Quando una persona si ammala, può aumentare il suo bisogno di igiene, e diminuire la sua capacità di accudire se stesso.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando una persona si ammala, può aumentare il suo bisogno di igiene, e diminuire la sua capacità di accudire se stesso."

Transcript

1

2 Quando una persona si ammala, può aumentare il suo bisogno di igiene, e diminuire la sua capacità di accudire se stesso. E necessario accudire il paziente dal punto di vista igienico, sia per ragioni fisiche che psicologiche. Le nostre abitudini di igiene derivano dal conce>o che noi abbiamo di esse, dal nostro ambiente culturale e dall insegnamento che abbiamo ricevuto in famiglia. E la nostra cultura del gruppo, più che le conoscenze scienafiche ad avere influenza sulla persona che assisaamo. E molto importante possedere delle conoscenze di anatomia e fisiologia per comprendere il principio su cui si basano le praache di igiene e per valutare il bisogno di igiene individuale

3 Anatomia e Fisiologia della cute E formato da tre straa: Epidermide Derma Ipoderma

4 Epidermide è lo strato più superficiale, soilissima, non ha nessun vaso sanguigno, ma molte terminazioni nervose che determinano l elevata sensibilità della cute. Il derma è ricco di vasi sanguigni, fibre nervose,una rete linfaaca ghiandole sebacee e follicoli piliferi l ipoderma lo strato più profondo è cosatuito da tessuto adiposo, vasi emaaci e linfaaci e ghiandole sudoripare

5 Film idrolipidico. Viene prodo>o dalle ghiandole sebacee insieme ad altri elemena quali la sudorazione e la traspirazione.. Regola il Ph (tampone).questa pellicola è indispensabile al mantenimento dell omeostasi cutanea (elasacità e plasaca della cute e resistenza alle aggressioni ambientali) La conanua aggressione alla cute da parte di detergena e sostanze chimiche ad azione irritante (solvena organici, saponi, soluzioni detergena) puo' ad esempio danneggiare non soltanto la componente lipidica del film di superficie della cute, ma anche quella intercellulare dello strato corneo, comprome>endone le sue capacita' di barriera.

6 Insufficiente presenza film idrolipidico (secchezza) Eccessiva presenza ( desquamazione)

7 Funzioni della cute ProteIva Regolatrice della temperatura corporea Organo di senso

8 AgenA usaa per la pulizia della cute Saponi: I saponi abbassano la tensione superficiale e in questo modo puliscono. Alcuni saponi rimuovo troppo sebo e rendono la cute arida. Fare a>enzione quando Si usano i saponi anaba>erici, che distruggono la naturale flora ba>erica, e, se usaa troppo Spesso possono favorire la crescita di funghi. Alcune persone useremo saponi ipoallergici. Quando la cute è secca acqua semplice. EmollienA: si usano per ammorbidire la pelle, formano una pellicola oleosa che impedisce l evaporazione dell acqua ed ammorbidisce. LA SCELTA DELLE SOSTANZE DIPENDE DALLE CONDIZIONI DELLA CUTE E DALLE PREFERENZE DEL PAZIENTE

9 Principi da osservare Valutare il grado di collaborazione della persona assisata Compiere movimena il più sincroni possibili al fine di evitare inuali perdite di tempo e di stancare il malato Scoprire gradualmente il malato e per lo stre>o necessario per non fargli prendere freddo e per garanare la privacy Osservare a>entamente le condizioni della cute

10 obieivi Prevenire l insorgenza di infezioni cutanee Mantenere la cute integra Promuovere il benessere della persona Favorire la mobilizzazione nel le>o

11 LA CUTE SANA : si riconosce: Dal COLORITO; Dallo SPESSORE; Dall ELASTICITA ; Dalla TEMPERATURA ATTENZIONE!!! NEL CASO IN CUI VI TROVIATE DI FRONTE AD ALTERAZIONI DELLA CUTE DI QUALUNQUE GENERE (LESIONI, MACCHIE, VESCICOLE, ERITEMI,SQUAME, POMFI) E VOSTRO COMPITO AVVISARE

12 Le zone a rischio. Zona sacrale: nei pazien9 alle:a9 e/o incon9nen9 l aggressività dei liquidi organici può ledere i tessu9;. Zona genitale: specie nei pz. incon9nen9 (spt. con pannolone) questa parte del corpo è con9nuamente so>oposta all azione aggressiva di feci e urine;. Glande: in questa zona, nel pz. non autosufficiente, frequentemente si formano secrezioni maleodoran9. Pieghe inguinali: la par9colare condizione di queste zone (umidità e scarsità di ossigeno all interno della plica cutanea) è il presupposto che può portare ad una macerazione cutanea;. Solchi so:omammari: nelle pz. Femminili (obesi e non autosufficien9) possono insorgere macerazioni

13 LE CURE IGIENICHE: Igiene del cavo orale Igiene degli occhi Igiene del naso Igiene delle orecchie Igiene inama nell uomo e nella donna Igiene dei piedi delle mani Bagno a le>o

14 I igiene serve a mola scopi: 1) Pulisce la pelle; 2) SAmola la circolazione; 3) Perme>e di far fare esercizio al paziente; 4) Rilascia la tensione muscolare; 5) Migliora il senso di benessere; 6) Abbiamo l opportunità di osservare la cute del paziente; 7) Favorisce la comunicazione.

15 IGIENE PERINEALE COSA CONSISTE? Detersione della cute e delle mucose della zona compresa tra il pube e l ano. La zona perineale è una zona umida e favorisce lo sviluppo dei ba>eri e di caivi odori (secrezioni, ghiandole sudoripare) Quando? - Almeno una volta al giorno - Tu>e le volte che la persona è sporca e/o bagnata

16 Con che cosa? - Detergente preferibilmente neutro - Salvie>e monouso o spugna - Padella - Bricco - Asciugamano o telo - GuanA OBIETTIVI. Diminuire la proliferazione ba>erica. Rimuovere le secrezioni in eccesso. Favorire il benessere. Prevenire le infezioni, in paracolare i paziena portatori di catetere vescicale. Migliorare il comfort del paziente

17 Come? - Lavare le mani - Indossare i guana - Informare la persona sulla procedura da effe>uare - Fare assumere alla persona il decubito supino - Posizionare la padella facendo fle>ere le gambe e alzare il bacino o ruotando la persona su un lato e poi di nuovo supina Anatomia organo genitale maschile

18 Nell uomo 1) Eseguire la pulizia del pene come segue: a) Retrarre il prepuzio (se non circonciso) per scoprire il glande b) Pulire il glande con movimena circolari a parare dal meato urinario verso l esterno c) Riportare il prepuzio nella posizione iniziale Cambiare la salvie>a a ogni passaggio e ripetere l operazione

19 7) Pulire lo scroto 8) Sciacquare bene e asciugare tamponando e non frizionando 9) Far ruotare la persona in decubito laterale e pulire la zona perianale procedendo dallo scroto verso l ano 10) Sciacquare bene e asciugare tamponando 11) Riposizionare la persona in modo confortevole 12) Pulire e riordinare il materiale ualizzato 13) Togliere i guana 14) Lavare le mani

20 Anatomia organo genitale femminile Nella donna Eseguire la pulizia della vagina come segue: Allargare le grandi labbra con pollice e indice della mano non dominante e con l altra mano procedere dal davana verso il dietro

21

22 7) Sciacquare bene e asciugare tamponando e non frizionando 8) Far ruotare la persona in decubito laterale e pulire la zona perianale procedendo dalla vagina verso l ano 9 Sciacquare bene e asciugare tamponando 10) Riposizionare la persona in modo confortevole 11) Pulire e riordinare il materiale ualizzato 12) Togliere i guana 13) Lavare

23

24 IGIENE DELLE ORECCHIE QUANDO? Tu>e le volte che è necessario CON CHE COSA? Bacinella reniforme Garze o salvie>e inumidite con acqua Come? 1. LAVARE LE MANI 2. INSOSSARE I GUANTI 3. INFORMARE LA PERSONA SULLA PROCEDURA DA EFFETTUARE 4. INUMIDIRE UNA COMPRESSA DI GARZA O UNA SALVIETTA CON ACQUA E CON L ANGOLO RITORTO DELL A MEDESIMA 5. INUMIDIRE E RIMUOVERE L ECCESSO DI CERUME TIRANDO LEGGERMENTE IL PADIGLIONE AURICOLARE VERSO IL BASSO 6. RIPOSIZIONARE LA PERSONA IN MODO CONFORTEVOLE

25 IGIENE DEGLI OCCHI IGIENE DEGLI OCCHI Indicazione. - tu>e le volte che è necessario. - congiunavia o secrezione eccessiva. - soggei in coma.- soggei con paralisi palpebrale Tecnica a) Lavare le mani b) Indossare i guan9 c) Informare la persona sulla procedura da effe:uare e posizionarla in modo confortevole d) Imbibire un batuffolo di garza con acqua sterile o acqua borica e) Rimuovere con a:enzione le secrezioni muovendo dall angolo palpebrale interno verso quello esterno f) Riposizionare la persona in modo confortevole g) Pulire e riordinare il materiale u9lizzato h) Togliere i guan9 i) Lavare le mani

26 IGIENE CAVO ORALE COSA VALUTARE. LE CONDIZIONI DEL CAVO ORALE. LO STATO DI COSCIENZA. LA CAPACITA ALLA DEGLUTIZIONE. IL GRADO I DIPENDENZA (SOSTITUIRE- COMPENSARE). LA PATOLOGIA. PROTESI DENTARIE FISSE- MOBILI Obie]vi :. Mantenere integre le mucose.prevenire le infezioni.prevenire l alitosi. Prevenire la parodontopaaa. Mantenere l immagine di sé e autosama

27 Materiale occorrente:. DenAfricio. Spazzolino. Filo interdentale.collu>orio.cannuccia. Bicchiere di vetro o di carta. Bacinella reniforme. Asciugamento. GuanA Come? 1. Lavarsi le mani 2. Indossare i guana 3. Informare la persona sulla procedura da effe>uare 4. Me>ere la persona in posizione seduta e, se non è possibile, su un lato 5. Posizionare un asciugamano sul torace 6. Inumidire lo spazzolino e porvi sopra una congrua quanatà di denafricio 7. Invitarlo a spazzolare i dena nel seguente modo: Spazzolino in posizione orizzontale e spazzolare con movimento rotatorio del polso dal margine gengivale al margine incisivo

28 Igiene cavo orale persona incosciente Alle persone con febbre alta, con carenze nutrizionali, in coma o operate che hanno una rido:a secrezione salivare, respirano con la bocca aperta e non sono in grado di provvedere da sole all igiene del cavo orale. Materiale. Collu>orio. Abbassalingua. Tamponi di garza piccoli. Arcella. Salvie>e di carta. Soluzione emolliente.asciugamano Tecnica. Lavarsi le mani. Indossare i guana.posizionare il paziente in decubito laterale. Aprire la bocca aiutandosi con l abbassalingua su cui viene montata una garza imbevuta di collu>orio.pulire i dena sia nella parte interna che esterna partendo sempre dal margine gengivale per andare a quello incisivo eseguendo i movimena rotatori e cambiando spesso il tampone. Sciacquare i dena con un tampone di garza imbibito di acqua. Umidificare la bocca con soluzione emolliente. Riposizionare il paziente in posizione confortevole

29 IGIENE DEI CAPELLI Materiale necessario : ASCIUGAMANI SHAMPOO PETTINE SPAZZOLA PERSONALE PHON BROCCA. APOSITO LAVATESTA CON SISTEMA DI SCARICO DELL ACQUA. SECCHIO PER RACCOGLIERE L ACQUA DOPO L UTILIZZO.VERSARE ACQUA TIEPIDA SINO A BAGNARE COMPLETAMENTE I CAPELLI. APPLICARE LO SHAMPOO E PROCEDERE CON IL LAVAGGIO. SCIACQUARE ABBONDATEMENTE E RIPETERE LO SHAMPOO SE NECESSARIO. ELIMINARE L ECCESSO D ACQUA E AVVOLGERE LA TESTA IN UN ASCIUGAMANO. PETTINARE I CAPELLI E PROCEDERE CON L ASCIUGATURA. ACCONCIARE I CAPELLI COME LA PERSONA DESIDERA

30 CURA DELLE UNGHIE MANI E PIEDI Materiale Detergente Salvie>e Asciugamano Tronchesino taglia- unghie Crema emolliente e idratante per cute Bacinella Tela cerata GuanA Tecnica. Lavare le mani. Indossare i guana.informare la persona sulla procedura da effe>uare Fare assumere alla persona la posizione seduta. Me>ere i piedi in ammollo per almeno 10 minua. Cambiare l acqua e procedere alla loro pulizia, facendo molta a>enzione agli spazi interdigitali. Sciacquare e asciugare bene tu>o il piede compresi gli spazi interdigitali. Tagliare le unghie se necessario mantenendolo dri>e. Applicare una crema emolliente e idratante. Riposizionare la persona in modo confortevole

31 Il piede diabe9co e neuro- ischemico. USARE IL TAGLIA UNGHIE. TAGLIO CORRETTO DELLE UNGHIE. CONTROLLARE ATTENTAMENTE LA TEMPERATURA DELL ACQUA. LAVAGGIO QUOTIDIANO E ATTENTA ASCIUGATURA. PREVENIRE LA PELLE SECCA. EVITARE DI FAR CAMMINARE IL PAZIENTE SCALZO. USO DI SCARPE E PLANTARI ADATTI. CALZE DI COTONE. EVITARE DISINFETTANTI, TINTURA DI IODIO E ALCOL.OSSERVARE LA PRESENZA DI VESCICOLE E MICROLESIONI

32

33 BAGNO AL LETTO Materiale. Salvie>e monouso.guana monouso.materiale per igiene cavo orale.materiale per igiene capelli.materiale per cura delle unghia.padella. Bricco. Bacinella.Tela cerate. Asciugamani o teli di cotone Durante il bagno:. PRIVACY. OSSERVAZIONE PAZIENTE.TEMPERATURA DELLA STANZA 25/26 C.TEMPERATURA DELL ACQUA 32/35 C. SICUREZZA.SISTEMA DI CHIAMATA. DISTANZA DAI PASTI 2 ORE. A LETTO CAMBIARE SPESSO L ACQUA.USARE UNA MANOPOLA E UNA SALVIETTA DIVERSA

34 Tecnica Dal viso ai piedi. Per ul9mo la zona perineale Lavare gli ar9 superiori

35 3) Lavare le mani della persona servendosi di una bacinella appoggiata sul le:o

36 Effe:uare la pulizia del torace avendo cura di porre un asciugamano orizzontale rispe:o al torace stesso

37 Effe:uare la pulizia dell addome avendo cura di posizionare un telo ver9calmente per coprire torace e addome

38 Lavare gli ar9 inferiori (prima quello più lontano dall operatore poi quello più vicino) con movimen9 decisi che interessano tu:o l arto Lavare i piedi della persona servendosi di una bacinella appoggiata sul le:o

39 Effe:uare l igiene della zona perineale Sciacquare e asciugare bene Ruotare la persona in decubito laterale e lavare la schiena in tu:a la sua lunghezza con movimen9 decisi e ripetu9

40

Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 31 Gennaio 2015

Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 31 Gennaio 2015 Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 31 Gennaio 2015 E molto importante possedere delle conoscenze di anatomia e fisiologia

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 1. OBIETTIVO... 2 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 3. FREQUENZA... 2 4. DOCUMENTI A SUPPORTO... 2 5. MATERIALE E MODALITÀ OPERATIVE...

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Cure Igieniche nel Paziente dipendente 1. Prevenire l insorgenza

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Studente: Corso di Laurea in Infermieristica sede di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica sede di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE BAGNO A

Dettagli

L igiene del paziente

L igiene del paziente L igiene del paziente a cura di Enzo VISSANI L igiene personale garantisce che la pelle sia mantenuta in buone condizioni e quindi possa svolgere le sue funzioni che sono: protezione del corpo protezione

Dettagli

ELEMENTI DI ASSISTENZA ALLA PERSONA

ELEMENTI DI ASSISTENZA ALLA PERSONA ELEMENTI DI ASSISTENZA ALLA PERSONA 1 Luca Cecchetto - Corso ASA 2010/2011 Concetto di salute "Uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia

Dettagli

L igiene del paziente.

L igiene del paziente. Struttura Complessa di Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica Direttore: Prof. Aniello De Nicola Coordinatore Infermieristico F. Paolo Riti Centro di Rianimazione L igiene del paziente. Il primo passo

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010. Tecniche infermieristiche cliniche

Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010. Tecniche infermieristiche cliniche 11 Maggio 2010 Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010 Tecniche infermieristiche cliniche Igiene e cura della persona DOCENTE: Giacomo Colzani OBIETTIVI

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO INTRODUZIONE

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE DOMESTICO

IGIENE E SICUREZZA DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE DOMESTICO IGIENE E SICUREZZA DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE DOMESTICO 3 I Quaderni di Mosaico MOSAICO PER LA FAMIGLIA I Quaderni di Mosaico Mosaico opera da dieci anni nelle case dei cittadini offrendo cure ed assistenza

Dettagli

Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio

Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio Infermiera Margarita Pamela Cividale del Friuli, 30 gennaio 2012 Margarita Pamela 1 Tra il 1943 e il 1954 lo psicologo

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

INRCA. ResidenzaSanitaria MedicalizzataRiabilitativa

INRCA. ResidenzaSanitaria MedicalizzataRiabilitativa INRCA ResidenzaSanitaria MedicalizzataRiabilitativa Prefazione Il presente opuscolo vuol essere un supporto per le persone che hanno un familiare anziano ammalato e si trovano a dover gestire una situazione

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO

RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO Procedure modulo A PROCEDURA 1 RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO MATERIALE OCCORRENTE: Lenzuolo inferiore Lenzuolo superiore Coperta (da cambiare solo se è sporca

Dettagli

La Cute, Ferite e Medicazioni

La Cute, Ferite e Medicazioni La Cute, Ferite e Medicazioni OBBIETTIVI Fornire cenni di Anatomia dell Apparato Tegumentario. e Fisiologia Definire i vari tipi di ferite. Apprendere le manovre per una corretta disinfezione e medicazione.

Dettagli

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche In questa unità didattica verranno appresi alcuni consigli e alcune tecniche per lavare i soggetti disabili e gli aiuti tecnici disponibili per eseguire

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD

ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD A La realizzazione delle singole clip è stata progettata non tanto come declinazione in immagini della scheda di prestazione contenuta nel libro, quanto come contestualizzazione

Dettagli

La pelle del bambino: capirla per amarla. Marco Pignatti dermatologo

La pelle del bambino: capirla per amarla. Marco Pignatti dermatologo La pelle del bambino: capirla per amarla Marco Pignatti dermatologo Nati con la camicia La vernice caseosa riveste e protegge, come una camicia, la pelle del feto durante la vita intrauterina E costituita

Dettagli

La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33

La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33 La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33 La tua pelle chiede aiuto? Impara a rispondere alle sue domande. La pelle è lo scudo che protegge

Dettagli

Toelettatura del Flat Coated Retriever

Toelettatura del Flat Coated Retriever Toelettatura del Flat Coated Retriever Come altri cani a pelo semilungo frangiato, il flat coated retriever non ha bisogno di eccessive e partcolari cure del mantello. Il manto di copertura è costituito

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno

Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno Università di Pisa Corso di Laurea in Infermieristica Presidente Francesco Giunta Obiettivi di tirocinio clinico 1 Anno 1 semestre Prestazioni Atti tecnici Obiettivi 1 Presa visione della -lettura degli

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore

manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore iquaderni della iriabilitazione manuale di autobendaggio per linfedema di arto inferiore Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

PROTOCOLLO DELL'IGIENE DEL NEONATO

PROTOCOLLO DELL'IGIENE DEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIEA - GENOVA POTOCOLLO DELL'IGIENE DEL NEONATO PEPAATO VEIFICATO APPOVATO ACHIVIATO Dina Ibba e Personale infermieristico S.C. Neonatologia Nadia Cenderello Paola Fabbri esponsabile Medico

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica sede di

Corso di Laurea in Infermieristica sede di Corso di Laurea in Infermieristica sede di ABILITA PRATICHE( SKILLS ) Igiene delle mani: lavaggio sociale Fasi e sequenza operativa Corretto Non IRR Materiale occorrente: detergente in flacone con dispenser,

Dettagli

2. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Assicurare l igiene e la sicurezza degli ambienti e della persona

2. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Assicurare l igiene e la sicurezza degli ambienti e della persona 2. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO Assicurare l igiene e la sicurezza degli ambienti e della persona 1 opuscolo 2.indd 1 13-03-2004 15:51:36 Realizzazione a cura della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

Standards di cura. Manuale per una cura professionale. Servizi di Assistenza Domiciliare della Comunità Comprensoriale Salto-Sciliar

Standards di cura. Manuale per una cura professionale. Servizi di Assistenza Domiciliare della Comunità Comprensoriale Salto-Sciliar Standards di cura Manuale per una cura professionale Servizi di Assistenza Domiciliare della Comunità Comprensoriale Salto-Sciliar ST Distretti/AD INDICE DEI CONTENUTI Premessa 2 Introduzione 3 ST 01

Dettagli

Tratta bene il tuo corpo con Napo Lezione 1 La pelle

Tratta bene il tuo corpo con Napo Lezione 1 La pelle Tratta bene il tuo corpo con Napo Lezione 1 La pelle (7 9 anni) Presentazione dell unità didattica Non è mai troppo presto per presentare ai bambini i concetti base sulla sicurezza che per gli adulti sono

Dettagli

Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO

Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO Al mattino si applicherà, frizionando vigorosamente, la Shivax Plus. Ripetere l'applicazione con la Shivax Plus la sera. Il look sarà quello di una persona che utilizza il gel.

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE

MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE MANUALE DI CORRETTA PRASSI IGIENICA PER BARBIERI, PARRUCCHIERI, ESTETISTE Dott. Mauro Verna Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione A.S.U.R. Zona Territoriale 7 Ancona Dott.

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO

PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO PROTOCOLLO DI PREVENZIONE DELLE LESIONI DA DECUBITO IVANO RODOLFI 1 Introduzione Questo documento ha lo scopo di uniformare e definire linee comuni di approccio e prevenzione delle lesioni da decubito

Dettagli

Bisogno di igiene. A. Gorelli

Bisogno di igiene. A. Gorelli Bisogno di igiene La pelle Costituenti: Epidermide Derma Strato sottocutaneo Annessi: Peli Ghiandole sebacee sudoripare Capelli Unghie Funzioni della pelle 1. Da un punto di vista fisico 2. Da un punto

Dettagli

Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI IN OPEDALE

Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI IN OPEDALE AA Z I EE NN DD AA OO S P EE DD AA L I EE RR AA SS A NN CC A MM I L L OO FF O RR L AA NN I NN I Via Portuense, 332-00149 ROMA Raccomandazioni di comportamento PROCEDURA AZIENDALE PREVENZIONE DELLE INFEZIONI

Dettagli

I piedi devono durare una vita!

I piedi devono durare una vita! A.DI.MI Convegno nazionale sul tema IMPEGNO PER LA SALUTE I piedi devono durare una vita! Luca Monge SSCVD Diabetologia Centro per la Cura del Piede Diabetico AO Città della salute e della Scienza di Torino

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL INTERVENTO CHIRURGICO IN ELEZIONE

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL INTERVENTO CHIRURGICO IN ELEZIONE LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Capi Dipartimenti UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Causale Redazione Verifica Approvazione

Dettagli

Fortunatamente, se i piedi vengono curati in modo appropriato, è possibile ridurre od anche eliminare l incidenza di tali problemi.

Fortunatamente, se i piedi vengono curati in modo appropriato, è possibile ridurre od anche eliminare l incidenza di tali problemi. P Il Piede Le persone affette da diabete devono prestare particolare attenzione alla cura dei piedi, visto che esiste il rischio correlato al diabete di sviluppare condizioni come la scarsa circolazione

Dettagli

Novità! www.divaint.com

Novità! www.divaint.com Novità! Innovativa linea dedicata alla detersione quotidiana degli animali da compagnia, alla pulizia dell ambiente domestico in cui risiedono e all igiene delle persone che li avvicinano e si prendono

Dettagli

Per prodotti dermatologicamente. e approvati.

Per prodotti dermatologicamente. e approvati. Per prodotti dermatologicamente testati e approvati. La pelle sensibile richiede cure speciali La pelle è, fra gli organi del nostro corpo, quello di maggiori dimensioni. Giorno dopo giorno ci protegge

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, emana cattivo odore.

Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, emana cattivo odore. IL BAGNO LA TOELETTATURA Il Chihuahua è un cane molto piccolo e molto pulito per sua natura. Diversamente dalla maggior parte dei cani, inoltre, non emana cattivo odore. Ad ogni modo, essendo il cane da

Dettagli

SCOPRI IL POTERE DELL ALOE

SCOPRI IL POTERE DELL ALOE SCOPRI IL POTERE DELL ALOE Che cos è la collezione Aloe Vera? La Collezione Aloe Vera consiste in cosmetici di alta qualità, caratterizzati da formule delicate e realizzati a base di aloe vera certificata,

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

LA CURA DEL PIEDE NEL BENESSERE DELL'ANZIANO NELL ANZIANO

LA CURA DEL PIEDE NEL BENESSERE DELL'ANZIANO NELL ANZIANO LA CURA DEL PIEDE NEL BENESSERE DELL'ANZIANO NELL ANZIANO Nell'ambito del Progetto Home Care Premium 2012 A cura di Stefania Groppo Infermiera professionale presso C.R.A. Scalabrin IL PIEDE Struttura anatomica

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Ferite ed emorragie LA PELLE Funzioni delle pelle: - Rivestimento e protezione - Termoregolatrice (attraverso il sudore) - Depuratrice (eliminaz Sali, sost dannose - Reazione ai raggi solari (melanina)

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO DOMENICO TRINCHERI

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO DOMENICO TRINCHERI AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO DOMENICO TRINCHERI CASA DI RIPOSO CITTÀ DI ALBENGA Uffici tel. 0182 52.274 Residenzialità tel. 0182 571097 P.IVA 00445200090 DOCUMENTO 2: PROCEDURE OPERATORI

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli

BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA pag. 76. BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA RIPOSIZIONABILE pag. 76. MANOPOLA IMPERMEABILE pag. 77

BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA pag. 76. BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA RIPOSIZIONABILE pag. 76. MANOPOLA IMPERMEABILE pag. 77 BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA pag. 76 BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA RIPOSIZIONABILE pag. 76 MANOPOLA IMPERMEABILE pag. 77 MANOPOLA IN SPUGNA SAPONATA pag. 77 GUANTO SAPONATO IMPERMEABILE pag. 78 SET

Dettagli

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI

FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI FENOMENO DI RAYNAUD E SCLEROSI SISTEMICA AFFRONTARE LA MALATTIA: CONSIGLI E INDICAZIONI CHE COS È IL FENOMENO DI RAYNAUD È definito come una variazione di colore della cute delle mani o delle estremità

Dettagli

Convivere con il diabete. Il piede diabetico. Guida alla cura dei piedi

Convivere con il diabete. Il piede diabetico. Guida alla cura dei piedi Convivere con il diabete Il piede diabetico Guida alla cura dei piedi Con la consulenza scientifica di Luigi Uccioli Reparto di Endocrinologia Policlinico Tor Vergata Roma Progettazione, cura editoriale

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

Tricotomia pre-operatoria

Tricotomia pre-operatoria Tricotomia pre-operatoria Introduzione La corretta preparazione pre-operatoria della cute del paziente è uno degli elementi chiave nel controllo delle infezioni del sito chirurgico. La tricotomia, considerata

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario

Lezione 07. Traumi dell Apparato Tegumentario Lezione 07 Traumi dell Apparato Tegumentario La Cute Ferite Cosa è? Interruzione della continuità della cute Classificazione Taglio Punta Lacero Contusa Avulsione cutanea Complicanze: Gravità: Lesioni

Dettagli

Le piaghe: come salvare la pelle

Le piaghe: come salvare la pelle Le piaghe: come salvare la pelle LE PIAGHE, COME SALVARE LA PELLE Assistere in famiglia: istruzioni per l uso Le persone che si trovano ad assistere a casa familiari con gravi malattie che limitano o rendono

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

Il tuo bambino ha un. L eczema atopico è FONDATION RECHERCHE ET ÉDUCATION RECHERCHE ET ÉDUCATION

Il tuo bambino ha un. L eczema atopico è FONDATION RECHERCHE ET ÉDUCATION RECHERCHE ET ÉDUCATION Il tuo bambino ha un eczema atopico FONATION FONATION RECHERCHE ET ÉUCATION RECHERCHE ET ÉUCATION PO-SCORA L eczema atopico è... Pelle Secca Zone arrossate e infiammate Evoluzione: con fasi acute Fase

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE N

GUIDA ALLA MANUTENZIONE N N 4 dei parquet oliati DI LEGNO finitura sbiancata Per mantenere il vostro pavimento Di Legno luminoso nel tempo PERCHÈ QUESTA GUIDA? Benvenuti tra i felici possessori dei pavimenti Di Legno, i pavimenti

Dettagli

PROTOCOLLO IGIENE E IGIENE AMBIENTALE

PROTOCOLLO IGIENE E IGIENE AMBIENTALE PAG. 1/19 PROTOCOLLO IGIENE E IGIENE AMBIENTALE STATO DATA FIRMA Redatto Approvato Revisionato Applicato 19/01/2004 26/10/2009 30/04/2014 04/06/2014 Direttore Sanitario M. Butini Direttore Sanitario M.

Dettagli

[VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO] Test ed esercizi per valutare gli esiti formativi IQEA Versione per allievi / OSS

[VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO] Test ed esercizi per valutare gli esiti formativi IQEA Versione per allievi / OSS [VALUTAZIONE DELL APPRENDIMENTO] Test ed esercizi per valutare gli esiti formativi IQEA Versione per allievi / OSS Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico STAFF DIREZIONE SANITARIA Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico DIAGNOSI INFERMIERISTICA: (RISCHIO DI) DEFICIT DELLA CURA DI SÉ alimentazione, bagno, igiene personale, uso dei servizi igienici,

Dettagli

Scheda informativa per l attività di acconciatore

Scheda informativa per l attività di acconciatore Scheda informativa per l attività di acconciatore CAP.1 - CARATTERISTICHE DEI LOCALI Requisiti dell'unità immobiliare Attività di acconciatore esercitata in unità immobiliari di dimensioni minime corrispondenti

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.

AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia. AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it GUIDA GUIDA PER I PER PAZIENTI I PORTATORI PORTATORI

Dettagli

Responsabilità: Direttore U.O. e Caposala U.O.

Responsabilità: Direttore U.O. e Caposala U.O. Prevenzione le Lesioni da Pressione Tipo di Documento Procedura assistenziale Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: S. Salvati, E. Fenicia, A. ispo, V. Crivaro Contenuti: Compiti e esponsabilità Definizione

Dettagli

scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco

scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco Scarpine Fisiologiche Comincia il viaggio con il piedino giusto Il piede ha una funzione fondamentale nello sviluppo motorio del bambino. Va protetto

Dettagli

ETS. il piede diabetico Consigli pratici per il paziente diabetico EDUCAZIONE TERAPEUTICA STRUTTURATA. Gruppo ETS dell AMD

ETS. il piede diabetico Consigli pratici per il paziente diabetico EDUCAZIONE TERAPEUTICA STRUTTURATA. Gruppo ETS dell AMD oltre la teoria ASSOCIAZIONI MEDICI DIABETOLOGI AMD - ETS ETS EDUCAZIONE TERAPEUTICA STRUTTURATA 1 il piede diabetico Consigli pratici per il paziente diabetico Gruppo ETS dell AMD Coordinatore MARIANO

Dettagli

GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ULCERE AL PIEDE

GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ULCERE AL PIEDE SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Piacenza GUIDA ALLA PREVENZIONE DELLE ULCERE AL PIEDE A cura del personale infermieristico della Unità Operativa Diabetologia

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

estetica LA GRAVIDANZA Gonfiore alle gambe PEFS Le smagliature Il seno Melasma La prevenzione Il massaggio La pelle del bambino

estetica LA GRAVIDANZA Gonfiore alle gambe PEFS Le smagliature Il seno Melasma La prevenzione Il massaggio La pelle del bambino estetica My special Special Care care LA GRAVIDANZA Gonfiore alle gambe PEFS Le smagliature Il seno Melasma La prevenzione Il massaggio La pelle del bambino Il gonfiore alle gambe Il problema del gonfiore

Dettagli

Dai siti delle Celebrity Americane arriva in esclusiva per l Italia la passione per i trattamenti antiage all ossigeno molecolare.

Dai siti delle Celebrity Americane arriva in esclusiva per l Italia la passione per i trattamenti antiage all ossigeno molecolare. Dai siti delle Celebrity Americane arriva in esclusiva per l Italia la passione per i trattamenti antiage all ossigeno molecolare. Stanchezza, ritmi frenetici, stress, fumo ed inquinamento sono fra le

Dettagli

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di:

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: COME INDOSSARLE... APPLICAZIONE E RIMOZIONE E MANUTENZIONE DELLE LAC Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: Manipolare le lenti a contatto sopra una superficie

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE I PIEDI MERITANO ATTENZIONE A cura del Prof. Mauro Montesi Presidente Associazione Italiana Podologi Roma UN COMPAGNO DI VITA SCOMODO Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica che in Italia

Dettagli

PRECAUZIONI IMPORTANTI ATTENZIONE: PERICOLO: Per ridurre il rischio di scosse elettriche: PRECAUZIONI IMPORTANTI

PRECAUZIONI IMPORTANTI ATTENZIONE: PERICOLO: Per ridurre il rischio di scosse elettriche: PRECAUZIONI IMPORTANTI www.waterpik.com.hk 60 61 PRECAUZIONI IMPORTANTI PRECAUZIONI IMPORTANTI Nell utilizzare dispositivi elettrici, specialmente in presenza di bambini, seguire sempre le precauzioni d uso basilari illustrate

Dettagli

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie

La cute. La cute è l organo di maggiori dimensioni. del corpo umano, perché ne copre la. maggiore superficie La cute La cute è l organo di maggiori dimensioni del corpo umano, perché ne copre la maggiore superficie I Strato: II Strato: III Strato: IV Strato: V Strato: La Cute ANATOMIA Epidermide Derma Tessuto

Dettagli

Bioecocrem, Bioecosan detergente, Bioecogel.

Bioecocrem, Bioecosan detergente, Bioecogel. Linea di prodotti per la cura e la pulizia del bambino a base di Sandalo, Malto e Filodendro composto da: Shampoo dolce Bagno : detergente delicato e neutro con ph 7.0 senza SLES ma con detergenti naturali

Dettagli

Guida alla gestione della ILEOSTOMIA

Guida alla gestione della ILEOSTOMIA Guida alla gestione della ILEOSTOMIA GUIIDA ALLLLA GESTTIIONE DELLLL UROSTTOMIIA All.5 1 Gentile signore/a In questo opuscolo troverà indicazioni utili per la gestione della stomia che le è stata creata.

Dettagli

Provincia di Oristano Azienda ASL n. 5 Oristano

Provincia di Oristano Azienda ASL n. 5 Oristano PLUS Ambito Distretto di Oristano Comprendente i Comuni di: Allai-Baratili S.Pietro-Bauladu-Cabras-Milis-Narbolia-Nurachi-Ollastra-Oristano- Palmas Arborea-Riola Sardo-Samugheo-S.Vero MIlis-Santa Giusta-Siamaggiore-

Dettagli

[LA NOSTRA STORIA] Tutto questo per offrire ai nostri clienti prodotti di alta qualità per la cura della pelle sensibile con la massima affidabilità.

[LA NOSTRA STORIA] Tutto questo per offrire ai nostri clienti prodotti di alta qualità per la cura della pelle sensibile con la massima affidabilità. [LA NOSTRA STORIA] Da tre generazioni Delab si dedica a ricerca, sviluppo e produzione di prodotti farmaceutici e cosmetici. Nei nostri prodotti sono racchiuse le conoscenze e competenze in campo dermocosmetico,

Dettagli

A CASA TUA COME DALL ESTESTISTA

A CASA TUA COME DALL ESTESTISTA A CASA TUA COME DALL ESTESTISTA A CASA TUA COME DALL ESTETISTA. LA NOSTRA FORZA La pelle è sempre più soggetta a inestetismi causati dall inquinamento, dal sole e dal naturale invecchiamento cutaneo. Diventa

Dettagli