Gazzetta Ufficiale Supplemento Ordinario n. 276 del 27/11/2001.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gazzetta Ufficiale Supplemento Ordinario n. 276 del 27/11/2001."

Transcript

1 Linee guida per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati Accordo del 27/09/2001 tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome. Documento 601S27SE.000 emanato dalla Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano. Gazzetta Ufficiale Supplemento Ordinario n. 276 del 27/11/2001.

2 Ritenuto che la principale finalità delle Linee-guida è essenzialmente quella di promuovere ed implementare le iniziative di promozione della salute e di prevenzione dei rischi presenti nell'ambiente «indoor», nella programmazione sanitaria nazionale, regionale, locale, seguendo il principio di sussidiarietà e creando un'occasione di dialogo, di concertazione e coordinamento tra diversi livelli organizzativi istituzionali; La qualità dell'aria indoor rappresenta un importante tema di sanità pubblica. Nei paesi industrializzati, la popolazione trascorre la maggior parte del proprio tempo (fino al 90%) in ambienti chiusi.

3 Uno studio, condotto dall'iemb (Indoor Environment Management Branch) dell'epa (1998) ha inteso determinare il rapporto indoor/outdoor (I/O) tra le concentrazioni e tra le esposizioni relativamente a diversi inquinanti dell'aria. L'analisi dei dati ha supportato l'ipotesi che l'esposizione indoor alla maggior parte degli inquinanti considerati supera notevolmente quella outdoor; le concentrazioni indoor riscontrate sono generalmente da 1 a 5 volte maggiori e l'esposizione indoor è da 10 a 50 volte superiore all'esposizione outdoor.

4 Occorre sottolineare che l'organizzazione Mondiale della Sanità ha evidenziato l'importanza e l'urgenza per ogni Paese di dotarsi di un "Piano nazionale di prevenzione indoor" e, a tal fine, ha diffuso nel 1999 una pubblicazione specificamente destinata alle strategie con le quali tale Piano deve essere sviluppato. L'OMS raccomanda ai singoli governi di elaborare un "Piano nazionale per la creazione di un ambiente indoor sostenibile" in cui devono essere indicati interventi sugli edifici esistenti e su quelli da costruire e definite le strategie che ne consentano la realizzazione.

5 Inoltre il D.Lvo 229/99 ha ulteriormente precisato le caratteristiche del Dipartimento di Prevenzione, previsto dal D.Lvo 502/92, ridefinendone le funzioni e l'organizzazione. Il DP viene definito come "struttura operativa dell'unità sanitaria locale che garantisce la tutela della salute collettiva, perseguendo obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e delle disabilita, miglioramento della qualità della vita". Il decreto ne specifica le funzioni (in base alla definizione dei livelli essenziali di assistenza), l'organizzazione ha autonomia organizzativa e contabile ed è organizzato in centri di costo e di responsabilità"), il coordinamento interno (con altri servizi e dipartimenti aziendali) ed esterno con altri enti ed istituti (Agenzie regionali per l'ambiente. Istituti zooprofilattici sperimentali, posti di ispezione frontaliera e Uffici veterinari di confine, ispettori del lavoro ed INAIL). Al Dipartimento sono attribuiti anche compiti relativi alla individuazione e rimozione delle cause di nocività e di malattie di origine ambientale, per i quali si avvalgono delle agenzie regionali e provinciali per la protezione dell'ambiente, stabilendo che le funzioni di prevenzione collettiva e di controllo ambientale, esercitate dal DP e dall'arpa, debbono prevedere azioni coordinate ed integrate.

6 In Italia, a seguito della crisi delle risorse energetiche mondiali, si sono imposti nuovi criteri tecnico-progettuali per gli edifici ad uso civile. La necessità di contenere i consumi per il riscaldamento e per la ventilazione ha imposto un migliore isolamento degli edifici, con conseguente spinta a sigillare gli ambienti interni ed a sostituire le modalità naturali di aerazione ed illuminazione con mezzi artificiali. Alle trasformazioni strutturali degli edifici si sono accompagnate modifiche rilevanti degli arredi (nuovi materiali per mobili, rivestimenti; ecc.) e degli strumenti di lavoro (crescente impiego di fotocopiatrici, videoterminali, stampanti, ecc.). Infine, tra le più importanti cause di inquinamento indoor c'è sicuramente il fumo di sigaretta ed il radon

7 4 - Sorgenti di inquinamento indoor Gli inquinamenti indoor sono numerosi e possono essere originati da diverse sorgenti: le concentrazioni sono molto variabili nel tempo, a seconda delle sorgenti interne, della ventilazione e delle abitudini degli occupanti. Le sorgenti di inquinamento interno che rilasciano inquinanti nell'aria costituiscono la causa primaria dei problemi relativi alla qualità dell'aria indoor. Le principali fonti sono l'uomo e le sue attività, i materiali da costruzione gli arredi, i sistemi di trattamento dell'aria. Molte attività degli occupanti contribuiscono ad inquinare l'aria degli ambienti chiusi; uno dei fattori più importanti è sicuramente il fumo di tabacco, oltre ai processi di combustione.

8 Altre possibili fonti di inquinamento sono i prodotti per la pulizia e la manutenzione della casa, gli antiparassitari e l'uso di colle, adesivi, solventi etc. Possono determinare una emissione importante di sostanze inquinanti l'utilizzo di strumenti di lavoro quali stampanti, plotter e fotocopiatrici e prodotti per l'hobbistica (es. colle). Un'altra importante fonte di inquinamento indoor sono i materiali utilizzati per la costruzione (es. isolamenti contenenti amianto)

9 l'arredamento (es. mobili fabbricati con legno truciolare o trattati con antiparassitari, moquette, rivestimenti). Infine; il malfunzionamento del sistema di ventilazione o una errata collocazione delle prese d'aria in prossimità di aree ad elevato inquinamento (es. vie ad alto traffico, parcheggio sotterraneo, autofficina) possono determinare un'importante penetrazione dall'esterno di inquinanti. I sistemi di condizionamento dell'aria possono, inoltre, diventare terreno di coltura per muffe e altri contaminanti biologici e diffondere tali agenti in tutto l'edificio.

10 Se ragioniamo in termini di esposizione agli inquinanti, tale esposizione è dovuta al prodotto di due fattori, la concentrazione dell inquinante e il tempo di esposizione, ossia: ESPOSIZIONE =CONCENTRAZIONE (1-5 volte maggiore dell inquinamento esterno) X (per)tempo 80-90% (della vita) Da una stima effettuata dall'oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), si evince come una grossa percentuale degli edifici presenti nei paesi industrializzati possieda un elevato grado di tossicità degli ambienti interni. Si è arrivati a individuare due patologie diverse legate all edificio:

11 Sick Building Syndrome" (SBS) o Sindrome dell'edif. Malato. la Building Related Illness (BRI) o Malattia correlata all Edificio. La Sick Building Sindrome, indica la situazione di disturbi generici (non riconducibili ad una malattia specifica o ad una causa ben precisa) che lamentano la maggior parte degli occupanti un edificio, disturbi che tendono a scomparire allontanandosi dalla stanza o edificio. Nella SBS, gli occupanti lamentano sintomi quali cefalee, irritazione agli occhi, al naso, alla gola; tosse secca; pelle disidratata; vertigini o nausea; difficoltà di concentrazione e affaticamento; particolare sensibilità agli odori. La causa specifica dei sintomi è generalmente ignota.

12 La Building Related Illness, è invece correlata a una malattia particolare ben identificata, causata dalla presenza di determinati inquinanti dell'aria di un ambiente chiuso. Il quadro clinico evidenzia sintomi quali tosse, costrizione al petto, febbre, brividi, dolori muscolari. In questo caso le sintomatologie sono clinicamente ben definite: si tratta di asma bronchiale, le alveoliti allergiche estrinseche, di febbri da umidificatori, di infezioni da Legionella Pneumophila. Generalmente tale sindrome è presente soprattutto negli ambienti di lavoro ed è causata dagli impianti di ventilazione e di condizionamento d aria. I sintomi non spariscono rapidamente in seguito all abbandono del luogo di lavoro.

13 LE PRINCIPALI FONTI DI CONTAMINANTI INDOOR SONO SCHEMATIZZATE NELLA SEGUENTE TABELLA Ambiente Fonti di inquinamento Casa Sorgenti di natura metabolica: CO 2, NH 3, odori Fumo di tabacco: particolato respirabile (PM 10 ), monossido di carbonio (CO), composti organici volatili (VOC) Fornelli a gas: NO X, CO Forni a legna e camini: PM 10, CO, idrocarburi policiclici aromatici (IPA) Materiali da costruzione: radon e formaldeide Terreno sottostante i fabbricati: radon Mobili e prodotti per la casa: VOC, formaldeide Riscaldamento a gas: NO X, CO Riscaldamento a kerosene: NO X, CO, SO 2 Arredamento: VOC, formaldeide Isolante: asbesto Agenti esterni: CO, ossidi di azoto, particolato aerodisperso

14 Ambiente Casa Fonti di inquinamento Sorgenti di natura metabolica: CO 2, NH 3, odori Fumo di tabacco: particolato respirabile (PM 10 ), monossido di carbonio (CO), composti organici volatili (VOC) Fornelli a gas: NO X, CO Forni a legna e camini: PM 10, CO, idrocarburi policiclici aromatici (IPA) Materiali da costruzione: radon e formaldeide Terreno sottostante i fabbricati: radon Mobili e prodotti per la casa: VOC, formaldeide Riscaldamento a gas: NO X, CO Riscaldamento a kerosene: NO X, CO, SO 2 Arredamento: VOC, formaldeide Isolante: asbesto Agenti esterni: CO, ossidi di azoto, particolato aerodisperso

15 Ufficio Sorgenti di natura metabolica: CO 2, NH 3, odori Fumo di tabacco: PM 10, CO, VOC Materiali da costruzione: VOC, formaldeide Arredamento: VOC, formaldeide Fotocopiatrici: VOC Condizionatori: agenti biologici Agenti esterni: CO, ossidi di azoto, articolato aerodisperso Trasporti Aria esterna: CO,NO X, particolato e benzene in automobile Condizionatori per auto: agenti biologici

16 Tabella 2 - Valutazione quantitativa dell'impatto sulla salute della popolazione e dei costi diretti (in Lire) per l'assistenza sanitaria attribuibili ogni anno agli inquinanti indoor in Italia Inquinante Malattia Impatto sanitario Costi diretti Allergeni (acari, muffe forfore animali) Asma bronchiale (bambini/ad olescenti) > casi prevalenti/a nno > 160 miliardi Radon Tumore del polmone decessi/anno miliardi

17 Fumo di tabacco ambientale Asma bronchiale (bambini/adoles centi) Infezioni acute delle vie aeree sup. ed inf. > casi prevalenti/ann o > nuovi casi/anno > 30 miliardi non valutabile Tumore del polmone > 500 decessi/anno > 18 miliardi Infarto del miocardio > 900 decessi/anno > 15 miliardi Benzene Leucemia casi/anno 1-7 miliardi Monossido di carbonio (CO) Intossicazione acuta da CO > 200 decessi/anno 1 miliardo

18 5 - Inquinanti indoor Gli inquinanti che possono essere presenti negli ambienti confinati non-industriali sono molto numerosi. In particolare si possono individuare tre categorie di inquinanti: chimici, fisici e biologici. TRA GLI INQUINANTI CHIMICI: Monossido di carbonio (CO) I livelli di CO sono significativamente influenzati dalla presenza di processi di combustione, quali sistemi di riscaldamento e cottura senza ventilazione o con scarsa ventilazione e fumo di tabacco; in questi casi le concentrazioni interne possono superare quelle esterne. La vicinanza di sorgenti outdoor (ad esempio, strade a levato traffico, garage e parcheggi) possono avere un impatto significativo sulle concentrazioni all'interno di edifici.

19 10 - Intossicazione da monossido di carbonio Per concentrazioni di CO superiori all'80% si ha l'exitus per arresto cardiorespiratorio. Le statistiche ufficiali più recenti riportano morti l'anno in Italia, in seguito ad intossicazione acuta da CO, di cui circa i 2/3 di origine volontaria. Tali cifre sicuramente sottostimano l'entità del problema poiché molti casi di intossicazione, soprattutto quelli accidentali o i casi non mortali, non vengono correttamente diagnosticati e registrati. Particolarmente sensibili all'azione dell'ossido di carbonio sono gli anziani, le persone con affezioni dell'apparato cardiovascolare e respiratorio, la donna gravida, il feto, il neonato e i bambini in genere.

20 Molto si è discusso sull'esistenza di un quadro di intossicazione cronica da CO. In alcuni soggetti esposti per lungo tempo all'assorbimento di piccole quantità del tossico, è stata descritta una sintomatologia caratterizzata da astenia, cefalea, vertigini, nevriti, sindromi parkinsoniane ed epilettiche, aritmie, crisi anginose.

21 Linee di azione specifiche per sorgenti o inquinanti Gas di combustione: Per fornelli, stufe a gas, e stufe con l'utilizzo di altri combustibili è necessario, migliorare ulteriormente la normativa, le procedure di certificazione, e la normativa tecnica relativa alle verifiche ed alla manutenzione.

22 Monossido di carbonio Premessa Nonostante l'emanazione di leggi e di norme tecniche, ivi comprese la Legge sulla "Sicurezza degli impianti", DPR 447/92,, DM ed infine il DPR 46/90; DM ; 412/93, gli incidenti da impianti a gas e le intossicazioni da CO continuano ad essere frequenti in Italia. E' stata evidenziata, inoltre, la difficoltà se non l'impossibilità di disporre di informazioni sui casi accertati di intossicazione da CO, attraverso i sistemi correnti di notifica.

23 E' evidente che questi incidenti domestici sono facilmente prevenibili con ìl semplice rispetto della normativa vigente ed una regolare manutenzione degli impianti, da pare di personale specializzato. Infatti, tra le principali cause degli eventi segnalati vi sono difetti degli impianti facilmente identificabili e tecnicamente correggibili, come lo scarico dei fumi, l'assenza di ventilazione e la carenza di manutenzione.

24 Principali linee strategiche E' necessario attivare un progetto mirato di prevenzione, a cui devono partecipare tutti i soggetti istituzionali e professionali coinvolti in questo settore specifico: strutture del servizio sanitario nazionale, operatori sanitari. responsabili dei laboratori chimico-clinico, organi di vigilanza comunale, autorità di pubblica sicurezza,.arpa, etc.

25 A livello territoriale un ruolo importante deve essere svolto dai Dipartimenti di Prevenzione delle AUSL che ricevono le segnalazioni e dispongono le verifiche ed i controlli necessari per i provvedimenti di competenza e per la raccolta e la trasmissione dei dati e delle informazioni. Deve essere rafforzata l'azione preventiva di controllo, ma devono essere anche promosse le azioni volte all'informazione degli utenti ed alla formazione dei responsabili della manutenzione e degli utilizzatori degli impianti

26 19% 23% 19% 6% 13% 8% 12% ARPAV V.V.FUOCO A.GIUDIZ. ISTALLATORI ASL COMUNE DISTRIBUTORE GAS

27 Schema dettagliato di tutte le normative succedutosi negli anni relative alla sicurezza impiantistica comprendente legge 6 dicembre 1971, N norme per la sicurezza dell impiego del gas combustibile legge 5 marzo 1990, N norme per la sicurezza degli impianti DPR 6 dicembre N regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990 DPR 13 maggio 1998, N regolamento recante disposizioni in materia di sicurezza degli impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico

28 norme tecniche UNI- CIG 7129/ / approvate con decreto ministeriale ai sensi della Legge 1083/71 norme tecnica UNI impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico preesistenti alla data del 13 marzo 1990 (linee guida per la verifica delle caratteristiche funzionali) DPR 380 /01 - testo unico sull edilizia DELIBERA AUTORITA ENERGIA ELETTRICA - GAS 40/04 e 192/05

29 Schema dettagliato di tutte le normative succedutosi negli anni relative al contenimento dei consumi di energia (con implicazioni di sicurezza impiantistica) comprendente legge 9 gennaio 1991, N contenimento consumi d energia DPR 26 agosto 1993, N. 412 integrato con DPR 551/99 regolamento recante norme per la progettazione, l installazione, l esercizio la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell art. 4, comma 4, della Legge 9 gennaio 1991, N. 10

30 D. Ministero Attività produttive 17 marzo 2003 Aggiornamento libretto di centrale ed impianto. Allegati F e G Decreto Legislativo 19 agosto 2005 N. 192 Attuazione direttiva 2002/91CE relativa al rendimento energetico nell edilizia. Il rapporto di controllo tecnico imp. Minori di 35 kw l allegato H, diventa allegato G

31 IN CASO DI INTOSSICAZIONE DA MONOSSIDO DI CARBONIO, PERCHE INTERVENIRE PRIMA POSSIBILE? 1. PERCHE ENTRO UNO O MASSIMO DUE GIORNI, LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA A GAS, E COMPLETAMENTE CAMBIATA; 2. NON E PIU POSSIBILE RICREARE LE CONDIZIONI IN CUI SI E VERIFICATA L INTOSSICAZIONE DA CO; 3. E MOLTO PIU DIFFICILE PERSEGUIRE AMMINISTRATIVAMENTE/PENALMENTE GLI AUTORI DEI REATI; 4. DIVENTA MOLTO DIFFICILE INSTAURARE COMPORTAMENTI POSITIVI (Istallazione/manutenzione) SUGLI IMPIANTI A GAS.

32 intossicazione acuta da monossido di carbonio; intossicazione cronica. l intossicazione acuta è causata da grave avaria nello smaltimento dei prodotti della combustione, che stazionando nei pressi della camera di combustione creano una condizione di scarsissima ossigenazione del combustibile con un abnorme produzione di monossido di carbonio (oltre 1000 p.p.m. - parti per milione) in pochissimo tempo. L intossicazione acuta da monossido di carbonio, può verificarsi per diverse tipologie d impianti che interagiscono reciprocamente, causando le condizioni di mancato deflusso dei fumi.

33

34 L uso di bracieri a legna in camera da letto, con la porta chiusa e senza foro di ventilazione è il caso più comune. In questo caso i prodotti della combustione (anche solo brace), stazionano nei pressi del braciere e poiché non c èc giro d aria, d si creano le condizioni per la formazione del monossido di carbonio.

35 INTOSSICAZIONE CON BRACIERE

36 L ostruzione totale o parziale del camino o canna fumaria collettiva generata da mancata manutenzione (soprattutto in caso di generatore di calore a legna) o a seguito di ostruzione dovuta alla presenza di nidi d uccelli, fanno stazionare i fumi in camera di combustione, generando il monossido di carbonio.

37 INTOSSICAZIONE CON GENERATORE TIPO MISTO L./ GPL

38 Il mancato smaltimento dei fumi può essere generato anche da un caminetto a legna che, per la quantità di legna bruciata e per la sezione del camino del caminetto, mette in depressione il locale. I fumi della caldaia di riscaldamento vengono risucchiati in basso, creando una combustione con scarsissimo ossigeno e di conseguenza la formazione di monossido di carbonio.

39

40 L identica situazione (del caminetto a legna) si può verificare con la cappa aspirante posta sopra la cucina o piano di cottura (si chiama così quand è incassato nel piano di lavoro) sia per la potenza del motore, sia perché il foro di ventilazione non è stato calcolato tenendo conto della quantità d aria che la cappa avrebbe aspirato dal locale.

41

42 Intossicazioni acute da monossido di carbonio, si sono verificate anche con l utilizzo dei piani di cottura in vetroceramica. Tali piani di cottura, sotto il piano di vetroceramica, hanno dei normali bruciatori a gas che utilizzano per la combustione l aria proveniente delle feritoie poste sul davanti, ma eventualmente o per insufficiente aerazione o per uno scarso sistema di smaltimento prodotti della combustione fa si che l ulteriore combustione avviene nei fumi stessi.

43

44 TIPOLOGIA FONTI DELL INQUINANTE MONOSSIDO DI CARBONIO

45 INTOSSICAZIONE CON GENERATORE TIPO B / GPL

46 SENZA SCARICO

47 INTOSSICAZIONE CON GENERATORE TIPI A / GPL

48 INTOSSICAZIONE CON GENERATORE A BASAMENTO

49

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO 1 Legislazione di riferimento D.Lgs 277/91 D.Lgs 66/00 D.Lgs. 25/02 UNI EN 689/97 TLV - Threshold Limit Values della American Conference

Dettagli

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor

Ambienti abitativi. Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Ambienti abitativi Radon, Contaminanti indoor Radon Cos è e da dove viene Il radon è un gas radioattivo di origine naturale proveniente dal sottosuolo che si può infiltrare e accumulare nelle abitazioni

Dettagli

La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni

La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni La Qualità dellʼaria allʼinterno delle nostre abitazioni La qualità dellʼaria negli ambienti confinati (indoor), comprese le abitazioni, può essere causa di una vasto numero di effetti indesiderati che

Dettagli

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri?

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri? che peso ha l aria che respiri? periso ti libera dagli aggressori dell aria QUALITÀ DELL ARIA E IONIZZAZIONE La qualità della vita riveste sempre maggiore interesse nei settori pubblici e privati. Fornire

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR. Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna

EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR. Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna EFFETTI SULLA SALUTE DERIVANTI DALL INQUINAMENTO INDOOR Dr. Riccardo Arduini Medico del Lavoro Azienda U.S.L. di Bologna Il comfort può essere definito come una condizione di benessere psicofisico dell

Dettagli

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA Attività in materia di impianti termici Verifiche impianti di riscaldamento ad acqua calda DM 1/12/1975 Verifiche impianti su segnalazioni

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com NELLA CASA SI TRASCORRE L 80% DEL TEMPO DELLA NOSTRA VITA CHE ARIA RESPIRIAMO DENTRO LA NOSTRA

Dettagli

INQUINAMENTO INDOOR EFFETTI SULLA SALUTE Nicola Magnavita Istituto di Medicina del Lavoro, UCSC, Roma All interno degli ambienti confinati è possibile l inquinamento da parte di agenti: Fisici (radiazioni,

Dettagli

La Qualità dell aria. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD.

La Qualità dell aria. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl. Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD. Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl La Qualità dell aria Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Secondo lo Standard 62/04 ASHRAE: «La qualità

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO

LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO Dott. Stefano Borghesi Specialista in Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia Medico Competente Provincia di Brescia AMBIENTE CONFINATO Trasformazione dell

Dettagli

Che aria tira a Moie?

Che aria tira a Moie? Questo studio è stato realizzato da Daniele Campolucci ed Emanuela Piedimonte. Alcuni cittadini, anche se si sentivano rassicurati sulla presenza e sulla gestione della discarica dai risultati dei continui

Dettagli

esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità

esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità La sicurezza degli impianti i gas esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità Alberto Montanini vice Presidente Assotermica Club della Meccanica Sala della Mercede, Roma 26 giugno 2012

Dettagli

Ventilazione Meccanica Controllata (VMC)

Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) L aerazione negli edifici rappresenta un aspetto importante sia per il risparmio energetico sia per il comfort interno degli ambienti abitati. Il risparmio energetico

Dettagli

Inquinamento indoor: effetti della condensazione superficiale

Inquinamento indoor: effetti della condensazione superficiale 1) La Ventilazione meccanica applicazioni e normativa vigente 2) applicazione nella ristrutturazione 3) La classe A e la ventilazione meccanica i perchè della scelta. Umberto Buzzoni Inquinamento indoor:

Dettagli

www.vortice.com Perché è importante VENTILARE?

www.vortice.com Perché è importante VENTILARE? www.vortice.com Perché è importante VENTILARE? Ti riconosci in queste SITUAZIONI? L edificio malato Il problema dell inquinamento INDOOR è ormai un problema noto a tutti. La sindrome dell edificio malato

Dettagli

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio

La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio La norma UNI 11522: Installazione di rivelatori di gas e monossido di carbonio Fabio Pedrazzi - ANIE Bologna, 23/10/2014 LO SVILUPPO DELLA NORMA 11522 Il CIG ha dato corso allo sviluppo di una Norma sulla

Dettagli

PROGETTO INDOOR SCHOOL

PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria degli scolari e degli adolescenti

Dettagli

VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE

VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE VENTILAZIONE CONTROLLATA NEGLI EDIFICI AD ELEVATE PRESTAZIONI ENERGETICHE Arch. Valentina Raisa Assegnista di ricerca dell Università di Ferrara (finanziamento di AldesItalia) Qual è l edificio ad elevate

Dettagli

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 "AL TETTO"

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 AL TETTO TESTO COORDINATO D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 - "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO INDOOR SCHOOL Esposizione ad inquinanti indoor: linee guida per la valutazione dei fattori di rischio in ambiente scolastico e definizione delle misure per la tutela della salute respiratoria

Dettagli

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.

www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline. Enerline S.r.l. Via F. Bocconi, 9 20136 Milano Tel. 02-58432143 email: info@enerline.it www.enerline.it MANUTENZIONE PERIODICA DELLA COPERTURA MONOSSIDO DI CARBONIO Le cause Ventilazione Combustione Evacuazione

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema SEMINARIO Contaminazione indoor: sicurezza, ambiente e sostenibilità Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema BRUNO MARCHESINI 3 maggio 2011 S a l a B o l e r o Ambiente

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA Il Servizio Igiene degli Alimenti si prefigge la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, delle bevende e dell'acqua

Dettagli

regolatorie- proposte

regolatorie- proposte SICUREZZA: Novità legislative e regolatorie- proposte La sicurezza degli impianti gas esistenti: un requisito fondamentale ed una grande opportunità Mauro Farronato ASSOTERMICA L Associazione Nazionale

Dettagli

PROTEGGI TE STESSO E LA TUA FAMIGLIA DAL "KILLER SILENZIOSO" E TU, L'HAI INSTALLATO?

PROTEGGI TE STESSO E LA TUA FAMIGLIA DAL KILLER SILENZIOSO E TU, L'HAI INSTALLATO? PROTEGGI TE STESSO E LA TUA FAMIGLIA DAL "KILLER SILENZIOSO" E TU, L'HAI INSTALLATO? Negli ultimi anni la PROTEGGI Provincia dell'ontario ha registrato un aumento nel numero di avvelenamenti accidentali

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico. Tecnologie Normativa di riferimento Installazione.

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico. Tecnologie Normativa di riferimento Installazione. Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: Sistemi di Rivelazione GAS in ambiente domestico Tecnologie Normativa di riferimento Installazione Enrico Zaccaria Membro Sgr. Rivelatori di gas ANIE CSI Associazione Componenti

Dettagli

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA VENEZIA, 17 dicembre 2007 ATENEO VENETO TAVOLA ROTONDA CANNE FUMARIE NEI CENTRI STORICI: PROBLEMATICHE, NORMATIVE E IMPATTO AMBIENTALE L ATTIVITÀ DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI LA SITUAZIONE VENEZIANA

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Prof. Marco Ragazzi Materiali prodotti e sistemi per costruire la qualità degli ambienti interni in LEED INDOOR QUALITY - Qualità degli ambienti interni nella certificazione 2 Indice Fonti inquinanti indoor

Dettagli

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma

Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma Luigi Turrio Baldassarri Igiene degli ambienti di vita Istituto superiore di sanità, Roma L aria indoor è contaminata? L aria degli ambienti interni può essere contaminata sia da sostanze già presenti

Dettagli

Esperienze di sicurezza ambientale

Esperienze di sicurezza ambientale Esperienze di sicurezza ambientale Progetto Analisi statistica dell inquinamento atmosferico Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie - Napoli Allievi Relatori: Francesco Capasso, Roberta Avolio,

Dettagli

OGGETTO: BRANCA INFORMA N. 01/2015 SCARICO A PARETE PER CALDAIE DOMESTICHE.

OGGETTO: BRANCA INFORMA N. 01/2015 SCARICO A PARETE PER CALDAIE DOMESTICHE. OGGETTO: BRANCA INFORMA N. 01/2015 SCARICO A PARETE PER CALDAIE DOMESTICHE. *************************************************************************************** ITER SCARICO A PARETE per caldaie domestiche.

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

Definizione di ambiente indoor

Definizione di ambiente indoor Definizione di ambiente indoor Ambienti confinati di vita e di lavoro non industriali quali abitazioni, uffici pubblici e privati, strutture comunitarie, locali destinati ad attività ricreative e mezzi

Dettagli

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA: Normativa e tecnologia.

VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA: Normativa e tecnologia. VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA: Normativa e tecnologia. Principali inquinanti indoor (Fonte: Ministero della Salute, 2001) A VOC (composti organici volatili): benzene, toluene, formaldeide, composti

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

A tutti i Centri di Assistenza Tecnica c/o loro Sedi

A tutti i Centri di Assistenza Tecnica c/o loro Sedi ns. Rif. Circolare 04-2003 A tutti i Centri di Assistenza Tecnica c/o loro Sedi 1. Procedura di compilazione nuovo libretto impianto Con la pubblicazione nella gazzetta ufficiale n 86 del 12/04/2003 del

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l.

Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l. Principali norme che interessano il settore degli scarichi dei prodotti della combustione a cura Ufficio Tecnico canne fumarie ESSEBLOCK S.C.M. S.r.l. Il seguente riepilogo, non comprende tutte le norme

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

RELATIVA ALLA POSISP 05

RELATIVA ALLA POSISP 05 IOSISP10-2 Pag. 1/6 RELATIVA ALLA POSISP 05 INDICE 1. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI... 2 3. RESPONSABILITA... 2 4. MODALITÀ OPERATIVE... 2 5. GRADI DI RISCHIO

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO.

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. area 1 criteri adottati per le valutazioni pag 1/8 INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. 2. DESCRIZIONE ESTESA METODO ADOTTATO. 2.1. scomposizione dell attività 2.1.1. fabbricati 2.1.2. mansioni

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Incontro

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI dott. ing. Salvatore Buffo, dirigente superiore Comando provinciale dei vigili del fuoco di Brescia dott. ing. Pier Nicola Dadone, Direttore vice

Dettagli

UNIFESOSTENIBILE: le attività, i progetti e i risultati sostenibili di Unife

UNIFESOSTENIBILE: le attività, i progetti e i risultati sostenibili di Unife UNIFESOSTENIBILE: le attività, i progetti e i risultati sostenibili di Unife 12 febbraio 2015 Presentazione agli studenti del Liceo A. Roiti, Ferrara Prof. Vincenzo Guidi Delegato del Rettore alle Politiche

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni

D.P.R. n. 74/2013. Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni D.P.R. n. 74/2013 Impianti termici: Esercizio e manutenzione; Controlli di efficienza energetica; Accertamenti ed ispezioni Domenico Prisinzano ENEA CCEI Sicilia Milano, 03 giugno 2014 Ing. Domenico Prisinzano

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Materiali da costruzione e inquinamento indoor

Materiali da costruzione e inquinamento indoor Materiali da costruzione e inquinamento indoor Sono moltissimi i fattori che condizionano la qualità dell'aria negli spazi che abitiamo. di Silvia Piardi Tratto da AMBIENTE COSTRUITO n.4/1998 I materiali

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento salute ambiente A cura di Andrea Colombo, Coordinatore Commissione Ambiente e Mobilità del Quartiere San Vitale Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Seminario

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato Rif. (*) La portata termica totale dell impianto gas sul quale sono stati eseguiti i

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015

IMPIANTI TERMICI. Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 IMPIANTI TERMICI 1 Ing. Salvatore Cataudella Siracusa, 24/03/2015 2 Esercizio dell impianto termico ai sensi del D.Lgs 192/2005 L esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2001

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2001 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2001 Repertorio Atti n. 1292 del 27 settembre 2001 Oggetto Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome sul documento di: Linee

Dettagli

Impianti eolici (produzione di energia elettrica)

Impianti eolici (produzione di energia elettrica) Autorizzazioni BOZZA Le procedure autorizzative da seguire per richiedere l installazione di un impianto, anche se semplificate al massimo, variano in base alla tipologia, alla sua grandezza e alla sua

Dettagli

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai.

Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. Sicurezza gas. Ecco i 10 buoni consigli: prova a seguirli, non te ne pentirai. 1 No fai da te Il fai da te sull impianto del gas combustibile è vietato. Tutte le operazioni di manutenzione, ordinaria e

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Impresa di distribuzione e installatori Obiettivo comune SICUREZZA Grosseto 5 novembre 2011

Impresa di distribuzione e installatori Obiettivo comune SICUREZZA Grosseto 5 novembre 2011 Impresa di distribuzione e installatori Obiettivo comune SICUREZZA Grosseto 5 novembre 2011 DI COSA PARLEREMO Cenni sulla normativa e legislazione vigente in tema di rapporti tra distributore e installatore;

Dettagli

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74

ENEA. Ufficio Territoriale Regione Marche. LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 LE ATTIVITA ISPETTIVE SUGLI IMPIANTI TERMICI IL DPR 16 Aprile 2013, n. 74 ENEA UNITA TECNICA EFFICIENZA ENERGETICA Ufficio Territoriale Regione Marche Ufficio Territoriale Regione Marche Palazzo Leopardi

Dettagli

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A.

Norma 7129:2008. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione. Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. Norma 7129:2008 Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione Ing. Giacomo Bortolan A.I.M. Servizi a Rete S.p.A. UNI 7129-2 ed. 2008 Seconda parte: Installazione apparecchi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO INTEGRATO ENERGIA 3 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Oggetto dell iniziativa è l affidamento del Servizio Integrato Energia, ovvero di tutte le attività di gestione, conduzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 1 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: TUTELA DAI

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data

Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione Quadro A. Dichiarazione di conformità n Impianto gas rif. n data Allegato a: Dichiarazione di Conformità (ai sensi della Legge 46/90) Attestato di corretta esecuzione impianto gas di cui al modello "B" (Del. N 40/04 dell'aeeg) Sezione I : Riferimenti inerenti alla documentazione

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

Nuove disposizioni sullo SCARICO A TETTO in vigore a partire dal 19 luglio 2014

Nuove disposizioni sullo SCARICO A TETTO in vigore a partire dal 19 luglio 2014 Nuove disposizioni sullo SCARICO A TETTO in vigore a partire dal 19 luglio 2014 Il D.Lgs 102/2014 ha modificato nuovamente le regole sull obbligo dello SCARICO A TETTO degli impianti termici previsto dal

Dettagli

Dott. Morando Soffritti

Dott. Morando Soffritti Istituto Nazionale B. Ramazzini Centro di Ricerca sul Cancro Cesare Maltoni IV GIORNATE MEDICHE DELL AMBIENTE SALSOMAGGIORE 5 Novembre 2009 Gli effetti a lungo termine delle basse dosi di inquinanti negli

Dettagli

SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA

SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA SOFFIATORI NILA GLI ATTIVATORI DI TIRAGGIO E ANTIVENTO PER CAMINI A LEGNA Pag. 2 SCHEDA TECNICA DEI SOFFIATORI NILA pag. 3 DESCRIZIONE I soffiatori Nila non sono aspiratori, ma attivatori di tiraggio per

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

Esposizione ad inquinanti indoor nelle scuole di Udine e hinterland

Esposizione ad inquinanti indoor nelle scuole di Udine e hinterland Esposizione ad inquinanti indoor nelle scuole di Udine e hinterland Marilena Mazzariol, Manuela Mazzariol, Alen Carli, Mario Canciani Servizio di Allergo-Pneumologia Clinica Pediatrica, Università di Udine

Dettagli

1 Denominazione della figura professionale Tecnico Certificatore della conformità fine lavori ai sensi dell art.86 della LR 1/2005

1 Denominazione della figura professionale Tecnico Certificatore della conformità fine lavori ai sensi dell art.86 della LR 1/2005 Corso di formazione per Tecnico Certificatore della conformità fine lavori ai sensi dell art.86 della LR 1/2005 in materia di impianti elettrici e impianti a gas negli edifici abitativi ESIGENZE E FINALITA

Dettagli