ARETINA SERVIZIO DI ODONTOIATRIA ATTIVITÀ DI ODONTOGERIATRIA PER GLI ANZIANI FRAGILI DR. DOMENICO DEL MONACO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARETINA SERVIZIO DI ODONTOIATRIA ATTIVITÀ DI ODONTOGERIATRIA PER GLI ANZIANI FRAGILI DR. DOMENICO DEL MONACO"

Transcript

1 AZIENDA U.S.L. 8 - AREZZO ZONA ARETINA SERVIZIO DI ODONTOIATRIA ATTIVITÀ DI ODONTOGERIATRIA PER GLI ANZIANI FRAGILI DR. DOMENICO DEL MONACO

2 IL GOVERNO DELLA DOMANDA ODONTOIATRICA: DALL ODONTOIATRIA D ATTESA ALL ODONTOIATRIA D INIZIATIVA

3 OBIETTIVI AZIENDALI: TUTELA DELLO STATO DI SALUTE ORALE NEGLI ANZIANI FRAGILI, OSPITI DI STRUTTURE RESIDENZIALI, CON UN SERVIZIO SPECIALISTICO DEDICATO (PREVENZIONE DELLA DISABILITÀ) FORMAZIONE DEL PERSONALE ASSISTENZIALE EDUCAZIONE ALL IGIENE ORALE DEGLI OSPITI

4 ANZIANO FRAGILE : L ANZIANO AUTOSUFFICIENTE IN CONDIZIONI DI AUMENTATO RISCHIO DI PERDITA DI AUTONOMIA

5 PROMOZIONE E MANTENIMENTO DELLA SALUTE ORALE DEGLI ANZIANI FRAGILI ED ISTITUZIONALIZZATI

6 LUOGO ATTIVITÀ E RESPONSABILI REGISTRAZIONI Visita in RSA odontoiatra e infermiere R S A Stima dei bisogni odontoiatra cartella odontoiatrica domiciliare A m b u i o A NO Ha bisogno di cure? SÌ piano di trattamento l a t o r U S L o d s a p l e e R S A trattamento in RSA SÌ è trattabile a domicilio? è trattabile in ambulatorio? Intervento in ospedale anestesista-odontoiatra Educazione igiene orale odontoiatra e infermiere follow up NO NO SÌ trattamento in ambulatorio relazione per MMG/RSA -E.B.S. - scheda di attivazione ricovero Relazione di dimissione per MMG/RSA

7 INTRODUZIONE

8 DELIBERA 623 Regione Toscana 06/06/2005 Prevede azioni mirate alla tutela dell anziano fragile ed in particolare l attivazione di un programma di assistenza odontoiatrica presso le Strutture Residenziali

9 PERCORSO ASSISTENZIALE DOMICILIARE Permette la realizzazione a domicilio degli interventi clinici e riabilitativi più semplici con notevole beneficio per il paziente

10 PERCORSO ASSISTENZIALE DOMICILIARE Facilita l istruzione all anziano ancora parzialmente autosufficiente riguardo le corrette manovre di igiene orale e la idonea manutenzione dei manufatti protesici

11 PERCORSO ASSISTENZIALE DOMICILIARE Consente la prevenzione ed il trattamento tempestivo, attraverso il controllo periodico dellle mucose orali, delle patologie del distretto orofacciale

12 PERCORSO ASSISTENZIALE DOMICILIARE Favorisce la creazione di una migliore relazione assistenziale grazie all atmosfera di calma operativa ed alla presenza di volti e luoghi che vengono avvertiti dal paziente come familiari

13 PERCORSO ASSISTENZIALE DOMICILIARE Agevola la comunicazione tra Specialista, MMG e Geriatra attraverso la condivisione di cartelle cliniche e percorsi operativi condivisi

14 CARTELLA DOMICILIARE DEL SERVIZIO ODONTOGERIATRICO DATA VISITA NOME COGNOME DATA NASCITA ETA SESSO (M-1; F-2) NOME STRUTTURA LOCALITA MUCOSA ORALE Condizione: (0-mucose integre 1-lesioni infiammatorie 2-lesioni di incerta natura) SITUAZIONE PROTESICA (superiore-inferiore) - (0-assenza di protesi 1-protesi fissa singola 2-protesi fissa estesa 3-protesi combinata 4-protesi parziale rimovibile 5-protesi totale rimovibile) NECESSITA PROTESICHE (superiore-inferiore) - (0-protesi non necessaria 1-protesi fissa singola 2-protesi fissa estesa 3-protesi combinata 4-protesi parziale rimovibile 5-protesi totale rimovibile) NUMERO DENTI IN ARCATA (superiore-inferiore) - TEST EBS (punteggio totale) MEDICO ESAMINATORE

15 RELAZIONE PER IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Il/la Sig/Sig.ra è stato/a sottoposta a visita specialistica odontostomatologica in data presso la.rs.a... presenta Si consiglia Firma del Medico

16 E.B.S (Eating Behavior Scale - J. Muir 1991) Comportamento osservato I V A D La persona è capace di: Cominciare a mangiare Mantenere l attenzione al pasto Localizzazione del cibo Usare appropriatamente le posate Mordere masticare inghiottire Terminare il pasto PUNTEGGIO TOTALE I = indipendente V = incitazione verbale A = con assistenza D = dipendente

17 PROMOZIONE E MANTENIMENTO DELLA SALUTE ORALE DEGLI ANZIANI FRAGILI ED ISTITUZIONALIZZATI

18 Stato Funzionale Modelli di Invecchiamento: Fragilità e Disabilità Stato Funzionale integro Invecchiamento Accelerato Invecchiamento Normale Fragilità Disabilità Physical Ability or... Tempo (età) Modificato da Ferrucci L et al.

19 DEFINIZIONE DI ANZIANO FRAGILE IN SENSO OPERATIVO Soggetti di età avanzata o molto avanzata cronicamente affetti da patologie multiple con stato di salute instabile, frequentemente disabili, in cui gli effetti dell invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socio-economico

20 L ANZIANO FRAGILE : RISCHIO DI DISABILITA EVENTO SCATENANTE LA DISABILITA Nutrizione inadeguata Deficit Cognitivo Mancanza di supporto sociale Riduzione della massa magra Immobilizzazione Patologie acute Trattamenti aggressivi

21 LA QUALITÀ DELLA VITA ATTESA DOPO I 65 ANNI DIPENDE IL LARGA PARTE DALLA PREVENZIONE E DAL CONTROLLO DI MOLTE MALATTIE E CONDIZIONI DI SALUTE DI TIPO CRONICO UNA DELLE CONDIZIONI DI SALUTE CHE PIÙ INFLUISCE SULLA QUALITÀ DELLA VITA È QUELLA ORALE

22 L OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sottolinea l importanza dello stato di salute orale ai fini del mantenimento del benessere generale e di una adeguata qualità di vita, in particolar modo nei soggetti ultrasessantacinquenni

23 L EFFICIENZA DEL SISTEMA STOMATOGNATICO CONSENTE A TUTTE LE ETÀ ED IN PARTIOLAR MODO IN ETÀ AVANZATA L INTEGRAZIONE SOCIALE E FAMILIARE DELL INDIVIDUO, PERMETTENDOGLI DI PARLARE, SORRIDERE, ESPRIMERSI CON LIBERTÀ E NATURALEZZA, IN ASSENZA DI DOLORE O DISAGIO

24 SODDISFACENTE STATO DI SALUTE ORALE: EFFICIENZA MASTICATORIA INTEGRAZIONE SOCIALE E FAMILIARE

25 EDENTULISMO Ridotta efficienza Handicap sociale Malnutrizione Autoisolamento

26 L estensiva perdita di denti riduce la possibilità di masticare e vincola la scelta dei cibi EDENTULISMO dieta ricca di grassi saturi scarso introito fibre

