INTERBANCA Codice ISIN IT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478"

Transcript

1 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR , emesso al prezzo di 95/100 il 28/04/2006 da Inerbanca S.p.A., (l Emiene ) è cosiuio da massimo n obbligazioni da nominali EUR Ar. 2 - DURATA Il presio ha duraa di 5 anni e perano sarà rimborsao inegralmene il 28/04/2011. Ar. 3 - INTERESSI Le obbligazioni frueranno ineressi pagabili in unica soluzione alla scadenza il 28/04/2011 (Following Unadjused) e calcolai secondo la seguene formula: Indice 100 T I = 1000 Euro * Max 0%;100% 100 dove: Indice T è pari al valore dell Indice (come di seguio descrio) calcolao il Alla Daa di Emissione il valore dell indice è pari a 95. Il Valore dell indice può essere visualizzao alla relaiva pagina Reuers: 0#TLXFDLINK=TLIT e mensilmene sul quoidiano a pubblicazione nazionale Milano Finanza nelle pagine economicofinanziarie. Il rendimeno del presio varia in relazione all andameno dell Indice di Riferimeno durane la via del iolo, con un minimo risulane dalla differenza ra prezzo d emissione e prezzo di rimborso pari all 1.03% nominale annuo lordo (0.90% nominale annuo neo). Ar. 4 COMPOSIZNE DELL INDICE. L Indice riflee una media ponderaa del valore di un porafoglio composo di Invesimeni Aivi, Invesimeni Cash e di un Obbligazione Teorica, il cui peso relaivo viene modificao ogni giorno, in base a quano prescrio dalla procedura di ribilanciameno giornaliera. La procedura di ribilanciameno giornaliera è esa alla proezione del capiale inizialmene invesio. L Indice è denominao in Euro e viene arroondao alla seconda cifra decimale. Alla Daa di Emissione, il peso percenuale iniziale degli Invesimeni Aivi è poso pari a 24%, il peso percenuale iniziale degli Invesimeni Cash è poso pari a 76% ed il peso dell Obbligazione Teorica è pari a 0. La percenuale massima del valore del porafoglio che porà essere invesia in Invesimeni Aivi è pari a 100%. Gli Invesimeni Aivi coincidono con un paniere composo dai segueni fondi Pioneer. I NAV dei fondi sono espressi in Euro. Alla Daa di Emissione, a ciascun fondo è assegnao un peso pari alla seguene percenuale del oale degli Invesimeni Aivi: Socieà di Gesione Fondo ISIN Peso (%) Range (%) Pioneer Inernaional Bond E LU % 20% - 40% Pioneer Core European Equiy E LU % 30% - 50%

