Indice degli argomenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice degli argomenti"

Transcript

1 Progetto didattico Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti

2 Indice degli argomenti Introduzione: L importanza dell igiene orale Il progetto Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti : struttura del progetto, obiettivi formativi e metodologia didattica. Struttura del progetto Obiettivi formativi Metodologia didattica Capitolo 1 Informazioni di base sull igiene orale 1.1 L importanza della prevenzione Pag Cibo, placca ed igiene orale Pag Denti decidui e permanenti Pag Sicurezza dei denti e della bocca Pag. 12 Capitolo 2 Attività con gli studenti 2.1 Il racconto Pag Ogni libro racconta una storia Pag Inventa un racconto Pag Che personaggio! Pag Scrivi un racconto Pag Pubblica il racconto nel libro della classe Pag. 22 Capitolo 3 Il concorso 3.1 Concorso Pag Contatti Pag. 26 2

3 Introduzione: l importanza dell igiene orale Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti è rivolto alle prime tre classi della scuola primaria dei Comuni di Roma, Bari e Palermo. Il progetto vuole offrire ai giovanissimi alunni delle prime tre classi della scuola primaria indicazioni per incentivare una corretta igiene dentale promuovendo così la prevenzione delle malattie del cavo orale attraverso l educazione a semplici gesti quotidiani. Con particolare riguardo al piano dell offerta formativa (POF) il progetto si articolerà distintamente per soddisfare ogni fascia scolastica di riferimento. A tal proposito si è scelto di utilizzare un percorso teorico-pratico che consentirà all insegnante di trattare questo argomento senza dover aggiungere altre ore all orario scolastico. Partendo da informazioni base sull igiene orale e spostando l attenzione soprattutto sull argomento della prevenzione intesa come primaria fonte di cura di se stessi e del proprio corpo, si vuole portare all attenzione dei fanciulli la rilevanza dell igiene orale abituandoli all idea che le sane abitudini di vita sono il primo passo per preservare la propria salute. Una cattiva igiene orale può avere un impatto diretto sull apprendimento del bambino e può coinvolgere anche la famiglia. L avere denti e gengive sane contribuisce in molti modi alla nostra vita di tutti i giorni, se ce ne prendiamo cura in modo adeguato. Ciò include salute generale, autostima, sviluppo del linguaggio, sviluppo sociale, fiducia in se stessi e comunicazione delle emozioni. 3

4 Il progetto Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti : progetto educativo, obiettivi formativi e metodologia didattica. Progetto Educativo L'educazione alla salute nella scuola dell'autonomia assume una dimensione trasversale rispetto allo svolgimento delle attività didattiche, dando luogo all'esigenza di adottare specifiche iniziative a livello nazionale. Sorrisi Smaglianti, Futuri brillanti intende offrire agli insegnanti della scuola primaria indicazioni per incentivare una sana igiene dentale promuovendo così la prevenzione delle malattie del cavo orale attraverso l educazione a semplici gesti quotidiani. Il programma di educazione all igiene orale è stato concepito per promuovere, nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa, la realizzazione di percorsi multidisciplinari di educazione alla salute concretamente spendibili. Il percorso didattico inizierà in classe attraverso il lavoro di insegnante ed alunni: con il supporto del materiale didattico le classi potranno lavorare facilmente sul percorso tematico proposto. Le classi potranno inoltre partecipare al concorso Salviamo il mondo dalla carie.i vincitori, non solo vedranno i propri lavori pubblicati sul sito web di Colgate [dedicato alla campagna educativa], ma consentiranno alla propria scuola di aggiudicarsi una fornitura per il laboratorio artistico. Per celebrare i risultati conseguiti e per premiare le scuole vincitrici saranno organizzate tre feste finali [una per città]: l iniziativa vuole essere un ottima occasione per un confronto tra scuola, famiglia ed esperti sulla tematica dell igiene orale. 4

5 Obiettivi formativi Il progetto offre agli insegnanti una possibilità di supporto alla normale didattica sul tema dell igiene orale favorendo il corretto uso dell apposita strumentazione. A tal fine la formazione di cui fruiranno gli insegnanti è strutturata nella metodologia e nei contenuti per offrire un percorso educativo che prevede il loro coinvolgimento diretto, e conseguentemente quello degli allievi, al fine di favorire ed approfondire: L importanza della prevenzione come atteggiamento fondamentale per un ottimale salute dentale, L importanza di una corretta alimentazione, La consapevolezza delle strutture elementari del cavo orale. o P.o.f. Educazione alla salute per le Scuole Elementari Di seguito alcuni POF di pertinenza della proposta progettuale - L igiene della persona (cura dei denti, ), dei comportamenti come prevenzione delle malattie personali e sociali e come agenti dell integrazione sociale. - Attivare i comportamenti di prevenzione adeguati ai fini della salute nel suo complesso, nelle diverse situazioni di vita - Riconoscere e denominare le varie parti del corpo. - Rappresentare graficamente il corpo, fermo e in movimento. - Riconoscere, differenziare, ricordare, verbalizzare differenti percezioni sensoriali (sensazioni visive, uditive, attili, cinestetiche). - Collocarsi, in posizioni diverse, in rapporto ad altri e/o ad oggetti. - Utilizzare il corpo e il movimento per rappresentare situazioni comunicative reali e fantastiche. - Partecipare al gioco collettivo, rispettando indicazioni e regole. 5

6 Metodologia didattica Il percorso didattico si svolgerà a scuola, partendo da un inquadramento generale sui temi del progetto. Il progetto si svilupperà secondo un percorso interdisciplinare che porterà i destinatari a comprendere da vicino gli effetti positivi derivanti da un alimentazione equilibrata e da sane abitudini di vita. Attraverso i differenti suggerimenti di lavoro proposti nel kit didattico l insegnante potrà organizzare attività stimolanti e creative. Percorso didattico in classe (Gennaio/Febbraio 2009) distribuzione kit didattici; fase attiva delle scuole: lezioni in classe. Tutte le scuole che aderiranno all iniziativa riceveranno un kit didattico costituito da una guida insegnanti e 5 favole per gli studenti. I materiali didattici, potranno costituire un primo supporto per la didattica dell insegnante al fine di introdurre la classe ai temi del progetto, sondando la loro iniziale conoscenza degli argomenti attraverso il momento ludico di gruppo. Percorso didattico per il concorso (vedi capitolo 3) (Marzo Aprile/Maggio 2009) fase attiva: produzione elaborati; pubblicazione on-line dei vincitori nella sezione dedicata sul sito 3 giornate premiazione concorso [una per città] con educational. 6

7 Capitolo1: Informazioni di base sull Igiene Orale 1.1 L IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE La pulizia dei denti: Spazzolarsi i denti usando un dentifricio al fluoro rappresenta un'eccellente ausilio preventivo contro la carie. * L'uso dello spazzolino mantiene sani denti e gengive, mantiene brillante il sorriso degli studenti e fresco il loro alito. Va sottolineato che l'uso dello spazzolino con un dentifricio al fluoro contribuisce a rendere i denti resistenti alla carie. * L'uso dello spazzolino è importante anche per sentirsi bene ed avere un bel aspetto! * Consigliate ai bambini di lavarsi i denti accuratamente con un dentifricio al fluoro almeno due volte al giorno, specialmente prima di coricarsi e dopo aver mangiato ogni volta che è possibile. Suggerimenti per i bambini su come usare lo spazzolino DA FARE: Scegliere uno spazzolino con setole morbide Cercare di usare uno spazzolino per bambini in modo da raggiungere ogni dente Usare una piccola quantità (3-5 mm) di dentifricio al fluoro Spazzolare tutte le superfici dei denti, il solco gengivale e la lingua, muovendo lo spazzolino avanti e indietro Sciacquare sempre lo spazzolino dopo averlo usato e riporlo in un luogo dove le setole possano asciugarsi senza essere compresse Sostituite lo spazzolino quando diventa consunto o si è sformato. Uno spazzolino con le setole sformate non raggiunge in modo adeguato la superficie del dente, non svolgendo così un'efficace azione pulente. L'Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia di sostituire lo spazzolino ogni 3-4 mesi o dopo una malattia infettiva Usare il filo interdentale ogni giorno per rimuovere la placca che lo spazzolino non riesce ad eliminare DA NON FARE: Scambiarsi lo spazzolino Usare lo spazzolino per altro che non sia spazzolare i denti 7

8 Dimenticarsi di lavare i denti, specialmente prima di coricarsi. Durante la notte il flusso della saliva, un agente neutralizzante della placca, è ridotto e quindi i denti sono più suscettibili alla formazione della carie. I Protettori del dente: fluoro e sigillanti Il Fluoro Il fluoro è un elemento naturale che si combina con lo smalto, lo strato più esterno del dente, e lo rafforza. Rinforza i denti e li protegge dalla carie. Agisce come un elemento invisibile ed è particolarmente importante nella crescita dei bambini. Indipendentemente dall'età, la superficie del dente cambia di continuo. Quando viene applicato, il fluoro viene assorbito dallo smalto del dente, lo ripara ovvero lo remineralizza, quindi lo rende più forte. Nel contempo, si verifica anche la demineralizzazione ovvero la frattura dello smalto. Questo fenomeno è noto come carie dentale. La remineralizzazione mediante il fluoro rappresenta un antitodo alla demineralizzazione. Infatti permette di invertire il processo di formazione della carie allo stadio iniziale, prima che divenga visibile. La fluorurazione dell'acqua riduce l'incidenza delle carie del 20-40% nei bambini! l Sigillanti dentali I sigillanti sono delle pellicole protettive di plastica sottili, applicate sulle superfici masticatorie dei denti (molari). Agiscono come una barriera fisica, otturando i pozzetti in cui possono attaccarsi cibo e batteri e causare la carie. I sigillanti sono applicati nello studio odontoiatrico o nel corso di un programma dentale nelle scuole. Una volta applicati, i sigillanti durano anni. I sigillanti andrebbero controllati durante le regolari visite dal dentista. Il filo interdentale Salute delle gengive E' necessario che i bambini imparino da piccoli che la salute dentale non è solo prendersi cura dei denti. Anche le gengive sono importanti! Non appena il bambino ha una manualità sufficiente e i suoi denti sono in contatto uno con l'altro deve iniziare ad usare il filo interdentale. Gengive sane forniscono la base per denti sani e per un sorriso smagliante. Un ottimo metodo per prendersi cura delle gengive è usare il filo interdentale. 8

9 Il filo interdentale aiuta a proteggersi dalle malattie gengivali, rimuove placca e cibo tra i denti, specialmente vicino al margine gengivale e arriva dove lo spazzolino non può arrivare! In alcuni paesi, come la Cina, al posto del filo interdentale si usano degli strumenti come gli stuzzicadenti o dei bastoncini. La visita dal dentista Prendersi cura dei denti dovrebbe essere compito del singolo individuo e del dentista Il bambino si assume la responsabilità dei suoi denti negli intervalli tra le visite odontoiatriche usando in modo accurato lo spazzolino con un dentifricio al fluoro e il filo interdentale. Il dentista effettua delle visite di controllo regolari per accertare la salute di denti e gengive, diagnosticare problemi dentali e curare le malattie. Alcune cose che il professionista dovrebbe fare per aiutare il bambino a mantenere sani denti e gengive sono: - Valutare le pratiche relative all'igiene orale. - Pulire e lucidare i denti per rimuovere macchie e tartaro - Applicare il gel al fluoro - Fare delle radiografie dei denti e della mandibola per controllare l esistenza di problemi non evidenti - Applicare i sigillanti. - Insegnare i metodi appropriati per curare denti e gengive. 1.2 CIBO, PLACCA ED IGIENE ORALE La reazione della placca - cosa accade in realtà? La placca contiene dei batteri che sono sempre presenti in bocca. Dopo aver mangiato, la placca cresce e spesso si può sentire sui denti ed ha la consistenza di una pellicola crespa. Chiedete ai bambini di passare la lingua sui denti e domandategli cosa sentono. Ogni volta che si mangia dello zucchero o cibi contenenti amido, i batteri della placca danno vita ad una reazione che forma l'acido. L acido rimane presente in bocca per circa 20 minuti ogni volta. Quando l'acido viene a contatto con Io smalto del dente, ha inizio il processo carioso. - La saliva aiuta a neutralizzare la placca e la sciacqua via. - Durante la giornata, l'azione detergente della saliva può essere stimolata masticando del 9

10 chewing-gum senza zucchero - All'opposto il flusso salivare e il potere detergente della saliva sono ridotti durante il sonno. Per questo è importante eliminare la placca usando lo spazzolino prima di coricarsi. I fuoripasto: la frequenza è un fattore importante per la salute orale Limitare la frequenza nell'assunzione dei fuoripasto può avere un notevole impatto sulla salute orale. Infatti ogni volta che cibi contenenti zucchero o amido vengono a contatto con il cavo orale, acidi nocivi possono attaccare il dente. Attacchi ripetuti danno origine alla carie. Generalmente, i cibi contenenti amido non sono così dannosi per il dente come quelli contenenti zucchero, ma se vengono lasciati in bocca per un periodo di tempo troppo lungo possono facilitare la carie. Ciò significa che è più importante la frequenza con cui i vostri alunni mangiano merendine che non quello che mangiano. Il cibo può aiutare o danneggiare i denti a seconda di come viene mangiato Più a lungo un cibo contenente zucchero o amido - come uva passa, datteri, zollette di zucchero, patatine, ciambelle salate, fiocchi di formaggio, crackers - rimane in bocca, più lunga sarà la reazione placca/acido. Se si mangiano 5 caramelle per volta, il rischio carie è pari a uno - per circa 20 minuti. Ma se si mangiano 5 caramelle una alla volta, si è esposti al rischio di formazione della carie per circa 100 minuti! Se si beve una bevanda contenente zucchero durante il pasto il suo effetto nocivo è basso, ma se si sorseggia per un periodo lungo, può essere dannosa al pari di una caramella o di più! I "Fuoripasto" Sani Alcuni semplici consigli aiuteranno gli studenti a scegliere gli alimenti giusti. Non tutti i dolci possono o devono essere eliminati, ma è la frequenza di assunzione che va ridotta. Inoltre, gli studenti dovrebbero ricordarsi di lavarsi i denti almeno due volte al giorno ed usare il filo interdentale almeno una volta al giorno. Sconsigliate l'assunzione frequente di alimenti contenenti zucchero o amido tra i pasti. Consigliate frutta, latte, formaggio e verdure. Incoraggiate i bambini ad assumere alimenti contenenti zucchero durante i pasti quando sono meno dannosi per i denti, e ad evitarli come merendine fuoripasto. Alcuni alimenti contenenti zucchero o amido, ad esempio latte, frutta, e pane, contengono al tempo stesso anche degli elementi nutritivi essenziali e ne va consigliata l'assunzione. Dobbiamo sempre tenere a mente i fabbisogni nutritivi dei bambini; specialmente nell'età dello sviluppo. 10

11 1.3 DENTI DECIDUI E PERMANENTI I denti da latte I denti decidui (da latte) svolgono un ruolo importanti nello sviluppo dei denti permanenti. Funzioni dei denti decidui: - Mantenere lo spazio per i denti permanenti - Mangiare - Parlare - Sorridere e autostima Nota: I denti permanenti, una volta sviluppati, sono utili per mangiare, parlare e sorridere! Quando il dente permanente è pronto per uscir fuori, le radici del dente deciduo si dissolvono permettendogli di saltar via. Adesso il dente permanente ha spazio per muoversi verso il posto che deve occupare. I primi denti permanenti ad erompere sono i molari e generalmente erompono verso i 5-6 anni. Questi denti erompono nella parte posteriore del cavo orale e quindi non eliminano nessun dente deciduo. Per questo motivo, spesso sono scambiati per denti decidui. Molti bambini in terza elementare hanno questi molari. 11

12 1.4 SICUREZZA DEI DENTI E DELLA BOCCA I denti permanenti devono durare tutta la vita! I denti permanenti erompono una sola volta e vanno mantenuti per tutta la vita. Un modo valido perché i bambini mantengano una buona salute orale e proteggano la loro bocca è insegnargli dei comportamenti sicuri in classe e nella vita di tutti i giorni. Quando un dente erompe, le sue radici stanno ancora crescendo e crescono fino all'età di 10 anni. Una ferita ai denti tra i 6 e i 9 anni può interrompere la crescita delle radici del dente e può portare alla perdita del dente stesso o alla decolorazione dei denti permanenti. Proteggete i vostri denti! Norme di sicurezza Incoraggiate gli alunni a conoscere i modi per proteggere i denti e la bocca dagli urti: Indossare delle bardature di sicurezza durante gli sport e gli allenamenti - come caschi e paradenti. Tenete conto degli altri intorno a voi - non roteate mazze da baseball, palloni, quando gli altri non sono attenti o sono fuori dalla vostra portata. Allacciate sempre le cinture di sicurezza in auto. Non usate i denti come attrezzi - ad es. per aprire delle bottiglie o tenere delle cose (penne, occhiali). Conoscete le norme di pronto soccorso in caso si rompa un dente (guida insegnanti pag. 8) 12

13 Capitolo2: Attività con gli studenti 2.1 IL RACCONTO "Ma chi è Dottor Rabbit" Uso del racconto: Comprensione: Il racconto può essere usato in gruppi di lettura interattivi con lo scopo di sottolineare le capacità di lettura e di comprensione dei bambini. L angolo della letteratura: porre il racconto con gli altri libri usati in classe, per facilitarne l uso. Parti di un libro: Il racconto potrà essere usato in seguito come base per indagare il modo in cui vengono scritti i libri, le sezioni di un libro, i personaggi e lo stile. Nomi dei personaggi: Per i personaggi del racconto sono stati usati nomi culturalmente diversi. Conversazione dell insegnante La storia é scritta a livello di lettura per bambini dai 6-8 anni. La trama del racconto vede un gruppo di bambini che decidono di scrivere una commedia sulla salute orale per gli studenti più piccoli. Attraverso la trama del libro, i personaggi condividono ciò che hanno appreso sull'igiene orale, favorendo un approccio di gruppo all'apprendimento. Attraverso il libro i bambini discutono le varie cose che hanno appreso sulla salute orale, confrontano le loro idee e i perchè. Inoltre la figura del dentista - il Dottor Rabbit - aggiunge ulteriori informazioni. Nel libro i personaggi - e il lettore - apprendono attraverso la scoperta. I bambini di 8 anni possono identificarsi nel sentimento di orgoglio dei personaggi e apprendere così qualcosa di nuovo. Inoltre, possono imparare che tutti sperimentano momenti di rabbia, di frustrazione e di imbarazzo. Il finale della storia lascia i bambini a domandarsi chi abbia interpretato il ruolo del Dottor Rabbit. Incoraggiate la classe a formulare delle ipotesi e fornire delle ragioni per le loro teorie. È un eccellente opportunità per discutere cosa entra nel romanzo e cosa no. Il libro usa un approccio non tradizionale. Ad esempio, l insegnante è di sesso maschile, e le varie personalità dei bambini sono sviluppate in modo da precludere ogni stereotipo e favorire un forte senso di orgoglio a livello individuale. Ad esempio, la bambina che interpreta il ruolo dello spazzolino nella commedia è orgogliosa di essere così alta! E la giocatrice di pallavolo è una bambina; il responsabile del cibo per il party è un bambino. Nel 13

14 contempo, vengono indagati sentimenti quali la timidezza e la conoscenza di se stessi. I ruoli dell insegnante e del Dottor Rabbit sono uno di supporto e l'altro di sfida - forniscono una guida lasciando che i bambini prendano le loro decisioni. Inoltre, vengono messi in luce il modo di apprendimento collettivo e il lavoro in equipe, dal momento che i bambini sono responsabili di creare una commedia che insegni agli studenti qualcosa sull igiene orale. Attività: Scrivere in un giorno Far programmare agli studenti la loro commedia sulla salute orale usando le chiavi di lettura apprese dal racconto. Celebrazione del cibo Quali alimenti riconoscono i bambini nel libro? Far fare agli studenti una discussione sui diversi alimenti che proporrebbero per un party di degustazione in classe. Pianificare una giornata della frutta e della verdura dove ogni studente porti l alimento preferito proprio della sua cultura. Diario Fate scegliere ad ogni bambino il suo personaggio favorito. Che cosa scriverebbe quel personaggio nel suo diario a proposito degli eventi che stanno accadendo? Vocabolario: Fate redigere agli studenti un elenco dei termini usati nel racconto, in particolare dei termini relativi alla salute orale. Scrivere ogni parola su un pezzo di carta e metterla in un contenitore. Ora invitate gli studenti a pescarne una e fare una frase. Comprensione: Quali sono i problemi incontrati dai personaggi? In quanti modi diversi avrebbero potuto risolverli? Gli studenti concordano con le decisioni dei personaggi? Sei il migliore!: Disegnate un premio per il personaggio del racconto che più se lo merita. Scrivete un breve paragrafo per spiegare il motivo per cui il personaggio merita il premio. Il libro delle firme: Invitate i genitori in classe per compilare un libro delle firme e per mostrar loro il libro fatto dalla classe. Guardami: Come descrivono gli studenti la loro personalità? Quali pensano siano le loro migliori caratteristiche? Come possono condividere queste qualità con gli altri? Celebrare la mia cultura attraverso il cibo Parlate di come il luogo in cui viviamo e il nostro ambiente influenzino le nostre scelte alimentari. Discutete della provenienza degli alimenti. 14

15 2.2 OGNI LIBRO RACCONTA UNA STORIA Obiettivi per gli studenti: Leggere "Ma chi è Dottor Rabbit" Rispondere alle domande su cosa hanno appreso dalla storia. Indagare i sentimenti dei personaggi. Chiavi per l apprendimento: Comprensione, ragionamento deduttivo, scrittura, comprensione scritta. Tempo necessario: Attività: 40 minuti. Scelta per l'insegnante: Leggere il racconto all'intera classe oppure farlo leggere agli studenti per proprio conto. Attività: 1. Conoscenza preliminare: Chiedere agli studenti se hanno mai visto o hanno recitato in una commedia. Che cosa ricordano di questa esperienza? 2. Introduzione: Spiegare che ascolteranno un racconto su un gruppo di bambini di otto anni che inventano una commedia sulla salute orale. Ditegli che dovranno essere dei buoni detectives per risolvere il mistero della storia! 3. Leggere il racconto "Ma chi è Dottor Rabbit. Formulate le domande riportate di seguito mentre leggete il racconto ai bambini o utilizzatele per la discussione in classe. Cosa pensi che provi Miriam? Con che parole descrive il suo sconforto? (pag. 11) Perché Albertino è sorpreso del modo di recitare del Dottor Rabbit? Qualcuno può dire chi ha interpretato il ruolo del Dottor Rabbit? Quali parole o quali segni danno la chiave per scoprire l'identità del Dottor Rabbit? Aprite il libro alle pag. 4 e 5 e mostrate i disegni. Dalle figure cosa pensate che i bambini abbiano appreso sui loro denti? Che cosa significa per voi il titolo Sorrisi Smaglianti, Futuri Brillanti? Renata si preoccupa dei propri denti durante una partita di pallavolo. In che modo voi proteggete denti e bocca quando praticate uno sport? (Fate attenzione alle gomitate e a quanto altro avviene vicino alla vostra bocca. In alcunu sport si indossano sempre dei paradenti). Aprite il libro alle pag. 10 e 11 e mostrate le figure. - Il dottor Rabbit è la star della commedia, ma Enrico non vuole questa parte. Perché si o 15

16 perché no? - Albertino si assume la responsabilità di risolvere il problema di Enrico. Perché lo fa? Che ne pensate della decisione di Albertino? Che altro avrebbe potuto fare Albertino? In che modo ciò avrebbe influito sulla commedia? Quali ne sarebbero state le conseguenze? - Avete mai avuto un'idea che voi pensavate fosse buona ma gli altri no? Come vi siete comportati? Se non vi piace l'idea di qualcun altro, come vi comportate? Che cosa dice Miriam sulla commedia nelle frasi di apertura a pag.13? Rileggete pag.19. Vi è mai capitato di fare qualcosa che non volevate fare? Che cosa da il Dottor Rabbit ad ogni bambino? Perché secondo voi è importante lavarsi i denti dopo aver mangiato e prima di coricarsi? Perché il Dottor Rabbit consiglia di spazzolare anche la lingua? Descrivete la tecnica di uso dello spazzolino mostrata da Renata. Perché secondo voi il Dottor Rabbit aggiunge altre informazioni al copione della commedia? Quali sono alcuni dei cibi preparati per il party di degustazione? Quali vi piacciono? Perché? Perché i bambini restano confusi quando vedono il costume del Dottor Rabbit? Conclusione: Distribuite la scheda, "L'investigatore" e chiedete agli studenti di completarla. 16

17 2.3 INVENTA UN RACCONTO Obiettivi per gli studenti: Imparare le parti di un racconto. Esaminare il racconto Ma chi è il Dottor Rabbit. Scegliere un titolo e un soggetto per il racconto che dovrà contenere un messaggio sull igiene orale. Stendere il copione della storia. Apprendimento chiave: Pensiero analitico, analisi del racconto. Tempo necessario: Attività in classe: 30 minuti. Attività riproduzione: 30 minuti Suggerimenti per l'insegnante: L'attività è la prima di una serie di quattro attività nelle quali gli studenti scriveranno un loro racconto, editeranno un libro di classe e ne faranno partecipi gli altri. Attività: Parte 1: Strutturare il racconto 1. Conoscenza preliminare: Una cartina stradale serve da guida al viaggiatore. Chiedete agli studenti di fare degli esempi di vari tipi di mappe. 2. Introduzione: Spiegare ai bambini che durante questa lezione devono tracciare una mappa del racconto. Scrivete la scaletta del racconto alla lavagna. Spiegate che questa è la mappa del racconto. In che modo questa mappa può guidare il lettore? 3. Ora chiedete agli studenti di osservare meglio la scaletta alla lavagna. Scegliete degli studenti che leggano le varie parti di questa scaletta a voce alta e le commentino brevemente. Se sono insicuri, stimolateli a consultare il vocabolario. 4. Chiedete agli studenti perché queste parti del racconto sono importanti per il lettore. Stimolate una discussione sul modo in cui le varie parti sono collegate. Che cosa accade se una parte viene eliminata? 5. Ora discutete le varie parti di "Ma chi è Dottor Rabbit". Chiedete agli studenti di aiutarvi a riempire la scaletta riportata sulla lavagna e tracciare una mappa del racconto. Pensate ad altri modi in cui il racconto avrebbe potuto svolgersi. Parte 2: Tracciate la scaletta del vostro racconto 6. Dite agli studenti che ora impareranno come si diventa degli autori! Chiedetegli di pensare ad alcuni titoli per un racconto fantastico sull'igiene orale, scrivendo ogni idea alla lavagna. Suggerite una delle idee seguenti per dare inizio alla discussione: 17

18 Una giornata nella vita di uno spazzolino Quando l'elefante si recò dal dentista Come Mister Coccodrillo protegge i suoi denti La storia dei mostri dell'acido Stimolate gli studenti a creare loro dei soggetti per il racconto. 7. Date agli studenti qualche minuto per pensare al loro racconto. Chi il personaggio principale? Che cosa accade nel racconto? Dove si svolge il racconto? Come va a finire? 8. Distribuite una copia della scheda, "La mappa del mio racconto" ad ogni studente. Fate notare che è uguale a quella alla lavagna che hanno usato per tracciare la scaletta del libro. Conclusione: Chiedete a più studenti di far conoscere il titolo e la trama del loro racconto alla classe. Fate firmare le schede agli studenti e fatele riconsegnare. 18

19 2.4 CHE PERSONAGGIO! Obiettivi per gli studenti: Saper distinguere i vari tratti della personalità. Scoprire il procedimento per sviluppare il personaggio. Assegnare i tratti della personalità ad un personaggio che abbia una qualche attinenza con la salute orale. Apprendimento chiave: Pensiero analitico, costruzione del personaggio, comprensione scritta Tempo necessario: Attività: 30 minuti. Attività riproduzione.: 20 minuti Attività: 1. Conoscenza preliminare: Chiedere agli studenti un personaggio preferito. Fategli descrivere le caratteristiche fisiche e il comportamento di quel personaggio. 2. Introduzione: Dire agli studenti che passeranno in rassegna i vari tratti distintivi di un personaggio. Dovranno anche delineare il protagonista del loro racconto (di cui hanno scritto la trama nella scheda "La mappa del mio racconto"). 3. Spiegare agli studenti che un personaggio non si compone solo di caratteristiche fisiche. Stimolate una discussione che ne esplori i sentimenti, le azioni e i tratti della personalità. 4. Aprire "Ma chi e Dottor Rabbit a pag. 11. Indirizzate la discussione sui sentimenti usando domande quali: Cosa prova Enrico? Perché? Come vi sentireste se foste in lui? Cosa gli direste se foste un suo amico? Che cosa sta pensando Albertino? Perché Max sorride? Come vi sentireste se foste Miriam? 5. Con la classe, usate il grafico che avete disegnato alla lavagna per esplorare le caratteristiche del Dottor Rabbit. Incoraggiate gli studenti ad usare aggettivi e avverbi colorati e descrittivi. Parlate dei "due" Dottor Rabbit, prima e durante la commedia. In che cosa differiscono e perchè? 6. Riconsegnate la scheda, "La mappa del mio racconto" agli studenti per una rapida occhiata. Ora chiedetegli di chiudere gli occhi ed immaginare il protagonista del loro racconto. 7. Ditegli di rispondere alle seguenti domande rivolgendole in silenzio a loro stessi: 19

20 Come è il tuo personaggio? Come agisce? Quali cose preferisce fare? Che cosa ti piace di più del tuo personaggio? Date agli studenti il tempo di riflettere tranquillamente dopo ogni domanda. Chiedetegli di fermare in mente l'immagine del loro personaggio. 8. Distribuite una copia in bianco della scheda. "Che personaggio!" ad ogni studente. Ditegli di immaginare il loro personaggio e riempire il grafico. 9. Fate in modo che gli studenti compilino il grafico separatamente. Mentre sono al lavoro passeggiate nella stanza, incoraggiandoli a pensare all'immagine mentale che si sono fatti del personaggio per usare parole specifiche e descrittive per far vivere il loro personaggio. Conclusione: Chiedere a dei volontari di mostrare il loro grafico. Stimolare dei commenti positivi. Stimolare domande e suggerimenti per sviluppare maggiormente il personaggio. Chiedere all'autore se desidera apportare delle modifiche o dei cambiamenti in base alle domande e ai suggerimenti. Estensione: Fate usare agli studenti la scheda "Che personaggio!" per descrivere un amico. 20

a cura della Dott. ssa Anna RAINONE

a cura della Dott. ssa Anna RAINONE a cura della Dott. ssa Anna RAINONE PROGETTO EDUCATIVO IL BRUTTO ANATROCCOLO Sorrisi Smaglianti intende offrire agli alunni della scuola primaria indicazioni operative per incentivare una sana igiene dentale

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini!

A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! A tutti i bambini Grazie per i vostri dentini! I denti sono un bene prezioso! Ci aiutano a: 1. MASTICARE 2. PRONUNCIARE BENE LE PAROLE 3. AVERE UN BEL SORRISO Sai chi è l igienista dentale? L igienista

Dettagli

GUIDA PER L INSEGNANTE

GUIDA PER L INSEGNANTE LEGGO IO CONCORSO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Progetto didattico: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis - Milano Illustrazioni: Archivio Piemme 2015 - Edizioni Piemme S.p.A., Milano

Dettagli

Studio dei casi Scuole medie superiori

Studio dei casi Scuole medie superiori Valutazione dei progetti: Valutazione formativa Studio dei casi Scuole medie superiori Allegorie in una classe di quinto superiore Gli studenti del quinto superiore nella classe della professoressa Marta

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano Guida per il paziente Consigli utili per un sorriso sano 2 Denti sani per tutta la vita Hai parecchio da guadagnare dedicando ai tuoi denti qualche minuto di attenzione ogni giorno. Lo sapevi che una bocca

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale

Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale Scuola Primaria Paritaria «San Giuseppe» Foggia Igiene orale Conoscenza e cura dell'apparato dentale 17 e 24 aprile 2012 Dott. Felice Lipari odontoiatra IL SORRISO Ciao, amici, sapete che il nostro sorriso

Dettagli

Dai 0 ai 3 anni. Con l obiettivo di ridurre i rischi della contaminazione mammabimbo è consigliabile che la mamma:

Dai 0 ai 3 anni. Con l obiettivo di ridurre i rischi della contaminazione mammabimbo è consigliabile che la mamma: Studio Dentistico LE REGOLE D'ORO DELLA PREVENZIONE Prevenzione odontoiatrica a 360 - Corriere della salute - Articolo tratto da Corriere Salute, inserto del Corriere della Sera del 3 febbraio 2002-1-

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009 PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE anno scolastico 2008 2009 Educare i bambini ad acquisire e mantenere sane abitudini alimentari rappresenta un importante intervento di promozione alla salute Il progetto

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA educazione alla salute come avere denti da campione prevenzione

Dettagli

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe

Come pulire i denti. su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe Come pulire i denti su concessione dell Ambulatorio Odontoiatrico San Matteo - Fe HI-LUX LABORATORIO ODONTOTECNICO di Martello Francesco Via Modena, 191/A 44122 Ferrara Italy Tel 0532771296 Cell 3483919876

Dettagli

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI

SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Daniela Batisti SPORCHICINI NASCOSTI TRA I DENTINI Guida per mamme e papà alla prevenzione della carie Daniela Batisti, Sporchicini nascosti tra i dentini Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I fluoruri per prevenire la carie

Opuscolo informativo per i pazienti. I fluoruri per prevenire la carie Opuscolo informativo per i pazienti I fluoruri per prevenire la carie Tutto quello che dovete sapere sui fluoruri Negli ultimi decenni, in Svizzera e in molti paesi industrializzati, si è assistito a una

Dettagli

GUIDA VELOCE PER TRAINER

GUIDA VELOCE PER TRAINER GUIDA VELOCE ~ 6 ~ GUIDA VELOCE PER TRAINER Perché usare il toolkit di EMPLOY? In quanto membro del personale docente, consulente di carriera, addetto al servizio per l impiego o chiunque interessato ad

Dettagli

E LA SALUTE DEI DENTI

E LA SALUTE DEI DENTI IO & OTTAVIO Due amici per denti più felici E LA SALUTE DEI DENTI Yep! La salute della comunità degli emofilici passa anche attraverso la salute della bocca. La FedEmo promuove l alleanza tra il S.S.N.,

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

Il viaggio di. Bianchina e Nerina

Il viaggio di. Bianchina e Nerina Il viaggio di Bianchina e Nerina Progetto realizzato da: Chiara Anichini, Giulia Palli. Scuole coinvolte: Istituto Comprensivo Marco Polo: Scuola Primaria C. Guasti, Scuola dell Infanzia Villa Charitas.

Dettagli

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità Programma delle attività finalizzate alla celebrazione della Giornata Regionale sulla Legalità Finalità L iniziativa promossa dalla Regione Abruzzo è finalizzata

Dettagli

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite Guida per il paziente Gengivite e parodontite La parodontite è più comune di quanto tu possa immaginare. Circa il 40% degli adulti soffre di questa patologia - spesso senza esserne a conoscenza. Le condizioni

Dettagli

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale

Corsista: Monica Cucchiaro Neoassunti 2008. Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Costruire unità di apprendimento a partire dalla propria esperienza professionale Obiettivi: 1. Analizzare un percorso educativo realizzato in riferimento ai nuovi ordinamenti 2. Individuare il riferimento

Dettagli

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585

Meraviglie. Mostra Alice nel Paese delle. Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Ilaria Bestetti 742199 Rossella Fiorella 741852 Anna Ravera 742638 Elisa Tinè 741451 Antonia Trotta 743585 Mostra Alice nel Paese delle Meraviglie Luogo: sala espositiva collocata all interno di un edificio

Dettagli

Seminario sulla raccolta dei documenti

Seminario sulla raccolta dei documenti Seminario sulla raccolta dei documenti Questa lezione e le risorse didattiche collegate possono essere usate per preparare un seminario della durata di tre o quattro ore sulla preparazione, la raccolta,

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

Via Vevey, 17 11100 AOSTA Tel 055. 5539720 aidi@congresslab.it

Via Vevey, 17 11100 AOSTA Tel 055. 5539720 aidi@congresslab.it Via Martiri della Liberazione, 126/3 16043 CHIAVARI (GE) Tel: 0185 599487 Fax: 0185 376315 Cell: 347 9602102 E-Mail: info@associazionearke.it Web: www.associazionearke.it CF: 91038960109 Iscr. al Registro

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE 3 1.1 Cos è il Gioco del Traffico? 3 1.2 Perché partecipare al Gioco del Traffico? 3 1.3 Tempistica

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA

VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA VADEMECUM PASSAGGIO SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA Rispetto delle regole SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FAMIGLIA Giochi di gruppo motori e/o in scatola con regole già conosciute e/o da inventare

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA DELL INFANZIA VIA T. M. FUSCO a.s.2011/2012 Premessa Nel periodo della Scuola dell infanzia i bambini acquisiscono e strutturano atteggiamenti e modelli comportamentali

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!!

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!! LEZIONE 3 Rivolta a tutti i ragazzi delle scuole dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado. Per i docenti: sviluppate la traccia della tematica sotto presentata, adattandola con parole e iniziative,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

U.O.S. Pediatria di Comunità

U.O.S. Pediatria di Comunità U.O.S. Pediatria di Comunità U.O. C. Materno Infantile come avere denti da campione prevenzione primaria della carie anno scolastico 2012-2013 classi seconde della scuola primaria aggiornato al 25.07.2012

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola

Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Il Manuale per gli Insegnanti Come organizzare il Gioco del Traffico nella tua scuola Indice 1. INTRODUZIONE ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 1.1 Cos è il Gioco del Traffico 3 1.2 Perchè partecipare

Dettagli

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana

Guida interattiva. all educazione orale nella prima infanzia. A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana Guida interattiva all educazione orale nella prima infanzia A cura della Dott.ssa Miriam Madau M. Madau, A. Dovana DALLA MAMMA AL BAMBINO Come mantenere sana la bocca dei nostri figli Educare i bambini

Dettagli

BENVENUTE CLASSI PRIME!!!

BENVENUTE CLASSI PRIME!!! ACCOGLIENZA BENVENUTE CLASSI PRIME!!! Anno Scolastico 2005-2006 PROGETTO ACCOGLIENZA Passare da una scuola ad un altra è un momento critico nel percorso formativo della maggior parte degli studenti. Lasciare

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Alessandra Pallotti e Suor Laurentina Kadinde PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che

Dettagli

Ringraziando per la collaborazione si porgono i più cordiali saluti.

Ringraziando per la collaborazione si porgono i più cordiali saluti. Responsabile Bergamo.. Ai Genitori degli alunni della classe. della scuola.. L'insegnante di vostro/a figlio/a ha aderito al progetto per la prevenzione del tabagismo indirizzato agli alunni delle scuole

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

1. Conoscere l importanza del diritto al cibo e della giusta alimentazione in tutto il mondo. In particolare in parti del mondo in via di sviluppo.

1. Conoscere l importanza del diritto al cibo e della giusta alimentazione in tutto il mondo. In particolare in parti del mondo in via di sviluppo. OBIETTIVI 1. Conoscere l importanza del diritto al cibo e della giusta alimentazione in tutto il mondo. In particolare in parti del mondo in via di sviluppo. 2. Conoscere ed incontrare altre culture del

Dettagli

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo

LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo 1. Analizzare l evento: con la vittima da sola con altri che sono coinvolti con tutto il gruppo con gli educatori LO5.2.: SESSIONE 2 - Analisi con la vittima e il gruppo BREVE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ

Dettagli

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti

S.M.I.L.E. un sorriso per tutti C.L.S. Il Cuore della Luna del Sud ( Associazione no profit di promozione sociale ) Anno scolastico 2014-2015 S.M.I.L.E. un sorriso per tutti a cura del Dott. Progetto di Promozione ed Educazione alla

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione!

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso,

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Crescita e sviluppo: una guida per i genitori

Crescita e sviluppo: una guida per i genitori Crescita e sviluppo: una guida per i genitori Cari genitori, Promes Sanità lancia l iniziativa Giovani Sorrisi destinata ai pazienti più piccoli con l obiettivo di assicurare la salute della bocca dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Sandra Serafini e Monia Cavallini PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che promuovono

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE

SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE SCHEDA TECNICA DI PRESENTAZIONE TITOLO: I bisogni BREVE DESCRIZIONE DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO: in questa unità di apprendimento si vuole introdurre la classificazione dei bisogni dell uomo DIDATTIZZAZIONE

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO COMPRENSIVO G. D ANNUNZIO SCUOLA DELL INFANZIA NAUSICAA A.S.2012-13 PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA MOTIVAZIONE Il progetto alimentazione, filo conduttore di quest anno scolastico, nasce dal desiderio

Dettagli

(secondo le indicazioni di INValSI)

(secondo le indicazioni di INValSI) (secondo le indicazioni di INValSI) Prima della somministrazione COMPITI del Referente di Istituto per le prove INValSI Predisporre i materiali per la somministrazione Definire orario per il giorno stabilito

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Informazioni sulla Clinica odontoiatrica scolastica di Arbon

Informazioni sulla Clinica odontoiatrica scolastica di Arbon Informazioni sulla Clinica odontoiatrica scolastica di Arbon Schulzahnklinik Arbon Telefon: 071 446 65 61 Stacherholzstrasse 32 Fax: 071 446 65 67 9320 Arbon E-Mail: szk.arbon@psgarbon.ch Basi La cura

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO

LE TEMPISTICHE DEL PROGETTO Il progetto BiciScuola, l iniziativa correlata al Giro d Italia è rivolta in esclusiva alle scuole Primarie di tutta Italia. Il progetto, giunto alla quindicesima edizione, promosso da RCS Sport-La Gazzetta

Dettagli

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE

ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE ISTRUZIONI PER UNA CORRETTA IGIENE ORALE Una corretta igiene orale è fondamentale per mantenere nel tempo i propri denti e le proprie gengive sane. I nemici principali della salute orale sono i batteri,

Dettagli

Un sorriso smagliante? È questione di igiene quotidiana: il vademecum per non trascurarla

Un sorriso smagliante? È questione di igiene quotidiana: il vademecum per non trascurarla Home / In Forma / Benessere & Salute / Un sorriso smagliante? È questione di igiene quotidiana: il vademecum per non trascurarla Un sorriso smagliante? È questione di igiene quotidiana: il vademecum per

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE

AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE CLASSE 4^ A -Soresina AREA DISCIPLINARE : ITALIANO - EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE FINALITA' Riflettere sulla propria identità - maschio-femmina- per imparare a valorizzare le differenze come un'opportunità

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016

MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016 MANUALE DEL SOMMINISTRATORE INVALSI 2015-2016 Nella tabella 1 è indicato, per ciascuno strumento di rilevazione, il tempo previsto per la sua somministrazione. Il tempo si conteggia dal momento in cui,

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO

COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO COME BISOGNA PULIRE I DENTI CON LO SPAZZOLINO G G.R.IERFINO www.igieneorale.info PREMESSA IMPORTANTE Il fatto che alla verifica dal dentista si constati che le condizioni di salute dentale e parodontali

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli