ISTITUTO MAGISTRALE STATALE "G.B. VICO"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO MAGISTRALE STATALE "G.B. VICO""

Transcript

1 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE "G.B. VICO" Ragusa LICEO LINGUISTICO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V B L ANNO SCOLASTICO 2013/2014 1

2 CONSIGLIO DELLA CLASSE V B /L Dirigente Scolastico Prof.ssa Carmela Casuccio Materia Docente Ore Settimanali Religione Prof.ssa Concetta Palazzolo 1 Italiano Prof.ssa Maria Concetta Gulino 4 Storia Prof.ssa Laura Vitale 3 Lingua straniera: Inglese Prof.ssa Pia S. Cappellani 4 Conversazione inglese Prof.ssa Maria Grazia Cannata Lingua straniera: Francese Prof.ssa Francesca Meli 4 Conversazione francese Prof.ssa Maria Celauro Lingua straniera: Tedesco Prof.ssa Maria Firrincieli 5 Conversazione tedesco Prof.ssa Francesca Longo Disegno e storia dell arte Prof. Angelo Di Pietro (Giudice) 2 Filosofia Prof.ssa Maria Cecilia Sgarlata 3 Matematica Prof.ssa Valeria Cartiglia 3 Biologia Prof.ssa Salvatrice Tribastone 2 Educazione fisica Prof.ssa Barbara Arezzo 2 Coordinatore di classe: prof.ssa Maria Firrincieli 2

3 Elenco candidati Cognome e nome Luogo e data di nascita Basile Diletta Ragusa, 12/04/1995 Cannì Eleonora Ragusa, 12/01/1989 Cappellini Chiara Ragusa, 27/12/1995 Carbone Silvia Ragusa, 28/12/1994 Carratello Miriam Ragusa, 20/10/1995 Castellino Cristiana Ragusa, 02/09/1995 Converso Ramona Vittoria, 27/04/1994 Criscione Martina Ragusa, 11/10/1995 D Angelo Noemi Ragusa, 22/09/1994 Dimartino Elisa Ragusa, 13/02/1995 Distefano Roberta Ragusa, 01/02/1995 Kazazi Emerilda Albania, 17/05/1994 Laporta Federica Ragusa, 15/10/1995 Lissandrello Benedetta Ragusa, 01/06/1995 Pluchino Rosa Ragusa, 02/06/1995 Tumino Nicoletta Ragusa, 25/04/1995 Zisa Gabriella Ragusa, 19/05/1994 3

4 Variazioni del consiglio di classe Materia Classe III Classe IV Classe V Religione Palazzolo Palazzolo Palazzolo Italiano Gulino Gulino Gulino Storia Russo Gulino Vitale Lingua straniera: Inglese Cappellani Cappellani Cappellani Conversazione inglese Cannata Cannata Cannata Lingua straniera: Francese Meli Meli Meli Conversazione francese Celauro Celauro Celauro Lingua straniera:tedesco Conversazione tedesco Firrincieli Longo Firrincieli Longo Firrincieli Longo Disegno e storia dell arte Di Pietro Di Pietro Di Pietro (Giudice) Filosofia Gurrieri Sgarlata Sgarlata Matematica Cartiglia Cartiglia Cartiglia Chimica Tribastone Fisica Cascone Biologia Tribastone Educazione fisica Arezzo Arezzo Arezzo Andamento dei risultati nel triennio Classe Provenienti stessa classe Provenienti altre classi Promossi a giugno Sospensione del giudizio Ritirati Non promossi a giugno Non promossi a settembre III Intercultura IV V 17-4

5 Profilo del Liceo Linguistico Il Liceo Linguistico offre un ampia dimensione formativa, sempre più rispondente alle esigenze della realtà italiana ed europea. Da una parte si propone lo sviluppo armonico della personalità dello studente, delle sue capacità di analisi, valutazione e rielaborazione del sapere, con il contributo delle diverse componenti (linguistico-letterario-artistica, storico-filosofica, matematico-scientifica). Dall altra parte la dominante linguistica, in linea con gli attuali scenari economio-sociali, è rafforzata anche dalla presenza del Latino, studiato fino al quarto anno, che permette una migliore analisi delle lingue moderne nelle loro strutture e sensibilizzazione maggiore alla storicità delle lingue.questo consente l incontro e la comparazione di patrimoni culturali diversi, forma ed educa all accettazione della cultura altra, rende gli alunni consapevolmente Europei. L attività didattica si avvale, oltre che delle moderne tecnologie multimediali ( lavagna interattiva multimediale,laboratorio linguistico ed informatico), della presenza di insegnanti di madre lingua, altamente qualificati e riconosciuti dal Ministero, che curano la conversazione in lingua straniera. Lo studio delle tre lingue straniere è orientato ad una padronanza strumentale di più codici e ad una familiarità con metodologie che permettono di affrontare le problematiche della comunicazione a vari livelli. Oltre alle strutture fondamentali di tre lingue straniere, l indirizzo dà l opportunità di acquisire una buona conoscenza della lingua italiana e un bagaglio di cultura classico-umanistica con risvolti storico-filosofici. Tali conoscenze sviluppano la padronanza di più codici, l interazione in contesti diversificati, un buon livello di comprensione interculturale, la riflessione critica sul linguaggio, nei suoi aspetti logici e storici. Inoltre la conoscenza dei principi generali delle scienze sperimentali contribuisce al allargare le competenze nei vari linguaggi. Per queste sue caratteristiche l indirizzo consente sbocchi a livello universitario presso tutte le facoltà, in particolare quelle linguistiche e letterarie; offre inoltre possibilità anche nel campo dell editoria, della comunicazione di massa, della pubblicità e delle pubbliche relazioni. La classe 5BL del corrente anno scolastico è di fatto l ultima classe terminale del Corso Linguistico Brocca secondo il vecchio ordinamento. L indirizzo è stato progressivamente modificato in quanto la configurazione del Liceo Linguistico Brocca, per lo scarso numero di ore attribuito alle lingue e per il monte ore settimanale eccessivo (35 ore), presentava numerose difficoltà per gli alunni. Grazie alla legge sull autonomia scolastica, il collegio docenti ha deliberato di unificare dal quarto anno il monte ore settimanale delle lingue straniere a quattro, e ha stabilito un diverso ordinamento che prevede, al quinto anno, l eliminazione del Latino e della Fisica, con una riduzione del monte ore settimanale di due ore e un potenziamento della prima e della seconda lingua di un ora alla settimana. 5

6 Profilo sintetico della classe La 5BL, già non molto numerosa all inizio del triennio, è costituita da 17 alunne, di cui 6 provenienti da comuni limitrofi al capoluogo. Dal punto di vista didattico, la classe si presenta piuttosto distaccata, poco vivace e poco propositiva nel fornire spunti e contributi nuovi e personali allo svolgimento dell azione educativa. Questo atteggiamento denota una certa insicurezza ed immaturità di alcune alunne, che hanno mostrato scarsa consapevolezza dell impegno necessario ad affrontare uno studio sistematico e proficuo, rispettoso degli impegni e delle consegne e che non ha dato risalto alle potenzialità comunque presenti nella classe. Per qualche elemento l impegno non è stato consono alle proprie potenzialità o alle aspettative del docente, sia per mancanza di sistematicità o di approfondimento nella rielaborazione, sia per lacune nella preparazione di base, più evidenti nella produzione scritta ed in alcune discipline. Alcune alunne erano in possesso comunque di requisiti sufficienti, mentre altre hanno stentato ad elaborare un metodo di studio adeguato. Nel corso del triennio la classe ha avuto bisogno di continue sollecitazioni e stimoli al dialogo. Anche i genitori sono stati coinvolti in questa azione di sprone, affinché anch essi dessero il loro contributo al cambiamento dell atteggiamento anche comportamentale non sempre corretto della classe. Alla luce di quanto esposto, il raggiungimento degli obiettivi formativi e cognitivi programmati dal Consiglio di classe nel corso del triennio ed in particolare nell ultimo anno del corso di studi non è del tutto soddisfacente, in quanto non tutta la classe ha acquisito gli elementi basilari del curricolo. E possibile individuare tra le alunne tre fasce di livello nel rendimento: -qualche elemento raggiunge un buon grado di preparazione, frutto di costanza nello studio; impegno e -altre alunne si attestano su livelli sufficienti, essendosi impegnate soprattutto nell ultimo periodo a recuperare il profitto e colmare le lacune pregresse; -un gruppo di alunne ha un rendimento che si attesta sulla mediocrità, dovuto a mancanza di metodo sistematico nello studio, a carenze di base in alcune discipline e ad uno studio utilitaristico non sempre redditizio. 6

7 Obiettivi formativi e didattici trasversali Obiettivi formativi e comportamentali Al fine di promuovere la formazione umana, civile e culturale delle alunne il Consiglio di classe si è proposto di: - sviluppare la consapevolezza ed il rispetto delle diverse identità culturali che costituiscono il mondo contemporaneo e la capacità di comunicazione nei loro confronti; - favorire la crescita personale e culturale e valorizzare il senso della propria individualità, dei propri limiti e potenzialità, nel riconoscimento del valore delle altrui identità Obiettivi cognitivi Per ciò che concerne l azione didattica l intento è stato di: - potenziare le capacità di analisi, sintesi, generalizzazione ed astrazione, al fine di rendere efficace l organizzazione del pensiero dal punto di vista logico e favorirne un articolazione critica; - potenziare una corretta metodologia di studio individuale e di gruppo che conduca ad una chiara comprensione delle informazioni, alla loro selezione e rielaborazione più autonoma e critica; - affinare la competenza comunicativa con l uso sempre più corretto dei linguaggi specifici; - accrescere la capacità di individuare le strategie più vantaggiose per risolvere problemi ed operare scelte. Per le informazioni relative al raggiungimento degli obiettivi disciplinari si fa riferimento alle relazioni individuali dei singoli docenti. Il percorso formativo Contenuti I contenuti disciplinari, scelti e affrontati dai singoli docenti, così come le metodologie e le strategie utilizzate, si possono evincere dalle relazioni finali e dai programmi delle discipline, allegate al presente documento. Metodologie I docenti si sono prevalentemente orientati all utilizzo della lezione frontale, della lezione partecipata, dei lavori di gruppo e individuali, delle discussioni guidate. Strumenti e materiali didattici Oltre ai testi in adozione sono stati usati strumenti multimediali e nuove tecnologie. Gli alunni hanno avuto a disposizione la lavagna interattiva multimediale, il laboratorio linguistico, di informatica e di scienze. Si sono avvalsi della lettura diretta di riviste in lingua originale e hanno usato la biblioteca scolastica per letture e approfondimenti. L insegnamento dell educazione fisica si è svolto nelle palestre e nel cortile interno dell istituto. Tempi La scansione della programmazione è stata quadrimestrale. 7

8 Prove di verifica Gli strumenti di verifica utilizzati sono stati: interrogazione test scritto questionario a risposta singola breve trattazione degli argomenti analisi testuale riassunto composizione saggio breve articolo di giornale Valutazione Il consiglio di classe esprime la valutazione formativa, sommativa e finale, sulla base dei seguenti indicatori: livello reale delle conoscenze, competenze e capacità e i progressi rispetto al punto di partenza la partecipazione l impegno l assiduità alle verifiche la frequenza scolastica gli eventuali problemi socio-affettivi dell alunno Percorsi pluridisciplinari Il consiglio di classe ha concordato di sviluppare percorsi interdisciplinari e culturali di approfondimento su tematiche letterarie, culturali, filosofiche e storiche comuni dell Ottocento e del Novecento in modo trasversale, in un ottica di confronto e riflessione critica e rielaborativa. I docenti hanno fornito assistenza per quanto concerne l elaborazione di temi ed argomenti di approfondimento interdisciplinare, anche in vista del colloquio degli Esami di Stato. Le alunne hanno potuto superare la frammentarietà dei dati ed inserire i fenomeni nella loro dimensione storico-culturale. Gli strumenti di conoscenza e di confronto forniti hanno reso possibile il recupero della matrice comune dei fatti storico-culturali. Attività extracurriculari Attività di orientamento Obiettivi -Fornire agli studenti il maggior numero possibile di informazioni sulle facoltà universitarie e sul mondo del lavoro -Guidarli ad una scelta consapevole Attività -Incontro con rappresentanti di Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e di Milano -Incontro con rappresentanti della IULM di Milano. -Incontro con rappresentanti della Marina Militare di Pozzallo. -Visita al Salone dello studente presso Le Ciminiere a Catania. -Giornata dell orientamento presso il Liceo Scientifico E.Fermi, Ragusa 8

9 -Partecipazione all Open Day presso la facoltà di lingue e letterature straniere di Ragusa Ibla -Incontro con docenti della facoltà di Lingue di Ragusa e partecipazione ad una lezione. -Incontro di orientamento sull imprenditoria in provincia di Ragusa presso l ASI -Incontri di orientamento al lavoro con il CIAPI e attivazione di uno sportello orientamento con l ufficio provinciale del lavoro. -Visita all università Kore di Enna -Simulazione dei test di ammissione ai corsi di laurea a numero chiuso a cura dell Hoepli Test Viaggio di istruzione-stage a Berlino Hanno partecipato15 alunne Viaggi di istruzione Obiettivi: - Visita dei principali siti storico-architettonici della città e dei suoi dintorni, musei, luoghi di cultura e di interesse sociale. - Esercitarsi sul campo nella comunicazione in lingua tedesca. - Comprendere il tessuto culturale della società tedesca con contatti diretti di vita quotidiana ed esperienze concrete. - Durata: dal4 al 10 aprile 2014 Responsabili: prof.sse Maria Firrincieli e Francesca Longo. Progetti Alcune alunne hanno partecipato ai seguenti progetti : Partecipazione alla rappresentazione teatrale in lingua inglese The picture of Dorian Gray Partecipazione di 8 alunne alla rappresentazione teatrale in lingua francese La révolution de mai 1968 Progetto POF Stage a Berlino (15 alunne) Partecipazione di 14 alunne al corso PON- C1 Guten Tag Europa 5 per il conseguimento della certificazione esterna livello A2 nella lingua tedesca. Percorso sulle tematiche :violenza di genere, femminicidio, stalking, tenuto dall Ispettore Ribera della Questura di Ragusa. 9

10 Simulazioni della terza prova scritta Nel corso del secondo quadrimestre sono state somministrate due simulazioni della terza prova, della durata di due ore ciascuna. E stata scelta, per entrambe le simulazioni, la Tipologia B: quesiti a risposta singola, in quanto ritenuta più adatta a sondare le conoscenze e competenze della classe intorno a più argomenti del programma e per valutare con più precisione i diversi livelli di preparazione degli alunni. La prima prova si è svolta il 19 febbraio 2014, coinvolgendo le seguenti discipline:lingua francese, lingua a scelta tra inglese e tedesco, storia, filosofia, matematica La seconda prova si è svolta il 27 marzo 2014, coinvolgendo le seguenti discipline: due lingue straniere di cui una obbligatoriamente diversa dalle due scelte nella prima simulazione, educazione fisica, biologia, storia dell arte. Le simulazioni con i relativi esiti sono depositate in segreteria, a disposizione della Commissione. Commissari interni della commissione di esame Il consiglio di classe ha deliberato che i commissari interni facenti parte della commissione esaminatrice saranno i seguenti: prof.ssa Meli Francesca (francese) prof.ssa Cappellani Pia S. ((inglese) prof.ssa Firrincieli Maria (tedesco) 10

11 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA Punteggio in quindicesimi Punteggio in decimi 1 Competenze linguisticogrammaticali Forma corretta e accurata Forma abbastanza corretta Sintassi lineare e presenza di qualche errore Presenza di diversi errori Forma contorta e scorretta Forma contorta e gravemente scorretta 2 Lessico e registro linguistico 3 Capacità rielaborativa delle informazioni 4 Capacità argomentativa Adeguati e appropriati Ampia e articolata Articolata, approfondita e originale Quasi sempre adeguati e appropriati Esauriente Abbastanza articolata Complessivamente adeguati, ma con qualche imperfezione e imprecisione Schematica, ma nel complesso organizzata Essenziale Lessico semplice e non sempre adeguato Diverse improprietà e imprecisioni Incompleta Superficiale Superficiale Carente Gravemente inadeguati e inappropriati Molto limitata e scorretta Scarsa Punteggio totale Media 11

12 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA SECONDA PROVA SCRITTA A) Tema- saggio; saggio breve; articolo di giornale INDICATORI PUNTEGGI basso medio alto a) punteggiatura, ortografia, Competenze linguistiche e strutturali morfosintassi b) proprietà lessicale; aderenza alla tipologia scelta Conoscenze Correttezza e pertinenza dei contenuti a) sviluppo e coerenza delle Capacità elaborative, logicocritiche e creative argomentazioni b) elaborazione personale B) Analisi e commento di un testo INDICATORI Competenze linguistiche (punteggiatura, ortografia, morfosintassi, proprietà lessicale) PUNTEGGI basso medio alto Comprensione complessiva basso mediocre medio alto eccellente Analisi Riflessione, elaborazioni, giudizi

13 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA (tipologia B) Conosc.completa e approfondita 8 Conosc. Dettagliata 7 Informazioni essenziali Livello della sufficienza 6 CONOSCENZA DEI CONTENUTI Conosc. Superficiale 5 Conosc. frammentaria e/o qualche errore concettuale Informazioni molto lacunose e/o errori concettuali Risposta assente 0 Esposiz. corretta, lessico specifico 4 CAPACITÀ ESPOSITIVA Esposiz. scorrevole, lessico appropriato Esposiz. chiara, lessico accettabile Livello della sufficienza 2 Vari errori nella forma e nel lessico 1 Risposta assente 0 3 PERTINENZA Pienamente pertinente 3 Complessivamente pertinente Livello della sufficienza 2 Parzialmente pertinente 1 Risposta assente 0 Punteggio totale /15 13

14 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO NULLO GRAVEMENTE SCARSO SCARSO Parametri valutativi Dimostra una conoscenza nulla, o quasi nulla, degli argomenti richiesti; non riesce ad effettuare collegamenti, evidenzia notevoli difficoltà espressive. Dimostra gravissime e numerosissime lacune nella conoscenza degli argomenti, incapacità quasi totale di effettuare collegamenti, notevoli difficoltà espressive. Evidenzia gravi e diffuse lacune nella conoscenza degli argomenti. Solo in pochissimi casi riesce ad effettuare collegamenti. Si esprime in forma scorretta. INSUFFICIENTE Presenta lacune nella conoscenza degli argomenti; non riesce, nella maggior parte dei casi, ad effettuare collegamenti; incorre in gravi errori nell esposizione. MEDIOCRE SUFFICIENTE DISCRETO BUONO OTTIMO Evidenzia una conoscenza parziale degli argomenti, incertezze nei collegamenti, errori ed imperfezioni linguistiche nell esposizione. Dimostra di conoscere, anche se in modo non approfondito, gli argomenti e di sapere effettuare collegamenti in modo essenziale. Pur incorrendo in qualche errore, si esprime in modo accettabile. Dimostra di conoscere gli argomenti nel complesso in modo soddisfacente, anche se non egualmente approfondito nelle varie discipline. Effettua collegamenti con una certa disinvoltura. Si esprime, seppur con qualche imperfezione, con un accettabile proprietà di linguaggio. Evidenzia un approfondita conoscenza degli argomenti, opera chiari ed efficaci collegamenti all interno di ciascuna disciplina e tra le discipline; si esprime in modo linguisticamente appropriato. Evidenzia una conoscenza sicura e approfondita degli argomenti, senso critico e capacità di riflessione autonoma nell effettuare collegamenti, padronanza espositiva e argomentativa. ECCELLENTE Evidenzia una conoscenza particolarmente approfondita degli argomenti, notevole senso critico e capacità di riflessioni autonome nell effettuare collegamenti, spiccata padronanza espositiva ed argomentativa. Punti

15 ALLEGATI Si allegano i programmi e le relazioni finali dei docenti delle seguenti discipline: Materia Numero allegato ITALIANO 1 STORIA 2 INGLESE 3 FRANCESE 4 TEDESCO 5 FILOSOFIA 6 MATEMATICA 7 BIOLOGIA 8 STORIA DELL ARTE 9 EDUCAZIONE FISICA 10 RELIGIONE 11 INDICE Composizione del consiglio della classe V B L 2 Elenco candidati 3 Variazioni del Consiglio di classe 4 Andamento dei risultati nel triennio 4 Profilo del Liceo linguistico 5 Profilo sintetico della classe 6 Obiettivi formativi e didattici trasversali 7 Il percorso formativo 7 Percorsi pluridisciplinari 8 Attività extracurriculari 8 Viaggi di istruzione 9 Progetti 9 Simulazioni della terza prova 10 Commissari interni della commissione di esami 10 Griglia di valutazione della prima prova scritta 11 Griglia di valutazione della seconda prova scritta 12 Griglia di valutazione della terza prova scritta (tipologia B) 13 Griglia di valutazione del colloquio 14 Elenco allegati Indice 15 15

16 I docenti componenti del Consiglio di classe Gulino Maria Concetta Vitale Laura Cappellani Pia S. Cannata Maria Grazia Meli Francesca Celauro Maria Firrincieli Maria Longo Francesca Sgarlata Maria Cecilia Cartiglia Valeria Tribastone Salvatrice Giudice Concetta Arezzo Barbara Palazzolo Concetta Il Dirigente scolastico Prof.ssa Carmela Casuccio.. Ragusa, 12 maggio

17 Relazione finale di Italiano Classe: V B/L Docente: Maria Concetta Gulino ISTITUTO STATALE G:B: VICO RAGUSA PROFILO DELLA CLASSE Le 17 alunne che compongono la classe non sempre si sono relazionate correttamente tra loro e con l insegnante. Nonostante la continuità didattica di questi ultimi tre anni, è stato mediocre il processo di maturazione sia dei singoli elementi sia del gruppo classe poco interessato a cogliere le diverse opportunità di approfondimento delle conoscenze e delle competenze. Solo qualcuno si è rivelato in possesso di un corretto metodo di studio e gli elementi più fragili, pur incoraggiati a raggiungere gli obbiettivi con la verifica quotidiana degli apprendimenti, si sono mostrati apatici e indolenti. Attualmente il livello culturale appare nel complesso un po più omogeneo sia per ciò che riguarda i requisiti espressivi sia per ciò che attiene alle abilità logico-argomentative pur nella naturale modulazione dei livelli individuali. L organizzazione discontinua del lavoro domestico non ha consentito lo svolgersi delle verifiche alle scadenze prefissate. Superficiale l interesse per le problematiche socio-culturali del nostro presente. La produzione di alcune tipologie di scrittura risente, oltre che di qualche lacuna strutturale, anche della mancanza di quotidiana familiarità con questi argomenti. La visione più dettagliata del conseguimento dei livelli di conoscenze, competenze e capacità emerge dal successivo confronto tra gli obbiettivi iniziali e quelli finali. OBIETTIVI INIZIALI Conoscenze:riflessione sulla letteratura e sulla sua prospettiva storica 1. riconoscere gli elementi che,nelle diverse realtà storiche, entrano in relazione a determinare il fenomeno letterario; 2. ricostruire l itinerario culturale e poetico di un autore, cogliendo la persistenza e il divenire di tematiche e moduli stilistici; 3. cogliere attraverso la conoscenza degli autori e dei testi più significativi,le linee fondamentali della prospettiva storica della letteratura e l evoluzione dei generi letterari. Competenze: 1 eseguire il discorso in forma corretta e ordinata; 2 produrre testi di diverso tipo: analisi e commento di un testo letterario e non letterario, in prosa e in poesia, saggio breve, relazione, articolo di giornale,tema di ordine generale. Capacità:analisi e contestualizzazione dei testi letterari, dimostrando di saper: 1 condurre una lettura diretta del testo, come prima interpretazione del significato; 2 analizzare il testo a livello tematico,stilistico,metrico,retorico; 3 collocare il testo in un quadro di confronti e di relazioni; 4 mettere il testo a confronto con le proprie esperienze e con la propria sensibilità e formulare un giudizio critico. OBIETTIVI FINALI CONOSCENZE:dalle verifiche orali e dalla produzione scritta emerge un sufficiente possesso dei singoli argomenti e una sufficiente visione del quadro di insieme.solo qualche alunna ha una certa capacità di rielaborazione e padronanza sicura dei contenuti mentre il restante gruppo di allieve ha conseguito una preparazione meno organica e più superficiale. Competenze: nella maggior parte dei casi l esposizione orale è più corretta rispetto alla produzione scritta. La maggior parte delle alunne usa un lessico essenziale.. 17

18 Capacità:solo qualche alunna sa condurre una analisi approfondita dei testi letti, le altre argomentano in modo semplice e operare i collegamenti più lineari. Infine qualcuna necessita di essere opportunamente guidato nell analisi contenutistica e stilistica dei testi. CONTENUTI DISCIPLINARI I contenuti sono stati suddivisi in moduli, come si evince sia dal seguente elenco sia dal programma dettagliato, allegato alla relazione. 1L eroe nella prosa del mondo:il modello romanzesco di Manzoni 2La lotta per l esistenza:il modello di Verga 3Il vate e l esteta.pascoli e D annunzio 4.Il disagio della civiltà: il modello di Svevo e di Pirandello 5. La poesia del primo Novecento 6.Il viaggio di Dante METODOLOGIE Le operazioni di lettura diretta dei testi sono state centrali nella costruzione dei moduli. Tutte le attività connesse con lo studio della letteratura sono state occasione per l esercizio delle abilità linguistiche e interpretative, sotto forma di produzione di analisi testuali. Le lezioni frontali sono state integrate da interventi più precisi, quali l addestramento ad un corretto metodo di lavoro di analisi ed interpretazione, la discussione collettiva con domande per sollecitare il confronto delle interpretazioni. Sulle nuove tipologie della prima prova scritta sono state svolte esercitazioni, analisi di documenti e di dati statistici, confronto di tesi opposte.purtroppo non sempre i riscontri nelle verifiche in classe sono stati confortanti, poiché persiste qualche incertezza nell impostazione della tipologia richiesta. MATERIALI DIDATTICI Testi: LUPERINI-CATALDI,La scrittura e l interpretazione, Palumbo editore, vol.3 DANTE ALIGHIERI, Paradiso, ed. a scelta VERIFICHE Le tipologie delle prove di verifica sono state variate in relazione agli scopi da ottenere, in modo tale da alternare interrogazione lunga, interrogazione breve, produzione di analisi testuale, saggio breve, questionario a risposta aperta. VALUTAZIONE La valutazione finale scaturisce dall analisi della situazione complessiva di ogni alunna e comprende: la capacità di esprimersi con linguaggio specifico la conoscenza degli argomenti le capacità e competenze già indicate in relazione agli obbiettivi l impegno profuso, la diligenza nell eseguire i lavori proposti e l interesse nel collaborare alle attività il cammino percorso dai livelli di partenza alla situazione finale il grado di maturità dimostrato nel risolvere le situazione problematiche l agilità mostrata nel condurre il colloquio Ragusa, 10 maggio

19 ISTITUTO STATALE G.B. VICO RAGUSA Programma di Italiano a.s Classe: V BL Docente: Maria Concetta Gulino L eroe nella prosa del mondo: il modello romanzesco di Manzoni La funzione storica di A Manzoni e l importanza dei Promessi sposi. Vita e opere del romanziere lombardo. La ricerca di un epica collettiva attraverso i miti cattolici: gli Inni sacri. La trattatistica storiografica e gli scritti di poetica. Le odi civili: -Il 5 maggio Il problema della tragedia agli inizi dellottocento; l Adelchi -Il coro dell atto quarto La genesi dei Promessi sposi: struttura, temi e linguaggio del Fermo e Lucia La genesi dell opera e l organizzazione della vicenda. L analisi dei personaggi. Le scelte stilistiche.il progetto manzoniano di società e i temi principali del romanzo: la storia, gli umili, la politica,l economia,la giustizia.l ideologia religiosa:il tema del malee il problema della Provvidenza. - don Abbondio e i bravi -L educazione di Gertrude -Gertrude a palazzo:il paggio e la punizione paterna -Gertrude tra la badessa e il principe padre - La sventurata rispose La Storia della colonna infame tra storiografia e pamphlettistica 19

20 LA LOTTA PER L ESISTENZA: IL MODELLO DI VERGA Le trasformazioni dell immaginario nella seconda metà dell Ottocento: l idea del progresso. L organizzazione della cultura, il pubblico e la trasformazione del ceto intellettuale. La cultura filosofica: il positivismo da Comte a Darwin e Spencer. La lotta per la vita nella letteratura francese e russa. Il Naturalismo francese e il Verismo italiano: poetiche e contenuti. La rivoluzione stilistica e tematica di G. VERGA. La vita e le opere del narratore siciliano. L adesione al Verismo e la poetica del ciclo dei Vinti. La prefazione dei Malavoglia Le novelle Vita dei campi e Novelli rusticane. Rosso Malpelo La lupa Genesi del romanzo I Malavoglia. Il tempo della storia, la struttura e la vicenda. Il sistema dei personaggi. Lingua e stile: il discorso indiretto libero, la regressione e lo straniamento. L ideologia, la religione della famiglia, il motivo dell esclusione e della rinuncia. L inizio dei Malavoglia Mena,compare Alfio e le stelle che ammiccavano più forte La tempesta sui tetti del paese L addio di Ntoni La conclusione del romanzo secondo Russo, Barberi Squarotti,Luperini. Mastro. Don Gesualdo: un titolo, la genesi, la struttura e la trama. La morte di Gesualdo IL VATE E L ESTETA. PASCOLI E D ANNUNZIO. Le parole- chiave della cultura di fine secolo: simbolismo e 20

21 decadentismo. La crisi del letterato tradizionale. La funzione sociale del vate e dell esteta. G.PASCOLI: la vita tra nido e poesia. La poetica del Fanciullino e l ideologia piccolo-borghese. Il fanciullino Myricae e Canti di Castelvecchio:il simbolismo naturale e il mito della famiglia Lavandare L assiuolo Novembre Il gelsomino notturno Tendenza narrativa e sperimentazione linguistica nei Poemetti. Da Italy I Poemi conviviali Alexandros G. D ANNUNZIO: la vita inimitabile di un mito di massa. L ideologia e la poetica: il panismo estetizzante del superuomo. Il piacere: Ritratto di un esteta: Andrea Sperelli Trionfo della morte: Il superuomo e l inetto. Il progetto poetico delle Laudi. Struttura, organizzazione interna e temi di Alcyone: La pioggia nel pineto IL DISAGIO DELLA CIVILTA : IL MODELLO DI SVEVO E PIRANDELLO. La nuova condizione sociale degli intellettuali e l organizzazione della cultura. I temi dell immaginario: l inettitudine, l angoscia, l alienazione. L. PIRANDELLO: il suo posto nell immaginario novecentesco e nella letteratura 21

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3

FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 PIANO DI LAVORO FUNZIONE STRUMENTALE AREA 3 Sostegno agli alunni, accoglienza, obbligo scolastico e obbligo formativo Proff. Francesco Paolo Calvaruso e Rosmery Inzerra A.S. 2013/14 Premessa generale Alle

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli