Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sangue e delle polmoniti associate a procedure invasive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sangue e delle polmoniti associate a procedure invasive"

Transcript

1 Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sangue e delle polmoniti associate a procedure invasive Lorena Martini Responsabile UOS Formazione INMI L. Spallanzani Roma, marzo giugno 2011

2 2 Scaletta Misure di prevenzione e controllo per le infezioni associate ai dispostivi intravascolari. Misure di prevenzione e controllo per le polmoniti associate a ventilazione meccanica.

3 Linee guida di riferimento per la prevenzione infezioni catetere correlate Linee guida CDC Atlanta 2002 Standards INS 2006 Linee guida BCSH 2006 Linee guida EPIC 2007 Linee guida DGHO 2008 Linee guida SHEA/IDSA 2008 Linee guida ESPEN 2009 Standards RCN 2010 DRAFT CDC 2010

4 Prevenzione delle infezioni degli accessi venosi quando, come e perche? Prima dell inserimento Al momento della inserzione Dopo l inserimento Responsabilità

5 Prima dell inserimento Educare il personale sanitario coinvolto nell inserimento, cura e gestione del CVC alla prevenzione delle batteriemie catetere correlate -CRBSI Sherertz RJ et al. Education of physicians-intraining can decrease the risk for vascular catheter infection. Ann Intern Med 2000; Eggimann P. Impact of a prevention strategy targeted at vascular-access care on incidence of infections acquired in intensive care. Lancet 2000; Warren DK et al. The effect of an education program on the incidence of central venous catheter-associated bloodstream infection in a medical ICU. Chest 2004.

6 Il ruolo della formazione nella prevenzione delle CRBSI

7 Insoddisfacente la conoscenza delle LG sulle infezioni CVC-correlate La disponibilità di LG scientificamente valide non sempre corrisponde a una diffusa conoscenza delle raccomandazioni in esse contenute. Con un indagine condotta a livello europeo, l EVIDENCE research project ha voluto misurare il livello di conoscenza di 10 pratiche raccomandate dai CDC per la prevenzione di infezioni CVCcorrelate presso il personale infermieristico delle Terapie intensive (TI). L indagine, che ha coinvolto infermieri di 22 Paesi europei, ha messo in evidenza un livello medio di corretta conoscenza pari al 44,4%, con una certa variabilità tra le pratiche indagate. Si è visto inoltre che la conoscenza cresce all aumentare degli anni di lavoro in TI ed è più diffusa tra gli infermieri delle TI di piccole dimensioni. I ricercatori raccomandano ai Paesi partecipanti di includere lo studio di LG per la prevenzione di infezioni CVC correlate nei curricula del personale infermieristico e nei programmi di educazione continua in Medicina. Critical Care Medicine 2009; 37(1): 320-3

8 Ambiente appropriato PIV, Midline, PICC, CVC non tunn. bedside CVC tunnellizzati e port Sala operatoria o sala radiologica o day hospital o ambulatorio? Ogni luogo va bene, purchè: Massime precauzioni di barriera Luogo dedicato, pulito, sanificabile

9 Sala operatoria Sala radiologica Day hospital

10 All inserimento Usare una checklist per assicurare l'aderenza alle pratiche di prevenzione delle infezioni al momento dell'inserimento CVC. a. Utilizzare la checklist per garantire e documentare il rispetto con tecnica asettica. - inserimento CVC dovrebbe essere eseguito da un medico, infermiere, o altro personale sanitario che abbia ricevuto formazione, per garantire tecnica asettica. b. Questo personale sanitario dovrebbe essere autorizzato ad interrompere la procedura, se viene violata tecnica asettica. Tsuchida T, The effectiveness of a nurse-initiated intervention to reduce catheter-associated bloodstream infections in an urban acute hospital: an intervention study with before and after comparison. Int J Nurs Stud 2007

11 All inserimento Igiene mani: quando e come? Igiene mani chirurgica Prima dell inserimento Lavaggio antisettico o soluzione alcolica Prima di manipolare il catetere Dopo aver rimosso i guanti In caso di sospetta contaminazione SHEA/IDSA Infect Control Hosp Epidemiol october 2008

12 Evidence Based JHH 5 Steps to Igiene delle mani Preventing CRBSI Massimo utilizzo delle precauzioni barriera all atto dell inserimento del catetere da parte dell operatore sanitario Antisepsi della cute con Clorexidina 2% in alcool Selezione del sito ottimale per l inserimento del catetere valutazione giornaliera della necessità di mantenimento del catetere venoso centrale, con pronta rimozione quando questa viene a cessare. Institute For Healthcare Improvement s, 2005

13 Usare massime protezioni di barriera Utilizzare maschera, copricapo e guanti sterili Indossare un camice sterile Istruire chiunque assiste ad indossare le stesse barriere Coprire il paziente con un telo sterile GRANDE Garantire locale idoneo, senza rischio di contaminazione SHEA/IDSA Infect Control Hosp Epidemiol october 2008,

14

15 Evidence Based JHH 5 Steps to Igiene delle mani Preventing CRBSI Massimo utilizzo delle precauzioni barriera all atto dell inserimento del catetere da parte dell operatore sanitario Antisepsi della cute con Clorexidina 2% in alcool Selezione del sito ottimale per l inserimento del catetere valutazione giornaliera della necessità di mantenimento del catetere venoso centrale, con pronta rimozione quando questa viene a cessare. Institute For Healthcare Improvement s, 2005

16 Tecnica asettica: quali obiettivi? Rimuovere flora cutanea Ridurre il numero della flora microbica residente e inibire la loro crescita Creare una superficie di antisepsi che agisce come una barriera tra il sito di inserimento e di qualsiasi possibile fonte di contaminazione Preparare la cute con antisettico Clorexidina 2% in alcool isopropilico 70%.

17 L anisettico ideale Clorexidina 2010 La clorexidina è diventato l antisettico di riferimento per la prevenzione delle infezioni associate a catetere intravascolare Linee guida BCSH, EPIC, SHEA/IDSA, ESPEN Raccomandazioni delle più prestigiose associazioni in questo campo AVA, INS, RCN Elemento essenziale di ogni bundle

18 Evidence supporting use of Chlorhexidine: : Skin Prep Meta Analysis Pooled RR for BSI Ann Intern Med. 2002;136:

19 Evidence Based JHH 5 Steps to Igiene delle mani Preventing CRBSI Massimo utilizzo delle precauzioni barriera all atto dell inserimento del catetere da parte dell operatore sanitario Antisepsi della cute con Clorexidina 2% in alcool Selezione del sito ottimale per l inserimento del catetere valutazione giornaliera della necessità di mantenimento del catetere venoso centrale, con pronta rimozione quando questa viene a cessare. Institute For Healthcare Improvement s, 2005

20 Le evidenze indicano che il rischio di infezione da catetere è ridotto: Utilizzo di tunnellizzati/cateteri impiantati (confermato solo in uso a lungo termine) Utilizzo di cateteri rivestiti con antimicrobici(mostrati soltanto in un uso a breve termine) Utilizzo di cateteri ad un lume Utilizzo di accesso periferico (PICC) quando possibile (ESPEN 2009)

21 CVC: esposizione a device

22

23 Scelta del sito di inserzione Cateteri venosi centrali Alto rischio infettivo Collo Approccio blind alla VGI Inguine Approccio blind /ECO alla VF Basso rischio infettivo Area sopraclaveare Approccio ECO a vena anonima o VGI o VS Area sottoclaveare Approccio blind /ECO a VS o vena ascellare

24 Alto rischio infettivo Basso rischio infettivo

25 Tecnica di inserzione Posizionamento blind o ecoguidato? Venipuntura centrale ecoguidata Puntura ecoguidata della vena giugulare interna, della vena anonima, della vena succlavia, della vena ascellare, della vena femorale Venipuntura periferica ecoguidata Puntura ecoguidata della vena basilica, delle vene brachiali, della vena cefalica

26 Utilizzare la venipuntura centrale ecoguidata Posizionamento di: CVC non tunnellizzati CVC a breve termine Cateteri Hohn CVC tunnellizzati Hickman, Groshong, Broviac Port

27 Linee guida EPIC 2007 L uso dell ecografia ecografia può indirettamente ridurre il rischio di infezione facilitando il posizionamento del catetere venoso centrale

28

29

30 Crit Care 2006; 10:162

31 Dopol inserimento inserimento: qualecura cura? Non utilizzare pomate antisettiche. Disinfettare punto di raccordo, connettori e porte d accesso al catetere con clorexidina alcolica o alcol al 70%. Applicare una medicazione sterile al sito di inserimento prima che vengano rimosse le barriere sterili. Medicazioni trasparenti semipermeabili sono da preferire. Sostituire la medicazione quando risulta umida, sporca. SHEA/IDSA Infect Control Hosp Epidemiol october 2008

32 Fissaggio sutureless (Statlock) Ideale per CVC a breve termine, Hohn, PICC, Midline, cateteri esterni tunnellizzati

33 SISTEMI DI FISSAGGIO sutureless Stabilità Sostituzione settimanale Graditi dal personale Graditi al paziente

34 Statlock vs. punti di sutura Svantaggi Statlock Necessità di sostituzione ogni 7 10 gg Svantaggi punti di sutura Necessità know how specifico Rischio puntura per l operatore sanitario Minor comfort paziente Rischio infezione punto di sutura Rischio dislocazione

35 Quale medicazione?

36 Linee guida EPIC Edizione 2007 Ove possibile, preferire le medicazioni trasparenti semipermeabili Maggiore protezione dell exit site Riduzione mobilità dell agocannula Riduzione dislocazioni Riduzione infezioni Riduzione flebotrombosi 36

37 EPIC 2007

38 Draft CDC 2010

39 Evidence Based JHH 5 Steps to Igiene delle mani Preventing CRBSI Massimo utilizzo delle precauzioni barriera all atto dell inserimento del catetere da parte dell operatore sanitario Antisepsi della cute con Clorexidina 2% in alcool Selezione del sito ottimale per l inserimento del catetere valutazione giornaliera della necessità di mantenimento del catetere venoso centrale, con pronta rimozione quando questa viene a cessare. Institute For Healthcare Improvement s, 2005

40 Sostituzione del catere: quando? Rimuovere al più presto. Non utilizzare la tecnica su filo guida per cambiare i cateteri. Cambio su filo guida è accettabile per la sostituzione di un catetere mal funzionante. I pazienti che hanno chiaramente un CRBSI non devono essere sottoposti a cambio su filo guida. SHEA/IDSA Infect Control Hosp Epidemiol october 2008

41 Prevenzione delle infezioni Al momento della gestione delle linee infusionali Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sangue e delle polmoniti associate a procedure invasive Lorena Martini Roma, marzo settembre 2011

42 4. Durante la gestione della linea infusionale Sostituire PIV ogni 3-4 gg Non sostituire periodicamente Midline, PICC e CVC Rimozione dell accesso non più indispensabile Sostituzione periodica linee infusionali Utilizzare linea separata per la NP Lavaggio delle mani + Tecnica asettica Scelta ed utilizzo appropriato dei NeedleFree Connectors Disinfezione hub con clorexidina 2% Protocollo appropriato di lavaggio Non utilizzare filtri in linea Non utilizzare profilassi con lock antibiotico Non utilizzare profilassi antibiotica sistemica

43 Sostituzione linee infusionali Cambiare i set per infusione, non più frequentemente che ad intervalli di 72 ore a meno che non sia sospettata o documentata una infezione associata a catetere. CDC 2002 Replace administration sets not used for blood, blood products, or lipids at intervals not longer than 96 hours (A- II) SHEA/IDSA 2008

44 EPIC 2007 Per la disinfezione di deflussori e linee infusionali, impiegare clorexidina al 2% (preferibilmente in soluzione alcolica, a meno che non controindicato dal produttore) (D/GPP) 44

45 Sappiamo anche cosa non fare? 1. NO alla Profilassi antibiotica sistemica prima e dopo l impianto è controindicata 2. Non sgrassare prima della antisepsi 3. Non inserire cateteri per via chirurgica 4. Non usare pomate antisettiche/antibiotiche eccezione per cat. per dialisi 5. NON dimenticarsi del catetere

46 Polmonite associata a ventilazione meccanica VAP

47 Premessa Copiosa letteratura con controversie su: definizione diagnosi trattamento prevenzione della Polmonite Associata a Ventilazione = VAP

48 Linee Guida di riferimento CDC/HICPAC. Guidelines for Preventing Health Care Associated Pneumonia, Canadian Critical Care Society. Evidence based clinical practice guidelines for the prevention of ventilator associated pneumonia, Ann Intern Med, ATS. Guidelines for the Management of Adults with Hospital acquired, Ventilator associated, and Healthcare associated Pneumonia. Am J Respir Crit Care Med, 2005.

49 Fattori di rischio Device Tubo endotracheale Circuiti respiratori Sondino nasogastrico Procedure assistenziali Posizione supina Trasporto fuori dalla ICU Augustyn B. Critical Care Nursing 2007;27:32-39 Torres A. Intensive Care Med 2009;35:9-29 Paziente Età avanzata Coma Sedazione/alterazione sensorio Malattie respiratorie Personale Non completa adesione a buone pratiche (igiene mani, uso guanti, misure barriera)

50 Prevenzione Misure generali Formazione del personale Implementazione di sistemi efficaci di sorveglianza CDC. Guidelines for Preventing Health-Care-Associated Pneumonia, 2004 Muscedere J. Journal of Critical Care 2008;23: CCM, ASSR-RER. Compendio delle principali misure per la prevenzione e il controllo delle infezioni correlate all assistenza 2009

51 Prevenzione Misure generali La sorveglianza è necessaria per identificare tempestivamente i casi per prevenire la diffusione dei microrganismi ASSR-RER. Dossier 126/2006. Epidemie correlate all assistenza sanitaria. Sorveglianza e controllo.

52 Prevenzione Misure generali INTERRUZIONE DELLA TRASMISSIONE Precauzioni standard - Igiene delle mani - Gestione dispositivi medici pluriuso -. Precauzioni aggiuntive - Isolamento camera singola o coorte - Intensificazione igiene ambientale CDC. Guidelines for Preventing Health-Care-Associated Pneumonia, 2004 CDC. Management of Multidrug- Resistant Organism in Healthcare Setting, 2006 CDC. Guideline for Isolation Precautions: Preventing Transmission of Infectious Agents in Healthcare Setting, 2007 CDC. Guidelines for Disinfection and Sterilization in healthcare facilities, 2008 Dancer S. Lancet Infect Dis 2008;8:

53 Prevenzione Misure specifiche Bundles VAP Elevazione della testata del letto 30-45, se non controindicato Valutazione giornaliera sedazione ed estubazione Profilassi ulcera da stress Profilassi trombosi venosa profonda Igiene cavo orale con Clorexidina Aspirazione continua secrezioni subglottidee (CASS) Institute for Healthcare Improvement. Napolitano L. Curr Opin Infect Dis 2009;22: Rello J. Intensive Care Med 2010;36: Bouza E. Curr Opin Infect Dis 2009;22:

54 Elevazione della testata del letto 30-45, se non controindicato Perché? Riduce il rischio di aspirazione Potenziale per migliorare la ventilazione Questioni individuate e preoccupazioni E confortevole per il paziente? Fa sì che il paziente scivoli nel letto Potenziale per lesioni cutanee Esperienze aneddotiche I pazienti non si lamentano di disagio Nessun aumento significativo documentato in lesioni cutanee

55 Elevazione del letto o Randomized controlled trial: 86 intubated patients on mechanical ventilation assigned to semi-recumbent (45 o ) or supine position Semi-recumbent: Supine: Suspected VAP: 8% 34% (p=0.003) Confirmed VAP: 5% 23% (p=0.018) Drakulovic MB. Lancet 1999; 354:

56 Posizione Postura semiseduta; Cambio posturale; Postura prona; Uso letti chinetici. Tema controverso Staudinger T.,2010; Goldhill D.,2007; Reeve B.,2000; Torres A.,1999; Beuret,2002; Masserole E.,2002; Gattinoni L. et al., 2001; Raoof S. et al.,1999;

57 No posizione prona Posizione semiseduta (40 ) se non controindicato clinicians should consider the use of kinetic beds.

58 La meta-analisi suggerisce che la terapia di rotazione diminuisce l'incidenza di polmonite, ma non ha alcun effetto sulla durata della ventilazione meccanica, numero di giorni in terapia intensiva, o di mortalità ospedaliera. La terapia di rotazione può essere utile per prevenire e trattare le complicanze respiratorie in alcuni pazienti critici sottoposti a ventilazione meccanica.

59 Prevalenza di polmonite associata a ventilazione è risultata significativamente ridotta dal trattamento di rotazione laterale continua. Il trattamento di rotazione laterale ha portato riduzione gg di ventilazione e della degenza.

60

61 Igiene orale Systematic Literature Review of Oral Hygiene Practices for Intensive Care Patients Receiving Mechanical Ventilation Angela M. Berry, Patricia M. Davidson, Janet Masters and Kaye Rolls Am J Crit Care. 2007;16: Objective To appraise the peer-reviewed literature to determine the best available evidence for providing oral care to intensive care patients receiving mechanical ventilation and to document a research agenda for this important activity in optimizing patients outcomes. Methods Articles published from 1985 to 2006 in English and indexed in the CINAHL, MEDLINE, Joanna Briggs Institute, Cochrane Library, EMBASE, and DARE Results The search yielded 55 articles: 11 prospective controlled trials, 20 observational studies, and 24 descriptive reports. Methodological issues and the heterogeneity of samples precluded metaanalysis. Conclusions Despite the importance of providing oral hygiene to intensive care patients receiving mechanical ventilation, highlevel evidence from rigorous randomized controlled trials or highquality systematic reviews that could inform clinical practice is scarce. nonostante l'importanza di garantire l'igiene orale per pazienti sottoposti a VM, la prova di alto livello da rigorosi studi controllati randomizzati o revisioni sistematiche di alta qualità che possano informare la pratica clinica è scarsa.

62 Igiene orale Oral care practices for orally intubated critically ill adults Feider LL, Mitchell P, Bridges E. Am J Crit Care Mar;19(2): OBJECTIVES: To describe oral care practices performed by critical care nurses for orally intubated critically ill patients and compare these practices with recommendations for oral care in the 2005 AACN Procedure Manual for Critical Care and the guidelines from the CDC. CONCLUSIONS: Survey results indicate that discrepancies exist between reported practices and policies. Oral care policies appear to be present, but not well used. I risultati del sondaggio indicano che esistono discrepanze tra le pratiche segnalate e procedure. Procedure sembrano essere presenti, ma non ben utilizzate.

63

64 Aspirazione delle secrezioni Sondino monouso vs. sistema chiuso; Tema controverso

65

66

67 CASS è una procedura sicura che riduce l'uso di antibiotici nella popolazione generale e l'incidenza della VAP in pazienti a rischio. Uso CASS dovrebbe essere incoraggiato, almeno nei pazienti sottoposti a cardiochirurgia.

68 AM J Resp. Crit. Care Med Jun, 3.

69 CASS Specificità in gruppi selezionati Efficacia nella early-onset VAP SSD Raccomandazione: usare SSD nei pazienti con aspettativa di intubazione maggiore di 72 ore

70 Misure di prevenzione VAP personale formato, sorveglianza degli agenti patogeni MDROS adeguato isolamento dei pazienti, Igiene mani, Igiene ambientale possono ridurre il rischio di VAP possono ridurre il rischio di VAP CDC. Guidelines for Preventing Health-Care-Associated Pneumonia, 2004 CDC. Management of Multidrug- Resistant Organism in Healthcare Setting, 2006 CDC. Guideline for Isolation Precautions: Preventing Transmission of Infectious Agents in Healthcare Setting, 2007 CDC. Guidelines for Disinfection and Sterilization in healthcare facilities, 2008 Dancer S. Lancet Infect Dis 2008;8:

71 I microrganismi multifarmacoresistenti MDROs

72 Igiene del paziente Il bagno con clorexidina gluconato al 2% è descritto in letteratura come uno dei componenti del protocollo di decolonizzazione nelle Unità di Terapia Intensiva dove MRSA e VRE sono epidemici Lin MY. Crit Care Med2010; 38:S335-S344

73 Bagno con Clorexidina Studio cross-over Bleasdale SC. Arch Intern Med. 2007;167(19):

74 Evans HL. Arch Surg. 2010;145(3): Bagno con Clorexidina

75 STAFFING LEVEL Forse una delle strategie di prevenzione più importante e sottovalutata è avere un organico adeguato, in particolare nelle unità TI. Crit Care Med 2004 Il personale deve essere in numero adeguato a garantire cure ottimali ai pazienti, permettendo al personale di rispettare pratiche essenziali di controllo delle infezioni e altre strategie di prevenzione. Chest 2004 Respir Care 2005 In uno studio su pazienti sottoposti a chirurgia addominale aortico la riduzione del personale infermieristico è stata associato a tassi significativamente più elevati di complicanze respiratorie e cardiache rispetto ai pazienti che avevano una più alta intensità di cure infermieristiche Heart Lung 2002 Un elevato rapporto infermiere-paziente riduce tassi delle VAP. Crit Care 2007 La carenza di personale, livelli diversi di formazione impattano sul rischio infezioni Curr Opin Infect Dis 2004, Med Care 2007

76 La maggior parte dei ricercatori hanno esaminato personale infermieristico (n = 38; 90%); di questi, solo 7 (18%) non hanno trovato un'associazione statisticamente significativa tra variabile infermiera e tassi di HAI. Impiego di personale non permanente è stato associato ad aumento del tasso di HAI in 4 studi (P <.05).

77 Sappiamo anche cosa non fare Misure di dubbia o non dimostrata efficacia

78 Uso di pratiche non efficaci o non fondate su evidenze Sistemi di sorveglianza per tutte infezioni 58 Ammissioni o dimissioni come denominatore 5 Isolamento protettivo per i pazienti immunocompromessi 4 Sostituzione dei tubi dei ventilatori ogni 24 o 48 ore 29 Camici protettivi di routine per il personale delle nursery 2 Dieta a bassa carica microbica per i pazienti neutropenici 21 Eliminazione in doppio sacco dei rifiuti dell'isolamento 17 Eliminazione di lenzuola dei reparti di isolamento in doppio sacco 15 Stoviglie ed utensili monouso per i pazienti in isolamento 14 Radiografie del torace annuale per i dipendenti con PPD positivo 11 Sostituzione dei deflussori delle flebo ogni 24 ore 9 Tappetini adesivi nelle sale operatorie 8 Lenzuola sterili per i pazienti neutropenici 2 Materiali ad hoc per i pazienti con AIDS o HIV 2 Nebulizzazione dei disinfettanti 1 Pirwitz S, Manian F. Prevalence of use of infection control rituals and outdated practices : Education Committee survey results. Am J Infect Control 1997; 25:

79 Visitatori Nessuna evidenza che camici e sovrascarpe per visitatori nelle sale ospedaliere, incluse le terapie intensive, riducano il rischio di infezioni. (CDC, 1997; Garner, 1996a, 1996b; Mangram et al., 1999; Panknin, Althaus, 2001; O Grady et al., 2002; Tablan et al., 2004)

80

81

82 In conclusione 82

83 è necessario, promuovendo una formazione specifica, di operatori che abbiano tempo e competenza da dedicare ai propri pazienti 83

84 che conoscano e applichino fedelmente le linee guida 84

85 che facciano ricorso con sicurezza e competenza alle nuove tecnologie già ampiamente validate dalle linee guida 85

86 e non abbiano timore di ricorrere a quelle appena validate ma sicuramente efficaci in quanto supportate da ampia letteratura per realizzare protocolli di gestione (Bundles) che garantiscano la massima sicurezza al paziente e una chiara costo-efficacia. 86

87 Prevenzione Misure specifiche Bundles Insieme di buone pratiche, in genere 3-5 che, se effettuate collettivamente, hanno dimostrato di migliorare gli outcomes del paziente Institute for Healthcare Improvement. Napolitano L. Curr Opin Infect Dis 2009;22: Rello J. Intensive Care Med 2010;36: Efrati S. J Clin Monit Comput 2010;24:

88

LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma

LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma LA GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI, QUALI NOVITA? Mauro Pittiruti UCSC, Roma TURN OF THE CENTURY (1999-2001) All inizio di questo secolo, sono comparse tre grandi novità LA EVIDENCE-BASED PRACTICE

Dettagli

Lorena Martini UPDATE SUI DISPOSITIVI INTRAVASCOLARI

Lorena Martini UPDATE SUI DISPOSITIVI INTRAVASCOLARI Lorena Martini UPDATE SUI DISPOSITIVI INTRAVASCOLARI LINEE GUIDA DEI CDC 2002 2011 2 Linee Guida di riferimento INS 2006 (Infusion Nursing Society, USA) BCSH 2006 (British Committee for Standards in Hematology,

Dettagli

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC

La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara La nutrizione parenterale totale e la gestione del CVC I.P. Serena Mazzini, Sez. di Medicina Interna, Gerontologia e Geriatria Dr. Massimo Gallerani, U.O. Complessa

Dettagli

Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf

Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf Link al documento: http://www.cdc.gov/hicpac/pdf/guidelines/bsi-guidelines-2011.pdf Traduzione Angela Corbella 1 LINEEGUIDA PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CORRELATE AL CATETERE INTRAVASCOLARE Abbreviazioni

Dettagli

Quali sono i vantaggi relativi all utilizzo del PICC nella somministrazione della terapia endovenosa a lungo termine, rispetto all utilizzo del CVP?

Quali sono i vantaggi relativi all utilizzo del PICC nella somministrazione della terapia endovenosa a lungo termine, rispetto all utilizzo del CVP? Direzione Infermieristica e Tecnica EVIDENCE REPORT Quali sono i vantaggi relativi all utilizzo del PICC nella somministrazione della terapia endovenosa a lungo termine, rispetto all utilizzo del CVP?

Dettagli

Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati

Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati Tipo di Documento Procedura assistenziale Elaborazione GOIO Gruppo di Lavoro: L. Pagano, A. Rispo, S. Salvati Contenuti: Compiti e Responsabilità Definizione e Concetti Generali Procedura Avvertenze Riferimenti

Dettagli

Le Principali Misure di Prevenzione delle SSI

Le Principali Misure di Prevenzione delle SSI Le Principali Misure di Prevenzione delle SSI Evidenze Scientifiche e Applicazioni Pratiche nella Regione Veneto Vicenza, 27 febbraio 2009 U.O. Malattie Infettive e Tropicali. Azienda ULSS 6 VICENZA Obiettivo

Dettagli

GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROCEDURA AZIENDALE 0...

GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE PROCEDURA AZIENDALE 0... Pag. 1 di 9 PROCEDURA AZIENDALE Revisione Data Approvato da Firma 0... Pag. 2 di 9 PREMESSA Il cateterismo venoso centrale (CVC ) consiste nell introduzione di un catetere lungo, mono o multilume nel sistema

Dettagli

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi

Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Gestione del paziente colonizzato/infetto da Enterobatteri produttori di carbapenemasi Trento, febbraio 2014 Paola Dallapé Direzione medica Ospedale di Trento Fonti bibliografiche consultate CDC. Guidelines

Dettagli

Organizzazione e gestione dell isolamento dei pazienti. Lorena Martini INMI L. Spallanzani, Roma Presidente ANIPIO

Organizzazione e gestione dell isolamento dei pazienti. Lorena Martini INMI L. Spallanzani, Roma Presidente ANIPIO Organizzazione e gestione dell isolamento dei pazienti Lorena Martini INMI L. Spallanzani, Roma Presidente ANIPIO Documenti di riferimento internazionale European Centre for Disease Prevention and Control.

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL

IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL IMPLEMENTAZIONE DI UN BUNDLE PER LA PREVENZIONE DELLA POLMONITE DA VENTILAZIONE ASSISTITA IN TERAPIA INTENSIVA: UN CLUSTER RANDOMIZED PRAGMATIC TRIAL AUTORI Baratta S, Batistini R, Forni S, Francone C,

Dettagli

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento Corso di Formazione aziendale: SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA A.S.L. CASERTA Prevenzione delle Infezioni Ospedaliere: Normativa di riferimento

Dettagli

D t o t t. t ssa M ti t lde d P igl g ion o e C P. P S. I nf n. f Ped. C isti t na n Me M siti Inf n. f P ed. d C isti t na n F e F raut

D t o t t. t ssa M ti t lde d P igl g ion o e C P. P S. I nf n. f Ped. C isti t na n Me M siti Inf n. f P ed. d C isti t na n F e F raut Dott. ssa Matilde Piglione C. P. S. Inf. Ped. Cristina Mesiti Inf. Ped. Cristina Feraut 1 TECNICA DI INTRODUZIONE La tecnica di Seldinger modificata utilizza un ago di piccolo calibro (di solito 21 G)

Dettagli

LA CAVITÀ ORALE. Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP)

LA CAVITÀ ORALE. Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP) LA CAVITÀ ORALE Fonte comprovata di polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP) La cavità orale è una fonte comprovata della polmonite associata alla ventilazione polmonare (VAP). 1,2 I batteri

Dettagli

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria

Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Misure raccomandate per la prevenzione delle SSI: pre, intra e post opeatoria Margherita Vizio Nuoro gennaio 2014 1 Di che cosa parliamo Epidemiologia: frequenza, eziologia, popolazione esposta, tipo di

Dettagli

Esperienza di applicazione di un bundle per il controllo dei germi multiresistenti in Terapia Intensiva

Esperienza di applicazione di un bundle per il controllo dei germi multiresistenti in Terapia Intensiva 32 Congresso Nazionale Aniarti Napoli, 6-7-8 novembre 2013 Esperienza di applicazione di un bundle per il controllo dei germi multiresistenti in Terapia Intensiva Ospedale San Bortolo Ulss 6 Vicenza Flavio

Dettagli

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie

Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni del sito chirurgico e delle vie urinarie Evento formativo Prevenire le infezioni correlate all assistenza sanitaria: un impegno condiviso dei professionisti del Dipartimento POIT 1 Cosa fare e cosa non fare per la prevenzione delle infezioni

Dettagli

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA

IGIENE DELLE MANI METROLOGIKA HANDS. Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani NELL ASSISTENZA SANITARIA IGIENE DELLE MANI NELL ASSISTENZA SANITARIA METROLOGIKA HANDS Tecnologia innovativa di osservazione dell igiene delle mani. SOMMARIO - Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria e qual è

Dettagli

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI

EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI EFFICACIA DELL IGIENE DELLE MANI NEL CONTROLLO E NELLA PREVENZIONE DI TUTTI I RISCHI INFETTIVI LUCIA RANALLI MANUELA CIOTTI INFEZIONE OSPEDALIERA Un infezione contratta dai pazienti ricoverati in ambiente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE

CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Pagina 1 di 1 Emissione: 10.11.2000 PROCEDURA N. 69 Aggiornamento: 27.9.2001 CLASSIFICAZIONE DEI LIVELLI DI RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI, IN RELAZIONE ALLE DIVERSE MANOVRE INVASIVE Destinatari

Dettagli

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico:

Procedure per il posizionamento di un catetere venoso periferico: Catetere Venoso Centrale e Periferico, Presidi necessari alla gestione. Dott. Nicola Torina*, Infermiere di Sala Operatoria presso l Ospedale Buccheri La Ferla FBF di Palermo. *Indirizzo per la corrispondenza:

Dettagli

EVIDENCE REPORT. L utilizzo del sapone antisettico nella doccia preoperatoria, riduce l incidenza di infezione del sito chirurgico?

EVIDENCE REPORT. L utilizzo del sapone antisettico nella doccia preoperatoria, riduce l incidenza di infezione del sito chirurgico? Direzione Infermieristica e Tecnica Direzione Infermieristica e Tecnica Area Governo Assistenziale Risk Management EVIDENCE REPORT L utilizzo del sapone antisettico nella doccia preoperatoria, riduce l

Dettagli

Linee-guida per l igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria

Linee-guida per l igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria ALLEGATO 3 CDC (Centers for Disease Control and Prevention) Guideline for hand hygiene in health care settings in MMWR (Morbidity and Mortality Weekly Report Ottobre 25, 2002 / Vol. 51 / no RR-16) Linee-guida

Dettagli

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo

Gruppo Fides. Dr Giuliano Grillo Gruppo Fides Dr Giuliano Grillo Medio di assistenza medica, infermieristica e riabilitativa Alto di assistenza tutelare e alberghiera Completamento cicli riabilitativi Trattamenti socio sanitari di mantenimento

Dettagli

3M Medical. Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti. Semplice Sicuro. affidabile. Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti

3M Medical. Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti. Semplice Sicuro. affidabile. Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti 3M Medical Tegaderm I.V. Medicazioni Trasparenti Semplice Sicuro affidabile Tegaderm : il nome delle medicazioni trasparenti Le infezioni ospedaliere (IO) costituiscono una grande sfida ai sistemi di

Dettagli

Gli Accessi Venosi Centrali e Periferici

Gli Accessi Venosi Centrali e Periferici Azienda USL di Ferrara - Presidio Unico Ospedaliero Gli Accessi Venosi Centrali e Periferici Dott. Umberto D Antonio Direttore U.O. Day Surgery Polispecialistico Dipartimento Emergenza-Urgenza 15-22-29

Dettagli

Strategie per Prevenire le Infezioni Ematiche Associate alle Linee Centrali negli Ospedali per Pazienti Acuti: Aggiornamento 2014

Strategie per Prevenire le Infezioni Ematiche Associate alle Linee Centrali negli Ospedali per Pazienti Acuti: Aggiornamento 2014 INFECTION CONTROL AND HOSPITAL EPIDEMIOLOGY JULY 2014, VOL. 35, NO. 7 S H E A / I D S A P R A C T I C E RECOMMENDATION Strategie per Prevenire le Infezioni Ematiche Associate alle Linee Centrali negli

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

PROTOCOLLO PER L IGIENE DELLE MANI

PROTOCOLLO PER L IGIENE DELLE MANI SOS IGIENE OSPEDALIERA E GESTIONE RISCHIO CLINICO Pagina 1 di 23 PROTOCOLLO PER L IGIENE DELLE MANI Redazione / Aggiornamento Verifica / Approvazione Autorizzazione alla diffusione 28/05/2009 Cocconi Roberto

Dettagli

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it

07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it LE MISURE DI ISOLAMENTO 07 novembre 2014 daniela.panigati@ao-sanpaolo.it SITUAZIONE ATTUALE Drammatico e progressivo aumento delleinfezioniantibioticoresistenti Comparsa di resistenze, al momento, più

Dettagli

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse

Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Corso di Formazione Lotta alla Sepsi in Emilia Romagna (LaS ER) Azienda USL di Bologna 15 Novembre 10 Dicembre 2007 Area Nurse Riconoscere i segni ed i sintomi specifici della sepsi Rilevazione e monitoraggio

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

Igiene delle mani negli ambienti sanitari

Igiene delle mani negli ambienti sanitari LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori UU.OO. Servizio Infermieristico Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev Causale Redazione Verifica Approv. DG 01 14.02.2012 Revisione Gruppo

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali INTERVENTI MULTIMODALI PER L IGIENE DELLE MANI DESCRIZIONE DELLA BUONA PRATICA E INFORMAZIONI UTILI ALL IMPLEMENTAZIONE Obiettivo buona pratica della Ideatore della buona pratica Descrizione della buona

Dettagli

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Le infezioni nelle organizzazioni sanitarie Ospedali. Ambulatori medici. R.S.A. / Lunghe Degenze / Case

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli

PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE. Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli PROCEDURA OPERATIVA n. 5 PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli SOMMARIO Introduzione Obiettivi generali Obiettivi specifici Indicazioni

Dettagli

Gestione dei fattori di rischio

Gestione dei fattori di rischio Quale rischio? Gestione dei fattori di rischio Infezioni correlate ai dispositivi di accesso venoso centrale Settore Igiene Ospedaliera Gruppo Sorveglianza Epidemiologica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN

Azienda Sanitaria Firenze. Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Azienda Sanitaria Firenze Dorella Donati - Infermiere Coordinatore - RTI SMN Percorso Sepsi 2011 aumentare il livello di attenzione 2012 - Giornata Mondiale per la Prevenzione della Sepsi Attivazione di

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 COMITATO DI CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA RACCOMANDAZIONE N.3 MODALITA DI ISOLAMENTO

Dettagli

2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle

2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria. La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle 2 Congresso per Infermieri di Camera Operatoria La prevenzione delle infezioni del sito chirurgico: l applicazione dei bundle Enrica Martini SOD Igiene Ospedaliera Ospedali Riuniti di Ancona Cos è un bundle?

Dettagli

È evidente che... L igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria: le Linee Guida dell OMS 2009

È evidente che... L igiene delle mani nei contesti di assistenza sanitaria: le Linee Guida dell OMS 2009 L igiene nei contesti di assistenza sanitaria: le Linee Guida dell OMS 2009 25 A cura di Caldera Luigia * prevenire è meglio che curare. Questo slogan pubblicitario, divenuto così popolare, sintetizza

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TRAPIANTOLOGIA. Isabella Caprara Ematologia e Centro Trapianti Pesaro

IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TRAPIANTOLOGIA. Isabella Caprara Ematologia e Centro Trapianti Pesaro IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI IN TRAPIANTOLOGIA Isabella Caprara Ematologia e Centro Trapianti Pesaro LE INFEZIONI SONO LA MAGGIOR CAUSA DI MORTE NEI PAZIENTI CON DIFESE COMPROMESSE. INOLTRE DA QUANDO NEGLI

Dettagli

Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali

Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali CAPITOLO VI Prevenzione delle comuni infezioni endemiche nosocomiali L e quattro infezioni nosocomiali di più frequente riscontro sono quelle del tratto urinario, le infezioni della ferita chirurgica,

Dettagli

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE

WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE WHO GUIDELINES ON HAND HYGIENE IN HEALTH CARE: A SUMMARY FIRST GLOBAL PATIENT SAFETY CHALLENGE. CLEAN CARE IS SAFER CARE LINEE-GUIDA OMS SULL IGIENE DELLE MANI NEI CONTESTI DI ASSISTENZA SANITARIA: VERSIONE

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 COMITATO DI CONTROLLO DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA RACCOMANDAZIONE N.2 PRECAUZIONI STANDARD

Dettagli

L IGIENE DEL CAVO ORALE DEL PAZIENTE VENTILATO MECCANICAMENTE

L IGIENE DEL CAVO ORALE DEL PAZIENTE VENTILATO MECCANICAMENTE L IGIENE DEL CAVO ORALE DEL PAZIENTE VENTILATO MECCANICAMENTE Autori: Valter Patarchi Emanuela Canestrari Giuseppina Menditti Serena Frassini 1) BACKGROUND La polmonite associata a ventilazione (VAP) è

Dettagli

PROTEZIONE DAL RISCHIO DI PATOLOGIE A

PROTEZIONE DAL RISCHIO DI PATOLOGIE A pag. 1/11 IMPIEGO DEL FACCIALE FILTRANTE PER LA PROTEZIONE DAL RISCHIO DI PATOLOGIE A TRASMISSIONE PER VIA AEREA CE EN 149 FFP2 CE EN 149 FFP2 File: Redazione : Stefania Bertoldo, Emanuela Bissolo Data

Dettagli

CAMBIO DELLE LINEE DI INFUSIONI

CAMBIO DELLE LINEE DI INFUSIONI CAMBIO DELLE LINEE DI INFUSIONI Cambiare le linee NON prima di 96 ore, se usate per infusioni standard (la) non oltre 7 giorni Cambiare la linea con Propofol tra le 6 e 12 ore (la) Cambiare ogni 24 ore

Dettagli

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza

Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Management dei pazienti nelle strutture residenziali di assistenza Maria Luisa Moro La rete dei servizi si è profondamente modificata Long term care facility with ventilator and psychiatric patients Long

Dettagli

Chapter 10. Prevention of Central Line-Associated Bloodstream Infections: Brief Update Review

Chapter 10. Prevention of Central Line-Associated Bloodstream Infections: Brief Update Review Chapter 10. Prevention of Central Line-Associated Bloodstream Infections: Brief Update Review Vineet Chopra, M.D., M.Sc.; Sarah L. Krein, Ph.D., R.N.; Russell N. Olmsted, M.P.H., C.I.C.; Nasia Safdar,

Dettagli

BestPractice. Tricotomia pre operatoria e incidenza di infezioni della ferita chirurgica

BestPractice. Tricotomia pre operatoria e incidenza di infezioni della ferita chirurgica BestPractice Informazioni evidence based per la pratica della professione infermieristica Tricotomia pre operatoria e incidenza http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad Questo numero di Best Practice

Dettagli

PROCEDURA PER L'IGIENE DEL CAVO ORALE NEI PAZIENTI TOTALMENTE DIPENDENTI

PROCEDURA PER L'IGIENE DEL CAVO ORALE NEI PAZIENTI TOTALMENTE DIPENDENTI REDAZIONE NOMINATIVI PERSONALE UO DI APPARTENENZA QUALIFICA Adriano Giulia T.I Rianimazione E.O. Ospedali Galliera CPSI Schiappacasse Serena T.I Rianimazione E.O. Ospedali Galliera CPSI Melnyk Lesya T.I

Dettagli

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170

Servizio di Prevenzione e Protezione Tel. 095/7262177 Tel/Fax 095/7262170 1 Introduzione La puntura e il taglio accidentale rappresentano per diffusione, frequenza e rischio di infezione, le modalità di esposizione al rischio biologico più preoccupante e devono essere, conseguentemente,

Dettagli

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus

04/10/11. Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Toxoplasmosis Other (sifilide,.hbv, HIV,.) Rubella Cytomegalovirus Herpes simplex virus Gravidanza e parto, una nuova coscienza femminile, un nuovo protagonismo maschile ISTAT 12 aprile 2001 1 Prevalenza

Dettagli

PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DEGLI ACCESSI VENOSI. RACCOMANDAZIONI CDC di Atlanta (agosto 2002)

PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DEGLI ACCESSI VENOSI. RACCOMANDAZIONI CDC di Atlanta (agosto 2002) PREVENZIONE DELLE INFEZIONI DEGLI ACCESSI VENOSI RACCOMANDAZIONI CDC di Atlanta (agosto 2002) Raccomandazioni del C.D.C. Center for Disease Control - U.S.A. Guidelines for the prevention of intravascular

Dettagli

Decontaminazione alcolica delle mani

Decontaminazione alcolica delle mani E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA Decontaminazione alcolica delle mani PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO Nadia Cenderello Paola Fabbri Carla Fraguglia Mauro Nelli Ufficio Qualità Servizio Prevenzione

Dettagli

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare

Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Corso aziendale Uso responsabile degli antibiotici Terapia delle principali infezioni correlate all assistenza: assistenza: gli aspetti da considerare Rosario Cultrera Dip. Medico - UOC Malattie Infettive

Dettagli

PROCEDURA. Procedura per il Lavaggio delle Mani INDICE

PROCEDURA. Procedura per il Lavaggio delle Mani INDICE Pagina 1 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONE 8. ALLEGATI 9. APPARECCHIATURE 10. REQUISITI

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

Attuali criteri di scelta dell accesso venoso per nutrizione parenterale intra ed extra-ospedaliera. Mauro Pittiruti, Università Cattolica, Roma

Attuali criteri di scelta dell accesso venoso per nutrizione parenterale intra ed extra-ospedaliera. Mauro Pittiruti, Università Cattolica, Roma Attuali criteri di scelta dell accesso venoso per nutrizione parenterale intra ed extra-ospedaliera Mauro Pittiruti, Università Cattolica, Roma Classificazione degli accessi venosi Accessi a breve termine

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Programmi di controllo delle infezioni

Programmi di controllo delle infezioni CAPITOLO II Programmi di controllo delle infezioni L a prevenzione delle infezioni nosocomiali coinvolge la responsabilità di tutti i soggetti e servizi che provvedono all attività sanitaria. Ognuno deve

Dettagli

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI.

GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. GESTIONE DEI CATETERI VENOSI PERIFERICI. Definizione e scopo: Consiste nell inserimento percutaneo di un ago di plastica o in metallo in una vena. I cateteri venosi periferici si usano per: Ottenere campioni

Dettagli

Chapter 8. Interventions To Improve Hand Hygiene Compliance: Brief Update Review

Chapter 8. Interventions To Improve Hand Hygiene Compliance: Brief Update Review MARZO 2013 http://www.ahrq.gov/research/findings/evidence-based-reports/ptsafetyuptp.html Chapter 8. Interventions To Improve Hand Hygiene Compliance: Brief Update Review Elizabeth Pfoh, M.P.H.; Sydney

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative

Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative Aggiornamenti sulla prevenzione delle IVU nelle unità operative INFEZIONI DEL TRATTO URINARIO Rappresentano 40% di tutte le ICA Associate a procedure invasive: 75-80% IVU a catetere vescicale 5-10% manipolazioni

Dettagli

L'uso dei dispositivi di protezione individuale serve per diminuire il numero di infezioni nei pazienti e nel personale ospedaliero?

L'uso dei dispositivi di protezione individuale serve per diminuire il numero di infezioni nei pazienti e nel personale ospedaliero? L'uso dei dispositivi di protezione individuale serve per diminuire il numero di infezioni nei pazienti e nel personale ospedaliero? Lambertini Infermiere Andrea Tiarri e Terapista della Riabilitazione

Dettagli

EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI PRIMA ISTANZA: IGIENE DELLE MANI E UTILIZZO DI DPI

EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI PRIMA ISTANZA: IGIENE DELLE MANI E UTILIZZO DI DPI FARMACIA XXXXXX del dott. XXXXXX Via xxxxx, xx xxxxxx yyyyyyy PROCEDURA 2 - LAVAGGIO MANI E USO DI DPI Rev. 0 del 04/03/2015 EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI ANALITICHE DI PRIMA ISTANZA: IGIENE DELLE MANI

Dettagli

Gestione dei Cateteri Intravascolari e Raccomandazioni per la Prevenzione delle infezioni Correlate

Gestione dei Cateteri Intravascolari e Raccomandazioni per la Prevenzione delle infezioni Correlate ȱ ȱ ȱ ȱ ȱȱ ȱ ȱ ȱȱ ȱ ȱ ȱ ȱȱ Pag.na 1 di 82 Gestione dei Cateteri Intravascolari e Raccomandazioni per la Prevenzione delle infezioni Correlate Gruppo di lavoro: Dott.ssa Barbara Affortunato U.O. Cardioanestesia

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere nella gestione del paziente sottoposto a ventilazione meccanica PRIMA DELL USO

Il ruolo dell Infermiere nella gestione del paziente sottoposto a ventilazione meccanica PRIMA DELL USO Il ruolo dell Infermiere nella gestione del paziente sottoposto a ventilazione meccanica Sonia Santolini 1 Verifiche e controlli PRIMA DELL USO Corretta connessione a rete anche quando questo non è in

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC

LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC LA GESTIONE DEL PAZIENTE PORTATORE DI PICC 1 I cateteri: COSA ABBIAMO A DISPOSIZIONE? Catetere venoso CENTRALE Sonda di materiale biocompatibile che, introdotta attraverso una vena tributaria, (diretta

Dettagli

Catetere Venoso Centrale PICC: caratteristiche, indicazioni cliniche e gestione

Catetere Venoso Centrale PICC: caratteristiche, indicazioni cliniche e gestione ASSISTENZA INFERMIERISTICA AL PAZIENTE PEDIATRICO ONCOEMATOLOGICO NELL'AMBITO DELLA RETE DI ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA: LA GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE E DELLE INFEZIONI AD ESSO CORRELATE Catetere

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA IL TRIAGE TELEFONICO LA GESTIONE

Dettagli

La sicurezza del paziente.

La sicurezza del paziente. La proposta GAVeCeLT: il protocollo ISALT 2 per il posizionamento degli accessi venosi centrali a lungo termine Mauro Pittiruti Università Cattolica, Roma Punto fondamentale La sicurezza del paziente.

Dettagli

Gestione del catetere venoso centrale

Gestione del catetere venoso centrale Gestione del catetere venoso centrale Il catetere venoso centrale (CVC) è un tubicino di materiale biocompatibile (silicone o poliuretano) che permette l infusione intermittente o continua di farmaci,

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO

PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO PROGETTO ESECUTIVO - PROGRAMMA CCM 2012 DATI GENERALI DEL PROGETTO TITOLO: Proposta di un modello di risk analysis per la valutazione ed il controllo del rischio di infezioni nosocomiali nelle unità di

Dettagli

SSI (Surgical Site Infection / Infezione della ferita chirurgica) analisi critica protocollo aziendale revisione della letteratura metodo empirico

SSI (Surgical Site Infection / Infezione della ferita chirurgica) analisi critica protocollo aziendale revisione della letteratura metodo empirico Le SSI (Surgical Site Infection / Infezione della ferita chirurgica) rappresentano un processo flogistico a carico del sito chirurgico che si manifesta nel post-operatorio nei pazienti sottoposti a intervento

Dettagli

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA

ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA FARMACIA XXXXXX del dott. XXXXXX Via xxxxx, xx xxxxxx yyyyyyy PROCEDURA 3 - ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA ISTANZA Rev. 0 del 04/03/2015 ESECUZIONE DELLA PRESTAZIONE ANALITICA DI PRIMA

Dettagli

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale

DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale DISINFETTANTI ED ANTISETTICI: è già stato tutto scritto? La nuova procedura aziendale Il rischio infettivo connesso alla struttura ospedaliera Pietro Caramello Malattie Infettive A Malattie Infettive A,

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE

AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC DR. MARIO MARIN RESPONSABILE U.O. RESIDENZIALITA TERRITORIALE AFFIDAMENTO AL TERRITORIO DEL PAZIENTE KPC Residenzialità extraospedaliera (17 Centri Servizi, SVP,

Dettagli

È evidente che... Tricotomia e doccia preoperatoria: una questione ancora aperta INTRODUZIONE

È evidente che... Tricotomia e doccia preoperatoria: una questione ancora aperta INTRODUZIONE Tricotomia e doccia preoperatoria: una questione ancora aperta A cura di IID Adriana Capalbo*, IID Luigia Caldera** INTRODUZIONE negli ultimi decenni, la rapida evoluzione della tecnologia sanitaria, le

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA ABILITANTE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE ELABORATO FINALE Prevenzione delle

Dettagli

EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Centro Studi EBP Ausl Cesena EFFICACIA DELLA FISIOTERAPIA RESPIRATORIA POST ESTUBAZIONE NEI NEONATI RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA NEONATALE Elena Balestri, Lorenzo Freschi fisioterapisti U.O.M.R. Ospedale

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACCESSI

GESTIONE DEGLI ACCESSI Collegio IPASVI - Bologna GESTIONE DEGLI ACCESSI VENOSI CENTRALI ICM Isabella a Cavazza azza L infermiere svolge un ruolo fondamentale nella gestione diretta dell accesso venoso, nell informazione i e

Dettagli

Un confronto IMPARI. Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant. Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni. Homo sapiens: < 200.

Un confronto IMPARI. Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant. Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni. Homo sapiens: < 200. 18 settembre 2015 Le ICA. Una sfida in era di patogeni Multi-Drug-Resistant Matteo Un confronto IMPARI Cianobatteri: 3.500.000.000 anni ni Homo sapiens: < 200.000 anni Antibiotici: 85 anni Chi siamo noi?

Dettagli

KPC Le domande piùfrequenti. Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza

KPC Le domande piùfrequenti. Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza KPC Le domande piùfrequenti Cristina Disconzi Infermiera Controllo Infezioni Correlate Assistenza Perchédobbiamo adottare le misure di controllo? A parità di criticità aumento mortalità Lasciano poche

Dettagli

QUAL E IL RUOLO DEI MIDLINE A DOMICILIO OGGI? L ACCESSO PERIFERICO DI LUNGA DURATA TRA MIDLINE E CANNULE PERIFERICHE LUNGHE

QUAL E IL RUOLO DEI MIDLINE A DOMICILIO OGGI? L ACCESSO PERIFERICO DI LUNGA DURATA TRA MIDLINE E CANNULE PERIFERICHE LUNGHE Una Realtà Sempre Più Diffusa: Picc e Midline Nelle Cure Domiciliari GENOVA, 05/12/2014 QUAL E IL RUOLO DEI MIDLINE A DOMICILIO OGGI? L ACCESSO PERIFERICO DI LUNGA DURATA TRA MIDLINE E CANNULE PERIFERICHE

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO

AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO AGGIORNAMENTI SU PREVENZIONE E CONTROLLO DELLA LEGIONELLOSI NELLE STRUTTURE SANITARIE E ALBERGHIERE DEL VENENTO PREVENZIONE E CONTROLLO NELLE STRUTTURE SANITARIE: MODELLI ORGANIZZATIVI E SISTEMI DI INTERVENTO

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI IMPIEGO DI PRODOTTI MONOUSO IN SALA OPERATORIA

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI IMPIEGO DI PRODOTTI MONOUSO IN SALA OPERATORIA LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI IMPIEGO DI PRODOTTI MONOUSO IN SALA OPERATORIA INDICE PREMESSA PAG. 2 SICUREZZA PAG. 3 COSTI PAG. 4 IMPATTO AMBIENTALE PAG. 5 CONCLUSIONI PAG. 5 BIBLIOGRAFIA PAG. 6

Dettagli

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO

PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO EMOCOLTURE NEL NEONATO PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO D. Ibba, S. Longo, A. Formisano, M. Monti Cenderello N Crisalli M.P. Fabbri P. Mazzella M. Sansone

Dettagli

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE

PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Associazione Nazionale Infermieri Prevenzione Infezioni Ospedaliere PROCEDURA CATETERISMO FEMMINILE Giuliano Bon redazione Coordinatore infermieristico U.O. di Urologia, Ospedale di Gorizia emissione Novembre

Dettagli

Resistenze nelle strutture residenziali territoriali: Strategie di prevenzione.

Resistenze nelle strutture residenziali territoriali: Strategie di prevenzione. Resistenze nelle strutture residenziali territoriali: Strategie di prevenzione. Maria Mongardi Il contesto Ambiente : l aspetto socio-culturale degli operatori sanitari e socio-sanitari, la vita dell anziano

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori?

Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Dal Dal Lazzaretto ai ai flussi laminari. Isolamento: emarginazione o sicurezza dei dei Malati, delle delle Comunità, degli degli Operatori? Precauzioni di Isolamento da Patogeni Emergenti. Prevenzione

Dettagli

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere

IL PICC. Catetere venoso centrale ad inserimento periferico. Guida per il paziente e l infermiere IL PICC Catetere venoso centrale ad inserimento periferico Guida per il paziente e l infermiere Indice Introduzione Pag. 2 Dati paziente e Picc Pag. 3 Paziente Cos è il Picc? Pag. 4 Quando è utile tale

Dettagli

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile

Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile VII Congresso Regionale A.N.I.M.O. Napoli 10 Aprile 2014 Percorso Assistenziale delle Infezioni da Clostridium Difficile Relatore Dott.ssa Marilù CIRILLO CLOSTRIDIUM DIFFICILE (CD) Batterio Gram Positivo

Dettagli

Gestione delle linee infusionali al paziente con nutrizione parenterale totale

Gestione delle linee infusionali al paziente con nutrizione parenterale totale Gestione delle linee infusionali al paziente con nutrizione parenterale totale Infermiere Tania De Carolis e Lattanzi Antonella INTRODUZIONE Frequentemente assistiamo pazienti affetti da malattie dell

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT ASL BAT Via Fornaci, 201 Andria Linee Guida Protezione da agenti biologici TITOLO X - ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI D.Lgs. 81/2008 A cura del gruppo di lavoro aziendale: Dr..sa Sabina Di Donato Dr. Tommaso

Dettagli