S.C. FARMACIA OSPEDALIERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S.C. FARMACIA OSPEDALIERA"

Transcript

1 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO NOVARA S.C. FARMACIA OSPEDALIERA DATA: 15/11/2010 REV. N 01 PAG. 1/10 OGGETTO PROCEDURA AZIENDALE PER LA PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DELLA MASCELLA / MANDIBOLA DA BIFOSFONATI IN AMBITO ONCOLOGICO (RACCOMANDAZIONE N. 10, SETTEMBRE 2009) REVISIONE 01 REV. MOTIVO MODIFICHE APPORTATE DATA ALLEGATI RIF. DOCUMENTO NOME FILE REV. All. 1 Scheda informativa al trattamento con Aredia e Zometa All. 2 Informativa per il paziente con osteonecrosi della mascella / mandibola All. 3 Terapia a domicilio REDATTO VERIFICATO APPROVATO Data 15/11/2010 Data 01/12/2010 Data 24/01/2011 Dott.ssa S. Fornara Dott.ssa L. Donetti Unità Gestione Rischio Dott. M. Ratti Dott. C. Ricupero Dott. R. Romaniello 1

2 INDICE 1. PREMESSA pag SCOPO pag CAMPO DI APPLICAZIONE pag GLOSSARIO/ABBREVIAZIONI pag RESPONSABILITA pag RIFERIMENTI NORMATIVI pag MODALITA OPERATIVE pag Pazienti che non hanno ancora iniziato il trattamento con bifosfonati pag Prima del trattamento pag All avvio del trattamento pag Pazienti che hanno già iniziato il trattamento con bifosfonati ma non presentano pag. 5 sintomi 7.3 Pazienti sintomatici in corso di trattamento con bifosfonati pag LISTA DI DISTRIBUZIONE pag. 5 ALLEGATI pag. 7 2

3 1. PREMESSA I bifosfonati sono farmaci che presentano un alta affinità per le ossa, di cui hanno la capacità di modulare il turnover e ridurre il rimodellamento in corso di riassorbimento ma tendono a depositarsi nel tessuto osseo e possono provocare lesioni (osteonecrosi) della mascellare e/o della mandibola anche dopo l interruzione della terapia. L osteonecrosi può rimanere asintomatica anche per lungo tempo, settimane o mesi, ed essere riconosciuta solo per la presenza di esposizione dell'osso nella in sede mascellare o mandibolare. Radiograficamente si presenta come osteomielite batterica o come osteoradionecrosi. La concomitante chirurgia dento-alveolare e le patologie del cavo orale rappresentano importanti fattori di rischio. I bifosfonati vengono utilizzati come terapia in diverse patologie oncologiche, con effetti positivi quali prevenzione di ulteriori danni ossei, riduzione di fratture patologiche, diminuzione del dolore. La raccomandazione si riferisce esclusivamente ai bifosfonati utilizzati in ambito oncologico in somministrazione endovena. Nel trattamento delle patologie scheletriche benigne come l osteoporosi e il morbo di Paget, si utilizzano generalmente formulazioni orali con bassi dosaggi e protratti, mentre in oncologia si ricorre a somministrazioni endovena ravvicinate e quindi si raggiungono in breve tempo elevate concentrazioni scheletriche di farmaco. I bifosfonati possono causare diversi effetti indesiderati come reazioni gastro-intestinali, anemia, sintomi simil-influenzali, ma in alcuni pazienti possono provocare lesioni ossee del mascellare e della mandibola associate a segni locali e sintomi di diverso tipo e gravità. 2. SCOPO Regolamentare il percorso per la corretta gestione dei pazienti in ambito oncologico che devono iniziare o che hanno già iniziato il trattamento con bifosfonati per via endovenosa. 3. CAMPO DI APPLICAZIONE La presente procedura deve essere applicata da tutte le Strutture Sanitarie dell ASL NO di Novara, da tutte le Strutture Convenzionate e private accreditate, dai medici di medicina generale e specialisti, dagli odontoiatri e da tutti gli operatori sanitari, farmacisti, infermieri ed igienisti dentali coinvolti nel processo di cura dei pazienti oncologici. 4. GLOSSARIO/ABBREVIAZIONI ev: terapia endovenosa ONJ: osteonecrosi della mascella/mandibola OPT: ortopantomografia os: uso orale SSN: Servizio Sanitario Nazionale 5. RESPONSABILITA Medico specialista, Medico di medicina generale, odontoiatra: informazione/gestione del paziente oncologico che necessità o è in terapia con bifosfonati per uso endovenoso. Altri operatori sanitari: informazione al paziente oncologico che necessita di trattamento o già in terapia con bifosfonati ev. 3

4 6. RIFERIMENTI NORMATIVI Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Raccomandazione per la prevenzione dell osteonecrosi della mascella/mandibola da bifosfonati Raccomandazione n 10 Settembre MODALITA OPERATIVE 7.1) Pazienti che non hanno ancora iniziato il trattamento con bifosfonati Prima del trattamento Il medico oncologo che propone al paziente oncologico portatore di metastasi ossee una terapia con bifosfonati ev deve: a) informare il paziente sui benefici e sugli effetti collaterali del farmaco proposto (pamidronato/a. zoledronico), dando risalto al rischio di osteonecrosi mandibolare; b) segnalare al paziente che prima dell avvio del trattamento è necessario effettuare una valutazione odontoiatrica, al fine di eseguire eventuale bonifica del cavo orale (l obiettivo è quello di raggiungere una ottima salute orale); c) segnalare al paziente che dopo l avvio del trattamento, in caso si rendesse necessaria una valutazione dall odontoiatra, deve sempre specificare allo specialista l uso del bifosfonato in corso; d) segnalare al paziente che, in caso si rendesse necessaria una bonifica del cavo orale, l avvio del trattamento sarà dilazionato dopo completa guarigione del cavo orale; In corso di terapia con bifosfonati è opportuno non iniziare cure dentali o, peggio, manovre lesive degli alveoli; e) segnalare che l assunzione contemporanea di calcio e vitamina D (da avviare a dosaggio pieno e in concomitanza all avvio della terapia) durante il trattamento con bifosfonato è necessaria sia per rendere più efficace la terapia sia per prevenire l osteonecrosi mandibolare; f) segnalare che il rischio di osteonecrosi mandibolare dipende da: tipo di bifosfonato, dose impiegata, durata del trattamento, neoplasia di cui si è affetti, eventuali comorbidità, chemioterapia e terapia corticosteroidea, situazione dentale ed igiene del cavo orale, fattori individuali; g) segnalare al paziente che l azione preventiva riduce ma non elimina il rischio di osteonecrosi mandibolare/mascellare; h) consigliare al paziente di effettuare una adeguata igiene del cavo orale e segnalandole che l azione preventiva riduce ma non elimina il rischio di osteonecrosi mandibolare/mascellare; i) consegnare foglio informativo al paziente e far firmare il consenso al trattamento. Tutte queste informazioni saranno date durante il primo colloquio e corredate dal foglio informativo da allegare al consenso (allegato 1) + prestampato specifico che parla della osteonecrosi mandibolare (allegato 2). Il medico oncologo al primo colloquio richiederà al paziente ortopantomografia + visita odontoiatrica tramite ricetta interna ASL o del SSN (da eseguire massimo entro 30 giorni) Se non necessario alcun intervento, il trattamento può essere avviato in qualsiasi momento. Se necessaria bonifica, il trattamento sarà avviato dopo almeno 4-8 settimane da questa ultima o dopo completa guarigione (è buona norma rimuovere ascessi, denti non recuperabili, tessuti periodontali danneggiati). 4

5 7.1.2 All avvio del trattamento: 1) le informazioni relative all uso di bifosfonati saranno inserite in lettera di dimissione tramite prototipo del programma OK-DH (allegato 3); 2) sarà avviata terapia con calcio e vitamina per os che dovrà essere eseguita per tutto il periodo che il paziente eseguirà il bifosfonato ev; 3) sarà data indicazione ad una attenta igiene orale; 4) durante la terapia sarà segnalata utilità di eseguire visita odontoiatrica ogni 6 mesi (è opportuno effettuare inoltre un buona profilassi dentaria, il controllo delle carie, ed il controllo delle protesi mobili per assicurare il sostegno adatto ed evitare traumatismi) o al sintomo (dolore, gonfiore) ed eventuale OPT su richiesta dell odontoiatra. 7.2) Pazienti che hanno già iniziato il trattamento con bifosfonati ma non presentano sintomi L oncologo deve inviare il paziente a visita odontoiatrica se non precedentemente eseguita prevedendo controllo ogni 6-12 mesi o al sintomo (dolore, gonfiore). Se necessario all odontoiatra richiederà OPT. In caso di riscontro di lesioni oppure della necessità di eseguire interventi chirurgici orali dovrà concordare con l odontoiatra l eventuale sospensione del trattamento con bifosfonati (per 8 settimane prima e dopo il trattamento). In corso di terapia con bifosfonati è opportuno non iniziare cure dentali o, peggio, manovre lesive degli alveoli; in stato di necessità si opera con estrema cautela ed informando il paziente di tutte le possibili complicazioni. Saranno inserite in lettera, se precedentemente non segnalate, informazioni relative all uso di bifosfonati (allegato 3). Durante il trattamento con bifosfonato, devono essere evitate estrazioni, interventi a lembo, terapie parodontali a cielo aperto, impianti o innesti, si possono eseguire solo piccoli interventi, tipo pulizia Valutare sospensione del farmaco dopo 24 mesi se malattia stabile, dopo discussione collegiale oncologica del caso clinico. 7.3) Pazienti sintomatici in corso di trattamento con bifosfonati 1) L oncologo deve inviare con urgenza (classe U) il paziente a visita odontoiatrica. Se confermato sospetto dovrà concordare con l odontoiatra eventuale sospensione del trattamento con bifosfonati. Inoltre l astensione da manovre odontoiatriche è assoluta, ad eccezione di piccoli interventi, tipo pulizia dal tartaro sopragengivale, da effettuare solo in ambiente ospedaliero. L oncologo che pone diagnosi di osteonecrosi mandibolare dovrà aver confermata la stessa dall odontoiatra e segnalare il caso al responsabile del registro per l osteonecrosi mandibolare, Dott. Fusco, tel. 0131/206155, Struttura Complessa di Oncologia dell Azienda Sanitaria Ospedaliera di Alessandria. Il paziente sarà quindi indirizzato all ambulatorio di riferimento per l ASL NO per l osteonecrosi della mandibola (AOU Novara). 2) Il medico di medicina generale che pone diagnosi di osteonecrosi mandibolare deve inviare il paziente a visita odontoiatrica (classe U) e segnalarlo al medico oncologo che ha in cura il paziente. 8. LISTA DI DISTRIBUZIONE Direzione Medica S.C. Farmacia Ospedaliera S.C. Farmacia Territoriale Strutture dei PP.OO. Riuniti Medici convenzionati interni 5

6 Medici di Medicina Generale Medici Pediatri di Libera Scelta Direttori Sanitari RSA/RAF Direttori di distretto Direttori AST Istituti penitenziari Case di cura private Odontoiatri Farmacisti 6

7 Allegato 1 SCHEDA INFORMATIVA AL TRATTAMENTO CON AREDIA E ZOMETA 1 - DEFINIZIONE DEL TRATTAMENTO: L Aredia e lo Zometa sono due farmaci che appartengono alla categoria dei bifosfonati, cioè farmaci che inibiscono il riassorbimento osseo simili ma più potenti rispetto a quelli impiegati per l osteoporosi. 2 - SCOPO DEL TRATTAMENTO: Il trattamento con Aredia e Pamidronato viene effettuato in tutti i pazienti che presentano metastasi ossee, soprattutto in caso di metastasi ossee litiche (che indeboliscono la struttura ossea compromettendone la stabilità), con lo scopo di ridurre il rischio di un evento scheletrico correlato: per esempio frattura patologica, la chirurgia, la radioterapia, la compressione midollare e l ipercalcemia maligna. Tutto questo si traduce per il paziente in un miglioramento della qualità di vita. Inoltre, questi farmaci possono determinare un buon controllo della sintomatologia dolorosa quando presente. 3 - MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DEL TRATTAMENTO L Aredia e lo Zometa vengono somministrati in vena con una durata di infusione rispettivamente di 2-3 ore per l Aredia e di 10 minuti per lo Zometa. Prima della somministrazione il paziente dovrà eseguire degli esami ematici di controllo che prevedono il dosaggio della calcemia e della creatininemia. Infatti, in presenza di bassi valori di calcio o dell alterazione della creatininemia il farmaco non potrà essere somministrato. 4 - DESCRIZIONE DEL NORMALE DECORSO DEL TRATTAMENTO L Aredia e lo Zometa sono genericamente ben tollerati dal paziente ma possono presentare i seguenti effetti collaterali: ipocalcemia, febbre e sintomi simil influenzali, malessere, brividi, fatica e vampate. Sono possibili anche reazioni locali nella sede di infusione quale dolore, arrossamento, gonfiore, indurimento, flebiti. Occasionalmente dolori muscolari, nausea. Raramente anoressia, dolori addominali, diarrea, stipsi, agitazione, confusione, sonnolenza, linfocitopenia, anemia, trombocitopenia, ipotensione, insufficienza renale, congiuntiviti, uveiti. Recentemente è stato identificato un altro effetto collaterale importante che si chiama ostenecrosi della mandibola. L osteonecrosi della mandibola è un evento raro che può capitare a seguito di procedure odontoiatriche, quali estrazioni dentali, nei pazienti in trattamento con bifosfonati. E perciò estremamente importante che prima di effettuare terapie dal dentista si segnali l uso di questi farmaci e si concordi con l oncologo i tempi per eseguire tali procedure. E in genere necessario infatti sospendere il farmaco per qualche mese prima e dopo una estrazione dentale. 5 -POSSIBILITA E PROBABILITA DI RISULTATI CONSEGUIBILI CON IL TRATTAMENTO Genericamente i bifosfonati hanno una buona efficacia nel contrastare il riassorbimento osseo favorendo il controllo delle lesioni metastatiche e prevenendo le complicanze. 6 - RISCHI RAGIONEVOLMENTE PREVEDIBILI (COMPLICANZE) Fra i rischi ragionevolmente prevedibili ci potrebbero essere per esempio: ipocalcemia, febbre e sintomi simil influenzali, malessere, brividi, fatica e vampate, dolori muscolari, nausea, anoressia, dolori addominali, diarrea, stipsi, agitazione, confusione, sonnolenza, linfocitopenia, anemia, trombocitopenia, ipotensione, insufficienza renale, congiuntiviti, ostenecrosi della mandibola. Più frequentemente si segnala febbre e riattivazione dei dolori ossei controllabili con l assunzione di paracetamolo a dosi antidolorifiche. 7 - EVENTUALI POSSIBILITÀ DI TRATTAMENTI SANITARI ALTERNATIVI Al momento i bifosfonati rappresentano l unica terapia medica per la gestione delle metastasi ossee. Questo trattamento può essere associato ad altri interventi specifici in relazione al tipo di malattia come per esempio chirurgia, radioterapia, chemioterapia, ormonoterapia, etc. 8 - CONSEGUENZE DEL RIFIUTO ALLE PRESTAZIONI SANITARIE Il rifiuto da parte del paziente di eseguire il trattamento proposto limita le possibilità terapeutiche e può determinare quindi un maggior rischio di fratture patologiche e delle altre complicanze ossee già segnalate. 9 - INDICAZIONI DI MASSIMA PER IL PAZIENTE Durante il trattamento con bifosfonati il paziente dovrà assumere a domicilio vitamina D e calcio che permettono di migliorare l efficacia di questi farmaci e di prevenire alcuni effetti collaterali. 7

8 Il paziente ha richiesto le seguenti informazioni/spiegazioni sul trattamento sanitario proposto e/o sul contenuto della scheda: Firma del paziente: data Firma del medico: data Bibliografia 1. Fromigue O, Body JJ: Bisphosphonates influence the proliferation and the maturation of normal human osteoblasts. J Endocrinol Invest 2002, 25: Boivin G, Meunier PJ: Changes in bone remodeling rate influence the degree of mineralization of bone. Connect Tissue Res 2002, 43: Cummings SR, Karpf DB, Harris F, et al.: Improvement in spine bone density and reduction in risk of vertebral fractures during treatment with antiresorptive drugs. Am J Med 2002, 112: Levis S, Quandt SA, Thompson D, et al.: Alendronate reduces the risk of multiple symptomatic fractures: results from the fracture intervention trial. J Am Geriatr Soc 2002, 50: Heaney RP, Zizic TM, Fogelman I, et al.: Risedronate reduces the risk of first vertebral fracture in osteoporotic women. Osteoporos Int 2002, 13: NIH Consensus Development Panel on Osteoporosis Prevention, Diagnosis, and Therapy. Osteoporosis prevention, diagnosis, and therapy. JAMA. 2001;285: Woo SB, Hellstein JW, Kalmar JR. Narrative [corrected] review: bisphosphonates and osteonecrosis of the jaws. Ann Intern Med 2006; 144: Bilezikian JP. Osteonecrosis of the jaw--do bisphosphonates pose a risk? N Engl J Med 2006; 355: Zavras AI, Zhu S. Bisphosphonates are associated with increased risk for jaw surgery in medical claims data: is it osteonecrosis? J Oral Maxillofac Surg 2006; 64: Etminan M, Aminzadeh K, Matthew I, Brophy J. Use of Oral Bisphosphonates and the Risk of Aseptic Osteonecrosis: A Nested Case-Control Study. J Rheumatol. 2008; 35: Hess LM, Jeter JM, Benham-Hutchins M, Alberts DS. Factors associated with osteonecrosis of the jaw among bisphosphonate users. Am J Med 2008; 121: e Khan AA, Sándor GK, Dore E, et al; Canadian Association of Oral and Maxillofacial Surgeons. Canadian consensus practice guidelines for bisphosphonate associated osteonecrosis of the jaw. J Rheumatol 2008; 35: Khosla S, Burr D, Cauley J, et al. Bisphosphonate-associated osteonecrosis of the jaw: report of a task force of the American Society for Bone and Mineral Research. J Bone Miner Res 2007; 22: Dirigente Medico Curatore della Scheda Informativa Dr.ssa Incoronata Romaniello 8

9 Allegato 2 INFORMATIVA PER IL PAZIENTE CON OSTEONECROSI DELLA MASCELLA/MANDIBOLA L osteonecrosi della mascella/mandibola (ONJ) è una patologia infettiva e necrotizzante a carattere progressivo con scarsa tendenza alla guarigione, descritta solo recentemente in associazione alla terapia con bifosfonati. Non è ancora noto il meccanismo che porta all induzione di ONJ né ancora completo l elenco dei fattori rischio che possono determinarla. Si sa però che la concomitante chirurgia dento-alveolare e le patologie del cavo orale rappresentano importanti fattori di rischio. Non tutti gli episodi di ONJ vengono diagnosticati allo stesso stadio di gravità: l ONJ può rimanere asintomatica per settimane o addirittura mesi e viene generalmente identificata clinicamente in seguito alla comparsa di osso esposto nel cavo orale. Le lesioni possono diventare sintomatiche con parestesie (formicolio), dolore, disfagia e alitosi in presenza di lesioni secondarie, infezione o nel caso di trauma ai tessuti molli adiacenti o opposti causato dalla superficie irregolare dell osso esposto o da protesi dentali incongrue. La fase conclamata si manifesta come una ulcerazione eritematosa cronica della mucosa orale, con affioramento di osso necrotico sottostante, spesso con presenza di essudato purulento, con possibile sanguinamento spontaneo o provocato e con tendenza all estensione verso le regioni contigue. Dal 2003 ad oggi sono stati riportati in letteratura circa 1000 casi di ONJ associata prevalentemente al trattamento con pamidronato (AREDIA) e acido zoledronico (ZOMETA) in pazienti oncologici. Sebbene il numero dei casi riportati aumenti progressivamente, la reale prevalenza ed incidenza della patologia non è chiara anche a causa della non uniforme definizione della ONJ e della incompleta descrizione dei casi. Vista la mancanza di certezze sulla genesi e la difficile gestione dopo la diagnosi sono stati fatti enormi sforzi per cercare di redigere delle linee guida per la prevenzione di questa patologia che consistono: - attenta igiene del cavo orale - evitare durante il trattamento di sottoporsi a interventi chirurgici odontoiatrici segnalando al proprio odontoiatra prima della visita l uso di questi farmaci - assumere regolarmente calcio e vitamina D come indicato dall oncologo - segnalare con rapidità eventuali disturbi del cavo orale al proprio oncologo o odontoiatra - smettere di fumare e consumare alcolici solo con moderazione - sottoporsi regolarmente a visite odontoiatriche ed eventuali esami strumentali richiesti - segnalare all odontoiatra eventuale uso di altri farmaci (esempio cortisonici, chemioterapici, etc) o eventuali malattie (esempio diabete) che possono favorire l evento - far controllare protesi mobili e fisse Porta con te questo foglio dall odontoiatra così renderai più sicuro il suo lavoro. Nome: Cognome: Patologia di base: Terapia con bifosfonato in atto: Zometa/Aredia Data avvio terapia: Oncologo di riferimento: Telefono: 9

10 Allegato 3 TERAPIA A DOMICILIO (da inserire in automatico in lettera di dimissione sotto la voce terapia a domicilio) All avvio della terapia con Aredia/Zometa: 1) assumere DiBase UI (Colecalciferolo): 1 fiala per bocca da assumere ogni 6/12 mesi a giudizio del Clinico al mattino preferibilmente sul pane (essendo il colecalciferolo sostanza lipofila) 2) assumere tutti i giorni in terapia: - Calcio Carbonato 500 mg + Colecalciferolo 400 UI: 1 cpr per 2 volte al giorno dopo i pasti oppure - Calcio carbonato 1 g: 1 bustina al giorno dopo i pasti e DiBase (Colecalciferolo): 30 gocce al mattino sul pane / settimana 3) attenta igiene del cavo orale 4) evitare durante il trattamento di sottoporsi a interventi chirurgici odontoiatrici segnalando al proprio odontoiatra prima della visita l uso di questi farmaci 5) segnalare con rapidità eventuali disturbi del cavo orale al proprio oncologo o odontoiatra (dolore, tumefazione dei tessuti molli, infezioni, l'instabilità dei denti, l'improvvisa variazione nella salute del periodonto o della mucosa, l'esposizione dell'osso, intorpidimento, sensazione di "mandibola pesante" e disestesie). 6) smettere di fumare e consumare alcolici solo con moderazione 7) sottoporsi regolarmente a visite odontoiatriche (almeno 1 volta ogni 6 mesi) 8) far controllare protesi mobili e fisse in caso di disturbi 9) portare con sé questa lettera e l informativa consegnata in caso di visita odontoiatrica. 10

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

RACCOMANDAZIONE e PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DELLA MASCELLA/MANDIBOLA DA BIFOSFONATI

RACCOMANDAZIONE e PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DELLA MASCELLA/MANDIBOLA DA BIFOSFONATI RACCOMANDAZIONE e PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DELLA MASCELLA/MANDIBOLA DA BIFOSFONATI AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE CATANZARO REV DATA REDATTO VALIDATO APPROVATO 0 DATA DATA 1. PREMESSA

Dettagli

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio

Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Allegato 1 Conclusioni scientifiche e motivazioni per la variazione dei termini dell autorizzazione all immissione in commercio Conclusioni scientifiche Tenendo conto della valutazione del Comitato per

Dettagli

PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DELLA MANDIBOLA/MASCELLA DA BIFOSFONATI NEI PAZIENTI ONCOLOGICI

PROCEDURA PER LA PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DELLA MANDIBOLA/MASCELLA DA BIFOSFONATI NEI PAZIENTI ONCOLOGICI originale copia controllata copia non controllata N. distribuzione interna a cura del Q bozza La presente procedura fornisce un modello operativo per prevenire l osteonecrosi della mandibola/mascella,

Dettagli

4. PROFILO DI SICUREZZA DEI BISFOSFONATI Up-to-date 2008

4. PROFILO DI SICUREZZA DEI BISFOSFONATI Up-to-date 2008 31 4. PROFILO DI SICUREZZA DEI BISFOSFONATI Up-to-date 2008 Marenza Leo, Claudio Marcocci Dipartimento di Endocrinologia e Metabolismo, Università di Pisa Introduzione I bisfosfonati (BF) sono largamente

Dettagli

Un problema di attualità: l osteonecrosi da bifosfonati

Un problema di attualità: l osteonecrosi da bifosfonati Odontoiatria di comunità: criteri di appropriatezza clinica, tecnologica e strutturale Roma, 29 marzo 2011 Auditorium Biagio d Alba, Ministero della Salute - Roma Un problema di attualità: l osteonecrosi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti che assumono Bisfosfonati o altri farmaci per la cura delle ossa

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti che assumono Bisfosfonati o altri farmaci per la cura delle ossa RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti che assumono Bisfosfonati o altri farmaci per la cura delle ossa Gentile paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati Caro paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico con aminobisfosfonati, sarebbe opportuno

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati Caro paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico con farmaci quali aminobisfosfonati,

Dettagli

GESTIONE DEL PAZIENTE IN TERAPIA CON BISFOSFONATI: UTILIZZO DEL LASER Nd:YAG IN 329 CASI DI ESTRAZIONI DENTARIE

GESTIONE DEL PAZIENTE IN TERAPIA CON BISFOSFONATI: UTILIZZO DEL LASER Nd:YAG IN 329 CASI DI ESTRAZIONI DENTARIE GESTIONE DEL PAZIENTE IN TERAPIA CON BISFOSFONATI: UTILIZZO DEL LASER Nd:YAG IN 329 CASI DI ESTRAZIONI DENTARIE GUIDOTTI R., Manfredi M., Merigo E., Meleti M., Ripasarti A., Vescovi P. Ambulatorio di Patologia

Dettagli

Prima del trattamento con bifosfonati endovena. Misure preventive per pazienti oncologici ed ematologici

Prima del trattamento con bifosfonati endovena. Misure preventive per pazienti oncologici ed ematologici Prima del trattamento con bifosfonati endovena. Misure preventive per pazienti oncologici ed ematologici A.FASCIOLO, S.O.C. ORL. Direttore Dott. Raffaele Sorrentino ONJ Fattori di rischio Tipo bifosfonato

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente GENALEN 70 mg compresse Acido alendronico

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente GENALEN 70 mg compresse Acido alendronico Foglio illustrativo: informazioni per il paziente GENALEN 70 mg compresse Acido alendronico Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale, perchè contiene importanti informazioni

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE DI PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DA BIFOSFONATI

PROCEDURA AZIENDALE DI PREVENZIONE DELL OSTEONECROSI DA BIFOSFONATI ALLEGATO 1 LETTERA COMPILATA DALLO SPECIALISTA PRESCRITTORE DEGLI AMINOBIFOSFONATI Alla cortese attenzione dei colleghi dell U.O. DI ODONTOSTOMATOLOGIA Si invia il/la paziente nato/a a il, per consulenza

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE LA TERAPIA

PRIMA DI INIZIARE LA TERAPIA PRIMA DI INIZIARE LA TERAPIA Tutti i pazienti, che sono in procinto di iniziare terapie con amino-bifosfonati (NBP, vedi allegato), anticorpi monoclonali (Bevacizumab, Denosumab, Sunitinib) o farmaci anti-angiogenetici,

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA

Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad intervento di CHIRURGIA IMPLANTARE OSTEOINTEGRATA Dott. Alberto Coccia Piazza Matteotti, 2 80053 Castellammare di Stabia (NA) www.albertococcia.it info@dentistacoccia.it Tel. 081.8712242 081.8711439 Dichiarazione di ricevuta informazione e consenso ad

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla

EFFETTI COLLATERALI. bla bla bla bla EFFETTI COLLATERALI bla bla bla bla E TERAPIA DI SUPPORTO Patrizia Tosi (Rimini) Bortezomib - effetti collaterali Astenia Piastrinopenia Neuropatia periferica Ipotensione Diarrea/nausea Riattivazione Herpes

Dettagli

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO

MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO MALATTIE DELLE PARATIROIDI L IPERPARATIROIDISMO DOTTOR ROBERTO CESAREO Cosa sono le paratiroidi? Le paratiroidi sono ghiandole situate nel collo, posteriormente alla tiroide. Generalmente in numero di

Dettagli

Proprietà dell'autore.ogni riproduzione anche parziale è vietata senza il permesso dell'autore.

Proprietà dell'autore.ogni riproduzione anche parziale è vietata senza il permesso dell'autore. Che effetto hanno i bisfosfonati orali sulla terapia implantare? Una revisione sistematica Autori: Dott. Carlo Alberto Rossi Medico chirurgo Odontoiatra Master di II livello in odontologia forense Master

Dettagli

DIPARTIMENTO ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA

DIPARTIMENTO ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE I CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO ODONTOIATRIA

Dettagli

placebo (33% vs 44% p=0,002), e un aumentato tempo di insorgenza della complicanza (488 giorni vs 321 p=0,01). La riduzione globale degli eventi

placebo (33% vs 44% p=0,002), e un aumentato tempo di insorgenza della complicanza (488 giorni vs 321 p=0,01). La riduzione globale degli eventi Utilizzo clinico dell acido Zoledronico nei pazienti con metastasi ossee da carcinoma prostatico. Esperienza Clinica pratica. Andrea Fandella Luca De Zorzi *. Unità Operativa di Urologia Ospedale Regionale

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

Informativa Estrazioni Dentarie

Informativa Estrazioni Dentarie Informativa Estrazioni Dentarie Motivazioni: Le motivazioni che inducono il medico all estrazione di uno o più elementi dentari qualsiasi siano possono essere: Motivi ortodontici Fratture e traumi dentari

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. 1 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) Disposizioni applicative ai sensi della Deliberazione della Giunta

Dettagli

che cos è l implantologia?

che cos è l implantologia? che cos è l implantologia? L implantologia è quella branca dell odontoiatria che si occupa della sostituzione dei denti naturali mancanti con impianti osteointegrati i quali possono sostenere denti singoli,

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

La terapia implantare nei pazienti in trattamento con bifosfonati ad uso orale

La terapia implantare nei pazienti in trattamento con bifosfonati ad uso orale La terapia implantare nei pazienti in trattamento con bifosfonati ad uso orale Mario Guerra Antonio Cipressa, Mario Russomanno Salvatore Belcastro, Francesco Maria Lolli HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta

IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO. S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta IL RUOLO DELLA RADIOTERAPIA NEL DOLORE ONCOLOGICO S.C. Radioterapia ASL TO4 Ivrea Maria Rosa La Porta LA RADIOTERAPIA E un metodo di cura conosciuto da più di 100 anni che prevede l utilizzo di radiazioni

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

Settore di Medicina Orale, Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche, Università degli Studi di Palermo b

Settore di Medicina Orale, Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche, Università degli Studi di Palermo b Osteonecrosi dei mascellari associata a bisfosfonati, denosumab e farmaci anti-angiogenetici nei pazienti oncologici e osteoporotici: prevenzione dentale e sicurezza dei trattamenti odontoiatrici Osteonecrosis

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale

UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale UNIVERSITA VITA E SALUTE Corso di laurea in igiene dentale CORSO INTEGRATO DI EMATONCOLOGIA ODONTOIATRICA LEUCEMIE E PAZIENTI PEDIATRICI RUOLO DIAGNOSTICO PRECOCE DELLA MALATTIA LEUCEMICA DOCENTE: Prof.

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Case Report Trattamento combinato di una osteonecrosi da bifosfonati peri-implantare

Case Report Trattamento combinato di una osteonecrosi da bifosfonati peri-implantare Case Report Trattamento combinato di una osteonecrosi da bifosfonati peri-implantare Valente N.A. 1, Andreana S. 2 1 Adjunct Assistant Professor, Department of Periodontics and Endodontics, UB 2 Associate

Dettagli

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO

INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO INCREMENTO DELLA VITA MEDIA NELL ULTIMO SECOLO 100 uomo donna ANNI ANNI DI DI VITA VITA MEDIA MEDIA PREVISTI PREVISTI ALLA ALLA NASCITA NASCITA 80 60 40 DIFFUSIONE USO PENICILLINA VACCINAZIONE ANTIPOLIO

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO Tommaso Favale, Lucia Giannini RIABILITAZIONE ORALE IN PAZIENTI ADULTI 1970 meno del 5% dei pazienti ortodontici aveva più di 18 anni 1990 25% del totale 2000

Dettagli

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea

Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Servizio di Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC) e Composizione Corporea Associazione Italiana per l Educazione Demografica Sezione di Roma L osteoporosi È una condizione dello scheletro caratterizzata

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TerapiE PER L OSTEOPOROSI Reggio Emilia, MARZO 2015 L artrite reumatoide CALCIO E VITAMINA D Nessun dato

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti

Informativa per consenso informato alla donazione di sangue e di emocomponenti AZIENDA SANITARIA LOCALE VCO Viale Mazzini 117 28887 OMEGNA (VB) Struttura: Firma per redazione Ermanna Cotti Piccinelli Emesso il: 14-11-2014 Pagina 1 di 5 Firma per approvazione Paolo Cerutti Firma Direttore

Dettagli

LA CHIRURGIA PARODONTALE

LA CHIRURGIA PARODONTALE LA CHIRURGIA PARODONTALE Cos è la parodontologia? È la branca dell odontoiatria che si propone di preservare la salute del parodonto (ovvero dell insieme di quelle strutture che ancorano il dente nel suo

Dettagli

CHIRURGIA ORTOGNATICA

CHIRURGIA ORTOGNATICA CHIRURGIA ORTOGNATICA FASI DI UN TRATTAMENTO ORTODONTICO - CHIRURGICO Ortodonzia prechirurgica La ortodonzia prechirurgica sposterà i vostri denti in una nuova posizione in modo da farli corrispondere

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

SCHEDA di INFORMAZIONE

SCHEDA di INFORMAZIONE Milano, 7 Febbraio 2014 sul TRATTAMENTO IMPLANTO-PROTESICO - 1 - Gentile Paziente, con questa scheda informativa si riportano alla Sua attenzione, in forma scritta, i concetti espressi nel precedente colloquio,

Dettagli

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI.

CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CENTRI ODONTOIATRICI CARTA DEI SERVIZI. CARTA DEI SERVIZI MISSION. Doctor Dentist si propone di erogare PRESTAZIONI ODONTOIATRICHE di qualità e di attenta professionalità clinica, avvalendosi per questo

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate

dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 dott. L. Abate Diabete mellito e.oltre le consuete complicanze dott. Luigi Abate Auditorium Ospedali Riuniti della Val di Chiana Montepulciano, 8/11/2008 Il diabete mellito Diabete mellito: criteri diagnostici Prediabete

Dettagli

L impiantologia osteointegrata

L impiantologia osteointegrata L impiantologia osteointegrata Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876 www.hiluxsoluzionidentali.it - info.hilux@gmail.com CCIAA 36269 REA 131569 R.I. FE53469 INPS 18888681YK

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OPM CENTRO STERILITA del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO STUDIO ACIDO FOLICO TITOLO DEL PROTOCOLLO DI STUDIO: EFFICACIA DI DOSAGGI ELEVATI DI ACIDO FOLICO NEL PREVENIRE L OCCORRENZA DELLE MALFORMAZIONI CONGENITE. TRIAL CLINICO RANDOMIZZATO NELLE DONNE IN ETA

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA

TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore TERAPIA ORMONALE SOSTITUTIVA (ESTROGENI ED ESTROPROGESTINICI) REGGIO EMILIA,,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Farmaci antineoplastici: esempi di reazioni avverse e relativo trattamento. Dr.ssa Giusi Giacomini Oncologia Jesi

Farmaci antineoplastici: esempi di reazioni avverse e relativo trattamento. Dr.ssa Giusi Giacomini Oncologia Jesi Farmaci antineoplastici: esempi di reazioni avverse e relativo trattamento Dr.ssa Giusi Giacomini Oncologia Jesi FARMACOVIGILANZA Complesso di attività finalizzate a valutare in maniera continuativa tutte

Dettagli

terapia della carie con ozono.

terapia della carie con ozono. Il vostro dentista consiglia: terapia della carie con ozono. "Per tutti quelli che danno importanza ad un trattamento delicato e approfondito!" 99,9% senza carie indolore 100% "Salve, io sono il Dott.

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

c) Chi sottoporre al trattamento farmacologico per l osteoporosi? Indicazioni pratiche.

c) Chi sottoporre al trattamento farmacologico per l osteoporosi? Indicazioni pratiche. LA TERAPIA FARMACOLOGICA DELL OSTEOPOROSI Marco Di Monaco Responsabile UO Malattie Metaboliche dell Osso Presidio Sanitario San Camillo, Torino Questa relazione si prefigge di rispondere ad alcuni dei

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA Gentile Signora, Gentile Signore, la nostra équipe ha pensato di proporre una guida per il paziente che deve iniziare il trattamento chemioterapico. Il

Dettagli

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno

Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Vademecum informativo per il paziente ad esclusivo uso interno Gentile paziente, siamo lieti di presentarle questo vademecum informativo, sperando Le possa essere di aiuto per una migliore conoscenza dei

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

Pianificazione della dimissione del bambino cronico e continuità assistenziale. Dr.ssa Flaviana Tondi AUO MEYER

Pianificazione della dimissione del bambino cronico e continuità assistenziale. Dr.ssa Flaviana Tondi AUO MEYER Pianificazione della dimissione del bambino cronico e continuità assistenziale Dr.ssa Flaviana Tondi AUO MEYER Cronicità Pediatrica/prospettive epidemiologiche Affrontare la sfida del progressivo aumento

Dettagli

:::CARTA DEI SERVIZI:::

:::CARTA DEI SERVIZI::: :::CARTA DEI SERVIZI::: Igiene e Profilassi Da alcuni anni esiste una nuova figura professionale che affianca sempre il medico in uno Studio Odontoiatrico: La igienista dentale Le igieniste dello STUDIO

Dettagli

GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE

GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE GESTIONE EVENTI AVVERSI NELLA RACCOLTA DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE DIAGNOSTICO E MEDICINA REDAZIONE,,VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE REDAZIONE APPROVAZIONE AUTORIZZAZIONE EMISSIONE

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia

L Aspirato Midollare. e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia L Aspirato Midollare Informazione per pazienti e la Biopsia Osteomidollare (BOM) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Ematologia Dott. Francesco Merli - Direttore Cristiana Caffarri - Coordinatore

Dettagli

OSTEONECROSI DEI MASCELLARI (ONJ): PREVENZIONE, DIAGNOSI, TRATTAMENTO UPDATE 2010

OSTEONECROSI DEI MASCELLARI (ONJ): PREVENZIONE, DIAGNOSI, TRATTAMENTO UPDATE 2010 OSTEONECROSI DEI MASCELLARI (ONJ): PREVENZIONE, DIAGNOSI, TRATTAMENTO UPDATE 2010 Alessandria, sabato 5 giugno 2010 Università degli Studi di Foggia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Odontostomatologia CARTA DEI SERVIZI. Spedali Civili di Brescia. Pronto Soccorso Odontoiatrico Direttore: Dott. Livio CORDONE. Azienda Ospedaliera

Odontostomatologia CARTA DEI SERVIZI. Spedali Civili di Brescia. Pronto Soccorso Odontoiatrico Direttore: Dott. Livio CORDONE. Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera Odontostomatologia Direttore: Prof. Pier Luigi SAPELLI Pronto Soccorso Odontoiatrico Direttore: Dott. Livio CORDONE CARTA DEI SERVIZI INFORMAZIONI E NOTIZIE

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

PREVENIRE È PIÙ FACILE CHE DIRE OTORINOLARINGOIATRA.

PREVENIRE È PIÙ FACILE CHE DIRE OTORINOLARINGOIATRA. L Otorinolaringoiatra ospedaliero e la prevenzione CAMPAGNA NAZIONALE DI PREVENZIONE PREVENIRE È PIÙ FACILE CHE DIRE OTORINOLARINGOIATRA. 10 APRILE - 1 a Giornata della Prevenzione AOOI Fumo, alcol, Papillomavirus

Dettagli

XXV Congresso Nazionale SIPPS REGALIAMO FUTURO 12-14 14 Settembre 2013. Scuola d i Specializzazione Pediatria. Coordinatore: Prof.ssa P.

XXV Congresso Nazionale SIPPS REGALIAMO FUTURO 12-14 14 Settembre 2013. Scuola d i Specializzazione Pediatria. Coordinatore: Prof.ssa P. XXV Congresso Nazionale SIPPS REGALIAMO FUTURO 12-14 14 Settembre 2013 Hotel Sheraton Nicolaus - Bari INFLUENZA DELLA XEROSTOMIA NELLE MANIFESTAZIONI ORALI DEL PAZIENTE PEDIATRICO ONCOEMATOLOGICO Dott.ssa

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RICEVUTA INFORMAZIONE E CONSENSO A TRATTAMENTO ORTODONTICO. Cognome: Nome: Nato/a il: a: Residente a: Via Tel. Cell.

DICHIARAZIONE DI RICEVUTA INFORMAZIONE E CONSENSO A TRATTAMENTO ORTODONTICO. Cognome: Nome: Nato/a il: a: Residente a: Via Tel. Cell. DICHIARAZIONE DI RICEVUTA INFORMAZIONE E CONSENSO A TRATTAMENTO ORTODONTICO Cognome: Nome: Nato/a il: a: Residente a: Via Tel. Cell. Gentile Paziente, lo scopo di questo modulo è di avere il Suo consenso

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Settore di Medicina Orale, Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche, Università degli Studi di Palermo b

Settore di Medicina Orale, Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche, Università degli Studi di Palermo b Osteonecrosi dei mascellari associata a bisfosfonati, denosumab e farmaci anti-angiogenetici nei pazienti oncologici e osteoporotici: prevenzione dentale e sicurezza dei trattamenti odontoiatrici Osteonecrosis

Dettagli

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione

L ANESTESIA. Cos è ed a cosa serve. Notizie utili per il paziente. Presentazione Provincia Autonoma di Trento Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari via Degasperi, 79-38100 - Trento Dipartimento Anestesia e Rianimazione Direttore: dr. Edoardo Geat U.O. Anestesia e Rianimazione

Dettagli

Osteonecrosis of the jaw related to bisphosphonates, denosumab and anti-angiogenics in cancer and osteoporotic patients: diagnosis and management

Osteonecrosis of the jaw related to bisphosphonates, denosumab and anti-angiogenics in cancer and osteoporotic patients: diagnosis and management Osteonecrosi dei mascellari associata a bisfosfonati, denosumab e farmaci anti-angiogenetici nei pazienti oncologici e osteoporotici: diagnosi e terapia Osteonecrosis of the jaw related to bisphosphonates,

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI

NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI NEORMAZIONI CISTICHE DEI MASCELLARI CISTI: una cavità patologica rivestita da epitelio PSEUDOCISTI: una cavità patologica non rivestita da epitelio Neoformazione cistica asportata Cisti Odontogene C.O.

Dettagli

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA ULCERA PEPTICA Dr. Alessandro Bernardini Circa il 10% della popolazione nei paesi sviluppati è probabile vada incontro nella sua vita a ulcera peptica: una percentuale di ulcere persistenti dell 1%. La dispepsia è un

Dettagli

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento

Malattia di Behçet. Cosa il paziente deve conoscere. Sintomi,, Cause e Trattamento Malattia di Behçet Cosa il paziente deve conoscere Sintomi,, Cause e Trattamento Che cosa è la Malattia di Behçet I sintomi di questa malattia sono stati descritti per la prima volta nel 500 prima di Cristo

Dettagli

LO STAFF STUDIO DOTT. ANGELO NATIVIO

LO STAFF STUDIO DOTT. ANGELO NATIVIO orari di apertura: martedì, lunedì, mercoledì ore ore 9.00-12.30 LO STAFF DOTTOR ANGELO NATIVIO Iscritto presso l Ordine dei Medici di Roma posizione 3917 Laurea con Lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria

Dettagli

che cos è la paradontologia?

che cos è la paradontologia? che cos è la paradontologia? La parodontologia è una disciplina di area odontoiatrica che promuove la salute dell individuo attraverso la prevenzione, la diagnosi e la terapia delle patologie che colpiscono

Dettagli

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante.

METHOTREXATE. Vi raccomandiamo di leggere questo opuscolo con cura e di discuterne con il vostro medico curante. PATIENT INFORMATION ON Australian Rheumatology Association METHOTREXATE (Italian) (Brand names: Methoblastin) Questo opuscolo informativo èstato creato dall Associazione Remautologica Australiana per aiutarvi

Dettagli

Allegato A 1-. Prestazioni sanitarie assicurate e tariffe erogabili a tutti gli aventi

Allegato A 1-. Prestazioni sanitarie assicurate e tariffe erogabili a tutti gli aventi NOMENCLATORE TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI DELLA BRANCA DI ODONTOSTOMATOLOGIA Allegato A 1-. Prestazioni sanitarie assicurate e tariffe erogabili a tutti gli aventi diritto Codice nota Descrizione prestazione

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME

www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME www.pediatric-rheumathology.printo.it L ARTRITE LYME Cos è? L artrite Lyme è causata dal batterio Borrelia burgdorferi (borreliosi di Lyme) e si trasmette con il morso di zecche quali l ixodes ricinus.

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente

Foglio illustrativo: informazioni per il paziente Foglio illustrativo: informazioni per il paziente ACICLOVIR EG 200 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg compresse ACICLOVIR EG 800 mg compresse ACICLOVIR EG 400 mg/5 ml sospensione orale Medicinale equivalente

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Una forte struttura ossea per denti splendidi Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Indice Il sorriso è il più bel modo di mostrare i tuoi denti 3

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

All. 08 Guida e Carta dei Servizi

All. 08 Guida e Carta dei Servizi All. 08 Guida e Carta dei servizi I Dottori Giuseppe e Costantino Vignato e il loro team di lavoro desiderano farvi conoscere come è strutturato lo Studio, i singoli operatori, il tipo di prestazioni svolte

Dettagli