STRUMENTI PER L INNOVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTI PER L INNOVAZIONE"

Transcript

1 STRUMENTI PER L INNOVAZIONE 15 misure creative per il settore dei trasporti che possono cambiare la vostra città TIDE è un Azione di Coordinamento finanziata dalla Commissione Europea, DG Ricerca e Innovazione nell ambito del 7º Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo.

2 gestione della rete e del traffico per l informazione agli utenti Tecniche avanzate di Mobilità elettrica Mezzi di trasporto non motorizzati Organizzazione del trasporto collettivo Nuove misure in materia di tariffazione 2

3 Indice Adozione e diffusione di innovazioni nel settore dei trasporti in Europa 4 Aspetto nº 1: Nuove misure in materia di tariffazione 6 Misura nº 1: Diritti di utenza stradale in zone urbane 8 Misura nº 2: Politiche in materia di tariffazione dei parcheggi 10 Misura nº 3: Una politica dei prezzi efficiente e conveniente, e tariffazione per i trasporti multimodali 12 Aspetto nº 2: Mezzi di trasporto non motorizzati 14 Misura nº 1: Progetti innovativi per il parcheggio delle biciclette 16 Misura nº 2: Creazione di strade e di spazi pubblici che vanno incontro alle esigenze dei cittadini 18 Misura nº 3: Piste ciclabili veloci 20 Aspetto nº 3: Tecniche avanzate di gestione della rete e del traffico per l informazione agli utenti 22 Misura nº 1: Open data server destinato a fornire informazioni ai viaggiatori basate su applicazioni 24 Misura nº 2: Interfaccia uomo-macchina (HMI) di facile utilizzo per l informazione agli utenti 26 Misura nº 3: Servizi avanzati di priorità ai mezzi di trasporto collettivo 28 Aspetto nº 4: Mobilità elettrica 30 Misura nº 1: Logistica urbana pulita 32 Misura nº 2: Piani di finanziamento per le stazioni di ricarica 34 Misura nº 3: Ricarica induttiva per i mezzi di trasporto collettivo 36 Aspetto nº 5: Organizzazione del trasporto collettivo 38 Misura nº 1: Creazione di organi di gestione per il trasporto collettivo in aree metropolitane 40 Misura nº 2: Appalto di servizi volti a migliorare la soddisfazione dei passeggeri e l efficienza 42 Misura nº 3: La ricerca di mercato come strumento di ottimizzazione del trasporto collettivo 44 3

4 Adozione e diffusione di innovazioni nel settore dei trasporti in Europa L obiettivo del progetto europeo TIDE 1 è quello di promuovere un clima più favorevole nelle città e regioni per integrare aspetti innovativi nelle loro politiche di mobilità urbana. Tali accorgimenti dovrebbero stimolare una maggiore accettazione e l incremento di nuove soluzioni e tecnologie per il trasporto urbano. TIDE intende assistere le città e le regioni per far fronte a sfide comuni in un approccio integrato e basato sulla cooperazione. Perché l innovazione? In diverse occasioni, le città europee hanno affermato che l innovazione può contribuire a fronteggiare le sfide derivanti dalla crisi economica. L innovazione può far risparmiare costi e contribuire al conseguimento degli obitettivi di politica urbana. Tuttavia, molte città non dispongono delle risorse necessarie per completare l intero ciclo di innovazione. Solitamente, le idee innovative iniziano in un unico luogo o solo in alcuni luoghi prima di raggiungere una copertura più ampia. TIDE assisterà le città e le regioni europee ad abbreviare il percorso verso l attuazione di misure innovative evidenziando che non è necessario reinventare la ruota e che è molto più efficace scambiare conoscenze sull innovazione e trasferire soluzioni adottate con successo da una regione europea all altra. TIDE presenta pertanto una maniera economicamente razionale di diffondere l innovazione in Europa. La nostra missione Guidati dalle vostre esigenze TIDE stimolerà un ampia diffusione di 15 misure innovative di trasporto urbano e mobilità in tutta Europa e contribuirà in modo visibile all adozione delle medesime quali misure principali. Il partenariato TIDE intende attualmente agevolare l accesso a una serie di soluzioni nuove e fattibili per affrontare le principali sfide nel settore dei trasporti urbani, quali l efficienza energetica e la decarbonizzazione, l evoluzione demografica, la sicurezza, l accessibilità per tutti e le nuove condizioni economiche e finanziarie. TIDE si incentra sulla sensibilizzazione, che intende promuovere, nonché sull avanzamento delle competenze tramite strumenti nuovi e di provata efficienza, su attività pratiche con le città e sui costi e benefici. Le esigenze dei professionisti nelle città europee costituiscono pertanto il principio guida. TIDE sostiene attivamente 15 città impegnate nell iniziativa allo scopo di sviluppare scenari di attuazione per misure innovative nell ambito del trasporto urbano, esemplari per un gruppo ancora maggiore di candidati. Queste misure riguardano i cinque temi TIDE seguenti: nuove misure in materia di tariffazione, mezzi di trasporto non motorizzati, tecniche avanzate di gestione della rete e del traffico per l informazione agli utenti, mobilità elettrica e organizzazione del trasporto collettivo. 1 Il progetto europeo TIDE è finanziato dal Settimo Programma Quadro della Commissione Europea e copre il periodo da ottobre 2012 a settembre

5 Come abbiamo selezionato le misure innovative TIDE relative ai mezzi di trasporto? TIDE comprende tre misure innovative per ogni aspetto tematico. Due di queste misure innovative sono state individuate dalle città ed esperti di settore, partner di TIDE, mentre la terza misura innovativa è stata selezionata tramite un processo di consultazione con numerose città ed esperti esterni. L obiettivo di tale processo di consultazione era quello di individuare misure innovative per ogni aspetto tematico che presentassero, da una parte, un grado elevato di innovazione e, dall altra, un potenziale elevato per un attuazione generale e su vasta scala negli anni a venire. La consultazione includeva un indagine on line e un seminario di esperti. In base ai risultati del processo di selezione, è stata scelta una terza misura che rappresentava una priorità per le diverse città partner di TIDE e che rispondeva ai criteri del consorzio del progetto TIDE. Il secondo obiettivo dell indagine era quello di verificare presso i soggetti interessati qualora le misure innovative preselezionate succitate fossero coerenti con le esigenze delle città europee in termini di innovazione e idonee per rispondere alle sfide locali alle quali tali città devono far fronte. Questo processo ha portato alla selezione finale di quindici misure innovative TIDE, per i cinque aspetti TIDE: Nuove misure in materia di tariffazione Mezzi di trasporto non motorizzati Tecniche avanzate di gestione della rete e del traffico per l informazione agli utenti Mobilità elettrica Organizzazione del trasporto collettivo Diritti di utenza stradale in zone urbane Politiche in materia di tariffazione dei parcheggi Politica dei prezzi efficiente e conveniente, e tariffazione per i trasporti multimodali Progetti innovativi per il parcheggio delle biciclette Creazione di strade e di spazi pubblici che vanno incontro alle esigenze dei cittadini Piste ciclabili veloci Open data server destinato a fornire informazioni ai viaggiatori basate su applicazioni Interfaccia uomo-macchina di facile utilizzo per l informazione agli utenti Servizi avanzati di priorità ai mezzi di trasporto collettivo Logistica urbana pulita Piani di finanziamento per le stazioni di ricarica Ricarica induttiva per i mezzi di trasporto collettivo Creazione di organi di gestione per il trasporto collettivo in aree metropolitane Appalto di servizi volti a migliorare la soddisfazione dei passeggeri e l efficienza La ricerca di mercato come strumento di ottimizzazione del trasporto collettivo Inoltre, le misure selezionate suindicate considerano gli obiettivi della politica dei trasporti dell UE. Il presente opuscolo, che è anche disponibile in francese, tedesco, inglese, polacco, spagnolo e basco, intende presentare le quindici misure innovative TIDE alle autorità locali e ai professionisti del trasporto urbano. Ogni misura viene illustrata con esempi di buone pratiche, mettendo in luce le caratteristiche e i vantaggi, gli aspetti principali per la loro attuazione, nonché altri riferimenti utili. 5

6 Foto: 6

7 Aspetto nº 1: Nuove misure in materia di tariffazione La costruzione, la manutenzione e il funzionamento di sistemi di trasporto urbano rappresentano spesso una sfida finanziaria per le città europee. Nel contempo, le strutture tariffarie vigenti applicabili ai vari mezzi di trasporto non riflettono i costi sociali effettivi per i singoli utenti. Ciò conduce a un impiego insostenibile e inefficiente dei servizi e dell infrastruttura esistenti. Esiste un potenziale enorme per la realizzazione efficace di sistemi di trasporto urbano sostenibili grazie all introduzione di nuovi meccanismi di tariffazione. Diversi regimi fiscali innovativi, sistemi di pagamento in base all utilizzo e sistemi di pagamento in base alla disponibilità in tutta Europa possono contribuire all utilizzazione più sostenibile ed efficiente di sistemi di trasporto in città in fase di transizione. 7

8 Aspetto nº 1: Nuove misure in materia di tariffazione Misura nº 1: Diritti di utenza stradale in zone urbane Risultati salienti dell indagine Priorità Attività Difficoltà Buone prassi bassa media alta Londra ha introdotto una tariffazione di accesso alle aree urbane nel Questa tariffazione è un lasciapassare di zona che consente l accesso per un numero illimitato di volte durante il giorno e contribuisce alla realizzazione delle priorità della città in termini di trasporto, ovvero a: ridurre la congestione stradale; migliorare drasticamente i servizi di trasporto effettuati con autobus; migliorare l affidabilità della durata del percorso per gli automobilisti; rendere più efficiente la distribuzione di beni e servizi. Questo diritto di utenza ha contribuito a un aumento del 6% nell utilizzazione degli autobus durante gli orari di applicazione delle tariffe. Tali misure di miglioramento hanno contribuito ad aumentare lo spazio destinato ai pedoni e ai ciclisti nel sistema di trasporto. Altre città che hanno introdotto una tariffazione di accesso alle zone urbane congestionate sono Stoccolma e Milano. Nel 2007, a Stoccolma è stato introdotto un pedaggio d ingresso che ha comportato una riduzione del 22% dei veicoli che circolano in città. Milano sta attualmente esaminando un sistema di tariffazione simile. Milano disponeva previamente di una tariffazione basata sull inquinamento ed è pertanto la prima città in grado di analizzare e comparare le esperienze dei due tipi di tariffazione in aree urbane, ovvero la tariffazione basata sull inquinamento e quella di accesso alle aree urbane congestionate. Caratteristiche principali Il diritto di utenza stradale si riferisce a una tariffa diretta riscossa per l utilizzazione di strade urbane. In funzione dell obiettivo principale, la tariffa può essere definita in vari modi. In generale, possono essere individuate quattro tipologie diverse: tariffa specifica: tariffa per utilizzazione di una determinata strada o infrastruttura; tariffe in base alla distanza : viene applicata una tariffa per il percorso, incentivando così il conducente a ridurre il chilometraggio; pedaggio d ingresso: tariffa per zona, di norma in centri urbani; la tariffa viene riscossa all ingresso di ogni zona; lasciapassare di zona: viene riscossa una tariffa per circolare in una zona specifica per un periodo determinato. I diritti di utenza stradale possono essere utilizzati per generare proventi e/o gestire la domanda di trasporto. Differenziando le varie tariffe in base al tempo, luogo e tipo di veicolo, le esternalità negative del traffico possono essere trasferite all utente che le provoca ( internalizzazione ) e risultano pertanto ridotte. I diritti di utenza stradale sono spesso efficaci e, una volta introdotti, le tariffe possono essere modificate per adeguarle a un utilizzazione più efficiente della rete stradale. Varie soluzioni tecnologiche (carte intelligenti, unità di bordo, telecamere di riconoscimento delle targhe automobilistiche) consentono l identificazione dei veicoli e dei conducenti e l assegnazione della tariffa corretta. L accettabilità e il trasporto pubblico possono rappresentare una sfida per i diritti di utenza stradale. Ai cittadini può risultare difficile accettare tali tariffe, dato che implica il pagamento di un servizio che veniva fornito gratuitamente. Potrebbe anche essere considerato ingiusto e iniquo, provocando maggiori problemi ai poveri rispetto a coloro che possono permettersi di pagare. Il finanziamento iniziale potrebbe essere una sfida supplementare: i costi del capitale per la progettazione, pianificazione e attuazione sono elevati rispetto ad altre strategie di gestione del traffico e della mobilità. Il funzionamento del sistema richiede spesso l apporto di almeno 10% dei proventi. Principali vantaggi Il pedaggio stradale in aree urbane: trattandosi di un (dis)incentivo economico, in genere è efficace per modificare i comportamenti il denaro conta; può essere adeguato a un livello che corrisponde a un uso efficiente della rete stradale; flessibile: una volta introdotto, i livelli tariffari possono generalmente essere adeguati facilmente; può generare nuovi fondi per sostenere i servizi pubblici di trasporto; consente agli utenti di scegliere un meccanismo di adeguamento: coloro che pensano che valga la pena pagare per tale servizio possono continuare il loro percorso; coloro che non desiderano pagare adattano il loro modello di trasporto alle nuove condizioni nel modo più conveniente per loro: uso collettivo dell auto, modifica della destinazione, l adozione di altri modi di trasporto o il rinvio del viaggio a una data quando le tariffe sono inferiori. Segnale indicante l entrata all area urbana congestionata oggetto di tariffazione a Londra Foto: Mario Roberto Durán Ortiz Link: > Politica dell UE > Tariffazione di accesso alle aree urbane congestionate di Londra (Transport for London) > Tariffazione di accesso alle aree urbane congestionate di Stoccolma (Agenzia svedese per i trasporti) > Pedaggio urbano a Milano (Comune di Milano) wps/wcm/connect/contentlibrary/elenco Siti tematici/elenco Siti tematici/area C 8

9 Aspetti essenziali dell Attuazione Lista di controllo Dimensioni della città Esigenze degli utenti Costi Orizzonte temporale Principali soggetti interessati coinvolti Fattori cruciali Fattori escludenti Nessuna limitazione Ottenere informazioni sul sistema di tariffazione; Informazioni su modi di trasporto alternativi; Sapere a chi rivolgersi in caso di problemi o per ottenere informazioni. I costi del capitale per la progettazione, la pianificazione e l attuazione sono elevati rispetto ad altre strategie di gestione del traffico e della mobilità; Una volta attuato, i costi di gestione sono simili ad altri sistemi di controllo del traffico e coperti dai proventi. Può essere necessario modificare la normativa e, a volte, persino la costituzione, fatti che possono richiedere tempo. Operatori di trasporto e autorità competenti; Associazioni del trasporto collettivo; Autorità locali e funzionari politici locali; Gruppi di utenti locali; Automobilisti, conducenti professionali (autisti di camion e tassisti); Residenti di zone che potrebbero risentirne sensibilmente; Settore del commercio al dettaglio, commercianti. Buona comunicazione con i soggetti interessati e con gli utenti; Promozione dello sviluppo di mezzi alternativi di trasporto (trasporto collettivo ecc.). È possibile che la legislazione debba essere modificata per quanto riguarda il diritto di riscuotere una tariffa sull infrastruttura esistente, il riconoscimento dei veicoli e delle persone e la relativa esecuzione. Caselli ad Oslo, Norvegia Foto: Kjetil Ree Pedaggio d ingresso alla zona di tariffazione dell area urbana congestionata di Stoccolma Foto: Holger Ellgaard Contatto TIDE: > Helen Lindblom, WSP Sweden 9

10 Aspetto nº 1: Nuove misure in materia di tariffazione Misura nº 2: Politiche in materia di tariffazione dei parcheggi Risultati salienti dell indagine Priorità Attività Difficoltà Buone prassi bassa media alta San Francisco ha introdotto il sistema SFpark, che aggiorna regolarmente il prezzo dei posti auto per adeguarsi all evoluzione della domanda. L obiettivo è di ridurre il traffico assistendo i conducenti a trovare un posto auto e, nel contempo, ridurre la congestione stradale garantendo una rete più sicura. SFpark utilizza un sistema di determinazione del prezzo che varia a seconda della domanda allo scopo di liberare posti auto in ogni blocco e ridurre i giri a vuoto e il parcheggio in doppia fila. I prezzi variano in funzione del blocco, dell ora e del giorno della settimama. Le tariffe vengono adeguate una volta al mese. Nel 2012, Los Angeles ha introdotto un iniziativa pilota di tariffazione del parcheggio, denominata Express Park, che misura il livello di occupazione tramite sensori e aggiorna i prezzi regolarmente allo scopo di migliorare l accessibilità del centro città. Questo progetto analizza il modo in cui la tecnologia può assistere la città di Los Angeles nella realizzazione dei propri obbiettivi, ovvero aumentare la disponibilità di posti auto, ridurre la congestione stradale e l inquinamento atmosferico e promuovere l uso di mezzi di trasporto alternativi. In Gran Bretagna è stato stabilito un principio secondo il quale le tariffe vengono assegnate secondo il tipo di veicolo come, per esempio, le sue dimensioni. A Westminster, al centro di Londra, i permessi di parcheggio variano a seconda della lunghezza dei veicoli. Nel 2007, Richmond ha introdotto permessi di parcheggio che variano in funzione delle emissioni di CO 2. I veicoli a bassa emissione erano esenti dal pagamento del parcheggio. L obiettivo era di ridurre le emissioni di CO 2, promuovere il trasporto sostenibile e migliorare la qualità dell aria. La sperimentazione si è conclusa nel Caratteristiche principali Le politiche in materia di tariffazione dei parcheggi possono essere utilizzate in vari modi: per ridurre il traffico veicolare, per migliorare l accessibilità e aumentare l efficienza dell uso del suolo. Le tasse di parcheggio possono parimenti costituire una fonte importante di proventi per le autorità locali. La tariffa di parcheggio è spesso sovvenzionata o in ogni caso inferiore rispetto al prezzo effettivo del parcheggio. Un parcheggio gratuito o proposto a un prezzo ridotto possono dar luogo a un utilizzazione inefficiente dei parcheggi e ad una domanda eccessiva per tali servizi. L introduzione di tariffe di parcheggio può essere una strategia per modificare il prezzo percepito, il tempo e la convenienza dell utilizzazione dell automobile, facendo in modo che altri mezzi di trasporto risultino relativamente più interessanti. Per quanto riguarda il parcheggio residenziale, le tariffe influiscono soprattutto sui costi di proprietà dell auto privata, mentre per i parcheggi non residenziali non vi è alcun impatto diretto sulla scelta della destinazione. Il consenso del pubblico potrebbe costituire una vera sfida nell introdurre politiche in materia di tariffazione dei parcheggi dato che si tratta di pagare per un servizio che era precedentemente fornito gratuitamente. Per aumentare il livello di accettazione, un idea valida potrebbe essere fornire informazioni circa gli obiettivi di tale politica. È parimenti importante diffondere e promuovere mezzi di trasporto alternativi. La possibilità per singole imprese e quartieri commerciali di offrire il parcheggio gratuito per attirare i clienti rappresenta un ulteriore sfida. Inoltre, un parcheggio viene spesso considerato come un beneficio attraente per i dipendenti. Per trattare i vari aspetti legati ai parcheggi, è importante che le relative politiche non vengano considerate separatamente, ma piuttosto come un elemento da integrare nella pianificazione territoriale e dei trasporti. Principali vantaggi La politica in materia di tariffazione dei parcheggi : consente di aumentare l uso efficiente dei parcheggi e di ridurre la domanda eccessiva per i medesimi; viene applicata allo scopo di ridurre il traffico che a sua volta può ridurre la congestione stradale e l impatto sull ambiente; genera proventi che possono essere utilizzati per intraprendere altre misure. La politica di tariffazione dei parcheggi può contribuire alla riduzione della congestione stradale Foto: Tiia Ettala Link: > Politiche in materia di parcheggi e impatto sull economia e la mobilità Action 342 final report[1].pdf > San Francisco SFpark > Los Angeles Express Park 10

11 Aspetti essenziali dell Attuazione Lista di controllo Dimensioni della città Esigenze degli utenti Costi Orizzonte temporale Principali soggetti interessati coinvolti Fattori cruciali Fattori escludenti Nessuna limitazione Informazioni circa il luogo di parcheggio e i costi associati; Sapere a chi rivolgersi in caso di problemi o per ottenere informazioni; Garantire l accessibilità alle persone con disabilità permanente o temporanea. I costi dipendono dalla misura attuata. Se l obiettivo è di ridurre il traffico, la politica di parcheggio può essere una misura a basso costo rispetto ad altre misure (per esempio il pedaggio urbano); L esecuzione, nonostante il fatto che garantisca proventi, risulta costosa. Rapida attuazione rispetto ad altre misure. Imprese proprietarie di parcheggi e gestori; Autorità locali; Associazioni di quartiere e singoli residenti; La polizia locale può essere coinvolta in attività di esecuzione; Le società private forniscono spesso apparecchiature di gestione dei parcheggi e servizi. In linea generale, le strategie e la pianificazione relative ai parcheggi dovrebbero essere legate alla pianificazione territoriale e dei trasporti. Nessuno Il parchimetro SF Park Foto: SF Park Sensore di segnaletica LA Express Foto: LA Express Park Contatto TIDE: > Helen Lindblom, WSP Sweden L indicazione dinamica dello stazionamento è il primo passo verso parcheggi più intelligenti Fonte: Polis 11

12 Aspetto nº 1: Nuove misure in materia di tariffazione Misura nº 3: Una politica dei prezzi efficiente e conveniente e tariffazione per i trasporti multimodali Risultati salienti dell indagine Priorità Attività Difficoltà bassa media alta Buone prassi Il concetto Mobility mixx rappresenta un servizio innovativo di mobilità d affari ideato in Olanda e che propone alle imprese soluzioni di mobilità flessibile e intermodale per i propri dipendenti. Mobility mixx fornisce alle imprese una gamma completa di opzioni di trasporto che rispondono alle esigenze individuali, semplificano l amministrazione dei viaggi d affari per una maggior trasparenza dei costi sostenuti dall organizzazione. Il Mobility mixx comprende inoltre servizi di controllo finanziario e di consulenza, informazioni fiscali e di viaggio. La Greater Hannover Transport Association (GVH) ha avviato un nuovo servizio nel mese di ottobre 2004, l HANNOVERmobile. Questo servizio offre un integrazione completa del trasporto collettivo, dell utilizzo in comune di autovetture e taxi. L utente ha immediatamente accesso a varie opzioni di viaggio e può scegliere il servizio più conveniente, in qualsiasi momento. GVH considera tale servizio come l opportunità per il fornitore di mezzi di trasporto collettivi di essere un fornitore di mobilità globale. Può essere usato come strumento di rivendita per un gran numero di utenti, migliorando la fidelizzazione e ampliando il portafoglio di prodotti grazie a questi servizi aggiuntivi. Caratteristiche principali Una tariffazione e pedaggi più efficienti in viaggi multimodali sono un modo per usare al meglio le risorse disponibili, nonché la capacità del sistema di trasporto. Per il trasporto di passeggeri, esistono attualmente numerosi sistemi di pianificazione, prenotazione, pagamento e acquisto di un viaggio, tuttavia i medesimi non sono integrati. I viaggiatori desiderano un sistema semplice. Una tariffazione integrata dei viaggi multimodali può semplificare la prenotazione, l acquisto e il pagemento da parte degli utenti. Per i fornitori, una tariffazione integrata significa costi minori e la possibilità di applicare una tariffa per il valore aggiunto. Tuttavia, tale iniziativa richiede la cooperazione dei fornitori. Salvaguardare e fornire le informazioni rilevanti tramite la cooperazione fra vari attori costituisce uno dei principali ostacoli da superare. L accesso a dati di qualità garantita e a informazioni che riguardano le reti di trasporto, i terminali, il traffico ecc. e la combinazione di dati provenienti da varie parti interessate rappresentano elementi fondamentali. Sono necessarie interfacce e norme aperte. Principali vantaggi La tariffazione e i pedaggi efficienti e convenienti per percorsi multimodali: possono aumentare la quota delle modalità di trasporto sostenibili; possono determinare una riduzione dei costi per i fornitori; forniscono dati rilevanti agli operatori; consentono una riscossione dei pedaggi efficiente. Le informazioni agli utenti, per esempio alle fermate degli autobus, sono un modo di semplificare i viaggi multimodali dei passeggeri. Foto: WSP owned Link: > Piano d azione e quadro giuridico per l adozione e la diffusione di sistemi di trasporto intelligenti (STI) in Europa > Mobility Mixx 12

13 Aspetti essenziali dell Attuazione Lista di controllo Dimensioni della città Esigenze degli utenti Costi Orizzonte temporale Principali soggetti interessati coinvolti Fattori cruciali Fattori escludenti Nessuna limitazione Sistemi di facile utilizzo per la prenotazione e l acquisto di viaggi multimodali; Sapere a chi rivolgersi in caso di problemi o per ottenere informazioni. I costi sono contenuti rispetto ad altre misure. Tuttavia, dato che sono coinvolte varie parti interessate, possono sorgere discussioni circa l attribuzione dei costi e la ripartizione dei proventi. Rapida attuazione rispetto ad altre misure. Tuttavia, esige la cooperazione fra le varie parti interessate, che può rallentare il processo di attuazione. Fornitori di servizi e di trasporto; Associazioni di utenti; Autorità nazionali, regionali e locali. È necessario chiarire le responsabilità e i ruoli; Cooperazione fra i vari soggetti interessati; Sono necessarie interfacce e norme aperte. Nessuno Fonte: Yannick Bousse Una tariffazione intelligente dei viaggi multimodali semplifica i collegamenti intermodali Fonte: Contatto TIDE: > Helen Lindblom, WSP Sweden 13

14 Fonte: EUROCITIES 14

15 Aspetto nº 2: Mezzi di trasporto non motorizzati Ogni giorno in tutta Europa molti spostamenti brevi che vengono effettuati con l automobile potrebbero essere facilmente effettuati a piedi o in bicicletta. Tale situazione non solo aumenta le emissioni di CO 2, ma contribuisce inoltre all aumento della congestione stradale, ai problemi di salute derivanti dalla mancanza di esercizio, agli incidenti stradali e all esclusione sociale. Secondo alcune stime, il 5 10% dei viaggi in autovettura in qualsiasi zona urbana potrebbero ragionevolmente essere realizzati con un mezzo di trasporto non motorizzato. Le barriere che impediscono che si cammini e che si vada in bicicletta più spesso includono la mancanza di piste ciclabili sicure, di attraversamenti pedonali sicuri, nonché di parcheggi per biciclette sicuri. Mentre numerose città hanno già realizzato alcune infrastrutture di base, ulteriori misure innovative possono contribuire a superare questi ostacoli e portare all effetto sicurezza nei numeri : un aumento del numero di persone che cammina o va in bicicletta comporterà un aumento della consapevolezza da parte di altri utenti della strada e, a sua volta, comporterà una maggior sicurezza per i ciclisti e i pedoni. Tali misure dovrebbero essere sviluppate come parte di una strategia integrata di pianificazione per i mezzi di trasporto non motorizzati. 15

16 Aspetto nº 2: Mezzi di trasporto non motorizzati Misura nº 1: Progetti innovativi per il parcheggio delle biciclette Risultati salienti dell indagine Priorità Attività Difficoltà bassa media alta Buone prassi La città di Portland, Oregon, USA, ha introdotto un programma denominato recinto per le biciclette, che propone parcheggi per biciclette (recinti), situati su uno o due posti auto nelle strade della città. Ogni recinto consente di parcheggiare da 10 a 20 biciclette. I recinti vengono installati solo su richiesta delle imprese attigue. I proprietari dell impresa e del terreno devono approvare l installazione del recinto e firmare un accordo che stabilisce la pulizia regolare del recinto per evitare che si accumulino immondizie. Caratteristiche prinicipali In caso di parcheggio per soste lunghe (per esempio: abitazioni, luoghi di lavoro o stazioni bike and ride per il parcheggio delle biciclette per i pendolari), devono essere messe a disposizione zone di deposito sicure (anche per accessori quali i caschi e i kit di riparazione) e tali strutture devono essere disponibili a prezzi ragionevoli. I parcheggi per soste corte (per esempio: zone commerciali e per l intrattenimento) devono essere visibili, pratici e stabili (non a rastrelliera) e devono essere disponibili gratuitamente. Tutte le zone di parcheggio devono essere comodamente situate il più vicino possibile alla destinazione dei ciclisti (massimo 50 m), installando pertanto un maggior numero di strutture ridotte invece di poche strutture di grandi dimensioni. È importante che i parcheggi per biciclette si adattino alla morfologia urbana senza turbare i pedoni. Un parcheggio per biciclette ben progettato può riverlarsi un vantaggio interessante nelle zone urbane. L integrazione con altri modi di trasporto è fondamentale per i parcheggi per biciclette dato che quest ultimi, situati nei poli di scambio dei mezzi di trasporto collettivo, consentono spostamenti più fluidi. I parcheggi per le biciclette vanno integrati a una visione più ampia delle politiche incentrate sulla mobilità urbana sostenibile. Il posizionamento ideale dei recinti per il parcheggio delle biciclette è vicino a luoghi dove sostano regolarmente oltre 10 biciclette. I recinti devono essere preferibilmente situati sulla strada principale, il più vicino possibile all entrata principale dei negozi adiacenti. La Città di Portland preferisce situare i recinti per il parcheggio delle biciclette agli angoli delle strade, creando pertanto una curva più estesa che accorcia la distanza dell attraversamento pedonale e migliora la visibilità dei conducenti di veicoli che si immettono nel traffico dalle vie laterali. Da metà 2013, a Portland sono stati installati 99 recinti per le biciclette e sono state inoltrate molte altre richieste per recinti supplementari. Principali vantaggi Parcheggio per biciclette sicuro a Ghent Foto: Wikimedia Commons I progetti di alta qualità per il parcheggio delle biciclette: forniscono un deposito sicuro e pratico per i ciclisti, nelle principali destinazioni; incoraggiano i viaggi che combinano l uso della bicicletta e dei trasporti pubblici; avvicinano i clienti ai dettaglianti grazie ai comodi parcheggi per le biciclette; riducono il rischio e la paura dei furti che sono una barriera all uso della bicicletta. Jonathan Maus/BikePortland Pubblicata con il permesso dell autore. Tutti i diritti riservati. Link: > progetto PRESTO > TfL Cycling Workplaces Scheme > progetto CHAMP > Città di Portland 16

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA

PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI SU CORSIA RISERVATA Visione d insieme Una pista ciclabile su corsia riservata è uno spazio sulla strada riservato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA

Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA COMUNE DI RAVENNA Scheda Progetto: UN PIEDIBUS TARGATO RAVENNA Anno scolastico 2007/2008 PREMESSA Il Piedibus è il modo più sano, sicuro, divertente ed ecologico per andare e tornare da scuola. E un autobus

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Transport for London. Spostarsi con Oyster

Transport for London. Spostarsi con Oyster Transport for London Spostarsi con Oyster Oyster ti dà il benvenuto Oyster è il metodo più economico per pagare corse singole su autobus, metropolitana (Tube), tram, DLR, London Overground e la maggior

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

PARCHEGGI E DEPOSITI PER BICICLETTE

PARCHEGGI E DEPOSITI PER BICICLETTE Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / PARCHEGGI PARCHEGGI E DEPOSITI PER BICICLETTE Visione d insieme Piccoli parcheggi per biciclette distribuiti in modo capillare - per esempio supporti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

DESIGNA Portfolio. italiano

DESIGNA Portfolio. italiano DESIGNA Portfolio italiano ///02/03 Stefan Ille CTO DESIGNA Dr. Thomas Waibel CEO DESIGNA Intro Un futuro con radici profonde. Saper cambiare modo di pensare. Saper cambiare modo di operare. Continuando

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Sicurezza nei quartieri

Sicurezza nei quartieri Sicurezza nei quartieri Orientamento sulle sistemazioni e sui dispositivi stradali Membri del TCS gratuito (1 copia) Non membri CHF 10. touring club suisse schweiz svizzero Prefazione La prevenzione degli

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità

Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità Evoluzione della fattura elettronica a livello internazionale e sua utilità 6 settembre 2012 Bruno Koch Situazione iniziale tipica in una città campione Numero di abitanti: 100 000 Volume di fatture: ricevute

Dettagli