The dental hygienist: preventive protocols for patients who are to undergo radiotherapy and/or chemotherapy before or after the surgery

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "The dental hygienist: preventive protocols for patients who are to undergo radiotherapy and/or chemotherapy before or after the surgery"

Transcript

1 L IGIENISTA DENTALE: PROTOCOLLI PREVENTIVI PRIMARI IN PAZIENTI DA SOTTOPORRE A RADIOTERAPIA E/O CHEMIOTERAPIA PRIMA O DOPO L INTERVENTO CHIRURGICO GIOVANNA GUALTIERI* STEFANIA BARBIERI** MARIA GIULIA CRISTOFARO*** Università degli Studi di Catanzaro Magna Græcia, Corso di Laurea in Igiene Dentale, Presidente: Prof. M. Giudice *ID Coordinatrice tirocinio **ID Docente a contratto ***Ricercatore confermato SSD MED 29 (Chirurgia Maxillo- Facciale) RIASSUNTO The dental hygienist: preventive protocols for patients who are to undergo radiotherapy and/or chemotherapy before or after the surgery PAROLE CHIAVE: carcinoma, chemioterapia, radioterapia, effetti collaterali, protocolli preventivi. Scopo del lavoro. È stato quello di riscontrare, in pazienti affetti da carcinoma da sottoporre a radioterapia e/o chemioterapia, se determinati effetti collaterali provocati dai trattamenti oncologici potessero essere alleviati, contenuti o in alcuni casi prevenuti, mediante l intervento dell igienista dentale, adottando metodiche preventive prima che la terapia venisse applicata. Materiali e metodi. Sono stati presi in esame 35 pazienti, da sottoporre a radioterapia e/o chemioterapia nel preintervento o nel postintervento chirurgico; l igienista dentale dopo aver ricevuto direttive dall equipe medico-chirurgica, ha stilato dei protocolli di prevenzione primaria non solo prima, ma anche durante e dopo la terapia antiblastica. Risultati. Dei 35 pazienti, 30 hanno riportato in percentuale diversa un buono, moderato e lieve beneficio, solo 5 sono rimasti gravi. Conclusioni. Alla luce dei risultati ottenuti consigliamo l inserimento della figura dell igienista dentale all interno di un team oncologico, figura, che mira alla gestione ottimale degli eventuali effetti tossici, che in seguito a terapie antiblastiche potrebbero non comparire o essere drasticamente limitati. ABSTRACT Aim of the work. This was to find, in patient affected by carcinoma to be submitted to radiotherapy and/or chemotherapy, if specific side-effects caused by the oncological treatments they could be assuaged, checked or in some cases even avoided, through the intervention of the dental hygienist, by means of preventive methods before starting the oncological therapy. Materials and methods. 35 patients were examined, to undergo to radiotherapy and/or chemotherapy before and after surgery; the dental hygienist, after having received directions by the medical surgical team, set some protocols of primary prevention, to apply during and after the antitumuoral therapy. Results. Of the 35 patients, 30 reported different entities of positive results, from good to light benefit, and only 5 have been serious. Conclusions. In the light of the results the importance of the presence of the dental hygienist in the oncological team is emphasised, since its aims at the optimal management of the possible toxic effects of antitumoral therapies, that could be limited or altogether avoided. KEY WORDS: carcinoma, chemotherapy, radiotherapy, side effects, preventive protocols. INTRODUZIONE Dall osservazione dei numerosi casi di neoplasie pervenuti presso l equipe oncologica dell U.O. di Chirurgia Maxillo-Facciale del Policlinico Mater Domini di Catanzaro è stato possibile, in maniera sistematica, approcciare un nuovo tipo di paziente: il paziente oncologi- Rivista Italiana Igiene Dentale 2007 Mag-Ago; 3 (2): 24

2 co. Esso è da sempre considerato un paziente particolare, non tanto per la patologia in se, ma per tutto quello che gravita attorno al malato: paura, rabbia, ansia, solitudine e tristezza (1, 10). Con la parola tumore, automaticamente si è portati a confrontarsi con un evento imprescindibile per chiunque: la morte, che, in questo caso, arriva in maniera troppo violenta ed inaspettata. Per fortuna con le nuove tecniche di diagnostica si riesce ad intervenire tempestivamente, attuando in molti casi terapie non estremamente invasive o mutilanti, consentendo così di strappare una vita da questo mostro vorace di cellule!. Grazie al progresso della diagnostica le aspettative di vita sono maggiori, ma grazie anche alle campagne sulla prevenzione, si è ottenuta un più alto interesse verso la propria salute (10). L argomento scelto ha dato la possibilità di visionare un gruppo di pazienti, che ha consentito di applicare protocolli operativi personalizzati atti a migliorare la qualità della loro vita. Sono state eseguite numerose sedute di igiene, all interno delle quali, sono state effettuate più fasi, che hanno portato a raggiungere l obiettivo prestabilito. La radioterapia, la chemioterapia, la chirurgia, sono dei trattamenti che, sebbene diano risultati positivi, portano a demolizioni e deficit in alcuni casi, i- naccettabili (8, 9); si pensi agli interventi chirurgici mutilanti o alla sterilità provocata dalle radiazioni ionizzanti. Certo, questi sono gli effetti più gravi, ma anche le condizioni necessarie da accettare in cambio di un alternativa: la morte. Di sicuro non sono gli unici, perché a questi se ne aggiungono una serie illimitata, con conseguenze meno gravi (5, 6), ma ugualmente limitanti, almeno in quella fase temporanea del trattamento. Alla luce dell attenta valutazione degli effetti collaterali, derivanti dalle terapie, l igienista si è posta alcuni interrogativi: le complicanze possono essere contenute? ; possiamo evitare, mediante tecniche di prevenzione, che determinati effetti collaterali si manifestino? cosa succederebbe se si intervenisse prima della terapia?, si riuscirebbe ad alleviare o, addirittura, ad evitare che effetti collaterali si manifestino durante la terapia? MATERIALI E METODI L impiego delle radiazioni ionizzanti o di farmaci anticancro, nella terapia dei tumori si basano sulla possibilità di ottenere la totale distruzione della neoplasia senza indurre alterazioni gravi ed irreversibili dei tessuti sani (7). La quasi totalità dei pazienti sottoposti a radioterapia e/o chemioterapia manifesta problemi orali (8), acuti o cronici, associati a tale cura. Le complicanze più o meno gravi che si possono manifestare sono elencati nelle tabelle 1 e 2. Sono stati presi in esame 35 pazienti (tab. 3) affetti da carcinomi maligni del distretto oromaxillofacciale, tutti da sottoporre a radio e/o chemioterapia nel preintervento o nel postintervento chirurgico. Dei pazienti: 14 sono stati sottoposti a chirurgia e radioterapia, 12 hanno e- seguito chirurgia, radioterapia e chemioterapia e 9 hanno subito chemioterapia e chirurgia. LINEE GUIDA PROTOCOLLI PREVENTIVI ONCOLOGICI PRIMA DELLA TERAPIA L igienista dentale, dopo aver avuto le indicazioni da parte dell equipe medico- chirurgica, sia sulla patologia del paziente, che sul tipo di trattamento che si andrà ad eseguire, procederà con l applicazione del protocollo di igiene orale specifico, che prevede: 1. riunione dell equipe medico- chirurgica e FARMACI EFFETTI COLLATERALI Cisplatino, Streptozo- Nausea tocina, Mecloretamina, e vomito Actinomicina, Dacarbazina Fluorouracile (associato al Mucositi del Cisplatino), Metotrexat, cavo orale Antracicline, Bleomicin, Busulfano, Ciclofosfamide Fluorouracile, Methotrexate, Diarrea Irinotecan Antimetaboliti, Alchilanti, Ipoplasia Antracicline, Nitrouree, midollare Vinorelbina, Taxani Adriamicina, Ciclofosfamide, Alopecia Actinomicina, Methotrexate, Cisplatino FIG. 1: K emilingua destra. FIG. 2: adenoma pleomorfo palatale. TAB. 1: i farmaci più utilizzati in chemioterapia e i relativi effetti collaterali (1, 3, 4, 6). Rivista Italiana Igiene Dentale 2007 Mag-Ago; 3 (2): 25

3 A EFFETTI ACUTI Iposcialia Xerostomia Mucositi Infezioni batteriche Disgeusia Disfagia SINTOMI Diminuzione del flusso salivare, in seguito ad alterazione degli acini delle ghiandole salivari Mancanza completa della secrezione salivare Ulcerazioni dei tessuti molli La riduzione del numero dei globuli rossi, globuli bianchi e piastrine, in aggiunta ad una riduzione del flusso salivare, rende questi pazienti molto suscettibili ad infezioni del cavo orale Alterazione del gusto Difficoltà nella deglutizione di corpi solidi a causa di edema della sottomucosa in sede laringea, che possono determinare il restringimento della glottide, con necessità nei casi più gravi di tracheotomia B EFFETTI CRONICI SINTOMI Infezioni batteriche Trisma, fibrosi muscolare Carie dentali Secondarie alla qualità ed alla quantità del flusso salivare modificato, unitamente ad una scarsa igiene orale Malformazioni In pazienti che sono in età di dentali sviluppo, ma anche in soggetti e facciali adulti Friabilità ossea Teleangiectasia dilatazione permanente dei vasi sanguigni, che crea una piccola lesione focale rossa sulla cute Diminuzione vascolarizzaz. Necrosi dei tessuti molli Ostioradionecrosi In seguito ad alterazioni e lesioni dell endotelio vascolare, che provoca riduzione del lume vasale TAB. 2: gli effetti collaterali della radioterapia, distinti in acuti (A) e cronici (B) (1, 3, 4, 5, 9). TOT.: 35 PAZIENTI TRATTAMENTO 14 Radioterapia e chirurgia 12 Chemioterapia, radioterapia e chirurgia 9 Chemioterapia e chirurgia TAB. 3: pazienti trattati. compilazione della cartella clinica dell igienista dentale: questa tappa primaria e fondamentale ci consente di partecipare attivamente alle decisioni diagnostiche ed interventistiche riguardo la situazione del paziente; da qui vengono stilate le linee guida da seguire durante il ricovero; 2. incontro con il paziente: in questa seconda fase l igienista dentale si presenta al paziente valutandone il suo aspetto psicologico e si proietta nei suoi confronti come una figura comprensiva e professionale; 3. motivazione ed istruzione igiene orale: la terza fase consiste nella valutazione dell attenzione del paziente riguardo tutte le metodiche e presidi di igiene orale, che si utilizzano mediante supporto cartaceo, rivelatori di placca, tecniche di spazzolamento ed altri sussidi adatti all istruzione dell igiene orale; 4. igiene professionale: viene utilizzata strumentazione sonica, ultrasonica e manuale per la rimozione di placca e tartaro, agenti etiologici responsabili di patologie aggiuntive quali gengivite e parodontite; 5. fluoroprofilassi: nella quinta fase, successiva all igiene professionale, si attua una delle procedure preventive riguardo la carie, che ci si è resi conto avere una marcata incidenza durante i periodi coincidenti con l attuazione delle terapie; 6. consigli dietetici: essi si danno allo scopo di preparare il paziente alla fase successiva (la terapia), consigliando cibi non grassi, ma ad alto contenuto vitaminico e proteico, allo scopo di rinforzare maggiormente l organismo; 7. consigli utili: per alleviare, contenere o prevenire effetti collaterali durante i trattamenti radioterapici e/o chemioterapici (tab ). DURANTE LA TERAPIA In questa fase bisogna più che mai, mantenere una elevata condizione di igiene orale e di motivazione per il mantenimento dello stato di salute raggiunto prima della terapia (4), ossia della fase precedente. Il paziente eseguirà visite molto ravvicinate a distanza di 15 giorni l una dall altra. Durante questi controlli si eseguiranno tali punti: 1. verifica dell attuazione del protocollo professionale: ci si accerta dei valori ematochimici ed urinari (soprattutto durante la chemioterapia), cioè su quei valori riguardanti le difese immunitarie e la capacità di coagulazione del sangue, riportate nell apposito esame della coagulazione. Ciò si fa per ovvi motivi: il primo, per evitare, che il paziente, già debilitato, possa infettarsi sulla zona trattata, vista la sua predisposizione a contrarre infezioni in seguito alla soppressione del sistema immunitario causata dall assunzione degli stessi far- Rivista Italiana Igiene Dentale 2007 Mag-Ago; 3 (2): 26

4 A DISGEUSIA: CHE COSA E BENE FARE bere molta acqua e latte tiepido preferire cibi con sapori dolci ad alto contenuto proteico (uova, formaggi delicati) sostituire i cibi caldi con quelli freddi scegliere dei cibi che stimolano di più l appetito sostituendoli, momentaneamente a quelli meno piacevoli per esaltare il sapore dei cibi aggiungere piccole quantità di erbe aromatiche (basilico, origano, rosmarino e menta) insaporire la carne o il pesce facendoli marinare nel vino, in olio e aceto o in salse agrodolci consumare la carne fredda con contorni di salse e sottaceti se le verdure cotte non hanno sapore aggiungere prosciutto o pancetta B DISGEUSIA: CHE COSA EVITARE mangiare piccante agrumi bevande gassate gomme da masticare con gusto troppo forte (menta, cannella) sciacqui con clorexidina cibi caldi TAB. 4: Consigli utili in presenza di disgeusia. A IPOSCIALIA - XEROSTOMIA: CHE COSA E BENE FARE bere frequentemente piccoli sorsi d acqua assumere sostituti salivari tenere pulita la lingua masticare chewinggum sciogliere caramelle assortite alla frutta (senza zucchero) tenere sempre ben umettate le labbra con soluzioni oleose assume una dieta semiliquida senza sale sciogliere un cubetto di ghiaccio in bocca succhiare ghiaccioli alla frutta per favorire la salivazione fare sciacqui ogni due ore da una sensazione di freschezza B IPOSCIALIA - XEROSTOMIA: CHE COSA EVITARE sciacqui con colluttori a base di alcol l alcol ed il fumo agrumi e pomodori cibi molto caldi cibi molto freddi cibi che richiedo o una masticazione faticosa come le verdure crude o la carne cruda cioccolato e dolci asciutti, che impastano la bocca TAB. 6: Consigli utili in presenza di Iposcialia - Xerostomia. A MUCOSITE: CHE COSA E BENE FARE sciacqui con acqua tiepida salata e bicarbonato lavare frequentemente i denti con uno spazzolino morbido dopo i pasti togliere eventuali protesi e pulirle accuratamente usare dentifrici non abrasivi usare unguenti per ammorbidire le labbra o miele rosato bere tanta acqua seguire una dieta ad alto contenuto proteico con supplenti vitaminici (vitamina A, B5) sostituire il pane normale con toast per tramezzini cibarsi con cibi e bevande fresche (gelati, yogurt, frullati, granite) bere succhi all albicocca, alla pera, alla pesca fare pasti piccoli e frequenti tagliare i cibi finemente ed arricchirli con condimenti cremosi come maionese, formaggi freschi, burro, olio, panna da cucina, yogurt, zucchero e miele consumare omogeneizzati o preparati ad alto contenuto calorico B MUCOSITE: CHE COSA EVITARE alcool e fumo agrumi, pomodori e succhi derivati bevande frizzanti cibi duri o croccanti (verdure crude, pane duro) cibi piccanti e speziati (pepe, peperoncino, curry) alimenti troppo salati o affumicati anche l ananas e succhi derivati TAB. 5: Consigli utili in presenza di mucosite. maci; il secondo, per evitare gravi complicanze sistemiche; 2. valutazione degli effetti collaterali: in questa fase si discute con il paziente riguardo i cambiamenti che ha notato durante la terapia (soggettività); a questo segue la nostra visita intraorale ed extra- orale, che si limita all osservazione degli effetti (oggettività) riportati dal paziente. Tutte le informazioni verranno scritte nella cartella dell igienista, che riporterà non solo la soggettività del paziente, ma anche l oggettività del sintomo esposto; 3. controllo del mantenimento dell igiene orale: nella terza fase si procede all effettiva osservazione dell igiene orale, se è stata mantenuta o se dovrà essere ripresa in più sedute u- nitamente alla fase successiva; 4. rinforzo motivazionale: atta al convincimento ed all attuazione dell apprendimento e dell esecuzione delle normali manovre di i- giene orale domiciliare, nonché dell utilizzo di presidi orali interprossimali (2); 5. igiene professionale: scaling e root- planing professionale ultrasonico, sonico e/o manuale, per rimozione tartaro, qualora ce ne fosse bisogno; 6. fluoroprofilassi: il paziente durante le terapia Rivista Italiana Igiene Dentale 2007 Mag-Ago; 3 (2): 27

5 FIG. 3: osteoradionecrosi. FIG. 4: carie radioindotta. FIG. 5: mucosite. (soprattutto in radioterapia) deve fare applicazioni topiche di fluoro, a causa della demineralizzazione dello smalto dei denti causato non dalla terapia in se, bensì dall insieme degli effetti tossici, che nel complesso provocano l evento patologico destruente; 7. consigli dietetici (tab ). DOPO LA RADIOTERAPIA Subito dopo la radioterapia, il paziente possiede una ridotta capacità di guarigione dei tessuti, riduzione del flusso salivare, con rischio di conseguenze molto temibili a lungo termine di carie radioindotta ed ostioradionecrosi; per tali motivi si consiglia una terapia di supporto permanente (TDSP), la quale prevede: igiene professionale periodica; fluoroprofilassi; controlli ogni mese per i primo anno, ogni tre mesi per il secondo anno, ogni sei mesi per tutta la vita. DOPO LA CHEMIOTERAPIA Il paziente possiede difese immunitarie molto basse, manifesta angioflogosi in fase acuta in tutto il distretto faringeo (rinofaringe, orofaringe, ipofaringe) e nel cavo orale, unitamente ad effetti tossici di tipo sistemico. Nella maggior parte dei casi, relativamente alla terapia ed alla posologia farmacologica del ciclo chemioterapico, questi effetti collaterali tendono a risolversi entro pochi mesi, per questa ragione si consiglia una terapia di supporto temporanea (TDST), che prevede: igiene professionale periodica; controlli ogni tre mesi per i primi due anni, in seguito ogni sei mesi. RISULTATI La scelta dell argomento esaminato nel presente lavoro si è dimostrata molto utile per aver ottenuto un riscontro concreto rispetto ai quesiti posti all inizio dello studio preso in considerazione nel presente elaborato (grafico 1). In definitiva i 35 pazienti trattati hanno risposto alle cure preventive alle quali sono stati sottoposti. La maggior parte dei soggetti presi in e- same, che hanno eseguito protocolli preventivi personalizzati, ha dato un ottimo riscontro. Infatti 35 soggetti sono stati sottoposti a: 14 chirurgia e radioterapia, 12 chirurgia, radioterapia e chemioterapia, 9 chemioterapia e chirurgia. Dopo il trattamento presso l igienista: - 2 hanno trovato il trattamento ottimo e risolutivo per gli effetti tossici delle terapia; - 20 hanno riscontrato un moderato benessere in conseguenza degli effetti collaterali presentatisi in terapia; - 8 hanno trovato il trattamento un lieve sollievo per molti fastidi della terapia; - 5 non hanno riscontrato nessun beneficio. Dalla documentazione dei casi presi in esame ci si è resi conto dell effettivo benessere riportato dai pazienti stessi. I numeri sopra riportati non rimangono tali, ma accrescono le metodiche preventive atte ad eliminare quei fastidi, che in precedenza dovevano essere sopportati. La piccola percentuale di insuccessi verificatisi, ci spinge ancora allo studio ed alla ricerca di nuove metodiche preventive, che ci auguriamo possano aumentare e migliorarsi sempre di più nel corso degli anni che verranno. DISCUSSIONE La scelta di questo argomento ha consentito all igienista dentale di applicare dei protocolli preventivi prima che i pazienti fossero sottoposti alle terapie anticancro. Ciò allo scopo, anche, di evitare l acquisizione di nuovi microrganismi dall ambiente esterno e di ridurre o eliminare la flora microgena endogena del paziente (1). L effettivo benessere riportato dalla diagnosi medica e dalla soggettività dei pazienti stessi ha dato dei risultati ottimi (grafico 2), ancor di più se confrontati con i casi riportati nel grafico 3, per i quali non è stato Rivista Italiana Igiene Dentale 2007 Mag-Ago; 3 (2): 28

6 FIG. 6: 35 pazienti sottoposti a protocolli preventivi personalizzati prima della terapia antiblastica. FIG. 7: 30 pazienti affetti da mucosite durante chemio e/o radioterapia, trattati dall igienista dentale. FIG. 8: 30 pazienti affetti da mucosite durante radio e/o chemioterapia che effettuavano solo sciacquo con soluzione salina basica. previsto nessun trattamento eseguito dall igienista dentale. Si evidenzia nella seconda serie di pazienti la maggiore incidenza di patologia infettiva- infiammatoria, così come si evince dai grafici messi a confronto. Per cui possiamo effettivamente affermare che l intervento dell igienista dentale ha fornito dei dati interessanti al fine del miglioramento dello stato di salute del cavo orale dei pazienti, che hanno avuto un attenuazione degli effetti collaterali in seguito all applicazione del protocollo preventivo. CONCLUSIONI L obiettivo di questo lavoro è quello di mettere in atto un metodo semplice e non troppo complesso ed invasivo per poter prevenire disagi, sofferenza e fastidio, mediante attuazione di protocolli operativi con linee programmatiche personalizzabili, che devono adattarsi alla complessità di ogni individuo, il quale non è solo un aggregato di organi e funzioni, ma una persona, che sopporta, pensa, si emoziona, gioisce, soffre. Il corpo di cui stiamo parlando è quello di ognuno di noi, ricco di sensi, di pensiero, di emozioni, che rende unica ed irripetibile qualunque fase della vita, che perciò deve essere, seppur minimamente, vissuta al meglio. È nostro preciso dovere, quindi, impegnarci perchè gli obiettivi prestabiliti diano rimedi per il futuro e per un domani migliore. L igienista dentale, in questo paziente, gioca un ruolo importante tanto quanto la terapia stessa, perché sostiene, conforta e rincuora colui che in questa fase particolare della vita è debole, abbattuto e rassegnato ad un evento catastrofico. Con tecniche appropriate e specifiche ci si è avvicinati a questo tipo di paziente e cosa meno facile alla sua malattia; al primo approccio predominavano sentimenti di rabbia o rassegnazione, ma pian piano il paziente ha acquisito fiducia in noi, regalandoci infine ciò che di più prezioso possedeva: un sorriso! Lo scopo di questa nostra esperienza non è quello di eliminare totalmente gli effetti collaterali delle terapie antiblastiche, perché non ne saremmo capaci, ma quello di riuscire a contenere ed a prevenire (ove possibile) inutili fastidi, che si traducono in inutili sofferenze. Nel trattamento dei pazienti oncologici è emerso che l igienista dentale, in quanto promotrice della prevenzione, dovrebbe essere inserita non solo all interno del Reparto di Chirurgia Maxillo- Facciale, ove è già una realtà presso il policlinico Universitario dell U.M.G. di Catanzaro, ma anche nel reparto di Oncologia, all interno dei quali si effettuano terapie antiblastiche. Tutto ciò, solo per migliorare lo stato di salute del cavo orale di questi pazienti E non vi è cosa più bella o realizzazione più grande, che riuscire a far sorridere colui che aveva perso la speranza di riuscirci. BIBLIOGRAFIA 1. Bonadonna G., Robustelli C., Valagussa P.. Medicina oncologica. Milano: Masson, Pag , , , Guastamacchia C., Ardizzone V.. Igiene orale personalizzata. Milano: Masson, Pag Loprinzi C.L., Cianflona S.G. A controlled evoluation of allopurinol mouthwash as prophylaxis against 5- fluorouracil- induced stomatitis. Cancer 65, , Verdi C.J. Cancer therapy and oral mucositis. Drug Safety 9, , Steel G.G., Adams G.E., Horwich A. (Eds) The biological basis of radiotherapy. Elsevier Amsterdam- New York- Oxford, Whalen G.F., Ferrans C.E. Quality of life as an outcome in clinical trials and cancer care: a primer for surgeons J. Surg. Oncol. 77, , Gerber L., Hicks, Shah J. Rehabilitation of the cancer patients in: De Vita V.T., Hellman S.M., Rosenberg S.A. (Eds), Principie and practice of oncology Nissen M.J., Swenson K.K., Ritzel J. Et coll. Quality of life after breast carcinoma surgery: a comparison of three surgical procedures. Cancer 91, , Esther M. Wilkins. La pratica clinica dell igienista dentale. Pag. 800, Piccin A. Carrassi, M. L. Bellini, P. Pezzotta. Comunicazione e counselling in odontoiatria , Masson Rivista Italiana Igiene Dentale 2007 Mag-Ago; 3 (2): 29

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE

CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE Menu MILANO CI TENIAMO A FARVI SAPERE CHE L eventuale attesa è sinonimo di preparazioni espresse e artigianali. Perdonateci! e se avete fretta, ditelo all Oste. L acqua pura microfiltrata è offerta dall

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~

di albicocche. ) senza glutine ) senza lattosio GIu~BuII~ Dr Schàr Foodservice ri Chi è affetto da celiachia non deve assolutamente rinunciare a mangiare al ristorante; attenendosi ad alcune regole e suggerimenti è possibile consumare i propri pasti al ristorante,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola

CATALOGO DEI PRODOTTI. Dall orto alla tavola CATALOGO DEI PRODOTTI Dall orto alla tavola Tutti i prodotti della nostra gamma sono senza coloranti nè conservanti, per preservare la vera natura delle pregiate materie prime utilizzate nella lavorazione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

"NON SIETE SOLI, NOI SIAMO CON VOI

NON SIETE SOLI, NOI SIAMO CON VOI I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Ospedale Busonera "NON SIETE SOLI, NOI SIAMO CON VOI Suggerimenti pratici Tutto

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop

Informazioni sullo schema di Chemioterapia. Chop Informazioni sullo schema di Chemioterapia Chop Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli

Dettagli

La nutrizione nel malato oncologico

La nutrizione nel malato oncologico La Collana del Girasole n. 13 La nutrizione nel malato oncologico Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici La Collana del Girasole La nutrizione nel malato oncologico 13 Legenda Per praticità

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA

10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA 10 DOMANDE E 10 RISPOSTE PER CAPIRE LA RADIOTERAPIA ISTITUTO NAZIONALE PER LO STUDIO E LA CURA DEI TUMORI DI MILANO Dieci domande e dieci risposte per far capire che cosa è la radioterapia Dedicato a tutti

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Conoscere la radioterapia

Conoscere la radioterapia Conoscere la radioterapia Come orientarsi durante il trattamento radiante Un particolare ringraziamento al Dott. Gino Miniaci che per primo ha avuto l idea di questa guida. A cura di: Enza Barbieri Feisal

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Freschezza in Svizzera

Freschezza in Svizzera Freschezza in Svizzera Tutte le sedi nel mondo sono disponibili all indirizzo: marche-restaurants.com AIRPORT ZÜRICH Diventate fan di Marché! facebook.com/marcherestaurantsschweiz BELLINZONA Tempo di spezie

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte

Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Guida alla perfetta copertura di cioccolato al latte Egregio Collega, Qual è la migliore copertura di cioccolato al latte? Quali sono le sue potenzialità? oppure Che sapore assume quando utilizzato in

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione

Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione Utenti: 3,2 = Prodotti destinati al consumatore finale = Prodotti destinati unicamente agli operatori della ristorazione SELEX ACETI AROMATIZZATI - BALSAMICI - CONDIMENTI Crema Classica all'aceto Balsamico

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni )

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO. L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NEG LI ADULTI (16-65 anni ) ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno

Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno Hai chiesto qual è il piatto del giorno? Il nostro Maître sarà lieto di illustrarvi le novità del giorno 2014 Hai chiesto qual è il piatto del giorno? { } (Il maresciallo Carotenuto Vittorio De Sica Che

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli