovabili

speciale energie rinnovabili AMICO SOLE DA ALCUNI DECENNI TECNOLOGIE AD HOC CONSENTONO IL PIENO SFRUTTAMENTO DELL ENERGIA DA IRRAGGIAMENTO SOLARE. UN IMPIANTISTICA OPPORTUNA E INTEGRATA RENDE POSSIBILE LA COMPLETA AUTONOMIA ENERGETICA

Dettagli

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE 1 CICLO RANKINE IL CICLO TERM ODINAM ICO RANKINE E COMPO STO DA Q UATTRO TRASFO RM AZIO NI PRINCIPALI (COMPRESSIO NE, RISCALDAM ENTO, ESPANSIO

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

SOLAR COOLING SOLAR COOLING

SOLAR COOLING SOLAR COOLING SOLAR COOLING SOLAR COOLING Energia, esperienza e tecnologie di raffrescamento solare L INDIPENDENZA ENERGETICA CHE ARRIVA DAL SOLE Il sole da sempre è fonte inesauribile d energia, rispettosa dell ambiente,

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

In natura il calore fluisce da un corpo più caldo ad un corpo più freddo

In natura il calore fluisce da un corpo più caldo ad un corpo più freddo Le POMPE di CALORE In natura il calore fluisce da un corpo più caldo ad un corpo più freddo CORPO CALDO CALORE CORPO FREDDO E possibile trasferire calore da un corpo più freddo ad uno più caldo solo cedendo

Dettagli

Macchine frigorifere e pompe di calore ad attivazione termica, sistemi Desiccant Cooling

Macchine frigorifere e pompe di calore ad attivazione termica, sistemi Desiccant Cooling Convegno Solar Cooling: il condizionamento solare, Napoli 23 marzo 2012 Macchine frigorifere e pompe di calore ad attivazione termica, sistemi Desiccant Cooling Prof. Maurizio Sasso Tecnologie delle Fonti

Dettagli

Cicli Inversi. Ciclo Frigorifero L effetto utile è Q 2 Pompa di calore L effetto utile è Q 1

Cicli Inversi. Ciclo Frigorifero L effetto utile è Q 2 Pompa di calore L effetto utile è Q 1 Cicli Inversi I cicli inversi hanno lo scopo di asportare calore da una sorgente fredda (Cicli frigoriferi) o di trasferirlo ad una sorgente calda (Pompe di calore) Ciclo Frigorifero L effetto utile è

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

Articolo pubblicato da Michele Vio su CdA, aprile 2003

Articolo pubblicato da Michele Vio su CdA, aprile 2003 Articolo pubblicato da Michele Vio su CdA, aprile 2003 In Europa è sempre maggiore l attenzione sul risparmio energetico, visto soprattutto come elemento fondamentale per ridurre le emissioni di gas serra

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari

Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari Workshop CISA s.c.a.r.l. Progetto ex dormitorio FF.SS. Porretta Terme (BO), 1 marzo 2006 Applicazione di un sistema di scambio termico a bassa entalpia integrato con pannelli solari Fisica Tecnica Ambientale

Dettagli

I fluidi naturali nel campo della refrigerazione

I fluidi naturali nel campo della refrigerazione Tesi di laurea triennale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio I fluidi naturali nel campo della refrigerazione Anno accademico 2013-2014 Relatore Ch.ma Prof. Adriana Greco Correlatore Ing. Claudia

Dettagli

COSA E COSA E UNA POMP UNA

COSA E COSA E UNA POMP UNA COSA E UNA POMPA DI CALORE Una pompa di calore è un dispositivo che sposta calore da un luogo in bassa temperatura (chiamato sorgente) ad uno in alta temperatura (chiamato utenza), utilizzando dell energia.

Dettagli

Le Macchine Frigorifere. Termodinamica dell Ingegneria Chimica

Le Macchine Frigorifere. Termodinamica dell Ingegneria Chimica Le Macchine Frigorifere Termodinamica dell Ingegneria Chimica 1 Le macchine frigorifere Le macchine refrigeranti realizzano il trasporto di calore da un ambiente freddo ad un ambiente utilizzando lavoro

Dettagli

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra

Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Produzione del caldo e del freddo: energia dal sole e dalla terra Impianto fotovoltaico L impianto fotovoltaico, posto sulla copertura dell edificio, permette di trasformare l energia solare in energia

Dettagli

Produzione del Freddo I CHILLERS. Climatizzazione (2) Climatizzazione (1) Climatizzazione (3) Climatizzazione (4) Antonio Cammi

Produzione del Freddo I CHILLERS. Climatizzazione (2) Climatizzazione (1) Climatizzazione (3) Climatizzazione (4) Antonio Cammi Produzione del Freddo I CHILLERS Per la produzione del freddo, necessario agli impianti di climatizzazione si deve ricorrere a particolari macchine chiamate macchine frigorifere. Le macchine frigorifere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi Roberto Lensi 1. Complementi sui sistemi termici Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 1. Complementi sui sistemi termici Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

I SISTEMI VRF AD ALTA EFFICIENZA APPLICATI ALLA PRODUZIONE SIMULTANEA DI ACQUA CALDA SANITARIA, CLIMATIZZAZIONE E AL TRATTAMENTO DELL ARIA PRIMARIA

I SISTEMI VRF AD ALTA EFFICIENZA APPLICATI ALLA PRODUZIONE SIMULTANEA DI ACQUA CALDA SANITARIA, CLIMATIZZAZIONE E AL TRATTAMENTO DELL ARIA PRIMARIA I SISTEMI VRF AD ALTA EFFICIENZA APPLICATI ALLA PRODUZIONE SIMULTANEA DI ACQUA CALDA SANITARIA, CLIMATIZZAZIONE E AL TRATTAMENTO DELL ARIA PRIMARIA Le pompe di calore come fonte rinnovabile ing. Giuseppe

Dettagli

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO

pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO pompe di calore\polivalenti MONOBLOCCO POMPE DI CALORE ARIA/ACQUA REVERSIBILI A RECUPERO TOTALE. > RISCALDAMENTO > CLIMATIZZAZIONE > RAFFRESCAMENTO > RAFFREDDAMENTO > DEUMIDIFICAZIONE > ACQUA CALDA SANITARIA

Dettagli

anidride carbonica: il refrigerante del futuro?

anidride carbonica: il refrigerante del futuro? 1 anidride carbonica: il refrigerante del futuro? prof. ing. Fabio POLONARA 2 ANIDRIDE CARBONICA CO 2 R744 è abbondante e poco costosa è un refrigerante naturale, senza alcun impatto ambientale globale

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da:

Geotermia. Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: Geotermia Un impianto che funziona ad energia geotermica è composto da: - SONDA GEOTERMICA inserita in profondità per scambiare calore con il terreno; - POMPA di CALORE installata all'interno dell'edificio;

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

Easy Compact Clima 4 in 1

Easy Compact Clima 4 in 1 Easy Compact Clima 4 in 1 Innovativo sistema compatto per la ventilazione meccanica a doppio flusso, il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con pompa di calore. In

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

INDICE ANALITICO. B bromuro di litio, cristallizzazione, 176 bubble point, 16

INDICE ANALITICO. B bromuro di litio, cristallizzazione, 176 bubble point, 16 INDICE ANALITICO A adsorbimento, 207 adsorbitori, 220 ammoniaca, 22, purificazione, 46, 47 assenza di mescolamento, 54 assorbente, 4 assorbimento, 4, 35 ad energia solare, 209 solido, 207, calore di, 35

Dettagli

IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTI AD ACQUA

IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO IMPIANTI AD ACQUA IMPIANTI DI RAFFRESCAMENTO ESTIVO, TIPOLOGIE E DIMENSIONAMENTO In Italia la climatizzazione è obbligatoria ed è responsabilità dell architetto in sede di progettazione predisporre l edificio per accogliere

Dettagli

menoenergia INTRODUZIONE

menoenergia INTRODUZIONE INTRODUZIONE I centri commerciali si stanno sempre più trasformando da semplici strutture di vendita a strutture destinate ad attività complesse per il tempo libero e per il benessere, con un funzionamento

Dettagli

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 Idee da installare Il comfort tutto l anno Da qualche anno anche in Italia l impianto a pavimento si sta presentando quale soluzione

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA AD ALTA EFFICIENZA

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA AD ALTA EFFICIENZA VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA AD ALTA EFFICIENZA Vinchiaturo (CB), 30 marzo 2015 Sistemi di ventilazione meccanica controllata Prof. Ing. Pasquale Catalano Dipartimento Agricoltura, Ambiente e Alimenti

Dettagli

3 Dimensionamento dell essiccatore

3 Dimensionamento dell essiccatore 3 Dimensionamento dell essiccatore Il progetto termodinamico dell essiccatore porta oltre che alla definizione dei parametri termodinamici di esercizio, anche alla parallela definizione delle dimensioni

Dettagli

Appunti del corso di Istituzioni di tecnologia alimentare

Appunti del corso di Istituzioni di tecnologia alimentare Appunti del corso di Istituzioni di tecnologia alimentare Parte 11 Evaporatori ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Concentrazione La concentrazione è definita come la parziale eliminazione del solvente

Dettagli

IMPIANTI FRIGORIFERI

IMPIANTI FRIGORIFERI IMPINTI FRIORIFERI Lo scopo degli impianti frigoriferi è quello di mantenere un ambiente ad una temperatura t 2 minore di quella esterna t 1. La temperatura t 2 dipende dalla particolare applicazione,

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

I seguenti appunti necessitano di commento orale. Seppelfricke SD srl. Pompe di Calore e Geotermia

I seguenti appunti necessitano di commento orale. Seppelfricke SD srl. Pompe di Calore e Geotermia I seguenti appunti necessitano di commento orale. Seppelfricke SD srl Pompe di Calore e Geotermia Geotermia Termine che indica una serie di tecnologie che hanno in comune lo sfruttamento del sottosuolo

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

Energia al Trasferimento tecnologico

Energia al Trasferimento tecnologico POMPE DI CALORE: TECNOLOGIA E LABORATORI DISPONIBILI 1. Referenti: Luca Molinaroli Indirizzo: Campus Bovisa - Via Lambruschini, 4-20156 - Milano Telefono: +39-02-2399.3872 Fax: +39-02-2399.3910 Email:

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

COMMISSIONE IMPIANTI RICHIESTA FORMALE DI ATTIVAZIONE DEL CORSO SULLA CLIMATIZZAZIONE

COMMISSIONE IMPIANTI RICHIESTA FORMALE DI ATTIVAZIONE DEL CORSO SULLA CLIMATIZZAZIONE COMMISSIONE IMPIANTI RICHIESTA FORMALE DI ATTIVAZIONE DEL CORSO SULLA CLIMATIZZAZIONE L evoluzioni legislative in materia di risparmio energetico e le conseguenti necessità di conoscere il modo con cui

Dettagli

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica Energia del futuro: l efficienza nei sistemi energetici del territorio 17-18 maggio 2014 Hotel Splendid Baveno, via Sempione 12 Procedure di base finalizzate all efficienza energetica prof. Marco Carlo

Dettagli

Pompe di Calore. LIUC 7 Ottobre 2009 Paolo Torri. Castellanza 7 Ottobre 2009

Pompe di Calore. LIUC 7 Ottobre 2009 Paolo Torri. Castellanza 7 Ottobre 2009 Pompe di Calore LIUC 7 Ottobre 2009 Paolo Torri Cos è POMPA DI CALORE La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire calore da un corpo a temperatura più bassa ad un altro a temperatura più alta.

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

CASA PRIVATA RESIDENTIAL

CASA PRIVATA RESIDENTIAL RESIDENTIAL CASA PRIVATA Cartigliano, Vicenza - Italy Casa singola Nuova Costruzione Sistema ELFOSystem Anno 2008 L abitazione monofamiliare di nuova costruzione, riservata ad esclusivo uso residenziale,

Dettagli

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia Hybrid Technology by Solar Ter Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia 1 Edilizia «4» passaggi per la nuova costruzione o ristrutturazione Isolamento: primo importante intervento per ridurre

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA - POMPE DI CALORE. L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari

TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA - POMPE DI CALORE. L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA - POMPE DI CALORE L. Murgia - Dip.to Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari POMPA DI CALORE Macchina termica che opera un trasferimento

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio DIPARTIMENTO DI ENERGETICA, TERMOFLUIDODINAMICA APPLICATA E CONDIZIONAMENTI

Dettagli