Simulazioni di interazioni di particelle e nuclei con la materia e loro applicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulazioni di interazioni di particelle e nuclei con la materia e loro applicazioni"

Transcript

1 Simulazioni di interazioni di particelle e nuclei con la materia e loro applicazioni in ricerca di base ed applicata G.Battistoni INFN, Sezione di Milano 26 Ottobre 2004 Roma 1

2 Outline L interazione particelle-materia Il metodo Monte Carlo per trasporto e interazione di particelle concetti significato matematico struttura e contenuto modo di impiego limiti del metodo Rassegna di alcuni codici in uso Esempi di applicazione in ricerca di base fisica agli acceleratori, fisica passiva e raggi cosmici Esempi di uso dei MC di trasporto ed interazione in fisica applicata radioprotezione, radiobiologia, fisica medica Alcune considerazioni su fisica e informatica Conclusioni 26 Ottobre 2004 Roma 1 2

3 Eventi di interazione di particelle nella materia (Rivelatore ad Argon Liquido ICARUS, 2001) 25 cm Sciame e.m. e cm 434 cm 265 cm 85 cm Decadimento m + Æe + n e n m Interazione adronica 142 cm 26 Ottobre 2004 Roma 1 3

4 Propagazione e interazione di particelle (e nuclei) nella materia A livello classico/deterministico: traiettorie in regioni di spazio dove sono definiti campi classici (magnetici/elettrici): es.: deflessione in campo magnetico Processo stocatisco a livello microscopico : differenti processi con differenti distribuzioni di probabilita Interazioni e.m. (QED): ionizzazione/eccitazione atomi (de/dx) scattering coulombiano bremsstrahlung produzione di coppie effetto compton effetto fotoelettrico... Loro dipendenza dai parametri atomici 26 Ottobre 2004 Roma 1 4

5 Interazioni deboli: decadimenti La fisica meno facile... interazione n-nucleo, n-elettrone Interazioni forti (adroniche/nucleari): produzione di particelle in urti inelastici e diffrattivi adrone-adrone, adrone- nucleo scattering elastico frammentazione nuclei proiettile e bersaglio eccitazione/diseccitazione nuclei alcuni decadimenti effetti nucleari che modificano altri tipi di interazione (esempio: n-nucleo) Non potendo la QCD perturbativa trattare la gran parte di questi processi,, la loro modellizzazione fenomenologica: 1) e e tuttora oggetto di ricerca 2) e e soggetta ad errore sistematico (importante) 26 Ottobre 2004 Roma 1 5

6 Necessita di una modellizzazione numerica di questo tipo di processi Comprensione dei fenomeni stessi (vedi il caso delle interazioni nucleari) Analisi dati di un esperimento Capacita progettuale: disegno di un nuovo esperimento/situazione spesso in condizioni dove non esistono ancora dati sperimentali utilizzabili _ estrapolazione (esempio: fisica ad una macchina acceleratrice mai costruita prima con energia mai raggiunta prima) applicazioni dove puo essere importante calcolare (es.: un deposito di energia) una previsione con un livello di dettaglio (fisica medica) rispetto ad un calcolo semplificato di tipo analitico 26 Ottobre 2004 Roma 1 6

7 building blocks Cosa vuol dire modellizzare numericamente Conoscere le sezioni d urto totali (Æcammini liberi medi) Conoscere le sezioni d urto differenziali e saperle utilizzare in termini di distribuzioni di probabilita` Valutare il grado di approssimazione necessario (per quale range di energia,, per quali situazioni al contorno?) Esempio: implementazione effetto LPM in bremsstrahlung Costruire algoritmi efficienti di trasporto che tengano conto correttamente (es.: leggi di conservazione) dei building blocks e delle loro correlazioni 26 Ottobre 2004 Roma 1 7

8 Metodo Monte Carlo Si parte dai numeri pseudo-random generati secondo opportuni algoritmi (fra i migliori: quelli di Marsaglia): sequenza di numeri x uniformemente distribuiti fra 0 e 1 (in genere 1 non e e incluso.. Se serve il contrario: x =1- x) x Uniforme e random sono concetti indipendenti. Talvolta e piu importante l uniformita (se le correlazioni sono sotto controllo ad un basso livello!) Teoremi e tecniche di vario genere permettono di campionare una distribuzione di probabilita a partire da x I primi Monte Carlo furono introdotti come strumento per il calcolo di reattori (Fermi, Ulam,, Von Neumann): fisica nucleare delle basse energie semplici: solo neutroni e gamma (E<20 MeV), 7 coor. spazio-fasi x 2 particelle) le particelle neutre vanno in linea retta! quasi solo calcolo di quantita medie 26 Ottobre 2004 Roma 1 8

9 Monte Carlo per le alte energie Iniziati all origine per problemi di schermature su acceleratori,, poi per dosimetria e-g. La loro complessita e cresciuta nel tempo grazie allo sviluppo dei mezzi di calcolo e hanno influito anche sullo sviluppo dei codici per bassa energia. Servono molte piu particelle molte variabili nello spazio fasi! range di energia molto estesi collisioni con produzione di molte particelle Tracciamento piu difficile de/dx e sue fluttuazioni,, scattering coulombiano, campi magnetici, effetti di step, geometrie complesse Ottobre 2004 Roma 1 9

10 Equivalenza matematica del trasporto con Monte Carlo Dal punto di vista fisico matematico tutti i calcoli di trasporto di particelle sono un tentativo di risolvere l eq. di Boltzmann E una eq. che descrive il bilancio nello spazio delle fasi: : in ogni punto l incremento della densita di particelle e uguale alla somma di tutti i termini di produzione meno quelli di distruzione Produzione: sorgenti, produzione di particelle, decadimenti,,... Distruzione: assorbimento, decadimento, fuoriuscita... Soluzioni di tipo diverso: medie su diverse regioni di spazio fasi, insieme di diversi punti dello spazio fasi, proiezioni su diverse ipersuperfici dello spazio fasi, stazionarie o dipendenti dal tempo Stopping Esempio analitico uni-dimensionale power scattering sorgente Lungh. di decadimento sez, d urto ass. macroscopica 26 Ottobre 2004 Roma 1 10

11 Il metodo Monte Carlo dal punto di vista di un fisico Spesso si dice che il Monte Carlo e e un esperimento matematico. Un MC permette anche esperimenti impossibili selezionare effetti fisici da spegnere utilizzare dei materiali perfettamente assorbenti ecc. L equivalente del risultato finale (l analogo( della misura reale) ) e e un estimatore Come una qualsiasi misura sperimentale e soggetto ad errore statistico e sistematico Le quantita misurate (stimate) possono essere di diversa natura,, ma sono tutte funzioni dello spazio delle fasi Cosi come spesso ci sono diverse tecniche per misurare la stessa quantita fisica, cosi esistono differenti tipi di estimatori per calcolare la stessa quantita I MC non possono simulare una fisica migliore di quella che e stata programmata!! 26 Ottobre 2004 Roma 1 11

12 Ma esistono mondi diversi... In campi come la fisica delle particelle o la fisica medica, si tende a pensare il MC in termini di simulazione: piu che ai valori medi si guarda al singolo evento e/o anche alle correlazioni all interno del singolo evento In altri (es.: per l ingegneria nucleare) ) e e piu visto come un metodo per integrare l eq. di Boltzmann: valore di aspettazione di un numero finito di quantita (integrazione nello spazio delle fasi) Si vorrebbe modellizzare l effetto di tutti i dettagli ( le viti ) serve davvero? 26 Ottobre 2004 Roma 1 12

13 Elementi e struttura di un codice MC Modulo di Input: sorgente,, layout della GEOMETRIA, materiali, settaggi (cutoff energetici), livelli di accuratezza, numero di eventi, inizializzazione random, ecc. Il concetto di Stack banca (in genere dinamica) ) per lo storage delle particelle (tutte le coordinate dello spazio fasi richieste+eventuali flags dell utente utente) Database di fisica files sezioni d urto e altre look-up tables necessarie Modulo di trasporto e gestione della geometria: per ogni particella tutti gli steps dalla nascita alla morte : movimento nello spazio delle fasi, collisioni, chiamate al generatore di fisica, gestione delle frontiere fra diverse regioni della geometria, contributo agli estimatori richiesti Modulo di output: registrazione degli estimatori e delle variabili richieste dall utente 26 Ottobre 2004 Roma 1 13

14 Alcuni dei codici MC di trasporto e interazione piu diffusi EGS (SLAC): solo interazione e-g fine anni 70 inizio anni 80. Scritto in Mortran. Preprocessore per generare files di sezioni d urto per i materiali richiesti. Fisica molto accurata. Uso non facile: effetti di step lasciati alla gestione dell utente GEANT(3): progetto CERN inizio meta anni 80 Primo tentativo di Monte Carlo all purpose a larga diffusione, ma modelli di interazione adronica insufficienti Ha manifestato problemi di accuratezza e precisione 26 Ottobre 2004 Roma 1 14

15 Continua... All-purpose : la continuazione di GEANT-3 (OO) Progetto CERN molto orientato a sviluppo di tipo informatico; ancora in evoluzione Los Alamos: famoso per il trasporto di neutroni esistono anche versioni per alta energia (MCNPX / MCNP5) MARS Fermilab: sostanzialmete rivolto alle interazioni adroniche usato molto in ambiente macchine CORSIKA Ora mantenuto e sviluppato a Karlsruhe. Trasporto + scelta di modelli adronici. Totalmente orientato per fisica dei raggi cosmici All-purpose Progetto condotto da INFN-CERN molto orientato a sviluppo di qualita della modellistica di fisica; sempre in evoluzione (EGS5, Penelope, ) 26 Ottobre 2004 Roma 1 15

16 Il caso di FLUKA Filosofia di sviluppo: -selezionare modelli di alta qualita e precisione -approccio microscopico interazioni adroniche alle -Validazione con un set esteso di dati sperimentali -RIcerca continua del miglioramento dei modelli -Rinuncia a parametrizzazioni approcci semi-analitici -Conservazioni a livello precisione della macchina Distribuito da INFN attraverso la rete della ricerca scientifica italiana (GARR) e della -Uso di file esterni e look-up tables INFN-CERN project 26 Ottobre 2004 Roma 1 16

17 Esempio di contenuti: la fisica di FLUKA Autori: A. Fassò d, A. Ferrari a J. Ranft c, P.R. Sala b a) CERN, b) INFN-Milano, c) Siegen Univ., d) SLAC Interazione h-h e h-n almeno fino TeV Interazioni N-N fino almeno fino TeV/n Interazioni e.m. e di m fino a 2000 TeV Interazioni di n (driver a parte) Trasporto di carichi anche in campo magnetico accuratezzqa de/dx: entro 1/1000 delle tabelle ICRU Tavole Sez. d urto: PDG NNDC ecc. Geometria combinatoria (ma ora anche altre possibilita ) Trasporto e interazione a multigruppo per neutroni 0-20 MeV Generazione e trasporto fotoni ottici (luce Cherenkov, scintillazione, radiazione di transizione) Che significa??? 26 Ottobre 2004 Roma 1 17

18 I modelli adronici: l approccio microscopico Ingredienti di validita generale teoricamente motivati: - Teoria di Regge e dualita (analiticita matrice S) - Espansione Topologica QCD - modello partonico e carica di colore - teorema ottico (connessione fra ampiezza in avanti e sez. d urto totale) Traiettoria di Regge: il Pomerone (numeri quantici del vuoto) Dual Parton Model (Orsay,primi anni 80) (Quark String Model) 26 Ottobre 2004 Roma 1 18

19 Incredibile,, ma ~funziona~ funziona (sopra qualche GeV) e a energia piu bassa?? (risonanze, isospin, spazio fasi, cascata intranucleare + effetti nucleari quantistici, ) pochi parametri... Ma il confronto con i dati sperimentali resta fondamentale!!! Da h-n a h-n Con l espansione di Glauber (FLUKA model) 26 Ottobre 2004 Roma 1 19

20 PEANUT (PreEquilibrium Approach to NUclear Thermalization) a 3 step model: 1. Generalized Intranuclear Cascade 2. "PreEquilibrium" 3. Evaporation/Fission or Fermi Break-up (production of residual nuclear fragments, de-excitation, etc.) Quantum effects: Fermi motion, Pauli blocking, formation zone, etc. particle trajectories inside nucleus bent by local field 26 Ottobre 2004 Roma 1 20

21 Un esempio di evento di interazione adronica (simulazione di ICARUS, FLUKA) 65 cm p Æ K + n e K+ Evento vero µ+ P = 425 MeV 26 Ottobre 2004 Roma 1 21 e+

22 Un aspetto critico: la trattazione della Geometria FLUKA: geometria combinatoria (Oak Ridge): combinazione booleana di corpi geometrici elementari (cilindri, piani, parallelepipedi, sfere, ecc.) per definire regioni di spazio a cui assegnare materiali Uno degli aspetti piu critici dal punto di vista della complessita algoritmica e la trattazione dei confini fra regioni e la gestione automatica dello step del trasporto in prossimita delle superfici di separazione (uno dei meriti di FLUKA) CERN-Gran Sasso project: beam tunnel at CERN, FLUKA geometry (H.Vincke) 26 Ottobre 2004 Roma 1 22

23 Applicazioni MC in Ricerca di Base Fisica delle Alte Energie Macchine acceleratrici (schermature, collimazioni, targhette, ecc) Esperimenti su acceleratore Fisica delle particelle passiva fisica dei raggi cosmici fisica del neutrino atmosferico ricerca di eventi rari nella radiazione cosmica Ottobre 2004 Roma 1 23

24 Large Hadron Sin dai primi anni 90 questo progetto ha richiesto lo sviluppo di modelli sempre piu affidabili! 26 Ottobre 2004 Roma 1 24

25 La simulazione di alcuni aspetti della macchina A. Ferrari, V. Vlachoudis Collimazione Beam dump targhette ecc Quadrupolo Caldo Dipolo freddo (simulazioni FLUKA) 26 Ottobre 2004 Roma 1 25

26 Simulazione dei rivelatori a LHC Simulazione GEANT4 dell esp. ATLAS Risposta dei rivelatori, determinazione dell accettanza dell apparato Combinazione complessa di geometrie e materiali. Quanto dettaglio e necessario simulare? 26 Ottobre 2004 Roma 1 26

27 Gestione della simulazione di eventi di fisica Generatore di eventi: Spesso sono pacchetti separati SImulazione dell apparato QCD non pert. LHC: minimum bias generatori di canali specifici: fisica ad alto p t (QCD perturb.) p p Æ n jets p p Æ H Æ g g p p Æ H Æ m m m m ecc. Sviluppati soprattutto da gruppi teorici 26 Ottobre 2004 Roma 1 27

28 Un evento simulato in ATLAS 26 Ottobre 2004 Roma 1 28

29 ATLAS: Benchmark Measuring Problemi nuovi da affrontare su questi esperimenti A.Ferrari, P.Sala ATLAS: il livello fondo di radiazione negli apparati Benchmark for ATLAS background: E.Gschwendtner, C.W.Fabjan, N.Hessey,, T.Otto, and H.Vincke, Measuring the photon background in the LHC experimental experiment, Nucl. Instr. Meth.. A476, 222 (2002) background di fotoni background di neutroni Goal: prevedere gli effetti di danno da radiazione! progettare soluzioni resistenti Simulazione FLUKA con tecniche di Riduzione di Varianza Cosa vuol dire? 26 Ottobre 2004 Roma 1 29

30 Un commento generale (vale per ~tutti~ i campi di applicazione sperimentali!!) La qualita della modellizzazione negli MC degli effetti strumentali (esempio: raccolta di luce, raccolta di carica, efficienze, attenuazione dei segnali di corrente, ecc.) ) a questo livello puo contare quanto e piu della qualita della fisica Questo aspetto e lasciato agli utenti piu che agli autori principali dei codici. Importanza di una buona cultura sui rivelatori/strumenti insieme al senso fisico!! Essere bravi in code management non e sufficiente 26 Ottobre 2004 Roma 1 30

31 Un caso in cui senza MC non si va avanti: : i fasci di n Esempio: fascio dal CERN al Gran Sasso (CNGS) Simulazione FLUKA: includes tutti i dettagli di transporto, interazione, struttura della targetta, focheggiamento, decadimento, ecc. A.Ferrari, P.Sala, A.Guglielmi Calcolo degli spettri di neutrino al Gran Sasso La qualita della predizione dipende dall accuratezza in fisica adronica! Misure su fasci precedenti indicano 3-5 % di errore su n e -n m 26 Ottobre 2004 Roma 1 31

32 Applicazioni in Fisica dei Raggi Cosmici Obiettivo: studio dello spettro e della composizione in massa dei R.C. fiper rispondere a domande di natura astrofisica MC diventa strumento essenziale di analisi specialmente per il campo delle misure indirette Un vasto e continuo range di energie: Proiettili nucleari 26 Ottobre 2004 Roma 1 32

33 Gli sciami di particelle in atmosfera Atmosfera come Calorimetro adronico : ~10 l (composizione omogenea ma densità variabile) 26 Ottobre 2004 Roma 1 33

34 Un caso particolare di grande interesse fondamentale: : i neutrini atmosferici 26 Ottobre 2004 Roma 1 34

35 Esempio di calcolo di flussi di n Risultati di SuperKamiokande 26 Ottobre 2004 Roma 1 35

36 Gli aspetti critici di calcolo MC nell analisi dei neutrini atmosferici L analisi procede dal confronto dati vs. aspettazione (MC) a livello di errori sistematici,, le incertezze teoriche maggiori vengono da 2 aspetti che oggi qualificano i calcoli MC: Errore sui flussi Incertezza sulla conoscenza del flusso primario incertezze sulla produzione di particelle in inter. adroniche Errore sulle sezioni d urto di neutrino Sostanzialmente: scarsa conoscenza degli effetti nucleari a bassa energia Una delle domande per il prossimo futuro: conosciamo il rapporto aspettato n e /n m all 1%? 26 Ottobre 2004 Roma 1 36

37 MACRO Gallex Borexino LVD ICARUS Usano o hanno usato in parte FLUKA 26 Ottobre 2004 Roma 1 37

38 La fisica dei Muoni Sotterranei R.C. Primario protone/nucleo: A,E,isotropo Decadimento prompt dei mesoni charmati Distr. angolare isotropica interaction adronica: produzione di molte particelle s(a,e), dn/dx(a,e) K p Decadimento (ordinario) dei mesoni: dn m /d cosq ~ 1/ cosq m m m p + nuclei He,..., Fe con energia nel lab. da 1 TeV/nucleone fino ad oltre >10000 TeV/nucleone Dimesione trasversa del fascio di m µ P t (A,E) Propagazione dei m nella roccia (TeV) : processi radiativi e loro fluttuazioni Rivelazione: N m (A,E), dn m /dr 26 Ottobre 2004 Roma 1 38

39 n m HEMAS MC C.Forti et al. (1990) + muon propag. (Lipari & Stanev) Monte Carlo dependent (mostly in the hadronic interaction model) 26 Ottobre 2004 Roma 1 39

40 Simulazione di muoni sotterranei in ICARUS (FLUKA) 26 Ottobre 2004 Roma 1 40

41 Fisica di frontiera nei Raggi Cosmici: le energie estreme Esistono r.c. sopra i ev??? Da dove arrivano? Cosa sono? 2 arrays giganti per Sciami Estesi Atmosferici Sud Argentina in construzione 1600 rivelatori di particelle su oltre 3000 km2 + 4 Rivelatori di Fluorescenza 26 Ottobre 2004 Roma 1 41

42 Il problema dei modelli adronici alle altissime energie Come combinare nel modo corretto QCD perturbativa e il settore non perturbativo? Modelli di interazione contenuti in CORSIKA <N ch > 26 Ottobre 2004 Roma 1 42

43 Effetto di possibili scelte diverse sul risultato finale 26 Ottobre 2004 Roma 1 43

44 Radiation Inventory Altre applicazioni di MC oltre la ricerca di base Energetica: : Accelerator Driven Systems Studio degli effetti delle radiazioni ionizzanti: Dosimetria e Radioprotezione esposizione in generale dosi in aviazione civile radioprotezione nello spazio Microdosimetria _ Radiobiologia Fisica medica 26 Ottobre 2004 Roma 1 44

45 back 26 Ottobre 2004 Roma 1 45

46 Nuclei residui (uno dei problemi di calcolo piu difficili...) Decommissioning di LEP Modello tipo Fermi Break-up, fissione, ecc. Dati vs Simulazione: miglioramento continuo del modello A. Ferrari, S. Roesler 26 Ottobre 2004 Roma 1 46

47 Parliamo delle grandezze misurabili con un esperimento Monte Carlo Cominiciamo a defininire la FLUENZA: F = f = dn da ^ df dt (da non confondersi con il FLUSSO!!: ) E Siccome f = n v = dn da cosj n v é il numero di particelle per un. di volume é la loro velocita (track-length per un. di tempo) La FLUENZA é equivalente alla somma di tutte le lung. di traccia in un volume dv ICRU 60: df dedwdt é la Madre di tutte le quantità spazio fasi!!! (cm -2 s -1 sr -1 GeV -1 ) 26 Ottobre 2004 Roma 1 47

48 Nella maggior parte dei casi vogliamo calcolare la FLUENZA perché in genere é proporzionale agli effetti di interesse Dose Dose equiv. Ú Ú E E F E S( E) de [ S( E) = de /( rdx)] F E C( E) de [ C( E) = coeff. di conversione] Attività indotta ( rn / A) F s( E) de [ s( E) sez. d' urto] Ú A E = E Risposta di un rivelatore, Danno da Radiazione ecc. Ú E F E R( E) de [ R( E) = funzione di risposta] 26 Ottobre 2004 Roma 1 48

49 Dosimetria e valutazione del danno biologico: l uso di un fantoccio matematico M.Pelliccioni realizzato in FLUKA con geometria combinatoria 26 Ottobre 2004 Roma 1 49

50 Modellizzazione di un nuovo fantoccio e introduzione di un nuovo tipo di Geometria in FLUKA (Zankl and Wittmann 2001, GSF) 26 Ottobre 2004 Roma 1 50

51 Applicazione della Dosimetria: calcolo delle dosi in aviazione civile M.Pelliccioni, S.Villari Cockpit Toilet or Galley AIRBUS 340 Wing fuel tank Business Class Economic Class Center fuel tank Hold 26 Ottobre 2004 Roma 1 51

52 Problema connesso alla fisica dei raggi cosmici Problema chiave: neutroni ad alta quota A.Ferrari S.Roesler 26 Ottobre 2004 Roma 1 52

53 Biofisica delle radiazioni: Meccanismi d azione delle radiazioni ionizzanti a livello molecolare e cellulare Esempio di applicazione (I): l adroterapia Esempio di applicazione (II): la radioprotezione nello spazio 26 Ottobre 2004 Roma 1 53

54 1 Gy g-rays in one nucleus Irradiation ª Ionisations ª 2000 Ion. in DNA ª 1000 single strand breaks ª 40 double strand breaks ª complex lesions ª Chrom. Ab. ª lethal events ª 10-5 HPRT mut. ª 10-5 neopl. trasf.?????????? BY-STANDER EFFECTS??????????? Primary interaction events Biological molecules Dissociation: production of water radicals Diffusion Cross sections Dissociation schemes Diffusion coefficients years << 10-5 cancers Damage at organ and organism levels 26 Ottobre 2004 Roma 1 54 Water Excitation and ionisation Damage to DNA and other molecules DNA breaks Chromosome aberrations Damage at cell level s s 10-6 s minutes hours Reaction rate constants ª2 nm Physics & Biochemistry Chemistry chemistry Physics Biology Medicine

55 Aberrazioni Cromosomiche da radiazioni ionizzanti Codici MC accoppiati a dati radiobiologici e/o programmi di calcolo specializzati possono servire per valutazione del rischio: Probabilità di Lesioni Complesse => Aberrazioni Cromosomiche => Rischio 26 Ottobre 2004 Roma 1 55

56 Dal danno del DNA all inattivazione delle Cellule Condizione di campi misti: fascio di protoni terapeutico A. Ottolenghi et al. Geometria dell unita terapeutica OPTIS OCCHIO Fascio 72 MeV protoni Obiettivi Lesioni Complesse in funzione del LET e del tipo di particella FLUKA (modificato) 26 Ottobre 2004 Biaggi Roma et al 1 NIM-B, 1999, 159, FISICA fi yields of CL/(Gy cellula) indotti da differenti tipi di radiazione EFFETTI BIOLOGICI fi distribuzione spaziale di CL/cellula (dose biologica ) Prediz. Teoriche Dati Sperimentali

57 Esempio di applicazione (I): l adroterapia Lo scopo della radioterapia nella cura dei tumori è la distruzione delle cellule neoplastiche nel volume irraggiato riducendo al minimo il rischio di danno ai tessuti sani. 26 Ottobre 2004 Roma 1 57

58 radioterapia tradizionale radioisotopi (decadimenti a, b, g ) cobalto-terapia 60 Co : g (1.36 e 1.17 MeV) brachi-terapia fasci di elettroni (acceleratori di particelle ) fasci raggi X, gamma adroterapia costituenti di nuclei e nuclei (ioni) (acceleratori di particelle ) (acceleratori di particelle ) protoni neutroni(bnct) ioni Boron Neutron Capture Therapy 26 Ottobre 2004 Roma 1 58

59 Cura del tumore della retina con fasci di protoni 4500 MeV CARBON DOSE RELATIVA PROFONDITÀ [cm] (PSI Villigen) Progetto CATANA: Lab. Nazionali del Sud dell INFN 26 Ottobre 2004 Roma 1 59

60 L uso di fasci di ioni per terapia From NASA SPP 26 Ottobre 2004 Roma 1 60

61 CONFRONTO PROTONI IONI CARBONIO proton 1.6 MeV Range = 0.05 mm 4000 simulazione con protoni 2 nm DNA x(å) 2000 Sfide: 1) Avere una dettagliata descrizione della deposizione di energia lungo la traccia 2) Prodotti e frammenti nucleari simulazione con ioni Carbonio 0 LET=19.8 kev/ micron z(å) Carbon 30 MeV Range = 0.05 mm DNA x(å) nm 4000 LET=449 kev/ micron 26 Ottobre 2004 Roma z(å)

62 Luna Esempio di applicazione (II): la radioprotezione nello spazio A.Ottolenghi, F.Ballarini et al. ISS Marte?? MIR station Collaborazioni: FLUKA con NASA, ESA con GEANT4, ecc. motivano anche lo sviluppo dei modelli: es.: interazioni nucleo-nucleo a bassa energia Approccio in corso: Quantum Molecular Dynamics 26 Ottobre 2004 Roma 1 62

63 Modelli QMD Lo stato fondamentale nucleare descritto da una configurazione di nucleoni Ogni nucleone descritto da una funz. d onda gaussiana: moto di Fermi nel potenziale degli altri nucleoni Urto: : 2 nuclei si muovono evolvendosi con le eq. classiche di Hamilton. Quando i nucleoni si avvicinano sentono l effetto di un potenziale globale che influenza le collisioni (Skyrme, termini di superficie e di simmetria) Effetti stocastici introdotti da MC Si cercano le configurazioni di nuclei stabili: stato finale Problema computeristico: inizializzazione, rispetto dei principi base (Pauli( Pauli, ecc.) back 26 Ottobre 2004 Roma 1 63

64 Raggi Cosmici Galattici spettro: 87% protoni, 12% ioni He, 1% ions piu pesanti (in fluence) con picco a ~1 GeV/n flusso: ~4 particelle/(cm 2 s) al minimo solare. dose: ~1 msv/giorno Solar Particle Events spettro: 90% protoni, 10% ioni piu pesanti con energia per lo piu sotto ~200 MeV flusso: fino ~10 10 particles/cm 2 in qualche ora. dose: ordine dei Sv, fortemente dipendente dalla schermatura e dall organo colpito NASA pub NASA pub Ottobre 2004 Roma 1 64

65 SPE dell agosto 1972: pelle e organi interni (FLUKA) Dose equivalente alla pelle (Sv) Al thickness (g/cm 2 ) Total Primary Protons Secondary Hadrons Dose equivalente al fegato (Sv) Total Al thickness (g/cm 2 ) Primary Protons Secondary Hadrons molta meno dose al fegato che alla pelle (1.0 vs Sv dietro 1 g/cm 2 Al ) un contributo relativo piu grande dai frammenti di reazione nucleare products per il fegato piuttosto che per la pelle (14% vs. 7% dietro 1 g/cm 2 Al) 26 Ottobre 2004 Roma 1 65

66 mgy*d Raggi Cosmici Galattici: pelle e organi interni (FLUKA) Pelle mgy*d Fegato Al thickness (g*cm -2 ) 2 Al thickness (g*cm -2 ) msv*d -1 Total Primary Ions Secondary Hadrons Electromagnetic msv*d -1 Total Primary Ions Secondary Hadrons Electromagnetic Al thickness (g*cm -2 ) Al thickness (g*cm -2 ) Total Primary Ions Secondary Hadrons Electromagnetic Total Primary Ions Secondary Hadrons Electromagnetic Rispetto alla pelle, gli organi interni hanno: 1) una dose simile (~0.5 mgy/day) ma una piu piccola dose equivalente (~ 1.3 vs. 1.7 msv/day); 2) un contributo relativo piu grande dai frammenti di reazioni nucleari 26 Ottobre 2004 Roma 1 66

67 MARIE su Marte April 7 th, Ottobre 2004 Roma 1 67

68 Qualita della fisica, necessita algoritmiche e tendenze informatiche A volte l ottimizzazione della computing performance non si accorda con il requisito di modelli di alta qualità (anche se la potenza di calcolo é un problema in diminuzione...) Il punto cruciale é la costruzione di algoritmi robusti (e smart) Esperienza: rispettare conservazioni/simmetrie (E,Q,J, ) é già una garanzia non banale Modellizzazione: non é una questione di linguaggio di programmazione,, ma molto spesso di capacità di programmazione (e conoscenze di analisi numerica). In questa logica (procedurale)) Fortran o C possono essere meglio del C++ Negli ultimi anni si evidenzia molto la necessita di modalità object oriented : : in realtà e di poca o nulla utilità nel number crunching, di grande utilità invece per management di strutture di dati e per la creazione di tools grafici (es.: costruzione geometria, ecc.): il problema delle interfacce utente 26 Ottobre 2004 Roma 1 68

69 Strumenti di analisi ROOT-Based per FLUKA back 26 Ottobre 2004 Roma 1 69

70 Sfide future: Algoritmi Automatici per assegnare materiali e composizioni ai CT-Scans ( ben noto problema di patter recognition) Assignare ai Voxel dei materiali con il Golem Produrre un algoritmo che identifichi 4 tipi di materiali negli scan CT umani: Generico Tessuto Soffice, Hard Bone, Trabecular Bone, e tessuto Polmonare. 26 Ottobre 2004 Roma 1 70

71 Osso Trabecolare ~10% Voxels sono Hard Bone (r ~ 1.9) ~90% é midollo C é un`asimmetria lungo l asse longitudinale dell osso Dati da Voxel CT-Scans da 40 mm (M. Leibschner) Human bone is L osso umano` é per la maggior parte Trabecolare, con un guscio di ~1-2 mm di Hard Bone. back 26 Ottobre 2004 Roma 1 71

72 A classical transport MC application Experiment/MC tailored application back GENERATE Generator s DETECTOR & PHYSICS DESCRIPTION Geometry definition Physics processes User application Run configuration Magnetic field Cuts Step interpreter Application stack ADVERTISE STEP PUSH PRIMARIES INPUT Particle stack POP Run manager Run loop Event loop Stepping manager State & tracking flags Current volume, material, Track state: entering, exiting, alive, new, Physical process type PUSH SECONDARIES GEOMETRY CREATION Physics models PROCESS SELECTION & PHYSICAL STEP STEPING ACTIONS Hits generation Digitization Application area OUTPUT NAVIGATION QUERIES/ANSWERS Geometrical modeller MC area 26 Ottobre 2004 Roma 1 72

73 back 26 Ottobre 2004 Roma 1 73

74 Conclusioni Il calcolo di trasporto e interazione di particelle nella materia e diventato un aspetto importante dell attivita attivita di ricerca in molti campi di fisica La necessita di provvedere strumenti per attivita multi- disciplinare sta comportando la necessita di coagulo di diverse competenze, storicamente separate La fisica delle interazioni fondamentali sta trovando delle applicazioni pratiche anche di immediata rilevanza sociale E importante negli sviluppi futuri non dimenticare l importanza della qualita algoritmica e di modellizzazione della fisica C e un certo rischio (specie per i giovani adepti) di concentrarsi troppo su aspetti utilissimi (ma non centrali) di carattere puramente informatico. 26 Ottobre 2004 Roma 1 74

75 Ringraziamenti a: F.Cerutti,, E. Gadioli, M.V.Garzelli,, P. Sala (INFN Milano) A.Guglielmi (INFN Padova) F.Ballarini, A.Ottolenghi (INFN e Univ. Pavia) A.Fassò (SLAC, USA) M.Carboni, M. Pelliccioni, (INFN LNF) R.Villari (ENEA Frascati) J.Ranft (Univ. Siegen, Germania) A.Ferrari, S.Roesler,, V. Vlachoudis (CERN) L. Pinsky (Univ. Houston, USA) R.Engel (IFZ Karlsruhe, Germania) 26 Ottobre 2004 Roma 1

76 Referenze utili Il significato matematico dei MC di trasporto: C.Jacoboni, L.Reggiani,, Rev. Mod. Phys. 55 no.3 (1983) 645 Generali I.Lux, L.Koblinger: : Monte Carlo Particle Transport Methods: Neutrons and Photons, CRC Press 1991 Proceedings delle conferenze: ICRS (ultima( ultima: : Madeira 2004) Monte Carlo (ultima( Lisbona 2000) Teoremi e applicazioni per il campionamento di funzioni: A Third Monte Carlo Sampler LA-9721-MS (1983) Interazioni nucleari a energia alta e intermedia (modelli modelli di FLUKA) A. Ferrari, P. Sala,, Proc. Workshop on Nuclear Reaction Data and Nuclear Reactors Physics, Design and Safety, ICTP, Trieste 1996 Applicazioni radiobiologiche (ruolo del MC): A.Ottolenghi, F.Ballarini, M.Biaggi Physica Medica Vol. XVII, Suppl 2, 2001 Applicazioni dosimetria/spaziali: Proceedings COSPAR (ultima( Parigi 2004) 26 Ottobre 2004 Roma 1

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali

APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali USO DEL FANTOCCIO ANTROPOMORFO PER DOSIMETRIA INTERNA IN ATMOSFERA APPLICAZIONI Popolazioni residenti in alta quota Dosimetria sui voli aerei Dosimetria nei voli spaziali Obiettivo della tesi Estensione

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro:

Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE LABORATORI NAZIONALI DI LEGNARO INFN - LNL Accelerator-Based Neutron Capture Therapy presso i Laboratori Nazionali di Legnaro: previsione dei costi e dei tempi A.

Dettagli

LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA

LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA LE BASI FISICHE DELLA TERAPIA PER CATTURA NEUTRONICA S. Altieri*, T. Pinelli*, P. Bruschi*, F. Fossati*, A. Zonta, C. Ferrari, U. Prati, L. Roveda, S. Barni, P. Chiari, R. Nano *INFN SEZIONE DI PAVIA E

Dettagli

Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008. Fisica Medica. 7 Terapia con Adroni

Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008. Fisica Medica. 7 Terapia con Adroni Corso di laurea in Fisica A.A. 2007-2008 Fisica Medica 7 Terapia con Adroni Adroterapia (terapia con adroni) 1. Protoni 2. Ioni carbonio 3. BNCT (Boron Neutron Capture Therapy) Adroterapia (terapia con

Dettagli

1. Panoramica generale

1. Panoramica generale 1. Panoramica generale L esercizio proposto consiste nella ricerca di particelle strane (cioé dotate del numero quantico di stranezza) prodotte da collisioni in LHC e registrate dall esperimento ALICE.

Dettagli

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1

Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare. 50 anni di ricerca in fisica. 05 Novembre 2003 1 Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare 50 anni di ricerca in fisica 05 Novembre 2003 1 Una nuova visione del futuro abbiamo rivolto la nostra attenzione alla creazione di questo nuovo ente internazionale,

Dettagli

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra.

I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. I giganti a caccia Due enormi esperimenti sono pronti nel sottosuolo di Ginevra. di Maria Curatolo 24 > 25 Scoprire il bosone di Higgs è uno degli scopi principali del Large Hadron Collider (Lhc) e, in

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Sviluppo di un software di raytracing fast-montecarlo su GPU per piani di trattamento adroterapici.

Sviluppo di un software di raytracing fast-montecarlo su GPU per piani di trattamento adroterapici. Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Tesi di Laurea Magistrale Sviluppo di un software di raytracing fast-montecarlo su GPU per piani di trattamento adroterapici.

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000.

Agenda 2000 (Cap1_V11_Introduzione.doc) Data di creazione 15/12/00 10.34. Ultima modifica 15/12/00 12.12 Stampato 15 dicembre 2000. Introduzione La fondazione di un'astronomia dei neutrini cosmici di alta energia costituisce oggi una delle frontiere della ricerca in Astrofisica. Dopo i successi dell'astronomia dei gamma ottenuti con

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN FISICA. percorso: FISICA MEDICA e SANITARIA

LAUREA MAGISTRALE IN FISICA. percorso: FISICA MEDICA e SANITARIA LAUREA MAGISTRALE IN FISICA percorso: FISICA MEDICA e SANITARIA AA 2011-2012 Nota: Il docente di riferimento (Prof. Daniela Bettega) è a disposizione degli studenti per eventuali chiarimenti al 5 piano

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

Rivelatori di radiazione

Rivelatori di radiazione Rivelatori di radiazione Catia Petta Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Catania & INFN Summary Un compito da acchiappafantasmi Caratteristiche della preda Le strategie di cattura Gli attrezzi

Dettagli

Lezione 6 Perdita di energia

Lezione 6 Perdita di energia Abbiamo introdotto la perdita di energia per collisioni, che avviene tramite scattering coulombiani sugli elettroni del materiale. Questo è alla base di molti apparati usati per rivelare particelle cariche.

Dettagli

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation.

Cover Page. The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Cover Page The handle http://hdl.handle.net/1887/25771 holds various files of this Leiden University dissertation. Author: Bogazzi, Claudio Title: Search for cosmic neutrinos with ANTARES Issue Date: 2014-05-15

Dettagli

1 Informazioni generali e dati tecnici del reattore di ricerca TAPIRO

1 Informazioni generali e dati tecnici del reattore di ricerca TAPIRO Contatti: Matteo Cesaroni ENEA C.R. CASACCIA - UTFISST-REANUC - S.P. 040 via Anguillarese 301 00123 S. MARIA DI GALERIA (ROMA) matteo.cesaroni@enea.it ENEA Casaccia TAPIRO Direttori O.Fiorani A.Santagata

Dettagli

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1

I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 I gruppi ATLAS e CMS Pavia 19 Maggio 2015 1 The Large Hadron Collider The LHC is the largest machine in the world. It took thousands of scientists, engineers and technicians decades to plan and build,

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER:

ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: ELEMENTI DI DI OTTICA E FISICA NUCLEARE INSEGNAMENTO COMPLEMENTARE (9 CFU) PER: CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER LO STUDIO E LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEI SUPPORTI DELLA

Dettagli

CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO. Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it

CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO. Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it CURRICULUM VITAE del Dott. GIUSEPPE LATINO Dati anagrafici Nato a Nardò (LE) il 31/08/67. Residente in Pisa, e-mail: giuseppe.latino@pi.infn.it Curriculum degli studi -1996 Laurea in Fisica presso l Università

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica. Tesi di Laurea di Fabio BELLONI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica. Tesi di Laurea di Fabio BELLONI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PISA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Tesi di Laurea di Fabio BELLONI EFFICACIA DI IONI ACCELERATI DI ALTO LET PER L INATTIVAZIONE

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X

Confronto tra le probabilita di interazione tra neutroni termici e raggi X Neutron Imaging Tecniche nucleari per analizzare strutture superficiali o interne di materiali hanno un impiego esteso. Tra le moderne tecniche una delle piu diffuse e quella basata sulla radiografia/radioscopia

Dettagli

APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA

APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA APPARECCHIATURE IN RADIOTERAPIA TERMINOLOGIA Definizione di Radioterapia: branca medico-terapeutica che utilizza le radiazioni ionizzanti a fini terapeutici: tumori maligni, tumori benigni (angiomi e adenomi

Dettagli

NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012

NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012 NUOVE ENERGIE nella Scuola 4 DICEMBRE, 2012 ISTITUTO L.PIRELLI - ROMA EMISSIONE DI NEUTRONI LENTI DA PLASMA IN CELLA ELETTROLITICA DOMENICO CIRILLO PRESUPPOSTI IN QUESTA PRESENTAZIONE SI ILLUSTRANO EVIDENZE

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Extreme Universe Space Observatory. LA MISSIONE EUSO Presentata da: Livio Scarsi EUSO PI & Osvaldo Catalano EUSO IM

Extreme Universe Space Observatory. LA MISSIONE EUSO Presentata da: Livio Scarsi EUSO PI & Osvaldo Catalano EUSO IM Extreme Universe Space Observatory LA MISSIONE EUSO Presentata da: Livio Scarsi EUSO PI & Osvaldo Catalano EUSO IM EUSO : Extreme Universe Space Observatory 1 Palermo 10-11 Marzo 2004 2 Contenuto della

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti

Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Danni Biologici da radiazioni ionizzanti Qualità delle radiazioni Dose Danno biologico Limiti di legge Confronto fra esposizioni

Dettagli

PROGETTO DI UNA MACCHINA MONTE CARLO DEDICATA ALLA SOLUZIONE DI PROBLEMI DI FISICA PER LA RADIOTERAPIA

PROGETTO DI UNA MACCHINA MONTE CARLO DEDICATA ALLA SOLUZIONE DI PROBLEMI DI FISICA PER LA RADIOTERAPIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI SCIENZE MM. FF. NN. CORSO DI LAUREA IN FISICA PROGETTO DI UNA MACCHINA MONTE CARLO DEDICATA ALLA SOLUZIONE DI PROBLEMI DI FISICA PER LA RADIOTERAPIA Relatore

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1... 8 PRINCIPI DI PROTONTERAPIA... 8 1.1 LA PROTONTERAPIA... 9 1.1.1 i vantaggi clinici della protonterapia... 9 1.1.

INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1... 8 PRINCIPI DI PROTONTERAPIA... 8 1.1 LA PROTONTERAPIA... 9 1.1.1 i vantaggi clinici della protonterapia... 9 1.1. INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO 1... 8 PRINCIPI DI PROTONTERAPIA... 8 1.1 LA PROTONTERAPIA... 9 1.1.1 i vantaggi clinici della protonterapia... 9 1.1.2 Peculiarità dei fasci di protoni... 12 1.2 CENTRI DI ADROTERAPIA

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Capitolo 12 Definizioni fondamentali 12.1 Considerazioni introduttive Iplasmisonofluidi le cui particelle costituenti sono cariche elettricamente. Il termine plasma fu coniato da Tonks e Langmuir nel 1929,

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

Una reazione a due corpi in generale è rappresentata dall espressione: a + X Y + b

Una reazione a due corpi in generale è rappresentata dall espressione: a + X Y + b Le reazioni nucleari bilancio energetico: Q della reazione Le reazioni nucleari sono analizzate quantitativamente in termini di massa ed energia dei nuclei e delle particelle interessate (bilancio energetico).

Dettagli

Partecipazione al Programma International MasterClasses in TOTEM

Partecipazione al Programma International MasterClasses in TOTEM Partecipazione al Programma International MasterClasses in TOTEM Giornata di Dipartimento Siena, 20-21 Dicembre 2012 Dipartimento di Scienze Fisiche, della Terra e dell Ambiente Sede di Fisica 1 International

Dettagli

LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? Casino dell'aurora - UA - 26.3.14

LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? Casino dell'aurora - UA - 26.3.14 LA PARTICELLA DI DIO Perché è più importante delle altre? 1 L origine 1993 GODDAM 2 Dai raggi cosmici alla particella di Higgs CERN 2012 Fabiola Gianotti Peter Higgs 1912 Victor Hess 3 Dai raggi cosmici

Dettagli

Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli. Aprile 2014

Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli. Aprile 2014 Curriculum Vitae di Antonio Zoccoli Aprile 2014 Nome: Antonio Zoccoli Età: nato a Bologna il 16 Agosto 1961. Curriculum Accademico: 1980 Maturità classica press oil liceo L. Galvani di Bologna 1980-1985

Dettagli

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione

Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Servizio di Terapia Strumentale Cinesiologia - Riabilitazione Istituto di Medicina dello Sport CONI - F.M.S.I Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche in Medicina dello Sport Sede di Bologna PULSED

Dettagli

Z+b production at LHC with ATLAS

Z+b production at LHC with ATLAS Z+b production at LHC with ATLAS G. Chiodini, N. Orlando, S. Spagnolo test per pqcd e potenziale sensitivita alla pdf del b; misura di un background importante alla ricerca di Higgs in ZZ* con b nello

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Odontoiatria e Protesi Dentaria. Università degli Studi dell Insubria Università degli Studi dell Insubria Corso integrato: FISICA E STATISTICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Dott. Raffaele NOVARIO Recapito: raffaele.novario@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare

Dettagli

La legge di Lambert-Beer

La legge di Lambert-Beer La legge di Lambert-Beer In questa esperienza determinerete la concentrazione di una soluzione incognita di permanganato di potassio per via spettrofotometrica. Generalita La spettroscopia si occupa dell

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Big bang, particelle (antimateria) acceleratori...

Big bang, particelle (antimateria) acceleratori... Big bang, particelle (antimateria) acceleratori... Cosa e perché ricerchiamo G. Mazzitelli, 2 Aprile 2014, Liceo Cannizzaro Colleferro http://giovannimazzitelli.wordpress.com Introduzione: Il metodo scientifico

Dettagli

Capitolo 9: Le Particelle Elementari II

Capitolo 9: Le Particelle Elementari II Capitolo 9: Le Particelle Elementari II Corso di Fisica Nucleare e Subnucleare I Professor Carlo Dionisi A.A. 2004-2005 1 Le Risonanze Adroniche ed il Modello a Quark 1) Le Risonanze Nucleari; 2) La Formazione

Dettagli

IL DECADIMENTO RADIOATTIVO

IL DECADIMENTO RADIOATTIVO IL DECADIMENTO RADIOATTIVO Principi di fisica sub-nucleare Le interazioni fondamentali Principi di fisica nucleare Stabilità dei nuclei Tipi di decadimento Bilancio energetico Attività Legge del decadimento

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com)

A CACCIA DI PARTICELLE. Una breve introduzione alla fisica delle particelle. Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) A CACCIA DI PARTICELLE Una breve introduzione alla fisica delle particelle Sara Furcas (sfurcas@gmail.com) Liceo Donatelli Pascal - 30 Maggio 2013 SOMMARIO Cosa sono le particelle? Il Bosone più famoso

Dettagli

LEZIONE 4 INTERAZIONE DEI RAGGI X E GAMMA CON LA MATERIA

LEZIONE 4 INTERAZIONE DEI RAGGI X E GAMMA CON LA MATERIA LZION 4 INTRZION DI RGGI X GMM CON L MTRI I raggi X hanno generalmente energie comprese fra i 5KeV e i 500 kev. Interagendo con la materia i raggi X (interazione primaria) producono elettroni secondari

Dettagli

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato.

Lezione 22 Trigger. Trigger: seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. : seleziona gli eventi interessanti fra tutte le collisioni. Decide se l evento deve essere letto ed immagazzinato. Sistema di acquisizione dati (DAQ): raccoglie i dati prodotti dall apparato e li immagazzina

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Test di nuovi rivelatori per misure di cattura neutronica radiativa

Test di nuovi rivelatori per misure di cattura neutronica radiativa Alma Mater Studiorum Università di Bologna Scuola di Scienze Corso di Laurea in Fisica Test di nuovi rivelatori per misure di cattura neutronica radiativa Relatore: Prof. Gianni Vannini Presentata da:

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

HIFU con US. Daniela Origgi e Federica Palorini

HIFU con US. Daniela Origgi e Federica Palorini HIFU con US Daniela Origgi e Federica Palorini High Intensity Focused Ultrasound (HIFU) Tecnica minimamente invasiva Sfrutta ultrasuoni focalizzati (effetto lente) Ablazione in situ del tumore, con risparmio

Dettagli

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia

Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo -Pavia Effetti biologici derivanti da dall interazione tra fasci laser utilizzati nelle applicazioni industriali ed il corpo umano Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS

Dettagli

THE GEANT4-INFN COLLABORATION Status and perspectives

THE GEANT4-INFN COLLABORATION Status and perspectives THE GEANT4-INFN COLLABORATION Status and perspectives G.Cuttone INFN-LNS Catania On behalf of the GEANT4-INFN Group / GEANT4 OO toolkit per la simulazione di rivelatori in fisica delle alte energie della

Dettagli

U.O. FISICA SANITARIA

U.O. FISICA SANITARIA REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U.O. FISICA SANITARIA RADIAZIONI IONIZZANTI E LASER IN AMBIENTE MEDICALE (Informazioni a cura del Dott. L. Chiatti) 1 Parametri caratteristici della radiazione

Dettagli

Università degli Studi di Siena. Tesi di Laurea Triennale

Università degli Studi di Siena. Tesi di Laurea Triennale Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica e Tecnologie Avanzate Tesi di Laurea Triennale Analisi preliminare sui dati a s = 8 TeV relativi

Dettagli

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r

Studio del decadimento B s φφ emisuradelsuobranching r Studio del decadimento B s φφ e misura del suo branching ratio acdfii Relatore Correlatore dott.ssa Anna Maria Zanetti dott. Marco Rescigno Giovedì, 18 Dicembre (pag 1) Scopo dell analisi Lo scopo dell

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA

POLITECNICO DI TORINO TESI DI LAUREA POLITECNICO DI TORINO I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Nucleare TESI DI LAUREA CERN-THESIS-2002-043 14/10/2002 Studio della risposta di dosimetri a stato solido da utilizzare per la

Dettagli

GIACOMO DI STASO. Figura 1 - Scuole pilota e scuole selezionate in Puglia (dott.ssa Antonella Regano - Centro Fermi di Roma 29.9.

GIACOMO DI STASO. Figura 1 - Scuole pilota e scuole selezionate in Puglia (dott.ssa Antonella Regano - Centro Fermi di Roma 29.9. 103 GIACOMO DI STASO Entra nel vivo il Progetto Extreme Energy Events ideato dal prof. Antonino Zichichi. L Istituto Scipione Staffa di Trinitapoli è diventato scuola pilota nella seconda fase di questo

Dettagli

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari!

Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Lezione ISM 4! G. Vladilo! Astronomia Osservativa C, Lezione ISM 4, Vladilo (2011)! 1! Spettroscopia di righe in assorbimento interstellari! Alta risoluzione!

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

Flavio Cavanna Attività Scientifica e Didattica

Flavio Cavanna Attività Scientifica e Didattica Flavio Cavanna Attività Scientifica e Didattica Dipartimento di Fisica - Università dell Aquila Via Vetoio L Aquila February 8, 2011 Flavio Cavanna flavio.cavanna@aquila.infn.it http://www.fisica.aquila.infn.it/homepages/cavanna

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE

SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: MODALITA DI FORMAZIONE DELL IMMAGINE SISTEMA DI MISURAZIONE, SISTEMA DI RICOSTRUZIONE, SISTEMA DI VISUALIZZAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE: ACQUISIZIONE DELL IMMAGINE TC Un

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Caratterizzazione del flusso neutronico in uscita del collimatore del canale tangenziale

Dettagli

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC

Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC Masterclass LHCb: misura della vita media della particella D 0 a LHC 1 Introduzione Il Large Hadron Collider (LHC) non è solo uno strumento per cercare nuove particelle, ma anche una fabbrica di particelle

Dettagli

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV

STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI P-P A s = 14 TeV ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Fisica STUDIO DEL BOSONE DI HIGGS CON UNA SIMULAZIONE VELOCE DEL RIVELATORE CMS IN COLLISIONI

Dettagli

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche

Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tecniche di riduzione del fondo strumentale per il telescopio gamma AGILE e applicazione a sorgenti astrofisiche Tesi svolta presso IASF/INAF di Milano Fabio Fornari Indice l astrofisica gamma e il satellite

Dettagli

Capitolo 6. La danza delle particelle

Capitolo 6. La danza delle particelle Capitolo 6 La danza delle particelle Si lavorava su LEP, e tanto, ma già si sapeva di dover andare oltre. E oltre c era una macchina che ormai aveva un nome: Large Hadron Collider, e unoscopo: scommettereche

Dettagli

La fisica delle particelle Costi e benefici sociali

La fisica delle particelle Costi e benefici sociali La fisica delle particelle Costi e benefici sociali Roberto Ferrari Istituto Nazionale di Fisica Nucleare uno dei padri: Edoardo Amaldi Carpaneto Piacentino (5/9/1908) - Roma (5/12/1989) Uno dei ragazzi

Dettagli

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS.

Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici per lo studio delle prestazioni delle camere a deriva MDT per l esperimento ATLAS. Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea in Fisica Anno Accademico 2002-2003 Tesi di Laurea Realizzazione di un telescopio a raggi cosmici

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

L esperimento con fotoni polarizzati

L esperimento con fotoni polarizzati 1 nsegnamento della meccanica quantistica nella scuola superiore L esperimento con fotoni polarizzati Considerazioni didattiche La presentazione dei principi della meccanica quantistica nei corsi della

Dettagli

Fisica delle particelle: trasferimento e ricadute all industria

Fisica delle particelle: trasferimento e ricadute all industria Fisica delle particelle: trasferimento e ricadute all industria dalla ricerca fondamentale alla società Beatrice Bressan ASP, Torino 25 ottobre 2006 Sommario Il CERN in breve Impatto della ricerca fondamentale

Dettagli

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1

LHC : rivelatori. Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 LHC : rivelatori Paolo Bagnaia - I rivelatori di LHC 1 I rivelatori di LHC (1) - sommario nota storica : ATLAS e CMS [anche ALICE, LHC-b, TOTEM] ; CMS : cenni (2) ; ATLAS : rivelatore centrale; calorimetro

Dettagli

Studio delle prestazioni di prototipi di MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber) con un telescopio per raggi cosmici

Studio delle prestazioni di prototipi di MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber) con un telescopio per raggi cosmici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN FISICA Studio delle prestazioni di prototipi di MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber) con un telescopio

Dettagli

Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari

Sono in molti a ritenere che la fisica delle particelle elementari terza pagina/fisica delle particelle Alla frontiera della scienza Francesco Lacava e Aleandro Nisati Lo scorso settembre al CERN di Ginevra è entrato in funzione il Large Hadron Collider, l acceleratore

Dettagli

La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio

La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio La carta di radioattivitá naturale del Comune di Schio Virginia Strati Università degli Studi di Ferrara- Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) email strati@fe.infn.it cell. 348 9356603 Perché proprio

Dettagli

Risultati sperimentali da 2 anni di presa dati con i cristalli prototipo di GERDA

Risultati sperimentali da 2 anni di presa dati con i cristalli prototipo di GERDA Risultati sperimentali da 2 anni di presa dati con i cristalli prototipo di GERDA M. Barnabè Heider, C. Cattadori, O. Chkvorets, A. di Vacri, K. Gusev, M. Junker, S. Schonert, M. Shirchenko XCIV Congresso

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Report di ne anno II Attività di dottorato svolte. Dipartimento di Fisica G.Occhialini

Università degli Studi di Milano Bicocca. Report di ne anno II Attività di dottorato svolte. Dipartimento di Fisica G.Occhialini Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Fisica G.Occhialini Report di ne anno II Attività di dottorato svolte Marco Toliman Lucchini Ciclo di dottorato XXVII (2011-2014) Matricola n 700975

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν

I fotoni sono le particelle di luce che possiedono un energia E che dipende dalla frequenza ν in base alla relazione di Plank: E = hν 3. Natura quantistica di fotoni e particelle materiali Le particelle utilizzate per studiare i mezzi materiali obbediscono alle regole della meccanica quantistica. La loro natura perciò è duale, nel senso

Dettagli

COLLABORAZIONE AMS. Primi risultati dell Alpha Magnetic Spectrometer (AMS)

COLLABORAZIONE AMS. Primi risultati dell Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) COLLABORAZIONE AMS Comunicato stampa 3 aprile 2013, Ginevra, Svizzera Primi risultati dell Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) La Collaborazione Alpha Magnetic Spectrometer (AMS) annuncia la pubblicazione

Dettagli

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC

Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un fotone ad alto p T col rivelatore CMS a LHC Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Triennale in Fisica Studio di fattibilità per la ricerca di eventi H b b accompagnati da un

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MAURIZIO BIASINI 10, CHEMIN DES MOISSONS, 1294 GENTHOD, SVIZZERA Telefono 0041 22 9180 834 Fax

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI

USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI USO DIAGNOSTICO E DI COMPLESSI METALLICI Uso diagnostico di complessi di gadolinio La Risonanza Magnetica e un fenomeno che accade quando i nuclei di alcuni atomi immersi in un campo magnetico statico

Dettagli