ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT"

Transcript

1 Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for collection services ANALISI FUNZIONALE PER LE APPLICAZIONI ICT FUNCTIONAL REQUIREMENTS FOR ICT APPLICATIONS RELEASE 2 GENOVA, 20 MARZO 2015

2 INDICE DEL DOCUMENTO 1 INTRODUZIONE OBIETTIVO DEL DOCUMENTO IL CONTESTO DI PROGETTO CARATTERISTICHE DEL PORTALE 4 2 MODELLO DI RACCOLTA WEENMODELS 5 3 ENTITÀ COINVOLTE UTENTE GENERALE DISTRIBUTORE TRASPORTATORE CENTRO DI RACCOLTA AMMINISTRATORE 13 2

3 1 INTRODUZIONE 1.1 Obiettivo del documento Nel seguente documento vengono illustrati i requisiti funzionali delle applicazioni web che si prevede di sviluppare nell ambito del progetto Life Weeenmodels. Lo scopo di tali applicazioni è quello di fornire un'interfaccia dinamica per gestire, organizzare e monitorare in tempo reale il ciclo di gestione dei RAEE (per quello che riguarda i raggruppamenti R3, R4, R5 nell ambito della raccolta 1 contro 1 e R4, R5 per quanto riguarda l 1 contro 0 limitatamente ai conferimenti che avvengono presso il punto vendita - si esclude per il momento il caso di consegna a domicilio) e di correlare, attraverso un'unica piattaforma online, tutte le entità coinvolte. 1.2 Il contesto di progetto L architettura funzionale della piattaforma informatica è stata definita tenendo in considerazione prioritariamente le caratteristiche obiettivo dei processi di raccolta della filiera Weeenmodels, disegnati nel corso dell Azione Progettuale A.5 - Planning of the WEEE Management Model for collection services; ma con una prospettiva più ampia, orientata a definire uno strumento che possa essere eventualmente utilizzato anche da altri soggetti, al di fuori del progetto Weeenmodels. 3 In questo caso, l attributo fondamentale che si è cercato di assicurare è la conformità alla normativa vigente in materia, in uno scenario recentemente innovato dal dlgs 49/2014, in cui però la mancata emanazione dei decreti attuativi discendenti lascia ancora elementi di incertezza. A tal fine, è stato fondamentale il contributo offerto dal Gruppo di Lavoro Tecnico istituito da Regione Liguria, Comune di Genova, AMIU, T Bridge, Università di Modena e Reggio, Università di Genova, Consorzio Remedia, i cui componenti hanno messo a disposizione il proprio tempo e la propria competenza professionale al fine di interpretare al meglio l attuale quadro normativo e di individuare le soluzioni più efficaci per la gestione del processi di raccolta. La presente versione del documento include le osservazione emerse nel corso della presentazione dell elaborato al Tavolo Tecnico del progetto WEEENMODELS, cui partecipano i rappresentanti delle Associazioni di Categoria.

4 1.3 Caratteristiche della piattaforma WEEENMODELS L applicazione fornisce diverse sezioni tra cui: sezioni di informazioni statiche dedicate agli utenti in generale anche non registrati al portale sezioni dedicate agli utenti registrati (distributore, trasportatore, centro di raccolta) sezioni dedicate all amministratore del portale sezioni dedicate agli organi istituzionali sezione contenente collegamenti a siti di interesse generale in tutto il mondo dei RAEE o siti dedicati a settori connessi (vendite online, riutilizzo, ecc ) una sezione di reporting con report predefiniti disponibili per le diverse categorie di utenti In particolare si prevede di sviluppare: un portale web per la gestione del flusso logistico di raccolta dei RAEE domestici conferiti : o al distributore secondo le modalità del ritiro 1 contro 1 (con allegato I) o 1 contro 0 a PV; o dal distributore al centro di raccolta per l 1 contro 1 con allegato II DM65/2010; o dal distributore al centro di raccolta/impianto di trattamento per l 1 contro 0 con FIR; una sezione CRM (customer relationship management) in grado di operare in diversi campi quali la registrazione e la gestione dei contratti dei soggetti (distributori, trasportatori, centri di raccolta) che aderiscono al servizio un sistema GIS con interfaccia web che consente agli utenti di visualizzare la posizione dei punti di raccolta su una cartografia digitale della città e studiare percorsi di raccolta ottimizzati una app per smartphone dedicata al personale del centro di raccolta, per agevolare l identificazione del materiale conferito e la registrazione del relativo peso 4 NOTA: nell ambito del progetto WEEENMODELS, è previsto lo sviluppo di una app. In questa fase, si prevede di realizzarla con le funzionalità sopra descritte, ad uso dei centri di raccolta. In alternativa, si potrebbe pensare di estenderla ai distributori, in particolare per i piccoli esercizi che aderiscono alla raccolta 1/0 facoltativa e potrebbero non essere dotati di PC con accesso a internet nel punto vendita, oppure per la tracciatura dell 1/1 a domicilio; al momento dell emission del presente documento, tuttavia, non è dato sapere se queste casistiche rientreranno nel perimetro della sperimentazione

5 2 MODELLO DI RACCOLTA WEENMODELS Di seguito si rappresenta lo schema logico della filiera di raccolta dei RAEE che è stato progettato nell ambito dellìazione A.5 del progetto WEEENMODELS. PRODUTTORI DI RAEE DOMESTICI/ / PROFESSIONALI EQUIPARATI Flusso 1, 2, 3, 4 ISOLE ECOLOGICHE/ CENTRI DI RACCOLTA CENTRI ACCREDITATI DI PREPARAZIONE PER IL RIUTILIZZO CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE RAEE DISTRIBUTORI INSTALLATORI CENTRI DI ASSISTENZA Flusso 5, 6, 7 CENTRI DI RACCOLTA AUTORIZZATI IMPIANTI DI TRATTAMENTO 5 Flusso 5, 6, 7 La piattafoma Weeenmodels gestisce i flussi: F5 Raccolta 1 contro 1 (obbligatorio) F6 Raccolta 1 contro 0 area dedicata alle AEE > 400 mq (obbligatorio) / Raccolta 1 contro 0 area dedicata alle AEE < 400 mq (facoltativo) F7 Raccolta 1 contro 0 esercizi di vicinato non specializzati (facoltativo)

6 3 ENTITÀ COINVOLTE 3.1 Utente generale L utente generale è il privato cittadino che potenzialmente può conferire il RAEE domestico o l utente professionale che intende disfarsi di apparecchiature RAEE equivalenti a quelle domestiche. Questi soggetti possono consultare la sezione pubblica del portale senza alcuna restrizione o necessità di registrazione. Le funzionalità che fornisce il portale per questa entità sono le seguenti: informazioni generali riguardanti il modello di raccolta Weeenmodels un sistema GIS, che consente di visualizzare la posizione dei punti di raccolta su una cartografia digitale della città (rappresentati sia dai punti vendita dei distributori che aderiscono al progetto, sia dalle varie tipologie di punti di raccolta e servizi messi a disposizione da AMIU: isole ecologiche aperte al pubblico, contenitori in aree pubbliche, servizi mobili, Per questi ultimi, un link porterà alla pagina AMIU dove sono descritti orari e condizioni di servizio) collegamenti a siti di interesse generale in tutto il mondo dei RAEE o siti dedicati a settori connessi (vendite online, riutilizzo, ecc ) 6

7 3.2 Distributore Il distributore è il soggetto che effettua il ritiro dei RAEE conferiti da parte dei clienti, posizionando presso il proprio punto vendita i contenitori per la raccolta. Nel caso generale i contenitori saranno almeno 2 (pericolosi, non pericolosi) o per tipologia di RAEE (R3, R4, R5). Nel caso in cui il distributore effettui raccolta differenziata per i RAEE (R4) destinati al riutilizzo ci sarà un contenitore supplementare dedicato. Per assicurare la dovuta flessibilità, sono previste diverse tipologie di contenitori (per forma e dimensioni), il distributore potrà scegliere quali utilizzare in base alle proprie esigenze ed ai volumi previsti. Questo dato sarà gestito a sistema. Le funzionalità che fornisce il portale per questa entità sono le seguenti: collegamento al modulo CRM tramite le credenziali rilasciate al momento dell adesione al progetto Life Weeenmodels alla propria area privata. In particolare al primo accesso al portale il distributore deve inserire le informazioni relative al proprio profilo: dati anagrafici (ragione sociale, indirizzo ecc ) numero di iscrizione all albo dei gestori (della singola persona giuridica o di gruppo se è fattibile l iscrizione collettiva per i CIV) il luogo di raggruppamento tipo di attività tipo di RAEE trattati adesione o meno alla raccolta differenziata per i RAEE destinati al riutilizzo tipo di raccolta 1 contro 0 praticata (obbligatoria/facoltativa) tipo di eventuale incentivo riconosciuto al conferitore del RAEE riutilizzabile Il distributore inoltre deve dichiarare: 7 se intende effettuare autonomamente il trasporto al centro di raccolta o appoggiarsi ad un soggetto esterno autorizzato (trasportatore); il centro di raccolta/impianto di trattamento individuato per il conferimento dei RAEE, tra quelli convenzionati con il progetto (già definito al momento dell iscrizione all Albo dei gestori) Il portale permette al distributore di consultare la lista dei trasportatori con le informazioni riguardanti il prezzo per il trasporto e i centri di raccolta; il distributore può pertanto decidere, anche a valle dell adesione al servizio, di cambiare il trasportatore optando per uno più conveniente (e effettuando le opportune variazioni all albo dei gestori). Per i piccoli distributori/esercizi di vicinato organizzati ad esempio come rete/catena/civ la scelta del trasportatore avviene a livello di gruppo; in altre parole è la rete/catena/civ che individua il trasportatore che viene utilizzato da tutti i membri. (da valutare se creare una

8 specifica procedura per la registrazione di distributori aggregati in CIV/catena, ad opera di un unico soggetto coordinatore del CIV). Una volta completato il profilo il distributore viene inserito nel sistema GIS e visualizzato sulla cartografia digitale della città. Le modifiche al profilo successive all iscrizione devono essere richieste all amministratore del portale. gestione conferimento RAEE. Sono previsti 2 casi: caso 1 contro 1 (flusso F5) al momento del conferimento del RAEE il distributore registra sul portale: dati del Conferitore (Cognome, Nome, Indirizzo e Codice Fiscale) dati del RAEE. In particolare il portale dà la possibilità di indicare all interno di una lista precaricata il tipo di RAEE conferito (quindi del contenitore) in base alle categorie specificate nell Allegato II del DLgs 49/2014 e di fornire il numero di pezzi conferiti per ogni tipologia se il RAEE è destinabile al riutilizzo viene registrata l informazione se è stato erogato al conferitore un riconoscimento economico caso 1 contro 0 (Flussi F6, F7) in questo caso in mancanza di specifiche indicazioni legislative la registrazione del conferimento è facoltativa, e può nel caso avvenire secondo le modalità dell 1/1 se il distributore ha interesse a mantenere traccia dei clienti, ad es. a fini promozionali; il distributore è comunque tenuto a controllare che il conferimento del RAEE avvenga nel contenitore apposito (pericolosi, non pericolosi, riutilizzo). 8 In entrambi i casi, su eventuale richiesta del conferitore il distributore può generare e stampare una ricevuta relativa ai rifiuti consegnati (funzionalità richiesta in particolare nel caso di RAEE di origine professionale). Consegna al trasportatore (se prevista) Caso 1/1 e 1/0 obbligatorio Una volta che è stata raggiunta la capienza massima del contenitore è compito del distributore segnalare a sistema al trasportatore che è necessario effettuare il prelievo. Al momento della consegna del contenitore al trasportatore il portale permette di stampare il codice a barre da porre sul contenitore e contestualmente di registrarne l avvenuta consegna.

9 Nel caso di 1/0 facoltativo, per facilitare i soggetti che partecipano alla raccolta a titolo volontario, si può prevedere un processo semplificato per gli esercenti che non dispongono di attrezzature informatiche a punto vendita: in tal caso sarà loro consegnato uno o più contenitori preidentificati con codice a barre, e il prelievo avverrà non su segnalazione a sistema ma sulla base di un calendario fisso o di una richiesta telefonica. Consegna al Centro di raccolta (alternativa al caso precedente) In questo caso, il distributore segnala a sistema l intenzione di provvedere alla consegna in autonomia, stampa le etichette identificative e il documento di trasporto dei contenitori (cfr. paragrafo relativo al trasportatore) ed effettua il trasporto, che sarà chiuso da parte del centro di raccolta al momento dell effettiva presa in carico (cfr. paragrafo relativo al centro di raccolta) reportistica Il portale da la possibilità di creare lo schedario di carico e scarico RAEE conforme al modello Allegato I II del DM 65/2010 per i RAEE conferiti secondo la modalità 1 contro 1. Sarà inoltre possibile ai distributori scaricare un elenco dei clienti che hanno consegnato RAEE presso il punto vendita. 9

10 3.3 Trasportatore Il trasportatore è l entità che effettua il trasporto dei RAEE dal punto di raggruppamento del distributore al centro di raccolta individuato/ impianto di trattamento. Quando il distributore richiede la presa in carico del contenitore il trasportatore, sulla base della pianificazione logistica e del livello di saturazione dei propri mezzi, effettuerà il trasporto del contenitore presso il centro di raccolta. Le funzionalità che fornisce il portale per questa entità sono le seguenti: collegamento tramite le credenziali rilasciate al momento dell adesione al progetto Life Weeenmodels alla propria area privata. In particolare al primo accesso al portale il trasportatore deve inserire le informazioni relative al proprio profilo: dati anagrafici (ragione sociale, indirizzo ecc ) condizioni della convenzione di servizio (tipologia di RAEE trattati, area geografica coperta, tariffe) numero di iscrizione all albo dei gestori codici CER oggetto dell iscrizione all albo dati relativi ai mezzi trasporto utilizzati (targa, tipo, capienza ecc..) luoghi di raggruppamento 1 contro 1 serviti (distributori che al momento dell iscrizione all Albo dei gestori hanno indicato il presente trasportatore come soggetto deputato al trasporto) pianificazione ritiro contenitori Il portale permette al trasportatore di visualizzare la posizione dei distributori convenzionati su una cartografia digitale con l indicazione per ogni distributore della necessità di effettuare il ritiro; il sistema genera un percorso ottimo effettuando anche un controllo di compatibilità tra la capienza del mezzo di trasporto prescelto e i contenitori da ritirare (funzionalità da verificare). Il trasportatore potrà verificare l operatività dei centri di raccolta di destinazione collegandosi al relativo portale gestito dal centro di coordinamento RAEE. Una volta confermata la gita il portale segnala automaticamente ai distributori e al centro di raccolta la data e l ora (indicativa) di passaggio e permette al trasportatore la stampa, per ogni contenitore, del Documento di trasporto dei RAEE conforme al DM 65/2010 nel caso di 1 contro 1 o il Formulario di identificazione rifiuti (FIR) conforme a quanto previsto dall art. 193 del D.lgs 152/2006 nel caso di 1 contro 0. Queste funzionalità sono rese disponibili anche ai distributori che provvedono autonomamente al trasporto. Da valutare l opportunità di gestire a sistema il riassortimento di vuoti (sacchetti o contenitori rigidi): in tal caso, il distributore dovrebbe segnalare l esaurimento dei contenitori in dotazione, ed il trasportatore potrebbe provvedere a consegnare una scorta adeguata attingendo ad uno stock fornitogli dal Centro di Raccolta di riferimento. 10

11 reportistica lista dei distributori con i pesi effettivi dei contenitori consegnati lista dei viaggi ai centri di raccolta 11

12 3.4 Centro di raccolta Il centro di raccolta rappresenta il terminale finale della filiera di raccolta dei RAEE, raccolti dai distributori, consegnati dai trasportatori e destinati alla preparazione al riutilizzo o recupero. Le funzionalità che fornisce il portale per questa entità sono le seguenti: collegamento tramite le credenziali rilasciate al momento dell adesione al progetto Life Weeenmodels alla propria area privata. In particolare al primo accesso al portale il centro di raccolta deve inserire le informazioni relative al proprio profilo: dati anagrafici (ragione sociale, indirizzo ecc ) estremi dell autorizzazione tipo rifiuti (codice CER - catalogo europeo dei rifiuti) per i quali ha conseguito l autorizzazione. Presa in carico contenitori Al momento della consegna dei contenitori da parte del trasportatore il personale del centro procede all identificazione di ogni contenitore tramite lettore barcode, andando in tal modo a confermare a sistema l effettiva presa in carico dei contenitori consegnati. Il sistema a questo punto genererà in automatico un documento corrispondente alla quarta copia del documento di trasporto, che verrà inviata al distributore in formato elettronico con valore di attestazione della consegna (da verificare se il documento deve riportare anche la firma digitalizzata dell addetto). La copia cartacea, vidimata dall addetto, resta nelle mani del trasportatore. 12 Successivamente, si provvede alla pesatura dei singoli contenitori; il portale dà la possibilità di registrare il peso effettivo (per singolo contenitore), dato che può essere fornito anche al trasportatore per il calcolo del compenso se a peso (e non a contenitore o a viaggio). In alternativa rispetto al palmare barcode, si prevede di mettere a disposizione del personale dei centri di raccolta una app per smartphone, che possa direttamente registrare a sistema in tempo reale sia la consegna dei contenitori (utilizzando la funzionalità di lettura barcode disponibile anche per gli smartphone), sia il peso di ciascuno di essi, all atto della pesatura, ed eventualmente la trasmissione in formato elettronico della copia del documento di trasporto al distributore. Reportistica creazione report sulle consegne per tipologia RAEE/Distributori Il portale prevede anche la registrazione del raggiungimento dei target per l assegnazione di eventuali incentivi ai distributori (in pezzi per raggruppamento, coerentemente con la gestione dei conferimenti)

13 3.5 Amministratore L Amministratore è l entità che controlla la conformità delle registrazioni e autorizza gli utenti (distributore, trasportatore, centro di raccolta). Le funzionalità che fornisce il portale per questa entità sono le seguenti: gestione del CRM ricezione segnalazione nuova iscrizione creazione nuovo utente invio credenziali per l accesso ricezione segnalazione anomalia assistenza agli utenti registrati verifica profili compilati e gestione modifiche gestione GIS punti di raccolta RAEE non collegati a un distributore è compito dell Amministratore inserire, modificare e cancellare i punti di raccolta (contenitori) posti in aree pubbliche e le isole ecologiche creazione report generali Nota: Saranno da verificare in corso di sviluppo eventuali richieste di sviluppo di interfacce per lo scambio dati con i sistemi gestionali AMIU. 13

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4 SETTEMBRE 2010 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori 4 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione,

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE

LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE 1 LA DISTRIBUZIONE ENTRA NEL SISTEMA RAEE Protocollo di intesa ANCI CDC RAEE e DISTRIBUZIONE Ing. Fabrizio Longoni Milano, 23 novembre 2010 IL VECCHIO SISTEMA RAEE 2 Cittadini Enti Locali Produttori (attraverso

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) INFORMAZIONI GENERALI PER LA GESTIONE RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) RIG.ECO srl via dell artigianato 14 1di 9 INDICE 1. PREMESSA...1 2. DEFINIZIONI...3 3. SCOPO DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Waste Electric and Electronic Equipment New MODEls for Logistic Solutions Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for Collection Services

Waste Electric and Electronic Equipment New MODEls for Logistic Solutions Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for Collection Services Waste Electric and Electronic Equipment New MODEls for Logistic Solutions Azione A.5 Planning of the WEEE Management Model for Collection Services La filiera di raccolta dei RAEE ed i nuovi flussi DOCUMENTO

Dettagli

Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1.

Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1. Introduzione Il 19 Maggio 2010 è entrato in vigore il DLgs 65/10 Semplificazione per i Distributori, meglio conosciuto come Ritiro RAEE 1 contro 1. Scopo principale del Decreto è quello di istituire una

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori

Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori Il SISTEMA RAEE IN ITALIA: ruoli e obblighi dei produttori I PRODUTTORI IL REGISTRO NAZIONALE DEI PRODUTTORI IL VISIBLE FEE I produttori di AEE: chi sono? Il Decreto Legislativo 151 riguarda un numero

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE)

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE) CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI (R.A.E.E.) PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER DISTRIBUTORI A.E.E. (APPARECCHIATURE

Dettagli

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE

Accordo di Programma tra ANCI, ORGANIZZAZIONI DELLA DISTRIBUZIONE e CENTRO di COORDINAMENTO RAEE ACCORDO DI PROGRAMMA TRA ANCI, LE ORGANIZZAZIONI NAZIONALI DI CATEGORIA DELLA DISTRIBUZIONE E IL CENTRO DI COORDINAMENTO RAEE PER LA RACCOLTA E LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici

SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici SINTESI D.M. 8 Marzo 2010, n 65 RAEE Domestici Codice Europeo Rifiuti (C.E.R.) Descrizione 200121* Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio 200123* Apparecchiature fuori uso contenenti clorofluorocarburi

Dettagli

Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte. Torino, 16 dicembre 2010

Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte. Torino, 16 dicembre 2010 Lo stato dell arte nella gestione dei RAEE in Piemonte Torino, 16 dicembre 2010 INQUADRAMENTO GENERALE Normativa di riferimento: Decreto Legislativo 151 del 25 luglio 2005 Decreto Ministeriale attuativo

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRINCIPALMENTE GESTITE - RAEE, RIFIUTI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E IL MINISTRO DELLA SALUTE REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERA

Dettagli

La Normativa di riferimento

La Normativa di riferimento CENTRO di COORDINAMENTO RAEE costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 La Normativa di riferimento Direttive 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Registro, Centro di Coordinamento

Dettagli

SISTRI. Gestione rifiuti,

SISTRI. Gestione rifiuti, SISTRI Gestione rifiuti, Il Decreto Ministeriale del 17 dicembre 2009 [ Ambiente ], pubblicato sulla GU del 13 gennaio 2010 [ in vigore dal 14/01/2010 ], che istituisce il SISTRI, il Sistema informatico

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Indice

Dettagli

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 23/09/2014 Versione 1.42

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 23/09/2014 Versione 1.42 Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa Manuale del 23/09/2014 Versione 1.42 Indice 1. Registrazione area riservata del sito www.albonazionalegestoriambientali.it...

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

RITIRARE. www.easyraee.it I RAEE DIVENTA PIU FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

RITIRARE. www.easyraee.it I RAEE DIVENTA PIU FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno RITIRARE I RAEE www.easyraee.it DIVENTA PIU FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 -

- Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015 - - Richiesta di Offerta Servizi di Trattamento anno 2015-1. Premessa Remedia TSR s.r.l. (d ora in poi Remedia) è la società di servizi, interamente controllata da Consorzio ReMedia, che organizza e gestisce

Dettagli

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione

La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione La soluzione per le aziende di trasformazione, produzione e distribuzione Tutti i processi in un'unica piattaforma software Il software Quadra di Quadrivium è una soluzione applicativa di Supply Chain

Dettagli

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno

UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE. Gestione Completa dell Uno Contro Uno UNO CONTRO UNO: ECOPED E RIDOMUS LO RENDONO FACILE Gestione Completa dell Uno Contro Uno Il Decreto Uno contro Uno (D.M. 65/2010) obbliga distributori, centri di assistenza ed installatori al ritiro gratuito

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 3736/08 (RAEE): pc, server, video e altre periferiche. Pag. 1/8 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 4 4.1 Diagramma di flusso gestione... 4

Dettagli

L iscrizione al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche

L iscrizione al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche L iscrizione al Registro dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente e Innovazione Organizzativa CCIAA di Milano Registro produttori Le modalità

Dettagli

CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE

CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE CSR CONSORZIO SERVIZI RIFIUTI DEL NOVESE, TORTONESE, ACQUESE E OVADESE NOVI LIGURE (Consorzio obbligatorio unico di Bacino ai sensi della L.R. 24.10.2002, n. 24) RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED

Dettagli

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali.

RAEE professionali. 4_Servizi RAEE professionali. RAEE professionali 4_Servizi RAEE professionali. Servizi RAEE professionali. Indice 1. cosa sono i RAEE 2. i raggruppamenti RAEE 3. RAEE professionali: definizione e casi pratici 4. gli obblighi del produttore

Dettagli

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50

Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa. Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50 Registrazione all area riservata e consultazione delle informazioni dell impresa Manuale del 16/09/2015 Versione 1.50 Indice 1. Registrazione area riservata del sito www.albonazionalegestoriambientali.it...

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE

APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE. Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE Gli obblighi dei Produttori I Sistemi Collettivi L iscrizione al Registro AEE D. Lgs. 151/2005 Normativa RAEE D. Lgs. 152/2006 Testo Unico Ambientale NORMATIVA

Dettagli

QUADERNO RAEE 2. Novembre 2010 UNO CONTRO UNO:

QUADERNO RAEE 2. Novembre 2010 UNO CONTRO UNO: QUADERNO RAEE 2 UNO CONTRO UNO: GUIDA ALLA GESTIONE DEI RAEE PROVENIENTI DALLA DISTRIBUZIONE, DAGLI INSTALLATORI E DAI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI Novembre 2010 a

Dettagli

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari

Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti Scenari Giugno 2013 Rifiuti Urbani: il contesto 1993 1997 2000 2003 2006 2009 2011 2013 AUMENTO DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI 550 kg/ab* 536 kg/ab* 452 kg/ab*

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

Come gestire i RAEE con il ritiro 1 contro 1

Come gestire i RAEE con il ritiro 1 contro 1 Come gestire i RAEE con il ritiro 1 contro 1 Le soluzioni maggiormente utilizzate e le possibilità. Milano, 14 Ottobre 2015 Salvatore Albanese Consorzio Remedia Primo elemento da affrontare per integrare

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Richiesta di offerta per i servizi logistici RAEE

Richiesta di offerta per i servizi logistici RAEE RICHIESTA DI OFFERTA SERVIZI LOGISTICI PER LA RACCOLTA DI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PROVENIENTI DA UTENTI DOMESTICI E PROFESSIONALI E DI ALTRI RIFIUTI SPECIALI Pagina 1 di 21

Dettagli

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti

Oggetto: Gestione Rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione degli impianti CIRCOLARE n. 01/11 Prot. GN/19/11 UNAE Emilia - Romagna (già AIEER) Albo delle Imprese Installatrici Elettriche Qualificate dell Emilia Romagna c/o ENEL S.p.A. - Via C. Darwin,4-40131 Bologna Tel. 051

Dettagli

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Il quadro Legislativo ed operativo Decreto n 15 del 25 Luglio 2005 Decreto n 152 del 3 Aprile 2006 Decreto n

Dettagli

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività

Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Revisione n.1 Data di approvazione: 26/01/10 Pag. 1 di 9 Il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti (SISTRI): finalità, soggetti coinvolti e operatività Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, nel

Dettagli

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti

SISTRI. Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti SISTRI Nuovo servizio Tekneco: Consulenza Rifiuti Con l entrata in vigore del Decreto ministeriale 17 dicembre 2009 (SISTRI) molti aspetti riguardanti i rifiuti hanno subito una modifica. Il servizio da

Dettagli

Uno contro Uno. Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65. Milano Fiera Milano City SMAU 2010. www.unocontrouno.it

Uno contro Uno. Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65. Milano Fiera Milano City SMAU 2010. www.unocontrouno.it Uno contro Uno www.unocontrouno.it Approfondimento sul DM 8/03/2010 n 65 Milano Fiera Milano City SMAU 2010 IL NUOVO DECRETO DM 65 dell' 8 marzo 2010 Gazzetta Ufficiale n. 102 del 4 maggio 2010 Sancisce

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio

LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO. Torino 15/11/2007 - La gestione dei RAEE e l attività del consorzio LA GESTIONE DEI RAEE E L ATTIVITA DEL CONSORZIO Indice Inquadramento normativo Campo di applicazione e principali definizioni Obblighi dei produttori, distributori e utilizzatori FAQ e principali criticità

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Il Progetto WEEENMODELS possibile Caso Pilota nazionale

Il Progetto WEEENMODELS possibile Caso Pilota nazionale l Progetto WEEENMODELS possibile Caso Pilota nazionale Genova, 2 aprile 2014 ng. Paolo Cinquetti AMU ng. Cino Repetto T Bridge ? Fonte Dati: l progetto WEEENMODELS - Waste Electric and Electronic Equipment

Dettagli

QUADERNO RAEE 2. Ottobre 2012 UNO CONTRO UNO:

QUADERNO RAEE 2. Ottobre 2012 UNO CONTRO UNO: QUADERNO RAEE 2 UNO CONTRO UNO: GUIDA ALLA GESTIONE DEI RAEE PROVENIENTI DALLA DISTRIBUZIONE, DAGLI INSTALLATORI E DAI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA PRESSO I CENTRI DI RACCOLTA COMUNALI Ottobre 2012 a cura

Dettagli

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE

WORKSHOP RAEE. La nuova normativa nazionale RAEE WORKSHOP RAEE La nuova normativa nazionale RAEE PV CYCLE 2014 INDICE La Direttiva europea RAEE Finalità, obbiettivi, scadenze e campo di applicazione La nuova normativa nazionale RAEE Introduzione e principali

Dettagli

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente

Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Sistri, sistema di tracciabilità dei rifiuti: un opportunità a servizio dell ambiente Bari, 15 settembre 2010 Fiera del Levante IV Giornata dell Energia Pulita Cos è il SISTRI? 2 Sistri è il nuovo sistema

Dettagli

Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi

Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi PERIODICO INFORMATIVO N. 32/2010 Raccolta dei Rifiuti elettrici ed elettronici (Raee): nuovi obblighi Con il Decreto n. 65 dell 8 marzo 2010 pubblicato nella G.U. del 4 maggio 2010, sono state definite

Dettagli

ESPORTAZIONE DEI DATI IN MUDCOMUNI.IT MUD 2015 dati 2014 (DPCM 17 dicembre 2014)

ESPORTAZIONE DEI DATI IN MUDCOMUNI.IT MUD 2015 dati 2014 (DPCM 17 dicembre 2014) ESPORTAZIONE DEI DATI IN MUDCOMUNI.IT MUD 2015 dati 2014 (DPCM 17 dicembre 2014) 1 Esportazione da Orso 1 2 La procedura generale non è cambiata rispetto agli ultimi tre anni, per cui il trasferimento

Dettagli

Disciplina di gestione del fine vita delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia

Disciplina di gestione del fine vita delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia Disciplina di gestione del fine vita delle Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia Indagine conoscitiva sull utilizzo e divulgazione del servizio 1 contro 1 nella vendita a distanza di Apparecchiature

Dettagli

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010

Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 1 Procedura per l'accesso al SISTRI e compilazione telematica degli appositi modelli per la dichiarazione MUD 2010 Relatore: Dario Trevisiol Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Pordenone

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 01/ALBO/CN 23 LUGLIO 2014 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 23 Luglio 2014 Modalità per la fruizione telematica dei

Dettagli

RAEE Uno contro Uno schedario di carico e scarico documento semplificato di trasporto dichiarazione sostitutiva RAEE

RAEE Uno contro Uno schedario di carico e scarico documento semplificato di trasporto dichiarazione sostitutiva RAEE PrometeoRAEE Il DM 8 Marzo 2010, n. 65, introduce a partire dal 18 Giugno 2010 una gestione semplificata per i RAEE ritirati dai centri di assistenza, dai distributori e dagli installatori. PrometeoRaee

Dettagli

WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE. Pineto, 14 giugno 2013

WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE. Pineto, 14 giugno 2013 WORKSHOP Centri di Raccolta e Sistema RAEE Pineto, 14 giugno 2013 La gestione dei RAEE IL NUOVO e l Accordo ACCORDO di Programma DI PROGRAMMA ANCI Centro ANCI CdC di Coordinamento RAEE RAEE 111 INTRODUZIONE

Dettagli

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco.

SISTRI. Andrea Annori. RIG.ECO srl via dell artigianato 14 15055 PONTECURONE (AL) tel.: 0131.887174 fax: 0131.887268 e.mail: info@rigeco. SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, ai sensi dell art. 189 del D.lg. 152/06 e dell articolo 14-bis del decreto legge n. 78 del 2009 Andrea Annori RIG.ECO srl via dell artigianato

Dettagli

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA

ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA ACCESSO A CdR E STE GESTITI DA SEI TOSCANA INDICE 1 CENTRI DI RACCOLTA... 2 1.1 MODALITÀ PER L ACCESSO E IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI AI CDR... 2 1.1.1 Utenze non domestiche... 2 1.1.2 Distributori/installatori/centri

Dettagli

RAEE Professionali. Giugno 2007

RAEE Professionali. Giugno 2007 Giugno 2007 RAEE Professionali COPYRIGHT Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di Consorzio Re.Media e rientrano nelle proprietà intellettuali del Consorzio stesso. E' fatto,

Dettagli

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti;

VISTO il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed in particolare la parte quarta, relativa alla gestione dei rifiuti; REGOLAMENTO RECANTE ISTITUZIONE DEL REGISTRO NAZIONALE DEI SOGGETTI OBBLIGATI AL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI DI GESTIONE DEI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE (RAEE), COSTITUZIONE DI

Dettagli

Addition, tutto in un unica soluzione

Addition, tutto in un unica soluzione Addition, tutto in un unica soluzione Addition è un applicativo Web progettato e costruito per adattarsi alle esigenze delle imprese. Non prevede un organizzazione in moduli, mette a disposizione delle

Dettagli

www.dirittoambiente. net

www.dirittoambiente. net ACCORDI DI PROGRAMMA PER IL RITIRO DEI RAEE: NOVITÀ INTRODOTTE A SETTEMBRE 2012 A cura della Dott.ssa Barbara Zecchin Nel marzo scorso Anci e CdC RAEE hanno siglato il nuovo accordo di programma, in sostituzione

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO

GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER LA PRIMA FORMAZIONE DEL REGISTRO PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 1.0 del 31 maggio 2013 Sommario PREMESSA... 4 LA PROCEDURA

Dettagli

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al

dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Il Centro di Coordinamento dei sistemi collettivi nazionali costituito in ottemperanza al Decreto Legislativo 25 Luglio 2005 n. 151 Normativa di riferimento Il tema dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature

Dettagli

Gli obblighi del punto vendita

Gli obblighi del punto vendita Il Decreto Legislativo 14 Marzo 2014 n. 49, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 Marzo 2014 introduce alcune modifiche alla normativa vigente in materia di RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche

Dettagli

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda

Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda Scenario Monitoraggio e certificazione dei servizi di ronda I servizi di ronda/ispezione forniti dagli Istituti di Vigilanza vengono effettuati da Guardie Giurate incaricate di verificare ed ispezionare

Dettagli

Ogni rifiuto prodotto, speciale o

Ogni rifiuto prodotto, speciale o Un esperienza positiva di tracciabilità dei rifiuti e di informazione ai cittadini Carlo Di Domenico, Domenico Cataldo Qualunque tipo di rifiuti durante la sua movimentazione deve obbligatoriamente essere

Dettagli

a GlobalTrust Solution

a GlobalTrust Solution E-Consulting a GlobalTrust Solution E-Consulting è la soluzione ideale per i professionisti che intendono offrire consulenze on-line sia ai propri clienti abituali sia a tutti gli utenti di Internet. Descrizione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

Manuale Utente per candidature a procedure di selezione per la mobilità esterna

Manuale Utente per candidature a procedure di selezione per la mobilità esterna Manuale Utente per candidature a procedure di selezione per la mobilità esterna 10 novembre 2014 SOMMARIO 1. Introduzione...2 2. Nozioni di base...2 3. Candidarsi a un avviso di mobilità esterna...2 3.1

Dettagli

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE

1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 2- INTRODUZIONE 1- OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 1 2- INTRODUZIONE... 1 3- ACCESSO ALLA PROCEDURA... 2 4- COMPILAZIONE ON-LINE... 6 5- SCELTA DELLA REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA... 7 6- DATI ANAGRAFICI... 8 7- DATI ANAGRAFICI

Dettagli

ARTSANA Group. Progetto di. Dematerializzazione Documentale INTRODUZIONE

ARTSANA Group. Progetto di. Dematerializzazione Documentale INTRODUZIONE ARTSANA Group Progetto di Dematerializzazione Documentale Ageas Group Logisticadue INTRODUZIONE Page 1 - Settembre 2014 Il progetto, proposto dalla collaborazione tra Ageas e Logisticadue, è un sistema

Dettagli

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani

federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani federfarma federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani Roma, 14 giugno 2010 Uff.-Prot.n UE.AA 9864/250/F7/PE Oggetto: RAEE Rifiuti da apparecchiature elettriche e elettroniche. Decreto

Dettagli

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c.

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c. LINEE GUIDA AL PROGETTO PILOTA PER L INCENTIVAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI A GPL E METANO DEI VEICOLI COMMERCIALI CON ALIMENTAZIONE DIESEL INIZIATIVA ICBI Finanziamenti ai Comuni per l utilizzo dei carburanti

Dettagli

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE

Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE Introduzione al sistema italiano di gestione dei RAEE 1/24 I - PREMESSA: I RAEE (1/3) I RAEE (rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), secondo la normativa italiana in vigore, derivano da

Dettagli

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati

Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it. Prodotto da Consorzio ecor'it Tutti i diritti riservati Come preparare i RAEE B2B per il ritiro con ecor it Vengono prodotti dei Rifiuti in ambito Abbiamo in azienda un certo numero di apparecchiature elettriche ed elettroniche, obsolete, rovinate, invendibili,

Dettagli

INFORMARIFIUTI MAGGIO

INFORMARIFIUTI MAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE AMBIENTE INFORMARIFIUTI MAGGIO 2008 Circolare per le amministrazioni locali su tutto quanto fa rifiuto SOMMARIO Nuovo decreto CENTRI DI RACCOLTA Produzione rifiuti urbani -

Dettagli

SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa. Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale

SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa. Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale 1 Contesto di riferimento Il Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di

Dettagli

Regione Puglia. Allegato A

Regione Puglia. Allegato A Allegato A Percorso per l erogazione a carico del Servizio Sanitario Regionale dei prodotti privi di glutine a favore degli assistiti celiaci della regione Puglia I prodotti privi di glutine riconosciuti

Dettagli

Caratteristiche generali: Principali funzionalità:

Caratteristiche generali: Principali funzionalità: L entrata in vigore del Regolamento CE 178/2002 ha portato alla ribalta il tema della tracciabilità agroalimentare, rendendola obbligatoria a partire dal 1 gennaio 2005. Adottare un sistema di tracciabilità

Dettagli

RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione. Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015

RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione. Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015 RAEE e Pile I Sistemi Nazionali di Gestione Situazione e Prospettive 21 Ottobre 2015 Gestione dei RAEE D. Lgs. 49/2014 2 D. Lgs. 49/2014 Il 14 Marzo 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI

GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI REGISTRO DEI REVISORI LEGALI DEI CONTI GUIDA OPERATIVA PER L ACCREDITAMENTO NEL REGISTRO DEI REVISORI LEGALI PER I REVISORI LEGALI E LE SOCIETA DI REVISIONE Versione 2.2a del 17 set 2014 Sommario 1 PREMESSA...

Dettagli

GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE

GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE GUIDA ALL ISCRIZIONE AL REGISTRO PRODUTTORI AEE PV CYCLE 2014 INFORMAZIONI NORMATIVE Il decreto legislativo n. 49/2014 «Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed

Dettagli

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta:

Domanda: Cosa fare se il dispositivo USB dell'azienda di trasporto non funziona? Risposta: FAQ AGGIORNAMENTO SITO SISTRI novembre 2013 Entro quanto tempo devono essere riportati a Sistema i dati relativi alla presa in carico e alla consegna dei rifiuti? Il trasportatore è tenuto a firmare le

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame

Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame Prenotazione / Gestione on-line dei verbali d esame PREMESSA Il documento ha lo scopo di definire e regolamentare le procedure connesse con la prenotazione degli esami on line in fase di prima applicazione.

Dettagli

BANDO ASSEGNAZIONE DIRITTI DI IMPIANTO DA RISERVA REGIONALE A TITOLO GRATUITO

BANDO ASSEGNAZIONE DIRITTI DI IMPIANTO DA RISERVA REGIONALE A TITOLO GRATUITO BANDO ASSEGNAZIONE DIRITTI DI IMPIANTO DA RISERVA REGIONALE A TITOLO GRATUITO MODALITÀ DI ACCESSO AL PORTALE E PROCEDURA TELEMATICA DI COMPILAZIONE E INVIO DELLA DOMANDA E DELLA DOCUMENTAZIONE. La domanda

Dettagli

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni

Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma. Fabrizio Longoni Il d.lgs. 49/2014: Le novità dal punto di vista del CdC RAEE e gli Accordi di Programma Fabrizio Longoni Salerno, 10 aprile 2015 Inquadramento normativo e premesse Il d.lgs. 49 del 14 marzo 2014 recepisce

Dettagli

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c.

f. essere disponibili a sottoporre i veicoli trasformati al monitoraggio delle prestazioni previste dal al paragrafo 8, punti a e c. LINEE GUIDA AL PROGETTO PILOTA PER L INCENTIVAZIONE DELLE TRASFORMAZIONI A GPL E METANO DEI VEICOLI COMMERCIALI CON ALIMENTAZIONE DIESEL INIZIATIVA ICBI Finanziamenti ai Comuni per l utilizzo dei carburanti

Dettagli

AGM di Luca Taormina Ditta Individuale. Carta di qualità

AGM di Luca Taormina Ditta Individuale. Carta di qualità AGM di Luca Taormina Ditta Individuale Carta di qualità Servizi a valore aggiunto offerti al pubblico: Posta prioritaria tracciata con ora e data di consegna certa Pick-up (prelievo presso la sede del

Dettagli

Guida veloce per i fornitori

Guida veloce per i fornitori Centrale Regionale Acquisti NECA Negozio Elettronico della Centrale Acquisti Guida veloce per i fornitori Centrale Regionale Acquisti N.B. Il NECA sarà oggetto nel corso del prossimo mese di sviluppi e

Dettagli

Via n. Via n. (firma... ) (firma... )

Via n. Via n. (firma... ) (firma... ) Contratto di adesione al servizio Wast-e Sistema Collettivo volontario per la gestione dei rifiuti RAEE e dei rifiuti di consumabili per la stampa esausti prodotti da utenti professionali in ottemperanza

Dettagli

Integrazione al Manuale Utente 1

Integrazione al Manuale Utente 1 RAEE Modulo per la gestione dei Rifiuti derivanti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche Il Decreto Legislativo 25 luglio 2005 n. 151 prevede che i produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Dettagli

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente

POSTA CLASSICA La posta tradizionale con noi è più efficiente CARTA DELLA QUALITA A. PRINCIPI ISPIRATORI E OBIETTIVI DELLA CARTA DELLA QUALITÀ La Carta della Qualità di Consorzio S.M.B. recepisce gli obiettivi di qualità dei servizi rientranti nell ambito del servizio

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1

GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE. giovedì 21 ottobre 2010 1 GESTIONE INFORMATICA DEI RAEE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Direttive Europee: 2002/95/CE 2002/96/CE 2003/108/CE Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 Decreto Ministeriale 08 marzo 2010, n. 65 Modalità

Dettagli

Decreto Legislativo 49/2014. Moduli Fotovoltaici e RAEE

Decreto Legislativo 49/2014. Moduli Fotovoltaici e RAEE Decreto Legislativo 49/2014 Moduli Fotovoltaici e RAEE 1 Indice Introduzione... 3 Q1 La mia società rientra nella definizione di produttore di AEE (Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)?... 4 Q2

Dettagli

L APP PER IPHONE E ANDROID

L APP PER IPHONE E ANDROID L APP PER IPHONE E ANDROID PER LA PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLA FORZA LAVORO IN MOBILITA GIUGNO 2013 RCSOFT Software House 1 GAT MOBILE COS E GAT MOBILE è una APP rivolta alle aziende che si occupano

Dettagli