Il Programma Energe-co ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia: Un opportunità per gli En- Locali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Programma Energe-co ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia: Un opportunità per gli En- Locali"

Transcript

1 Il Programma Energe-co ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia: Un opportunità per gli En- Locali Dino De Simone Direzione Energia di Finlombarda 18 giugno 2014

2 IL QUADRO LEGISLATIVO E LA PROGRAMMAZIONE DIRETTIVA 28/2009/CE 29/2009/CE (PACCHETTO CLIMA) 2009 RIFORMA TITOLO V ENERGIA=MATERIA CONCORRENTE PROGRAMMA ENERGETICO REGIONALE DIRETTIVA 31/2010/CE nearly zero Energy building ROAD MAP EUROPEA 2050 Tabella di marcia per un economia a bassa emissione di carbonio al 2050 DIRETTIVA 27/2012/CE Efficienza energe4ca PIANO D AZIONE NAZIONALE PER LE RINNOVABILI D.LGS 28/ PIANO D AZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA PAEE Decreto 15 marzo 2012 Burden sharing PIANO D AZIONE PER L ENERGIA PIANO STRATEGICO DELLE TECNOLOGIE PER LA SOSTENIBILITÀ ENERGETICA IN LOMBARDIA PIANO PER UNA LOMBARDIA SOSTENIBILE LIBRO VERDE Un quadro per le poli4che dell energia e del clima all orizzonte STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE Nuovo Programma Energe-co Ambientale Regionale PEAR

3 IL BURDEN SHARING Definizione e quan5ficazione degli obieuvi regionali % quota regionale dei consumi di energia coper5 da FER = CONSUMI DI ENERGIA RINNOVABILE FER Ele9riche FER Termiche CONSUMI FINALI LORDI FER Traspor5 Consumi ele9rici Consumi termici Consumi traspor5 Calcolo del valore di partenza Media (Terna) Media (ENEA) Media (ENEA) IL PERCORSO PER LA LOMBARDIA VERSO IL TARGET FER 2020 Valore di partenza ,9% 7,0 % 7,7 % 8,5 % 9,7 % 11,3 % 3

4 L OBIETTIVO - tep 4

5 LA CORRESPONSABILITA - tep CIVILE (EDILIZIA RESIDENZIA- LE, TERZIARIO) INDUSTRIA TRASPORTI AGRICOLTU- RA 5

6 DISACCOPPIAMENTO CONSUMI ENERGETICI - PIL Il caso degli USA Fonte: U.S. Energy Informa5on Administra5on: Annual Energy Outlook

7 DISACCOPPIAMENTO CONSUMI ENERGETICI - PIL Consumi energe5ci totali (in TEP) e PIL reale. 7

8 DISACCOPPIAMENTO CONSUMI ENERGETICI - PIL La prospeava: Arrivare al DISACCOPPIAMENTO tra PIL e consumi energe5ci, u5lizzo di risorse naturali e produzione di rifiu5. Green economy Valori futuri ipo5zza5 rapporta5 ai valori

9 LA CONOSCENZA A SISTEMA 3,5 MILIONI DI IMPIANTI TERMICI MANUTENTORI IMPIANTI A FONTE RINNOVABILE (PRODUZIONE ELETTRICITÀ) OLTRE 800 IMPIANTI GEOTERMICI 1,2 MILIONI ACE CERTIFICATORI 9

10 OPEN DATA Da qualche parte in Europa i da4 sulla efficienza energe4ca degli edifici sono alla portata di tum * L open data Cened sulla Pia2aforma Europea per l Informazione del Se2ore Pubblico 10

11 GLI AMBITI D AZIONE e CONTESTI DireUve EU Leggi nazionali Norma5va tecnica Contesto AMMINISTRATIVO Superamento delle barriere burocra5che NORMATIVA E REGOLAZIONE E C O N O M I C O INTERVENTI FINANZIARI I S T U Z I O N A L E A M B I E N T A L E SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA S O C I A L E SUPPORTO E ACCOMPAGNA- MENTO Fondi stru9urali BEI ELENA PAES PGT e VAS OPEN DATA 11

12 LA DOMANDA DI ENERGIA NEGLI USI FINALI Risorse interne 8,4% Fonte: SIRENA- Factor20 I consumi complessivi di energia hanno registrato un trend di sostanziale stabilità, a9estandosi, nel 2012, a poco meno di ktep 12

13 ENERGY DEPENDENCE WEEK Fonte: SIRENA- Factor20 Se immaginassimo una divisione energe5ca tra territori regionali, la Lombardia non riuscirebbe con le sole risorse energe5che interne a garan5re un mese intero di consumi. 13

14 DOMANDA DI ENERGIA USI FINALI Fonte: SIRENA- Factor20 La domanda di energia nel se9ore civile ha mostrato un andamento diversificato: altalenante nel comparto residenziale; con5nua crescita del terziario. Nel se9ore industriale si registra il calo tra il 2011 e il Anche i traspor5 registrano una flessione sempre tra il 2011 e il

15 DOMANDA DI ENERGIA USI FINALI 2012 RESIDENZIALE + TERZIARIO = 43% Gli edifici (residenziale + terziario e servizi), con un fabbisogno nel 2012 di poco meno di 11 milioni di tep, rappresentano il comparto più energivoro in Lombardia pari al 43% del totale. Nel periodo , i consumi finali di energia nel residenziale sono diminui5 del 4%. Nel terziario si riscontra un incremento del 41%. Fonte: SIRENA- Factor20 15

16 FOCUS SUL SETTORE CIVILE Terziario e residenziale a confronto: diverse dinamiche di u5lizzo dei ve9ori Fonte: SIRENA- Factor20 16

17 FOCUS SUL SETTORE CIVILE Terziario e residenziale a confronto: i consumi di energia elettrica Fonte: SIRENA- Factor20 su da4 TERNA 17

18 IL TREND DEI CONSUMI DI FER Fonte: SIRENA- Factor20 18

19 IL FOTOVOLTAICO Andamento numero e potenza degli impian5 FV in Conto Energia Marzo 2013 Potenza installata: MW Numero impian5: Potenza media per impianto: 26 kw Il singolo impianto più esteso è nel comune di San Fiorano (LO) con una potenza di 5.997,6 kw

20 LE BIOENERGIE Le bioenergie dal 2000 sono quasi raddoppiate. Si evidenzia la diversificazione delle fon5 in a9o Fonte: SIRENA- Factor20 Totale bioenergie: 1,3 Mtep 20

21 MISURE E LINEE D INTERVENTO INFRASTRUTTURE E MERCATO ELETTRICO - Realizzazione di re5 di teleriscaldamento - Ges5one smart dei flussi del sistema energe5co (sviluppo proge9ualità per smart grid) - Razionalizzazione dell uso del so9osuolo, banda larga, re5 illuminazione smart - Infrastru9ura per la mobilità ele9rica ENERGIE RINNOVABILI - Promozione delle FER: semplificazione, digitalizzazione - Innovazione tecnologica - Definizione delle aree non idonee RISPARMIO ENERGETICO - Riqualificazione energe5ca del patrimonio edilizio - Risparmio energe5co nella pubblica illuminazione - Promozione del ruolo delle ESCO (Energy Service Companies) 21

22 MISURE E LINEE D INTERVENTO EFFICIENZA ENERGETICA - Efficienza e uso razionale dell energia nel se9ore produuvo - Co- uso (recupero dei cascami termici) - Razionalizzazione dei consumi energe5ci e riduzione emissioni CO2 a livello urbano (smart city) - Sistemi di ges5one dell energia per imprese FILIERA ENERGETICA - Sviluppo e compe55vità della green economy lombarda - Innovazione tecnologica di prodo9o - Smart Specialisa5on Strategy - Cluster tecnologici TEMI TRASVERSALI - Indirizzi agli en5 locali (PAES, urbanis5ca, PUGSS) - Accompagnamento e supporto al territorio (Fondi BEI, Banche date, open data) - Diffondere la cultura dell efficienza energe5ca e della buona ges5one dell energia 22

23 Misure e linee d intervento: il sehore Agricoltura Poli5ca agricola - Interconnessione con il PSR - U5lizzo biomassa forestale teleriscaldamento - Supporto imprese agricole per usi finali e u5lizzo FER - Biometano da reflui zootecnici 23

24 Misure e linee d intervento: le FER Aree non idonee - Individuazione aree non idonee Semplificazione - Semplificazione procedure a9raverso snellimento amministra5vo e informa5zzazione (MUTA) Formazione - Programmi di formazione per installatori di impian5 a FER Idroele9rico - Incremento potenza installata, anche tramite lo sblocco di procedure autorizza5ve - Priorità realizzazione impian5 sulla base della sostenibilità energe5co- ambientale - Intervento sui canoni di concessione Biomasse - Supporto a re5 di teleriscaldamento locali - Sostegno filiera bosco- legno- energia (coerenza PSR) 24

25 Misure e linee d intervento: le FER Pompe di calore - Semplificazione autorizzazione pdc ciclo aperto - diffusione tecnologie a pdc Solare fotovoltaico - Semplificazione e diffusione Solare termico - Semplificazione e diffusione 25

26 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO Scenario di consumi al 2020 ktep - tep Ipotesi di Scenario di Piano al 2020 Prima s5ma di risparmio energe5co potenziale: 2-2,5 Mtep Fonte: s4me SIRENA- Factor20 26

27 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO CIVILE Residenziale terziario TRASPORTI INDUSTRIA Valutazione dei livelli di contributo per singolo se9ore d uso finale AGRICOLTURA 27

28 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO CIVILE Residenziale terziario Valutazione dei livelli di contributo per singolo se9ore d uso finale: prima ripar5zione INDUSTRIA TRASPORTI AGRICOLTURA 28

29 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO Il se9ore dell edilizia rappresenta quello più significa5vo e prome9ente in termini di risparmio complessivo o9enibile. - - Verso gli edifici nzeb; La riqualificazione del patrimonio esistente (pubblico e privato). 300 Legge 373/ kwh/m 2 anno EP H medio ET H medio Legge 10/1991 DGR 5018/ < > 2007 Epoca di costruzione Riduzione Energia Primaria - 1% +4% - 2% - 14% - 33% - 36% Fonte: Catasto Energe5co Edifici Regionale (CEER) 29

30 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO Il se9ore residenziale: Edifici priva5 Il se9ore residenziale: Edilizia pubblica ktep Prima s5ma di risparmio potenziale: 1-1,3 Mtep Fonte: s4me SIRENA- Factor20 Valore medio EPH per epoca costruuva dal 2007 in poi (edifici residenziali). Fonte: Catasto Energe5co Edifici Regionale Gli edifici a consumo quasi zero 30

31 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO Il se9ore residenziale: Edilizia privata Azione sul nuovo: gli nzeb GWh Azione sull esistente : semplificazione, supporto al credito, ESCO 31

32 Il Piano regionale per l edilizia pubblica 1/4 La declinazione regionale del Piano nazionale per la riqualificazione dell edilizia pubblica 32

33 Il Piano regionale per l edilizia pubblica 2/4 FONDO EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI FREE LINEA PICCOLI COMUNI SOGGETTI DELLA LINEA DESTINATARI OGGETTO INTERVENTO DIMENSIONE INTERVENTI DEGLI INTERVENTI AMMISSIBILI TIPOLOGIA AGEVOLAZIONE DI Comuni fino a abitan5 Edifici di proprietà o in concessione dei comuni sopra indica5, des5na5 a: Scuole Uffici pubblici AUvità ricrea5ve, culturali o spor5ve Stru9ure socio- sanitarie, anche a cara9ere residenziale Non è prevista nessuna soglia dimensionale Sono ammessi all agevolazione i progeu di ristru9urazione (anche mediante demolizione e ricostruzione) e di riqualificazione energe5ca degli edifici e degli impian5 connessi, in grado di determinare una riduzione del fabbisogno annuale di energia primaria (kwh/anno) di almeno il 30% rispe9o alla situazione a9uale (ante intervento) ed il rispe9o dei limi5 prestazionali previs5 dalle previs5 dalle disposizioni regionali (dgr 5018/2008 e smi) e dall allegato 3 del d.lgs. 28/2011 e smi. Non è ammessa la realizzazione di nuovi edifici su terreni precedentemente non edifica5. Contributo a fondo perduto per l 70% delle spese dell inves5mento, iva compresa, fino ad un massimo di euro per ciascun proge9o. 33

34 Il Piano regionale per l edilizia pubblica 3/4 FONDO EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI - FREE TuU i Comuni SOGGETTI DESTINATARI DELLA LINEA FORME DI RAPPORTO TRA BENEFICIARI E DESTINATARI DESCRIZIONE BANDO OGGETTO INTERVENTO DIMENSIONE MINIMA DEGLI INTERVENTI INTERVENTI AMMISSIBILI Comuni o raggruppamen5 di Comuni Aggiudicatario di gara pubblica avente ad ogge9o la riqualificazione energe5ca dell edificio e/o la rela5va ges5one energe5ca con la stru9ura del Partenariato Pubblico Privato. In caso di concessione di servizi con Finanziamento Tramite Terzi, è prevista l obbligatorietà dell u5lizzo di un contra9o EPC tra Comune e sogge9o aggiudicatario. Interven5 di riqualificazione energe5ca sulle seguen5 5pologie di edifici di proprietà pubblica: Scuole; Uffici pubblici; Edifici adibi5 ad auvità spor5ve. Saranno ammessi alle agevolazioni i progeu propos5 da uno o più Comuni che prevedono un costo di inves5mento pari ad almeno 1 milione di Euro. Sono ammessi all agevolazione i progeu di riqualificazione energe5ca del sistema edificio- impianto in grado di determinare una riduzione del fabbisogno annuale degli edifici (kwh/anno) rispe9o alla situazione ex- ante pari ad almeno il (30)%; inoltre l edificio ristru9urato dovrà rispe9are i limi5 di fabbisogno energe5co previs5 dalle disposizioni regionali (dgr 5018/2008 e smi). Sono ammesse all agevolazione, altresì, le spese di assistenza tecnica, legale ed economico- finanziaria connesse ai progeu di cui sopra. TIPOLOGIA DI AGEVOLAZIONE Combinazione di: Contributo a fondo perduto (max 30%); Finanziamento a tasso agevolato (max 50%), sino ad una copertura massima dell 80% delle spese ammissibili. 34

35 Il Piano regionale per l edilizia pubblica 4/4 FONDO EFFICIENZA ENERGETICA E FONTI RINNOVABILI TuU i Comuni RISULTATI ATTESI AL 2020: Circa edifici ogge9o di intervento Considerando gli edifici scolas5ci come prioritari: Si arriverebbe a riqualificare circa il 20% delle scuole regionali RISPARMIO ENERGETICO STIMATO PARI A 87 MILIONI DI kwh ANNUI PARI A CIRCA IL 6% DEI CONSUMI ENERGETIC I DEL COMPARTO SCOLASTICO. L INVESTIMENTO COMPLESSIVO CHE VERRA GENERATO SUPERA ABBONDANTEMENTE I 100 MILIONI DI EURO! 35

36 La strategia per il Piano dell edilizia pubblica Incen5vi con priorità a: - Interven5 a più lungo tempo di ritorno (es. la riqualificazione involucro) con fondo perduto - Tecnologie con forte presenza industriale in Lombardia e in Italia Fondi di garanzia e di rotazione Ricorso alla contra9ualis5ca EPC e all intervento di ESCO per la garanzia di risultato e la compartecipazione dei priva5 Diagnosi energe5ca e diffusione della dell energy management per la PA: accrescimento della consapevolezza e cultura della ges5one efficiente dell energia Formazione/informazione/accompagnamento Anche finalizzata alla richiesta fondi nazionali ed europei (BEI) Salto di qualità dei PAES: dalla teoria all azione 36

37 Il Bando Lombardia Concreta Lombardia Concreta è un inizia5va che intende sostenere il sistema delle imprese lombarde che operano nel se9ore dell accoglienza turis5ca alberghiera ed extra alberghiera, dei pubblici esercizi (bar e ristoran5) e del commercio alimentare al de9aglio, per la realizzazione di interven5 di riqualificazione delle stru9ure e per progeu di miglioramento qualita5vo dei servizi offer5 in vista di Expo Finlombarda in qualità di sogge9o gestore opera in concorso a Regione Lombardia nel pagamento degli interessi sulle operazioni di credito effe9uate dagli Is5tu5 di Credito a favore delle imprese commerciali e turis5che des5natarie del presente bando. Il bando per le imprese prevede l'abbaumento massimo del 3% dei tassi di interessi sui finanziamen5 concessi dal sistema bancario convenzionato alle PMI lombarde che prevedono inves5men5 stru9urali, in beni materiali e in nuove tecnologie in linea con i più eleva5 standard qualita5vi del se9ore di riferimento e con un rido9o impa9o ambientale. L importo di tali finanziamen5 dovrà essere compreso tra ,00 e ,00 euro. 37

38 Il Bando Lombardia Concreta Beneficiari - 1 Micro, piccole e medie imprese del turismo, codici ATECO: 55.1 ALBERGHI E STRUTTURE SIMILI Alberghi e stru9ure simili Alberghi Alberghi Villaggi turis5ci Villaggi turis5ci Affi9acamere per brevi soggiorni, case ed appartamen5 per vacanze, bed and breakfast, residence 55.3 AREE DI CAMPEGGIO E AREE ATTREZZATE PER CAMPER E ROULOTTE Aree di campeggio e aree a9rezzate per camper e roulo9e Aree di campeggio e aree a9rezzate per camper e roulo9e Aree di campeggio e aree a9rezzate per camper e roulo9e 38

39 Il Bando Lombardia Concreta Beneficiari - 2 Micro e piccole imprese della ristorazione e del commercio: - codice ATECO 56 «Aavità dei servizi di ristorazione» (tum ad eccezione della ristorazione mobile) - codice ATECO 47.2 «Commercio al dehaglio di prodou alimentari, e bevande» (tum ad eccezione di Commercio al dexaglio di prodom del tabacco in esercizi specializza4) Microimprese: numero max di occupa5 9 fa9urato max o bilancio 2 milioni Piccole Imprese: numero max di occupa fa9urato max o bilancio 10 milioni Medie Imprese: numero max di occupa fa9urato max 50 milioni o bilancio 43 milioni 39

40 Il Bando Lombardia Concreta Spese ammissibili Opere edili e impian5s5che Ristru9urazione di spazi comuni, per5nenziali e funzionali all auvità Arredi funzionali all auvità dell impresa, ivi comprese palestre, piscine, saune, SPA e zone benessere A9rezzature e strumen5 tecnologici Impian5 e tecnologia per l installazione di re5 wifi Interven5 per l efficientamento energe5co degli edifici Mezzi di trasporto a basso impa9o emissivo (autoveicoli e bicicle9e ele9riche, autoveicoli ibridi o alimenta5 a GPL o a metano autoveicoli a benzina di classe minima Euro 5, autoveicoli diesel di classe minima Euro 6) A9rezzature ed impian5 per la sicurezza dei locali Spese di proge9azione (max 5%) Opere, arredi e a9rezzature per il turismo accessibile Per informazioni: h9p:// 40

41 COME COSTRUIRE LO SCENARIO DI PIANO? Lo scenario di Piano legato alle FER è dire9amente legato allo scenario di consumi. Raggiungendo l obieavo di Piano di ridurre il consumo finale l obieavo di Burden Sharing scende soho i ktep 41

42 COSTRUZIONE DELLO SCENARIO DI PIANO Le fon5 energe5che rinnovabili Prima s5ma di incremento potenziale: + 47% di energia consumata da FER pari a 3,5 Mtep ktep Fonte: s4me SIRENA- Factor20 42

43 DOVE SPINGERE LO SCENARIO DI PIANO? Si ipo5zza nello scenario energe5co spinto di incrementare dell 88% il fabbisogno energe5co finale che sarà servito da FER termiche 43

44 IL PEAR GRAZIE PER L ATTENZIONE Dino De Simone Direzione Energia - Finlombarda

Il nuovo Programma Energetico ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia

Il nuovo Programma Energetico ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia Il nuovo Programma Energetico ambientale regionale (PEAR) di Regione Lombardia Dino De Simone Direzione Energia di Finlombarda GLI AMBITI D AZIONE E DI CONTESTO IL NUOVO PIANO ENERGETICO REGIONALE: IL

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese

L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda e Fondazione EnergyLab L'efficienza energetica nell'industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Il piano energetico ambientale regionale Mauro Fasano Regione Lombardia, DG

Dettagli

Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città

Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città Giornata n 01/2014 Network, efficienza e managerialità nella gestione dell illuminazione pubblica Illuminazione pubblica: Piani della Luce, Energia e Sostenibilità per una gestione intelligente della città

Dettagli

Mauro Fasano Dirigente Energia e Sviluppo Sostenibile, DG Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Regione Lombardia

Mauro Fasano Dirigente Energia e Sviluppo Sostenibile, DG Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Regione Lombardia Mauro Fasano Dirigente Energia e Sviluppo Sostenibile, DG Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile Regione Lombardia IL PEAR VERSO L APPROVAZIONE FINALE 2012 2013 Avvio del procedimento di Valutazione

Dettagli

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia

Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Il PEAR di Regione Lombardia: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Mauro Brolis Divisione Energia INFRASTRUTTURE LOMBARDE SPA Green house ed altri esempi virtuosi per lo sviluppo della

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 Marzo 2014 LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10

Dettagli

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando)

LOMBARDIA CONCRETA. DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA DGR X/986 del 29 novembre 2013 e DDG 2185 del 14 marzo 2014 (Bando) LOMBARDIA CONCRETA CONtributi al CREdito per Turismo e Accoglienza 12,4 milioni di risorse regionali di cui: 10 milioni

Dettagli

L'efficienza energetica al servizio dell'economia e della sostenibilità: best practice e case studies

L'efficienza energetica al servizio dell'economia e della sostenibilità: best practice e case studies L'efficienza energetica al servizio dell'economia e della sostenibilità: best practice e case studies Dino De Simone Divisione Energia Infrastrutture Lombarde Lunedì 15 giugno, ore 9.30, Sala Meili, Spazio

Dettagli

I bandi nel settore dell edilizia POR FESR 2014-2020

I bandi nel settore dell edilizia POR FESR 2014-2020 Efficienza energetica in edilizia: le opportunità economiche per gli Enti Locali I bandi nel settore dell edilizia POR FESR 2014-2020 Silvia Galante, Valentina Sachero Unità Organizzativa Energia e Reti

Dettagli

Efficienza energetica: Roadmap delle strategie e dei piani di attuazione Regionali: IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

Efficienza energetica: Roadmap delle strategie e dei piani di attuazione Regionali: IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE Efficienza energetica: Roadmap delle strategie e dei piani di attuazione Regionali: IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda 17 aprile 2014 Parco scientifico

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività

LOMBARDIA 2020 Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività CO 2 LOMBARDIA Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività RE FER in collaborazione con RE Politica di Regione Lombardia PIANO PER UNA LOMBARDIA SOSTENIBILE Declinazione a livello nazionale

Dettagli

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili

- 20 % Emissioni di Gas serra 20 % La nuova pianificazione regionale. Consumi di energia primaria. Energia da Fonti Rinnovabili ALBA AUDITORIUM FONDAZIONE FERRERO IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI NEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DEL PIANO 20/20/20 Agostino Ghiglia Assessore all energia La nuova pianificazione regionale Nel dicembre

Dettagli

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte

Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte FORLENER 2013 FORESTA_LEGNO_ENERGIA TERRE ALTE E FORESTE: LA STRATEGICA ENERGIA PER L ECONOMIA MONTANA VERCELLI, 27 SETTEMBRE 2013 Lo sviluppo della produzione di energia da biomassa in Piemonte Mauro

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE - PAES Baseline e individuazione azioni SPES Consul>ng Società di consulenza in materia energetica ed ambientale. Ci occupiamo di pianificazione energetica a

Dettagli

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente

La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d. e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente La politica di Regione Lombardia in campo energetico: Il Piano d Azione d per l Energia l e il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente Dino De Simone Giuseppe Maffeis Punti Energia - Regione Lombardia

Dettagli

Mauro Fasano Unità Organizzativa Energia e Reti Tecnologiche Direzione Generale Ambiente Energia e Reti. 31 gennaio 2013 Brescia

Mauro Fasano Unità Organizzativa Energia e Reti Tecnologiche Direzione Generale Ambiente Energia e Reti. 31 gennaio 2013 Brescia PROGRAMMA TERRITORIALE DELLE FONTI ENERGETICHE E SVILUPPO DELLE RETI Primi contributi alla redazione del nuovo Programma Energetico Ambientale Regionale Mauro Fasano Unità Organizzativa Energia e Reti

Dettagli

Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.)

Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.) In collaborazione con: Finanziamenti regionali per le P.M.I. per la realizzazione di audit energetici (misura co finanziata dal MI.S.E.) Stefania Ghidorzi Direzione Energia Infrastrutture Lombarde Comitato

Dettagli

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale

Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale Oggetto: il PEAP (Piano Energetico Ambientale Provinciale) IL CONTESTO europeo nazionale provinciale a livello comunitario: Direttiva Fonti Energetiche Rinnovabili (Direttiva 2009/28/EC) Direttiva Emission

Dettagli

Verso la Strategia Energetico Ambientale Regionale 2014 2020 L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI: OPPORTUNITÀ PER OPERATORI PUBBLICI E PRIVATI

Verso la Strategia Energetico Ambientale Regionale 2014 2020 L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI: OPPORTUNITÀ PER OPERATORI PUBBLICI E PRIVATI Verso la Strategia Energetico Ambientale Regionale 2014 2020 L EFFICIENTAMENTO ENERGETICO DEGLI EDIFICI: OPPORTUNITÀ PER OPERATORI PUBBLICI E PRIVATI L efficienza energetica nell AGENDA URBANA e nella

Dettagli

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011

Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro. Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della regione Liguria e le prospettive per il futuro Maria Fabianelli 11 Novembre 2011 Le caratteristiche energetiche della Liguria La Liguria svolge una importante funzione

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

Efficienza energetica: motore di sviluppo economico, degli investimenti e dell occupazione Efficienza energetica: potenzialità e strumenti

Efficienza energetica: motore di sviluppo economico, degli investimenti e dell occupazione Efficienza energetica: potenzialità e strumenti Efficienza energetica: motore di sviluppo economico, degli investimenti e dell occupazione Efficienza energetica: potenzialità e strumenti arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE

Dettagli

La nuova programmazione europea e regionale: prospettive per il Patto dei Sindaci

La nuova programmazione europea e regionale: prospettive per il Patto dei Sindaci La nuova pianificazione regionale Capacity building per i Comuni della Provincia di Torino: pianificazione energetica locale e meccanismi di finanziamento 7 Novembre 2013 La nuova programmazione europea

Dettagli

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile

La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile La politica regionale a sostegno dell energia energia sostenibile giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Padova, 17 novembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti Rinnovabili - Risparmio

Dettagli

Politiche, strategie e strumenti a livello europeo e governativo

Politiche, strategie e strumenti a livello europeo e governativo Politiche, strategie e strumenti a livello europeo e governativo Le nuove misure obbligatorie per il risparmio energetico negli edifici al 2014: patrimoni pubblici,audit energetici e strumenti di finanziamento

Dettagli

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica Percorsi e strumenti finanziari per lo sviluppo degli investimenti in ambito ambientale e dell efficienza energetica per le Imprese Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Dettagli

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A.

Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Rinnovabili termiche: possibili strumenti di incentivazione per il settore privato e la P.A. Sebastiano Serra Ministero dell Ambiente Capo Segreteria Tecnica Pompe di calore ad assorbimento a metano ed

Dettagli

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici

La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici La politica regionale a sostegno dei processi di riqualificazione degli edifici pubblici giuliano vendrame sezione energia regione del veneto Venezia, 10 dicembre 2014 Piano Energetico Regionale Fonti

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118

Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118 Delibera di Giunta Regionale 20 dicembre 2013, n. X/1118 Aggiornamento delle disposizioni per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici. Recepimento D.P.R. 16 aprile

Dettagli

Il riconoscimento del ruolo dell ef Il riconoscimento del r ficienza ener cienza ener e g tica in dili dili i z a Giuliano Dall O S onsor

Il riconoscimento del ruolo dell ef Il riconoscimento del r ficienza ener cienza ener e g tica in dili dili i z a Giuliano Dall O S onsor Il riconoscimento del ruolo dell efficienza energetica in edilizia i Giuliano Dall O Professore di Fisica Tecnica Ambientale al Politecnico di Milano, Direttore Generale di Sacert Sponsor Con il patrocinio

Dettagli

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Tommaso Franci Convegno FIPER Biomasse il futuro dell energia e dell ambiente! Il ruolo delle biomasse

Dettagli

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico

Il ritorno dell investimento energetico. Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Il ritorno dell investimento energetico Torino 17 Novembre 2008 Gli strumenti di incentivazione della Regione Piemonte nel settore energetico Arch. Aurelia VINCI L ENERGIA IN PIEMONTE: LE PRIORITÀ Le priorità

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa a cura di I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa I finanziamen* agevola* per le piccole e medie imprese operan* nella Regione Veneto sono finanziamen* eroga* a condizioni agevolate in favore

Dettagli

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE

QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE QUADRO DI PROGRAMMAZIONE PER UNA POLITICA ENERGETICA REGIONALE ANNO 2007 1 CONSUMI FINALI PER SETTORE DI UTILIZZO trasporti 29,2% CONSUMI FINALI PER SETTORE agricoltura e pesca 2,1% industria 34,6% civile

Dettagli

Stato del arte dell Efficienza Energe2ca: I meccanismi d incen2vazione

Stato del arte dell Efficienza Energe2ca: I meccanismi d incen2vazione Stato del arte dell Efficienza Energe2ca: I meccanismi d incen2vazione Rino Romani Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE 1 Sommario Domanda di energia e efficienza energe2ca Strategia Energe2ca Nazionale

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini La situazione energetica italiana 2 La situazione energetica italiana Domanda e offerta di energia Consumi di energia Fonti Energetiche Rinnovabili

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE. Obie vo 2020: ITALIA. +18,3 MTep

DIRETTIVA 2009/28/CE. Obie vo 2020: ITALIA. +18,3 MTep DIRETTIVA 2009/28/CE Obie vo 2020: ITALIA 17% del consumo finale di energia da fon rinnovabili 10% del consumo finale di energia nei traspor da fon rinnovabili Consumi lordi al 2020: 254,4 Mtep Energia

Dettagli

L importanza dell efficienza energetica per l industria

L importanza dell efficienza energetica per l industria L importanza dell efficienza energetica per l industria Massimo Di Domenico Responsabile Unità Energia Assolombarda Sesto San Giovanni, 26 marzo 2015 Copyright 2015 Assolombarda L evoluzione normativa

Dettagli

Così, insieme, la nostra energia vale di più

Così, insieme, la nostra energia vale di più 1 Protocollo d intesa del16 febbraio 2010 L impegno del Consorzio JPE sull uso razionale e consapevole dell energia nell edilizia PER IL RILANCIO PRODUTTIVO ED OCCUPAZIONALE DELLE PMI PIEMONTESI ATTRAVERSO

Dettagli

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto

Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Le disposizioni regionali degli impianti termici ed il nuovo Libretto di Impianto Recepimento D.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 e del D.M. 10 febbraio 2014 Confartigianato Sondrio 6 novembre 2014 Regione Lombardia

Dettagli

Esperienze di realizzazione di interventi di efficienza e risparmio energetico sull edilizia esistente

Esperienze di realizzazione di interventi di efficienza e risparmio energetico sull edilizia esistente Commissione: Politiche per l istruzione, la sostenibilità ambientale, l innovazione e la coesione sociale Esperienze di realizzazione di interventi di efficienza e risparmio energetico sull edilizia esistente

Dettagli

Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato

Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato Sicurezza, ambiente, efficienza e mercato Aprire nuovi fronti nel paese per rispondere alla sfida economica, a quella climatica e delle risorse GIANNI SILVESTRINI PRESIDENTE GREEN BUILDING COUNCIL ITALIA,

Dettagli

La politica energetica della Regione Piemonte Ing. Stefania Crotta DIREZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, UNIVERSITÀ E SVILUPPO ENERGETICO SOSTENIBILE settore.sviluppoenergetico@regione.piemonte.it Obiettivi

Dettagli

Bologna 8 novembre 2010

Bologna 8 novembre 2010 Bologna 8 novembre 2010 Il Gestore dei Servizi Energe5ci (GSE) Dire(ve Proprietà 100% Delibere MISSIONE promozione dello sviluppo sostenibile, a>raverso l'erogazione di incen5vi economici des5na5 alla

Dettagli

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it

19 giugno 2013. Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group www.energystrategy.it 19 giugno 2013 Vittorio Chiesa Politecnico di Milano, Energy & Strategy Group Il trend dei consumi Gli obiettivi stabiliti dalla SEN per l efficienza energetica: - 24% sui consumi primari (-20 Mtep); -

Dettagli

"Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici"

Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici "Contratti e bancabilità per l'efficienza energetica degli edifici" La proprietà pubblica: opportunità/ difficoltà attuative in Toscana Firenze, 21 giugno 2012 Dott. Rita Montagni Regione Toscana DG Politiche

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Convegno RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E ACCESSO AL CREDITO

Convegno RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E ACCESSO AL CREDITO Convegno RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E ACCESSO AL CREDITO Come realizzare un progetto di sostenibilità ambientale ed economica in Provincia di Mantova? Mantova - Aula Magna Isabella d'este

Dettagli

ENERGIA e Normativa: innovazione e potenzialità di mercato. arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE

ENERGIA e Normativa: innovazione e potenzialità di mercato. arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE ENERGIA e Normativa: innovazione e potenzialità di mercato arch. Gaetano Fasano Unità Tecnica Efficienza Energetica -UTEE Modena 17 novembre 2014 400 350 Il margine di risparmio potenziale per settore

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n.

Valutazione ex-ante degli strumenti finanziari da attivare nell ambito del POR FESR Regione Marche 2014-2020 Obiettivo Tematico n. Servizio «Procedura aperta di affidamento del servizio valutazione tematica di cui art. 47-48 REG. 1083/06, Rapporto Finale di Valutazione POR FESR 2007 13 e servizio valutazione ex-ante compresa Vas e

Dettagli

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna

Relazione Introduttiva. FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna Relazione Introduttiva FABRIZIO TOLLARI Osservatorio Green Economy Emilia-Romagna LOW CARBON ECONOMY EU ROADMAP 2050 Comunicazione 2011/112 Una tabella di marcia verso un economia competitiva a basse emissioni

Dettagli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli

Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli ORGANISMO DI ACCREDITAMENTO REGIONALE Progetti di efficienza energetica nella PA: azioni e strategie per superare gli ostacoli La riqualificazione e l efficientamento energetico del patrimonio edilizio

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese nei mercati europei Venezia 17 febbraio 2015

L internazionalizzazione delle imprese nei mercati europei Venezia 17 febbraio 2015 Politiche nazionali ed opportunità per le aziende nei mercati energetici locali ed esteri Sebastiano Serra SEGRETERIA TECNICA DEL Ministro dell Ambiente L internazionalizzazione delle imprese nei mercati

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

La Sostenibilità Finanziaria dei progetti per una Amministrazione Virtuosa

La Sostenibilità Finanziaria dei progetti per una Amministrazione Virtuosa иoiros La Sostenibilità Finanziaria dei progetti per una Amministrazione Virtuosa Risorse Comuni 24 Novembre 2011 Obiettivo Diventare Amministrazioni Virtuose sempre più al servizio del cittadino, nel

Dettagli

Nuove Imprese a Tasso Zero: Promuovere e sostenere nuova imprenditorialità giovanile e femminile

Nuove Imprese a Tasso Zero: Promuovere e sostenere nuova imprenditorialità giovanile e femminile Nuove Imprese a Tasso Zero: Promuovere e sostenere nuova imprenditorialità giovanile e femminile Invitalia, Agenzia Nazionale per l a0razione degli inves4men4 e lo sviluppo d impresa, è una società per

Dettagli

IBE, analisi del contesto, ambiti prioritari di intervento ed efficienza degli edifici nei PAES dei 6 Comuni coordinati dalla Provincia di Treviso

IBE, analisi del contesto, ambiti prioritari di intervento ed efficienza degli edifici nei PAES dei 6 Comuni coordinati dalla Provincia di Treviso Treviso 25 marzo 2015 IBE, analisi del contesto, ambiti prioritari di intervento ed efficienza degli edifici nei PAES dei 6 Comuni coordinati dalla Provincia di Treviso Cristina Ricci, NIER Gianfranco

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all attuazione del PAES PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo Area Ambiente bando 2012 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Incontro formativo sugli strumenti di sostegno all

Dettagli

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici Deliberazione di Giunta Regionale N. VIII/8745 del 22 dicembre 20082 Alice Tura REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

Le fonti di energia rinnovabile

Le fonti di energia rinnovabile Le fonti di energia rinnovabile ENERGIA EOLICA SOLARE FOTOVOLTAICO E TERMICO IDROELETTRICO 26 novembre 2007 26 Le fonti di energia rinnovabile ENERGIA GEOTERMICA ENERGIA DALLE MAREE IL RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012

L applicazione della Direttiva 2012/27/UE. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 L applicazione della Direttiva 2012/27/UE Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Verona, 09 Ottobre 2012 Indice Il contesto La normativa di riferimento Programmi Europei Programmi Nazionali

Dettagli

Obiettivi UE al 2020 -20% ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA

Obiettivi UE al 2020 -20% ENERGIA PRIMARIA 20% ENERGIA DA FER -20% GAS SERRA I NUOVI INCENTIVI REGIONALI PER LE FER E L EFFICIENZA ENERGETICA Assessorato allo Sviluppo Economico DIREZIONE INNOVAZIONE, RICERCA, UNIVERSITÀ E SVILUPPO ENERGETICO SOSTENIBILE Settore Sviluppo Energetico

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile

Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile Le azioni di efficienza energetica degli edifici nel PAES Piano di Azione per l Energia Sostenibile 21 Ottobre 2015 Efficienza energetica degli edifici: il valore della casa, il valore dell ambiente con

Dettagli

Le politiche energetiche di Regione Liguria: Il Piano Energetico Ambientale Regionale 2014-2020

Le politiche energetiche di Regione Liguria: Il Piano Energetico Ambientale Regionale 2014-2020 Dipartimento Sviluppo Economico Settore Ricerca, Innovazione ed Energia Le politiche energetiche di Regione Liguria: Il Piano Energetico Ambientale Regionale 2014-2020 28 Novembre 2014 Sanremo, Via della

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

La normativa e i requisiti sulla riqualificazione energetica del costruito in Italia «Contenuti chiave del D.lgs. 102/2014 e i D.M.

La normativa e i requisiti sulla riqualificazione energetica del costruito in Italia «Contenuti chiave del D.lgs. 102/2014 e i D.M. La normativa e i requisiti sulla riqualificazione energetica del costruito in Italia «Contenuti chiave del D.lgs. 102/2014 e i D.M. 26 Giugno 2015» Enrico Bonacci Divisione Efficienza Energetica, Ministero

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Le Linee Guida di Regione Lombardia

L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Le Linee Guida di Regione Lombardia L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Le Linee Guida di Regione Lombardia Silvana Di Matteo Struttura Risorse Energetiche Direzione Generale Ambiente

Dettagli

Il Conto Termico 2.0

Il Conto Termico 2.0 Il Conto Termico 2.0 Il Conto Termico 2.0 potenzia e semplifica il meccanismo di sostegno già introdotto dal decreto 28/12/2012, che incentiva interventi per l incremento dell efficienza energetica e la

Dettagli

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013

Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Strumenti Finanziari: VEXA ex art. 37 Reg. 1303/2013 Comitato di Sorveglianza - 12 maggio 2015 Gli Strumenti Finanziari nella Programmazione 2014-2020 (1/2) Il Contesto Europeo La Programmazione 2014-2020

Dettagli

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI

Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI 1 Il mercato energetico in Italia: vantaggi e opportunità per le PMI Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo del Sistema Elettrico Workshop Fondazione idi Milano, 11 Novembre 2010 www.gsel.it1

Dettagli

15. Consumi energetici

15. Consumi energetici 15. Consumi energetici Nel 2006 i consumi energetici del Comune di Roma hanno registrato un aumento rispetto al 2005 (+2,8%), un dato, questo, in linea con l incremento provinciale (+2,7%), regionale (+2,2%)

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DOMOTICA NELL USO RAZIONALE DELL ENERGIA

IL CONTRIBUTO DELLA DOMOTICA NELL USO RAZIONALE DELL ENERGIA IL CONTRIBUTO DELLA DOMOTICA NELL USO RAZIONALE DELL ENERGIA Pietro Mascadri Formazione Tecnica GEWISS Modena, Introduzione Domotica: bisogni, esigenze e mercati Gli italiani e la casa Cosa chiedono gli

Dettagli

Ministero dello sviluppo economico

Ministero dello sviluppo economico Incentivi per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Ministero dello sviluppo economico Dipartimento Energia - DGENRE - Div.

Dettagli

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica nelle strutture sanitarie Claudia Carani AGENZIA PER L ENERGIA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena Progetto MARTE/IEE/13/465

Dettagli

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia

Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia Le evoluzione della normativa in materia di efficienza energetica in edilizia L allegato energetico al Regolamento Edilizio arch. filippo loiodice 12 ottobre 2011 Passirano I pesi in media.. in media.senza

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

legate al Piano Energetico Europeo

legate al Piano Energetico Europeo Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA Nuove prospettive e responsabilità locali legate al Piano Energetico Europeo Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna

Dettagli

Il PEAR: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia. Dino De Simone Divisione Energia ILSPA

Il PEAR: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia. Dino De Simone Divisione Energia ILSPA Il PEAR: priorità efficienza e risparmio energetico in edilizia Dino De Simone Divisione Energia ILSPA 30 settembre 2015 PROGRAMMAZIONE, NORME E RISORSE VERSO LA SOSTENIBILITÀ Programma Operativo Regionale

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo

La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali UNIVERSITA DI BOLOGNA La riqualificazione energetica nello scenario normativo europeo Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO

Dettagli

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali

Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali ALLEGATO INCENTIVI E STRUMENTI DI FINANZIAMENTO Incentivi e strumenti di finanziamento Quadro riassuntivo delle principali iniziative europee, nazionali e regionali Programmi UE: ELENA (European Local

Dettagli

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza

Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Ruolo e impegno delle banche nello sviluppo degli investimenti per l efficienza Roma, 22 gennaio 2015 Mauro Conti Chi è BIT? Società di servizi tecnico-finanziari nelle Tre A Al fianco degli Istituti di

Dettagli

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE

QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE QUINTA CONFERENZA NAZIONALE SULLE FONTI RINNOVABILI TERMICHE Roma, 27 e 28 Novembre 2013 IL RUOLO DELLE POMPE DI CALORE Fernando Pettorossi Associazione Co.Aer GLI USI EFFICIENTI DEL VETTORE ELETTRICO

Dettagli

Tavolo EPBD2. Convegno: La Riqualificazione Energetica degli Edifici Nuova Opportunità di Sviluppo - Roma 7/12/2011

Tavolo EPBD2. Convegno: La Riqualificazione Energetica degli Edifici Nuova Opportunità di Sviluppo - Roma 7/12/2011 Tavolo EPBD2 Convegno: La Riqualificazione Energetica degli Edifici Nuova Opportunità di Sviluppo - Roma 7/12/2011 1 agenda 1.Patrimonio edilizio e consumi 2.EPBD 2 ed opportunità 3.Incentivi: Proposte

Dettagli

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it

FINANZIARIA 2007. Energia. www.governo.it FINANZIARIA 2007 Energia www.governo.it 1 Risparmio energetico per la bolletta e per l ambiente Agevolazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici Fondo per l incentivazione di edifici

Dettagli

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014

Le politiche della Commissione per l Energia. Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Le politiche della Commissione per l Energia Silvia Zinetti Comitato Economico e Sociale Europeo Bergamo, 03 Ottobre 2014 Indice Il contesto Gli obiettivi Art. 194 TFUE Quadro generale Obiettivo EE Le

Dettagli

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo

Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo Certificazione Energetica degli edifici 1991-2011 ING. Vincenzo Triunfo 1991 - La certificazione energetica degli edifici in Italia è un idea che parte da lontano, tanto che il percorso compie proprio

Dettagli

Corso di aggiornamento

Corso di aggiornamento REGIONE LOMBARDIA - Accompagnamento e formazione degli Enti Locali nella predisposizione di Piani d Azione Locali per l attuazione del Protocollo di Kyoto nell ambito dei processi di Agenda 21 Locale AZIONI

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

Mercoledì 23 ottobre Auditorium Cassa Rurale Treviglio. ALICE TURA (funzionario della Direzione Generale Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile)

Mercoledì 23 ottobre Auditorium Cassa Rurale Treviglio. ALICE TURA (funzionario della Direzione Generale Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile) Riqualificazione energetica: necessità per il Paese, motore per le aziende e opportunità per i privati (strumenti e modalità di intervento operativi per interventi immediati) Mercoledì 23 ottobre Auditorium

Dettagli

Canali di finanziamento e buone pratiche in corso di realizzazione

Canali di finanziamento e buone pratiche in corso di realizzazione Progetto D.A.R.E. Bio Difesa dell Ambiente, Risparmio energetico, Edilizia sostenibile Canali di finanziamento e buone pratiche in corso di realizzazione IV Forum plenario dell Agenda 21 del Comune di

Dettagli

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale

La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale La Provincia promuove il Patto dei sindaci Stato dell arte e Prospettive dei PAES nei comuni del territorio provinciale L esperienza del PAES congiunto dell Isola d Elba 11 febbraio 2014 Roberto Bianco

Dettagli