RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO"

Transcript

1 Procedure modulo A

2 PROCEDURA 1 RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO MATERIALE OCCORRENTE: Lenzuolo inferiore Lenzuolo superiore Coperta (da cambiare solo se è sporca o macchiata) Traversa Federe Salva letto (traversa impermeabile) Carrello della biancheria sporca Comodino o sedia 1. Lavarsi le mani, 2. Raccogliere tutto il materiale necessario sul comodino o sulla sedia. Non appoggiarlo sul letto dell assistito. 3. Chiudere la porta e tirare la tenda attorno al letto o posizionare il paravento assicurando la privacy del paziente. 4. Sollevare e bloccare la sponda del letto sul lato opposto a quello da cui si lavora. 5. Alzare il piano del letto a una altezza comoda per lavorare. Abbassare la sponda laterale del letto del lato da cui si lavora. 6. Liberare dal materasso il lenzuolo superiore e la coperta dai piedi del letto. Togliere il copriletto e la coperta separatamente, piegarli senza scuoterli e se si intende usarli ancora, appoggiarli alla spalliera della sedia. Se sono sporchi non farli entrare in contatto con la propria divisa e riporli nel sacchetto della biancheria sporca. 7. Lasciare il lenzuolo superiore per tenere il paziente coperto oppure coprirlo con un telo da bagno. 8. Liberare dal materasso il lenzuolo inferiore sul lato del letto da cui si lavora. Abbassare la testa del letto in posizione orizzontale. Se l assistito non tollera la posizione supina, abbassare la testata lo stretto necessario per eseguire la tecnica. 9. Aiutare l assistito a girarsi sul fianco rivolto verso il lato del letto opposto a quello da cui si lavora. Per aiutarsi, l assistito può sostenersi dalla sponda del letto. A volte tuttavia è necessario l aiuto di un altra persona per mettere l assistito nella posizione desiderata. Sistemare il cuscino sotto la testa del degente. 10. Arrotolare o piegare a fisarmonica la traversa e spingerla sotto i glutei, la schiena e le spalle dell assistito. Ripetere l operazione con il lenzuolo inferiore e con il copri- materasso ( solo se quest ultimo è sporco). Stendere il lenzuolo inferiore pulito: Disporre il lenzuolo inferiore pulito con la piega centrale lungo l asse del materasso. Il lenzuolo deve essere a filo con il bordo del materasso.

3 Stendere il lenzuolo inferiore sulla metà libera del materasso: arrotolare e piegare a fisarmonica verso il centro del materasso la parte rimanente sistemandola vicino all assistito. Rincalzare la parte superiore del lenzuolo sotto il materasso e fare l angolo superiore. Rincalzare la parte inferiore del lenzuolo sotto il materasso. Stendere la traversa salva letto sul letto con la piega centrale lungo l asse del materasso disponendola tra le spalle e i glutei dell assistito. Piegare a fisarmonica o arrotolare la parte rimanente e disporla contro il dorso dell assistito. Rincalzare sotto il materasso la traversa della parte in cui si esegue la tecnica. Ripetere lo stesso con la traversa. Posizionare il lenzuolo e le traverse, sotto le lenzuola sporche. Alzare e bloccare la sponda laterale del letto dal proprio lato e passare al alto opposto. Abbassare la sponda laterale del letto e aiutare l assistito a girarsi sull altro fianco passando sopra le lenzuola piegate. A volte è necessario l aiuto di un altra persona. Sistemare il cuscino sotto la testa dell assistito. Togliere le lenzuola piegandole con la superficie sporca verso l interno senza farle entrare in contatto con la nostra divisa e riporle nel sacchetto della biancheria sporca. Prendere il lenzuolo pulito arrotolato ed estrarlo da sotto l assistito. Rincalzare la parte superiore e quella inferiore del lenzuolo sotto il materasso e fare gli angoli. Stendere la traversa, partendo dal centro e tirarla in modo che sia tesa e senza pieghe, rincalzare la parte rimanente, sotto il materasso partendo dal centro e proseguendo verso la parte superiore, poi verso quella inferiore (sia per la traversa salva letto, sia per la traversa). Aiutare l assistito a riposizionarsi al centro del letto. Se necessario, rialzare la sponda del letto e portarsi dal lato dove si trova l altro lenzuolo pulito. Stendere completamente il lenzuolo pulito sull assistito con la parte centrale lungo l asse del materasso e il lato orlato verso l alto. Spiegare il lenzuolo dalla testa verso i piedi. Chiedere all assistito di tenere con le mani l orlo superiore del lenzuolo pulito, prendere il telo da bagno o il lenzuolo sporco e toglierlo tirandolo da sotto il lenzuolo pulito e riporlo nel sacchetto della biancheria sporca. Tendere il lenzuolo pulito con la parte che avanza che cade all estremità inferiore del letto. Disporre il lenzuolo superiore sul letto con la piega centrale lungo l asse maggiore del materasso. Aprire il lenzuolo con le cuciture verso l alto, lasciare cadere l eccesso di tessuto ai lati del letto. Stendere coperta e copriletto sopra il lenzuolo superiore pulito, rincalzare il tutto sotto il materasso dalla parte inferiore e fare gli angoli ai piedi del letto con tutti i tre strati di tessuto. Mettendosi ai piedi del letto, afferrare le coperte, a circa 25 cm. dal margine e tirare leggermente. Mettere le federe pulite ai cuscini: 1) prendere con una mano il centro del fondo della federa 2) rovesciare la federa sopra il braccio che la sta tenendo 3) con la stessa mano, afferrare il cuscino attraverso la federa 4) con l altra mano rovesciare la federa sopra il cuscino 5) sistemare gli angoli della federa sopra il cuscino. Mettere i cuscini al centro della testata del letto. Mettere il campanello alla portata dell assistito e abbassare il piano del letto. Sistemare il comodino e gli oggetti dell assistito in modo che siano facilmente raggiungibili. Portare via il carrello della biancheria sporca e lavarsi le mani.

4 PROCEDURA 2 MOBILIZZAZIONE E POSIZIONAMENTO DEL PAZIENTE ALL INTERNO DEL LETTO MATERIALE OCCORRENTE: Cuscini Traversa Sponde laterali 1. Identificare qualsiasi restrizione legata al posizionamento e alla mobilità dell assistito. Spiegare all assistito la procedura. 2. Abbassare la testata del letto fino alla posizione orizzontale che l assistito può tollerare. Alzare il piano del letto fino ad un altezza comoda per l infermiere. 3. Togliere i cuscini da sotto il corpo dell assistito. Lasciarne uno vicino alla testata del letto. Sollevare l assistito nel letto ( un infermiere) 1. Istruire l assistito a flettere gli arti inferiori mantenendo i piedi appoggiati al letto; 2. divaricare le gambe con un piede avanzato rispetto all altro; 3. posizionare un braccio sotto le spalle e l altro sotto le cosce dell assistito. Tenere testa e dorso ben diritti e chiedere all assistito di porre le braccia flesse sul torace; 4. flettere ed estendere il tronco oscillando sulle gambe e iniziare a contare fino a tre. Al tre invitare l assistito a spingere con i piedi mentre voi lo alzate e lo aiutate a spostarsi verso la testata del letto; 5. alzare la testata del letto e collocare i cuscini sotto la testa dell assistito. Alzare le sponde e riportare il piano del letto nella posizione più bassa. Sollevare nel letto l assistito che non è in grado di collaborare (due infermieri con traversa/telino di scorrimento). 1. I due infermieri si spostano ognuno ad un lato del letto, uno di fronte all altro, con le gambe divaricate per ampliare la base d appoggio con un piede leggermente avanti rispetto all altro; 2. ciascun infermiere arrotola e afferra gli angoli della traversa/ telino di scorrimento il più possibile vicino possibile alle spalle e alle natiche dell assistito; 3. flettere le cosce e le gambe. Contrarre i muscoli di addome e glutei e mantenere la schiena eretta;

5 4. flettere ed estendere il tronco e contare fino a tre. Al tre i due infermieri spostano il peso sulla gamba più avanzata e contemporaneamente sollevano l assistito verso la testata del letto; 5. alzare la testata del letto e collocare i cuscini sotto la testa. Sistemare altri cuscini se necessario. Alzare le sponde e riportare il piano del letto alla posizione più bassa. Posizionare l assistito sul fianco: 1. Alzare e bloccare la sponda del letto omolaterale al fianco sul quale verrà posizionato l assistito; 2. utilizzando la traversa/o telino di scorrimento spostare l assistito verso il bordo del letto, dalla parte contro laterale al fianco sul quale verrà posizionato l utente; 3. addurre il braccio omolaterale al fianco sul quale verrà posizionato l assistito. Flettere l altro braccio sul torace; 4. flettere il ginocchio dell assistito e aiutarlo ad afferrare la sponda del letto con l altra mano; 5. fare assumere una postura sicura con le ginocchia leggermente flesse; 6. utilizzando la traversa girare delicatamente l assistito sul fianco 7. allineare correttamente l assistito e posizionare dei cuscini dietro la schiena e la testa; 8. posizionare la scapola dell assistito in avanti e in fuori. Sostenere con un cuscino la parte superiore del braccio dell assistito; 9. posizionare un cuscino per il lungo tra le gambe dell assistito, dalla cosce sino ai piedi; 10. coprire l assistito con il lenzuolo superiore e con la coperta. Elevare la testata del letto, sollevare le sponde laterali e rimettere il piano del letto all altezza più bassa. Girare l assistito mediante rotazione laterale (due o tre infermieri): 1. Tutti gli infermieri stanno in piedi ai lati del letto tenendo le gambe divaricate e un piede più avanti dell altro. Flettere le ginocchia e le anche; 2. utilizzare un cuscino per sostenere la testa dell assistito durante e dopo la rotazione. Istruire l assistito a tenere le braccia incrociate sul torace e il corpo rigido. Svolgere la traversa sotto l assistito; 3. collocare un cuscino tra le gambe dell assistito; 4. sporgersi sopra l assistito e sostenere la testa, torace, tronco e gambe. Dopo aver contato fino a tre girare l assistito con un movimento coordinato fino alla posizione laterale; 5. mantenere l assistito nella corretta posizione con i cuscini come nella precedente sezione. La persona con una sospetta o accertata lesione del rachide deve indossare un collare cervicale.

6 PROCEDURA 3 TRASFERIMENTO DEL PAZIENTE: LETTO/PRESIDI DI TRASPORTO. L IMPORTANZA DELL ATTIVITA MOTORIA RISPETTO ALLA RIABILITAZIONE E PREVENZIONE A) TRASFERIMENTO LETTO-BARELLA. Barella Tavola di trasferimento 1. Identificare l assistito e spiegare procedura e scopo; 2. posizionare la barella parallelamente al letto. Alzare il letto a livello della barella. Abbassare la sponda del letto e bloccare le ruote; 3. uno o due infermieri stanno in piedi dalla parte del letto opposta alla barella. Due infermieri stanno dalla parte della barella; 4. liberare la traversa del materasso su entrambi i lati del letto; 5. l infermiere dalla parte del letto opposta alla barella aiuta l assistito a girarsi sul fianco e ad avvicinarsi eventualmente servendosi della traversa; 6. gli infermieri posti dalla parte della barella fanno scivolare la tavola da trasferimento sotto la traversa a livello delle natiche e della schiena dell assistito; 7. incrociare le braccia dell assistito sul torace. Far scivolare l assistito sulla tavola in modo che si trovi in posizione supina; 8. al tre gli infermieri dal lato della barella tirano la traversa verso la barella. L infermiere dal lato opposto solleva la traversa, trasferendo il peso dell assistito sulla tavola e spingendo l assistito sulla barella; 9. far ruotare leggermente l assistito su un fianco ed estrarre la tavola da sotto il corpo. Alzare la sponda laterale della barella dalla parte del letto e allontanare la barella; 10. stendere il lenzuolo sopra l assistito e fissare le cinture di sicurezza attraverso torace e vita. Sistemare la testata della barella in modo che l assistito sia comodo.

7 B) TRASFERIMENTO LETTO-CARROZZINA sedia a rotelle. vestaglia e/o indumenti appropriati pantofole o scarpe chiuse con suola antiscivolo cintura di trasferimento 1. Identificare l assistito e spiegare la procedura; 2. posizionare la sedia a rotelle a un angolo di 45 rispetto al letto o parallelamente al letto. Sollevare l appoggiapiedi e bloccare le ruote; 3. bloccare le ruote del letto e abbassarlo alla posizione più bassa. Alzare la testata al limite che l assistito può tollerare; 4. aiutare l assistito ad assumere la posizione laterale ruotando dal lato del letto su cui si siederà. Abbassare la sponda del letto e mettersi in piedi in corrispondenza del bacino dell assistito con un piede vicino alla testata del letto e l altro distanziato e avanzato. 5. far ruotare le gambe dell assistito oltre il bordo del letto e nello stesso tempo fare perno sulla propria gamba arretrata per sollevare il tronco e le spalle dell assistito. Mantenere il dorso dritto ed evitare le torsioni. Permettere all assistito di portarsi autonomamente in posizione seduta se è in grado di farlo. Rimanere vicino per sostenerlo; 6. mettersi in piedi di fronte all assistito, valutare l equilibrio e la presenza di capogiri. Lasciare seduto l assistito sul bordo del letto per alcuni minuti prima di proseguire; 7. aiutare l assistito ad indossare vestaglia e scarpe; 8. applicare la cintura di trasferimento e afferrarla per facilitarlo; 9. divaricare le gambe e flettere gli arti inferiori; 10. far scivolare l assistito sulle natiche finché i piedi non tocchino terra; 11. oscillare avanti e indietro e mettere in piedi l assistito dopo aver contato fino a 3; 12. appoggiare il ginocchio più avanzato contro quello dell assistito mentre questi è in posizione eretta. 13. mantenendo le ginocchia contro quelle dell assistito ruotare facendo perno sul piede arretrato fino a quando l assistito non sente la sedia a rotelle dietro di sé; 14. istruire l assistito ad appoggiare le mani sui braccioli della sedia per sostenersi. Flettere gli arti inferiori mentre lo si aiuta a sedersi sulla sedia; 15. sistemare i sostegni per le gambe e gli appoggiapiedi; 16. accertarsi della corretta posizione sulla sedia. Fornire alla persona il pulsante di chiamata.

8 C) TRASFERIMENTO LETTO-SEDIA CON SOLLEVATORE IDRAULICO sollevatore idraulico. 1. Identificare l assistito e le restrizioni di mobilità; 2. distendere l imbracatura di tessuto sotto l assistito; 3. disporre il sollevatore idraulico in modo che il telaio si trovi centralmente sopra l assistito. Fissare l imbracatura di tessuto al telaio seguendo le istruzioni del produttore; 4. i due infermieri sono posizionati ai lati del sollevatore. Avvisare l assistito che sarà sollevato dal letto. Sostenere la testa dell assistito ed eventuali ausili pesanti. Azionare il sistema idraulico per sollevare l assistito dal letto; 5. spingere con cautela il sollevatore sulle ruote allontanandolo dal letto, sostenendo le gambe dell assistito secondo necessità. Posizionare l assistito sopra la sedia ed usando il meccanismo idraulico abbassarlo delicatamente; 6. l imbracatura rimane in sede sotto l assistito e sarà nuovamente ricollegata al telaio per riportare l assistito a letto.

9 PROCEDURA 4 IGIENE TOTALE DEL CORPO: BAGNO A LETTO Due asciugamani Salviettine o guanti di spugna (manopola pre insaponata) Telo da bagno Catino con acqua calda Detergente Prodotti per la cura della pelle (deodorante, crema, talco, colonia) Padella Sacchetto per la biancheria sporca Guanti monouso. 1. Chiudere la porta della stanza, mettere il paravento o tirare la tenda attorno al letto dell assistito; 2. aiutare il paziente ad usare: padella, pappagallo e/o comoda se necessario; 3. chiudere le finestre per eliminare correnti di aria; 4. lavarsi le mani; 5. sollevare la testata del letto, alzare e sbloccare le sponde laterali del letto sul lato opposto a quello dal quale si intenda lavorare; 6. togliere il lenzuolo, la coperta e il copriletto; stendere un telo da bagno sull assistito, aiutarlo a mettersi più vicino all operatore e a togliersi gli indumenti. Se il paziente ha un infusione venosa in corso, togliere la camicia dal braccio, abbassare il flaccone dell infusione e farlo passare dalla manica. Riappendere il flaccone e controllare il flusso. Se si intende riutilizzare il lenzuolo superiore, metterlo piegato su una sedia altrimenti metterlo nel sacchetto della biancheria sporca; 7. stendere sul torace dell assistito un asciugamano; 8. prendere la prima manopola pre - insaponata monouso o la salvietta (dopo averla piegata per farne una manopola) inumidirla e pulire gli occhi solo con acqua procedendo dall interno verso l esterno. Usare un angolo diverso della manopola o della salvietta per ciascun occhio. In alcuni casi è preferibile usare una garza con acqua tiepida, pulire un solo occhio e buttare, prendere un altra garza pulita e inumidita e buttare dopo aver pulito l altro occhio; 9. chiedere all assistito se desidera che si usi il sapone per lavargli il viso. Lavargli il viso, il collo e le orecchie. In alcune strutture si usa un detergente da sciogliere nell acqua che non richiede risciacquo e non disidrata l epidermide; 10. togliere il telo da bagno dall arto superiore più lontano dall operatore, porre un asciugamano sotto il braccio dell assistito e lavare, sciacquare e asciugare l arto con movimenti ampi e rapidi, dalle dita della mano verso l ascella. Posizionare la salvietta e la bacinella d acqua sul letto, immergervi la mano dell assistito, lavarla ed asciugarla; 11. ripetere i passaggi del punto 10 per il braccio più vicino all operatore; 12. applicare un prodotto deodorante a seconda delle preferenze dell assistito, evitare un uso eccessivo e/o inalazione di talco; 13. controllare la temperatura dell acqua e cambiarla tutte e volte che è necessario. Le sponde laterali del letto dovrebbero essere sollevate;

10 14. mettere un asciugamano sul torace dell assistito e abbassare il telo da bagno fino all ombelico; 15. togliere l asciugamano dal torace, lavare torace e addome, compiendo con la manopola movimenti ampi e rapidi. Se la persona è in sovrappeso, dedicare particolare attenzione alla cute sotto al seno e ogni altra plica cutanea. Sciacquare e asciugare bene; 16. aiutare l assistito ad indossare indumenti puliti; 17. esporre l arto inferiore più lontano dall operatore piegando indietro il telo da bagno. Fare attenzione a mantenere il perineo coperto; 18. alzare l arto inferiore e porre l asciugamano sotto di esso. Lavare, sciacquare e asciugare l arto con movimenti ampi e rapidi dalla caviglia alla coscia; 19. lavare, sciacquare e asciugare bene il piede con particolare attenzione agli spazi interdigitali 20. ripetere la procedura per l altro arto e l altro piede; 21. controllare la temperatura dell acqua dopo averla cambiata; 22. aiutare l assistito a girarsi su un fianco, stendere un asciugamano lungo schiena e glutei. Indossare guanti monouso puliti, lavare, sciacquare e asciugare schiena e glutei controllare con la massima attenzione le condizioni della cute in queste zone spesso soggette ad arrossamenti. Se è il caso mettere sulle zone interessate una pomata e o una lozione allo scopo di reidratare la cute. 23. aiutare l assistito a mettersi supino se non è in grado di farlo da solo, coprire il paziente con un telo lasciando esposti solo i genitali, indossare guanti monouso puliti, con acqua e manopole pulite lavare, sciacquare e asciugare genitali e perineo (vedi procedura igiene intima). 24. Completare l igiene secondo le preferenze dell assistito, applicare lozione o colonia con parsimonia, assistere la persona per l igiene dei capelli e del cavo orale (vedi procedure) Rifare il letto con lenzuola pulite; 25. Pulire il materiale, rimetterlo al suo posto e lavarsi le mani 26. Segnalare nella cartella infermieristica l esecuzione del bagno a letto ed eventuali osservazioni rilevate sulle condizioni della cute del paziente.

11 PROCEDURA 5 IGIENE CAVO ORALE Spazzolino da denti morbido o scovolino Dentifricio Bicchiere d acqua - cannuccia Arcella o bacinella Salvietta asciugamano Colluttorio Guanti monouso Persona cosciente 1. Lavarsi le mani; 2. tirare la tenda e mettere il paravento attorno al letto dell assistito. Chiudere la porta; 3. identificare l assistito e spiegargli la procedura; 4. aiutare l assistito a mettersi in posizione seduta, se non è in grado di sedersi, aiutarlo a mettersi su un fianco; 5. sistemare l asciugamano sotto il mento dell assistito; 6. bagnare lo spazzolino con acqua e applicarvi una piccola quantità di dentifricio. Se l assistito presenta una alterazione della coagulazione può essere preferibile usare uno scovolino spugna; 7. dare lo spazzolino all assistito o indossare i guanti e iniziare a spazzolare i denti: - tenere lo spazzolino con angolo di 45 rispetto alla linea gengivale. - con piccoli movimenti vibratori, pulire ciascun dente dal colletto alla corona. - Ripetere il procedimento finché le superfici non siano pulite. - Pulire le superfici masticatorie muovendo lo spazzolino avanti e indietro. - Spazzolare delicatamente la lingua ponendo molta attenzione a non provocare il riflesso del vomito. 8. Chiedere all assistito di sciacquarsi accuratamente la bocca con acqua e di eliminare nella bacinella /arcella; 9. togliere la bacinella/arcella aiutare l assistito ad assumere una posizione confortevole; 10. riordinare il materiale usato; 11. lavarsi le mani. Persona non cosciente: 1. girare l assistito su un fianco; 2. mettere un asciugamano sotto il mento dell assistito; 3. avvicinare l arcella alla bocca dell assistito; 4. preparare un sondino di aspirazione per essere pronti ad aspirare le secrezioni dalla bocca dell assistito;

12 5. usare un abbassalingua rivestito di spugna per aprire la bocca dell assistito. Lasciarlo tra i molari per tenerla aperta. NON mettere MAI le proprie dita in bocca ad una persona non cosciente. 6. Spazzolare denti e gengive come descritto precedentemente: Pulire la cavità orale con un toothette. Sciacquare usando uno schizzettone e aspirare; 7. applicare miele rosato sulle labbra per evitare le screpolature.

13 PROCEDURA 6 IGIENE INTIMA MASCHILE Carrello munito di brocca con acqua tiepida Sapone neutro Guanti monouso Padella Copri padella Cotone e/o set lava asciuga Pannolone, filtrante e traversa Oli e creme emollienti 1. L operatore effettua il lavaggio sociale delle mani; 2. Chiede al paziente di piegare le gambe e facendo il ponte con il bacino posizionare la padella. Se il paziente non è autosufficiente chiedere la collaborazione di un altro operatore; 3. Versa acqua tiepida e sapone, mentre scopre delicatamente il glande e con un batuffolo di cotone esegue un movimento rotatorio per pulire senza ripassare sulla stessa zona, sciacqua con acqua tiepida; 4. Pulisce la zona scrotale allo stesso modo; 5. Asciuga tamponando delicatamente la cute; 6. Ricopre il glande riposizionando il prepuzio onde evitare situazioni di parafimosi; 7. Rimuove la padella, applica eventuali creme emollienti e olii protettivi; 8. Sostituisce il filtrante o la traversa se occorre; 9. Effettua il lavaggio sociale delle mani; 10. Riordina il materiale.

14 PROCEDURA 7 IGIENE INTIMA FEMMINILE Carrello munito di brocca con acqua tiepida Sapone neutro Guanti monouso Padella Copri padella Cotone e/o set lava asciuga Pannolone, filtrante e traversa Oli e creme emollienti 1. L operatore effettua il lavaggio sociale delle mani; 2. Chiede al paziente di piegare le gambe e facendo il ponte con il bacino posizionare la padella. Se il paziente non è autosufficiente chiedere la collaborazione di un altro operatore; 3. Versa acqua tiepida e sapone neutro, procede con un movimento dall alto verso il basso dalle piccole labbra verso le grandi labbra, strofinando delicatamente e cambiando ogni volta il batuffolo di cotone; 4. Asciuga la cute; 5. Rimuove la padella, applica eventuali creme emollienti ed olii protettivi; 6. Sostituisce il filtrante o la traversa se occorre; 7. Se la paziente non è autosufficiente l operatore la fa ruotare sul fianco posizionandola correttamente, inserisce la padella e riporta la paziente in posizione supina; 8. Invita la paziente a divaricare le gambe ed esegue l igiene intima seguendo la modalità descritta precedentemente; 9. Riposiziona correttamente la paziente 10. Smaltisce i rifiuti secondo protocollo; 11. Effettua il lavaggio delle mani 12. Riordina il materiale.

15 PROCEDURA 8 Guanti monouso Shampoo Catino Contenitori con acqua tiepida Traverse monouso Asciuga capelli IGIENE DEI CAPELLI L operatore : 1. effettua il lavaggio sociale delle mani; 2. informa il paziente; 3. indossa i guanti monouso; 4. elimina i cuscini da sotto il capo dell utente, ne posiziona uno sotto alle spalle in modo da lasciare libero il capo; 5. pone una bacinella sotto il capo dell utente per raccogliere l acqua; 6. protegge il materasso con traverse filtranti; 7. protegge il collo e le orecchie per non bagnare la persona; 8. bagna la testa, versa una piccola dose di shampoo e massaggia con i polpastrelli il cuoio capelluto; 9. protegge gli occhi dalla schiuma, procede con il risciacquo, termina quando ogni traccia di shampoo è eliminata; 10. una volta strizzati delicatamente, tampona i capelli con un asciugamano e strofina per assorbire la maggior quantità di acqua possibile; 11. usa l asciugacapelli; 12. provvede allo smaltimento del materiale utilizzato; 13. effettua il lavaggio sociale delle mani; 14. riordina il materiale.

16 PROCEDURA 9 IGIENE DEL VISO Guanti monouso Catino Contenitore con acqua tiepida Detergente Asciugamano Filtrante L operatore : 1. effettua il lavaggio delle mani; 2. aiuta il paziente ad assumere la posizione semiseduta; 3. protegge il letto con un filtrante; 4. versa nel catino acqua tiepida e lo porge al paziente se questi è collaborante; 5. fa lavare le mani e sostituisce l acqua; 6. porge il sapone ed aiuta ad insaponare delicatamente il viso; 7. risciacqua ed asciuga; 8. se il paziente non è collaborante si procede sostituendosi alla persona (come da procedura 4); 9. provvede allo smaltimento del materiale usato; 10. controlla che il paziente rimanga nel letto in posizione comoda; 11. riordina il materiale.

17 PROCEDURA 10 RASATURA DEL VISO Schiuma da barba Catino Telini Rasoio personale o monouso Asciugamano Garze Arcella Guanti monouso 1. Informare il paziente; 2. eseguire il lavaggio delle mani; 3. posizionare il paziente seduto se è possibile; 4. indossare i guanti monouso; 5. inumidire la cute; 6. applicare la schiuma o crema da barba; 7. tirare la cute e rasare nella direzione di crescita del pelo; 8. sciacquare ed asciugare; 9. prestare molta attenzione a non tagliare la cute; 10. riordinare il materiale e smaltire i taglienti nell apposito contenitore. Importante: non procurare lesioni della cute; usare materiale monouso o sterilizzato per evitare infezioni.

18 PROCEDURA 11 CAMBIO DEL VESTIARIO IN PAZIENTE CON PRESIDI MEDICO CHIRURGICI Indumenti puliti Guanti monouso Ausili per la vestizione di aiuto alla persona 1. Pianificare il cambio degli indumenti in modo che questa operazione coincida con il bagno a letto o le cure igieniche quotidiane; 2. lavarsi le mani; 3. informare il paziente ed incoraggiarlo a collaborare; 4. abbassare le sponde del letto (se alzate) e regolare il piano alla altezza desiderata; 5. indossare i guanti monouso; 6. concedere al paziente il tempo necessario, evitare movimenti bruschi; 7. disporre gli indumenti a portata di mano nell ordine in cui saranno indossati; 8. scegliere indumenti comodi e facili da indossare; 9. scegliere scarpe chiuse e comode con allacciatura in velcro se possibile 10. assicurare la privacy; 11. se il paziente presenta deficit cognitivi, stabilire una sequenza fissa di operazioni in modo da evitare confusione, dare istruzioni chiare e semplici; 12. insegnare al paziente (quando possibile) ad utilizzare gli ausili necessari: calzascarpe con manico lungo, chiudi cerniera, pinza con manico lungo; 13. in presenza di paralisi agli arti di un emisoma,di un apparecchio gessato o di un tutore, nella vestizione del paziente, va sempre sfilato prima l arto sano poi l arto compromesso sostenendolo; 14. per sfilare i pantaloni, posizionare il paziente sul fianco, rimuoverli prima dal lato sano, ruotare il paziente sull altro fianco e rimuoverli dal lato compromesso; 15. se il paziente può collaborare chiedere di sollevare i fianchi e i glutei e far scivolare i pantaloni verso il basso; 16. nella vestizione si procede al contrario; 17. se il paziente ha una infusione in corso: sfilare prima l arto libero poi l arto l arto su cui è posizionata l infusione (sfilare la manica, staccare la fleboclisi dal supporto, abbassare il flacone e farlo passare attraverso la manica) riappendere la fleboclisi e controllare il flusso. 18. Calzare le scarpe se necessario. 19. Se il paziente presenta maschera per ventilazione meccanica assistita, sondino naso gastrico, tracheotomia, drenaggio toracico, drenaggi a livello addominale, sarebbe indicato usare indumenti con chiusura sul retro: vengono prima infilate le maniche, poi il paziente viene girato sul fianco, il lembo dell indumento viene portato sulla schiena, girare il paziente poi sull altro fianco, portare l altro lembo dell indumento sulla schiena e allacciarlo. 20. Sollevare le sponde ed abbassare il piano del letto. 21. Riporre gli indumenti del paziente che sono stati sostituiti. 22. Smaltire i guanti nell apposito contenitore dei rifiuti. Lavarsi le mani.

19 NOTE E TESTI DI RIFERIMENTO Tali procedure sono prodotte ad uso dello studente del 1 anno Corso di Laurea in Infermieristica per le attività di Laboratorio Professionale 1. Sono stati consultati i seguenti testi: Barbara K. Timby: Fondamenti di assistenza infermieristica-concetti e abilità cliniche di base. Milano, McGraw-Hill Companies, srl Publisching Group Italia 1 Edizione italiana R.F. Craven - C.J. Hirnle, Principi fondamentale dell assistenza infermieristica Vol. 1-2 III Edizione, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, 2011.

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO

Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Federica Longo Terapista Occupazionale Servizio DAT Fondazione Don Gnocchi ONLUS I.R.C.C.S. S. M. NASCENTE MILANO Gli ausili per l'autonomia nella vita 1 AUTONOMIA 1,2 RECUPERO DI UN NUOVO EQUILIBRIO Relazione

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale LISTINO PREZZI Servizio Singolo Pettinata 5-7.00 Piega Taglio Masch.x lavaggio/sh.speciale 2,00 Fiala ai minerali x lavaggio 5,00 Fiala x caduta 5,00 Cachet Masch.con elastina Masch.con cheratina Pagina

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO Congratulazioni per aver acquistato LUNA for MEN, il dispositivo

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

Guida per Guantoni da Baseball barnett

Guida per Guantoni da Baseball barnett Guida per Guantoni da Baseball barnett Rete Bridge Area triangolare Tasca Rinforzo mignolo Rinforzo polso Allacciatura Lanciatore destro = il lanciatore porta il guantone nella mano sinistra Lanciatore

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE

AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE AZIENDA OSPEDALIERA S.CROCE E CARLE CUNEO C.I.O. COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE PROTOCOLLO PER IL CATETERISMO VESCICALE (DICEMBRE 2002) A cura di: SIMONA GASTALDI Ortopedia II, LAURA

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE

- SALTUARIASALTUARIA-OCCASIONALE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI IN EDILIZIA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI L art. 168 definisce per il DDL una sequenza di azioni PARTENDO DAL POSTO DI LAVORO: 1) Individuazione e valutazione ATTIVA ai

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

MANUALE D USO MB3195-IT-B

MANUALE D USO MB3195-IT-B MANUALE D USO IT -B Introduzione Ci congratuliamo con voi per aver acquistato questa nuova sedia a rotelle. La qualità e la funzionalità sono le caratteristiche fondamentali di tutte le sedie a rotelle

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Richiesta ai Clienti

Richiesta ai Clienti Richiesta ai Clienti Tutte le riparazioni eseguite su questo orologio, escludendo le riparazioni riguardanti il cinturino, devono essere effettuate dalla CITIZEN. Quando si desidera avere il vostro orologio

Dettagli

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA

PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA PENTOLE A PRESSIONE ISTRUZIONI D USO E GARANZIA LA COTTURA IN PENTOLA A PRESSIONE La pentola a pressione è uno strumento ancora tutto da scoprire, da conoscere e da valorizzare, sia dal punto di vista

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano

ATTENZIONE ATTENZIONE AVVERTENZE AVVERTENZE. Italiano ITALIANO ATTENZIONE Non utilizzare questo orologio per immersioni, se non dopo essere stati adeguatamente addestrati alle immersioni subacquee. Per ovvi motivi di sicurezza attenersi a tutte le regole

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

Photo Ma.Ma. Edition Minusio

Photo Ma.Ma. Edition Minusio Photo Ma.Ma. Edition Minusio Copyright 2007 Photo Ma.Ma. Edition Casella postale 1615 6648 Minusio / Ticino - Svizzera ISBN 978-88-902810-0-6 e-mail: photomama@tiomail.ch http://xoomer.alice.it/manuelamazzi

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli