Gestione del paziente con mucosite

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione del paziente con mucosite"

Transcript

1 Gestione del paziente con mucosite Per diversi decenni a partire dagli anni ottanta mucosite era sinonimo di stomatite e indicava l infiammazione e l ulcerazione della mucosa della bocca escludendo eventuali danni a carico dell apparato gastrointestinale. Oggi invece il termine mucosite descrive l infiammazione della mucosa a partire dal cavo orale fino alla zona anale (mucosite del sistema digerente). 1 Questo dossier si basa sulle linea guida sviluppate dalla Multinational Association of Supportive Care in Cancer (MASCC) e dall International Society of Oral Oncology (ISSO) nel 2004 e aggiornate nel ,3 Epidemiologia La mucosite si manifesta nel 40% dei soggetti sottoposti a chemioterapia con dosaggio standard e in quasi tutti i soggetti con neoplasia della testa e del collo sottoposti a radioterapia e nei soggetti in attesa di trapianto del midollo osseo sottoposti a chemioterapia ad alte dosi. La mucosite aumenta il rischio di emorragie e di infezioni, complicanze che possono rendere necessario un prolungamento dell intervallo tra i cicli di chemioterapia o una riduzione della dose. Inoltre determina un aumento dei costi per il maggiore utilizzo delle terapie di supporto e per l allungamento dei tempi di ospedalizzazione. 4 Fisiopatologia La mucosa è costituita da un epitelio stratificato squamoso privo di cheratina che si riproduce ogni 7-14 giorni e dalla sottomucosa che contiene vasi sanguigni, terminazioni nervose, cellule dell infiammazione e la matrice extracellulare. 5 La radioterapia e la chemioterapia bloccano la capacità riproduttiva delle cellule epiteliali basali. L assenza di nuove cellule causa un assottigliamento della mucosa che diventa atrofica e predisposta all ulcerazione. L eziopatogenesi non è ancora completamente chiara. Gli studi più recenti hanno dimostrato che il danno vascolare e la lesione del connettivo nella sottomucosa precedono l infiammazione dell epitelio. La chemioterapia determina un danno alle cellule, ai tessuti e ai vasi della mucosa (fase zero) con il conseguente aumento dell espressione di alcuni geni e il rilascio di mediatori dell infiammazione tra i quali il fattore di necrosi tumorale e alcune citochine (fase 1, up

2 regulation). La risposta infiammatoria progressivamente viene amplificata dall attivazione di altre citochine (fase 2, amplificazione del segnale) e determina la formazione di ulcerazioni (fase 3, ulcerazione). Quando le lesioni diventano profonde i batteri possono penetrare nella sottomucosa attivando il sistema immunitario. Lentamente la mucosa riacquista il suo spessore normale ma rispetto alla condizione iniziale si ha un aumento del rischio di sviluppare in futuro mucositi (fase 4, guarigione). 6-8 Fattori di rischio Alcune caratteristiche del soggetto come l età, il sesso, lo stato nutrizionale, l igiene orale, la produzione di saliva, il fumo e il corredo genetico possono influenzare l esordio e la gravità della mucosite. L influenza dell età e del sesso non è ancora del tutto chiara. Si è visto che nei bambini il rischio di sviluppare mucosite è più alto rispetto agli adulti. 9,10 Nei soggetti con più di 50 anni il rischio di sviluppare mucosite grave e di lunga durata è più alto per la ridotta escrezione renale che può alterare l eliminazione dei farmaci chemioterapici. 11 Nelle donne il rischio di mucosite indotta dal 5-fluororacile è maggiore rispetto agli uomini. 12,13 I principali chemioterapici che possono provocare mucosite sono: etoposide, metotrexato, 5-fluoruracile, cisplatino, citarabina, 14 irinotecan, 15 paclitaxel e dacarbazina. La chemioterapia aumenta il rischio di mucosite e il piano terapeutico e la via di somministrazione possono influire sull esordio e sulla gravità. Si è visto inoltre che i soggetti con diabete mellito e quelli di etnia bianca sono più esposti alla mucosite. L incidenza di mucosite da 5-fluorouracile è maggiore nei soggetti trattati con infusione continua rispetto a quelli sottoposti a somministrazione per via endovenosa intermittente. 16 Fattori di rischio per mucosite Farmaci chemioterapici antimetaboliti antibiotici antitumorali agenti alchilanti alcaloidi Sostanze biologiche interleuchina-2 (IL-2) interferone Farmaci o terapie che alterano la mucosa ossigenoterapia (secca le mucose) farmaci anticolinergici (riducono la produzione di saliva, xerostomia) corticosteroidi (favoriscono la crescita di funghi) Radioterapia Età bambini (aumento del rischio di mucosite per sistema immunitario incompleto, proliferazione cellulare elevata, alta incidenza di tumori del sangue) anziani (aumento del rischio di mucosite per alterazioni degenerative, ridotta produzione di saliva, poca cheratina nella mucosa, aumento dell incidenza di gengiviti) Sostanze irritanti tabacco e alcol Scarsa nutrizione apporto calorico ridotto, con conseguente ritardo nella guarigione dieta ricca di zuccheri con aumento del rischio di patologie dentarie cibi speziati o acidi infiammano e traumatizzano la mucosa Scarso apporto di liquidi disidratazione con conseguente alterazione dell integrità della mucosa Patologie tumori del distretto testa-collo leucemie, linfomi patologia epatica o renale (alterazione del metabolismo o dell escrezione di alcuni chemioterapici) patologie dentali e scarsa igiene orale (irritazioni e lesioni della mucosa orale, causate anche da protesi) diabete mellito - 2 -

3 Anche la radioterapia può essere responsabile della mucosite e il rischio di malattia è influenzato dalla dose somministrata, dalla dose totale, dall intervallo di tempo fra le somministrazioni, dalla durata complessiva del trattamento e dalla zona irradiata. 17 Il rischio di mucosite aumenta con l esposizione concomitante a radioterapia e chemioterapia in caso di tumore del distretto testa-collo e nella fase precedente al trapianto di midollo. 18 Segni e sintomi La mucosa infiammata e ulcerata perde la sua funzione di barriera; ciò determina la comparsa dei sintomi che possono variare dal dolore circoscritto alla mucosa orale fino alla diarrea. Inoltre possono manifestarsi effetti debilitanti gravi, infezioni locali o disseminate, difficoltà a bere e ad alimentarsi, tanto da richiedere una nutrizione parenterale e una terapia analgesica con oppiacei. L intensità e la durata dei sintomi cambiano in base al tipo di trattamento, alla dose e alla frequenza di somministrazione. I segni della mucosite sono di solito visibili dopo 4-5 giorni dall infusione del chemioterapico. I soggetti che si sottopongono a trapianto di midollo manifestano i primi sintomi dopo 3-5 giorni dal condizionamento pre trapianto. La mucosite si manifesta invece durante la seconda settimana di trattamento nei pazienti sottoposti a radioterapia del distretto testa-collo. L intensità della mucosite aumenta con la somministrazione di alti dosaggi di farmaci citotossici e la durata può essere prolungata da trattamenti che prevedono brevi periodi di recupero tra i cicli. Segni e sintomi della mucosite alterazioni del gusto (disgeusia) e difficoltà alla deglutizione (disfagia) raucedine o riduzione del tono di voce (disfonia) dolore alla deglutizione (odinofagia) alterazione della mucosa (per esempio eritema, lesioni, ulcere) alterata secrezione di saliva per quantità e qualità (xerostomia) edema della mucosa e della lingua ulcerazione della mucosa diarrea nausea e vomito pirosi gastrica, esofagite meteorismo dolore addominale Valutazione E possibile valutare la gravità della mucosite della bocca con l ausilio di scale ad hoc (vedi tabella 1) che prendono in esame i sintomi e le alterazioni funzionali e attribuiscono un punteggio diverso sulla base della gravità. La valutazione dovrebbe essere fatta prima della chemioterapia e con regolarità da personale sanitario esperto. E importante indicare il momento in cui viene fatta la valutazione, precisando se prima o dopo l igiene orale, i pasti o l assunzione di analgesici perché i risultati possono cambiare. Nella tabella 1 sono riportate le principali scale di valutazione per la mucosite della bocca; si ricorda che per l ispezione del cavo orale occorre avere l abbassalingua, lo specchietto dentale e una buona illuminazione. Purtroppo a oggi non esistono scale validate nella loro versione italiana

4 Tabella 1. Scale di valutazione per la mucosite della bocca Strumento Valutazione Punteggio Note Oral Exam Guide (OEG) valutazione di labbra, lingua, cavo orale, denti, saliva, voce, deglutizione da parte degli operatori sanitari percezione del paziente di labbra, lingua, cavo orale, gusto, voce, alimentazione valutazione del livello di coscienza, respirazione, dieta Oral Assessment Guide (OAG) Oral Mucosa Rating Scale (OMRS) valutazione di voce, deglutizione, labbra, lingua, saliva, cavo orale valutazione del tipo e della gravità della mucosite atrofia, eritema, ulcerazione valutazione del dolore e della secchezza della mucosa Oral Mucositis Index (OMI) strumento composto da 54 domande Common Terminology Criteria for Adverse Events (CTCAE) valutazione delle alterazioni della mucosa per ogni aspetto si attribuisce un punteggio da 1 (normale) a 4 (alterazione massima) per ciascun aspetto si attribuisce un punteggio pari a 1 (normale), 2 (alterazione ma senza danno funzionale), 3 (danno funzionale) scala da 0 (normale) a 3 (grave) scala analogico visiva scala da 0 (normale) a 3 (grave) per atrofia, ulcerazione, eritema, edema scala da 0 (normale) a 4 (grave) Prevenzione Le azioni preventive variano secondo la causa di mucosite. Di seguito vengono fornite le raccomandazioni al riguardo suddivise tra radioterapia e chemioterapia. Livello delle prove e grado delle raccomandazioni in base alle Linee guida della Multinational Association of Supportive Care in Cancer 3 Livello I Prova ottenuta da metanalisi, studi controllati, studi randomizzati con alta sensibilità e specificità dei test (bassa probabilità di falsi negativi o falsi positivi). Livello II Prova ottenuta da almeno uno studio sperimentale ben progettato, studi randomizzati con bassa sensibilità e/o specificità dei test (alta probabilità di falsi negativi o falsi positivi). Livello III Studi di tipo quasi sperimentale ben progettati ma non randomizzati, studi di coorte, studi comparativi. Livello IV Studi descrittivi non-sperimentali ben progettati (studi comparativi, studi di correlazione e casi-studio). Livello V Case report ed esperienze cliniche. Grado A Livello di prova I oppure risultati ottenuti da più studi con livello di prova II, III o IV. Grado B Livelli di prova II, III o IV e risultati coerenti. Grado C Livelli di prova II, III o IV e risultati non coerenti. Grado D Poche prove o nessuna. Radioterapia Per ridurre il danno della mucosa conviene preferire la radioterapia conformazionale tridimensionale, che provoca meno danni perché il fascio di radiazioni segue i contorni della lesione da irradiare (livello II; grado B). 24,25 La clorexidina (antisettico topico ad ampio spettro), il sucralfato e le caramelle antibatteriche non sono utili nel prevenire la mucosite orale nei pazienti con tumori solidi della distretto testa-collo sottoposti a radioterapia. Tuttavia la clorexidina è un efficace trattamento antiplacca e antifungino. 3 Il National Cancer Institute consiglia di fare sciacqui con soluzione salina allo 0,9% o bicarbonato di sodio anche se non è ancora chiaro il meccanismo d azione e l efficacia. Il bicarbonato di sodio creando un ambiente alcalino dovrebbe stimolare la flora batterica del cavo orale. L utilizzo è limitato a causa del gusto poco gradevole

5 Per prevenire la proctite nei soggetti con tumore del retto in trattamento con radioterapia a dosi standard sembra utile l amifostina a dosi non inferiori a 340 mg/m 2. Nei pazienti sottoposti a radioterapia della pelvi la somministrazione di sulfasalazina orale (acido 5-aminosalicilico e sulfapiridina), alla dose di 500 mg 2 volte al giorno, riduce l incidenza e la gravità dell enteropatia indotta da radioterapia (livello II; grado B). Il sucralfato somministrato per bocca non previene la diarrea acuta nei soggetti con tumore della pelvi in trattamento con radioterapia. Inoltre rispetto a placebo è associato a effetti negativi gastrointestinali come emorragia rettale. Per questo è sconsigliato l utilizzo di sucralfato nei soggetti con tumore della pelvi sottoposti a radioterapia (livello I; grado A). Gli aminosalicilati non dovrebbero essere utilizzati per prevenire la mucosite gastrointestinale (livello I; grado A). La somministrazione di glutammina per via sistemica non si è dimostrata utile nella prevenzione della mucosite gastrointestinale indotta dalla radioterapia. Chemioterapia Gli studi raccomandano 30 minuti di crioterapia orale ai pazienti in trattamento con 5- fluorouracile somministrato in bolo (livello II; grado A). Tenere un cubetto di ghiaccio in bocca per 5 minuti prima della chemioterapia e nei 30 minuti successivi determina vasocostrizione e impedisce in parte al farmaco di raggiungere la mucosa orale attenuando i sintomi della mucosite (livello II; grado A). L aciclovir e i suoi analoghi non devono essere utilizzati di routine per prevenire la mucosite (livello II, grado B). Per prevenire la mucosite nei pazienti con tumori del sangue trattati con chemioterapia ad alte dosi, irradiazione totale e sottoposti a trapianto di midollo si raccomanda l utilizzo di fattori di crescita dei cheratinociti (KGF) nei 3 giorni precedenti il trattamento di condizionamento e nei 3 giorni successivi al trapianto. Non è efficace invece l utilizzo di colluttori a base di fattori di crescita stimolanti le colonie di granulociti e macrofagi (GM-CSF) e l impiego di pentoxifillina per prevenire la mucosite orale (livello II; grado B). Nei soggetti in trattamento con melfalan ad alte dosi la Multinational Association of Supportive Care in Cancer suggerisce l impiego della crioterapia per prevenire la mucosite orale. Le linee guida della Multinational Association of Supportive Care in Cancer consigliano di utilizzare la ranitidina oppure l omeprazolo per prevenire il dolore epigastrico causato da ciclofosfamide, metotrexato o 5-fluorouracile somministrati da soli o in associazione con acido folico (livello II; grado A). Educazione del paziente E importante insegnare al paziente e ai familiari quanto sia importante mantenere una buona igiene orale e una buona idratazione della mucosa per prevenire danni durante il trattamento chemioterapico o radioterapico. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale insegnare a riconoscere segni e sintomi della mucosite. Il paziente dovrebbe lavare i denti dopo i pasti e la sera prima di andare a dormire con uno spazzolino a setole morbide e utilizzare tutti i giorni il filo interdentale (da sospendere in caso di dolore o piastrine inferiori a /mm 3 ). 27 In caso di neutropenia o trombocitopenia bisogna utilizzare un tampone che non irriti le gengive. Evitare invece l utilizzo di idropulsori che facilitano la penetrazione dei microrganismi nel tessuto gengivale compromesso e ulcerato. Evitare sostanze irritanti come i collutori a base di fenoli o alcol, i dentifrici con alto potere abrasivo, le bevande e i cibi acidi, speziati, troppo caldi o freddi, le sostanze alcoliche, il tabacco, le protesi dentali mobili e gli apparecchi ortodontici. Per prevenire la xerostomia occorre bere frequentemente, utilizzare sostituti della saliva, idratare le labbra. Sciogliere in bocca le caramelle senza zucchero può essere utile per stimolare la produzione di saliva. Gli operatori sanitari devono sottolineare l importanza di un equilibrato apporto di liquidi, proteine e vitamine e devono consigliare di assumere cibi tiepidi e morbidi (evitare alimenti croccanti e ruvidi che potrebbero ferire la mucosa orale)

6 Gestione Igiene orale L igiene orale è importante per ridurre la gravità della mucosite orale da chemioterapia o da radioterapia. (livello III; grado B). La Multinational Association of Supportive Care in Cancer (MASCC) consiglia di usare spazzolini da denti morbidi da sostituire regolarmente e strumenti per valutare il cavo orale e il dolore. Occorre chiedere una consulenza all odontoiatra dalla fase iniziale fino al follow up. Gli interventi odontoiatrici (dalla rimozione del tartaro agli interventi più complessi) devono essere eseguiti prima della chemioterapia perché la neutropenia e la trombocitopenia da chemioterapia sono una controindicazione. Inoltre una dieta ricca di proteine e di liquidi (>1500 ml die) stimola la rigenerazione della mucosa orale. Trattamento Vengono qui raccolte alcune raccomandazioni riguardo al trattamento della mucosite in atto: La clorexidina non è efficace nel trattamento dei pazienti che hanno una mucosite orale (livello II; grado A). Non ci sono prove sull efficacia degli sciacqui con camomilla, con corticosteroidi, acqua ossigenata o betadine. Alcuni studi però sostengono che l azione antinfiammatoria e spasmolitica potrebbe favorire la guarigione delle lesioni. Da 2 studi che hanno valutato l efficacia degli sciacqui con acqua ossigenata è emerso invece che la cura del cavo orale è il fattore più importante indipendentemente dal prodotto utilizzato. La benzidamina cloridrato, un antinfiammatorio non steroideo con proprietà analgesiche, anestetiche e antimicrobiche si è dimostrata efficace nei pazienti con tumore nel distretto testacollo (livello I; grado A). Diversi studi clinici randomizzati multicentrici hanno concluso che la benzidamina per uso topico (sciacqui per almeno 2 minuti con 15 ml di soluzione 4-8 volte al giorno prima e durante la radioterapia) 26 riduce la frequenza e la gravità delle lesioni ulcerative della bocca e riduce il dolore. 3 Per il trattamento della mucosite gastrointestinale si raccomanda di accertarsi che il soggetto riceva un idratazione adeguata, di escludere un eventuale intolleranza al lattosio e la presenza di batteri patogeni. La diarrea associata al trattamento chemioterapico è un problema molto comune. Le linee guida raccomandano di usare la loperamide. Se la terapia non fosse sufficiente si può passare alla somministrazione di octreotide (analogo della somatostatina) a dosi non inferiori a 100 µg sottocute 2 volte al giorno (livello II; grado A). Per il trattamento della proctite e dell emorragia rettale da chemioterapia le linee guida della Multinational Association of Supportive Care in Cancer consigliano di usare clisteri con sucralfato, 20 ml al 10% sciolto in acqua, 2 volte al giorno (livello III; grado B). Gestione del dolore Gli esperti raccomandano di valutare regolarmente il dolore con strumenti di autovalutazione validati (per la descrizione delle scale di valutazione si rimanda al Dossier InFAD Dolore post operatorio nell adulto 2006;11:2) e di utilizzare gli oppiacei come trattamento di scelta nei pazienti con mucosite che devono essere sottoposti a trapianto di midollo (livello I; grado A). Si è visto che la lidocaina (anestetico locale), la difenidramina (antistaminico anti-h1 con azione sedativa), la capsaicina (sostanza estratta dal peperoncino con attività analgesica) e i corticosteroidi orali non sono efficaci, sebbene continuino a essere utilizzati. 27 Complicanze La mucosa orale integra è un importante difesa contro le infezioni batteriche e micotiche. Nel paziente neutropenico che presenta lesioni al cavo orale, provocate dalla chemioterapia o dalla radioterapia, possono verificarsi infezioni locali o sistemiche che lo potrebbero esporre a rischio di - 6 -

7 morte. Inoltre l utilizzo prolungato di antibiotici e di corticosteroidi crea un ambiente favorevole all instaurarsi di infezioni. Le infezioni batteriche più comuni associate alla mucosite orale sono causate principalmente da streptococchi e da batteri saprofiti della mucosa orale. Le infezioni fungine (o micotiche) sono una complicanza comune soprattutto tra i soggetti con leucemia acuta e in quelli sottoposti a trapianto di midollo. In particolare le infezioni fungine causate da Aspergillus e Candida albicans sono più frequenti nei pazienti trattati con chemioterapia. Non bisogna infatti dimenticare che Candida albicans fa parte della flora microbica della cute e della mucosa orale. E importante riconoscere e trattare precocemente le infezioni locali e sistemiche viste le morbilità e la mortalità associate. 28 Gestione della candidosi orale Prevenzione Le prove indicano che nei pazienti neutropenici ad alto rischio (per esempio i soggetti sottoposti a trapianto di midollo) i farmaci antimicotici assorbiti in tutto o in parte dal tratto gastrointestinale (per esempio fluconazolo, ketoconazolo, itraconazolo, miconazolo, clotrimazolo) sono utili nel prevenire la candidosi orale mentre quelli non assorbiti dal tratto gastrointestinale (per esempio amfotericina B, nistatina) non sono efficaci per la prevenzione. 29,30 Trattamento Gli studi hanno trovato che la nistatina non è efficace nel ridurre l incidenza delle infezioni sistemiche e locali da Candida nei pazienti immunocompromessi sottoposti a radioterapia o chemioterapia. Tuttavia il suo utilizzo è ancora molto diffuso. Sono invece efficaci il clotrimazolo (pastiglie) e l amfotericina (soluzione orale o pastiglie). Il fluconazolo e gli analoghi per via sistemica (6-10 mg/kg die in dose singola) e amfotericina B (0,4-1 mg/kg die in dose singola) sono efficaci nel trattamento sia delle infezioni micotiche sistemiche sia di quelle del cavo orale Conclusioni E importante quindi saper individuare e valutare i pazienti a rischio di mucosite e sviluppare strategie educative per i diversi bisogni del paziente. La maggior parte degli interventi proposti sia per la prevenzione sia per il trattamento sono stati studiati solo su pochi casi, non ci sono interventi per i quali l efficacia è stata dimostrata in modo definitivo

8 Bibliografia 1. Peterson DE, Keefe DM, Hutchins RD et al. Alimentary tract mucositis in cancer patients: impact of terminology and assessment on research and clinical practice. Supportive Care in Cancer 2006;14: Rubenstein EB, Peterson DE, Schubert M et al. Clinical practice guidelines for the prevention and treatment of cancer therapy-induced oral and gastrointestinal mucositis. Cancer 2004;100: (2004). 3. Multinational Association of Supportive Care in Cancer (MASCC). Summary of Evidence-based Clinical Practice Guidelines for Care of Patients with Oral and Gastrointestinal Mucositis Jones JA, Avritscher EB, Cooksley CD et al. Epidemiology of treatment-associated mucosal injury after treatment with newer regimens for lymphoma, breast, lung, or colorectal cancer. Supportive Care in Cancer 2006;14: Sonis ST. Pathobiology of mucositis. Seminars in Oncology Nursing 2004;20: Sonis ST. Mucositis as a biological process: a new hypothesis for the development of chemotherapyinduced stomatotoxicity. Oral Oncology 1998;34: Sonis ST. A biological approach to mucositis. Journal of Supportive Oncology 2004;2: Sonis ST, Elting LS, Keefe D et al. Perspectives on cancer therapy-induced mucosal injury: pathogenesis, measurement, epidemiology, and consequences for patients. Cancer 2004;100: Cheng KK, Molassiotis A, Chang AM et al. Evaluation of an oral care protocol intervention in the prevention of chemotherapy-induced oral mucositis in paediatric cancer patients. European Journal of Cancer 2001;37: Sonis ST, Fey EG. Oral complications of cancer therapy. Oncology 2002;16: Raber-Durlacher JE, Weijl NI, Abu Saris M et al. Oral mucositis in patients treated with chemotherapy for solid tumors: a retrospective analysis of 150 cases. Support Care Cancer 2000;8: Sloan JA, Loprinzi L, Paul J et al. Sex differences in fluorouracil-induced stomatitis. Journal of Clinical Oncology 2000;18: Sloan JA, Goldberg RM, Daniel J et al. Women experience greater toxicity with fluorouracil-based chemotherapy for colorectal cancer. Journal of Clinical Oncology 2002;20: McGuire DB. Mucosal tissue injury in cancer therapy. More than muscositis and mouthwash. Cancer Practice 2002;10: Gibson RJ, Bowen JM, Inglis MR et al. Irinotecan causes severe small intestinal damage, as well as colonic damage, in the rat with implanted breast cancer. Journal of Gastroenterology and Hepatology 2003;18: Hansen RM, Ryan L, Anderson T et al. Phase III study of bolus versus infusion fluorouracil with or without cisplatin in advanced colorectal cancer. Journal of the National Cancer Institute1996;88: Holmes S. The oral complications of specific anticancer therapy. International Journal of Nursing Studies 1991;28: Berger AM, Eilers J. Factors influencing oral cavity status during high-dose antineoplastic therapy: a secondary data analysis. Oncology Nursing Forum 1998;25: Beck S. Impact of a systematic oral care protocol on stomatitis after chemotherapy. Cancer Nursing 1979;2: Eilers J, Berger AM, Petersen MC. Development, testing, and application of the oral assessment guide. Oncology Nursing Forum 1988;15: Kolbinson DA, Schubert MM, Flournoy N et al. Early oral changes following bone marrow transplantation. Oral Surgery, Oral Medicine, Oral Pathology, Oral Radiology and Endodontology 1998;66: Schubert MM, Williams BE, Lloid ME et al. Clinical assessment scale for the rating of oral mucosal changes associated with bone marrow transplantation. Development of an oral mucositis index. Cancer 1992;69: McGuire, DB Peterson DE, Muller S, et al. The 20 item oral mucositis index: reliability and validity in bone marrow and stem cell transplant patients. Cancer Investigation 20, (2002). 24. Perch SJ, Machtay M, Markiewicz DA et al. Decreased acute toxicity by using midline mucosa-sparing blocks during radiation therapy for carcinoma of the oral cavity, oropharynx, and nasopharynx. Radiology 1995;197: Ship JA, Eisbruch A, D'Hondt E et al. Parotid sparing study in head and neck cancer patients receiving bilateral radiation therapy: one-year results. Journal of Dental Research 1997;76: Polovich M, White J, Kelleher L. Chemotherapy and biotherapy guidelines. Second Edition. Oncology Nursing Society Pittsburgh 2005; Epstein JB, Silverman SJ, Paggiarino DA et al. Benzydamine HCl for prophylaxis of radiation-induced oral mucositis: results from a multicenter, randomized, double-blind, placebo-controlled clinical trial. Cancer 2001;92: Brown CG, Wingard J. Clinical consequences of oral mucositis. Seminars in Oncology Nursing 2004;20:

9 29. Zitella LJ, Friese CR, Hauser J et al. Putting evidence into practice: prevention of infection. Clinical Journal of Oncology Nursing 2006;10: Clarkson J, Worthington H, Eden O. Interventions for preventing oral candidiasis for patients with cancer receiving treatment. Cochrane Database 2007; National Cancer Institute. Oral Complications of Chemotherapy and Head/Neck Radiation. print 32. Cuttner J, Troy KM, Funaro L et al. Clotrimazole treatment for prevention of oral candidiasis in patients with acute leukemia undergoing chemotherapy. Results of a double- blind study. American Journal of Medicine 1986;81: Slavin MA, Osborne B, Adams R et al. Efficacy and safety of fluconazole prophylaxis for fungal infections after marrow transplantation: a prospective, randomized, double-blind study. Journal of Infectious Disease 1995;171: Epstein JB, Vickars L, Spinelli J et al. Efficacy of chlorhexidine and nystatin rinses in prevention of oral complications in leukemia and bone marrow transplantation. Oral Surgery, Oral Medicine, Oral Pathology, Oral Radiology and Endodontology 1992;73: Ferretti GA, Ash RC, Brown AT et al. Control of oral mucositis and candidiasis in marrow transplantation: a prospective, double-blind trial of chlorhexidine digluconate oral rinse. Bone Marrow Transplant 1998;3: Goodman JL, Winston DJ, Greenfield RA et al. A controlled trial of fluconazole to prevent fungal infections in patients undergoing bone marrow transplantation. New England Journal of Medicine 1992;326: Gøtzsche PC, Johansen HK. Nystatin prophylaxis and treatment in severely immunodepressed patients. Cochrane Database Machida U, Okuzumi K, et al. Effect of fluconazole prophylaxis on fungal blood cultures: an autopsybased study involving 720 patients with haematological malignancy. British Journal of Haematology 2002;117:40-6. Dossier InFad anno 2, n. 22, marzo 2007 Editore Zadig via Calzecchi 10, Milano tel.: fax: Direttore: Pietro Dri Redazione: Nicoletta Scarpa Autore dossier: Gianluca Catania, Infermiere di ricerca, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro, Genova - 9 -

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Riassunto Data del documento originale: 23 gennaio 2014 RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Strumenti di rilevamento

Strumenti di rilevamento Strumenti di rilevamento Prodotti per il risciacquo e la pulizia Lista dei prodotti disinfettanti, Trattamento antalgico Mucosite Sezione 6/1 Wisecare +Cure infermieristiche-protocollo 2002 Nome del paziente:

Dettagli

PREVENZIONE, TRATTAMENTO E CURA DELLE MUCOSITI DEL CAVO ORALE NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO

PREVENZIONE, TRATTAMENTO E CURA DELLE MUCOSITI DEL CAVO ORALE NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO PREVENZIONE, TRATTAMENTO E CURA DELLE MUCOSITI DEL CAVO ORALE NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO Infermiere Sabbi Vanessa e Gori Erica INTRODUZIONE Individuazione delle evidenze scientifiche

Dettagli

LA MUCOSITE ORALE (STOMATITE) E LA SECCHEZZA DELLA BOCCA NEL CORSO DELLA TERAPIA ONCOLOGICA

LA MUCOSITE ORALE (STOMATITE) E LA SECCHEZZA DELLA BOCCA NEL CORSO DELLA TERAPIA ONCOLOGICA LA MUCOSITE ORALE (STOMATITE) E LA SECCHEZZA DELLA BOCCA NEL CORSO DELLA TERAPIA ONCOLOGICA Negli ultimi anni si sono compiuti importanti progressi per la prevenzione, il trattamento e il controllo dei

Dettagli

La Mucosite del Cavo Orale IP Stefano Botti U.O. Ematologia B.C.M. Arcispedale Santa Maria Nuova Reggio Emilia Mucosite del cavo orale Di cosa si tratta Complicanza infiammatoria grave a carico della mucosa

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare Guida pratica per limitare i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante la terapia oncologica La mucosite orale (stomatite) La mucosite orale (stomatite) Guida pratica per

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Evidence Based Practice Information Sheets for Health Professionals

Evidence Based Practice Information Sheets for Health Professionals Introduzione La mucosite orale, chiamata anche stomatite, e una complicanza comune e debilitante della chemioterapia e radioterapia che si riscontra nel 40% dei pazienti. E il risultato degli effetti sistemici

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

ONCOLOGICA CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO

ONCOLOGICA CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO IL GELATO nella PATOLOGIA ONCOLOGICA CONGRESSO CONGIUNTO ADI-SIO Dr.ssa Cristina Nicolato Dietista Servizio Dietetico DMO VICENZA 5 OTTOBRE 2013 BACKGROUND Quali sono gli obiettivi principali di ogni supporto

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

La Terza Età: La mancanza dei denti.

La Terza Età: La mancanza dei denti. La Terza Età: La mancanza dei denti. Disturbi della masticazione e della digestione. Alterazione del modo di parlare, dolori apertura e chiusura bocca, alterazione muscoli derivanti dal cambiamento relazione

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Occlusione intestinale

Occlusione intestinale Alcuni dati Occlusione intestinale Complicanza frequente in pazienti con cancro in fase avanzata, particolarmente se la patologia primaria è addominale o pelvica Sopravvivenza media dopo comparsa di occlusione:

Dettagli

Igiene orale e salute generale dell organismo

Igiene orale e salute generale dell organismo Igiene orale e salute generale dell organismo È provato, oramai, che la mancanza di igiene orale è la principale causa delle problematiche orali dell uomo. I vari livelli di infiammazione, progredendo,

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI

PROFESSIONISTA È PROBLEMI GENGIVALI O IL PROFESSIONISTA È LA FONTE PRINCIPALE DI INFORMAZIONE, PER L 8% DEI PAZIENTI CHE SOFFRE DI PROBLEMI GENGIVALI 1 NUOVO colgate total pro-gengive sane riduce i problemi gengivali fino all 88% 2 Colgate_TPgH_AW.indd

Dettagli

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it

Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici. Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Le ripercussioni sulle donne: dagli esiti estetici agli aspetti psicologici Dr. Guglielmo Ferrari guglielmo.ferrari@asmn.re.it Più del 20% degli interventi sono ritenuti non soddisfacenti dalle pazienti.

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR POSACONAZOLO

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR POSACONAZOLO RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI ATC J02AC04 (NOXAFIL ) Presentata da Componente Commissione Prontuario Terapeutico Regionale In data Novembre 2007 Per le seguenti motivazioni (sintesi): Nelle ultime

Dettagli

NOVITÀ L UNICO SISTEMA COMPLETO CON SOLUZIONI SPECIFICHE PER I PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI

NOVITÀ L UNICO SISTEMA COMPLETO CON SOLUZIONI SPECIFICHE PER I PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI 2011 McCann Healthcare NOVITÀ L UNICO SISTEMA COMPLETO CON SOLUZIONI SPECIFICHE PER I PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI: UNA POPOLAZIONE CON SPECIFICHE ESIGENZE DI

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

Fattori di rischio del carcinoma orale

Fattori di rischio del carcinoma orale Fattori di rischio del carcinoma orale Elisabetta MERIGO AMBULATORIO DI PATOLOGIA E CHIRURGIA ORALE LASER UNIVERSITA DI PARMA 1 mercoledì 12 febbraio 14 Fattore di rischio mercoledì 12 febbraio 14 Agente

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACICLOVIR EG 200 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg compresse ACICLOVIR EG 800 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg/5 ml sospensione orale Medicinale equivalente

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro.

Polipi precancerosi. Circa il 50% delle persone dai 60 anni in su avrà nel corso della vita almeno 1 polipo precanceroso di 1 cm o più di diametro. Polipi precancerosi I polipi sono piccole escrescenze dovute ad una proliferazione eccessiva delle cellule sane della mucosa intestinale che può causare lo sviluppo di polipi cosiddetti adenomatosi (anche

Dettagli

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale

CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale 4 Incontro STRATEGIE TERAPEUTICHE NEL CARCINOMA DEL COLON- RETTO CASO CLINICO 3 Paziente con carcinoma del retto distale VALENTINA SEGA E.B. 80 anni ANAMNESI Nulla di rilevante all anamnesi patologica

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E L ALIMENTAZIONE LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI DANIELA LIVADIOTTI INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione delle funzioni

Dettagli

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi

Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Corso Integrato Scienze Tecniche Dietetiche Applicate MED/49 Scienze Tecniche Dietetiche Anno Accademico 2011-12 Le Vitamine Prof.ssa Maria Luisa Eliana Luisi Le Vitamine Conosciamo le vitamine dall 800;

Dettagli

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE

INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE INTERVENTI PUBBLICI per la DIAGNOSI PRECOCE e la PREVENZIONE del CANCRO ORALE Silvio ABATI - Università degli Studi di Milano Alessandra MAIORANA - Università degli Studi di Brescia Centro di Collaborazione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia RUOLO OPERATIVO

Facoltà di Medicina e Chirurgia RUOLO OPERATIVO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Clinica Odontostomatologica Direttore Prof. Antonio D Addona Odontoiatria per Pazienti con bisogni speciali Pazienti Pediatrici Ematoncologici

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. ACICLOVIR ALTER 800 mg compresse ACICLOVIR ALTER 400 mg/5 ml sospensione orale

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente. ACICLOVIR ALTER 800 mg compresse ACICLOVIR ALTER 400 mg/5 ml sospensione orale Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACICLOVIR ALTER 800 mg compresse ACICLOVIR ALTER 400 mg/5 ml sospensione orale Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di prendere

Dettagli

Il ruolo della terapia medica topica nel tra0amento della candidosi orofaringea nel paziente oncologico

Il ruolo della terapia medica topica nel tra0amento della candidosi orofaringea nel paziente oncologico Il ruolo della terapia medica topica nel tra0amento della candidosi orofaringea nel paziente oncologico C. Arboscello U.O. Radioterapia Ospedale San Paolo - Savona Le infezioni orofaringee sostenute da

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n 12. Polo Oncologico di Biella

Azienda Sanitaria Locale n 12. Polo Oncologico di Biella Azienda Sanitaria Locale n 12 Polo Oncologico di Biella Via Caraccio, 5 13900 Biella Tel. 015.350.3705 / Fax 015.350.3785 biella@poloncologico.it www.biella.poloncologico.it Progetto MISTO Medici e Infermieri:

Dettagli

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Nutrizione Artificiale nel Paziente Oncologico Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Direttore UF Aziendale Cure Palliative e Hospice La Limonaia Corso di Formazione MMG 26 gennaio PISTOIA Spesso

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI RUOLO DIAGNOSTICO PRECOCE DELLA MALATTIA LEUCEMICA DOCENTE: Prof.

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Domenico Motola, PhD Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Unità di Farmacologia Università di Bologna le interazioni

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002 La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia 12 novembre 2002 I farmaci antiblastici La chemioterapia antitumorale si può considerare relativamente recente. All inizio degli

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA

PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA PROGRAMMA DI FARMACOLOGIA Anno accademico 2013/2014 FARMACOLOGIA GENERALE 1. Azione farmacologia 2. Meccanismo di azione dei farmaci 3. Vie di somministrazione 4. Assorbimento 5. Distribuzione, ripartizione,

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Una forte struttura ossea per denti splendidi Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Indice Il sorriso è il più bel modo di mostrare i tuoi denti 3

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione

Indice. Prefazione alla prima edizione. Prefazione alla seconda edizione. Prefazione alla terza edizione Autori Prefazione alla prima edizione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla terza edizione XV XIX XXI XXIII 1. Epidemiologia e prevenzione oncologica (M. De Laurentiis, R. Bianco, S. De Placido)

Dettagli

Ti ricordi questo? A.I.STOM. www.tumorecolonretto.it. Iniziativa realizzata con il sostegno di: Con il patrocinio di:

Ti ricordi questo? A.I.STOM. www.tumorecolonretto.it. Iniziativa realizzata con il sostegno di: Con il patrocinio di: Ti ricordi questo? Per un ambiente migliore, questo documento è stato stampato su carta riciclata. Allora è ora di pensare alla prevenzione del tumore del colon-retto. www.tumorecolonretto.it Con il patrocinio

Dettagli

Dott.ssa Paola Carunchio U. O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Scandiano (RE) Infezioni urinarie Dimensioni del problema sono le infezioni più frequenti dopo quelle respiratorie impatto socio-economico

Dettagli

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, oxaliplatino Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

Gestione del Dolore Incidente

Gestione del Dolore Incidente Gestione del Dolore Incidente 1 D.E.I. Dolore Episodico Intenso ( breakthrough pain ) Sinonimi: Dolore intercorrente Dolore transitorio Dolore episodico Definizioni : Episodi dolorosi che emergono, in

Dettagli

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione Dr. Paolo Bodoni Medico di Medicina Generale ASL TO4 PREVENZIONE LdD 1) Individuare i soggetti a rischio (IPOMOBILITA ) valutare

Dettagli

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno

A PESCARA. NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno A PESCARA NASTRO ROSA 2011 Campagna di prevenzione dei tumori del seno LILT La LILT è l unico ente pubblico su base associativa impegnato nella lotta contro i tumori dal 1922 e operante sul territorio

Dettagli

PROTOCOLLO. Ostruzione gastro-intestinale maligna nei pazienti con patologia addominale.

PROTOCOLLO. Ostruzione gastro-intestinale maligna nei pazienti con patologia addominale. PROTOCOLLO Ostruzione gastro-intestinale maligna nei pazienti con patologia addominale. Principal Investigators: Augusto Caraceni Oscar Corli Introduzione L ostruzione maligna gastro-intestinale (MGIO)

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

BestPractice. Detersione delle ferite: soluzioni e tecniche

BestPractice. Detersione delle ferite: soluzioni e tecniche http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad BestPractice Informazioni evidence based per la pratica della professione infermieristica Detersione del: soluzioni e tecniche Questo numero di Best Practice

Dettagli

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati.

L Insulina è un ormone prodotto dal pancreas implicato nel metabolismo dei carboidrati. DIABETE E RISCHIO CANCRO: RUOLO DELL INSULINA Secondo recenti studi sono più di 350 milioni, nel mondo, gli individui affetti da diabete, numeri che gli regalano il triste primato di patologia tra le più

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TRAPIANTOLOGIA. Isabella Caprara Ematologia e Centro Trapianti Pesaro

IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TRAPIANTOLOGIA. Isabella Caprara Ematologia e Centro Trapianti Pesaro IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TRAPIANTOLOGIA Isabella Caprara Ematologia e Centro Trapianti Pesaro LE INFEZIONI SONO LA MAGGIOR CAUSA DI MORTE NEI PAZIENTI CON DIFESE COMPROMESSE. INOLTRE DA QUANDO NEGLI

Dettagli

Tossicità cutanea da anti-braf

Tossicità cutanea da anti-braf Tossicità cutanea da anti-braf Dott.ssa Silvia Pecenco, Dott. Giovanni Bagnoni U.O. Dermatologia Asl 6 Livorno Eventi avversi di qualsiasi grado riportati almeno nel 5% dei pazienti in ciascun braccio

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE I PIEDI MERITANO ATTENZIONE A cura del Prof. Mauro Montesi Presidente Associazione Italiana Podologi Roma UN COMPAGNO DI VITA SCOMODO Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica che in Italia

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli