Screening, interventi assistenziali, consigli dietetici e preparazione pasti con consistenza modificata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Screening, interventi assistenziali, consigli dietetici e preparazione pasti con consistenza modificata"

Transcript

1 Screening, interventi assistenziali, consigli dietetici e preparazione pasti con consistenza modificata Relatori: S. Bonin, M. Cibin, L.Scarato Vicenza, 1 dicembre 2006

2 OBIETTIVI DELLE LINEE D INDIRIZZO Sicurezza nutrizionale (prevenire e gestire la malnutrizione) Promuovere standard di qualità

3 L alimentazione è una forma di interazione individuo-ambiente ed è una funzione carica di risvolti emotivo-relazionali e oggetto di riti socializzanti. (Unnia, 1992)

4 PREMESSE Istituzionalizzazione aumenta i rischi di malnutrizione Sicurezza nutrizionale come responsabilità di molteplici persone (importanza della CONSAPEVOLEZZA ED EDUCAZIONE>>>> andare oltre la sensibilità ed il buon senso ) Perché ci occupiamo di disfagia? POSSIBILE CAUSA DI MALNUTRIZIONE PER DIFETTO (e di disidratazione)

5 Medico di MG INFERMIERE OPERATORE LOGOPEDISTA DIETISTA DISFAGIA in C.d.R. ALTRE FIG. PROF. FAMILIARI FISIOTERAPISTA SPECIALISTI

6 MULTIDISCIPLINARIETA S. Bonin: Logopedista > Disfagia (ed esperienza IPAB Proti-Salvi-Trento) L. Scarato: Infermiere Professionale > Interventi assistenziali M. Cibin: Dietista > Consigli dietetici Collegamenti alle Linee d Indirizzo

7 PER OCCUPARSI DI DISFAGIA CONOSCERE I FATTORI DI RISCHIO, SEGNI E SINTOMI CONOSCERE LE TECNICHE DI VALUTAZIONE DELLA DISFAGIA CONOSCERE LE TECNICHE DI SOMMINISTRAZIONE DEL CIBO E LE POSIZIONI ADEGUATE CONOSCERE LE PROCEDURE DI EMERGENZA CONOSCERE L EFFETTO DEI FARMACI RIFERIRSI A LINEE GUIDA FORMAZIONE ED INFORMAZIONE CONTINUE

8 LA DISFAGIA DEFINIZIONE DIFFICOLTA O IMPOSSIBILITA AD ATTUARE UNA ALIMENTAZIONE ORALE AUTONOMA E SICURA DIFFICOLTA DI DEGLUTIZIONE, NEL PASSAGGIO DI CIBI E BEVANDE DALLA BOCCA ALLO STOMACO

9 LA DISFAGIA DALLA LETTERATURA: È presente nel normale processo di invecchiamento (circa il 20% della popolazione dopo i 50 anni) Aumenta sensibilmente fra le persone istituzionalizzate (60%) o assistite a domicilio Aumenta sensibilmente nei pazienti con esiti di patologie neurologiche e portatori di esiti chirurgici alla bocca Frequenza del 20-40% in pazienti con ictus cerebrale e Morbo di Parkinson

10 FISIOLOGIA DELLA DEGLUTIZIONE diamo per scontata

11 DEGLUTIZIONE E un atto assai complesso, in parte volontario ed in parte riflesso Richiede proprietà motorie di cui la principale è la forza oltre alla precisione, alla velocità e alla coordinazione. (Unnia, 1995) Il normale processo di deglutizione nell adulto avviene in diverse fasi: Fase di preparazione orale; Fase orale; Fase faringea; Fase esofagea.

12 LA DISFAGIA COME SI MANIFESTA? COME UNA INCAPACITA A PREPARARE IL BOLO ALIMENTARE E/O A FARLO PROCEDERE DAL CAVO ORALE ALL ESOFAGO E DA LI ALLO STOMACO UNA COMPROMISSIONE DI UNA O PIU FASI DELLA DEGLUTIZIONE TALE DIFFICOLTA SI PUO PRESENTARE PER CIBI SOLIDI, PER LIQUIDI (ANCHE PER LA SALIVA) O PER ENTRAMBI

13 FATTORI DI RISCHIO: ALTERATO LIVELLO DI COSCIENZA DIMINUZIONE DELLE FACOLTA COGNITIVE IPERESTENSIONE DEL COLLO O CONTRATTURE INTUBAZIONI PER LUNGHI PERIODI ETA AVANZATA (persone anziane con modificazioni dell orofaringe associata al normale fisiologico processo dell invecchiamento) USO DI FARMACI PARTICOLARI (neurolettici, sedativi..) AUMENTO DELL AGITAZIONE E DELL IMPULSIVITA CAUSE: PATOLOGIE NEUROLOGICHE: ICTUS, DANNO CEREBRALE (TRAUMATICO), PARKINSON, DEMENZE, SCLEROSI MULTIPLA... ESITI CHIRURGICI (meno frequenti nell anziano)

14 CONSEGUENZE DELLA DISFAGIA: RIDOTTO INTROITO ALIMENTARE - MALNUTRIZIONE (e disidratazione) ASPIRAZIONE di cibi e/o liquidi nelle vie aeree - MAGGIOR RISCHIO DI INFEZIONI POLMONARI (polmoniti ab ingestis) - AUMENTO DELLA MORTALITA (anche per soffocamento) ALTERAZIONE DELLA QUALITA DI VITA (aumento richieste di interventi assistenziali) - MAGGIORI COSTI SOCIO - SANITARI

15 A PROPOSITO DI ASPIRAZIONE PUO ESSERE SILENTE - La tosse è un basso predittore di aspirazione (nel 60% di pz. che aspirano alla VFS, non tossisce) TOSSE POST-DEGLUTITORIA ATTENZIONE AL RESPIRO LIQUIDO ATTENZIONE ALLA QUALITA DELLA TOSSE ALTRI SEGNALI (es. LACRIME)

16 DISFAGIA E POLMONITE Disfagia e polmonite, causa di morte nel 40% delle persone con ictus Polmonite, le vittime piu frequenti sono: Gli anziani Gli ammalati Pazienti disfagici Pazienti vegetativi Pazienti istituzionalizzati

17 SEGNI E SINTOMI PRINCIPALI DELLA DISFAGIA : TOSSE DURANTE O DOPO LA DEGLUTIZIONE ASSENZA DELLA TOSSE VOLONTARIA DEBOLEZZA DELLA TOSSE ASSENZA DI DEGLUTIZIONE VOLONTARIA ECCESSIVA LENTEZZA NELL ASSUNZIONE DEI CIBI INAPPETENZA PRESENZA DI RESIDUO DI BOLO NELLA BOCCA DOPO LA DEGLUTIZIONE PERDITA DI PESO O DISIDRATAZIONE RIALZO DELLA TEMPERATURA CAMBIAMENTO DEL TONO DELLA VOCE (disfonia e/o voce gorgogliante ) FREQUENTI INFEZIONI POLMONARI SCHIARIMENTI DI GOLA FREQUENTI SCARSA IGIENE ORALE LINGUA PROTRUSA SCIALORREA

18 DA OSSERVARE DURANTE IL PASTO. LENTEZZA AD INIZIARE LA DEGLUTIZIONE E / O RITARDO NEL DEGLUTIRE (oltre 5 secondi) MANCATO COORDINAMENTO TRA MASTICAZIONE E DEGLUTIZIONE RIPETUTE DEGLUTIZIONI PER UN PICCOLO BOCCONE STASI DEL CIBO NELLE GUANCE RIGURGITI ORALI O NASALI TOSSE O STARNUTI DURANTE O DOPO L ALIMENTAZIONEL

19 DOPO LA CONSUMAZIONE DI CIBO O BEVANDE: Voce rauca o umida Affaticamento Cambiamenti nel modo di respirare

20 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 1 ATTENZIONE Il personale di assistenza deve essere in grado (quindi formato) di riconoscere e prestare attenzione a segni e sintomi per identificare i casi di disfagia o persone a rischio di aspirazione/penetrazione e di malnutrizione, per eventualmente indirizzare verso indagini più approfondite.

21 Fastidio o dolore associato alla deglutizione Allungamento del tempo impiegato a mangiare (eccessiva lentezza) Tosse non episodica durante e dopo il pasto Senso di corpo estraneo in gola Progressivo cambiamento delle abitudini alimentari, con tentativi inconsci di autocompensazione (esempio inappetenza) Febbre si no si no si no si no si no si no Affaticabilità e/o malnutrizione (perdita di peso, disidratazione) si no

22 NON SOLO DISFAGIA LA PRESBIFAGIA DEFINIZIONE DI PRESBIFAGIA: FORMA FISIOLOGICA DI DIFFICOLTA DI DEGLUTIZIONE DOVUTA ALL INVECCHIAMENTO, ANCHE IN ASSENZA DI EZIOLOGIA

23 LA PRESBIFAGIA CAUSE: CONSEGUENZE DELL INVECCHIAMENTO DIMINUITA EFFICIENZA DELLA MUSCOLATURA LINGUALE, LABIALE, FARINGEA MAGGIORE RIGIDITA DELLE STRUTTURE ORO- FARINGEE COINVOLTE ATROFIA MUCOSA ORALE E LINGUALE SCARSA SALIVAZIONE EDENTULIA PROTESI DENTARIA INCONGRUENTE PERDITA DELLA SENSIBILITA ORALE E PERCEZIONE DEI GUSTI (10 volte < giovane adulto) CAUSE ESTERNE : DEPERIMENTO, DEMOTIVAZIONE

24 LA PRESBIFAGIA COME SI MANIFESTA? COME UN RALLENTAMENTO E UNA SCARSA EFFICIENZA DELLA DEGLUTIZIONE CON : DIFFICOLTA A FORMARE IL BOLO INCAPACITA A TRATTENERLO NEL CAVO ORALE SCIALORREA Quindi la difficoltà è soprattutto nella fase orale, ma tutto ciò comporta: MAGGIORE DURATA DEL TEMPO DI DEGLUTIZIONE

25 LA PRESBIFAGIA CONSEGUENZE: RALLENTAMENTO DELLA DEGLUTIZIONE SENZA AUMENTO DEL RISCHIO DI ASPIRAZIONE DEL CIBO (se adeguato!!) DIFFICOLTA DI ELABORAZIONE E DI GESTIONE DEGLI ALIMENTI SOLIDI AFFATICAMENTO O ALLUNGAMENTO DEI TEMPI DURANTE IL PASTO

26 INTERVENTI PER DISFAGIA/PRESBIFAGIA In relazione al grado di difficoltà di deglutizione l intervento deve porsi alcuni principali obiettivi: Prevenire l aspirazione e favorire una deglutizione sicura (deglutizione funzionale) Mantenere o recuperare un adeguato stato nutrizionale Migliorare la qualità di vita

27 INTERVENTI PER DISFAGIA/PRESBIFAGIA DIRETTI ALLA PERSONA approccio adeguato durante l alimentazione strategie di compenso posture facilitanti (sostituiscono la posizione fisiologica del capo e del collo durante l alimentazione e agiscono deviando la traiettoria del bolo dalle strutture compromesse) riabilitazione logopedica (deve riguardare anche mobilità, forza, sensibilità oro-faringo-laringee, oltre a individuare la consistenza adeguata dei cibi) INDIRETTI interventi dietetici ausili

28 INTERVENTI PER DISFAGIA/PRESBIFAGIA Tutto è possibile solo dopo un ATTENTA VALUTAZIONE del caso Necessità della presa in carico di tipo MULTIDISCIPLINARE

29 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 2 - SCREENING Indicato almeno per ogni ospite/utente nuovo o con improvvise modificazioni funzionali generali (prima dell assunzione del pasto) Se possibile farlo effettuare da personale specializzato (Logopedista)

30 SCREENING Water Swallow test (Test dell acqua): sono usate diverse quantità d acqua (a partire da 10ml) in tempi diversi con bicchiere Bedside Swallowing Assesment (BSA): osservare livello di coscienza, presenza di secrezioni, disfonia, disartria, tosse volontaria, voce gorgogliante,. per evidenziare il grado di rischio

31 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 3 VALUTAZIONE SPECIALISTICA Le persone individuate con caratteristiche di disfagia o a rischio dovrebbero effettuare ulteriore valutazione clinica, entro breve tempo, che può prevedere: prove con cibi di diversa consistenza, tecniche posturali, manovre di deglutizione, stimolazione sensoriale, esame delle funzioni orali. VALUTAZIONE LOGOPEDICA (Comprende val. linguaggio e delle funzioni cognitive)

32 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 3 VALUTAZIONE SPECIALISTICA Esami strumentali: da considerare almeno quando, alla valutazione, la ratio di rischi/beneficio nel procedere con prove di cibi è scarsa, se ci sono dubbi sulle opzioni di gestione futura, per chiarire la diagnosi VIDEOLARINGOSCOPIA (con prove di deglutizione) VIDEOFLUOROSCOPIA passo la parola

33 L approccio adeguato RACCOMANDAZIONE GENERALE Si valuta lo stato di coscienza Nulla per bocca fino alla possibilità dell utente di: 1. Rispondere con qualsiasi canale comunicativo 2. Stare seduto con appoggio

34 PREMESSE INDIPENDENTEMENTE DA DISFAGIA/PRESBIFAGIA POSTURE: GARANTIRE POSIZIONE CORRETTA RELAZIONE: PORSI ALLA STESSA ALTEZZA DELL OSPITE RISPETTARE I TEMPI DELLA DEGLUTIZIONE SOMMINISTRARE CIBO ADEGUATO ALLE CAPACITA

35 PER QUANTO RIGUARDA IL CIBO. premesse ASSICURARSI CHE OMOGENEITA, CONSISTENZA E TIPO DI CIBO E LIQUIDI SIANO FORNITI COME PRESCRITTO ASSICURARSI CHE L ALIMENTAZIONE VENGA INIZIATA IN ACCORDO CON LE TECNICHE SPECIFICHE RACCOMANDATE DALLO SPECIALISTA DI RIFERIMENTO MONITORARE L ASSUNZIONE ORALE ASSICURASI CHE I FARMACI VENGANO SOMMINISTRATI IN CONDIZIONI DI SICUREZZA

36 UNA BUONA IGIENE ORALE PUO STIMOLARE LA PRODUZIONE DI SALIVA E IL GUSTO ASSICURARE UN AMBIENTE TRANQUILLO (no tv e/o radio) ASSICURARSI CHE L UTENTE L SIA SVEGLIO, RIPOSATO E SENZA DOLORE VERIFICARE LE ABILITA DELL UTENTE A COMUNICARE DIFFICOLTA NELLA DEGLUTIZIONE

37 CONTROLLARE LA BOCCA DELL UTENTE PER RIMUOVERE LA RIMANENZA DI CIBO.E PROVVEDERE ALL IGIENE ORALE MANTENERE L UTENTE L ALZATO PER MINUTI MONITORAGGIO: - controllare controllare la quantità di cibo e liquidi ingeriti i dall utente - monitorare monitorare il rumore polmonare e la temperatura a corporea - rivalutare regolarmente le abilità di deglutizione

38 UTENTE SEDUTO: POSIZIONE ERETTA CON LA FLESSIONE DI ANCA E GINOCCHIO AD ANGOLO DI 90 PIEDI APPOGGIATI ORIZZONTALMENTE TRONCO E TESTA IN LINEA MEDIANA, TESTA LEGGERMENTE FLESSA CON IL MENTO BASSO SE L UTENTE L HA IL CAPO INSTABILE, E E POSSIBILE SUPPORTARLO CON UNA MANO SULLA FRONTE E SCONSIGLIATO L USO L DEL COLLARINO CERVICALE Immagine tratta da Disfagia.eat Travalca Cupillo, Sukkar, Spadola Bisetti

39 UTENTE COSTRETTO A LETTO : Immagine tratta da Disfagia.eat Travalca Cupillo, Sukkar, Spadola Bisetti

40 LA PERSONA CHE SOMMINISTRA IL PASTO, DOVREBBE SEDERSI TENENDO GLI OCCHI ALLA STESSA ALTEZZA O PIU IN BASSO DI CHI DEVE MANGIARE EVITARE DI CHIEDERE ALL UTENTE DI PARLARE MENTRE MANGIA SOMMINISTRARE PICCOLE QUANTITA DI CIBO ALLA VOLTA L ALTERNANZA DI LIQUIDI E SOLIDI (se concessa dallo specialista) PUO AIUTARE A PULIRE LA GOLA INCORAGGIARE LA TOSSE DOPO LA DEGLUTIZIONE (o lo schiarimento di gola) INCORAGGIARE RIMOZIONE DI RESIDUI CON LA LINGUA

41 NON LASCIARE MAI L UTENTE L DA SOLO MENTRE MANGIA O BEVE EVITARE L ESTENSIONE L DEL COLLO UTILIZZARE AUSILI ADEGUATI, PER ES. TAZZE CON COPERCHIO E UNA PICCOLA APERTURA LATERALE (può aiutare a rallentare l assunzione di liquidi). EVITARE L UTILIZZO DI CANNUCCE O SIRINGHE PER LA DIFFICOLTA DI CONTROLLARE IL FLUSSO DEI LIQUIDI E SEMI-LIQUIDI ESSERE PREPARATI ALLE MANOVRE DI EMERGENZA RELATIVE AL SOFFOCAMENTO

42 IGIENE DEL CAVO ORALE Una buona igiene del cavo orale dovrebbe essere mantenuta negli utenti disfagici in particolare in quelli con PEG O SNG. L IGIENE DEL CAVO ORALE: FAVORISCE L UMIDIFICAZIONE DELLA MUCOSA ORALE STIMOLA LA SALIVAZIONE EVITA CHE I RESIDUI SI STACCHINO DALLA MUCOSA ORALE CON CONSEGUENTE RISCHIO DI ASPIRAZIONE

43 Langmore (1988). Ha dimostrato che i pazienti con scarsa igiene del cavo orale associata a problemi di deglutizione corrono maggiori rischi di sviluppare una polmonite ab-ingestis

44 FARMACI LA SOMMINISTRAZIONE SICURA DI FARMACI E ESSENZIALE CONSULTARE UN FARMACISTA SUL METODO PIU APPROPRIATO DI SOMMINISTRAZIONE DEL FARMACO (non tutte le compresse possono essere schiacciate) PER PAZIENTI CHE HANNO UNA MALATTIA COME IL M. di PARKINSON O LA MIASTENIA GRAVE è importante che i farmaci siano somministrati ad orari precisi

45 Importante 1. Il monitoraggio del pasto e della qualità dei cibi assunti 2. Il continuo monitoraggio del consumo di liquidi 3. Intervento nutrizionale del team multidisciplinare e educazione del paziente e dei familiari 4. Quando le strategie dietoterapiche per via orale divengono parzialmente o totalmente insufficienti conducendo il paz. a non nutrirsi autonomamente si giunge alla N.E.

46 RICAPITOLANDO.. IN CASO DI DISFAGIA LA POSIZIONE CORRETTA E L EVENTUALE POSTURA DI COMPENSO DEVE ESSERE VALUTATA IN ACCORDO CON GLI SPECIALISTI TRA LE CARATTERISTICHE DEL CIBO LE PIU IMPORTANTI: CONSISTENZA E OMOGENEITA L ASSUNZIONE DI ACQUA, QUANDO CONSENTITA DALLO SPECIALISTA, DEVE AVVENIRE SOLO DOPO AVER ELIMINATO OGNI RESIDUO DI CIBO DALLA BOCCA (ES. A FINE PASTO) LE SCELTE SPECIFICHE DIPENDONO DA TIPO E GRADO DI SCOMPENSO

47 SE IL PAZIENTE PRESENTA TOSSE: SE L EPISODIO E IMPORTANTE E SEMBRA NON RISOLVERSI SPONTANEAMENTE ATTIVARE PROTOCOLLO DI EMERGENZA IN USO SE L EPISODIO NON APPARE GRAVE FERMARE L OPERAZIONE D IMBOCCO E ASPETTARE CHE LA TOSSE SI RISOLVA PRIMA DI RIPRENDERE IMPORTANTE SEGNALARE SEMPRE GLI EPISODI, SOPRATTUTTO PER MONITORARNE LA FREQUENZA

48 IN CASO DI DISFAGIA ESEMPI DI CIBI DA EVITARE: PASTINA IN BRODO MINESTRONE CON VERDURE IN PEZZI LEGUMI RISO FETTE BISCOTTATE/PANETTONE POLPETTONE/FRITTATE CON PEZZI DI VERDURE CARAMELLE CIBI IRRITANTI E /O PICCANTI ALCOLICI

49 IN CASO DI PRESBIFAGIA oltre a postura, relazione, tempi RISPETTARE L AFFATICAMENTO E/O L ALLUNGAMENTO DEI TEMPI DURANTE IL PASTO PREFERIRE ALIMENTI SEMISOLIDI O SOLIDI MORBIDI (O SCHIACCIABILI) AD ALTA COMPONENTE DI COESIONE E SCIVOLOSITA

50 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA PIANO DI GESTIONE (riabilitativo e/o di modificazione alimentare) Dovrebbe essere concordato e comunicato ai pz. (familiari, assistenti privati) e a tutti i membri del team di assistenza e cura. La documentazione sullo stato nutrizionale e di assunzione di liquidi dovrebbe essere riportato di routine nella cartella clinica e infermieristica, regolarmente aggiornate.

51 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 4 INTERVENTI ASSISTENZIALI Tutti gli addetti all assistenza devono avere conoscenze e abilità per alimentare in SICUREZZA la persona con disfagia La persona individuata come disfagica o a rischio >> deve effettuare valutazione supplementare (logopedista o medico esperto)

52 DALLE LINEE D INDIRIZZO PROTOCOLLO GESTIONE DISFAGIA fase 4 INTERVENTI ASSISTENZIALI Il personale di assistenza: deve assicurarsi che la struttura, il tipo di cibo e la consistenza corrispondano alle prescrizioni date (qualità e quantità) le tecniche di alimentazione siano intraprese in accordo con i metodi specifici raccomandati dagli specialisti deve monitorare la quantità di cibo assunta per assicurare un adeguata nutrizione ed idratazione E QUINDI CORRESPONSABILE passo la parola

53 CARATTERISTICHE FISICHE DEGLI ALIMENTI LA SCELTA DEL CIBO DEVE RISPONDERE ALLE SEGUENTI NECESSITA NUTRIZIONALI: APPORTO CALORICO E IDRICO CAPACITA DI DEGLUTIZIONE PREFERENZE DELLA PERSONA

54 Caratteristiche fisiche degli alimenti 1. CONSISTENZA; 2. GRADO DI COESIONE 3. OMOGENEITA 4. VISCOSITA 5. DIMENSIONI 6. TEMPERATURA 7. COLORE 8. SAPORE 9. APPETIBILITA

55 La consistenza La caratteristica è diversa a seconda del tipo di deficit rilevato. LIQUIDI Sono utili quando la sola difficoltà del paziente è presentata dalla masticazione; Sono invece i più difficili da deglutire in caso di disfagia.l agente più a rischio è l acqua, perché inodore, insapore, incolore.

56 La consistenza RICORDIAMO CHE: L ACQUA insieme a THE e TISANE prive di zucchero presentano meno rischi di Infezioni polmonari.

57 LIQUIDI DENSI: La consistenza Sono rappresentati da bevande che danno luogo a infiammazioni a carico dell apparato Broncopolmonare, come: Latte, Yogurt da bere e succhi con polpa.

58 La Consistenza SEMISOLIDI: Necessitano di una modesta preparazione orale. Sono i gelati, granite,passati di verdure,yogurt, creme, semolini, frullati e omogeneizzati di frutta (preparati dove prevale la % liquida)

59 La Consistenza SEMISOLIDI: Polenta, semolino,crema di riso,passati di verdura densi,omo carne o pesce, formaggi cremosi uova alla coque, budini e mousses. E necessario una preparazione orale più impegnativa della dieta semiliquida ma non è necessaria masticazione.

60 La Consistenza SOLIDI: E una dieta riservata ai pazienti con compromissione di bassa entità e con masticazione conservata in parte. Prevedono: Pasta e gnocchi, ben cotte e ben condite,lasagne, uova sode,pesce diliscato,verdure cotte non filose formaggi tipo crescenza,soufflè, pane da tramezzini,banana e mela cotta.

61 Grado di coesione Gli alimenti che sono serviti devono garantire compattezza durante tutto il passaggio del canale alimentare senza sbriciolarsi o frammentarsi. Sono da evitare quindi : Creakers,grissini,biscotti,pastina in brodo,riso, frutta secca.

62 Omogeneità Il cibo deve presentarsi della stessa consistenza e dimensione Sono controindicati piatti quali il minestrone di verdure in pezzi e la pastina in brodo.

63 Viscosità Il cibo servito deve presentare un grado di scivolosità per una deglutizione più facile. Sono da evitare tutti i cibi secchi. Consigliato l uso di lubrificanti quali vegetali, burro, panna ect.

64 Dimensioni Importante sono: Porzionamento; Dimensioni del boccone Varieranno a seconda del tipo di alterazione della deglutizione

65 Temperatura La temperatura simile a quella corporea non stimola la percezione del boccone durante le fasi della deglutizione; Le temperature devono essere più calde o più fredde di 36-37

66 Colore Il colore del cibo è importante per i pazienti portatori di cannula tracheale. Il colore deve essere differente dalle secrezioni tracheo-bronchiali

67 Sapore Importante rispettare i gusti e le preferenze dell anziano. RICORDARE Sapore acido, amaro, piccante, possono aumentare il rischio di aspirazione per scarso controllo linguale, ipomobilità faringea

68 Sapore Viceversa gli stessi sapori possono aiutare in caso di ridotta sensibilità; Il sapore acido, ha l effetto di aumentare la secrezione salivare (quindi da evitare in caso di scialorrea).

69 Appetibilità L aspetto deve essere curato e le portate distinte. La Preparazione deve tener conto di suggerimenti quale: la frullatura del cibo.

70 Appetibilità (frullatura) La carne deve essere ben cotta e tagliata in piccoli pezzi o macinata prima di essere frullata od omogeneizzata: successivamente filtrare gli alimenti frullati per rimuovere i frustoli I liquidi devono essere aggiunti gradualmente: l eccesso può modificare il sapore e la consistenza del cibo I cibi dopo la frullatura e prima del consumo devono essere refrigerati o mantenuti >di 65.

71 Modificatori di consistenza La consistenza può essere modulata e adeguata alle esigenze del paziente. Si possono usare : 1. Addensanti naturali o artificiali; 2. diluenti; 3. Lubrificanti.

72 Modificatori di consistenza (Addensanti) Gelatine, polveri,dadi, fogli di colla di pesce Possono essere aggiunti alle bevande senza alterarne il sapore es. fecola di patate e farine cereali o farine istantanee: Variano la consistenza al momento della somministrazione in modo graduale (Minestre)

73 Modificatori di consistenza Addensanti Addensanti istantanei artificiali possono essere aggiunti ad alimenti liquidi o semisolidi, caldi o freddi mantenendo la consistenza ottenuta nel tempo senza modificare il gusto ed il colore del cibo o della bevanda.

74 USO DELL ADDENSANTE LA CONSISTENZA DA RAGGIUNGERE CON L ADDENSANTE VIENE DECISA DAL LOGOPEDISTA IN BASE ALLE CARATTERISTICHE DI SCOMPENSO PRESENTI Esempi di classificazione Succo di frutta Frutta cotta Yogurt/budino

75 Modificatori di consistenza Diluenti Utili per diminuire la consistenza delle diverse preparazioni come: brodo vegetale o di carne,l acqua, il latte, la panna, i succhi di frutta e di verdura.

76 Modificatori di consistenza Lubrificanti Olio vegetale, burro, maionese besciamella.

77 Modificatori di consistenza Integratori modulari Sono da utilizzarti per le supplementazioni di un singolo nutriente (glucidi,proteine, lipidi,proteine, fibre, vitamine, sali miner), o per completare l intake calorico. Possono essere miscelate ai piatti senza alterarne il sapore.

78 Integratori liquidi- densi Sono da considerarsi supplementazioni nutrizionali con indicazioni ben specifiche. Sono bevande dense aromatizzate con diverse composizioni ipercaloriche iperproteiche ect.

79 Alimenti a consistenza modificata Preparazioni in polvere di alimenti arrichiti in vitamine e Sali minerali e/o proteine già pronti da diluire con composizione nutrizionale nota per porzione.

80 Alimenti a consistenza modificata IMPORTANTE ricordare che nel paz. con disfagia la produzione di piatti deve avere un adeguata consistenza, anche per evitare sazietà precoce causata dal volume delle preparazione a scapito della composizione calorico proteica passo la parola

81 PROPOSTA DELLA GESTIONE DELLA DISFAGIA IN ISTITUTO: ESPERIENZA I.P.A.B. PROTI SALVI TRENTO Logopedista Bonin Silvia

82 ESPERIENZA IPAB Dati disfagia in alcuni reparti: 26-46% Protocollo disfagia: recentemente implementato dal Servizio di Logopedia per descrivere le fasi dell intervento logopedico con il soggetto disfagico in Casa di Riposo (anche su stimolo delle linee d indirizzo) Logopedista Bonin Silvia

83 ESPERIENZA IPAB Formazione al personale: sono state effettuate varie esperienze formative Formazione ai familiari Gruppi Alimentazione : formula vincente! Logopedista Bonin Silvia

84 ESPERIENZA IPAB Uno dei VANTAGGI: la collaborazione con il Servizio di Cucina (es. menù tritato e menù frullato) Uno degli SVANTAGGI: la mancanza del Dietista (anche se.) Logopedista Bonin Silvia

85 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE INFERMIERE OPERATORI D ASSISTENZA GRUPPO ALIMENTAZIONE COORDINATORE DI REPARTO LOGOPEDISTA MULTIDISCIPLINARIETA Logopedista Bonin Silvia

86 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE OBIETTIVI GENERALI Curare l aspetto dell alimentazione per garantire una qualità di vita dignitosa alla persona e un servizio offerto in sicurezza Conoscenza delle competenze specifiche dei singoli professionisti Condivisione degli obiettivi e delle modalità di lavoro garantendo un fertile passaggio di informazioni Logopedista Bonin Silvia

87 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE OBIETTIVI SPECIFICI Condivisione delle conoscenze relative ai singoli ospiti (monitoraggio, verifica, valutazione) Elaborazione di un progetto personalizzato/piano NUTRIZIONALE Condivisione delle decisioni sulla gestione organizzativa del momento del pasto Controllare le complicanze da disfagia Prevenire l ospedalizzazione e la malnutrizione Ritardare l alimentazione artificiale Segnalazione dei nuovi casi Logopedista Bonin Silvia

88 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE COME OPERA IL GRUPPO Frequenza: 1 volta al mese per 1 ora in orario di servizio. Modalità: ogni professionista porta la propria valutazione specifica; discussione del caso; stesura del progetto individualizzato di intervento Logopedista Bonin Silvia

89 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE COME OPERA IL GRUPPO Modalità: compilazione di una scheda personale dell ospite, contenente le strategie di intervento, che viene messa a disposizione del personale di reparto, il quale si dovrà attenere a tali disposizioni; verifica delle decisioni prese nel precedente incontro. Logopedista Bonin Silvia

90 IL GRUPPO ALIMENTAZIONE COME OPERA IL GRUPPO Strumenti: quaderno con le schede personali di ogni ospite a disposizione del reparto per consultazione; tabella riassuntiva dei cibi e delle modalità d assunzione; quaderno per i verbali di gruppo con possibilità da parte del personale non direttamente coinvolto nel gruppo di aggiungere le proprie impressioni. Logopedista Bonin Silvia

91 CONCLUSIONI PRIMA EQUIPE Ognuno fa per conto proprio finalità diverse no passaggio di informazioni poche segnalazioni DOPO EQUIPE condivisione degli obiettivi stesse modalità di intervento migliore comunicazione a più livelli più segnalazioni e scambi di impressioni più responsabilità più collaborazione Logopedista Bonin Silvia

92 CONCLUSIONI PRIMA EQUIPE disgregazione disorganizzazione dispendio di energie scarso riconoscimento a livello istituzionale DOPO EQUIPE buona integrazione organizzazione buon impiego delle risorse più considerazione e risposte Logopedista Bonin Silvia

93 CONCLUSIONI PRIMA OSPITE pochi risultati poca sicurezza per l ospite poca continuità di intervento poca possibilità di verifica delle proposte (poche) DOPO OSPITE risultati migliori più sicurezza per l ospite più continuità di intervento più proposte di intervento più possibilità di verificare l efficacia di una proposta più possibilità di sperimentare modalità diverse Logopedista Bonin Silvia

94 CONCLUSIONI PRIMA OSPITE impossibilità di attuare un piano personalizzato DOPO OSPITE possibilità di attuare un piano personalizzato Logopedista Bonin Silvia

95 CONCLUSIONI PRIMA LAVORO frammentato fragile tanto inutile DOPO LAVORO costruttivo prezioso di qualità solido, che ha tenuta incisivo Logopedista Bonin Silvia

96 CONCLUSIONI PRIMA PER NOI senso di frustrazione di inutilità, di impotenza fatica passività immobilità demotivazione e abbandono DOPO PER NOI più autostima gratificazione soddisfazione più consapevolezza corresponsabilità motivazione e determinazione Logopedista Bonin Silvia

97 Grazie dell attenzione!!!!!. E vi auguriamo di lavorare prossimamente insieme!

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Luca Pantarotto Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Fisiologia della deglutizione atto complesso che implica l utilizzo coordinato e sincrono della

Dettagli

LA DEGLUTIZIONE NELL ANZIANO

LA DEGLUTIZIONE NELL ANZIANO LA DEGLUTIZIONE NELL ANZIANO a cura delle logopediste dell ASL TO 4 Dott.ssa R. Andreo- Dott.ssa G.Bonoroch- Dott.ssa P.Rampone Dott.ssa S.Valcasser S.C. R.R.F. A-B Ciriè Chivasso S.C. R.R.F. C Ivrea DEGLUTIZIONE

Dettagli

Con il termine DISFAGIA si intende la difficolta di convogliare i cibi di consistenza diversa o mista nell apparato digerente,indipendentemente dal

Con il termine DISFAGIA si intende la difficolta di convogliare i cibi di consistenza diversa o mista nell apparato digerente,indipendentemente dal Con il termine DISFAGIA si intende la difficolta di convogliare i cibi di consistenza diversa o mista nell apparato digerente,indipendentemente dal motivo che ha generato questo disturbo Penetrazione!

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

VADEMECUM PER IL PAZIENTE FAMIGLIARE-CAREGIVER

VADEMECUM PER IL PAZIENTE FAMIGLIARE-CAREGIVER COMUNE DI GRADO CASA DI RIPOSO SERENA VADEMECUM PER IL PAZIENTE FAMIGLIARE-CAREGIVER Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico 1 2 La difficoltà a deglutire (disfagia) rende necessario

Dettagli

nei normo-nutritinutriti

nei normo-nutritinutriti DISFAGIA screening,valutazione e gestione nei reparti per acuti NUTRIZIONE E/O ALIMENTAZIONE PER LA PERSONA DISFAGICA dietista Elena Giuliani NUTRIZIONE E/O ALIMENTAZIONE PER LA PERSONA DISFAGICA OBIETTIVI

Dettagli

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Organi deputati alla deglutizione 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Riconoscere i problemi della persona anziana con malattie croniche e/o disabilità ed i relativi interventi infermieristici,

Dettagli

IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA

IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA IL MORBO DI PARKINSON E LA DISFAGIA Persona (anziane) affette da M.P. possono andare incontro a malnutrizione per fattori psicosociali, fisici, ma anche per possibili specifiche disfunzioni deglutitorie

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER. Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico

OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER. Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico 2 La difficoltà a deglutire (disfagia) rende necessario adottare alcune modifiche

Dettagli

QUANDO LA DEGLUTIZIONE DIVENTA DIFFICILE

QUANDO LA DEGLUTIZIONE DIVENTA DIFFICILE QUANDO LA DEGLUTIZIONE DIVENTA DIFFICILE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Ottobre Dicembre 2011 CHE COS E LA DEGLUTIZIONE? Passaggio di sostanze solide, liquidi e/o miste dall esterno

Dettagli

VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA

VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA Azienda USL Pescara U.O.S. Assistenza Intermedia Dirigente Responsabile: Dott. ssa Mirella Scimia P.C.A. Nutrizione Artificiale a Domicilio Nutrizione Enterale VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DELLA DISFAGIA

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO Gentile Utente, questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli per la gestione della persona con disfagia. Nel nostro Ospedale può

Dettagli

Difficoltà di deglutizione

Difficoltà di deglutizione Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Giovanni Battista Camurri - Direttore Difficoltà di deglutizione (disfagia) Consigli per pazienti e loro familiari Introduzione Mangiare

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

Deglutizione. Logopedista Angela Di Palma

Deglutizione. Logopedista Angela Di Palma Deglutizione Logopedista Angela Di Palma GLI ACCORGIMENTI PER FACILITARE LA DEGLUTIZIONE E RENDERLA SICURA SO RICONDUCIBILI A 4 CATEGORIE DI INTERVENTO: 1. limitare e/o modificare i tipi di alimenti presenti

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi

LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI. Obiettivi e aspetti pratico-applicativi LA DIETA SEMILIQUIDA NEL DIETETICO DI STRUTTURE PER ANZIANI Obiettivi e aspetti pratico-applicativi SERVIZIO DI DIETETICA ASL TO 4 Dietiste Liliana Vianello Daniela Rolfo Sonia Zarlottin Amalia Narracci

Dettagli

La disfagia possibilità di intervento nutrizionale. Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S.

La disfagia possibilità di intervento nutrizionale. Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. La disfagia possibilità di intervento nutrizionale Dr. Carlo Pedrolli U.O.S. di Dietetica e Nutrizione Clinica Ospedale S. Chiara TRENTO SCALA PER LA DEGLUTIZIONE Abitudini alimentari normali 10. Deglutizione

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Clinical Cornelia Day

Clinical Cornelia Day Clinical Cornelia Day Serena Tursi Dietista DH pediatria Malattie Metaboliche, Dipartimento di Pediatria A.O. San Gerardo di Monza Problematiche fisiologiche : Come, quanto e in che modo? RISCHIO MALNUTRI

Dettagli

DISFAGIA COME RICONOSCERLA ED AFFRONTARLA. A cura di Ivana Corongiu e Anna Laura Ledda Logopediste ASL5 Oristano

DISFAGIA COME RICONOSCERLA ED AFFRONTARLA. A cura di Ivana Corongiu e Anna Laura Ledda Logopediste ASL5 Oristano DISFAGIA COME RICONOSCERLA ED AFFRONTARLA A cura di Ivana Corongiu e Anna Laura Ledda Logopediste ASL5 Oristano U.O SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA E

Dettagli

Subocclusione intestinale e Nutrizione

Subocclusione intestinale e Nutrizione Subocclusione intestinale e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire,

Dettagli

TIPI DI DISFAGIA 02.10.2013. Isabella Antonini Fisioterapista diplomata, coordinatrice deglutizione 1 DEFINIZIONE DI DISFAGIA

TIPI DI DISFAGIA 02.10.2013. Isabella Antonini Fisioterapista diplomata, coordinatrice deglutizione 1 DEFINIZIONE DI DISFAGIA DEFINIZIONE DI DISFAGIA Dis - funzione di un meccanismo SICURO di transito degli alimenti o dei liquidi dalla cavità orale allo stomaco. TIPI DI DISFAGIA Nutrizione orale normale Livello di indipendenza

Dettagli

Il problema della malnutrizione nell anziano

Il problema della malnutrizione nell anziano Università degli Studi di Padova Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Infermieristica Clinica in Aree Specialistiche Docente Dott. Fabris Pietro Il problema della malnutrizione

Dettagli

Alimentazione e sistema nervoso

Alimentazione e sistema nervoso Alimentazione e sistema nervoso Assistenza infermieristica Loredana Gandola U.O. Neurologia Ospedale Valduce 1 Nell ambito del bisogno di alimentazione l infermiere che lavora in area neurologica assiste

Dettagli

58 CONGRESSO NAZIONALE SIGG 14 CORSO INFERMIERI SIGG. TORINO, 28 e 29 NOVEMBRE 2013

58 CONGRESSO NAZIONALE SIGG 14 CORSO INFERMIERI SIGG. TORINO, 28 e 29 NOVEMBRE 2013 58 CONGRESSO NAZIONALE SIGG 14 CORSO INFERMIERI SIGG TORINO, 28 e 29 NOVEMBRE 2013 Allo stato attuale l indagine strumentale è di difficile applicabilità nelle RSA: E costosa sia in termini economici che

Dettagli

Titolo dell insegnamento: Aiuto nell assunzione del pasto

Titolo dell insegnamento: Aiuto nell assunzione del pasto Complesso Integrato Columbus Corso per Operatore Socio Sanitario Titolo dell insegnamento: Aiuto nell assunzione del pasto Formatore: Patrizia Magionesi Il momento del pasto rappresenta un momento di grande

Dettagli

Protesi o stenosi esofagee e Nutrizione

Protesi o stenosi esofagee e Nutrizione Protesi o stenosi esofagee e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da

Dettagli

S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013

S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013 S.I.A.N. Servizi di Igiene Alimenti e Nutrizione delle Aziende U.L.S.S. del Veneto Ottobre 2013 Gli obiettivi Fornire uno strumento per definire, migliorare, ed uniformare i sistemi di ristorazione dedicati

Dettagli

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

BestPractice. Gestione della disfagia da compromissione neurologica. (livello III e IV) sia sulle opinioni di esperti.

BestPractice. Gestione della disfagia da compromissione neurologica. (livello III e IV) sia sulle opinioni di esperti. http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad BestPractice Informazioni evidence based per la pratica della professione infermieristica Gestione della disfagia da compromissione neurologica Questo numero

Dettagli

Il paziente disfagico: inquadramento clinico e aspetti riabilitativi

Il paziente disfagico: inquadramento clinico e aspetti riabilitativi Attualità nelle cure del paziente anziano nelle strutture riabilitative e residenziali Genova,4 Dicembre 2014 CISEF Il paziente disfagico: inquadramento clinico e aspetti riabilitativi Dott.ssa Paola Castellini

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

SICUREZZA NUTRIZIONALE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. Dott.ssa Beatrice Novella Specialista in Scienza dell Alimentazione

SICUREZZA NUTRIZIONALE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. Dott.ssa Beatrice Novella Specialista in Scienza dell Alimentazione SICUREZZA NUTRIZIONALE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO 1. Dott.ssa Beatrice Novella Specialista in Scienza dell Alimentazione Corretta alimentazione rappresenta un determinante di salute Aspetto nutrizionale

Dettagli

ELENCO SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI ORALI (ONS) * 2.1 Supplementi nutrizionali orali a composizione standard

ELENCO SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI ORALI (ONS) * 2.1 Supplementi nutrizionali orali a composizione standard ELENCO SUPPLEMENTI NUTRIZIONALI ORALI (ONS) * 2.1 Supplementi nutrizionali orali a composizione standard 2.2 Supplemento orale a composizione specifica 2.3 Supplemento orale modulare (fornisce solo un

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

La Disfagia. (disturbo della deglutizione) VILLA MELITTA PRIVATKLINIK CASA DI CURA PRIVATA. Epiglottide. Palato molle. Bolo. Sfintere superiore

La Disfagia. (disturbo della deglutizione) VILLA MELITTA PRIVATKLINIK CASA DI CURA PRIVATA. Epiglottide. Palato molle. Bolo. Sfintere superiore VILLA MELITTA PRIVATKLINIK CASA DI CURA PRIVATA La Disfagia (disturbo della deglutizione) A. Fase orale B. Fase faringea Epiglottide Bolo Palato molle Glottide Trachea Sfintere superiore Esofago Lingua

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

La malnutrizione dell anziano

La malnutrizione dell anziano La malnutrizione dell anziano MEDICO DI FAMIGLIA FAMIGLIA E VICINATO SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SERVIZIO DI IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE Paolo Spinella CASA

Dettagli

LA RIABILITAZIONE LOGOPEDICA. M.Malinverno, E. Lucchini, E. Bissoni A.Ricci Maccarini, M.Magnani

LA RIABILITAZIONE LOGOPEDICA. M.Malinverno, E. Lucchini, E. Bissoni A.Ricci Maccarini, M.Magnani Attualità nella terapia integrata locoregionale delle neoplasie delle vie aeree digestive superiori Taranto, 12-14 Gennaio 2012 TAVOLA ROTONDA Il gruppo multidisciplinare come modello organizzativo nella

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E L ALIMENTAZIONE LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI DANIELA LIVADIOTTI INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione delle funzioni

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE NELLE DISFAGIE NEUROGENE

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE NELLE DISFAGIE NEUROGENE LINEE GUIDA TERAPEUTICHE NELLE DISFAGIE NEUROGENE Antonio SCHINDLER Dipartimento di Scienze Cliniche Università degli Studi di Milano LE LINEE GUIDA Sulla base dei dati emersi dagli studi di OUTCOME, vengono

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

"Quando masticazione e deglutizione diventano un problema..."

Quando masticazione e deglutizione diventano un problema... Consigli per il paziente disfagico 0 La dimissione può rappresentare, per il paziente disfagico e i suoi familiari, un momento difficile perché si ha il timore di non riuscire a gestire i pasti in sicurezza

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE OSPEDALIERA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE OSPEDALIERA CARTA DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE OSPEDALIERA Azienda USL 9 Grosseto - UO Comunicazione URP Aziendale - Stampa ottobre 2013 Gentile Utente, nell'augurarle un sereno soggiorno e una pronta guarigione,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

Svezzamento dalla nutrizione enterale

Svezzamento dalla nutrizione enterale M. Pizzuto, S. Conte, S. D Anna Dipartimento di Medicina, Stroke Unit, Azienda Ulss 10 Veneto Orientale O.C. San Tommaso dei Battuti NUTRIZIONE ENTERALE: SNG, PEG O NPT? Per disfagia si intende difficoltà

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA

IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA IL PAZIENTE AD ALTA COMPLESSITA SANITARIA L ASPETTO ASSISTENZIALE SUL TERRITORIO A DOMICILIO E IN RESIDENZA Dott.ssa Laura Traverso UO Anziani Savona Dip. Cure primarie IL PAZIENTE AD ALTA INTENSITA E

Dettagli

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14

Firma per presa visione ed accettazione Pagina 1 di 14 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE AI DEGENTI E DI MENSA AL PERSONALE DIPENDENTE E/O ALTRI SOGGETTI AUTORIZZATI. Il DIETETICO OSPEDALIERO sarà costituito dalle

Dettagli

www.alberodeigelati.it

www.alberodeigelati.it www.alberodeigelati.it presenta La Dieta del Gelato a cura di Dott. Claudio Tomella, Medico - Chirurgo specialista in scienza dell alimentazione, nutrizione, medicina anti-aging Presidente Olosmedica COLAZIONE

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia

Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson. Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia Assistenza Infermieristica nella malattia di Parkinson Biella, Ottobre 2013 D.S.Russo Mariangela Struttura Complessa di Neurologia PERCHE L ALIMENTAZIONE HA UN RUOLO DETERMINANTE NELLA MALATTIA DI PARKINSON?

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO

PRONTUARIO DIETETICO Pag. 1/107 File Prontuario Dietetico Rev. 01 Redazione Dott. Patrizia Turcato - Servizio Dietetica Data applicazione 3 gennaio 2011 Verifica Dr. Mauro Bertassello - Direttore Presidi Ospedalieri Copia

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA CORRETTA SOMMINISTRAZIONE DEL VITTO

PROTOCOLLO PER LA CORRETTA SOMMINISTRAZIONE DEL VITTO PROTOCOLLO PER LA CORRETTA SOMMINISTRAZIONE DEL VITTO OBIETTIVO Definire modalità operative al fine di identificare e conseguentemente trattare condizioni di alimentazione non corretta. DESTINATARI Tutti

Dettagli

RUOLO DEI SIAN NELLA RISTORAZIONE ASSISTENZIALE

RUOLO DEI SIAN NELLA RISTORAZIONE ASSISTENZIALE RUOLO DEI SIAN NELLA RISTORAZIONE ASSISTENZIALE Settimo Torinese, 16 novembre 2011 Ciriè, 24 novembre 2011 Ivrea, 28 novembre 2011 Dietisti Simone Depau, Anna Maria Marzullo Sara Richeda, Manuela Sciancalepore

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente

L importanza importanza mportanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una g uida guida per per ilil p aziente paziente L importanza della Nutrizione nella Sclerosi Laterale Amiotrofica Una guida per il paziente 1 Che cos è la Sclerosi Laterale Amiotrofica? La Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è una malattia neurodegenerativa

Dettagli

associazione per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili NUTRIZIONE

associazione per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili NUTRIZIONE associazione per lo studio delle atrofie muscolari spinali infantili NUTRIZIONE Alimentazione e SMA: una ricerca personale Una corretta alimentazione è fondamentale per lo sviluppo del bambino in generale.

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

I disturbi di deglutizione

I disturbi di deglutizione FONDAZIONE SALVATORE MAUGERI CLINICA DEL LAVORO E DELLA RIABILITAZIONE I.R.C.C.S. Istituto Scientifico di Pavia Divisione Recupero e Rieducazione Funzionale sez. Riabilitazione Neuromotoria F S M Centro

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

NUTRIZIONE ARTIFICIALE

NUTRIZIONE ARTIFICIALE Prontuario Ospedaliero NUTRIZIONE ARTIFICIALE AslCN2 Maggio 2014 Indice Prodotti nutrizionali per sonda.pag. 3 Standard: NUTRISON 500 ml flacone Proteica: ISOSOURCE PROTEIN 500 ml smartflex Energetica:

Dettagli

CASO CLINICO: IL RUOLO DEL DIETISTA

CASO CLINICO: IL RUOLO DEL DIETISTA DISFAGIA E DISTURBI DELLA DEGLUTIZIONE Milano, 4 e 7 aprile 2014 CASO CLINICO: IL RUOLO DEL DIETISTA Dietista Valentina Valentini Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica - Istituto Geriatrico Riabilitativo

Dettagli

3. Consigli e strategie

3. Consigli e strategie Dipartimento delle Professioni Sanitarie Guida al percorso di assistenza nutrizionale in riabilitazione cardiologica Servizio Dietetico Responsabile: Dr.ssa Maria Luisa Masini 3. Consigli e strategie Raccomandazioni

Dettagli

BILANCIO IDRICO E DIETA EQUILIBRATA : LA NOSTRA ESPERIENZA

BILANCIO IDRICO E DIETA EQUILIBRATA : LA NOSTRA ESPERIENZA BILANCIO IDRICO E DIETA EQUILIBRATA : LA NOSTRA ESPERIENZA Per rilevare precocemente i segni di scompenso Informare il paziente Informare il care giver CALCOLARE RIGOROSAMENTE TUTTE LE ENTRATE E TUTTE

Dettagli

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE U.O.S.D. TERAPIA NUTRIZIONALE Centro di Riferimento Regionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare INRCA IRCCS Ancona Responsabile Dott. Paolo Orlandoni MALATTIA DI PARKINSON : LA CORRETTA ALIMENTAZIONE

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

COME VALUTARE LA DISFAGIA?

COME VALUTARE LA DISFAGIA? COME VALUTARE LA DISFAGIA? Corso di Laurea in Logopedia A.A. 2010/2011 C.I. Fono-Logopedia 1 Scienze Tecniche Mediche Applicate in Logopedia IX Audisio Alessia La Rosa Carmen Antonia Maneo Federica Romano

Dettagli

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE

NOTIZIE E CONSIGLI CONSIGLI L'ALIMENTAZIONE VALORI CALORICI E NUTRIZIONALI LA LA COTTURA RICETTARIO GRAMMATURE DELLE RICETTE RICETTE PROPOSTE IL RICETTARIO PREMESSA Strumento utile per chi si occupa di alimentazione all'interno di strutture residenziali per anziani. Contiene ricette proposte ed elaborate da cuochi che lavorano in alcune case

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE

Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE Sclerosi Laterale Amiotrofica e NUTRIZIONE Dott.ssa ITALIA ODIERNA UOC ANESTESIA E RIANIMAZIONE CENTRO NAD II LIVELLO OSPEDALE UMBERTO I NOCERA INFERIORE SALERNO 4 1 i bisogni nutrizionali dei malati di

Dettagli

IDRATAZIONE. Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente

IDRATAZIONE. Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente IDRATAZIONE Indicazioni operative e sensibilizzazione di chi assiste quotidianamente 1 Obiettivo idratazione importante che la persona assuma almeno 1,5-2 litri di acqua/liquidi al dì Nei periodi di caldo

Dettagli

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo.

Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Le 10 regole per una corretta alimentazione nel periodo estivo. Dott.ssa Stefania Marzona Tecnologa Alimentare Incontro pubblico gratuito Come affrontare le vacanze senza problemi promossa dal Distretto

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI

LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI LE DIAGNOSI INFERMIERISTICHE PIANI ASSISTENZIALI Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione PROCEDURA: Barrare le opzioni prescelte Selezionare l obiettivo

Dettagli

L ALIMENTAZIONE nel. Morbo di Parkinson

L ALIMENTAZIONE nel. Morbo di Parkinson L ALIMENTAZIONE nel Morbo di Parkinson La scelta del regime dietetico è condizionata dalla terapia che il paziente segue QUALI FARMACI assume per Morbo di Parkinson? Solo Agonisti della Dopamina Levodopa

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER IL PAZIENTE CHE SI SOTTOPONE A RADIOTERAPIA CHE COINVOLGE CAVO ORALE / OROFARINGE

RACCOMANDAZIONI PER IL PAZIENTE CHE SI SOTTOPONE A RADIOTERAPIA CHE COINVOLGE CAVO ORALE / OROFARINGE REGIONE VENETO Azienda U.L.S.S. N. 9 Treviso DIPARTIMENTO DI ONCOLOGIA UNITÀ COMPLESSA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA DIRETTORE : DOTT. ALESSANDRO GAVA RACCOMANDAZIONI PER IL PAZIENTE CHE SOTTOPONE A RADIOTERAPIA

Dettagli