27 Nel soggetto anziano è particolarmente importante realizzare una analisi globale che non consideri solo lo stato di salute orale, ma il suo rapporto con le condizioni cliniche generali: tale analisi è nota come valutazione multidimensionale

28 Nel soggetto anziano È FONDAMENTALE VALUTARE IL GRADO DI AUTOPERCEZIONE DELLO STATO DI SALUTE ORALE DA PARTE DEL PAZIENTE E QUANTO QUESTO INFLUISCA SULLA QUALITA DI VITA E SUL BENESSERE GENERALE

29 LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE NEL PAZIENTE ANZIANO

30 La valutazione multidimensionale consente di intercettare: Stati depressivi ed ansiosi Autocommiserazione Autoisolamento

31 La valutazione multidimensionale consente di intercettare: Mancata accettazione della condizione di edentulia (ripetuti rifacimenti protesici ritenuti dal paziente sempre insoddisfacenti)

32 Valutazione del grado di collaborazione del paziente Riduzione del grado di orientamento temporospaziale e del livello di autonomia (Alzheimer o decadimento involutivo senile valutabile con le apposite scale di riferimento, quali ADL, test di Pfeiffer, EBS)

33 PROMOZIONE E MANTENIMENTO DELLA SALUTE ORALE DEGLI ANZIANI FRAGILI ED ISTITUZIONALIZZATI

34 L ESAME CLINICO ORALE NEL PAZIENTE GERIATRICO

35 ANAMNESI ISPEZIONE DEL CAVO ORALE

36 FORMULA DENTARIA

37 LE MALATTIE ORALI: DIAGNOSI E TERAPIA

38 LA CARIE DENTALE

39 PLACCA BATTERICA E' formata essenzialmente da sostanze di origine alimentare (proteine e zuccheri residui dell'alimentazione) ed è popolata da un gran numero di batteri: più di 30 specie diverse, tra cui lo streptococco mutans ed il lactobacillo. Quest'ultimo batterio è il maggior indiziato nella formazione della carie, perchè nutrendosi degli zuccheri presenti nella placca batterica produce delle scorie acide capaci di intaccare persino la durissima superficie dello smalto dentario.

40 LA MALATTIA PARODONTALE

41 PARODONTOPATIA Per parodontopatia s'intende l'infiammazione acuta o cronica del parodonto. Tale malattia comporta la distruzione progressiva dell'apparato di sostegno del dente, ed è la causa più comune della perdita dei denti nell'adulto.

42 PARODONTOPATIA

43 TERAPIA PARODONTALE Per tutte le forme di parodopatia, la prima fase del trattamento consiste nelle istruzioni di igiene orale, nell'ablazione del tartaro e nella levigatura radicolare che consente di rimuovere i depositi di tartaro con rivalutazione a 3 mesi.

44 AFFEZIONI PATOLOGICHE DELLE MUCOSE ORALI

45 CANDIDOSI ORALE La candidosi è una stomatomucosite causata da lieviti appartenenti al genere Candida (C. Albicans, C. Tropicalis, C. Krusei, C. Stellatoidea). I miceti, oltre ad albergare come saprofiti nel cavo orale, possono raggiungere altre sedi come la mucosa respiratoria e digestiva.

46 STOMATITE ERPETICA Gli Herpesvirus patogeni per l uomo sono riuniti nel gruppo Herpetoviridae e comprendono l Herpes Simplex tipo 1 e 2, il virus della varicella-zoster, il Cytomegalovirus e l Epstei-Barr virus.

47 LICHEN PLANUS Il lichen planus è un affezione che colpisce la cute e le mucose caratterizzata da eruzione di papule. L ipotesi etiopatogenetica attualmente più accreditata è quella autoimmune su base cellulare (linfociti T).

48 PEMFIGO Il pemfigo è un affezione vescicolo/bollosa che colpisce la cute e le mucose. E legato alla produzione di autoanticorpo specifico per la sostanza intercellulare degli epiteli stratificati.

49 STOMATITI AFTOSE Le stomatiti aftose sono affezioni caratterizzate da lesioni ulcerative recidivanti che interessano le mucose orali e genitali, presentandosi nella maggior parte dei casi come lesioni isolate, potendosi però accompagnare anche ad un coinvolgimento sistemico, come avviene nella sindrome di Behcet.

50 LEUCOPLASIA La leucoplasia è una alterazione della mucosa il cui epitelio va incontro a cheratinizzazione ed ispessimento. Numerosi fattori locali (stimoli di natura chimica, fisica e meccanica) possono facilitarne l insorgenza. E considerata una lesione a rischio di evoluzione neoplastica.

51 NEOPLASIE

52 LA REGOLA DEI 14 GIORNI L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)raccomanda di considerare potenzialmente maligne e quindi necessarie di accertamento diagnostico tutte le lesioni delle mucose orali che, entro 14 giorni (c.d. two weeks rule ), non regrediscono in maniera spontanea o dopo la rimozione degli irritanti locali.

53 LA REGOLA DEI 14 GIORNI

54 MALATTIE SISTEMICHE CORRELATE AL CAVO ORALE

55 Malattie sistemiche correlate al cavo orale con impatto sulla salute generale DIABETE LES, SCLERODERMIA MALATTIA DI PAGET IPERPARATIROIDISMO ACROMEGALIA

56 Malattie sistemiche correlate al cavo orale con impatto sulla salute generale PEMFIGO E PEMFIGOIDI PSORIASI LICHEN PLANUS SCLEROSI MULTIPLA MORBO DI CROHN COLITE ULCEROSA ENTEROPATIA DA GLUTINE MIELOMA MULTIPLO AMILOIDOSI

57 Malattie sistemiche correlate al cavo orale con impatto sulla salute generale ANEMIA, DEFICIENZA DI FOLATI, VITAMINE DEL GRUPPO B E ZINCO LESIONI METASTATICHE COAGULOPATIE E PIASTRINOPENIE NEUTROPENIA, SINDROMI MIELODISPLASTICHE INFEZIONE DA HIV, SARCOMA DI KAPOSI

58 MALATTIE ORALI DI INTERESSE SISTEMICO

59 Malattie orali di interesse sistemico LESIONI DA TERAPIE ANTINEOPLASTICHE (MUCOSITE DA RADIAZIONI, OSTEORADIONECROSI, XEROSTOMIA, STOMATITE E MIELODEPRESSIONE DA ANTIBLASTICI)

60 Malattie orali di interesse sistemico STOMATITE AFOSA RICORRENTE (SAR) CANDIDOSI HERPES SIMPLEX E ZOSTER CHEILITE ATTINICA BURNING MOUTH SYNDROME

61 Malattie orali di interesse sistemico ERITROPLACHIA LEUCOPLACHIA LEUCOCHERATOSI LESIONI NEOPLASTICHE (CARCINOMA, MELANOMA)

62 PROMOZIONE E MANTENIMENTO DELLA SALUTE ORALE DEGLI ANZIANI FRAGILI ED ISTITUZIONALIZZATI

63 LA CONDIZIONE DI EDENTULIA: OPZIONI RIABILITATIVE NEL PAZIENTE GERIATRICO

64 LA CONDIZIONE DI EDENTULIA Determina conseguenze diverse in relazione al numero ed alla posizione degli elementi perduti: Funzionali (migrazioni dentarie, traumi occlusali, disturbi muscolari ed algico-disfunzionali, lesioni cariose, problemi parodontali) Estetici (perdita degli elementi anteriori, modificazioni della muscolatura periorale, alterazione delle proporzioni del viso)

65 LA CONDIZIONE DI EDENTULIA ANCHE SE VIENE PROTESICAMENTE CORRETTA, LA CONDIZIONE DI EDENTULIA RAPPRESENTA SEMPRE UNA FONTE DI DISAGIO PER L INDIVIDUO

66 LA CONDIZIONE DI EDENTULIA PUÒ DETERMINARE PROBLEMI PSICOLOGICI E COMPORTAMENTALI (DEPRESSIONE, RIDUZIONE DELL AUTOSTIMA, AUTOISOLAMNETO)

67 GENERALITA E CLASSIFICAZIONE DELLE PROTESI DENTARIE Si definisce protesi qualsiasi mezzo artificiale utilizzato per sostituire anatomicamente e funzionalmente una parte del corpo mancante o perduta. La protesi odontoiatrica ripristina l estetica e la funzione derivante dalla mancanza o dalla perdita di una qualsiasi parte dell organo stomatognatico.

68 REQUISITI ED OBIETTIVI DELLE RIABILITAZIONI PROTESICHE Sostituzione degli elementi perduti Ripristino della funzione masticatoria Stabilizzazione della dentatura residua Recupero del corretto rapporto tra lingua, labbra, guance e muscolatura periorale Eventuale correzione terapeutica del rapporto occluso-articolare

69 CLASSIFICAZIONE DELLE PROTESI PROTESI FISSA: Protesi ancorata permanentemente agli elementi dentali o alle radici naturali residue PROTESI RIMOVIBILE: Protesi rimossa quotidianamente dal paziente per le manovre di igiene orale

70 CLASSIFICAZIONE DELLE PROTESI PROTESI TOTALE: Ripristino della totalità dei denti naturali perduti con le strutture ad essi connesse PROTESI PARZIALE: Ripristino di parte degli elementi dentali perduti con le strutture ad essi connesse

71 INDICAZIONI In generale la PROTESI FISSA è indicata per la correzione delle edentulie parziali, posto che i pilastri siano in numero ed in condizioni sufficienti

72 INDICAZIONI Nei pazienti ultrasessantacinquenni le PROTESI PARZIALI REMOVIBILI sono frequentemente utilizzate per diversi motivi: estensione dell area di edentulia perdita dell osso alveolare condizioni degli elementi residui esigenze economico-sociali del paziente facilità di manutenzione

73

74 SISTEMI DI RITENZIONE DELLA PROTESI PARZIALE RIMOVIBILE I GANCI sono dispositivi extracoronali che agendo direttamente sui denti pilastro forniscono la ritenzione alla protesi rimovibile

75 SISTEMI DI RITENZIONE DELLA PROTESI PARZIALE RIMOVIBILE Gli ATTACCHI sono dispositivi di ritenzione composti da almeno due elementi disinseribili tra loro di cui uno solidarizzato alle corone di ancoraggio ed uno fissato alla parte rimovibile di cui forniscono la ritenzione

76

77

78 PROTESI SU IMPIANTI Per la riabilitazione protesica di pazienti parzialmente o totalmente edentuli possono essere utilizzati gli impianti endossei. Attualmente la PROTESI IMPLANTARE permette di conseguire successi a lungo termine, soprattutto in pazienti totalmente edentuli e perfino in pazienti con forte riassorbimento della cresta alveolare

79 STOMATITE E LESIONI DA PROTESI

80 Condizioni delle mucose Iperemia ed edema Ulcerazione Iperplasia (epulide fissurata) Stomatite da protesi Cheilite angolare

81 LA MUCOSA ORALE SOTTOSTANTE LE PROTESI PUÒ ANDARE INCONTRO A FENOMENI DI INFIAMMAZIONE, ULCERAZIONE ED IPERPLASIA CHE DEVONO ESSERE ATTENTAMENTE INTERCETTATI E TRATTATI

82 Stomatite da protesi Classificazione di Newton Tipo 1 : macule eritematose Tipo 2: eritema diffuso Tipo 3: iperplasia papillare

83

84

85

86 Oltre alla stomatite da protesi, altre lesioni della mucosa orale possono essere messe in relazione alla presenza di riabilitazioni protesiche mobili incongrue: ulcere traumatiche iperplasie fibrose Candidosi lesioni leucoplasiche

87

88

89

90

91 PROMOZIONE E MANTENIMENTO DELLA SALUTE ORALE DEGLI ANZIANI FRAGILI ED ISTITUZIONALIZZATI

92 PLACCA BATTERICA La placca batterica è un aggregato (biofilm) di germi tenacemente adesi tra loro e alle superfici dentali, che promuove e sostiene le comuni patologie orali: carie e parodontopatie. La deposizione di sali di calcio e di fosfati la trasforma in tartaro.

93 PLACCA BATTERICA Già dopo pochi minuti dallo spazzolamento, i denti si ricoprono di una pellicola formata da uno strato di mucoproteine salivari, che viene rapidamente colonizzata dai microorganismi presenti nel cavo orale: streptococcus mutans, salivarius, mitis, lactobacillus ecc.

94 PLACCA BATTERICA

95 PLACCA BATTERICA

96 PLACCA BATTERICA

97 PLACCA BATTERICA

98 IGIENE DEL CAVO ORALE

99 IGIENE DEL CAVO ORALE Gli strumenti più utilizzati per una corretta igiene domiciliare del cavo orale sono lo spazzolino ed il filo interdentale.

100 IGIENE DEL CAVO ORALE Lo spazzolino deve sempre essere spostato dalla gengiva verso il dente in modo da penetrare con le setole anche negli interstizi dentali e con un inclinazione di 45 gradi.

101 IGIENE DEL CAVO ORALE Per pulire i denti superiori il suo movimento deve avvenire dall alto verso il basso. Per pulire i denti superiori il movimento deve procedere dal basso verso l'alto.

102 IGIENE DEL CAVO ORALE Per mantenere una igiene adeguata è necessario spazzolare gli elementi dentali 3 volte al giorno per circa 3 minuti.

103 IGIENE DEL CAVO ORALE L uso quotidiano del filo interdentale permette di eliminare la placca batterica adesa alle superfici dentali cosiddette mesiali e distali (o interprossimali). La placca batterica che qui si accumula può causare carie e infiammazioni della gengiva interdentale (papillite).

104 IGIENE DEL CAVO ORALE Il filo tradizionale in seta, non cerato, è considerato la prima scelta. Se i punti di contatto tra i denti sono ristretti, sarà utile un filo interdentale cerato, oppure uno in teflon (più scorrevoli). Se lo spazio è leggermente maggiore, si potrà utilizzare un filo spugnoso.

105 IGIENE DEL CAVO ORALE Se tra due elementi dentali lo spazio è ampio anziché il filo viene più correttamente utilizzato lo scovolino.

106 MANUTENZIONE E IGIENE DELLE PROTESI

107 MANUTENZIONE E IGIENE DELLE PROTESI La conservazione continua delle protesi in acqua con o senza compresse igienizzanti può facilitare la colonizzazione della resina da parte di ife fungine e l insorgenza di lesioni da Candida albicans Per ciò vari autori consigliano accurata pulizia e mantenimento della protesi all asciutto

108 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

109 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

110 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

111 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

112 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

113 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

114 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

115 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI

116 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI Aggiustamenti del corpo protesico (relining e rebasing), correzioni occlusali, controlli periodici riducono il rischio di comparsa di iperplasia fibrosa e di epulidi fissurate.

117 MANUTENZIONE ED IGIENE DELLE PROTESI In caso di comparsa di lesioni da decubito la protesi deve essere rimossa fino a guarigione della ferita che deve avvenire entro quindici giorni.

118 GRAZIE PER L ATTENZIONE!

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia

informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia informazioni paziente it Che cos'è un trattamento ortodontico? Informazioni per il paziente che lo inizia Buon giorno, prima di affrontare un trattamento ortodontico, desideriamo darle alcune informazioni

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA CERTIFICATO DEFINITIVO PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE Allegato 5 FONDO ASSISTENZA SANITARIA DIRIGENTI AZIENDE FASDAC COMMERCIALI Via Eleonora Duse, 14/16-00197 Roma PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE FORMA DIRETTA Spazio per l etichetta con il codice a barre (a cura

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli