UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)"

Transcript

1 UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Divisione di annullamento ANNULLAMENTO N C (NULLITÀ) Nema S.r.l., Via Ca Ricchi 7, San Lazzaro di Savena (Bologna), Italia (richiedente), rappresentata da Jacobacci & Partners S.p.A., Via Berchet 9, Padova, Italia (rappresentante professionale) c o n t r o Urban Girl S.r.l., Via Ferruzzano 58, Roma, Italia, rappresentata da Avv. Ezio Lucchetti e Avv. Cristiano Manni, Via Taro 56, Roma, Italia (rappresentanti professionali). Il 29/01/2015, la Divisione di Annullamento emana la seguente DECISIONE 1. La domanda di nullità è interamente respinta. 2. La richiedente sopporta l onere delle spese, fissate in 450 EUR. MOTIVAZIONI La richiedente ha presentato una domanda di nullità contro tutti i prodotti del marchio comunitario figurativo n compresi nelle classi 14, 18 e 25., vale a dire contro tutti i prodotti La domanda si basa sulle seguenti registrazioni anteriori: - marchio italiano figurativo n , depositato il 23/07/2002, registrato il 14/01/2003 e successivamente rinnovato. La domanda è fondata su parte dei prodotti coperti dalla registrazione, ossia sui prodotti delle classi 24 e registrazione internazionale n del 14/01/2003, debitamente rinnovata, che designa, tra gli altri, Austria, Benelux, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Francia, Grecia, Irlanda, Spagna, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia e Ungheria. La domanda è fondata su parte dei prodotti coperti dalla registrazione, ossia sui prodotti della classe 25; La richiedente ha invocato l articolo 53, paragrafo 1, lettera a), RMC in combinato disposto con l articolo 8, paragrafo 1, lettera b), RMC. SINTESI DEGLI ARGOMENTI DELLE PARTI La richiedente adduce quanto segue:

2 Decisione di annullamento n C Pagina 2 di 10 Sussiste un rischio di confusione tra i marchi poiché i prodotti della registrazione contestata sono in parte identici e in parte affini ai prodotti della richiedente e i segni presentano un elevato grado di somiglianza visiva e fonetica. In particolare, i segni in esame contengono elementi figurativi simili e, comparando le parole AMEN e AMNÈ, i marchi coincidono nelle quattro lettere che li compongono, di cui le due iniziali sono poste nel medesimo ordine. I segni AMEN non hanno alcun significato specifico in relazione ai prodotti rivendicati dalla richiedente e, pertanto, devono essere considerati come marchi forti con elevato carattere distintivo per il consumatore di riferimento. Di conseguenza, considerando il principio di interdipendenza per il quale un minor grado di somiglianza tra i marchi può essere compensato da un elevato grado di affinità tra i prodotti e viceversa, e poiché i prodotti in questione sono di uso corrente e il consumatore medio raramente ha la possibilità di un confronto diretto tra i marchi, ma ne conserva solo un ricordo imperfetto, il MC contestato deve essere dichiarato nullo per tutti i prodotti contestati. La titolare, nella sua risposta in data 10/01/2014, sosteneva, in sostanza, quanto segue: I marchi in conflitto presentano profonde differenze sotto il profilo visivo, fonetico e soprattutto concettuale. Sotto il profilo visivo, sebbene i marchi coincidano nelle lettere iniziali A e M, essi differiscono nelle ultime due lettere e nei rispettivi elementi figurativi. Sotto il profilo fonetico, i suoni delle parole AMEN e AMNÈ, indipendentemente dalle differenti regole di pronuncia nelle lingue di riferimento, presentano chiare differenze fonetiche tenuto conto dell inversione delle lettere E e N e della diversa accentuazione delle parole AMEN e AMNÈ. Dal punto di vista concettuale, il termine AMEN dei marchi anteriori è una parola di origine ebraica - traducibile con le espressioni così è, in verità - la quale ha assunto nel corso del tempo un significato unico e universale in quanto utilizzata in molte liturgie cristiane come risposta e assenso a preghiere e invocazioni. Dall altra parte, il termine AMNÈ è di pura fantasia e, pertanto, privo di significato nelle lingue di rifermento. I marchi, dunque, divergono sotto il profilo concettuale. Di conseguenza, poiché il grado di somiglianza tra i segni in esame è pressoché inesistente, non sussiste alcun rischio di confusione. In data 24/09/2014 le osservazioni della titolare del MC venivano trasmesse alla richiedente con l invito a depositare un eventuale controreplica entro il termine del 24/11/2014. Poiché nessuna risposta era pervenuta entro tale termine, in data 01/12/2014 l Ufficio comunicava alle parti che la fase in contraddittorio del procedimento era conclusa e che una decisione sarebbe stata presa in base agli elementi in suo possesso. RISCHIO DI CONFUSIONE ARTICOLO 53, PARAGRAFO 1, LETTERA a), RMC IN COMBINATO DISPOSTO CON L ARTICOLO 8, PARAGRAFO 1, LETTERA b), RMC Sussiste un rischio di confusione se vi è il rischio che il pubblico possa ritenere che i prodotti o i servizi in questione, qualora rechino i marchi di cui trattasi, provengano dalla medesima impresa o, a seconda dei casi, da imprese economicamente collegate. La sussistenza di un rischio di confusione dipende dall apprezzamento nell ambito di una valutazione complessiva di diversi fattori che sono in rapporto di reciproca

3 Decisione di annullamento n C Pagina 3 di 10 dipendenza. Tali fattori includono la somiglianza dei segni, la somiglianza dei prodotti e dei servizi, il carattere distintivo del marchio anteriore, gli elementi distintivi e dominanti dei segni in conflitto così come il pubblico di riferimento. a) I prodotti I fattori pertinenti per il confronto dei prodotti o dei servizi includono, inter alia, la natura e la destinazione dei prodotti o dei servizi, i loro canali di distribuzione e punti vendita, i produttori, il metodo d uso nonché la loro concorrenzialità o complementarità. I prodotti sui quali si basa la domanda sono i seguenti: Marchio italiano n : Classe 24: Classe 25: Tessuti e prodotti tessili non compresi in altre classi, coperte da letto e copritavoli. Articoli di abbigliamento, calzature, cappelleria. Registrazione internazionale n : Classe 25: Articoli di abbigliamento, calzature, cappelleria. I prodotti contestati sono i seguenti: Classe 14: Classe 18: Classe 25: Metalli preziosi e loro leghe e prodotti in tali materie o placcati non compresi in altre classi; gioielleria, bigiotteria, pietre preziose; orologeria e strumenti cronometrici. Cuoio e sue imitazioni, articoli in queste materie non compresi in altre classi; pelli di animali; bauli e valigie; ombrelli e ombrelloni; bastoni da passeggio; fruste e articoli di selleria. Articoli di abbigliamento, scarpe, cappelleria. Il MC contestato rivendica i titoli delle classi 14, 18 e 25 ed è stato depositato in data 07/02/2012. In forza della comunicazione n. 2/12 del Presidente dell UAMI, del 20/06/2012, in caso di domande di marchio comunitario presentate anteriormente alla data del 21/06/2012, l Ufficio considererà che l intenzione della titolare del marchio comunitario nel rivendicare per intero i titoli delle classi fosse quella di estendere gli effetti del marchio a tutti i prodotti ricompresi nell elenco alfabetico delle classi di cui trattasi, nell edizione della Classificazione di Nizza in vigore al momento del deposito (in questo caso, la Decima edizione). Pertanto, al fine di prendere in considerazione tutto l elenco alfabetico nelle classi 14, 18 e 25 del MC contestato, la Divisione di Annullamento confronterà i prodotti dei marchi anteriori mediante (i) le indicazioni generali specificate ed (ii) eventuali elementi contenuti negli elenchi alfabetici, che non rientrano nel senso proprio e consueto di tali indicazioni generali.

4 Decisione di annullamento n C Pagina 4 di 10 Nel caso delle classi 14, 18 e 25, la Divisione di Annullamento ha individuato i seguenti elementi negli elenchi alfabetici coperti dal MC che non rientrano nel senso proprio e consueto di tali indicazioni generali: Classe 14: Classe 18: Classe 25: Scrigni per l'orologeria. Anelli per ombrelli; bastoni per ombrelli; borse a tracolla per portare bambini; borse lavorate a maglia; ferri di cavallo; foderi per ombrelli; impugnature per bastoni da passeggio; impugnature per ombrelli; marsupi per portare i bambini; marsupi porta-bebé; reti per la spesa; sacchetti mangiatoie per cavalli; sacchi per provviste; sacchi per roulette; stecche di balena per ombrelli o ombrelloni; telai di ombrelli o ombrelloni; telai per borse a mano. Antisdrucciolevoli per calzature; bulloni per scarpe da calcio; carcasse di cappelli; ferramenti per calzature; fodere confezionate [parti di indumenti]; guardoli per calzature; petti di camicie; polsini [abbigliamento]; punte di calzature [spunterbi]; rinforzi al tallone per calzature; rinforzi al tallone per le calze; suole; suole interne; tacchi; tomaie; tomaie di calzature. Di conseguenza, per quanto riguarda tali classi, la comparazione terrà conto sia delle indicazioni generali sia di tutti i prodotti sopra indicati. Il marchio italiano n e la registrazione internazionale n , che designa, tra gli altri, Bulgaria, Finlandia, Grecia e Ungheria, sono stati depositati, rispettivamente, il 23/07/2002 e il 14/01/2003 e concessi per gli interi titoli delle classi 24 e 25 della Classificazione di Nizza. Ai sensi della Comunicazione comune sull esecuzione della sentenza IP Translator della Rete europea dei marchi e dei disegni e modelli, l Ufficio considera che l ambito di protezione di tali classi comprende sia il significato comune ed ordinario delle indicazioni generali che ne compongono il titolo che la lista alfabetica delle classi in questione conformemente alla Classificazione di Nizza in vigore al momento della presentazione delle relative domande, che in questo caso è, per entrambi i marchi anteriori, l Ottava edizione. Nel caso delle classi in esame, la Divisione di Annullamento ha identificato i seguenti prodotti inclusi negli elenchi alfabetici rivendicati dai marchi anteriori che non rientrano nelle indicazioni generali interpretate nel loro significato comune ed ordinario: Classe 24: Classe 25: Materie plastiche [succedanei del tessuto]; rivestimenti di mobili in plastica; tende in materia plastica; tende per doccia in materia plastica. Antisdrucciolevoli per calzature; bulloni per scarpe da calcio; carcasse di cappelli; ferramenti per calzature; fodere confezionate [parti di indumenti]; guardoli per calzature; petti di camicie; polsini [abbigliamento]; punte di calzature [spunterbi]; rinforzi al tallone per calzature; rinforzi al tallone per le calze; suole; suole interne; tacchi; tomaie; tomaie di calzature. Prodotti contestati in Classe 14 I prodotti contestati metalli preziosi e loro leghe e prodotti in tali materie o placcati non compresi in altre classi; oreficeria, gioielleria, pietre preziose; orologeria e strumenti cronometrici, scrigni per l'orologeria cosi come scrigni per l'orologeria sono dissimili dai prodotti coperti dai marchi della richiedente nelle classi 24 e 25.

5 Decisione di annullamento n C Pagina 5 di 10 In particolare, i prodotti di lusso, quali gioielleria, pietre preziose, nonché certi articoli di orologeria e strumenti cronometrici, della classe 14 sono considerati dissimili dai prodotti tessili della classe 24 e gli articoli di abbigliamento della classe 25. La natura e lo scopo principale di questi prodotti sono diversi. Se la funzione principale dell'abbigliamento è quella di vestire il corpo umano, mentre i prodotti tessili sono destinati principalmente a un uso domestico e alla decorazione d interni, la funzione principale dei prodotti contestati è essere indossati per ornamento personale o indicare il tempo. I prodotti in questione non condividono i medesimi canali di distribuzione e non sono tra loro né concorrenti né complementari. La richiedente sostiene che gli oggetti ricompresi nella classe 14 e gli articoli di moda della classe 25 soddisfino i medesimi bisogni estetici, ovvero siano diretti al medesimo pubblico e siano distribuiti tramite i medesimi canali di distribuzione. Tuttavia, tale argomento non può portare a considerare simili questi prodotti. Il fatto che tali articoli possano essere scelti dal consumatore prestando attenzione al look personale che essi conferiscono e che, inoltre, un certo numero di stilisti e designer abbia fatto ingresso nei settori dell orologeria e della bigiotteria non contraddice la suddetta constatazione. Sebbene la richiedente abbia citato a sostegno dei propri argomenti le decisioni delle Commissioni di Ricorso n. R228/ del 08/11/2012 e n. R2027/ del 2017/2011, nelle quali articoli di abbigliamento, gioielli e orologeria erano stati considerati simili sulla base di una comune funzione estetica/ornamentale, la giurisprudenza della Corte ha escluso che la cosiddetta complementarità estetica costituisca una caratteristica intrinseca di questi prodotti (v. sentenza del 30/04/2014, causa T-170/12, Beyond Vintage, paragrafo 31, e, per analogia, sentenze 11/09/2007, causa T-150/04, Tosca Blu, paragrafo 36; e 01/03/2005, causa T-169/03, Sissi Rossi, paragrafi 60 e 62). Inoltre, quanto al fatto che alcuni rinomati stilisti siano entrati nei settori della gioielleria, dell orologeria e della bigiotteria, affinché questi settori possano considerarsi affini, nonostante le loro differenze quanto a natura, finalità d uso e normale origine imprenditoriale, occorre che i consumatori considerino quanto meno normale che i prodotti in questione vengano commercializzati con lo stesso marchio, cosa che implica che un ampio numero di produttori e distributori di questi prodotti siano i medesimi (v. Beyond Vintage, paragrafo 35; Tosca Blu, paragrafo 37, e Sissi Rossi, paragrafo 63). In altri termini, non deve trattarsi di un ristretto numero di case di moda che sfruttano la notorietà generale del nome dello stilista per espandersi in settori diversi, quanto piuttosto di una prassi di mercato normale e diffusa nei settori in questione. In ogni caso, devono esservi prove concrete di una commercializzazione congiunta di questi prodotti negli stessi outlets (v., per analogia, sentenza 13/07/2004, causa T-115/02, Avex / UAMI, punto 26). Ciò, tuttavia, non avviene nel caso di specie. Prodotti contestati in Classe 18 I prodotti contestati cuoio e sue imitazioni sono simili ai tessuti della richiedente in classe 24, in quanto entrambi sono utilizzati nella preparazione di prodotti (ad esempio di abbigliamento); da ciò ne consegue che essi hanno da un lato lo stesso scopo, sono diretti al medesimo pubblico professionale ed essendo tra loro sostituibili sono altresì in concorrenza. Inoltre, un certo grado di somiglianza si ritrova anche tra articoli in queste materie [cuoio e sue imitazioni] non compresi in altre classi ed abbigliamento e scarpe in classe 25 dei marchi anteriori poiché si tratta di prodotti finiti, i quali possono condividere gli stessi produttori e canali di distribuzione e sono destinati agli stessi consumatori finali.

6 Decisione di annullamento n C Pagina 6 di 10 Inoltre, le borse a tracolla per portare bambini; borse lavorate a maglia; marsupi per portare i bambini; marsupi porta-bebè sono simili in lieve misura agli articoli di abbigliamento, poiché normalmente condividono con gli stessi i produttori, i canali di distribuzione e i consumatori finali. Per contro, i prodotti contestati pelli di animali, bauli, ombrelli, ombrelloni, bastoni da passeggio, fruste e articoli di selleria sono dissimili dai prodotti rivendicati dai marchi anteriori nelle classi 24 e 25. In particolare, i bauli sono grandi contenitori, o scatole chiudibili, usati come bagaglio o per magazzinaggio, gli ombrelli sono dispositivi per la protezione dalle intemperie, costituiti da una cupola apribile, di solito circolare, montata su di un asta centrale; gli ombrelloni sono ombrelli utilizzati per proteggersi dal sole; i bastoni da passeggio sono aste o bastoni usati come ausilio nella deambulazione, le fruste sono strumenti per incitare gli animali o infliggere punizioni corporali; i finimenti sono bardature con cui un animale aggiogato tira un veicolo o un attrezzo; gli articoli di selleria sono le attrezzature usate per i cavalli, quali le selle o i finimenti. La natura di tali prodotti differisce di molto da quella dei prodotti delle classi 24 e 25. In effetti, i prodotti in questione sono utilizzati per scopi del tutto diversi (deposito/magazzinaggio, protezione dalla pioggia/dal sole, ausilio per la deambulazione, aiuto nel controllo e/o nella guida di animali, rispetto all uso domestico, alla decorazione d interni e alla copertura/protezione del corpo umano). Inoltre, i prodotti in esame non vengono distribuiti negli stessi punti vendita ed è molto improbabile che siano fabbricati/realizzati dalla stessa impresa. Di conseguenza essi sono considerati dissimili. Lo stesso ragionamento si applica alle valigie. Questi prodotti sono considerati dissimili da tutti i prodotti delle classi 24 e 25. Le valigie sono destinate a contenere oggetti durante il viaggio e non soddisfano quindi le stesse esigenze dei prodotti tessili e degli articoli di abbigliamento. I prodotti in questione non sono distribuiti tramite gli stessi punti vendita né sono realizzati dagli stessi fabbricanti. Inoltre, essi non sono né concorrenti né complementari. Infine, lo stesso dicasi dei prodotti contestati anelli per ombrelli; bastoni per ombrelli; ferri di cavallo; foderi per ombrelli; impugnature per bastoni da passeggio; impugnature per ombrelli; reti per la spesa; sacchetti mangiatoie per cavalli; sacchi per provviste; sacchi per roulette; stecche di balena per ombrelli o ombrelloni; telai di ombrelli o ombrelloni; telai per borse a mano, ovvero di quei prodotti non inclusi nell'elenco alfabetico delle indicazioni generali del marchio contestato. Essi, infatti, sono prodotti specifici che non hanno alcun punto di contatto con i prodotti della richiedente nelle classi 24 e 25, atteso che si tratta di prodotti realizzati da imprese diverse e generalmente distribuiti tramite canali commerciali non coincidenti. Ne consegue che tali prodotti sono dissimili. Prodotti contestati in Classe 25 Sebbene i marchi in esame si riferiscano a diverse edizioni della Classificazione di Nizza, i prodotti nella classe 25 dei marchi anteriori e quelli del MC contestato sono identici, sia per quanto riguarda le indicazioni generali del titolo della classe sia per quanto riguarda i prodotti implicitamente rivendicati.

7 Decisione di annullamento n C Pagina 7 di 10 b) I segni Marchi anteriori Marchio contestato Il territorio di riferimento è costituito da Austria, Benelux, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Spagna, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovenia e Ungheria. I marchi anteriori sono segni figurativi composti dall elemento verbale AMEN scritto in caratteri maiuscoli standard, preceduto e seguito, ai piedi delle lettere A e N, da due figure geometriche a forma di rombo di piccole dimensioni. Il MC contestato è anch esso figurativo e costituito dalla parola AMNÈ scritta in caratteri corsivi, leggermente stilizzati, con la lettera inziale A in maiuscolo. Le lettere finali N e È poggiano su tre figure, disegnate in piccolo, a forma di sfera e di cuore. Entrambi i segni sono privi di sfondo e non rivendicano colori specifici. Sotto il profilo visivo, i segni sono simili nella misura in cui i rispettivi elementi verbali sono composti di quattro lettere e coincidono nelle lettere iniziali A e M. Dall altro lato, essi differiscono nella sequenza delle lettere finali E e N, trascritte in maniera invertita, nell accento posto sulla lettera finale è del marchio contestato e nei rispettivi elementi figurativi. Sotto il profilo fonetico, sebbene i marchi abbiano la stessa lunghezza e siano formati dalle medesime quattro lettere, nei territori di riferimento la loro pronuncia presenta delle differenze dovute all inversione delle lettere finali e e n e all accento grave della lettera finale è del MC. In particolare, l inversione delle lettere finali produce nei segni una diversa scansione sillabica delle parole AMEN e AMNÈ, le quali verranno scandite, rispettivamente, [a-men] - con accento sulla prima sillaba - e [am-nè] - con accento sull ultima sillaba. Di conseguenza, il ritmo e l intonazione dei marchi in esame non coincidono. Sotto il profilo concettuale, la parola amen dei segni anteriori è un termine di origine ebraica utilizzato come esclamazione al termine delle preghiere cristiane con il significato così sia!. Tale termine è universale e presente nei dizionari di ognuna delle lingue considerate. Dall altro lato, la parola amnè è priva di qualsiasi significato nei territori di riferimento. Poiché uno dei segni non sarà associato ad alcun significato, i segni non sono concettualmente simili. Tenuto conto delle summenzionate lievi coincidenze visive e fonetiche, si ritiene che i segni oggetto della comparazione siano simili in modo limitato. c) Elementi distintivi e dominanti dei segni Nel determinare l esistenza del rischio di confusione, il confronto dei segni in conflitto deve basarsi sull impressione generale fornita dai marchi, tenuto conto, in particolare, dei loro elementi distintivi e dominanti.

8 Decisione di annullamento n C Pagina 8 di 10 Nei marchi in esame, le componenti AMEN e AMNÈ costituiscono gli elementi dominanti, poiché dotati di un maggior impatto visivo rispetto alle figure a forma di rombo dei marchi anteriori e di sfera e cuore del MC contestato. Inoltre, tali elementi figurativi svolgono un ruolo chiaramente ornamentale in entrambi i segni e, di conseguenza, il loro impatto nella valutazione del rischio di confusione sarà limitato. d) Carattere distintivo del marchio anteriore Il carattere distintivo del marchio anteriore è uno dei fattori di cui tener conto nella valutazione complessiva del rischio di confusione. Nelle proprie osservazioni, la richiedente sostiene che i marchi anteriori AMEN devono essere considerati marchi «forti» e, come tali, beneficiare di una tutela più ampia. Tuttavia, sebbene secondo la giurisprudenza comunitaria i marchi che hanno un elevato carattere distintivo intrinsecamente godano di una tutela più ampia rispetto ai marchi il cui carattere distintivo è inferiore (v. sentenza del 22/06/1999, C-342/97, Lloyd Schufabrik Meyer, paragrafo 20), non vi è alcuna regola in forza della quale l assenza di un nesso concettuale tra il marchio e i prodotti o servizi che esso copre conferisca automaticamente a tale marchio un carattere distintivo intrinseco forte al punto da tutelarlo in modo più ampio. Difatti, la determinazione di un eventuale ambito di protezione accresciuto del marchio può derivare dall uso intensivo dello stesso, ma, nel presente caso, la richiedente non ha presentato alcuna prova a dimostrazione del fatto che i marchi anteriori possano vantare un carattere distintivo elevato. Di conseguenza, la valutazione del carattere distintivo del marchio anteriore si baserà sul suo carattere distintivo intrinseco. Nel caso presente, i marchi anteriori risultano, nel loro complesso, privi di qualsiasi significato per il pubblico dei territori di riferimento in relazione ai prodotti in questione. Pertanto, il carattere distintivo di tali segni deve essere considerato normale, nonostante la presenza di elementi figurativi di modesta capacità distintiva, secondo quanto più sopra esposto nella sezione c) della presente decisione. e) Pubblico di riferimento livello di attenzione Si ritiene che il consumatore medio della categoria di prodotti interessati sia normalmente informato e ragionevolmente attento e avveduto. Inoltre, il livello di attenzione del consumatore medio può variare in funzione della categoria di prodotti o servizi in questione. Nel presente caso, i prodotti in esame sono rivolti al vasto pubblico, il cui livello di attenzione è da reputarsi normale. f) Valutazione complessiva, altri argomenti e conclusioni Secondo una giurisprudenza costante, costituisce un rischio di confusione la possibilità che il pubblico possa credere che i prodotti o i servizi in questione provengano dalla stessa impresa o, eventualmente, da imprese economicamente collegate tra loro (v. sentenza della Corte di giustizia 29/09/1998, causa C-39/97, Canon, paragrafo 29). Il rischio di confusione nella mente del pubblico deve essere valutato globalmente, prendendo in considerazione tutti i fattori pertinenti del caso di specie (v. Canon, paragrafo 16).

9 Decisione di annullamento n C Pagina 9 di 10 Dalla comparazione dei prodotti è risultato che essi sono in parte identici o simili e in parte dissimili. I prodotti che sono stati ritenuti identici e simili sono diretti al grande pubblico dotato di un grado di attenzione medio. In merito alla comparazione dei marchi in esame, essi presentano solo limitati elementi di somiglianza. In primo luogo, dal punto di vista visivo, nonostante la presenza di elementi figurativi che presentano differenziazioni, ma d influenza limitata per le ridotte dimensioni e per il carattere ornamentale degli stessi, ciò che prevale è che le componenti verbali AMEN e AMNÈ risultano complessivamente diverse, in quanto il livello di somiglianza tra i segni è, infatti, limitato alle due lettere iniziali A e M. In tal senso, riguardo all argomento della richiedente secondo cui il consumatore presterebbe maggiore attenzione alla parte iniziale dei segni in esame, sebbene sia vero che il consumatore ricorderà con maggiore facilità la parte iniziale dei marchi (v., al riguardo, sentenza del 17/03/2004, cause riunite T-183/02 e T-184/02, MUNDICOR, paragrafo 81), è altresì vero che tale principio non è una regola generale sempre applicabile e non può contraddire il principio dell impressione complessiva suscitata dai marchi (v. sentenza del Tribunale 19/04/2013, causa T-537/11, Snickers, paragrafo 41). In secondo luogo, la coincidenza delle due lettere inziali non determina, nel caso di specie, una somiglianza fonetica tra i segni in esame. Infatti, come riscontrato nell analisi di cui sopra, sebbene i segni siano composti delle medesime quattro lettere, l inversione della vocale E e della consonante N svolge un ruolo decisivo sull impatto fonetico determinando una diversa scansione sillabica delle parole amen e amnè che verranno pronunciate, rispettivamente, [a-men] e [am-nè]. Pertanto, i marchi differiscono in termini di ritmo e intonazione. In terzo luogo, come affermato in precedenza, i marchi non sono concettualmente simili nella misura in cui il marchio contestato non ha un significato nelle lingue di riferimento, mentre il termine amen dei segni anteriori presenta un valore concettuale universale che sarà compreso in modo chiaro e univoco dal pubblico di tutti i territori di riferimento. A tal proposito come menzionato dalla Corte, quando uno dei segni a confronto è portatore di un preciso significato semantico, non relazionato con i prodotti in esame, e tale è il caso del termine amen, tale significato semantico è in grado di neutralizzare eventuali somiglianze fonetiche o visive. Nello specifico ciò avviene quando almeno uno dei marchi di cui trattasi abbia, nella prospettiva del pubblico rilevante, un significato chiaro e determinato, di modo che tale pubblico può immediatamente comprenderlo (v. sentenza del 14 ottobre 2003, T-292/01, Bass, paragrafo 54). Nel presente caso, il termine AMEN detiene certamente un significato chiaro ed inequivoco per il pubblico di riferimento, pertanto lo stesso sarà in grado di neutralizzare il già limitato grado di somiglianza fra i segni. Alla luce di quanto sopra, debitamente considerato ogni fattore di rilevanza nel presente caso, l identità e affinità di una parte dei prodotti in esame non è sufficiente a controbilanciare le differenze tra i segni, pertanto la Divisione di Annullamento ritiene che non sussiste un rischio di confusione per l intero pubblico. Di conseguenza, la domanda di nullità della richiedente deve essere respinta. SPESE Ai sensi dell articolo 85, paragrafo 1, RMC, la parte soccombente in una procedura di annullamento sopporta l onere delle tasse e delle spese sostenute dall altra parte.

10 Decisione di annullamento n C Pagina 10 di 10 Poiché risulta soccombente, il richiedente deve sopportare l onere delle spese sostenute dalla titolare del marchio comunitario nel corso di tali procedimenti. Secondo la regola 94, paragrafi 3 e 7, lettera d), punto iv), REMC, le spese da rimborsare alla titolare del marchio comunitario sono le spese di rappresentanza, che devono essere determinate sulla base degli importi massimi ivi stabiliti. La Divisione di Annullamento Maria Luce CAPOSTAGNO Eamonn KELLY Jessica LEWIS Ai sensi dell articolo 59 RMC, ognuna delle parti di un procedimento conclusosi con una decisione può ricorrere contro la decisione stessa ove quest ultima non abbia accolto le sue richieste. Ai sensi dell articolo 60 RMC, il ricorso deve essere presentato per iscritto all Ufficio entro due mesi a decorrere dal giorno di notifica della decisione. Inoltre, entro quattro mesi da tale data deve essere presentata una memoria scritta con i motivi del ricorso. Il ricorso si considera presentato soltanto se la tassa di ricorso di 800 EUR è stata pagata. L importo fissato nell atto di determinazione delle spese potrà essere rivisto solo su richiesta mediante decisione della divisione di annullamento. Ai sensi della regola 94, paragrafo 4, REMC, tale richiesta deve essere presentata entro un mese dalla data di notifica dell atto di determinazione delle spese e si considera presentata soltanto ad avvenuto pagamento della tassa per la revisione della determinazione delle spese, fissata in 100 EUR (articolo 2, punto 30, RTMC).

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Divisione d Opposizione OPPOSIZIONE N. B 1 965 006 Costanza Bernocchi, Viale Europa, 44, 50126 Firenze, Italia (opponente),

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO OPERAZIONI SERVIZIO DISEGNI E MODELLI DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DEL 07/12/2011 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

Sentenza 28 giugno 2005

Sentenza 28 giugno 2005 TRIBUNALE CE: SENTENZA NON CONFUSIONE MARCHI CANALI E CANAL JEAN CO. NEW YORK Ancora una interessante pronuncia del Tribunale di primo grado della Comunità con riferimento al conflitto tra un marchio di

Dettagli

MARCHIO: italiano & comunitario. Edoardo Fano 2011

MARCHIO: italiano & comunitario. Edoardo Fano 2011 MARCHIO: italiano & comunitario Strategia di protezione Estensione territoriale Prodotti e/o servizi Ricerca di anteriorità Domanda di registrazione Estensione territoriale Marchio nazionale Marchio internazionale

Dettagli

DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria)

DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria) DISEGNI E MODELLI (legislazione italiana e comunitaria) a cura di Forme di protezione Disegni e modelli registrati Disegni e modelli non registrati Definizione di disegno o modello Aspetto di un prodotto

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE C OPPOSIZIONE SEZIONE 2 DOPPIA IDENTITÀ E RISCHIO

Dettagli

TUTELA DEI MARCHI E SCELTA DEI PRODOTTI E SERVIZI DA RIVENDICARE: PROBLEMATICHE ED OPPORTUNITA ALLA LUCE DELLE NUOVE REGOLE E NON SOLO

TUTELA DEI MARCHI E SCELTA DEI PRODOTTI E SERVIZI DA RIVENDICARE: PROBLEMATICHE ED OPPORTUNITA ALLA LUCE DELLE NUOVE REGOLE E NON SOLO 21 ottobre 2014 La decisione IP Translator della Corte di Giustizia e i suoi riflessi sulla registrazione dei marchi 1 TUTELA DEI MARCHI E SCELTA DEI PRODOTTI E SERVIZI DA RIVENDICARE: PROBLEMATICHE ED

Dettagli

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (marchi, disegni e modelli) Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Osservazioni generali Uso del modulo Il modulo di domanda

Dettagli

Sentenza 13 dicembre 2004

Sentenza 13 dicembre 2004 Tribunale di primo Grado delle Comunità Europee - Seconda Sezione Sentenza 13 dicembre 2004 Marchio comunitario Marchio figurativo EMILIO PUCCI Opposizione del titolare dei marchi figurativi nazionali

Dettagli

CONTENUTO DELLE RELAZIONI DI RICERCA NAZIONALI E COMUNITARIE - Situazione al 1 aprile 2000 -

CONTENUTO DELLE RELAZIONI DI RICERCA NAZIONALI E COMUNITARIE - Situazione al 1 aprile 2000 - CONTENUTO DELLE RELAZIONI DI RICERCA NAZIONALI E COMUNITARIE - Situazione al 1 aprile 2000 - La presente rassegna su contenuto e forma delle relazioni di ricerca riguarda le relazioni di ricerca comunitarie

Dettagli

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario

Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Note esplicative sul modulo di domanda di marchio comunitario Osservazioni generali Uso del modulo Si può ottenere il presente modulo gratuitamente dall UAMI (per posta, fax o messaggio di posta elettronica)

Dettagli

Note esplicative sul modulo di opposizione

Note esplicative sul modulo di opposizione UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Note esplicative sul modulo di opposizione 1. Osservazioni generali 1.1 Uso del modulo Si può ottenere questo modulo

Dettagli

Marchio comunitario e italiano Procedure di opposizione

Marchio comunitario e italiano Procedure di opposizione Marchio comunitario e italiano Procedure di opposizione Marchio comunitario: procedura di opposizione Definizione Atto amministrativo attraverso il quale un terzo chiede all UAMI il rigetto totale o parziale

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO DISEGNI E MODELLI DIVISIONE ANNULLAMENTO DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DELL 8/02/06 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

NEL PROCEDIMENTO RELATIVO ALLA DICHIARAZIONE DI NULLITÀ DI UN MODELLO COMUNITARIO REGISTRATO

NEL PROCEDIMENTO RELATIVO ALLA DICHIARAZIONE DI NULLITÀ DI UN MODELLO COMUNITARIO REGISTRATO DECISIONE DELLA DIVISIONE DI ANNULLAMENTO DEL 13/11/06 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO ALLA DICHIARAZIONE DI NULLITÀ DI UN MODELLO COMUNITARIO REGISTRATO NUMERO DEL FASCICOLO: ICD 000000842 MODELLO COMUNITARIO:

Dettagli

Prato, 10 e 11 dicembre 2003 COMPETITIVENESS OF SMALL AND MEDIUM-SIZED. Il MODELLO COMUNITARIO COME STRUMENTO DI TUTELA E ASSET AZIENDALE

Prato, 10 e 11 dicembre 2003 COMPETITIVENESS OF SMALL AND MEDIUM-SIZED. Il MODELLO COMUNITARIO COME STRUMENTO DI TUTELA E ASSET AZIENDALE Prato, 10 e 11 dicembre 2003 WIPO-ITALY FORUM ON INTELLECTUAL PROPERTY AND COMPETITIVENESS OF SMALL AND MEDIUM-SIZED ENTERPRISES (SMES) IN THE TEXTILE AND CLOTHING INDUSTRIES OF MEDITERRANEAN BASIN COUNTRIES

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 12 gennaio 2006 (C 361/04 P) Lezione del 28 ottobre 2010 Presentazione del

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DECISIONE del 04/05/2009

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DECISIONE del 04/05/2009 UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Divisione Opposizione B280 DECISIONE del 04/05/2009 CHE STATUISCE IN MERITO ALL OPPOSIZIONE N. B 1 127 341 Opponente: Prada

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*)

SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) SENTENZA DELLA CORTE (Terza Sezione) 24 maggio 2012(*) «Impugnazione Marchio comunitario Marchio figurativo F1-LIVE Opposizione del titolare dei marchi denominativi internazionali e nazionali F1 e di un

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*) SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 14 maggio 2013 (*) «Marchio comunitario Opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo PARTITO DELLA LIBERTÀ e di marchio comunitario figurativo Partito

Dettagli

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note esplicative sul modulo per l istanza di trasformazione di una registrazione internazionale ( RI ) che designa la CE

Dettagli

Tribunale I grado CE, sez. V, 4 marzo 2010 Nella causa T-24/08,

Tribunale I grado CE, sez. V, 4 marzo 2010 Nella causa T-24/08, Nella causa T-24/08, Weldebräu GmbH & Co. KG, con sede in Plankstadt (Germania), rappresentata dall avv. W. Göpfert, avocat, ricorrente, contro Ufficio per l armonizzazione nel mercato interno (marchi,

Dettagli

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale:

7 aprile 2011 (*) contro. controinteressato nel procedimento dinanzi alla commissione di ricorso dell UAMI e interveniente dinanzi al Tribunale: SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 7 aprile 2011 (*) «Marchio comunitario Procedura di opposizione Domanda di marchio comunitario denominativo COMIT Marchio nazionale figurativo anteriore Comet Impedimento

Dettagli

Sentenza del Tribunale di primo grado. (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005.

Sentenza del Tribunale di primo grado. (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005. Sentenza del Tribunale di primo grado (Prima Sezione) del 15 febbraio 2005. Cervecería Modelo, SA de CV contro Ufficio per l'armonizzazione nel mercato interno (marchi, disegni e modelli) (UAMI). Marchio

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE C OPPOSIZIONE SEZIONE 2 IDENTITÀ E RISCHIO DI

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO SUI MARCHI COMUNITARI PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO SUI MARCHI COMUNITARI PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO SUI MARCHI COMUNITARI PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 2 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano

DIFESA DELLA P.I. 31 marzo 2004 10.30/17.30. Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano INDICAM "ALLARGAMENTO DELL'UNIONE EUROPEA: PROBLEMI E OPPORTUNITÀ PER LA DIFESA DELLA P.I." 31 marzo 2004 10.30/17.30 Centro Congressi Svizzero, Sala Meili Via Palestro 2 - Milano Le prospettive e i rischi

Dettagli

La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE

La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE La proprietà Intellettuale ed Industriale e la tutela offerta dalla UE Il Marchio di posizione ed il caso Steiff Gmbh/UAMI Firenze 15 Maggio 2015 Fondazione per la Formazione Forense dell Ordine degli

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 30 giugno 2004 (1)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda Sezione) 30 giugno 2004 (1) Page 1 of 13 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE (Seconda

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO

ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO COMUNITARIO Napoli, Corso Meridionale, 58 2 piano tel. 081-7607704 e-mail: ufficio.brevetti@na.camcom.it sito internet: www.na.camcom.it fax: 081-5547557 Il

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT MEDIONET S.R.L. Dr. Luca Barbero. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio EURONIC.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Euronics Italia S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) MEDIONET

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

(GU L 164 del 14.7.1995, pag. 1)

(GU L 164 del 14.7.1995, pag. 1) 1995R1683 IT 18.10.2013 005.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1683/95 DEL CONSIGLIO del 29 maggio

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/gettext.pl?lang=it&num=79938982t19040483&d...

http://curia.europa.eu/jurisp/cgi-bin/gettext.pl?lang=it&num=79938982t19040483&d... Page 1 of 11 RG1 AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE

Dettagli

LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI

LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI I MARCHI E I DISEGNI COMUNITARI TRA PRESENTE E FUTURO LE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE ALLA REGISTRAZIONE DEI MARCHI COMUNITARI Alessandro Mannini ARGOMENTI GENERALI MARCHIO MARCHIO COMUNITARIO Attività propedeutiche

Dettagli

ANNULLAMENTO SEZIONE 2 DISPOSIZIONI SOSTANZIALI

ANNULLAMENTO SEZIONE 2 DISPOSIZIONI SOSTANZIALI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE D ANNULLAMENTO SEZIONE 2 DISPOSIZIONI SOSTANZIALI

Dettagli

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N.

ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. ALLEGATO IV MODELLO DI ACCORDO FINANZIARIO TRA ISTITUTO E PARTECIPANTE PER LA MOBILITÀ DEL PERSONALE DELLA SCUOLA ACCORDO N. e: L Istituto (Denominazione istituto di appartenenza): Indirizzo completo:

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SENTENZA

ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SENTENZA ATTI PARLAMENTARI XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI SENTENZA Doc. LXXXIX n. 60 DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA (SETTIMA SEZIONE) DEL 18 SETTEMBRE 2014. CAUSE RIUNITE C-308/13P E 309/13/P

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE C OPPOSIZIONE SEZIONE 2 DOPPIA IDENTITÀ E RISCHIO

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO DISEGNI E MODELLI DIVISIONE ANNULLAMENTO DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DEL 30/08/05 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN

LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN LA TUTELA DEI SISTEMI DI CONFEZIONAMENTO E DEL PACKAGING ATTRAVERSO IL BREVETTO ED IL DESIGN Fabio D Angelo Consulente in Proprietà Industriale Mandatario abilitato Italiano, Europeo e Comunitario per

Dettagli

Proprietà intellettuale e lotta alla contraffazione: uno stretto legame

Proprietà intellettuale e lotta alla contraffazione: uno stretto legame Proprietà intellettuale e lotta alla contraffazione: uno stretto legame Avv. Elio De Tullio edt@detulliopartners.com Progetto Marchi e Disegni Comunitari Camera di Commercio di Bolzano Bolzano, 24 settembre

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE TRADUZIONE NON UFFICIALE ACCORDO FRA LA REPUBBLICA DI SAN MARINO E IL REGNO DI NORVEGIA CONCERNENTE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Il Governo della Repubblica di San Marino e il Governo

Dettagli

Il procedimento di Opposizione alla Registrazione del marchio di impresa in Italia

Il procedimento di Opposizione alla Registrazione del marchio di impresa in Italia Il procedimento di Opposizione alla Registrazione del marchio di impresa in Italia IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE Definizione Procedimento amministrativo che si svolge dinanzi all Ufficio Marchi attraverso

Dettagli

51. Regolamento (CE) 92/1768 del Consiglio sull'istituzione di un certificato protettivo complementare per i medicinali

51. Regolamento (CE) 92/1768 del Consiglio sull'istituzione di un certificato protettivo complementare per i medicinali 51. Regolamento (CE) 92/1768 del Consiglio sull'istituzione di un certificato protettivo complementare per i medicinali Questo regolamento è stato emanato sulla base della proposta della Commissione 9

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE M MARCHI INTERNAZIONALI Direttive concernenti

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO OPERAZIONI SERVIZIO DISEGNI E MODELLI DECISIONE DELLA DIVISIONE DI ANNULLAMENTO DEL 20/11/2013 NEL PROCEDIMENTO

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione

La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione FACOLTÀ DI INGEGNERIA II 31 maggio 2011 La Proprietà Intellettuale Strategie di Protezione e valorizzazione Relatore: Ing. Giuseppe Quinterno Jacobacci & Partners S.p.A. 1 Proprietà Intellettuale e Industriale

Dettagli

Modelli o Design comunitari

Modelli o Design comunitari Modelli o Design comunitari Brevi cenni sulla legislazione comunitaria. Nullità contraffazione. Esempi pratici. 1 Disegno o modello comunitario cosa è. Un disegno o modello comunitario è un diritto esclusivo

Dettagli

Centro Risoluzione Dispute Domini. Cesena, 6 novembre 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ERMES-CERAMICHE.IT

Centro Risoluzione Dispute Domini. Cesena, 6 novembre 2010. Procedura di riassegnazione del nome a dominio ERMES-CERAMICHE.IT Procedura di riassegnazione del nome a dominio ERMES-CERAMICHE.IT Ricorrente: Ermes Ceramiche s.p.a. (avv. Mario Preite) Resistente: Benson and Partner ltd Collegio (unipersonale): avv. prof. Andrea Sirotti

Dettagli

Breve excursus sulla legislazione europea dei Marchi

Breve excursus sulla legislazione europea dei Marchi Breve excursus sulla legislazione europea dei Marchi I marchi per essere utilizzati ed essere tutelati nel territorio della Comunità Europea devono essere necessariamente registrati presso l'ufficio dei

Dettagli

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005 ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005 di Lorenzo Gelmini Premessa Il Principio Contabile n. 13 enuncia le regole relative alla rilevazione, valutazione e rappresentazione

Dettagli

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata)

TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) Giurisprudenza comunitaria TRIBUNALE DI PRIMO GRADO DELLE COMUNITÀ EUROPEE Seconda Sezione (ampliata) SENTENZA del 25 Ottobre 2005 (*) Procedimento numero T 379/03 Parti: Peek & Cloppenburg KG contro Ufficio

Dettagli

Note relative al modulo per l istanza di trasformazione

Note relative al modulo per l istanza di trasformazione UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (UAMI) Marchi, disegni e modelli Note relative al modulo per l istanza di trasformazione Osservazioni di carattere generale Il modulo per l istanza di trasformazione

Dettagli

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011

Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Diritto della proprietà industriale ed intellettuale Prof. G. Giannelli A.A. 2010 2011 Sentenza Corte di Giustizia Europea del 14 settembre 2010 (C 48/09 P) Lezione del 4 novembre 2010 Presentazione del

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 3 marzo 2004 (1)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione) 3 marzo 2004 (1) AVVISO IMPORTANTE:Le informazioni contenute in questo sito sono soggette ad una Clausola di esclusione della responsabilità e ad un avviso relativo al Copyright. SENTENZA DEL TRIBUNALE (Quarta Sezione)

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

www.marchiodimpresa.it

www.marchiodimpresa.it www.marchiodimpresa.it Indice 3 In cosa consiste. 3 Come si effettua una ricerca di anteriorità. 3 Le banche dati dei marchi con effetto in Italia. 3 Come valutare i marchi anteriori identici e simili.

Dettagli

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI

ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI ALLEGATO III REGOLE FINANZIARIE E CONTRATTUALI I. INTRODUZIONE Il presente Allegato integra le regole relative all uso del contributo nell ambito delle differenti categorie di spesa applicabile al Progetto

Dettagli

Regolamento di esecuzione del 7 dicembre 2006 della Convenzione sul brevetto europeo

Regolamento di esecuzione del 7 dicembre 2006 della Convenzione sul brevetto europeo Regolamento di esecuzione del 7 dicembre 2006 della Convenzione sul brevetto europeo (RE CBE 2000) RS 0.232.142.21; RU 2007 6541 Modifica del regolamento di esecuzione Approvata dal Consiglio d amministrazione

Dettagli

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi

Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi Il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi CHE COS È Il RASFF, Rapid Alert System for Food and Feed (Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) è stato istituito per fornire un efficace

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

Se i segni e i prodotti e/o servizi sono simili, non significa necessariamente che vi sia rischio di confusione. I due

Se i segni e i prodotti e/o servizi sono simili, non significa necessariamente che vi sia rischio di confusione. I due Nella scelta del vostro marchio dovreste badare che non sia troppo simile ad altri marchi già registrati. Un marchio può infatti essere escluso dalla protezione se sussiste il rischio che possa essere

Dettagli

Il marchio come strumento di competitività di un impresa

Il marchio come strumento di competitività di un impresa Il marchio come strumento di competitività di un impresa RINGRAZIAMENTI buonasera, sono Aldo Fittante e prima di tutto vorrei ringraziare l organizzazione di questo Forum Internazionale ed i Colleghi relatori.

Dettagli

Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010

Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010 Nelle cause riunite T-303/06 e T-337/06, Tribunale I grado CE, sez. III, 27 aprile 2010 UniCredito Italiano SpA, con sede in Genova, rappresentata dagli avv.ti G. Floridia, R. Floridia e F. Polettini,

Dettagli

Roma,28 dicembre 2007

Roma,28 dicembre 2007 CIRCOLARE N. 75/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 dicembre 2007 Oggetto: Negoziazione di quote di partecipazione in società mediante atti pubblici o scritture private autenticate Imposta

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*)

SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*) 1 di 13 31/03/2014 11.23 SENTENZA DEL TRIBUNALE (Ottava Sezione) 6 ottobre 2011 (*) «Marchio comunitario Domanda di marchio comunitario tridimensionale Raffigurazione di un altoparlante Esecuzione da parte

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto

La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto La tutela della proprietà intellettuale nella professione dell Architetto Padova, 22 Novembre 2012 Studio Legale Seno Francini & Partners Avv. Fabrizio Seno Avv. Gherardo Piovesana OPERE DELL INGEGNO DA

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) DIPARTIMENTO DISEGNI E MODELLI DIVISIONE ANNULLAMENTO DECISIONE DELLA DIVISIONE ANNULLAMENTO DEL 31/01/08 NEL PROCEDIMENTO RELATIVO

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

35. Regolamento di esecuzione della convenzione sulla concessione di brevetti europei, adottato a Monaco il 5 ottobre 1973

35. Regolamento di esecuzione della convenzione sulla concessione di brevetti europei, adottato a Monaco il 5 ottobre 1973 35. Regolamento di esecuzione della convenzione sulla concessione di brevetti europei, adottato a Monaco il 5 ottobre 1973 Storia: questo regolamento è stato adottato a Monaco il 5 ottobre 1973 ed è stato

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 Gestione dei brevetti corretta ed efficiente I punti fondamentali da ricordare nella gestione

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

MARKETING. Vi proponiamo gli indirizzi giusti per il Vs. Direct Marketing

MARKETING. Vi proponiamo gli indirizzi giusti per il Vs. Direct Marketing MARKETING Provvediamo allo sviluppo dei vostri affari Vi proponiamo gli indirizzi giusti per il Vs. Direct Marketing Nel Direct Marketing, è fondamentale avere l indirizzo di un impresa solvibile, presupposto

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 1 MODALITÀ DI

Dettagli

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo.

La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. La tutela della Denominazione d Origine Protetta Parmigiano Reggiano in ambito internazionale: l azione sul campo. Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Progetto di tutela e rafforzamento

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 95/46/CE

Dettagli

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA

LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA LA NUOVA DISTRIBUZIONE DELL AUTOMOBILE AI BLOCCHI DI PARTENZA Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze Statistiche Bologna, 23 settembre 2002 REGOLAMENTO DI ESENZIONE Come dichiarato dalla

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA,

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, REGOLAMENTO (CE) N. 207/2009 DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2009 sul marchio comunitario IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA, visto il trattato che istituisce la Comunità europea, in particolare l articolo

Dettagli

La tutela internazionale dei marchi d impresa

La tutela internazionale dei marchi d impresa La tutela internazionale dei marchi d impresa AVVOCATI ASSOCIATI FELTRINELLI & BROGI - APTA CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE EUROPEAN PATENT, DESIGN & TRADEMARK ATTORNEYS 1 Perché si deposita un marchio

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli