Comune di Arluno. 21 Progetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Arluno. 21 Progetti"

Transcript

1 Comune di Arluno 21 Progetti

2 Scheda di progetto 1/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia Piano regolatore generale con supervisione del PTCP e della VAS Tempi del progetto L intera comunità Il nuovo piano regolatore è stato predisposto coordinandolo alle analisi e linee guida del PTCP inoltre è stata fatta una sperimentazione con Regione e Provincia per l applicazione della Valutazione ambientale strategica finalizzata a dare un impronta pesante alla analisi ambientale come base di partenza per lo sviluppo del territorio Le commissioni comunali, la cittadinanza, la Regione, la Provincia, l ARPA, un esperto ambientale esterno Procedura del PRG + verifica e coordinamento con il PTCP + linee guida europee per la VAS Circa 1 anno e mezzo Il nuovo PRG è stato adottato Una pianificazione attenta alle problematiche ambientali Una pianificazione abbastanza attenta alle problematiche ambientali Ing. Baldo Claudia e Arch. Colombini Antonella + 2 consulenti esterni

3 Scheda di progetto 1/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

4 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 2/21 Ecologia Commissione ambientale partecipata Comunità ed associazioni Viene istituita una commissione il cui scopo è la valutazione delle problematiche ambientali e la discussione e promozione di iniziative Rappresentanti delle associazioni Metodi e strumenti utlizzati La commissione si riunisce con una frequenza prestabilita con un ordine del giorno che viene fatto sulla base delle problematiche in essere Tempi del progetto Durata dell amministrazione comunale In itinere Nuove iniziative e partecipazione Partecipazione Ing. Baldo

5 Scheda di progetto 2/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

6 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 3/21 Ecologia Educazione ambientale nelle scuole Le scuole elementari di Arluno Mini corso sulla raccolta differenziata Maestre ed alunni Incontri di formazione e lavoretti Tempi del progetto 6 mesi circa Appena iniziato Formazione sulla raccolta differenziata Ancora in itinere Ing. Baldo

7 Scheda di progetto 3/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

8 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 4/21 Ecologia Sensibilizzazione sulla raccolta differenziata Cittadini di Arluno Inserimento di articoli sul notiziario comunale Aziende concessionarie dei servizi di igiene urbana Notiziario comunale Tempi del progetto 1 anno Appena iniziato Miglioramenti sulla qualità delle raccolta differenziata Ancora in itinere Ing. Baldo

9 Scheda di progetto 4/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

10 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 5/21 Lavori Pubblici Piste ciclabili Cittadini Organizzare percorsi ciclopedonali Cittadini e TAV Spa Analisi della viabilità Tempi del progetto 4 anni Appena iniziato Formazione di percorsi ciclopedonali protetti Ancora in itinere Geom. Fiameni / geom. Cainarca

11 Scheda di progetto 5/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

12 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 6/21 Ecologia Partecipazione al Parco del Roccolo Cittadini Tutela del territorio agricolo a nord dell abitato Associazioni, maestre ed alunni Visite al Parco del Roccolo Tempi del progetto 6 anni Iniziato da anni Attenzione al territorio agricolo e sua tutela Sensibilizzazione dei cittadini Ing. Baldo

13 Scheda di progetto 6/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

14 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 7/21 Ecologia Piantumazione di un albero per ogni bambino nato Cittadini Procedere ogni anno alla piantumazione di alberi Cittadini Tempi del progetto 4 anni Iniziato da almeno 5 anni Sensibilizzazione sulla importanza e necessità di aree piantumate Partecipazione dei cittadini Ing. Baldo

15 Scheda di progetto 7/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

16 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 8/21 Ecologia Acquisto e gestione di un grosso bosco di querce Cittadini E stato acquistato tramite il Parco del Roccolo, un grosso bosco di querce Cittadini e Parco del Roccolo Tempi del progetto Appena iniziato Tutelare e implementare il bosco Ancora in itinere Ing. Baldo

17 Scheda di progetto 8/21 Aspetti sociali Il progetto contribuisce a: Migliorare la qualità dei servizi pubblici? Favorire l integrazione razziale e sociale? Ridurre la criminalità? Ridurre i fattori di rischio per la salute umana? Favorire l accesso ai servizi informativi,educativi e formativi? Favorire la partecipazione responsabile degli attori locali ai processi decisionali? Favorire la conoscenza e la fruizione del patrimonio ambientale, culturale e artistico locale? Migliorare gli standard dei servizi educativi e formativi? Aspetti economici Aumentare le opportunità di occupazione locale? Ridurre gli impatti ambientali delle attività produttive locali? Aumentare la responsabilità sociale delle imprese locali? Promuovere una gestione eco-compatibile delle attività produttive locali? Favorire l innovazione ambientale dei processi di produzione locale? Valorizzare le produzioni territoriali locali? Favorire gli stili di vita e di consumo sostenibili? Ridurre i fattori di esclusione sociale? Aspetti ambientali Migliorare la qualità dell acqua? Ridurre l inquinamento atmosferico? Ridurre l inquinamento acustico? Promuovere la conservazione e la valorizzazione della biodiversità? Promuovere le fonti di energia alternative o rinnovabili? Aumentare la raccolta differenziata, il riciclaggio, il recupero e la riduzione dei rifiuti urbani? Promuovere la gestione ed erogazione dei servizi ambientali adeguata alle esigenze locali? Raccogliere, elaborare, monitorare e divulgare le informazioni e i dati ambientali? Aspetti territoriali Aumentare gli spazi verdi urbani ed extraurbani e migliorarne la fruizione e l accesso? Tutelare e valorizzare il patrimonio paesaggistico locale? Favorire il riuso e la riqualificazione di aree ed edifici dimessi? Favorire l uso di strumenti di mobilità urbana sostenibile? Favorire l integrazione della dimensione ambientale nella progettazione territoriale? Promuovere l integrazione tra i vari piani di assetto e gestione del territorio? Promuovere la partecipazione degli attori locali nei processi di pianificazione del territorio?

18 Assicurare l esistenza di una rete infrastrutturale e logistica adeguata alle esigenze locali? Scheda di progetto 9/21 Tecnico Monitoraggio Aria cittadini monitoraggio dell aria nei punti critici del territorio cittadini ed associazioni, commissione Ambiente laboratorio esterno Tempi del progetto gennaio aprile 2006 in fase di organizzazione valutazione dello stato dell aria geom Fiameni / ing. Baldo

19 Scheda di progetto 10/21 Tecnico Campagna combustibili alternativi cittadini campagna di incentivazione e trasformazione degli impianti da benzina a GPL al fine di favorire l utilizzo di fonti alternative cittadini e le associazioni finanziamenti statali, regionali, comunali Tempi del progetto anno 2006 in fase di organizzazione miglioramento della qualità dell aria geom. Fiameni / geom. Magistrelli

20 Scheda di progetto 11/21 Tecnico Zonizzazione acustica tutti pianificare il territorio per quanto attiene il rumore cittadini, associazioni e Arpa consulenza esterna Tempi del progetto già realizzato rispetto della zonizzazione acustica rispetto della zonizzazione acustica Geom Fiameni / ing. Baldo

21 Scheda di progetto 12/21 Tecnico Pannelli fotovoltaici comune installazione di pannelli fotovoltaici sul tetto comunale Comune e Provincia Metodi e strumenti utlizzati ditta esterna Tempi del progetto 2 anni circa terminato nel 2003 risparmio energetico risparmio energetico Geom. Fiameni / ing. Baldo

22 Scheda di progetto 13/21 Tecnico raccolta differenziata cittadini ed attività produttive garantire la differenziazione dei rifiuti cittadini ed imprese e scuole mezzi di informazione Tempi del progetto ogni anno in attività miglioramento della differenziazione dei rifiuti differenziazione dei rifiuti geom. Fiameni / ing. Baldo

23 Scheda di progetto 14/21 tecnico compostaggio domestico le famiglie le famiglie effettuano il compostaggio domestico riutilizzando il compost nei giardini/ orti cittadini, associazioni, etc corsi ed informazione Tempi del progetto si svolge ogni anno con continuità in itinere riduzione della frazione umida dei rifiuti recupero di compost geom Fiameni/ ing. Baldo

24 Scheda di progetto 15/21 Tecnico Smaltimento dell eternit abbandonato sul territorio aree agricole recuperare e smaltire l eternit abbandonato sul territorio ASL e ditta esterna Metodi e strumenti utlizzati ditta esterna Tempi del progetto 2005 /2006 in via di realizzazione assenza di rifiuti abbandonati geom Fiameni / ing. Baldo

25 Scheda di progetto 16/21 Tecnico / Polizia Locale piano generale del traffico cittadini verificare e razionalizzare il traffico cittadino associazioni, ARPA, cittadini Metodi e strumenti utlizzati azienda esterna Tempi del progetto 2006/2007 in fase di organizzazione miglioramento delle condizioni di traffico geom. Fiameni /ing. Baldo/Comandante Polizia Locale

26 Scheda di progetto 17/21 Tecnico giornata puliamo il mondo / verde pulito cittadini interevento di pulizia partecipato cittadini / Parco del Roccolo mezzi di informazione Tempi del progetto ogni anno in itinere partecipazione dei cittadini ed associazioni partecipazione dei cittadini ed associazioni/ pulizia del territorio Geom. Fiameni / ing. Baldo

27 Scheda di progetto 18/21 Tecnico calendario Agenda 21 cittadini realizzare un calendario divulgando i principi di agenda 21 associazioni e commissione ambiente consulente esterno Tempi del progetto 2006/2007 in discussione informazione su agenda 21 geom. Fiameni / geom. Magistrelli

28 Scheda di progetto 19/21 Tecnico EESCO comune di Arluno attivare una azienda per il risparmio energetico vari Comuni consulenti esterni Tempi del progetto 2005 e seguenti in fase di organizzazione risparmio energetico geom. Fiameni / geom. Magistrelli

29 Scheda di progetto 20/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia ARIA PULITA cittadini Il progetto prevede interventi mirati alla riduzione dell inquinamento atmosferico e precisamente il monitoraggio della qualità dell aria in alcune zone a rischio, la verifica degli impianti termici, campagna incentivazione trasformazione impianti auto da benzina a GPL, incentivazione uso mezzi pubblici Comune di Arluno Ecologia Ragioneria commissioni comunali, Regione, Provincia, l ARPA, un esperto ambientale esterno Finanziamenti comunali statali - regionali Tempi del progetto dicembre 2005 in fase di realizzazione informazione capillare sul territorio per la riduzione dell inquinamento atmosferico Geom. Lorella Magistrelli Geom. Lorella Magistrelli

30 Scheda di progetto 21/21 Tecnico settori urbanistica ed ecologia CAMPAGNA RIDUZIONE CONSUMO ACQUA Edifici comunali - cittadini Il progetto prevede interventi mirati alla riduzione del consumo idrico mediante l installazione di idonei areatori su rubinetti e docce, informazione su comportamenti quotidiani da adottare per ridurre i consumi dell acqua Comune di Arluno Ecologia Ragioneria commissioni comunali, cittadini Finanziamenti comunali Tempi del progetto mesi 12 in fase di realizzazione Promuovere mezzi e comportamenti per ridurre il consumo di acqua Geom. Lorella Magistrelli Geom. Lorella Magistrelli

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006

1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 Francesco Bicciato - Comune di Padova 1. ZONA TRAFFICO LIMITATO Ridotti del 37% gli ingressi medi giornalieri in centro storico da novembre 2005 a dicembre 2006 2. METROTRAM In funzione da marzo 2007 (8

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto

Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Gruppo di Lavoro Agende 21 Locali per Kyoto Daniela Luise Padova Verifica dello stato di avanzamento delle iniziative in corso di realizzazione e programma delle attività per il 2008 Rimini, 6 giugno 2008

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE

Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria. PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Scuola Secondaria di Primo Grado P. Cafaro -Andria Anno Scolastico 2009 / 2010 PROGETTO di EDUCAZIONE AMBIENTALE Referente del progetto Prof. ssa Arcangela Quacquarelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini

Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare. Prof. Giovanni Zurlini Lab. di Ecologia del Paesaggio, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento Neighborhood Sustainability Assessment: la sostenibilità delle isole per l abitare

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO.

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO. LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI A CASTELLARANO. Iniziative attive sul territorio del Comune di Castellarano volte alla riduzione e riutilizzo dei rifiuti per incentivare nuovi stili di vita sostenibili a impatto

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma

Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Buone pratiche e tecnologie per l ambiente urbano e le città sostenibili Best practices and technologies for urban environment and sustainable cities Dall 1 al 3 Aprile 2009 alla Nuova Fiera di Roma Ecopolis:

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia

VAS PSC e RUE PIANO DI MONITORAGGIO PIANO URBANISTICO COMUNALE. Comune di Sant'Ilario d'enza. Provincia di Reggio Emilia Comune di Sant'Ilario d'enza Provincia di Reggio Emilia L.1150/1942 - L.R. 20/2000 e s.m.i PIANO URBANISTICO COMUNALE Capoluogo Calerno Sindaco Assessore all'urbanistica Segretario Comunale Ufficio Tecnico

Dettagli

Comune di Faenza Settore Territorio

Comune di Faenza Settore Territorio Comune di Faenza Settore Territorio La sostenibilità a Faenza Un percorso coerente dalla bioarchitettura alla biourbanistica La sostenibilità a Faenza (le domande a cui rispondere) Perché si possa definire

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

C O M U N E D I S A N F E L E

C O M U N E D I S A N F E L E PATRIMONIO ED ESPROPRI Concessione a terzi di diritti di superficie su aree a servizio per la realizzazione di strutture di interesse collettivo Gestione amministrativa del patrimonio immobiliare e demaniale

Dettagli

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI

Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI In collaborazione con Comune di Cernusco sul Naviglio AZIONI PER UNA CITTÀ SOSTENIBILE: COSA FA IL COMUNE, COSA POSSIAMO FARE TUTTI 2011-2020: Prospettive di sostenibilità per la nostra città Emanuele

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007 Report integrale ABCittà società cooperativa sociale onlus www.abcitta.org Azioni Forum 02 Breve descrizione dei programmi e degli obiettivi

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

PEG - Area Pianificazione del Territorio AREA ORGANIZZATIVA. Edilizia Privata. 16.101 RIF PROGRAMMA RRpp 18.08.01 CENTRO DI COSTO

PEG - Area Pianificazione del Territorio AREA ORGANIZZATIVA. Edilizia Privata. 16.101 RIF PROGRAMMA RRpp 18.08.01 CENTRO DI COSTO PEG - Area Pianificazione del Territorio AREA ORGANIZZATIVA Edilizia Privata CENTRO DI COSTO 6.0 RIF PROGRAMMA RRpp 8.08.0 RESPONSABILE DI SERVIZO Giancarla Battaini descrizione attività centro di costo

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile

Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile . Comune di Casamarciano Regione Campania Agenda 21 Locale Casamarciano Sostenibile Questionario conoscitivo ed analisi percettiva della qualità dell ambiente e della situazione socio-economica nel Comune

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Dati ambientali nelle città

Dati ambientali nelle città Dati ambientali nelle città A.Ferruzza I numeri che non ti aspetti. La funzione statistica dei comuni tra riforma e qualità dei servizi, Messina 26-27 settembre 2013 Dati ambientali nelle città: fabbisogni

Dettagli

Percorso Energia in A21L

Percorso Energia in A21L Percorso Energia in A21L Comunità Montana Valtellina di Tirano (So) Comune di Grosio (So) Milano, 27 Giugno 2005 Enti promotori Comunità Montana Valtellina di Tirano (Assessore Territorio Ambiente e Sviluppo

Dettagli

D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente

D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente D Come rispettare l ambiente Territorio e Ambiente 1. L energia - L ambiente - L inquinamento ridurre i fabbisogni di risorse energetiche del Comune ed incentivare le stesse azioni anche ai cittadini tutelare

Dettagli

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana

Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Il Patto dei Sindaci nei Comuni della Bassa padovana Strategie, azioni di sostegno, opportunità per l energia sostenibile Stefano Meneghini, Direttore Tecnico Consylio S.r.l. Fase II: stesura Piano delle

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

PROVINCIA DI KYOTO LE 7 SFIDE DELLA PROVINCIA DI ROMA

PROVINCIA DI KYOTO LE 7 SFIDE DELLA PROVINCIA DI ROMA PROVINCIA DI KYOTO LE 7 SFIDE DELLA PROVINCIA DI ROMA Il Piano d azione Provincia di Kyoto mette a sistema investimenti per oltre 400 milioni di euro sulle grandi reti della sostenibilità ambientale. Una

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015

IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 IL PATTO DEI SINDACI: IL PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SCIACCA Sciacca Maggio 2015 SPES Consulting srl Ing. Adriano PESSINA LITOS Progetti srl Ing. Piero Lo Duca SPES Consulting

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica

Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Indicatori ambientali urbani 2007 La posizione di Padova rispetto alla media nazionale L'Istat ha presentato i risultati dell'indagine ambientale

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007

SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007 IL PUNTO SULLE ATTIVITÀ DEL FORUM PRIMA RIUNIONE DEL FORUM - 26/01/2007 SECONDA RIUNIONE DEL FORUM - 23/02/2007 AVVIO DEI TAVOLI DI LAVORO MARZO 2007 a cura di: Ivano Colombo e Raul Dal Santo IRIS Progetto

Dettagli

Il Piano Strategico della Provincia di Belluno

Il Piano Strategico della Provincia di Belluno Il Piano Strategico della Provincia di Belluno Workshop di confronto e condivisione asse AMBIENTE documento di sintesi Belluno, 2 e 4 ottobre 2006 STRUTTURA DELL ASSE ASSE AMBIENTE sotto-asse Aria-acqua-suolo

Dettagli

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO 1. Requisiti in capo al Responsabile ambientale 1.1 Generale REQUISITI OBBLIGATORI SI NO O1 O2 O3 O4 È stato nominato un responsabile ambientale

Dettagli

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O.

Azioni e Monitoraggio. Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Azioni e Monitoraggio Francesca Inverardi Servizio Pianificazione Territoriale, Ambiente e Politiche culturali Responsabile U.O. Qualità dell Aria 2 Le azioni Le azioni discendono dalle strategie di Mitigazione

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i.

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO. ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della LR 12/05 e s.m. e i. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Allegato 1 Stima degli effetti ambientali attesi

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

COMUNE DI FORLÌ BILANCIO AMBIENTALE SPERIMENTALE CONSUNTIVO 2007 SINTESI

COMUNE DI FORLÌ BILANCIO AMBIENTALE SPERIMENTALE CONSUNTIVO 2007 SINTESI COMUNE DI FORLÌ BILANCIO AMBIENTALE SPERIMENTALE CONSUNTIVO 2007 SINTESI Il Bilancio Ambientale è uno strumento di contabilità ambientale che consente al Comune di dare conto di tutte le politiche ambientali

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008

Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene. Roma, 22 aprile 2008 Progetto Città Mia: investire nell ambiente conviene Roma, Progetto Città Mia: un impegno comune per l ambiente Il progetto La comunicazione I risultati 2 Progetto Città Mia: il modello La Banca Popolare

Dettagli

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE

PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT VERBALE COMUNE DI CASSINA DE PECCHI Provincia di Milano PRIMA CONFERENZA DI VALUTAZIONE PER LA VAS DEL PGT 16 OTTOBRE 2008 VERBALE Il giorno 16 ottobre 2008 alle ore 10,30 si è riunita presso la Sede Municipale

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili

Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Il sigillo di qualità per contesti abitativi sostenibili Agenzia CasaClima Bolzano Responsabile progetto: Norbert Lantschner Responsabile tecnico: Mariadonata Bancher La visione del settore residenziale...

Dettagli

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI NIBIONNO. VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA Sistema di monitoraggio. Provincia di Lecco PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI NIBION PIA DI GOVER DEL TERRITORIO Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 Elaborati riportanti in rosso le integrazioni e le modifiche apportate a seguito delle proposte di controdeduzione VALUTAZIONE

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA Dopo lo studio dei vari quartieri ecosostenibili, europei ed italiani, ho notato diversità sia normative che di progettazione spostandosi

Dettagli

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza

Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Mobilità sostenibile - Contabilità energetica - Coinvolgimento della cittadinanza Fonte: Comune di Nova Ponente Abitanti: 3.923 (2011) Superficie / di cui insediativa: 112 km² / 19 km 2 Altitudine: 1357

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità

FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA. Appendice al Piano d'azione Le Priorità di Mantova - Assessorato Ambiente FORUM AGENDA 21 LOCALE MANTOVA Appendice al Piano d'azione Le Priorità Agenda 21 Mantova - via Roma 39 46100 MANTOVA - @mail:agenda21lmantova@domino.comune.mantova.it

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE

NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE CITTA DI ORBASSANO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO NUOVO PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO PRELIMINARE PROCEDURA DI VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA MONITORAGGIO Redazione VAS Progetto: Valter Martino

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO

PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO COMUNE DI STAGNO LOMBARDO PROVINCIA DI CREMONA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI STAGNO LOMBARDO VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA SINTESI NON TECNICA (Allegato del Rapporto Ambientale) 26

Dettagli

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO 18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO La Comunità Sostenibile: una soluzione partecipata per gli obiettivi della Direttiva 20-20-20 Clima Energia. Nuove opportunità di coesione sociale e di sviluppo

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NORD VIA GINO MORETTI 79-63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO C.F. 91038880448 C.M. APIC833003

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NORD VIA GINO MORETTI 79-63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO C.F. 91038880448 C.M. APIC833003 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO NORD VIA GINO MORETTI 79-63074 SAN BENEDETTO DEL TRONTO C.F. 91038880448 C.M. APIC833003 Prot. n.. San Benedetto del Tronto. SEZIONE DESCRIZIONE MACRO AREA e campo di indagine

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni

Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Provincia di Modena Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Il Piano della Provincia di Modena : prime indicazioni Verso il Piano di Risanamento della qualità dell aria Modena, 21 febbraio 2006 Sviluppo

Dettagli

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO

AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO AMBIENTE, RIFIUTI, VERDE PUBBLICO 65 66 Ecologia e ambiente Linee programmatiche o Promuovere e potenziare azioni ed interventi volti a migliorare la qualità dell aria, dell acqua e del suolo o Incentivare

Dettagli

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia)

Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Sessione: CONTI FISICI, INDICATORI E REPORTING PER LA SOSTENIBILITA LOCALE Introduzione e conclusioni di Maria Berrini (Ambiente Italia) Introduzione: Quali indicatori per l attuazione della Strategia

Dettagli

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile.

FASE PARTECIPATIVA. INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito. L impegno verso un futuro sostenibile. Piano d azione per l energia sostenibile FASE PARTECIPATIVA INTERVISTA Aziende / Professionisti / Commercianti / Istituti di Credito Progettista Consulente R.U.P. Coordinamento Ing. Bartolomeo Sciannimanica

Dettagli

IL PROGETTO SMART GATE : COME SI PIANIFICA UNA CITTÀ INTELLIGENTE

IL PROGETTO SMART GATE : COME SI PIANIFICA UNA CITTÀ INTELLIGENTE IL PROGETTO SMART GATE : COME SI PIANIFICA UNA CITTÀ INTELLIGENTE Studio di Consulenza Ambientale al servizio dell ambiente sin dal 1984 Azienda certificata ISO 9001 e ISO 14001 MONITORAGGIO E CONTROLLO

Dettagli

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES

CONVEGNO/WORKSHOP. l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES CONVEGNO/WORKSHOP l PATTO dei SINDACI per le SMART CITIES 1 Il territorio Il Comune di Scandicci si estende su un territorio di 59,75 km 2. Il 29% del territorio è caratterizzato dalla presenza di aree

Dettagli

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES

Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES Comune di Castello d Argile Immagina il tuo PAES(e) Elabora il nostro PAES FORUM PARTECIPATO ALL ELABORAZIONE DEL PAES Primo incontro sabato 1 febbraio Costituzione del Forum della popolazione e degli

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli