Indice degli argomenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice degli argomenti"

Transcript

1 Progetto didattico Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti

2 Indice degli argomenti Introduzione: L importanza dell igiene orale Il progetto Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti : struttura del progetto, obiettivi formativi e metodologia didattica. Struttura del progetto Obiettivi formativi Metodologia didattica Capitolo 1 Informazioni di base sull igiene orale 1.1 L importanza della prevenzione Pag Cibo, placca ed igiene orale Pag Denti decidui e permanenti Pag Sicurezza dei denti e della bocca Pag. 12 Capitolo 2 Attività con gli studenti 2.1 Il racconto Pag Ogni libro racconta una storia Pag Inventa un racconto Pag Che personaggio! Pag Scrivi un racconto Pag Pubblica il racconto nel libro della classe Pag. 22 Capitolo 3 Il concorso 3.1 Concorso Pag Contatti Pag. 26 2

3 Introduzione: l importanza dell igiene orale Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti è rivolto alle prime tre classi della scuola primaria dei Comuni di Roma, Bari e Palermo. Il progetto vuole offrire ai giovanissimi alunni delle prime tre classi della scuola primaria indicazioni per incentivare una corretta igiene dentale promuovendo così la prevenzione delle malattie del cavo orale attraverso l educazione a semplici gesti quotidiani. Con particolare riguardo al piano dell offerta formativa (POF) il progetto si articolerà distintamente per soddisfare ogni fascia scolastica di riferimento. A tal proposito si è scelto di utilizzare un percorso teorico-pratico che consentirà all insegnante di trattare questo argomento senza dover aggiungere altre ore all orario scolastico. Partendo da informazioni base sull igiene orale e spostando l attenzione soprattutto sull argomento della prevenzione intesa come primaria fonte di cura di se stessi e del proprio corpo, si vuole portare all attenzione dei fanciulli la rilevanza dell igiene orale abituandoli all idea che le sane abitudini di vita sono il primo passo per preservare la propria salute. Una cattiva igiene orale può avere un impatto diretto sull apprendimento del bambino e può coinvolgere anche la famiglia. L avere denti e gengive sane contribuisce in molti modi alla nostra vita di tutti i giorni, se ce ne prendiamo cura in modo adeguato. Ciò include salute generale, autostima, sviluppo del linguaggio, sviluppo sociale, fiducia in se stessi e comunicazione delle emozioni. 3

4 Il progetto Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti : progetto educativo, obiettivi formativi e metodologia didattica. Progetto Educativo L'educazione alla salute nella scuola dell'autonomia assume una dimensione trasversale rispetto allo svolgimento delle attività didattiche, dando luogo all'esigenza di adottare specifiche iniziative a livello nazionale. Sorrisi Smaglianti, Futuri brillanti intende offrire agli insegnanti della scuola primaria indicazioni per incentivare una sana igiene dentale promuovendo così la prevenzione delle malattie del cavo orale attraverso l educazione a semplici gesti quotidiani. Il programma di educazione all igiene orale è stato concepito per promuovere, nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa, la realizzazione di percorsi multidisciplinari di educazione alla salute concretamente spendibili. Il percorso didattico inizierà in classe attraverso il lavoro di insegnante ed alunni: con il supporto del materiale didattico le classi potranno lavorare facilmente sul percorso tematico proposto. Le classi potranno inoltre partecipare al concorso Salviamo il mondo dalla carie.i vincitori, non solo vedranno i propri lavori pubblicati sul sito web di Colgate [dedicato alla campagna educativa], ma consentiranno alla propria scuola di aggiudicarsi una fornitura per il laboratorio artistico. Per celebrare i risultati conseguiti e per premiare le scuole vincitrici saranno organizzate tre feste finali [una per città]: l iniziativa vuole essere un ottima occasione per un confronto tra scuola, famiglia ed esperti sulla tematica dell igiene orale. 4

5 Obiettivi formativi Il progetto offre agli insegnanti una possibilità di supporto alla normale didattica sul tema dell igiene orale favorendo il corretto uso dell apposita strumentazione. A tal fine la formazione di cui fruiranno gli insegnanti è strutturata nella metodologia e nei contenuti per offrire un percorso educativo che prevede il loro coinvolgimento diretto, e conseguentemente quello degli allievi, al fine di favorire ed approfondire: L importanza della prevenzione come atteggiamento fondamentale per un ottimale salute dentale, L importanza di una corretta alimentazione, La consapevolezza delle strutture elementari del cavo orale. o P.o.f. Educazione alla salute per le Scuole Elementari Di seguito alcuni POF di pertinenza della proposta progettuale - L igiene della persona (cura dei denti, ), dei comportamenti come prevenzione delle malattie personali e sociali e come agenti dell integrazione sociale. - Attivare i comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nel suo complesso, nelle diverse situazioni di vita - Riconoscere e denominare le varie parti del corpo. - Rappresentare graficamente il corpo, fermo e in movimento. - Riconoscere, differenziare, ricordare, verbalizzare differenti percezioni sensoriali (sensazioni visive, uditive, attili, cinestetiche). - Collocarsi, in posizioni diverse, in rapporto ad altri e/o ad oggetti. - Utilizzare il corpo e il movimento per rappresentare situazioni comunicative reali e fantastiche. - Partecipare al gioco collettivo, rispettando indicazioni e regole. 5

6 Metodologia didattica Il percorso didattico si svolgerà a scuola, partendo da un inquadramento generale sui temi del progetto. Il progetto si svilupperà secondo un percorso interdisciplinare che porterà i destinatari a comprendere da vicino gli effetti positivi derivanti da un alimentazione equilibrata e da sane abitudini di vita. Attraverso i differenti suggerimenti di lavoro proposti nel kit didattico l insegnante potrà organizzare attività stimolanti e creative. Percorso didattico in classe (Gennaio/Febbraio 2009) distribuzione kit didattici; fase attiva delle scuole: lezioni in classe. Tutte le scuole che aderiranno all iniziativa riceveranno un kit didattico costituito da una guida insegnanti e 5 favole per gli studenti. I materiali didattici, potranno costituire un primo supporto per la didattica dell insegnante al fine di introdurre la classe ai temi del progetto, sondando la loro iniziale conoscenza degli argomenti attraverso il momento ludico di gruppo. Percorso didattico per il concorso (vedi capitolo 3) (Marzo Aprile/Maggio 2009) fase attiva: produzione elaborati; pubblicazione on-line dei vincitori nella sezione dedicata sul sito 3 giornate premiazione concorso [una per città] con educational. 6

7 Capitolo1: Informazioni di base sull Igiene Orale 1.1 L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE La pulizia dei denti: Spazzolarsi i denti usando un dentifricio al fluoro rappresenta un'eccellente ausilio preventivo contro la carie. * L'uso dello spazzolino mantiene sani denti e gengive, mantiene brillante il sorriso degli studenti e fresco il loro alito. Va sottolineato che l'uso dello spazzolino con un dentifricio al fluoro contribuisce a rendere i denti resistenti alla carie. * L'uso dello spazzolino è importante anche per sentirsi bene ed avere un bel aspetto! * Consigliate ai bambini di lavarsi i denti accuratamente con un dentifricio al fluoro almeno due volte al giorno, specialmente prima di coricarsi e dopo aver mangiato ogni volta che è possibile. Suggerimenti per i bambini su come usare lo spazzolino DA FARE: Scegliere uno spazzolino con setole morbide Cercare di usare uno spazzolino per bambini in modo da raggiungere ogni dente Usare una piccola quantità (3-5 mm) di dentifricio al fluoro Spazzolare tutte le superfici dei denti, il solco gengivale e la lingua, muovendo lo spazzolino avanti e indietro Sciacquare sempre lo spazzolino dopo averlo usato e riporlo in un luogo dove le setole possano asciugarsi senza essere compresse Sostituite lo spazzolino quando diventa consunto o si è sformato. Uno spazzolino con le setole sformate non raggiunge in modo adeguato la superficie del dente, non svolgendo così un'efficace azione pulente. L'Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di sostituire lo spazzolino ogni 3-4 mesi o dopo una malattia infettiva Usare il filo interdentale ogni giorno per rimuovere la placca che lo spazzolino non riesce ad eliminare DA NON FARE: Scambiarsi lo spazzolino Usare lo spazzolino per altro che non sia spazzolare i denti 7

8 Dimenticarsi di lavare i denti, specialmente prima di coricarsi. Durante la notte il flusso della saliva, un agente neutralizzante della placca, è ridotto e quindi i denti sono più suscettibili alla formazione della carie. I Protettori del dente: fluoro e sigillanti Il Fluoro Il fluoro è un elemento naturale che si combina con lo smalto, lo strato più esterno del dente, e lo rafforza. Rinforza i denti e li protegge dalla carie. Agisce come un elemento invisibile ed è particolarmente importante nella crescita dei bambini. Indipendentemente dall'età, la superficie del dente cambia di continuo. Quando viene applicato, il fluoro viene assorbito dallo smalto del dente, lo ripara ovvero lo remineralizza, quindi lo rende più forte. Nel contempo, si verifica anche la demineralizzazione ovvero la frattura dello smalto. Questo fenomeno è noto come carie dentale. La remineralizzazione mediante il fluoro rappresenta un antitodo alla demineralizzazione. Infatti permette di invertire il processo di formazione della carie allo stadio iniziale, prima che divenga visibile. La fluorurazione dell'acqua riduce l'incidenza delle carie del 20-40% nei bambini! l Sigillanti dentali I sigillanti sono delle pellicole protettive di plastica sottili, applicate sulle superfici masticatorie dei denti (molari). Agiscono come una barriera fisica, otturando i pozzetti in cui possono attaccarsi cibo e batteri e causare la carie. I sigillanti sono applicati nello studio odontoiatrico o nel corso di un programma dentale nelle scuole. Una volta applicati, i sigillanti durano anni. I sigillanti andrebbero controllati durante le regolari visite dal dentista. Il filo interdentale Salute delle gengive E' necessario che i bambini imparino da piccoli che la salute dentale non è solo prendersi cura dei denti. Anche le gengive sono importanti! Non appena il bambino ha una manualità sufficiente e i suoi denti sono in contatto uno con l'altro deve iniziare ad usare il filo interdentale. Gengive sane forniscono la base per denti sani e per un sorriso smagliante. Un ottimo metodo per prendersi cura delle gengive è usare il filo interdentale. 8

9 Il filo interdentale aiuta a proteggersi dalle malattie gengivali, rimuove placca e cibo tra i denti, specialmente vicino al margine gengivale e arriva dove lo spazzolino non può arrivare! In alcuni paesi, come la Cina, al posto del filo interdentale si usano degli strumenti come gli stuzzicadenti o dei bastoncini. La visita dal dentista Prendersi cura dei denti dovrebbe essere compito del singolo individuo e del dentista Il bambino si assume la responsabilità dei suoi denti negli intervalli tra le visite odontoiatriche usando in modo accurato lo spazzolino con un dentifricio al fluoro e il filo interdentale. Il dentista effettua delle visite di controllo regolari per accertare la salute di denti e gengive, diagnosticare problemi dentali e curare le malattie. Alcune cose che il professionista dovrebbe fare per aiutare il bambino a mantenere sani denti e gengive sono: - Valutare le pratiche relative all'igiene orale. - Pulire e lucidare i denti per rimuovere macchie e tartaro - Applicare il gel al fluoro - Fare delle radiografie dei denti e della mandibola per controllare l esistenza di problemi non evidenti - Applicare i sigillanti. - Insegnare i metodi appropriati per curare denti e gengive. 1.2 CIBO, PLACCA ED IGIENE ORALE La reazione della placca - cosa accade in realtà? La placca contiene dei batteri che sono sempre presenti in bocca. Dopo aver mangiato, la placca cresce e spesso si può sentire sui denti ed ha la consistenza di una pellicola crespa. Chiedete ai bambini di passare la lingua sui denti e domandategli cosa sentono. Ogni volta che si mangia dello zucchero o cibi contenenti amido, i batteri della placca danno vita ad una reazione che forma l'acido. L acido rimane presente in bocca per circa 20 minuti ogni volta. Quando l'acido viene a contatto con Io smalto del dente, ha inizio il processo carioso. - La saliva aiuta a neutralizzare la placca e la sciacqua via. - Durante la giornata, l'azione detergente della saliva può essere stimolata masticando del 9

10 chewing-gum senza zucchero - All'opposto il flusso salivare e il potere detergente della saliva sono ridotti durante il sonno. Per questo è importante eliminare la placca usando lo spazzolino prima di coricarsi. I fuoripasto: la frequenza è un fattore importante per la salute orale Limitare la frequenza nell'assunzione dei fuoripasto può avere un notevole impatto sulla salute orale. Infatti ogni volta che cibi contenenti zucchero o amido vengono a contatto con il cavo orale, acidi nocivi possono attaccare il dente. Attacchi ripetuti danno origine alla carie. Generalmente, i cibi contenenti amido non sono così dannosi per il dente come quelli contenenti zucchero, ma se vengono lasciati in bocca per un periodo di tempo troppo lungo possono facilitare la carie. Ciò significa che è più importante la frequenza con cui i vostri alunni mangiano merendine che non quello che mangiano. Il cibo può aiutare o danneggiare i denti a seconda di come viene mangiato Più a lungo un cibo contenente zucchero o amido - come uva passa, datteri, zollette di zucchero, patatine, ciambelle salate, fiocchi di formaggio, crackers - rimane in bocca, più lunga sarà la reazione placca/acido. Se si mangiano 5 caramelle per volta, il rischio carie è pari a uno - per circa 20 minuti. Ma se si mangiano 5 caramelle una alla volta, si è esposti al rischio di formazione della carie per circa 100 minuti! Se si beve una bevanda contenente zucchero durante il pasto il suo effetto nocivo è basso, ma se si sorseggia per un periodo lungo, può essere dannosa al pari di una caramella o di più! I "Fuoripasto" Sani Alcuni semplici consigli aiuteranno gli studenti a scegliere gli alimenti giusti. Non tutti i dolci possono o devono essere eliminati, ma è la frequenza di assunzione che va ridotta. Inoltre, gli studenti dovrebbero ricordarsi di lavarsi i denti almeno due volte al giorno ed usare il filo interdentale almeno una volta al giorno. Sconsigliate l'assunzione frequente di alimenti contenenti zucchero o amido tra i pasti. Consigliate frutta, latte, formaggio e verdure. Incoraggiate i bambini ad assumere alimenti contenenti zucchero durante i pasti quando sono meno dannosi per i denti, e ad evitarli come merendine fuoripasto. Alcuni alimenti contenenti zucchero o amido, ad esempio latte, frutta, e pane, contengono al tempo stesso anche degli elementi nutritivi essenziali e ne va consigliata l'assunzione. Dobbiamo sempre tenere a mente i fabbisogni nutritivi dei bambini; specialmente nell'età dello sviluppo. 10

11 1.3 DENTI DECIDUI E PERMANENTI I denti da latte I denti decidui (da latte) svolgono un ruolo importanti nello sviluppo dei denti permanenti. Funzioni dei denti decidui: - Mantenere lo spazio per i denti permanenti - Mangiare - Parlare - Sorridere e autostima Nota: I denti permanenti, una volta sviluppati, sono utili per mangiare, parlare e sorridere! Quando il dente permanente è pronto per uscir fuori, le radici del dente deciduo si dissolvono permettendogli di saltar via. Adesso il dente permanente ha spazio per muoversi verso il posto che deve occupare. I primi denti permanenti ad erompere sono i molari e generalmente erompono verso i 5-6 anni. Questi denti erompono nella parte posteriore del cavo orale e quindi non eliminano nessun dente deciduo. Per questo motivo, spesso sono scambiati per denti decidui. Molti bambini in terza elementare hanno questi molari. 11

12 1.4 SICUREZZA DEI DENTI E DELLA BOCCA I denti permanenti devono durare tutta la vita! I denti permanenti erompono una sola volta e vanno mantenuti per tutta la vita. Un modo valido perché i bambini mantengano una buona salute orale e proteggano la loro bocca è insegnargli dei comportamenti sicuri in classe e nella vita di tutti i giorni. Quando un dente erompe, le sue radici stanno ancora crescendo e crescono fino all'età di 10 anni. Una ferita ai denti tra i 6 e i 9 anni può interrompere la crescita delle radici del dente e può portare alla perdita del dente stesso o alla decolorazione dei denti permanenti. Proteggete i vostri denti! Norme di sicurezza Incoraggiate gli alunni a conoscere i modi per proteggere i denti e la bocca dagli urti: Indossare delle bardature di sicurezza durante gli sport e gli allenamenti - come caschi e paradenti. Tenete conto degli altri intorno a voi - non roteate mazze da baseball, palloni, quando gli altri non sono attenti o sono fuori dalla vostra portata. Allacciate sempre le cinture di sicurezza in auto. Non usate i denti come attrezzi - ad es. per aprire delle bottiglie o tenere delle cose (penne, occhiali). Conoscete le norme di pronto soccorso in caso si rompa un dente (guida insegnanti pag. 8) 12

13 Capitolo2: Attività con gli studenti 2.1 IL RACCONTO "Ma chi è Dottor Rabbit" Uso del racconto: Comprensione: Il racconto può essere usato in gruppi di lettura interattivi con lo scopo di sottolineare le capacità di lettura e di comprensione dei bambini. L angolo della letteratura: porre il racconto con gli altri libri usati in classe, per facilitarne l uso. Parti di un libro: Il racconto potrà essere usato in seguito come base per indagare il modo in cui vengono scritti i libri, le sezioni di un libro, i personaggi e lo stile. Nomi dei personaggi: Per i personaggi del racconto sono stati usati nomi culturalmente diversi. Conversazione dell insegnante La storia é scritta a livello di lettura per bambini dai 6-8 anni. La trama del racconto vede un gruppo di bambini che decidono di scrivere una commedia sulla salute orale per gli studenti più piccoli. Attraverso la trama del libro, i personaggi condividono ciò che hanno appreso sull'igiene orale, favorendo un approccio di gruppo all'apprendimento. Attraverso il libro i bambini discutono le varie cose che hanno appreso sulla salute orale, confrontano le loro idee e i perchè. Inoltre la figura del dentista - il Dottor Rabbit - aggiunge ulteriori informazioni. Nel libro i personaggi - e il lettore - apprendono attraverso la scoperta. I bambini di 8 anni possono identificarsi nel sentimento di orgoglio dei personaggi e apprendere così qualcosa di nuovo. Inoltre, possono imparare che tutti sperimentano momenti di rabbia, di frustrazione e di imbarazzo. Il finale della storia lascia i bambini a domandarsi chi abbia interpretato il ruolo del Dottor Rabbit. Incoraggiate la classe a formulare delle ipotesi e fornire delle ragioni per le loro teorie. È un eccellente opportunità per discutere cosa entra nel romanzo e cosa no. Il libro usa un approccio non tradizionale. Ad esempio, l insegnante è di sesso maschile, e le varie personalità dei bambini sono sviluppate in modo da precludere ogni stereotipo e favorire un forte senso di orgoglio a livello individuale. Ad esempio, la bambina che interpreta il ruolo dello spazzolino nella commedia è orgogliosa di essere così alta! E la giocatrice di pallavolo è una bambina; il responsabile del cibo per il party è un bambino. Nel 13

14 contempo, vengono indagati sentimenti quali la timidezza e la conoscenza di se stessi. I ruoli dell insegnante e del Dottor Rabbit sono uno di supporto e l'altro di sfida - forniscono una guida lasciando che i bambini prendano le loro decisioni. Inoltre, vengono messi in luce il modo di apprendimento collettivo e il lavoro in equipe, dal momento che i bambini sono responsabili di creare una commedia che insegni agli studenti qualcosa sull igiene orale. Attività: Scrivere in un giorno Far programmare agli studenti la loro commedia sulla salute orale usando le chiavi di lettura apprese dal racconto. Celebrazione del cibo Quali alimenti riconoscono i bambini nel libro? Far fare agli studenti una discussione sui diversi alimenti che proporrebbero per un party di degustazione in classe. Pianificare una giornata della frutta e della verdura dove ogni studente porti l alimento preferito proprio della sua cultura. Diario Fate scegliere ad ogni bambino il suo personaggio favorito. Che cosa scriverebbe quel personaggio nel suo diario a proposito degli eventi che stanno accadendo? Vocabolario: Fate redigere agli studenti un elenco dei termini usati nel racconto, in particolare dei termini relativi alla salute orale. Scrivere ogni parola su un pezzo di carta e metterla in un contenitore. Ora invitate gli studenti a pescarne una e fare una frase. Comprensione: Quali sono i problemi incontrati dai personaggi? In quanti modi diversi avrebbero potuto risolverli? Gli studenti concordano con le decisioni dei personaggi? Sei il migliore!: Disegnate un premio per il personaggio del racconto che più se lo merita. Scrivete un breve paragrafo per spiegare il motivo per cui il personaggio merita il premio. Il libro delle firme: Invitate i genitori in classe per compilare un libro delle firme e per mostrar loro il libro fatto dalla classe. Guardami: Come descrivono gli studenti la loro personalità? Quali pensano siano le loro migliori caratteristiche? Come possono condividere queste qualità con gli altri? Celebrare la mia cultura attraverso il cibo Parlate di come il luogo in cui viviamo e il nostro ambiente influenzino le nostre scelte alimentari. Discutete della provenienza degli alimenti. 14

15 2.2 OGNI LIBRO RACCONTA UNA STORIA Obiettivi per gli studenti: Leggere "Ma chi è Dottor Rabbit" Rispondere alle domande su cosa hanno appreso dalla storia. Indagare i sentimenti dei personaggi. Chiavi per l apprendimento: Comprensione, ragionamento deduttivo, scrittura, comprensione scritta. Tempo necessario: Attività: 40 minuti. Scelta per l'insegnante: Leggere il racconto all'intera classe oppure farlo leggere agli studenti per proprio conto. Attività: 1. Conoscenza preliminare: Chiedere agli studenti se hanno mai visto o hanno recitato in una commedia. Che cosa ricordano di questa esperienza? 2. Introduzione: Spiegare che ascolteranno un racconto su un gruppo di bambini di otto anni che inventano una commedia sulla salute orale. Ditegli che dovranno essere dei buoni detectives per risolvere il mistero della storia! 3. Leggere il racconto "Ma chi è Dottor Rabbit. Formulate le domande riportate di seguito mentre leggete il racconto ai bambini o utilizzatele per la discussione in classe. Cosa pensi che provi Miriam? Con che parole descrive il suo sconforto? (pag. 11) Perché Albertino è sorpreso del modo di recitare del Dottor Rabbit? Qualcuno può dire chi ha interpretato il ruolo del Dottor Rabbit? Quali parole o quali segni danno la chiave per scoprire l'identità del Dottor Rabbit? Aprite il libro alle pag. 4 e 5 e mostrate i disegni. Dalle figure cosa pensate che i bambini abbiano appreso sui loro denti? Che cosa significa per voi il titolo Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti? Renata si preoccupa dei propri denti durante una partita di pallavolo. In che modo voi proteggete denti e bocca quando praticate uno sport? (Fate attenzione alle gomitate e a quanto altro avviene vicino alla vostra bocca. In alcunu sport si indossano sempre dei paradenti). Aprite il libro alle pag. 10 e 11 e mostrate le figure. - Il dottor Rabbit è la star della commedia, ma Enrico non vuole questa parte. Perché si o 15

16 perché no? - Albertino si assume la responsabilità di risolvere il problema di Enrico. Perché lo fa? Che ne pensate della decisione di Albertino? Che altro avrebbe potuto fare Albertino? In che modo ciò avrebbe influito sulla commedia? Quali ne sarebbero state le conseguenze? - Avete mai avuto un'idea che voi pensavate fosse buona ma gli altri no? Come vi siete comportati? Se non vi piace l'idea di qualcun altro, come vi comportate? Che cosa dice Miriam sulla commedia nelle frasi di apertura a pag.13? Rileggete pag.19. Vi è mai capitato di fare qualcosa che non volevate fare? Che cosa da il Dottor Rabbit ad ogni bambino? Perché secondo voi è importante lavarsi i denti dopo aver mangiato e prima di coricarsi? Perché il Dottor Rabbit consiglia di spazzolare anche la lingua? Descrivete la tecnica di uso dello spazzolino mostrata da Renata. Perché secondo voi il Dottor Rabbit aggiunge altre informazioni al copione della commedia? Quali sono alcuni dei cibi preparati per il party di degustazione? Quali vi piacciono? Perché? Perché i bambini restano confusi quando vedono il costume del Dottor Rabbit? Conclusione: Distribuite la scheda, "L'investigatore" e chiedete agli studenti di completarla. 16

17 2.3 INVENTA UN RACCONTO Obiettivi per gli studenti: Imparare le parti di un racconto. Esaminare il racconto Ma chi è il Dottor Rabbit. Scegliere un titolo e un soggetto per il racconto che dovrà contenere un messaggio sull igiene orale. Stendere il copione della storia. Apprendimento chiave: Pensiero analitico, analisi del racconto. Tempo necessario: Attività in classe: 30 minuti. Attività riproduzione: 30 minuti Suggerimenti per l'insegnante: L'attività è la prima di una serie di quattro attività nelle quali gli studenti scriveranno un loro racconto, editeranno un libro di classe e ne faranno partecipi gli altri. Attività: Parte 1: Strutturare il racconto 1. Conoscenza preliminare: Una cartina stradale serve da guida al viaggiatore. Chiedete agli studenti di fare degli esempi di vari tipi di mappe. 2. Introduzione: Spiegare ai bambini che durante questa lezione devono tracciare una mappa del racconto. Scrivete la scaletta del racconto alla lavagna. Spiegate che questa è la mappa del racconto. In che modo questa mappa può guidare il lettore? 3. Ora chiedete agli studenti di osservare meglio la scaletta alla lavagna. Scegliete degli studenti che leggano le varie parti di questa scaletta a voce alta e le commentino brevemente. Se sono insicuri, stimolateli a consultare il vocabolario. 4. Chiedete agli studenti perché queste parti del racconto sono importanti per il lettore. Stimolate una discussione sul modo in cui le varie parti sono collegate. Che cosa accade se una parte viene eliminata? 5. Ora discutete le varie parti di "Ma chi è Dottor Rabbit". Chiedete agli studenti di aiutarvi a riempire la scaletta riportata sulla lavagna e tracciare una mappa del racconto. Pensate ad altri modi in cui il racconto avrebbe potuto svolgersi. Parte 2: Tracciate la scaletta del vostro racconto 6. Dite agli studenti che ora impareranno come si diventa degli autori! Chiedetegli di pensare ad alcuni titoli per un racconto fantastico sull'igiene orale, scrivendo ogni idea alla lavagna. Suggerite una delle idee seguenti per dare inizio alla discussione: 17

18 Una giornata nella vita di uno spazzolino Quando l'elefante si recò dal dentista Come Mister Coccodrillo protegge i suoi denti La storia dei mostri dell'acido Stimolate gli studenti a creare loro dei soggetti per il racconto. 7. Date agli studenti qualche minuto per pensare al loro racconto. Chi il personaggio principale? Che cosa accade nel racconto? Dove si svolge il racconto? Come va a finire? 8. Distribuite una copia della scheda, "La mappa del mio racconto" ad ogni studente. Fate notare che è uguale a quella alla lavagna che hanno usato per tracciare la scaletta del libro. Conclusione: Chiedete a più studenti di far conoscere il titolo e la trama del loro racconto alla classe. Fate firmare le schede agli studenti e fatele riconsegnare. 18

19 2.4 CHE PERSONAGGIO! Obiettivi per gli studenti: Saper distinguere i vari tratti della personalità. Scoprire il procedimento per sviluppare il personaggio. Assegnare i tratti della personalità ad un personaggio che abbia una qualche attinenza con la salute orale. Apprendimento chiave: Pensiero analitico, costruzione del personaggio, comprensione scritta Tempo necessario: Attività: 30 minuti. Attività riproduzione.: 20 minuti Attività: 1. Conoscenza preliminare: Chiedere agli studenti un personaggio preferito. Fategli descrivere le caratteristiche fisiche e il comportamento di quel personaggio. 2. Introduzione: Dire agli studenti che passeranno in rassegna i vari tratti distintivi di un personaggio. Dovranno anche delineare il protagonista del loro racconto (di cui hanno scritto la trama nella scheda "La mappa del mio racconto"). 3. Spiegare agli studenti che un personaggio non si compone solo di caratteristiche fisiche. Stimolate una discussione che ne esplori i sentimenti, le azioni e i tratti della personalità. 4. Aprire "Ma chi e Dottor Rabbit a pag. 11. Indirizzate la discussione sui sentimenti usando domande quali: Cosa prova Enrico? Perché? Come vi sentireste se foste in lui? Cosa gli direste se foste un suo amico? Che cosa sta pensando Albertino? Perché Max sorride? Come vi sentireste se foste Miriam? 5. Con la classe, usate il grafico che avete disegnato alla lavagna per esplorare le caratteristiche del Dottor Rabbit. Incoraggiate gli studenti ad usare aggettivi e avverbi colorati e descrittivi. Parlate dei "due" Dottor Rabbit, prima e durante la commedia. In che cosa differiscono e perchè? 6. Riconsegnate la scheda, "La mappa del mio racconto" agli studenti per una rapida occhiata. Ora chiedetegli di chiudere gli occhi ed immaginare il protagonista del loro racconto. 7. Ditegli di rispondere alle seguenti domande rivolgendole in silenzio a loro stessi: 19

20 Come è il tuo personaggio? Come agisce? Quali cose preferisce fare? Che cosa ti piace di più del tuo personaggio? Date agli studenti il tempo di riflettere tranquillamente dopo ogni domanda. Chiedetegli di fermare in mente l'immagine del loro personaggio. 8. Distribuite una copia in bianco della scheda. "Che personaggio!" ad ogni studente. Ditegli di immaginare il loro personaggio e riempire il grafico. 9. Fate in modo che gli studenti compilino il grafico separatamente. Mentre sono al lavoro passeggiate nella stanza, incoraggiandoli a pensare all'immagine mentale che si sono fatti del personaggio per usare parole specifiche e descrittive per far vivere il loro personaggio. Conclusione: Chiedere a dei volontari di mostrare il loro grafico. Stimolare dei commenti positivi. Stimolare domande e suggerimenti per sviluppare maggiormente il personaggio. Chiedere all'autore se desidera apportare delle modifiche o dei cambiamenti in base alle domande e ai suggerimenti. Estensione: Fate usare agli studenti la scheda "Che personaggio!" per descrivere un amico. 20

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La salute vien mangiando

La salute vien mangiando La salute vien mangiando Progetto di Arricchimento dell Offerta Formativa Curricolo Verticale di Scienze Classi II A II B Scuola Primaria L. Illuminati a. s. 2013/2014 Insegnanti Leopardi Anna F., Moffa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli