Mensile a cura del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti N. 1 Supplemento a il Salvagente n. 2 del 9 gennaio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mensile a cura del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti N. 1 Supplemento a il Salvagente n. 2 del 9 gennaio 2014"

Transcript

1 Mensile a cura del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti N. 1 Supplemento a il Salvagente n. 2 del tuttoconsumatori partecipazione, confronto, monitoraggio: le direttrici delle Linee Guida presentate a Napoli, alla XIII sessione programmatica cncu-regioni Carte della qualità: Gli standard per i servizi pubblici Il documento finale sulle Linee Guida 2 Casa del Consumatore: la petizione sulla disattivazione 3 Forum: cosa ci porterà il nuovo anno? 4/5 Codici: la cronaca in una web tv 6 Le iniziative delle associazioni 7/8 toconsumatori.org Maggiore partecipazione dei cittadini nel miglioramento della gestione dei servizi pubblici. Confronto tra enti locali e associazioni dei consumatori per definire le Carte della qualità e i contratti di servizio. Monitoraggio costante per verificare il raggiungimento degli obiettivi. Queste le direttrici contenute nelle Linee Guida sulle Carte della qualità e i contratti dei servizi pubblici locali presentate durante la XIII Sessione programmatica del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti (CNCU) - Regioni che si è tenuta a Napoli il 18 e il 19 novembre scorsi. Le Linee guida, approvate dalla Conferenza unificata il 26 settembre e pubblicate in Gazzetta Ufficiale il 29 ottobre scorso, danno piena attuazione all articolo 2, comma 461, della Finanziaria 2008, contribuiranno a migliorare la gestione dei servizi erogati da Regioni e Comuni come, ad esempio, i trasporti ferroviari e su gomma, il servizio idrico integrato, la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti, la gestione dei parcheggi e degli asili nido. Partecipando ai lavori della Sessione programmatica, Claudio De Vincenti, sottosegretario allo Sviluppo economico, ha così commentato: Le Carte della qualità devono essere costruite definendo standard specifici che vanno finalmente definiti tenendo rigorosamente conto della loro reale fattibilità tecnica ed economica. L auspicio è che, proprio perché così definiti, questi obiettivi possano essere integrati nei contratti di servizio tra enti locali e aziende per garantire che tali standard di qualità divengano vincolanti per le imprese.

2 pagina 2 CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (art. 136 del Codice del Consumo) Presidente delegato del Cncu Simona VICARI Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico Componenti: Antonella TURCI Rappresentante delle Regioni designata dalla Conferenza unificata Gianni CAVINATO Acu - Associazione Consumatori Utenti Pietro GIORDANO Adiconsum Lamberto SANTINI Adoc Antonio TANZA Adusbef Luisa CRISIGIOVANNI Altroconsumo Alessia STABILE Associazione Utenti dei Servizi Radio Televisivi Aldo PERROTTA Asso-consum Furio TRUZZI Assoutenti Giovanni FERRARI Casa del Consumatore Walther ANDREAUS Centro Tutela Consumatori Utenti Verbraucherzentral Sudtirol Antonio GAUDIOSO Cittadinanzattiva Marco Maria DONZELLI Codacons Ivano GIACOMELLI Codici - Centro Diritti del Cittadino Carmelo CALÌ Confconsumatori Rosario TREFILETTI Federconsumatori Pietro PRADERI Lega Consumatori Lorenzo MIOZZI Movimento Consumatori Antonio LONGO Movimento Difesa del Cittadino Massimiliano DONA Unione Nazionale Consumatori Segreteria CNCU, tel. 06/ fax 06/ toconsumatori.org Linee Guida: il testo integrale del documento approvato dalla Sessione programmatica Linee Guida, frutto della collaborazione tra il tavolo istituzionale Le CNCU-Stato-Regioni e l Anci, individuano i principi e gli elementi minimi da inserire nei contratti di servizio che saranno oggetto di confronto con le associazioni dei consumatori. Le indicazioni approvate non prevedono la concertazione bensì la partecipazione e rappresentano un livello generale di indirizzo senza assumere alcun carattere di obbligatorietà per l ente locale. Tuttavia, come ribadito nel documento finale della XIII Sessione programmatica di Napoli, esse rappresentano una base sulla quale poggia una nuova forma di partecipazione dei consumatori nel miglioramento della gestione dei servizi locali. Ecco il testo integrale del documento finale approvato a Napoli. Al termine dei lavori della XIII Sessione programmatica, svoltasi presso la regione Campania il 18 e 19 novembre 2013, il Ministero dello Sviluppo economico, le associazioni dei consumatori e le Regioni concordano sulla necessità di proseguire il lavoro comune finalizzato ad un ampio e risolutivo rilancio della partecipazione civica. I partecipanti alla Sessione programmatica concordano in particolare sulla necessità di promuovere sul territorio la piena attuazione all accordo del 26 settembre 2013 sulle Linee Guida relative ai criteri da applicare per individuare i principi e gli elementi minimi da inserire nei contratti di servizio e nelle Carte di qualità dei servizi pubblici locali, con particolare riferimento al ruolo delle associazioni dei consumatori ai sensi dell articolo 2, comma 461, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge Finanziaria 2008). A tal fine si impegnano ad operare affinché: il ruolo delle associazioni dei consumatori a tutela degli utenti dei servizi pubblici locali non sia solo affermato, ma costruito e sostenuto giorno per giorno, anche attraverso adeguate campagne di informazione rivolte agli utenti sugli standard di qualità dei servizi e sulle modalità di risoluzione di eventuali contenziosi; i protocolli di intesa fra le associazioni dei consumatori e i Comuni/Enti concessionari siano definiti prima possibile nei loro contenuti di dettaglio ed effettivamente sottoscritti in tutte le realtà locali secondo lo schema tipo allegato alla Linee Guida e poi siano a loro volta concretamente attuati; gli indicatori di misurazione degli standard minimi di qualità dei servizi pubblici locali siano verificati e precisati in sede locale e con il coinvolgimento delle Regioni mediante un adeguato confronto con le associazioni dei consumatori e con le aziende, secondo le modalità precisate nelle Linee Guida, sia relativamente ai settori per i quali le Linee Guida hanno tentato un esemplificazione sia per gli altri settori; i protocolli di conciliazione paritetica siano effettivamente stipulati fra le aziende e le associazioni e siano progressivamente ricondotti al quadro normativo derivante dalla nuova regolazione dell Unione europea in tema di Adr; siano approfonditi i rapporti con le autorità indipendenti di regolazione di settore ai fini dell applicazione di analoghi principi e di analoghe soluzioni anche nei settori regolati, per quanto compatibile con la specifica regolazione.

3 pagina 3 Telefoni: Mai più costi per chi cambia operatore Lo chiede una petizione della casa del consumatore che ha subito raccolto più di mille firme 6 ricorsi, ma l Agcom non risponde A gennaio dello scorso anno Altroconsumo ha inviato all Agcom sei ricorsi nei confronti dei maggiori operatori di telefonia fissa (Fastweb SpA, Telecom Italia SpA, Tiscali Italia SpA, Wind Telecomunicazioni SpA e Vodafone Omnitel NV) nei quali segnalava le pratiche scorrette poste in essere da tali società e consistenti nell imporre agli utenti costi di disattivazione non giustificati, con l effetto di disincentivare il recesso e/o la migrazione degli utenti verso altri operatori. Dopo un anno l associazione non ha ancora ricevuto una risposta dall Autorità: l unico risultato ottenuto al momento è stata la decisione di Telecom di abbassare il costo uscita da 60,50 (per disdire telefono più Adsl) a 34,90 euro. Fino al 2007 le chiamavano penali e venivano applicate agli utenti che decidevano di cam biare operatore tele fonico oppure di e - ser citare la propria facoltà di recesso dal contratto telefonico. Per tutelare i consumatori e rendere effettiva la libera concorrenza tra gestori è intervenuta la legge 40/ la cosiddetta seconda lenzuolata dell allora ministro Bersani - che ha vietato l addebito di qualunque penale che non fosse giustificata da costi effettivamente sostenuti dagli operatori. Tutto finito? Non proprio perché gli operatori in molti casi hanno trasformato le vecchie penali in costi per la disattivazione: si tratta di cifre piuttosto alte, tra i 30 e i 100 euro - che i gestori addebitano nelle bollette di chiusura del contratto e che, secondo le associazioni dei consumatori, non sono giustificate dalle reali spese sostenute dagli operatori. Per dire basta la Casa del Consumatore ha lan ciato una petizione per chiedere che nella prossima legge sulla Concorrenza venga affrontato seriamente il problema. La soluzione indicata è quella di introdurre nel nostro ordinamento una norma che vieti - chiaramente e definitivamente - a tutte le società che offrono servizi di telefonia di addebitare ai consumatori i famosi costi di disattivazione del contratto. In pochi giorni la petizione è stata firmata da oltre mille persone. Ma, in attesa che la raccolta di firme produca i suoi effetti, un utente come può tutelarsi? Risponde Giovanni Fer - rari, presidente della Casa del Consumatore: Al consumatore consigliamo di inviare una lettera di contestazione in cui chiede all operatore di dettagliare e giustificare i costi richiesti. Solo dopo la risposta del ge store e dopo aver verificato se davvero c è un nesso tra le somme e il servizio reso, il consumatore può valutare se mettere mano al portafogli. Tuttavia - conclude Ferrari - i consumatori lamentano che si tratta quasi sempre di costi troppo elevati a fronte di un servizio pressoché inesistente. La petizione si può firmare sul sito internet dell associazione (www.casadelconsumatore.it) o presso le sue sedi locali.

4 pagina 4 Problemi irrisolti, rischi, aspettative, tutele: che cosa temono i cittadini e che cosa si aspettano dalle associazioni dei consumatori? Alle prospettive che si aprono con l anno nuovo è dedicato il Forum di Tuttoconsumatori con Antonio Tanza, Giuseppe Sorrentino e Antonio Longo. Il 2014 degli italiani tra paura della crisi e segnali di ripresa Antonio Tanza Vicepresidente ADUSBEF i consumatori non vogliono accordi con le banche Come sarà il 2014 per i consumatori italiani? Si aggraverà la crisi economica oppure ci saranno segnali di ripresa? Delle prospettive per il nuovo anno abbiamo ragionato con Antonio Tanza, vicepresidente di Adusbef, Giuseppe Sorrentino, responsabile nazionale dell Ufficio legale di Asso-Consum,Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino. INFORMATI PRIMA O TUTELATI DOPO? IN TEMPO DI CRISI CHE COSA CHIEDONO I CONSUMATORI ALLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI? TANZA. Adusbef tutela i consumatori che hanno avuto problemi con le banche o con le finanziarie e, in questo settore, la controparte non è sempre disponibile al dialogo preventivo, motivo per cui, alla fine, a tutela dei nostri iscritti, siamo sempre costretti a risolvere i contenziosi nelle aule dei tribunali. Non solo. I consumatori che si rivolgono all Adusbef chiedono sempre più serietà e terzietà: non vogliono, cioè, alcun tipo di accordo con la controparte. SORRENTINO. In questo particolare periodo storico l interesse primario dei consumatori consiste nell ottenere adeguata informazione, al fine di valutare secondo un criterio di bilanciamento qualitativo-quantitativo i prodotti e i servizi più convenienti. LONGO. Non c è alternativa tra informare i consumatori prima dell acquisto e tutelarli dopo: una buona informazione riduce al massimo il contenzioso, a patto che sia trasparente, completa, accessibile a tutti e che usi termini non tecnici. RECENTEMENTE IL PRESIDENTE DELL ANTI- TRUST HA AUSPICATO UN NUOVO IMPULSO AL PROCESSO DI LIBERALIZZAZIONE E UNA PRIVATIZZAZIONE INTELLIGENTE : SECON- DO VOI QUAL È LA STRADA DA SEGUIRE PER GARANTIRE SERVIZI PUBBLICI DI QUALITÀ E A MISURA DI CITTADINO? TANZA. Io sono sempre più convinto che le aziende che operano nei settori chiave debbano essere di proprietà dello Stato, uno Stato, però, serio e integerrimo che faccia davvero gli interessi dei cittadini. Dunque, nessuna svendita né a privati né ad altri Stati. SORRENTINO. L opportunità di privatizzazioni e/o la liberazione dei servizi pubblici locali, per risultare intelligente,

5 Quali sono gli obiettivi che si è proposta l Unione europea per i prossimi 7 anni? I principali sono quattro e sono contenuti nell Agenda europea dei consumatori Ecco gli obiettivi da perseguire: Rafforzare la sicurezza dei consumatori. Migliorare gli aspetti dell informazione. Aumentare la repressione degli illeciti e assicurare una adeguata riparazione. Allineare la politica ai cambiamenti intervenuti nella società e renderla più pertinente per la vita quotidiana. deve essere preceduta da una attenta analisi preliminare dei settori di interesse su cui esse vanno a incidere. Amaro è constatare che finora entrambi i fenomeni sono stati realizzati in maniera disarticolata e disomogenea, contribuendo a creare un corto circuito di sistema che ha prima mortificato le aspettative degli utenti e poi realizzato un disvalore del livello di qualità dei servizi. LONGO. Credo che il carattere pubblico di alcuni servizi essenziali debba essere garantito sempre e mi riferisco all acqua, ai trasporti, alla sanità: naturalmente la gestione deve essere improntata a criteri di trasparenza ed economicità. Tuttavia non escluderei una partecipazione parziale di un soggetto privato ma che garantisca comunque Giuseppe Sorrentino Responsabile Ufficio legale ASSO-CONSUM È sempre più frequente il ricorso al recesso quattro obiettivi dell unione europea l accesso a questi servizi, anche in casi particolari. AI CONSUMI IN CALO AL CUNE AZIENDE RI- SPONDONO CON UN MAR KETING PIÙ AG- GRESSIVO E MENO ETI- CO: CHE RISCHI VEDETE PER I CONSUMA- TORI CON L AGGRAVARSI DELLA CRISI? TANZA. Il mercato oramai è diventato una guerra e ogni mezzo è lecito pur di accaparrarsi un cliente. Il problema reale è che in questo Far West mancano i controlli e così le aziende fanno ciò che vogliono. Le associazioni dei consumatori cercano di fare la loro parte per difendere i consumatori dai continui attacchi, ma gli strumenti che hanno a disposizione non sono efficaci. SORRENTINO. Più che di rischi parlerei di effetti che già sono ampiamente percepibili. Nello specifico, le tecniche di vendita aggressive tendono a far sì che il consumatore non si determini con consapevolezza all acquisto, in quanto viene indotto allo stesso da una latente opera di coazione psicologica. Questo spiega il sempre più frequente ricorso all esercizio del diritto di recesso e un deflazionamento del livello di fiducia del consumatore medio sulla correttezza delle pratiche commerciali. LONGO. Il marketing aggressivo non risolve il problema del calo dei consumi che può essere affrontato solo ed esclusivamente con una politica dei prezzi più intelligente. Inoltre, va abolito il contingentamento dei saldi, consentendo ai commercianti di poterli praticare quando ritengono opportuno e liberalizzando al massimo il settore con un maggior numero di licenze e con orari di apertura più liberi e flessibili. QUALI SONO LE QUESTIONI PIÙ URGENTI DA AFFRONTARE A TUTELA DEI CITTADINI? TANZA. Urge intervenire per modificare e migliorare i tre poteri dello Stato: politico, con un rinnovamento della classe dirigente; amministrativo, con un ridimensionamento dell apparato burocratico e dei relativi stipendi; giudiziario, con una riforma che provveda a una netta separazione dal potere politico. Solo così possiamo auspicare una ripresa del Sistema Paese. SORRENTINO. È inutile soffermarsi su singoli provvedimenti, in quanto, prodromica alla ripresa, non può che essere una riforma strutturale degli apparati amministrativi e produttivi. Tuttavia, tale è lo scoramento, che i cittadini sopporterebbero anche il perdurare dell attuale stato di ristrettezza economica purché i provvedimenti da adottare contenessero il germe della speranza e parlassero al futuro. LONGO. Diverse le questioni sulle quali bisogna intervenire. Trovo che sia urgente una revisione dei contratti dell energia risolvendo la questione tra distributori e venditori che sta mietendo non poche vittime. Urge poi un impegno serio sull educazione finanziaria nonché un abbattimento dei costi dei servizi bancari. Infine, va assolutamente semplificata la normativa sulla class action per rendere operativo questo strumento di tutela collettiva. pagina 5 Antonio Longo Presidente MOVIMENTO DIFESA DEL CITTADINO class action: servono norme più semplici

6 pagina 6 Tg consumatori Un ogni settimana, tante inchieste, le testimonianze degli utenti e i pareri degli esperti. Questo è Spazioconsumatori.tv, la web tv curata dal Codici per offrire agli utenti uno strumento in più per far sentire la propria voce. Ogni settimana la redazione affronta una tematica diversa: si va dai casi di malasanità ai disservizi del trasporto pubblico locale, alle vessazioni del fisco. Senza dimenticare di approfondire l attualità più stringente, come dimostra l attenzione dedicata a uno dei fatti di cronaca che maggiormente ha tenuto banco negli ultimi mesi del 2013, ovvero l aumento vertiginoso di casi di epatite A, dovuti, con ogni probabilità, al consumo di frutti di bosco surgelati di alcune aziende. Lo scorso dicembre la redazione della web tv ha intervistato un consumatore che ha contratto, insieme alla sua LA carta di identità DELL ASSOCIazione Spazioconsumatori l attualità più stringente nella web tv di Codici famiglia, l epatite A dopo aver mangiato i frutti di bosco surgelati Bosco Buono, uno dei marchi finiti sotto accusa, del quale alcuni lotti sono stati ritirati dal commercio per ordine delle autorità sanitarie. L approfondimento è stato anche l occasione per porre nuovamente all attenzione del Ministero della Salute una serie di quesiti che a oggi sono rimasti senza risposta. Codici nasce nel 1993 come coordinamento di associazioni per la tutela dei diritti del cittadino e nel 1998 scioglie la sua struttura confederativa e si trasforma nell associazione Codici-Centro per i diritti del cittadino, quale associazione impegnata ad affermare i diritti dei cittadini consumatori. Codici ispira le sue azioni alla solidarietà, alla giustizia, alla legalità e al rispetto della diversità. In modo particolare si occupa di ogni violazione dei diritti della persona: promuove la qualità dei prodotti e dei servizi, un adeguata informazione e una corretta pubblicità, la trasparenza nei rapporti commerciali e in quelli contrattuali. Ancora, l associazione si impegna a promuovere l educazione al consumo e all uso corretto del denaro, la prevenzione del sovra-indebitamento e la lotta all usura, l erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza e il razionale sfruttamento del territorio e delle risorse naturali. Secondo l associazione resta da far luce, ad esempio, sulle segnalazioni pervenute dalle Asl competenti per territorio, contenenti le informazioni sull agente eziologico, sulle modalità di trasmissione, sulla provenienza dell alimento contaminato nonché sulle misure amministrative adottate dal ministero per tutelare la salute dei consumatori. Le inchieste di Spazioconsumatori.tv aprono la strada anche a indagini da parte degli organi competenti, come nel caso dello zucchero di canna: l Antitrust, infatti, ha avviato un indagine dopo il servizio in cui la redazione della web tv avanzava delle perplessità sulla salubrità del prodotto e sul contenuto delle informazioni in etichetta. In quell occasione Spazioconsumatori.tv aveva ascoltato un esperto, Patrick Pagani, direttore di Unionzucchero, che spiegava come le caratteristiche nutritive e l apporto calorico dello zucchero grezzo siano del tutto identici a quelli dello zucchero bianco.

7 tuttoconsumatori pagina 7 acu L Associazione Italiana di Kinesiologia (AKSI) sottoscrive la Carta dei diritti del consumatore per una maggiore tutela di chi si rivolge ai professionisti di questa disciplina bio-naturale. Grazie all accordo con ACU-Associazione Consumatori Utenti, AKSI, che opera in I talia dal 1989 con un approccio glo bale/olistico alla persona, qua - li fica ulteriormente la qualità professionale dei suoi iscritti nel Re - gi stro professionisti. Con AKSI - dice Gianni Cavinato, presidente di ACU - abbiamo sotto scritto la Carta dei diritti, il Codice di condotta e il Re golamento di conciliazione stipulando la prima convenzione in Italia tra un associazione delle discipline bio-naturali e un associazione nazionale di consumatori. Questo significa tutela per il consumatore cliente/utente e maggior informazione e trasparenza rispetto a chi opera nel campo delle disci pli ne bio-naturali senza essere preparato. adiconsum Il settore dell e-commerce è uno dei pochi che non ha risentito della crisi e ha dato risposte in termini di convenienza alle tante famiglie che si trovano ad affrontare una minore o insufficiente disponibilità di reddito e, di conseguenza, il ridotto potere d acquisto. Il commercio elettronico ha enormi potenzialità per i consumatori, per le imprese e per il paese. Purtroppo ancora molti sono i rischi di frodi via web. Per questo Adiconsum ha sottoscritto con Aicel, l Associazione italiana del commercio elettronico, un protocollo per il riconoscimento del certificato SonoSicuro: il marchio indicherà i siti che rispettano le norme e seguono le buone pratiche a tutela del consumatore. Sul sito adiconsum.it anche i consigli su come acquistare on line in sicurezza. adoc Adoc mette in guardia sui Compro oro. Complice il perdurare della crisi e l intensificarsi del ricorso al gioco d azzardo in questo periodo, è facile che si venga allettati dalle offerte dei compratori d oro, con l illusione di una guadagno facile e immediato. Rispetto allo scorso anno i consumatori che hanno venduto i propri preziosi sono il 20% in più, mentre gli esercizi sono cresciuti del 15%. altroconsumo Un balzello di 3 e 4 euro sul prezzo di smartphone, tablet e computer: in gran segreto sta per passare l innalzamento di oltre il 300% della tassa sui dispositivi tecnologici destinato alla Siae. Il provvedimento del ministro Bray prevede significativi aumenti. Per esempio: un tablet costerà 3,10 euro in più, smartphone e computer avranno aumenti superiori ai 4 euro. Altroconsumo lancia una petizione su per bloccare questa tassa iniqua, con cui si pensa di risarcire la Siae (e gli autori e gli editori che rappresenta) per i mancati introiti derivanti dalle copie private di opere coperto da diritto d autore. Per Altroconsumo è una tassa iniqua: chi acquista musica e film legalmente da piattaforme on line paga già i diritti d autore per poterne fruire e fare copie su un certo numero di supporti: è profondamente ingiusto che paghi una tassa su questi stessi supporti, trovandosi così a pagare due volte. associazione utenti dei servizi radiotelevisivi Mission è il reality umanitario prodotto dalla Rai, in collaborazione con l Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati e la Ong italiana Intersos, che fa raccontare la sofferenza dei rifugiati in Sud Sudan, nella Repubblica Democratica del Congo e in Mali ad alcuni Vip tra cui Emanuele Filiberto, Paola Barale, Michele Cucuzza, Barbara De Rossi, Al Bano. Il punto attorno al quale si sono agitate le polemiche è se un programma del genere, proposto con queste modalità, possa davvero far conoscere al grande pubblico quella parte del mondo che il mondo non vede mai, dove si perpetuano le più insopportabili ingiustizie della nostra epoca. L Associazione U - tenti dei Servizi Radiotelevisivi crede sia vergognosa un operazione che mette in scena uno spettacolo grottesco e umiliante come quello di veder raccontata la sofferenza umana dei rifugiati da personaggi che probabilmente mai l a - vrebbero fatto se non avessero visto l immediata convenienza in termini di immagine e commerciale. assoutenti Il novembre 2013 si è svolto a Torino il Congresso nazionale di Assoutenti. Tre i temi affrontati: la protezione costituzionale dei diritti e dei doveri del cittadino consumatore utente; la lotta allo spreco e il contrasto della povertà; i servizi pubblici come beni comuni. È stata condivisa e approvata la relazione del presidente, arricchita con i contributi provenienti dal dibattito. Sono state riconfermate le cariche vigenti: presidente Furio Truzzi, vicepresidente Mario Finzi, segretario generale Antonietta Boselli. Per consultare i documenti del congresso: cittadinanza attiva La crisi economico-finanziaria, la progressiva contrazione dei finanziamenti al Welfare sanitario e sociale e i conseguenti tagli a servizi e prestazioni hanno un impatto diretto sulla possibilità dei citta - dini di accedere in modo tempesti - vo, equo, appropriato e personaliz - zato ai servizi socio-sanitari. Anche l assistenza farmaceutica vive un momento di difficoltà, vitti - ma privilegiata di un federalismo di storto dalle gravi ricadute sui cittadini. Per questo Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del mala - to promuove l iniziativa Assistenza farmaceutica: equità, accesso e partecipazione, il 14 gennaio a Roma (Sala della Mercede, Palazzo Ma- a

8 tuttoconsumatori pagina 8 rini, via della Mercede 55; ore 10,30-12,30). Grazie al sostegno non condizionato di Farmindustria, sarà un confronto tra le associazioni di pazienti e gli altri attori del Sistema per avviare una ri flessione sui profili delle attuali politiche pubbliche sull assistenza farmaceutica e l importanza del coinvolgimento delle associazioni dei pazienti nelle de cisioni che attengono la governance del Ssn, e per individuare a zioni volte a garantire i diritti dei cittadini e una migliore sostenibilità del servizio sanitario pubblico. codacons Dal Codacons un importante regalo di Natale alle famiglie bisognose. Con un iniziativa promossa dall associazione e realizzata con Coldiretti, Caritas e Casper, è stato lanciato il Circolo dei buoni, la colletta alimentare con cui consumatori e produttori hanno unito le forze e, presso mercati, agriturismo e fattorie aderenti a Campagna Amica, hanno raccolto provviste da destinare alle famiglie meno abbienti segnalate dalla Caritas. Un altro importante risultato è stato raccolto nell ambito del processo per la scalata Alitalia: il Tribunale di Roma ha disposto un risarcimento di 10mila euro al Codacons riconoscendone il ruolo primario a difesa degli utenti. Si moltiplicano intanto le interrogazioni parlamentari sulla discriminazione della Rai a danno dell associazione: a quelle presentate dai sen. Scalia, Scavone e Minzolini, si è aggiunta l interrogazione a firma dei grillini Mirella Liuzzi e Walter Rizzetto, che chiede alla commissione di Vigilanza di porre fine alla censura della Rai nei confronti del Codacons. confconsumatori Dopo che Confconsumatori ha portato allo scoperto le prime segnalazioni, cresce il numero di utenti in tutta Italia che lamentano la mancata consegna delle fatture di luce e gas. L attesa spesso si protrae per mesi o anni, per concludersi con la consegna di una bolletta esorbitante. L utente può pretendere il ripristino della fatturazione e la rateizzazione, che gli spetta di diritto (senza interessi di dilazione) con un numero di rate pari ai mesi di omissione di fatturazione. Confconsumatori ha messo a disposizione su un modello di lettera e le istruzioni per l invio del reclamo. ctcu Il Centro Tutela Consumatori Utenti ha da poco istituito un servizio di consulenza legale per le vittime di crac finanziari passati e recenti. E sono già centinaia coloro che hanno usufruito della consulenza. L iniziativa è l occasione per fare il punto sui principali casi di crac finanziari degli ultimi anni e sullo stato dei termini prescrizionali, per valutare l eventuale avvio di cause legali, come è avvenuto già per migliaia di casi. In un comunicato pubblicato su il CTCU dà un dettaglio dello stato dell arte riguardante numerosi casi, dai bond argentini a Lehman, Cirio, Parmalat, fino al più recente caso di Sai-Fondiaria. Il CTCU mette a disposizione degli interessati anche la let tera-tipo da inviare all intermediario bancario per fare salvi i propri diritti (se ci sono i presupposti temporali) su richieste di risarcimento danni da malaconsulenza e malagestione in investimenti finanziari. federconsumatori È stata presentata la campagna Occhi aperti sulla rete per non cadere nella rete, patrocinata dalla Camera dei Deputati. Con questa importante iniziativa Federconsumatori, al fianco di Adusbef, promuove l uso consapevole del web, specie alla luce dei numerosi casi di lesione della web reputation dei minori. Secondo l indagine dell Osservatorio Nazionale Federconsumatori sul comportamento in rete dei ragazzi dai 12 ai 17 anni, ben 9 su 10 hanno un profilo personale sui social network, all interno del quale il 75% di loro immette notizie e posta regolarmente proprie foto personali. Questa rilevante messe di dati riversati in rete, se non gestita in modo responsabile e accorto, espone i ragazzi al rischio delle molestie e del bullismo. Alla luce della rilevanza di questi dati, Federconsumatori e Adusbef hanno deciso offrire assistenza gratuita ai minori vittime di bullismo e molestie in rete. movimento consumatori L udienza preliminare del secondo troncone del processo Fonsai sarà il 27 gennaio. Su richiesta del Tribunale di Torino,Movimento Consumatori ha pubblicato sul suo sito il decreto che fissa l udienza preli - minare e la richiesta di rinvio a giudizio. Fino alla chiusura dell udienza preliminare, che potrebbe protrarrsi fino al 21 febbraio, gli azionisti danneggiati potranno costituirsi parte civile. MC invita tutti gli azionisti a telefona re al numero verde attivato dall associazione o a scrivere a unc Ridurre la concorrenza non è mai u - na soluzione e anche nel settore Rcauto porterà ben pochi vantaggi ai consumatori: disincentivare l au - tomobilista ad affidarsi, in caso di incidente, al carrozziere di fi ducia indirizzandolo verso quello convenzionato con la compagnia è un passo indietro nelle libera lizzazioni del settore, e si rischia che alcune compagnie poco serie si rivolgano a riparatori, poco affi dabili o, peggio, compiacenti a spese dell assicurato e della sicurezza dei mezzi in circolazione. Anche la scatola nera, così pubblicizzata in questi giorni, rischia di essere un bo omerang: è vero che le compagnie sono obbligate a praticare uno sconto tra il 4 e il 10%, ma le spese di funzionamento restano a carico dell assicurato. Infine i tempi più lunghi per perizie e risarcimenti davvero ci sembrano un offesa per i consumatori danneggiati e un regalo per le lobby delle assicurazioni. FEDERCONSUMATORI

PROTOCOLLO D INTESA TRA. CONFSERVIZI (Confederazione Nazionale dei servizi pubblici locali Asstra, Federambiente, Federutility)

PROTOCOLLO D INTESA TRA. CONFSERVIZI (Confederazione Nazionale dei servizi pubblici locali Asstra, Federambiente, Federutility) PROTOCOLLO D INTESA TRA CONFSERVIZI (Confederazione Nazionale dei servizi pubblici locali Asstra, Federambiente, Federutility) E LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI (Acu Adiconsum Altroconsumo Assoutenti Adoc

Dettagli

FRA REGIONE LOMBARDIA. e Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari)

FRA REGIONE LOMBARDIA. e Anaci (Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari) PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA, ANACI, ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI, CONFSERVIZI CISPEL LOMBARDIA, FEDERUTILITY, PER LA PROMOZIONE E L ADOZIONE DI UNO SCHEMA TIPO DI BOLLETTA TRASPARENTE DEL

Dettagli

Le Associazioni dei consumatori riconoscono a Unipol Gruppo Finanziario l impegno in iniziative per la prevenzione e la sicurezza.

Le Associazioni dei consumatori riconoscono a Unipol Gruppo Finanziario l impegno in iniziative per la prevenzione e la sicurezza. 1 ACCORDO DI COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLA CONCILIAZIONE NELLA LIQUIDAZIONE DEI SINISTRI RCA Tra UGF UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO e le Associazioni dei Consumatori: ACU ADICONSUM ADOC ADUSBEF ASSOUTENTI

Dettagli

ACCORDO QUADRO FRA POSTE ITALIANE

ACCORDO QUADRO FRA POSTE ITALIANE ACCORDO QUADRO FRA ACU ADICONSUM ADOC ADUSBEF ALTROCONSUMO ARCO ASSOCONSUM ASSOUTENTI CASA DEL CONSUMATORE CITTADINANZATTIVA CODACONS CODICI CONFCONSUMATORI CTCU FEDERCONSUMATORI LEGA CONSUMATORI MOVIMENTO

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987 COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA - COMUNE DI PERUGIA E - le seguenti Associazioni dei Consumatori e degli utenti iscritte all Albo della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo.

Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Quando attenzione fa rima con conciliazione. Enel è unica anche in questo. Guida semplice per i clienti alla Conciliazione Paritetica on-line Per risolvere le controversie in modo semplice, veloce e gratuito,

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l.

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale,12 - Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc.

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Regolamento per la sperimentazione della procedura di Conciliazione On Line in materia di erogazione di energia elettrica e gas

Regolamento per la sperimentazione della procedura di Conciliazione On Line in materia di erogazione di energia elettrica e gas Regolamento per la sperimentazione della procedura di Conciliazione On Line in materia di erogazione di energia elettrica e gas Art.1 Procedura di conciliazione on line - natura ed ambito di applicazione

Dettagli

Presentazione dell Associazione dei Consumatori Federconsumatori

Presentazione dell Associazione dei Consumatori Federconsumatori Presentazione dell Associazione dei Consumatori Federconsumatori FEDERCONSUMATORI LAZIO La Federconsumatori Lazio, associazione autonoma di consumatori ed utenti, appartiene al sistema della Federconsumatori

Dettagli

Bando. Premessa. Obiettivi e finalità

Bando. Premessa. Obiettivi e finalità Bando Premessa L ANIA ritiene fondamentale il rapporto di collaborazione con le Associazioni dei Consumatori e per mantenere un confronto stabile ed un dialogo costante ha creato il Forum Consumatori.

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Il giorno 27 febbraio 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 27 febbraio 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 7/2015 TITOLO 2015.1.10.4.1 2013.1.10.21.597 LEGISLATURA X Il giorno 27 febbraio 2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

Determinazione 16/2015. Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 16/2015. Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 16/2015 Definizione della controversia De Lorenzi XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica

Dettagli

Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente

Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente DELIBERA N. 37/2015 TITOLO 2015.1.10.4 2013.1.10.21.1437 LEGISLATURA X Il giorno 12/06/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Dettagli

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Roma, 14 maggio 2014 Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Sistema di educazione e istruzione per la prima infanzia Alcune

Dettagli

DELIBERA n. 16/14/CIR

DELIBERA n. 16/14/CIR DELIBERA n. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA VITA / VODAFONE OMNITEL N.V. (ora VODAFONE OMNITEL B.V.) E TELECOM ITALIA S.P.A. (GU14 n. 991/13) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Agli Associati 23 dicembre 2013 Loro sedi Prot. URC/ULG/002980

Agli Associati 23 dicembre 2013 Loro sedi Prot. URC/ULG/002980 Roma Agli Associati 23 dicembre 2013 Loro sedi Prot. URC/ULG/002980 Protocollo d intesa tra ABI e le Associazioni dei consumatori sulle Linee Guida per favorire la fruizione da parte della clientela delle

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

Conciliazione. Regolamento e Domanda. Risolviamo le controversie con regole semplici e trasparenti. In collaborazione con:

Conciliazione. Regolamento e Domanda. Risolviamo le controversie con regole semplici e trasparenti. In collaborazione con: Conciliazione Regolamento e Domanda. Risolviamo le controversie con regole semplici e trasparenti. In collaborazione con: Acu Adiconsum Adoc Adusbef Altroconsumo Arco Assoutenti Casa del Consumatore Centro

Dettagli

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 3/2015. Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE Determinazione 3/2015 Definizione della controversia XXX/Telecom Italia S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità.

Dettagli

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012

Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 1 Osservatorio SosTariffe.it ADSL CONSUMER Settembre 2012 DISDETTA SERVIZIO ADSL: ANALISI DEI COSTI DI DISATTIVAZIONE SERVIZIO ADSL INDICE p. 1 1. Introduzione p.2 2. Le motivazioni che portano alla disdetta

Dettagli

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO

LINEE GUIDA IL CREDITO AL CONSUMO Gennaio 2015 Cos è il credito al consumo? É un prestito finanziario destinato all acquisto di un bene, durevole o non durevole, concesso al cliente consumatore da una banca o da una società finanziaria

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito PROTOCOLLO DI INTESA TRA UNIACQUE SPA E FEDERCONSUMATORI BERGAMO, FEDERCONSUMATORI SEBINO, ADICONSUM BERGAMO SEBINO, ADOC PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE E DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA

Dettagli

AGENZIA DELLE ENTRATE

AGENZIA DELLE ENTRATE CONSUMATORI E CONTRIBUENTI Navigando s impara 65 www.agenziaentrate.gov.it AGENZIA DELLE ENTRATE 97 L Agenzia delle Entrate è l ente pubblico che garantisce assistenza ai contribuenti. La sua funzione

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX

DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX DELIBERA N. 24/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXXX TOMASINELLI / WIND XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 63/2014 TITOLO 2014.1.10.4 2012.1.10.757 LEGISLATURA IX Il giorno 19 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia- Romagna con la partecipazione dei

Dettagli

TORINO, 10 DICEMBRE 2015 #RISCHIOAMIANTO CARTELLA STAMPA

TORINO, 10 DICEMBRE 2015 #RISCHIOAMIANTO CARTELLA STAMPA TORINO, 10 DICEMBRE 2015 #RISCHIOAMIANTO CARTELLA STAMPA A CURA DI UFFICIO STAMPA FILLEA CGIL NAZIONALE www.filleacgil.it - Twitter @filleacgil responsabile: barbara cannata cell.3357888152 ufficiostampa@filleacgil.t

Dettagli

Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale. CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013

Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale. CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013 Le conciliazioni paritetiche Quarto rapporto annuale CONSUMERS FORUM Roma 12 Aprile 2013 Le quattro edizioni del rapporto Consumers Forum 2 marzo 2010 2 marzo 2011 1 marzo 2012 12 aprile 2013 Normativa

Dettagli

NELLA riunione del Consiglio del 8 luglio 2010;

NELLA riunione del Consiglio del 8 luglio 2010; DELIBERAZIONE 8 luglio 2010. DeÞ nizione dell Indice di qualità globale (IQG) del servizio universale. (Deliberazione n. 328/10/CONS). L AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI NELLA riunione del

Dettagli

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011

Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Assemblea dei soci 29 gennaio 2011 Iniziamo ricordando che il 27 scorso è stata la giornata della memoria; quest anno non abbiamo fatto in tempo a organizzare qualche iniziativa come lo scorso anno ma

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE Fra le Associazioni dei Consumatori: e WIND Telecomunicazioni S.p.A. DISPOSIZIONI GENERALI 1. WIND Telecomunicazioni S.p.A. (di seguito anche WIND ) e le Associazioni dei Consumatori

Dettagli

DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 16/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX CHIERICHINI / TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom

Dettagli

Il giorno 14/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente

Il giorno 14/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: Presidente DELIBERA N. 20/2015 TITOLO 2015.1.10.4.1 2012.1.10.21.755 LEGISLATURA X Il giorno 14/04/2015 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Dettagli

Consumo, Denaro, Educazione finanziaria. Progetto Dolceta Roma, 4 maggio 2011 Luisa Crisigiovanni

Consumo, Denaro, Educazione finanziaria. Progetto Dolceta Roma, 4 maggio 2011 Luisa Crisigiovanni Consumo, Denaro, Educazione finanziaria Progetto Dolceta Roma, 4 maggio 2011 Luisa Crisigiovanni Agenda: 1. Chi siamo 2. Perché promuovere consapevolezza 3. Criticità e Opportunità 4. Conclusioni 9 maggio

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

DELIBERAZIONE n. 16 del 5 luglio 2012

DELIBERAZIONE n. 16 del 5 luglio 2012 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXX XXXXXXXXXX/ Wind Telecomunicazioni XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente Componente

Dettagli

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013)

DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) DELIBERA DL/012/15/CRL/UD del 19 gennaio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. M./WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/581/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO Nella Riunione del 19 gennaio 2015; VISTA

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

CONCILIAZIONE PARITETICA, NUOVE REGOLE E SEMPLIFICAZIONI IN VISTA

CONCILIAZIONE PARITETICA, NUOVE REGOLE E SEMPLIFICAZIONI IN VISTA CONCILIAZIONE PARITETICA, NUOVE REGOLE E SEMPLIFICAZIONI IN VISTA 30.10.2013 CATANIA - Qualche settimana fa è stato firmato dall'anaci (Associazione nazionale amministratori condominiali e immobiliari)

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7

LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 5454 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 suppl. del 6-4-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 7 Iniziative di promozione e solidarietà per contrastare

Dettagli

CNEL IV Commissione Istruttoria per le Reti, le Infrastrutture, l'energia e l'ambiente SUPERAMENTO DEL CONTANTE E DIFFUSIONE DELLA MONETA ELETTRONICA

CNEL IV Commissione Istruttoria per le Reti, le Infrastrutture, l'energia e l'ambiente SUPERAMENTO DEL CONTANTE E DIFFUSIONE DELLA MONETA ELETTRONICA CNEL IV Commissione Istruttoria per le Reti, le Infrastrutture, l'energia e l'ambiente SUPERAMENTO DEL CONTANTE E DIFFUSIONE DELLA MONETA ELETTRONICA Roma, 27 maggio 2013 Premessa Operare per il graduale

Dettagli

Reclami & Conciliazione

Reclami & Conciliazione Reclami & Conciliazione Per una soluzione rapida, semplice e gratuita delle controversie, Enel in accordo con le Associazioni dei Consumatori, offre una nuova opportunità: LA CONCILIAZIONE ON-LINE Diritti

Dettagli

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Intervento di Susanne Ruoff Direttrice generale della Posta Svizzera 10 giugno 2013 FA FEDE IL DISCORSO EFFETTIVAMENTE PRONUNCIATO Gentili Signore,

Dettagli

DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013. Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE

DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013. Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE DETERMINAZIONE n. 3 del 21 novembre 2013 Oggetto: Definizione della controversia XXXXXX XXXXXXXXX / TeleTu (ora Vodafone Omnitel XX) IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 "Istituzione dell

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI

PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI PROTOCOLLO DI CONCILIAZIONE PARITETICA Promosso dal FORUM UNIREC-CONSUMATORI PREMESSA Il FORUM UNIREC-CONSUMATORI condivide la necessità di garantire nel comparto del recupero del credito, un quadro normativo

Dettagli

L ITALIA riparte con ENERGIA

L ITALIA riparte con ENERGIA L ITALIA riparte con ENERGIA Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e

Dettagli

Siglato il protocollo tra Consumatori e Ordine degli Psicologi La Carta dei diritti del consumatoreutente delle prestazioni psicologiche

Siglato il protocollo tra Consumatori e Ordine degli Psicologi La Carta dei diritti del consumatoreutente delle prestazioni psicologiche Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XIX - n. 20-6 aprile 2007 Stampato in proprio in aprile 2007 In questo numero: Siglato il protocollo tra Consumatori e Ordine degli Psicologi La Carta

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

LA CONCILIAZIONE PERMANENTE. Regolamento

LA CONCILIAZIONE PERMANENTE. Regolamento LA CONCILIAZIONE PERMANENTE Regolamento Premessa. I progetti di Intesa Sanpaolo sono sempre finalizzati a costruire e meritare la fiducia dei consumatori, con l obiettivo di migliorare costantemente la

Dettagli

Mini Guida. Le assicurazioni online

Mini Guida. Le assicurazioni online Mini Guida Le assicurazioni online Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE ASSICURAZIONI ONLINE In questa guida parleremo delle assicurazioni auto online, le più diffuse

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente

Presidente Vice Presidente Componente Componente Componente Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXXXXXX XXXXXXXXXXX XXX /Optima Italia XXX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente

Dettagli

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Daoraè più facile Hai avuto un incidente? Aspetti un risarcimento? Scegli la conciliazione. E più semplice, è più rapida. Da oggi sono finiti

Dettagli

La conciliazione permanente.

La conciliazione permanente. ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ACU tel. 02 6615411 ADICONSUM tel. 06 44170243 ADOC tel. 06 4825849 ADUSBEF tel. 06 4818633 ALTROCONSUMO tel. 02 668901 ASSOUTENTI tel. 06 685357674 CASA DEL CONSUMATORE

Dettagli

Conciliazione. Conto Bancoposta e Carta Postepay. In collaborazione con:

Conciliazione. Conto Bancoposta e Carta Postepay. In collaborazione con: Conciliazione Conto Bancoposta e Carta Postepay In collaborazione con: Acu Adiconsum Adoc Adusbef Altroconsumo Arco Assoconsum Assoutenti Casa del Consumatore Centro Tutela Consumatori e Utenti Cittadinanzattiva

Dettagli

di conciliazione permanente.

di conciliazione permanente. La conciliazione permanente. Le associazioni dei consumatori e Intesa Sanpaolo presentano la nuova Procedura di conciliazione permanente. SP_Leaflet 12 pagg Sepa 20x20.indd 2 12-02-2008 17:45:56 Premessa.

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le

DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le DELIBERA N. 88/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX PIERRO/ TELECOM ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom

Dettagli

Conciliazione paritetica

Conciliazione paritetica Conciliazione paritetica Che cos è? La conciliazione paritetica è una procedura volontaria per risolvere bonariamente, con la mediazione dei conciliatori, una controversia che vede coinvolti gli utenti

Dettagli

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201 RASSEGNA STAMPA 23 201 Agenzia Dire (ER) RAI. CNA: DIETROFRONT SU CANONE PER PC, LA PROTESTA PAGA ALLA SODDISFAZIONE SI SOMMA STOP SENATO A NORMA RISARCIMENTO AUTO (DIRE) Bologna, 22 feb. - "La dura presa

Dettagli

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto

facile Daoraè più Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Accordo ANIA Associazioni dei Consumatori Conciliazione RC Auto Daoraè più facile Hai avuto un incidente? Aspetti un risarcimento? Scegli la conciliazione. E più semplice, è più rapida. Da oggi sono finiti

Dettagli

La mediazione civile e commerciale

La mediazione civile e commerciale D Lvo 4mar2010 n 28 presentazione La mediazione civile e commerciale Il decreto legislativo 4 marzo 2010, n.28 (pubblicato nella G.U. n.53 del 5 marzo 2010) sulla mediazione in materia civile e commerciale

Dettagli

DELIBERA DL/037/15/CRL/UD del 30 marzo 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. C. / WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/125/2014)

DELIBERA DL/037/15/CRL/UD del 30 marzo 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. C. / WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/125/2014) DELIBERA DL/037/15/CRL/UD del 30 marzo 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. C. / WIND TELECOMUNICAZIONI xxx (LAZIO/D/125/2014) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 30 marzo 2015; VISTA la

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE

Determinazione 10/2015. Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE \ Determinazione 10/2015 Definizione della controversia Intelligente XXX/Wind Telecomunicazioni S.p.A. IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi

Dettagli

IX COMMISSIONE PERMANENTE

IX COMMISSIONE PERMANENTE Mercoledì 16 settembre 2015 166 Commissione IX IX COMMISSIONE PERMANENTE (Trasporti, poste e telecomunicazioni) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Legge annuale per il mercato e la concorrenza. Nuovo testo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Vers. 1.9-01/01/12

CARTA DEI SERVIZI Vers. 1.9-01/01/12 COMeSER S.r.l. Piazza Repubblica, 20-43036 Fidenza (PR) Tel. 0524 881111 - Fax 0524 881118 E-mail: info@comeser.it - www.comeser.it C.N.T. di Ugolotti Giovanni Strada Laurano, 1/1-43024 Neviano degli Arduini

Dettagli

PROCEDURA CONCILIATIVA

PROCEDURA CONCILIATIVA PROCEDURA CONCILIATIVA PROTOCOLLO D INTESA tra Findomestic Banca S.p.A, con sede legale in Via J. Da Diacceto, 48 50128 Firenze (di seguito Findomestic ) e le Associazioni di Consumatori Adiconsum, Adoc

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Attenzione! le condizioni riportate nel SECCI potranno comunque essere modificate, a seguito della valutazione del merito creditizio e della consultazione delle banche dati effettuabile solo dopo la sottoscrizione

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI Nr. 5 del 03 giugno 2014 1. Identità e contatti del Finanziatore/Intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Iccrea Banca Spa Via Lucrezia Romana,

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Avv. Maria Elisabetta Contino Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini Guastalla

Dettagli

Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori,

Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori, Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori, innovazioni e criticità. Cosa cambia dal 13.06.2014 a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs 21/2014 Milano, giovedì 17 luglio 2014 Confcommercio

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO

USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO USCITE STAMPA SU DATI ANIA SUL CALO DEI PREZZI DELLE POLIZZE RC AUTO Rc auto: Ania, prezzi -6% in 2014, si riduce gap con

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE. Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia

GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE. Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia GRUPPO DI LAVORO FAMIGLIA E MINORI VI COMMISSIONE Il Diritto di crescere Costi e sviluppo sostenibile dei servizi educativi per l infanzia Roma, 2 dicembre 2009 cons. Giancarlo Panero Presidente Commissione

Dettagli

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765

Sezione A COMMERCIALISTI. Mauro D Elia. Via Antonio Angiolini 23 59100 Prato Tel 0574 603765 fax 0574 603765 Prato, 27 Gennaio 2011 ALLA SPETTABILE CLIENTELA CIRCOLARE OGGETTO DECRETO LIBERALIZZAZIONI Il decreto Cresci Italia punta alla crescita eliminando (in parte) vincoli e privilegi, introducendo massicce

Dettagli

L Assessorato alla Sanità della regione Marche ed il Coordinamento Regionale del Tribunale per la Tutela dei diritti del Malato CONVENGONO E STIPULANO

L Assessorato alla Sanità della regione Marche ed il Coordinamento Regionale del Tribunale per la Tutela dei diritti del Malato CONVENGONO E STIPULANO PROTOCOLLO D INTESA tra l Assessorato alla Tutela della salute, volontariato, veterinaria, acque minerali termali e sorgenti della Regione Marche ed il Movimento Cittadinanzattiva Tribunale per i Diritti

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Per questo motivo è stata avviata da tempo un attività di collaborazione con le Associazioni dei consumatori rappresentative a livello nazionale.

Per questo motivo è stata avviata da tempo un attività di collaborazione con le Associazioni dei consumatori rappresentative a livello nazionale. Premessa. I progetti di Intesa Sanpaolo sono sempre finalizzati a costruire e meritare la fiducia dei consumatori, con l obiettivo di migliorare costantemente la qualità dei prodotti e dei servizi offerti.

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti:

Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei componenti: DELIBERA N. 52/2014 TITOLO 2014.1.10.4 2014.1.10.21.35 LEGISLATURA IX Il giorno 12 dicembre 2014 si è riunito nella sede di Viale Aldo Moro n. 44 il Corecom dell'emilia-romagna con la partecipazione dei

Dettagli

LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO NEI RAPPORTI CON IL NOTAIO

LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO NEI RAPPORTI CON IL NOTAIO LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO NEI RAPPORTI CON IL NOTAIO Vuoi comprare una casa e chiedere un mutuo a una banca? Vuoi donare la tua casa a uno dei tuoi figli? Vuoi costituire una società? Vuoi fare

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

DELIBERA N. 628/07/CONS

DELIBERA N. 628/07/CONS DELIBERA N. MERCATO DELLA TERMINAZIONE DI CHIAMATE VOCALI SU SINGOLE RETI MOBILI (MERCATO N. 16 FRA QUELLI IDENTIFICATI DALLA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA N. 2003/311/CE): VALUTAZIONE AI SENSI

Dettagli