2 Pioneer Japanese Equiy E LU % 0% - 10% Pioneer Ialian Equiy E LU % 10% - 30% Pioneer US Research E LU % 0% - 10% Il peso di ciascun fondo è arroondao alla quara cifra decimale. Con cadenza rimesrale (il 28 dei mesi di luglio, oobre, gennaio e aprile di ogni anno di duraa del presio) viene effeuaa una verifica dei pesi corrispondeni a ciascun fondo. Se una delle dae di verifica cade in un giorno in cui il NAV di almeno un Fondo non viene pubblicao, la verifica viene effeuaa, secondo la convenzione Following, il primo giorno in cui siano disponibili ui i NAV dei fondi. Se il peso di almeno un fondo apparenene al baske degli Invesimeni Aivi ha un peso uguale o minore del limie inferiore ovvero uguale o maggiore del limie superiore del Range, allora viene effeuao un ribilanciameno del peso di ui i fondi ale da riassegnare a ogni fondo il suo Peso Iniziale. A iolo esemplificaivo, è sufficiene che il fondo Pioneer Inernaional Bond abbia un peso uguale o superiore al 40%, ovvero uguale o inferiore al 20%, perché l Agene di Calcolo effeui il ribilanciameno. Gli Invesimeni Cash coincidono con un paniere composo dai segueni fondi Pioneer. I NAV dei fondi sono espressi in Euro. Alla Daa di Emissione, a ciascun fondo è assegnao un peso pari alla seguene percenuale del oale degli Invesimeni Cash: Socieà di Gesione Fondo ISIN Peso (%) Pioneer Euro Shor-Term E LU % Pioneer Euro Bond E LU % Il peso di ciascun fondo è arroondao alla quara cifra decimale. I Fondi sono armonizzai auorizzai alla disribuzione in Ialia. Il valore delle quoe verrà rilevao presso la socieà di gesione dei Fondi e sarà quello risulane dal prospeo di calcolo del valore del fondo relaivo al giorno di riferimeno delle rilevazioni. Il peso relaivo di ciascun fondo conenuo all inerno del paniere degli Invesimeni Cash verrà modificao dall Agene di Calcolo in accordo con le segueni regole: Dae di variazione Nuovo peso relaivo del Nuovo peso relaivo del Fondo Euro Shor Term Fondo Euro Bond % 75% % 50% % 25% % 0% Non avverrà alcun uleriore ribilanciameno del peso relaivo dei due fondi fino alla successiva daa di variazione. L Obbligazione Teorica è un obbligazione zero coupon con daa di scadenza pari a quella del presio obbligazionario. Si veda il paragrafo Procedura di Ribilanciameno. Il Valore dell indice può essere visualizzao alla relaiva pagina Reuers: 0#TLXFDLINK=TLIT e mensilmene sul quoidiano a pubblicazione nazionale Milano Finanza nelle pagine economicofinanziarie. Ar. 5 - CALCOLO DELL INDICE Il valore dell Indice è pari alla somma degli Invesimeni Aivi (), degli Invesimeni Cash (IC) e dell Obbligazione Teorica (), come riporao dalla formula seguene: (1) I = + IC + Gli invesimeni Aivi e Cash sono rispeivamene deerminai applicando la meodologia di seguio riporaa.

3 Il valore degli Invesimeni Aivi è calcolao dall Agene per il Calcolo applicando la seguene formula: (2) = P Q dove P indica il valore di ciascuna unià di invesimeni Aivi, Q la quanià degli invesimeni Aivi conenui nell indice. Il prezzo uniario degli Invesimeni Aivi è deerminao secondo la seguene formula: 3) P = wi 5 i= 1, NAV i, Dove - NAV i, è l ulimo valore del NAV disponibile per l Agene per il Calcolo nel momeno in cui viene effeuaa la procedura di ribilanciameno - w i, è il numero di quoe del fondo i il giorno conenue nel baske degli Invesimeni Aivi. Il valore degli Invesimeni Cash è calcolao dall Agene per il Calcolo con una procedura analoga a quella applicaa per gli Invesimeni Aivi. Il valore dell Obbligazione Teorica è deerminao dall Agene per il Calcolo applicando la seguene formula: (4) = P Q dove P indica il valore di ciascuna unià di Obbligazione Teorica, dell Obbligazione Teorica conenua nell Indice. Q la quanià Il valore dell Obbligazione Teorica è deerminao (in conformià alle prassi finanziarie acceae) considerando il valore medio denaro-leera delle quoazioni di mercao dei assi swap in Euro per scadenza equivalene alla via del Presio Obbligazionario, così come rilevae dalle principali foni informaive dei mercai finanziari. Nel caso in cui la composizione dell Indice sia ineramene allocaa (100%) sull Obbligazione Teorica, il peso degli Invesimeni Aivi e Cash non porà più essere superiore a zero. Ar. 6 - PROCEDURA DI RIBILANCMENTO DELL INDICE La Procedura di Ribilanciameno viene effeuaa dall Agene per il Calcolo giornalmene. Può comporare una ridefinizione della composizione dell Indice e perano della sua allocazione nel paniere degli Invesimeni Aivi, degli Invesimeni Cash e nell Obbligazione Teorica. Prevede i segueni puni: Puno 1 Viene deerminao il valore giornaliero dell indice applicando la meodologia descria al puno Calcolo dell Indice. Puno 2 Viene deerminao il valore della variabile Dela, espressa in percenuale, applicando la seguene formula: Dela = I L min dove Lmin indica il valore di un obbligazione eorica che consena il rimborso del capiale alla scadenza del presio, nonché il pagameno di una cedola pari a 1,10% per i 5 anni di duraa dell obbligazione.

4 Puno 3 Si calcola l Indice di Ribilanciameno (IR) applicando la formula seguene: Dela IR = A I E A dove E indica la percenuale degli Invesimeni Aivi (come definia nel puno puno 4. riporao di seguio). Puno 4 Viene modificao il peso degli Invesimeni Aivi all inerno dell Indice se almeno una delle condizioni a) e b) soo riporae è soddisfaa. Alrimeni la Procedura di Ribilanciameno giornaliera ha ermine. Condizione a): se il giorno lavoraivo il valore dell Indice di Ribilanciameno è inferiore o uguale a 22,50%; Condizione b): se nei 3 giorni lavoraivi consecuivi, -1 e -2 il valore dell Indice di Ribilanciameno è sao superiore o uguale a 32,50%. Se almeno una delle condizioni riporae al Puno 4 è soddisfaa, la nuova percenuale di Invesimeni Aivi viene deerminaa applicando la seguene formula: A Dela M E = I dove M è pari a 3,64 La quanià di quoe di ciascun fondo inseria o eliminaa dall Indice viene sabilia dall Agene per il Calcolo in base al valore NAV + e manenendo invariao il valore dell Indice. NAV + indica il primo valore del NAV al quale possono essere negoziae le quoe del fondo, immediaamene dopo il ermine della Procedura di Ribilanciameno. Una diminuzione del peso degli Invesimeni Aivi viene compensaa con un aumeno del peso degli Invesimeni Cash e/o Obbligazione Teorica in accordo con quano sabilio al Puno 5. Puno 5 L allocazione dell Indice nelle due componeni Invesimeni Cash e Obbligazione Teorica viene effeuaa secondo la seguene procedura: a) Dela > 2% In queso caso, il peso assegnao all Obbligazione Teorica è pari a zero. b) 1% Dela 2% < c) Dela 1% In queso caso, il peso relaivo del paniere degli Invesimeni Cash è equamene ridisribuio nel paniere sesso e nell Obbligazione Teorica. Per uo il periodo in cui la condizione rimarrà soddisfaa non verrà effeuao alcun uleriore ribilanciameno dei pesi relaivi del paniere degli Invesimeni Cash e dell Obbligazione Teorica. In queso caso, gli Invesimeni Cash vengono eliminai dall Indice ed il loro peso relaivo viene aribuio ineramene all Obbligazione Teorica. Il passaggio da una condizione alla successiva è definiivo. Più precisamene, se dovesse realizzarsi un passaggio dalla condizione a) alla condizione c), non sarà più possibile allocare i pesi relaivi degli Invesimeni Cash e dell Obbligazione Teorica secondo quano previso dalla condizione a) o dalla condizione b). Puno 6 Gli incremeni dell Obbligazione Teorica saranno deerminai considerando il asso leera delle quoazioni di mercao dei assi swap in Euro per una scadenza equivalene alla via residua dell obbligazione oggeo del Presio e enuo cono dell evenuale coupon annuo previso dall obbligazione eorica.

5 Le diminuzioni dell Obbligazione Teorica saranno calcolae considerando il asso denaro delle quoazioni di mercao dei assi swap in Euro per una scadenza equivalene alla via residua dell obbligazione oggeo del Presio e enuo cono dell evenuale coupon annuo previso dall obbligazione eorica. Le quoazioni di mercao dei assi swap sono deerminae sulla base della Curva di Riferimeno, alla quale viene applicao lo spread denaro/leera prevalene sul mercao nel momeno in cui viene effeuaa la Procedura di Ribilanciameno. La Curva di Riferimeno è oenua su base giornaliera applicando meodologie di valuazione finanziaria ese a rielaborare le informazioni sui assi di ineresse uilizzando i riferimeni dai dai segueni srumeni finanziari: Breve ermine: assi money marke Medio ermine: prezzi dei conrai fuures sul asso EURIBOR Lungo ermine: assi swap prevaleni sul mercao inerbancario Procedura di ribilanciameno sraordinaria Al verificarsi di deerminae condizioni di mercao, l Agene di Calcolo ha facolà di eseguire una procedura di ribilanciameno sraordinaria, secondo i ermini descrii nell aricolo Eveni sraordinari e di urbaiva inereni l Indice del presene Regolameno. Commissioni di ribilanciameno Dal valore dell Indice sarà dedoa su base giornaliera una commissione pari all 1,10% annuo. Il raeo giornaliero è calcolao uilizzando la convenzione Ac/360. Ar. 7 - EVENTI DI TURBATIVA DI MERCATO Il ermine Eveno di Turbaiva di Mercao indica, con riferimeno all Indice: (i) ogni circosanza in cui, in relazione a uno o più fondi fra quelli che compongono l Indice, si verifichi una sospensione nel calcolo del valore della quoa (NAV); (ii) il verificarsi di circosanze sraordinarie, quali a ioli indicaivo eveni di naura poliica, finanziaria, economica, valuaria, normaiva, ali da incidere sulla rappresenaivià dei valori dell Indice. Nel caso in cui alla Daa di Godimeno o in una delle Dae di Rilevazione, a giudizio dell Agene di Calcolo, si verifichi un Eveno di Turbaiva di Mercao, ale Daa di Rilevazione verrà posicipaa al primo Giorno Lavoraivo successivo in cui ale eveno sia cessao. Tale Daa di Rilevazione in nessun caso può essere posicipaa olre il quino Giorno Lavoraivo successivo alla Daa di Rilevazione originariamene sabilia. Nel caso in cui l'eveno di Turbaiva persisa in ale quino Giorno Lavoraivo successivo alla daa di Rilevazione originaria, l'agene dil Calcolo provvederà a deerminare il valore dell'indice, secondo il proprio equo apprezzameno, e comunque enendo cono dei valori più receni rilevai per l'indice, nonché dell'impao prodoo dall'eveno di Turbaiva medesimo sui valori degli srumeni finanziari che compongono l'indice. Ar. 8 - EVENTI STRAORDINARI RELATIVI AI FONDI CHE COMPONGONO L INDICE Per Eveno Sraordinario s inende il verificarsi di circosanze ali da modificare le caraerisiche e/o la naura del/dei fondi che ne sono oggeo. A iolo indicaivo, e comunque non esausivo, possono cosiuire un Eveno Sraordinario: Variazioni del regolameno del fondo e/o delle relaive caraerisiche o finalià; Modifica delle commissioni relaive alle operazioni di riscao o sooscrizione delle quoe del fondo ovvero al calcolo del relaivo valore uniario della quoa; Liquidazione del fondo o riiro di auorizzazione o di regisrazione da pare del relaivo organismo di regolamenazione; Fusione o incorporazione del fondo con un alro; Insolvenza, liquidazione, fallimeno o analoghe procedure relaive al fondo o alla socieà incaricaa della gesione. Nel caso in cui uno o più fondi siano oggeo di un Eveno Sraordinario, l Agene di Calcolo a suo insindacabile giudizio apporerà all Indice le modifiche e gli aggiusameni rienui necessari in conformià alla prassi di mercao, in relazione alle caraerisiche dell Eveno Sraordinario. Ar. 9 - AMMORTAMENTO E RIMBORSO

6 Le obbligazioni saranno rimborsae in unica soluzione alla daa del 28/04/2011 al valore nominale e senza deduzione di spese, fao salvo quano disposo al successivo Ar. 10. A parire da ale daa le obbligazioni cesseranno di essere fruifere. Ar REGIME FISCALE Agli ineressi, premi ed alri frui delle obbligazioni si applica l imposa sosiuiva delle impose sui reddii nella misura del 12,50% nelle ipoesi e con le modalià previse dal D.Lgs 01/04/1996 n. 239 e da ogni evenuale successiva disposizione in maeria. Alle plusvalenze, diverse da quelle conseguie nell esercizio di imprese commerciali, realizzae mediane cessione a iolo oneroso ovvero rimborso delle obbligazioni, si applica l imposa sosiuiva delle impose sui reddii nella misura del 12,50% nelle ipoesi e con le modalià previse dagli ar. 81 ed 82 del DPR 22/12/1986 n. 917, così come modificao dal D.Lgs 21/11/1997 n. 461 e da ogni evenuale successiva disposizione in maeria. Ar SERVIZ DEL PRESTITO Il presene presio verrà accenrao presso la Mone Tioli S.p.A. ed assoggeao al regime della demaerializzazione di cui al D.Lgs 24 Giugno 1998 n. 213 ed alla delibera Consob n del 23/12/1998. Il rimborso delle obbligazioni ed il pagameno degli ineressi e dei premi avverranno a cura dell Emiene presso lo sesso ovvero per il ramie di Inermediari adereni al sisema di gesione accenraa Mone Tioli S.p.A. Ar TERMINI DI PRESCRIZNE I dirii degli obbligazionisi si prescrivono, per quano concerne gli ineressi, dopo 5 anni dalla daa di scadenza delle cedole e, per quano riguarda il capiale, decorsi 10 anni dalla daa in cui le obbligazioni sono divenue rimborsabili. Ar MERCATI DI NEGOZZNE È previsa la Negoziazione presso il sisema di Scambi Organizzai Euro TLX. EuroTLX è gesio da TLX S.p.A., socieà aualmene conrollaa da UniCredi Banca Mobiliare S.p.A, apparenene al Gruppo Bancario UniCredi. Ar VARIE Tue le comunicazioni dell Emiene agli obbligazionisi saranno effeuae mediane affissione nei locali dell Emiene aperi al pubblico. Nel caso di quoazione delle obbligazioni, le comunicazioni saranno effeuae mediane avviso pubblicao su Il Sole - 24 Ore o alro quoidiano economico a diffusione nazionale. La iolarià delle obbligazioni compora la piena acceazione di ue le condizioni del presene regolameno. A ale fine deo regolameno sarà deposiao presso la Sede Legale dell Emiene. Inerbanca è aderene al Fondo Inerbancario di Tuela dei Deposii; ai sensi dello Sauo del Fondo, il presene iolo non è copero dalla garanzia dello sesso. Ar. 15 AGENTE PER IL CALCOLO Unicredi Banca Mobiliare S.p.A. opererà quale Agene per il Calcolo ai fini dei precedeni Ar. 3, 4, 5, 6, 7 e 8. Ar LEGGE REGOLATRICE E FORO COMPETENTE L emissione è regolaa dalla Legge ialiana. Per qualsiasi conroversia sarà compeene il Foro di residenza o domicilio eleivo dell obbligazionisa.

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Dexia Crediop S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA «DEXIA CREDIOP S.P.A. OBBLIGAZIONI CONSTANT PROPORTION PORTFOLIO INSURANCE (CPPI)» Presio Obbligazionario «Dexia Crediop Callable

Dettagli

Buono Fruttifero Postale P70

Buono Fruttifero Postale P70 Foglio Informaivo delle principali caraerisiche dei Buoni Fruiferi Posali e Regolameno del presio Pare I - Informazioni sull'emiene e sul Collocaore Emiene: Cassa deposii e presii socieà per azioni (di

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

Appunti di Matematica e tecnica finanziaria. Ettore Cuni, Luca Ghezzi

Appunti di Matematica e tecnica finanziaria. Ettore Cuni, Luca Ghezzi Appuni di Maemaica e ecnica finanziaria Eore Cuni, Luca Ghezzi Universià Carlo Caaneo LIUC Casellanza 2010 Universià Carlo Caaneo LIUC C.so Maeoi, 22-21053 Casellanza (VA) Tel. +39-0331-572.1 www.liuc.i

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

Provincia di Treviso

Provincia di Treviso Treviso, 21 dicembre 2004 OGGETTO: Gesione rifiui urbani e assimilai Servizio pubblico inegraivo di gesione rifiui speciali Adempimeni relaivi alla compilazione di formulari di idenificazione, regisri

Dettagli

Esercizi di Matematica Finanziaria

Esercizi di Matematica Finanziaria Esercizi di Maemaica Finanziaria Copyrigh SDA Bocconi Faori nanziari Classi care e rappresenare gra camene i segueni faori nanziari per : (a) = + ; 8 (b) = ( + ; ) (c) = (d) () = ; (e) () = ( + ; ) (f)

Dettagli

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DI IMPIANTI SPORTIVI DELLA PROVINCIA DI PISA IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO Aricolo 1 Scela del conraene La Provincia di Pisa inende procedere all espleameno

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE

INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO E CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DCO 29/11 CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELLE TARIFFE PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PER IL PERIODO 20 2015 INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROCEDIMENTO

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

UNITà E. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 3 ESERCIZIO. La contabilità generale: le operazioni d esercizio 1/11

UNITà E. Biblioteca di Telepass + 2 biennio TOMO 3 ESERCIZIO. La contabilità generale: le operazioni d esercizio 1/11 Biblioeca di Telepass + 2 biennio TOMO 3 UNITà E La conabilià generale: le operazioni d esercizio Cosiuzione di azienda, acquisi e vendie: scriure in P.D. Tuorial ESERCIZIO In daa 27 marzo 20.. il signor

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

VERSO STANDARD CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE ASSICURAZIONI VITA. ASPETTI ATTUARIALI

VERSO STANDARD CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE ASSICURAZIONI VITA. ASPETTI ATTUARIALI UNIVERSIA DEGLI SUDI DI RIESE FACOLA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE SAISICHE ED AUARIALI ESI DI LAUREA IN MAEMAICA AUARIALE VERSO SANDARD CONABILI INERNAZIONALI PER LE ASSICURAZIONI VIA. ASPEI

Dettagli

Il Project Financing - Aspet t i finanziari

Il Project Financing - Aspet t i finanziari Parenariao Pubblico Privao Le modalià di coinvolgimeno dei capiali privai nel seore pubblico e gli srumeni finanziari di invesimeno Il Projec Financing - Aspe i finanziari Roma, 21 Febbraio 2006 Gabriele

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. DEXIA-CREDIOP S.p.A. fino ad Euro 20.000.000 CMS Linked Notes due 12.10.2015",

REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO. DEXIA-CREDIOP S.p.A. fino ad Euro 20.000.000 CMS Linked Notes due 12.10.2015, REGOLAMENTO del PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO STRUTTURATO DEXIA-CREDIOP S.p.A. fino ad Euro 20.000.000 CMS Linked Notes due 2.0.205", Cod. ISIN IT0003927644 - Serie: 60. Denominazione

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE ED ECONOMICHE TESI DI LAUREA Valuazione di opzioni europee in presenza di eeroschedasicià condizionale

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valuazione e Analisi di Obbligazioni (31 puni) Lei lavora per il diparimeno Invesimeni Obbligazionari di una compagnia di assicurazioni sulla via e ha preparao la Tabella 1 dei rendimeni obbligazionari

Dettagli

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico.

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico. LA POLITICA FISCALE Poliica fiscale: l insieme delle misure messe in ao dal policy-maker concerneni le enrae e le spese del seore pubblico. Sruura: - alcune definizioni isiuzionali; - il modus operandi

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

Finanza pubblica in Italia

Finanza pubblica in Italia Finanza pubblica in Ialia Aggregazioni di eni pubblici Nelle saisiche e nei documeni ufficiali di poliica economica si fa riferimeno a deerminae aggregazioni di eni pubblici. Tali aggregazioni possono

Dettagli

165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap

165. Considerazioni sulla valutazione di un interest rate swap 165. Considerazioni sulla valuazione di un ineres rae swap Gabriella D Agosino, Anonio Guglielmi gabriella.dagosino@unisaleno.i; anonio.guglielmi@isruzione.i Absrac The aim of his paper is o pren an inroducory

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

COMUNE DI BOSA AREA AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI

COMUNE DI BOSA AREA AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI COMUNE DI BOSA AREA AFFARI GENERALI E ISTITUZIONALI Ufficio Affari Generali Procedimeno/iniziaiva Accesso documeni amminisraivi di compeenza Traameno della corrispondenza in ingresso e uscia Pubblicazione

Dettagli

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti Prof. R.R. Cerciara La Riassicurazione Prof. Cerciara Rocco Robero email: rocco.cerciara@unical.i Maeriale e Riferimeni 1. Lucidi disribuii in aula. Daboni, pagg. 13-17 e 137-148 (Leggere Riassicurazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facolà di Scienze Saisiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA RELAZIONE FINALE: INFLUENZA DI ALCUNI CARATTERI SOCIOECONOMICI NELLE SCELTE DI PORTAFOGLIO

Dettagli

Appunti delle lezioni di istituzioni di matematica attuariale per le assicurazioni sulla vita

Appunti delle lezioni di istituzioni di matematica attuariale per le assicurazioni sulla vita Appuni delle lezioni di isiuzioni di maemaica auariale per le assicurazioni sulla via Claudio Pacai anno accademico 2005 06 Indice 1 Le operazioni di assicurazione e la eoria dell uilià 1 1.1 L operazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE

SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE SISTEMA INTEGRATO DI IMBRAGATURA A CATENA PER AGGANCIARE, ACCORCIARE, SOLLEVARE Isruzioni e manuenzione nuovo grado +, con poraa maggioraa del 5% rispeo al radizionale grado ; allungameno minimo a roura

Dettagli

PROGRAMMA CERTIFICATES BNL

PROGRAMMA CERTIFICATES BNL PROGRAMMA CERTIFICATES BNL NOTA INTEGRATIVA - PROGRAMMA concernene l ammissibilià alla quoazione ufficiale di Borsa dei CERTIFICATES SUGLI INDICI SINTETICI BNL EURO TOP3 e BNL GARP INDEX deposiaa presso

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Assicurazione vacanze e viaggi

Assicurazione vacanze e viaggi Degna di fiducia Assicurazione vacanze e viaggi Ben assicurai all esero La prudenza non è mai roppa. Soprauo durane le vacanze all esero. La CONCORDIA vi accompagna dovunque. Affinché possiae girare il

Dettagli

Metodi stocastici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider trading

Metodi stocastici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider trading Approfondimeni l Regulaion Meodi socasici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider rading Marcello Minenna presena un modello probabilisico per l individuazione di possibili fenomeni

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE I EDIMETI LE SEIE STOICHE FIAZIAIE Aivià finanziarie Azioni es. Capialia, Mediase,... Tioli di sao BOT, BT, Tassi di cambio Euro/Dollaro, Euro/Serlina, Indici di Borsa S&/MIB, CAC4, ETF Tassi di ineresse

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 INDICE INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 1.1 INTRODUZIONE...4 1.2 LA DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75

FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75 INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 3 STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI D INTERESSE... 5 1.1 NOZIONI GENERALI... 5 LE FORME DELLA CURVA DEI RENDIMENTI... 7 CASISTICA E METODOLOGIA... 11 2.1 LETTERATURA... 11

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

Zero Coupon 85.6% Componente derivativa 11.4% Commissioni 3%

Zero Coupon 85.6% Componente derivativa 11.4% Commissioni 3% Prestito obbligazionario strutturato Dexia Crediop SpA Growth & Income 29.06.2013 Di nominali Fino ad Euro 50.000.000 Codice ISIN IT0003853337 Serie: 38 Emissione L emissione Dexia Crediop SpA Growth &

Dettagli

REGIMI FINANZIARI USUALI: Interessi semplici Interessi composti Interessi anticipati. Giulio Diale

REGIMI FINANZIARI USUALI: Interessi semplici Interessi composti Interessi anticipati. Giulio Diale REGIMI FINANZIARI USUALI: Ineressi seplici Ineressi coposi Ineressi anicipai Giulio Diale INTERESSI SEMPLICI I C L ineresse è proporzionale al capiale e alla duraa dell ipiego I = C i Denoinazioni di i:

Dettagli

L indotto del Giubileo Straordinario della Misericordia Analisi di impatto economico

L indotto del Giubileo Straordinario della Misericordia Analisi di impatto economico L indoo del Giubileo Sraordinario della Misericordia Analisi di impao economico Roma, 13 luglio 2015 Team di ricerca: Prof. Giuseppe Ciccarone (Sapienza Universià di Roma) Prof. Giovanni Di Barolomeo (Sapienza

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

CUT\ DI POMPEI. Oggetto:server dedicato per anno 2015. funzionamento del sito Internet istituzionale CIG. impegno contabile ZOE12B7OD2.

CUT\ DI POMPEI. Oggetto:server dedicato per anno 2015. funzionamento del sito Internet istituzionale CIG. impegno contabile ZOE12B7OD2. Affari le 1 CUT\ D POMPE Parimonio dell \ \R mania - (iia d are Fina ziari DETERMNAZONE DEL DRGENTE Seore Generali e Finanziari Proposa di deerminazione del Dirigene pro. del Capiolo n, bilancio Oggeo:server

Dettagli

6 Profili in parete sottile

6 Profili in parete sottile 6 Profili in paree soile 6. Inroduzione Una percenuale non rascuraile in peso della produzione di componeni sruurali di acciaio riguarda i profili in paree soile, ossia profili in classe (profili snelli)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTA' DI ECONOMIA DOTTORATO DI RICERCA IN BANCA E FINANZA CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO XXII LA CRISI DEI MUTUI SUBPRIME: ANALISI DEGLI EFFETTI SUI RENDIMENTI

Dettagli

Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it)

Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it) Universià Poliecnica delle Marche Diparimeno di Economia Corso di Economia Monearia Inernazionale Il crollo dei regimi di cambio fisso (Do. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.i) Dopo il crollo

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2

Soluzione degli esercizi del Capitolo 2 Sisemi di auomazione indusriale - C. Boniveno, L. Genili, A. Paoli 1 degli esercizi del Capiolo 2 dell Esercizio E2.1 Il faore di uilizzazione per i processi in esame è U = 8 16 + 12 48 + 6 24 = 1. L algorimo

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario ABAXBANK DAB 1/3/2002-1/3/2007 indicizzato all andamento dell Indice FIDELITY SECTOR

Regolamento del Prestito Obbligazionario ABAXBANK DAB 1/3/2002-1/3/2007 indicizzato all andamento dell Indice FIDELITY SECTOR Regolamento del Prestito Obbligazionario ABAXBANK DAB 1/3/2002-1/3/2007 indicizzato all andamento dell ndice FDELTY SECTOR Codice isin T 000 323 694 7 Articolo 1 mporto e titoli l presente prestito del

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W:

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W: Il Monearismo Il mercao del lavoro secondo i monearisi Conrai a breve ermine si aggiusano velocemene I): informazione perfea: lavoraori e imprese conoscono e W: W i prezzi : da a = 2 W - domanda: da a

Dettagli

L ambiente prima di tutto

L ambiente prima di tutto ambiene prima di uo CATAOGO AMPAE ambiene prima di uo a ireiva Europea (2005/32/CE) viea da Seembre 2009 la prima iissione sul mercao di lampade ad elevao consumo energeico per uso domesico. a decisione

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra

REGIONE LIGURIA Piano di risanamento e tutela della qualità dell aria e per la riduzione dei gas serra Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra REGIONE LIGURIA Piano di risanameno e uela della qualià dell aria e per la riduzione dei gas serra 1 Piano di risanameno

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano WORKING PAPER n.0.07 Seembre 00 Un modello economerico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercao azionario ialiano R. Casarin a,b P. Guderzo c a. Universià Ca Foscari, Venezia. b. GRETA, Venezia.

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA STIMA DELLA VOLATILITA NEI MERCATI FINANZIARI CON DATI INFRA-GIORNALIERI: ALCUNI CONFRONTI

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli