Esercizi di Teoria dei Giochi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi di Teoria dei Giochi"

Transcript

1 Esercizi di Teoria dei Giochi ultimo aggiornamento: 11 maggio Si consideri il gioco fra 2 giocatori rappresentato (con le notazioni standard) dalla seguente matrice: (3, 1) (5, 0) (1, 0) (2, 6) (4, 1) (3, 0) (a) Stabilire se il gioco è risolubile mediante eliminazione iterata di strategie fortemente dominate. (b) (domanda proposta) Determinare tutti gli equilibri di Nash in strategie pure. (a) Il gioco è risolubile mediante eliminazione iterata di strategie fortemente dominate. La soluzione è la coppia di strategie (4, 1). (b) L unico equilibrio di Nash in strategie pure è (4, 1). Per le definizioni di strategia fortemente dominata (definizione enunciata in aula), eliminazione iterata di strategie fortemente dominate (definizione enunciata in aula), strategia debolmente dominata (definizione proposta), si veda: [F. Patrone, Decisori razionali interagenti], pag Nota: in aula abbiamo parlato solo di eliminazione iterata di strategie fortemente dominate. Non abbiamo invece parlato di eliminazione iterata di strategie debolmente dominate. Chi fosse interessato ad approfondire l argomento e a scoprire cosa può accadere eliminando strategie dominate debolmente ma non fortemente, può provare a risolvere il seguente esercizio: [F. Patrone, Decisori razionali interagenti], Problema 28, pag htm 2. Si consideri il gioco ad n giocatori le cui regole sono le seguenti. Ogni giocatore deve scrivere su un foglio un numero intero, scelto a piacere, compreso fra 1 e 100. Quando tutti i giocatori hanno scritto il numero, un arbitro raccoglie i fogli distribuiti e calcola la media dei numeri che sono stati scritti. 1

2 2 Il vincitore è colui che ha scritto il numero che più si avvicina ai 2/3 della media. Nel caso in cui vi siano più vincitori a pari merito, la posta in palio viene divisa in parti uguali fra i vincitori. Rispondere alle seguenti domande. (a) Scrivere su un foglio un numero da 1 a 100 e svolgere il gioco insieme agli altri studenti presenti in aula. (b) Scrivere la game form del gioco. (c) Dire qual è la strategia ottimale da adottare. (d) Discutere l esito del gioco svolto in aula (domanda (a)) e confrontarlo con l esito teorico previsto nella domanda (c). (e) Scrivere la rappresentazione matriciale del gioco in forma strategica, nell ipotesi che i giocatori siano 2. (a) - (b) La game form del gioco è descritta nel paragrafo 1 di: decisori razionali interagenti/altro materiale/beauty contest game form gioco.pdf (c) Supponendo che siano verificate le ipotesi standard della teoria dei giochi non cooperativi, la strategia ottimale è quella di scrivere il numero 1. Oltre alla spiegazione che è stata data in aula, si osservi che ciò può essere dedotto anche mediante eliminazione iterata di strategie dominate, con un ragionamento di questo tipo: Il giocatore 1 ha a disposizione 100 differenti strategie (poiché può scrivere un numero a piacere compreso fra 1 e 100). Le strategie comprese fra 68 e 100 sono dominate dalla strategia 67. Infatti, sia v il numero ottenuto calcolando i 2/3 della media dei numeri scritti. Allora v sarà certamente compreso fra 1 e 66, 6. Pertanto le strategie comprese fra 68 e 100 sono certamente meno convenienti della strategia 67, a prescindere da ciò che scrivono gli altri giocatori. In altre parole le strategie comprese fra 68 e 100 possono essere eliminate, poiché non ha alcun senso, per il giocatore 1, adottare una di queste strategie: la sua scelta sarà certamente una strategia compresa fra 1 e 67. Lo stesso ragionamento si può applicare anche agli altri giocatori. Pertanto, per ognuno di essi, possono essere eliminate le strategie comprese fra 68 e 100, e sopravvivono solo le strategie comprese fra 1 e 67. A questo punto il giocatore 1, sapendo che tutti i giocatori adotteranno una strategia compresa fra 1 e 67, può dedurre che il numero v sarà compreso fra 1 e 44, 6. Pertanto, con un ragionamento analogo al precedente, può eliminare tutte le strategie maggiori di 45, in quanto dominate dalla strategia 45. Sopravvivono, quindi, le sole strategie comprese fra 1 e 45. Lo stesso ragionamento si può applicare anche agli altri giocatori. Pertanto, per ognuno di essi, possono essere eliminate le strategie maggiori di 45 e sopravvivono solo le strategie comprese fra 1 e 45.

3 3 Il ragionamento descritto può essere iterato e, dopo 11 iterazioni, si arriva alla conclusione che l unica strategia che sopravvive all eliminazione delle strategie dominate è, per ogni giocatore, la strategia 1. (d) L esito del gioco svolto in aula è ben lontano dall esito teorico previsto. Essenzialmente ciò dipende dal fatto che nel gioco reale non sono verificate le ipotesi della Teoria dei Giochi, in particolare la razionalità dei giocatori. Questo non significa, però, che chi ha adottato una strategia diversa da 1 non abbia giocato in modo razionale: potrebbe essere un giocatore razionale, ma non avere stima nella razionalità degli altri giocatori. In altre parole, un giocatore che abbia ben compreso il meccanismo del gioco dovrà anche domandarsi se gli altri giocatori lo abbiano a loro volta compreso: se ritiene che essi siano perfettamente razionali, nonché consapevoli ed informati della razionalità di tutti, adotterà la strategia 1; se ritiene che siano tutti completamente irrazionali, supporrà che i numeri si distribuiscano in modo casuale da 1 a 100, con un valore medio atteso di 50,5 in corrispondenza del quale la strategia ottimale è 34; in generale la strategia corretta da adottare sarà un numero compreso fra 1 e 34, tanto più basso quanto più si ha fiducia nella razionalità degli altri giocatori; in ogni caso non ha senso adottare strategie maggiori di 34. (e) La rappresentazione matriciale è: ( 1, 1 ) (1, 0) (1, 0) (1, 0)... (1, 0) (1, 0) (0, 1) ( 1, 1 ) (1, 0) (1, 0)... (1, 0) (1, 0) (0, 1) (0, 1) ( 1, 1 ) (1, 0)... (1, 0) (1, 0) (0, 1) (0, 1) (0, 1) (0, 1) (0, 1) (0, 1) ( 1, 1) 2 2 Il gioco proposto in questo esercizio è un classico della Teoria dei Giochi, che prende il nome di Beauty Contest. Si possono consultare: decisori razionali interagenti/altro materiale/beauty contest game form gioco.pdf beauty contest PoliMI 2 e Cesenatico 2006 PhD GE Alicante Telecom 2007 PD 2008.pdf 3. Siano n e p due numeri interi positivi, con p < n. Si consideri il gioco ad n giocatori le cui regole sono le seguenti. Su un tavolo ci sono n fiammiferi. Dopo aver stabilito a chi spetta la prima mossa, ogni giocatore, al proprio turno, deve togliere un numero (intero) di fiammiferi compreso tra 1 e p, a sua scelta. Perde chi costretto a togliere lultimo fiammifero.

4 4 (a) Siano n = 5 e p = 2. Rappresentare il gioco in una delle forme conosciute (game form, forma strategica, forma matriciale, forma estesa), motivando la scelta fatta. Successivamente dire se, avendo la possibilità di scegliere, conviene giocare per primi. (b) Siano n = 29 e p = 5. Dire se, avendo la possibilità di scegliere, conviene giocare per primi. (c) Stabilire, al variare di n e p, quali sono i casi in cui conviene giocare per primi. (a) Trattandosi di un gioco in cui si gioca alternativamente e poiché il numero di turni è contenuto, è preferibile la rappresentazione in forma estesa, mediante l albero di Kuhn. Vince chi fa la prima mossa (lo si può dedurre mediante induzione a ritroso). (b) Vince chi fa la prima mossa. (c) Vince chi fa la prima mossa se e solo se il resto della divisione fra n e p + 1 è 1. Una descrizione del gioco dei fiammiferi si trova su: [F. Patrone, Decisori razionali interagenti], pag Due versioni giocabili online del gioco si trovano su: fiammiferi/fiammife.htm fiammiferi/fiammife9.htm 4. Determinare la strategia ottimale nei seguenti giochi: (a) (b) (0, 0) (5, 5) (6, 6) (2, 2) (0, 0) (5, 5) (5, 5) (2, 2) 5. Si consideri il seguente gioco, da svolgere fra gli studenti presenti in aula. Scrivete su un foglio un numero intero non negativo, facendo attenzione che i vostri compagni non vedano il numero che scrivete. Se scrivete 0 significa che non volete partecipare al gioco. Se scrivete un numero intero positivo significa che intendete partecipare. In tal caso vince chi scrive il numero più alto. Il premio è un bonus, sul punteggio dell esame, pari al reciproco del numero vincente. In caso di parità i vincitori si divideranno il bonus in parti uguali. Dopo aver giocato, discutere l esito del gioco (in particolare, evidenziare quali delle ipotesi standard della Teoria dei Giochi sono verificate, quali potrebbero essere le funzioni di utilità dei vari giocatori, quali potrebbero essere le strategie ottimali, ecc.) È risultato vincitore lo studente BERTOLINO che, scrivendo il numero 100, ed essendo colui che ha scritto il numero più alto, ha guadagnato un bonus di 0.01 punti sul voto dell esame.

5 5 6. Discutere il seguente gioco: (6, 6) (2, 9) (9, 2) (0, 0) Questo gioco è stato proposto solo come controesempio ad alcune affermazioni fatte in aula relativamente agli equilibri correlati (nel gioco precedente era nata una discussione interessante al riguardo, poiché alcuni di voi si domandavano se potesse essere di qualche utilità l utilizzo di un mediatore ). 7. Due importatori A e B operano in regime di duopolio e importano lo stesso prodotto, da vendere nello stesso mercato. Essi devono decidere la quantità di prodotto da importare (e quindi da immettere sul mercato), in modo da massimizzare il proprio profitto. Siano x ed y le quantità importate da A e B, e sia q = x + y la quantità totale importata. Si supponga che, in virtù della legge della domanda e dell offerta, il prezzo unitario sia 50 q (in migliaia di Euro), per 0 q 50. Si trascuri il caso q > 50 (per tali valori il mercato diventa talmente saturo da rendere nullo il valore di mercato del prodotto). Si supponga che il costo per importare una unità del prodotto sia 2 (migliaia di Euro). (a) Si supponga che nel mercato non vi siano normative antitrust e che le due imprese decidano di stipulare un accordo per dividersi in parti uguali il mercato (rendendolo di fatto un regime di monopolio). Qual è la quantità che le due imprese devono importare per massimizzare il profitto? (b) Si supponga che nel mercato vi siano normative antitrust e che i due importatori siano in concorrenza (modello di duopolio di Cournot). Determinare la strategia ottimale che esse devono adottare per massimizzare il proprio profitto dimostrando, in particolare, che essa corrisponde all unico equilibrio di Nash del problema in oggetto. (c) Ritrovare il risultato precedente mediante eliminazione iterata di strategie fortemente dominate. (d) Si supponga, ora, che i due importatori operino in concorrenza, ma che debbano prendere la propria decisione in tempi differenti (modello di duopolio di Stackelberg). Entrambi sanno di operare in regime di duopolio, ma l importatore A deve decidere per primo quale quantità importare, mentre l importatore B può prendere la sua decisione solo dopo che A ha preso (e reso pubblica) la sua. Prima di effettuare calcoli cercare di intuire se queste regole favoriscono l importatore A (che ha il vantaggio di fare la prima mossa ) o l importatore B (che ha il vantaggio di prendere la propria decisione conoscendo già quella di A). Successivamente determinare le strategie ottimali dei due importatori. (e) Compilare una tabella di riepilogo in cui, per ognuna delle casistiche esaminate (monopolio, duopolio di Cournot, duopolio di Stackelberg), vengono indicate le quantità immesse sul mercato, il prezzo di vendita ed i profitti realizzati dagli importatori. Quale delle tre casistiche è la più conveniente e quale è la meno conveniente per il consumatore? Quale delle tre casistiche è la più conveniente e quale è la meno conveniente per l importatore A? Quale delle tre casistiche è la più conveniente e quale è la meno conveniente per l importatore B?

6 6 (f) (domanda proposta) Siano a e c due costanti reali, con a > c. Rispondere alle domande (a)-... -(e) nel caso generale: si supponga che il prezzo di vendita unitario sia a q, per 0 q a, e che il costo per importare una unità del prodotto sia c. (g) (domanda proposta; si tratta di una domanda indipendente dal problema esaminato nelle domande precedenti). Un associazione di consumatori presenta una denuncia, all Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, perché esiste un certo prodotto che viene venduto allo stesso prezzo da tutte le imprese che lo commercializzano. L associazione ritiene che le imprese non si stiano facendo una reale concorrenza e ritiene che il fatto che tutte vendano il prodotto allo stesso prezzo sia una dimostrazione inequivocabile del fatto che si sono accordate sottobanco in violazione delle normative antitrust. Se voi foste un giudice riterreste fondato il sospetto dell associazione e le motivazioni addotte? (a) x = y = 12 (b) x = y = 16 (c) x = y = 16 (d) x = 24, y = 12 (e) Nella seguente tabella sono indicati i dati richiesti: monopolio duopolio di Cournot duopolio di Stackelberg strategia di A strategia di B produzione totale prezzo profitto di A profitto di B Si noti che: Per il consumatore: la situazione più conveniente è il duopolio di Stackelberg la situazione meno conveniente è il monopolio Per l importatore A: la situazione più conveniente è, equivalentemente, il monopolio o il duopolio di Stackelberg la situazione meno conveniente è il duopolio di Cournot Per l importatore B: la situazione più conveniente è il monopolio la situazione meno conveniente è il duopolio di Stackelberg (f) La risoluzione completa dell esercizio, nel caso generico, si può trovare su: razionali interagenti/duopolio/duopolio.pdf

7 7 (g) Il fatto che un prodotto venga venduto allo stesso prezzo da tutte le imprese che lo commercializzano non è, di per sé, un indizio di accordo sottobanco : è normale che i venditori tendano ad allinearsi a quello che è il prezzo di mercato. Se si vuole dimostrare che si è in presenza di un accordo sottobanco bisogna dimostrare qualcosa di più, cioè che il prezzo è troppo alto. Ad esempio, se il prodotto incriminato fosse quello trattato nelle domande (a)-... -(e), si potrebbe dire che: se si riscontra sul mercato un prezzo di circa 18 Euro da parte di entrambi i venditori, non si può certo concludere che vi sia stato un accordo: si tratta del prezzo corretto previsto dal modello di Cournot se si riscontra sul mercato un prezzo di circa 26 Euro da parte di entrambi i venditori, ci sono buoni motivi per supporre che vi sia stato un accordo, visto che si tratta del prezzo previsto in regime di monopolio. La risoluzione completa dell esercizio, nel caso generico, si può trovare su: razionali interagenti/duopolio/duopolio.pdf 8. Si consideri il gioco a 2 giocatori le cui regole sono le seguenti. La prima mossa spetta al giocatore A. Egli può dire passo (in tal caso il gioco passerà a B, che dovrà fare la propria mossa), oppure chiudo (in tal caso il gioco si conclude immediatamente). Qualora il giocatore A abbia detto passo, toccherà al giocatore B fare la seconda mossa. B, a sua volta, può dire passo (in tal caso il gioco passerà nuovamente ad A, che dovrà fare la terza mossa), oppure chiudo (in tal caso il gioco si conclude immediatamente). Qualora il giocatore B abbia detto passo, toccherà al giocatore A fare la seconda mossa, ed il gioco prosegue in questo modo. Qualora si arrivi alla 199-esima mossa (cioè alla 100-esima mossa del giocatore A), il giocatore A è obbligato a dire chiudo. Le vincite dei giocatori dipendono dalla mossa in cui si conclude il gioco. Se il gioco si conclude alla n-esima mossa (n è un intero compreso fra 1 e 199), allora: se n è dispari (cioè se è il giocatore A a dire chiudo ), i giocatori vincono (n + 1)/2 Euro ciascuno; se n è pari (cioè se è il giocatore B a dire chiudo ), il giocatore A vince (n 2)/2 Euro ed il giocatore B vince (n + 4)/2 Euro. Disegnare l albero di Kuhn del gioco e risolverlo, mediante induzione a ritroso. La soluzione del gioco che si trova mediante induzione a ritroso è (1, 1) (il giocatore A dice chiudo alla prima mossa). Questo gioco prende il nome di centipede. Una discussione più approfondita del gioco (ed in particolare del fatto che la soluzione che si trova mediante induzione a ritroso è, evidentemente, poco soddisfacente per entrambi i giocatori) si può trovare su:

8 8 razionali interagenti/forma estesa/spe e perfetti.pdf [F. Patrone, Decisori razionali interagenti], Problema 22, pag htm 9. Consideriamo il seguente gioco fra due giocatori. Si tratta di una versione stilizzata e semplificata di una mano di Poker, che si svolge con le seguenti regole. Per prima cosa i due giocatori A e B mettono nel piatto 20 Euro ciascuno. Successivamente il giocatore A estrae una carta da un mazzo standard di 52 carte e la guarda, senza mostrarla a B. La carta è vincente se è di cuori ed è perdente se è di quadri, fiori o picche. Il giocatore A può decidere di: mostrare subito la carta al giocatore B (in tal caso il gioco si conclude subito e il contenuto del piatto è vinto da A se la carta è di cuori, ed è vinto da B se la carta non è di cuori); effettuare un rilancio, mettendo nel piatto altri 40 Euro. Qualora il giocatore A abbia rilanciato, il giocatore B può decidere di: accettare il rilancio, mettendo anch egli 40 Euro nel piatto (in tal caso A dovrà mostrare la carta: il contenuto del piatto è vinto da A se la carta è di cuori, ed è vinto da B se la carta non è di cuori); abbandonare il gioco (in tal caso il giocatore A vince il contenuto del piatto a prescindere dalla carta estratta, che non viene mostrata a B). Rispondere alle seguenti domande. (a) Disegnare l albero di Kuhn del gioco. In particolare: individuare la radice, i nodi intermedi ed i nodi terminali (in corrispondenza dei nodi terminali indicare le utilità dei giocatori); dire quali sono gli insiemi di informazione ed i giocatori a cui corrispondono; dire se il gioco è ad informazione completa, ad informazione perfetta, a memoria perfetta; dire quali, fra i nodi intermedi, sono radici di sottogiochi. (b) Dire quante e quali sono le strategie comportamentali che possono adottare i due giocatori. (c) Scrivere la rappresentazione matriciale del gioco in forma strategica. (d) Eliminare eventuali strategie dominate (anche non fortemente). (e) Individuare la strategia ottimale del giocatore B. (f) Individuare la strategie ottimale del giocatore A. (g) Calcolare l esito atteso del gioco. (a) L albero è costituito da 11 nodi:

9 9 (b) (c) - 1 radice 4 nodi intermedi 6 nodi terminali Vi sono: 2 insiemi di informazione per il giocatore A (ognuno dei quali è costituito da un singolo nodo) 1 insieme di informazione per il giocatore B (costituito da 2 nodi) 1 insieme di informazione per la sorte (costituito dalla radice dell albero) Il gioco: è ad informazione completa non è ad informazione perfetta è a memoria perfetta Nessuno dei nodi intermedi è radice di un sottogioco. Il giocatore A può adottare 2 strategie comportamentali, descritte da una coppia (x, y) [0, 1] [0, 1], da interpretare nel seguente modo: se prendo una carta vincente, rilancio con probabilità 1 x, e se esce una carta perdente rilancio con probabilità y. Il giocatore B può adottare 1 strategie comportamentali, descritte da un numero z [0, 1], da interpretare nel seguente modo: se A rilancia, abbandono il gioco con probabilità z. (d) Vi sono due strategie dominate (ma non fortemente). Si tratta delle due strategie del giocatore A che prevedono di non rilanciare qualora sia stata estratta la carta vincente. Eliminare queste due strategie equivale ad assumere che A restringa la propria scelta alle strategie comportamentali con x = 0. (e) Supponendo che A adotti la strategia comportamentale (0, y), la miglior risposta che può dare B è: la strategia z = 0 se y < 1 6 la strategia z = 1 se y > 1 6 qualunque strategia z [0, 1] se y = 1 6 (f) La miglior strategia che può adottare A è (0, 1 6 ). (g) L sito previsto del gioco è che: A adotti la strategia ottimale (0, 1 6 ) B risponda con la miglior risposta possibile (che, in questo caso, corrisponde a qualunque z [0, 1]) l utilità attesa per A è una perdita di 5 Euro l utilità attesa per B è un guadagno di 5 Euro Pertanto l unico dei due giocatori che può influenzare l esito del gioco con la propria scelta è A: se egli fa la sua scelta ottimale, la strategia adottata da B non influenza le utilità attese dei due giocatori. Un osservazione finale: è evidente che, se ha la possibilità di scegliere, A non giocherà mai ad un gioco di questo tipo: qualunque scelta egli faccia non riuscirà mai ad ottenere un utilità attesa positiva.

10 10 Per le definizioni formali sui giochi in forma estesa si può consultare: estesa/def formale forma estesa.pdf Una descrizione di un gioco simile a quello proposto si trova su: semplificato bluff.pdf Una pagina web in cui è possibile giocare una simulazione di un gioco simile a quello proposto è: semplificato bluff.htm 10. Si consideri il gioco del guidatore ubriaco (detto anche gioco di Isbell). Per il testo si veda a pagina 11 di estesa/def formale forma estesa.pdf (a) Disegnare l albero di Kuhn del gioco. Dire se il gioco è a memoria perfetta. (b) (Domanda proposta, non svolta in aula). Determinare la strategia ottimale. (a) Il gioco non è a memoria perfetta. (b) La strategia ottimale è: ad ogni bivio svoltare con probabilità 1/2. Abbiamo introdotto questo gioco, in aula, per mostrare un esempio di gioco non a memoria perfetta. Per maggiori dettagli sul gioco e sulla strategia ottimale da adottare si può consultare: [F. Patrone, Decisori razionali interagenti], pag. 24 estesa/def formale forma estesa.pdf

Teoria dei Giochi non Cooperativi

Teoria dei Giochi non Cooperativi Politecnico di Milano Descrizione del gioco Egoismo Razionalità 1 L insieme dei giocatori 2 La situazione iniziale 3 Le sue possibili evoluzioni 4 I suoi esiti finali I Giochi della teoria Perché studiare

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 9 marzo 2010 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2010.html TEOREMI DI ESISTENZA TEOREMI DI ESISTENZA Teorema

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 8 marzo 2012 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2012.html DECISORI RAZIONALI INTERAGENTI di Fioravante Patrone,

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

GIUSTIFICARE LE RISPOSTE. Non scrivere la soluzione di esercizi diversi su uno stesso foglio.

GIUSTIFICARE LE RISPOSTE. Non scrivere la soluzione di esercizi diversi su uno stesso foglio. Teoria dei giochi applicata alle scienze sociali Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale, Politecnico di MI, 2006/07 I prova intermedia, 19 dicembre 2006, foglio A Tempo: 2 ore e 1/2; risolvere 3

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi

Teoria dei Giochi. Teoria dei Giochi Teoria dei Giochi E uno strumento decisionale, utile per operare previsioni sul risultato quando un decisore deve operare in concorrenza con altri decisori. L ipotesi principale su cui si basa la TdG è

Dettagli

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi

TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi TEORIA DEI GIOCHI Parte 2 Matematica nella realtà Università Bocconi Roberto Lucchetti - Politecnico di Milano 17 Dicembre 2010 Giochi in forma estesa, fino a Zermelo Un modo matematico per descrivere

Dettagli

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1

Teoria dei giochi. 1. Introduzione ed esempi. Slides di Teoria dei Giochi, Vincenzo Cutello 1 Teoria dei giochi 1. Introduzione ed esempi Vincenzo Cutello 1 Cos è la teoria dei giochi? Da Wikipedia: La teoria dei giochi è la scienza matematica che analizza situazioni di conflitto e ne ricerca soluzioni

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo

Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em modalità torneo Scopo del gioco Lo scopo del gioco Pokerclub Texas Hold em è riuscire a tenere per sé tutte le chips. Man mano che i giocatori finiscono le chips

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea

Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Testo alla base del Pitgame redatto dal prof. Yvan Lengwiler, Università di Basilea Funzionamento di un mercato ben organizzato Nel Pitgame i giocatori che hanno poche informazioni private interagiscono

Dettagli

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione

Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Equilibrio bayesiano perfetto. Giochi di segnalazione Appunti a cura di Stefano Moretti, Silvia VILLA e Fioravante PATRONE versione del 26 maggio 2006 Indice 1 Equilibrio bayesiano perfetto 2 2 Giochi

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Probabilità discreta

Probabilità discreta Probabilità discreta Daniele A. Gewurz 1 Che probabilità c è che succeda...? Una delle applicazioni della combinatoria è nel calcolo di probabilità discrete. Quando abbiamo a che fare con un fenomeno che

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

TICHU NANJING (per 4 giocatori)

TICHU NANJING (per 4 giocatori) TICHU NANJING (per 4 giocatori) Le carte Sono di quattro tipi (Jade/Sword/Pagoda/Star) (Giada-verde/Spada-nero/Pagoda-blu/Stella-rosso) di 13 valori ognuna che corrispondono alle carte del Poker. L Asso

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 5 marzo 25 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo25.html MODALITÀ DI ESAME È previsto un appello alla fine

Dettagli

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco

Scopa. Scopone. Il Torneo. Il Gioco Scopa Il Torneo Il toreo di scopa viene solitamente organizzato in incontri ad eliminazione diretta due contro due (va quindi utilizzato il tabellone ad eliminazione diretta). Non è consentito parlare

Dettagli

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico):

CARTE. Regolamento Belote. Regole del gioco: Determinazione del seme di briscola (Belote classico): CARTE aggiornato al 25/06/2014 Entrambe le gare di carte si svolgeranno presso il salone Polivalente di Pinasca. Entrambe le gare saranno giocate da giocatori in coppia, la coppia può essere diversa nelle

Dettagli

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali:

Teoria dei Giochi. In generale è possibile distinguere i giochi in due classi principali: Teoria dei Giochi Dr. Giuseppe Rose (Ph.D., M.Sc., London) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea Magistrale in Economia Applicata a.a 2011/2012 Handout 1 1 Nozioni introduttive La teoria

Dettagli

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014

In Action with Math. Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi. Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti. 5 novembre 2014 In Action with Math Competizione e Strategia: Teoria dei Giochi Giulia Bernardi, Roberto Lucchetti 5 novembre 2014 1 / 16 Roulette russa Altri esempi Teorema di Zermelo Descrizione del gioco Due giocatori

Dettagli

Regolamento di gioco di PokerClub

Regolamento di gioco di PokerClub Regolamento di gioco di PokerClub Obiettivo del gioco Lo scopo del poker Texas Holdem è avere la migliore mano con cinque carte, usando la combinazione delle due carte coperte personali e le cinque carte

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno

STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE. Vincenzo Auletta Università di Salerno STRUTTURA DELLE RETI SOCIALI ASTE Vincenzo Auletta Università di Salerno ASTE Le aste (auctions) sono un altro importante ambito in cui possiamo applicare il framework della teoria dei giochi Come devo

Dettagli

Laboratorio di dinamiche socio-economiche

Laboratorio di dinamiche socio-economiche Dipartimento di Matematica Università di Ferrara giacomo.albi@unife.it www.giacomoalbi.com 21 febbraio 2012 Seconda parte: Econofisica La probabilità e la statistica come strumento di analisi. Apparenti

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte II Giochi strategici a somma zero Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Alice e Bruno

Dettagli

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete.

Per poter affrontare il problema abbiamo bisogno di parlare di probabilità (almeno in maniera intuitiva). Analizziamo alcune situazioni concrete. Parliamo di probabilità. Supponiamo di avere un sacchetto con dentro una pallina rossa; posso aggiungere tante palline bianche quante voglio, per ogni pallina bianca che aggiungo devo pagare però un prezzo

Dettagli

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012

ESERCITAZIONE 1. 15 novembre 2012 ESERCITAZIONE 1 Economia dell Informazione e dei Mercati Finanziari C.d.L. in Economia degli Intermediari e dei Mercati Finanziari (8 C.F.U.) C.d.L. in Statistica per le decisioni finanziarie ed attuariali

Dettagli

La teoria dell utilità attesa

La teoria dell utilità attesa La teoria dell utilità attesa 1 La teoria dell utilità attesa In un contesto di certezza esiste un legame biunivoco tra azioni e conseguenze: ad ogni azione corrisponde una e una sola conseguenza, e viceversa.

Dettagli

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado)

PROBABILITA. Sono esempi di fenomeni la cui realizzazione non è certa a priori e vengono per questo detti eventi aleatori (dal latino alea, dado) L esito della prossima estrazione del lotto L esito del lancio di una moneta o di un dado Il sesso di un nascituro, così come il suo peso alla nascita o la sua altezza.. Il tempo di attesa ad uno sportello

Dettagli

VINCERE AL BLACKJACK

VINCERE AL BLACKJACK VINCERE AL BLACKJACK Il BlackJack è un gioco di abilità e fortuna in cui il banco non può nulla, deve seguire incondizionatamente le regole del gioco. Il giocatore è invece posto continuamente di fronte

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

I N T R O D U Z I O N E

I N T R O D U Z I O N E REGOLAMENTO INTRODUZIONE Anno Domini è un gioco di strategia e conquista. ambientato nel medioevo. Il miglior modo per imparare a giocare è quello di leggere attentamente il regolamento, passo dopo passo.

Dettagli

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni

Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Corso di ELEMENTI DI STATISTICA Alcuni problemi di probabilità, con soluzioni Si tratta di problemi elementari, formulati nel linguaggio ordinario Quindi, per ogni problema la suluzione proposta è sempre

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

La teoria dei giochi non cooperativi

La teoria dei giochi non cooperativi La teoria dei giochi non cooperativi Kreps: "Microeconomia per manager" 1 Ci occuperemo soltanto di giochi non cooperativi: l unità d analisi è il singolo giocatore che cerca di compiere le scelte per

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 26 marzo 2015 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2015.html COOPERAZIONE Esempio: strategie correlate e problema

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

La varianza nel poker THE. Indice

La varianza nel poker THE. Indice La varianza nel poker THE Indice 1. Introduzione 2. La definizione di varianza 3. La varianza nel poker THE 4. Cause della varianza 5. Simulatore della varianza 6. Conclusioni (1) Introduzione In questo

Dettagli

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI

WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI WERNER GÜTH Max Planck Institute of Economics Jena, Germany INTERSEZIONI DI: INFORMAZIONI INCOMPLETE, RAZIONALITÀ LIMITATA E SUGGERIMENTI ESTERNI 1. Problemi di informazione 2. Tipi di incertezza 3. Avere

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA

LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE MATEMATICA LE BOTTEGHE DELL INSEGNARE Report dei lavori svolti durante la Convention Protagonisti nella scuola per la crescita della società Bologna 13-14 ottobre 2012 MATEMATICA Matematici, mettiamoci in gioco Responsabile

Dettagli

Che cos è la politica?

Che cos è la politica? Che cos è la politica? Giovanni Carbone, Università degli Studi di Milano da: Clark Golder Golder, Principi di scienza politica, McGrawHill, 2011 Che cosa è la politica? Potere (sociale): capacità di un

Dettagli

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6

Introduzione. Margine di ampiezza... 2 Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di Bode... 6 ppunti di Controlli utomatici Capitolo 7 parte II Margini di stabilità Introduzione... Margine di ampiezza... Margine di fase... 5 Osservazione... 6 Margini di stabilità e diagrammi di ode... 6 Introduzione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini

Giochi ripetuti. Gianmaria Martini Giochi ripetuti Gianmaria Martini INTRODUZIONE In molte situazioni strategiche l elemento temporale ha un ruolo rilevante, nel senso che le scelte vengono ripetute nel tempo. I giochi ripetuti studiano

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Capitolo 4 Probabilità

Capitolo 4 Probabilità Levine, Krehbiel, Berenson Statistica II ed. 2006 Apogeo Capitolo 4 Probabilità Insegnamento: Statistica Corso di Laurea Triennale in Economia Facoltà di Economia, Università di Ferrara Docenti: Dott.

Dettagli

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa

Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Economia Pubblica Giochi con informazione incompleta e Selezione Avversa Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline Equilibrio di Nash

Dettagli

Game Information for Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold. Viper Casinos Table Games

Game Information for Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold. Viper Casinos Table Games Game Information for Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold Viper Casinos Table Games Table of Contents Texas Hold'em Bonus Poker serie Gold... 3 Vincite della partita... 3 Regole del gioco... 7 Regole di

Dettagli

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale;

Introduzione all informazione asimmetrica. Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Introduzione all informazione asimmetrica Informazione imperfetta; Informazione nascosta; Selezione avversa; Azione nascosta; Azzardo morale; Informazione imperfetta Virtualmente ogni transazione economica

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

I COLORI DELLE CARTE ( SUITS )

I COLORI DELLE CARTE ( SUITS ) Il Pyramid è un gioco di carte giocato nella serie originale di Battlestar Galactica. Nella nuova serie non è scomparso ma viene chiamato Full Colors mentre il termine Pyramid è ora riferito ad uno sport

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Pokerclub Texas Hold em Cash Game

Pokerclub Texas Hold em Cash Game Regole di gioco Pokerclub Texas Hold em Cash Game Scopo del gioco Il gioco Pokerclub Texas Hold em è offerto, nella modalità di gioco Tavoli Cash, nel quale le vincite sono assegnate sulla base dei risultati

Dettagli

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi

Una breve introduzione alla Teoria dei Giochi Una breve introduzione alla Teoria Stefano GAGLIARDO Dipartimento di Matematica - Università degli studi di Genova Stage DIMA - 19/04/2011 (DIMA, UNIGE) 19/04/2011 1 / 74 Outline 1 Un po di storia 2 La

Dettagli

Come si analizza un gioco

Come si analizza un gioco Come si analizza un gioco Parte III Giochi strategici a somma qualsiasi Alberto Abbondandolo Filippo Giuliani Alessandro Montagnani Università di Pisa Settimana di orientamento in Matematica 2010 Il dilemma

Dettagli

Vincere a testa o croce

Vincere a testa o croce Vincere a testa o croce Liceo B. Russell - Cles (TN) Classe 3D Insegnante di riferimento: Claretta Carrara Ricercatrice: Ester Dalvit Partecipanti: Alessio, Christian, Carlo, Daniele, Elena, Filippo, Ilaria,

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite

0 ) = lim. derivata destra di f in x 0. Analogamente, diremo che la funzione f è derivabile da sinistra in x 0 se esiste finito il limite Questo breve file è dedicato alle questioni di derivabilità di funzioni reali di variabile reale. Particolare attenzione viene posta alla classificazione dei punti di non derivabilità delle funzioni definite

Dettagli

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione

PROBLEMI DI SCELTA. Problemi di. Scelta. Modello Matematico. Effetti Differiti. A Carattere Continuo. A più variabili d azione (Programmazione 1 PROBLEMI DI SCELTA Problemi di Scelta Campo di Scelta Funzione Obiettivo Modello Matematico Scelte in condizioni di Certezza Scelte in condizioni di Incertezza Effetti Immediati Effetti Differiti Effetti

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che:

Esercizio 1 Dato il gioco ({1, 2, 3}, v) con v funzione caratteristica tale che: Teoria dei Giochi, Trento, 2004/05 c Fioravante Patrone 1 Teoria dei Giochi Corso di laurea specialistica: Decisioni economiche, impresa e responsabilità sociale, A.A. 2004/05 Soluzioni degli esercizi

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Scelte in condizione di incertezza

Scelte in condizione di incertezza Scelte in condizione di incertezza Tutti i problemi di decisione che abbiamo considerato finora erano caratterizzati dal fatto che ogni possibile scelta dei decisori portava a un esito certo. In questo

Dettagli

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi

Multiagent systems. Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Multiagent systems Sistemi i di Agenti Christian Schunck, Ph.D. UD 1.2: Esempi di Giochi Christian Schunck,Ph.D. Multiagent Systems Sistemi di Agenti UD 1.1 30/03/2010 Dia 2 TIPOLOGIE DI GIOCHI SOMMA COSTANTE/NON

Dettagli

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P 1 0-3 3 1. il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di

Dettagli

Si considerino gli eventi A = nessuno studente ha superato l esame e B = nessuno studente maschio ha superato l esame. Allora A c B è uguale a:

Si considerino gli eventi A = nessuno studente ha superato l esame e B = nessuno studente maschio ha superato l esame. Allora A c B è uguale a: TEST DI AUTOVALUTAZIONE - SETTIMANA 2 I diritti d autore sono riservati. Ogni sfruttamento commerciale non autorizzato sarà perseguito. Metodi statistici per la biologia 1 Parte A 1.1 Si considerino gli

Dettagli

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo

Statistica 1. Esercitazioni. Dott. Luigi Augugliaro 1. Università di Palermo Statistica 1 Esercitazioni Dott. 1 1 Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche S. Vianelli, Università di Palermo ricevimento: lunedì ore 15-17 mercoledì ore 15-17 e-mail: luigi.augugliaro@unipa.it

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Matematica e giochi di gruppo

Matematica e giochi di gruppo Matematica e giochi di gruppo Possiamo riempire di contenuti matematici situazioni di piccola sfida personale, situazioni di giochi di società. Di seguito proponiamo attività che affrontano i seguenti

Dettagli

Esercizi di Ricerca Operativa II

Esercizi di Ricerca Operativa II Esercizi di Ricerca Operativa II Raffaele Pesenti January 12, 06 Domande su utilità 1. Determinare quale è l utilità che un giocatore di roulette assegna a 100,00 Euro, nel momento che gioca tale cifra

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012

Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Cognome, Nome, Corso di Laurea, email: Teoria dei Giochi Prova del 30 Novembre 2012 Esercizio 1. Si consideri il seguente gioco. Il primo giocatore può scegliere un numero tra {1,3,,6}; il secondo giocatore

Dettagli

Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2014/2015

Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2014/2015 Regolamento Lega FantaGranPremio Edizione 2014/2015 REGOLA 1: OGGETTO DEL GIOCO 1. Il fantacalcio è una simulazione del gioco del calcio, che permette di gestire una squadra virtuale (fantasquadra), formata

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Double Bonus Poker - Regole di Gioco

Double Bonus Poker - Regole di Gioco Double Bonus Poker - Regole di Gioco Come giocare Il gioco Double Bonus Poker utilizza un mazzo francese da 52 carte, e scopo del gioco è ottenere una combinazione pari o superiore alla coppia di Fanti

Dettagli

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria

Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Il mercato assicurativo: selezione avversa, fallimenti del mercato, menù di contratti, assicurazione obbligatoria Esercizio 1 Ci sono 2000 individui ciascuno con funzione di utilità Von Neumann-Morgestern

Dettagli

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone

Decisioni in condizioni di rischio. Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Roberto Cordone Decisioni in condizioni di rischio Rispetto ai problemi in condizioni di ignoranza, oltre all insieme Ω dei possibili scenari, è nota una funzione di

Dettagli

Elementi di economia Economia dell informazione

Elementi di economia Economia dell informazione Elementi di economia Economia dell informazione Dott.ssa Michela Martinoia michela.martinoia@unimib.it Corso di laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale A.A. 2014/15 Informazione completa Significa

Dettagli

La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri

La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri La probabilità frequentista e la legge dei grandi numeri La definizione di probabilità che abbiamo finora considerato è anche nota come probabilità a priori poiché permette di prevedere l'esito di un evento

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli