Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Economia"

Transcript

1 Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia e Management Tesi in Economia e Gestione della Innovazione INNOVAZIONE ED EMPOWERMENT NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE Il caso della filiera degli smartphones e dei loro accessori Il Relatore Chiar.mo Prof. Corrado Cerruti Il laureando Nardi Gjergji Anno accademico 2011/2012

2 Non c è mai una seconda occasione per fare un buona prima impressione Ai miei genitori 1

3 Indice CAPITOLO 1 PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE 1.1 Il prodotto del commercio. L importanza del trade Filiera e canale distributivo Grande Distribuzione e Distribuzione Organizzata. La GDO Le formule commerciali Il dettagio grocery e non grocery. I category killer Le centrali d acquisto e le supercentrali...15 CAPITOLO 2 L EMPOWERMENT IN AZIENDA 2.1 Inquadrare l empowerment Perché sforzarsi di passare all empowerment? Cos è l empowerment? Quanto costa passare all empowerment? I concetti fondamentali che permettono di compiere il viaggio verso l empowerment Le tre chiavi dell empowerment Le tre fasi del processo di transizione verso l empowerment Il modello di Leadership Situazionale II

4 CAPITOLO 3 L EMPOWERMENT NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE 3.1 La gestione delle risorse umane. Il venditore Le attività che caratterizzano la vendita relazionale Il ruolo del venditore e le sue competenze Un piano d intervento per lo sviluppo delle competenze I motivi dell intervento Gli obiettivi dell intervento Gli ambiti dell intervento Gli argomenti dell intervento Il metodo dell intervento Tempi e durata dell intervento L importanza dei servizi di coinvolgimento dell acquirente e la loro rivisitazione in ottica empowerment L'aggiornamento delle competenze come orientamento all'empowerment: alcune testimonianze Le rotture di stock e le conseguenze del fenomeno Out of stock : la terza volta è fatale...49 CONCLUSIONI 51 Riferimenti bibliografici...53 RINGRAZIAMENTI 56 3

5 SINTESI La aziende operanti nell ambito della distribuzione di elettronica di largo consumo, si sono trovate negli ultimi due/tre anni a vivere un periodo di fortissima innovazione tecnologica. La nascita dello smartphone, ad opera di Apple e seguita poi dagli altri brand, ha aperto un nuovo e vasto mercato nell ambito della telefonia mobile che sembrava aver raggiunto un livello di maturità del prodotto ed una domanda stabile da parte dei consumatori. L irruzione dello smartphone nella vita del consumatore, accentuata dal boom dei social networks, ha in primis stravolto le gerarchie dei brand precedenti, basti pensare al caso Nokia la quale si trova ad essere follower in un mercato che aveva guidato per più di 10 anni. L altra implicazione della nascita degli smartphone è legata alle caratteristiche che porta con se il prodotto in quanto innovativo per produttori, distributori e consumatori. In questa ricerca vogliamo soffermarci sugli attori più a valle della filiera. La rete distributiva è il perno attorno al quale ruota il successo di tale prodotto. È di fondamentale importanza la capacità degli addetti vendita di seguire il consumatore dalla selezione, al primo utilizzo del prodotto passando per la spiegazione delle varie app e delle modalità di aggiornamento dei sistemi operativi dello smartphone. Alla luce di queste considerazioni, risulta di primaria importanza un aggiornamento continuo delle competenze e delle capacità del personale impiegato nelle vendite. Le catene di distribuzione devono seguire metodi di empowerment del personale, se vogliono raccogliere con successo la vasta domanda di smartphone che oggi il mercato presenta. Questo lavoro è una raccolta di contributi dei vari autori della letteratura manageriale che confluiscono nell idea di una distribuzione più performante, più empowered. Inoltre, la tesi contiene delle testimonianze da alcune insegne category killer e si chiude con un accenno al fenomeno delle rotture di stock. 4

6 CAPITOLO 1 PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE 1.1 Il prodotto del commercio. L importanza del trade Quando pensiamo all industria automobilistica è agevole immaginare quale sia il prodotto base, che deriva da tale settore dell economia, è chiarissimo il riferimento alle automobili. Lo stesso possiamo dire relativamente al settore alberghiero: anche in tal caso risulta intuitivo capire quale sia il prodotto che si ottiene da questo settore. E intuitivo, quindi, capire come il settore alberghiero produca posti di alloggio per gli individui i quali, per più svariati motivi, si trovano a dover soggiornare in luoghi lontani dalla propria dimora abituale. Con riferimento al settore del commercio è necessario fare un piccolo sforzo di immaginazione per capire quale sia il suo prodotto. Definendo gli scambi come il mezzo tramite il quale opera il settore commerciale, possiamo capire qual è la funzione che svolge il commercio, qual è il prodotto del commercio. Esso consiste, pertanto, nella distribuzione dei beni che sono stati prodotti dall industria produttiva. Possiamo, in prima battuta, inquadrare la distribuzione come un processo composto da vari passaggi che mirano a rendere disponibile ai consumatori i prodotti che a monte sono stati realizzati dalle industrie di produzione. Facendo riferimento più nello specifico al settore commerciale, esso si presenta come l insieme delle imprese commerciali e rappresenta un comparto fondamentale dell economia. L importanza delle imprese commerciali emerge chiaramente, se si osserva il fatturato che esse sono in grado di sviluppare, spesso maggiore di quello di molte fra le principali aziende di produzione. Nel nostro paese il comparto distributivo impiega circa quattro milioni di addetti in quasi un milione di punti vendita. 5

7 Il settore commerciale rappresenta un comparto determinante dell economia di tutti i paesi evoluti, svolgendo una fondamentale funzione di congiunzione tra i mercati di produzione e quelli di sbocco. Nonostante la sua rilevanza, questo comparto in passato è stato spesso trascurato da chi si occupa di management. Il motivo di tale atteggiamento deriva spesso dall assunto che l intermediario commerciale rappresenta un attore passivo, che rende fisicamente disponibili i prodotti industriali ai consumatori, senza essere in grado di influenzare il rapporto produttore-cliente. Se tale scenario poteva essere realistico fino a qualche decennio fa, le recenti trasformazioni avvenute nel comparto commerciale hanno fatto emergere una crescente autonomia dei distributori nella gestione del rapporto con la clientela, aspetto questo che condizionale performance delle imprese produttive. Inoltre, dato il contatto diretto che avviene tra retailers e domanda finale all interno dei punti vendita, i distributori sono i primi soggetti della supply chain a cogliere i cambiamenti della clientela e a cercare di adattarvisi 1. Alla luce delle considerazioni fatte da S. Castaldo, possiamo notare come la distribuzione abbia assunto un importanza fondamentale nell intero sistema economico del nostro paese. Questo lavoro si prefigge l obiettivo di lanciare nuovi spunti di riflessione in merito a tale importanza. Essendo quello della distribuzione un argomento molto ampio e pieno di sfaccettature, siamo spinti a circoscrivere la nostra ricerca a quella che è la distribuzione di prodotti non alimentari. La ricerca si concentra, più specificamente, sulle Grandi Superfici Specializzate (GSS). Con GSS si intende un esercizio commerciale operante nel comparto non alimentare che fa capo a un impresa che gestisce almeno dieci punti vendita e/o che ha una superficie di vendita superiore a 250 mq 2. All interno delle GSS è possibile individuare molteplici categorie di prodotti, tra cui: l elettronica di consumo (Media World, Euronics, Marco Polo, Trony), gli articoli sportivi (Decathlon), l abbigliamento (Zara), i mobili (Ikea), il bricolage (Leroy Merlin, Castorama), i libri (Mondadori, Feltrinelli) e così via. 1 Castaldo, S Retail & chanel management.il trade pg 3. 2 Castaldo, S Retail & chanel management. L evoluzione del settore commercial in Italia. pg 18 6

8 Fissando come categoria di riferimento quella dell elettronica di largo consumo, andremo ad analizzare in particolare il prodotto smartphone ed i suoi accessori. La scelta non è affatto casuale! Infatti, in una situazione economica generale, in cui gran parte dei mercati registrano una forte contrazione della domanda, quello degli smarphones ha un andamento diametralmente opposto. L innovazione tecnologica, che ha reso il vecchio telefono cellulare un piccolo computer, è stata la forza motrice che ha risollevato un mercato che sembrava ormai aver raggiunto la maturità. La nascita di un prodotto rivoluzionario, che poco ha in comune con il tradizionale telefono cellulare, ha fatto emergere un enorme bacino di domanda che va soddisfatta riorganizzando i precedenti modelli comportamentali del personale di vendita e non solo. La nuova tipologia di prodotto richiede personale di vendita con competenze metodologiche e formazione tecnica più ampie e sempre in aggiornamento. L opportunità imprenditoriale che nasce dalla domanda per questa tipologia di prodotto può essere pienamente colta solo se la distribuzione viene potenziata adottando il concetto di empowerment come stile di gestione delle risorse umane che vi lavorano. Prima di procedere con l esposizione del concetto di empwerment, ci sembra opportuno riprendere quelle che sono le principali caratteristiche della distribuzione commerciale. 1.2 Filiera e Canale distributivo Il processo distributivo viene posto in essere da un complesso di istituzioni economiche differenti, ciascuna delle quali svolge una parte dei compiti necessari per far sì che i beni prodotti siano posti a disposizione dei consumatori o degli utilizzatori finali. Prima di dare una definizione del canale distributivo dobbiamo richiamare alla nostra attenzione il concetto di filiera della distribuzione. Si parla di filiera, facendo riferimento all intero insieme delle organizzazioni che rendono possibile il soddisfacimento del bisogno di possedere un determinato prodotto da parte del consumatore. Si tratta, cioè, 7

9 dell intera concatenazione di tutte le imprese inserite nel complessivo processo di produzione e vendita 3. Riprendendo il concetto di canale distributivo, giova ricordare il contributo di Sergio Sciarelli il quale lo definisce come l insieme di unita operative, interdipendenti, ordinate in sequenza, che svolgono le operazioni distributive necessarie per trasferire la proprietà o il possesso di un bene dal produttore al consumatore o utilizzatore finale 4. In questo modo, ricorda l autore, si genera un importante flusso logistico, di informazioni, di promozioni e monetario al tempo stesso. Il canale di distribuzione è, dunque, la somma delle attività necessarie ad adattare la produzione al consumo. Si tratta di operazioni volte a mettere a disposizione dei consumatori finali i beni nei tempi, nei luoghi e nei modi desiderati da essi. Possiamo allora cercare di trovare le differenze che sussistono tra concetto di filiera e quello di canale di distribuzione. Mentre quest ultimo fa riferimento sostanzialmente alla parte che si concreta nella realizzazione della vendita del prodotto, il concetto di filiere va oltre tale concezione. Il concetto di filiera ingloba quello di canale di distribuzione. Essa fa riferimento ad una più ampia catena della creazione del valore, che include aspetti più ampi della pura vendita di un bene. Una filiera di distribuzione di samrtphones ed accessosi raccoglie in un grande insieme i fornitori dei produttori, i produttori stessi, i distributori ed i consumatori. Un aspetto importante del canale distributivo è la sua relazione con i flussi logistici e informativi, che tanto giovano in un ambito di empowerment di una filiera che tratta un prodotto innovativo come lo smartphone. Il canale viene considerato tradizionalmente come una sequenza di intermediari organizzati in sistema (cannel system) attraverso cui fluiscono merci e informazioni. Queste ultime, che in passato erano considerate secondarie rispetto ai flussi logistici, attualmente assurgono a elemento caratterizzato da elevata criticità. Infatti, ci si è resi conto che gli stessi flussi logistici possono essere 3 Pepe, C Materiale preso dalle Slides del corso Economia e Gestione delle Imprese Commerciali, anno accademico 2011/ Sciarelli, S. e Vona, R Management della Distribuzione Commerciale. I canali di Distribuzione, pg

10 ottimizzati solo in presenza di chiari e tempestivi flussi informativi provenienti dai mercati a valle 5. Procediamo ora, dopo aver inquadrato in termini generali il concetto di canale e filiera, ad analizzare nello specifico le forme aziendali che raggruppano l insieme dei canali distributivi. 1.3 Grande Distribuzione e Distribuzione Organizzata. La GDO Secondo S. Castaldo, le singole imprese commerciali possono essere classificate, in base alla forma aziendale di cui si sono dotate, in: catene integrate, grande distribuzione (GD), gruppi d acquisto e unioni volontarie (DO). Altre dimensioni per la classificazione degli attori dei canali distributivi posso essere relativi anche al livello in cui si collocano, distinguendo in tale caso i canali all ingrosso da quelli al dettaglio. I punti di forza sia della Grande Distribuzione che della Distribuzione Organizzata ruotano attorno al concetto delle grandi quantità trattate. Nel primo caso ci troviamo di fronte ad una grande impresa commerciale che a monte nasce come un organizzazione volta a commercializzare prodotti finiti. Lo svolgimento effettivo dell attività si estrinseca in modo tale che,partendo dal progetto a monte, si creano diverse imprese, che operando sotto insegne differenti, esercitano l attività sotto le linee guida della capogruppo, è il caso di MediaMarket con le insegne MediaWorld e Saturn. Questa formula presuppone la presenza di tanti buyers quanti sono i punti vendita con i quali opera il gruppo ed è prevista una allocazione dei quantitativi in base alla domanda effettiva affrontata dai vari punti vendita, effettuando eventuali trasferimenti da un punto vendita all altro. La Distribuzione Organizzata, invece, è più un fenomeno di aggregazione a valle di diversi venditori, esempio tipico è l insegna Euronics. In questo caso,ci troviamo di fronte a una tipologia di raggruppamento dei dettaglianti, che si riuniscono sotto la stessa insegna. 5 Castaldo, S Retail & Channel Management. La gestione dei canali, pg

11 La contrattazione dei prodotti con i fornitori è fatta da un buyer unico ed i partecipanti alla DO sono tenuti ad acquistare i prodotti che il buyer contratta a monte con i produttori. Viene negata la possibilità ai partecipanti alla DO di poter procedere a una diversa riallocazioni delle quantità ordinate. In moltissime occasioni, di fatto, la distinzione tra le due modalità gestionali va a sfumare quando imprese della Grande Distribuzione tendono a concedere maggiore autonomia ai singoli punti vendita (ad es. sulle campagne d offerta) e i consorzi della Distribuzione Organizzata tendono ad evolvere in forme più capitalistiche. Pertanto, appare corretta una visione unitaria di questo fenomeno economico sotto la comune dizione di Grande Distribuzione Organizzata. Avendo fissato questo tassello importante per quanto riguarda le convergenze delle due strutture, procederemo considerando la Grande Distribuzione Organizzata come nostro oggetto di studio. Tuttavia ci sembra opportuno introdurre un concetto ulteriore, separando le due modalità gestionali. Sia la Grande Distribuzione che la Distribuzione Organizzata possono assumere varie formule commerciali, in base alla tipologia del prodotto che trattano, in base al layout del punto vendita ed altri caratteri che vedremo meglio nei paragrafi successivi. Per ora fissiamo un tassello importante, che sarà di riferimento all intero svolgimento di questa tesi. Ci vogliamo concentrare sulla formula commerciale Category Killer o Superfici Specializzate andando a confrontare come si svolgono le attività, quali differenze e quali aspetti comuni si verificano analizzando un Kategory Killer rappresentante una la GD e uno rappresentante la DO, con continuo riferimento a smartphones ed accessori in particolar modo: a livello di personale addetto alla vendita è possibile riscontrare delle differenze. I players oggetto di questa tesi sono MediaWorld ed Euronics, che sono rispettivamente le superfici specializzate più rappresentative della Grande Distribuzione e della Distribuzione Organizzata nella vendita di prodotti tecnologici di largo consumo nel nostro paese. Analizzando le attività si cerca di rilevare aspetti che lasciano spazio ad un necessario e tempestivo intervento sulla gestione e/o formazione che può avere luogo partendo dall adozione di una cultura di empowerment. La possibilità di creare una cultura di empowerment è alla base della sopravvivenza nel mercato. Rimandiamo al capitolo 10

12 seguente le ulteriori argomentazioni a favore della nostra tesi e ci concentriamo, nel prossimo paragrafo, alle diverse formule commerciali della GDO. 1.4 Le formule commerciali Una formula commerciale è rappresentata da un mix di servizi commerciali, differenti per quantità e qualità, che si accompagnano ai beni venduti e ai prezzi praticati 6. Al terzo capito avremo la possibilità di trattare dell importanza dei servizi commerciali in un ottica di empowerment. E possibile effettuare diverse classificazione delle formule commerciali. In letteratura, sono disponibili diverse classificazioni, che fondamentalmente assumono un carattere funzionale con il tipo di analisi che viene svolta. In questa sede ci interessa indagare su come una formula commerciale risponda a quella che è la domanda del consumatore. Ci preme classificare le formule commerciali in base al comportamento che assume il consumatore a fronte del bisogno di un determinato bene. In letteratura, il comportamento e le azioni che un consumatore mette in pratica dal momento in cui rileva il bisogno per un determinato bene al momento in cui effettua l acquisto, è noto come comportamento d acquisto del consumatore. Tale comportamento può essere Banale o Problematico in base all impegno che il consumatore deve mettere in pratica a finché maturi la scelta del prodotto che più soddisfa il suo bisogno. Dettaglio grocery Dettaglio non grocery Ipermercato Supermercato Minimercato Hard discount Grandi superfici specializzate Grande magazzino Dettaglio ambulante Non store retailing (B) Processo di acquisto (B) Banale 6 Pepe, C Materiale preso dalle Slides del corso Economia e Gestione delle Imprese Commerciali, anno accademico 2011/

13 Dettaglio differenziato Grande magazzino multispecializzato Dettaglio focalizzato (P) (P) Problematico Tabella 1.4 Classificazione delle principali tipologie di commercio al dettaglio 7. La tabella riporta le tipologie di formule commerciali sviluppate utilizzando come criterio di classificazione il comportamento di acquisto del consumatore che, come si è detto, differenzia gli acquisti banali da quelli problematici. Nonostante si tratti di uno schema semplificativo della complessità reale, riteniamo che sia il punto di partenza dal quale introdurre la chiave di lettura con la quale andremo ad indagare la Grande Distribuzione e la Distribuzione Commerciale. Ci concentriamo quindi su quella formula commerciale che è nota come formula delle grandi superfici specializzate(gss), denominate anche con il termine anglosassone kategory killer quando trattano i prodotti di elettronica di consumo. 1.5 Il dettaglio grocery e non grocery. I category killer 8 Se si osserva la realtà del mondo commerciale si può notare una tendenza sempre più marcata verso la standardizzazione di determinati acquisti: la maggiore capacità di analisi e di confronto dei consumatori, unita all esperienza di acquisto, favorisce, infatti, la banalizzazione del processo di ricerca che precede l atto di spesa per un numero sempre crescente di prodotti. In questo profondo mutamento culturale ha origine il successo delle 7 Sciarelli, S. e Vona, R Management della Distribuzione Commerciale. Lo sviluppo della varietà tipologica nel commercio al dettaglio, pg Sciarelli, S. e Vona, R Management della Distribuzione Commerciale. Funzioni di base e dinamica evolutiva delle principali formule distributive in Italia, pg

14 formule despecializzate, che non poteva non avere riflessi sulla domanda di location commerciali, rendendo i costi di questo fondamentale fattore produttivo nei centri urbani, inaccessibili per gran parte degli operatori della distribuzione, costretti ad optare per le più convenienti localizzazioni extraurbane. Se l estensione dell assortimento è stata possibile senza eccessivi rischi e oneri, nei mercati che non presentavano una varietà di esigenze particolarmente elevata, per la maggior parte collegati ad acquisti ricorrenti (alimentari e prodotti per l igiene della persona e della casa), nel caso di acquisti di maggior valore e a frequenza ridotta bisognava gestire problematiche ben più rilevanti. In termini pratici, se nel settore cosiddetto grocery era possibile confezionare, nell ambito della medesima formula, assortimenti in grado di coprire la maggiore porzione di mercato, ciò non era praticabile, con la medesima efficienza ed efficacia nel non grocery. L abbigliamento, le calzature, così come altri settori problematici, caratterizzati da una domanda fortemente segmentata, richiedono livelli di specializzazione tali da rendere sovente impraticabile, da parte delle imprese succursali del dettaglio generalista, la strada della standardizzazione. Testimonianza pratica di queste difficoltà può essere ricavata dal processo di trasformazione del grande magazzino che, per fronteggiare il progressivo decadimento commerciale della formula del negozio despecializzato, si è a mano a mano riconvertito un punto di vendita che offre un assortimento concentrato su un numero sempre minore di reparti specializzati. In sintesi, esistono segmenti di domanda generica rilevanti anche in settori non grocery, in cui un numero crescente di imprese a succursali sta entrando, con effetti potenzialmente destabilizzanti per gli equilibri commerciali tradizionali. Si tratta dei cosiddetti category killer. Essi sono rivenditori che si specializzano in una particolare categoria di beni. Il category killer è caratterizzato da un vasto assortimento di prodotti e da una ampia superficie del negozio. La loro forza competitiva è data anche dalla presenza capillare nel territorio grazie al network di negozi che vengono creati 9 In Italia, per esempio, il dettaglio non grocery si caratterizza per la dinamicità del succursalismo specializzato, operante su piccole e medie superfici, ma anche per la 9 Rajiv Lal, articolo del Docente presso H B S. Retailing Revolution, category killers on the Brink. 13

15 molteplicità di imprese indipendenti di modeste dimensioni che nonostante offrano in molti casi assortimenti profondi e di buona qualità, non sempre riescono a rispondere in modo adeguato alle esigenze dei segmenti medi del mercato. Se i ritardi nel processo di modernizzazione del tessuto distributivo grocery nel nostro paese sono in buona parte imputabili alla vecchia normativa, che istituiva non pochi ostacoli per le iniziative cosiddette moderne, nel non grocery questi fattori hanno avuto un importanza marginale nel determinare un così elevato grado di polverizzazione dell offerta distributiva. Le cause di questo fenomeno sono, infatti, da imputare in prevalenza alle specificità del comportamento di acquisto dei consumatori italiani, difficilmente inquadrabile in modelli standard, soprattutto per determinate categorie di prodotto, e alla particolare struttura dell industria, che si caratterizza per la presenza dominante di produttori di piccole e medie dimensioni. Ciò trova riscontro nell evoluzione dell offerta che, dopo il drastico ridimensionamento dei primi anni Novanta, manifesta segnali inequivocabili di ripresa della crescita, portando il numero di punti di vendita del comparto dai circa del 1996 ai del 2007, stabilizzando la quota di mercato intorno al 50 %, mentre lo spazio di mercato conquistato dalle formule del commercio moderno nell ultimo periodo sembra aver raggiunto livelli oltre i quali non sarà semplice spingersi. Concentrandoci sulle formule distributive grandi superfici specializzate possiamo notare come esse si caratterizzano, rispetto alle grandi imprese commerciali del grocery, per il maggior grado di specializzazione degli assortimenti, che vengono circoscritti a un tema specifico ( sport, tempo libero, arredo casa ecc) oppure a una categoria merceologica (elettronica di consumo, elettrodomestici, calzature, giocattoli, libri ecc). Nonostante la ricchezza di proposte, le referenze trattate restano solo una parte-anche se rilevantedell universo dei prodotti disponibili sul mercato. La grande varietà di esigenze, che caratterizza la domanda in gran parte dei settori del non grocery rende, infatti, estremamente oneroso oltre che rischioso, per una sola impresa commerciale, realizzare assortimenti in grado di coprire tutti i potenziali segmenti di mercato. Questo comporterebbe il referenzia mento di una quantità di articoli tale che i costi di gestione non troverebbero adeguata giustificazione né sul piano commerciale né su quello più strettamente economico e finanziario. Risulta evidente, pertanto, che ciò rappresenta il 14

16 fondamento economico sul quale gli operatori del commercio tradizionale, nel non grocery come anche nel grocery, devono costruire le proprie strategie di sviluppo, con l obiettivo di focalizzare l attenzione su specifici segmenti di mercato, su scala sia locale sia nazionale e internazionale, là dove fosse possibile oltre che opportuno. 1.6 Le centrali d acquisto e le supercentrali La centrale d acquisto (in taluni casi denominata anche super-centrale ) è una struttura associativa a cui partecipano le imprese o i consorzi medi e grandi della distribuzione, per accrescere il proprio potere contrattuale nei confronti dei produttori; le imprese di una stessa centrale, tuttavia, possono essere in concorrenza tra loro sul mercato finale. L aggregazione di più imprese in una centrale ha perciò l obiettivo di ottenere sconti sul prezzo di vendita praticato dal produttore. I contratti si riferiscono ai prezzi e ad alcune attività promozionali di carattere nazionale, tipicamente senza vincoli sulle quantità acquistate. Gli accordi hanno di norma durata annuale, con limitata possibilità di revisione infra-annuale. I contratti stipulati dalla centrale sono una sorta di accordo-quadro valido per tutti gli aderenti. Dopo la stipula dell accordo, le obbligazioni previste dal contratto (inclusi i termini e le condizioni di pagamento) ricadono invece sui singoli distributori aderenti alla centrale. Una centrale d acquisto è quindi composta da imprese distributrici che potenzialmente potrebbero competere tra di loro: la convenienza a costituire una centrale dipende perciò dal grado di complementarietà tra le imprese distributive, secondo varie dimensioni (ad esempio, segmentazione geografica o per tipologia di clientela). Un elemento di complementarietà, che potrebbe aver incentivato la formazione e la ricomposizione delle centrali d acquisto in Italia durante lo scorso decennio, è la composizione del portafoglio-contratti. Se una singola impresa distributrice detiene per qualche ragione un contratto particolarmente conveniente con un produttore per una specifica tipologia di prodotto, essa diventa un candidato appetibile per una centrale d acquisto che su quel prodotto ha delle condizioni contrattuali peggiori, perché diventa più facile per la centrale cercare di ottenere le condizioni migliori praticate originariamente 15

17 al singolo distributore. Le centrali d acquisto potrebbero avere inoltre più convenienza a costituirsi se composte da imprese distributive che si posizionano (attualmente o in prospettiva) su mercati locali differenti. In generale, le centrali d acquisto attualmente esistenti, nate da ricomposizioni avvenute prevalentemente tra il 2009 e il 2010, sono formate da un impresa più grande che funge da capofila e da un insieme di strutture relativamente più piccole 10. Nel confronto europeo in Italia le centrali di acquisto riflettono l elevata frammentazione del sistema distributivo italiano. In Germania, in Spagna e in una certa misura in Francia i gruppi di acquisto sono quasi del tutto coincidenti con i grandi gruppi economici. Le centrali sono anche molto meno numerose che in Italia. A titolo di esempio una quota di mercato del 75 per cento è coperta in Germania e in Spagna dalle prime 3 centrali esistenti; in molti paesi la quota di mercato della prima centrale è spesso prossima o superiore al 30 per cento Banca d Italia, Marzo La grande distribuzione organizzata e l industria alimentare in Italia. Le centrali d acquisto. 11 Ciapanna, E e Rondinelli, C Struttura di mercato della grande distribuzione organizzata e dinamica dei prezzi al consumo. 16

18 CAPITOLO 2 L EMPOWERMENT IN AZIENDA 2.1 Inquadrare l empowerment Perché sforzarsi di passare all'empowerment 12? Una serie di sfide provenienti dall esterno ha spinto le forze del cambiamento a bombardare da tutte le parti i lavoratori e le organizzazioni in cui operano. In primo luogo, i clienti hanno sviluppato delle aspettative molto alte in ordine alla qualità, al prezzo e al servizio. La sensazione è che se la vostra azienda, in questo caso la GDO, non riuscirà a soddisfare appieno i bisogni essi troveranno un'altra organizzazione in grado di farlo. In secondo luogo, queste pressioni da parte dei clienti vanno gestite alla luce della necessità di conservare la profittabilità. C è sempre il pericolo che per fornire al cliente ciò che vuole si taglino i margini, al punto di mettere a repentaglio la vitalità dell azienda. In terzo luogo, le forze del cambiamento prodotte dalla competizione globale, le nuove tecnologie e l evoluzione dei consumatori concorrono a fare sì che tutto ciò che sembrava eccezionale l anno scorso sia assolutamente normale quest anno. L asticella viene alzata in continuazione: e se l azienda e i suoi collaboratori non riusciranno a saltarla, ci sarà sempre un concorrente felice di rimpiazzarvi. In quarto luogo i lavoratori di oggi sono molto diversi da quelli del passato. Hanno un enorme potenziale di crescita e di sviluppo, ma sono anche decisi ad assumere il controllo del loro destino. C è il bisogno assoluto di creare un clima di maggior fiducia tra membri del team e team leader, in modo che le persone possano dare il meglio di sé agendo con senso di responsabilità in un contesto di libertà, e che i leader permettano ai loro collaboratori di operare con responsabilità, ma anche con libertà. 12 Blanchard, K., Carlos, J.P. e Randolph, A Le tre chiavi dell empowerment. Come liberare il potenziale dei collaboratori offrendo dei risultati entusiasmanti. 17

19 Creare una cultura di empowerment non è facile: significa agire con decisione nonostante le avversità, mentre si cerca di realizzare un delicato equilibrio tra responsabilità e libertà. Ma quando s intraprende questo cammino verso l empowerment, non c è davvero ritorno, a meno che non si decida di farsi schiacciare, tutti quanti, dalle forze del cambiamento. A rendere ancora più complicate le cose ci sono le potenti forze di cambiamento interno, che non lasciano ai leader e ai membri del team altra scelta, se non quella di optare per l empowerment. Lavorando con i clienti in questi ultimi anni, abbiamo capito che il vecchio contratto psicologico tra aziende e lavoratori è ormai cambiato. Oggi la lealtà non garantisce più la sicurezza del posto. Alcuni dei più drastici ridimensionamenti dei personale sono avvenuti proprio nelle maggiori imprese. Peccato che i licenziamenti di massa non garantiscano il successo dell azienda. Allora qual è il nuovo contratto psicologico? Quando si chiede loro di spiegare cosa vogliono esattamente dai collaboratori, oggi i leader aziendali rispondono quasi universalmente: Vogliamo delle persone che siano capaci di risolvere i problemi, che prendano l iniziativa e che agiscano come l azienda fosse loro. In pratica dicono che vogliono dei lavoratori responsabilizzati 13. E i membri del team: cosa vogliono da questo nuovo contratto psicologico? Quando glielo domandiamo, ci rispondono: Vogliamo onestà. Diteci la verità sulla situazione dell azienda. Possiamo prenderla in mano e dare un contributo al suo miglioramento. Inoltre vogliamo apprendere delle nuove competenze che oltre a servirci qui, possono arricchire la nostra professionalità nel caso che dovessimo cercare un altro lavoro all esterno. Ci stanno dicendo che vogliono un nuovo tipo di coinvolgimento: vogliono essere responsabilizzati. 13 Nella traduzione dall inglese all italiano è stato utilizzato il termine responsabilizzati per indicare il concetto di empowered. Si è consapevoli che tale vocabolo in inglese ha un significato meno tecnico e più restrittivo. 18

20 2.1.2 Cos'è l'empowerment? Dunque, sotto molti aspetti, i leader e i collaboratori vogliono la stessa cosa: l empowerment. Anzi, l empowerment è una tecnologia d avanguardia, che assicura sia il vantaggio strategico che ricercano le aziende, sia le opportunità che ricercano le persone. E il mezzo per coinvolgere i collaboratori, facendone dei veri e propri partner, nel successo o nell insuccesso dell azienda (che oggi dovrebbe essere, nello stesso tempo, orientata ai clienti, efficiente sul piano dei costi, rapida e flessibile e impegnata al miglioramento continuo). L empowerment può consentire qualunque leader (purchè disposto a effettuare alcuni cambiamenti significativi) di sfruttare le conoscenze, le capacità, l esperienza e la motivazione di tutti i collaboratori dell azienda. I leader che responsabilizzano il personale lo coinvolgono nel perseguimento dei risultati. Una cosa è certa: l empowerment non ha nulla a che vedere con il management soft. Ma anche se pone a carico dei lavoratori delle aspettative elevate, piace lo stesso perché porta con sé il piacere del coinvolgimento, della titolarità su ciò che si fa e della crescita, professionale e personale. Purtroppo sono in pochi, tra i leader e i collaboratori a sapere come si può creare una cultura dell empowerment. Conferire ai lavoratori il potere e la responsabilità che consentono loro di prendere delle decisioni importanti è un aspetto strutturale dell empowerment, ma non è tutto, come pensano erroneamente alcuni leader. La vera essenza dell empewerment consiste nel liberare il patrimonio di conoscenze, di esperienze e di motivazione che è già presente nei lavoratori, ma è fortemente sottoutilizzato. Nelle organizzazioni gerarchiche, abituate a usare pratiche manageriali di tipo tradizionale, basate su una logica di comando e controllo, la capacitaà delle risorse umane è usata in misura alquanto parziale, nell ordine del 25-30% del totale. E sappiamo tutti cosa succederebbe se una macchina venisse utilizzata solo al 25-30% della sua capacitò: l azienda ne risentirebbe pesantemente e quindi il management avrebbe davanti una prospettiva di carriera molto breve. Perché dovremmo accettare lo stesso, insufficiente, sfruttamento della capacità produttiva delle 19

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli