Elenco pubblicazioni. L autonomia e la qualità della vita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elenco pubblicazioni. L autonomia e la qualità della vita"

Transcript

1 Elenco pubblicazioni L autonomia e la qualità della vita

2 La qualità della vita è un diritto di tutte le persone, ma diventa non semplice da realizzare quando ci riferiamo alle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Le difficoltà che queste presentano sono tante e sempre più spesso si associano anche a seri problemi di salute. La Lega del Filo d'oro dal 20 dicembre 1964 sta portando avanti un impegno costante affinché le persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali, attraverso un adeguato intervento valutativo, riabilitativo ed educativo possano essere il più possibile parte attiva della loro vita ed abbiano l'opportunità di raggiungere un benessere psicofisico e la massima indipendenza. La bibliografia che segue descrive gli studi e le sperimentazioni, effettuate in quaranta anni di attività, su metodologie ed interventi che permettono lo sviluppo della comunicazione, attraverso codici non verbali (sistema pittografico, oggettuale, LIS, Malossi, ecc.), l'acquisizione dell'autonomia, mediante ausili personalizzati ed una particolare attenzione all'ambiente. Descrive inoltre come la persona durante la crescita, abbia necessità di trasferire le sue abilità nelle attività occupazionali o nell'integrazione lavorativa per impiegare il tempo in modo conveniente e per esprimere attraverso il lavoro tutte le proprie competenze. Interventi mirati e specifici sono stati messi a punto anche per le azioni di autonomia personale e di vita quotidiana per raggiungere, quando possibile, indipendenza non solo negli spostamenti e nella mobilità, ma anche sugli aspetti che accomu nano tutte le persone: affettività, lavoro e vita quotidiana.

3 1973 Articolo Italiano C.I Lancioni G.E. Avviamento al linguaggio nei ciechi-sordomuti. Didattica integrativa. riv. n. 3 Editrice La Scuola. Brescia pp. 5-6, L'articolo affronta la problematica della sordocecità analizzando alcuni aspetti dello sviluppo sociale e cognitivo. Il sordocieco è un bambino che tocca e, inizialmente, solo per il solo piacere di farlo, senza alcuna intenzionalità e quindi senza contatto con il reale, come in un sogno. Occorre motivarlo a toccare per conoscere, questo è il principio a cui deve attenersi l'approccio educativo che vuole creare i presupposti per formare i comportamenti imitativi e la differenziazione del sé dal non sé Articolo Inglese C.I Lancioni G.E. Teaching independent toileting to profoundly retarded deaf-blind children. Behavior Therapy. riv. n. 11 AABT Association for Advancement of Behavior Therapy. New York pp , Nove bambini sordociechi con ritardo mentale sono inseriti in un progetto per apprendere abilità di autonomia nell'igiene e controllo sfinterico. A tutti è stata insegnata la gestione più autonoma possibile per la mobilità e l'utilizzo funzionale di spazi attinenti all'igiene personale nel contesto quotidiano. Nell'articolo vengono illustrate le modalità e i risultati raggiunti con questo programma Relazione Italiano C.I Lancioni G.E. Processi di rapporto e comunicazione nell'ambito dell'integrazione. Atti brevi dell'incontro Italo-Tedesco. Riabilitazione e sicurezza sociale, Ancona 3-7 maggio, 1981, Università degli Studi di Ancona. pp , L'autore illustra brevemente quali siano le problematiche che si incontrano nel programmare interventi di integrazione scolastica con soggetti che presentino diverse condizioni di minorazione. In particolare pone l'accento sulla disabilità grave che può determinare il fallimento della partecipazione scolastica, anche se limitata alla sola presenza in classe o alla partecipazione ai momenti di gioco. Si propone una breve rassegna di programmi di ricerca realizzati per intervenire su iperattività, verbosità bizzarra e assenza di comunicazione funzionale in bambini pluriminorati con ritardo mentale grave. 2

4 Articolo Inglese C.I Lancioni G.E. Increasing the use of Higher-Ievel forms of communication in deaf children within a residential setting. The Journal of the British Association of Teachers of the Deaf. riv. n. 5/3 Whurr Publishers. London p. 4, L'autore propone un progetto educativo nel quale due gruppi di tre bambini sordi, che utilizzavano comunicazione comportamentale accompagnata da suoni inarticolati o da parola-frase, hanno mostrato repentine modificazioni del loro comportamento dopo l'intervento con un programma di token economy. I risultati conseguiti sono stati mantenuti anche dopo la sospensione del programma di rinforzamento e si è assistito ad un miglioramento nella relazione tra di loro. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Ceccarani P. Teaching independent toileting within the normal daily program: two studies with profoundly retarded children. Behavior research of severe developmental disabilities. riv. n. 2 North-Holland Publishing Company. Amsterdam pp , Gli autori hanno realizzato due studi sperimentali per valutare la possibilità di far conseguire il controllo sfinterico a bambini con ritardo mentale senza modificare il ritmo quotidiano o il programma educativo degli insegnanti. I risultati positivi conseguiti e il loro mantenimento, anche dopo il periodo di apprendimento, testimoniano la validità del programma che prevedeva interventi di aiuto nei momenti cruciali, rinforzamento e somministrazione funzionale di liquidi Relazione Italiano C.I Ceccarani P. Processi di comunicazione in soggetti gravemente ritardati. Quinta Settimana Estiva. L'acquisizione del linguaggio nei sordo-ciechi pluriminorati, Servizio di Consulenza Pedagogica. Trento pp , La conduzione di un programma per insegnare la comunicazione è complessa quando si è a contatto con soggetti affetti da sindrome autistica, iperattivi e con grave deficit mentale. L'articolo passa in rassegna quattro sistemi comunicativi non verbali (segnaletico-oggettuale, simboli di Carter, simboli di Bliss e rappresentazione grafica) cercando di comprendere il perchè non sembrino sufficienti da soli a promuovere una modalità comunicativa funzionale. 3

5 Articolo Italiano C.I Zavaglia V., Balercia P. Prevenzione negli handicappati. Estratto. Studio in collaborazione con la Lega del Filo d'oro. Prevenzione. riv. n. 4, Parma pp. 1-4, Spesso la presenza di una disabilità, sia nel bambino che nell'adulto, induce a considerare che la compresenza di una patologia orale sia di secondo piano e quindi trascurabile, creando situazioni patologiche particolarmente gravi e complesse. Il lavoro proposto vuole offrire una occasione di confronto tra di chi ha esperienze diverse in maniera di riabilitazione ed è interessato ad intervenire significativamente con la prevenzione. La Lega del Filo d'oro e l'istituto Beniamini hanno condotto una indagine su questo aspetto con i propri pazienti seguiti dalle strutture di riabilitazione presenti nel territorio marchigiano Articolo Italiano C.I Coppa M.M. La guida ad ultrasuoni nel trattamento riabilitativo dei bambini ciechi nella prima infanzia. I Care. riv. n. 4 CRO Centro Rieducazione Ortofonica. Firenze pp , L'utilizzo di ausili ad ultrasuoni per non vedenti ha incontrato notevoli ostacoli a causa del lungo tempo di apprendimento richiesto e per la scarsa maneggevolezza. L'autore analizza i vantaggi didattici offerti dello strumento denominato Sonicguide soprattutto nel campo della riabilitazione motoria e formula alcune considerazioni per la realizzazione di uno strumento più sofisticato e funzionale. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E. Using pictorial representations as communication means with low-functioning children. Journal of autism and developmental disorders. riv. n. 1 Plenum Publishing Corporation. New York pp , La comunicazione pittografica può essere un valido mezzo comunicativo funzionale alternativo al linguaggio nelle persone con handicap mentale grave. L'autore propone un lavoro svolto con tre bambini coinvolti in attività dove l'istruzione era gestita appunto con questa modalità comunicativa. Le conclusioni della ricerca sono incoraggianti, anche per quanto riguarda la generalizzazione. 4

6 Articolo Italiano C.I Lancioni G.E., Smeets P.M. Insegnamento di abilità comunicative non verbali a soggetti gravemente ritardati. Il Cinesiologo. riv. n. 35. Atti del 2 congresso nazionale GISSAM. Urbino ottobre, 1983 Centro ESTER. Napoli pp , Gli autori prendono in considerazione quattro modalità comunicative alternative al linguaggio che appaiono più rispondenti alle caratteristiche di persone gravemente ritardate. I gesti, i simboli di Carrier e di Bliss, le rappresentazioni grafico-pittografiche sono conosciute da tempo, ma per soggetti con ritardo necessitano di alcuni adeguamenti in termini di grammatica grafica e di modalità di presentazione. L'articolo presenta una ricerca sulle modalità per insegnare ai bambini gravemente ritardati ad associare disegni di oggetti, di posture corporee e di attività, con i corrispondenti oggetti concreti o attività. Il programma ha utilizzato un sistema grafico pittorico con alcune tecniche di discriminazione e associazione, prompting, shaping. Relazione Italiano C.I Santilli S. Alfabeto digitale malossi per la comunicazione tattile con i cieco-sordi. Metodologia e didattica. Atti della sesta settimana estiva nazionale: sordo-ciechi con comportamento autistico, 1983 Servizio di Consulenza Pedagogica. Trento pp , La relazione propone la metodologia e didattica dell'alfabeto digitale malossi. Un metodo di scrittura sulla mano pratico ed agile, utile per chi deve comunicare con i sordociechi. L'autrice ricorda i contatti avuti con Eugenio Malossi e come il suo alfabeto si sia evoluto nel tempo conquistando il favore della popolazione sordocieca in Italia Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Smeets P.M., Ceccarani P., Capodaglio L., Campanari G. Effects of gross motor activities on several self-injurious tantrums of multihandicapped individuals. Applied research in mental retardation. riv. n. 5/4 Pergamon Press Ltd. Oxford U.K. pp , Questa ricerca ha voluto valutare gli effetti dell'attività grosso-motoria su alcuni soggetti pluriminorati che presentavano comportamenti autolesivi. Durante l'indagine di base non è emersa una relazione significativa tra frequenza e situazioni ambientali, ma si è constatato che durante il giorno i soggetti erano occupati in attività di routine che non richiedevano grande impegno fisico. Nel trattamento si è provveduto a sostituire queste con attività grossomotorie affaticanti. I risultati ottenuti dalla ricerca hanno permesso di verificare che i soggetti presentavano un forte calo del repertorio autolesivo e che due di loro ne avevano ridotto anche la durata. 5

7 1985 Articolo Inglese C.I Lancioni G.E, Smeets P.M, Ball T.S., Oliva D. Shaping self-initiated toileting in infants. Journal of Applied behavior Analysis. riv. n. 18/4 Society for Experimental Analysis of Behavior, Inc. Lawrence, Kansas pp , La ricerca mirava ad individuare un metodo per educare i bambini a non dipendere dall'input delle proprie madri per il controllo sfinterico. In un primo momento si è lavorato per creare una stretta associazione tra stimolo corporeo e attività sfinterica sul vasino, successivamente si è passati dall'associazione di aiuto al non aiuto nell'utilizzare il vasino in presenza dello stimolo e nella terza fase si è lavorato sul consolidamento di quest'ultima abilità per l'anticipazione del bisogno. Quattro bambini tra i tre e sei mesi hanno raggiunto un ottimo risultato prima del compimento di un anno di età. Rivista Italiano C.I Nisi A., Ceccarani P., Giacco L. Apprendimento del controllo degli sfinteri. Manuale per genitori e insegnanti di bambini disabili con problemi di enuresi ed encopresi. Disabilità e intervento. Quaderno n 1. Lega del Filo d'oro. Osimo pp. 1-36, Gli autori intendono contribuire concretamente alla formazione di competenze educative e presentano un programma con attenzione più alla pratica che alla teorica. Le strategie proposte, per il raggiungimento del controllo sfinterico in bambini disabili, hanno tutte un preciso fondamento scientifico e, soprattutto, cercano di tenere conto di due quesiti che genitori ed operatori a contatto con bambini disabili propongono quotidianamente: cosa fare e come farlo. Ovviamente il programma proposto dovrà essere adattato alle caratteristiche del singolo bambino ed anche dell'ambiente in cui vive. Articolo Italiano C.I Zavaglia V., Balercia P. Approccio stomatologico al bambino handicappato. Problemi umani, professionali, sociali. Estratto. Studio in collaborazione con la Lega del Filo d'oro. Dental Cadmos. riv. n. 5 Masson. Milano pp , Una presentazione dello studio sull'igiene del cavo orale condotto su pazienti disabili appartenenti alle strutture di riabilitazione del territorio marchigiano compresi il Bignamini e la Lega del Filo d'oro. Con dati alla mano è stato possibile dimostrare che anche i pazienti con problemi mentali o pluriminorati hanno la possibilità di avere un'adeguata igiene senza ricorrere a costosissime attrezzature, basta sensibilizzarsi al problema e organizzarsi per applicare una buona prevenzione e formare i loro familiari e operatori. 6

8 1986 Articolo Italiano C.I Coppa M.M. Le realizzazioni della tifloelettronica per la riabilitazione del non vedente. Il Corriere dei ciechi. riv. n. 36 UIC. Roma pp , Le limitazioni maggiori causate dal deficit visivo riguardano principalmente la difficoltà di muoversi liberamente ed orientarsi nell'ambiente circostante. Tali difficoltà possono essere superate da una oculata ed intelligente applicazione delle tecnologie e dall'apprendimento di strategie per l'utilizzo delle possibilità percettive in senso di vicarianza. L'articolo propone una rassegna di alcune di queste tecniche come la guida ad ultrasuoni e ausili. Relazione Italiano C.I Giacco L. Ruolo dell'insegnante di sostegno per la programmazione educativa, attraverso il gioco. Gioco e handicaps, Gruppo ACEA, 2 incontro, Ancona 20 febbraio Comune di Ancona. pp. 6-9, L'articolo proposto promosso al seminario dalla ludoteca La Nuvola della seconda circoscrizione del Comune di Ancona, mette in luce la necessità di disporre di una figura professionale di insegnante che sia anche animatrice, in quanto, con il fascino del giocare questi operatori dovrebbero porgersi con entusiasmo al gioco del bambino e capire le sue emozioni ludiche. Articolo Italiano C.I Giacco L. La comunicazione del sordo-cieco. L'Arcobaleno. riv. n. 5 Servizio di Consulenza Pedagogica. Trento pp , Il rilievo che viene dato alla comunicazione nell'educazione del bambino sordocieco è notevole, in quanto il possesso di un sistema comunicativo è senz'altro il più importante mediatore per farlo uscire dal suo isolamento. Potrà acquisire abilità cognitive, sociali, di sicurezza e di autosufficienza che concorrono ad aumentare le possibilità di realizzare una corretta interazione con gli altri. Articolo Italiano C.I Nisi A., Carr E.G. I comportamenti problematici sono messaggi: analisi dell'ipotesi. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 12 Learning Press Editrice. Roma pp. 2-9, Quando si parla di problemi di comportamento, si fa di solito riferimento a comportamenti il cui eccesso di frequenza, di intensità o di duratura rende difficile l'apprendimento di nuove abilità, interferisce con l'esecuzione di compiti già appresi o costituisce un potenziale pericolo per lo stesso bambino o per le persone lo accudiscono. L'articolo approfondisce questo aspetto dei comportamenti problematici come ricerca di attenzione, di evitamento per situazioni avversive o come forma di comunicazione. Alcune tecniche come il DRC (rinforzamento Differenziale di comportamenti comunicativi) possono ridurre la frequenza dei comportamenti problematici. 7

9 1987 Articolo Italiano C.I Coppa M.M. Le realizzazioni della tifloelettronica per la riabilitazione del non vedente. Parte seconda. Il corriere dei ciechi. riv. n. 3 UIC. Roma pp. 7-9, L'articolo elenca e descrive alcuni ausili utili per migliorare le abilità di orientamento e deambulazione della persona non vedente. Sono disponibili diversi strumenti elettronici che utilizzano onde radio o raggi laser per dare informazioni di ostacoli a distanza e l'autore ne analizza le caratteristiche per verificare se effettivamente siano fruibili e rispondano alle caratteristiche percettive del non vedente. Articolo Italiano C.I Giacco L. I sistemi di comunicazione non verbale in soggetti pluriminorati o gravemente ritardati. Pedagogia Clinica. riv. n. 2 Omega Edizioni. Torino pp , La condizione di elevata gravità di un soggetto cerebroleso, pluriminorato, o gravemente disabile, costituisce una grande sfida per la riabilitazione. Ricerche e studi sui gravi sono quanto mai scarsi ed inoltre le fasi di recupero dei gravissimi sono essenzialmente lente anche per il raggiungimento di risultati modesti. Queste conquiste, seppur limitatissime, richiedono un notevole dispendio di energie per il soggetto e programmazioni particolareggiate da parte dei servizi. Nella pratica operativa uno degli obiettivi prioritari é l'apprendimento della comunicazione. In questo articolo vengono analizzati e descritti alcuni sistemi comunicativi utilizzati da soggetti disabili gravi: oggettuale, gestuale, i simboli di Carrier, i simboli di Bliss e le rappresentazioni grafico-pittoriche. Articolo Italiano C.I Nisi A., Ceccarani P., Dal Pozzolo R., Dal Pozzolo C. Il bambino e l'autonomia: l'alimentazione. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 17 Learning Press Editrice. Roma pp. 1-48, In questo contributo gli educatori possono trovare uno spunto concreto per la realizzazione del programma quotidiano mirato all'apprendimento delle abilità di autonomia nelle situazioni pasto. Con tecniche facilitanti e utilizzando anche schede di osservazione, è possibile costruire situazioni di indipendenza e abilità per sfruttare al massimo la propria potenzialità, una fonte di grande soddisfazione sia per il bambino, sia per i suoi educatori. La monografia è scritta in modo semplice e riesce a rendere accessibile l'utilizzo del curricolo per le abilità di autonomia nel mangiare anche a persone poco preparate tecnicamente. 8

10 Articolo Italiano C.I Nisi A., Ceccarani P., Dal Pozzolo R., Dal Pozzolo C. Il bambino e l'autonomia: l'abbigliamento. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 20 Learning Press Editrice. Roma pp. 1-24, La costruzione di abilità di autonomia quotidiana deve considerare anche la gestione dell'abbigliamento, intesa come capacità di mettere o togliere autonomamente i principali capi di vestiario, abbottonare, sbottonare, infilarsi le scarpe, togliere il cappello e i guanti. L'apprendimento di queste abilità richiede che il bambino possegga alcune capacità di base o prerequisiti che l'insegnante può rilevare utilizzando delle schede di osservazione. Gli autori propongono un programma educativo che, con i dovuti adattamenti al singolo soggetto, può essere vantaggiosamente applicato con un gran numero di bambini anche gravemente disabili Relazione Italiano C.I Lancioni G.E. Metodi di comunicazione non verbale per individui gravemente ritardati o affetti da plurihandicap. Handicap, Comunicazione e linguaggio. VI Congresso Internazionale CNIS, Bassano del Grappa, novembre, 1987 Juvenilia. Bergamo pp , Ogni educatore vorrebbe portare la persona disabile alla comunicazione orale, alla comprensione e alla produzione di parole o frasi di uso comune. Purtroppo nel ritardo mentale è frequente l'assenza del linguaggio e la relazione diventa complessa se non problematica. In questa relazione sono evidenziate alcune tecniche di comunicazione alternativa al linguaggio e funzionale, come gesti, simboli di Carrier, simboli di Bliss e rappresentazioni grafico-pittoriche. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Oliva D. A computer-aided programme for promoting unsurvized activities for multihandicapped adolescents. Journal of Mental Deficiency Research. riv. n. 32 Blackwell Scientific Publications. Oxford pp , Si propone l'esito di una ricerca condotta per verificare la fattibilità di programmi che prevedano l'inserimento di ausili elettronici per la supervisione e l'aiuto all'orientamento e mobilità con adolescenti pluriminorati impegnati nello svolgimento di attività che richiedono queste abilità. I risultati ottenuti indicano che la prestazione e la continuità traggono vantaggio da questi programmi e anche il confronto tra costi e benefici promuove la loro utilizzazione. 9

11 Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Oliva D. A computer-aided programme for low-functioning persons: a reply to Odor and Aitken. Journal of Mental Deficiency Research. riv. n. 32 Blackwell Scientific Publications. Oxford pp , L'articolo ripropone lo studio condotto da Odor (1988) e da Aitken (1988) sul programma computer-aided a favore delle persone a basso livello funzionale, e confronta le differenze fra il computer system e la card-system. Vengono approfonditi alcuni aspetti sulla motivazione e sul ricorso al rinforzo esterno, in particolare si prendono in considerazione i vantaggi e le limitazioni di questi programmi. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Oliva D., Adorni A., Guzzini F., Locatelli M., Spinaci P. Promoting unsupervised activities with low-functioning blind persons: evaluation of a computer-aided program. Behavior Residential Treatment. riv. n. 3/2 John Wiley & Sons Ltd. New York pp , L'articolo descrive un progetto di ricerca che prevedeva la supervisione di attività quotidiane e occupazionali per mezzo di un ausilio informatico. Il sistema computerizzato, programmato per facilitare la locomozione e l'orientamento di quattro persone cieche a basso livello funzionale, provvedeva a proporre le attività attraverso oggetti-segnale e ad indirizzare verso i relativi posti di lavoro per mezzo di informazioni ambientali gestite direttamente dal computer. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Oliva D., Formica M.M., Rossetti A. Applicability of a Computer-Aided Program To Increase the Occupational Engagement of Low-Functioning Blind Persons. Journal of the Multihandicapped Person. riv. n. 4 Plenum Publishing Corporation. New York pp , Nella ricerca si è voluta verificare l'utilità di un programma computer-aided realizzato per promuovere l'autonomia e la mobilità di persone a basso livello funzionale e con deficit visivo. In particolare si voleva estendere il beneficio dell'ausilio anche a persone con disabilità più grave dei soggetti coinvolti in precedenza e rendere questa tecnica di supervisione in grado di incrementare la loro attività occupazionale. Vengono riportati i dati raccolti su alcuni soggetti, i punti di forza di debolezza di questa applicazione. 10

12 Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Smeets P.M., Oliva D. A computer-aided program to supervise occupational engagement of severely mentally retarded persons. Behavioral residential treatment. riv. n. 3/1 John Wiley & Sons Ltd. New York pp. 1-17, Il presente studio ha preso in considerazione un programma che si avvaleva dell'ausilio del computer per la supervisione e il rinforzamento dell'attività occupazionale di persone gravemente disabili. Il programma ha voluto verificare la possibilità di fornire istruzioni durante il lavoro attraverso prompt pittografici senza la supervisione diretta di operatori. L'esito positivo del disegno sperimentale ha indicato che è possibile far apprendere e mantenere livelli funzionali di autonomia occupazionale a bassi costi. Articolo Italiano C.I Nisi A., Ceccarani P. Il bambino e l'autonomia: l'igiene personale. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 24 Learning Press. Roma pp. 1-44, Gli Autori prendono in considerazione l'igiene, un aspetto dell'autonomia personale di estrema rilevanza per ogni educatore o familiare. In particolare ci si sofferma su quelle pratiche che hanno maggior impatto sociale e ripercussioni sulla salute come lavarsi il viso, le mani, i denti e altre parti del corpo. La costruzione di queste particolari abilità potrà poi diventare autonomia per un bagno completo o per comportamenti come pettinarsi e così via. Si è cercato, soprattutto, di fornire diversi esempi pratici ricavati da programmi già conclusi positivamente e di offrire indicazioni per adattarli al singolo caso, a seconda delle sue caratteristiche e delle sue esigenze. Articolo Italiano C.I Nisi A., Moretti G.M., Ceccarani P. Creatività e tempo libero. La costruzione di un cesto in midollino. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 22 Learning Press Editrice. Roma pp. 1-45, Un lavoro estremamente pratico nel quale vengono illustrati i passi istruzionali di un curricolo per la realizzazione di oggetti in midollino da parte di persone non vedenti o pluriminorate. L'esposizione semplice e graduale consente di adattare il programma ai diversi livelli di difficoltà presentati dalla persona in apprendimento sia di tipo motorio che cognitivo. Il quaderno riporta l'esperienza didattica per l'attività occupazionale maturata negli anni dagli educatori della Lega del Filo d'oro. 11

13 1989 Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Bellini D., Oliva D., Guzzini F., Pirani P. A robot for guiding multihandicapped blind persons to carry out familiar daily activities. Journal of the Multihandicapped Person. riv. n. 2/4 Plenum Publishing Corporation. New York pp , In questo articolo viene presentato un progetto di ricerca realizzato presso la Lega del Filo d'oro per aiutare le persone pluriminorate ad eseguire un lavoro semplice con l'ausilio di un robot programmato per lo spostamento e la mobilità della persona. In base ai risultati ottenuti nella fase sperimentale, vengono valutati sia i costi che le opportunità offerte da questo tipo di ausilio. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Oliva D., Raimondi D. Teaching two low-functioning deaf-blind persons to cooperate in activities: role of a computer-aided programme. Journal of the Multihandicapped Person. riv. n. 1 Plenum Publishing Corporation. New York pp , Si è voluto ipotizzare un programma di insegnamento con due persone sordocieche a basso livello funzionale per favorire il lavoro cooperativo attraverso un sistema informatizzato (computer-aied programme). Sono stati ottenuti buoni risultati nell'esecuzione di attività occupazionali e quotidiane. Gli autori avanzano alcune ipotesi per migliorare e mantenere nel tempo i risultati ottenuti. Articolo Inglese C.I Lancioni G.E., Oliva D., Raimondi D., Ciattaglia F. Occupational engagement of low-functioning individuals: extending the applicability of a computer-aided programme. Journal of mental Deficiency Research. riv. n. 33 Blackwell Scientific Publications. Oxford pp , La ricerca riporta gli esisti di uno studio che ha voluto migliorare le possibilità offerte da un programma di supervisione per attività quotidiane e occupazionali per mezzo di un sistema informatizzato. Il programma computer-aied, ideato per controllare elettronicamente le attività e facilitare movimento e orientamento delle persone cieche a basso livello funzionale, provvedeva a proporre l'attività attraverso oggetti-segnale ed a indirizzare la persona verso i luoghi di lavoro assegnati. In questa nuova ricerca si è cercato di allungare i tempi di occupazione di circa 30 minuti. 12

14 Articolo Italiano C.I Nisi A., Ceccarani P. Al di là delle parole. Sistemi di comunicazione per bambini con gravi difficoltà di linguaggio. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 30 Learning Press Editrice. Roma pp. 1-44, Anche nelle situazioni di ogni giorno si ricorre spesso a forme di comunicazione non verbale, infatti anche gesti o espressioni svolgono una funzione analoga a quella verbale. I bambini con difficoltà gravi nel linguaggio possono ricorrere a codici personalizzati per esprimere richieste o stati d'animo verso le persone importanti per loro. Gli autori sviluppano i vari passaggi di un programma che permette di scegliere ed insegnare modalità comunicative non verbali adattandole alle caratteristiche individuali della persona con difficoltà di linguaggio. Articolo Italiano C.I Nisi A., Ceccarani P. I linguaggi alternativi. Metodi non verbali di comunicazione. Hd - Handicap e disabilità di apprendimento. riv. n. 32 Learning Press Editrice. Roma pp. 1-44, Gli autori analizzano in modo approfondito l'argomento dei sistemi comunicativi alternativi a quello verbale. Si tratta di modalità efficaci non molto conosciute, che vanno incontro alle esigenze delle persone con gravi disabilità, dal ritardo mentale ai disturbi neuromotori fino alle pluridisabilità sensoriali come la sordocecità. I metodi ed i programmi esposti in questo articolo andranno, ovviamente, adattati alle caratteristiche del singolo individuo. In particolare si segnala la presentazione di un programma individualizzato realizzato con l'inserimento di calendari funzionali per comunicare la sequenza di eventi quotidiani. Articolo Italiano C.I Zagaglia V., Roncati Parma M., Fedeli P., Nori A., Balercia P. Sperimentazione di un collutorio in pazienti disabili. Igiene e prevenzione. Il dentista Moderno. riv. n. 10 UTET Libreria. Torino pp. 1-10, L'articolo riporta uno studio eseguito su di un gruppo di soggetti pluriminorati psicosensoriali tra i 7 e i 14 anni scelti a campionamento casuale tra quelli presenti nell'istituto della Lega del Filo d'oro. I ricercatori dell'ospedale Regionale Umberto I di Ancona hanno voluto individuare strategie di prevenzione e profilassi della placca interdentale in soggetti disabili. L'igiene orale in queste persone è spesso difficile da conseguire e il comportamento verso la pulizia dei denti è spesso passivo se non addirittura oppositivo. Per questo motivo l'obiettivo va raggiunto con metodi integrativi di facile impiego, come l'utilizzo del collutorio indicato dagli autori. 13

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE Società Sportiva Dilettantistica a responsabilità limitata ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI IL NUOTO A SCUOLA, UN OPPORTUNITA PER TUTTI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi

LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO. Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi LAVORO CON L AUTISMO: MODALITA DI INTERVENTO Cinzia Carminati Laura Palamini Milena Pezzoli Luigi Lorenzi Il servizio Home Autismo basa il suo intervento sui principi e approcci educativi del programma

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico.

INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA. Esperienza di didattica con un bambino autistico. INSEGNARE NELLA SCUOLA INCLUSIVA Esperienza di didattica con un bambino autistico. PROGETTO DI VITA INCLUSIVO l offerta formativa realmente inclusiva è data dalla speciale normalità che si può definire

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

- Mantenere e generalizzare le abilità già acquisite con momenti di intervento individualizzato

- Mantenere e generalizzare le abilità già acquisite con momenti di intervento individualizzato PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Anno scolastico 2014-2015 GRUPPI CLASSE - Mantenere e generalizzare le abilità già acquisite con momenti di intervento individualizzato - Sviluppare le abilità senso-percettivo-motorie

Dettagli

PROGETTO L APPRENDIMENTO DEL SOGGETTO DISABILE: MOTIVAZIONE, STIMOLAZIONE SENSORIALE E NEUROMOTORIA

PROGETTO L APPRENDIMENTO DEL SOGGETTO DISABILE: MOTIVAZIONE, STIMOLAZIONE SENSORIALE E NEUROMOTORIA DIREZIONEDIDATTICASTATALE"MarieCurie" PlessidiviaBodio22 e viaguicciardi1 ViaGuicciardi,1 20158MILANO 02/39310265 02/39320412(fax) E-Mail:el.guicciardi@libero.it Cod.Mecc.MIEE00600C C.F.97093410153 PROGETTO

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

Educare alla Relazione nella DiversAbilità

Educare alla Relazione nella DiversAbilità Educare alla Relazione nella DiversAbilità 1 Impariamo ad accogliere i BES L aumento impressionante dei disturbi dello sviluppo ha notevolmente innalzato il livello di allarme nei genitori, tanto da portare

Dettagli

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA 2012 PREMESSA Il disturbo generalizzato dello sviluppo è una complessa disabilità dello sviluppo che compare tipicamente durante i primi tre anni

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

LINEE GUIDA. Per il corretto utilizzo della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio

LINEE GUIDA. Per il corretto utilizzo della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio LINEE GUIDA Per il corretto utilizzo della Comunicazione Facilitata Tecnica Aumentativa Alternativa Alfabetica del Linguaggio con marchio registrato a Brescia il 09/02/2010 dalla Intervento Società Cooperativa

Dettagli

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE

CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE CENTRO RIABILITATIVO PSICOPEDAGOGICO IL TIMONE Centro Riabilitativo Psicopedagogico Il Timone Vico San Luca 4/3 scala sn. 16123 GENOVA tel. 0102467774 P.Iva 03399250103 email: iltimone@libero.it Il Centro

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO

IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO LINEE GUIDA DISABILITÀ ALLEGATO 3 IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE DALLE DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLA PRATICA D AULA ATTRAVERSO IL PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO 1. DIRETTIVE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica 1 Curricolo verticale Educazione Motoria/ Educazione Fisica 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Obiettivi di apprendimento Dimensione Competenza Abilità Eseguire piccoli compiti motori

Dettagli

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior

Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior EIP Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior 30 ottobre 2014 Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA Supervisor EIP Associazione Pianeta Autismo onlus Compromissione

Dettagli

Gruppo di lavoro genitori

Gruppo di lavoro genitori Onlus Gruppo di lavoro genitori PREMESSA Noi genitori, consapevoli di quanto sia impegnativo occuparsi dei nostri figli sotto il profilo educativo ed assistenziale, mettiamo a disposizione della scuola

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA La scuola si impegna a: PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA organizzare l orario su 5 giorni in settimana per favorire le attività di allenamento e la partecipazione alle competizioni sportive degli studenti;

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE DEI DISABILI

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE DEI DISABILI LA COMUNICAZIONE NON VERBALE DEI DISABILI Comunicazione Comportamentale Ogni bambino, fin dall'infanzia, cerca di mandare messaggi e di farsi capire da chi gli sta intorno attraverso movimenti del corpo,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

FONDAZIONE ISTITUTO SACRA FAMIGLIA CENTRO DI FORMAZIONE MONS. LUIGI MONETA

FONDAZIONE ISTITUTO SACRA FAMIGLIA CENTRO DI FORMAZIONE MONS. LUIGI MONETA FONDAZIONE ISTITUTO SACRA FAMIGLIA CENTRO DI FORMAZIONE MONS. LUIGI MONETA Corso per operatori assistenziali Titolo del Corso: Modelli abilitativi per l autismo e il ritardo mentale: modello Premessa Il

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES

Quadro degli Interventi dell IC9 di Bologna per gli alunni con BES Per ciascuna materia o ambito di studio sono state individuate le abilità e le conoscenze fondamentali che l allievo deve acquisire, affinché sia mantenuta la validità effettiva del corso di studi, ma

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE

IDEE E STRATEGIE OPERATIVE IDEE E STRATEGIE OPERATIVE CONSIDERARE IL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO DELLA PERSONA Valutazione approfondita e realistica delle competenze e delle abilitàdella persona: cosa sa fare in modo autonomo e

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta CURRICOLO DI EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA Classe Prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico. A.

La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico. A. Individualizzare la formazione La definizione dei ruoli e la condivisione di linguaggi nel progetto di aiuto per le persone con disturbi dello spettro autistico I Protagonisti Formare in rete La famiglia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria "Fratelli Cervi", Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it

R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino Scuola Primaria Fratelli Cervi, Zingonia. rita.rovaris@scuoleverdellino.it L'esperienza del Centro per l'intervento Didattico sugli Alunni Dislessici (C.I.D.A.D.) come esempio di buona prassi di intervento coordinato sul territorio R. Rovaris Istituto Comprensivo di Verzellino

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria

Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria Liceo Quadri, Vicenza 9 dicembre 2013 [corsi livello A0 A1] [1] Profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione

Dettagli

Il Modello SIFne: il contesto educativo

Il Modello SIFne: il contesto educativo CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO Trento, 20-21 maggio 2011 Il Modello SIFne: il contesto educativo di Simona Bossoni - Maurizio Brighenti 1 Modello di intervento educativo Elaborazione di un progetto educativo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze...

SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze... SOMMARIO LA SCUOLA DELL'INFANZIA...3 I CAMPI DI ESPERIENZA...4 IL SE' E L'ALTRO...4 Traguardi per lo sviluppo delle competenze....4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO BAMBINI DI TRE ANNI...4 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE "STELLA DEL MATTINO" PROGETTO PICCOLI. anno scolastico 2014/2015

SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE STELLA DEL MATTINO PROGETTO PICCOLI. anno scolastico 2014/2015 SCUOLA DELL'INFANZIA PARROCCHIALE "STELLA DEL MATTINO" PROGETTO PICCOLI anno scolastico 2014/2015 "FACCIAMO ESPERIENZA CON TITA" Durante questo anno scolastico la matita Tita, uscita da uno scatolone dove

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

a cura della Dott. ssa Anna RAINONE

a cura della Dott. ssa Anna RAINONE a cura della Dott. ssa Anna RAINONE PROGETTO EDUCATIVO IL BRUTTO ANATROCCOLO Sorrisi Smaglianti intende offrire agli alunni della scuola primaria indicazioni operative per incentivare una sana igiene dentale

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico.

Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Ricerca I consumatori diversamente abili e l accesso ai servizi di formazione formale e informale, ai servizi sanitari e al trasporto pubblico. Introduzione La ricerca condotta nell'ambito del progetto

Dettagli

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive.

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO STATALE G.TARANTINO Gravina in Puglia (BA) A.S. 2014-2015 Il Dipartimento, approfondendo le tematiche che fanno riferimento alla

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni.

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Dott.ssa Cristina Gazzi Dott.ssa Elena Angaran PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SPECIALE

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

AUTISMO : COME E COSA FARE

AUTISMO : COME E COSA FARE AUTISMO : COME E COSA FARE Quale formazione? Florinda Ferrara Psicologa 25/09/2015 Obiettivi del corso Introdurre alla problematica dell autismo e del suo trattamento Offrire stimoli per la programmazione

Dettagli

Oggetto: Corsi approfondimento a.s. 2012/13 per insegnanti di sostegno e curricolari di ogni ordine e Grado - CALENDARIO

Oggetto: Corsi approfondimento a.s. 2012/13 per insegnanti di sostegno e curricolari di ogni ordine e Grado - CALENDARIO Corso A. De Gasperi, 40 12100 CUNEO tel 0171/318.411 fax 0171/318.506 usp.cn@istruzione.it Ufficio Sostegno alla Persona Prot. n. 151/A36b Cuneo, 8 gennaio 2013 Ai Dirigenti Scolastici Ai docenti referenti

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE

INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE INTEGRARE L OPERATORE DELL INTEGRAZIONE Servizio Progetti alla Persona Aias di Milano Onlus Vigevano, 25 settembre 2009 Settembre 2001 In convenzione con il Comune di San Donato avvio del Progetto di coordinamento,

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI IL CONTESTO DI RIFERIMENTO I disturbi evolutivi rappresentano patologie complesse la cui evoluzione dipende anche in maniera rilevante dal tipo di interventi abilitativi attivati nell infanzia e dalla

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA

ABILITA : UTILIZZARE CONOSCENZE DI DEAF STUDIES NELLA PROGETTAZIONE DIDATTICA Obiettivi: CORSO DOCENTE LIS II EDIZIONE A:S: 2015/2016 Programma e Contenuti Il corso per Docente di LIS si articola in un percorso didattico finalizzato alla formazione di personale qualificato. L obiettivo

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA

ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA ASILO NIDO A TEMPO CORTO LA COMETA Progetto organizzativo - gestionale 1. Descrizione del contesto La cooperativa sociale Istituto San Giuseppe e la cooperativa sociale Sant Agostino hanno individuato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ISTITUTO COMPRENSIVO AUGUSTA BAGIENNORUM BENE VAGIENNA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI LINGUA INGLESE ANNO SCOLASTICO. PRESUPPOSTI PEDAGOGICI L Istituto Comprensivo di Bene Vagienna favorisce ormai da anni l

Dettagli

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici

LE OFFERTE. - INCONTRI PERSONALI DI APPRENDIMENTO dedicati al metodo di studio e ad obiettivi specifici di Daniele Somenzi c.so Leonardo da Vinci, 48-21013 Gallarate (VA) P. IVA 03154750123 - Percorsi personalizzati di apprendimento - Utilizzo di strumenti compensativi per ragazzi affetti da DSA - Lavoro

Dettagli

Piano didattico personalizzato

Piano didattico personalizzato Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Falck n 110 20099 Sesto S. Giovanni (MI) Telefono: 02 36 57 471 Fax: 02 36 57 47 36 E-mail: segreteria@comprensivodante.it

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO

RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO RICERCA-INTERVENTO IN COLLABORAZIONE CON LA FONDAZIONE PIO ISTITUTO DEI SORDI DI MILANO LA RETE DEI SERVIZI SOCIALI E SANITARI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ SENSORIALI DELL UDITO NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a:

P.E.I. (piano educativo individualizzato) alunno/a: nato/a a: ( denominazione scuola) P.E.I. (piano educativo individualizzato) classe: sez. alunno/a: nato/a a: Ins. Specializzato/a Ins. Curricolari Operatori A.S.L. Genitori Anno Scolastico 20 20 NOTIZIE DELL ALUNNO/A

Dettagli

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.9. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Margherita Pizzo Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA

DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA DIVENTARE ED ESSERE UN DIRIGENTE SPORTIVO A MODENA Un percorso di professionalizzazione dei Dirigenti sportivi Modenesi Bando di Indizione Programma Scheda di iscrizione Il Contesto di riferimento Il movimento

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI BENEDETTA BONCI

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI BENEDETTA BONCI CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI BENEDETTA BONCI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale ESPERIENZA LAVORATIVA Dal Settembre 2005 a tutt oggi E

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli