Screening, interventi assistenziali, consigli dietetici e preparazione pasti con consistenza modificata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Screening, interventi assistenziali, consigli dietetici e preparazione pasti con consistenza modificata"

Transcript

1 Screening, interventi assistenziali, consigli dietetici e preparazione pasti con consistenza modificata Relatori: S. Bonin, M. Cibin, L.Scarato Vicenza, 1 dicembre 2006

2 OBIETTIVI DELLE LINEE D INDIRIZZO Sicurezza nutrizionale (prevenire e gestire la malnutrizione) Promuovere standard di qualità

3 L alimentazione è una forma di interazione individuo-ambiente ed è una funzione carica di risvolti emotivo-relazionali e oggetto di riti socializzanti. (Unnia, 1992)

4 PREMESSE Istituzionalizzazione aumenta i rischi di malnutrizione Sicurezza nutrizionale come responsabilità di molteplici persone (importanza della CONSAPEVOLEZZA ED EDUCAZIONE>>>> andare oltre la sensibilità ed il buon senso ) Perché ci occupiamo di disfagia? POSSIBILE CAUSA DI MALNUTRIZIONE PER DIFETTO (e di disidratazione)

5 Medico di MG INFERMIERE OPERATORE LOGOPEDISTA DIETISTA DISFAGIA in C.d.R. ALTRE FIG. PROF. FAMILIARI FISIOTERAPISTA SPECIALISTI

6 MULTIDISCIPLINARIETA S. Bonin: Logopedista > Disfagia (ed esperienza IPAB Proti-Salvi-Trento) L. Scarato: Infermiere Professionale > Interventi assistenziali M. Cibin: Dietista > Consigli dietetici Collegamenti alle Linee d Indirizzo

7 PER OCCUPARSI DI DISFAGIA CONOSCERE I FATTORI DI RISCHIO, SEGNI E SINTOMI CONOSCERE LE TECNICHE DI VALUTAZIONE DELLA DISFAGIA CONOSCERE LE TECNICHE DI SOMMINISTRAZIONE DEL CIBO E LE POSIZIONI ADEGUATE CONOSCERE LE PROCEDURE DI EMERGENZA CONOSCERE L EFFETTO DEI FARMACI RIFERIRSI A LINEE GUIDA FORMAZIONE ED INFORMAZIONE CONTINUE

8 LA DISFAGIA DEFINIZIONE DIFFICOLTA O IMPOSSIBILITA AD ATTUARE UNA ALIMENTAZIONE ORALE AUTONOMA E SICURA DIFFICOLTA DI DEGLUTIZIONE, NEL PASSAGGIO DI CIBI E BEVANDE DALLA BOCCA ALLO STOMACO

9 LA DISFAGIA DALLA LETTERATURA: È presente nel normale processo di invecchiamento (circa il 20% della popolazione dopo i 50 anni) Aumenta sensibilmente fra le persone istituzionalizzate (60%) o assistite a domicilio Aumenta sensibilmente nei pazienti con esiti di patologie neurologiche e portatori di esiti chirurgici alla bocca Frequenza del 20-40% in pazienti con ictus cerebrale e Morbo di Parkinson

10 FISIOLOGIA DELLA DEGLUTIZIONE diamo per scontata

11 DEGLUTIZIONE E un atto assai complesso, in parte volontario ed in parte riflesso Richiede proprietà motorie di cui la principale è la forza oltre alla precisione, alla velocità e alla coordinazione. (Unnia, 1995) Il normale processo di deglutizione nell adulto avviene in diverse fasi: Fase di preparazione orale; Fase orale; Fase faringea; Fase esofagea.

12 LA DISFAGIA COME SI MANIFESTA? COME UNA INCAPACITA A PREPARARE IL BOLO ALIMENTARE E/O A FARLO PROCEDERE DAL CAVO ORALE ALL ESOFAGO E DA LI ALLO STOMACO UNA COMPROMISSIONE DI UNA O PIU FASI DELLA DEGLUTIZIONE TALE DIFFICOLTA SI PUO PRESENTARE PER CIBI SOLIDI, PER LIQUIDI (ANCHE PER LA SALIVA) O PER ENTRAMBI

13 FATTORI DI RISCHIO: ALTERATO LIVELLO DI COSCIENZA DIMINUZIONE DELLE FACOLTA COGNITIVE IPERESTENSIONE DEL COLLO O CONTRATTURE INTUBAZIONI PER LUNGHI PERIODI ETA AVANZATA (persone anziane con modificazioni dell orofaringe associata al normale fisiologico processo dell invecchiamento) USO DI FARMACI PARTICOLARI (neurolettici, sedativi..) AUMENTO DELL AGITAZIONE E DELL IMPULSIVITA CAUSE: PATOLOGIE NEUROLOGICHE: ICTUS, DANNO CEREBRALE (TRAUMATICO), PARKINSON, DEMENZE, SCLEROSI MULTIPLA... ESITI CHIRURGICI (meno frequenti nell anziano)

14 CONSEGUENZE DELLA DISFAGIA: RIDOTTO INTROITO ALIMENTARE - MALNUTRIZIONE (e disidratazione) ASPIRAZIONE di cibi e/o liquidi nelle vie aeree - MAGGIOR RISCHIO DI INFEZIONI POLMONARI (polmoniti ab ingestis) - AUMENTO DELLA MORTALITA (anche per soffocamento) ALTERAZIONE DELLA QUALITA DI VITA (aumento richieste di interventi assistenziali) - MAGGIORI COSTI SOCIO - SANITARI

15 A PROPOSITO DI ASPIRAZIONE PUO ESSERE SILENTE - La tosse è un basso predittore di aspirazione (nel 60% di pz. che aspirano alla VFS, non tossisce) TOSSE POST-DEGLUTITORIA ATTENZIONE AL RESPIRO LIQUIDO ATTENZIONE ALLA QUALITA DELLA TOSSE ALTRI SEGNALI (es. LACRIME)

16 DISFAGIA E POLMONITE Disfagia e polmonite, causa di morte nel 40% delle persone con ictus Polmonite, le vittime piu frequenti sono: Gli anziani Gli ammalati Pazienti disfagici Pazienti vegetativi Pazienti istituzionalizzati

17 SEGNI E SINTOMI PRINCIPALI DELLA DISFAGIA : TOSSE DURANTE O DOPO LA DEGLUTIZIONE ASSENZA DELLA TOSSE VOLONTARIA DEBOLEZZA DELLA TOSSE ASSENZA DI DEGLUTIZIONE VOLONTARIA ECCESSIVA LENTEZZA NELL ASSUNZIONE DEI CIBI INAPPETENZA PRESENZA DI RESIDUO DI BOLO NELLA BOCCA DOPO LA DEGLUTIZIONE PERDITA DI PESO O DISIDRATAZIONE RIALZO DELLA TEMPERATURA CAMBIAMENTO DEL TONO DELLA VOCE (disfonia e/o voce gorgogliante ) FREQUENTI INFEZIONI POLMONARI SCHIARIMENTI DI GOLA FREQUENTI SCARSA IGIENE ORALE LINGUA PROTRUSA SCIALORREA

18 DA OSSERVARE DURANTE IL PASTO. LENTEZZA AD INIZIARE LA DEGLUTIZIONE E / O RITARDO NEL DEGLUTIRE (oltre 5 secondi) MANCATO COORDINAMENTO TRA MASTICAZIONE E DEGLUTIZIONE RIPETUTE DEGLUTIZIONI PER UN PICCOLO BOCCONE STASI DEL CIBO NELLE GUANCE RIGURGITI ORALI O NASALI TOSSE O STARNUTI DURANTE O DOPO L ALIMENTAZIONEL

19 DOPO LA CONSUMAZIONE DI CIBO O BEVANDE: Voce rauca o umida Affaticamento Cambiamenti nel modo di respirare

20 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 1 ATTENZIONE Il personale di assistenza deve essere in grado (quindi formato) di riconoscere e prestare attenzione a segni e sintomi per identificare i casi di disfagia o persone a rischio di aspirazione/penetrazione e di malnutrizione, per eventualmente indirizzare verso indagini più approfondite.

21 Fastidio o dolore associato alla deglutizione Allungamento del tempo impiegato a mangiare (eccessiva lentezza) Tosse non episodica durante e dopo il pasto Senso di corpo estraneo in gola Progressivo cambiamento delle abitudini alimentari, con tentativi inconsci di autocompensazione (esempio inappetenza) Febbre si no si no si no si no si no si no Affaticabilità e/o malnutrizione (perdita di peso, disidratazione) si no

22 NON SOLO DISFAGIA LA PRESBIFAGIA DEFINIZIONE DI PRESBIFAGIA: FORMA FISIOLOGICA DI DIFFICOLTA DI DEGLUTIZIONE DOVUTA ALL INVECCHIAMENTO, ANCHE IN ASSENZA DI EZIOLOGIA

23 LA PRESBIFAGIA CAUSE: CONSEGUENZE DELL INVECCHIAMENTO DIMINUITA EFFICIENZA DELLA MUSCOLATURA LINGUALE, LABIALE, FARINGEA MAGGIORE RIGIDITA DELLE STRUTTURE ORO- FARINGEE COINVOLTE ATROFIA MUCOSA ORALE E LINGUALE SCARSA SALIVAZIONE EDENTULIA PROTESI DENTARIA INCONGRUENTE PERDITA DELLA SENSIBILITA ORALE E PERCEZIONE DEI GUSTI (10 volte < giovane adulto) CAUSE ESTERNE : DEPERIMENTO, DEMOTIVAZIONE

24 LA PRESBIFAGIA COME SI MANIFESTA? COME UN RALLENTAMENTO E UNA SCARSA EFFICIENZA DELLA DEGLUTIZIONE CON : DIFFICOLTA A FORMARE IL BOLO INCAPACITA A TRATTENERLO NEL CAVO ORALE SCIALORREA Quindi la difficoltà è soprattutto nella fase orale, ma tutto ciò comporta: MAGGIORE DURATA DEL TEMPO DI DEGLUTIZIONE

25 LA PRESBIFAGIA CONSEGUENZE: RALLENTAMENTO DELLA DEGLUTIZIONE SENZA AUMENTO DEL RISCHIO DI ASPIRAZIONE DEL CIBO (se adeguato!!) DIFFICOLTA DI ELABORAZIONE E DI GESTIONE DEGLI ALIMENTI SOLIDI AFFATICAMENTO O ALLUNGAMENTO DEI TEMPI DURANTE IL PASTO

26 INTERVENTI PER DISFAGIA/PRESBIFAGIA In relazione al grado di difficoltà di deglutizione l intervento deve porsi alcuni principali obiettivi: Prevenire l aspirazione e favorire una deglutizione sicura (deglutizione funzionale) Mantenere o recuperare un adeguato stato nutrizionale Migliorare la qualità di vita

27 INTERVENTI PER DISFAGIA/PRESBIFAGIA DIRETTI ALLA PERSONA approccio adeguato durante l alimentazione strategie di compenso posture facilitanti (sostituiscono la posizione fisiologica del capo e del collo durante l alimentazione e agiscono deviando la traiettoria del bolo dalle strutture compromesse) riabilitazione logopedica (deve riguardare anche mobilità, forza, sensibilità oro-faringo-laringee, oltre a individuare la consistenza adeguata dei cibi) INDIRETTI interventi dietetici ausili

28 INTERVENTI PER DISFAGIA/PRESBIFAGIA Tutto è possibile solo dopo un ATTENTA VALUTAZIONE del caso Necessità della presa in carico di tipo MULTIDISCIPLINARE

29 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 2 - SCREENING Indicato almeno per ogni ospite/utente nuovo o con improvvise modificazioni funzionali generali (prima dell assunzione del pasto) Se possibile farlo effettuare da personale specializzato (Logopedista)

30 SCREENING Water Swallow test (Test dell acqua): sono usate diverse quantità d acqua (a partire da 10ml) in tempi diversi con bicchiere Bedside Swallowing Assesment (BSA): osservare livello di coscienza, presenza di secrezioni, disfonia, disartria, tosse volontaria, voce gorgogliante,. per evidenziare il grado di rischio

31 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 3 VALUTAZIONE SPECIALISTICA Le persone individuate con caratteristiche di disfagia o a rischio dovrebbero effettuare ulteriore valutazione clinica, entro breve tempo, che può prevedere: prove con cibi di diversa consistenza, tecniche posturali, manovre di deglutizione, stimolazione sensoriale, esame delle funzioni orali. VALUTAZIONE LOGOPEDICA (Comprende val. linguaggio e delle funzioni cognitive)

32 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 3 VALUTAZIONE SPECIALISTICA Esami strumentali: da considerare almeno quando, alla valutazione, la ratio di rischi/beneficio nel procedere con prove di cibi è scarsa, se ci sono dubbi sulle opzioni di gestione futura, per chiarire la diagnosi VIDEOLARINGOSCOPIA (con prove di deglutizione) VIDEOFLUOROSCOPIA passo la parola

33 L approccio adeguato RACCOMANDAZIONE GENERALE Si valuta lo stato di coscienza Nulla per bocca fino alla possibilità dell utente di: 1. Rispondere con qualsiasi canale comunicativo 2. Stare seduto con appoggio

34 PREMESSE INDIPENDENTEMENTE DA DISFAGIA/PRESBIFAGIA POSTURE: GARANTIRE POSIZIONE CORRETTA RELAZIONE: PORSI ALLA STESSA ALTEZZA DELL OSPITE RISPETTARE I TEMPI DELLA DEGLUTIZIONE SOMMINISTRARE CIBO ADEGUATO ALLE CAPACITA

35 PER QUANTO RIGUARDA IL CIBO. premesse ASSICURARSI CHE OMOGENEITA, CONSISTENZA E TIPO DI CIBO E LIQUIDI SIANO FORNITI COME PRESCRITTO ASSICURARSI CHE L ALIMENTAZIONE VENGA INIZIATA IN ACCORDO CON LE TECNICHE SPECIFICHE RACCOMANDATE DALLO SPECIALISTA DI RIFERIMENTO MONITORARE L ASSUNZIONE ORALE ASSICURASI CHE I FARMACI VENGANO SOMMINISTRATI IN CONDIZIONI DI SICUREZZA

36 UNA BUONA IGIENE ORALE PUO STIMOLARE LA PRODUZIONE DI SALIVA E IL GUSTO ASSICURARE UN AMBIENTE TRANQUILLO (no tv e/o radio) ASSICURARSI CHE L UTENTE L SIA SVEGLIO, RIPOSATO E SENZA DOLORE VERIFICARE LE ABILITA DELL UTENTE A COMUNICARE DIFFICOLTA NELLA DEGLUTIZIONE

37 CONTROLLARE LA BOCCA DELL UTENTE PER RIMUOVERE LA RIMANENZA DI CIBO.E PROVVEDERE ALL IGIENE ORALE MANTENERE L UTENTE L ALZATO PER MINUTI MONITORAGGIO: - controllare controllare la quantità di cibo e liquidi ingeriti i dall utente - monitorare monitorare il rumore polmonare e la temperatura a corporea - rivalutare regolarmente le abilità di deglutizione

38 UTENTE SEDUTO: POSIZIONE ERETTA CON LA FLESSIONE DI ANCA E GINOCCHIO AD ANGOLO DI 90 PIEDI APPOGGIATI ORIZZONTALMENTE TRONCO E TESTA IN LINEA MEDIANA, TESTA LEGGERMENTE FLESSA CON IL MENTO BASSO SE L UTENTE L HA IL CAPO INSTABILE, E E POSSIBILE SUPPORTARLO CON UNA MANO SULLA FRONTE E SCONSIGLIATO L USO L DEL COLLARINO CERVICALE Immagine tratta da Disfagia.eat Travalca Cupillo, Sukkar, Spadola Bisetti

39 UTENTE COSTRETTO A LETTO : Immagine tratta da Disfagia.eat Travalca Cupillo, Sukkar, Spadola Bisetti

40 LA PERSONA CHE SOMMINISTRA IL PASTO, DOVREBBE SEDERSI TENENDO GLI OCCHI ALLA STESSA ALTEZZA O PIU IN BASSO DI CHI DEVE MANGIARE EVITARE DI CHIEDERE ALL UTENTE DI PARLARE MENTRE MANGIA SOMMINISTRARE PICCOLE QUANTITA DI CIBO ALLA VOLTA L ALTERNANZA DI LIQUIDI E SOLIDI (se concessa dallo specialista) PUO AIUTARE A PULIRE LA GOLA INCORAGGIARE LA TOSSE DOPO LA DEGLUTIZIONE (o lo schiarimento di gola) INCORAGGIARE RIMOZIONE DI RESIDUI CON LA LINGUA

41 NON LASCIARE MAI L UTENTE L DA SOLO MENTRE MANGIA O BEVE EVITARE L ESTENSIONE L DEL COLLO UTILIZZARE AUSILI ADEGUATI, PER ES. TAZZE CON COPERCHIO E UNA PICCOLA APERTURA LATERALE (può aiutare a rallentare l assunzione di liquidi). EVITARE L UTILIZZO DI CANNUCCE O SIRINGHE PER LA DIFFICOLTA DI CONTROLLARE IL FLUSSO DEI LIQUIDI E SEMI-LIQUIDI ESSERE PREPARATI ALLE MANOVRE DI EMERGENZA RELATIVE AL SOFFOCAMENTO

42 IGIENE DEL CAVO ORALE Una buona igiene del cavo orale dovrebbe essere mantenuta negli utenti disfagici in particolare in quelli con PEG O SNG. L IGIENE DEL CAVO ORALE: FAVORISCE L UMIDIFICAZIONE DELLA MUCOSA ORALE STIMOLA LA SALIVAZIONE EVITA CHE I RESIDUI SI STACCHINO DALLA MUCOSA ORALE CON CONSEGUENTE RISCHIO DI ASPIRAZIONE

43 Langmore (1988). Ha dimostrato che i pazienti con scarsa igiene del cavo orale associata a problemi di deglutizione corrono maggiori rischi di sviluppare una polmonite ab-ingestis

44 FARMACI LA SOMMINISTRAZIONE SICURA DI FARMACI E ESSENZIALE CONSULTARE UN FARMACISTA SUL METODO PIU APPROPRIATO DI SOMMINISTRAZIONE DEL FARMACO (non tutte le compresse possono essere schiacciate) PER PAZIENTI CHE HANNO UNA MALATTIA COME IL M. di PARKINSON O LA MIASTENIA GRAVE è importante che i farmaci siano somministrati ad orari precisi

45 Importante 1. Il monitoraggio del pasto e della qualità dei cibi assunti 2. Il continuo monitoraggio del consumo di liquidi 3. Intervento nutrizionale del team multidisciplinare e educazione del paziente e dei familiari 4. Quando le strategie dietoterapiche per via orale divengono parzialmente o totalmente insufficienti conducendo il paz. a non nutrirsi autonomamente si giunge alla N.E.

46 RICAPITOLANDO.. IN CASO DI DISFAGIA LA POSIZIONE CORRETTA E L EVENTUALE POSTURA DI COMPENSO DEVE ESSERE VALUTATA IN ACCORDO CON GLI SPECIALISTI TRA LE CARATTERISTICHE DEL CIBO LE PIU IMPORTANTI: CONSISTENZA E OMOGENEITA L ASSUNZIONE DI ACQUA, QUANDO CONSENTITA DALLO SPECIALISTA, DEVE AVVENIRE SOLO DOPO AVER ELIMINATO OGNI RESIDUO DI CIBO DALLA BOCCA (ES. A FINE PASTO) LE SCELTE SPECIFICHE DIPENDONO DA TIPO E GRADO DI SCOMPENSO

47 SE IL PAZIENTE PRESENTA TOSSE: SE L EPISODIO E IMPORTANTE E SEMBRA NON RISOLVERSI SPONTANEAMENTE ATTIVARE PROTOCOLLO DI EMERGENZA IN USO SE L EPISODIO NON APPARE GRAVE FERMARE L OPERAZIONE D IMBOCCO E ASPETTARE CHE LA TOSSE SI RISOLVA PRIMA DI RIPRENDERE IMPORTANTE SEGNALARE SEMPRE GLI EPISODI, SOPRATTUTTO PER MONITORARNE LA FREQUENZA

48 IN CASO DI DISFAGIA ESEMPI DI CIBI DA EVITARE: PASTINA IN BRODO MINESTRONE CON VERDURE IN PEZZI LEGUMI RISO FETTE BISCOTTATE/PANETTONE POLPETTONE/FRITTATE CON PEZZI DI VERDURE CARAMELLE CIBI IRRITANTI E /O PICCANTI ALCOLICI

49 IN CASO DI PRESBIFAGIA oltre a postura, relazione, tempi RISPETTARE L AFFATICAMENTO E/O L ALLUNGAMENTO DEI TEMPI DURANTE IL PASTO PREFERIRE ALIMENTI SEMISOLIDI O SOLIDI MORBIDI (O SCHIACCIABILI) AD ALTA COMPONENTE DI COESIONE E SCIVOLOSITA

50 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA PIANO DI GESTIONE (riabilitativo e/o di modificazione alimentare) Dovrebbe essere concordato e comunicato ai pz. (familiari, assistenti privati) e a tutti i membri del team di assistenza e cura. La documentazione sullo stato nutrizionale e di assunzione di liquidi dovrebbe essere riportato di routine nella cartella clinica e infermieristica, regolarmente aggiornate.

51 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 4 INTERVENTI ASSISTENZIALI Tutti gli addetti all assistenza devono avere conoscenze e abilità per alimentare in SICUREZZA la persona con disfagia La persona individuata come disfagica o a rischio >> deve effettuare valutazione supplementare (logopedista o medico esperto)

52 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 4 INTERVENTI ASSISTENZIALI Il personale di assistenza: deve assicurarsi che la struttura, il tipo di cibo e la consistenza corrispondano alle prescrizioni date (qualità e quantità) le tecniche di alimentazione siano intraprese in accordo con i metodi specifici raccomandati dagli specialisti deve monitorare la quantità di cibo assunta per assicurare un adeguata nutrizione ed idratazione E QUINDI CORRESPONSABILE passo la parola

53 CARATTERISTICHE FISICHE DEGLI ALIMENTI LA SCELTA DEL CIBO DEVE RISPONDERE ALLE SEGUENTI NECESSITA NUTRIZIONALI: APPORTO CALORICO E IDRICO CAPACITA DI DEGLUTIZIONE PREFERENZE DELLA PERSONA

54 Caratteristiche fisiche degli alimenti 1. CONSISTENZA; 2. GRADO DI COESIONE 3. OMOGENEITA 4. VISCOSITA 5. DIMENSIONI 6. TEMPERATURA 7. COLORE 8. SAPORE 9. APPETIBILITA

55 La consistenza La caratteristica è diversa a seconda del tipo di deficit rilevato. LIQUIDI Sono utili quando la sola difficoltà del paziente è presentata dalla masticazione; Sono invece i più difficili da deglutire in caso di disfagia.l agente più a rischio è l acqua, perché inodore, insapore, incolore.

56 La consistenza RICORDIAMO CHE: L ACQUA insieme a THE e TISANE prive di zucchero presentano meno rischi di Infezioni polmonari.

57 LIQUIDI DENSI: La consistenza Sono rappresentati da bevande che danno luogo a infiammazioni a carico dell apparato Broncopolmonare, come: Latte, Yogurt da bere e succhi con polpa.

58 La Consistenza SEMISOLIDI: Necessitano di una modesta preparazione orale. Sono i gelati, granite,passati di verdure,yogurt, creme, semolini, frullati e omogeneizzati di frutta (preparati dove prevale la % liquida)

59 La Consistenza SEMISOLIDI: Polenta, semolino,crema di riso,passati di verdura densi,omo carne o pesce, formaggi cremosi uova alla coque, budini e mousses. E necessario una preparazione orale più impegnativa della dieta semiliquida ma non è necessaria masticazione.

60 La Consistenza SOLIDI: E una dieta riservata ai pazienti con compromissione di bassa entità e con masticazione conservata in parte. Prevedono: Pasta e gnocchi, ben cotte e ben condite,lasagne, uova sode,pesce diliscato,verdure cotte non filose formaggi tipo crescenza,soufflè, pane da tramezzini,banana e mela cotta.

61 Grado di coesione Gli alimenti che sono serviti devono garantire compattezza durante tutto il passaggio del canale alimentare senza sbriciolarsi o frammentarsi. Sono da evitare quindi : Creakers,grissini,biscotti,pastina in brodo,riso, frutta secca.

62 Omogeneità Il cibo deve presentarsi della stessa consistenza e dimensione Sono controindicati piatti quali il minestrone di verdure in pezzi e la pastina in brodo.

63 Viscosità Il cibo servito deve presentare un grado di scivolosità per una deglutizione più facile. Sono da evitare tutti i cibi secchi. Consigliato l uso di lubrificanti quali vegetali, burro, panna ect.

64 Dimensioni Importante sono: Porzionamento; Dimensioni del boccone Varieranno a seconda del tipo di alterazione della deglutizione

65 Temperatura La temperatura simile a quella corporea non stimola la percezione del boccone durante le fasi della deglutizione; Le temperature devono essere più calde o più fredde di 36-37

66 Colore Il colore del cibo è importante per i pazienti portatori di cannula tracheale. Il colore deve essere differente dalle secrezioni tracheo-bronchiali

67 Sapore Importante rispettare i gusti e le preferenze dell anziano. RICORDARE Sapore acido, amaro, piccante, possono aumentare il rischio di aspirazione per scarso controllo linguale, ipomobilità faringea

68 Sapore Viceversa gli stessi sapori possono aiutare in caso di ridotta sensibilità; Il sapore acido, ha l effetto di aumentare la secrezione salivare (quindi da evitare in caso di scialorrea).

69 Appetibilità L aspetto deve essere curato e le portate distinte. La Preparazione deve tener conto di suggerimenti quale: la frullatura del cibo.

70 Appetibilità (frullatura) La carne deve essere ben cotta e tagliata in piccoli pezzi o macinata prima di essere frullata od omogeneizzata: successivamente filtrare gli alimenti frullati per rimuovere i frustoli I liquidi devono essere aggiunti gradualmente: l eccesso può modificare il sapore e la consistenza del cibo I cibi dopo la frullatura e prima del consumo devono essere refrigerati o mantenuti >di 65.

71 Modificatori di consistenza La consistenza può essere modulata e adeguata alle esigenze del paziente. Si possono usare : 1. Addensanti naturali o artificiali; 2. diluenti; 3. Lubrificanti.

72 Modificatori di consistenza (Addensanti) Gelatine, polveri,dadi, fogli di colla di pesce Possono essere aggiunti alle bevande senza alterarne il sapore es. fecola di patate e farine cereali o farine istantanee: Variano la consistenza al momento della somministrazione in modo graduale (Minestre)

73 Modificatori di consistenza Addensanti Addensanti istantanei artificiali possono essere aggiunti ad alimenti liquidi o semisolidi, caldi o freddi mantenendo la consistenza ottenuta nel tempo senza modificare il gusto ed il colore del cibo o della bevanda.

74 USO DELL ADDENSANTE LA CONSISTENZA DA RAGGIUNGERE CON L ADDENSANTE VIENE DECISA DAL LOGOPEDISTA IN BASE ALLE CARATTERISTICHE DI SCOMPENSO PRESENTI Esempi di classificazione Succo di frutta Frutta cotta Yogurt/budino

75 Modificatori di consistenza Diluenti Utili per diminuire la consistenza delle diverse preparazioni come: brodo vegetale o di carne,l acqua, il latte, la panna, i succhi di frutta e di verdura.

76 Modificatori di consistenza Lubrificanti Olio vegetale, burro, maionese besciamella.

77 Modificatori di consistenza Integratori modulari Sono da utilizzarti per le supplementazioni di un singolo nutriente (glucidi,proteine, lipidi,proteine, fibre, vitamine, sali miner), o per completare l intake calorico. Possono essere miscelate ai piatti senza alterarne il sapore.

78 Integratori liquidi- densi Sono da considerarsi supplementazioni nutrizionali con indicazioni ben specifiche. Sono bevande dense aromatizzate con diverse composizioni ipercaloriche iperproteiche ect.

79 Alimenti a consistenza modificata Preparazioni in polvere di alimenti arrichiti in vitamine e Sali minerali e/o proteine già pronti da diluire con composizione nutrizionale nota per porzione.

80 Alimenti a consistenza modificata IMPORTANTE ricordare che nel paz. con disfagia la produzione di piatti deve avere un adeguata consistenza, anche per evitare sazietà precoce causata dal volume delle preparazione a scapito della composizione calorico proteica passo la parola

81 PROPOSTA DELLA GESTIONE DELLA DISFAGIA IN ISTITUTO: ESPERIENZA I.P.A.B. PROTI SALVI TRENTO Logopedista Bonin Silvia

82 ESPERIENZA IPAB Dati disfagia in alcuni reparti: 26-46% Protocollo disfagia: recentemente implementato dal Servizio di Logopedia per descrivere le fasi dell intervento logopedico con il soggetto disfagico in Casa di Riposo (anche su stimolo delle linee d indirizzo) Logopedista Bonin Silvia

83 ESPERIENZA IPAB Formazione al personale: sono state effettuate varie esperienze formative Formazione ai familiari Gruppi Alimentazione : formula vincente! Logopedista Bonin Silvia

84 ESPERIENZA IPAB Uno dei VANTAGGI: la collaborazione con il Servizio di Cucina (es. menù tritato e menù frullato) Uno degli SVANTAGGI: la mancanza del Dietista (anche se.) Logopedista Bonin Silvia

85 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE INFERMIERE OPERATORI D ASSISTENZA GRUPPO ALIMENTAZIONE COORDINATORE DI REPARTO LOGOPEDISTA MULTIDISCIPLINARIETA Logopedista Bonin Silvia

86 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE OBIETTIVI GENERALI Curare l aspetto dell alimentazione per garantire una qualità di vita dignitosa alla persona e un servizio offerto in sicurezza Conoscenza delle competenze specifiche dei singoli professionisti Condivisione degli obiettivi e delle modalità di lavoro garantendo un fertile passaggio di informazioni Logopedista Bonin Silvia

87 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE OBIETTIVI SPECIFICI Condivisione delle conoscenze relative ai singoli ospiti (monitoraggio, verifica, valutazione) Elaborazione di un progetto personalizzato/piano NUTRIZIONALE Condivisione delle decisioni sulla gestione organizzativa del momento del pasto Controllare le complicanze da disfagia Prevenire l ospedalizzazione e la malnutrizione Ritardare l alimentazione artificiale Segnalazione dei nuovi casi Logopedista Bonin Silvia

88 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE COME OPERA IL GRUPPO Frequenza: 1 volta al mese per 1 ora in orario di servizio. Modalità: ogni professionista porta la propria valutazione specifica; discussione del caso; stesura del progetto individualizzato di intervento Logopedista Bonin Silvia

89 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE COME OPERA IL GRUPPO Modalità: compilazione di una scheda personale dell ospite, contenente le strategie di intervento, che viene messa a disposizione del personale di reparto, il quale si dovrà attenere a tali disposizioni; verifica delle decisioni prese nel precedente incontro. Logopedista Bonin Silvia

90 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE COME OPERA IL GRUPPO Strumenti: quaderno con le schede personali di ogni ospite a disposizione del reparto per consultazione; tabella riassuntiva dei cibi e delle modalità d assunzione; quaderno per i verbali di gruppo con possibilità da parte del personale non direttamente coinvolto nel gruppo di aggiungere le proprie impressioni. Logopedista Bonin Silvia

91 CONCLUSIONI PRIMA EQUIPE Ognuno fa per conto proprio finalità diverse no passaggio di informazioni poche segnalazioni DOPO EQUIPE condivisione degli obiettivi stesse modalità di intervento migliore comunicazione a più livelli più segnalazioni e scambi di impressioni più responsabilità più collaborazione Logopedista Bonin Silvia

92 CONCLUSIONI PRIMA EQUIPE disgregazione disorganizzazione dispendio di energie scarso riconoscimento a livello istituzionale DOPO EQUIPE buona integrazione organizzazione buon impiego delle risorse più considerazione e risposte Logopedista Bonin Silvia

93 CONCLUSIONI PRIMA OSPITE pochi risultati poca sicurezza per l ospite poca continuità di intervento poca possibilità di verifica delle proposte (poche) DOPO OSPITE risultati migliori più sicurezza per l ospite più continuità di intervento più proposte di intervento più possibilità di verificare l efficacia di una proposta più possibilità di sperimentare modalità diverse Logopedista Bonin Silvia

94 CONCLUSIONI PRIMA OSPITE impossibilità di attuare un piano personalizzato DOPO OSPITE possibilità di attuare un piano personalizzato Logopedista Bonin Silvia

95 CONCLUSIONI PRIMA LAVORO frammentato fragile tanto inutile DOPO LAVORO costruttivo prezioso di qualità solido, che ha tenuta incisivo Logopedista Bonin Silvia

96 CONCLUSIONI PRIMA PER NOI senso di frustrazione di inutilità, di impotenza fatica passività immobilità demotivazione e abbandono DOPO PER NOI più autostima gratificazione soddisfazione più consapevolezza corresponsabilità motivazione e determinazione Logopedista Bonin Silvia

97 Grazie dell attenzione!!!!!. E vi auguriamo di lavorare prossimamente insieme!

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Luca Pantarotto Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Fisiologia della deglutizione atto complesso che implica l utilizzo coordinato e sincrono della

Dettagli

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Organi deputati alla deglutizione 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Riconoscere i problemi della persona anziana con malattie croniche e/o disabilità ed i relativi interventi infermieristici,

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER. Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico

OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER. Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico 2 La difficoltà a deglutire (disfagia) rende necessario adottare alcune modifiche

Dettagli

QUANDO LA DEGLUTIZIONE DIVENTA DIFFICILE

QUANDO LA DEGLUTIZIONE DIVENTA DIFFICILE QUANDO LA DEGLUTIZIONE DIVENTA DIFFICILE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Ottobre Dicembre 2011 CHE COS E LA DEGLUTIZIONE? Passaggio di sostanze solide, liquidi e/o miste dall esterno

Dettagli

Difficoltà di deglutizione

Difficoltà di deglutizione Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Giovanni Battista Camurri - Direttore Difficoltà di deglutizione (disfagia) Consigli per pazienti e loro familiari Introduzione Mangiare

Dettagli

Deglutizione. Logopedista Angela Di Palma

Deglutizione. Logopedista Angela Di Palma Deglutizione Logopedista Angela Di Palma GLI ACCORGIMENTI PER FACILITARE LA DEGLUTIZIONE E RENDERLA SICURA SO RICONDUCIBILI A 4 CATEGORIE DI INTERVENTO: 1. limitare e/o modificare i tipi di alimenti presenti

Dettagli

La disfagia possibilità di intervento nutrizionale. Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S.

La disfagia possibilità di intervento nutrizionale. Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. La disfagia possibilità di intervento nutrizionale Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO SCALA PER LA DEGLUTIZIONE Abitudini alimentari normali 10. Deglutizione

Dettagli

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI Obiettivi e aspetti pratico-applicativi SERVIZIO DI DIETETICA ASL TO 4 Dietiste Liliana Vianello Daniela Rolfo Sonia Zarlottin Amalia Narracci

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

TIPI DI DISFAGIA 02.10.2013. Isabella Antonini Fisioterapista diplomata, coordinatrice deglutizione 1 DEFINIZIONE DI DISFAGIA

TIPI DI DISFAGIA 02.10.2013. Isabella Antonini Fisioterapista diplomata, coordinatrice deglutizione 1 DEFINIZIONE DI DISFAGIA DEFINIZIONE DI DISFAGIA Dis - funzione di un meccanismo SICURO di transito degli alimenti o dei liquidi dalla cavità orale allo stomaco. TIPI DI DISFAGIA Nutrizione orale normale Livello di indipendenza

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Titolo dell insegnamento: Aiuto nell assunzione del pasto

Titolo dell insegnamento: Aiuto nell assunzione del pasto Complesso Integrato Columbus Corso per Operatore Socio Sanitario Titolo dell insegnamento: Aiuto nell assunzione del pasto Formatore: Patrizia Magionesi Il momento del pasto rappresenta un momento di grande

Dettagli

Il paziente disfagico: inquadramento clinico e aspetti riabilitativi

Il paziente disfagico: inquadramento clinico e aspetti riabilitativi Attualità nelle cure del paziente anziano nelle strutture riabilitative e residenziali Genova,4 Dicembre 2014 CISEF Il paziente disfagico: inquadramento clinico e aspetti riabilitativi Dott.ssa Paola Castellini

Dettagli

BestPractice. Gestione della disfagia da compromissione neurologica. (livello III e IV) sia sulle opinioni di esperti.

BestPractice. Gestione della disfagia da compromissione neurologica. (livello III e IV) sia sulle opinioni di esperti. http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad BestPractice Informazioni evidence based per la pratica della professione infermieristica Gestione della disfagia da compromissione neurologica Questo numero

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Svezzamento dalla nutrizione enterale

Svezzamento dalla nutrizione enterale M. Pizzuto, S. Conte, S. D Anna Dipartimento di Medicina, Stroke Unit, Azienda Ulss 10 Veneto Orientale O.C. San Tommaso dei Battuti NUTRIZIONE ENTERALE: SNG, PEG O NPT? Per disfagia si intende difficoltà

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli

"Quando masticazione e deglutizione diventano un problema..."

Quando masticazione e deglutizione diventano un problema... Consigli per il paziente disfagico 0 La dimissione può rappresentare, per il paziente disfagico e i suoi familiari, un momento difficile perché si ha il timore di non riuscire a gestire i pasti in sicurezza

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia PERCHE L ALIMENTAZIONE HA UN RUOLO DETERMINANTE NELLA MALATTIA DI PARKINSON?

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE AI DEGENTI E DI MENSA AL PERSONALE DIPENDENTE E/O ALTRI SOGGETTI AUTORIZZATI. Il DIETETICO OSPEDALIERO sarà costituito dalle

Dettagli

I disturbi di deglutizione

I disturbi di deglutizione FONDAZIONE SALVATORE MAUGERI CLINICA DEL LAVORO E DELLA RIABILITAZIONE I.R.C.C.S. Istituto Scientifico di Pavia Divisione Recupero e Rieducazione Funzionale sez. Riabilitazione Neuromotoria F S M Centro

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Palace Hotel Como 19 ottobre 2012 Comobrain 2012 4 Edizione SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Dr Anna Toldi Medico Nutrizionista Responsabile del Servizio di Dietetica e Nutrizione clinica Ospedale Valduce

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Docente Luciana Perrotta

Docente Luciana Perrotta S.C. FORMAZIONE E RICERCA Direttore: Dott. Sr Anna Maria Derossi Tel. 011 5294.481 / 487 (segreteria) Fax. 011 5294.489 Docente Luciana Perrotta Titolo ASSISTERE LA PERSONA CON DISFAGIA: IL CONTRIBUTO

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

NUTRIZIONE ARTIFICIALE

NUTRIZIONE ARTIFICIALE Prontuario Ospedaliero NUTRIZIONE ARTIFICIALE AslCN2 Maggio 2014 Indice Prodotti nutrizionali per sonda.pag. 3 Standard: NUTRISON 500 ml flacone Proteica: ISOSOURCE PROTEIN 500 ml smartflex Energetica:

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

Abound. Informazioni e Ricette. www.abound.net. Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro

Abound. Informazioni e Ricette. www.abound.net. Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro Ricostruire. Recuperare. Rimettersi in forma. Abound Informazioni e Ricette Informazioni per il tuo farmacista: Disponibile in confezione da 30 buste, nei gusti: Arancio Neutro NAO MPC 2189 01/2010 www.abound.net

Dettagli

ALIMENTAZIONE E ALZHEIMER

ALIMENTAZIONE E ALZHEIMER ALIMENTAZIONE E ALZHEIMER Azienda sanitaria locale ASL della provincia di Como Piccolo manuale ad uso di chi assiste la persona ammalata Azienda sanitaria locale della provincia di Como A cura di Anna

Dettagli

U.M.R. Ferrara. U.G.C. Ferrara SCHEDE INFORMATIVE PER LE PERSONE ADULTE CON DISTURBI DELLA DEGLUTIZIONE E PER I LORO FAMILIARI

U.M.R. Ferrara. U.G.C. Ferrara SCHEDE INFORMATIVE PER LE PERSONE ADULTE CON DISTURBI DELLA DEGLUTIZIONE E PER I LORO FAMILIARI U.M.R. Ferrara U.G.C. Ferrara Diario di bordo SCHEDE INFORMATIVE PER LE PERSONE ADULTE CON DISTURBI DELLA DEGLUTIZIONE E PER I LORO FAMILIARI 2 SETTORE MEDICINA RIABILITATIVA SAN GIORGIO DIPARTIMENTO

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico

PIANO DI ASSISTENZA STAFF DIREZIONE SANITARIA. Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico STAFF DIREZIONE SANITARIA Modello Funzionale: Attività Esercizio fisico DIAGNOSI INFERMIERISTICA: (RISCHIO DI) DEFICIT DELLA CURA DI SÉ alimentazione, bagno, igiene personale, uso dei servizi igienici,

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola

Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Anche tu puoi godere dei piaceri della tavola Dieta e Menu per DISFAGIA Menu per una giornata tipo dedicato a persone che soffrono di disfagia Complimenti per aver scaricato questo menu, ciò significa

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA NIV 08 MAGGIO 2013 Serena Soldini Infermiere pediatrico Dipartimento Medicina Pediatrica UOC Broncopneumologia- Ospedale Pediatrico

Dettagli

ALIMENTAZIONE DELLO STOMIZZATO

ALIMENTAZIONE DELLO STOMIZZATO ALIMENTAZIONE DELLO STOMIZZATO Relatore: Dott. ssa Daniela Metro Dipartimento di Scienze Biochimiche, Fisiologiche e della Nutrizione Università di Messina COLOSTOMIA ILEOSTOMIA COLOSTOMIE ED ILEOSTOMIE

Dettagli

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare Guida pratica per limitare i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante la terapia oncologica La mucosite orale (stomatite) La mucosite orale (stomatite) Guida pratica per

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione

Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Terapia radiante sulla pelvi con tecnica selettiva (esclusione dell intestino) e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS

II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS Il corso prevede 9 incontri gratuiti in cui verranno affrontati i principali aspetti riguardanti l ordinaria gestione della persona affetta da SLA in ambito

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole

LA FENIL CHETO NURIA O PKU. Malattie Rare. Informazioni per le scuole LA FENIL CHETO NURIA O PKU Malattie Rare Informazioni per le scuole LA FENILCHETONURIA LA FENILCHETONURIA O PKU E LA PIU FREQUENTE MALATTIA CONGENITA DEL METABOLISMO DELLE PROTEINE GLI ERRORI CONGENITI

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA

TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Lotto n. 1 Allegato B TABELLE DIETETICHE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA Fasce d età considerate Scuola dell infanzia ANNI 2,5-5,5 Scuola elementare 5,5-10,5 Scuola media * 10,5-14,5 * Nella fascia di età

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione

Menù scolastico e diverse fasi dell alimentazione Premessa S.P.E.S. (Servizi alla Persona Educativi e Sociali) persegue il ben-essere di bambini e adolescenti che ogni giorno frequentano le sue strutture e aiutano le famiglie nel loro compito educativo.

Dettagli

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO?

Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 1 FARMACI E INFANZIA. CURI IL TUO CUCCIOLO NEL MODO GIUSTO? 3 Folder_farmaci3.qxd 22-09-2006 17:44 Pagina 2 ALCUNI CONSIGLI PER UN USO SICURO DEI FARMACI PER

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Il multimediale nell educazione terapeutica: video-tutorial nella disfagia. Udine 19.09.2014

Il multimediale nell educazione terapeutica: video-tutorial nella disfagia. Udine 19.09.2014 Il multimediale nell educazione terapeutica: video-tutorial nella disfagia Udine 19.09.2014 Università degli studi di Udine Dipartimento di scienze mediche e biologiche Corso di Laurea in Infermieristica

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

COLONSCOPIA VIRTUALE

COLONSCOPIA VIRTUALE COLONSCOPIA VIRTUALE La colonscopia virtuale è una simulazione al computer di una colonscopia vera. Consiste in una TAC dell addome eseguita sia in posizione supina che prona, dopo aver inserito aria dal

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELLE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER ANZIANI

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELLE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER ANZIANI SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELLE STRUTTURE SOCIO-ASSISTENZIALI PER ANZIANI Settimo Torinese, 16 novembre 2011 Ciriè, 24 novembre 2011 Ivrea, 28 novembre 2011 d.ssa Maria Franca Dupont

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

DIETETICO OSPEDALIERO

DIETETICO OSPEDALIERO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PADOVA DIETETICO OSPEDALIERO In copertina foto di Carl Warner: l arcobaleno è perfetto dietro la foresta di prezzemolo e patate AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA DIETETICO

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO

DETOX 7 GIORNI PER STARE MEGLIO DETOX 7 7 GIORNI PER STARE MEGLIO Buongiorno!!! complimenti per aver scelto il nostro programma nutrizionale DETOX-7! Per dieta DETOX s intende un programma alimentare che ha lo scopo di eliminare le tossine

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto

Star bene insieme per imparare a mangiare con gusto L alimentazione esprime abitudini, usi e costumi dell individuo e risponde non solo alle esigenze fisiche, ma anche a quelle psichiche e della vita di relazione ed è in grado di fornire, accanto all esperienza

Dettagli